Consulenza tecnico scientifica ai fini della valutazione del rischio idrogeologico del Rio Filippa nel sito della omonima discarica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consulenza tecnico scientifica ai fini della valutazione del rischio idrogeologico del Rio Filippa nel sito della omonima discarica"

Transcript

1 Prof. Ing. Renzo Rosso Ordinario di Costruzioni Idrauliche e Marittime e Idrologia nel Politecnico di Milano Dott. Ing. Maria Cristina Rulli Ricercatore di Costruzioni Idrauliche e Marittime e Idrologia nel Politecnico di Milano Consulenza tecnico scientifica ai fini della valutazione del rischio idrogeologico del Rio Filippa nel sito della omonima discarica Immagine satellitare del bacino idrografico del Rio Filippa. Marzo 2007 REV.01 1

2 Renzo Rosso, Maria Cristina Rulli Milano, Marzo

3 Indice SINTESI Introduzione Il bacino del Rio Filippa Dati pluviometrici e caratterizzazione del regime dei nubifragi Introduzione Dati pluviometrici disponibili Linee segnalatrici di probabilità pluviometrica Portata di massima piena Generalità Modello idrologico di piena Taratura del modello Pioggia massima attesa Evento critico e portata al colmo Risultati delle simulazioni Officiosità idraulica Calcolo dei Profili Idraulici di Moto Permanente Generalità Geometria Idraulica delle Sezioni Perdite di Carico Distribuite e Concentrate Valutazione della Scabrezza Calcolo della Profondità di Stato Critico Risultati Suscettibilità agli scivolamenti superficiali ed evoluzione di eventuali movimenti di massa Introduzione Il modello per il controllo idrologico delle frane superficiali Introduzione Analisi della stabilità delle coltri superficiali di suolo L idrologia dei versanti Soglia di precipitazione per l instabilità del pendio Applicazione del modello al bacino del Rio Filippa Strutture di controllo dei sedimenti mobilizzati: caso del bacino del torrente filippa Conclusioni Riferimenti bibliografici Appendice A. Dati pluviometrici

4 4

5 SINTESI Su incarico della Società Programma Ambiente s.r.l. è stato condotto uno studio sulla sicurezza idrologica del Rio Filippa. In particolare, lo studio, finalizzato allo sviluppo della Vostro progetto di realizzazione e all esercizio di una discarica localizzata nel bacino del Rio Filippa in condizioni di sicurezza idrogeologica, riguarda la valutazione del rischio idrogeologico del Rio Filippa nel sito di progetto. Tale studio ha comportato la caratterizzazione statistica dei nubifragi temibili, la valutazione della piena temibile, la valutazione dell officiosità idraulica dei nodi critici del Rio Filippa, la valutazione della suscettibilità rispetto agli scivolamenti superficiali e dell evoluzione di eventuali movimenti di massa, e ha indicato altresì i criteri per la messa in opera di eventuali misure di contrasto. A tal fine, sono state utilizzate anche le valutazioni di dettaglio della frane pregresse e dei relativi volumi mobilizzabili, oggetto dello studio condotto dall Università dell Insubria (v. Michetti et al., 2006) con il quale la presente proposta si integra. Lo studio è finalizzato allo sviluppo della Vostro progetto e all esercizio del manufatto in condizioni di sicurezza idrogeologica. Dopo una breve descrizione del bacino in esame, sono presentati in dettaglio i dati utilizzati e le pre-elabrazioni necessarie allo svolgimento dello studio; sono quindi illustrate le metodologie utilizzate ed i risultati ottenuti. Le relazioni matematiche e le basi teoriche su cui si fondano sono invece riportate in misura strettamente necessaria alla comprensione dell'elaborato. Si rimanda poi alle appendici per gli aspetti specifici del problema in esame e le elaborazioni ancillari necessarie allo svolgimento dello studio e alla bibliografia citata per eventuali approfondimenti delle tematiche trattate. La caratterizzazione delle precipitazioni intense temibili con assegnata frequenza è stata condotta tramite analisi statistica delle serie pluviometriche di breve durata e forte intensità, e rappresentate tramite le linee segnalatrici di probabilità pluviometrica. Esse sono state stimate, tramite il modello GEV scala-invariante, a partire dalle serie storiche disponibili in una stazione di riferimento prossima al bacino in esame, ossia la stazione di Cairo Montenotte. Per la valutazione della massima piena temibile nella sezione idrografica del bacino del Rio Filippa in fregio alla discarica è stata adottata la metodologia che prevede ll applicazione del metodo della simulazione idrologica dell evento critico. Tale metodo fornisce la massima portata al colmo corrispondente a una precipitazione di assegnato periodo di ritorno. I valori di massima piena, che si ottengono tramite questa metodologia, sono quindi caratterizzabili, in termini di frequenza o periodo di ritorno, dalla frequenza o dal periodo di ritorno della precipitazione generatrice. Sebbene l ipotesi di isofrequenza degli estremi pluviometrici ed idrometrici non sia a priori verificata, a causa del comportamento non lineare del bacino idrografico, tale approccio fornisce un approssimazione spesso accettabile della effettiva distribuzione dei colmi di piena, come testimoniato da una ampia letteratura internazionale, in caso di carenti osservazioni idrometriche. Per l applicazione di tale metodologia, si è analizzata la trasformazione della pioggia massima annuale in portata al colmo nella sezione di chiusura, descritta da un modello idrologico di piena di tipo concettuale. L assenza di osservazioni contemporanee di precipitazioni e deflussi a fine risoluzione temporale non consente però la taratura del modello. La calibrazione dei parametri è 5

6 stata quindi condotta per via indiretta, utilizzando l approccio geomorfologico ben noto in letteratura e una formula semi-empirica opportunamente calibrata per i bacini italiani. Il modello è stato poi sollecitato dalle precipitazioni intense ad assegnata frequenza, valutate in base alla caratterizzazione statistica. Per ogni assegnato periodo di ritorno della precipitazione temibile, la portata al colmo corrispondente viene determinata quale massimo valore generabile da tale precipitazione, tramite la ricerca della durata critica, che dipende dalla combinazione delle caratteristiche di risposta del bacino idrografico (rappresentato dal modello afflussi-deflussi) con le caratteristiche statistiche scala-invarianti della linea segnalatrice stessa. L officiosità idraulica del Rio Filippa nel tronco di pertinenza è stata verificata prendendo in esame 7 sezioni idrauliche d alveo. Tale officiosità è stata verificata in relazione alla portata di massima piena avente tempo di ritorno pari a 200 anni che per il bacino in esame è quantificabile in 2.7 m 3 /s. I risultati ottenuti indicano altresì come l officiosità idraulica del Rio Filippa sia ampiamente sufficiente a convogliare le portate al colmo con periodo di ritorno 200-ennale, senza che si verifichino esondazioni, con un franco superiore a 1 m lungo tutto il tronco in fregio al manufatto. La suscettibilità all innesco di movimenti superficiali di massa del sito in esame è stata investigata con l ausilio di un modello spazialmente distribuito ottenuto dall accoppiamento di un modello geomeccanico con uno idrologico. Tale formulazione consente di determinare il tempo di ritorno della sollecitazione meteorica in grado instabilizzante. Il modello di innesco di frana superficiale indica una pericolosità modesta, in quanto tale innesco viene a corrispondere a eventi meteorici con periodo di ritorno elevato. Considerando comunque lo scenario più cautelativo nel quale si mobilitano tutti i sedimenti dei corpi, riportato in Tab. 7.1, il percorso seguito dagli stessi risulta quello riportato in Fig.7.2. La Figura 7.2 riporta riporta inoltre le sezioni di massimo arresto del sedimento (pallini in rosso). Il modello restituisce la deposizione del 60% dei sedimenti mobilitati in corrispondenza dell isoipsa posta a quota 455 metri s.l.m. e l arresto completo del flusso in corrispondenza dell isoipsa posta a quota 422 metri s.l.m. Allo scopo di contenere la quota di materiale mobilitabile in caso di innesco generalizzato dei movimenti di massa, si suggerisce di realizzare cautelativamente un bacino di accumulo controllato dei sedimenti in fregio all alveo del Rio Filippa, a monte della discarica. Il volume da invasare viene valutato in circa 6200 mc, in quanto esso rappresenta la quota parte di sedimento (circa il 40% del totale mobilizzabile) avente energia sufficiente a raggiungere l isoipsa posta a 422 metri s.l.m.ed ivi arrestarsi. L arresto del restante 60% del sedimento è comunque previsto a monte della suddetta isoipsa, e cioè nei pressi dell isoipsa posta a 455 metri s.l.m. Si suggerisce altresì la manutenzione e la pulizia dell alveo, nonché lo svuotamento del bacino di accumulo qualoa la sua capacità di invaso sia totalmente o parzialmente diminuita. 6

7 1. INTRODUZIONE Su incarico della Società Programma Ambiente s.r.l. è stato condotto uno studio sulla sicurezza idrologica del Rio Filippa. In particolare, lo studio, finalizzato allo sviluppo della Vostro progetto di realizzazione e all esercizio di una discarica localizzata nel bacino del Rio Filippa in condizioni di sicurezza idrogeologica, riguarda la valutazione del rischio idrogeologico del Rio Filippa nel sito di progetto. Nel seguito, per una immediata più agevole presentazione delle elaborazioni, la relazione dello studio di sicurezza idrologica è organizzato in quattro fasi: la caratterizzazione statistica dei nubifragi temibili, riportata nel Capitolo 3; la valutazione della piena temibile, riportata nel Capitolo 4; la valutazione dell officiosità idraulica dei nodi critici del Rio Filippa, riportata nel Capitolo 5; la valutazione della suscettibilità rispetto agli scivolamenti superficiali e dell evoluzione di eventuali movimenti di massa, riportata nel Capitolo 6. Le conclusioni dello studio, riportate nel Capitolo 7, disegnano lo stato di sicurezza idrologica del sito e indicano altresì i criteri per la messa in opera di misure di contrasto finalizzate a garantire la sicurezza idrologica. Dopo una breve descrizione del bacino in esame, riportatta nel Capitolo 2, viene trattato in dettaglio ciascuno dei punti precedenti, illustrando le metodologie utilizzate ed i risultati ottenuti. Le relazioni matematiche e le basi teoriche, su cui si fondano tali metodologie, sono invece riportate in misura strettamente necessaria alla comprensione dell'elaborato. Si rimanda invece alle appendici per alcuni aspetti specifici del problema in esame e per le elaborazioni ancillari necessarie allo svolgimento dello studio, nonché alla bibliografia citata per gli eventuali approfondimenti. 7

8 2. IL BACINO DEL RIO FILIPPA L area in studio è situata all interno dell alto Bacino della Val Bormida in cui l evoluzione plioquaternaria del reticolo idrografico è strettamente legata alle ultime fasi di sollevamento delle Alpi Liguri. L analisi aerofotogeologica d insieme condotta a scala areale ha evidenziato come il bacino del Rio Filippa si localizzi in corrispondenza del passaggio tra due unità morfologiche di paesaggio diverse. Il settore occidentale, esteso dalla zona Rocchetta di Cengio sino all allineamento del crinale Bric Morocchi Case Clini, è impostato nella successione prevalentemente arenacea. Il paesaggio nel complesso presenta i caratteri tipici delle Langhe, con morfologia dei crinali piuttosto articolata. Le quote sommitali raggiungono i m slm. Subito ad est dell allineamento citato, si sviluppa la parte medio-bassa del bacino del Rio Filippa e, più in generale la valle del Fiume Bormida di Spigno con l abitato di Cairo Montenotte, impostate prevalentemente nelle sequenze marnose. Qui il rilievo assume un assetto diverso con un insieme di crinali minori (Suria, Vogarone, Da Deina, Vallone, Speziere, nonché, in sinistra del Rio Ferrere, Bric Vallone, Val Gelata, M. Castelo, ecc.) riferibili al rimodellamento di una antica superficie morfologica posta a quote inferiori. La sommità dei crinali raggiunge quote significativamente inferiori rispetto all altro settore ( m slm), mentre il fondovalle dei Rii Filippa Ferrere si dispone a m slm, e la piana alluvionale del Bormida si trova attorno ai 320 m slm. I due settori drenano rispettivamente verso il Bormida di Millesimo e il Bormida di Spigno, corsi d acqua afferenti attualmente allo stesso collettore fluviale. La configurazione complessiva del rilievo evidenzia, tuttavia, un modellamento differenziale riferibile molto probabilmente a due sottobacini con diversi livelli di base. La zona di transizione tra i due settori è identificata da una scarpata netta, con altezze di m, attraverso la quale si realizza il dislivello topografico. Nell insieme le acclività sono rilevanti, con valori medi superiori ai 30 e localmente dell ordine di 45. La scarpata con andamento parallelo al crinale spartiacque locale si sviluppa immediatamente a ovest di Case Clini. Nel suo ambito si collocano i ripidi tratti iniziali delle aste tributarie del Rio Luviazzi, del Rianazzo, del Rio Filippa e, più a nord, del Rio Berun. Il tratto superiore del bacino del Rio Filippa corrisponde proprio a questa fascia di raccordo del versante e il suo andamento nell insieme rettilineo conferisce al Rio questo assetto apparentemente anomalo, poiché privo di testata. Il corso del Rio Filippa si sviluppa nella provincia di Savona (v. Figura 2.1). Dal punto di vista idrologico, questo rio presenta un regime di deflusso fortemente effemerico direttamente legato al regime pluviale. Il bacino imbrifero sotteso dalla sezione individuata dal lembo inferiore del sito della discarica ha una superficie di 0.15 km 2, con una quota media di circa 502 m s.l.m.m. ed una lunghezza dell asta drenante principale di circa km, quali si riscontrano dalle elaborazioni condotte su base digitale raster (DTM, Digital Terrain Model) con maglia di 5 m, congruente con la base informativa attualmente disponibile presso la Regione Liguria e meglio identificato dai rilievi di dettaglio in scala 1:1000 condotti dall Università dell Insubria. Il sito della discarica in studio è ubicato poco più di un chilometro a O-NO di Cairo Montenotte, nel dominio strutturale delle Alpi Liguri. L area in esame è costituita da un substrato locale di rocce marnose e marnoso-arenacee, che per le loro caratteristiche sedimentologiche e litostratigrafiche possono essere attribuite al Bacino Terziario Piemontese, depositatesi sul substrato metamorfico a partire dall Oligocene. I sedimenti continentali e marini, che costituiscono il bacino e che affiorano nell area in studio, sono rappresentati dal basso verso l alto della successione dalle Formazioni di 8

9 Molare, di Rocchetta e di Monesiglio. Per una descrizione dettagliata della stratigrafia del sito si rimanda alla relazione prodotta dall Università dell Insubria (Michetti et al., 2006). Figura 2.1 Carta Regionale a scala 1: con ubicazione del sito della discarica per rifiuti non pericolosi in loc. Filippa, comune di Cairo Montenotte (sito indicato dalla freccia blu). Il riquadro rosso individua l area rilevata a scala 1:5.000 (su base cartografica CTR) comprendente l intero bacino del Rio Filippa e tributari, nonché il settore di dorsale sovrastante, parte del bacino del Rio Ferrere e settori adiacenti significativamente estesi afferenti al Rio di Rocchetta. La cornice verde indica l area rilevata a scala 1:1.000 sul supporto cartografico derivante dal nuovo rilevamento topografico eseguito da LPL 3. DATI PLUVIOMETRICI E CARATTERIZZAZIONE DEL REGIME DEI NUBIFRAGI 3.1. INTRODUZIONE Per quanto riguarda lo studio delle piene con elevato periodo di ritorno, risulta di interesse la caratterizzazione delle sollecitazioni meteoriche tramite le Linee Segnalatrici di Possibilità 9

10 Pluviometrica, LSPP (p.es. Burlando and Rosso, 1996). Esse rappresentano la distribuzione di probabilità dei massimi annuali di pioggia cumulata per differente durata. Sul piano cartesiano (altezza, durata di pioggia) esse costituiscono quindi un fascio di curve caratterizzate da un prefissato valore di probabilità di superamento o periodo di ritorno. La loro valutazione richiede di valutare ed analizzare le statistiche degli eventi estremi, osservati per un congruo periodo di osservazione DATI PLUVIOMETRICI DISPONIBILI Per l analisi statistica dei nubifragi, che possono originare piene salienti nella sezione di interesse, si è fatto riferimento ai dati di precipitazione rilevati in una stazione pluviografica dell ex S.I.M.N. ubicata in prossimità del bacino del Rio Filippa. E stato quindi possibile determinare le linee segnalatrici soltanto per la stazione di Cairo Montenotte (v. Fig ), il più vicino sito dove si può disporre di registrazioni dei massimi annuali di precipitazione cumulata per assegnata durata, necessarie per la determinazione delle LSPP. Per costruire le LSPP per la stazione pluviometrica di Cairo Montenotte sono stati raccolti i dati di precipitazione cumulata annua massima per le durate canoniche di 1, 3, 6, 12 e 24 ore riportati negli Annali Idrologici. Per il periodo sono state così ottenute serie di dati per un numero totale di 36 anni di osservazione (v. Appendice A) LINEE SEGNALATRICI DI PROBABILITÀ PLUVIOMETRICA Si è utilizzato a tal fine il modello probabilistico GEV scala invariante (v., p.e. Rosso et al., 1997). Tale modello è stato anche adottato nel quadro del Progetto VAPI (Valutazione delle Piene) condotto dal CNR-GNDCI (Consiglio Nazionale delle Ricerche, Gruppo Nazionale per la Difesa dalle Catastrofi Idrogeologiche) per la valutazione delle piene nell Italia Nord Occidentale (v. De Michele & Rosso, 2000). In forma generalizzata, una LSPP scala-invariante si può scrivere come (Kottegoda & Rosso, 1997), (A.1) o in modo equivalente, in termini di intensità o tasso di precipitazione, come, (A.2) dove a 1 = E[H(1)] rappresenta il coefficiente di scala della linea segnalatrice, pari al valore atteso dell altezza di pioggia massima annuale H per la durata unitaria di riferimento, per esempio, un ora. Questo coefficiente viene anche indicato con la denominazione di pioggia indice (p.e, nella stazione di Tramonti di Sopra, si stima a 1 = 39.3 mm/h 0.51 ); n rappresenta l esponente di scala con cui la variabilità del fenomeno si trasmette dalla scala temporale di riferimento alle altre scale temporali (p.e., nella stazione di Tramonti si stima n = 0.51); w Tr rappresenta il fattore di crescita in frequenza, in quanto esso dipende del tempo di ritorno T e dalla distribuzione di probabilità scelta per rappresentare la variabile normalizzata W a media unitaria (E[W] = 1) che si ottiene dal campione dei dati di pioggia massima annuale normalizzati rispetto alla relativa media per ogni durata. Per la distribuzione GEV, w TR assume la forma 10

11 . (A.3) La stima della curva di crescita della LSPP in base al campione dei valori osservati rinormalizzati è stata condotta con il metodo degli L-moments. Nei casi in cui si ottiene un valore stimato positivo del parametro di forma k, si sceglie, anche per ragioni cautelative, la distribuzione degenere EV1, in quanto k positivo comporterebbe una distribuzione limitata superiormente, poco significativa e di dubbia interpretazione nel caso delle precipitazioni estreme. I valori dei parametri delle linee segnalatrici, che forniscono l altezza di pioggia al variare della durata temporale di riferimento per la stazione di Cairo Montenotte, sono riportati in Tabella La Figura riporta, sul piano della variabile ridotta di Gumbel e dell altezza di pioggia rinormalizzata, i punti relativi al campione sperimentale e la curva stimata con la GEV e con alcune distribuzioni biparametriche di letteratura (LN2, EV2 ed EV1). La Figura riporta l andamento delle distribuzioni marginali, relative alle diverse durate canoniche di 1, 3, 6, 12, 24 ore, ottenute mediante il modello GEV scala invariante (SIGEV) e, per confronto, i dati campionari e alcune distribuzioni biparametriche di letteratura (LN2, EV2 ed EV1). Il modello adottato, assai parsimonioso in termini di parametrizzazione, sembra in grado di rappresentare in modo soddisfacente la distribuzione campionaria dei dati empirici. Si può quindi ritenere che il modello adottato sia affatto idoneo a rappresentare la sollecitazione meteorica puntuale nell area in esame. Figura A.1 Stazione di Cairo Montenotte. Adattamento della variabile normalizzata alla distribuzione generalizzata del valore estremo, GEV nel piano di Gumbel, confrontata con quello di altre distribuzioni. 11

12 Figura A.2 Stazione di Cairo Montenotte. Distribuzioni marginali per le durate canoniche di 1, 3, 6, 12, 24 ore, ottenute mediante il modello scala invariante (Rosso et al., 1997) e confronto con i dati storici. La Tabella fornisce le stime dei quantili di altezza di precipitazione per le durate di 1, 3, 6, 12, 24 ore e per valori salienti del periodo di ritorno da 10 a 1000 anni. Tabella Parametri del modello GEV scala invariante per la stazione pluviografica di Cairo Montenotte (per k = 0, la GEV collassa nella distribuzione di Gumbel, EV1). Stazione a 1 n α ε k Cairo Montenotte Tabella Stime dei quantili di altezza di precipitazione puntuale per le durate da 1 a 24 ore e per i periodi di ritorno pari a 10, 50, 100, 200, 500 e 1000 anni, secondo il modello SIGEV. Stazione di Cairo Montenotte Valori di Progetto, in mm Durata, ore T anni

13 E importante notare come le LSPP, che sono state determinate considerando durate comprese tra 1 ora e 24 ore, forniscono tuttavia stime sufficientemente attendibili (in senso cautelativo) anche per durate inferiori, quali quelle richieste nel presente studio. In Figura si riportano le linea segnalatrici per diversi valori del periodo di ritorno, che nel seguito verranno utilizzate per la valutazione della precipitazione temibile nel centro di scroscio. 13

14 Fig Previsione statistica della pioggia nel centro di scroscio della stazione pluviometrica di Cairo Montenotte (SV) al variare della durata per diversi tempi di ritorno. 14

15 4. PORTATA DI MASSIMA PIENA 4.1. GENERALITÀ Dato che non esistono osservazioni dirette di eventi di piena osservato per il sito in esame, è stato necessario procedere ad un analisi di tipo indiretto, sviluppando il calcolo della portata di massima piena con il metodo dell evento critico. Tale metodo fornisce la massima portata al colmo corrispondente a una precipitazione di assegnato periodo di ritorno. I valori di massima piena che si ottengono tramite questa metodologia sono quindi caratterizzati dalla frequenza o dal periodo di ritorno della precipitazione generatrice (p.e. Bocchiola et al., 2003c). Va subito rilevato come tale ipotesi sia disattesa nella realtà in quanto, in generale, il periodo di ritorno della portata al colmo di piena non corrisponde a quello della pioggia generatrice, a causa del comportamento non lineare del bacino idrografico. Tuttavia, tale assunzione viene spesso utilizzata in pratica per valutare le piene negli ambienti caratterizzati da carenza di dati idrometrici. Per l applicazione di tale metodologia, si analizza la trasformazione della pioggia attesa in un valore di portata al colmo nella sezione di chiusura, descritta da un modello idrologico di piena. Il modello viene quindi sollecitato dalle precipitazioni intense ad assegnata frequenza, valutate in base all analisi delle serie pluviometriche di breve durata e forte intensità, e rappresentate tramite le LSPP della stazione di riferimento. Per ogni assegnato periodo di ritorno della precipitazione temibile, la portata al colmo corrispondente viene determinata quale massimo valore generabile da tale precipitazione, tramite la ricerca della durata critica, che dipende dalla combinazione delle caratteristiche di risposta del bacino idrografico (rappresentato dal modello afflussi-deflussi) con le caratteristiche statistiche scala-invarianti della linea segnalatrice stessa. Per via della non linearità del sistema, la durata critica non è costante, ma viene a dipendere dal periodo di ritorno della precipitazione generatrice MODELLO IDROLOGICO DI PIENA Se si trascura la portata di base, il processo di formazione del deflusso di piena può essere descritto da un modello idrologico globale dalla struttura abbastanza semplice, costituito da due componenti in serie: un modello di rifiuto del terreno basato sul metodo CN-SCS (Soil Conservation Service, 1986) e un modello lineare di formazione alveata della piena basato sull idrogramma unitario istantaneo geomorfologico (GIUH) di forma gamma (p.e. Rosso, 1984). Modello SCS_CN. Secondo questo metodo, il volume specifico di deflusso superficiale (altezza di pioggia netta) in un evento isolato di pioggia è dato da, (4.2.1) dove P A indica il volume specifico precipitato sul bacino di superficie A, S il volume specifico di massima ritenzione potenziale del terreno, e I a = cs il volume specifico di assorbimento iniziale, con 0 c < 1. Per un dato stato iniziale AMC di imbibimento del bacino al verificarsi del nubifragio, la massima ritenzione potenziale S dipende da due fattori, la natura del terreno e l uso del suolo, il cui effetto combinato è descritto globalmente dal parametro adimensionale CN, legato a S dalla relazione S = S 0 (100/CN 1), dove 0 < CN < 100, e S 0 è una costante di scala legata all unità di misura adottata, che, per valori di S, P A, I a e R misurati in mm, è pari a 254 mm. Il valore di CN 15

16 dipende sia dalla natura idrologica e dall uso del suolo, sia dallo stato iniziale di imbibimento, di cui si tiene conto secondo tre tipologie: AMC Tipo I, in caso di bacino asciutto; AMC Tipo III, in caso di bacino fortemente imbibito; e AMC Tipo II, in condizioni intermedie. Il Tipo AMC viene valutato in base alla precipitazione totale nei cinque giorni antecedenti all evento di piena (cfr. Soil Conservation Service, 1986). A ogni passo temporale discreto t m (ossia per t m =mδt, con m = 1,2,...,N) si può valutare in modo sequenziale il valore del volume incrementale di ruscellamento R m = R(t m ) come, (4.2.2) dove il valore della pioggia lorda cumulata, P Am = P A (t m ), è dato da, (4.2.3) essendo p A (t) lo ietogramma di ingresso al sistema. In base al valore di R m, si ricava quindi ΔR m = R m R m-1. Il tasso di ruscellamento r(t m ) durante l intervallo m-esimo è quindi dato da r m = ΔR m /Δt. Modello GIUH_GAMMA. Per un bacino idrografico di superficie A, il modello idrologico GIUH- GAMMA rappresenta l andamento dell idrogramma di piena tramite l integrale di convoluzione, (4.2.4) dove l idrogramma unitario istantaneo u(t) è dato dalla funzione gamma incompleta con parametri β e κ, e Γ(.) indica la funzione gamma. La forma del GIUH, determinata dal valore di β, dipende prevalentemente dalla geomorfologia fluviale. L integrale di convoluzione viene quindi risolto per sommatorie discrete con passo temporale t m ovvero infittendo opportunamente la discretizzazione adottata TARATURA DEL MODELLO Nel suo complesso, il modello prevede la stima dei seguenti parametri: l area del bacino A, la massima ritenzione potenziale S, il coefficiente di assorbimento iniziale c, lo stato di imbibimento iniziale AMC, il tempo caratteristico κ e il parametro di forma β dell IUH. Purtroppo, data l assenza di dati di precipitazione e portata in situ, non è possibile la taratura diretta del modello, ossia dei valori di CN, κ e β a scala di evento. Il valore dei parametri κ e β è stato invece ottenuto tramite l utilizzo del metodo geomorfologico, basato sulla struttura gerarchica della rete Hortoniana (Rosso, 1984) e di una formula di letteratura validata per alcuni bacini italiani per la valutazione del tempo caratteristico di risposta del bacino (Bocchiola et al., 2003b), che considera, tra l altro, la situazione di imbibizione del bacino, tramite il valore di AMC. In particolare, per il calcolo di β si è utilizzata la formula (v. Rosso, 1984), (4.3.1) 16

17 con R b, R A, R L rapporti Hortoniani di biforcazione, area e lunghezza. Il calcolo di k, che richiede la definizione di una velocità di piena, da valutarsi tramite taratura ad evento, nel caso presente non disponibile, è stato invece condotto tramite la, (4.3.2) discendente dalla definizione di tempo di lag, o di ritardo. Quest ultimo è stato stimato tramite la (Bocchiola et al., 2003b), (4.3.3) con L ap lunghezza dell asta principale (pari a Km), S AMCi potenziale di ritenzione (funzione di CN, pari a mm in condizioni AMC di tipo III, essendo per CNII = 75 e, quindi CNIII = 87.5) nella condizione AMC considerata ed i m pendenza media del bacino (pari a 25.6, ossia al 38%). I valori di β, k e t L per il valore di AMC= III sono indicati in Tabella Il fattore AMC utilizzato è stato III, ossia si è considerata, a favore di sicurezza, una situazione di forte imbibimento iniziale. Tabella Parametri del modello. AMC CN II c β k (ore) t L (ore) III Il valore del parametro CN II è stato ottenuto per via indiretta in base all analisi della cartografia della natura geolitologica del terreno e dell uso del suolo fornita dallo studio condotto dall Università dell Insubria (Michetti et al., 2006). Si osserva come il valore ottenuto di 75 è del tutto congruente con quello stimato in analoghi bacini del comprensorio idrografico ligure del Fiume Bormida (v., p.e. De Michele et al., 2000) PIOGGIA MASSIMA ATTESA Le Linee Segnalatrici di Probabilità Pluviometrica scala-invarianti forniscono il tasso (intensità) di pioggia nel centro di scroscio che risulta temibile in d ore consecutive p T = a 1 w T d ν-1, (4.4.1) dove, nel caso specifico, il valore del coefficiente pluviale orario è pari a a 1 = 29.2 mm h -ν, valore atteso della pioggia oraria massima annuale, e l esponente di scala è dato da ν - 1= = Tali valori sono stati assunti pari a quelli relativi alla precipitazione nel centro di scroscio nel bacino di formazione della piena. La variabile aleatoria w T ha la distribuzione GEV con i parametri di Tab I quantili salienti sono riportati in Tab In caso di pioggia 100-nale si ottiene, p.es., p 100 = 65.0 d , in mm/h. La sollecitazione meteorica pioggia a scala di bacino viene determinata riducendo quella locale (centro di scroscio) per tenere conto dell effetto dell attenuazione spaziale, tramite il fattore di riduzione areale ARF, variabile con la durata dello scroscio secondo il metodo empirico del National Weather Service (1958) secondo la parametrizzazione di Eagleson (1978), ossia ARF =1-exp(-1.1d 0.25 )+exp(-1.1d A). (4.4.2) dove A indica l area del bacino, in Km 2, e d la durata del nubifragio, in ore. Per A = 0.15 Km 2, si ha quindi 17

18 , (4.4.3) in mm/ora, con d in ore, per ogni durata d presa in esame. Si nota perltro che, per la superfice drenante assai ridotta, l effetto di attenuazione è affatto trascurabile, risultando, per qualsiasi periodo di ritorno considerato ARF EVENTO CRITICO E PORTATA AL COLMO A partire da ietogrammi uniformi di durata d e tasso di pioggia ψa T d ν-1 uniforme sul bacino viene quindi simulato l idrogramma di piena alla sezione di chiusura del bacino tramite il modello idrologico sopra identificato. Iniziando, per esempio, da un valore di d = 1 ora, si calcolano il tasso e il volume specifico della pioggia che sollecita il bacino, rispettivamente p A,T = ψa 1,T d ν-1 e P A = ψa 1,T d ν, e il volume di ruscellamento, R = (P A - I a ) 2 /(P A - I a + S). Poiché la durata dell imbibimento iniziale, durante la quale non si manifesta ruscellamento, risulta t IA = I a / p A, la durata effettiva della sollecitazione idrologica che perviene alla rete idrografica risulta minore di d, ossia t R = d - t IA, con un tasso di ruscellamento pari a r = R / t R. L idrogramma di piena è quindi dato da (4.5.1) con t* = t - t IA. Determinato il valore al picco, q p (d), si itera il procedimento ricercando quindi la durata d che massimizza il valore della portata al colmo. (4.5.2) Tale massimo corrisponde a un valore di durata d (CR) noto come durata critica RISULTATI DELLE SIMULAZIONI Le simulazioni vengono condotte in maniera iterativa. Per valori del periodo di ritorno di 10, 50, 100, e 200 anni, si valuta la pioggia di durata critica, ossia quella che fornisce la massima portata al colmo. Si considera, come detto in precedenza, la condizione AMC=III. Sviluppando i calcoli con il procedimento sopra illustrato, sono stati esplorati i valori salienti di periodo di ritorno della precipitazione generatrice da 10 a 200 anni. Sono stati quindi valutati i valori di portata al colmo, associati a predefiniti valori del periodo di ritorno della precipitazione generatrice, riportati in Tab Il diagramma di Fig indica anche un ottima concordanza dei risultati con la distribuzione probabilistica GEV adottata a scala regionale nell ambito del Progetto VAPI del CNR-GNDCI (De Michele & Rosso, 2000). Con la procedura di simulazione idrologica qui proposta, si ottiene, per esempio, un valore di portata al colmo di piena pari a circa 2.7 m 3 /s in corrispondenza della pioggia duecentennale critica. Va inoltre rilevato come la portata al 18

19 colmo ottenuta tramite simulazione idrologica trascuri l eventuale presenza di deflusso di base, che potrebbe influenzare le portate di massima piena. Nel caso in esame, data la natura effemerica del rio, tale contributo risulta peraltro affatto trascurabile durante le massime piene. Tabella Valori di portata al colmo corrispondenti a valori salienti del periodo di ritorno della precipitazione generatrice critica, ottenuti tramite simulazione idrologica afflussi-deflussi a scala di bacino per il Rio Filippa nel sito dell omonima discarica. Periodo di ritorno della precipitazione critica, in anni Portata al colmo, in mc/s I calcoli salienti sono sintetizzati nelle tabelle riportate nelle Tavole a-f. 19

20 Fig Portate al colmo di piena temibili del Rio Filippa nel sito dell omonima discarica. 20

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE E AMBIENTALI SEDE DI COMO PROGETTO DI DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOC. FILIPPA DEL COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE (SV) Studi e indagini

Dettagli

COMUNE DI GRAVELLONA TOCE. Provincia del Verbano Cusio ossola. P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F.

COMUNE DI GRAVELLONA TOCE. Provincia del Verbano Cusio ossola. P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F. COMUNE DI GRAVELLONA TOCE Provincia del Verbano Cusio ossola P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F. 00332450030 e-mail: protocollo@comune.gravellonatoce.vb.it - gravellonatoce@pec.it

Dettagli

Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress

Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress Ufficio Previsioni idrologiche in collaborazione con DHI e CIMA Foundation: presentazione a cura di Francesca Giannoni

Dettagli

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE, GERMANASCA, PELLICE, PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE, GERMANASCA, PELLICE, PINEROLESE PEDEMONTANO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE, GERMANASCA, PELLICE, PINEROLESE PEDEMONTANO VERIFICHE DI COMPATIBILITA IDRAULICA DA EFFETTUARSI AI SENSI DELL ART. 18 COMMA 2 DELLA

Dettagli

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI)

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE PIOVANE Settembre 2014 PROGETTISTA Dott. Ing. Leopoldo Cafaro Iscritto all Ordine degli Ingegneri

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

N componente 4 N azione 4.2.4

N componente 4 N azione 4.2.4 N componente 4 N azione 4.2.4 Elaborazione di metodologie statistiche per la valutazione del regime delle piogge intense di durata sub-oraria e delle portate di piena nei bacini minori della Liguria nell

Dettagli

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Le fognature nere vengono dimensionate per le massime portate di tempo asciutto che si prevede e si stima si verificheranno negli N anni di funzionamento

Dettagli

Valutazione delle portate e dei volumi idrici di piena del Torrente Argentina

Valutazione delle portate e dei volumi idrici di piena del Torrente Argentina Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture Viarie, Rilevamento Sezione di Costruzioni Idrauliche e Marittime e Idrologia Responsabile: Prof. Renzo Rosso Contratto di Consulenza tra

Dettagli

Esame di Idrologia - 1 Gennaio 1111 Saranno assegnati tre punti per ciascuna risposta corretta. Utilizzare 4 cifre significative per le risposte.

Esame di Idrologia - 1 Gennaio 1111 Saranno assegnati tre punti per ciascuna risposta corretta. Utilizzare 4 cifre significative per le risposte. Studente 1: nome 1 1. In un bacino idrografico di dominio 707 km 2 è stata misurata una altezza di afflusso meteorico pari a 195.1 mm in un mese di 31 giorni. Calcolare la portata media mensile del deflusso

Dettagli

Infiltrazione - Generalità

Infiltrazione - Generalità Infiltrazione - Generalità Quando la precipitazione arriva al suolo: in parte bagna le superfici (intercezione, detenzione superficiale), in parte riempie le depressioni superficiali, in parte si infiltra

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE REALIZZAZIONE STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA PIOVOLA E LO SVINCOLO "EMPOLI EST" DELLA S.G.C. FI-PI-LI PROGETTO DEFINITIVO COMMITTENTE COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE IDROLOGICA

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN)

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN) Il metodo Numero di Curva (CN), sviluppato dal Soil Conservation Service (SCS) del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti 1, viene considerato come uno dei più importanti modelli non deterministici

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Modellazione Idraulica

Modellazione Idraulica SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE DELLA RETE IDROGRAFICA... 3 3. VERIFICA DELLA RETE SCOLANTE... 6 3.1. Generalità... 6 3.2. Descrizione della modellazione idraulica... 6 3.3. Definizione dell evento

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe Bombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 16: Le precipitazioni (parte seconda) Anno Accademico

Dettagli

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente

Dettagli

Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica

Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica Con il nome di perdite del bacino si indicano le diverse componenti della frazione della pioggia lorda che viene a mancare rispetto

Dettagli

Modelli afflussi-deflussi

Modelli afflussi-deflussi Corso di Idrologia Modelli afflussi-deflussi per la valutazione delle portate di piena Prof. Ing. A. Cancelliere Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania Modelli che consentono

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile 1 Corso di Laurea Specialistica in N.O. Giuseppe Aronica Corso di Idrologia Tecnica PARTE I Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) 2 La trasformazione afflussi-deflussi Problema: determinare i deflussi

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera 08/0/000 CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera Prof. E. Larcan - Ing. F. Ballio collaborazione dell'ing. Sara Marcante Sulla base dell'esperienza didattica nell'ambito dei

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Fase 2.1.1 Trasferimento delle esperienze maturate dalla Regione Marche in materia

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA REALIZZAZIONE DI UN IMMISSIONE DI ACQUE CHIARE NEL FOSSO DEI GUASTRI IN LOC. SANT'ANGELO DI CELLE COMMITTENTE: NOVATECNO S.r.l. INTEGRAZIONE DOCUMENTALE - Prot. N.

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1

Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI CHIMICA, FISICA E AMBIENTE Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1 Prof. Ing. Daniele Goi Ing.

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE INDICE 1. Premessa... 2 1.1. Dati di base utilizzati per l implementazione dei modelli idraulici... 2 2. Studi idrologici-idraulici di interesse effettuati sul territorio comunale... 4 2.1. Studi sul fiume

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone

Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone Il rischio idraulico nei bacini minori: analisi di un recente evento di piena nel torrente Ravone F. Grazzini (1), F.Dottori (2) (1) ARPA-SIMC (2) Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Bologna

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI ACCEGLIO E CANOSIO COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA LAVORI DI REALIZZAZIONE DI OPERE DI MANUTENZIONE IDRAULICO-FORESTALE E DI TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M.

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE

Dettagli

Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche. Brindisi, 23 maggio 2013

Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche. Brindisi, 23 maggio 2013 Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche Brindisi, 23 maggio 2013 Presentazione 1998 Laurea in ingegneria civile - Poliba

Dettagli

9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA. 9.1 - Elementi morfometrici dei bacini imbriferi

9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA. 9.1 - Elementi morfometrici dei bacini imbriferi 9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA L analisi morfologica può essere effettuata in modo qualitativo, con un procedimento descrittivo ed interpretativo, ma non sufficiente per ottenere risultati tangibili e concreti.

Dettagli

APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO.

APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO. APPENDICE A STUDIO IDRAULICO DEL TORRENTE LANDRO, CHE ATTRAVERSA IL CENTRO ABITATO E CONFLUISCE NEL FIUME ELEUTERIO. A chiusura del Piano comunale di P.C. Rischio idrogeologico si riporta la valutazione

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA INDICE 1 - Generalità 2 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali 2 3 Delimitazione delle aree scolanti 4 4. Stima delle portate 6 4.1 Modello di trasformazione afflussi-deflussi 10 5. Idrogrammi

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino

MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino Modellazione numerica e monitoraggio di frane di crollo per la valutazione degli scenari di rischio nelle aree

Dettagli

SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS)

SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS) Comune di Nave (BS) SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS) ENTE ATTUATORE: COMUNE DI NAVE (BS) ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI U.O. TECNICA LAVORI PUBBLICI RUP: Geom. Michele

Dettagli

COMUNE DI NOLE (Capofila)

COMUNE DI NOLE (Capofila) COMUNE DI NOLE (Capofila) Provincia di Torino INTEGRZIONE CONNESSIONE CICLOPEDONLE LUNGO L FSCI FLUVILE STUDIO IDROLOGICO IDRULICO TRTTO DI CUNETT STRDLE INTUBT IN COMUNE DI CIRIE FRZIONE VSTLL * * * *

Dettagli

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO MODULO 2 FORMAZIONE DELLA PIENA (AFFLUSSI E DEFLUSSI) ALCUNI CONCETTI E TERMINI DI IDRAULICA FLUVIALE DIFESA DALLE PIENE: TIPOLOGIA DI INTERVENTI Interventi strutturali (modificano le caratteristiche degli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Lecce (dal 04 al 07 Febbraio 2014) e Foggia (dal 18 al 21 Febbraio 2014) I Semestre

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7 RELAZIONE INTEGRATIVA PAG 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 NOTE INTEGRATIVE SUL RETICOLO IDRAULICO MINORE...3 2.1 Generalità...3 2.2 Fossi della Piana di San Giovanni...4 2.3 Fosso della Concia e Fosso Carpani...5

Dettagli

SOGLIE PLUVIOMETRICHE

SOGLIE PLUVIOMETRICHE CONVENZIONE TRA IL DIPARTIMENTO PER LA PROTEZIONE CIVILE E L ARPA PIEMONTE PER L ASSISTENZA ALLA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI RISCHIO IDRO-METEOROLOGICO SUL TERRITORIO NAZIONALE Progetto di un sistema

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Profilo geologico Le tipologie di intervento previste consistono in :! Potenziamento delle

Dettagli

Componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio Art. 57 - Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12

Componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio Art. 57 - Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI TACENO Via Roma n. 4 23837 Taceno (LC) Componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio Valutazione della pericolosità idraulica

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

RELAZIONE METODOLOGICA

RELAZIONE METODOLOGICA MODELLIZZAZIONE DEGLI EFFETTI IDRAULICI DEGLI INTERVENTI PREVISTI CON LE AZIONI B.3, B.4, B.5, B.6 nell ambito dell azione A.1 Approfondimenti idraulici e indagini geologiche, archeologiche e caratterizzazione

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE

ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE GIANFRANCO BECCIU ALESSANDRO PAOLETTI ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE Terza edizione CEDAM CASA EDITRICE DOTI. r\ NTONIO t'v\iu\ni 2005 Indice generale Premessa!tu/ice genem/e l n dice degli esercizi

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio 1 Corso di Gestione dei sistemi idraulici Progettazione di una rete di drenaggio urbano a servizio del centro abitato del Comune

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

Esercizio per casa n 2: Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. Elena Diamantini, matricola 197496

Esercizio per casa n 2: Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. Elena Diamantini, matricola 197496 Esercizio per casa n 2: Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. Elena Diamantini, matricola 197496 Scopo dell'esercizio è riesaminare la formulazione tradizionale

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana.

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana. AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE 00185 Roma, Ufficio Piani e Programmi Via V. Bachelet, 12 tel. 06.49249221 fax 06.49249300 Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010.

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli