QUADERNI DIDATTICI IL PEDAGNO PRODOTTO DAL CENTRO SUB NADIR ROMA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNI DIDATTICI IL PEDAGNO PRODOTTO DAL CENTRO SUB NADIR ROMA"

Transcript

1 QUADERNI DIDATTICI IL PEDAGNO PRODOTTO DAL CENTRO SUB NADIR ROMA 1

2 IL PEDAGNO Il pedagno fino a qualche anno fa, era usato dai subacquei per segnalare in superfice un punto sul fondo. Ne facevano uso le squadre di ricerca per segnalare relitti, gli archeologi subacquei per segnalare, un sito o una zona. I pescatori di corallo lo usavano per segnalare una zona particolarmente ricca e in questo caso il petagno non veniva srotolato completamente ma legato in modo che rimanesse a pochi metri dalla superfice in modo che le imbarcazioni in transito o altri corallari non potessero individuare il punto Durante la raccolta del corallo era usato come ascensore per mandare in superfice I retini quando erano pieni per essere recuperati dalla barca appoggio Il pedagno ha sempre avuto il compito di segnalare. Ancora oggi il termine pedagnare è sinonimo di segnalare. Da qualche anno il pedagno è entrato a far parte del corredo del subacqueo sportivo come ulteriore elemento di sicurezza. Non sostituisce la boa regolamentare di segnalazione che rimane obbligatoria. Ma in caso di immersioni di gruppo dove vengono usate un numero di boe inferiore al numero dei subacquei, se uno di questi rimane distanziato o perde contatto col gruppo lanciando il pedagno si può segnalare la presenza alle imbarcazioni in transito, prima di risalire, o essere più facilmente avvistati per essere recuperati. Le ordinanze delle Capitanerie di Porto rendono obbligatorio nel corredo del subacqueo il pedagno con minimo 5 mt di sagola. Per dare modo al subacqueo di segnalare il suo arrivo in superfice rimanendo ancora immerso ad una profondità di sicurezza. Il pedagno può essere collegato ad un rocchetto simile ad un mulinello per le canne da pesca per avere a disposizione molti metri di sagola Questo permette al subacqueo di lanciare il pedagno, quando si trova ancora sul fondo e di risalire poi lungo la sagola. COME E FATTO UN PEDAGNO Il pedagno è un cilindro in tela plastificata, o in PVC chiuso ad un estremità, e aperto sul lato opposto dove è fissata la sagola 2

3 COME SI USA UN PEDAGNO Ricordate la legge di Boyle e Mariotte che riguarda le PRESSIONI e i VOLUMI. A TEMPERATURA COSTANTE, IL VOLUME DI UN GAS VARIA INVERSAMENTE ALLA PRESSIONE. Seguendo questa legge fisica dobbiamo ricordare che 1 litro di aria immesso in un contenitore a 10 metri di profondità, una volta raggiunta la superfice occuperà lo spazio di 2 litri. Rispetto al petagno questo non solo in risalita si riempirà completamente di aria, ma questa espandendosi farà aumentare la velocità di risalita del pedagno. ATTENZIONE Gonfiare il pedagno, immettendo all interna poca aria, per evitare che questa espandendosi durante la risalita imprima una velocità che potrebbe farlo saltare fuori dall acqua,col rischio di sgonfiarsi e non essere più visibile in superfice 3

4 DOVE SI USA UN PEDAGNO Il pedagno è un dispositivo di emergenza usato in fase di risalita per segnalare la presenza del subacqueo se questa avviene lontano dalla boa di segnalazione, o lontano dalla barca appoggio Al contrario della BOA, che serve a segnalare la presenza di subacquei in immersione. Il pedagno serve a segnalare la nostra presenza in superfice o la nostra imminente risalita QUANDO SI USA UN PEDAGNO Il pedagno serve per segnalare un subacqueo in fase di riemersione. Lo scopo è quello di mandare un segnalatore in superfice che ci preceda, indichi la nostra posizione a eventuali imbarcazioni in transito. Se il pedagno e provvista di una sagola di misura limitata va lanciato negli ultimi metri prima della superfice se invece è dotato di un rocchetto con molti metri di sagola va lanciato dal fondo, prima di iniziare la risalita. 4

5 In prossimità della superfice il pedagno, viene gonfiato dopo aver srotolato i 5 metri di sagola e lasciato arrivare in superfice facendo scorrere la sagola nella mano Prima di iniziare la risalita, allentare la frizione del rocchetto (mulinello) dove è avvolta la sagola e poi gonfiare il pedagno con una piccola quantità d aria. IN SUPERFICE Giunti in superfice rimanere vicino al pedagno, specialmente in presenza di mare mosso o vento teso, per evitare che il petagno si allontani e la sagola andando in trazione possa rovesciarlo e farlo sgonfiare 5

Copyright Daniele Boschi SUB CITTA DI LUCCA

Copyright Daniele Boschi SUB CITTA DI LUCCA Disposizioni di Sicurezza D.M. 146 / 08 Il sub in immersione ha l obbligo di segnalarsi in superficie con galleggiante di cui all Art. 130 del D.P.R. 2-10-1968. In altri termini il sub ha l obbligo di

Dettagli

LEZIONE 2 UN IMMERSIONE NELLO SPORT, NELLA FISICA, E NELLA BIOLOGIA MARINA.

LEZIONE 2 UN IMMERSIONE NELLO SPORT, NELLA FISICA, E NELLA BIOLOGIA MARINA. LA SUBACQUEA A SCUOLA LEZIONE 2 UN IMMERSIONE NELLO SPORT, NELLA FISICA, E NELLA BIOLOGIA MARINA. PROGRAMMA LEZIONI 1)Biologia marina e attrezzatura subacquea; 2)La fisica applicata alla subacquea; 3)Come

Dettagli

L'attività Subacquea nel Golfo di Venezia

L'attività Subacquea nel Golfo di Venezia L'attività Subacquea nel Golfo di Venezia Dino Basso Responsabile Provinciale Settore Didattica Subacquea F.I.P.S.A.S Venezia 1 L'ATTIVITA' SUBACQUEA NEL GOLFO DI VENEZIA 2 ATTIVITA' IN APNEA 5% IN MARE

Dettagli

STATICA DEI FLUIDI. 3 ) fino ad una distanza di 5 cm dall orlo. Nei due rami del

STATICA DEI FLUIDI. 3 ) fino ad una distanza di 5 cm dall orlo. Nei due rami del SCHEDA PER IL RECUPERO DI FISICA DEL PRIMO PERIODO anno scolastico 2014-15 STATICA DEI FLUIDI Pressione Leggi il libro di testo (vol. 1) al cap. 11, prova a rispondere alle domande della scheda di verifica

Dettagli

La sicurezza dell'immersione in ambiente lacustre

La sicurezza dell'immersione in ambiente lacustre La sicurezza dell'immersione in ambiente lacustre Emanuele Nasole Istituto Iperbarico SpA -Villafranca (VR) L immersione nel lago pone il subacqueo in un ambiente con caratteristiche diverse rispetto all

Dettagli

Nuovo Protocollo di risalita FIPSAS con sosta profonda

Nuovo Protocollo di risalita FIPSAS con sosta profonda Nuovo Protocollo di risalita FIPSAS con sosta profonda La nostra Federazione, come molti sanno, ha da tempo in corso vari studi e collaborazioni, sempre finalizzati all individuazione di una nuova procedura

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA ORDINANZA N 63 /2003

CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA ORDINANZA N 63 /2003 CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA ORDINANZA N 63 /2003 Il Capitano di Fregata (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di La Maddalena, - VISTA la legge 11.02.1971 n 50

Dettagli

ORDINANZA n 55 /2005. MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto del Compartimento Marittimo di Civitavecchia

ORDINANZA n 55 /2005. MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto del Compartimento Marittimo di Civitavecchia MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto del Compartimento Marittimo di Civitavecchia ORDINANZA n 55 /2005 Il Capitano di Vascello (CP), Capo del Circondario Marittimo e Comandante

Dettagli

PARTE A - IMMERSIONI GUIDATE CON SUPPORTO DI UNITA NAVALI

PARTE A - IMMERSIONI GUIDATE CON SUPPORTO DI UNITA NAVALI O R D I N A N Z A N 15/99 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO DI SANREMO: - VISTA la Legge 11.02.1971, n 50 e successive modifiche, recante Norme sulla Navigazione da Diporto; - CONSIDERATO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI PALERMO

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI PALERMO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI PALERMO Il Capo del Circondario Marittimo di Palermo: ORDINANZA N.89/ 2004 - VISTA la legge 31 dicembre 1982 n 979, recante disposizioni

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE Il sottoscritto Tenente di Vascello (CP) Comandante del Porto e Capo del Circondario Marittimo

Dettagli

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANREMO ORDINANZA N 55/2003

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANREMO ORDINANZA N 55/2003 UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANREMO ORDINANZA N 55/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Sanremo: Vista Considerato Ritenuto necessario pubblica Vista Visto Visto Considerata

Dettagli

Quale boa di decompressione dovrei scegliere?

Quale boa di decompressione dovrei scegliere? Quale boa di decompressione dovrei scegliere? La Boa o Tubo di Segnalazione di Superficie, o DSMB dall'inglese, non sono una novità. Esistono di vari colori, lunghezze, materiali e possono presentare molte

Dettagli

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO ORDINANZA N 189/2003

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO ORDINANZA N 189/2003 UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO ORDINANZA N 189/2003 Il capo del Circondario Marittimo di Porto Santo Stefano: - VISTA l ordinanza n. 57/98 in data 16.07.1998 e successive modifiche;

Dettagli

Capitaneria di Porto di Savona

Capitaneria di Porto di Savona Capitaneria di Porto di Savona Una bottiglia dì plastica impiega dai 400 ai 1000 anni per degradarsi in mare mentre sacchetti di plastica alla deriva possono soffocare tonni, tartarughe e cetacei. QUANDO

Dettagli

Capo III Norme di sicurezza per unità da diporto impiegate come unità appoggio per immersioni subacquee a scopo sportivo o ricreativo

Capo III Norme di sicurezza per unità da diporto impiegate come unità appoggio per immersioni subacquee a scopo sportivo o ricreativo DECRETO 29 luglio 2008, n. 146 Regolamento di attuazione dell'articolo 65 del decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171, recante il codice della nautica da diporto. (GU n. 222 del 22-9-2008 - Suppl. Ordinario

Dettagli

ALLEGATO TECNICO ALLEGATO I

ALLEGATO TECNICO ALLEGATO I ALLEGATO TECNICO ALLEGATO I Definizioni Gavitello di ormeggio: corpo galleggiante in materiale plastico, talvolta riempito di schiume espanse per garantirne la galleggiabilità in caso di lievi danneggiamenti.

Dettagli

TDI Cavern Diver Course PRESENTAZIONE

TDI Cavern Diver Course PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Questo corso addestra i subacquei e fornisce le esperienze necessarie per effettuare con competenza e sicurezza immersioni in grotte e ambienti ostruiti al limite di penetrazione della luce

Dettagli

LEZIONE 7. Oggi parliamo di: Impiego dei computer. Tempi di non volo. Calcolo dei consumi. Lezione 7

LEZIONE 7. Oggi parliamo di: Impiego dei computer. Tempi di non volo. Calcolo dei consumi. Lezione 7 LEZIONE 7 Oggi parliamo di: Impiego dei computer Tempi di non volo Calcolo dei consumi PIANIFICARE LE IMMERSIONI Grafico delle immersioni: 12 ORE D B F 12 ORE Profondità 6 9 12 15 18 Profondità 15 mt.

Dettagli

TDI intro cave Diver Course PRESENTAZIONE

TDI intro cave Diver Course PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Questo corso e' un'introduzione alle tecniche di base dell'immersione in grotta. L'Introductory Cave (INTRO TO CAVE) e' il secondo livello di addestramento nella progressione delle corrette

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNAZIONALE PER PREVENIRE GLI ABBORDI IN MARE 1972 COLREG

REGOLAMENTO INTERNAZIONALE PER PREVENIRE GLI ABBORDI IN MARE 1972 COLREG 1 REGOLAMENTO INTERNAZIONALE PER PREVENIRE GLI ABBORDI IN MARE 1972 COLREG 72 (Convention on the International Regulation for Preventing Collision at Sea) SEGNALI di MANOVRA, SORPASSO e da NEBBIA REGOLE

Dettagli

La temperatura e il calore. Documento riadattato da MyZanichelli.it Isabella Soletta Febbraio 2012 Parte 1/3

La temperatura e il calore. Documento riadattato da MyZanichelli.it Isabella Soletta Febbraio 2012 Parte 1/3 La temperatura e il calore Documento riadattato da MyZanichelli.it Isabella Soletta Febbraio 2012 Parte 1/3 Questo simbolo significa che l esperimento si può realizzare con materiali o strumenti presenti

Dettagli

Federazione Unitaria Lavoratori pag.1

Federazione Unitaria Lavoratori pag.1 Federazione Unitaria Lavoratori pag.1 QUADRO SINOTTICO RIEPILOGATIVO DEI REATI E DEGLI IELLECITI AMMINISTRATIVI PER VIOLAZIONI ALLA LEGGE N 963/1965 E REGOLAMENTO N 1639/1968 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI

Dettagli

~.y~. COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO CIRCONDARIO MARITTIMO DI LIVORNO. ORDINANZA N {èj 1

~.y~. COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO CIRCONDARIO MARITTIMO DI LIVORNO. ORDINANZA N {èj 1 ~.y~. COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO CIRCONDARIO MARITTIMO DI LIVORNO ORDINANZA N {èj 1 Il capo del Circondario Marittimo di Livorno: VISTA la legge 11.02.1971, n. 50 e successive modifiche, recante

Dettagli

PTA DECOMPRESSION CUE CARD

PTA DECOMPRESSION CUE CARD Obiettivo di esecuzione Briefing Analisi della miscela da utilizzare Pianificazione dell immersione Preparazione Vestizione Controllo attrezzatura Ingresso in acqua Controlli di superficie Discesa con

Dettagli

DOMANDE ED ESERCIZI SULLA PRESSIONE E IN GENERALE SUI FLUIDI

DOMANDE ED ESERCIZI SULLA PRESSIONE E IN GENERALE SUI FLUIDI 1) Che cos è la pressione? Qual è la sua unità di misura nel S.I.? 2) Da che cosa dipende la pressione esercitata da un oggetto di massa m poggiato su di una superficie? 3) Che cos è un fluido? 4) Come

Dettagli

Stati di aggregazione della materia. Luca Stanco - Fisica 2015/16 Corso di Laurea in Igiene Dentale - Lezione 5

Stati di aggregazione della materia. Luca Stanco - Fisica 2015/16 Corso di Laurea in Igiene Dentale - Lezione 5 Fluidi 1 Stati di aggregazione della materia 2 Densità (II) n La densità assoluta è definita dal rapporto tra la massa M di una sostanza omogenea ed il suo volume V: d = M / V n Nel sistema internazionale

Dettagli

La bottiglia di plastica principio di Pascal

La bottiglia di plastica principio di Pascal La bottiglia di plastica principio di Pascal Una bottiglia di plastica da un litro e mezzo è piena di acqua e chiusa con il suo tappo di diametro 28 mm. Una persona di 68 kg la mette di traverso sul pavimento,

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEL GATULOT. Qualche indicazione su come scegliere il Gatulot che fa per te:

GUIDA ALLA SCELTA DEL GATULOT. Qualche indicazione su come scegliere il Gatulot che fa per te: GUIDA ALLA SCELTA DEL GATULOT Qualche indicazione su come scegliere il Gatulot che fa per te: Indice: Diametro - Come scegliere il diametro corretto Tipi di supporto - Gatulot Gambo Lungo - Gatulot Gambo

Dettagli

LA 1 a LEGGE DI VOLTA E GAY LUSSAC O DELLE ISOBARICHE

LA 1 a LEGGE DI VOLTA E GAY LUSSAC O DELLE ISOBARICHE 1 LA 1 a LEGGE DI VOLTA E GAY LUSSAC O DELLE ISOBARICHE L energia si presenta in diverse forme e una delle più importanti è il calore. I fenomeni naturali sono quasi sempre accompagnati da sviluppo o assorbimento

Dettagli

Statica dei fluidi & Termodinamica: I principio, gas perfetti e trasformazioni, calore

Statica dei fluidi & Termodinamica: I principio, gas perfetti e trasformazioni, calore Statica dei fluidi & Termodinamica: I principio, gas perfetti e trasformazioni, calore Legge di Stevino La pressione in un liquido a densità costante cresce linearmente con la profondità Il principio di

Dettagli

La temperatura e il calore

La temperatura e il calore La temperatura e il calore Questo simbolo significa che l esperimento si può realizzare con materiali o strumenti presenti nel nostro laboratorio Questo simbolo significa che l esperimento si può realizzare

Dettagli

Pubblica Assistenza Valnure Via F. Parri 10 Ponte dell'olio (PC) Tel

Pubblica Assistenza Valnure Via F. Parri 10 Ponte dell'olio (PC) Tel Via F. Parri 10 Ponte dell'olio (PC) Tel.0523-877988 www.pubblicavalnure.it Elisoccorso Composizione equipaggio Pilota CVS ( Il copilota e un infermiere abilitato ) Medico rianimatore Infermiere del 118

Dettagli

Sub Tech by Cervia Service

Sub Tech by Cervia Service Side Scan Sonar Strumento versatile per il controllo, la ricerca, mappatura del fondale marino e di strutture subacquee. Di facile messa in opera, richiede un imbarcazione di piccole dimensioni ed è lo

Dettagli

INVENTARIO BAGNI COMUNALI DELFINO -- ANNO 2016

INVENTARIO BAGNI COMUNALI DELFINO -- ANNO 2016 INVENTARIO BAGNI COMUNALI DELFINO -- ANNO 2016 1 Sedia con braccioli in legno 4 Cabina in legno 2 Cabine disabili (spogliatoio - wc) 3 Salvagente anulare in plastica 1 Moscone in vetroresina 82 Manico

Dettagli

Barca a vela Lato dritto Con fanali facoltativi. Unità a motore. Lato sinistro. Unità a motore lungh. <50 m, di prua

Barca a vela Lato dritto Con fanali facoltativi. Unità a motore. Lato sinistro. Unità a motore lungh. <50 m, di prua dei fanali di riconoscimento (1/2) lato sinistro Lato dritto Con fanali facoltativi Imbarcazione a motore < m 20 Nave 50m Lato dritto Unità a motore lunghezza < m 50 Lato dritto Unità a motore lunghezza

Dettagli

DATI TECNICI. Temperatura ambiente: 4 C / 30 C Temperatura acqua alimento: 4 C / 30 C

DATI TECNICI. Temperatura ambiente: 4 C / 30 C Temperatura acqua alimento: 4 C / 30 C DATI TECNICI GIX5 GIX8 GIX12 Larghezza [mm] 230 250 285 Profondità [mm] 360 460 405 Altezza [mm] 515 540 595 Peso [Kg] 11 12 15 Capacità bombola [litri] 5 8 12 Volume di resina [litri] 3,5 5,5 8,5 Portata

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO DI GAS DALLE FUMAROLE (CON FIORETTO E AMPOLLA A SODA)

IL CAMPIONAMENTO DI GAS DALLE FUMAROLE (CON FIORETTO E AMPOLLA A SODA) IL CAMPIONAMENTO DI GAS DALLE FUMAROLE (CON FIORETTO E AMPOLLA A SODA) PREMESSA La sorveglianza dei vulcani nel corso degli anni ha sviluppato le proprie tecniche con l ausilio delle nuove tecnologie.

Dettagli

Sicurezza Informazioni per il PD

Sicurezza Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Analisi dei dispositivi di sicurezza delle automobili: airbag, cinture di sicurezza e seggiolino. Obiettivo Gli alunni conoscono le norme di sicurezza relative all auto

Dettagli

PROVA PIOMBO SGANCIO AUTOMATICO E CAVIGLIERE SAPLAST

PROVA PIOMBO SGANCIO AUTOMATICO E CAVIGLIERE SAPLAST PROVA PIOMBO SGANCIO AUTOMATICO E CAVIGLIERE SAPLAST Ho visto per la prima volta i prodotti Saplast a Roma durante l EUDI SHOW a marzo insieme a Marco e la cosa che mi ha colpito di più, oltre allo schienalino

Dettagli

FISICA. Serie 11: Dinamica del punto materiale V. Esercizio 1 Legge di Hooke. Esercizio 2 Legge di Hooke. I liceo

FISICA. Serie 11: Dinamica del punto materiale V. Esercizio 1 Legge di Hooke. Esercizio 2 Legge di Hooke. I liceo FISICA Serie : Dinamica del punto materiale V I liceo Esercizio Legge di Hooke Una molla è sottomessa ad una deformazione. I dati riportati nel grafico qui sotto mostrano l intensità della forza applicata

Dettagli

Scuola Sommozzatori di Catania Corso speciale NUCLEI OMEGA

Scuola Sommozzatori di Catania Corso speciale NUCLEI OMEGA Scuola Sommozzatori di Catania Corso speciale NUCLEI OMEGA 1 ALLENAMENTO IN PISCINA Tuffo di superficie e nuoto stile libero m. 50. Tuffo di superficie e nuoto stile rana m. 50. Zavorra kg. 2 indossata,

Dettagli

LA DIDATTICA DEL GIOCO

LA DIDATTICA DEL GIOCO LA DIDATTICA DEL GIOCO Sono proposte una serie d'esercitazioni, partendo dai fondamentali individuali fino alla costruzione di un gioco di squadra, per migliorare l acquisizione di una tecnica specifica

Dettagli

Scale portatili. Le scale portatili sono di 3 tipi: - Semplici - Ad elementi innestati - Doppie (o a sfilo)

Scale portatili. Le scale portatili sono di 3 tipi: - Semplici - Ad elementi innestati - Doppie (o a sfilo) SCALE PORTATILI Scale portatili DEFINIZIONE Attrezzatura di lavoro costituita da due montanti paralleli, collegati tra loro da una serie di pioli trasversali incastrati ai montanti e distanziati in uguale

Dettagli

A.S.D. ATLETI PER CASO CELLE LIGURE via Lavadore Celle Ligure C.F tel

A.S.D. ATLETI PER CASO CELLE LIGURE via Lavadore Celle Ligure C.F tel A.S.D. ATLETI PER CASO CELLE LIGURE via Lavadore 3-17015 Celle Ligure C.F.92090310092 tel.347-0784426 www.atletipercaso.com info@atletipercaso.com Celle Ligure li, 14 agosto 2012 - Descrizione dell evento

Dettagli

Istruttoria tecnica. Stato di avanzamento-dicembre 2014

Istruttoria tecnica. Stato di avanzamento-dicembre 2014 Istruttoria tecnica Stato di avanzamento-dicembre 2014 Precedente studio conoscitivo condotto dall Università di Sassari e consegnato nel 2000 Aggiornare lo stato delle conoscenze ambientali e socio-economiche

Dettagli

LTRO DOMANI. organizza una. DIMOSTRAZIONE DI TECNICA SUBACQUEA INDOOR INDIVIDUALE e a SQUADRE

LTRO DOMANI. organizza una. DIMOSTRAZIONE DI TECNICA SUBACQUEA INDOOR INDIVIDUALE e a SQUADRE CIRCO OLO BARISU UB in occasione della manifestazione benefica a favore di AL LTRO DOMANI organizza una DIMOSTRAZIONE DI TECNICA SUBACQUEA INDOOR INDIVIDUALE e a SQUADRE Domenica 01 dicembre 2013 Piscina

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DISCIPLINA DELLA PESCA SPORTIVA E RICREATIVA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DISCIPLINA DELLA PESCA SPORTIVA E RICREATIVA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto Guardia Costiera TARANTO Largo Arcivescovado, n 17 tel. 099/4713611 fax 0994718288 taranto@guardiacostiera.it - www.taranto.guardiacostiera.it/

Dettagli

Centro Diving Viva Wyndham Dominicus. Centro Diving Viva Wyndham Dominicus

Centro Diving Viva Wyndham Dominicus. Centro Diving Viva Wyndham Dominicus Centro Diving Viva Wyndham Dominicus Centro Diving Viva Wyndham Dominicus Download REPORT CENTRO DIVING VIVA WYNDHAM DOMINICUS Realizzata dall Associazione onlus Handy Superabile Informazioni generali

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI D EMERGENZA

EQUIPAGGIAMENTI D EMERGENZA EQUIPAGGIAMENTI D EMERGENZA Missione dell impianto I velivoli da trasporto sono progettati e certificati nel rispetto della normativa (FAA e JAR) che prevede una serie di equipaggiamenti fissi e mobili

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO CASTELLLAMMARE DI STABIA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO CASTELLLAMMARE DI STABIA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO CASTELLLAMMARE DI STABIA ORDINANZA n.07 del 22 marzo 2006 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA SUBACQUEA Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante

Dettagli

Dispersi in mare: prevenzione e sopravvivenza

Dispersi in mare: prevenzione e sopravvivenza DISPERSI IN MARE Dispersi in mare: prevenzione e sopravvivenza EVITA DI PERDERTI E AUMENTA LE PROBABILITÀ DI FARTI TROVARE INTRODUZIONE Perdersi Perdersi o essere lasciati in mare è di sicuro una delle

Dettagli

ATTIVITÀ DIDATTICA DI CHIMICA di Olga Damiani, Chiara Lo Schiavo, Sara Rotini

ATTIVITÀ DIDATTICA DI CHIMICA di Olga Damiani, Chiara Lo Schiavo, Sara Rotini ATTIVITÀ DIDATTICA DI CHIMICA di Olga Damiani, Chiara Lo Schiavo, Sara Rotini ARGOMENTO: LEGGI FONDAMENTALI DEI GAS PREREQUISITI: Conoscenza delle grandezze fisiche e delle relative unità di misura OBIETTIVI:

Dettagli

(considerazione sulla morfologia costiera, sul fondale, flussi di marea, correnti note, direzione e distribuzione dei venti prevalenti)

(considerazione sulla morfologia costiera, sul fondale, flussi di marea, correnti note, direzione e distribuzione dei venti prevalenti) Analisi Geografica (considerazione sulla morfologia costiera, sul fondale, flussi di marea, correnti note, direzione e distribuzione dei venti prevalenti) DA COMPLETARE A.Sartorelli LaserRacing.it Pag.

Dettagli

Smontaggio corpo Xbox 360 e Top

Smontaggio corpo Xbox 360 e Top Smontaggio corpo Xbox 360 e Top Rimuovere il corpo superiore della vostra Xbox 360 E. Scritto Da: Sarah INTRODUZIONE Sarà necessario rimuovere il corpo superiore della vostra Xbox 360 e al fine di ottenere

Dettagli

Corso di Laurea in FARMACIA

Corso di Laurea in FARMACIA Corso di Laurea in FARMACIA 2015 simulazione 1 FISICA Cognome nome matricola a.a. immatric. firma N Evidenziare le risposte esatte Una sferetta è appesa con una cordicella al soffitto di un ascensore fermo.

Dettagli

III Trofeo Porto Turistico di Jesolo Classe Dinghy 12

III Trofeo Porto Turistico di Jesolo Classe Dinghy 12 III Trofeo Porto Turistico di Jesolo Classe Dinghy 12 Jesolo 14/15 Maggio 2016 ISTRUZIONI D I REGATA - La regata sarà disciplinata dalle regole come definite nel Regolamento di Regata ISAF 2013/2016 e

Dettagli

Extended Ranged Nitrox PSAI

Extended Ranged Nitrox PSAI Extended Ranged Nitrox PSAI Panoramica del corso: Questo corso addestra e dona ai subacquei le esperienze necessarie per immergersi con competenza e sicurezza in aria fino alla profondità massima di 55

Dettagli

MINIAPNEA 3 Grado Delfino PMAp3. FINALITÀ: destinato a chi ha discreta acquaticità iniziale.

MINIAPNEA 3 Grado Delfino PMAp3. FINALITÀ: destinato a chi ha discreta acquaticità iniziale. MINIAPNEA 3 Grado Delfino PMAp3 FINALITÀ: destinato a chi ha discreta acquaticità iniziale. OBIETTIVO GENERICO: apprendere le basilari nozioni teorico-pratiche della subacquaticità per effettuare un percorso

Dettagli

NATANTI IMBARCAZIONI. Esistono, per le unità da diporto con marchio CE, 4 categorie di

NATANTI IMBARCAZIONI. Esistono, per le unità da diporto con marchio CE, 4 categorie di Esistono, per le unità da diporto con marchio CE, 4 categorie di progettazione. La categoria è visibile sulla targhetta attaccata allo scafo e appunto, in base alla categoria le unità sono abilitate ad

Dettagli

Canottaggio in sicurezza

Canottaggio in sicurezza Principi di base: Più esperienza = più sicurezza Ogni uscita deve essere fatta in SICUREZZA Il «know-how» del rematore deve essere conforme alle circostanze Occorre essere consapevoli delle proprie responsabilità

Dettagli

Le corde della tonnara di Camogli Antonio Uboldi

Le corde della tonnara di Camogli Antonio Uboldi Ciao a tutti, oggi come sappiamo le corde e le reti vengono costruite con materiali sintetici, mentre anticamente erano fatte utilizzando la lisca (Ampelodesmos tenax), una pianta con foglie lunghe e sottili

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2008 4c4: un gioco polivalente

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2008 4c4: un gioco polivalente Sei Bravo a Scuola di Calcio 2008 4c4: un gioco polivalente Come nella passata edizione le squadre si affronteranno in due momenti, che per questa stagione sportiva si sintetizzano in: 1) Sei bravo a giocare

Dettagli

DECOMPRESSIONE CON L ARIA

DECOMPRESSIONE CON L ARIA CAPITOLO SETTE DECOMPRESSIONE CON L ARIA Quando l aria è respirata sotto pressione, come discusso nel Capitolo tre, l azoto i- nerte si diffonde nei vari tessuti del corpo. L azoto si distribuisce nel

Dettagli

Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo

Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo Rapporto 2010 Intervento A1 Approvato con DPN 2010 0013104 del 14/06/2010 e DPN 2010 0013794 del 17/06/2010 Direzione Protezione

Dettagli

SPECIAL OLYMPICS ITALIA REGOLAMENTO SPORT VELA. 5. COMPOSIZIONE DELLE SQUADRE SPORTIVE UNIFICATE( LIVELLI 1,2,3) 5.1 Equipaggi

SPECIAL OLYMPICS ITALIA REGOLAMENTO SPORT VELA. 5. COMPOSIZIONE DELLE SQUADRE SPORTIVE UNIFICATE( LIVELLI 1,2,3) 5.1 Equipaggi SPECIAL OLYMPICS ITALIA REGOLAMENTO SPORT VELA ELENCO DEI CONTENUTI 1. REGOLAMENTO 2. EVENTI UFFICIALI 2.1 Livello1- Squadra Sportiva Unificata 2.2 Livello 2- Squadra Sportiva Unificata 2.3 Livello 3-

Dettagli

Caldaie e stufe a pellet

Caldaie e stufe a pellet Caldaie e stufe a pellet Innovativo sistema di caricamento pellet CALDAIA A PELLET NINFA Rese elevate con il minimo spreco NINFA è la nuova caldaia a pellet che rappresenta una soluzione pratica e efficiente

Dettagli

FUCILI GUNS FUSILS FUSILES

FUCILI GUNS FUSILS FUSILES FUCILI GUNS FUSILS FUSILES 1 Congratulazioni! Il prodotto da Lei scelto, frutto di una continua ricerca e sviluppo, è costruito secondo lo standard qualitativo Cressi-sub per assicurarle affidabilità e

Dettagli

Esercizi sulla conversione tra unità di misura

Esercizi sulla conversione tra unità di misura Esercizi sulla conversione tra unità di misura Autore: Enrico Campanelli Prima stesura: Settembre 2013 Ultima revisione: Settembre 2013 Per segnalare errori o per osservazioni e suggerimenti di qualsiasi

Dettagli

T) 44 18' 55" N 09 09' 26" E U) 44 18' 44" N 09 10' 00" E

T) 44 18' 55 N 09 09' 26 E U) 44 18' 44 N 09 10' 00 E Area Marina Naturale Protetta del Promontorio di Portofino Consorzio di Gestione Viale Rainusso, 14-Villa Carmagnola-16038 S. Margherita Lig. (GE) Tel. 0185/289649 Fax 0185/293002 E-mail: amp.portofino@libero.it

Dettagli

IMMERSIONE SU RELITTI O SECCHE

IMMERSIONE SU RELITTI O SECCHE ITA F00 - Membro Fondatore della CMAS Confederazione Mondiale Attività Subacquee FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE Settore Didattica Subacquea Corso di Specializzazione IMMERSIONE

Dettagli

Scuola Primaria di Rivalta A.S. 2014/2015. LEGGERO COME L ARIA Classi 4 A 4 B

Scuola Primaria di Rivalta A.S. 2014/2015. LEGGERO COME L ARIA Classi 4 A 4 B Scuola Primaria di Rivalta A.S. 2014/2015 LEGGERO COME L ARIA Classi 4 A 4 B L ARIA è UN MISCUGLIO DI GAS: AZOTO 78% (ovetti gialli), OSSIGENO 21% ( ovetti arancioni), ALTRI GAS 1% (ovetti con palline

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO ORDINANZA N. 08/2017 Il Capitano di Fregata (CP) sottoscritto, Capo del Compartimento Marittimo di Oristano: VISTO il Decreto

Dettagli

Stati della materia. Esempio. Fusione e solidificazione. Esempio. Stati di aggregazione della materia

Stati della materia. Esempio. Fusione e solidificazione. Esempio. Stati di aggregazione della materia Stati della materia STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA E GAS PERFETTI Cosa sono gli stati della materia? Gli stati della materia sono come si presenta la materia nell universo fisico e dipendono dalla

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto di Arbatax: - Vista la Legge 11.02.1971,

Dettagli

Federazione Italiana Vela X ZONA TROFEO VELICO PERLA VERDE 3, 4, 5 Agosto 2012 ISTRUZIONI DI REGATA

Federazione Italiana Vela X ZONA TROFEO VELICO PERLA VERDE 3, 4, 5 Agosto 2012 ISTRUZIONI DI REGATA 1. ORGANIZZAZIONE: Circolo Nautico Ragn A Vela, Tel./Fax. + 39 0735 762230 - Fax. + 39 0735 762230 Sito Web: www.ragnavela.it e-mail: info@ragnavela.it 2. LOCALITA E DATE REGATE: San Benedetto del Tronto

Dettagli

LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO GARA DI PESCA MEMORIAL ALFONSO E PAOLO SGATTONI ANNO 2017. REGOLAMENTO DI GARA La Lega Navale Italiana di San Benedetto organizza per il giorno

Dettagli

LEGGI DI FISICA PER LA SUBACQUEA PRINCIPIO DI ARCHIMEDE

LEGGI DI FISICA PER LA SUBACQUEA PRINCIPIO DI ARCHIMEDE LEGGI DI FISICA PER LA SUBACQUEA PRINCIPIO DI ARCHIMEDE Un corpo immerso in un fluido riceve una spinta dal basso verso l'alto pari al peso del volume del fluido che sposta. Il GAV è una applicazione pratica

Dettagli

REGOLAMENTO BALNEARE

REGOLAMENTO BALNEARE Gentile Ospite, REGOLAMENTO BALNEARE le auguriamo un piacevole soggiorno nella nostra spiaggia. La balneazione nello specchio d acqua antistante la nostra struttura è sempre a proprio rischio per mancanza

Dettagli

Rhino VE Scheda operatore dello scaricatore CE - Italian -

Rhino VE Scheda operatore dello scaricatore CE - Italian - Rhino VE Scheda operatore dello scaricatore CE - Italian - Posizione dei componenti Vedi figura 1 e fare riferimento alla tabella 1. ILLUSTRATO IN POSIZIONE APERTA 1 3 8 4 7 6 5 Figura 1 Elemento Reperimento

Dettagli

La difesa COACH CESARE CIOCCA

La difesa COACH CESARE CIOCCA La difesa 1-3-1 COACH CESARE CIOCCA E una difesa difficile da montare ed occorre valutare se si hanno a disposizione dei giocatori in grado di eseguirla correttamente, questi devono avere buoni fondamentali

Dettagli

Prima di regolare l ora e il calendario Italiano

Prima di regolare l ora e il calendario Italiano Vi ringraziamo per avere acquistato questo orologio Citizen. Prima di usarlo vi raccomandiamo di leggere con attenzione il presente manuale in modo da procedere correttamente. Dopo la lettura del manuale

Dettagli

Espressioni ed Equazioni

Espressioni ed Equazioni Espressioni ed Equazioni Introduzione espressioni ed equazioni Espressioni Algebriche ed Equazioni: è qui che comincia il tuo lavoro. Si sta per iniziare a lavorare con le lettere dell'alfabeto, numeri

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto Chioggia ORDINANZA N. 33 / 2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto Chioggia ORDINANZA N. 33 / 2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto Chioggia Il Capo del Circondario Marittimo di Chioggia: VISTO VISTA ORDINANZA N. 33 / 2009 il Decreto Legislativo 18 luglio 2005, n 171,

Dettagli

Atmosfere iperbariche: non solo mare

Atmosfere iperbariche: non solo mare Rischi fisici: valutazione, prevenzione e protezione nei luoghi di lavoro. A che punto siamo Atmosfere iperbariche: n solo mare Enrico Marchetti, Angelo Tirabasso L origine dell attivit attività in pressione

Dettagli

1. Unità di aspirazione in Testa (HEAD)

1. Unità di aspirazione in Testa (HEAD) Elevatori a vuoto pneumatico Posizionamento Unità di Aspirazione avp12_07_17 Versione 1.7 11/05/2016 Contenuti 1 Unità di Aspirazione in testa ( HEAD) 1 2 Unità di Aspirazione separata (SPLIT) 2 2.1 Box

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SOVERATO. ORDINANZA n 15/04

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SOVERATO. ORDINANZA n 15/04 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SOVERATO ORDINANZA n 15/04 Il Capo del Circondario Marittimo di Soverato: la Legge 11 febbraio 1971, n 50 e successive modifiche,

Dettagli

Modello di Prova Scritta Fisica I. Corso di Laurea in Ottica ed Optometria

Modello di Prova Scritta Fisica I. Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Modello di 1) Dati i vettori aa = 3xx + 2yy + zz e bb = xx + zz determinare cc = 3aa + bb dd = aa 4bb aa bb aa xxbb. Determinare altresì il modulo del vettore cc. 2) Un blocco di 5.00 kg viene lanciato

Dettagli

Istituto Tecnico Trasporti e Logistica. Buccari. Sede: Viale Colombo, Cagliari Tel. 070 / / Fax 070 /

Istituto Tecnico Trasporti e Logistica. Buccari. Sede: Viale Colombo, Cagliari Tel. 070 / / Fax 070 / Istituto Tecnico Trasporti e Logistica Buccari Sede: Viale Colombo, 60-09125 - Cagliari Tel. 070 / 300303-070 / 301793 Fax 070 / 340742 LA ROSA DEI VENTI PUNTI CARDINALI NORD (NORTH) 000 EST (EAST) 90

Dettagli

TECHNICAL DIVING ACADEMY

TECHNICAL DIVING ACADEMY TECHNICAL DIVING ACADEMY presenta... Come mi immergevo, Come mi immergo, Cosa mi è capitato e Cosa mi è capitato di vedere a cura di Francesco Durand De La Penne, comandante della missione, rientrò in

Dettagli

IMMERSIONI. LISTINO PUBBLICO. LISTINO GRUPPI.

IMMERSIONI. LISTINO PUBBLICO. LISTINO GRUPPI. LISTINO GRUPPI 2014. Offerta per gruppi composti da un minimo di 10 subacquei, escluso il CAPO GRUPPO, il quale non paga le immersioni da lui effettuate, che non saranno conteggiate nel computo finale.

Dettagli

MODULO 3. La pressione

MODULO 3. La pressione MODULO 3 La pressione La pressione L obiettivo del modulo è comprendere gli effetti delle forze che dipendono dalla superficie su cui esse vengono applicate. Il grado di concentrazione di una forza sulla

Dettagli

Gli ausili per la prevenzione delle lesioni da pressione in posizione sdraiata. Chiara Manfredi

Gli ausili per la prevenzione delle lesioni da pressione in posizione sdraiata. Chiara Manfredi Gli ausili per la prevenzione delle lesioni da pressione in posizione sdraiata Chiara Manfredi Prevenzione Utilizzo di superfici antidecubito per ridurre la pressione di contatto e migliorare la distribuzione

Dettagli

Migliora l'efficienza di un sistema di refrigerazione a CO2 con

Migliora l'efficienza di un sistema di refrigerazione a CO2 con Migliora l'efficienza di un sistema di refrigerazione a CO2 con Cos è e perchè dovrebbe essere usato? La tecnologia consiste in una soluzione di progettazione per il recupero dell'energia contenuta nel

Dettagli

Quitz Prima stella. 3)La muta dovrebbe essere: A) Della giusta misura B) Di spessore adeguato C) Completa di cappuccio D) Tutto quanto sopra

Quitz Prima stella. 3)La muta dovrebbe essere: A) Della giusta misura B) Di spessore adeguato C) Completa di cappuccio D) Tutto quanto sopra Quitz Prima stella 1)Quali requisiti principali deve avere una maschera subacquea: A) Vetro temperato e alloggiamento per il naso B) Colori vivaci per una rapida individuazione C) Parti morbide in silicone

Dettagli

1. Lo studio dei gas nella storia 2. I gas ideali e la teoria cinetico-molecolare 3. La pressione dei gas 4. La legge di Boyle o legge isoterma 5.

1. Lo studio dei gas nella storia 2. I gas ideali e la teoria cinetico-molecolare 3. La pressione dei gas 4. La legge di Boyle o legge isoterma 5. Unità n 6 Le leggi dei gas 1. Lo studio dei gas nella storia 2. I gas ideali e la teoria cinetico-molecolare 3. La pressione dei gas 4. La legge di Boyle o legge isoterma 5. La legge di Gay-Lussac o legge

Dettagli

Resoconto impiego Marine Litter Trap

Resoconto impiego Marine Litter Trap Resoconto impiego Marine Litter Trap Azione A3 Progetto esecutivo delle trappole per rifiuti alla foce del Maremola Azione A3 Progetto esecutivo delle trappole per rifiuti alla foce del Maremola Azione

Dettagli

I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni

I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni Corso di Escursionismo I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni a cura di Stefano Cambi Istruttore di Alpinismo I I nodi, l'uso di corda e cordini Imbracatura Programma della serata Progressione

Dettagli

Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla

Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla Esistono due tipi di cordata: la cordata da 2 e da 3 persone. La cordata più consigliata è quella composta da tre elementi

Dettagli