NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare"

Transcript

1 NOVITA IN MATERIA DI IRAP 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

2 RIDUZIONE ALIQUOTA IRAP ALIQUOTA RIDOTTA PER AGRICOLTURA RIPARAMETRAZIONE VALORI CORRELATI ALL ALIQUOTA IRAP RIPARAMETRAZIONE DEDUZIONI IRAP BASE IMPONIBILE IRAP SOGGETTI IRES TRATTAMENTO COMPONENTI RINVIATI DA PRECEDENTI ESERCIZI RECUPERO A TASSAZIONE DEI COMPONENTI DEDOTTI NEL QUADRO EC BASE IMPONIBILE IRAP SOGGETTI IRPEF

3 RIDUZIONE ALIQUOTE DALL ESERCIZIO SUCCESSIVO A QUELLO IN CORSO AL 31/12/2007 IRES IRAP DAL 33% AL 27,5% DAL 4,25% AL 3,90% (PUGLIA = 4,9%)

4 ALIQUOTA IRAP AGRICOLTURA ART. 2 CO 1 LEGGE 203/2008 E PROROGATA A REGIME OLTRE CHE PER IL 2008 L ALIQUOTA IRAP 1,9% (ATTENZIONE A ALIQUOTE DIVERSE PER REGIONE)

5 ALIQUOTA IRAP AGRICOLTURA BENEFICIARI ART. 9 D.LGS 446/1997 PRODUTTORI AGRICOLI (INDIPENDENTEMENTE DA NATURA E REGIME CONTABILE) ESERCENTI ATTIVITA DI ALLEVAMENTO ATTIVITA DI AGRITURISMO IN REGIME FORFETTARIO ART. 45 CO 1 D.LGS 446/1997 VALE ANCHE PER COOPERATIVE E CONSORZI DELLA PICCOLA PESCA ART. 1 CO 238 L. 244/2007 SI APPLICA ANCHE ALLE COOPERATIVE E CONSORZI CHE FORNISCONO IN VIA PRINCIPALE SERVIZI NEL SETTORE SELVICOLTURALE ESCLUSIONI SOGGETTI CON VOLUME IVA FINO A EURO SALVO OPZIONE

6 RIPARAMETRAZIONE VALORI CORRELATI ALL ALIQUOTA IRAP ART. 1 CO 226 LEGGE 244/2007 TUTTE LE DIVERSE ALIQUOTE REGIONALI DEVONO ESSERE RIPARAMETRATE IN RELAZIONE ALLA NUOVA MISURA BASE ART. 1 CO 50 LEGGE 244/2007 PER GARANTIRE L INVARIANZA DEL GETTITO SONO RIPARAMETRATE TUTTE LE DEDUZIONI IRAP

7 RIPARAMETRAZIONE DEDUZIONI IRAP ART. 1 CO 50 LEGGE 244/2007 DEDUZIONE DEDUZIONE BASE CUNEO FISCALE DEDUZIONE MAGGIORATA CUNEO DEDUZIONE DIPENDENTI (MAX 5) DEDUZIONE VALORE PRODUZIONE FINO A CIRCA

8 DETERMINAZIONE BASE IMPONIBILE IRAP FINO AL 2007 DAL 2008 LA DETERMINAZIONE E IDENTICA SIA PER LE IMPRESE IN ORDINARIA CHE PER I SEMPLIFICATI IN OGNI CASO SI APPLICANO LE NORME DEL TUIR SOGGETTI IRES LA DETERMINAZIONE AVVIENE SULLA BASE DEL CONTO ECONOMICO (PRINCIPIO DI DERIVAZIONE) NON SI APPLICANO LE NORME DEL TUIR SONO PREVISTE NORME PARTICOLARI SOGGETTI IRPEF LA DETERMINAZIONE AVVIENE MEDIANTE DIFFERENZA DEI VALORI SECONDO LE NORME DEL TUIR SALVO OPZIONE

9 SOGGETTI IRES DETERMINAZIONE BASE IMPONIBILE IRAP ART. 1 CO 50 LEGGE 244/2007 MODIFICA ART. 5 D.LGS. 446/1997 NELL OTTICA DELL AVVICINAMENTO DELLA DISCIPLINA FISCALE A QUELLA CIVILISTICA LA BASE IMPONIBILE E DETERMINATA SULLA BASE DEI VALORI INDICATI NEL CONTO ECONOMICO RESTANO FERME LE PRECEDENTI ESCLUSIONI PREVISTE PER I COSTI ATTINENTI IL LAVORO, ACCANTONAMENTI, PERDITE SU CREDITI E INTERESSI PASSIVI DIVENTA INDEDUCIBILE L ICI

10 BASE IMPONIBILE IRAP SOGGETTI IRES ART. 1 CO 50 LEGGE 244/2007 (NUOVO ART. 5 D. LGS 446/1997) DIFFERENZA FRA VALORE E COSTI DELLA PRODUZIONE RISULTANTI DAL CONTO ECONOMICO (SECONDO IMPUTAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI) AVVIAMENTO E MARCHI SOLO 1/18 (INDIPENDENTEMENTE DALL IMPUTAZIONE A CONTO ECONOMICO) CON ESCLUSIONE B 9 = COSTO DEL PERSONALE B 10 LETT. C) = SVALUTAZIONE IMMOBILIZZAZIONI B 10 LETT D) = SVALUTAZIONE CREDITI B 12 = ACCANTONAMENTI PER RISCHI B 13 = ALTRI ACCANTONAMENTI NON SONO AMMESSI IN DEDUZIONE SPESE PER PERSONALE DIPENDENTE (COSTO/COMPENSI/UTILI) INTERESSI SU CANONI DI LEASING PERDITE SU CREDITI ICI I CONTRIBUTI SEGUONO IL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENTE POSTA

11 ATTENZIONE I SOGGETTI CHE REDIGONO IL BILANCIO SECONDO GLI IAS DETERMINANO LA BASE IMPONIBILE CON LE REGOLE PREVISTE PER GLI ALTRI SOGGETTI IRES

12 PROSPETTO CHE RIPORTA LE VOCI RILEVANTI DEL CONTO ECONOMICO

13 PROSPETTO CHE RIPORTA LE VARIAZIONI RILEVANTI AI FINI IRAP RISPETTO AL CONTO ECONOMICO

14 ALCUNE CONSIDERAZIONI SUL REGIME ART. 5 ADEGUAMENTO DA STUDI DI SETTORE PUR NON RISULTANDO IMPUTATO A CONTO ECONOMICO RILEVA AI FINI IRAP (ART. 2 DPR 195/1999) IMMOBILI ABITATIVI RILEVANO SIA I CANONI IMPUTATI TRA I RICAVI CHE I COSTI CONNESSI A TALI IMMOBILI NON RILEVANO GLI AMMORTAMENTI NON AMMESSI SECONDO OIC 16 AMMORTAMENTO TERRENO NEL CASO DI AMMORTAMENTO CIVILISTICO DEL TERREMO LA RELATIVA QUOTA NON E DEDUCIBILE AI FINI IRAP IN QUANTO NON AMMESSA DA OIC 16

15 INTERESSI SU LEASING ART. 5 D.LGS 446/1997= INTERESSI DESUNTI DAL CONTRATTO FORUM ITALIA OGGI 17/01/2009 (IN MATERIA DI ART. 96 TUIR) SOGGETTI NON IAS = DM 24/04/1998/CIRC. 263/E/1998 SOGGETTI IAS = INTERESSI PASSIVI IMPLICITI IAS 17 AVVIAMENTO E MARCHI MASSIMO 1/18 INDIPENDENTEMENTE DAL TRATTAMENTO CONTABILE O IN MISURA INFERIORE SE COSI RISULTA IMPUTATO A CONTO ECONOMICO PLUSVALENZE E MINUSVALENZE SU BENI STRUMENTALI RILEVANO ANCHE SE CORRETTAMENTE NON IMPUTATE IN A 5 o B 14 (IN BASE A QUALE NORMA?)

16 PLUSVALENZE RATEIZZABILI LE PLUSVALENZE RILEVANO PER L AMMONTARE IMPUTATO A CONTO ECONOMICO INTERESSI CAPITALIZZATI RILEVANO AI FINI IRAP IN QUANTO ISCRITTI IN A 4 LA LORO DEDUCIBILITA AVVIENE CON IL PROCESSO DI AMMORTAMENTO CONTRIBUTI RILEVANO SOLO QUELLI RELATIVI A POSTE RILEVANTI AI FINI IRAP SE NON CONSIDERATI ESCLUSI DALLA NORMA CHE LI ISTITUISCE PERO CONTRIBUTI PER ASSUNZIONI DI NUOVI DIPENDENTI SONO IMPONIBILI SE CORRELATI ALLA DEDUZIONE EX ART. 11 CO 4 QUATER

17 RILEVANZA IRAP SOCIETA DI CAPITALI PLUSVALENZE E MINUSVALENZE Plusvalenze e minusvalenze di natura ordinaria Plusvalenze e minusvalenze di natura straordinaria Plusvalenze e minusvalenze derivanti da cessioni di immobili-patrimonio (art. 90) FINO AL 2007 SI NO NO DAL 2008 SI NO SI

18 TRATTAMENTO COMPONENTI RINVIATI DA PRECEDENTI ESERCIZI ART. 1 CO 51 LEGGE 244/2007 CONTINUA AD APPLICARSI LA PRECEDENTE DISCIPLINA CIRCA DEDUZIONE COMPONENTI NEGATIVI RINVIATI ESEMPIO: QUOTE SPESE RAPPRESENTANZA TASSAZIONE PROVENTI RINVIATI ESEMPIO: QUOTE RATEIZZATE DI PLUSVALENZE

19 A TAL FINE IN TUTTI I QUADRI SONO STATI PREVISTI DUE RIQUADRI PER LE RECUPERO DEDUZIONI EXTRACONTABILI MODELLO VARIAZIONE IN AUMENTO VARIAZIONE IN DIMINUZIONE IC IC 49 IC 55 IP IP 37 IP 43 IQ IQ 33 IQ 37 IE IE 26 IE 30

20 RECUPERO A TASSAZIONE DEI COMPONENTI DEDOTTI NEL QUADRO EC ART. 1 CO 51 LEGGE 244/2007 POICHE LE NUOVE NORME SULLA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE ENTRANO IN VIGORE DAL 2008 E FATTO OBBLIGO DI RECUPERARE A TASSAZIONE IN SEI QUOTE ANNUALI COSTANTI I COMPONENTI NEGATIVI DEDOTTI IN QUANTO INSERITI NEL QUADRO EC PER LA QUOTA SOGGETTA ANNUALMENTE A TASSAZIONE SI PROVVEDE ALLO SVINCOLO DI PARTE DELLE RISERVE INDICATE NEL QUADRO EC

21 RIALLINEAMENTO AI FINI IRAP ART. 1 CO 51 LEGGE 244/2007 POICHE DAL 2008 LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE IRAP SI EFFETTUA SOLO SULLA BASE DEL CONTO ECONOMICO (SENZA TENER CONTO DELLE VARIAZIONI FISCALI) E PREVISTO L OBBLIGO DI RECUPERARE A TASSAZIONE I COMPONENTI NEGATIVI DEDOTTI FINO AL 2007 MA ANCORA IN SOSPESO SE IL SOGGETTO PROCEDE AL RIALLINEAMENTO DEI VALORI INDICATI NEL QUADRO EC MEDIANTE PAGAMENTO DELL IMPOSTA SOSTITUTIVA NON DEVE PROCEDERE AL RECUPERO DELLA TASSAZIONE DEGLI STESSI VALORI AI FINI IRAP

22 A TAL FINE ALL INIZIO DEL QUADRO E STATO PREVISTO UN APPOSITO RIQUADRO

23 PER LA COMPILAZIONE DI TALE RIQUADRO OCCORRE PRIMA COMPILARE IL QUADRO IS SEZ III

24 BASE IMPONIBILE IRAP SOGGETTI IRPEF ART. 1 CO 50 LEGGE 244/2007 (NUOVO ART. 5 BIS D. LGS 446/1997) DIFFERENZA FRA RICAVI E SOMMATORIA DEI SEGUENTI COSTI VARIAZIONI DELLE RIMANENZE ACQUISTI MERCI E SIMILI SERVIZI AMMORTAMENTI BENI MATERIALI E IMMATERIALI CANONI DI LOCAZIONE ANCHE FINANZIARIA I COMPONENTI RILEVANO SECONDO LE NORME FISCALI NON SONO AMMESSI IN DEDUZIONE SPESE PER PERSONALE DIPENDENTE (COSTO/COMPENSI/UTILI) INTERESSI SU CANONI DI LEASING PERDITE SU CREDITI ICI I CONTRIBUTI SEGUONO IL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENTE POSTA

25 OPZIONE PER LA DETERMINAZIONE IRAP SECONDO IL METODO DEL BILANCIO (NUOVO ART. 5 BIS D. LGS 446/1997) GLI IMPRENDITORI INDIVIDUALI LE SOCIETA DI PERSONE IN CONTABILITA ORDINARIA POSSONO OPTARE PER LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE IRAP CON IL METODO DEI SOGGETTI IRES L OPZIONE E IRREVOCABILE PER TRE PERIODI D IMPOSTA

26 OPZIONE PER LA DETERMINAZIONE IRAP SECONDO IL METODO DEL BILANCIO PROVVEDIMENTO 31/03/2008 (30 MAGGIO 2008) PROVVEDIMENTO 29/05/2008 L OPZIONE VA EFFETTUATA ENTRO SESSANTA GIORNI DALL INIZIO DEL PERIODO D IMPOSTA PER IL 2008, L OPZIONE VA EFFETTUATA ENTRO SESSANTA GIORNI DALLA PUBBLICAZIONE DEL MODELLO = 31 OTTOBRE 2008 PER IL 2009 = ENTRO 2 MARZO 2009

27 IRAP VALUTAZIONE METODO DEL BILANCIO PUNTI DI FORZA NON RILEVANO TUTTI I COSTI NON DEDUCIBILI INESISTENZA O RIDUZIONE DI SFASAMENTI TRA IMPONIBILE E CONTO ECONOMICO (RATEAZIONE CRITERIO DI CASSA RINVIO DEDUCIBILITA ) PUNTI DI PUNTI DI DEBOLEZZA RILEVANO I COMPONENTI ESENTI O ESCLUSI DA II.DD SALVO CHE NON SIANO RIFERITI A COMPONENTI NON DEDUCIBILI (BONUS ASSUNZIONE) SIA PREVISTA ESENZIONE IRAP (BONUS INVESTIMENTO)

28 IRAP VALUTAZIONE METODO FISCALE PUNTI DI FORZA NON SI TASSANO PLUSVALENZE (MA SOLO RICAVI) PUNTI DI PUNTI DI DEBOLEZZA NON SI DEDUCONO MINUSVALENZE NON SI DEDUCONO GLI ONERI DIVERSI DI GESTIONE (ES: IMPOSTE E TRIBUTI LOCALI)

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta Indice Capitolo 1- La determinazione della base imponibile Irap per i soggetti IRES: il principio di derivazione dal bilancio pag.9 Società di capitali Principio di inerenza Base imponibile Voci di corrispondenza

Dettagli

Direzione Regionale della Puglia. La nuova IRAP. Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle imprese e Finanziaria

Direzione Regionale della Puglia. La nuova IRAP. Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle imprese e Finanziaria Direzione Regionale della Puglia La nuova IRAP Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle imprese e Finanziaria LA NUOVA IRAP Le regole per la dichiarazione 2009 - Le aliquote per la Regione

Dettagli

DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE

DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE DIFFERENZE PERMANENTI variazioni fiscali definitive che non verranno riassorbite in successivi esercizi (es. costi definitivamente non deducibili; ricavi

Dettagli

NUOVO MODELLO IRAP 2009 D. Lgs , n Provv. Ag. Entrate L , n. 244

NUOVO MODELLO IRAP 2009 D. Lgs , n Provv. Ag. Entrate L , n. 244 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI SOGGETTI IRPEF SENZA OPZIONE SOGGETTI IRPEF CON OPZIONE E SOGGETTI IRES FILMATO Video Fisco 22.4.29 Info al n. 376-77513 NUOVO MODELLO IRAP 29 D. Lgs. 15.12.1997, n. 446 - Provv.

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Le imposte. Le imposte valutazione e fonti

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Le imposte. Le imposte valutazione e fonti Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le imposte Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla

Dettagli

La rilevazione delle imposte

La rilevazione delle imposte La rilevazione delle imposte Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di tutte le altre

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le imposte Riferimenti PRINCIPIO CONTABILE n. 25 (da fare tutto) DOCUMENTO INTERPRETATIVO AL P.C. 25 (N.2) (da fare: 1-15, 18-42) 2 Le imposte

Dettagli

Voce Conto economico VA = variazioni in aumento VD = variazioni in diminuzione. VA adeguamento studi/parametri VA assegnazione beni merce ai soci

Voce Conto economico VA = variazioni in aumento VD = variazioni in diminuzione. VA adeguamento studi/parametri VA assegnazione beni merce ai soci Si analizzano, a partire dalle voci del Conto Economico, le principali variazioni fiscali ai fini IRES e IRAP (metodo da bilancio). Si precisa che talune voci di CE sono irrilevanti ai fini IRAP; per tali

Dettagli

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE FISCALE B R B G D E M M 0 K TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA Correttiva nei termini Dichiarazione integrativa a favore REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA VENETO Dichiarazione

Dettagli

IRAP 2010: la determinazione della base imponibile

IRAP 2010: la determinazione della base imponibile IRAP 2010: la determinazione della base imponibile di Paola Mazza (*) L ADEMPIMENTO " IRAP 2010: quadri IQ, IP e IC I soggetti che esercitano abitualmente, nel territorio delle Regioni, attivita` autonomamente

Dettagli

RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI

RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare ELIMINAZIONE DEDUZIONE EXTRACONTABILI (QUADRO

Dettagli

La determinazione della base imponibile IRAP

La determinazione della base imponibile IRAP Bergamo, 18 febbraio 2009 Convegno - Il bilancio 2008: novità civilistiche e fiscali La determinazione della base imponibile IRAP Prof. Maurizio Comoli Straordinario di Ragioneria Generale Applicata Recenti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446 DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446 Istituzione dell'imposta regionale sulle attivita' produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'irpef e istituzione di una

Dettagli

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A A. A. 2 0 1 6-2017 D O T T. S S A L A U R A M U L A S Imposta sul reddito delle società (IRES) riferimenti

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art.72 161 D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. ha sostituito l I.R.P.E.G. si applica a S.p.a.,S.a.p.a.,S.r.l.,cooperative,

Dettagli

Elementi del reddito d impresa. Anno Accademico 2010/11

Elementi del reddito d impresa. Anno Accademico 2010/11 Elementi del reddito d impresa Anno Accademico 2010/11 Elementi reddituali Gli elementi reddituali possono: Positivi Negativi; Tipici Atipici; Con valenza periodica o multi periodica; Tassabili in misura

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 5 reddito fiscale e calcolo dell Ires a cura di Daniela Lucarelli La Bergami s.p.a presenta il

Dettagli

Le imposte - esercizio

Le imposte - esercizio Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le imposte - esercizio Esempio di determinazione delle imposte correnti La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio X presenta il seguente

Dettagli

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012;

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; Diritto Tributario Redditi d impresa ARTICOLI DEL TUIR Artt. 55-66 del TUIR BIBLIOGRAFIA: F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; G. Marongiu e A. Marcheselli,

Dettagli

Dall utile di bilancio al reddito fiscale. Dott. Antonino Barbagallo

Dall utile di bilancio al reddito fiscale. Dott. Antonino Barbagallo Dall utile di bilancio al reddito fiscale Dott. Antonino Barbagallo 1 Le imposte Una società di capitali è soggetta a due tipi di imposte sul reddito: IRES (imposta sul reddito delle società) si determina

Dettagli

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Al 31/12/2008 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri,

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Esercitazione n.7

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Esercitazione n.7 Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Esercitazione n.7 La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio 2014 presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere

Dettagli

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE dott. Carlo Cappelluti LA SOCIETA ALFA SRL RILEVA, AL 31 DICEMBRE 2014, UN RISULTATO PRE-IMPOSTE PARI AD EURO 52.400 SI PROVVEDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

IRAP: la nuova base imponibile

IRAP: la nuova base imponibile Workshop ABI Formazione Roma, 8 aprile 2007 IRAP: la nuova base imponibile di Paola Bartoli Legge finanziaria per il 2008 Le principali novità apportate in materia di IRAP riguardano: I. Natura del tributo

Dettagli

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n.

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n. D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 Art. 109. [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n. 112 - L. 6 agosto 2008, n. 133 Decorrenza: Dal periodo

Dettagli

CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI

CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI Do#. Pietro Ungari L ires, è l imposta sui redditi delle società di capitali relativa al reddito maturato nell esercizio, insieme all Irap

Dettagli

Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti»)

Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti») Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti») Slide a cura di Emiliano Burzi 1 Sommario Premessa Ambito soggettivo

Dettagli

Siena, da novembre WEEKEND

Siena, da novembre WEEKEND Siena, da novembre 2013 5 WEEKEND OBIETTIVI Il Master consente al professionista di ripercorrere, con la guida autorevole degli Esperti del Sole 24 ORE, la disciplina del bilancio d esercizio e della tassazione

Dettagli

Nuovo regime di deducibilità degli interessi passivi

Nuovo regime di deducibilità degli interessi passivi Nuovo regime di deducibilità degli interessi passivi Art. 1 co. 33 lett. i), l) e co. 34 Gli interessi passivi, diversi da quelli che concorrono a formare il costo dei beni ai sensi dell art. 110, co.

Dettagli

RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA. Rif. dispensa

RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA. Rif. dispensa RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA Rif. dispensa 1. Le valutazioni di bilancio nel Codice Civile Sono prioritariamente individuati dall art 2426 del Codice Civile

Dettagli

Su questo concetto si potrebbero aprire diversi scenari interpretativi oggetto di molti contenziosi con l Agenzia delle Entrate.

Su questo concetto si potrebbero aprire diversi scenari interpretativi oggetto di molti contenziosi con l Agenzia delle Entrate. IRAP 2013: cosa c'è di nuovo? Andrea Sergiacomo Il modello IRAP 2013, è destinato ad accogliere le nuove deduzioni per le imprese che assumono a tempo indeterminato lavoratrici e under 35, aumentate nel

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA - 13/10/2015 PROVA PRATICA PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA - 13/10/2015 PROVA PRATICA PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA - 13/10/2015 PROVA PRATICA PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ALFA S.P.A. - PERIODO DI IMPOSTA 2014 SVOLGIMENTO CALCOLI RELATIVI

Dettagli

INTERESSI PASSIVI: NUOVE MODALITÀ DI DEDUZIONE E INDICAZIONE IN DICHIARAZIONE. Dott. Pasquale SAGGESE

INTERESSI PASSIVI: NUOVE MODALITÀ DI DEDUZIONE E INDICAZIONE IN DICHIARAZIONE. Dott. Pasquale SAGGESE INTERESSI PASSIVI: NUOVE MODALITÀ DI DEDUZIONE E INDICAZIONE IN DICHIARAZIONE Dott. Pasquale SAGGESE Diretta 18 maggio 2009 SOGGETTI IRES - DISCIPLINA FISCALE COMMA 1: CRITERIO GENERALE DI DEDUCIBILITÀ

Dettagli

2.1 QUADRO IQ - PERSONE FISICHE

2.1 QUADRO IQ - PERSONE FISICHE 2.1 QUADRO IQ - PERSONE FISICHE 2.1.1 Generalità Il quadro IQ va utilizzato dalle persone fisiche per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2011 ai fini dell imposta regionale

Dettagli

IRAP e studi di settore:

IRAP e studi di settore: SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151 Argomenti IRAP e studi di settore: approfondimenti e novità NOVITÀ IRAP 2009 - La base imponibile per i soggetti IRES e per gli altri soggetti -

Dettagli

I.R.A.P. Imposta Regionale sulle Attività produttive - D. Lgs. n. 446/97 -

I.R.A.P. Imposta Regionale sulle Attività produttive - D. Lgs. n. 446/97 - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA I.R.A.P. Imposta Regionale sulle Attività produttive - D. Lgs. n. 446/97-1 L I.R.A.P. è un imposta, a carattere reale, sul valore aggiunto prodotto in Italia,

Dettagli

La base imponibile Irap per le società di capitali: principio di derivazione e principio di correlazione

La base imponibile Irap per le società di capitali: principio di derivazione e principio di correlazione La base imponibile Irap per le società di capitali: principio di derivazione e principio di correlazione a cura di Sandro Cerato La Legge Finanziaria 2008 (Legge n. 244/2007) ha apportato rilevanti novità

Dettagli

Quadro IP SOCIETÀ DI PERSONE

Quadro IP SOCIETÀ DI PERSONE Quadro IP SOCIETÀ DI PERSONE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2016 SOGGETTI OBBLIGATI DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI RIFERIMENTI NORMATIVI Il Quadro IP va

Dettagli

IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE

IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE Caso 5 IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE Oggetto ed obiettivi: oggetto del caso sono le imposte differite. Calcolarle è necessario per la corretta imputazione a Conto Economico delle imposte di competenza.

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. /00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

L IRAP NEGLI ENTI LOCALI

L IRAP NEGLI ENTI LOCALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE L IRAP NEGLI ENTI LOCALI Dott. Alessandro Nonini 12 Ottobre 2010 - Auditorium di Milano PRESUPPOSTI OGGETTIVO: esercizio abituale di un attività autonomamente organizzata

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Dati personali Finalità del trattamento

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Dati personali Finalità del trattamento 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Dati personali Il Ministero dell Economia e delle Finanze e l Agenzia delle Entrate, desiderano

Dettagli

UNICO 2009: Novità dell ultima ora e studi di settore alla luce della crisi economica

UNICO 2009: Novità dell ultima ora e studi di settore alla luce della crisi economica ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE TIVOLI UNICO 2009: Novità dell ultima ora e studi di settore alla luce della crisi economica Tivoli,

Dettagli

LA NOVITA APPORTATA DAL DL 16/2012 1

LA NOVITA APPORTATA DAL DL 16/2012 1 Prot. n. F89/RNS Bologna, 07 giugno 2012 Oggetto: DEDUCIBILITA DEI CANONI DI LEASING ELIMINAZIONE DEL VINCOLO DELLA DURATA MINIMA DEL CONTRATTO NUOVE REGOLE DI DEDUCIBILITA Modifica apportata, al comma

Dettagli

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1 LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI Prof. Claudia Rossi 1 DATA DI EFFETTO La scissione ha effetto dalla data dell ultima delle iscrizioni dell atto di scissione dell ufficio del registro delle imprese in cui

Dettagli

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche Reddito d impresa L art. 29, in particolare, specifica che è considerato reddito d impresa quello conseguente allo svolgimento di attività artigianali,

Dettagli

BOZZA SPECIFICHE TECNICHE IRAP SP

BOZZA SPECIFICHE TECNICHE IRAP SP BOZZA SPECIFICHE TECNICHE IRAP SP ALLEGATO B Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP Società di Persone Allegato B CONTETO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI DATI DEL MODELLO IRAP SOCIETA

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 10.06.2015 Deducibilità dell Irap riferita al costo del lavoro Ex art. 2, D.L. N. 201/2011 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

ntrate EURO genzia BOZZA INTERNET DEL 19/12/2008 ore 12:00

ntrate EURO genzia BOZZA INTERNET DEL 19/12/2008 ore 12:00 BOZZA INTERNET DEL //00 ore :00 00 genzia ntrate EURO Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. del D.Lgs. n. del 00 Finalità del trattamento Dati personali Modalità del trattamento

Dettagli

Presupposto Soggetti passivi: Base imponibile Utile/perdita Aliquota t

Presupposto Soggetti passivi: Base imponibile Utile/perdita Aliquota t IRES Definizioni Presupposto: possesso di redditi in denaro o in natura Soggetti passivi: Società per Azioni (SPA), Società in accomandita per azioni (SAPA), Società a Responsabilità limitata (S.r.l),

Dettagli

COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 2009

COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 2009 COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 00 In base a quanto previsto dalla Finanziaria 00, a decorrere dal 00 la tradizionale dichiarazione IRAP è separata dal modello UNICO e i contribuenti devono trasmettere il

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

GLI IMMOBILI NELL IMPRESA. Aggiornato alla Legge 28/01/2009, n. 2 (GU n. 22 del 28/01/ SO n. 14)

GLI IMMOBILI NELL IMPRESA. Aggiornato alla Legge 28/01/2009, n. 2 (GU n. 22 del 28/01/ SO n. 14) 3 Aggiornato alla Legge 28/01/2009, n. 2 (GU n. 22 del 28/01/2009 - SO n. 14) GLI IMMOBILI NELL IMPRESA Coordinamento scientifico a cura di Siro Giovagnoli ed Emanuele Re Legenda Indice LEGENDA: Al fine

Dettagli

Ires. Corso di Scienza delle Finanze Cleam Università Bocconi a.a Dott.ssa Simona Scabrosetti

Ires. Corso di Scienza delle Finanze Cleam Università Bocconi a.a Dott.ssa Simona Scabrosetti Ires Corso di Scienza delle Finanze Università Bocconi a.a. 2011-2012 Dott.ssa Simona Scabrosetti IRES: soggetti passivi e BI IRES: imposta proporzionale. Soggetti passivi: - società di capitali (spa,

Dettagli

Ammortamento, leasing e oneri pluriennali

Ammortamento, leasing e oneri pluriennali Ammortamento, leasing e oneri pluriennali Incontro Assolombarda 9 febbraio 2009 Enrico Tedesco- Tax Management & Planning Abrogazione deduzioni EC Ripristinato principio della previa imputazione a conto

Dettagli

Profili generali e indicazioni in dichiarazione. 1^ parte: Fiscal News n. 108 del Super ammortamento e UNICO 2016

Profili generali e indicazioni in dichiarazione. 1^ parte: Fiscal News n. 108 del Super ammortamento e UNICO 2016 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 113 13.04.2016 Super ammortamento e UNICO 2016 2 Profili generali e indicazioni in dichiarazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012

NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012 GIANCARLO DELLO PREITE 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI

Dettagli

IL REDDITO OPERATIVO LORDO (ROL) E LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI

IL REDDITO OPERATIVO LORDO (ROL) E LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI IL REDDITO OPERATIVO LORDO (ROL) E LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI 1 INDEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI: MOTIVAZIONI TEORICHE Indirizzare le fonti di finanziamento dell impresa verso capitale

Dettagli

- Il reddito d impresa- a) Norme generali, costi ricavi e valutazioni-determinazione del reddito d impresa; b) componenti positivi e

- Il reddito d impresa- a) Norme generali, costi ricavi e valutazioni-determinazione del reddito d impresa; b) componenti positivi e - Il reddito d impresa- a) Norme generali, costi ricavi e valutazioni-determinazione del reddito d impresa; b) componenti positivi e negativi-ammortamenti e accantonamenti-le valutazioni secondo le norme

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. la determinazione della base imponibile e delle imposte correnti, anticipate e differite

Ragioneria Generale e Applicata. la determinazione della base imponibile e delle imposte correnti, anticipate e differite Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte correnti, anticipate e differite 1 Al 31/12/2009 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri,

Dettagli

INDICE. 1.2 I principi generali pag Il contenuto del bilancio pag. 14

INDICE. 1.2 I principi generali pag Il contenuto del bilancio pag. 14 INDICE Capitolo 1 I principi generali di redazione del bilancio pag. 1 1.1 Premessa pag. 1 1.1.1 Quadro normativo pag. 1 1.2 I principi generali pag. 2 1.2.1 La clausola generale pag. 3 1.2.2 I principi

Dettagli

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti;

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti; Fiscalità differita ed anticipata: casi e soluzioni L iscrizione delle imposte differite attive e passive ad integrazione delle imposte correnti è necessaria al fine di rappresentare correttamente nel

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI STUDI DI SETTORE

DICHIARAZIONI FISCALI STUDI DI SETTORE SOMMARIO Caratteristiche generali Natura e funzione degli studi di settore pag. 1 Il regime probatorio degli studi di settore» 2 L accertamento analitico-induttivo in base agli studi di settore» 4 L accertamento

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI INTERESSI PASSIVI ED IL BILANCIO 2008: LE NOVITA DI CUI TENERE CONTO

LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI INTERESSI PASSIVI ED IL BILANCIO 2008: LE NOVITA DI CUI TENERE CONTO Circolare N. 22 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 24 marzo 2009 LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI INTERESSI PASSIVI ED IL BILANCIO 2008: LE NOVITA DI CUI TENERE CONTO Con l approssimarsi della chiusura

Dettagli

OIC 25 IMPOSTE SUL REDDITO

OIC 25 IMPOSTE SUL REDDITO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE OIC 25 IMPOSTE SUL REDDITO Francesco Grasso 20 marzo 2015 Modalità esposizione Analisi del principio contabile con particolare riferimento alle novità rispetto alla precedente

Dettagli

TOMO 1-11. L IMPOSIZIONE FISCALE IN AMBITO AZIENDALE Svolgimento a cura di Mariaersilia Lisi Ricatti

TOMO 1-11. L IMPOSIZIONE FISCALE IN AMBITO AZIENDALE Svolgimento a cura di Mariaersilia Lisi Ricatti TOMO 1-11. L IMPOSIZIONE FISCALE IN AMBITO AZIENDALE Svolgimento a cura di Mariaersilia Lisi Ricatti 11.1 svalutazione fiscale dei crediti ( ) Impresa A Il fondo rischi su crediti preesistente rappresenta

Dettagli

Principi generali per la determinazione del reddito imponibile e Relazione tra Bilancio di esercizio e reddito imponibile

Principi generali per la determinazione del reddito imponibile e Relazione tra Bilancio di esercizio e reddito imponibile Principi generali per la determinazione del reddito imponibile e Relazione tra Bilancio di esercizio e reddito imponibile Principi generali per la determinazione del reddito imponibile Autonomia del periodo

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE

OPERAZIONI STRAORDINARIE OPERAZIONI STRAORDINARIE Il Conferimento d azienda a cura del Dott. Pietro Buttitta Il Conferimento d azienda Gli aspetti civilistici Gli aspetti fiscali Gli aspetti contabili Il conferimento d azienda

Dettagli

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2.1 Generalità Il quadro IP va utilizzato dalle società di persone ed equiparate per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2012 ai fini dell

Dettagli

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA Anno 2016 RF266 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO DDL FINANZIARIA 2017 CONTABILITA SEMPLIFICATE E REGIME DI CASSA RIFERIMENTI Art. 5 D.L. 193/2016, IN G.U. DEL 24/10/2016 CIRCOLARE

Dettagli

Capitolo 12 L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per gli enti non commerciali

Capitolo 12 L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per gli enti non commerciali Capitolo 12 L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per gli enti non commerciali 12.1 Il presupposto d imposta L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) è stata istituita dal D.Lgs.

Dettagli

IRAP: Il taglio del cuneo fiscale per il lavoro a tempo indeterminato e l intervento sulle aliquote nella Legge di Stabilità 2015

IRAP: Il taglio del cuneo fiscale per il lavoro a tempo indeterminato e l intervento sulle aliquote nella Legge di Stabilità 2015 IRAP: Il taglio del cuneo fiscale per il lavoro a tempo indeterminato e l intervento sulle aliquote nella Legge di Stabilità 2015 Dott. Paolo Meneguzzo Confindustria Vicenza, Area Fiscale Schio, 11 febbraio

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

Determinazione del reddito fiscale e calcolo dell IRPEG e dell IRAP. Rilevazione delle imposte e compilazione del Conto economico

Determinazione del reddito fiscale e calcolo dell IRPEG e dell IRAP. Rilevazione delle imposte e compilazione del Conto economico 76 ESERCIZIO 8 INDIRIZZO Amministrativi Ragioneria Programmatori Ragioneria ed Economia aziendale Igea Mercurio Economia aziendale Professionali - Progetto 92 Economia aziendale Determinazione del reddito

Dettagli

Novità per la determinazione della base imponibile IRAP

Novità per la determinazione della base imponibile IRAP Gianluca Cristofori (Commercialista in Verona) Novità per la determinazione della base imponibile IRAP 1 Principio di derivazione dalle risultanze del bilancio L IRAP si applica sul valore della produzione

Dettagli

La Rossi spa presenta il seguente conto economico redatto al 31/12 dopo le scritture di assestamento.

La Rossi spa presenta il seguente conto economico redatto al 31/12 dopo le scritture di assestamento. La Rossi spa presenta il seguente conto economico redatto al 31/12 dopo le scritture di assestamento. A) VALORE DELLA PRODUZIONE Ricavi delle vendite e delle prestazioni 64.000.000 Variazione rimanenze

Dettagli

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2.1 Generalità Il quadro IP va utilizzato dalle società di persone ed equiparate per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2015 ai fini dell

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 44 03.12.2014 Immobiliari di gestione Disciplina contabile e fiscale Categoria: Immobili Sottocategoria: Patrimonio Sono immobiliari di gestione le società

Dettagli

FISCALITÀ DIRETTA UTILE PER L IMPRESA, GLI INTERESSI PASSIVI DEDUCIBILI

FISCALITÀ DIRETTA UTILE PER L IMPRESA, GLI INTERESSI PASSIVI DEDUCIBILI FISCALITÀ DIRETTA UTILE PER L IMPRESA, GLI INTERESSI PASSIVI DEDUCIBILI Le novità nei bilanci 2016, con la possibilità di scaricare file excel che riportano 2 esempi di calcolo della deducibilità degli

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI Ai sensi del comma 4 bis, lettera d-bis), per i soggetti di cui all articolo 3, comma 1, lettere b) e c), l importo delle deduzioni indicate nella precedente tabella è aumentato, rispettivamente, da 8.000

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Politiche fiscali e societarie Roma, 17 novembre 2016 Interventi fiscali per la crescita Detrazioni fiscali per interventi di riqualificazione

Dettagli

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi dott. Pasquale SAGGESE La Finanziaria 2008 Profili introduttivi FONTI NORMATIVE E CHIARIMENTI DI PRASSI COMMI DA 96 A 117 DELL ARTICOLO 1 DELLA L. 244/2007

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼ art. 13 D.lgs. n.196/2003 in materia di protezione dei dati personali

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼ art. 13 D.lgs. n.196/2003 in materia di protezione dei dati personali 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼ art. D.lgs. n./00 in materia di protezione dei dati personali Finalità del trattamento Con questa informativa l Agenzia delle

Dettagli

LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI

LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI DISCIPLINA TRIBUTARIA DEL CONTRATTO DI LEASING La disciplina civilistica, nonostante

Dettagli

Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture)

Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture) Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture) Al fine di stimolare gli investimenti da parte delle imprese e dei professionisti, la Legge di Stabilità 2016 ha introdotto la possibilità

Dettagli

#1064 Riporto cespiti in Dichiarazioni Fiscali (Raccordo cespiti, Verifica Operatività-Società di comodo, Spese di manutenzione e Maxi ammortamento)

#1064 Riporto cespiti in Dichiarazioni Fiscali (Raccordo cespiti, Verifica Operatività-Società di comodo, Spese di manutenzione e Maxi ammortamento) Suite Contabile Fiscale #1064 Riporto cespiti in Dichiarazioni Fiscali (Raccordo cespiti, Verifica Operatività-Società di comodo, Spese di manutenzione e Maxi ammortamento) Il modulo cespiti mette a disposizione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. /00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

LA STRUTTURA E IL CONTENUTO DEL CONTO ECONOMICO

LA STRUTTURA E IL CONTENUTO DEL CONTO ECONOMICO LA STRUTTURA E IL CONTENUTO DEL CONTO ECONOMICO 1 SOMMARIO Rigidità dello schema e sua struttura A) Valore della produzione B) Costi della produzione C) Proventi e oneri finanziari D) Rettifiche di valore

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 28/02/2016 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

Effetti legati all applicazione degli Ias/Ifrs. Di Emanuela Fusa Studio di Finanza e Fiscalità

Effetti legati all applicazione degli Ias/Ifrs. Di Emanuela Fusa Studio di Finanza e Fiscalità Effetti legati all applicazione degli Ias/Ifrs Di Emanuela Fusa Studio di Finanza e Fiscalità 1 PROBLEMATICHE FISCALI CONNESSE ALL INTRODUZIONE DEGLI IAS Alcune problematiche specifiche che la normativa

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Anno Accademico Scienza delle Finanze CLEAM classe 8 IRES. Giampaolo Arachi

Università Commerciale Luigi Bocconi Anno Accademico Scienza delle Finanze CLEAM classe 8 IRES. Giampaolo Arachi Università Commerciale Luigi Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze 30264 CLEAM classe 8 IRES Giampaolo Arachi Imposta su reddito delle società (IRES): caratteri generali Presupposto:

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009.

Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009. Torino, 09/06/2009 SCADENZARIO TRIBUTARIO: GIUGNO 2009 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009. 1 15 Lunedì IVA Fatturazione differita: Scade il termine per l emissione

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 4/2012. OGGETTO: il trattamento contabile delle imposte anticipate e differite

NOTA OPERATIVA N. 4/2012. OGGETTO: il trattamento contabile delle imposte anticipate e differite NOTA OPERATIVA N. 4/2012 OGGETTO: il trattamento contabile delle imposte anticipate e differite - Definizione Al fine di procedere all esame delle imposte anticipate e differite da un punto di vista contabile

Dettagli