U.O. Supporto alla Offerta Formativa. Decreto n. IL RETTORE E IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U.O. Supporto alla Offerta Formativa. Decreto n. IL RETTORE E IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO"

Transcript

1 U.O. Supporto alla Offerta Formativa Decreto n. IL RETTORE E IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO VISTI che, nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica ltaliana, Serie Generale, del 14 gennaio 201,1-, n. L0, è stata pubblicata la Legge del 30 dicembre 201,0, n.240, che contiene "Norme in moteria di orgonizzazione delle universitò, di personale accademico e reclutamento, nonche delego ql Governo per incentivore la qualitò e la eft'icienza del siste m a u n ive rsito ri o" ; che la Legge 30 dicembre20'j.0,n.240, è entrata in vigore a decorrere dal 29 gennaio 201,0; in particolare, l'articolo 2 della Legge 30 dicembre 201-0, n. 240, come successivamente modificato ed integrato dall'articolo 49, comma l-, lettera a), del Decreto Legge 9 febbraio 201.2, n, 5, convertito, con modificazioni, dalla Legge 4 aprile 2012, n.35; che, nel rispetto di quanto previsto dall'articolo 2 della Legge 30 dicembre 201,0, n. 240, e successive modifiche ed integrazioni, e stato adottato il nuovo Statuto della Universita degli Studi del Sannio, definitivamente approvato dal Senato Accademico nella seduta del 31 maggio 2012 ed emanato con Decreto Rettorale del L3 giugno 201,2, numero 781; che il nuovo Statuto della Università degli Studi del Sannio è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario della Gazzetta Ufficiale della Repubblica ltaliana, Serie Generale, del 3 luglio 20L2, n. l-53, ed e entrato in vigore a decorrere dal 18 luglio 20L2; altresì, gli articoli 5, 6, comma l-, lettera a), e 32, comma 2, lettera a), del nuovo Statuto della Università degli Studi del Sannio, che definiscono l'iter procedurale preordinato alla approvazione. alla emanazione, alla pubblicazione ed alla entrata in vigore del Regolamento Generale di Ateneo, e gli articoli 1-0, commi 4 e 5, 12, commi 1.e4,L4, commi 1e3,16, commi l- e 2, L7, comma L, tb, comma 2, 19, commi 2 e 3,20, comma 3,24, comma L,2B, comma2,29, comma L,31-,32, comma 2, lettera k),33,35, commi L,5 e 11,37, comma 2,39, comma 1-,4L, comma 4, lettera q),43, comma 2, e 49,de Generale di Ateneo; il Decreto Rettorale del 28 giugno 2012, n.827, con il quale e stata nominata la Commissione lstruttoria prepost alla stesura del Regolamento Generale di Ateneo; che la Commissione lstruttoria preposta alla stesura del Regolamento Generale di Ateneo si è riunita nei giorni 4 luglio 201.2, 9 luglio 2012, 1.1. luglio 2012, 1"6 luglio 201.2, 1.8luglio 2012, i.8 luglio 2012,23 luglio 2012,25 luglio 20L2, 5 settembre 2012, 6 settembre 20L2, 7 settembre e L0 settembre 2012ed ha concluso isuoi lavorin data 13 settembre2ol.2; la nota del L4 settembre 201-2, registrata nel protocollo generale di ateneo in data L7 settembre 2O1.2 con il numero progressivo 9530, con la quale il -\i ì,\l* 3lÌ00 llt:\hvf\lo- ì)l \,/,/,\(ìlllrriì.,\1./l l lcl 1031ìl()5{)30-l r\1{)811)

2 Professore Gaetano contlnlllo, nella sua qualità di coordinatore della predetta Commissione lstruttoria, ha trasmesso la lpotesi di Regolamento Generale di Ateneo, predisposta nel rispetto delle disposizioni statutarie innanzi richiamate; che, su incarico del Rettore, il Dottore Gaetano TELEslo, nella sua qualità di Direttore Amministrativo, dopo un approfondito esame della predetta lpotesi di Regolamento, ha formulato una serie di emendamenti, proposti "...olfine di: 1-. gorantire, sio sotto il profilo dello legittimità che sotto il profilo del merito, lo pieno armonio delle disposizioni regolomentori con le disposizioni legislative e stotutarie di riferimento; 2. gorontire una pieno, corretto ed esoustivo disciplina di tutte le fottispecie oggetto delle disposizioni regolamentori; 3. gorontire, nello disciplino delle singole fattispecie, lo uniformitò e lo sistematicitò delle disposizioni regolomentari, in ossequio oi principi della ragionevolezza, della logicitò e dello imparzialitò della ozione amministrativo; 4. gorontire che lo stesura delle disposizioni regolomentori rispondo pienamente, sio sotto il profilo formole che sotto il profilo sostonziale, olle consolidote tecniche di redazione degli otti normotivi; 5. gorontire, sotto il profilo tecnico-giuridico, lo chiorezza e la semplicitò delle disposizioni regolomentari, onche al fine di limìtore, il piit possìbile, eventuoli difficoltò operotive in sede di interpretozion e di opplicazione delle medesime disposizioni..." ; la deliberazione con la quale, il Consiglio di Amministrazione, nella seduta dell'8 novembre 2012, ha espresso, alla unanimità, parere favorevole alla approvazione della lpotesi di "Regolamento Generole di Ateneo", come predisposta dalla Commissione lstruttoria nominata con Decreto Rettorale del 28 giugno 20L2, n.827, e modificata dal Dottore Gaetano TELESIO, nella sua qualità di Direttore Amministrativo della Università degli Studi del Sannio, invitando, peraltro, il Senato Accademico a tenere conto di alcune indicazioni, come specificate in premessa; la deliberazione con la quale, il Senato Accademico, nella seduta del 15 novembre 201-2, ha, tra l'altro: 1-. approvato "...1a lpotesi di "Regolamento Generole di Ateneo", come predisposto dollo Commissione lstruttoria nominato con Decreto Rettorole del 28 giugno 20L2, n. 827, e modificoto dal Dottore Gsetsno TELESIO, nella suo quolità di Direttore Amministrotivo della Universitò degli Studi del Sonnio, per le motivozioninnonzi esposte, con ulteriori emendamenti, che tengono conto onche del parere espresso dol Consiglio di Amministrazione nello seduta dell'b novembre con le relotive indicozioni..." ; 2. approvato il testo finale del "Regolamento Generole di Ateneo"; 3. autorizzato il Rettore a porre in essere tutti gli atti connessi e conseguenti; la nota rettorale del 23 novembre 2012, numero di protocollo 12880, con la quale e stata trasmessa al Ministero della lstruzione, della Università e della (Y'

3 ATTESO Ricerca tutta la documentazione relativa alla adozione del nuovo "Regolamento Generale di Ateneo" della Università degli Studi del Sannio; che la predetta nota e stata ricevuta dal Ministero della lstruzione, della Università e della Ricerca in data 26 novembre2012 e, pertanto il termine perentorio stabilito dall'articolo 6, comma 9, della Legge 9 maggio 1989, n. 1.68, e successive modifich ed integrazioni, per l'esercizio del controllo di legittimità e di merito, di competenza del predetto Ministero, e scaduto il 25 gennaio 2OL3; che, entro il predetto termine di scadenza, non è pervenuto alcun rilievo del Ministero della lstruzione, della Università e della Ricerca in merito al nuovo "Regolomento Generole di Ateneo" della Università degli Studi del Sannio, come approvato dal Senato Accademico nella seduta del 15 novembre 201,2; pertanto, che, con Decreto Rettorale del 29 gennaio 201,3, numero 158, è stato emanato il nuovo "Regolomento Generale di Ateneo" della Università degli Studi del Sannio; la nota rettorale del 29 gennaio 201,3, numero di protocollo 1209, con la quale e stato comunicato, per opportuna conoscenza, al Dipartimento per la Università, la Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica e per la Ricerca, Direzione Generale per la Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Universitario, del Ministero della lstruzione, della Università e della Ricerca che, con "...Decreto Rettorole del 29 gennaio 201-3, n. 158, è stato emanoto il nuovo "Regolomento Generale di Ateneo" dello Universito degli Studi del Sannio..."i: che il nuovo "Regolomento Generole di Ateneo" della Università degli Studi del Sannio è entrato in vigore a decorrere dal 13 febbraio 2Ot2; in particolare, l'articolo 44 del nuovo "Regolamento Generale di Ateneo"; la nota rettorale del L6 gennaio 201,3, numero di protocollo 596, con la quale il Personale Docente e Ricercatore della Università degli Studi del Sannio e stato invitato a "...trasmettere le istanze di costituzione dei Dipartimenti, presentate, ciascuno, do un gruppo di almeno quarantacinque docenti e ricercatori e corredate do dettagliati progetti scientifici e didottici nonché dolle specif iche indicozioni di risorse umane, strumentali, f inonziarie e logistiche necessarie per il loro funzionamento, entro e non oltre il 7" febbroio 2073, onche al fine di accelerore le procedure elettorali preordinote qlla costituzione dei nuovi orgoni stotutori, sio monocroticiche collegiali..."; la nota del 28 gennaio 20L3, registrata nel protocollo generale di ateneo in data 29 gennaio 20L3 con il numero progressivo 1234, con la quale il Direttore del Dipartimento di " scienze per la Biologia, lo Geologio e l'ambiente", Professore Fernando GOGLIA, il Direttore del Dipartimento dei "Sistemi Economici, Giuridici e Socioli", Professore Giuseppe MAROfiA, ed il Direttore del Dipartimento di "lngegneria", Professore Umberto VILLANO, hanno chiesto la "...concessione di una proroga di dieci giorni del termine per lo trosmissione delle istanze di costituzione dei nuovi Diportimenti, fissoto per il 7" febbroio "; la nota rettorale del 4 febbraio 201-3, numero di protocollo 1-468, con la quale e stata comunicatai Direttori di Dipartimento ed a tutto il Personale Docente e Ricercatore della Università degli Studi del Sannio la proroga del (M^^

4 VISTI predetto termine di scadenza "...dalle ore dodici del 7" febbroio 2013 stle ore tredici dell'8 febbraio "; la nota del 7 febbraio 20L3, registrata nel protocollo generale di ateneo in data 8 febbraio 2013 con il numero progressivo 171.0, con la quale il Professore Michele Dl santo, nella sua qualità di Decano della Facoltà di lngegneria, ha trasmesso la "Propostc, di lstituzione del Dipartimento di lngegneria", sottoscritta da sessantasei tra docenti e ricercatori e corredata da un dettagliato progetto scientifico e didattico e dalle indicazioni relative alle risorse umane, logistiche, strumentali e finanziarie richieste per il funzionamento del predetto Dipartimento; che, in data 8 febbraio 2013 l'attuale Dipartimento di "scienze per la Biologio, la Geologio e I'Ambiente" ha trasmesso, altresì, la "proposta di lstituzione del Dipartimento di Scienze e Tecnologie", registrata nel protocollo generale di ateneo in pari data con il numero progressivo 171,5, sottoscritta da cinquantadue tra docenti e ricercatori e corredata dal progetto scientifico e didattico e dalle indicazioni relative alle risorse umane, logistiche, strumentali e finanziarie richieste per il funzionamento del p redetto Diparti mento; infine, la nota dell'b febbraio 2013, registrata nel protocollo generale di ateneo in pari data con il numero progressivo 171-6,con la quale il Segretario Amministrativo dell'attuale Dipartimento dei "Sistemi Economici, Giuridici e socioli" ha trasmesso la "Proposto di tstituzione del Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quontitatiyi", sottoscritta da ottantuno tra docenti e ricercatori e corredata dal progetto scientifico e didattico e dalle indicazioni relative alle risorse umane, logistiche, strumentali e finanziarie richieste per il funzionamento del predetto Dipartimento; gli elenchi dei docenti e dei ricercatori che hanno sottoscritto le proposte di costituzione dei nuovi Dipartimenti e irelativi progetti scientifici e didattici; che il nuovo "Dipartimento di lngegneria", limitatamente alla denominazione, alla composizione, agli interessi scientifici e culturali ed alle finalità di ricerca, non presenta differenze sostanziali da quello attuale; che il "Dipartimento di Scienze e Tecnologie", limitatamente alla composizione, agli interessi scientifici e culturali ed alle finalità di ricerca, non presenta differenze sostanziali dall'attuale Dipartimento di Scienze per la Biologia, la Geologia e l'ambiente; che il "Dipartimento di Diritto, Economia, Monagement e Metodi Quontitotivi", limitatamente alla composizione, agli interessi scientifici e culturali ed alle finalità di ricerca, non presenta differenze sostanziali dall'attuale Dipartimento di Studi dei Sistemi Economici, Giuridici e Sociali; inoltre, che, nella seduta del 1-4 febbraio 201,3, il Nucleo di Valutazione di Ateneo ha esaminato le "...proposte di costituzione dei nuovi Dipartimenti..." ed ha espresso, in merito, il proprio parere; la nota del 14 febbraio 201,3, trasmessa a mezzo di posta elettronica e registrata nel protocollo " " della Direzione Amministrativa data l-5 febbraio 20L3 con il numero progressivo I7B, con la quale il Professore Lorenzo ZOPPOLI, nella sua qualità di Presidente del Nucleo di Valutazione di Ateneo, ha trasmesso il predetto parere;

5 in particolare, che il Nucleo di Valutazione di Ateneo ha "...espresso, allo unanimita, parere fovorevole sulle proposte di costituzione delle nuove strutture dipartimentali rilevondo, peraltro, che oppore senz'altro preferibile che le proposte siono corredote do indicozioni esplicite sui fabbisogni di risorse umane e logistiche necessarie per la costituzione delle predette strutture..." ; il parere espresso dal Senato Accademico nella seduta del22 febbraio 2013; la deliberazione assunta dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 2B febbraio 201,3, DECRETANO Articolo 1. E' autorizzata, a decorrere dalla data del presente decreto: a la istituzione dei nuovi Dipartimenti, come di seguito specificati: 1) Dipartimento di Ingegneria; 2) Dipartimento di Scienze Tecnologie; 3) Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi; o la disattivazione degli attuali Dipartimenti, come di seguito specificati: 1) Dipartimento di Ingegneria; 2) Dipartimento di Scienze per la Biologia, la Geologia e l'ambiente; 3) Dipartimento di Studi dei Sistemi Economici, Giuridici e Sociali; Articolo 2. Al Rettore e al Direttore Amministrativo, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze, è demandato il compito di disciplinare, nel rispetto sia delle linee di indirizzo che delle indicazioni operative definite dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 28 febbraio 2013,la fase di passaggio dalla progressiva disattivazione delle attuali strutture didattich e di ricerca alla completa attivazione delle nuove strutture dipartimentali, al fine di garantire il regolare corretto perfezionamento: o di tutti iprocedimenti preordinati alla costituzione dei nuovi organi dipartimentali, sia monocratici che collegiali; o di tutti gli atti e iprovvedimenti, ivi compresi quelli aventi natura gestionale, che dovranno essere adottati dai competenti organi dipartimentali nella fase t ra n sito ri a; o di tutti gli atti propedeutici, per ognuna delle nuove strutture, ad una completa ricognizione del "potrimonio" ed alla definizione della relativa "consistenza", con particolare e specifico riguardo ai beni mobili, agli arredi, alle apparecchiature ed alle attrezzature, sia didattiche che scientifiche, e al materiale bibliografico, anche in considerazione della attivazione, a decorrere dal prossimo anno, del "bilancio unico" e del "sistemo di contobilità economico-potrimoniale". Articolo 3. Nel rispetto delle vigenti disposizioni statutarie regolamentari, i professori di prima fascia in servizio di ruolo nelle nuove strutture dipartimentali che svolgeranno le funzioni proprie del " Decono" sono autorizzati: o ad adottare tutti gli atti preordinati alla costituzione dei nuovi organi dipartimentali, sia monocratici che collegiali; o ad adottare tutti gli atti gestionali di ordinari amministrazione fino alla data di insediamento dei nuovi Direttori di Dipartimento. Articolo 4. Alle attuali strutture didattich e demandato il compito di adottare tutti gli atti e i provvedimenti preordinati alla istituzioned alla attivazione, per il prossimo anno accademico, dei corsi di studio che configurano la offerta formativa e a curare, fino ( [t-'-

6 Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Articolo 8. Articolo 9. alla attivazione delle nuove strutture dipartimentali, la gestione di tutti i procedimenti preordinati a garantire il regolare svolgimento delle attività didattiche. ll Rettore e il Direttore Amministrativo, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze, sono autorizzatt ad adottare, previa consultazione dei competenti soggetti sindacali e nel rispetto di procedure e modalità definite dalle vigenti disposizioni legislative, statutarie e regolamentari, gli atti preordinati al perfezionamento dei procedimenti approvazione: o della dotazione organica del personale tecnico ed amministrativo dei nuovi Dipartimenti, come di seguito specificati: a) Dipartimento di Ingegneria; b) Dipartimento di Scienze Tecnologie; c) Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi; o delle necessarie modifiche da apportare ai Documenti, approvati con Decreto Rettorale del 10 dicembre 2009, n. l_518, come di seguito specificati: r "Revisione dell'assetto organizzotivo della IJniversitù deqli Studi del Sonnio: n u ovo struttu ra org o n i zzativ a" ; r "Revisione dell'ossetto orgonizzativo dello IJniversitò degli Studi det Sonnio: fobbisogno di organico con lo relativa dotozione". ll Direttore Amministrativo è autorizzato ad adottare, conseguentemente, tutti gli atti finalizzati ad aggiornarela "struttur orgonizzativa", ivi compresi quelli preordinati: a) alla modifica dell'attuale " orgonigrommo" ; b) alla modifica dei "Monuali" per la individuazione e la definizione dei compiti di Uffici, Settori, Unità Organizzative ed altre Strutture, per la individuazione e la definizione dei procedimenti amministrativi e per la delega della firma. ll Direttore Amministrativo, nelle more della definizione della dotazione organica del personale tecnico ed amministrativo delle nuove strutture dipartimentali, è autorizzato a disporre, con proprio provvedimento, la temporaneassegnazione: a) di tutte le unità di personale tecnico ed amministrativo servizio nelle Unità Organizzative e nelle altre Strutture della Facoltà di Ingegneria e dell'attuale Dipartimento di Ingegneria, come individuate e definite dal vigente "organigrammo", al nuovo Dipartimento di lngegneria; b) di tutte le unità di personale tecnico ed amministrativo servizio nelle Unità Organizzative e nelle altre Strutture della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e del Dipartimento di Scienze per la Biologia, la Geologia e l'ambiente, come individuat e definite dal vigente "orgonigrommo", al Dipartimento di Scienze Tecnologie; c) di tutte le unità di personale tecnico ed amministrativo servizio nelle Unità Organizzative e nelle altre Strutture della Facoltà di Scienze Economiched Aziendali, della Facoltà di Giurisprudenza e del Dipartimento di Studi dei Sistemi Economici Giuridici e Sociali, come individuate e definite dal vigente "organigrommo", al Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi. Ai Presidi di Facoltà, fino alla data di insediamento dei nuovi Direttori di Dipartimento, sono affidati i compiti di supervisione, coordinamento, indirizzo e direzione delle Unità Organizzative e delle altre Strutture che afferiscono alle attuali Facoftà, come individuate definite dal vigente "orgonigromma". Ai professori di prima fascia in servizio di ruolo nelle nuove strutture dipartimentali che svolgeranno le funzioni proprie del"decano",fino alla data di insediamento dei I L"^-^ L','

7 nuovi Direttori di Dipartimento, sono affidati i compiti di supervisione, coordinamento, indirizzo e direzione delle Unità Organizzative e delle altre Strutture che afferiscono agli attuali Dipartimenti, come individuat e definite dal vigente "orgonigramma". Articolo 10. E' autorizzato il trasferimento: a) al nuovo Dipartimento di Ingegneria tutte le risorse logistiche, strumentali e finanziarie attualmente in dotazione alla Facoltà di Ingegneria e all'attuale Dipartimento di Ingegneria; b) al Dipartimento di Scienze Tecnologie tutte le risorse logistiche, strumentali e finanziarie attualmente in dotazione alla Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche Naturali e al Dipartimento di Scienze per la Biologia, la Geologia e l'ambiente; c) al Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi tutte le risorse logistiche, strumentali e finanziarie attualmente in dotazione alla Facoltà di Scienze Economiche ed Aziendali, alla Facoltà di Giurisprudenza e al Dipartimento di Studi dei Sistemi Economici, Giuridici e Sociali. Articolo 11. E' autorizzato il trasferimento: a) al nuovo Dipartimento di Ingegneria i Corsi di Dottorato di Ricerca già attivi presso l'attuale Dipartimento di Ingegneria; b) al Dipartimento di Scienze Tecnologie icorsi di Dottorato di Ricerca già attivi presso l'attuale Dipartimento di Scienze per la Biologia, la Geologia e l'ambiente; c) al Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi i Corsi di Dottorato di Ricerca già attivi presso il Dipartimento di Studi dei Sistemi Economici, Giuridici e Sociali. Articolo 12. E'autorizzata la adozione di tutti gli atti connessi e conseguenti alla istituzione dei nuovi Dipafiment-i,_come specificati nell'articolo 1 del presente Decreto. Benevento, fi t t{fip,?$13 Prof. Fili

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

approvato dalla VII Commissione permanente (Cultura, scienza e istruzione) della Camera dei deputati il 22 aprile 2015

approvato dalla VII Commissione permanente (Cultura, scienza e istruzione) della Camera dei deputati il 22 aprile 2015 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1892 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei deputati MARIANI, GHIZZONI, ANTEZZA, BERLINGHIERI, BOSCHI, BRAGA, BRATTI, CAPOZZOLO, CARELLA, COMINELLI, DALLAI, D INCECCO,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA.

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA. STATUTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Definizioni 1. Ai fini dello Statuto, dei Regolamenti e degli atti dell Ateneo

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

STATUTO DELL AUTONOMIA

STATUTO DELL AUTONOMIA Atti della Commissione statutaria 1 Università degli Studi di Sassari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI STATUTO DELL AUTONOMIA SOMMARIO PREAMBOLO Definizioni TITOLO I - PRINCIPI Capo I - Principi generali

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga TITOLO I ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga TITOLO I ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA n. 1/2011 LEGGE 30 dicembre 2010, n. 240 (in G.U. n. 10 del 14 gennaio 2011 - Suppl. Ord. n. 11 - in vigore dal 29 gennaio 2011) - Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

JI~~J~J deii~erlella ~ q;~fu»e ii~ educativo cii ~ e cii~ q;~ ~fu»eil[!/)~../~

JI~~J~J deii~erlella ~ q;~fu»e ii~ educativo cii ~ e cii~ q;~ ~fu»eil[!/)~../~ ca MIUR _Ministero dell'istruzione dell'universuà e della Ricerca AOODPIT _DIPARTIMENTO DELL'ISTRUZIONE REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI Prot. n. 0000767 _ 17/07/2015 _ REGISTRAZIONE 1111_11111 JI~~J~J

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002)

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) TITOLO PRIMO CAPO PRIMO Natura e caratteristiche del Dipartimento Articolo 1

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

si riunisce telematicamente il giorno 13 maggio 2015 alle ore 17.30 per la stesura della relazione finale.

si riunisce telematicamente il giorno 13 maggio 2015 alle ore 17.30 per la stesura della relazione finale. PROCEDUM VALUTATIVA DI CHIAMATA RISERVATA PER I.A COPERTUM DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ORDINARIO AI SENSI DELL',ART. 24 CO. 6 DEL -A LEGGE N.240l2010 - PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/G1, SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 20 gennaio 2009, n. 17 Regolamento recante disposizioni di riorganizzazione del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca. (GU n. 60 del 13-3-2009)

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

2 - ISCRIZIONI AD ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO

2 - ISCRIZIONI AD ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO 2 - ISCRIZIONI AD ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO 1. Devo iscrivermi al secondo anno (anni successivi, anni fuori corso) del Corso di Laurea in Giurisprudenza, come devo fare? Nei termini stabiliti dall Ateneo

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli