IS Governance (in Italia)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IS Governance (in Italia)"

Transcript

1 Verso il GOVERNO dei SISTEMI INFORMATIVI IS Governance (in Italia) Severino Meregalli Padova, 29 maggio

2 Verso il GOVERNO dei SISTEMI INFORMATIVI Sponsor e sostenitori di ISACA VENICE Chapter Con il patrocinio di 2

3 Severino Meregalli SDA Professor della Unit Sistemi Informativi della SDA Bocconi School of Management dove svolge attività di docenza e ricerca. Socio fondatore di Asset e Partner della practice Information System Governance. Consulente nel campo della Governance dei Sistemi Informativi Aziendali. E membro del comitato sistemi informativi di gruppi italiani e internazionali. Laureato in Economia Aziendale presso l università Bocconi di Milano. Visting Scholar Carlson School of Management University of Minnesota. ITP HEC-ISA Paris. 3

4 ABSTRACT La via italiana all IS GOVERNANCE è caratterizzata da specificità attinenti il tessuto economico, sia per dimensioni sia per maturità dei modelli, ed il livello di conformità indotto dalle normative vigenti. Attraverso alcuni casi viene presentato un percorso che risulta sostenibile ed efficace, oltreché coerente con il contesto nazionale. Esiste una via Italiana all IS Governance? Cosa si può imparare studiando il contesto delle Aziende Italiane? 4

5 Il contesto: la complessità aziendale Dinamismo e complessità come elementi strutturali Scenari non definibili a priori Nuove forme d impresa: aziende virtuali e senza confini Crollo del mito della pianificazione come antidoto alla complessità Molteplicità degli attori coinvolti (es. shareholders, stakeholders, globalizzazione... ) Management non pronto a definire requirement e a descrivere operativamente le scelte forti Permanenza di un gap tra fabbisogni aziendali e Sistema Informativo 5 5

6 Il contesto: ICT e Azienda Ruolo dei SI: in un Sistema Economico come quello Italiano critico ma non strategico Rapido passaggio da strategico a dovuta diligenza Le aziende che oggi sono in stato di economicità sono un ambiente nativamente ostile per chi si occupa di Sistemi Informativi 6

7 Il contesto: conseguenze per i sistemi informativi aziendali Non c è tempo a sufficienza per attivare cicli di revisione e modifica del sistema informativo che siano coerenti con i tempi aziendali I ritmi di mutazione degli scenari aziendali danno poco spazio a processi di gestione dei sistemi informativi fortemente orientati alla pianificazione e al lungo periodo Occorre progettare sistemi con un alto grado di autoadattamento alle mutate condizioni aziendali Questo risultato si può ottenere solo grazie ad un cambiamento radicale di paradigma nei sistemi informativi e nella loro gestione 7

8 Il nuovo paradigma per i SI L identificazione e il perseguimento di un nuovo modo di concepire e gestire i Sistemi Informativi Aziendali sposta l attenzione sul tema delle modalità per ottenere continuativamente una (ragionevole) coerenza tra Sistema Informativo e Azienda in un contesto di economicità Dalla Gestione alla Governance dei Sistemi informativi Aziendali 8

9 Cosa è la Governance dei Sistemi Informativi Insieme di logiche e strumenti finalizzati alla creazione di un assetto strutturale e di un contesto di governo del Sistema Informativo Aziendale che lo rendano costantemente coerente con le esigenze aziendali in ambienti caratterizzati da un alto livello di complessità 9

10 Corporate Governance, IS Governance e IT Governance Uno degli aspetti più importanti e determinanti in merito alla coerenza tra sistemi informativi e fabbisogni aziendali è la creazione di un legame forte ed esplicito fra Corporate Governance e IS Governance Corporate Governance IS Governance: Orientamento SI Cultura Misure IT Governance: Infrasttrutture Applicazioni 10

11 La ricerca su IS Governance e Board in Italia Collocata nel filone IS Governance Corso IS Governance: allineamento strategico e governo dei sistemi informativi lanciato nel 2001, 14 edizione nel 2014 Ricerche su varie tematiche attinenti al governo dei sistemi informativi (Modelli di governo, I Tools di IT Governance, Cobit e ITIL, IS Global Compliance, Il valore dei Sistemi Informativi, ) Filone su cui si è consolidata una lunga e proficua collaborazione con Protiviti 2008 I modelli di IS Governance, casi aziendali a confronto 2009 I legami fra obiettivi aziendali e processi IT secondo CobIT (con AIEA) 2010 I modelli di IS Governance, casi aziendali a confronto La Governance dei Sistemi Informativi: un vademecum per il CDA La ricerca, finanziata da Protiviti, ha poi prodotto una pubblicazione realizzata anche con il contributo di fondi interni SDA 11

12 La rilevanza del tema Il filone della IS Governance ha portato in evidenza l importanza delle decisioni che riguardano l assetto globale e dei controlli relativi al Sistema Informativo La presenza di rischi operativi e i riflessi della compliance collegati ai Sistemi Informativi richiedono una sempre maggiore attenzione da parte dei membri del Board Sono sempre più frequenti e conosciuti i casi in cui la mancata identificazione dei rischi collegati ai sistemi informativi ha portato il Board ad essere esposto su temi che vengono trattati in sola logica emergenziale La coerenza (allineamento) tra Azienda e suo Sistema Informativo rimane uno dei compiti e delle preoccupazioni principali delle Direzioni Aziendali 12

13 Il Board e la Governance dei SI (1) Molte decisioni che i Consigli prendono in merito ai Sistemi Informativi sono caratterizzate da un basso (se non nullo) livello di reversibilità, richiedendo così istruttorie e processi decisionali complessi Esiste anche un banale problema di disponibilità di conoscenze aggiornate sugli ultimi sviluppi delle tecnologie ICT, che portano i consigli a prendere decisioni basandosi su luoghi comuni o riferimenti esperienziali non aggiornati Ciò anche a causa del fatto che spesso l età media di chi siede in questi organi non depone in favore di una prossimità ai temi più recenti dell ICT e anche l arrivo di nuove generazioni non sembra essere la panacea per questo problema 13

14 Il Board e la Governance dei SI (2) Alcune delle decisioni riguardanti i Sistemi Informativi tendono a estendere i propri effetti al di là del mandato del CDA, ponendo spesso forti ipoteche sui risultati di gestione e sul valore d impresa, il cui effetto può estendersi anche oltre un decennio In casi specifici vanno poi considerati tutti gli aspetti di interazione fra business e ICT, l impatto sui risultati aziendali e gli eventuali effetti sul valore d impresa Il CDA riceve comunicazioni e relazioni provenienti da altri organi previsti per legge o per statuto aziendale quali auditor esterni, comitati di controllo, collegi sindacali e simili, che contengono spesso osservazioni e rilievi relativi ai sistemi informativi, richiedendo così un dotazione concettuale e strumentale coerente con le tematiche 14

15 IS Governance Framework 15

16 Asset ISG IS Human Capital Asset ISG Asset ISG Management IS Human Capital Management Governance Tools Posizionamento nel Framework di riferimento Misure di IS Human Capital Management IS Global Compliance IS Global Compliance Misure di IS Global Compliance BSC Six Sigma COBIT ISO/IEC ITIL ISO / IEC 38500: 2008 NIST EUCIP Sistemi di Misura Processi Misure del Sistema di IS Governance Misure di funzionamento IS Governance Domains Principi Ispiratori, Valori e Cultura Misure di performance Principi Ispiratori, Sistemi Valori per l allineamento e Cultura alle esigenze aziendali Valore del Sistema Informativo (ISIV ) Sistemi Organizzazione per l allineamento alle esigenze aziendali Misure dei Sistemi Informativi Sistema delle deleghe Principi Ispiratori, Valori e Cultura Organizzazione Alignment Drivers and Tools (Service Catalog, Project Portfolio) Misure dell allineamento alle esigenze aziendali Sistema delle deleghe Alignment Drivers and Tools (Service Catalog, Project Portfolio) IT Governance IT Governance Infrastruttura ICT IT Governance Misure delle Infrastrutture ICT Misure del Sistema di IS Audit Infrastruttura ICT IS Audit Portafoglio applicativo Misure del Portafoglio applicativo Portafoglio applicativo CMMI PMBOK PRINCE2 ISO ISO IS Audit ISO 9000 COSO Zackman Framework COBIT TOGAF 16

17 Ricerca su IS Governance e CDA I Board sono sempre più chiamati ad un ruolo decisionale e gestionale di sostanza Aumentano le responsabilità in capo a ogni membro Il Board ha responsabilità globali e gestisce problematiche che considerano l azienda nel suo complesso, ma esistono forti assimetrie conoscitive su alcuni ambiti, tra cui si annoverano spesso i sistemi informativi A livello di Board si sperimenta e rende vivo il legame tra Corporate e IS Governance 17

18 Alcune domande chiave Quali aree della IS Governance sono di reale interesse per il Board? Come dovrebbero essere esercitate le responsabilità in capo al Board? Quali strumenti possono essere (realisticamente) utilizzati dal Board per l esercizio delle responsabilità di governo dei SI? 18

19 Percorso metodologico Framework e standard internazionali Temi di interesse per il Board Vademecum per il CDA Modello e interviste IS Governance Framework SDA Temi di interesse per il Board Verifica della coerenza fra corporate e IS Governance Piano strategico IT IT Project Portfolio Investimenti IT (deleghe) Spesa IT Sistema Contrattuale Sistema di fornitura e ruolo dei fornitori Organizzazione IT IT Risk Management Compliance IT Business Continuity Management IT & Information Security Monitoraggio e valutazione delle performance IT Monitoraggio e valutazione del sistema di controllo interno IS Value IS Governance Report Letteratura di management Temi di interesse per il Board Caratteristiche aziendali: IT intensive vs Non IT Intensive 19

20 Il Board e la Governance dei SI nei framework internazionali (1) 20

21 Il Board e la Governance dei SI nei framework internazionali (2) 21

22 Il Board e la Governance dei SI nella letteratura di management Altri studi hanno avuto un orientamento più prescrittivo, nel tentativo di definire quali responsabilità di governo dell IT debbano gravare sui consiglieri ed evidenziano come gli stessi dovrebbero essere più coinvolti nel governo dei sistemi informativi Queste pubblicazioni hanno il merito di aver sottolineato l importanza dell IT Governance e di aver proposto dei quadri di riferimento concettuali sul tema, ma esiste in genere poca conoscenza strutturata su come effettivamente i consiglieri possano esercitare le loro responsabilità di IS Governance Un primo contributo in tal senso è stato fornito da Nolan e McFarlan (2005), secondo i quali lo sforzo che il Board dovrebbe dedicare al governo dei sistemi informativi è funzione del grado di intensità di utilizzo dell IT da parte dell azienda (IT intensity). 22

23 Il modello proposto: le 16 aree di potenziale interesse per il Board Aree di IS Governance di potenziale interesse per il Board Impatto sulle responsabilità dei consiglieri Impatto sul business (IT Intensive) Verifica della coerenza fra corporate e IS Governance B M (A) Piano strategico IT B M (A) IT Project Portfolio M M (A) Investimenti IT (deleghe) B M (A) Spesa IT B B (M) Sistema Contrattuale M M Sistema di fornitura e ruolo dei fornitori M M Organizzazione IT B B (M) IT Risk Management A A Compliance IT A B (M) Business Continuity Management A A IT & Information Security A M (A) Monitoraggio e valutazione delle performance IT B B (M) Monitoraggio e valutazione del sistema di controllo interno M B IS Value B M (A) IS Governance Report B B 23

24 La verifica della coerenza fra Corporate e IS Governance Tema non citato spontaneamente dagli amministratori coinvolti Una volta sollevato è stato però ritenuto fondamentale Ritengo che sia un area di sicuro interesse per il CDA, da verificare con periodicità, ma non costantemente. Credo che la delega alla gestione dei sistemi informativi sia un aspetto fondamentale. La delega va attribuita coerentemente agli indirizzi di governo aziendale. Se questo punto è rispettato, si riesce anche a garantire la coerenza di cui parliamo e il dialogo fra IT e Board può essere facilitato 24

25 Il piano strategico dei Sistemi Informativi Area risultata non prioritaria nelle discussioni del CDA Forte delega al management Interessante la problematica sollevata dagli amministratori coinvolti Non tutti i consiglieri hanno le competenze necessarie per capire e autorizzare un piano strategico dei sistemi informativi Diventa importante una versione del piano più orientata al CDA 25

26 Il portafoglio progetti dei Sistemi Informativi Area risultata non prioritaria nelle discussioni del CDA L attenzione dei consiglieri si sposta su quest area di gestione dei sistemi informativi in alcuni casi molto circoscritti Es. progetti che per impatto aziendale e/o dimensioni economiche richiedono la valutazione o la ratifica da parte del Consiglio Attenzione, ancora una volta, al tema delle competenze per decidere Ci sono oggettive difficoltà da parte dei consiglieri nel valutare tempi e deliverable di progetto, per cui il management Team è completamente delegato sulle decisioni da prendere 26

27 Investimenti IS Economics: investimenti e spesa Tutti i consiglieri intervistati hanno manifestato un certo interesse verso un maggior presidio degli investimenti IT a livello di CDA Necessità di ricevere informative mirate su iniziative di peso significativo, specie in caso di superamento dei livelli di delega affidati al management. Spesa L interesse dei consiglieri verso la spesa IT non è tanto finalizzato a capire tout-court quanto costa il sistema informativo aziendale, quanto a comprendere come governare al meglio tale spesa, soprattutto in termini di scelte ai fini di bilancio (effetto black box) Nei CDA che frequento l IT è percepito come un pozzo senza fondo. Cosa posso capitalizzare? Cosa mi conviene spesare? Per quali motivi? Sono domande a cui un consigliere dovrebbe dare risposta, in virtù di un orientamento di fondo. 27

28 Sistema contrattuale Area non sollevata spontaneamente ma di grande interesse Tutti i consiglieri intervistati hanno esplicitato il fabbisogno di ricevere informazioni utili a comprendere le logiche e i vincoli di natura contrattuale che stanno avendo o potranno avere impatti sulle scelte aziendali future. Esigenza tanto più avvertita quanto più l oggetto del contratto ha una certa complessità e rilevanza (es. full outsourcing) Tuttavia Esiste una oggettiva difficoltà dei consiglieri a comprendere l oggetto e le clausole contrattuali, in quanto i contratti IT sono o vengono percepiti come complessi 28

29 Sistema di fornitura e ruolo dei fornitori Come per il sistema contrattuale, il livello di rischio percepito attorno al ruolo dei fornitori IT è elevato, tanto più l azienda si orientata a soluzioni radicali Tema visto molto dal punto di vista dei rischi operativi Attenzione però a non sottovalutare il peso assunto da alcuni fornitori, verso una governance di fatto dei Sistemi Informativi aziendali Mi piacerebbe avere gli elementi per capire meglio il contratto di outsourcing che lega la banca al provider di servizi, unico vero artefice delle scelte IT per la nostra azienda 29

30 Organizzazione dei Sistemi Informativi Tema non all ordine del giorno per il CDA Fonte di alcuni commenti interessanti da parte dei consiglieri Chi lavora nei sistemi informativi è visto come tecnico, si fatica dunque ad esprimersi sulle sue competenze, sul suo modo di lavorare, sulla struttura in cui è inserito Non ho mai avuto modo di trattare questi aspetti in CDA. La parte organizzativa è il classico tema da chi si occupa della gestione aziendale, sull area di competenza. Non c è ingerenza del CDA su come ci si organizza e su chi siano le risorse e quali caratteristiche debbano avere Ritengo sia fondamentale il ruolo del CIO e su questo forse il Board dovrebbe avere un attenzione maggiore, con particolare riferimento all attribuzione delle deleghe e alla verifica delle sue competenze 30

31 I rischi dei Sistemi Informativi Area di maggior preoccupazione da parte dei consiglieri intervistati Coinvolto in alcuni casi il profilo di responsabilità amministrativa Approccio reattivo ed emergenziale da superare il Board dovrebbe avere un approccio proattivo, ma è tipicamente reattivo. Non si pone il problema finché non si è verificato qualche grosso problema. È l area che secondo me necessita di maggiore sensibilizzazione e su cui ci sarebbero dei buoni esempi, nella storia delle aziende e dei sistemi informativi, per far capire ai consiglieri quanto rischio aziendale è collegato oggi all IT 31

32 La compliance dei Sistemi Informativi Spesso la compliance rappresenta la porta di ingresso nel Consiglio di Amministrazione per le tematiche di natura IT parte dell azienda si trovava sotto sequestro per vizi di non conformità. Abbiamo inserito un consigliere con competenze specifiche e abbiamo lavorato affinché il sistema informativo ci supportasse nel dissequestro dell azienda, ponendo fine a una situazione che ci ha fatto perdere molti ricavi e ci ha esposti come amministratori Il tema della compliance è sicuramente uno dei più presidiati all interno del CDA, in quanto direttamente collegato ai profili di responsabilità degli amministratori. La sensibilità verso la compliance IT (intesa in senso stretto) non è elevatissima nel Board, ma viene presidiata grazie ai vari organi e meccanismi di controllo interno (audit, comitati di vigilanza, ecc.) Attenzione all effetto placebo indotto dalle decisioni sulla compliance 32

33 Business Continuity e IT Security A fronte di un approccio diffuso di tipo meramente reattivo, i consiglieri coinvolti hanno segnalato la necessità di inserire con maggiore frequenza tali temi nell agenda del CDA, mettendo al corrente i membri del Board dei rischi, personali e aziendali, a cui possono incorrere per difetti di impostazione di queste parti dell IS Governance 33

34 Il valore del sistema informativo Si segnala una particolare attenzione al tema, anche se non spontaneamente citato dai consiglieri Il Board è interessato al valore complessivo aziendale. Difficilmente spacchetta l azienda in unità di analisi più piccole, anche se potrebbe essere un esercizio interessante per attivare discussioni interne e per valutare l operato del CIO È un tema su cui, da consigliere, non mi sono mai interrogato, ma che effettivamente potrebbe essere una buona leva di discussione con i membri dei Board, sempre per il discorso che sottovalutano il reale valore che sta nei sistemi informativi 34

35 Altri temi percepiti come non prioritari nell agenda del CDA Monitoraggio e valutazione delle performance IT Salvo per aziende IT intensive Necessità di meta-indicatori che siano decifrabili per il Board Monitoraggio e valutazione dei sistemi di controllo Delega a organismi di supporto al CDA IS Governance Report E davvero utile? 35

36 Risultati e proposte per il Board Le risposte dei consiglieri interpellati hanno evidenziato come temi degni di discussione periodica in CDA: la verifica della coerenza fra Corporate Governance e IS Governance, il presidio delle iniziative IT più impattanti in termini di investimenti e profilo di responsabilità degli amministratori, la verifica della conformità dei sistemi informativi al sistema normativo (compliance). Sono invece risultati come temi che meritano maggior attenzione da parte del CDA, con il supporto di informative specifiche: l indirizzo della spesa dei sistemi informativi, il monitoraggio del sistema contrattuale e del ruolo dei fornitori di servizi IT, il presidio dei rischi legati al sistema informativo, con particolare riferimento alla sicurezza e alla continuità operativa. 36

37 Azioni basilari proposte indipendentemente dalla IT intensity Azione Modalità Documentazione Frequenza Predisporre un documento di sintesi sullo stato dei sistemi informativi e delle relazioni con risultati di business, rischi aziendali ed economics Documento rivisto annualmente e distribuito ai membri del CDA Executive abstract con segnalazione degli aspetti critici e documento esteso in allegato Annuale Verificare la compliance dei sistemi informativi Relazione su compliance Executive abstract con punti critici Annuale Verificare l allineamento fra Corporate e IS Governance (deleghe e assetto organizzativo) Approvazione esplicita del CDA per tutti i progetti che hanno impatti significativi sulle responsabilità degli amministratori e sui risultati di impresa, anche a prescindere dal sistema delle deleghe Validazione dei presupporti del sistema di allineamento scelto Presentazione dei progetti, discussione e approvazione in sede di CDA. Delibera su conferma del sistema o modifica dello stesso Project charter e delibera commentata Annuale Occasionale 37

38 Azioni basilari le aziende IT intensive (oltre a quelle precedenti) Azione Modalità Documentazione Frequenza Distribuire report con indicazione delle performance dei sistemi informativi Invio push come documento allegato al materiale di un CDA. Report con performance commentate Annuale In sostituzione del documento di sintesi, sessione dedicata alla presentazione dello stato dei sistemi informativi a cura del CIO o di un membro del CDA con eventuale competenza o delega sulla tematica Presentazione a cura del CIO ai membri del Board Executive abstract e documento esteso sullo stato dei SI Annuale 38

39 Azioni specifiche per le aziende IT intensive Azione Modalità Documentazione Frequenza Garantire la presenza in CDA di almeno un membro con esperienza specifica e recente nel settore ICT Cooptazione da parte del Board Nessuna Ad ogni rinnovo del Board Predisporre un sistema di reporting on-demand a disposizione dei membri del Board sullo stato e le performance di funzionamento del sistema informativo Piattaforma di business intelligence accessibile dai membri del Board. Report periodici Report periodici Continuativo 39

40 Evidenze Tematica di sicuro interesse con elevate attese in merito alla disponibilità di guideline e strumenti operativi Mancanza di un quadro di riferimento che copra omogeneamente tutte le aree della relazione fra sistemi informativi e azienda Si conferma la presenza di numerosi luoghi comuni diffusi sull IT all interno dei CDA Emerge un atteggiamento di tipo reattivo spesso basato su logiche e approcci non aggiornati, anche su aree dove il profilo di responsabilità del consigliere è medio o alto 40

41 Evidenze Composizione dei Board che non facilita la presenza introno al tavolo di competenze aggiornate sui temi dei sistemi informativi (in altre aree quali Amministrazione e Controllo, Produzione, Affari Legali è molto più probabile la presenza di amministratori con competenze profonde ed aggiornate) Le strutture e le tematiche dei Sistemi Informativi restano fra le più esterne rispetto alle dinamiche dei CDA Esigenza di riferimenti pragmatici per consentire agli amministratori di affrontare seriamente il tema dell impatto delle tecnologie ICT sui risultati aziendali.. il vademecum 41

42 Alcune considerazioni derivate dal complesso delle ricerche sulla IS Governance in Italia La complessità del contesto aziendale può essere affrontata solo con un approccio orientato alla Governance dei SI e non alla loro mera Gestione Spesso si perde di vista la finalità della IS Governance: coerenza tra azienda e sistemi informativi Distonia tra risorse messe in campo e risultati tangibili Poca capacità di elaborare misure affidabili, soprattutto sul versante monetario. 42

43 Alcune considerazioni derivate dal complesso delle ricerche sulla IS Governance in Italia Rischio di non creare relazioni forti tra IS Governance e versante economico Scarsa diffusione di misure (monetarie e non) che sappiano apprezzare la dimensione della Governance rispetto a quella della Gestione dei SI (es. valore del SI) Le nuove generazioni sono migliori utenti, ma (per ora) non migliori Governatori dei SI Necessità di rifocalizzare il movimento e i practitioner su obiettivi e indicazioni più operative (utili) per le aziende 43

44 Grazie per l attenzione Severino Meregalli 44

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Verso il GOVERNO dei SISTEMI INFORMATIVI

Verso il GOVERNO dei SISTEMI INFORMATIVI Verso il GOVERNO dei SISTEMI INFORMATIVI Giovedì 29 maggio 2014 Orario: 9:30-16:30 A seguire l assemblea ordinaria annuale degli associati di ISACA VENICE Chapter Padova SBHotel (ex B4NET) Sala Panoramica

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini In collaborazione con: EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT Gennaio 2012 Giugno 2013 II edizione formula

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli