Processi e strumenti per l innovazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Processi e strumenti per l innovazione"

Transcript

1 Processi e strumenti per l innovazione L innovazione richiede cambiamenti strutturali tesi a cogliere le sinergie tra cliente, azienda e partner esterni, attraverso un approccio sistemico di processi tra loro connessi, mirati alla generazione di valore Busacca & Associati 46 L a ricerca di innovazione non è affidata al caso: sono rari i prodotti e i business innovativi generati per casi fortuiti e comunque non duplicabili. L impresa innovativa dispone di un processo strutturato e finalizzato alla risoluzione dei problemi del cliente, basandosi su soluzioni originali e al contempo economicamente sostenibili. Il processo che muove dalle idee elementari e arriva al lancio sul mercato del nuovo prodotto è per definizione un processo atipico - fuori dagli schemi - che fornisce soluzioni creative ai problemi del cliente. Tale processo necessita, da un lato, di un focus continuo sui problemi e sulle aspettative del cliente e, dall altro, di aderenza alle competenze e alla struttura organizzativa che costituiscono l orizzonte strategico aziendale. In tale contesto la generazione del valore risiede nella definizione di offerte in linea con i bisogni (e i problemi) del cliente; tali bisogni sono caratterizzati, filtrati e classificati da una struttura organizzativa flessibile e dinamica, che ha il compito di garantire il time to market delle nuove soluzioni di business.

2 Processi e strumenti per l innovazione La progettazione di un efficace processo di innovazione richiede all impresa chiare risposte ai seguenti quesiti chiave: Quali gli strumenti per selezionare idee innovative? Quale la struttura organizzativa per la gestione del rischio? Come individuare il valore dell innovazione? L articolo sintetizza il modello Busacca & Associati del Processo di Innovazione, dettagliando l excursus dell idea di prodotto dalla sua prima manifestazione fino al lancio sul mercato della nuova soluzione di offerta. Innovazione: un investimento ad alto rischio Nonostante la congiuntura economica sfavorevole, gli investimenti in R&S in Occidente hanno registrato tassi di crescita costanti: tra il 1998 e il 2004 le imprese europee hanno incrementato gli investimenti del 6% circa, sia in ricerca diretta (di prodotto), sia in ricerca mediata (formazione, innovazione di processo, investimenti in strutture, strumenti hardware e software di supporto). La figura seguente evidenzia lo sforzo che le imprese statunitensi ed europee hanno profuso negli ultimi anni nel miglioramento della propria abilità nell innovare. Investimenti in ricerca e sviluppo nei Paesi europei INCREMENTO DI SPESA IN R&S NEI PRINCIPALI PAESI UE - valori % su dati European Innovation Scoreboard, periodo ,5% + 18,0% Media UE: 5,6% +7,0% + 6,7% + 5,2% + 3,9% + 3,5% + 1,2% PRINCIPALI DRIVER SVILUPPO RICAVI - interviste a 842 imprese UE/USA, periodo 05 - Finlandia Danimarca Germania Spagna Belgio UK Italia Francia Abilità nell innovare Skill professionali 87% 82% Riduzione costi Alleanze strategiche 79% 60% Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su dati European Innovation Scoreboard 2005 e Confindustria Base: ; interviste ad un campione di 842 aziende UE, USA, Cina e Giappone 47

3 CARTESIO Tuttavia, l elevato livello di investimento non giustifica di per sé la sussistenza di performance di valore: la numerosità dei brevetti lanciati e la spesa in R&S non hanno infatti correlazione con il tasso di incremento dei ricavi da nuovi prodotti. Performance di valore rispetto al numero di brevetti lanciati in USA - delta percentuale ricavi su numero brevetti posseduti - ALTO SPENDENTI vs BASSO SPENDENTI IN R&S IN USA - tassi di crescita ricavi 99-04; dati US Federal Patent Office - Settore Aerospaziali Automotive <40 brevetti (*) >40 brevetti (*) 11,8% 6,7% 6,3% 6,5% Chimica 7,8% 4,7% THE PERFORMANCE DISCONNECT Elettronica Beni di consumo Farmaceutiche Manifatturiere TLC, ICT 11,5% 5,3% 4,5% 7,3% 14,1% 5,5% 6,4% 3,3% 10,7% 9,7% y = x R 2 = (*) numero brevetti lanciati nel 2004 Source: innovation Global 1000 Magazine Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su dati US Federal Patent Office e Innovation Global Magazine 2005 Base: 2004 Non è dunque sufficiente effettuare un elevato investimento se non esiste una soluzione organizzativa in grado di farlo fruttare: innovare è la capacità di soddisfare continuamente le necessità (espresse o latenti) dei propri clienti, attuali e potenziali, tramite nuovi prodotti o servizi. Pertanto il successo nei processi di innovazione consiste nella capacità di coniugare perfettamente la creatività e le nuove idee con l organizzazione e il metodo più appropriati a realizzarle e a generare profitti. Solo in questo modo sarà possibile cogliere appieno le opportunità della scienza e della tecnologia. Le best practice dell innovazione riescono a mantenere elevato il livello delle performance dell investimento in R&S mediante una costante ricerca di flessibilità organizzativa e di gestione della conoscenza, in termini sia di acquisizione delle informazioni di mercato, sia di formazione mirata del personale. 48

4 Processi e strumenti per l innovazione Strumenti organizzativi dedicati all innovazione Best Practice UE Media UE I LEADER DELL INNOVAZIONE : Processo di innovazione codificato in struttura 50% 100% analizzano idee e temi a livello di board almeno trimestralmente R&S: funzione integrata nell alta direzione 55% 90% implementano idee innovative a costi inferiori ( -177% vs media) Coinvolgimento dei Top Manager nei Team per l innovazione 50% 85% analizzano con maggiore continuità dati di customer satisfaction (80% vs 37% media) Gruppi misti dipendenti + esperti esterni per vaglio periodico idee e soluzioni 56% 90% sono leader nel time to market (22% vs 11% media) Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su dati Il Sole 24 Ore e Confindustria su aziende Best Innovator in UE Base: Dicembre 2005; valori percentuali riferiti a 305 interviste dirette Le strategie di innovazione perseguono obiettivi di ottimizzazione di prodotto e di processo attraverso la gestione sistematica di ogni fase del ciclo di acquisto/ uso/abbandono. In questo contesto, le best practice mostrano i seguenti capisaldi strategici: ricerca focalizzata sin dall inizio sulle specifiche esigenze del cliente; coinvolgimento dei clienti e dei fornitori nel processo; conferimento al dipendente del ruolo di esperto interno; chiarezza nella comunicazione della mission al personale (ad esempio mediante eventi e sistema incentivante); ben codificati momenti di formazione specifica a tutti i livelli. In buona sostanza, l efficienza nell innovazione implica la ricerca sistematica di una coerenza tra strategia e struttura, bilanciando le esigenze del cliente, il supporto di esperti esterni, il coinvolgimento dei dipendenti e il commitment della struttura. 49

5 CARTESIO Driver dell innovazione MERCATO STRATEGIA Soluzione innovativa KNOW-HOW RISORSE ORGANIZZAZIONE COERENZA STRATEGIA / STRUTTURA L ascolto del cliente alla base dell innovazione La ricerca dell innovazione implica uno sforzo di raccolta e selezione delle idee all esterno della struttura organizzativa in essere. Infatti, per definizione, innovare significa fornire una soluzione fuori dagli schemi a problemi del cliente non risolti altrimenti. In particolare, l innovazione rappresenta sempre una risposta a esigenze che: non sono ancora precisamente percepite; sono timidamente segnalate attraverso i tracking di soddisfazione e insoddisfazione; sono oggetto di reclami di fronte a soluzioni (di prodotto o di servizio) sempre meno in linea con le aspettative. 50

6 Processi e strumenti per l innovazione La figura riporta la value chain dell innovazione, il cui valore è espresso in termini di ricavo proveniente dal cliente pienamente soddisfatto e quindi fedele. Questo comporta, come vedremo in seguito, la costruzione di un processo per l innovazione necessariamente customer driven. Customer value chain: innovazione = valore Innovazione Valore Prezzo Soddisfazione dei clienti Loyalty dei clienti Risultati aziendali Valore per gli azionisti Ancorare le soluzioni innovative all ascolto del cliente garantisce concretezza al processo (evitando pericolose fughe in avanti) e definisce il valore dell innovazione come il valore effettivamente conferitogli dal cliente finale. Tale valore è basato sui benefici ricavati a fronte del prezzo pagato. Occorrerà ricercare la soluzione da implementare immedesimandosi nel cliente per ciò che concerne: aspettative, in termini di attese concrete generate dall osservazione di quanto disponibile sul mercato (competitor) o per analogia con business contigui (potenziali prodotti sostitutivi); esigenze, in termini di problemi rilevati a fronte di soluzioni parziali o inesistenti. Gli ambiti di intervento per il processo di innovazione sono classificabili secondo la matrice illustrata nella figura successiva. 51

7 CARTESIO Posizionamento strategico delle azioni per l innovazione Valore per il Cliente: Benefici Problemi Prezzo ASPETTATIVE Basse Alte Soluzioni: Di base Valore: Basso Focus: Benefici da creare Soluzioni: Accessorie Valore: Nullo Focus: nd Soluzioni: Follower innovative Valore: Medio Focus: Benefici da incrementare Soluzioni: Uniche Valore: Alto Focus: Problemi da risolvere Marginali ESIGENZE Importanti Il processo aziendale che supporta l innovazione è, quindi, un processo iterativo che coinvolge attivamente clienti, azienda ed esperti, questi ultimi intesi, a seconda dei casi, come fornitori, dipendenti, istituzioni o ricercatori. Macro-attività del processo di innovazione Definizione alternative 5. logiche CLIENTI 8. Concept test 11. TEAM INTERNI PRODOTTO ESPERTI SPUNTI E IDEE INNOVATIVE DEFINIZIONE DEL PRODOTTO/SERVIZIO SVILUPPO TEST E LANCIO Pur essendo un processo iterativo, la necessità di innovazione entra generalmente in azienda mediante i tracking di soddisfazione: spesso è la percezione del problema ad avviare una riflessione sistematica sulla necessità di un riadeguamento 52

8 Processi e strumenti per l innovazione del portafoglio di offerta o di un processo chiave. Si pensi, ad esempio, al lancio dell innovativo cambio automatico di BMW, stimolato dai carenti livelli di soddisfazione rilevati sulle vetture delle Serie 5 e 6. I clienti maggiormente proattivi nella segnalazione dei problemi sono stati coinvolti, successivamente, in un gruppo di studio dedicato, dal quale è scaturita la prima idea del nuovo cambio automatico. Le best practice dell innovazione dedicano risorse e tempo all acquisizione di spunti dal cliente in tutte le fasi del processo di selezione, realizzazione e lancio. Il tracking di soddisfazione è pertanto integrato da un panel di clienti al quale sottoporre ipotesi di prodotto/servizio e dal quale raccogliere indicazioni preziose. Il panel di clienti, nella sua versione on line, garantisce una presenza costante dalla quale ricavare suggerimenti e alla quale sottoporre i primi concept. Il panel può essere composto da: clienti Best Innovator, come nel caso degli Chef Barilla; clienti Heavy User reclutati nell ambito dei programmi di fidelizzazione e loyalty, come nel caso di British Airways; campioni rappresentativi dei target standard, come nel caso di Procter & Gamble. In tutti questi casi, i clienti vengono stimolati a fornire il proprio contributo di idee e le loro esperienze d uso da inserire nel processo, che iterativamente scremerà la soluzione vincente facendone un idea di business. Strumenti di ascolto clienti e contributi al processo d innovazione Early adopter TRACKING Definizione alternative Eavy user logiche 8. Concept test 11. SODDISFAZIONE PANEL CLIENTI Profili comportamentali RICERCHE Esigenze & Problemi Suggerimenti Modifiche & miglioramenti Test PRODOTTO SPUNTI E IDEE INNOVATIVE DEFINIZIONE DEL PRODOTTO/SERVIZIO SVILUPPO TEST E LANCIO 53

9 CARTESIO La selezione dell innovazione: il vaglio dell esperto Il ruolo del panel di clienti è quello di contribuire all individuazione degli ambiti di riferimento per la definizione delle idee innovative. Il cliente, infatti, è stimolato a sollevare problemi d uso, a confrontare la percezione del livello di servizio dei competitor, a manifestare aspettative e offerte ideali. In buona sostanza, ciò che ci si aspetta dal panel di clienti non è la precisione nell esplicitare il problema, né la chiarezza della soluzione, ma solo la copiosità di casi concreti e di spunti di riflessione. Ciò che emerge dal panel sarà poi sottoposto al vaglio di esperti che effettueranno una prima scrematura in termini di aderenza sia alle evoluzioni tecnologiche sia alla struttura organizzativa aziendale. In tale contesto, è possibile individuare un Innovation Club, solitamente composto da: esperti esterni: enti di ricerca istituzionali, ambiti accademici e opinion leader. Si pensi ad esempio al caso Indesit Company, che ricorre a un panel on line di accademici internazionali ai quali sottopone periodicamente idee e spunti rilevati dall ascolto del cliente; dipendenti opinion leader: i dipendenti sono spesso inseriti nell Innovation Club in quanto rappresentano la memoria storica dell azienda - spesso del settore - e, rispetto agli elementi esterni, garantiscono l aderenza delle proposte ai punti di forza aziendali. È il caso del Nutritional Advisory Board di Barilla, nel quale dipendenti ed esperti hanno il compito di garantire aderenza agli standard nutrizionali aziendali; clienti lead user: i clienti maggiormente proattivi sono estratti dal panel di clienti e inseriti nell Innovation Club con risultati spesso molto positivi. 3M, ad esempio, ricorre spesso ai clienti lead user selezionati dal panel web e affiancati periodicamente a dipendenti ed esperti esterni; fornitori: i fornitori partecipano all Innovation Club nel caso di soluzioni technology intensive, dove il rischio di innovazione sarebbe difficilmente sopportabile da un solo soggetto. Si pensi alla soluzione del cambio automatico della Serie 6 BMW, in cui i fornitori hanno analizzato con la società problemi e idee provenienti dal panel di clienti e hanno sviluppato in partnership il nuovo cambio. Nella realtà dei casi è possibile riscontrare tutti o solo parte degli attori elencati, spesso definiti con terminologie variabili da settore a settore e da azienda ad azienda (Partner Board, Leading Partner, Tecnology Club, Innovation Club, 54

10 Processi e strumenti per l innovazione eccetera). Tuttavia, le best practice hanno sempre un gruppo di esperti che si occupa della selezione e del test dell idea, a garanzia della concretezza della soluzione e, in ultima istanza, a riduzione del rischio generale connesso all innovazione. Il processo di scrematura delle idee è rappresentato nella figura seguente, dove si evidenzia il ruolo del panel di clienti e dell Innovation Club in un reciproco scambio di soluzioni, sino a distillare l idea chiave che andrà a costituire la soluzione di business. Strumenti di ascolto e contributi al processo di innovazione ASCOLTO CLIENTE Esigenze & Problemi Suggerimenti Modifiche & miglioramenti Tecnologia Processi Idee cross Off. integrate ASCOLTO ESPERTI TRACKING CS PANEL CLIENTI PANEL ESPERTI INNOVATION CLUB ESTERNI POSIZIONAMENTO RICERCA ALTERNATIVA DEFINIZIONE CONCEPT STRATEGICO PRODOTTO/SERVIZIO RICERCHE Test Co-marketing Reti di vendita Packaging Brand TEST E LANCIO PRODOTTO 3M MOSTRA COME L ASCOLTO DEL CLIENTE INCREMENTI IL SUCCESSO DEL PRODOTTO 3M, leader nell innovazione, è dotato di un panel di clienti rappresentativo dei differenti settori di attività. Tramite un network dedicato, vengono selezionate di volta in volta figure professionali - Lead User - che affiancano gli staff tecnici nello sviluppo di nuovi prodotti. 55

11 CARTESIO Rilevazione problemi Definizione trigger di D Conjoint Analysis Concept/Lancio Ricavi da vendite di prodotti medicali - valori in milioni di $ - PANEL CLIENTI PANEL CLIENTI PANEL CLIENTI rappresentativo rappresentativo rappresentativo fisico fisico Conjoint su caratteristiche e prezzo ricerche standard ricerche standard blind test concept test 146 Health / Center Partnership 18 prodotti non sviluppati con Lead User prodotti sviluppati con Lead User Università/Istituzioni - - Esperti - Fornitori fisico (permanente) - Fornitori - Lead User fisico (permanente) Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su sito ufficiale e dati di bilancio 3M Base: 2004 La generazione del business: un processo integrato La figura che segue sintetizza alcuni success case riportando il principale driver di successo, evidenziandone lo strumento di ascolto che ha fatto la differenza rispetto ai competitor ed esplicitando i principali risultati raggiunti. Le best practice creano valore capitalizzando strumenti e processi di innovazione AZIENDA PRODOTTO DESCRIZIONE DRIVER DI SUCCESSO RISULTATI APPL E Steri-Drap Prodotto medico-chirurgico per prevenire infezioni post-operatorie Clienti selezionati da panel on line hanno partecipato allo sviluppo del prodotto come lead user Incremento delle vendite di 10 volte a seguito di modifiche proposte dai Lead User ipod e itunes Device e portale per fruire Il continuo ascolto del cliente sulle 14 milioni di ipod venduti di contenuti digitali community on line sele zi ona nuo ve in 3 mesi idee e definisce i restyling I problemi del vecchio cambio sono Serie 5 e Cambio automatico a +40% nelle vendite della Serie 6 stati risolti grazie alla collaborazione controllo elettronico Serie5 e Serie6 tra team interno e panel di esperti L'idea è stata generata dal ActiCaf Barretta energetica al panel di clienti insieme al +7% di incremento delle Gusto di Caffè team di esperti interno ve ndite Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su siti ufficiali e interviste dirette Base: Febbraio

12 Processi e strumenti per l innovazione La finalizzazione degli strumenti di ascolto necessita di un processo integrato la cui continuità è garantita dal PMO (Project Management Office), realizzato da team interni interfunzionali. Il processo standard dell innovazione può essere così riassunto: 1. Individuazione del problema attraverso i tracking di soddisfazione 2. Brainstorming del panel di clienti e suggerimento delle possibili aree di intervento 3. Prima selezione da parte dell Innovation Club 4. Test delle caratteristiche chiave di un ipotetica soluzione da parte del panel di clienti 5. Realizzazione di analisi quantitative, come la conjoint analysis 6. Costruzione dei prodotti test da parte dell Innovation Club 7. Concept test e lancio definitivo L intero processo richiede una rigida struttura di controllo delle tempistiche, delle attività e degli output da parte di team aziendali definiti e scelti dall alta direzione, garante interna del time to market. Ne è esempio il processo di definizione dell ipod della Apple: la prima idea è stata appannaggio dell Innovation Club (Apple Work-Lab), che ha sottoposto al panel di clienti una serie di soluzioni sino a pervenire al prodotto così come lanciato nel Tutto il processo è stato rigidamente controllato a livello di board e integrato da team interni che hanno garantito il PMO dell innovazione. 57

13 CARTESIO Work Lab e partnership, le leve per il successo di ipod/itunes RILEVAZIONE PROBLEMI DEFINIZIONE TRIGGER DI D CONJOINT ANALYSIS CONCEPT/LANCIO PANEL CLIENTI rappresentativo Interviste on line PANEL CLIENTI rappresentativo Focus in demo aerea PANEL CLIENTI rappresentativo Conjoint su caratteristiche e prezzo ipod/itunes Tech Lab Idee nuovi prodotti Adeguamento prodotti Ricerche standard Ricerche standard Blind test Concept test Work Lab Partnership - Università/Istituzioni -Fornitori -Esperti Fisico (permanente) -Fornitori -Esperti Interviste on line Fisico (bimestre) Panel rappresentativi e costantemente attivi via web e in demo area. Work Lab e partnership costituiti da ambienti accademici, esperti e fornitori Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su sito Apple, stampa istituzionale e interviste dirette Base: Febbraio 2006 Il rischio connesso all innovazione è abbastanza elevato; del resto il top manager mette in preventivo un certo numero di insuccessi ed è consapevole che il cash flow di un nuovo prodotto è necessariamente negativo per i primi esercizi. Il ruolo del team aziendale nell analisi di sostenibilità economico-finanziaria dell intero processo risulta pertanto strategico. A ogni modifica delle caratteristiche del prodotto finale è necessario sviluppare una metrica di controllo che permetta di assicurare con costanza il ricalcolo degli impatti economici. A questo proposito, una recente ricerca (European Innovation Scoreboard 2005) ha proposto il modello della catena del valore dell innovazione, che valuta le variazioni del profitto complessivo analizzando l impatto economico delle singole fasi elementari. 58

14 Processi e strumenti per l innovazione Catena del valore dell innovazione e principali strumenti - quota delle fasi di attività sui ricavi da nuovi prodotti - Ascolto del cliente 30% Business & technology intelligence 7% Gestione portafoglio prodotti 20% Gestione tecnologia 25% 18% Sviluppo e lancio prodotto Monitoraggio post-lancio PROFITTO Coinvolgimento risorse esterne ed interne Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su dati European Innovation Scoreboard Commissione europea Base: 2005; interviste a un campione di 842 aziende UE, USA, Cina e Giappone Mentre nella realtà aziendale la presenza di sistemi di ascolto della clientela può essere facilmente verificata, la costruzione e la gestione della catena del valore dell innovazione risultano più complesse da implementare, ma sono di fondamentale importanza per il lancio di una soluzione veramente generatrice di business. Tale catena rappresenta l elemento centrale del PMO aziendale e, al contempo, costituisce la metrica di riferimento per tutti gli attori in gioco, sia interni sia esterni. SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE IDEE Le best practice supportano il processo di innovazione con software ad hoc per la catalogazione e la veicolazione delle idee. E il caso della Nestlé, che fa affidamento su un efficiente Idea Management System in grado di garantire: 1. Flusso e procedure chiare agli stakeholder 2. Feedback sulle idee implementate 3. Estensione a esperti, istituzioni, clienti e fornitori 59

15 CARTESIO Nestlé è supportata dal software Imaginatik, personalizzato in base ad output e attività Conclusioni: innovazione è ascolto L articolo ha evidenziato come l innovazione rappresenti una soluzione originale ai problemi del cliente. Le sue caratteristiche di fondo riguardano il legame a specifici bisogni del cliente - più o meno latenti - e il fatto di non esser generata dalla struttura organizzativa istituzionale. Le best practice si caratterizzano per un processo stabilmente votato alla ricerca dell innovazione, basato sull ascolto del cliente e sul contemporaneo vaglio del parere di esperti e partner (dipendenti, accademici e fornitori). In sintesi, si riportano di seguito le key lesson scaturite dal lavoro svolto. Dal punto di vista della struttura organizzativa: il processo organizzativo è sempre controllato a livello di board: il processo di innovazione non è mai affidato al caso, ma è strutturato e codificato attraverso software e metriche dedicate; 60

16 Processi e strumenti per l innovazione i dipendenti sono sempre parte integrante del processo: la creatività del dipendente è un asset da capitalizzare, mediante formazione e incentivazione ad hoc; il processo è iterativo, attivato indifferentemente da team aziendali, panel di clienti o partner: il processo di innovazione non replica il modello della catena di montaggio, ma itera gli step con affinamenti successivi e risulta gestito da organi ad hoc interfunzionali. Dal punto di vista dell ascolto del cliente: il panel di clienti è sempre presente in tutte le fasi del processo di innovazione: il cliente è portatore delle aspettative e dei bisogni la cui soddisfazione conferisce concreto valore all innovazione; le best practice selezionano tra i clienti del panel i soggetti più attivi che entrano a far parte dei team tecnici, a conferma che l intero processo si avvia a partire dal cliente. Infine, dal punto di vista dell ascolto degli esperti: l Innovation Club capitalizza il contributo di esperti interni ed esterni: il club conferisce concretezza all idea del cliente, evitando fughe in avanti ad alto rischio; l Innovation Club è parte di un più ampio momento formativo: il club è spesso partecipato da ambienti accademici che si occupano anche della formazione continua del dipendente e del manager. 61

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli