SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011).

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011)."

Transcript

1 SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011). Modifiche per chi dovrà accedere alla pensione (dipendenti del settore pubblico) 1. Anticipo al 2013 aumento età pensionabile legato all incremento della speranza di vita (art. 18, comma 4 L.111/2011); 2. Posticipo decorrenza della pensione di anzianità con 40 anni di contributi (art. 18, commi 22-ter, 22-quater e 22- quinques L. 111/2011); 3. riduzione pensioni ai superstiti, in ragione della differenza di età tra i coniugi e della durata del matrimonio (art. 18, comma 5 L. 111/2011). Pensioni vecchiaia e anzianità con quote e assegno sociale (solo Inps) La Legge 102/2009 (D.L. 78/09) all art.22-ter prevede che i requisiti anagrafici delle pensioni sia di vecchiaia (65 per donne e uomini dal ) che di anzianità a quote ( 61 età e 36 contrib. = quota 97 dal ), vengano adeguati agli incrementi della speranza di vita rilevato dall ISTAT a cadenza triennale.

2 Pertanto come successivamente stabilito dalla Legge 111/2011 (D.L. 98/2011) a decorrere dal i requisiti d età di entrambe le tipologie di pensione verranno adeguati all indice di speranza di vita, che in sede di prima applicazione non potrà superare i tre mesi (teoricamente le rilevazioni Istat potrebbe prevedere una maggiorazione anche minore o assente). Il successivo adeguamento sarà, eventualmente, effettuato dal (cadenza triennale) sempre sulla base delle rilevazioni Istat sulle variazioni della speranza di vita del triennio precedente. Ipotesi applicativa del massimo di aggiornamento (3 mesi) : PENSIONE D ANZIANITA A QUOTE ANNO REQUISITI QUOTA età + 36 contr. o 61 età e 35 contr età + 36 contr. o 61 età e 35 contr e 3* età + 36 contr. o 62 e 3 età + 35 contr. 97 e e 3* età + 36 contr. o 62 e 3 età + 35 contr. 97 e e 3* età + 36 contr. o 62 e 3 età + 35 contr. 97 e 3 *La stima dell incremento dei requisiti legati alla speranza vita è quello ipotizzato dal Governo nella relazione tecnica allegata al decreto legge sulla manovra. Dal 2016 è necessario attendere il risultato del calcolo della speranza di vita che verrà comunicato non meno di 12 mesi prima della data di decorrenza di ogni aggiornamento. Il pagamento della pensione decorrerà trascorsi 12 m dalla maturazione del requisito.(l.122/2010 art.12 c.1 e 2 )

3 Pensioni di anzianità con 40 anni di contributi: posticipo delle decorrenze di pagamento dei trattamenti(finestre) (art. 18, commi 22-ter, 22-quater e 22-quinquies) Posticipo delle decorrenze del pensionamento (in AGGIUNTA ai 12 mesi già previsti per requisiti maturati dall ): 1 mese per coloro che maturano i requisiti nel 2012; 2 mesi per coloro che maturano i requisiti nel 2013; 3 mesi per coloro che maturano i requisiti a decorrere dal La disposizione non si applica a coloro che maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2011 e al comparto scuola. PENSIONI DI ANZIANITA CON 40 ANNI DI CONTRIBUZIONE Decorrenza del pagamento della pensione 2011 Decorsi 12 mesi da maturazione requisito 2012 Decorsi 13 mesi da maturazione requisito 2013 Decorsi 14 mesi da maturazione requisito 2014 Decorsi 15 mesi da maturazione requisito Anno maturazione 40 a. di contributi

4 ANNO PENSIONI DI VECCHIAIA DONNE e UOMINI REQUISITO DONNE e UOMINI (con aumento per aspettativa di vita) DECORRENZA (finestra) pagamento pensione D - 65 U 62 D - 66 U e 3* mesi ** 66 e 3 mesi e 3* mesi ** 66 e 3 mesi e 3* mesi ** 66 e 3 mesi e 7* mesi ** 66 e 7 mesi *Incremento speranza di vita su ipotesi del Governo indicata nella relazione tecnica allegata al decreto legge sulla manovra. ** Decorrenze valide salvo per coloro che abbiano maturato il diritto con requisiti diversi. PROMEMORIA DATA MATURAZIONE DEI REQUISITI PREVISTI DALLA NORMATIVA + MINIMO 3 MESI INDICE SPERANZA DI VITA (dal 2013) + FINESTRA DI 12 MESI (+ 1 PER I 40 ANNI DI CONTRIB. dal 2012 a crescere = DATA DI PAGAMENTO DELLA PENSIONE

5 Pensioni ai superstiti (art.18 comma 5) Viene ridotta, con effetto sulle pensioni decorrenti dal 1/1/2012, l'aliquota percentuale della pensione a favore dei superstiti dell'assicurato o pensionato deceduto. La riduzione opera nei casi in cui il matrimonio con il dante causa sia stato contratto ad età del medesimo superiore a 70 anni e la differenza di età tra i coniugi sia superiore a 20 anni: 10% in ragione di ogni anno di matrimonio con il dante causa mancante rispetto al numero di 10. Le disposizioni non si applicano nei casi di presenza di figli di minore età, studenti, o inabili. Esempio: pensionato di 80 anni che si sposa con una donna di 59 anni: se il decesso del pensionato avviene trascorso 1 anno dal matrimonio, la reversibilità viene ridotta del 90%; se il decesso avviene trascorsi 9 anni dal matrimonio, la reversibilità viene ridotta del 10%.

6 MANOVRA BIS ( D.L. 138 del 13 AGOSTO 2011 convertito con modificazioni nella Legge 148 del 14 settembre 2011 L art. 1 c.16 proroga la facoltà delle Amministrazioni Pubbliche (art.1 c.2 L.165/2001) di risolvere il rapporto di lavoro(collocare a riposo) coloro che maturano l anzianità massima contributiva di 40 anni di contribuzione anche negli anni (come già previsto per gli anni 2009,2010 e 2011 dall art.72 c.11 del D.L.112/2008 convertito con Legge 133/2008). Le disposizioni di cui al presente comma non si applicano a magistrati e professori universitari e salvo specifici decreti ai comparti sicurezza, difesa e esteri. SCUOLA E UNIVERSITA INSEGNANTI L Art.1 c.21 modifica quanto stabilito dall art.59 c.9 Legge 449/1997 specificando che con effetto dal per il personale del comparto scuola, ai fini dell'accesso al trattamento pensionistico, la cessazione dal servizio ha effetto dalla data di inizio dell'anno scolastico e accademico DELL ANNO SUCCESSIVO (1 SETTEMBRE e 1 NOVEMBRE), con decorrenza dalla stessa data del relativo trattamento economico(pagamento della pensione) nel caso di prevista maturazione del requisito entro il 31 dicembre dell'anno.resta ferma l applicazione della previgente disciplina all entrata in vigore del presente comma per coloro che maturano i requisiti al pensionamento entro il

7 TERMINI DI PAGAMENTO DEL TFS L art. 1 c.22 modifica quanto stabilito dall art.3 c.2 Legge 140/1997 specificando che alla liquidazione dei trattamenti di fine servizio,comunque denominati, dei dipendenti pubblici, loro superstiti o aventi causa che ne hanno titolo per le cause di volontarie dimissioni (pensioni d anzianità a quote o recessi volontari senza diritto a pensione secondo la normativa vigente) o recesso da parte del datore di lavoro (licenziamento, destituzione dall impiego, ecc), l ente erogatore provvede decorsi 24 mesi dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. N.B.: La corresponsione agli aventi diritto avverrà entro i successivi tre mesi (che si aggiungono ai termini precedenti per un totale di 27 mesi), decorsi i quali sono dovuti gli interessi. Nei casi, invece, di cessazioni dal servizio per raggiungimento dei limiti d età o di servizio previsti dagli ordinamenti di appartenenza, per collocamento a riposo d'ufficio a causa del raggiungimento dell'anzianità massima di servizio prevista dalle norme di legge o di regolamento applicabili nell'amministrazione, nonché le cessazioni dal servizio a seguito di estinzione del rapporto di lavoro a tempo determinato per raggiungimento della scadenza prevista dal contratto individuale, l ente erogatore provvederà decorsi 6 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro. N.B.: La corresponsione agli aventi diritto avverrà entro i successivi tre mesi (che si aggiungono ai termini precedenti per un totale di 9 mesi), decorsi i quali sono dovuti gli interessi.

8 I termini di cui sopra e come previsto dall art.1 c.23 D.L.138/2011 non trovano applicazione nei casi di cessazione dal servizio per inabilita' derivante o meno da causa di servizio, nonche' per decesso del dipendente. Nei predetti casi l'amministrazione competente e' tenuta a trasmettere, entro quindici giorni dalla cessazione dal servizio, la necessaria documentazione all'ente previdenziale che dovra' corrispondere il trattamento di fine servizio nei tre mesi successivi alla ricezione della documentazione medesima, decorsi i quali sono dovuti gli interessi. I nuovi termini di liquidazione decorrono dal 13 agosto 2011 (entrata in vigore del D.L.138), con esclusione di colore che hanno maturato i requisiti pensionistici prima dell entrata in vigore del D.L. in questione e per il personale della scuola e dell università che maturano i requisiti entro il la cui decorrenza dei termini di pagamento rimane regolata dall art.59 comma 9 L.449/97. Rimane inalterata la modalità di erogazione rateale prevista dall art.12, commi 7-9 D.L.78/2010 convertito in L.122/2010 (prestazioni di importo superiore a euro).

MANOVRA ESTIVA-BIS 2011

MANOVRA ESTIVA-BIS 2011 MODIFICA PAGAMENTO TFS (BUONUSCITA) O DEL TFR (trattamento di fine rapporto) MANOVRA ESTIVA-BIS 2011 DECRETO-LEGGE 13/08/2011,N.138 IL DECRETO-LEGGE 13/08/2011,N.138 Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione

Dettagli

I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007)

I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007) I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007) Tab. 1 nuovi requisiti per le pensioni di anzianità ANNO REQUISITI (età + anni di contribuzione) Dal 1/1/08 al 30/6/09 58

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 56 25.03.2015 INPS: i nuovi requisiti pensionistici Dal 1 gennaio 2016, per accedere alla pensione di vecchiaia serviranno

Dettagli

CIRCOLARE n.16 del 09.11.2011 INPDAP Commento alla Legge 148/11 Nuovi termini dal 13.08.2011

CIRCOLARE n.16 del 09.11.2011 INPDAP Commento alla Legge 148/11 Nuovi termini dal 13.08.2011 Federazione Indipendente Lavoratori Pubblici Dipartimento Politiche Previdenziali e Assistenziali FLP 00187 ROMA - Via Piave, 61 sito internet:: www.flp.it - e-mail: flp@flp.it Tel. 064201089-42000358

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e di lavoro

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e di lavoro Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e di lavoro N. 54 17.03.2017 Pensioni 2017: i nuovi requisiti Invariati i requisiti per accedere ai trattamenti pensionistici rispetto allo scorso

Dettagli

NOTA DIVULGATIVA. Direzione Centrale Previdenza. Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

NOTA DIVULGATIVA. Direzione Centrale Previdenza. Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle Organizzazioni

Dettagli

QUANDO IL MEDICO E L ODONTOIATRA POSSONO ANDARE IN PENSIONE?

QUANDO IL MEDICO E L ODONTOIATRA POSSONO ANDARE IN PENSIONE? QUANDO IL MEDICO E L ODONTOIATRA POSSONO ANDARE IN PENSIONE? Estratto della relazione di Marco Perelli Ercolini tenuta al Convegno su La previdenza del Medico e dell Odontoiatra tenuta il giorno 13 ottobre

Dettagli

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia di Stato che cessa dal servizio.

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia di Stato che cessa dal servizio. Polizia di Stato Pensione ordinaria Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia di Stato che cessa dal servizio. TIPOLOGIA DELLA PENSIONE Pensione di vecchiaia, di anzianità,

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall INPS al raggiungimento di una determinata età anagrafica ed anzianità

Dettagli

INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio)

INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio) INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio) L indennità di buonuscita è una somma di denaro corrisposta d ufficio al lavoratore dall Istituto previdenziale quando termina il servizio. È regolata

Dettagli

La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria

La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria R.S.U. Siae Microelettronica La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria Decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito in Legge 30 luglio 2010, n. 122, art. 12. In sintesi la riforma prevede: 1

Dettagli

INTERVENTI IN MATERIA PREVIDENZIALE. Dl 6 LUGLIO 2011 N. 98, convertito in LEGGE 15 LUGLIO 2011 N. 111

INTERVENTI IN MATERIA PREVIDENZIALE. Dl 6 LUGLIO 2011 N. 98, convertito in LEGGE 15 LUGLIO 2011 N. 111 INTERVENTI IN MATERIA PREVIDENZIALE Bozza aggiornamento Nel corso dell anno 2011, le ultime manovre finanziarie hanno introdotto pesanti variazioni al sistema pensionistico e previdenziale anche per il

Dettagli

Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi.

Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi. Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi. Pubblicata dall INPDAP, in data 9 novembre 2011, la circolare n 16, avente come oggetto Interventi in 1.1) Documentazione disponibile > INPDAP, 9 novembre

Dettagli

Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE

Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE Oggetto: L. n. 247/2007 - Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività per favorire l equità e

Dettagli

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) maturazione del diritto

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) maturazione del diritto Anche questo anno ho cercato, come per gli scorsi anni, di esporre ai Colleghi una sintesi delle possibili uscite nel 2016, in modo schematico e il più chiaro possibile. Spero di esservi riuscito. Ringrazio

Dettagli

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile)

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) Anche questo anno qualche frecciata sulle pensioni. Ho quindi cercato, come per gli scorsi anni, di esporre ai Colleghi una sintesi delle possibili uscite nel 2014, in modo schematico e il più chiaro possibile.

Dettagli

NORMATIVA E DISPOSIZIONI OPERATIVE IN MATERIA PREVIDENZIALE

NORMATIVA E DISPOSIZIONI OPERATIVE IN MATERIA PREVIDENZIALE NORMATIVA E DISPOSIZIONI OPERATIVE IN MATERIA PREVIDENZIALE Considerata la moltitudine di norme e di disposizioni operative in materia previdenziale che hanno sostanzialmente modificato, nel corso del

Dettagli

Quando si andrà in pensione: adeguamento dei requisiti agli incrementi della speranza di vita

Quando si andrà in pensione: adeguamento dei requisiti agli incrementi della speranza di vita 1) Documentazione INPS, 20 marzo 2015, Circolare 63» INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Allegati n.1 [ Omissis ] Oggetto: Decreto del

Dettagli

Scritto da Perziani Domenica 01 Aprile 2012 18:18 - Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2012 08:16

Scritto da Perziani Domenica 01 Aprile 2012 18:18 - Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2012 08:16 IL VECCHIO MONDO - I DIRITTI ACQUISTI di PIETRO PERZIANI (Aprile 2012) La legge 214/2011 fissa i confini tra il vecchio e il nuovo sistema, tra il vecchio e il nuovo mondo, al comma tre dell art. 24, primo

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA 1606000000 - Direzione Risorse Umane e Finanziarie SERVIZIO 1606080000 - SERVIZIO AMMINISTRAZIONE GIURIDICA DEL PERSONALE N DETERMINAZIONE 1625 OGGETTO: dipendente dott.ssa Maria Angela

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 131 30.06.2014 Personale in esubero: i termini di liquidazione L Istituto previdenziale riepiloga i termini di liquidazione

Dettagli

GILDA DEGLI INSEGNANTI MODENA LE NUOVE REGOLE PER LE PENSIONI

GILDA DEGLI INSEGNANTI MODENA LE NUOVE REGOLE PER LE PENSIONI LE NUOVE REGOLE PER LE PENSIONI Personale della scuola norme in vigore dal 1 gennaio 2012 L articolo 24 del decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni dalla legge n. 214 del

Dettagli

La legge di stabilità 2016

La legge di stabilità 2016 PRIMA e DOPO La legge di stabilità 2016 Art. 24, comma 10, DL 201/2011 Art. 1, comma 113, L. 190 /2014) La pensione anticipata La pensione anticipata si consegue con un requisito contributivo uguale per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Area Personale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Area Personale Prot. n VII-8 2980 del 12.02.2014 Circolare n 3 del 12.02.2014 Allegati n A A Tutto il Personale Docente Tutto il Personale Tecnico Amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Legge di Stabilità 2014: novità in

Dettagli

(art. 24, comma 18, decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214)

(art. 24, comma 18, decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214) Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del personale comparto difesa sicurezza e comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico (art. 24, comma 18, decreto-legge

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PENSIONISTICHE (forme esclusive dell AGO)

LE NUOVE REGOLE PENSIONISTICHE (forme esclusive dell AGO) 2012 - LE NUOVE REGOLE PENSIONISTICHE (forme esclusive dell AGO) Con decorrenza dal 1.1.2012 le tipologie di pensione a cui si potrà accedere saranno due: - Pensione di vecchiaia - Pensione anticipata

Dettagli

A cura di Villiam Zanoni

A cura di Villiam Zanoni 1 2 Le norme ordinamentali lavoristiche D.P.R. n 1092/1973, articolo 4 (STATO - 65 anno di età) Legge n 70/1975, articolo 12 (EPNE - 65 anno di età) D.P.R. n 761/1979, articolo 53 (SANITA - 65 anno di

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 23/06/2014

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 23/06/2014 Direzione Centrale Previdenza Roma, 23/06/2014 Circolare n. 79 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE SCUOLA EFFETTI AUMENTO ETA' ANAGRAFICA E SPERANZA DI VITA come disposto dall'art.12-comma 12-bis e ter + comma 12-sexies

PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE SCUOLA EFFETTI AUMENTO ETA' ANAGRAFICA E SPERANZA DI VITA come disposto dall'art.12-comma 12-bis e ter + comma 12-sexies PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE SCUOLA EFFETTI AUMENTO ETA' ANAGRAFICA E SPERANZA DI VITA come disposto dall'art.12-comma 12-bis e ter + comma 12-sexies DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n. 78 convertito in legge

Dettagli

Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008

Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008 1 Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. Articolo

Dettagli

SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza. La previdenza del Medico e dell Odontoiatra

SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza. La previdenza del Medico e dell Odontoiatra SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza sabato 13 ottobre 2012 La previdenza del Medico e dell Odontoiatra Un mio collegiale saluto a tutti i Colleghi presenti Chissà se

Dettagli

Leggi n. 243/2004, n. 247/2007, n. 102/2009, n. 122/2010: contenuti previdenziali fondamentali e relative date di entrata in vigore

Leggi n. 243/2004, n. 247/2007, n. 102/2009, n. 122/2010: contenuti previdenziali fondamentali e relative date di entrata in vigore Leggi n. 243/2004, n. 247/2007, n. 102/2009, n. 122/2010: contenuti previdenziali fondamentali e relative date di entrata in vigore 1 entrata in vigore effetti norma 1 gennaio 2010 1 giugno 2010 1 giugno

Dettagli

Si fa riserva di fornire ulteriori approfondimenti interpretativi delle norme in esame con apposita circolare.

Si fa riserva di fornire ulteriori approfondimenti interpretativi delle norme in esame con apposita circolare. Direzione Centrale Pensioni Roma, 05-08-2011 Messaggio n. 16032 OGGETTO: novità legislative in materia previdenziale, introdotte dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 di conversione in legge, con modificazioni,

Dettagli

NON È GIUSTO! TFS/TFR: BASTA FARE CASSA CON I DIRITTI DEI LAVORATORI PUBBLICI

NON È GIUSTO! TFS/TFR: BASTA FARE CASSA CON I DIRITTI DEI LAVORATORI PUBBLICI TFS/TFR: BASTA FARE CASSA CON I DIRITTI DEI LAVORATORI PUBBLICI La liquidazione è un diritto di ogni lavoratore certo ed esigibile dal momento in cui cessa dal servizio Il datore di lavoro privato è tenuto

Dettagli

Opzione al Sistema Contributivo ( art. 1, comma 23, legge n. 335/1995 e s.m.i.)

Opzione al Sistema Contributivo ( art. 1, comma 23, legge n. 335/1995 e s.m.i.) Opzione al Sistema Contributivo ( art. 1, comma 23, legge n. 335/1995 e s.m.i.) I lavoratori che alla data del 31.12.1995 hanno un anzianità contributiva inferiore a 18 anni possono optare per il sistema

Dettagli

Requisiti per il diritto a pensione nel Comparto Sicurezza. 19 Maggio 2015

Requisiti per il diritto a pensione nel Comparto Sicurezza. 19 Maggio 2015 Requisiti per il diritto a pensione nel Comparto Sicurezza 19 Maggio 2015 I Sistemi Previdenziali I sistemi previdenziali Tipologie e definizione di Sistema Sistema Retributivo Sistema Contributivo Insieme

Dettagli

04/03/2011. La nuova decorrenza dei trattamenti pensionistici.

04/03/2011. La nuova decorrenza dei trattamenti pensionistici. 04/03/2011 Come noto, con il recente d.l. del 31 maggio 2010, n. 78 (conv. in l. 30.07.2010, n. 122) il legislatore ha nuovamente disciplinato la regolamentazione delle decorrenze di accesso per i trattamenti

Dettagli

CIRCOLARE INPS DEL 05/06/2014 PAGAMENTO TFS E TFR PER I DIPENDENTI PUBBLICI. INPS n. 73 del 5 giugno 2014 recante le nuove regole introdotte dalla

CIRCOLARE INPS DEL 05/06/2014 PAGAMENTO TFS E TFR PER I DIPENDENTI PUBBLICI. INPS n. 73 del 5 giugno 2014 recante le nuove regole introdotte dalla FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348

Dettagli

La Riforma del sistema previdenziale

La Riforma del sistema previdenziale La Riforma del sistema previdenziale Decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 Manovra del governo Monti Dal 1 gennaio 2012: introduzione del metodo contributivo di calcolo delle pensioni, secondo il meccanismo

Dettagli

VENEZIA Mestre via della Montagnola 37 - tel. 041 544 11 33

VENEZIA Mestre via della Montagnola 37  - tel. 041 544 11 33 VENEZIA Mestre via della Montagnola 37 www.liberosinfub.com - tel. 041 544 11 33 Notizi e e d a ppro fo ndi m e nti p er i Lavor a to ri de l Gruppo V e ne to Ba nc a 7 n o v e m b r e 2 0 1 3 Gli argomenti

Dettagli

CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012

CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 Introduzione del pro-rata contributivo: Le quote di pensione relative alle anzianità contributive maturate a decorrere dal 1 gennaio 2012, saranno

Dettagli

LE PENSIONI DAL 2012

LE PENSIONI DAL 2012 OR.S.A. ORGANIZZAZIONE SINDACATI AUTONOMI E DI BASE LE PENSIONI DAL 2012 DOPO L ENNESIMA RIFORMA a cura di Giustino DI NALLO GUIDA PRATICA..Per decidere quando lasciare il lavoro e come calcolare il proprio

Dettagli

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile)

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) Anche questo anno ho cercato, come per gli scorsi anni, di esporre ai Colleghi una sintesi delle possibili uscite nel 2017, in modo schematico e il più chiaro possibile. Non ho preso in considerazione

Dettagli

Legge 122/10- Ultimi interventi previdenziali -Chiarimenti dall INPDAP

Legge 122/10- Ultimi interventi previdenziali -Chiarimenti dall INPDAP Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Dipartimento Politiche Previdenziali e Assistenziali 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899

Dettagli

OR.S.A. LE PENSIONI NEL PROSSIMO VENTENNIO DAL 2012 AL 2031

OR.S.A. LE PENSIONI NEL PROSSIMO VENTENNIO DAL 2012 AL 2031 OR.S.A. ORGANIZZAZIONE SINDACATI AUTONOMI E DI BASE LE PENSIONI NEL PROSSIMO VENTENNIO DAL 2012 AL 2031 DOPO LA TREMONTI TER (LEGGE 14/9/2011, N. 148) a cura di Giustino DI NALLO GUIDA PRATICA Versione

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI. D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 convertito con mod. in L. 22 dicembre 2011, n. 214

LA RIFORMA DELLE PENSIONI. D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 convertito con mod. in L. 22 dicembre 2011, n. 214 LA RIFORMA DELLE PENSIONI. D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 convertito con mod. in L. 22 dicembre 2011, n. 214 COME E CAMBIATO IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO? 1 FINALITÀ DELLA RIFORMA (ART. 24, CO. 1) Le

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni

Direzione Centrale Pensioni Cumulo dei periodi assicurativi non coincidenti ai sensi dell articolo 1, comma 239, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, come modificato dalla legge 11 dicembre 2016, n. 232. Rinuncia alla totalizzazione

Dettagli

Ufficio VII - Ambito territoriale di Forlì-Cesena e Rimini sede provinciale di Forlì-Cesena. Ufficio Pensioni

Ufficio VII - Ambito territoriale di Forlì-Cesena e Rimini sede provinciale di Forlì-Cesena. Ufficio Pensioni Prot. n. 7106/C2/Pens. Forlì, 28/12/2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Provincia Loro Sedi p.c. alle OO.SS. della Scuola Loro Sedi OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2016

Dettagli

Vademecum sui requisiti per l'accesso alla pensione di vecchiaia - Archivio News -

Vademecum sui requisiti per l'accesso alla pensione di vecchiaia - Archivio News - 25/03/2011 Precedentemente alla riforma delle pensioni del 1995, i requisiti per l accesso alla pensione di vecchiaia erano stabiliti dall art. 2 l. 503/1992 (c.d. Riforma Amato). Art. 2 l. 503/1992 Riforma

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 16/03/2017

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 16/03/2017 Direzione Centrale Pensioni Roma, 16/03/2017 Circolare n. 60 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI SEDE

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI SEDE Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Contributi e Prestazioni Direzione Prestazioni Previdenziali CIRCOLARE N. 1, DEL 14/01/2009

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: Campagna pensionamento scuola 2012- invio testo volantone.

Loro sedi. Oggetto: Campagna pensionamento scuola 2012- invio testo volantone. Roma, 17 marzo 2012 Circ. n. 30 Inca prot. n. 23 All'attenzione dei responsabili delle strutture territoriali di Flc - Inca - Spi Loro sedi Oggetto: Campagna pensionamento scuola 2012- invio testo volantone.

Dettagli

Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare

Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare Oggetto: Manovra Finanziaria Novità in materia previdenziale Facciamo seguito alle precedenti comunicazioni

Dettagli

Connessione INCA. MANOVRE & MANOVRATI Il decreto-legge n. 138 del 13 a- gosto 2011, convertito P A T R O N A T O I N C A C G I L P O R D E N O N E

Connessione INCA. MANOVRE & MANOVRATI Il decreto-legge n. 138 del 13 a- gosto 2011, convertito P A T R O N A T O I N C A C G I L P O R D E N O N E P A T R O N A T O I N C A C G I L P O R D E N O N E Connessione INCA Anno 3 Numero 15 MANOVRE & MANOVRATI Il decreto-legge n. 138 del 13 a- gosto 2011, convertito con modificazioni in legge n. 148 del

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli - COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli Determinazione n. 179 del 09-03-2016 Registro Generale delle Determinazioni Repertorio Ragioneria n. 186 del 04-03-2016 Determinazione n. 30 del 03-03-2016 Settore

Dettagli

Legge n. 122 del 30 luglio 2010

Legge n. 122 del 30 luglio 2010 Legge n. 122 del 30 luglio 2010 ( ) Art. 12. Interventi in materia previdenziale 1. I soggetti che a decorrere dall'anno 2011 maturano il diritto all'accesso al pensionamento di vecchiaia a 65 anni per

Dettagli

Pertanto, i lavoratori ricompresi tra i soggetti salvaguardati possono accedere alla pensione qualora siano in possesso di tali requisiti.

Pertanto, i lavoratori ricompresi tra i soggetti salvaguardati possono accedere alla pensione qualora siano in possesso di tali requisiti. ALLEGATO N. 1 DISCIPLINA IN MATERIA PENSIONISTICA PER IL DIRITTO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA VIGENTE ANTERIORMENTE AL 6 DICEMBRE 2011 CHE CONTINUA AD APPLICARSI NEI CONFRONTI DELLE CATEGORIE

Dettagli

TFS: BREVI INDICAZIONI SULLE MODALITA DI CALCOLO E SUI TEMPI DI LIQUIDAZIONE

TFS: BREVI INDICAZIONI SULLE MODALITA DI CALCOLO E SUI TEMPI DI LIQUIDAZIONE TFS: BREVI INDICAZIONI SULLE MODALITA DI CALCOLO E SUI TEMPI DI LIQUIDAZIONE Con la doverosa premessa che trattasi di materia complessa ed in continua evoluzione, intendiamo offrire alcune sintetiche e

Dettagli

MANOVRA MONTI. Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici

MANOVRA MONTI. Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici MANOVRA MONTI Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici Dal 1 gennaio 2012 sistema contributivo per tutti Quindi tutti coloro che

Dettagli

LA PREVIDENZA DI BASE (Le modifiche introdotte dal Decreto Monti)

LA PREVIDENZA DI BASE (Le modifiche introdotte dal Decreto Monti) LA PREVIDENZA DI BASE (Le modifiche introdotte dal Decreto Monti) pagina 1 INDICE INDICE: La Previdenza di base Evoluzione storica Iscrizione e contributi Gestione Speciale Commercianti Il procedimento

Dettagli

COMUNE DI CASALINO Provincia di Novara

COMUNE DI CASALINO Provincia di Novara COMUNE DI CASALINO Provincia di Novara COPIA DELIBERAZIONE N. 58 DEL 14.03.2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PRESA D ATTO DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE PER COLLOCAMENTO A RIPOSO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Dipartimento Trattamento Economico del Personale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Dipartimento Trattamento Economico del Personale USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Dipartimento Trattamento Economico del Personale Servizio Trattamento di Quiescenza OGGETTO: Decorrenza trattamenti di quiescenza a seguito delle novità introdotte

Dettagli

LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA

LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA Ricongiunzione gratuita (l. 322/58; art. 1, l. n. 29/79) Ricongiunzione onerosa (art. 2, l. n. 29/79; l. n. 45/90) L eliminazione della

Dettagli

PENSIONI DPR.157/2013

PENSIONI DPR.157/2013 Articolo 1 Disposizioni generali 1. Il presente regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al pensionamento costituisce una prima applicazione di quanto disposto dall articolo 24, comma 18,

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Roma, 04-12-2007. Messaggio n. 29224

Direzione Centrale delle Prestazioni. Roma, 04-12-2007. Messaggio n. 29224 Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 04-12-2007 Messaggio n. 29224 OGGETTO: legge 23 agosto 2004, n. 243. Nuove disposizioni in materia di accesso alla pensione di anzianità nel sistema retributivo

Dettagli

Roma, 17 gennaio 2017

Roma, 17 gennaio 2017 Roma, 17 gennaio 2017 n.04/2017 Pensioni: novità dal 1 gennaio 2017 Con l entrata in vigore della legge n. 232/2016 (legge di bilancio 2017) ci troviamo di fronte ad alcune novità in materia pensionistica

Dettagli

PENSIONI DI ANZIANITA' SINO AL 31/12/2010. Chi raggiunge 40 anni di contributi entro il 30 settembre va in pensione il 1 gennaio dell'anno successivo

PENSIONI DI ANZIANITA' SINO AL 31/12/2010. Chi raggiunge 40 anni di contributi entro il 30 settembre va in pensione il 1 gennaio dell'anno successivo LE VECCHIE FINESTRE PENSIONISTICHE ante Legge 30/07/2010, n. 122 PENSIONI DI ANZIANITA' SINO AL 31/12/2010 Chi raggiunge quota 95* con almeno 59 anni di età entro il 30 giugno va in pensione il 1 gennaio

Dettagli

Legge n. 214 del (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Giulianova, 26 febbraio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti

Dettagli

La riforma della previdenza obbligatoria

La riforma della previdenza obbligatoria La riforma della previdenza obbligatoria Le novità della legge Monti - Fornero Dott. Marco Sala Milano, 15 aprile 2013 1 Popolazione Italiana 60.626.400 Forza lavoro 25.115.000 2 Pensioni erogate in Italia

Dettagli

A cura della RSU UPS Italia Milano e Vimodrone. Febbraio 2017

A cura della RSU UPS Italia Milano e Vimodrone. Febbraio 2017 A cura della RSU UPS Italia Milano e Febbraio 2017 Alcuni criteri generali ed essenziali: 1) adozione del sistema contributivo per tutti: sistema basato sui contributi versati, piuttosto che sulla media

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO

LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO GUIDA PRATICA per conoscere la data in cui lasciare il lavoro, la decorrenza

Dettagli

COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Copia N 42 del 16-07-2016 OGGETTO: Presa datto delle dimissioni volontarie e collocamento a riposo della dipendete

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 13

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 13 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 13 OGGETTO: Dipendente Sig. Gianfranco Curletti - Conservatore Entomologo presso la Ripartizione Agricoltura,

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE Estratto dal verbale delle Deliberazioni

GIUNTA PROVINCIALE Estratto dal verbale delle Deliberazioni PROVINCIA DI VENEZIA GIUNTA PROVINCIALE Estratto dal verbale delle Deliberazioni Oggetto: INDIRIZZI GENERALI PER LA RISOLUZIONE UNILATERALE DEL RAPPORTO DI LAVORO ED IL TRATTENIMENTO IN SERVIZIO DEL PERSONALE

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Citta Metropolitana di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Citta Metropolitana di Napoli - COMUNE DI GRAGNANO Citta Metropolitana di Napoli Determinazione n. 696 del 29-09-2016 Registro Generale delle Determinazioni Repertorio Ragioneria n. 693 del 26-09-2016 Determinazione n. 101 del 22-09-2016

Dettagli

452-833. Gente di mare

452-833. Gente di mare 2207 676. - Circ. 18 febbraio 1998 n. 38. L. 27 dicembre 1997 n. 449, art. 59. Riflessi sulla normativa in materia pensionistica dei fondi sostitutivi ed integrativi dell assicurazione generale obbligatoria.

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Citta Metropolitana di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Citta Metropolitana di Napoli - COMUNE DI GRAGNANO Citta Metropolitana di Napoli Determinazione n. 288 del 08-04-2016 Registro Generale delle Determinazioni Repertorio Ragioneria n. 292 del 08-04-2016 Determinazione n. 45 del 07-04-2016

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia Determinazione Dirigenziale n. 508 del 11/06/2012 Proposta di Determinazione Dirigenziale n. 19 del 11/06/2012 5.7.1 U.O - GESTIONE DEL PERSONALE OGGETTO: Signora

Dettagli

I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente

I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente DL 201 DEL 6/12/2011 E N 216/2011 E DELLE PRIME INDICAZIONI AMMINISTRATIVE (circolare INPS 14 marzo 2012, n 35) 1995 - DINI L. 335 (CONTRIBUTIVO/GESTIONE

Dettagli

Introdotta la FINESTRA UNICA SCORRIMENTO

Introdotta la FINESTRA UNICA SCORRIMENTO UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI - UIL C.A. Aderente alla Federazione Internazionale degli Impiegati e Tecnici FIET Segreteria Organo di Coordinamento CREDITO BERGAMASCO Dal 1 gennaio 2011 NOVITA'

Dettagli

Le nuove decorrenze delle pensioni di vecchiaia ed i residenti all estero

Le nuove decorrenze delle pensioni di vecchiaia ed i residenti all estero Le nuove decorrenze delle pensioni di vecchiaia ed i residenti all estero Come è oramai noto il protocollo sul Welfare firmato da Governo e sindacati e trasformato in legge n. 247 del 24 dicembre 2007,

Dettagli

Approvata la Manovra Finanziaria: NOVITA' per le PENSIONI

Approvata la Manovra Finanziaria: NOVITA' per le PENSIONI CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI - UIL C.A. Aderente a Union Network International UNI email uilca.varese@uilca.it fax 02/70034510 internet: www.uilcavarese.it SEGRETERIA PROVINCIALE di VARESE Approvata

Dettagli

COMUNE di VITULAZIO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE di VITULAZIO PROVINCIA DI CASERTA COPIA COMUNE di VITULAZIO PROVINCIA DI CASERTA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO (GIUNTA COMUNALE) N. 2 Del 16.03.2017 =========================================================================

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con Visto l articolo 1, comma 284, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, che detta una disciplina intesa ad agevolare il passaggio al lavoro a tempo parziale del personale dipendente del settore privato in

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI GARBAGNA NOVARESE Provincia di Novara COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 21 OGGETTO : PRESA D ATTO DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE PER COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL DIPENDENTE SIG.

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATI VA

CIRCOLARE INFORMATI VA CIRCOLARE INFORMATI VA 23 novembre 2012 STANGATINA SULLE LIQUIDAZIONI. ABOLITA LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA: PIÙ TASSE DA PAGARE SUI TRATTAMENTI DI FINE RAPPORTO La legge di stabilità, in corso di esame

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 45/2011 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Approvata la legge di bilancio e la legge di stabilità 2012 2 Previdenza:

Dettagli

Personal Pension Planning

Personal Pension Planning Personal Pension Planning Cosa c è di nuovo Executive summary Agosto 2014 NOVITA PREVIDENZIALI DEL 2014 Il dibattito sul sistema previdenziale rimane ancora aperto. Sebbene siano molti gli interventi al

Dettagli

30/10/2010. Accesso al trattamento pensionistico. 1. Decorrenza per trattamenti pensionistici di vecchiaia (comma 1)

30/10/2010. Accesso al trattamento pensionistico. 1. Decorrenza per trattamenti pensionistici di vecchiaia (comma 1) 30/10/2010 Accesso al trattamento pensionistico 1. Decorrenza per trattamenti pensionistici di vecchiaia (comma 1) L art. 12 comma 1 prevede, per i lavoratori dipendenti, l accesso al pensionamento di

Dettagli

Ufficio XI - Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena. Ufficio Pensioni

Ufficio XI - Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena. Ufficio Pensioni 1 Prot. n. 8786/P/C2 Forlì, 28 dicembre 2012 AI DIRIGENTI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA LORO SEDI p.c. ALLE OO.SS. DELLA SCUOLA LORO SEDI OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di accesso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

LA SCHEDA NORMATIVA DEL DECRETO LEGGE 90/2014

LA SCHEDA NORMATIVA DEL DECRETO LEGGE 90/2014 LA SCHEDA NORMATIVA DEL DECRETO LEGGE 90/2014 TESTO ORIGINALE MODIFICHE APPORTATE dalla 1ª Commissione del Senato Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono

Dettagli

INTRODUZIONE. Direzione Centrale delle Prestazioni

INTRODUZIONE. Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 25 Marzo 2005 Circolare n. 53 Allegati Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Indennizzi per la cessazione dell attività commerciale

Indennizzi per la cessazione dell attività commerciale Indennizzi per la cessazione dell attività commerciale L articolo 1, comma 490, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di stabilità 2014) ha apportato modifiche al testo dell articolo 19-ter del decreto-legge

Dettagli

Dal punto di vista operativo, pertanto, si confermano le istruzioni alle Sedi fornite con la citata comunicazione n dell'8 luglio 2011.

Dal punto di vista operativo, pertanto, si confermano le istruzioni alle Sedi fornite con la citata comunicazione n dell'8 luglio 2011. PENSIONE - I.N.P.D.A.P. (Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica) - Nota 21-7-2011 n. 27 L. 15 luglio 2011, n. 111 - Conversione in legge, con modificazioni, del

Dettagli

PRIMI CHIARIMENTI SU COSA CAMBIA DOPO L APPROVAZIONE DEI MINISTERI VIGILANTI DELLA RIFORMA PREVIDENZIALE INPGI

PRIMI CHIARIMENTI SU COSA CAMBIA DOPO L APPROVAZIONE DEI MINISTERI VIGILANTI DELLA RIFORMA PREVIDENZIALE INPGI ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma PRIMI CHIARIMENTI SU COSA CAMBIA DOPO L APPROVAZIONE DEI MINISTERI VIGILANTI DELLA RIFORMA PREVIDENZIALE

Dettagli

Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. Prime istruzioni.

Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. Prime istruzioni. Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 31-12-2007 Messaggio n. 30923 Allegati 2 OGGETTO: Legge 24 dicembre 2007, n. 247 Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e

Dettagli

FPCGIL Nazionale - Dipartimento Sindacale e Ufficio Studi. Pensioni e TFS Dipartimento sindacalee e ufficio studi

FPCGIL Nazionale - Dipartimento Sindacale e Ufficio Studi. Pensioni e TFS Dipartimento sindacalee e ufficio studi FP CGIL e TFS Dipartimento sindacalee e ufficio studi VDB Pagina 1 di 43 04/11/2010 TFS e TFR Pensione Previdenza Complementare Quando e come? VDB Pagina 2 di 43 04/11/2010 PENSIONE Prestazione previdenziale

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 41 03.03.2016 Amianto, opzione donna e pensione anticipata: istruzioni dall INPS Categoria: Previdenza e Lavoro Sottocategoria:

Dettagli