Principi contabili internazionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principi contabili internazionali"

Transcript

1 Principi contabili internazionali Milano Roma V edizione Formula part-time

2 T Master Principi contabili internazionali Milano Roma w Il Principi contabili internazionali (IAS/IFRS), giunto alla V edizione, risponde all esigenza di aggiornamento e approfondimento professionale da quando il D.Lgs. 38/2005 ha imposto l obbligo dell uso dei nuovi principi internazionali alle società quotate, alle banche ed agli intermediari fi nanziari sottoposti a vigilanza da parte della Banca d Italia, ai bilanci consolidati delle imprese assicuratrici e ha concesso la facoltà ai gruppi non quotati di cambiare le regole di redazione dei propri bilanci adottando gli IAS/IFRS. L adozione dei principi contabili internazionali per la redazione dei conti annuali e consolidati ha costituito infatti una sorta di rivoluzione copernicana dei principi generali di redazione del bilancio, e gli orientamenti attuali lasciano presagire che ben presto anche le società non quotate saranno obbligate ad adeguarsi. w Il percorso formativo che proponiamo illustra tutte le novità contabili degli IAS/IFRS, tenendo in considerazione i recenti aggiornamenti approvati dallo Iasb che saranno in vigore per la redazione dei bilanci Il Master affronta anche le tematiche inerenti ai recenti nuovi principi pubblicati dal Board che, una volta omologati dall Unione Europea, entreranno in vigore dal 1 gennaio Il percorso pertanto affronta in modo approfondito le tematiche di attualità: i nuovi principi IFRS 10, IFRS 11 e IFRS 12, che modifi cano alcune regole per la redazione del bilancio consolidato e la valutazione delle joint ventures, le novità in tema di stock option e di benefi ci ai dipendenti, tenendo in considerazione le modifi che apportate allo IAS 19 con la conseguente abrogazione del corridoio, il nuovo principio IFRS 9 per gli strumenti fi nanziari, gli impatti sul bilancio consolidato e sul bilancio separato delle operazioni di Gruppo, quali ristrutturazioni aziendali e variazione di partecipazioni, il nuovo principio IFRS 13 che tratta di fair value e le novità apportate dall improvement Durante gli incontri saranno sviluppati numerosi casi pratici ed interpretativi che costituiranno una utile guida nella applicazione dei principi contabili internazionali. Il Master, strutturato in una serie di incontri nel fi ne settimana, rappresenta la soluzione ideale per il professionista che deve conciliare l esigenza formativa e la sua attività professionale. Scuola di Formazione certifi cata UNI EN ISO 9001:2008 Con il patrocinio di Con il contributo editoriale della rivista Le borse di studio sono offerte da

3 La Struttura A chi è rivolto Il Master si rivolge a: w direttori amministrativi e finanziari di imprese piccole, medie e grandi w impiegati di uffici amministrativi e contabili w responsabili di bilancio e di bilancio consolidato w responsabili di uffici fiscali e tributari w responsabili pianificazione e controllo di gestione w imprenditori di aziende piccole e medie w liberi professionisti Durata Il Master si sviluppa nell arco di 88 ore di aula, suddivise in 16 lezioni dall 11 novembre 2011 al 4 febbraio 2012 (sede di Milano) e dal 25 novembre 2011 al 25 febbraio 2012 (sede di Roma), nelle giornate di venerdì pomeriggio e sabato. Per coloro che desiderano approfondire le loro conoscenze in materia di bilancio è previsto un corso propedeutico facoltativo, della durata di 21 ore, finalizzato a far apprendere in modo semplice ed efficace le tecniche contabili sottostanti alla lettura e alla redazione del bilancio di gruppo. Il Percorso formativo Corso propedeutico Il bilancio consolidato Moduli di studio Il bilancio IFRS in Italia Normativa, schemi di bilancio e fair value Le attività in bilancio Attività correnti e non correnti Strumenti finanziari Attività, passività finanziarie e derivati Impairment Piani finanziari e discount cash flow Il Gruppo e altre operazioni Partecipazioni, impegni, passività Implicazioni fiscali Reddito di impresa e IAS/IFRS Transizione agli IAS/IFRS 1

4 La Metodologia didattica Obiettivo del percorso è fornire ai partecipanti un analisi puntuale della normativa, delle novità e modifiche apportate alla disciplina degli IAS/IFRS. La metodologia didattica, basata sull approccio learning by doing, è di taglio pratico-operativo e pone particolare attenzione all applicabilità delle conoscenze apprese. Ciascun modulo, dopo l inquadramento teorico, prevede casi di studio: i partecipanti sono infatti chiamati ad esemplificare con casi concreti gli argomenti trattati a garanzia di un riscontro immediato dei risultati ottenuti. Al termine del Master i partecipanti, suddivisi in gruppi, avranno, inoltre, la possibilità di redigere un bilancio secondo i principi contabili internazionali e gli elaborati saranno poi oggetto di discussione. La Faculty La direzione scientifica Antonella Portalupi Senior Manager e Responsabile Ufficio Studi e Ricerche di PricewaterhouseCoopers. Professore straordinario di Principi contabili internazionali presso la Facoltà di Economia, Università degli Studi Carlo Bo di Urbino Il corpo docente Francesco Avallone Professore Associato di Economia aziendale, Università degli Studi di Genova. Docente di Ragioneria e di Tecnica Professionale. Autore di diversi articoli in materia di principi contabili internazionali e di comunicazione economico-finanziaria. Svolge attività di formazione in Master universitari e professionali Marco Lazzaro Senior Manager di PricewaterhouseCoopers Advisory Divisione Corporate Finance, Dottore Commercialista e Revisore legale. Ha conseguito un Master in Corporate Finance ed è autore di diversi articoli in materia di strategia e valutazioni di aziende. Assiste prevalentemente mediante attività di Strategy e Valuation operatori industriali e finanziari nell ambito di operazioni di finanza straordinaria in diversi contesti settoriali e ha maturato una significativa esperienza nella divisione Transaction Services e nella divisione Strategy & Business Architecture Veronica Poggi Dirigente di PwC S.p.A. Dipartimento Financial Services. Esperto di progetti IFRS Transition presso società quotate e non, prevalentemente nel settore finanziario, post specializzazione presso il dipartimento Banking Assurance and Advisory dell ufficio di Dublino. Membro del gruppo di lavoro internazionale specializzato per l assistenza ai clienti in materia IFRS Financial Instruments Antonella Portalupi Coordinatore Scientifico del Master. Dirigente PwC, membro dell IFRS Transition team e responsabile Ufficio studi. Professore straordinario di Principi contabili internazionali presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi Carlo Bo di Urbino. Pubblicista e autore di numerose pubblicazioni e articoli in materia di principi contabili internazionali, di principi contabili nazionali e di principi di revisione legale. Dottore Commercialista, Revisore legale Daniela Prandina Dottore Commercialista e Revisore legale. Svolge attività di consulenza per gruppi italiani ed esteri su progetti di riorganizzazione del sistema amministrativo-contabile e sull applicazione dei principi contabili internazionali. Svolge attività di docenza ed è autrice di numerose pubblicazioni Raffaella Preziosi Manager di PricewaterhouseCoopers Dipartimento Financial Services. Esperta di progetti IFRS Transition presso società quotate e non, prevalentemente nel settore finanziario, post specializzazione presso il dipartimento Banking Assurance and Advisory dell ufficio di Parigi Alberto Quagli Professore Ordinario di Economia aziendale, Università degli Studi di Genova. Revisore legale, svolge attività di consulenza aziendale e formazione presso Master universitari ed Enti professionali 2

5 Patrizia Tettamanzi Ph. D. Professore Associato di Economia aziendale, Università Cattaneo (LIUC), Castellanza. Professore a contratto di Financial Reporting and Analysis e Accounting and Industries Specifications, Università L. Bocconi, Milano. Dottore Commercialista e Revisore legale. Svolge attività di consulenza ed è autrice di numerose pubblicazioni in tema di bilancio consolidato, revisione e principi contabili internazionali La struttura organizzativa Giovanna Piccoli Direttore Scuola di formazione Ipsoa Manuela De Amici Responsabile formazione Area Azienda e Lavoro Scuola di formazione Ipsoa Eva Striano Coordinamento didattico e organizzativo 3

6 Il Programma CORSO PROPEDEUTICO Il bilancio consolidato w La redazione del bilancio consolidato secondo i principi contabili nazionali e internazionali. Analogie e differenze. Concetto di gruppo. Cambiamenti in atto in ambito internazionale w Le società obbligate a redigere il bilancio consolidato e i casi di esonero dall obbligo di consolidamento w La costruzione dell area di consolidamento e i casi di esclusione dalla stessa w Le teorie e i metodi di consolidamento (integrale, proporzionale e del patrimonio netto) w Metodo integrale di consolidamento w L omogeneizzazione dei bilanci da consolidare: schemi, data, criteri di valutazione e valuta. La fiscalità latente nel bilancio consolidato w L eliminazione delle partecipazioni e il trattamento delle differenze di consolidamento w Casi riepilogativi w Metodo integrale di consolidamento w L eliminazione delle operazioni infragruppo (costi, ricavi, debiti, crediti, utili/perdite, dividendi, ecc.) e il riconoscimento delle quote di pertinenza di terzi w Casi riepilogativi w Metodo proporzionale di consolidamento (utilizzato nel consolidamento delle joint venture) w Casi e applicazioni pratiche relativi al primo esercizio di consolidamento w Consolidamento sintetico: la valutazione delle partecipazioni secondo il metodo del patrimonio netto w La redazione di un bilancio consolidato, nel primo esercizio, secondo i principi contabili internazionali w Riepilogo dei concetti esposti nel corso Modulo 1 Il bilancio IFRS in Italia Normativa, schemi di bilancio e fair value NOVITÀ 2011 IMPROVEMENT 2010 I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI: IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E CAMBIAMENTI w Il bilancio in Italia e nel mondo IFRS w Le direttive UE di modernizzazione w OIC e IASB: organismi a confronto w Il processo di approvazione delle regole contabili w Progetti in corso per le PMI w Il bilancio d esercizio e il bilancio consolidato: concetti generali w I postulati del bilancio w Il riconoscimento delle attività e delle passività: differenze con l Italia w Progetto di convergenza con US GAAP: il punto della situazione IL BILANCIO IFRS A CONFRONTO CON IL BILANCIO ITALIANO: ANALOGIE E DIFFERENZE w Differenze nei criteri di valutazione w Fair value e metodi di valutazione w Sostanza sulla forma w IAS 1 Presentazione del bilancio w IAS 7 La redazione del rendiconto finanziario w IAS 8 Correzioni di errori, cambiamenti di principi contabili e di stime w Esempi di Situazione Patrimoniale di Conto Economico Complessivo e di Rendiconto finanziario w Gli elementi che costituiscono l OCI: novità e prospettive w IAS 8 Cambiamenti di principi contabili e correzioni di errori w Il patrimonio netto nei principi contabili internazionali w IAS 10 Eventi successivi w IFRS 13 Fair value measurement: novità nei modelli valutativi w Redazione del bilancio IFRS w Il nuovo bilancio IFRS: schemi e prospetti w Cambiamenti attesi nella prestazione dell OCI Modulo 2 Flussi di attività Rimanenze, lavori in corso, investimenti immobiliari, Leasing, attivo fisso immobilizzato LE ATTIVITÀ CORRENTI w IAS 2 Rimanenze w FIFO w Costo Medio Ponderato w Net Realizable Value w IAS 11 Lavori in corso su commessa w La percentuale di completamento w Le perdite future w La costruzione della contabilità di commessa w IFRIC 15 Accordi per la costruzione di immobili IAS 11 o IAS 18? w Il progetto di cambiamento nei modelli della revenue recognition: l ED 6 e gli orientamenti dello IASB IMPROVEMENT 2010 Immobili a fair value anche nella fase di costruzione 4

7 LEASING Nuovi orientamenti abolizione lease finanziario? NOVITA IFRS 9 Nuovo principio contabile w La valutazione delle rimanenze negli IFRS w Il metodo della percentuale di completamento secondo IFRS LE ATTIVITÀ NON CORRENTI w IAS 16 Le attività materiali w Valutazione/Riconoscimento w Ammortamento e component approach w Cambiamenti di vita utile w IAS 17 Lease: differenze con le regole contabili italiane in vista delle direttive di modernizzazione w IFRIC 4 Determinare se un accordo contiene un lease w IAS 40 Investimenti immobiliari w ED 17: la fine del lease operativo? w Il fair value degli immobili w Criteri di valutazione w Appendice di aggiornamento all OIC 1: operazioni di lease-back w Perdita di valore delle immobilizzazioni materiali w IFRIC 1 Fondo di smantellamento w IAS 38 Attività immateriali w IFRIC 12 Servizi in concessione w IAS 23 Oneri finanziari w Fair value di immobili w Costo ammortizzato delle immobilizzazioni w Cambiamenti di vite utili w Servizi in concessione: novità Modulo 3 Strumenti finanziari Attività e passività finanziarie, derivati, derecognition e coperture contabili IAS 32/IAS 39/IFRS 7 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE E CONFRONTI CON LA PRASSI CONTABILE ITALIANA w IAS 32 Strumenti finanziari: esposizioni in bilancio w Gli strumenti di raccolta finanziaria w Esposizione nel bilancio di esercizio: passività e patrimonio netto w La classificazione degli strumenti di raccolta finanziaria semplici: obbligazioni, azioni, finanziamenti w La classificazione degli strumenti di raccolta finanziaria composti: il caso delle obbligazioni convertibili w IAS 39 Strumenti finanziari: rilevazione e valutazione w Il fair value degli strumenti finanziari w Definizione di attività e passività finanziarie w Amortized cost Criteri di valutazione w Classificazione e valutazione delle attività finanziarie w Classificazione e valutazione delle passività finanziarie w Le operazioni fuori bilancio : conti d ordine w Derivatives: criteri di identificazione e di valutazione w Embedded Derivatives: derivati da scorporare o da mantenere nella stessa categoria? w La rilevazione contabile delle operazioni di copertura - Le relazioni hedge - Tipologie di hedge accounting: cash flow hedge, fair value hedge - Trattamento contabile dei finanziamenti e delle garanzie infragruppo nei bilanci separati (opi 9) w La derecognition delle attività finanziarie w IFRS 7 Strumenti finanziari: informazioni integrative w Valutazione e identificazione di rischi finanziari w Informazioni qualitative e quantitative w Sensitivity Analysis IFRIC 19: VALUTAZIONE AL FV CON IMPATTO A P&L DELL EQUITY EMESSO w IFRS 9 Strumenti finanziari w Classificazione e Misurazione - fase 1 nuovi modelli valutativi nella classificazione di attività e passività finanziarie w Portafogli di attività finanziarie w Impairment di attività al costo ammortizzato fase 2 del progetto; stato avanzamento dei lavori dello Iasb w L expected cash flow model ( ECF) w Derecognition fase 3 novità w Hedge accounting: novità significative nei modelli contabili w Separazione contabile di Hedge Accounting w Interest rate swap: fair value hedge di un indebitamento a tasso fisso w Interest rate swap: fair value hedge di un indebitamento a tasso variabile w Copertura di transazioni future in moneta non di conto: operazioni a termine su cambi a copertura di ricavi attesi DIFFERENZE CAMBIO E UTILE PER AZIONE w IAS 21 Operazioni in moneta estera w Moneta funzionale e moneta di presentazione w IAS 33 Utile per azione w Identificazione della moneta funzionale e della moneta di presentazione 5

8 Novità 2011 Cambiamenti di quote IFRS 10 Modulo 4 Operazioni straordinarie Aggregazioni aziendali e business combination, ristrutturazioni AGGREGAZIONI AZIENDALI w IFRS 3 Business Combination (versione revised) w Fusioni e scissioni w Il purchase method: criteri di rilevazione delle operazioni straordinarie w La determinazione dell avviamento (partial goodwill o full goodwill) impatti sul consolidamento e sulla individuazione delle perdite di valore w Quote di minoranza nuovi criteri di valutazione w Criteri di valutazione delle attività intangibili (metodo delle royalties, metodo dei multipli) w Acquisizioni in fasi (step acquisition): confronto tra i principi italiani ed i principi internazionali (effettivi distorsivi?) w Cessioni e diluizioni di partecipazioni rappresentazione contabile impatto a conto economico, OIC o equity? Impatti sul consolidato w Il trattamento delle fusioni w Relazioni pre-esistenti alla business combination transazioni separate o che hanno impatto sulla rappresentazione contabile? w SIC 22 Aggregazioni di imprese, rettifiche del fair value CASI PARTICOLARI w Operazioni con azionisti di minoranza w Metodo del full goodwill, impatti sul consolidato e sul separato w Novità attese in tema di business combination: prospettive e attualità w Il punto di vita dello Iasb w La rilevazione dell acquisto di una partecipazione di maggioranza nel bilancio consolidato e nel bilancio d esercizio w Aggregazioni aziendali Casi aziendali w Operazioni con azionisti di minoranza w Fusioni w Put e forward su azioni IFRS 2: I PAGAMENTI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTION) w IFRS 2 Stock Option w Trattamento contabile dei contributi su stock options assegnate a dipendenti w Pagamenti basati su azioni societarie w Stock option concesse ai dipendenti su azioni del gruppo w di misurazione w Casi particolari e incoerenze contabili w Novità w Valutazione e rappresentazione contabile dei piani di stock option w Attualità e prospettive Modulo 5 Impairment e flussi di ricavi Predisposizione di budget finanziari e cash flow, il discount cash flow method e le teorie economiche di creazione del valore, il riconoscimento dei ricavi IMPAIRMENT OF ASSET w Differenze con le regole italiane w Identificazione di un impairment w Perdite durevoli di valore? w Le Cash Generating Units w Definizione delle CGU w Allocazione dell avviamento alle CGU w Perdita di valore dell avviamento in sede di transizione agli IFRS w Sostituzione di attività w La costruzione del piano finanziario w Il Metodo DCF w I tassi di attualizzazione: il Metodo WACC w IFRIC 10 Interim Financial Reporting and Impairment w Valore di realizzazione w Value in use w La costruzione del metodo DCF w Individuazione delle CGU w Tassi di attualizzazione e metodo WACC Casi aziendali w Individuare la perdita di valore w Allocare la perdita di valore alle CGU Modulo 6 Il Gruppo e altre operazioni Partecipazioni, impegni, passività LE PASSIVITÀ DELLO STATO PATRIMONIALE w IAS 37 Fondi rischi e obbligazioni in corso w Le passività potenziali w Esempi di disclosures w Le attualizzazioni delle spese future w Il Metodo della Proiezione Unitaria del Credito w TFR e riforma previdenziale 6

9 w IAS 12 Le imposte sul reddito w Imposte anticipate e differite w Valutazione successiva delle imposte differite (attive e passive) sulle differenze temporanee sorte in sede di transizione agli IFRS (opi 10) w Attualizzazione dei fondi rischi TFR in Italia ante e post riforma w Differenze temporanee e permanenti: le imposte differite I GRUPPI AZIENDALI. LE PARTECIPAZIONI NEL BILANCIO CONSOLIDATO E NEL BILANCIO D ESERCIZIO w IAS 27 Bilancio consolidato e bilancio separato (versione revised 2010) w IAS 28 Le partecipazioni in società collegate w IAS 31 Joint Venture w Il bilancio consolidato w Titoli e partecipazioni w Il metodo del patrimonio netto w Contabilizzazione del consolidato e della trasparenza fiscale w Identificazione e valutazione delle partecipazioni nel bilancio consolidato. Criteri di redazione e differenze tra corpi di principi w SIC 33 Consolidamento e metodo del patrimonio netto Diritti di voto potenziali w Novità dello IASB: IFRS 10 Consolidated financial statement w Nuove definizioni nel concetto di controllo w Cambiamenti nell area di consolidamento w Veicoli nuove regole di riconoscimento w Rapporti agente/mandatario novità w Novità dello IASB: IFRS 11 Joint arrangement w Nuove regole per le joint venture w Abrogazione del metodo proporzionale? w per il riconoscimento: joint operation o joint venture? w Novità IAS IFRS 12 Disclosure of interest in other entities w Sintesi dei cambiamenti CASI PARTICOLARI w Eliminazione di partecipazione w I dividendi nel bilancio consolidato e nel bilancio separato w IFRS 5 Attività destinate alla dismissione w Cambiamento di metodo valutativo da controllata a collegata o a investimento minore w Trattamento dei rapporti con le minoranze w Metodo del patrimonio netto scritture di consolidamento w Cessioni e diluizioni di partecipazione Casi aziendali w Perdite delle controllate (novità) w Dividendi infragruppo e/o in natura Modulo 7 Ricavi, benefici ai dipendenti e contributi IAS 18: RICAVI w Determinazione dei ricavi w Identificazione dell operazione w Vendita di merci w Prestazione di servizi w Interessi, royalties e dividendi w IFRIC 12 Servizi in concessione w IFRIC 13 Programmi di fidelizzazione della clientela w IFRIC 15 IAS 11 o IAS 18? w Novità attese: l ED sulla revenue recognition le attuali discussioni tra IASB e FASB w Nuovi modelli valutativi IAS 19: BENEFICI AI DIPENDENTI w Benefici a breve termine per i dipendenti w Benefici successivi al rapporto di lavoro: piani a contribuzione definita e piani a benefici definiti w Altri benefici a lungo termine w Benefici dovuti ai dipendenti per la cessazione del rapporto di lavoro w Benefici retributivi sotto forma di partecipazione al capitale IAS 20: CONTRIBUTI w Contributi in conto capitale w Contributi in conto esercizio w Trattamento contabile w Informazioni integrative Modulo 8 Implicazioni fiscali Reddito di impresa e valutazione IAS/IFRS IAS 12: IMPOSTE w Regoli contabili di riconoscimento w Debiti tributari e imposte dell esercizio w Imposte differite e anticipate regole di riconoscimento w di identificazione e valutazione di imposte differite/anticipate w Criteri di rappresentazione contabile w Il riversamento delle imposte differite e anticipate regole contabili NOVITÀ IAS 12 R DAL 2011 NOVITÀ IN TEMA DI IMPOSTE IL BILANCIO IAS/IFRS ED IL REDDITO D IMPRESA w IAS 12 imposte w Dal bilancio d esercizio alla determinazione del reddito d impresa 7

10 NOVITÀ 2011 IAS 24 revised parti correlate w Dal principio della neutralità a quello di derivazione w La rilevanza fiscale dei criteri di qualificazione, imputazione temporale e classificazione in bilancio w Le indicazioni operative ed applicative dell amministrazione finanziaria w La contabilizzazione di eventuali passività fiscali w Il DM 8 giugno 2011 impatti fiscali di valutazione e di ripresa fiscale Modulo 9 La transizione agli IAS/IFRS Abbandonare i principi italiani e adottare gli IAS/IFRS LA REDAZIONE DELLA NOTA INTEGRATIVA w IFRS 8 Settori operativi w Come si identificano i settori w Quali informazioni settoriali w Dati non contabili w IAS 24 Parti correlate Nuovo documento in vigore dal 2011 w Identificazione delle parti correlate w Differenze rispetto al precedente IAS 24 w Impatti per le società quotate e coordinamento con i regolamenti Consob w IAS 34 Interim Financial Reporting w La redazione delle semestrali dei bilanci intermedi w Una corretta disclosure sulle operazioni CHIUSURA DEL CORSO w Agenda dello IASB w Sviluppo di un documento di Conceptual Framework unico tra IFRS e US GAAP w IFRS: Financial Statement Presentation (replacement IAS 1 and IAS 7) w ED Consolidation, Investment company w IAS 37 R Liabilities w Management Commentary Novità e orientamento dello IASB w Emission trading schemes Novità attese nel settore energy w I partecipanti al Master saranno coinvolti nella redazione delle note al bilancio di una azienda non quotata secondo gli effetti della transition. Ciascun elaborato verrà poi discusso in aula. Il questionario per la corretta informativa di bilancio Questionario fornito da ASSIREVI IFRS 1 FIRST TIME ADOPTION OF IFRS w Il processo di transizione ai principi contabili internazionali w Un approccio retrospettivo all adozione degli IFRS - Eccezioni obbligatorie - Eccezioni facoltative w La redazione dello stato patrimoniale di apertura w La valutazione degli impatti nel passaggio agli IFRS 8

11 Il Materiale didattico TESTI PROFESSIONALI Al fine di offrire una formazione integrata e di approfondire le tematiche affrontate in aula, nel corso del Master verranno distribuiti dei testi professionali editi da Ipsoa: w Principi contabili internazionali e nazionali, a cura di Pricewaterhouse Coopers, Ipsoa Editore w Gli IAS/IFRS in bilancio, a cura di Riccardo Bauer, Ipsoa Editore w LE DISPENSE ON-LINE A supporto dell attività di studio saranno predisposte dispense, realizzate esclusivamente per i partecipanti al Master sulla base delle indicazioni bibliografiche fornite dai docenti. Il materiale didattico sarà disponibile on-line attraverso l inserimento in una sezione dedicata del sito internet Il materiale didattico non è sostituibile Ipsoa Student Academy w LA CARD SCONTI Tutti i partecipanti al Master riceveranno inoltre una speciale card nominativa per usufruire di alcune condizioni particolarmente vantaggiose per l acquisto di prodotti editoriali Ipsoa e per la partecipazione alle iniziative della Scuola di formazione. w I DIPLOMATI ON LINE Al termine del Master tutti coloro che lo desidereranno potranno pubblicare il proprio curriculum vitae all interno di un area dedicata del sito Ipsoa, consultabile da studi professionali e aziende. I Partecipanti al Master Responsabili Amministrativi e Finanziari 22% 19% Responsabili e Addetti Pianificazione e Controllo di gestione 16% Impiegati Uffici Amministrativi e Contabili Dottori commercialisti 26% 17% Altro (Accounting & Reporting Manager, Dirigenti) 9

12 Il Calendario Milano ottobre 2011 novembre 2011 dicembre 2011 gennaio 2012 febbraio venerdì 21* venerdì 22* sabato 28* venerdì 12 sabato 18 venerdì 19 sabato 25 venerdì 2 venerdì 3 sabato 16 ve nerdì 17 sabato 13 venerdì 14 sabato 20 venerdì 21 sabato 3 venerdì 4 sabato 26 sabato Roma novembre 2011 dicembre 2011 gennaio 2012 febbraio * venerdì 12* sabato 18* venerdì 25 venerdì 26 sabato 2 venerdì 3 sabato 16 venerdì 17 sabato 20 venerdì 21 sabato 27 venerdì 28 sabato 10 venerdì 11 sabato 17 venerdì 18 sabato 24 venerdì 25 sabato Il calendario potrà subire variazioni per particolari esigenze * Corso propedeutico Il bilancio consolidato - corso base Le lezioni sono dedicate al Corso propedeutico e facoltativo Il bilancio consolidato, che si terrà dalle ore 9.30 alle ore

13 Dicono del Master Ho scelto di frequentare il Master in Principi Contabili Internazionali perché volevo avere una visione complessiva degli impatti che produce la loro applicazione all interno del bilancio. La mia esigenza è stata pienamente soddisfatta soprattutto perché i docenti che hanno tenuto le varie lezioni sono riusciti a bilanciare la teoria con la loro esperienza professionale fornendo esempi pratici che si sono rivelati chiarificatori anche degli argomenti più ostici. Molto utile è stato il confronto tra i principi in vigore e i futuri cambiamenti previsti che ha permesso di ottenere una visione prospettica delle nozioni fornite, soprattutto alla luce dei continui aggiornamenti che tali principi subiscono. Consiglio tale Master a tutti quei professionisti che per esigenze professionali hanno bisogno di essere sempre al passo con le novità normative. Nell attuale contesto professionale in continua trasformazione, l aggiornamento è un requisito indispensabile per poter svolgere al meglio il proprio lavoro. Un Master che affronta tematiche così attuali come quello IPSOA permette, non solo di stimolare la propria conoscenza, ma soprattutto di trovare spunti pratici nella professione. Proprio per questi motivi ho colto l opportunità di partecipare al Master in principi contabili internazionali. Il corso rappresenta un eccellente occasione da un lato per rinfrescare temi già affrontati e dall altro per ampliare le proprie conoscenze su una materia che è in continua evoluzione. Il valore aggiunto del corso non è rappresentato solo dall aggiornamento sulle ultime novità riguardanti i Principi contabili internazionali, bensì dal fornire uno strumento di comprensione delle logiche sottostanti. Il Master affronta i vari temi mantenendo il giusto equilibrio tra teoria e casi pratici e stimolando il confronto tra i partecipanti e i docenti. I contenuti hanno trovato una immediata applicazione nello svolgimento quotidiano del mio lavoro permettendo di ridiscutere e migliorare alcuni concetti consolidati. Giusi Delluniversità Accounting, Policies and Projects Specialist E.ON Italia S.p.A. Stefania Frassi Senior financial analyst Bose S.p.A. Come sintetizzare in due concetti il Master Principi Contabili Internazionali? Professionalmente formativo, personalmente stimolante. Il Master offre ai suoi partecipanti la possibilità di approfondire le tematiche connesse ai Principi contabili internazionali attraverso un percorso completo e strutturato, in cui le lezioni sono tenute da docenti tecnicamente molto competenti ma anche capaci di interagire con l aula e di evidenziare le interconnessioni tra le diverse aree di studio. Fondamentale per l efficacia del corso è stata, inoltre, l estrema eterogeneità dei percorsi professionali dei partecipanti: il confronto tra esperienze diverse ha permesso di far emergere questioni pratiche interessanti per tutta l aula. Nel complesso, è stata un esperienza formativa estremamente positiva che consiglierei non solo a quanti hanno la necessità di approfondire i principi contabili internazionali, ma anche a quanti non hanno esigenze lavorative immediate, soprattutto in considerazione della diffusione sempre più importante nell adozione di tali principi. Ritengo che la conoscenza e la conseguente applicazione pratica degli IAS/IFRS siano oggi strumenti imprescindibili per le figure professionali preposte alla redazione dei bilanci, soprattutto dei Gruppi quotati in Borsa. Il punto di forza di questo Master è rappresentato senza dubbio dal perfetto mix tra teoria e pratica: da un lato l attualità ed il costante richiamo alle novità e agli aggiornamenti in materia di IAS/IFRS e dall altro le numerose presentazioni di casi pratici e l interazione con il personale docente, sempre preparato e qualificato, rendono la partecipazione al corso un forte stimolo per lo studio e l approfondimento continui. Paola Perrelli Finance Compliance Manager Buongiorno S.p.A. Chiara Senini F&A Process Manager Davide Campari Milano S.p.A. 11

14 Le Informazioni w DURATA Il Master si sviluppa nell arco di 88 ore di aula, suddivise in 16 lezioni, dall 11 novembre 2011 al 4 febbraio 2012 (sede di Milano) e dal 25 novembre 2011 al 25 febbraio 2012 (sede di Roma). w ORARIO Le lezioni si terranno, come da calendario, nelle giornate di venerdì pomeriggio e sabato con i seguenti orari: venerdì dalle ore alle ore sabato dalle ore 9.30 alle ore Il Corso propedeutico e facoltativo Il bilancio consolidato, si terrà il venerdì ed il sabato secondo il seguente orario dalle ore 9.30 alle ore w SEDI Master Milano Crowne Plaza Hotel, via Melchiorre Gioia, 73 Roma Centro Congressi Cavour, Via Cavour, 50/A Corso propedeutico Milano Hotel Galileo, Corso Europa, 9 Roma Centro Congressi Cavour, Via Cavour, 50/A w QUOTA DI PARTECIPAZIONE Listino 3.800,00 + IVA 20% Speciale sconti Sconto 10% ( IVA 20%) Iscrizioni anticipate entro il 21 ottobre 2011 (sede di Milano) e il 4 novembre 2011 (sede di Roma) Abbonati alla rivista Amministrazione e Finanza Sconto 15% ( IVA 20%) Iscrizioni multiple (2 partecipanti dello stesso studio/azienda) Partecipanti ai corsi organizzati dalla Scuola di formazione IPSOA in tema di Bilancio e Ias Associati ANDAF Sconto 20% ( IVA 20%) Iscrizioni multiple (3 partecipanti dello stesso studio/azienda) Iscritti all Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Sconto 30% ( IVA 20%) Iscrizioni multiple (4 partecipanti o più dello stesso studio/ azienda) Funzionari dell Agenzia delle Entrate Gli sconti non sono tra loro cumulabili Le quote di partecipazione, da versare contestualmente all iscrizione, sono comprensive del materiale didattico e dei testi editi da Ipsoa. w QUOTA DI PARTECIPAZIONE AL CORSO PROPEDEUTICO IL BILANCIO CONSOLIDATO 850,00 + IVA 20% quota di listino 425,00 + IVA 20% quota riservata a chi si iscrive anche al Master w BORSE DI STUDIO Le borse di studio, a copertura totale e/o parziale della quota di partecipazione, sono previste a favore di giovani professionisti con votazione di laurea non inferiore a 100/110. L assegnazione delle borse sarà effettuata ad insindacabile giudizio della Scuola di formazione Ipsoa in base a criteri di merito. Per concorrere all assegnazione delle borse di studio è necessario allegare alla scheda d iscrizione: curriculum vitae lettera di motivazione copia del certificato di laurea eventuali certificazioni di abilitazione professionale 1 foto tessera Tale documentazione dovrà pervenire via fax o per posta prioritaria entro e non oltre il: 21 ottobre 2011 per la sede di Milano 4 novembre 2011 per la sede di Roma Al seguente indirizzo: Wolters Kluwer Italia S.r.l. Scuola di Formazione Ipsoa c.a. Dott.ssa Eva Striano Strada 1, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) w DIPLOMA DI MASTER Per il conseguimento del Diploma di Master è necessario aver frequentato almeno l 80% delle lezioni. w MODALITÀ DI AMMISSIONE L ammissione al Master è consentita ad un numero massimo di 40 partecipanti. Prima di inviare la scheda di iscrizione è necessario verificare il numero di posti disponibili, contattando la Segreteria Organizzativa. L accettazione dell iscrizione è subordinata a conferma da parte della Scuola di formazione Ipsoa. Per formalizzare l iscrizione, è necessario inviare: scheda di iscrizione curriculum vitae 1 foto tessera La scheda di iscrizione può essere inviata: via fax: 02/ on-line Agenzia di zona Curriculum vitae e foto tessera devono essere inviati tramite posta prioritaria ai riferimenti sotto indicati: Wolters Kluwer Italia S.r.l. Scuola di Formazione Ipsoa c.a. Dott.ssa Eva Striano Strada 1 Palazzo F Milanofiori Assago (Mi) w CREDITI FORMATIVI Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Milano L iniziativa è stata inserita nel programma formativo dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano ed è in corso di accreditamento da parte del Consiglio Nazionale; la partecipazione consente di maturare 1 credito formativo all ora. Roma Il programma del Master è stato inoltrato all Ordine competente per l accreditamento. w RICHIESTA DI INFORMAZIONI Segreteria Organizzativa Master tel. 02/ fax 02/ Oppure rivolgersi a: Agenti Cedam Agenti Indicitalia Agenti Ipsoa Agenti Leggi d Italia Professionale Agenti Utet Giuridica La Scuola di formazione Ipsoa si riserva la facoltà di annullare il Master qualora non si raggiungesse il numero minimo di partecipanti previsto per il suo svolgimento. Formazione finanziata Finanzia la formazione dei dipendenti attraverso i Fondi Interprofessionali Le aziende e gli studi professionali hanno la possibilità di accedere a finanziamenti per realizzare la formazione continua dei propri dipendenti. La Scuola di Formazione Ipsoa, essendo un ente certificato UNI EN ISO 9001:2008 settore EA37, può attuare i piani finanziati dalla maggior parte dei Fondi Interprofessionali ed è in grado di supportare le aziende e il singolo professionista nella gestione di tutte le fasi del Piano formativo, dall analisi dei fabbisogni, alla fase di rendicontazione. La partecipazione alle iniziative a catalogo della Scuola di Formazione Ipsoa, può essere finanziata attraverso la richiesta di voucher formativi individuali ai vari fondi: Fondoimpresa, For.te, Fondir, Fondirigenti, Fondo Dirigenti PMI. FONDOPROFESSIONI Finanzia l 80% della formazione dei dipendenti Il catalogo della Scuola è accreditato da Fondoprofessioni e le aziende e gli studi professionali aderenti a tale fondo, possono finanziare la partecipazione alle iniziative, per un importo massimo pari all 80% dell imponibile IVA della quota di partecipazione, fino ad un massimo di Per ulteriori informazioni contattare: Scuola di Formazione Ipsoa Tel. 02/

15 Scheda di iscrizione Compilare e inviare a: Wolters Kluwer Italia S.r.l. Scuola di Formazione Ipsoa c.a. Dott.ssa Eva Striano fax. 02/ per iscrizioni on-line: Agenzia di zona MASTER DI SPECIALIZZAZIONE PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) (128638) Milano, dall 11 novembre 2011 al 4 febbraio 2012 (128639) Roma, dal 25 novembre 2011 al 25 febbraio 2012 QUOTA DI PARTECIPAZIONE AL MASTER: Listino: 3.800,00 + IVA 20% Speciale sconti È necessario compilare tutti i campi riportati nella presente scheda Sconto 10%: 3.420,00 + IVA 20% q Iscrizioni anticipate entro il 21 ottobre 2011 (sede di Milano) e entro il 4 novembre 2011 (sede di Roma) q Abbonati alla rivista Amministrazione e Finanza (è necessario indicare il proprio codice cliente) Sconto 15%: 3.230,00 + IVA 20% q Iscrizioni multiple (2 partecipanti dello stesso studio/azienda) q Partecipanti alle edizioni passate dei corsi in materia (è necessario indicare il proprio codice cliente) q Associati ANDAF Sconto 20%: 3.040,00 + IVA 20% q Iscrizioni multiple (3 partecipanti dello stesso studio/azienda) q Iscritti all Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Sconto 30%: 2.660,00 + IVA 20% q Iscrizioni multiple (4 partecipanti o più dello stesso studio/azienda) q Funzionari dell Agenzia delle Entrate Gli sconti non sono tra di loro cumulabili Corso propedeutico Il bilancio consolidato - corso base q (120517) Milano, 21, 22, 28 ottobre 2011 q (120518) Roma, 11, 12, 18 novembre 2011 Quota di partecipazione al corso propedeutico: q Listino: 850,00 + IVA 20% q Quota riservata a chi si iscrive al Master: 425,00 + IVA 20% DATI PARTECIPANTI Cognome e nome Professione Tel. / Fax / Iscritto Ordine dei* Codice fiscale* (* indispensabile per i crediti formativi) Dati per la fatturazione Ragione sociale Indirizzo Cap Città Prov. Part.IVA/CF Codice cliente Ipsoa (se assegnato) Modalità di pagamento Quota di partecipazione + IVA Totale fattura Il pagamento deve essere effettuato all atto dell iscrizione secondo una delle seguenti modalità: Assegno bancario non trasferibile o Assegno Circolare intestato a Wolters Kluwer Italia S.r.l. L assegno deve essere inviato a Wolters Kluwer Italia S.r.l. Centro Direzionale Milanofiori Strada 1 Palazzo F Assago (MI), indicando nella lettera accompagnatoria il riferimento Master IAS, la sede e il codice, la quota di partecipazione prescelta, l intestatario fattura ed nome del partecipante. Bonifico bancario a favore di Wolters Kluwer Italia S.r.l. (IBAN IT97Y ) indicando nella causale il riferimento Master IAS, la sede e il codice, la quota di partecipazione prescelta, l intestatario fattura ed nome del partecipante. Addebito sulla carta di credito (A001) American Express (B 001) Mastercard (C 001) Visa (D 001) Diner s N. Scadenza Intestata a Parte riservata a chi si iscrive al master e richiede la borsa di studio (in questo caso è necessario inviare tramite posta prioritaria la scheda di iscrizione e i documenti richiesti in allegato all indirizzo sopraindicato. Per chi volesse solo concorrere all assegnazione della borsa di studio non è necessario inviare la scheda di iscrizione) Il candidato richiede di partecipare all assegnazione di: Borsa di studio Il candidato dichiara di voler partecipare al Master anche se non dovesse ottenere la borsa di studio Sì Il candidato allega Curriculum Vitae Una foto tessera Certificato di laurea internet Eventuale disdetta dovrà essere comunicata via fax almeno 15 giorni lavorativi antecedenti la data dell incontro. Nessun rimborso è previsto oltre tale termine. Per cause di forza maggiore potranno essere variati sede, date e relatori delle singole unità formative. La Scuola di Formazione Ipsoa si riserva la facoltà di annullare le iniziative a calendario qualora non si raggiungesse il numero minimo previsto dei partecipanti. Le quote eventualmente versate, verranno restituite o potranno essere utilizzate per partecipare ad altre iniziative. I dati personali saranno registrati su database elettronici di proprietà di Wolters Kluwer Italia S.r.l., con sede legale in Assago Milanofiori Strada 1-Palazzo F6, Assago (MI), titolare del trattamento e saranno trattati da quest ultima tramite propri incaricati. Wolters Kluwer Italia S.r.l. utilizzerà i dati che La riguardano per finalità amministrative e contabili. I Suoi recapiti postali e il Suo indirizzo di posta elettronica saranno utilizzabili, ai sensi dell art. 130, comma 4, del Dlgs. 196/03, anche a fini di vendita diretta di prodotti o servizi analoghi a quelli oggetto della presente vendita. Lei potrà in ogni momento esercitare i diritti di cui all art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003, fra cui il diritto di accedere ai Suoi dati e ottenerne l aggiornamento o la cancellazione per violazione di legge, di opporsi al trattamento dei Suoi dati ai fini di invio di materiale pubblicitario, vendita diretta e comunicazioni commerciali e di richiedere l elenco aggiornato dei responsabili del trattamento, TIMBRO AGENZIA/CONCESSIONARIO mediante comunicazione scritta da inviarsi a: Wolters Kluwer Italia S.r.l. PRIVACY Centro Direzionale Milanofiori Strada 1-Pal. F6, Assago (MI), o inviando un Fax al numero: Data Firma

16 internet

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right MASTER PART TIME FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI 2 0 1 4 TRENTESIMA EDIZIONE LIVORNO N A P O L I When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di formazione IPSOA fa parte del Gruppo

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE CONVEGNO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Dipartimento di Economia e Management ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FERRARA IPSOA LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

AGGIORNAMENTO LAVORO

AGGIORNAMENTO LAVORO Percorsi PERCORSO TERZA EDIZIONE AGGIORNAMENTO LAVORO FERRARA GENOVA L AQUILA LECCE MANTOVA MARINA DI MASSA MILANO NAPOLI OSIMO PARMA PERUGIA PISA POTENZA REGGIO EMILIA ROMA SALERNO TORINO UDINE VENEZIA

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC OIC 3 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DA INCLUDERE NELLA NOTA INTEGRATIVA E NELLA RELAZIONE SULLA GESTIONE (ARTT. 2427-BIS E 2428, COMMA 2, N. 6-BIS C.C.) Marzo 2006 PRESENTAZIONE L Organismo

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail PEC rdallanese@liuc.it raffaella.dallanese@odcecmilano.it Nazionalità Italiana Data di nascita 07,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE

1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Forma e contenuto SAES Getters S.p.A., società Capogruppo, e le sue controllate (di seguito Gruppo SAES ) operano sia in Italia sia all estero

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli