Le lapin agile: l Italian Way of Doing Industry 1 di Federico Butera 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le lapin agile: l Italian Way of Doing Industry 1 di Federico Butera 2"

Transcript

1 Le lapin agile: l Italian Way of Doing Industry 1 di Federico Butera 2 Agilità delle imprese costruite per durare Agile è un leopardo, uno scimpanzé, un delfino, un falco, un cobra e molti altri esseri viventi. Agile è una danzatrice, un ginnasta, un climber, uno judoka, un samurai e molti altri professionisti. Ma con opportuno esercizio e formazione agile può diventare un coniglio o John Belushi. L agilità richiede non solo l adattamento alle condizioni esterne ma soprattutto la conservazione e la conservazione delle risorse per sopravvivere e svilupparsi: l agilità è un attributo del funzionamento ma soprattutto è una caratteristica della struttura. Agile, come si scrive negli articoli che seguono, è una organizzazione capace di velocità, semplicità, adattamento ai cambiamenti interni ed esterni, efficacia, efficienza. Essa implica la capacità di anticipare, sentire, rispondere, adattarsi. L agilità è particolarmente richiesta alle organizzazioni quando è elevata la variabilità, le minacce, le opportunità dell ambiente esterno (mercato, contesto istituzionale, tecnologia, demografia, politica) e/o quando è elevato il tasso di inadeguatezza o obsolescenza della organizzazione interna (finanza, organizzazione, tecnologie, persone etc). In una parola quando è richiesta sia una capacità di risposta veloce ed adeguata a quella variabilità sia una capacità di cambiamento del sistema, da un modello a uno successivo: la reattività senza cambiamento strutturale è solo agitazione. La teoria classica della organizzazione si basava su due criteri principali: il coordinamento e controllo gerarchico e la divisione del lavoro, entrambe poggiate su una precisa definizione delle procedure. Su questa base erano stati modellati gli eserciti vittoriosi di Alessandro Magno, di Cesare, di Napoleone; le potenti burocrazie statali cinesi, austroungariche; la bimillenaria organizzazione della Chiesa; la innovativa fabbrica di Henry Ford. L idea di fondo era prima si costruiscono le organizzazioni, poi si vincono le battaglie. Non è più così che imprese e le amministrazioni pubbliche possono vincere le battaglie che il sistema economico e sociale oggi impone. I primi studi sul rapporto organizzazione e ambiente furono quelli di Burns e Stalker (1961) e di Lawrence e Lorsch (1967). Burns e Stalker, del Tavistock Institute di Londra, studiando numerose aziende operanti in diversi settori, evidenziarono che per affrontare ambienti caratterizzati da forte instabilità, le imprese adottano forme organizzative sempre più flessibili, collocandosi su un continuum tra due modelli: quello meccanico, coerente con le teorie classiche dell organizzazione e quello organico, più diffuso nelle organizzazioni professionali o innovative. Lawrence e Lorsh nelle loro ricerche mostrarono come il crescente livello di incertezza induce ad passare da organizzazioni altamente formalizzate e gerarchiche a organizzazioni orientate alla efficacia e alla flessibilità, suggerendo l adozione di strutture duali, l una per gestire la produzione e l amministrazione l altra per innovare e stare sul mercato. Perrow (1970), Davis (1972) rilevano che l ambiente turbolento richiede un cambio di paradigma non solo alle funzioni di confine all intera impresa o amministrazione: dall orologio all organismo (Butera 1984), dal castello alla rete (Butera 1990). E ciò che è avvenuto nelle imprese grandi, medie e piccole. Anche le imprese medie e piccole italiane che sembravano dovessero cedere il passo ad imprese più grandi e potenti, si svelano agili, competitive e efficaci. E celebri in tutto il mondo come il famoso locale di Montmartre, Le Lapin Agile. Agilità e organizzazioni costruite per durare, organizzazioni che restano forti Le organizzazioni agili che sopravvivono sono quelle costruite per durare (Collins e Porras, 1994) e capaci di restare forti (Cusumano, 2010). La gestione del cambiamento diventa la forza principale per assicurare al sistema queste caratteristiche, facendo convivere e interagire strutture duali (Kotter, 2012). 1 Questo articolo è Fondazione Irso, Presidente della Fondazione Irso Istituto di Ricerca Intervento sui Sistemi Organizzativi (dal 1974) ; Ordinario di Sociologia dell Organizzazione all Università di Roma La Sapienza e all Università di Milano Bicocca ( ); Direttore della rivista Studi Organizzativi (dal 1998) ; membro dell Organismo Indipendente di Valutazione della Corte dei Conti

2 Cusumano recentemente prosegue nella linea tracciata nel loro famoso libro Built to Last da Collins e Porras, i quali avevano esaminato le aziende che erano durate nel tempo (tra cui, ad esempio, Ford, 3M, General Electric, IBM) e avevano cercato di individuarne alcune caratteristiche chiave, come un ideologia di base, il concetto di BHAG (Big Hairy Audacious Goals), il disporre di una propria cultura, il tentare sempre nuove cose, il rifiutare l idea di una grande idea per avviare un impresa, l innovazione costante. In sintesi, le aziende studiate da Collins e Porras erano non solo soggetti economici, ma istituzioni economico sociali: questo assicurava a loro la durabilità e alla società circostante la prosperità in un contesto di continuo cambiamento. Cusumano si pone un problema simile: come assicurare continuità e prosperità all impresa in un mondo in cui nulla è stabile? Ma all analisi di Collins e Porras egli aggiunge l inquietante e recente questione: la contraddizione fra l imperativo di continua e costosa innovazione nei prodotti/servizi, nell organizzazione, nelle competenze da una parte e la crescente commodificazione dei prodotti/servizi dall altra. Per le imprese occidentali non si tratta solo di fronteggiare la drammatica riduzione dei prezzi dei prodotti imposta dalle imprese manifatturiere cinesi; si tratta anche e simultaneamente di affrontare l erosione o la scomparsa del valore dei prodotti dovuta all innovazione tecnologica. Come contrastare, per esempio, l abbattimento del costo dei componenti prodotti in Cina o l abbattimento del valore economico della conoscenza scaricabile da Google a costo zero? Cusumano suggerisce di adottare 5 principi: 1. fare strategia e organizzazione di piattaforma piuttosto che di singoli prodotti 2. rafforzare l offerta di servizi innovativi, per contrastare la commodificazione sia dei prodotti che dei servizi standardizzati 3. la creazione di capability all interno dell organizzazione 4. pull: partire dal mercato, dai bisogni del cliente e procedere a ritroso su tutte le fasi di produzione del prodotto o servizio 5. from scale to scope Questi princìpi sono stati riscontrati anche nell esame del sistema produttivo italiano La trasformazione del sistema produttivo italiano Quattro preoccupazioni ricorrono nei discorsi sull industria italiana: l industria italiana è forte nei settori a crescita zero e debole nei settori in forte sviluppo; mancano le grandi industrie; l industria italiana è particolarmente esposta alla concorrenza dei paesi emergenti; l industria italiana sta perdendo competitività. Eppure l industria italiana ha tassi di esportazione che competono con la Germania; crea valore; è innovatrice e competitiva; ha lineamenti comuni e distintivi. Di fronte alla debolezza del sistema Paese e alla demoralizzazione che ne consegue, emerge infatti un vigoroso processo bottom up basato su una grande vitalità di imprese, organizzazioni e territori di nuova concezione. Da dove nasce la loro forza? Che cosa accomuna casi di successo così diversi tra loro? Vi sono nuovi modelli e principi organizzativi e manageriali? Quanto potranno durare, se il Paese non se ne prenderà cura? Qual è la locomotiva del sistema produttivo italiano? Dopo Fiat e Italsider degli anni 60, dopo i distretti degli anni 80, dopo il Made in Italy, dopo il 2013 che cosa trainerà una economia da sempre molto variegata, fra grandi, medie, piccole e piccolissime, fra Nord e Sud, fra imprese di successo e imprese che chiudono? La ricerca condotta dalla Fondazione Irso si interroga su un possibile what next: il modo italiano di fare impresa. Un primo volume curato da Butera e De Michelis con il titolo L Italia che compete. L Italian Way of Doing Industry, edito da Franco Angeli. Il programma di ricerca, consulenza e formazione sulla Italian Way of Doing Industry promosso dalla Fondazione Irso si ispira ad alcuni significativi casi di imprese italiane che sembrano mantenere e rafforzare anche nella crisi la propria competitività e che stanno contribuendo non poco alla tenuta economica e alla proiezione internazionale del nostro Paese. E si ripropone di sostenere le politiche pubbliche, lo sviluppo di impresa, la formazione degli imprenditori e del management delle imprese di minori dimensioni e delle reti di impresa.

3 Il nuovo modello di sistema italiano di produzione di beni e di servizi L ipotesi del programma è che stia emergendo una Italian Way of Doing Industry, un modello socioeconomico ancora allo stato embrionale che ha caratteristiche diverse sia dalle tradizionali esperienze distrettuali sia dai modelli delle grandi corporation americane. Le imprese dell Italian Way per lo più non sono in attesa di diventare General Electric, non si sviluppano dai garage con la determinazione di trasformare un prodotto irripetibile in una azienda come Microsoft, Apple o Google; non aspettano per crescere che Catania, Treviso, il Veneto diventino Silicon Valley o Boston Route 114, non sono quelle che aspettano il trionfo del capitalismo molecolare. Ma hanno la loro via peculiare per competere e produrre prosperità. Il modello che iniziamo a intravedere è caratterizzato da sistemi di imprese grandi, medie e piccole che presentano 8 caratteristiche distintive: 1. fanno parte di insiemi come piattaforme, cluster, macro imprese che danno un senso unitario all individualismo e all apparente casualità dello sviluppo delle imprese; 2. sviluppano prodotti e servizi di qualità e ad alto livello di design con una componente artigianale in qualche punto del ciclo; 3. si internazionalizzano e cercano mercati non coperti; 4. crescono in base al continuo ascolto della clientela; 5. hanno forti relazioni col territorio; 6. hanno organizzazioni costituite da strutture organiche, agili e flessibili disposte su reti di grandi, medie e piccole imprese, con funzionamenti basati su cooperazione, conoscenza,comunicazione e comunità; 7. hanno un anima, un energia e un identità fondata sulla valorizzazione del proprio scrigno delle competenze, delle eredità dinamiche, dei valori; 8. hanno una imprenditoria taking care prevalentemente industriale e con un buona qualità di relazioni industriali a livello aziendale. Il sistema produttivo dell Italian Way of Doing Industry si caratterizza per un altissimo livello di agilità strategica, di mercato, organizzativa, imprenditoriale, culturale a tutti e tre i livelli in cui essa si esprime: I. piattaforme industriali competitive in cui imprese diverse cooperano e competono convergendo nello sviluppo dei prodotti e dei servizi e del posizionamento internazionale. II. crocevie territoriali di reti d impresa lunghe vitali, un modello diverso dai distretti perché le reti sono basate sulla conoscenza, perchè il territorio è costituito da vaste global city region come il Nord, perché tali reti industriali e finanziarie sono globali; III. imprese integrali, ossia imprese caratterizzate da organizzazioni organiche che perseguono in modo integrato elevate performance economiche e sociali, che agiscono concretamente per proteggere e sviluppare l integrità degli stakeholder e dell ambiente fisico, economico e sociale, che hanno condotte eticamente integre (Butera, 2008). Il modello per analizzare e sviluppare le imprese dell Italian Way: elementi costitutivi e loro interazione Cinque sono le dimensioni peculiari e fortemente interagenti su cui si esprime l energia, l innovatività, l agilità delle piattaforme, delle reti, delle singole imprese appartenenti all Italian Way of Doing Industry. 1. Mercato Le imprese italiane hanno una posizione di rilievo soprattutto nelle celebrate 4A (Abbigliamento, Alimentazione, Arredamento, Automazione), e in una quinta A come l Accoglienza Turismo. Ma emergono casi esemplari che possono preludere a ulteriori sviluppi, nell aerospazio, nelle biotecnologie, nelle nanotecnologie, nella chimico farmaceutica, nell ICT, nelle energie rinnovabili e altre ancora. Le imprese italiane piccole e medie che hanno tentato di entrare nei mercati di massa sono state o saranno spazzate via. Ma in una economia delle nicchie globali che si stanno sviluppando, l impresa italiana invece può competere, sia individualmente che come rete che come piattaforma.

4 Molte imprese italiane stanno raccogliendo le nuove sfide su nuovi mercati mondiali e non solo nelle nicchie delle 5A e delle altri settori high tech citati, ma anche in quelle delle tecnologie e dell energia ecocompatibili (green economy), della cultura e dell arte, dei bisogni primari della stragrande maggioranza dell umanità (cibo, sanità, istruzione, abitazione etc). Un primo fattore di caratterizzazione delle imprese capaci di competere nell Italian Way of Doing Industry riguarda il posizionamento di mercato: è la capacità di collocarsi agilmente in mercati di nicchia, su fasi alte della catena del valore, su nuovi mercati portatori di bisogni primari, attraverso processi di internazionalizzazione socialmente compatibili. 2. Strategie Le imprese italiane che hanno avuto successo non hanno per di più adottato strategie di costo (componentistica e materie prime), di leadership sulle nuove tecnologie ( come Google), di lock in (Microsoft), ma hanno fra loro combinate quelle di focalizzazione, di specializzazione, di qualità, di customer orientation entro dominati strategie di internazionalizzazione Il secondo fattore di caratterizzazione delle imprese dell Italian Way of Doing Industry riguarda, in sintesi, strategie per competere con i giganti multinazionali non andando sul terreno della produzione di massa o della eccellenza tecnologica ma sviluppando la capacità di concepire e realizzare strategie multiple con la prevalenza di quelle di focalizzazione, personalizzazione, valore sociale. Esse lo hanno fatto con agilità prima e meglio degli altri evitando il contatto con i giganti. Per usare una metafora sono state Davide contro Golia; adottare judo strategy 3. Organizzazione Le imprese italiane grandi, medie e piccole che hanno avuto successo hanno sviluppato forme di organizzazione innovative che avevano avuto molte anticipazioni fin dagli anni 80. Per gran parte di loro l impresa non è stata un castello chiuso ma si è aperta ad una infinità di relazioni e di processi di cooperazione lungo la catena del valore. Sono diventate reti organizzative vitali. L incrocio fra le reti di impresa e i processi economici e sociali di territori estesi hanno insegnato alle imprese a vivere un modo glocale di produzione. I territori sono diventati crocevie territoriali di reti lunghe vitali. L impresa di successo immersa in questo nuovo contesto di relazioni produttive e sociali non ha perso la sua individualità, ma si è rafforzata allontanandosi drasticamente dalle tradizionali burocrazie industriali ereditate dal fordismo: quei modelli organici di organizzazione, altamente integrati e flessibili caratterizzati da funzionamenti basati su cooperazione, condivisione di conoscenze, comunicazione, comunità di lavoro nelle grandi e medie imprese come da sempre lo sono state nelle piccole; da gruppi di lavoro e team flessibili e autoregolati; da comunità di pratiche supportate da tecnologie Web 2.0; da nuovi modelli di lavoro e di professioni a larga banda ; da una forte cultura del lavoro, delle regole e dei risultati. Un terzo fattore caratterizzante le imprese capaci di competere nell Italian Way of Doing Industry riguarda quindi la capacità di sviluppare e gestire modelli organizzativi basati su reti organizzative estese originate sul territorio e organizzazioni organiche altamente adattive. 4. Anima dell impresa Le imprese dell Italian Way of Doing Industry in quasi tutti i casi hanno avuto un anima e un identità, basate su uno scrigno delle competenze, valori, comunità di lavoro. cultura, abilità a riconoscere e indirizzare le proprie traiettorie di sviluppo, la gestione del cambiamento e innovazione. L energia delle imprese italiane inoltre è stata spesso la ragione principale del successo, che può essere rilevata e misurata nelle sue componenti chiave, come l energia delle competenze, l energia organizzativa, l energia tecnologica, l energia emozionale. In una parola la capacità di valorizzare e creare eredità dinamiche di cultura, etica, visibilità, brand. Il quarto fattore caratterizzante le imprese capaci di competere nell Italian Way of Doing Industry riguarda in sintesi l anima e l identità dell impresa cha ha valorizzato le eredità delle persone, le capacità radicate nella storia dell impresa, ha sviluppato energia e ha attivato uno scambio con i territori e il contesto globale. 5. Qualità dell imprenditore La principale funzione dell imprenditore dell Italian Way è stata per lo più quella di essere un azionista interessato a costituire imprese durevoli (built to last) e desideroso di investire nell impresa le risorse

5 generate e le proprie, e di reperire risorse finanziarie esterne per innovare a 360 sui prodotti, sui mercati, sui processi, sulle persone, sull organizzazione, sul brand. Non sono mancati lo sviluppo del private equity e l intervento di fondi stranieri: la qualità degli investitori non imprenditori è nell Italian Way è stata quella di sviluppare l impresa e con essa il valore dell investimento, come è accaduto ad esempio a Technogym, Bulgari, Cassina e altri. Possiamo su questo punto formulare una quinta ipotesi di caratterizzazione e di traiettoria dell Italian Way of Doing Industry: lo sviluppo di capacità di leadership industriale e di attrarre capitali di rischio, suscitando una imprenditorialità e managerialità radicata nell Italian Way of Doing Industry. Le opportunità e i rischi Le opportunità risiedono nel fatto che l esempio dei sistemi di imprese che hanno avuto successo in primo luogo rafforzi la coscienza di sé per affrontare così le pesanti sfide in corso e in secondo luogo si estenda ad altre imprese e ad altri territori dell Italia, diventando una locomotiva della valorizzazione del patrimonio industriale italiano. I rischi che questa Italian Way non ce la faccia a salvare le imprese e il paese sono però molti. Alcuni sono interni: se le imprese non comprendono fino in fondo la loro natura mutante e non la gestiscono con urgency, energia, flessibilità, agilità, se non rafforzano la classe imprenditoriale, manageriale, professionale e tecnica. Altri sono esterni: se i servizi e le infrastrutture, se i beni comuni della competitività non crescono e non sono appropriati ai bisogni di questi sistemi di impresa. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Burns T., Stalker O.M. (1968), The Management of Innovation, Tavistock, London. Butera F. (1984), L orologio e l organismo, Franco Angeli, Milano Butera F. (1989), Il castello e la rete.,franco Angeli, Milano. Butera F. (2009), Il cambiamento organizzativo. Analisi e progettazione, Bari, Laterza. Butera F., De Michelis G. (a cura di), L Italia che compete. L Italian Way of Doing Industry, FrancoAngeli, Milano. Collins J.C., Porras J.I. (1994), Built to Last: Successful Habits ofvisionary Companies, HarperCollins Publishers, New York (NY) Cusumano, M.A. (2010), Staying Power. Six Enduring Principles for Managing Strategy and Innovation in an Uncertain World, Oxford University Press, New York, NY ( trad italiana Restare Forti, Franco Angeli, Milano (2012) Davis, L.E. and Taylor, J (1972) The design of jobs, Penguin Dioguardi G. (2010), The network enterprise, Springer, New York. Lawrence P.R., Lorsch J.W., 1967, Organization and Environment. Managing Differentiation and Integration, Harvard University Press, Cambridge, Mass.( trad. it. Come organizzare le aziende per affrontare i cambiamenti tecnico produttivi e commerciali, Franco Angeli, Milano, 1976). Marini D. (2008), Fuori dalla media, Marsilio, Venezia. Micelli S. (2011), I nuovi profili delle imprese italiane, in Butera F., De Michelis G. (a cura di), L Italia che compete. L Italian Way of Doing Industry, FrancoAngeli, Milano. Kotter J.P Accelerate, in Harvard Business Review Italia, Novembre 2012 (con commento di Federico Butera) Perulli P., Pichierri A. (a cura di) (2009), La crisi italiana nel mondo globale. Economia e società del Nord, Einaudi, Torino.

Innovazione e rigenerazione delle imprese che competono

Innovazione e rigenerazione delle imprese che competono Innovazione e rigenerazione delle imprese che competono L Italian Way of Doing Industry (Il modello italiano di fare impresa) Federico Butera Presidente Irso Professore Ordinario, già Cattedra di Sociologia

Dettagli

IMPRESE COSTRUITE PER DURARE

IMPRESE COSTRUITE PER DURARE Workshop IMPRESE COSTRUITE PER DURARE Federico Butera Presidente Fondazione Irso e Irso Strategy, Change, Operations srl Professore Ordinario, già Cattedra di Sociologia dell Organizzazione Università

Dettagli

La formazione dei manager nelle piccole e medie imprese: scienza nuova e progetti Federico Butera 1

La formazione dei manager nelle piccole e medie imprese: scienza nuova e progetti Federico Butera 1 La formazione dei manager nelle piccole e medie imprese: scienza nuova e progetti Federico Butera 1 0. La formazione per le Piccole e medie imprese: problemi e soluzioni La formazione manageriale adottata

Dettagli

LE TEORIE CONTINGENTI SU AMBIENTE E TECNOLOGIA 1

LE TEORIE CONTINGENTI SU AMBIENTE E TECNOLOGIA 1 INTEGRAZIONE AL CAPITOLO 2 LE TEORIE CONTINGENTI SU AMBIENTE E TECNOLOGIA 1 Ambiente e organizzazione I primi e più noti studi sul rapporto organizzazione e ambiente sono quelli di Burns e Stalker (1961)

Dettagli

Strategie e imprenditorialità delle imprese del design

Strategie e imprenditorialità delle imprese del design Angelo Riva Strategie e imprenditorialità delle imprese del design Alle origini dell eccellenza e della creazione del valore: la lezione delle imprese migliori ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Visione d insieme e definizione

Visione d insieme e definizione Visione d insieme e definizione Corso di Organizzazione Aziendale Alcune capacita /competenze organizzative STRUTTURA STRATEGIA TECNOLOGIA RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE 1 Raggruppamento Funzionale Raggruppamento

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive CONTENUTI a) La filiera Automotive in Italia e in Abruzzo b) La sfida,

Dettagli

Analizzare, progettare e sviluppare i ruoli e le competenze al tempo delle turbolenze dell ambiente e dei mercati

Analizzare, progettare e sviluppare i ruoli e le competenze al tempo delle turbolenze dell ambiente e dei mercati SILVANO MAGNABOSCO Consulente di organizzazione Analizzare, progettare e sviluppare i ruoli e le competenze al tempo delle turbolenze dell ambiente e dei mercati L impresa più adeguata è quella che meglio

Dettagli

Innovazione per lo sviluppo

Innovazione per lo sviluppo Innovazione per lo sviluppo Information and Communication Technology per l industria Italiana: Un programma per l innovazione A cura di Giorgio De Michelis e Roberto Masiero Il discorso che qui presentiamo

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione delle imprese italiane Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane Fenomeno complesso e differenziato

Dettagli

Simulation and Forecasting. sfide e criticità nel futuro della produzione industriale

Simulation and Forecasting. sfide e criticità nel futuro della produzione industriale Simulation and Forecasting Technologies (S&FT): sfide e criticità nel futuro della produzione industriale Matteo Cocco (Politecnico di Milano) Sergio Terzi (Università di Bergamo) u progetto pathfinder

Dettagli

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM enclose Engineering Cloud Services CRM runs on Microsoft Dynamics CRM IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING EncloseCRM EncloseCRM è la proposta Software as a Service di Engineering per offrire al mercato

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione Capitolo 7 Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 7-1 Struttura della presentazione

Dettagli

REPUTATION FORUM ITALIA

REPUTATION FORUM ITALIA Reputation Institute Barilla REPUTATION FORUM ITALIA Parma, 11 settembre 2012 La Reputazione è il #1 Driver di Valore Per quale motivo la Reputazione è il primo driver di valore per un azienda? Quali sono

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto Sodalitas Social Solution www.sodalitas.socialsolution.it Sodalitas Social Solution è l Osservatorio on line sulla Responsabilità e la Sostenibilità delle Aziende,

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

IL RILANCIO COMPETITIVO DELL INDUSTRIA ITALIANA

IL RILANCIO COMPETITIVO DELL INDUSTRIA ITALIANA IL RILANCIO COMPETITIVO DELL INDUSTRIA ITALIANA Il ruolo della manifattura, la sua evoluzione e i fattori chiave di successo Fondazione Aldini Valeriani Bologna, 19 marzo 2015 1 L INDUSTRIA ITALIANA E

Dettagli

Inaugurazione 149 anno accademico 11 12. Il Politecnico per una crescita sostenibile del Paese Prof. Giovanni Azzone, Rettore

Inaugurazione 149 anno accademico 11 12. Il Politecnico per una crescita sostenibile del Paese Prof. Giovanni Azzone, Rettore Inaugurazione 149 anno accademico 11 12 Il Politecnico per una crescita sostenibile del Paese Prof., Rettore Indice 1. Formazione, ricerca e innovazione per una crescita sostenibile del Paese 2. Il nostro

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Il container come paradigma tecnoeconomico

Il container come paradigma tecnoeconomico IX riunione scientifica annuale della SIET Economia dei trasporti e logistica economica: ricerca per l innovazione e politiche di governance Prima sessione: economia dei trasporti marittimi Il container

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM

La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM Federico Butera e Sebastiano Di Guardo Aprile 2013 I costi del CRM sono insopportabili Il CRM e la gestione delle relazioni con i clienti/utenti sono un

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

5/6 PATRIMONIO ITALIA: DA L AQUILA A MATERA. QualeImpresa LA rivista nazionale dei giovani imprenditori. maggio/giugno 2015. Storia di copertina

5/6 PATRIMONIO ITALIA: DA L AQUILA A MATERA. QualeImpresa LA rivista nazionale dei giovani imprenditori. maggio/giugno 2015. Storia di copertina Una copia 4,10 Anno XLII - n 5/6 maggio/giugno 2015 - Contiene I.P. QualeImpresa LA rivista nazionale dei giovani imprenditori PATRIMONIO ITALIA: DA L AQUILA A MATERA Storia di copertina L Aquila Una vita

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Roma 29 aprile 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Roma 29 aprile 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 29 aprile 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Avvenire L Italia è ottava nella classifica Qs 2 Università IlSole24Ore.com

Dettagli

Dal sostegno pubblico per gli investimenti alla crescita strategica d impresa: ruolo, business e professionalità del consulente. Veneto Agricoltura

Dal sostegno pubblico per gli investimenti alla crescita strategica d impresa: ruolo, business e professionalità del consulente. Veneto Agricoltura Munarodr.Roberto Dal sostegno pubblico per gli investimenti alla crescita strategica d impresa: ruolo, business e professionalità del consulente Veneto Agricoltura Corte Benedettina Legnaro (PD) Giovedì

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

maggio-settembre 2010

maggio-settembre 2010 LA CULTURA DEL PROGETTO: ARTI, TERRITORIO, PERSONE. Innovare la programmazione culturale: PERCORSO DI FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE maggio-settembre 2010 C4-Centro Cultura Contemporaneo Caldogno,

Dettagli

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia L A B. 0 Vent anni di bassa produttività totale dei fattori sono la conseguenza di un'insufficiente capacità di reagire ai cambiamenti indotti dalla rivoluzione tecnologica, puntando con decisione su innovazione

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

NUMERO DI IMPRESE OCCUPAZIONE VALORE AGGIUNTO Numero di. Numero di

NUMERO DI IMPRESE OCCUPAZIONE VALORE AGGIUNTO Numero di. Numero di Cambiare rotta nella formazione di imprenditori e manager nelle piccole e medie imprese Scienza nuova organizzativa, partecipazione a progetti, apprendimento digitale Federico Butera 1 L idea in breve

Dettagli

ESPERTO IN WEB MARKETING PER LA SHARING ECONOMY

ESPERTO IN WEB MARKETING PER LA SHARING ECONOMY Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO IN WEB MARKETING PER GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA La storia ci insegna come le città siano cresciute, prosperate, cambiate

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Primi è il marketplace per le Piccole Medie e Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Cos è Primi? Primi è

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BRESCIA Laboratorio di ricerca SCSM

UNIVERSITÀ DI BRESCIA Laboratorio di ricerca SCSM UNIVERSITÀ DI BRESCIA Laboratorio di ricerca SCSM DIGITAL MANUFACTURING REVOLUTION I numeri del cambiamento tra opportunità e minacce Ing. Andrea Bacchetti AGENDA PERCHÉ LA RICERCA I risultati LO SCENARIO

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

CHINA BUSINESS LAB. 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai. Promosso da

CHINA BUSINESS LAB. 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai. Promosso da CHINA BUSINESS LAB 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai Promosso da China Business Lab un evento unico ed esclusivo per iniziare a fare business in China Partner CHINA BUSINESS LAB Shanghai Chamber of Commerce

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale LA PICCOLA SI FA GRANDE 4 percorsi per la crescita formativa delle PMI RELAZIONE BANCA/IMPRESA Lean thinking Marchi, brevetti e proprietà intellettuale internazionalizzazione Con il patrocinio di Piccolindustria

Dettagli

Le implicazioni sulla società

Le implicazioni sulla società 1 Giulio Occhini La fabbrica e l ufficio nell era digitale Fabbrica e ufficio sono le due componenti tradizionali dell organizzazione dell impresa, indipendentemente dal fatto che essa sia pubblica o privata,

Dettagli

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori MBS Business School Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati Come sta reagendo il Suo settore alla crisi finanziaria in corso? Quali sono le previsioni per i prossimi

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL TERMINE STARTUP SULLA STAMPA

L EVOLUZIONE DEL TERMINE STARTUP SULLA STAMPA L EVOLUZIONE DEL TERMINE STARTUP SULLA STAMPA Expert System, in occasione dell annuncio della partnership con Digital Magics all evento Disruption Day: Startup e Tecnologia Semantica, ha svolto una ricerca

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

Enterprise Europe Network

Enterprise Europe Network N 2 ANNO 2012 FOCUS Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese Enterprise Europe Network Lazio HORIZON 2020 http://www.enterprise-europe-network.ec.europa.eu/index_en.htm FOCUS HORIZON

Dettagli

www.expoveneto.it EXPO 2015

www.expoveneto.it EXPO 2015 www.expoveneto.it La piattaforma web ufficiale della Regione Veneto per l EXPO 2015 L Esposizione Universale sarà un occasione straordinaria di supporto alla crescita e al rilancio economico, confermando

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far

Dettagli

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE Il processo di trasformazione digitale delle aziende sta avendo profondi impatti sull offerta di servizi B2C e B2B che le stesse propongono ai propri clienti. La

Dettagli

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Innovation Made in Marche - Pesaro

Innovation Made in Marche - Pesaro Innovation Made in Marche - Pesaro Note di Giorgio De Michelis, IRSO Butera e Partners Aprile 2003 1. Premessa Pesaro ha completato nel 2002 un ampio e partecipato processo di pianificazione strategica

Dettagli

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA ESPANSIONE INTERNAZIONALE, MAGGIORE INTEGRAZIONE NELLA GESTIONE DEI DATI E MIGLIORAMENTO DELLA STANDARDIZZAZIONE DELLE PROCEDURE,

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino. Legge 266/97 Art. 14. Torino, 7 marzo 2011

Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino. Legge 266/97 Art. 14. Torino, 7 marzo 2011 Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino Legge 266/97 Art. 14 Torino, 7 marzo 2011 LEGGE 266/97 art. 14 Negli ultimi 10 anni, all interno del FONDO UNICO COMPETITIVITA,

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA Perché affrontare questo tema? Il motivo risiede nella considerazione che la progettazione organizzativa, ma soprattutto la sua corretta attuazione, siano una delle

Dettagli

RIPENSARE IL MANAGEMENT IN UN MONDO INTERCONNESSO

RIPENSARE IL MANAGEMENT IN UN MONDO INTERCONNESSO La scienza della complessità applicata al management Newton Management Innovation Training Center Corso Sempione, 68 Milano Docenti Alessandro Cravera Partner Newton Management Innovation Marinella De

Dettagli

Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012

Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012 Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012 Gennaio 2011 1 Premessa: l attuale situazione economica A causa della crisi economico-finanziaria che ha colpito il nostro paese, alla

Dettagli

Italia: politiche e aspetti chiave

Italia: politiche e aspetti chiave Studi dell'ocse sulle PMI e sull imprenditorialità Italia: politiche e aspetti chiave La traduzione per estratto della sintesi è stata curata dalla Sezione linguistica italiana. Titolo originale: OECD

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

La valorizzazione dei risultati Il ruolo degli incubatori tecnologici Un Incubatore è uno strumento di sviluppo economico progettato allo scopo di accelerare la crescita ed il successo di iniziative i

Dettagli

Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA

Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA 1 Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA OBIETTIVO DEL PERCORSO Il progetto intende formare una figura professionale tecnica,

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Ingegneri in Finmeccanica

Ingegneri in Finmeccanica Ingegneri in Finmeccanica Lavorare oggi in Finmeccanica significa essere a contatto diretto con le migliori tecnologie del mondo, nella realtà italiana che investe di più in Ricerca e Sviluppo e che fa

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE La migliore forma organizzativa il test delle 7S della McKinsey Struttura Strategia Sistemi Sistema di valori Stile prevalente Skills Staff PROGETTO ORGANIZZATO PROGETTO

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com News release Contact Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com PwC: I patrimoni globali gestiti supereranno quota 100.000 miliardi

Dettagli

Una presentazione di Giancarlo Bracco

Una presentazione di Giancarlo Bracco Una presentazione di Giancarlo Bracco 1 No one can make you feel inferior without your consent, Never give it" La sua storia, le tradizioni e i prodotti tipici dell Italia costituiscono l enorme potenziale

Dettagli

DESTINAZIONE CINA. I&C Italy - Territorial Relations Department Territorial Development Programs. Milano, Ottobre 2011

DESTINAZIONE CINA. I&C Italy - Territorial Relations Department Territorial Development Programs. Milano, Ottobre 2011 DESTINAZIONE CINA I&C Italy - Territorial Relations Department Territorial Development Programs Milano, Ottobre 2011 Destinazione Cina nasce con l intento di supportare le imprese che desiderano implementare

Dettagli

PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE. 22.01.2013 Manuela de Carlo

PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE. 22.01.2013 Manuela de Carlo PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE SESSIONE 3: STRATEGIA DI MARKETING TERRITORIALE "Attori e politiche per lo sviluppo della destinazione Lombardia nel contesto internazionale" 22.01.2013

Dettagli

SCENARIO. Il Comitato intende favorire azioni che rendano la nostra Associazione un punto di riferimento per tutte le Start Up innovative laziali

SCENARIO. Il Comitato intende favorire azioni che rendano la nostra Associazione un punto di riferimento per tutte le Start Up innovative laziali SCENARIO Nell attuale contesto di crisi è di vitale importanza, per il futuro economico e sociale del Paese, investire nello sviluppo di imprese innovative diversificando il sistema produttivo grazie alla

Dettagli

Angelo Riva Business plan. Strategie e strumenti per diventare imprenditori e per risanare imprese in crisi

Angelo Riva Business plan. Strategie e strumenti per diventare imprenditori e per risanare imprese in crisi A13 344 Angelo Riva Business plan Strategie e strumenti per diventare imprenditori e per risanare imprese in crisi Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION I. INTRODUZIONE Un nuovo tipo di mass customization sta ridefinendo le strategie di business e di marketing. Molte aziende offrono prodotti altamente personalizzati in una vasta gamma di categorie. Queste

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT START LAB Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT e L'INNOVAZIONE: UN APPROCCIO STRUTTURATO VERSO LE STARTUP 6 Exit 1 Concepimento Idee STARTUP 2 Sviluppo

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli