PROVA PRO-DESIGN JALPA GLEITSCHIRM 6 GIUGNO Test Pilot :Peter Feichtinger

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVA PRO-DESIGN JALPA GLEITSCHIRM 6 GIUGNO 2007-07-06. Test Pilot :Peter Feichtinger"

Transcript

1 PROVA PRO-DESIGN JALPA GLEITSCHIRM 6 GIUGNO Test Pilot :Peter Feichtinger Con la costruzione del DHV 2 basico THEMA. Pro-Design ha intrapreso una nuova strada. Dopo l omologazione del DHV 1-2 ACCURA, essa ha trasferito questa sua nuova filosofia costruttiva anche nel 2 ad alte prestazioni JALPA. L uscita del TITAN 2 condusse la ditta costruttrice austriaca Pro-Design non solamente a realizzare un DHV2 di razza ma, assieme ai suoi più importanti rappresentanti, a rivedere completamente la propria filosofia costruttiva: si comprese che l eccesso di particolari realizzati con complesse lavorazioni e materiali pesanti non si traducevano in realtà in veri vantaggi ma rendevano solamente la vita difficile in decollo anche se poi, in volo, l ala mieteva i consensi dei piloti e ciò non piaceva. Con l arrivo di un nuovo progettista, lo svizzero Alexandre Paux, in Pro-Design ebbe finalmente inizio il radicale cambiamento della filosofia aziendale: i materiali pesanti dovevano far posto ad altri più leggeri ed anche la metodologia costruttiva complessiva doveva evolversi verso il traguardo di una più razionale semplicità. Con il THEMA Pro-Design omologò un 2 seguendo i principi di questa nuova filosofia. Nel volo non accelerato il THEMA ottenne la valutazione 1/2 in tutte le manovre e questo fu la comprova della validità del nuovo concetto. Ora con lo JALPA Pro-Design completa la sua offerta di DHV2 con un ala dalle elevate prestazione che va a collocarsi nella parte alta della forchetta di questa classe. Comunque non è solo nella sostanza della costruzione che le ali della Casa di Innsbruck sono state migliorate, per il THEMA venne anche ricercato un handling completamente nuovo che poi è stato ulteriormente raffinato nell 1/2 ACCURA. COSTRUZIONE, LAVORAZIONI: L obbiettivo primario per la creazione dello JALPA fu prima di tutto, assieme al fatto che doveva collocarsi per prestazioni ai confini superiori della gamma alta dei 2, che esso dovesse avere un ottimo dominio nel comportamento in volo ed essere sicuro a prescindere da quelli che sono i criteri di omologazione previsti dal protocollo DHV per questa classe, poi, che fosse dotato di grande velocità al suolo e di un movimento in beccheggio molto ammortizzato. Nemmeno a dirsi, doveva essere decisamente più facile in decollo del suo predecessore il TITAN. Per raggiungere questi obbiettivi Alexandre Paux ha iniziato il progetto partendo da un ala dall allungamento moderato quale il THEMA raffinandone e sviluppandone il profilo per poi aumentarne l allungamento aggiungendo ulteriori cassoni. Con la modifica del profilo la calotta è diventata un poco più piatta al centro. Dalle sue linee lo JALPA si identifica indubbiamente quale vela della nuova filosofia Pro-Design ed effettivamente va anche in senso opposto al trend attuale delle vele ad alte prestazioni. Non ha nulla a che vedere persino con il best seller TARGET dal cui profilo abbiamo sviluppato negli ultimi anni tutte le nostre ali. Così asserisce Herbert Hofbauer titolare della Ditta. Una delle particolarità della calotta è che lungo l intero bordo d attacco nella parte superiore vi sono delle cuciture. Queste servono a unire i pannelli che formano il bordo stesso e che vengono tagliati in modo ellissoidale per far si di ottenere una maggior fedeltà della curvatura del tessuto rispetto a quella del profilo progettato al CAD e conseguentemente assicurare un comportamento in beccheggio aderente a quello previsto. Anche in quest ultima realizzazione il Team Hofabuer/Paux utilizza alcuna delle innovazioni tecniche sviluppate dalla Casa austriaca negli ultimi anni: accanto alla centinatura a V parziale che dona alla calotta una stabilità maggiore, nel primo terzo interno dell ala nel verso del bordo d uscita corre lungo tutta l apertura alare una banda di tessuto che asserve al compito di mantenere il profilo in virata il più pulito possibile. Vi è poi il sistema RAM-AIR nella parte inferiore interna delle bocche che grazie a delle tasche di tessuto che si gonfiano in volo mantengono il bordo d attacco più rigido e solido alle alte velocità e smorzano nel contempo quelle fastidiose

2 vibrazioni che si trasmettono al fascio quando si va in pedana. Anche il bordo d uscita gode di un particolare sistema che riprende le pieghe del tessuto che si formano quando si azionano i freni e facendo si che il profilo in uscita risulti estremamente più pulito in virata. Sia per la fattura che per i materiali utilizzati, Pro-Design segue il trend della leggerezza. Persino per i rinforzi in Mylar si è riuscito a risparmiare peso: ora ogni tre cassoni si alternano due rinforzi più corti ad uno più lungo. Lo scopo di una costruzione generale più leggera è, assieme al miglioramento delle caratteristiche di decollo, di ottenere un peso ed un volume da stivare minore tanto che queste ali riescono a strizzare un occhio anche al mercato del paralpinismo pur senza nulla togliere a prestazioni e longevità. Lo JALPA è in vendita in quattro taglie per pesi che vanno da 65 a 130 Kg in ordine di volo. La taglia piccola è ancora in lavorazione mentre le altre tre sono tutte omologate e disponibili. Esiste anche una versione RACE denominata JALPA GTS dotata di fascio da gara sguainato e bretelle sottili in Kevlar con diversa corsa dell acceleratore ma senza Gutesiegel. Preparare lo JALPA al decollo è cosa veramente semplice e senza complicanze. Grazie all allungamento moderato non richiede di essere posizionato al suolo in modi particolari ed anche il controllo del fascio funicolare è facile e veloce dato che esso è ben strutturato e da ogni bretella dipartono linee di cordini di colore ben differenziato. Alla trazione delle bretelle A lo JALPA si gonfia ad iniziare dal centro e sale pulita è con facilità. Con vento nullo o da dietro, le orecchie restano chiuse sino all ultimo terzo di salita per poi nella corsa riaprirsi da sole. Quando l ala giunge al culmine della salita vista la risibile tendenza a sopravanzare, il pilota non troverà nessuna difficoltà nel controllarla con i comandi. Anche nelle fasi di corsa lo JALPA segue con precisione i comandi impartiti ed è facilmente conducibile nella direzione prescelta. Nel decollo fronte ala lo JALPA affascina per la perfetta e fedele risposta all impulso che gli si da per salire. In condizioni di vento forte alla trazione delle A l ala sale moderatamente veloce nel primo terzo di corsa ove va frenata con convinzione. Superata questa prima fase l ala sale raggiungendo autonomamente il culmine della salita senza avere ulteriore tendenza ad accelerare od a superare il pilota. Eventuali movimenti in eccesso della calotta con vento forte risulteranno comunque essere poco dinamici e potranno essere in ogni caso facilmente corretti. COMPORTAMENTO IN VOLO: Lo JALPA appartiene a quel tipo di ali che piacciono e trasmettono fiducia sin dalla prima virata. Facile da utilizzare, precisa nella direzionabilità, con comandi che permettono di calibrare con esattezza l inclinazione, questo 2 si inserisce in virata senza sprofondare o chiudere improvvisamente. Ogni centimetro di corsa dei comandi significa maggior o minor inclinazione dopodichè l ala percorre la traiettoria del raggio di virata stabilito precisa quasi seguisse una rotaia. La sue grandi qualità sono proprio la sua poliedricità e la sua spontaneità in virata. Combinando l azione dei comandi interno ed esterno, l ala si lascia condurre estremamente piatta e stretta in ascendenza ma è anche subito pronta dopo l entrata in una termica forte a variare l inclinazione per seguirne anche i noccioli più stretti. Anche uscendo all improvviso da una termica l ala non soffre di oscillazioni sull asse di beccheggio tendendo a continuare a volare livellata e pronta a virare immediatamente piatta. L escursione dei comandi necessaria a salire in termica resta in ogni caso sempre limitata e il freno esterno può essere tenuto sempre in gioco. La pressione sui comandi è leggera nella prima parte della corsa per divenire successivamente solo moderata. Grazie alla grande maneggevolezza ed alla semplicità dell handling lo JALPA sembra far diventare tranquille anche le termiche più turbolente. Se appena tenuta, l ala risulta molto stabile in turbolenza o nelle ascendenze irregolari ove si scompone appena. Eventuali alleggerimenti (scaricate n.d.t) che in ogni caso avvengono raramente, sono comunicati tempestivamente dalla calotta ai comandi.

3 Lo JALPA trasmette i segnali della calotta in modo ottimale tanto che il pilota si sente veramente a suo agio nella selletta ove avverte ogni movimento ma in modo dolce. Anche sull asse trasversale l ala si dimostra ottimamente ammortizzata. Nel volo in turbolenza lo JALPA resta sempre solido e sopra al pilota e sia in entrata che in uscita di termica cabra e picchia pochissimo. Nel volo accelerato l ala fende così liscia l aria che fa gioire il pilota per la sua stabilità. CHIUSURA ASIMMETRICA: Con il 60% di ala interessata, lo JALPA tende ad abbattersi ampiamente e picchia velocemente in avanti. Piccole chiusure nella semiala opposta si possono verificare quando essa raggiunga il punto morto inferiore della picchiata. Successivamente l ala parte per un 360 riaprendosi da sola in maniera poco impulsiva già nell ultima fase dei primi 180. I restanti 180 della virata servono per smaltire l energia accumulata. Per il suo handling agile e diretto ma specialmente nelle chiusure asimmetriche provocate senza che il pilota abbia cercato una qualsiasi reazione, lo JALPA dimostra di essere una vela destinata ad un pubblico di piloti dotati di una discreta esperienza. La rotazione alla chiusura asimmetrica dell ala può essere comunque stoppata spostando velocemente il peso verso il lato ancora aperto evitando così repentine ed eccessive variazioni di traiettoria e ritornando subito al volo rettilineo. Poi con uno o due impulsi sul comando della parte chiusa la vela si riaprirà immediatamente. METODI PER LA DISCESA RAPIDA: Orecchie: con l ausilio dei rinvii collocati tra le bretelle ed i cordini esterni delle A, tipici di questa Marca, le orecchie si lasciano chiudere con estrema facilità e grazie alla minima tendenza alla riapertura spontanea il pilota potrà mantenerle a lungo senza fatica. La direzionabilità durante l esecuzione della manovra è rimarchevole. Anche spostando di poco il peso l ala inizia già a girare. L uscita si ha al rilascio dei rinvii in maniera spontanea appena ritardata. Stallo di B : questa manovra si offre nello JALPA per facilità d esecuzione e per resa effettiva quale reale alternativa ad altri metodi di discesa rapida. Entrare in configurazione richiede solo un minimo sforzo fisico dopo di che l ala entra in stallo in modo netto. La calotta si spezza al centro ampiamente e uniformemente abbattendosi relativamente poco all indietro per poi portarsi subito a ristabilizzarsi sopra al pilota. Anche se la calotta si sgonfia quasi completamente e compie dei movimenti la manovra resta sempre molto sicura. Il tasso di caduta risulta molto elevato anche oltre i 10 m/s. L ala non ha nessuna tendenza ad uscire con ritardo e riprende subito velocità picchiando moderatamente in avanti al rilascio delle bretelle. Spirale: già con mezza corsa di comando e dopo un mezzo giro lo JALPA è pronto ad entrare in spirale. Mantenendo il comando in questa posizione questo 2 raggiunge e mantiene comodamente un rateo di discesa che non eccede i 10 m/s. Desiderando ottenere ratei maggiori, è necessario applicare al comando una ulteriore e sensibile azione di affondo che richiede più forza ma che permette di ottenere risultati ragguardevoli con facilità. Con un pilotaggio competente ed attivo lo JALPA si lascia condurre i modo piacevolmente dolce fuori dalla spirale. CONCLUSIONI: Con lo JALPA il progettista Alexandre Paux ed il Team Pro-Design sono riusciti a creare un ala di pura razza, piacevole e divertente che si posiziona ai confini superiori della classe 2. Per ciò che riguarda l handling nessuna richiesta resta disillusa: l ala affascina per le sue caratteristiche di maneggevolezza, per la purezza e la poliedricità con cui affronta ogni tipo di virata e per un ottimale ritorno dei movimenti della calotta a livello di sensazioni avvertite su freni e selletta. Lo JALPA mantiene immutate le sue qualità di volo con ogni intensità di termica e grazie alla possibilità di controllo ed alla stabilità della calotta il livello di adrenalina dovuto al piacere di pilotarla sale velocemente nel pilota.

4 Che la vela debba malgrado ciò essere condotta da mai esperte, lo dimostra il comportamento relativamente esigente che ha dimostrato durante le prove nella chiusura asimmetrica senza intervento correttivo da parte del pilota. Ma non solo chi vola in termica o i piloti che cercano il divertimento trovano nello JALPA un buon compagno, anche i piloti di XC potranno apprezzarne l handling rimarchevole e tutto il potenziale di prestazioni conducendo in sicurezza lunghi voli di distanza con la consapevolezza per di più di poter sfruttare senza temere l acceleratore anche in turbolenza. VALUTAZIONE IN BREVE Costruzione e materiali : solida e leggera Decollo: molto ben controllabile e facile in ogni fase In volo: maneggevole, handling preciso. Caratteristiche di volo ben controllabili e grande stabilità Orecchie: esecuzione semplice, pilotabilità ottima, resa elevata. Stallo di B : esecuzione semplice, resa elevata, rapida ripresa di velocità. Spirale : facile in entrata ed in uscita. Per ottenere elevati tassi di caduta necessita di più pressione sul comando Le valutazioni: * insufficiente ** mediocre *** buono **** molto buono eccellente PER CHI E PRINCIPIANTI PILOTI OCCASIONALI PILOTI ESPERTI PILOTI SPORTIVI e XC

5 Materiali/Cuciture Estradosso Intradosso Centine Fascio (secondari) Fascio (principali ) Accessori Carrucole Fissaggio maniglie freni Maniglie freni Bloccaggio dei cordini nel maillon Cuciture Cucitura del fascio Punti d aggancio del fascio alla calotta Skytex 40 Classic Skytex 40 Classic Skytex 45 Hard Edelrid Dyneema Edelrid Kevlar Sacca, sacca di compressione, acceleratore, manuale d uso in CD, DVD Plastica metallo/ tutto metallo Clips magnetiche Morbide con poco irrigidimento Inserto plastico Interne Taglio dei cordini netto senza sfilacciature, cuciture pulite solo in parte sporgenti, terminali parzialmente sporgenti Puliti senza tensioni che interessino i cassoni laterali, esemplare l esecuzione degli stabilo Dati forniti dal costruttore Taglia Celle Peso al decollo 60/80 75/95 90/ /130 Apertura in piano mt. 11,27 11,73 12,14 12,62 Apertura proiettata mt. 9,22 9,59 9,93 10,32 Superficie in piano mq. 23,11 25,00 26,78 28,97 Superficie proiettata mq. 20,24 21,89 23,45 25,37 Allungamento in piano 5,5 5,5 5,5 5,5 Allungamento proiettato 4,2 4,2 4,2 4,2 Peso ala Kg. 5,2 5,5 5,8 6,2 Lunghezza totale del fascio Classificazione DHV In 2 GH 2 GH 2 GH corso V.min (Km/h) V.trimm (Km/h) V.max (Km/h) Prezzo di listino Euro

6 Protocollo di test di effettuato da GLEITSCHIRM Strumento di misurazione Brauniger IQ Basis 2, GPS Quota della misurazione 700 metri sul livello del mare V.min (Km/h) - V.trimm (Km/h) 38/39 V.max (Km/h) 56 Peso totale in volo (Kg) 102 Carico alare (Kg/mq) 3,80 Peso della vela (Kg) 5,9 Forchetta di peso prevista Peso al decollo 102 Imbrago del test pilot: Paratech D2 Diagramma dello sforzo sui comandi in virata: 12 Forza in kg (dan=kg) Corsa dei comandi in cm. Efficienza misurata : 8,6 (alla velocità di trimm = 38/39 Km/h) L efficienza viene misurata con estrema precisione dal Test Team di GLEITSCHIRM. Le ali in prova vengono testate in assolute condizioni di aria calma ( all alba) compiendo più voli in comparazione con un ala a noi ben conosciuta che fa da modello di riferimento( inoltre i piloti si scambiano tra di loro i mezzi ). Gli imbraghi utilizzati, come per altro il peso al decollo, sono identici. Dopo ogni volo le differenze di quota di entrambe le ali sono rilevati attraverso uno strumento di precisione. Successivamente a mezzo di una precisa e distinta valutazione dei valori medi calcolati si arriva alla valutazione dell efficienza delle ali testate. Con questo metodo si raggiunge una tolleranza nella misurazione di +/- 0,1 ( facendo sempre riferimento all ala modello) Strumenti di misurazione : 2 x Aircotec XC-Trainer Imbraghi utilizzati: Airwave Ram Race ( senza profilatura aerodinamica) Corsa dell accelleratore: 49 cm. (corsa necessaria per accelerare completamente)

7 Appunti Classe 2 ai confini superiori della classificazione DHV con le seguenti caratteristiche: Elevata efficienza e velocità al suolo Ottimo dominio nel volo normale indipendentemente dalle valutazioni dei test DHV per questa classe Elevata stabilità in beccheggio Caratteristiche di decollo facili Sistemi applicati: Cucitura nella parte superiore dell intero bordo d attacco che unisce i pannelli di tessuto che vengono tagliati in forma ellissoidale per ottenere una maggior fedeltà della curvatura del profilo progettato Allungamento moderato per un miglior dominio dell ala in volo Costruzione leggera per facilitare al massimo il decollo Informazioni sulla Casa Costruttrice Sede e distribuzione : Pro-Design GmbH Zimmeterweg Innsbruck Austria Tel Luogo di produzione : Cina Progettisti : Alexandre Paux-Herbert Hofbauer

L EASINESS, la nuovissima selletta leggera reversibile assieme al PI completa alla perfezione il pacchetto ADVANCE HIKE & FLY.

L EASINESS, la nuovissima selletta leggera reversibile assieme al PI completa alla perfezione il pacchetto ADVANCE HIKE & FLY. S IEPA R VCI C EGE P KA PI Nomen est omen Il PI è nel parapendio quello che è il LIGHTNESS per gli imbraghi ADVANCE: costruito per uno specifico gruppo di piloti che vogliono volare il più leggeri possibile

Dettagli

Il Bora non è una vela iniziale, l'uso da parte di piloti neofiti rappresenta dunque un pericolo per loro stessi.

Il Bora non è una vela iniziale, l'uso da parte di piloti neofiti rappresenta dunque un pericolo per loro stessi. MANUALE DI VOLO Questa vela è la naturale evoluzione della sua sorella precedente ma per caratteristiche progettuali e costruttive ha un carattere diverso e prestazioni in ambito di utilizzo che sono ulteriormente

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC

DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC INDICE 1 ANGOLO DI CAMBER STATICO Pag. 2 1.1 Indicazioni Generali per Avantreno e Retrotreno Pag. 2 1.2 Camber Avantreno Pag. 2 1.3 Camber Retrotreno Pag. 2 2

Dettagli

Oasis Manuale d uso. Leggi il manuale prima di effettuare il tuo primo volo con l Oasis

Oasis Manuale d uso. Leggi il manuale prima di effettuare il tuo primo volo con l Oasis Oasis Manuale d uso Leggi il manuale prima di effettuare il tuo primo volo con l Oasis Benvenuto Congratulazioni e un grazie da Gin Gliders per aver scelto l Oasis. Su questo parapendio il progettista

Dettagli

Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori. (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata.

Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori. (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata. Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata.) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Le prestazioni del vostro aeroplano

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

REGOLAZIONE SOSPENSIONI suspension tuning

REGOLAZIONE SOSPENSIONI suspension tuning REGOLAZIONE SOSPENSIONI suspension tuning Francesco Meneghini 2007 Introduzione Nessuna parte nella regolazione della moto è più critica della messa a punto delle sospensioni. Un impropria messa a punto

Dettagli

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling)

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Osservazione: con il segno + si vuole indicare che la regolazione impostata è stata aumentata. Mentre, con il segno la regolazione impostata

Dettagli

TEORIA CORSO S.I.V. 1

TEORIA CORSO S.I.V. 1 TEORIA CORSO S.I.V. 1 L indispensabilità di un corso SIV E' consolidata l'opinione che l'apprendimento della disciplina del parapendio non sia così facile e veloce come spesso si voleva far credere. Un

Dettagli

PARAPENDIO. Versione 1.2 Date: 06 02 2014. Discus. Manuale (I)

PARAPENDIO. Versione 1.2 Date: 06 02 2014. Discus. Manuale (I) PARAPENDIO Versione 1.2 Date: 06 02 2014 Discus Manuale (I) IMPORTANTE Swing Flugsportgeräte GmbH si riserva il diritto di alterare o aggiungere contenuti a questo manuale in ogni momento. Potete tenerlo

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

NTR30N. Specifiche. Carrello da traino 3.0 tonnellate

NTR30N. Specifiche. Carrello da traino 3.0 tonnellate NTR30N Specifiche Carrello da traino 3.0 tonnellate NTR30N COMANDI AVANZATI E COMPARTO SPAZIOSO PER FACILITARE L IMPIEGO DEL CARRELLO E FARE SALIRE LA PRODUTTIVITÀ Il carrello da traino NTR30N Cat è l

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Dati utili Lunghezza del treno: 8,8 m Durata del percorso: 55 s Lunghezza del percorso: 1200 m Massa treno a pieno carico: 7000 kg Altezza della prima

Dettagli

Apertura completa: il cancello si apre fino in fondo, rimane aperto per il tempo programmato e poi si richiude automaticamente.

Apertura completa: il cancello si apre fino in fondo, rimane aperto per il tempo programmato e poi si richiude automaticamente. Funzionamento normale Il normale funzionamento prevede che il cancello si apra, rimanga aperto per il tempo programmato dall installatore e poi si richiuda, con un rallentamento della corsa che inizia

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 1 - AERODINAMICA 1 Il fenomeno aerodinamico della vite è caratterizzato da: A) semiala interna alla rotazione completamente stallata;

Dettagli

L unità di propulsione elettrica leggera per la carrozzina manuale

L unità di propulsione elettrica leggera per la carrozzina manuale L unità di propulsione elettrica leggera per la carrozzina manuale Muoversi con disinvoltura e sicurezza www.aat-online.de Muoversi con disinvoltura L unità di propulsione elettrica di nuova generazione

Dettagli

MANUALE D USO. NIVIUK Gliders KOYOT

MANUALE D USO. NIVIUK Gliders KOYOT MNULE D USO KOYOT BENVENUTO Desideriamo darti il benvenuto nel nostro team e ringraziarti per aver scelto di volare con un parapendio Niviuk. Siamo lieti di condividere con te la passione e la dedizione

Dettagli

come girare veloci IN PIEGA L ASSETTO DA PISTA

come girare veloci IN PIEGA L ASSETTO DA PISTA IN PIEGA L ASSETTO DA PISTA come girare veloci La regolazione della forcella comincia con il precarico molla (sinistra) aumentando quello standard. Allo stesso modo si incrementa il freno in compressione

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

SETUP DI UN AUTOVEICOLO

SETUP DI UN AUTOVEICOLO Inizio 14.15 Proge&azione di sistemi di trasporto SETUP DI UN AUTOVEICOLO Ing. Mattia Strangi Università degli Studi di Bologna DiparBmento DICAM Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali www.dicam.unibo.it

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE.

AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE. AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE. V E I C O L I T R A S P O R T O L E G G E R O P I A G G I O. G R A N D I L A V O R A T O R I D I P I C C O L A T A G L I A. AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE

Dettagli

Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle

Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle Più dure Più morbide Auto + reattiva e diretta (ed anche nervosa) Aiutano a saltare + in alto e + in lungo, quindi sono ottime per piste piatte con tanta

Dettagli

CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate

CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate Carrelli Elevatori Endotermici Mettili alla prova! Avvicinati al nuovo M300, noterai la differenza. Capacità di carico da 1.5 fino a 3.5 tonnellate Robusto telaio per una

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

The new era. La nuova linea Performance

The new era. La nuova linea Performance Agosto 2013 / IT The new era. La nuova linea Performance www.the-new-era.com Robert Bosch GmbH Bosch ebike Systems Postfach 1342 72703 Reutlingen Germany www.bosch-ebike.com www.facebook.com/boschebikesystems

Dettagli

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI SCUOLA INTERSEZIONALE SIBILLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI NODI A cosa servono i nodi in Alpinismo? formare una cordata congiungere corde e chiudere

Dettagli

Vi raccomandiamo di leggere questo manuale prima di volare con BIX per la prima volta.

Vi raccomandiamo di leggere questo manuale prima di volare con BIX per la prima volta. Vi raccomandiamo di leggere questo manuale prima di volare con BIX per la prima volta. GRAZIE Nel ringraziarvi per aver scelto un nostro prodotto vi invitiamo a leggere questo importante strumento che

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego.

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. 2 1 2 3 Chiedete ai vostri specialisti Prime Design Europe in tutta Europa ulteriori informazioni sui nostri prodotti vincenti!

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

4 volte F. L albero e l attrezzatura

4 volte F. L albero e l attrezzatura L albero e l attrezzatura In passato gli alberi delle imbarcazioni e delle navi erano realizzati in legno e tenuti in posizione da sartie costituite da cime vegetali. E evidente che le sartie e l alberatura

Dettagli

Terrano. Lavorazione al suolo senza compromessi

Terrano. Lavorazione al suolo senza compromessi Terrano Lavorazione al suolo senza compromessi Terrano FX universale e con bassa richiesta di forza di traino Terrano FM coltivatore universale per uso pesante Terrano assoluta facilità di traino! Punti

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE PER RIPASSARE NODI E MANOVRE COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago e possibilmente

Dettagli

Sali e guida! MT-07 www.yamaha-motor.it

Sali e guida! MT-07 www.yamaha-motor.it Sali e guida! MT-07 è una nuova specie di moto, progettata per riportare sulla strada il divertimento e il piacere di guidare, a un prezzo accessibile. Tutto in questa MT è fuori dall'ordinario: la coppia

Dettagli

Tutto sugli pneumatici

Tutto sugli pneumatici Tutto sugli pneumatici Dettagli pneumatico Più di 100 anni di esperienza e tecnologia hanno reso Pirelli in grado di combinare nei suoi prodotti il massimo livelli di sicurezza, longevità e comfort. Con

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA Considerazioni sui metodi di contenimento delle sollecitazioni durante la caduta nell arrampicata libera Gola di Gorropu LA CATENA DI ASSICURAZIONE

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

The new era. La nuova linea Active

The new era. La nuova linea Active Agosto 2013 / IT The new era. La nuova linea Active www.the-new-era.com Robert Bosch GmbH Bosch ebike Systems Postfach 1342 72703 Reutlingen Germany www.bosch-ebike.com www.facebook.com/boschebikesystems

Dettagli

Ti sollevano dalle responsabilità. Ti sollevano da tutti i problemi di trasporto. Ti sollevano da inutili sforzi

Ti sollevano dalle responsabilità. Ti sollevano da tutti i problemi di trasporto. Ti sollevano da inutili sforzi Essere all altezza delle tue aspettative è la nostra missione da sempre, per questo Faraone presenta le nuove Scale Elettriche Elevah, costruite interamente in alluminio per essere sempre più leggere ma

Dettagli

La nuova Lexus GS Hybrid ridefinisce completamente il concetto di berlina. Nel suo cuore batte una filosofia di design che punta all innovazione

La nuova Lexus GS Hybrid ridefinisce completamente il concetto di berlina. Nel suo cuore batte una filosofia di design che punta all innovazione accessori gs hybrid EsPRESSIONE DI INDIVIDUALITà La nuova Lexus GS Hybrid ridefinisce completamente il concetto di berlina. Nel suo cuore batte una filosofia di design che punta all innovazione continua

Dettagli

Montascale universale

Montascale universale Montascale universale Sicuro e confortevole sulle scale www.aat-online.de La mobilità è un aspetto molto importante della qualità della vita. Per questo motivo la sua libertà di movimento non deve essere

Dettagli

Professionista del verde

Professionista del verde Professionista del verde f a l c i a t r i c i a p i a t t o f r o n t a l e t r a t t o r i a g r i c o l i e p e r g i a r d i n a g g i o Falciatrici a piatto frontale Elevata produttività, versatilità,

Dettagli

Tecnologia di piegatura economica: TruBend Serie 3000. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Tecnologia medicale

Tecnologia di piegatura economica: TruBend Serie 3000. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Tecnologia medicale Tecnologia di piegatura economica: TruBend Serie 3000 Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Tecnologia medicale Riferimento nella piegatura. Indice Riferimento nella piegatura.

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS SHAPING THE FUTURE Da oltre 20 anni BIKO è sinonimo di qualità. Già subito dopo il suo lancio, la linea di calandre BIKO è diventata la marca preferita di centinaia di produttori di serbatoi, scambiatori

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

Quargo PIANALE RIBALTABILE BOX

Quargo PIANALE RIBALTABILE BOX gamma Quargo Quargo QUARGO, COMPAGNO INSTANCABILE DEL TUO LAVORO Agile, compatto e affidabile: Quargo è il veicolo commerciale più competitivo esistente sul mercato. Quargo rappresenta la soluzione perfetta

Dettagli

Noi forniamo l accesso con stile.

Noi forniamo l accesso con stile. Noi forniamo l accesso con stile. 1 I sistemi di accesso Rostek Piattaforme Rostek Manteniamo splendida un architettura splendida Sono tutte sicure, sospese e stabili. E tutte funzionano benissimo. Non

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

Genie II Manuale d istruzioni. Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta.

Genie II Manuale d istruzioni. Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta. Genie II Manuale d istruzioni Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta. Grazie Grazie per aver scelto il Genie II. Confidiamo che quest imbrago sarà in

Dettagli

PER UN ASSETTO PERFETTO

PER UN ASSETTO PERFETTO GARAGE ATTREZZATURE PER UN ASSETTO PERFETTO Corghi ha in catalogo un attrezzatura per l allineamento delle ruote particolarmente completa nelle funzioni e che offre la possibilità di infinite regolazioni

Dettagli

L utensile giusto. per ogni applicazione. Avete in mente altre idee? www.bosch-do-it.ch. 4502 Soletta. Casella postale 1158.

L utensile giusto. per ogni applicazione. Avete in mente altre idee? www.bosch-do-it.ch. 4502 Soletta. Casella postale 1158. Avete in mente altre idee? Visitate il nostro sito Internet all indirizzo www.bosch-do-it.ch e lasciatevi ispirare dalle nostre idee su come abbellire la vostra casa e dalle nostre proposte di design.

Dettagli

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso MANUALE D USO Mek 1 Sommario Pagina 3 : La ditta Mechetti Pagina 4 : Presentazione prodotti Pagina 5 : Schede tecniche Pagina 6 : Istruzioni per l uso Pagina 7 : Soluzione e problemi noti Pagina 8 : Parti

Dettagli

Il montascale per la sua carrozzina. Salire e scendere le scale in sicurezza con la propria carrozzina. www.aat-online.de

Il montascale per la sua carrozzina. Salire e scendere le scale in sicurezza con la propria carrozzina. www.aat-online.de Il montascale per la sua carrozzina Salire e scendere le scale in sicurezza con la propria carrozzina www.aat-online.de Durante la vita quotidiana, per molte persone, le scale possono rappresentare un

Dettagli

easy going. by Linde Material Handling

easy going. by Linde Material Handling easy going. by Linde Material Handling Le città non saranno più le stesse. Il Know-how Linde per le consegne in città: Il CiTi Truck Oggigiorno, la maggior parte delle città europee ha un area pedonale,

Dettagli

CARRIER C30R-2B. 2365 kg. Call for Yanmar solutions

CARRIER C30R-2B. 2365 kg. Call for Yanmar solutions CARRIER 2365 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Trasportatore Yanmar, prestazioni ottimali su ogni tipo di terreno. Caratteristiche principali > Dimensioni compatte : Larghezza globale ridotta a

Dettagli

Motorino elettrico fatto in casa

Motorino elettrico fatto in casa Realiz zato da Giovanni Gerardi VA P.N.I. a.s. 2010-11 Motorino elettrico fatto in casa Premesse. In una lezione di fisica verso metà marzo la professoressa di matematica e fisica Maria Gruarin ha introdotto

Dettagli

minimale Motoaliante D a tempo parliamo di

minimale Motoaliante D a tempo parliamo di La formula è quella del libratore motorizzato, la linea, derivata dal GOAT di Mike Sandlin, ricorda quella del mitico Zoegling, il piacere del volo open air è immutato, ma i materiali sono moderni: abbiamo

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME In questo documento verranno affrontate tre manovre molto ricorrenti nell ambito del volo IFR, le holding, le virate di procedura e gli archi di DME,

Dettagli

Massima forza di traino. I trattori elettrici Linde da 3 a 25 t. Linde Material Handling

Massima forza di traino. I trattori elettrici Linde da 3 a 25 t. Linde Material Handling Massima forza di traino. I trattori elettrici Linde da 3 a 25 t. Linde Material Handling Innovative soluzioni operative, eccellenza ergonomica e prestazioni economiche che portano ad una maggior produttività

Dettagli

INDICE GAMMA GIARDINO

INDICE GAMMA GIARDINO CATALOGO GENERALE 2014/2015 1 INDICE GAMMA GIARDINO 06...MOTOSEGHE 07...TOSASIPI 08...DECESPUGLIATORI 10...SOFFIATORE 11...MOTOPOMPA PORTATILI A BATTERIA 12...MOTOSEGA A BATTERIA 13...TOSASIEPI A BATTERIA

Dettagli

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione E.P. Elevatori Premontati srl montascale con pedana Tecnologie in Elevazione Il montascale o servoscala è una macchina per il trasporto di persone lungo scale o percorsi inclinati, rivolto ad anziani o

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

Nessun tipo di terreno, pendenza o condizioni operative a forte disagio ambientale sono impossibili per lo SPEEDY CUTTER*

Nessun tipo di terreno, pendenza o condizioni operative a forte disagio ambientale sono impossibili per lo SPEEDY CUTTER* RADIOCONTROLLED TECHNOLOGY AND ENGINEERING SOLUTIONS CINGOLATI TUTTO TERRENO MULTIFUNZIONE Innovativo nel suo genere. Dotato di radiocomando a distanza, polivalente per gli accessori proposti e con una

Dettagli

1 Introduzione... 4. 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5. 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5

1 Introduzione... 4. 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5. 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5 2 di 11 INDICE 1 Introduzione... 4 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5 3 Misura del diametro ruote ricalibrazione automatica... 8 4 Misura

Dettagli

Dinamometri. Serie FK

Dinamometri. Serie FK Serie FK Dinamometri I dinamometri della serie FK sono caratterizzati dalla grande robustezza relativa alla loro struttura e dalla semplicità di utilizzo. Tutti i modelli possono lavorare, mediante la

Dettagli

SCELTA DEL MOTORE FUORIBORDO SU PICCOLI CABINATI

SCELTA DEL MOTORE FUORIBORDO SU PICCOLI CABINATI SCELTA DEL MOTORE FUORIBORDO SU PICCOLI CABINATI La scelta di un fuoribordo su di un piccolo cabinato carrellabile dipende dalla ponderazione di una serie di fattori e relativi vantaggi/svantaggi che essi

Dettagli

M A C C H I N E P E R L A P U L I Z I A I N D U S T R I A L E E U R B A N A

M A C C H I N E P E R L A P U L I Z I A I N D U S T R I A L E E U R B A N A 5000-200 HYDRO Il concetto Le lavastrade Dulevo 200 e 5000 Hydro sono state progettate per la pulizia ad alta pressione e la sanificazione delle aree urbane, ma si adattano senza problemi anche ad aree

Dettagli

Opuscolo. Portavant 60. Ferramenta di Vetro Innovativa NOVITÀ! Leggero rallentamento, chiusura impeccabile COMFORT STOP AUTOCLOSE

Opuscolo. Portavant 60. Ferramenta di Vetro Innovativa NOVITÀ! Leggero rallentamento, chiusura impeccabile COMFORT STOP AUTOCLOSE Opuscolo Ferramenta di Vetro Innovativa NOVITÀ! Leggero rallentamento, chiusura impeccabile COMFORT STOP AUTOCLOSE la soluzione Portavant per le ante di larghezza e peso ridotti COMFORT STOP Il sistema

Dettagli

TRUCCHI e CONSIDERAZIONI

TRUCCHI e CONSIDERAZIONI Acceleratore? Meglio l uso dell'abuso TRUCCHI e CONSIDERAZIONI Lo "speed system" permette di aumentare la velocità del parapendio di 10-15 kmh. La diminuzione dell'angolo d'attacco però rende la vela più

Dettagli

Dinamica del veicolo in moto aberrante

Dinamica del veicolo in moto aberrante II WORKSHOP Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali Dinamica del veicolo in moto aberrante Francesco Timpone Salone dei Quadri - Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013 Definizioni

Dettagli

COMANDI DI VOLO GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO.

COMANDI DI VOLO GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO. COMANDI DI VOLO GENERALITA GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO. TALI SUPERFICI VENGONO CLASSIFICATE IN: COMANDI DI VOLO PRIMARI

Dettagli

Unità didattica 4. 1 La prima legge di Newton

Unità didattica 4. 1 La prima legge di Newton Unità didattica 4 Forza e moto COMPETENZE Descrivere e spiegare le tre leggi di Newton. Spiegare la forza di attrito. Descrivere il moto circolare e spiegare la natura della forza centripeta. Enunciare

Dettagli

Design esclusivo, linee ergonomiche e sofisticate, funzionalità intuitiva. La gamma di accessori di Lexus IS Hybrid racchiude in sé la stessa

Design esclusivo, linee ergonomiche e sofisticate, funzionalità intuitiva. La gamma di accessori di Lexus IS Hybrid racchiude in sé la stessa accessori is HYBRID CARATTERE IS HYBRID Design esclusivo, linee ergonomiche e sofisticate, funzionalità intuitiva. La gamma di accessori di Lexus IS Hybrid racchiude in sé la stessa straordinaria attenzione

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Ford Grand C-Max. Test autovetture

Ford Grand C-Max. Test autovetture Test autovetture Ford Grand C-Max La Grand C-Max, rispetto alla C-Max, ha 14 cm di interasse e di lunghezza esterna in più e può essere completata con una terza fila di sedili per un totale di 7 posti.

Dettagli

Modellismo ferroviario Le basi. DCC Basics

Modellismo ferroviario Le basi. DCC Basics Modellismo ferroviario Le basi DCC Basics Enzo Fortuna MOLTO PIÙ SEMPLICE DI QUANTO CREDIATE DCC: Che cosa significa DCC = Digital Command Control Controllo Comandi Digitale Loco Controllate per Blocco

Dettagli

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA Osservazioni e misure a bordo Le tue sensazioni e l accelerometro a molla 1) Nelle due posizioni indicate dalle frecce indica le sensazioni ricevute rispetto al tuo peso

Dettagli

SPECIALISTI NELLA LOGISTICA DeI PRODOTTI PER LA STERILIZZAZIONE SCAFFALATURA NORM 5 / MEDIDUL

SPECIALISTI NELLA LOGISTICA DeI PRODOTTI PER LA STERILIZZAZIONE SCAFFALATURA NORM 5 / MEDIDUL SPECIALISTI NELLA LOGISTICA DeI PRODOTTI PER LA STERILIZZAZIONE SCAFFALATURA NORM 5 / MEDIDUL Stoccaggio igienico senza problemi con la scaffalatura Norm 5, Marchio HUPFER! Le estremità delle piantane

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI:

SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI: S.p.A. PLANKLINE SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI: MINI PROFI 900 - MINI PROFI 1000 BICOUPE Nuovi modelli: maggiore produttività e agilità di manovra L esperienza conta PEZZOLATO S.p.A.

Dettagli

PSL/PSD, PS, PSH, TS, AJN/ASN & XJN/XSN SOLLEVATORI

PSL/PSD, PS, PSH, TS, AJN/ASN & XJN/XSN SOLLEVATORI PSL/PSD, PS, PSH, TS, AJN/ASN & XJN/XSN SOLLEVATORI Sempre più in Sin da quando ha cominciato la produzione di carrelli elevatori più di mezzo secolo fa, Nissan ha sviluppato e prodotto una gamma di macchine

Dettagli

Caratteristiche dei Pannelli:

Caratteristiche dei Pannelli: Un pannello per tutti gli utilizzi Caratteristiche dei Pannelli: I tre prodotti Possiamo fornire strutture di facciate ed interni utilizzando tre diversi tipi di soluzioni: Armoredstone Pietra di basso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2012/13 CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

Bagno soluzioni per la vasca

Bagno soluzioni per la vasca Accesso in vasca Sollevatore da vasca elettrico Sollevatore da vasca più leggero esistente sul mercato, il suo peso è di soli 9,3 kg ma l ausilio è allo stesso tempo resistente e compatto, inoltre può

Dettagli

A RUOTA LIBERA 2 ELETTRIFICAZIONE 1 2003. Mario Maggi (*)

A RUOTA LIBERA 2 ELETTRIFICAZIONE 1 2003. Mario Maggi (*) 2 ELETTRIFICAZIONE 1 A RUOTA LIBERA Mario Maggi (*) La notevole riduzione della resistenza aerodinamica e dell attrito meccanico ha permesso la realizzazione di particolari accumulatori energetici, rotanti

Dettagli

LE SOSPENSIONI - parte 1 by Ezio51 - marzo 2003

LE SOSPENSIONI - parte 1 by Ezio51 - marzo 2003 LE SOSPENSIONI - parte 1 by Ezio51 - marzo 2003 Rimaneggiamento dell'articolo originale di Sir Jo, tratto dal Forum di Quellidellelica.com 18 Mar 2003 : 16:46:43 Le sospensioni sono dei componenti essenziali

Dettagli

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 Schema di una relazione Titolo Scopo dell esperimento Materiale occorrente Previsione di ciò che succede Istruzioni o descrizioni Osservazioni

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie

Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie Sistemi robotizzati, i diversi utilizzi di nuove tecnologie di Federica Masserotti L'aumento del costo della manodopera e gli errori che può commettere un operatore umano, hanno indotto le maggiori aziende

Dettagli

Cervino. Linea DomuStair. Cervino è un prodotto Bison. Montascale a poltroncina

Cervino. Linea DomuStair. Cervino è un prodotto Bison. Montascale a poltroncina Cervino Cervino Linea DomuStair Cervino è un prodotto Bison Montascale a poltroncina 1966 1972 IGV nasce a Milano per volontà dell Ingegnere Giuseppe Volpe Pubblica il primo numero di Elevatori, ancora

Dettagli