Biosimilari Stato dell arte regolatoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biosimilari Stato dell arte regolatoria"

Transcript

1 Biosimilari Stato dell arte regolatoria

2 Argomen4 Produzione di farmaci biologici: un problema difficile ma risolvibile Il processo regolatorio in sintesi. Focus su: Comparabilità Estrapolazione delle indicazioni Sos4tuibilità - Intercambiabilità 20 25

3 Biotech manufacturing Sequenza genica Linea cellulare per la produzione Fermentazione Fasi finali Desired gene isola4on Cell culture (mammalian 56%, E. coli 29%, yeast 7%, transgenic 3%, others 5%) Protein produc4on Formula4on Inser4on into vector Host cell expression Protein purifica4on Storage and handling Cell bank establishment & characteriza4on Analysis The PROCESS is the PRODUCT Modificato da Sekhon BS e Salja V. 2011

4

5 Quality by Design Intrododo nel 2004 con l obiefvo di sviluppare A maximally efficient, agile, flexible pharmaceu7cal manufacturing sector that reliably produces high quality drug products without extensive regulatory oversight [J. Woocock, CDER, 2005] Alterna4va al Quality by Tes7ng: principio afvo, eccipien4, intermedi e prododo finito. Approccio sistema-co per la definizione di specifici obie4vi qualita-vi di prodo8o e di processo in ragione del con-nuo progresso delle conoscenze scien-fiche e sulla base di una costante ges-one del rischio. Un farmaco biologico è caraderizzato da un intervallo di modifiche che non cambiano la sua sicurezza di impiego e le sue proprietà terapeu4che

6 Quality by Design Quality Target Product Profile Cri4cal Quality Adributes Specifiche di prododo Specifiche di processo Strategia di controllo Validazione del processo Produzione Q. A. Iden-ficare i pun- chiave per efficacia e sicurezza, aggiornandoli durante lo sviluppo Design Dimostrazione dell efficienza Con4nuo controllo di qualità Valutazione e ges4one del rischio Ges4one della materia prima Sviluppo tecniche anali4che e modelli sta4s4ci Modificato da Rathore AS, 2009

7 Biosimilars by Design Ini4al variability Cell line development Cell culture development ü Growth characteris4cs ü Cell produc4vity ü Viability ü Raw materials Purifica4on development Product formula4on ü Glycosila4on ü Biological ac4vity ü Process impuri4es ü Aggregates ü Degrada4on ü Protein structure ü DSP* yield ü Scalability ü Raw materials ü Immunogenicity (*) DSP: Downstream Processing Targeted variability

8 Big Pharma e Biosimilari

9

10 EMA Biosimilar Guidelines Overarching guidelines Similar biological medicinal products (04/2015) Similar biological medicinal products (10/2005) Quality issues (06/2006 è rev. 12/2014) Non- clinical and clinical issues (06/2006) Immunogenicity Concept paper (03/ /2014) Dras guideline (06/ /2013) Concept paper Product- specific Human insulin (09/2015) Somatotropin (06/2006) G- CSF (06/2006) α- interferon (04/2009) LMWH (10/2009) Dras guideline 07/2013 Erythropoe-ns (09/2010) MABs (12/2012) FSH (09/2013) β- interferon (09/2013) Others Comparability Quality issues (06/2005) Comparability Non clinical and clinical issues (11/2007) Immunogenicity (04/2008) Immunogenicity MABs (12/2012)

11 1 Biosimilari Norma4va EMA In linea di principio il concedo di biosimilare può essere applicato a qualsiasi farmaco biologico. In pra4ca, i fadori limitan4 sono: 1. la possibilità di cara8erizzare stru8ure molecolari complesse prodof altamente purifica4 2. i processi produ4vi, che risentono di modificazioni anche minime; 3. la disponibilità di modelli clinici in grado di valutare la comparabilità. La qualità è un fadore determinante Sviluppo biosimilari Progressi in campo anali4co, clinico e regolatorio. European Medicines Agency. Guideline on similar biological medicinal products. CHMP/437/04 Rev. 1. Adopted in Oct14 and effective from 30Apr2015

12 2 Biosimilari Norma4va EMA Il prododo di riferimento deve essere approvato in EU. Possibile impiego di un riferimento non EU se rappresenta4vo di quello EU Il principio afvo deve essere simile, come molecola e afvità biologica, al prododo di riferimento. Proteine: stessa sequenza aminoacidica. La forma farmaceu4ca, la dose e la via di somministrazione devono essere le stesse. Differenze devono essere gius4ficate Modificazioni per migliorare l efficacia (a.e. glico- ofmizzazione) non sono ammesse, ma variazioni per migliorare la sicurezza d impiego possono essere accedabili ( discussione) I da4 qualita4vi devono rispedare gli standard previs4 per tuf i prodof impiega4 nell uomo. European Medicines Agency. Guideline on similar biological medicinal products. CHMP/437/04 Rev. 1. Adopted in Oct14 and effective from 30Apr2015

13 3 Biosimilari Norma4va EMA Comparabilità qualita4va verso il prododo di riferimento: Quality Target Product Profile (QTPP) e Con-nuità del processo di produzione del biosimilare Metodiche anali4che validate Caraderis4che fisico- chimiche Afvità biologica Proprietà immunochimiche Purezza e impurità Differenze da gius4ficare Non è richiesta la ripe4zione della comparabilità clinica dopo l odenimento della MA, anche nel caso di variazioni del processo produfvo European Medicines Agency. Similar biological medicinal products containing biotechnology-derived proteins as active substance: quality issues. EMEA/CHMP/BWP/49348/ EMA/CHMP/BWP/247713/ European Medicines Agency. Guideline on similar biological medicinal products. CHMP/437/04 Rev. 1. Adopted in Oct14 and effective from 30Apr2015

14 Biologico: simile ma non iden-co Qualsiasi farmaco biologico è cara8erizzato da una micro- eterogeneità fra i differen- lo4 dello stesso prodo8o, a causa della variabilità intrinseca dell espressione dei sistemi biologici e del processo produfvo. Weise M. et al. Blood 2014; DOI /blood Ins4tute of Communica4on and Health. ICH harmonized tripar4te guideline. Comparability of biotechnological/biological products subject to changes in their manufacturing process Q5E. November 2004; hdp://www.ich.org/fileadmin/public_web_site/ich_products/ Guidelines/Quality/Q5E/Step4/Q5E_Guideline.pdf

15 Biologico: simile ma non iden-co È ragionevole (lecito) affermare che i farmaci biologici più impiega- non siano più iden-ci alla versione originale valutata negli studi pre- autorizza-vi a causa delle successive e diverse modificazioni del processo produ4vo iniziale ( originale ). Weise M. et al. Blood 2014; DOI /blood Ins4tute of Communica4on and Health. ICH harmonized tripar4te guideline. Comparability of biotechnological/biological products subject to changes in their manufacturing process Q5E. November 2004; hdp://www.ich.org/fileadmin/public_web_site/ich_products/ Guidelines/Quality/Q5E/Step4/Q5E_Guideline.pdf

16 Produzione = processo dinamico Variazioni maggiori (4po II) che possono talora richiedere la verifica della comparabilità EMA. hdp://www.ema.europa.eu/docs/en_gb/document_library/epar_- _Procedural_steps_taken_and_scien4fic_informa4on_aser_authorisa4on/human/ /WC pdf (Accesso 24/3/2015)

17 Biologico: simile ma non iden-co Da un punto di vista scien4fico e regolatorio il biosimilare è equiparabile a un altra versione del principio afvo del prododo originale. L esercizio di comparabilità richiesto per un biosimilare è infa4 sovrapponibile in termini qualita-vi all esercizio di comparabilità richiesto per dimostrare la similarità fra le versioni dell originatore preceden- e successive alla variazione del processo produ4vo: strudura molecolare, glicosilazione, legami recedoriali, afvità biologica,, valutate con i più avanza4 metodi anali4ci. La variabilità di un biosimilare non dovrebbe essere maggiore rispedo a quella dell originatore. Weise M. et al. Blood 2014; DOI /blood Ins4tute of Communica4on and Health. ICH harmonized tripar4te guideline. Comparability of biotechnological/biological products subject to changes in their manufacturing process Q5E. November 2004; hdp://www.ich.org/fileadmin/public_web_site/ich_products/ Guidelines/Quality/Q5E/Step4/Q5E_Guideline.pdf

18 Estrapolazione Principio regolatorio e scien4fico già consolidato e da tempo pra-cato in caso di variazioni maggiori del processo produfvo di un biologico. Poco nota, perché le variazioni maggiori dei processi produfvi degli originatori biologici sono raramente portate in modo esplicito alla adenzione dei clinici. Non è un bonus per incen4vare lo sviluppo dei biosimilari sulla base di considerazioni meramente economiche. Weise M. et al. Blood 2014; DOI /blood

19 Originatori: Comparabilità ed Estrapolazione Qualche esempio?

20 Comparabilità ed Estrapolazione Secondo l EMA gli studi clinici sono the most blunt tool we have. Servono solo per confermare la similarità e spesso non sono necessari. La FDA promuoverà un programma educazionale per le industrie farmaceu4che e i medici sulla importanza dell analisi strudurale per dimostrare la similarità. Barry F. Regulators: skip clinical data and extrapolate biosimilar indica4ons. 29 Aprile th European Generics Associa4on- European Biosimilars Group, London.

21 Estrapolazione Non è problema-ca se il MoA e i rece8ori target sono gli stessi nell indicazione valutata e in quella(e) estrapolata(e). Più difficile se il MoA è complesso e coinvolge molteplici recedori o si4 di legame, che possono contribuire in modo differente (e non sufficientemente noto) all effedo nelle diverse indicazioni. Sono necessari (indispensabili) da4 supplementari in vitro e in vivo. Weise M. et al. Blood 2014; DOI /blood

22 Estrapolazione e Immunogenicità Immunogenicità è correlata a molteplici fadori: Via di somministrazione (a.e. EV e SC); Regime terapeu4co (con4nua4vo o intermidente); Correla4 al quadro clinico del paziente (a.e. stato immunitario). Estrapolazione non è scontata e sono necessarie evidenze a supporto. Weise M. et al. Blood 2014; DOI /blood

23

24 Il prododo biosimilare può essere sos4tuito al prododo di riferimento su disposizione o con l accordo del medico che ha prescrido quest ul4mo. Pra4ca di sos4tuire un farmaco con un altro farmaco, spesso più economico per il Servizio Sanitario o per il paziente che abbia la stessa composizione qualita4va e quan4ta4va di sostanze afve, la stessa forma farmaceu4ca e via di somministrazione e sia bioequivalente con il medicinale di riferimento sulla base di appropria4 studi di bioequivalenza. AIFA. Position paper: i farmaci biosimilari. 2013

25 Il prododo biosimilare può essere sos4tuito al prododo di riferimento su disposizione senza l intervento o con l accordo del medico che ha prescrido quest ul4mo. Pra4ca di sos4tuire un farmaco con un altro farmaco, spesso più economico per il Servizio Sanitario o per il paziente che abbia la stessa composizione qualita4va e quan4ta4va di sostanze afve, la stessa forma farmaceu4ca e via di somministrazione e sia bioequivalente con il medicinale di riferimento sulla base di appropria4 studi di bioequivalenza. AIFA. Position paper: i farmaci biosimilari Biologics Price Competition and Innovation Act, BPCI Act SEC b

26 Sos-tuibilità (automa4ca) Un biosimilare potrà essere considerato «intercambiabile» rispedo al prododo di riferimento se il produdore avrà dimostrato che: 1. il biosimilare permede di odenere la stessa efficacia clinica in ogni paziente; 2. il rischio associato alla sos-tuzione alternata dei due prodof non è maggiore rispe8o al proseguimento della terapia con il riferimento. Quali da7? Come evitare sos7tuzione fra prodoc non intercambiabili? Kozlowski S, Woodcock J, Midthun K, Sherman RB. Developing the nation s biosimilars Program. N Eng J Med 2011; 365:

27 FDA Dras Guideline (Maggio 2014) La cara8erizzazione anali-ca compara-va verso il prododo di riferimento è un passaggio fondamentale. I test devono essere condof impiegando le metodiche di riferimento (state- of- the- art). La validità e i limi- di ciascun test devono essere descrif. Ogni differenza deve essere adeguatamente spiegata considerando anche i potenziali effef clinici.

28

29

30

31 Totality- of- the- Evidence Criteri 1. Complessità della struhura molecolare 2. Formulazione Stabilità 3. CaraHerizzazione biochimica e funzionale Valutazione di biosimilarità Analisi strudurale Test funzionali in vitro Studi nell animale e nell uomo (tossicità, farmacodinamica e cine4ca, immunogenicità) Qualità Linea cellulare Processo produfvo Caraderis4che fisico- chimiche Afvità Legame recedoriale e proprietà immunochimiche Impurità Prodof e standard di riferimento Specifiche del prododo finito Stabilità NON SIMILI nessuno sviluppo SIMILI Da4 integra4vi (a.e. farmacodinamica e cine4ca) ALTAMENTE SIMILI (standard) Studi ad hoc per chiarire alcune differenze ALTAMENTE SIMILI CON FINGERPRINT Studi ad hoc (se necessari) Kozlowski S, Woodcock J, Midthun K, Sherman RB. Developing the nation s biosimilars Program. N Eng J Med 2011; 365: FDA. Scientific Considerations in Demonstrating Biosimilarity to a Reference Product. Draft Guidance. Rockville (MD), USA: Food and Drug Administration; 2012 FDA. Quality Considerations in Demonstrating Biosimilarity to a Reference Protein Product. Draft Guidance. Rockville (MD), USA: Food and Drug Administration; FDA Clinical Pharmacological data to support a Demonstration of biosimilarity to a reference product. May

32 Studi di switch hdp://www.fda.gov/drugs/developmentapprovalprocess/howdrugsaredevelopedandapproved/approvalapplica4ons/therapeu4cbiologicapplica4ons/ Biosimilars/ucm htm

33 one of the most challenging issues that pharmacists will encounter is the interchangeability of biosimilars and the reference product. APhA is s4ll talking with FDA about naming issues, such as whether a unique name might cause problems with iden4fica4on in some electronic health records, or cause confusion in prescribers, pa4ents, and pharmacists. ( )

34 GRAZIE PER L ATTENZIONE

La prescrizione dei biosimilari: il punto di vista dell oncologo

La prescrizione dei biosimilari: il punto di vista dell oncologo La prescrizione dei biosimilari: il punto di vista dell oncologo Prof. Giuseppe Nastasi Direttore U.O.C Oncologia Medica A.O. Bolognini - Seriate (BG) Cosa si aspetta il paziente? Sicurezza ed efficacia

Dettagli

Originator e biosimilari: interscambiabilità, sostituibilità e aspetti normativi

Originator e biosimilari: interscambiabilità, sostituibilità e aspetti normativi Originator e biosimilari: interscambiabilità, sostituibilità e aspetti normativi Giambattista Bonanno Sezione di Farmacologia e Tossicologia Dipartimento di Farmacia Scuola di Scienze Mediche e Farmaceutiche

Dettagli

Position paper Biosimilari

Position paper Biosimilari Position paper Biosimilari Introduzione I farmaci biologici sono prevalentemente costituiti da prodotti proteici ottenuti mediante metodiche biotecnologiche. I farmaci biosimilari ( biosimilari ) sono

Dettagli

Biosimilari in rapida evoluzione?

Biosimilari in rapida evoluzione? A cura di Gianluigi Casadei 1 Biosimilari in rapida evoluzione? Abstract Lo scenario di sviluppo nazionale e internazionale dei biosimilari rimane ancora oggi incerto, nonostante il dibattito sul grado

Dettagli

XX CONGRESSO NAZIONALE AMD 2015 Genova, 13/16 maggio 2015 Centro Congressi Magazzini Del Cotone

XX CONGRESSO NAZIONALE AMD 2015 Genova, 13/16 maggio 2015 Centro Congressi Magazzini Del Cotone XX CONGRESSO NAZIONALE AMD 2015 Genova, 13/16 maggio 2015 Centro Congressi Magazzini Del Cotone L EVOLUZIONE DELLA DIABETOLOGIA ALLA LUCE DEL PIANO NAZIONALE DIABETE EQUIVALENZA ED EFFICACIA COMPARATIVA

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO CONDIVISO PER LA PRESCRIZIONE/UTILIZZO DI FATTORI STIMOLANTI LE COLONIE GRANULOCITARIE (G-CSF) A BREVETTO SCADUTO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO CONDIVISO PER LA PRESCRIZIONE/UTILIZZO DI FATTORI STIMOLANTI LE COLONIE GRANULOCITARIE (G-CSF) A BREVETTO SCADUTO PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO CONDIVISO PER LA PRESCRIZIONE/UTILIZZO DI FATTORI STIMOLANTI LE COLONIE GRANULOCITARIE (G-CSF) A BREVETTO SCADUTO Obiettivo: Luglio 2014 Il presente documento, condiviso

Dettagli

Farmaci Biotecnologici e Biosimilari:

Farmaci Biotecnologici e Biosimilari: Farmaci Biotecnologici e Biosimilari: Innovazione e sostenibilità del sistema pubblico Luca Pani Direttore Generale Outline Il processo regolatorio del biosimilare Le iniziative europee Gli aspetti economici

Dettagli

Revisione della posizione sui farmaci biosimilari da parte della Società Italiana di Farmacologia: working paper 2014

Revisione della posizione sui farmaci biosimilari da parte della Società Italiana di Farmacologia: working paper 2014 Revisione della posizione sui farmaci biosimilari da parte della Società Italiana di Farmacologia: working paper 2014 Approvata dal Consiglio Direttivo della SIF I farmaci biosimilari, negli ultimi 5 anni,

Dettagli

Biologici e Biosimilari

Biologici e Biosimilari Biologici e Biosimilari in oncologia, occhi aperti sulle differenze Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Introduzione Nel 2010 l Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) insieme

Dettagli

Italian Biosimilars Group

Italian Biosimilars Group Italian Biosimilars Group gruppo appartenente ad Assogenerici Aderente a I BIOSIMILARI: PARITA DI EFFICACIA E SICUREZZA, MINORI COSTI, MAGGIOR ACCESSO ALLE TERAPIE Le biotecnologie: una rivoluzione, ad

Dettagli

Farmaci chimici o biotecnologici, purchè costo-opportuni

Farmaci chimici o biotecnologici, purchè costo-opportuni Farmaci chimici o biotecnologici, purchè costo-opportuni Negli ipostaturalismi in età pediatrica e adulta In oncoematologia In nefrologia e dialisi Michele_Tringali@regione.lombardia.it Norme e regolamenti

Dettagli

Farmaci biotecnologici e biosimilari. La rivoluzione dei biotech: dalle eritropoietine agli anticorpi monoclonali in oncologia

Farmaci biotecnologici e biosimilari. La rivoluzione dei biotech: dalle eritropoietine agli anticorpi monoclonali in oncologia Farmaci biotecnologici e biosimilari La rivoluzione dei biotech: dalle eritropoietine agli anticorpi monoclonali in oncologia Indice 3 Introduzione 4 I farmaci biotecnologici 5 le principali differenze

Dettagli

Le Norme di Buona Fabbricazione

Le Norme di Buona Fabbricazione Farmaci Biologici i i e Biotecnologici: i i problematiche specifiche nella produzione GMP Anna Laura Salvati, CRIVIB QUALITÀ E SICUREZZA DEI FARMACI BIOLOGICI E DEI FARMACI PRODOTTI CON BIOTECNOLOGIE (BIOTECNOLOGICI)

Dettagli

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Giornata di studio Applicazione del Quality by Design (QbD) ai processi farmaceutici 22 Aprile 2013 Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Paolo Mazzoni Agenda Cosa è il Quality

Dettagli

Web Marketing del Farmaco. Industria Farmaceutica ed Innovazione Tecnologica: il Farmaco e la Rete tra presente e futuro

Web Marketing del Farmaco. Industria Farmaceutica ed Innovazione Tecnologica: il Farmaco e la Rete tra presente e futuro Web Marketing del Farmaco. Industria Farmaceutica ed Innovazione Tecnologica: il Farmaco e la Rete tra presente e futuro ASPETTI LEGALI DEL WEB MARKETING PER AZIENDE FARMACEUTICHE AVV. SONIA SELLETTI STUDIO

Dettagli

I Biosimilari: discussione. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino

I Biosimilari: discussione. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino I Biosimilari: discussione Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino Terminology Chemical drugs Biotech Medicines copy attempt to copy "Generics" Biosimilars Follow-on Biologics 2 INDICE

Dettagli

I farmaci biosimilari ovvero quando scade il brevetto di un farmaco biotecnologico

I farmaci biosimilari ovvero quando scade il brevetto di un farmaco biotecnologico DOCUMENTO DI INDIRIZZO della CRF n. 1 I farmaci biosimilari ovvero quando scade il brevetto di un farmaco biotecnologico Le implicazioni per la pratica clinica in termini di sovrapponibilità, sostituibilità

Dettagli

Dal 2000, con la perdita dei brevetti di importanti principi attivi, abbiamo assistito ad un controllo della spesa territoriale italiana.

Dal 2000, con la perdita dei brevetti di importanti principi attivi, abbiamo assistito ad un controllo della spesa territoriale italiana. Dal 2000, con la perdita dei brevetti di importanti principi attivi, abbiamo assistito ad un controllo della spesa territoriale italiana. Le scadenze brevettuali sono aumentate dal 2000 ad 2008 ma dopo

Dettagli

Biosimilari: scelta informata

Biosimilari: scelta informata Executive summary Biosimilari: scelta informata Position paper sui farmaci biotecnologici e biosimilari A cura del Sottogruppo Biosimilari del Gruppo di Lavoro Farmaco Biotech 1. L innovazione farmaceutica

Dettagli

Un paziente che deve assumere un farmaco che

Un paziente che deve assumere un farmaco che BIF II. BIOEQUIVALENZA E BIODISPONIBILITÀ. CONTINUITÀ TERAPEUTICA E SOSTITUIBILITÀ IN SOTTO-POPOLAZIONI FRAGILI 123 Alcune criticità nella valutazione della bioequivalenza Un paziente che deve assumere

Dettagli

Il farmaco generico. Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata

Il farmaco generico. Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata Il farmaco generico Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata Reggio nell'emilia 19 Febbraio 2014 Il farmaco generico n Cos è un farmaco generico? n È un medicinale

Dettagli

BIOSIMILARI: PRIMI DATI OSSERVAZIONALI PRESSO LA DIALISI DEL POLICLINICO DI MONZA

BIOSIMILARI: PRIMI DATI OSSERVAZIONALI PRESSO LA DIALISI DEL POLICLINICO DI MONZA POLICLINICO DI MONZA BIOSIMILARI: PRIMI DATI OSSERVAZIONALI PRESSO LA DIALISI DEL POLICLINICO DI MONZA ERITROPOIETINA IL GENE UMANO E' STATO CLONATO NEL 1985: rhuepo è stata utlilizzata con successo nel

Dettagli

Il farmaco generico. Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata

Il farmaco generico. Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata Il farmaco generico Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata Il farmaco generico Cos è un farmaco generico? È un medicinale EQUIVALENZA terapeuticamente equivalente

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

Ufficio Valutazione e Autorizzazione. Medicinali Omeopatici per uso umano:

Ufficio Valutazione e Autorizzazione. Medicinali Omeopatici per uso umano: Medicinali Omeopatici per uso umano: Modalità di presentazione delle domande di registrazione semplificata Art. 17, comma 2 del D. L. vo 219/06 PREMESSE Le informazioni riportate nel presente modello,

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Medicinali biologici e biosimilari Aspetti legislativi Paolo Rocco Requisiti fondamentali

Dettagli

BIOSIMILARI: ASPETTI REGOLATORI

BIOSIMILARI: ASPETTI REGOLATORI Prof. Paola Minghetti BIOSIMILARI: ASPETTI REGOLATORI Requisiti fondamentali di un medicinale E in aggiunta: QUALITA SICUREZZA EFFICACIA Sostenibilità economica Per i medicinali di origine industriale

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia La regolazione del mercato farmaceutico Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it I soggetti coinvolti nelle politiche del farmaco UE: Ema gran

Dettagli

Percorso formativo in Drug Regulatory Affairs

Percorso formativo in Drug Regulatory Affairs Percorso formativo in Drug Regulatory Affairs 7, 8 e 9 Ottobre 2014 - Milano Obiettivo del corso Il corso intende fornire ai partecipanti un quadro completo e sintetico dei principali aspetti che regolano

Dettagli

Farmaci biologici/biotecnologici

Farmaci biologici/biotecnologici Farmaci biologici/biotecnologici Carlo Pini (carlo.pini@iss.it) Centro Nazionale per la Ricerca e la Valutazione dei Prodotti Immunobiologici (CRIVIB) Istituto Superiore di Sanità Roma Istituto Superiore

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Biosimilari Infliximab in gastroenterologia

Biosimilari Infliximab in gastroenterologia Promozione d uso dei farmaci a brevetto scaduto in particolare nel campo dei farmaci biotecnologici Biosimilari Infliximab in gastroenterologia Guido Basilisco Stefania Orlando, Flavio Caprioli UO di Gastroenterologia

Dettagli

Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici

Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici Congresso Nazionale GIQAR 2012 - Torino Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici Romina Zanier Computerised System Validation Specialist SIGMA-TAU ecrf electronic Case Report Form

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

BPL E NBF NEL LABORATORIO DI SVILUPPO ANALITICO: DUE SISTEMI DI QUALITÀ O UN SISTEMA INTEGRATO? LA VALUTAZIONE DEL QUALITY ASSURANCE

BPL E NBF NEL LABORATORIO DI SVILUPPO ANALITICO: DUE SISTEMI DI QUALITÀ O UN SISTEMA INTEGRATO? LA VALUTAZIONE DEL QUALITY ASSURANCE BPL E NBF NEL LABORATORIO DI SVILUPPO ANALITICO: DUE SISTEMI DI QUALITÀ O UN SISTEMA INTEGRATO? LA VALUTAZIONE DEL QUALITY ASSURANCE Fernanda Motta, Emilia F. Corbascio Cell Therapeutics Europe S.r.l.,

Dettagli

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Decreto Legislativo 50/2007 Art. 1. Campo di applicazione 1. Il presente decreto disciplina l'adozione e l'applicazione dei principi di

Dettagli

7. Aspetti regolatori della fabbricazione, sperimentazione e approvazione dei biofarmaci. 7.1. Farmaci biosimilari

7. Aspetti regolatori della fabbricazione, sperimentazione e approvazione dei biofarmaci. 7.1. Farmaci biosimilari 7. Aspetti regolatori della fabbricazione, sperimentazione e approvazione dei biofarmaci 7.1. Farmaci biosimilari Fasi della ricerca e dello sviluppo farmaceutico Fonte: Efpia, The pharmaceutical

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

Le norme comunitarie e nazionali sui generici

Le norme comunitarie e nazionali sui generici RASSEGNA Le norme comunitarie e nazionali sui generici Paola Minghetti, Federica Conforti Andreoni Dipartimento di Scienze farmaceutiche, Facoltà di Scienze del Farmaco, Università degli Studi di Milano

Dettagli

I farmaci biosimilari: uso sicurezza e sostenibilità

I farmaci biosimilari: uso sicurezza e sostenibilità I farmaci biosimilari: uso sicurezza e sostenibilità ISS, 25 Giugno 2015 Uso dei biosimilari e sostenibilità: il punto di vista delle aziende biotech Riccardo Palmisano Vice Presidente Assobiotec 1 Scenario

Dettagli

LE COMPONENTI DEL FARMACO

LE COMPONENTI DEL FARMACO IL FARMACO DEFINIZIONI IL FARMACO Qualsiasi sostanza o prodotto usati o che si intenda usare per modificare o esplorare sistemi fisiologici o patologici con beneficio di chi lo riceve (OMS). Ogni sostanza

Dettagli

2. Differenze nelle procedure regolatorie per l immissione in commercio di farmaci generici e farmaci biosimilari

2. Differenze nelle procedure regolatorie per l immissione in commercio di farmaci generici e farmaci biosimilari Farmaci a brevetto scaduto: i problemi irrisolti e le soluzioni proposte 3 a Conferenza GENERICI E BIOSIMILARI VISTI DAL FARMACOLOGO Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Medicina Sperimentale

Dettagli

I medicinali omeopatici: Aspetti di sicurezza.

I medicinali omeopatici: Aspetti di sicurezza. I medicinali omeopatici: Aspetti di sicurezza. Il lavoro in Europa. Biancamaria Bruno 15 dicembre 2015 1 Il medicinale omeopatico Cosa se ne dice? È naturale; È sicuro; Non fa male; Non causa eventi avversi;

Dettagli

contengono cellule di origine umana o animale, vitali o non vitali

contengono cellule di origine umana o animale, vitali o non vitali La regolamentazione alla luce della nuova normativa europea Cristina Pintus Responsabile Unità Terapie Avanzate AIFA 51 Simposio AFI Medicinali Biologici e Medicinali per Terapie Avanzate Modelli per le

Dettagli

L APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DEL QbD ALLA PRODUZIONE DEI VACCINI. Relatore: Andrea Pranti

L APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DEL QbD ALLA PRODUZIONE DEI VACCINI. Relatore: Andrea Pranti L APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DEL QbD ALLA PRODUZIONE DEI VACCINI Relatore: Andrea Pranti L APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DEL QbD ALLA PRODUZIONE DEI VACCINI Punto 1: Background Punto 2: Elementi del QbD nello

Dettagli

Sviluppiamo terapie innovative per malattie che oggi non sono curabili

Sviluppiamo terapie innovative per malattie che oggi non sono curabili Sviluppiamo terapie innovative per malattie che oggi non sono curabili Chi siamo Xellbiogene è una società che nasce nel 203 su iniziativa dell Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e dell'università Cattolica

Dettagli

CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI

CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI TITOLARE del CORSO: Prof. Marzia Bianchi Tel: 0722 304960; 0722 305201 e-mail: marzia.bianchi@uniurb.it STRUTTURA del CORSO: Il corso si articola in lezioni

Dettagli

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Le aziende farmaceutiche operano in un ambiente molto regolamentato I prodotti farmaceutici sono progettati e sviluppati in modo

Dettagli

L accesso ai nuovi farmaci. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino

L accesso ai nuovi farmaci. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino L accesso ai nuovi farmaci Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino Le basi del problema ATTUALMENTE I FARMACI ANTITUMORALI DISPONIBILI SONO 112 e con le tecniche di biologia molecolare

Dettagli

Far sì che le Normative Europee siano utili ai bambini col cancro

Far sì che le Normative Europee siano utili ai bambini col cancro Far sì che le Normative Europee siano utili ai bambini col cancro Un insieme di proposte da parte delle famiglie, dei guariti e dei loro sostenitori Il cancro continua ad essere, in Europa, la principale

Dettagli

Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE dei prodotti

Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE dei prodotti SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SUI DISPOSITIVI MEDICI 24 FEBBRAIO 2011 MILANO AFI e SSFA Barbara Paiola AFI Milano Classificazione del dispositivo Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE

Dettagli

SOSTENIBILITA ED INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA IL MODELLO DEL CANCRO DELLA MAMMELLA HER2+

SOSTENIBILITA ED INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA IL MODELLO DEL CANCRO DELLA MAMMELLA HER2+ INIZIATIVA DI IN-FORMAZIONE E CONFRONTO A.S.L TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino SOSTENIBILITA ED INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA IL MODELLO DEL CANCRO DELLA MAMMELLA HER2+ Torino, 3 Ottobre 2014 Dott.ssa Cristina

Dettagli

Università degli Studi del Molise Scienza, Salute e Benessere

Università degli Studi del Molise Scienza, Salute e Benessere Università degli Studi del Molise Scienza, Salute e Benessere LEONARDO SANTI Predittività genetica delle patologie e cure personalizzate Campobasso 17 marzo 2005 On-Body: In-Body Sensors (OBIBs) Monitoring

Dettagli

Pianifichi la sua formazione. Contatti 02.83847627 info@iir-italy.it www.iir-italy.it

Pianifichi la sua formazione. Contatti 02.83847627 info@iir-italy.it www.iir-italy.it Pianifichi la sua formazione Contatti 02.83847627 info@iir-italy.it www.iir-italy.it Come eseguire studi di Estraibili e Rilasciabili applicati al confezionamento primario per garantire la Qualità del

Dettagli

Richiedente Nome di fantasia Dosaggio Forma farmaceutica Via di somministrazione. 40 mg tablet uso orale. 40 mg tablet uso orale

Richiedente Nome di fantasia Dosaggio Forma farmaceutica Via di somministrazione. 40 mg tablet uso orale. 40 mg tablet uso orale Allegato I Elenco dei nomi, delle forme farmaceutiche, dei dosaggi di prodotti medicinali, delle vie di somministrazione, dei titolari dell autorizzazione all immissione in commercio negli Stati membri

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25. Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25. Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Domande AIC

Dettagli

Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso. Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it

Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso. Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it I soggetti coinvolti nelle politiche del farmaco UE: Ema gran parte delle AIC + Direttive / Regolamenti

Dettagli

Iπποκράτης. Sviluppo di Micro e Nano-tecnologie e Sistemi Avanzati per la Salute dell uomo. Sabrina Conoci

Iπποκράτης. Sviluppo di Micro e Nano-tecnologie e Sistemi Avanzati per la Salute dell uomo. Sabrina Conoci Iπποκράτης (HIPPOCRATES) Sviluppo di Micro e Nano-tecnologie e Sistemi Avanzati per la Salute dell uomo Sabrina Conoci Progetti PON per lo sviluppo ed il potenziamento dei Distretti Tecnologici siciliani

Dettagli

Ruolo delle Associazioni di pazienti in tempo di crisi economica: continuità delle cure e accesso ai nuovi farmaci L impegno di A.I.G.

Ruolo delle Associazioni di pazienti in tempo di crisi economica: continuità delle cure e accesso ai nuovi farmaci L impegno di A.I.G. Ruolo delle Associazioni di pazienti in tempo di crisi economica: continuità delle cure e accesso ai nuovi farmaci L impegno di A.I.G. Trascrizione della relazione presentata alla Riunione Annuale dei

Dettagli

FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA. Genetica Medica. Elisabetta Pelo. SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova

FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA. Genetica Medica. Elisabetta Pelo. SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA Genetica Medica Elisabetta Pelo SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova Genetica classica: un gene = una malattia Genomica : Sistemi di geni = vie metaboliche

Dettagli

ARETA e IL SUO VALORE

ARETA e IL SUO VALORE ARETA e IL SUO VALORE Dr. Maria Luisa Nolli C.E.O. Areta International www.aretaint.com 1 ARETA INTERNATIONAL Areta è una società di biotecnologie nel settore delle colture cellulari per lo sviluppo di

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

Linee guida NBF parte III: GMP related documents

Linee guida NBF parte III: GMP related documents DIPARTIMENTO DELLA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÁ ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Linee guida

Dettagli

La convalida di prodotti medicinali per terapie avanzate

La convalida di prodotti medicinali per terapie avanzate La convalida di prodotti medicinali per terapie avanzate Livia Roseti Laboratorio di Manipolazione Cellulare Estensiva, PROMETEO Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna Qualified Person: Alessandra Bassi

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON FARMACI BIOLOGICI E BIOTECNOLOGICI

SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON FARMACI BIOLOGICI E BIOTECNOLOGICI Qualità e sicurezza dei farmaci biologici e dei farmaci prodotti con biotecnologie (biotecnologici) Roma, 17 maggio 2011 Evento ECM SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON FARMACI BIOLOGICI E BIOTECNOLOGICI Maria

Dettagli

FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI

FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI il punto di vista di AMICI Onlus cosa sono i farmaci biosimilari Alla luce delle scadenze brevettuali sono già in commercio, e presto ne arriveranno altri, farmaci biologici

Dettagli

Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica. Luca Pani DG@aifa.gov.it

Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica. Luca Pani DG@aifa.gov.it Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica Luca Pani DG@aifa.gov.it Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono personali e non possono essere considerate o citate

Dettagli

Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza

Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza Sergio Dompé Presidente Farmindustria Malattie rare e disabilità Siamo rari ma tanti Roma, 1 dicembre 2006 Ogni quattro mesi, uno di vita in più Italia:

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus su: Biosimilari Con il termine biosimilare viene indicato un medicinale simile al prodotto biotecnologico di riferimento di cui

Dettagli

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011 Biofarmaci Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche Eugenio Benvenuto Laboratorio Biotecnologie UT BIORAD Conferenza Stampa Roma, 22 settembre 2011 UT BIORAD

Dettagli

Le Norme di Buona Fabbricazione Garantiscono la Qualità dei Medicinali Generici

Le Norme di Buona Fabbricazione Garantiscono la Qualità dei Medicinali Generici Le Norme di Buona Fabbricazione Garantiscono la Qualità dei Medicinali Generici Come tutti i produttori farmaceutici, i produttori di farmaci generici devono garantire il rispetto delle rigorose Norme

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Prof. Andrea

Dettagli

Biosimilari: una chiave di lettura economica

Biosimilari: una chiave di lettura economica Biosimilari: una chiave di lettura economica FARMAGOOD L. Garattini (CESAV) 1 1. Il fallimento del mercato in sanità 2. Biosimilare Generico/Equivalente? 3. Le4Pdelmarketingmix Product Place Indice Promotion

Dettagli

SCHEMI DI FILIERA TRA AZIENDE BIO FVG

SCHEMI DI FILIERA TRA AZIENDE BIO FVG SCHEMI DI FILIERA TRA AZIENDE BIO FVG Relativamente ai punti del Position Paper 7. (Identificazione delle priorità) e 8. (Policy mix, road map e action plan), successivamente allo svolgimento dei gruppi

Dettagli

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni Genova 17 MAGGIO 2014 Sabrina Beltramini U.O.S. Gestione e Innovazione Tecnologica del farmaco U.O.C. Farmacia

Dettagli

Agenzia Italiana del Farmaco

Agenzia Italiana del Farmaco Iniziative per la qualità dell Ispettorato GCP Angela Del Vecchio Dirigente AIFA Ispettore Senior GCP 1 Scopo della normativa italiana ed europea è raggiungere e mantenere la qualità e l integrità degli

Dettagli

Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie

Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie "GESTIRE, INNOVARE, CURARE. Esperienze di Project Management

Dettagli

PASQUALE FREGA Assobiotec

PASQUALE FREGA Assobiotec ITALIAN ORPHAN DRUGS DAY Venerdì 13 febbraio 2015 Sala conferenze Digital for Business - Sesto San Giovanni (MI) PASQUALE FREGA Assobiotec www.digitalforacademy.com Italian Orphan Drug Day Malattie Rare

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Fasi dello studio Disegni di ricerca sperimentale Barbara Gorini, Investigator Site Development Lead, Development Operations- Pfizer ITALIA

Dettagli

AIFA Gruppo di lavoro sull innovatività dei farmaci

AIFA Gruppo di lavoro sull innovatività dei farmaci AIFA Gruppo di lavoro sull innovatività dei farmaci CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL GRADO DI INNOVAZIONE TERAPEUTICA DEI NUOVI FARMACI ed elementi per la integrazione del dossier per l ammissione alla rimborsabilità

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DELL DOTT. MARIO TORIELLO

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DELL DOTT. MARIO TORIELLO CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DELL DOTT. MARIO TORIELLO Nome: Mario Toriello Luogo di nascita: Polla Data di nascita: 11/O8/1972 Residenza: Via Roma 60/C, Battipaglia- 84091 (Salerno) Nazionalità: Italiana

Dettagli

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on 1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on LETTERHEAD PAPER of the applicant 2. Elenco documenti che

Dettagli

ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2

ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2 ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2 SITAGLIPTIN (Januvia, Tesavel ) Sitagliptin è un farmaco anti-iperglicemico di nuova classe, inibitori della dipeptidil

Dettagli

Isabella Marta. 31 marzo 2015

Isabella Marta. 31 marzo 2015 Agenzia Italiana del Farmaco e imprese al servizio del cittadino FORUM ASCHIMFARMA 2015: «La chimica farmaceutica: un settore d eccellenza dell industria italiana» Isabella Marta 31 marzo 2015 1 Dichiarazione

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 Introduzione Nuove conoscenze fornite dalle biotecnologie Mappa del genoma

Dettagli

I biosimilari che verranno: aspetti regolatori e farmacologici

I biosimilari che verranno: aspetti regolatori e farmacologici XVIII Congresso Nazionale CIPOMO I biosimilari che verranno: aspetti regolatori e farmacologici C. Roni Settore Farmaceutico Regione Veneto FARMACI BIOLOGICI sono macromolecole (es. proteine, glicoproteine

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle sequenze di acido nucleico Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Brevetti

Dettagli

GOOD CLINICAL PRACTICES

GOOD CLINICAL PRACTICES GOOD CLINICAL PRACTICES Marco Ercolani, MD Trieste, 21 maggio 2008 GOOD CLINICAL PRACTICE UNA SERIE DI PRINCIPI CHE GUIDANO IL DISEGNO, LA CONDUZIONE, LA REGISTRAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEGLI STUDI CLINICI,

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco RANOLAZINA E PIANO TERAPEUTICO REGIONALE

Commissione Regionale Farmaco RANOLAZINA E PIANO TERAPEUTICO REGIONALE Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 2330/2008) Documento PTR n. 123 relativo a: RANOLAZINA E PIANO TERAPEUTICO REGIONALE Dicembre 2010 Indicazioni registrate Ranolazina La ranolazina

Dettagli

Valutazione della immunogenicità in studi clinici: strategie sperimentali e statistiche

Valutazione della immunogenicità in studi clinici: strategie sperimentali e statistiche Nuove frontiere nella bioanalitica e laboratorio clinico 3 Febbraio 2015 Valutazione della immunogenicità in studi clinici: strategie sperimentali e statistiche Claudia Getuli INTRODUZIONE Il numero di

Dettagli

Principali attività di Sviluppo Farmaceutico. Convergenze con l Università?

Principali attività di Sviluppo Farmaceutico. Convergenze con l Università? Principali attività di Sviluppo Farmaceutico Convergenze con l Università? La collaborazione è il cuore di SF ADME QA Corporate Produzione Tossicologia Discovery Pre- Formulaz. QA R&S Marketing Svil. Formulaz.

Dettagli

Nuovi scenari della ricerca clinica in Europa. Giuseppe Banfi Direttore Generale Fondazione Centro San Raffaele Università Vita e Salute San Raffaele

Nuovi scenari della ricerca clinica in Europa. Giuseppe Banfi Direttore Generale Fondazione Centro San Raffaele Università Vita e Salute San Raffaele Nuovi scenari della ricerca clinica in Europa Giuseppe Banfi Direttore Generale Fondazione Centro San Raffaele Università Vita e Salute San Raffaele 1 Riduzione del numero di clinical trials in Europa

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO CONDIVISO PER LA PRESCRIZIONE/UTILIZZO DI ERITOPOIETINE A BREVETTO SCADUTO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO CONDIVISO PER LA PRESCRIZIONE/UTILIZZO DI ERITOPOIETINE A BREVETTO SCADUTO PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO CONDIVISO PER LA PRESCRIZIONE/UTILIZZO DI ERITOPOIETINE A BREVETTO SCADUTO Luglio 2014 Obiettivo: Il presente documento, condiviso e sottoscritto dalle Direzioni sanitarie

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Convegno La qualità dei medicinali: un requisito in evoluzione Istituto Superiore di Sanità Roma, 17 dicembre 2004 Atti a cura di Daniela Marsili e Anna Farina Dipartimento

Dettagli