COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE"

Transcript

1 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Relazione Previsionale e Programmatica Pag. 1 di 38

2 3.1 - Considerazioni generali e motivata dimostrazione delle variazioni rispetto all'esercizio precedente Obiettivi degli organismi gestionali dell'ente. Programma n. 1 - AFFARI GEN. SERV.SOCIO- CULTUR. 2 - SERV.DEMOGR.,ATTIV.PROD.VIGIL. 3 - LL.PP.\VIAB.\AMBIENTE\PROT.CIV 4 - URBANISTICA QUADRO GENERALE DEGLI IMPIEGHI PER PROGRAMMA (importi espressi in Euro) Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Spese correnti Spese per Spese correnti Spese per Spese correnti Spese per Consolidate Di sviluppo investimento Totale Consolidate Di sviluppo investimento Totale Consolidate Di sviluppo investimento , , ,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, ,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, ,00 0, , , ,00 0, , , ,00 0, , , ,00 0, , , ,00 0, , , ,00 0, , ,00 Totale 5 - BILANCIO E CONTABILITA' ,00 0, , , ,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, ,00 TOTALI ,00 0, , , ,00 0, , , ,00 0, , ,00 Pag. 2 di 38

3 3.4 - PROGRAMMA N. 1 - AFFARI GEN. SERV.SOCIO-CULTUR. N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. ZANARDO ILVA Descrizione del programma. Il programma riguarda diversi settori di attività prestate dai tre Uffici in cui è articolato il Servizio. Tali Uffici operano nel campo dei servizi generali ed istituzionali, nella gestione del personale dell Ente e nei servizi sociali e culturali. a) Servizi generali, gestione del personale, scuole, sport e associazionismo Il programma prevede nel corso dell anno 2007, una tendenziale continuità con le finalità perseguite nel corso dell esercizio precedente. Verrà continuata, con l attenzione che merita, l attività di segreteria del Sindaco e degli Assessori e più in generale di supporto agli Organi politici nel loro complesso per assicurare il regolare svolgimento dei compiti istituzionali, in particolare, attraverso una sempre più puntuale predisposizione ed esternazione degli atti amministrativi e la corretta gestione, giuridica, economica ed organizzativa, del personale dipendente. In tale contesto particolare attenzione sarà dedicata allo spazio informativo per il cittadino, avvalendosi degli strumenti informatici in dotazione all Ente ed in particolare del sito Web e del tabellone elettronico, al fine di garantire, nel rispetto del principio della trasparenza, una sistematica, coordinata e tempestiva attività di comunicazione sulle attività istituzionali e sulle iniziative promosse o realizzate dall Ente o comunque di interesse generale. L attività complessiva sarà condizionata, come già avvenuto negli ultimi anni, dalle limitazioni alle assunzioni introdotte dalle recenti leggi finanziarie. Per tale ragione verrà riservata, anche nell anno 2007, conformemente agli indirizzi normativi e contrattuali, particolare attenzione allo sviluppo delle risorse umane prediligendo la qualificazione del personale attraverso la programmazione di una attività formativa il più possibile rispondente al reale fabbisogno formativo dello stesso, sia dal punto di vista tecnico che relazionale, anche promuovendo ed autorizzando la partecipazione dei dipendenti stessi ai vari corsi ed incontri di aggiornamento, collegati alle specifiche attività lavorative, tenuti da soggetti accreditati. Nell ambito del settore scolastico verranno mantenuti i rapporti con le Scuole locali, sia pubbliche che private, volti all erogazione di un sussidio a sostegno del funzionamento corrente, in parte fisso, parametrato sulla dimensione ed esigenze ordinarie di ciascun istituto, ed in parte variabile attribuito sulla base di progetti di carattere straordinario aventi valenza culturale e formativa. Saranno garantiti, con la consueta cura e attenzione, i servizi primari, quali il trasporto (per il quale si dovrà provvedere anche ad un nuovo affidamento) e la refezione scolastica, o secondari, quali la vigilanza all'uscita delle Scuole. In tale contesto l Amministrazione, per esigenze legate al rispetto del patto di stabilità, valuterà attentamente l ipotesi di una completa esternalizzazione dei servizi di trasporto e refezione da realizzare comunque con il controllo dell Ente e garantendo lo standard di qualità raggiunta e la piena tutela degli utenti. Sulla scorta dell esperienza positiva maturata nel corso degli ultimi anni, questa Amministrazione, che si è occupata con attenzione alle attività extrascolastiche, intende proseguire nella organizzazione, con l ausilio di operatori qualificati e con la collaborazione dell Istituzione Scolastica, di un attività di doposcuola rivolta agli alunni frequentanti la Scuola Secondaria di 1 grado. Inoltre, sempre nello spirito di rendere effettivo il diritto allo studio e all istruzione degli alunni meritevoli, frequentanti rispettivamente la Scuola Secondaria di 1 e 2 grado, si proseguirà nell assegnazione delle borse di studio istituite rispettivamente per gli alunni frequentanti e per gli studenti neodiplomati. Nell'ambito del settore socio-ricreativo si intende riproporre anche per l anno 2007 l iniziativa relativa ai centri estivi rivolti agli alunni delle Scuole Primarie e dell Infanzia, da realizzarsi in collaborazione con le locali Parrocchie e con l ausilio di operatori qualificati. Il consolidamento dell attività ricreativa estiva nel corso degli ultimi anni costituisce senza dubbio una valida risorsa per le famiglie, garantendo alle stesse un servizio qualitativamente affidabile che si concretizza in interventi, di natura prevalentemente ludicoricreativa ma anche con finalità sociali, attraverso i quali permettere ai bambini di maturare nuove scoperte anche al di fuori dell ambiente scolastico. I centri estivi infatti Pag. 3 di 38

4 costituiscono un momento aggregativo in cui sviluppare rapporti relazionali ed ampliare le conoscenze e l'apprendimento di gesti e tecniche anche manuali. Nel campo prettamente sportivo il programma si prefigge di proseguire nella promozione della pratica sportiva non solo come occasione di svago ma anche come strumento di prevenzione del disagio in particolare di quello giovanile. Verrà riproposta l organizzazione degli ormai consueti due corsi consecutivi di nuoto, denominati comunemente primaverile e autunnale, rivolti agli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di primo grado. L'iniziativa verrà realizzata con le consuete e ormai consolidate modalità, ben condivise dalle famiglie che nel corso degli anni hanno dato la loro adesione, per un numero complessivo di 30 lezioni da svolgersi nell arco di un periodo coincidente con l intera durata dell anno scolastico. E in questa direzione meritano essere sicuramente segnalati e proseguiti gli sforzi compiuti dall Amministrazione Comunale nel corso degli ultimi due anni, per favorire concretamente la presenza e la pratica della disciplina calcistica nel settore giovanile. Il Comune intende infatti continuare ad adoperarsi in tale ambito per sostenere e promuovere il mondo calcistico giovanile nella ferma convinzione che esso rappresenti un importante strumento di sviluppo sociale e formativo dei ragazzi. Sempre particolare attenzione inoltre, sarà riservata alla necessità di ottimizzare e razionalizzare l uso degli impianti sportivi avvalendosi dell ormai collaudato ricorso all associazionismo sportivo. Anche per l anno 2007, conformemente ai principi statutari, si intende valorizzare le risorse del territorio promuovendo una sempre più fattiva collaborazione con le locali Associazioni alcune delle quali già svolgono, con regolare e generoso impegno un ruolo attivo in vari settori con interventi di tipo umanitario, culturale, sportivo, sociale, ricreativo, etc. Si conferma a tal fine anche l impegno a garantire, compatibilmente con la disponibilità di risorse economiche e previa apposita valutazione, un supporto di tipo economico alle suddette Associazioni che ne facciano motivata richiesta e che svolgano attività di interesse generale. Proprio per sottolineare l apporto di tali soggetti e riconoscerne le meritevoli iniziative e la sempre lodevole disponibilità a collaborare proficuamente nei vari settori, verrà riproposta, in concomitanza con l annuale Festa della Famiglia, la Festa delle Associazioni quale momento di incontro e socializzazione, da realizzare con l ausilio delle stesse Associazioni ed Istituzioni operanti nel territorio comunale. Pag. 4 di 38

5 b) Servizi Sociali La nostra società sta vivendo una fase di profondi cambiamenti culturali e sociali che si riflettono anche sugli assetti istituzionali ed organizzativi. Per questo l Ente Comunale sempre più è chiamato ad assumere un ruolo decisivo nella promozione, nell indirizzo e nella programmazione di interventi in merito al benessere e alla tutela dei cittadini. In tale contesto le finalità del Servizio socio-assistenziale corrispondono a servizi diversificati, capaci di innovazioni e attenzioni in merito alle problematiche emergenti. Si tratta di un insieme di servizi ed interventi comunali che attraverso il coordinamento delle prestazioni e dei servizi specifici alla persona ed alla famiglia, in sinergia anche con Enti sovracomunali, riescono ad evitare sovrapposizioni di competenze e settorializzazione nelle risposte promuovendo ed utilizzando sempre più anche lo strumento degli accordi e dei protocolli d intesa. Le azioni sopra citate e programmate sono realizzate in riferimento ai principi di sussidiarietà, cooperazione, efficacia e efficienza, economicità come stabilito con la L. 328/2000 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. In tale ambito, conformemente alle linee guida dettate dalla Regione Veneto, il programma si prefigge di promuovere e tutelare la qualità della vita dei cittadini più deboli, in particolare dei soggetti che rischiano l esclusione da un contesto familiare e sociale, garantendo degli interventi a sostegno della domiciliarità. In particolare va assicurata la prestazione dei servizi oramai consolidati quali: l'assistenza domiciliare a disabili, anziani e minori che, ove necessario, verrà integrata con il personale specializzato dell'a.s.l., telecontrollo- telesoccorso, fornitura pasti a domicilio, sostegno economico in particolari situazioni di necessità ad integrazione del minimo vitale, supporto alle persone che necessitano dell'intervento professionale dell'assistente Sociale che opera attraverso un attento monitoraggio dei casi di priorità sociale. Proseguirà inoltre, la collaborazione con il Servizio Handicap adulto dell Azienda ULSS 7, per favorire la creazione di opportunità di lavoro per l inserimento di soggetti svantaggiati e nel contempo stabilire obiettivi di integrazione sociale. Nel corso dell anno 2007 saranno, come di consueto, garantite inoltre le seguenti attività ed iniziative anche di natura ricreativa: Realizzazione soggiorni climatici estivi per anziani con la possibilità di scelta di più località di destinazione; Servizio di trasporto di utenti del servizio domiciliare e sociale con utilizzo, in convenzione, del pulmino di proprietà dell ANFFAS anche con l ausilio di personale volontario appartenente ad altre Associazioni locali; organizzazione di eventi ricreativi finalizzati all aggregazione plurigenerazionale, da promuovere in collaborazione con il Gruppo Anziani, tra i quali si evidenziano in particolare le iniziative ormai consolidate denominate Festa dell anziano, Festa Tuttinsieme, Festa di primavera..etc. Proseguirà il servizio di assistenza domiciliare integrata in collaborazione con l'a.s.l. e saranno perseguiti gli obiettivi e le finalità previsti dalla L.R. 28/91 con l'intento di incentivare e valorizzare la domiciliarità delle persone non autosufficienti. Tale servizio infatti mira ad evitare l'istituzionalizzazione delle persone che grazie, sia alle risorse pubbliche che personali, possono rimanere nel proprio ambiente familiare. La stessa Regione Veneto prevede a tal fine diverse tipologie di interventi economici, con procedure amministrative e di valutazione a carico dell Ente Comunale, a favore delle persone non autosufficienti e delle loro famiglie, finalizzati a sostenere concretamente la conduzione di una vita dignitosa e a favorire il mantenimento della persona nel proprio contesto di vita: Provvidenze economiche a favore di persone non autosufficienti assistite a domicilio (L.R. 28/91) Interventi di assistenza a favore di persone affette da morbo di Alzheimer o da altre demenze, con gravi disturbi comportamentali ( L.R. 5/2001 L.R.28/02 D.G.R. 84 del ) Interventi a favore delle famiglie che assistono in casa persone non autosufficienti con l aiuto di assistenti famigliari ( D.G.R. 2907/02 e D.G.R. 3630/02). Assegno di Sollievo Buono di Servizio Inoltre a sostegno della qualità della vita dei cittadini in condizione di fragilità, la Regione Veneto ha promosso una serie di interventi finalizzati proprio alla domiciliarità, prevedendo sempre più un interazione tra strutture sociali e sanitarie. Tale interazione sarà pianificata e gestita tramite il piano locale per la domiciliarità che sarà approvato dalla Pag. 5 di 38

6 Conferenza dei Sindaci. Il Piano per la domiciliarità coinvolgerà direttamente il Servizio Sociale comunale, in quanto unico ufficio abilitato ad individuare, a livello locale, le modalità, i processi per la valutazione e la presa in carico della persona e della sua famiglia. In tale contesto proseguirà e si evolverà la collaborazione con gli operatori del Distretto perseguiranno le valutazioni congiunte per soddisfare le richieste dell utenza di inserimento presso le strutture protette del territorio. L accesso ai servizi socio-sanitari come noto prevede una valutazione multidimensionale con la compilazione delle schede SWAMA, che comporta il consistente intervento dei Servizi Sociali Comunali al fine soprattutto di un eventuale inserimento residenziale nelle strutture territoriali, riservando particolare attenzione alla Casa di Soggiorno Divina Provvidenza sita nel Comune. L Amministrazione si ripropone, dunque, di perseguire la creazione di una rete di opportunità di aiuto e di prestazioni concrete alle persone e alle famiglie che si fanno carico della cura, in particolare delle persone non autosufficienti, con l intento di salvaguardare i livelli di qualità e di dignità della vita accompagnando il cittadino nel percorso evolutivo della sua situazione di bisogno e delle relative scelte o opportunità. In tale spirito, e nell intento di promuovere una rete di sostegno anche a favore delle persone autosufficienti, l Amministrazione Comunale ha aderito al progetto La Trama, già previsto nei Piani di Zona, che vedrà la sua concreta realizzazione nel corso dell anno Ulteriore azione innovativa, finalizzata al benessere della collettività, è stata intrapresa con l adesione al Progetto Fondazione di Comunità ed alla costituzione del relativo Comitato. Nel 2007 saranno avviate iniziative ed interventi volti ad una concreta attuazione del progetto attraverso la promozione ed attivazione di forme di coinvolgimento, anche di natura economica, della collettività locale. Nel corso del 2007 infine, si intende proseguire e perfezionare l applicazione dei criteri specifici previsti per l accesso alle prestazioni agevolate, conformemente ai criteri fissati nel Regolamento ISEE, in una logica sistemica e trasversale ai diversi settori coinvolti. Pag. 6 di 38

7 c) Servizi culturali e scuole La Biblioteca Comunale intende perseguire, anche nel corso dell anno 2007, la finalità propria del servizio come luogo deputato all informazione ed all approfondimento culturale costituendosi in tal senso come strumento indispensabile per la promozione dello studio, della crescita culturale dei cittadini, della continuità formativa e dell impiego del tempo libero. Da ciò ne consegue l impegno di garantire la promozione ed il godimento pubblico di un offerta libraria di base la più variegata possibile, ponendo, come sempre, una particolare attenzione agli interessi ed ai bisogni nuovi che emergono in seno alla comunità legati, ad esempio, alla necessità di favorire l integrazione delle sempre più numerose minoranze nazionali e linguistiche degli immigrati extracomunitari. A questo proposito sarà importante continuare ad organizzare in loro favore, anche interagendo con il settore dei Servizi Sociali del Comune, programmi destinati a facilitarne l inserimento culturale nella nuova comunità. In questa direzione il Servizio ha come obiettivo di riorganizzare sia il corso base di lingua italiana per stranieri che il corso avanzato, eventualmente anche in collaborazione con altri Comuni. Si proseguirà, unitamente alle altre Biblioteche aderenti, nella collaborazione con il Sistema Bibliotecario del Vittoriese nell intento di dare attuazione al progetto di catalogazione bibliografica delle nuove acquisizioni e di recupero del patrimonio pregresso. Permane l obiettivo principale di consentire una ricerca bibliografica più veloce e diffusa con una conoscenza più ampia del patrimonio bibliografico posseduto dalle varie biblioteche ed una struttura di prestito collettivo effettuata e gestita direttamente in Internet. Per quanto riguarda la sensibilizzazione dell utenza, in particolare di quella scolastica, nei confronti della lettura, si intende riproporre, come di consueto, l attività di Promozione alla lettura. Per l anno scolastico 2006/2007 infatti sono stati riproposti -ed accolti dalle Scuole dell infanzia e primaria pubbliche- dei progetti didattici volti alla stimolazione della creatività infantile nel campo artistico mediante la comunicazione teatrale e musicale. Si intende riproporre inoltre l organizzazione di incontri letterari con autori di libri a carattere locale che presenteranno le loro opere. A tale scopo sono già stati presi dei contatti con alcuni autori che si sono in tal senso resi disponibili. Nel settore scolastico, anche per il 2007 vengono riproposti, con le modalità degli anni precedenti, gli interventi in materia di diritto allo studio; in particolare sarà garantita la fornitura gratuita, agli alunni residenti nel Comune e frequentanti le locali Scuole pubbliche, dei libri di testo annuali per gli iscritti alle Scuole Primarie e di validità triennale per gli iscritti alla classe 1 della Scuola secondaria di grado. Si proseguirà inoltre, nel rispetto della vigente e specifica normativa statale e regionale, al puntuale adempimento dei procedimenti amministrativi, a carico dell Ente Comunale, necessari per l erogazione dei fondi regionali previsti a favore delle famiglie in particolari condizioni economiche e finalizzati al sostegno delle spese di cui le stesse si fanno carico per l istruzione dei figli frequentanti le Scuole dell obbligo e secondarie superiori, statali e paritarie (contributi acquisto testi scolastici, contributi spese scolastiche-borse di studio). Per quanto riguarda le attività ricreativo-culturali in genere, visto il successo precedentemente ottenuto, si promuoveranno iniziative e momenti di festa e socializzazione, da realizzare anche in stretta collaborazione con le Associazioni locali, quali: rassegna natalizia, con l organizzazione di eventi musicali di varia natura; rassegna del teatro per le famiglie nella stagione invernale. In questo ambito oltre a mantenere la varietà dell offerta complessiva ed il livello qualitativo raggiunto, comprovato dalla buona partecipazione e dall apprezzamento del pubblico alle iniziative promosse, si porrà particolare attenzione al miglioramento dell aspetto relativo alla comunicazione, con la finalità di guadagnare una più ampia platea di estimatori. L Amministrazione inoltre intende organizzare, con il supporto di soggetti qualificati e di specifica competenza, delle occasioni di incontro (quali mostre, proiezioni, incontri con l autore, conferenze, spettacoli musicali) con la cittadinanza per la trattazione e approfondimento di argomenti di interesse generale, analizzati nelle loro molteplici sfaccettature. In tale ambito si ricercherà una risposta positiva dalle Istituzioni Scolastiche per il loro coinvolgimento nella realizzazione di progetti didattici per la formazione e sensibilizzazione dei ragazzi su temi di significativa rilevanza. Nella stagione estiva saranno riproposte le consuete attività ricreative, rivolte in particolare ad un pubblico giovanile (spettacoli e giochi nei parchi, proiezioni cinematografiche, ballo delle debuttanti, etc.), che nel corso degli anni hanno ottenuto un crescente riscontro. Si conferma inoltre la volontà di sostenere e proseguire, con l apporto dell apposito Comitato, le azioni relative all approfondimento dei rapporti di amicizia con il Comune francese di Castanet (F), con l obiettivo di instaurare, se possibile, delle vere e proprie collaborazioni che vadano oltre il pur rilevante aspetto istituzionale. Pag. 7 di 38

8 Anche il servizio della Ludoteca continuerà ad essere assicurato per l intero a.s. 2006/2007 avvalendosi per la sua conduzione, dell apporto di operatori qualificati nel settore. Nell ambito delle politiche giovanili, proseguirà l attività comunale, all interno dello Spazio Giovani, già operante da diversi anni presso il Centro Sociale, volta al raggiungimento dell integrazione sociale favorendo il dialogo tra i ragazzi mediante il loro coinvolgimento in iniziative educative, culturali e ricreative. La continuità del servizio è garantita dalla presenza di uno o più educatori/operatori di comprovata qualificazione professionale, esperienza e competenza in materia. L azione politica a favore del mondo giovanile non mancherà di sostenere, ponendovi particolare attenzione, l attività del Consiglio Comunale dei Ragazzi nell obiettivo di evitare che il suo funzionamento si limiti ad un esercizio meccanico e poco partecipato, ma promuovendo invece il progressivo coinvolgimento della totalità degli studenti in attività atte a formarli come cittadini consapevoli del loro ruolo sociale e delle dinamiche delle istituzioni democratiche per favorire una partecipazione attiva nell amministrazione del territorio ed un loro attivo coinvolgimento Motivazione delle scelte. In questo quadro programmatico gli interventi, consistenti in gran parte nel consolidamento e prosecuzione di iniziative già realizzate in anni precedenti, sono rivolti prioritariamente al miglioramento dello standard di qualità dei servizi offerti sia a carattere interno che esterno. Il programma in generale è stato predisposto nell'ottica di dare un'impostazione più consona alla soddisfazione delle aspettative degli utenti, presupponendo necessariamente un coordinamento delle azioni all interno del Servizio stesso tra i vari Uffici che lo compongono, allo scopo di ridurre al minimo il pericolo di improvvisazione delle procedure e di non rispettare i termini prefissati Finalità da conseguire. In questo quadro programmatico gli interventi, consistenti in gran parte nel consolidamento e prosecuzione di iniziative già realizzate in anni precedenti, sono rivolti prioritariamente al miglioramento dello standard di qualità dei servizi offerti sia a carattere interno che esterno. Il programma in generale è stato predisposto nell'ottica di dare un'impostazione più consona alla soddisfazione delle aspettative degli utenti, presupponendo necessariamente un coordinamento delle azioni all interno del Servizio stesso tra i vari Uffici che lo compongono, allo scopo di ridurre al minimo il pericolo di improvvisazione delle procedure e di non rispettare i termini prefissati Risorse umane da impiegare. Il personale attualmente in dotazione al Servizio è composto di n. 6 unità : - n. 2 dipendenti di Categoria D1-Pos. D3 (di cui uno a tempo parziale) - n. 1 dipendente di Categoria D1-Pos. D2 - n. 2 dipendenti di Categoria C1 (di cui uno a tempo determinato e con orario articolato in pari misura tra il 1 ed il 2 Servizio) - n. 1 dipendente di Categoria C1-Pos. C2 - n. 1 dipendente di Categoria B4 A seguito dell entrata in vigore della Legge 64 del , che istituisce il servizio civile volontario nazionale e che ha sospeso dal la leva obbligatoria, questo Ente ha aderito al progetto promosso dall Associazione Comuni della Marca Trevigiana che si è costituita come ente capofila accreditato. L espletamento del prescritto iter procedurale, relativo al reclutamento dei volontari, si è positivamente concluso nell anno 2005 con l assegnazione a questo Comune, conformemente alla richiesta presentata ed ai progetti elaborati, di n. 3 giovani da impiegare nelle aree di intervento con utilità sociale, quali le attività assistenziali, legate all ambiente ed alla protezione civile ed infine alle attività culturali ed educative. Nella consapevolezza che oltre a rappresentare una buona opportunità professionale per i giovani volontari ed nel contempo delle risorse umane aggiuntive per gli Enti, si ritiene di aderire anche per l anno 2007 al progetto dell ACMT delegando alla stessa la fase procedurale per l elaborazione del bando di selezione. Anche per l'anno 2007 si intende incentivare la collaborazione con le varie Associazioni del territorio grazie alle quali si potranno migliorare ulteriormente alcuni servizi. Pag. 8 di 38

9 Risorse strumentali da utilizzare. Tutto il Servizio ha raggiunto un buon livello di informatizzazione, anche se per taluni uffici il fabbisogno strumentale evidenzia delle esigenze di ammodernamento delle apparecchiature presenti, le cui potenzialità per essere sfruttate al meglio richiedono un continuo aggiornamento e miglioramento delle procedure allo scopo anche di rendere la struttura flessibile rispetto al mutamento normativo e delle esigenze, in particolare quelle inerenti la posta elettronica ed il sito Internet. In considerazione di tutto questo occorre prevedere una stretta collaborazione tra il personale di tutti i livelli che faciliti lo sviluppo della potenzialità individuale attraverso anche un attività di formazione rivolta non solo agli aspetti tecnico-giuridici connessi alle proprie mansioni ma anche alla responsabilizzazione di appartenere ad una struttura più ampia e complessa. Per svolgere le proprie funzioni il Servizio dispone attualmente, come da inventario, delle seguenti risorse strumentali: Hardware: n. 8 Pc, n. 1 stampante a getto d inchiostro, n. 5 stampanti laser Software: procedure IDEA (compreso Protocollo), gestione INPDAP, Windows 98/2000/XP, gestione rilevazione presenze N. 1 fotocopiatore (presso Biblioteca) N. 2 fax (di cui 1 presso Biblioteca) N. 1 Fiat Brava, adibita al servizio di assistenza domiciliare N. 1 Pulmino Fiat Ducato, di proprietà dell ANFFAS e gestito in convenzione Pag. 9 di 38

10 PROGRAMMA N. 1 - AFFARI GEN. SERV.SOCIO-CULTUR. N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. ZANARDO ILVA ENTRATE SPECIFICHE RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA ENTRATE Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Legge di finanziamento e articolo - STATO 0,00 0,00 0,00 - REGIONE , , ,00 - PROVINCIA 212,00 212,00 212,00 - UNIONE EUROPEA 0,00 0,00 0,00 - CASSA DD. PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA 0,00 0,00 0,00 - ALTRI INDEBITAMENTI (1) 0,00 0,00 0,00 - ALTRE ENTRATE 0,00 0,00 0,00 TOTALE (A) , , ,00 PROVENTI DEI SERVIZI - Proventi dei servizi pubblici , , ,00 - Proventi dei beni dell'ente. 0,00 0,00 0,00 - Interessi su anticipazioni e crediti. 0,00 0,00 0,00 - Utili netti delle aziende speciali e partecipate, dividendi di società. 0,00 0,00 0,00 - Proventi diversi. 0,00 0,00 0,00 TOTALE (B) , , ,00 Pag. 10 di 38

11 PROGRAMMA N. 1 - AFFARI GEN. SERV.SOCIO-CULTUR. N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. ZANARDO ILVA QUOTE DI RISORSE GENERALI - Imposte. 0,00 0,00 0,00 - Tasse. 0,00 0,00 0,00 - Tributi speciali ed altre entrate tributarie. 0,00 0,00 0,00 TOTALE (C) 0,00 0,00 0,00 TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,00 (1) : Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili SPESE PREVISTE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA IMPIEGHI (importi espressi in Euro) entità (a) Consolidate % su totale Spesa corrente entità (b) Di sviluppo % su totale entità (c) Spesa per investimento % su totale Totale (a+b+c) V. % sul totale spese finali tit. I e II Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 42,12% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 47,64% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 33,69% Pag. 11 di 38

12 3.4 - PROGRAMMA N. 2 - SERV.DEMOGR.,ATTIV.PROD.VIGIL. N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. ZORGNO EDDA Descrizione del programma. Il programma si divide nei settori di attività corrispondenti agli Uffici in cui il servizio è articolato. a) Servizi demografici ed elettorale I Servizi demografici si trovano ad essere, sia per la collocazione fisica che per l ampiezza degli orari di apertura al pubblico e la presenza del centralino, il biglietto da visita dell Amministrazione, e comunque il primo referente del cittadino per le richieste più diverse, che talora esulano anche dalle funzioni istituzionali dell Ente. Il programma si prefigge quindi di continuare a migliorare l accoglienza del pubblico, curando particolarmente l aspetto relazionale e adottando soluzioni organizzative atte sia ad abbreviare i tempi di attesa che a garantire la qualità delle risposte fornite, in collaborazione con gli altri servizi del Comune. Tale obiettivo risulta particolarmente impegnativo in quanto il Servizio svolge un attività di sportello molto vasta, recentemente ampliata e resa più complessa anche dall attribuzione di nuove incombenze trasferite a carico dei Comuni, quali l autenticazione delle sottoscrizioni per il passaggio di proprietà degli autoveicoli, e dalla necessità di assistere il pubblico nella compilazione dei vari moduli, che nel caso degli stranieri, sempre più numerosi ed eterogenei, risulta di maggiore difficoltà. Sarà confermata l organizzazione professionale del servizio di centralino, che non sarà solo il tramite verso altri uffici ma curerà anche la fornitura diretta di informazioni di interesse generale, e quest azione è stata preparata con una formazione specifica del personale, condivisa da tutti i Servizi dell Ente. Proseguendo inoltre nel processo di avvicinamento all utenza e in particolare alle sue fasce più deboli, continuerà il servizio di recapito a domicilio di documenti e certificati agli anziani soli, o alle famiglie in difficoltà per la presenza di persone non autosufficienti. Sarà poi via via spedita ai nuovi residenti una breve nota informativa concernente la positiva conclusione dell iter per l iscrizione anagrafica, oltre agli orari di apertura al pubblico degli Uffici del Comune e alle modalità di ricevimento di Sindaco e Assessori, e sarà inviata ai giovani diciottenni una lettera di augurio e di richiamo ai valori del civismo e della solidarietà. Ancora, il servizio darà tempestivamente seguito a tutti gli adempimenti per il rilascio della carta di identità elettronica, importante per la condivisione di informazioni in tempo reale con altri organi e servizi della Pubblica Amministrazione quali INPS, ULSS, Agenzia delle Entrate, Motorizzazione Civile. Sarà anche attivato un ulteriore specifico collegamento con l INPS per la trasmissione telematica dei dati a cadenza mensile, e con la Questura, che potrà accedere in tempo reale alla banca dati dell anagrafe. Il progetto è stato avviato nel 2005 con l adesione al sistema INA SAIA, la cosiddetta anagrafe centralizzata, e l allineamento dell anagrafe dei residenti con l anagrafe tributaria, e prevedeva la piena operatività fin dal Tuttavia, ad oggi non si conosce il preciso progetto tecnico finale da parte dell Amministrazione Centrale, anche se il Comune ha concluso tutti gli adempimenti atti a garantire la sicurezza del sistema, e ha redatto i relativi piani. Anche per questo, e per evitare alla popolazione possibili disagi o ritardi nel rilascio dei nuovi documenti, da gennaio il Servizio invierà, nel trimestre precedente, un avviso ai cittadini la cui carta di identità è prossima alla scadenza. b) Attività Produttive Per quanto riguarda le attività produttive, si perseguirà l obiettivo di attuare misure che ne favoriscano lo sviluppo, nel rispetto dell ambiente e delle previsioni indicate dagli strumenti urbanistici. Pag. 12 di 38

13 Nel settore della Fiera continuano i buoni risultati in termini economici e di incremento qualitativo, con costante interesse da parte delle Ditte espositrici, tanto che le nostre Fiere non sembrano risentire del trend negativo che caratterizza in questo periodo il settore, e sempre con una buona affluenza di pubblico, tendenza questa favorita da iniziative dell Amministrazione quali l abbonamento a prezzo agevolato per i residenti, e in generale dalla decisione di non aumentare il prezzo dei biglietti finché permale l attuale sfavorevole congiuntura economica. La disponibilità dei nuovi padiglioni coperti costituisce una risorsa importante, per il Comune ma anche per il mondo dell associazionismo e per l imprenditorialità privata, che dimostrano sempre maggiore attenzione alle possibilità offerte dalle nuove strutture e in diversi casi ne richiedono l utilizzo per proprie iniziative. Ricordiamo, per il 2006, oltre alle varie iniziative culturali (teatro, concerti, ecc.) organizzate dal Comune e alle tradizionali Feste e Sagre, la Mostra del Libro organizzata dall Università delle Tre Età, il grande meeting della Ditta Edilfriuli, e il concerto con il Coro del Teatro La Fenice. Si perseguirà l obiettivo di potenziare ancora l attività fieristica del Comune, sia promuovendo l uso, a pagamento, delle strutture disponibili da parte di imprese e istituzioni esterne, sia studiando in proprio l avvio di nuove manifestazioni. A questo proposito già con la Fiera 2006 è stata avviata l iniziativa Progetto Camper, che continuerà nel 2007 e prevede diverse tappe, prima delle quali la creazione di un percorso turistico, con guida tematica, da Santa Lucia di Piave al Comune francese gemellato di Castanet-Tolosan, percorso che avrà come punto di partenza le Fiere di Santa Lucia e che si snoderà per la parte iniziale nella nostra provincia con alcuni itinerari tipici, ideati in collaborazione con le Associazioni agrituristiche e i Consorzi di Tutela che tradizionalmente partecipano alla Fiera, e con la Provincia di Treviso. Per i camper sarà creato un punto di rifornimento acqua e di scarico in zona Fiera, e tale servizio, oltre all evidente valore turistico, potrà generare indotto per le attività economiche locali. Ulteriore tappa del progetto, nel 2007 sarà avviata una nuova manifestazione fieristica dedicata al camperismo e in generale al tempo libero. L Amministrazione perseguirà inoltre l obiettivo di ricercare una nuova formula organizzativa per la propria attività fieristica, e a questo proposito è in cantiere il progetto di costituzione di un Ente per la gestione di tali attività, insieme con il Comune di Conegliano e di Godega Sant Urbano, e con il supporto anche economico della Provincia di Treviso. E stato affidato, ad un professionista esperto in diritto societario e consulenza d impresa, l incarico di individuare quali siano le caratteristiche più convenienti del nuovo soggetto giuridico che gestirà l attività fieristica congiunta, e di predisporre il progetto tecnico per la sua costituzione in tempi brevi. In agricoltura, sarà continuato il servizio di lotta guidata ai parassiti delle colture, importante sia in termini di risparmio per gli operatori che per l aspetto ecologico, con la spedizione dei bollettini informativi a ogni singola azienda e anche, a richiesta, con consulenze in loco. Si continuerà l informazione alle aziende in merito alla possibilità di contributi e finanziamenti, offerti soprattutto dalla Regione, per le varie attività. c) Servizio di Polizia Municipale Il Comune aderisce al Consorzio di Polizia Municipale Piave, costituito con l obiettivo di ottimizzare le risorse a disposizione dei Comuni aderenti ottenendo una maggiore qualificazione e specializzazione delle funzioni della polizia municipale e un azione capillare di controllo del territorio. Si continuerà l avviato ampliamento dell attività di vigilanza, in particolare in orario notturno con turni fino alle ore 1.30, rivolgendo attenzione sia al problema della sicurezza della circolazione stradale che alla prevenzione della microcriminalità, in collaborazione con le Forze dell Ordine. Sarà attivato a Sarano il nuovo sistema di controllo semaforico denominato rosso stop, con rilevazione automatica delle infrazioni ed aumento dell attività sanzionatoria, già intensificata ad oggi grazie allo strumento del telelaser, e saranno ancora incrementati i controlli a difesa dell ambiente, con la vigilanza sulle isole ecologiche e in generale in merito al corretto smaltimento dei rifiuti. Ancora, in tema di controllo sulle attività produttive e commerciali, sarà particolarmente monitorata l attività di trattenimento esercitata negli esercizi pubblici, in modo da sanzionare i comportamenti in violazione dell apposita ordinanza recentemente adottata dal Comune di Santa Lucia di Piave, e da assicurare il rispetto della quiete pubblica. Pag. 13 di 38

14 Obiettivo di rilievo, raggiunto nel 2006, è stata l attivazione della Scuola di Polizia Locale a Spresiano, unica nella Regione gestita da un ente pubblico, che vede un ottima frequenza ai corsi, di elevato livello professionale, da parte di Agenti provenienti da tutto il Veneto e anche dal Friuli. Si realizzerà il progetto Nonni Vigile, in collaborazione con l ACI di Treviso, che formerà il personale, anche delle Associazioni, impegnato nella vigilanza presso le scuole. d) Iniziative nel settore della Casa Si proseguirà nell informazione all utenza più debole sulla possibilità di ottenere contributi a sostegno delle spese di affitto, provvedendo anche a redigere direttamente le richieste. Si continuerà nell informazione al pubblico sulle possibilità di agevolazioni prima-casa offerte anche da altri Enti pubblici Motivazione delle scelte. Si ritiene fondamentale che il cittadino abbia la percezione di essere valorizzato come persona, e quindi di poter contare su Servizi dove le istanze vengono valutate tenendo conto della loro specificità. Il programma del Servizio è quindi teso a privilegiare le iniziative che abbiano un impatto diretto con i cittadini e con le loro aspettative, a cominciare da un azione puntuale e aggiornata di informazione, condotta in modo organizzato e anche personalizzato sulla base delle richieste espresse; e quest impostazione vale anche per gli interventi nel settore fieristico, che, al di là della sua valenza specifica, si propone in ultima analisi di reperire risorse a favore della generalità dei servizi comunali Finalità da conseguire. La motivazione delle scelte già indica le finalità da conseguire, la prima delle quali è di organizzare il servizio privilegiando la ricerca di risposte adeguate alle istanze e ai bisogni segnalati dall esterno, e curando di conseguenza la funzionalità interna degli uffici Risorse umane da impiegare. Il personale attualmente in dotazione al Servizio è composto di 6 unità, e precisamente: - 1 dipendente di qualifica D3-1 dipendente di qualifica D2-1 dipendente di qualifica C3-1 dipendente di qualifica C1, a tempo parziale, per medie 18 ore settimanali - 2 dipendenti di qualifica B5, di cui uno a tempo parziale al 50%. Nel periodo preparatorio delle Fiere è inoltre prevista, nel rispetto e con le finalità indicate dal vigente Statuto Comunale, la collaborazione con le Associazioni del Comune per la gestione congiunta di alcune attività in particolare nel settore fieristico Risorse strumentali da utilizzare. Tutto il Servizio ha raggiunto un grado notevole di informatizzazione ed è stato dotato di risorse tecniche sufficienti. Il personale ha seguito, anche volontariamente al di fuori dell orario di lavoro, corsi specifici di formazione per l uso o l approfondimento dei programmi informatici fondamentali, e corsi di formazione professionale nel campo della comunicazione, così da acquisire nuovi strumenti di relazione con il pubblico e di interpretazione delle sue istanze. Già possiamo rilevare in questo risultati positivi, ed è quindi importante continuare nella formazione del personale verso una riqualificazione di tipo culturale che favorisca una maggiore consapevolezza del ruolo e contesto professionale, e l acquisizione di modelli comportamentali conseguenti. E sempre importantissimo resta curare quanto più possibile il coordinamento fra i Servizi e gli uffici, favorendo in ogni modo la condivisione delle informazioni e concordando azioni e modalità di intervento, così che anche dall esterno possa essere percepita l armonia e l unitarietà delle varie attività dell Ente. Pag. 14 di 38

15 PROGRAMMA N. 2 - SERV.DEMOGR.,ATTIV.PROD.VIGIL. N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. ZORGNO EDDA ENTRATE SPECIFICHE RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA ENTRATE Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Legge di finanziamento e articolo - STATO 0,00 0,00 0,00 - REGIONE , , ,00 - PROVINCIA 0,00 0,00 0,00 - UNIONE EUROPEA 0,00 0,00 0,00 - CASSA DD. PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA 0,00 0,00 0,00 - ALTRI INDEBITAMENTI (1) 0,00 0,00 0,00 - ALTRE ENTRATE 0,00 0,00 0,00 TOTALE (A) , , ,00 PROVENTI DEI SERVIZI - Proventi dei servizi pubblici , , ,00 - Proventi dei beni dell'ente , , ,00 - Interessi su anticipazioni e crediti. 0,00 0,00 0,00 - Utili netti delle aziende speciali e partecipate, dividendi di società. 0,00 0,00 0,00 - Proventi diversi. 0,00 0,00 0,00 TOTALE (B) , , ,00 Pag. 15 di 38

16 PROGRAMMA N. 2 - SERV.DEMOGR.,ATTIV.PROD.VIGIL. N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. ZORGNO EDDA QUOTE DI RISORSE GENERALI - Imposte. 0,00 0,00 0,00 - Tasse. 0,00 0,00 0,00 - Tributi speciali ed altre entrate tributarie. 0,00 0,00 0,00 TOTALE (C) 0,00 0,00 0,00 TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,00 (1) : Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili SPESE PREVISTE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA IMPIEGHI (importi espressi in Euro) entità (a) Consolidate % su totale Spesa corrente entità (b) Di sviluppo % su totale entità (c) Spesa per investimento % su totale Totale (a+b+c) V. % sul totale spese finali tit. I e II Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 13,78% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 15,22% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 10,76% Pag. 16 di 38

17 3.4 - PROGRAMMA N. 3 - LL.PP.\VIAB.\AMBIENTE\PROT.CIV N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. SPERANZA ANNARITA Descrizione del programma. Considerati i continui tagli finanziari a carico degli enti locali dovuti al patto di Maastricht, permane l obiettivo anche per l anno 2007 dell Amministrazione comunale di accrescere l efficienza dell attività gestionale, ottimizzandone l attività ed i costi al fine di mantenere ed anche migliorare le qualità standards dei servizi offerti pur con minori risorse economiche disponibili, per la razionalizzazione del costo dei servizi, contenendo le spese complessive e per realizzare la migliore utilizzazione delle risorse umane al fine di assicurare un adeguato standard qualitativo dei servizi offerti. A tal fine si cercherà quindi, di incentivare il lavoro del personale dipendente (operai e impiegati) con appositi progetti obiettivi e promuovere la progettazione interna dei vari lavori pubblici, nonché incentivare ulteriormente la già fattiva collaborazione con le associazioni comunali. Alla luce di quanto sopra si porterà ad incrementare le attività gestite in amministrazione diretta quali per l appunto: Redazione da parte del personale dell ufficio tecnico di appositi piani di emergenza per affrontare possibili situazioni di pericolo ambientali (es. presenza di neve e ghiaccio durante il periodo invernale) e la gestione di tutte le situazioni di pericolo, per l ambiente e per l incolumità dei cittadini;. Con proprio personale tecnico si prevede la gestione tecnico operativa di tutte le situazioni di pericolo di grande entità che richiedono l intervento coordinato della Protezione Civile, attraverso il costante aggiornamento dei programmi intercomunali, quali il progetto Mercurio e Iride e la manutenzione costante di tutte le attrezzature da impiegare; Sempre tramite il personale dipendente nonché con i volontari del servizio civile, ai sensi della L. 6 marzo 2001, n.64, con l adesione al progetto Ambiente di Marca si prevede di migliorare il controllo e monitoraggio delle piazzole ecologiche distribuite nell intero territorio comunale nonché il controllo dell esatto adempimento degli oneri contrattuali da parte della ditta concessionaria del servizio raccolta rifiuti urbani, tramite interventi puntuali di verifica da parte dell ufficio tecnico comunale. Inoltre sempre tramite l operatore del servizio civile si vuole incrementare il monitoraggio delle aree verdi comunali in particolar modo lo stato delle attrezzature ivi presenti e del manto erboso e alberature, oltre all organizzazione del monitoraggio e rilievo delle blatte, zanzare tigre, processionaria, bruco americano, ratti ed eventuali altre infestazioni non ancora note. Grazie a dei contributi regionali ottenuti nell anno 2006, sono previsti degli interventi straordinari al patrimonio comunale, sempre progettati e gestiti direttamente dal personale comunale tecnico, quali per l appunto l adeguamento degli impianti tecnologici della scuola elementare di Bolda e della scuola media statale, nonché l esecuzione di alcune opere accessorie agli impianti sportivi di via Roma. Tramite il proprio personale inoltre, vengono effettuati degli interventi di manutenzione al patrimonio comunale quali: - Manutenzione straordinaria dei campi di calcio comunali n.1 e n.3, con trattamenti fitosanitari, arieggiatura superficiale e profonda e quindi Top dressing con sabbia silicea, al fine di migliorali e conservali al meglio nel tempo; - Interventi di manutenzione straordinaria dell lluminazione pubblica con lavori di sistemazione dei quadri eletrici della P.I. e il potenziamento della stessa in alcune parti del territorio comunale; - Alcuni lavori di risanamento conservativo di strade comunali particolarmente ammalorate; - Adeguamento dei marciapiedi comunali alla normativa sull eliminazione delle barriere architettoniche almeno nei percorsi principali del Comune; Si prevede per il 2007 di iniziare a riordinare la segnaletica verticale esistente nel territorio sulla base delle indicazioni fornite dallo studio svolto dall ufficio tecnico comunale nel 2006, relativamente alla stessa. Sempre tramite il personale dipendente e in particolar modo il personale operaio, si prevede l organizzazione e l esecuzione di eventi fieristici nuovi e manifestazione di particolare rilievo, tramite un apposito progetto obiettivo. Ulteriore obiettivo prioritario dell Amministrazione comunale per l anno 2007 è la sensibilizzazione della cittadinanza ed in particolare dei giovanissimi cittadini alla salvaguardia e tutela ambientale, da attivare tramite degli specifici programmi. Pag. 17 di 38

18 E in programma a tal fine l organizzazione della giornata ecologica per l ambiente, prevista per la primavera 2007, con il coinvolgimento delle Associazioni di volontariato e degli alunni delle scuole medie, che anche nell anno 2006 hanno dimostrato una attiva partecipazione. Inoltre è stato proposto un programma di sensibilizzazione ambientale nelle scuole medie, da attivarsi nell anno scolastico 2006/2007, che affronta il tema del consumo responsabile e dello sviluppo sostenibile. Il progetto prevede il supporto di docenti forniti dall Arpav e la sua attivazione è condizionata dall accettazione della direzione didattica di Santa Lucia di Piave. Inoltre al fine di disciplinare l esercizio delle competenze comunali in ambito ambientale, è in programma la predisposizione e la successiva approvazione di un nuovo Regolamento di igiene per la tutela della salute pubblica e dell ambiente. Il documento farà riferimento alla nuova normativa nazionale in continua evoluzione, alla normativa regionale, in particolare alle linee guida per l esecuzione e la gestione dei servizi di lotta agli infestanti in suolo pubblico, nonché alle indicazioni dell Azienda ULSS 7 e degli Enti gestori dei servizi comunali interessati. Si continuerà ad eseguire degli interventi specifici per la disinfestazione dal bruco americano lungo il viale alberato di Via Martiri della Libertà e nelle altre zone comunali ove il bruco sia presente. Inoltre si provvederà a trattare eventuali alberature comunali infestate da parassiti. Verrà poi curato il rispetto del Piano di Zonizzazione acustica, tramite l istruttoria di diverse pratiche, soprattutto per quanto riguarda l effettuazione di manifestazioni temporanee. Per quanto concerne il servizio di derattizzazione, sarà attivato il relativo Piano Triennale dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica con una propria unità di disinfestazione composta dal personale volontario dell associazione Alpini S.Lucia, debitamente formati e coordinati da un tecnico comunale esperto. Così pure il servizio di disinfestazione, in particolare il servizio di lotta alla zanzara tigre, verrà garantito dagli stessi. Si provvederà al monitoraggio e al censimento dei focolai della stessa su tutto il territorio comunale e con la collaborazione del personale dell ULSS7 si eseguirà la verifica della positività dei siti. Si continuerà il monitoraggio relativo all infestazione di blatte in una localizzata area del territorio comunale, che negli anni scorsi è stata oggetto di disinfestazione di diversi focolai. Grazie alla fattiva collaborazione delle associazioni comunali, in particolar modo Alpini S. Lucia, Amici parco Bolda onlus, Protezione civile S.Lucia, sarà osservata ed incrementata la manutenzione di parte delle aree verdi comunali, la pulizia delle strade comunali e relative piazze, marciapiedi e piste ciclabili, nonché verrà svolto un servizio di pseudo-vigilanza al territorio. Per quanto attiene infine le Opere Pubbliche che trovano la loro collocazione nel programma triennale possono essere così riassunte: 1. Lavori di Ristrutturazione biblioteca comunale : Considerati i due finanziamenti concessi dalla Regione Veneto pari ad ,58 per l iniziativa relativa alla Ristrutturazione biblioteca comunale, questa Amministrazione, vista la somma totale del finanziamento regionale, ritiene di riconsiderare il progetto, già approvato con delibera di G.C. n. 96 del , relativo alla ristrutturazione dell edificio biblioteca - ex casa del fascio con lo scopo di adibirlo ad attività pertinenti alla stessa, per una spesa complessiva di euro ,00 e pertanto di reinserirlo nei documenti programmatori di questa Amministrazione; 2. Lavori di Realizzazione di dossi artificiali per rallentare la velocità oin prossimità delle scuole e realizzazione di impianto semaforico per l attraversamento pedonale lungo la S.P. 47 (località Bocca di Strada) : Anche per quest opera l amministrazione comunale ha ottenuto un finanziamento regionale pari a ,00 su una spesa complessiva pari a ,00. Tale opera consiste nel realizzare degli attraversamenti rialzati in prossimità delle scuole elementari, medie e materne, nonché realizzare un impianto semaforico a chiamata per l attraversamento stradale in prossimità della fermata della corriera in località Bocca di strada S.P Motivazione delle scelte. Gli interventi indicati nei punti sopraelencati sono motivati dal fatto che le strutture, i servizi e le infrastrutture attuali necessitano di manutenzioni e miglioramenti strutturali e gestionali. Negli altri casi si tratta di opere nuove atte a soddisfare le aspettative ed esigenze degli utenti Finalità da conseguire. Pag. 18 di 38

19 Gli interventi sono finalizzati al miglioramento dei servizi e delle strutture nonché infrastrutture, oltre alla realizzazione di nuove opere atte a garantire una migliore qualità della vita, dare maggior vivibilità al territorio comunale nonché garantire una maggiore tutela agli utenti più deboli per l appunto bambini, anziani e disabili Risorse umane da impiegare. I servizi previsti dal programma LL.PP. sono affrontati dal seguente personale: n 1, cat. D3 n 1, cat. D1 n 1, cat. C2 n 1, cat. B3 (a tempo parziale) n 1,cat. B7 n 1, cat. B2 n 2, cat. B Risorse strumentali da utilizzare. Per svolgere le proprie funzioni LL.PP. dispone, per quel che riguarda l ufficio, di n 5 computers e di attrezzatura varia per gli operai, tra cui: n 1 autovettura FIAT UNO; n 1 autovettura SUZUKI IGNIS; n 1 autocarro FIAT DAILY 35q.li; n 1 apecar; n 1 furgone di tipo aziendale; n 1 automezzo dotato di cestello; n 1 livello; n 2 elettropompe; n 1 motoscopa spazzatrice; n 1 motoscopa lavapavimenti; n 1 soffiatore; n 2 decespugliatore; n 1 rasaerba; diversa strumentazione minuta Pag. 19 di 38

20 PROGRAMMA N. 3 - LL.PP.\VIAB.\AMBIENTE\PROT.CIV N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. SPERANZA ANNARITA ENTRATE SPECIFICHE RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA ENTRATE Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Legge di finanziamento e articolo - STATO 0,00 0,00 0,00 - REGIONE , , ,00 - PROVINCIA 0,00 0,00 0,00 - UNIONE EUROPEA 0,00 0,00 0,00 - CASSA DD. PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA 0,00 0,00 0,00 - ALTRI INDEBITAMENTI (1) 0,00 0,00 0,00 - ALTRE ENTRATE , ,00 0,00 TOTALE (A) , , ,00 PROVENTI DEI SERVIZI - Proventi dei servizi pubblici. 0,00 0,00 0,00 - Proventi dei beni dell'ente. 0,00 0,00 0,00 - Interessi su anticipazioni e crediti. 0,00 0,00 0,00 - Utili netti delle aziende speciali e partecipate, dividendi di società. 0,00 0,00 0,00 - Proventi diversi , , ,00 TOTALE (B) , , ,00 Pag. 20 di 38

COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE

COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE RELAZIONE DESCRITTIVA DEI PROGRAMMI 2005 INDICE Programma n. 1 / Affari generali-servizi Sociali-Cultura-Personale Programma n. 2 / Servizi Demografici-Att.Produttive-Fiere

Dettagli

Obiettivi degli organismi gestionali dell ente

Obiettivi degli organismi gestionali dell ente Obiettivi degli organismi gestionali dell ente Con decreto sindacale prot. n. 50 del 2 gennaio 2014 sono state attribuite le Posizioni Organizzative ai dipendenti comunali apicali nei rispettivi settori

Dettagli

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI Il programma garantisce il funzionamento degli uffici e dei servizi di carattere generale: tra questi i più importanti riguardano: a) la segreteria generale dell ente per

Dettagli

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI Responsabile: sotto il profilo gestionale Aldini Laura Sotto il profilo di indirizzo amministrativo politico Grioni Mario Linee Programmatiche 2010-2015 SEGRATE AIUTA I PIU

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Ad integrazione dell Avviso emesso in data 09/06/2014

AVVISO PUBBLICO. Ad integrazione dell Avviso emesso in data 09/06/2014 AVVISO PUBBLICO Ad integrazione dell Avviso emesso in data 09/06/2014 OGGETTO: Manifestazione di interesse per concessione d uso dell immobile e del servizio di gestione del Centro Diurno per anziani e/o

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA 2013

RELAZIONE PROGRAMMATICA 2013 ALLEGATO N. 1 RELAZIONE PROGRAMMATICA 2013 Premessa La Sezione Provinciale di Brescia dell Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus si impegna ad operare per il perseguimento dei «compiti istituzionali

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI ALLEGATO E Sportelli informativi per immigrati LINEE GUIDA INDICE 1. PREMESSA 2. FINALITA E CARATTERISTICHE 3. DESTINATARI E MODALITA DI ACCESSO 4. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 5. OBIETTIVI SPECIFICI DEL SERVIZIO

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 COMUNE DI BORGETTO PROVINCIA DI PALERMO ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 SINDACO SEGRETARIO COMUNALE GIUNTA MUNICIPALE AREA 1^ AREA 2^ AREA 3^ AREA 4^

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

Comune di Novedrate Provincia di Como

Comune di Novedrate Provincia di Como Pagina 1 di 16 Legge Regionale n. 31 del 20/03/1980 - Attribuisce al Comune il compito di individuare gli interventi più opportuni a favore di tutte le scuole presenti sul territorio, nel quadro degli

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PREMESSA Il Protocollo di accoglienza per gli alunni stranieri è da intendersi quale parte integrante dell assetto regolamentare dell ENAIP Trentino.

Dettagli

INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007

INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007 PROVINCIA DI BOLOGNA ASSESSORATO SANITA SERVIZI SOCIALI, ASSOCIAZIONISMO, VOLONTARIATO INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007 PREMESSA UFFICIO TERZO SETTORE Tel. 051/6598609-051/6598276-

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RETE PER LA SICUREZZA E LA QUALITA DELLA VITA tra la Prefettura di Pesaro e Urbino, la Provincia di Pesaro e Urbino, i Comuni di Pesaro, Urbino, Fano. Il Prefetto di Pesaro e

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Abstract: La costituzione dell Unione dei Comuni per la gestione associata delle funzioni fondamentali dei comuni è

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 418 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11972 DEL 28/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Prot. n.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

PREMESSA I - PRINCIPI FONDAMENTALI. Articolo 1 (Uguaglianza e imparzialità)

PREMESSA I - PRINCIPI FONDAMENTALI. Articolo 1 (Uguaglianza e imparzialità) PREMESSA La presente Carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art. 149 del Trattato dell Unione Europea e costituisce un documento di

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 e 2018-19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 e 2018-19 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PINO TORINESE Provincia di Torino Via Molina, 21 10025 Pino Torinese (TO) Tel. 011/8117260 Fax 011/8117202 www.pinoscuola.gov.it E-mail: toic85500g@istruzione.it icpino@pinoscuola.it

Dettagli

Il territorio e la promozione dei servizi relazionali pubblici e privati. Verso il primo piano regionale per i bambini e gli adolescenti nel Veneto Padova il 18 dicembre Francesco Gallo 1 Premessa Con

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

Piano diritto allo studio Anno scolastico 2013/2014

Piano diritto allo studio Anno scolastico 2013/2014 COMUNE DI ALBAIRATE PROVINCIA DI MILANO Piano diritto allo studio Anno scolastico 2013/2014 La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE

LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE COMUNE DI CENTO LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE CASE FAMIGLIA PER ANZIANI E DISABILI ADULTI

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Bergamo 2012

Un anno per il sociale in provincia di Bergamo 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Bergamo 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO ELABORAZIONE DEL PROGETTO STRUMENTI Bando speciale che deve prevedere: a) le fonti di finanziamento b) il numero degli

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

SERVIZO ASILI NIDO E SERVIZI COMPLEMENTARI ALLA PRIMA INFANZIA

SERVIZO ASILI NIDO E SERVIZI COMPLEMENTARI ALLA PRIMA INFANZIA DIREZIONE ISTRUZIONE P.O. PROGRAMMAZIONE E PROMOZIONE Supporta direttamente il Direttore nella ricerca, analisi e valutazione propositiva di problematiche complesse di rilevante interesse per il conseguimento

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Relazione previsionale e programmatica

Relazione previsionale e programmatica Comune di Inveruno Provincia di Milano RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2009-20112011 Relazione previsionale e programmatica La relazione previsionale e programmatica rende conto delle scelte, delle

Dettagli

Posizione Organizzativa n. 4

Posizione Organizzativa n. 4 Posizione Organizzativa n. 4 Settore: Pubblica Istruzione - Servizi Socio-Educativi Cultura - Sport - Spettacolo- Tempo Libero La struttura indicata, concorre con gli altri Servizi, al perseguimento delle

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE) CCNI_MG

Dettagli

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO PATTO PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO La Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo e l Amministrazione Comunale di Grosseto VISTE le direttive e le linee

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO CARTA DEI SERVIZI: SCHEDA INFORMATIVA DEL SERVIZIO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO Pagina 1 di 10 Rev.0- maggio 2014 Il servizio di assistenza domiciliare del Comune di BIBBIANO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 16-2315 Fondo statale per le non autosufficienze, annualita' 2015. Approvazione "Programma attuativo" di cui al

Dettagli

Città di Racconigi. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali

Città di Racconigi. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali Città di Racconigi Al Dottor Paolo FLESIA CAPORGNO Segretario Comunale In Sede Prot. n. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali In riferimento al Piano integrato

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE Allegato E (DGM) Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE)

Dettagli

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2011

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2011 ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2011 L Istituzione è la struttura di principale e dedicato riferimento del Comune per l esercizio dei

Dettagli

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (d ora in avanti: SAD)

Dettagli

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.)

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) In vigore dal 01.07.2008. Pagina 1 di 6 Approvato con delibera C. C. 16/2008 Art. 1 UTENZA Il SAD è rivolto

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

SICUREZZA DEI CITTADINI

SICUREZZA DEI CITTADINI 3.4 PROGRAMMA N 2 N. EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE DR. PAOLO GIROTTI. 3.4.1 Descrizione programma L anno 2012 è stato caratterizzato dalla stabilizzazione della organizzazione del Corpo

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014

InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014 Allegato A) deliberazione n. 2 del 24/04/2012 InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014 Premessa: l azienda speciale consortile nell ambito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI PISOGNE. Assessorato ai Servizi Scolastici

COMUNE DI PISOGNE. Assessorato ai Servizi Scolastici COMUNE DI PISOGNE Assessorato ai Servizi Scolastici PIANO DIRITTO ALLO STUDIO anno scolastico 2013/2014 1 POPOLAZIONE SCOLASTICA Anno scolastico 2013 2014 Scuole dell Infanzia Scuole Primarie Scuole Secondarie

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010 ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010 L Istituzione è la struttura di principale e dedicato riferimento

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LINEE REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO E L ACCESSO APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17/02/2010.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Città di CIVITAVECCHIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA E L AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA (A.T.E.R.)

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE. Claudio Fantinati

ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE. Claudio Fantinati ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE Claudio Fantinati 64 E D U C A Z I O N E Obiettivo principale dell attività dell assessorato è quello di mantenere gli standard qualitativi dei servizi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE

SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE CONSULENTE TECNICO E POLITICO AMMINISTRATIVO DEL SINDACO AVVOCATURA COMUNICAZIONE SEGRETERIA GENERALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento alla Società

Dettagli

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorpapardopiemonte.it

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorpapardopiemonte.it REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE Ctr. Papardo 98158 Messina - tel.090-3991 Codice Fiscale e Partita IVA 03051880833 Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email:

Dettagli