CAPITOLO 8 COMMERCIO INTERNAZIONALE E SVILUPPO ECONOMICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 8 COMMERCIO INTERNAZIONALE E SVILUPPO ECONOMICO"

Transcript

1 CAPITOLO 8 COMMERCIO INTERNAZIONALE E SVILUPPO ECONOMICO 8.1 INTRODUZIONE In questo capitolo studieremo il nesso tra commercio internazionale e sviluppo economico. Come discusso nel secondo capitolo, a partire dagli anni settanta si è sviluppato un fervido dibattito attorno all impatto che diverse politiche commerciali possono avere sullo sviluppo economico dei PVS. Il dibattito si è articolato lungo due filoni di ricerca: un primo gruppo di studiosi affermava l importanza del protezionismo, almeno in alcune fasi dello sviluppo economico; altri studiosi sostenevano, invece, l importanza del libero scambio e corroboravano le loro posizioni teoriche facendo riferimento all esperienza del Giappone prima e delle tigri asiatiche poi. Nei paragrafi seguenti discuteremo inizialmente gli argomenti in favore del libero scambio per poi soffermarci, in maggior dettaglio, sugli argomenti sviluppati per giustificare politiche protezionistiche. 8.2 ARGOMENTI IN FAVORE DEL LIBERO SCAMBIO Le politiche commerciali possono essere schematicamente classificate in tre categorie: orientate all esportazione (outward oriented), orientate alla produzione interna (inward oriented) e neutrali.

2 Outward Oriented: Regime di politica commerciale che discrimina in favore delle esportazioni di beni prodotti localmente; Inward Oriented: Regime di politica commerciale che discrimina in favore delle attività produttive che competono con il settore delle importazioni; Politica Commerciale Neutrale: Regime di politica commerciale che non discrimina tra settore delle importazioni e settore delle esportazioni. Alla luce di questa classificazione possiamo definire le politiche di liberalizzazione commerciale come orientate a trasformare il regime di politiche commerciali da inward oriented a neutrale o, in ultima istanza, ad outward oriented. Un argomento solitamente utilizzato in favore del libero scambio si basa sull idea che trasformando un economia da inward oriented ad outward oriented (o neutrale) i flussi di commercio internazionale che si generano, creano incrementi nella produttività ed, in ultima istanza, crescita economica. Le argomentazioni in supporto di tale idea sono essenzialmente quattro: 1. Il libero scambio promuove una migliore allocazione delle risorse; 2. Il libero scambio genera maggiore competizione ed induce alla specializzazione della produzione; 3. Il libero scambio rende l economia locale più attraente per gli investimenti stranieri; 4. Il libero scambio crea un ambiente favorevole ai trasferimenti tecnologici. Naturalmente questi quattro argomenti sono connessi tra di loro: Il fatto che le imprese nazionali confrontino la pressione competitiva di un mercato internazionale le indurrà a elevare gli standard di produzione allocando in maniera più efficiente le risorse. Questi cambiamenti produttivi dovrebbero generare un aumento della produttività marginale. Tali cambiamenti dovrebbero rendere il paese più attraente agli occhi degli investitori internazionali, e di conseguenza 148

3 dovrebbero attrarre maggiori investimenti. Un elevato flusso d investimenti stranieri genererà, in teoria, spillover tecnologici. I due canali principali attraverso cui questa spirale positiva si propaga sono un aumento delle importazioni ed un aumento delle esportazioni. a) Esportazioni: rafforzano gli incentivi ad adottare nuove tecnologie aumentano i ritorni dall innovazione causati dal più ampio mercato disponibile (mercato nazionale più mercato internazionale). Le principali fonti di guadagno associate all espansione delle esportazioni sono: (1) un guadagno immediato associato all aumento della produzione e dei consumi generata dai nuovi mercati disponibili; (2) un guadagno immediato associato all aumento della fetta di mercato disponibile; (3) guadagni dinamici e continui associati all incremento produttivo generato dall upgrading tecnologico. b) Importazioni: I guadagni associati all aumento delle importazioni sono fondamentalmente generati da: (1) importazioni contenenti nuova tecnologia (technology embodied imports); (2) importazioni di un ampia gamma di input per la produzione. In entrambi i casi il guadagno è generato da trasferimenti tecnologici. 8.3 TECNICHE PER ELIMINARE PREESISTENTI BARRIERE TARIFFARIE Le tecniche che un governo orientato al libero scambio può adottare per rimuovere le esistenti barriere tariffarie, sono diverse e generano diversi effetti sull economia. Il primo passo in tale direzione è quello di calcolare il livello effettivo di protezione. Questo è definito come l incremento percentuale nel valore aggiunto per unità prodotta in un attività economica resa possibile dall adozione di tariffe sull importazione, rispetto ad una situazione ipotetica in cui le tariffe sono nulle ed il tasso di cambio è lo stesso. Nella realtà è molto difficile ipotizzare una situazione in cui è possibile eliminare la protezione tariffaria di un determinato mercato istantaneamente. In molti casi, 149

4 infatti, è necessario adottare politiche di tariff dismantling che lentamente riducano la protezione tariffaria, senza così incorrere nell opposizione delle lobby di potere favorevoli al protezionismo. In questo caso un politica di second best è necessaria: Concertina Method: Consideriamo un mercato caratterizzato da una complessa struttura di tariffe. L obiettivo finale del policy maker è quello di eliminare ogni forma di protezione tariffaria. La procedura ottimale dipenderà dal tipo di limitazioni imposte dall ambiente esterno. Assumiamo, come visto in precedenza, che il policy maker non possa azzerare simultaneamente tutte le tariffe. Il problema da affrontare sarà decidere quale tariffa ridurre prima e quale dopo. Riducendo prima la tariffa più bassa, si ridurrebbe la distorsione di quel settore rispetto ai settori non protetti (nel nostro caso i settori orientati all esportazione). Ma un secondo effetto non desiderato sarebbe quello di aumentare la distorsione rispetto agli altri settori protetti. Chiaramente questa strategia non è la migliore. Rappresentazione grafica del metodo di Concertina. 60 Initial level of protection Tariff dismantling: Concertino method first step Level of protection Level of protection Sector 1 Sector 2 Sector 3 Sector 4 Sector 5 0 Different sectors Second Step Sector 1 Sector 2 Sector 3 Sector 4 Sector 5 Different sectors Level of protection Sector 1 Sector 2 Sector 3 Sector 4 Sector 5 Different sectors Figura 1 150

5 Una strategia migliore è quella proposta dal Concertina Method. In questo caso si dovrebbe ridurre prima la tariffa più alta portandola al livello della seconda più alta. Consecutivamente le due tariffe più alte dovrebbero essere abbassate al livello della terza più alta. Questa strategia va portata avanti fino all azzeramento di tutte la tariffe nel mercato considerato. Il metodo di Concertina è una strategia ottimale di riduzione tariffaria dato che non genera distorsioni collaterali durante il processo di eliminazioni delle restrizioni al libero commercio. Riduzione across-the-board: Ora prendiamo in considerazione il caso in cui tutte le tariffe debbano essere ridotte in maniera graduale. Un tale tipo di riduzione può essere attuata per dare alle imprese il tempo di adattarsi gradualmente alla nuova politica commerciale (di libero scambio), raggiungendo gli standard di efficienza internazionale in maniera graduale. Una possibile strategia che assicuri una costante ma graduale riduzione del livello di protezione tariffario è la così detta riduzione across-the-board. Tale strategia garantisce costanti miglioramenti nell allocazione delle risorse e nelle decisioni di consumo. La strategia è di facile applicazione in quanto comporta una costante (ad esempio annuale) riduzione del livello tariffario di tutti i settori considerati. Una volta raggiunto un predefinito livello soglia la tariffa viene azzerata in maniera repentina. Esempio: consideriamo una situazione iniziale in cui abbiamo il settore non protetto delle esportazioni X, e due ulteriori settori protetti A e B, che producono beni in competizione con le importazioni. Le tariffe in questi due settori sono inizialmente al livello di 30% e 50%. Le distorsioni derivanti dalla errata allocazione delle risorse e dei consumi possono essere calcolati osservando i gap tariffari tra i diversi settori. Esiste un gap del 50% tra il settore non protetto ed il settore maggiormente protetto, un gap del 30% tra il settore non protetto ed il secondo settore protetto, ed in fine un gap del 20% tra i due settori protetti. Se i tre gap sono ridotti simultaneamente l economia registrerà un miglioramento. Una 151

6 qualsiasi politica di riduzione delle tariffe simultanea non genererà alcuna forma di distorsione. Al contrario se la riduzione non avviene across-the-board alcune distorsioni potrebbero verificarsi e la situazione potrebbe complessivamente peggiorare. Consideriamo il caso in cui un policy maker poco attento decida di dimezzare la tariffa più bassa portandola dal 30% al 15%, ma riduca la tariffa più alta solo del 10% (portandola al 45%). In tale circostanza il primo gap sarà ridotto dal 50% al 45%, il secondo gap passa dal 30% al 15%, ma il terzo gap crescerà passando dal 20% al 30%. In tali circostanze non è possibile affermare con certezza che la riduzione tariffaria ha generato un welfare improvement. Costi collaterali associati alla eliminazione delle tariffarie: sarebbe ingenuo assumere che le due strategie di eliminazione delle tariffe ora discusse possano effettivamente essere attuate senza generare potenziali distorsioni. Senza ombra di dubbio una transizione verso il free trade comporta severe perdite nelle entrate dello stato. È lecito aspettarsi che tali perdite siano compensate (almeno parzialmente) con l imposizione di diverse forme di tassazione dei cittadini. Inoltre l eliminazione delle barriere tariffarie può generane degli indesiderati effetti di ridistribuzione dei redditi. I cambiamenti devono essere effettuati in maniera graduale o, se effettuati in maniera repentina, è auspicabile che l economia sia in condizioni di piena occupazione e con un elevato tasso di crescita economica, onde evitare seri danni a fette della popolazione. 8.4 ARGOMENTI IN FAVORE DEL PROTEZIONISMO Politiche protezionistiche possono essere economicamente giustificate se le condizioni necessarie per godere dei benefici del free trade sono assenti. Diverse forme di violazione d'altronde richiederanno diversi tipi di soluzioni. È altresì vero che nella stragrande maggioranza dei casi le politiche protezionistiche vengono attuate in seguito ad istanze di natura non-economica (ad esempio la necessità di avere una industria nazionale dell acciaio che possa essere utilizzata 152

7 per scopi bellici in caso di guerra). Tali istanze, per quanto non immediatamente economiche, sono perfettamente legittime. Un attento calcolo dei costi e dei benefici associati al protezionismo dovrebbe tenere conto dei vantaggi politici associati al protezionismo e pesarli contro gli svantaggi puramente economici. Gli argomenti in favore del protezionismo possono essere generalmente classificati in due macro categorie: argomenti statici ed argomenti dinamici. Un argomento statico è solitamente valido in ogni istante in quanto basato su condizioni sempre valide. Tali argomentazioni giustificano l adozione permanente di barriere tariffarie. Al contrario una argomentazione dinamica in favore del protezionismo si basa su condizioni particolari che si verificano in un particolare momento storico. Tali argomentazioni, dunque, possono solo giustificare l adozione temporanea di protezioni commerciali, che saranno sollevate una volta superato il particolare momento storico. Il cuore di tali argomentazioni è l idea stessa del comportamento strategico. Considereremo nella nostra analisi prima gli argomenti statici in favore del protezionismo, focalizzando l attenzione sulla teoria della domestic divergence. In seguito considereremo gli argomenti dinamici, soffermandoci principalmente sulla teoria dell industria nascente, la teoria degli obiettivi occupazionali, la teoria delle politiche commerciali strategiche ed infine gli argomenti di politica economica in supporto del protezionismo. 8.5 Argomenti statici in favore del protezionismo Divergenze Marginali: Consideriamo una situazione in cui ci sono divergenze marginali tra la funzione di costo privata e quella pubblica. Tale circostanza può essere determinata dalla presenza di un maggior numero di variabili nella funzione di costo pubblica. Un esempio classico è la presenza di esternalità sociali nella funzione di costo pubblica che non rientrano in quella privata (ad esempio i benefici derivanti da misure di sicurezza nazionale sono difficilmente individuabili in una funzione di costo privata, ma certamente hanno un peso 153

8 notevole in una funzione di costo pubblica; un ulteriore esempio è dato dalla adozione di politiche per alleviare la povertà, tali politiche avranno un elevato impatto sociale ma l impatto privato sarà minimo se non nullo nella maggioranza dei casi). Il grafico riportato qui sotto rappresenta una situazione in cui i costi marginali privati non coincidono con quelli pubblici. In tale circostanza la curva di offerta pubblica sarà al disotto di quella privata per ogni livello di prezzo (in altre parole ad ogni livello di prezzo la domanda pubblica sarà maggiore di quella privata). Il framework teorico è simile a quello discusso in precedenza: esistono solo due paesi α e β (per semplicità consideriamo α il nostro paese, e β il resto del mondo), ed un bene prodotto X: Price S J E P N Q L F K O A C B Quantity of the importable 1 B Domestic demand curve Domestic supply curve Social domestic supply curve Foreign supply curve Figura 2 Se il mercato è in equilibrio, l offerta interna del bene X sarà pari ad OA, mentre la domanda interna sarà OB. Dunque l offerta esterna sarà AB (in altre parole AB è la quantità del bene X importata). Si noti che in questo esempio la curva d offerta del resto del mondo e parallela all asse delle ascisse, il che significa che 154

9 il livello di domanda del nostro paese non ha alcun effetto sul prezzo internazionale del bene X. La presenza di una divergenza marginale tra costi pubblici e privati genera, come anticipato, una diversa curva di offerta pubblica. In base alla nuova curva di offerta, il livello ottimo di produzione interna sarà OC (dove OC>OA). Se assumiamo che non ci siano divergenze marginali dal lato della domanda, e che il prezzo delle importazioni (OP) indica il costo privato e sociale delle importazioni, seguirà che un qualsiasi intervento mirato ad aumentare il livello di produzione domestica, non dovrebbe alterare il livello dei consumi. Questo obiettivo può essere raggiunto elargendo un sussidio alla produzione pari a PS per ciascuna unità prodotta. In tale modo il più elevato prezzo ricevuto dai produttori locali per ciascuna unità di bene li indurrà a produrre OC. Ora il costo privato marginale di produrre una unità aggiuntiva del bene X sarà pari a CL (in virtù del sussidio elargendo alla produzione), il costo totale del sussidio sarà pari a PSJL, ed il prezzo per i consumatori sarà rimasto invariato (OP). Le seguenti conclusioni possono essere tratte: Il costo sociale di produzione dell extra output prodotto localmente è uguale all area sotto la curva di offerta sociale AKLC; il costo di importazione della quantità AC è pari all area sotto la curva di offerta internazionale ACLN. Segue che il guadagno sociale sarà pari a KNL. Altri effetti sono la perdita pari a PSJL sofferta dai taxpayer, ed il guadagno pari a PSJN da parte dei produttori locali (surplus dei produttori). By-Product-Distortion: Lo stesso livello di protezione può ovviamente essere ottenuto introducendo una tariffa al posto del sussidio discusso in precedenza. Adottando una tariffa pari al rapporto SP/OP il prezzo interno del bene X aumenterà fino a raggiungere il livello OS. In questo, ci sarà comunque un guadagno sociale pari a KNL, ma ci sarà anche una perdita generata dal lato della domanda pari a EFQ. Tale perdita, imposta sui consumatori nel tentativo di perseguire un obiettivo di utilità pubblica è detta by-product-distortion. Risulta immediato che, in tali circostanze, un sussidio è preferibile ad una tassa. 155

10 Consumption divergence: Se la divergenza marginale è tra ottimo livello di consumo privato e sociale (quindi la distorsione è dal lato della domanda e non dell offerta, come visto in precedenza), ciò significa che avremo due curve di domanda: una curva di domanda individuale, ed una curva di domanda sociale. Per comprendere intuitivamente cosa possa generare tale divergenza marginale, si consideri il caso in cui gli agenti economici considerati singolarmente, e la società nel suo complesso, percepiscano il costo di determinati beni in maniera differente. Price S J E P N Q L F O A C B Quantity of the importable 1 B Domestic demand curve Domestic supply curve Social domestic demand curve Foreign supply curve Figura 3 Ad esempio nel caso del consumo di beni che incorporano risorse naturali non rinnovabili, è lecito aspettarsi che la curva di domanda sociale tenga in considerazione il fatto che alti livelli di consumo di tale bene possono generare una riduzione del benessere delle generazioni future (riducendo la quantità di tale bene lasciata a loro disposizione). Se il consumatore individualmente non prende in considerazione questo costo addizionale (ad esempio per mancanza di informazioni corrette, o più semplicemente perché non manifesta altruismo 156

11 intergenerazionale) ci sarà una divergenza marginale tra il livello di consumo ottimo, calcolato individualmente e collettivamente. La curva di domanda sociale giacerà al disotto della rispettiva curva di domanda individuale (ovviamente nella realtà ci si può trovare in una situazione specularmente opposta, in cui la curva di domanda sociale giace al disopra di quella individuale), ed il livello ottimo di consumo sarà pari a OB 1. Se assumiamo che non ci siano divergenze marginali dal lato della produzione, la produzione del bene X non dovrebbe essere alterata da una politica commerciale, e dovrebbe essere lasciata al livello di non intervento pari ad OA. In questo caso può essere dimostrato che la politica di first-best per risolvere il conflitto tra consumo pubblico ed individuale sarà una tassa sul consumo pari al rapporto PS/OP. Tale tassa dovrebbe essere applicata sia sui beni importati che su quelli prodotti localmente, onde evitare alcuna forma di protezione (non desiderata) in favore dei produttori locali. Se al posto di una tassa applicassimo una tariffa per ridurre il livello di consumo locale, genereremmo una by-product-distortion. Consideriamo ad esempio gli effetti dell adozione di una tariffa pari al rapporto PS/OP. In tal caso ci sarà un aumento della produzione interna da OA ad OC ed il livello di importazioni diminuirà fino a raggiungere il livello CB 1. Il costo interno per produrre AC sarà pari ad ANJC mentre il costo di importazione di tale quantità in assenza di protezione tariffaria sarebbe stato pari ad ANLC. Quindi, adottando una politica tariffaria si incorre in una perdita pari a NJL (appunto il costo del byproduct-distortion). Anche in questo caso L adozione di una politica tariffaria per correggere una distorsione marginale tra costi privati e sociali, genera degli effetti indesiderati chiamati by-product-distortion. Dunque una politica tariffarià sarà sicuramente una politica di second-best rispetto all adozione di una tassa sui consumi (firstbest). Obiettivi non-economici: un obiettivo non-economico è di solito un obiettivo politico che altera le scelte economiche. Per raggiungere tale obiettivo, però, si 157

12 incorrerà in costi tutti economici. Dunque esiste un trade-off tra i costi economici ed i benefici non-economici. Con riferimento a quanto visto fino ad ora la presenza di benefici di natura non-economica genererà una divergenza marginale tra la curva d offerta sociale e privata. La curva di offerta sociale rappresentata sopra suggerisce che il valore sociale di un aumento dell output prodotto internamente ha un andamento prima crescente e poi decrescente. Ciò significa che i benefici non-economici non hanno un andamento costante per i diversi livelli di produzione locale. Il livello ottimo di produzione interna sarà pari ad OC e la politica commerciale più efficiente per ottenere tale obiettivo sarà quella di adottare un sussidio (o una tassa) come visto in precedenza. Price J P N L O A C Quantity of the importable Domestic social supply curve Domestic private supply curve Foreign supply curve Figura 4 La politica tariffaria ottima di second-best: Consideriamo ora il caso in cui non sia possibile adottare una politica commerciale di first-best (tassa o sussidio) per ridurre o eliminare le divergenze marginali tra domanda (o offerta) pubblica e 158

13 privata. In tali circostanze il policy-maker dovrà individuare il livello ottimo a cui fissare la tariffa per ottenere la politica commerciale di second-best più efficiente. Come visto in precedenza, consideriamo il caso di una divergenza marginale tra curva di offerta sociale e privata. La tariffa ottimale da adottare in tale circostanza sarà sicuramente positiva, ma non tale da eliminare completamente la divergenza marginale. Infatti la correzione dal lato della domanda deve essere soppesata rispetto alla distorsione che inevitabilmente si crea dal lato dell offerta (byproduct-distortion). La linea nera tratteggiata riportata nella figura qui sotto, suggerisce appunto il processo di trading-off tra il guadagno sociale e la distorsione dal lato del consumo. Price S J E Y P N Z L F H Q W K O A C B Quantity of the importable 1 B Domestic demand curve Domestic supply curve Social domestic supply curve Foreign supply curve Figura ARGOMENTI DINAMICI IN FAVORE DEL PROTEZIONISMO Ora passiamo a considerare i principali argomenti dinamici utilizzati per giustificare l adozione di politiche protezionistiche. Un argomentazione è detta 159

14 dinamica se è strettamente legata al passaggio del tempo: l evoluzione temporale delle circostanze economiche richiede l adozione di politiche di volta in volta diverse. Passiamo ora a considerare alcuni esempi di argomentazioni dinamiche per giustificare un intervento di tipo protezionistico in materia di commercio internazionale. L argomento dell industria nascente: Questo è probabilmente l argomentazione maggiormente utilizzata per giustificare l introduzione di politiche protezionistiche per un determinato arco temporale. Per capire la logica di tale argomento si consideri una situazione in cui un paese A, ha un vantaggio comparato nella produzione di un determinato bene, ma il paese B ha un vantaggio temporale nel senso che il suo settore industriale preposto alla produzione di tale bene ha maggiore esperienza (eg. esiste da un maggior numero di anni). In virtù di tale svantaggio temporale il paese A non riesce a competere con il settore B nel breve periodo. In tale circostanza i fautori dell argomento dell industria nascente sostengono che il paese A debba adottare una politica protezionistica per un breve periodo di tempo in modo da dare la possibilità all industria nascente di raggiungere un livello di maturità. Una volta raggiunto tale livello il paese A avrà colmato l iniziale svantaggio temporale, e potrà sfruttare, nel lungo periodo, il suo vantaggio comparato. Due sono le condizioni essenziali per giustificare il periodo di protezionismo commerciale: 1. il valore scontato di tutti i profitti futuri deve essere superiore alla perdita in termini di welfare sofferta durante il periodo di protezionismo; 2. il settore privato deve essere incapace (o non disposto) di finanziare privatamente l investimento nelle industrie nascenti. A questo punto possiamo notare che anche se queste due condizioni sono soddisfatte la migliore politica commerciale sarà quella di sussidiare l industria nascente invece che imporre una tariffa sulle importazioni. Ciò è chiaro in virtù 160

15 del fatto che l imposizione di una tariffa sulle importazioni ha degli effetti collaterali non desiderabili (tipo le restrizioni sui consumi analizzate nel capitolo precedente). Ora passiamo a considerare in maniera più puntuale la seconda condizione menzionata poco prima. Fondamentalmente due motivi possono giustificare un atteggiamento diverso da parte del settore pubblico e del settore privato: a) la presenza di un fallimento di mercato; b) la presenza di esternalità sociali. a) I fallimenti di mercato possono essere generati da una serie di circostanze. Ad esempio se il settore privato non ha piena informazione può essere incapace di scegliere una strategia di first-best. D'altronde in alcune circostanze il settore pubblico può avere accesso ad informazioni superiori rispetto al settore privato. Ulteriori fonti di fallimento di mercato sono collegate alla presenza di imperfezioni del settore privato. In alcuni paesi (specialmente in PVS) il settore finanziario privato non è disposto a finanziare le industrie nascenti anche se l investimento è profittevole. Alla base di tale miopia vi può essere la volontà di non finanziare investimenti in capitale umano o l incapacità di finanziare investimenti inizialmente molto costosi. b) Come visto in precedenza, la presenza di esternalità sociali può generare una situazione in cui ci siano delle valutazioni divergenti tra pubblico e privato. Alcuni investimenti, se pur socialmente profittevoli, possono risultare svantaggiosi per il settore privato. Ad esempio si consideri il caso dei costi legati al training della forza lavoro: una singola impresa non ha alcun tipo di incentivo nel investire in training se non può assicurarsi l utilizzo di tale forza lavoro. I lavoratori, d altronde, una volta usufruito del training, potranno facilmente trovare altre imprese (che non hanno sofferto i costi legati al training) disposte a pagare salari più elevati. In tali circostanze nessun imprenditore avrà mai incentivi ad investire in training, ma avere una forza lavoro qualificata può essere un target socialmente utile, pertanto un policy- 161

16 maker attento a tali dinamiche potrà intervenire finanziando pubblicamente l investimento in capitale umano. In conclusione l argomento dell industria nascente si basa su di uno schema logico fondato su due assunzioni fondamentali: 1. nel tempo i costo sociali di produzione decrescono; 2. alcuni dei benefici di tale riduzione non sono ottenibili dal settore privato (o perché sono esterni alle imprese, o perché le imprese sono incapaci di sfruttare le opportunità offerte). Un importante nota finale ci serve per ricordare che anche nel caso che tale argomento sia accettato, il modo più efficiente per proteggere l industria nascente non sarà attraverso una politica tariffaria ma bensì attraverso l utilizzo di un sussidio (la dimostrazione di tale affermazione è stata sviluppata in precedenza). Creare occupazione: Un altra argomentazione spesso usata per giustificare l introduzione di politiche protezionistiche si basa sulla necessità di ridurre la disoccupazione attraverso il rilancio di alcuni settori industriali. Anche in questo caso sarà possibile dimostrare che l introduzione di una tariffa non è la maniera più efficiente per ottenere tale risultato. Si consideri, ad esempio una economia di tipo keynesiana, caratterizzata da rigidità nel mercato del lavoro (vale a dire nel livello dei salari) e nel livello dei prezzi, e con un tasso di cambio fisso. L imposizione di una tariffa sulle importazioni aumenterà il livello occupazionale nei settori che competono con le importazioni, ma avrà l effetto opposto nel settore delle esportazioni. Al contrario una politica di svalutazione del tasso di cambio genererà un aumento dei prezzi delle importazioni e farà diminuire i prezzi delle esportazioni stimolando così la domanda per beni nazionali in entrambi i mercati. Quindi possiamo concludere che una svalutazione sarà più efficiente di una tariffa. Politiche commerciali strategiche: una politica commerciale basata su argomentazioni di tipo dinamico, è detta strategica se ha come obiettivo quello di 162

17 influenzare la risposta di un altro agente economico. Modificando le assunzioni alla base dei modelli di concorrenza perfetta visti in precedenza si possono sviluppare una serie di argomentazioni in favore del protezionismo, basate su politiche commerciali strategiche. In via intuitiva possiamo dire che le politiche strategiche si fondano sulla necessità di tenere conto della reazione delle imprese concorrenti per decidere la politica commerciale ottima. Si consideri un nuovo modello di equilibrio parziale caratterizzato dalla presenza di economie di scala e concorrenza imperfetta. In tali circostanze è possibile che il mercato sia un mercato di concorrenza duopolistica. Q B C C 1 R B R 1 A R A Q A Figura 7 Si assuma che esistono solo due imprese A e B (ciascuna rappresentante dei rispettivi paesi A e B) che producono il bene X per il resto del mondo (in altre parole il bene X non è consumato dai paesi produttori). Si assuma inoltre che il duopolio risultante sia alla Cournot, in cui la variabile fondamentale è il livello di produzione. Tale livello sarà fissato da ciascun produttore considerando dato il livello di produzione fissato dall impresa concorrente. La curva di reazione dell impresa A (R A sarà il luogo dei punti in cui l output prodotto rappresenta la 163

18 risposta ottimale per ogni livello di produzione deciso da B. La curva R B è l analoga curva per l impresa B. Chiaramente l equilibrio di Cournot sarà in C, dove le due curve di reazione si intersecano. Tale equilibrio (di concorrenza imperfetta) differisce da un equilibrio di concorrenza perfetta nella misura in cui i prezzi praticati in C eccedono i costi marginali (e pertanto i produttori ottengono dei profitti pari alla rendita duopolistica). Nessuna delle due imprese d altronde avrà interesse ad aumentare il proprio livello di produzione, perché i vantaggi di tale manovra sono controbilanciati dalla necessaria riduzione dei prezzi. Se d'altronde, l impresa A potesse indurre l impresa B a ridurre il suo livello di produzione l impresa A potrebbe aumentare il suo livello di produzione senza che questo abbia alcun effetto sui prezzi. Il problema è, a questo punto, come possa l impresa A indurre l impresa B a ridurre il proprio output (ovviamente mutatis mutandis, l argomento sarà valido per il caso in cui l impresa B cerchi di aumentare il proprio livello di produzione). Un qualsiasi annuncio da parte di A di aumentare il livello di produzione non sarà credibile dato che la quantità inizialmente fissata da A rappresenta la risposta ottima all output fissato da B. Tale situazione può essere modificata solo da un intervento esterno. Si consideri, ad esempio una situazione in cui il policy-maker del paese A annunci la volontà di sussidiare la produzione o l esportazione del bene X. In tale circostanza l annuncio di un aumento di produzione da parte dell impresa A sarà credibile e dunque l impresa B risponderà riducendo l output prodotto. Tale situazione è rappresentata graficamente nella figura riportata sopra: la politica commerciale strategica adottata dal paese A genera uno spostamento della curva di reazione ottima verso destra da R A ad R 1 A. Nel nuovo punto di equilibrio C 1 l impresa A avrà aumentato il proprio livello ottimo di produzione a spese dell impresa B. Vale la pena notare che nel nuovo punto di equilibrio i consumatori del resto del mondo beneficeranno di una riduzione del prezzo del bene X e di un rispettivo aumento delle quantità offerte. Infatti in C le quantità del bene X prodotte sono minori di quelle producibili in concorrenza perfetta, ciò avviene per mantenere i prezzi più elevati e garantire la più alta rendita duopolistica ai produttori A e B. 164

19 L introduzione di un sussidio diminuisce il livello di distorsione del mercato, diminuendo de facto il potere duopolistico dei produttori. Tale argomento può essere generalizzato ad una situazione in cui c è consumo domestico del bene prodotto: Sussidi alla produzione il paese A potrà guadagnare in termini di welfare dato che gli effetti sulla produzione saranno gli stessi visti in precedenza, ed a questi andranno aggiunti gli effetti positivi dal lato del consumo domestico (i consumatori locali godranno di una riduzione dei prezzi generata dal minor potere duopolistico). Anche il paese B potrà godere di un miglioramento in termini di benessere complessivo se i guadagni generati dal lato dei consumatori più che compensano le perdite sofferte dal lato della produzione. Sussidi all esportazione In questo caso gli effetti globali sono meno chiari: un sussidio alle esportazioni incoraggerà i produttori del paese A a produrre più per il mercato estero (i.e. aumenteranno le esportazioni) che per il mercato interno. Ciò aumenterà il potere duopolistico del produttore nel paese A generando delle perdite dal lato dei consumatori. Tali perdite potranno essere maggiori uguali o minori dei guadagni dal lato della produzione. Da tale differenza dipenderà la situazione di benessere complessivo nel paese A. Anche nel paese B l effetto complessivo sul benessere è ambiguo per le stesse ragioni discusse sopra. Alla luce di tale situazione sarà impossibile calcolare con certezza l effetto globale di un sussidio alle esportazioni in entrambi i paesi. Protezione sulle importazioni per promuovere le esportazioni Si consideri, ora, una situazione in cui i produttori A e B servano entrambe un terzo mercato ed inoltre esportino parte della produzione del bene X nei rispettivi mercati locali (i.e. A esporta in B e viceversa). Entrambi i produttori hanno la possibilità di sfruttare ulteriori economie di scala generate dalla presenza di costi marginali decrescenti. Un equilibrio di oligopolio alla Cournot sarà ancora possibile ed in tal caso il prezzo sarà superiore al costo marginale. Dato che anche i costi medi saranno superiori ai costi marginali non potremo affermare con certezza che entrambe le imprese hanno dei profitti positivi. Ora si assuma che il policy-maker 165

20 del paese A imponga un dazio proibitivo sulle importazioni. In tal caso B andrà incontro ad un aumento del costo unitario di produzione generato da una riduzione della quota di mercato. Il produttore del paese A, d altro canto, godrà di una riduzione del costo marginale di produzione. Gli effetti complessivi nei rispettivi paesi saranno i seguenti: il prezzo del bene X nel paese A aumenterà quasi sicuramente in seguito all aumento del potere duopolistico del produttore A; inoltre dato che l impresa A sfrutterà più intensamente le economie di scala potrà produrre ed esportare il bene X a prezzi più bassi e, pertanto, aumenterà le sue esportazioni. I profitti saranno pertanto ridistribuiti dall impresa B all impresa A; i consumatori nel paese A soffriranno molto probabilmente una perdita in termini di benessere, mentre i consumatori nel paese B soffriranno certamente una riduzione di benessere dato che il produttore locale incorrerà in costi di produzione più elevati. Dunque sarà impossibile calcolare a priori il cambiamento in termini di benessere globale in entrambi i paesi, per i diversi gruppi di consumatori e per l economia mondiale considerata nel suo complesso. Nondimeno il produttore del paese A avranno forti incentivi nel chiedere che tale politica protezionistica venga attuata dato che essa genererà enormi guadagni su tutti i mercati considerati. L argomento solitamente addotto per giustificare tale tipo di protezione è che l impresa nazionale potrebbe guadagnare enormemente in termini di competitività internazionale se solo il mercato interno fosse sicuro. Alcune critiche alle politiche commerciali strategiche: le politiche commerciali strategiche hanno offerto delle concrete spiegazioni (ed in alcuni casi giustificazioni) alla costante richiesta di protezione da parte di una vasta maggioranza di imprenditori. Dunque in tal senso rappresenta un importante passo in avanti nel comprendere le dinamiche reali che guidano le scelte politiche in materia di commercio internazionale. Ciò nonostante i risultati in termini di policy prescriptions non sono molto robusti, nel senso che sono fortemente dipendenti dalle assunzioni iniziali. Il più piccolo cambiamento di tali assunzioni può portare a delle conclusioni di politica commerciale molto diverse da quelle ottenute in 166

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli