Griglie & Sicurezza. Introduzione a GSI Grid Security Infrastructure

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Griglie & Sicurezza. Introduzione a GSI Grid Security Infrastructure"

Transcript

1 Griglie & Sicurezza Introduzione a GSI Grid Security Infrastructure Lorenzo Falciani 11/05/

2 Indice Parte 1. Griglie Computazionali (richiamo) Parte 2. Sicurezza (definizione ed obbiettivi) Parte 3. GSI: Grid Security Infrastructure Parte 4. Globus: un implementazione open

3 Parte 1 Griglie Computazionali Un richiamo

4 Griglie, un esempio operativo

5 Definizione di griglia Infrastruttura per una condivisione flessibile, coordinata e sicura di risorse tra gruppi dinamici di individui e istituzioni detti Virtual Organization (VO).

6 Grid Protocol Architecture (modello hourglass) Applicazioni utente Protocolli e servizi globali (collector ) e quelli coinvolti nelle interazioni tra gruppi di risorse ex: Resource Discovery, Brokering & System Monitoring Protocolli per la negoziazione ed il controllo delle operazioni di condivisione su risorse individuali Protocolli per l autenticazione e la comunicazione usati per le transazioni delle griglie ex: Transport, routing, naming Le risorse condivise tramite la griglia ex: Risorse computazionali, Database, Risorse di rete, Sensori,

7 Scenario multi-vo

8 Parte 2 Sicurezza: definizione ed obiettivi

9 Sicurezza: proprietà sistemica, strutturale e supplementare Si occupa di garantire: Disponibilità delle risorse fisiche Disponibilità delle risorse logiche Integrità Confidenzialità Cioè che un sistema informatico non possa essere controllato da altri

10 2 categorie di attacchi Attacchi basati su debolezze strutturali Specifiche non corrette Specifiche corrette ma vulnerabili Attacchi basati su errori Codifica non corretta Configurazione non corretta

11 La sicurezza dipende dalla robustezza, non dalla correttezza Correttezza discreta, 0 o 1 Robustezza continua [0,1) La robustezza può solamente tendere ad uno asintoticamente È inversamente proporzionale alle ipotesi necessarie

12 Regola fondamentale per la sicurezza: KISS KEEP IT SIMPLE STUPID 2 Approcci per aumentare la robustezza: Single point of failure Proactive sistem

13 Primo principio di Denning La matrice di protezione deve definire un ambiente di cooperazione chiuso default deny (diritti funzionali SI, gerarchici NO) il security kernel deve garantire una mediazione completa

14 Secondo principio di Denning least privilege i privilegi devono essere dinamici la matrice di protezione deve essere dinamica

15 Terzo principio di Denning Verifica delle risorse indipendente da errori un soggetto opera su un oggetto solamente tramite le operazioni specificate dalla matrice di protezione non deve essere possibile violare la matrice di protezione operando ad un livello di astrazione diverso

16 Quarto principio di Denning Verifica delle decisioni indipendente da errori anche i controlli sono soggetti ad attacchi ripetendo i controlli diminuisce la probabilità di un attacco ai controlli

17 Parte 3 G.S.I. Grid Security Infrastructure

18 Sicurezza delle Griglie: Fattori 1. I programmi vengono eseguiti su più nodi (anche in differenti domini amministrativi) 2. Le risorse sono cotrollate da domini amministrativi diversi 3. Allocazione e rilascio dinamici delle risorse 4. Delega dei permessi tra soggetti 5. Collaborazioni su scala variabile

19 Requisiti di Sicurezza 1. Autenticazione unica ( single sign on ) e delega 2. Protezione delle credenziali 3. Interoperabilità con le policy di sicurezza ( e le leggi ) locali 4. Infrastruttura uniforme per la gestione delle credenziali/certificazioni 5. Supporto per la comunicazione sicura tra gruppi (di processi) 6. Supporto per architetture hardware/software diverse 7. Supporto per privilegi fine-grained: autenticazione user-to-resource, resource-to-user, process-to-resource, process-to-process

20 Caratteristiche dell autenticazione Si devono risolvere due problemi solitamente non presi in considerazione dalle tecnologie di autenticazione più comuni: 1. Supporto per la local heterogeneity 2. Supporto per contesti di sicurezza N-way per la creazione di relazioni di sicurezza tra processi qualsiasi ( purchè parte di una computazione )

21 GSI GSI implementa l autenticazione single sign-on, la delega delle credenziali utente ai programmi applicativi e il controllo locale sulle autorizzazioni GSI è implementata sulle specifiche delle GSS-API ( Generic Security Services application programming interface )

22 GSS-API Definiscono una procedura standard ed una API per l acquisizione delle credenziali (passwords o certificati), per la mutua autenticazione (client e server) e per la crittazione/decrittazione dei messaggi, supportano il single sign-on ed utilizzano l ITU X.509. Sono indipendenti sia dal mezzo di trasporto che dai meccanismi necessari a realizzare le operazioni definite

23 Grid Security Policy 1/2 1. La griglia è costituita da più trust domains 2. Operazioni confinate in un singolo trust domain sono soggette solamente alle policy di sicurezza locale 3. Esistono sia soggetti locali che globali. Per ogni trust domain c è una mappatura parziale dei soggetti da globale a locale 4. Le operazioni tra entità locate in trust domain diversi richiedono la mutua autenticazione

24 Grid Security Policy 2/2 5. Un soggetto globale mappato in uno locale è considerato autenticato nella stessa maniera di un soggetto locale 6. Tutte le decisioni dei controlli di accesso sono fatte localmente sulle basi dei soggetti locali 7. Un programma o processo è abilitato ad operare per un utente e ad avere delegati un subset dei diritti dell utente 8. I processi in esecuzione per lo stesso soggetto all interno dello stesso trust domain possono condividere un singolo set di credenziali

25 Pericoli 1) Attacchi ai servizi di rete della Griglia 2) Codice utente vulnerabile, escalation dei privilegi di utenti autenticati, Accessi non autenticati guadagnati tramite i jobs o codice errato 3) Commodity code vulnerabile (servizi, librerie): httpd, ftpd, SOAP, sshd, LDAP, SSL, etc.. 4) Utilizzo degli account alla Griglia non autorizzato o non autenticato

26 Contromisure 1) No logins in chiaro, No logins anonimi, Logging and audit di tutte le transazioni 2) Stack e heap non-eseguibili nell OS, librerie wrappate e/o sandboxing, No percorsi verso shell/exec, Controlli su comportamenti anomali 3) Identificazione ed analisi dei protocolli

27 Grid Security Architecture 1/2 Un architettura è determinata specificando soggetti, oggetti e i protocolli usati quando i soggetti e gli oggetti interagiscono Soggetti: utenti, processi [U], [P] Oggetti: qualsiasi risorsa disponibile Un user proxy è un processo session manager che ha ricevuto in delega i permessi dell utente (creato localmente) [UP] Un resource proxy è un agente usato per trasporre le operazioni di sicurezza globali (interdomain) nei meccanismi locali (intradomain) [RP]

28 Grid Security Architecture 2/2 Si devono definire i protocolli per controllare le seguenti interazioni: U-UP - per creare un User Proxy (ex: per loggarsi nella Griglia) UP-RP - usato nella comunicazione tra Proxy (ex: per allocare risorse) P-RP - per dialogare direttamente con il Resource Proxy (ex: per allocare risorse addizionali direttamente) P-P - per la comunicazione processo-processo (ex: usato per mappare un soggetto da globale a locale)

29 Relazione tra GSS-API e GSP

30 GSP in azione

31 Protocol 1 (U-UP) User proxy creation 1. L utente si logga sul computer sul quale sarà creato l user proxy, usando il meccanismo di autenticazione locale 2. L utente cre le credenziali per l user proxy (Cup) usando le sue (Cu) per firmare una tupla contenente le informazioni richieste dal protocollo di autenticazione usato per implementare l architettura per esempio: Cup = {user-id,host,start-time,end-time,auth-info,...} 3. Viene creato un processo user proxy con a disposizione Cup. A questo punto è compito delle policy di sicurezza locali proteggere l integrità di Cup

32 5. Il resource proxy manda in maniera sicura le RESOURCE-CREDENTIALS all user proxy Protocol 2 (UP-RP) Resource Allocation Protocol 1/2 1. L user proxy ed il resource proxy si autenticano l un l altro usando Cup e Crp 2. L user proxy manda al resource proxy una richiesta firmata della forma: SIGup{allocation specification} 3. Il resource proxy controlla la firma SIG con la policy locale 4. Se la richiesta può essere soddisfatta il resource proxy crea una tupla RESOURCE-CREDENTIALS contenente l username dell utente richiedente, il nome della risorsa, etc...

33 Protocol 2 (UP-RP) Resource Allocation Protocol 2/2 6. L user proxy esamina la richiesta RESOURCE-CREDENTIALS e (se la approva) firma la tupla e produce Cp, una credenziale per richiedere la risorsa 7. L user proxy manda Cp al resource proxy in maniera sicura 8. Il resource proxy alloca la risorsa e passa Cp al/i nuovo/i processo/i

34 Protocol 3 (P-RP) Resource Allocation from a Process Protocol 1. Il processo e l user proxy si autenticano l un l altro con Cp e Cup 2. Il processo man da una richiesta firmata al proxy nella forma: SIGp { "allocate", allocation request parameters... } 3. Se l user proxy decide di soddisfare la richiesta, manda una richiesta di allocazione risorse al resource proxy specifico usando il protocollo 2 4. L handle del processo risultante viene quindi firmato dall user proxy e rimandato al processo richiedente

35 Protocol 4 (P-P) Mapping Registration Protocol 1/2 Global auth: 1.a L user proxy si autentica con il resource proxy. 1.b L user proxy invia una richiesta MAP-SUBJECT-UP firmata al resource proxy, includendo come argomenti il suo nome globale e quello della risorsa richiesta Resources auth: 2.a L utente si logga alla risorsa usando il metodo di autenticazione della risorsa ed inizia un processo di tipo map registration 2.b Il processo map registration invia una richiesta MAP-SUBJECT-P al resource proxy, aggiungendo come argomenti il nome globale e quello della risorsa

36 Protocol 4 (P-P) Mapping Registration Protocol 2/2 1. Il resource proxy aspetta delle richieste MAP-SUBJECT-UP e MAP-SUBJECT-P con argomenti giusti 2. Il resource proxy si assicura che il processo map registration sia associato al soggetto specificato nella richiesta di mappatura 3. Se viene trovata una corrispondenza, il resource proxy mappa la risorsa ed invia un acknowledgment sia al processo map registration che all user proxy 4. Se entro MAP-TIMEOUT non viene trovata una corrispondenza, il resource proxy scarta la richiesta e manda una acknowledgment all entità in attesa 5. Se non viene ricevuto alcun acknowledgment entro MAP-TIMEOUT, la richiesta è considerata fallita

37 Parte 4 Globus e GT3-GSI

38 What is Globus? Globus è un AWARE (Adaptive Wide Area Resource Environment), un set integrato di servizi ad alto livello che rendono possibile alle applicazioni di adattarsi a strutture di metacomputing eterogenee e dinamiche

39 Globus Security Policy Autenticazione La mutua autenticazione è basata sulla crittografia a chiave pubblica ed utilizza dei certificati 509.v3 per mantenere e gestire le chiavi pubbliche nell MDS (accessibili via LDAP) to do: support for N-way security contexts and P->RP auth. Confidenzialità/Privacy Garantita tramite la crittazione dei contenuti dei messaggi grazie all applicazione di algoritmi di cifratura come DES, 3-DES, RC2 o RC4. Integrità dei dati Assicurata dall applicazione di un sicuro (one-way) algoritmo di hashing come MD2, MD4, MD5 or SHA-1 che produce un hash di dimensione fissa in seguito crittato con la chiave privata del mandante usando un algoritmo di firma digitale come DSA Autorizzazione Basata su i principali attributi come ruolo, identità, gruppo e permessi

40 GT3-GSI in action

41 GT3-GSI steps 1/2 1. The user generates a job instantiation request with a description of the job to be started. The user then signs this request with their GSI proxy credentials and sends the signed request to the Master Managed Job Factory Service (MMJFS) on the resource. 2. The MMJFS verifies the signature on the request and establishes the identity of the user who sent it. It then determines the local account in which the job should be run. Currently this is done by using the grid-mapfile and user's grid identity. 3. Assuming the user does not already have a Local Managed Job Factory Service (LMJFS) running in their account, the MMJFS invokes the setuid starter process to start one. The setuid starter is a setuid program that has the sole function of starting LMJFS in user's account.

42 6. The user then connects to the MJS. The user and MJS then perform mutual authentication, the user using their proxy and the MJS using the credentials acquired from GRIM. The MJS authorizes the user as a valid user to access the local account it is running in. The user authorizes the MJS as having a credential issued from a appropriate host credential and containing a Grid identity matching it's own, thus verifying the MJS it is talking to is running not only on the right host, but in an appropriate account. The user would then delegate GSI credentials to the MJS for the job to use and start the job running GT3-GSI steps 2/2 1. Once the LMJFS starts up, it uses the Grid Resource Identity Mapper (GRIM) to acquire a set of credentials. GRIM is a setuid program that accesses the local host credentials and from them generates a proxy for the LMJFS. This proxy credential has embedded in it the user's Grid identity, local account name and local policy about the user. 2. The MMJFS then forwards the signed job instantiation request from the user to the LMJFS. The LMJFS verifies the signature on the request to make sure it has not been tampered with and to make sure it was created by a user that is authorized to run in the local user account. Once these checks are successfully completed, the LMJFS invokes a Managed Job Service (MJS) with the request and returns the address of the MJS to the user.

43 GT3 GSI Improvements Proxy Certificates format Added support for both impersonation and independent proxy certificates. Web Services Protocol SSL-based authentication over standard SOAP messages, which in turn allows for the use of the W3C Web Services security specification for message protection (XML-Encyption and XML-Signature). Resource security model GT3 services do not run with any special privileges: they use two specific setuid programs to perform the actions requiring privileges.

44 Acronimi CAS: Community Authorization Service GASS: Global Access to Secondary Storage GIIS: Grid Information Index Service GIS: Grid Information Services GRAM: Globus Resource Allocation and Management GRIM: Grid Resource Identity Mapper GRIS: Grid Resource Information Service GSI: Grid Security Infrastructure GSP: Grid Security Protocol GSS: Globus Security Service GSS-API: Generic Security Service API HBM: Heartbeat Monitor LMJFS: Local Managed Job Factory Service MMJFS: Master Managed Job Factory Service MJS: Managed Job Service MDS: Metacomputing Directory Service // if Globus related: Monitoring and Discovery Service OGSA: Open Grid Services Architecture OGSI: Open Grid Services Infrastructure PAC: Privilege Attribute Certificate RGMS: Reliable Grid Monitoring Services SPKM: Simple Public-Key Mechanism

45 Bibliografia 1. I. Foster & C. Kesselman, The Grid: Blueprint for a New Computing Infrastructure; Eds., Morgan Kaufmann A. Chervenak, I. Foster, C. Kesselman, C. Salisbury, S. Tuecke, The Data Grid: Towards an Architecture for the Distributed Management and Analysis of Large Scientific Datasets; I. Foster, C. Kesselman, S. Tuecke, The Anatomy of the Grid: Enabling Scalable Virtual Organizations; J. Homann, S. Cetin, Anatomy of "The Grid"; I. Foster, J. Geisler, B. Nickless, W. Smith, S. Tuecke, Software Infrastructure for the I-WAY High-Performance Distributed Computing Experiment; I. Foster, C. Kesselman, Globus: A Metacomputing Infrastructure Toolkit; I. Foster, W. Allock, S. Tuecke, Protocols and Services for Distributed Data-Intensive Science; 2001.

46 8. I. Foster, J. Gawor, P. Lane, N. Rehn, M. Russell, G. von Laszewski, Designing Grid-based Problem Solving Environments and Portals; I. Foster,C. Kesselman, The Globus Project:A Status Report; K. Keahey, V. Welch, Fine-Grain Authorization for Resource Management in the Grid Environment; C. Kesselman, I. Foster, J. M. Nick, S. Tuecke, Grid Services for Distributed System Integration; I. Foster, C. Kesselman, G. Tsudik, S. Tuecke, A Security Architecture for Computational Grids; V. Welch, F. Siebenlist, GT3 Grid Security Infrastructure Overview; V. Welch, F. Siebenlist, I. Foster, J. Bresnahan, K. Czajkowski, J. Gawor, C. Kesselman, S. Meder, L. Pearlman, S. Tuecke, Security for Grid Services; J. Novotny, S. Tuecke, V. Welch, An Online Credential Repository for the Grid: MyProxy; 2001

47 Puntatori Internet

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in INFORMATICA Tesi di laurea in RETI DI CALCOLATORI Autenticazione Centralizzata con il sistema CAS, integrando

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta alla Rubrica PA da client di Posta Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. 1 Indice INDICE... 2 PREMESSA... 3 CONFIGURAZIONE OUTLOOK 2007... 3 CONFIGURAZIONE EUDORA 7... 6 CONFIGURAZIONE

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Protocollo SSH (Secure Shell)

Protocollo SSH (Secure Shell) Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed Automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesina per il corso di Elementi di Crittografia Protocollo SSH

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli