Prospetto di Base. Relativo al programma di prestiti obbligazionari denominato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prospetto di Base. Relativo al programma di prestiti obbligazionari denominato"

Transcript

1 THE GOLDMAN SACHS GROUP, INC., in qualità di emittente, con sede legale presso CT Corporation System, Corporation Trust Center, 1209 Orange Street, Wilmington, County of New Castle, Stato del Delaware, 19801, U.S.A., capitale autorizzato al 24 novembre 2006 pari a , di azioni ordinarie, di cui liberate , costituita ai sensi della legge dello Stato del Delaware, con numero di iscrizione Prospetto di Base Relativo al programma di prestiti obbligazionari denominato «Goldman Sachs Obbligazioni con Opzione Call Europea, Call Asiatica, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto, Call con cap e/o floor di tipo Ratchet, Call con rimborso anticipato di tipo TARN e Call di tipo ibrido» con eventuale facoltà di rimborso anticipato a favore dell emittente e/o dell investitore di The Goldman Sachs Group, Inc. in qualità di emittente Il presente documento composto dal documento di registrazione di The Goldman Sachs Group, Inc., in qualità di emittente (il Documento di Registrazione ) che qui si incorpora mediante riferimento, così come pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 18 aprile 2007 a seguito di approvazione comunicata con nota n. prot del 12 aprile 2007 e messo a disposizione del pubblico presso la filiale italiana di Goldman Sachs International, Milano, Passaggio Centrale 2, dalla nota di sintesi redatta ai sensi dell articolo 5, comma 2, della Direttiva 2003/71/CE (la Direttiva Prospetto ), nonché ai sensi dell art. 5, comma 3, del Regolamento CONSOB adottato con propria delibera n del 14 maggio 1999, così come successivamente modificato ed integrato (il Regolamento ), pubblicata mediante deposito presso la CONSOB in data 2 gennaio 2008 a seguito di approvazione comunicata con nota n. prot del 28 dicembre 2007 (la Nota di Sintesi ) e dalla nota informativa sugli strumenti finanziari emessi a valere sul Programma, redatta ai sensi dell articolo 8 del Regolamento Europeo n. 2004/809/CE ed ai sensi del Regolamento 11971, pubblicata mediante deposito presso la CONSOB in data 2 gennaio 2008 a seguito di approvazione comunicata con nota n. prot del 28 dicembre 2007 (la Nota Informativa ), unitamente alle Condizioni Definitive di ciascun Prestito, nonché da ogni successivo eventuale supplemento ai predetti documenti costituisce un prospetto di base (il Prospetto di Base ) ai sensi e per gli effetti della Direttiva Prospetto. Tale Prospetto di Base ha ad oggetto il programma di emissione di prestiti obbligazionari denominato «Goldman Sachs Obbligazioni con Opzione Call Europea, Call Asiatica, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto, Call con cap e/o floor di tipo Ratchet, Call con rimborso anticipato di tipo TARN e Call di tipo ibrido» (il Programma ). Esso è redatto in conformità all articolo 26 del Regolamento 2004/809/CE e dell art. 6-bis del Regolamento ed è stato pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 2 gennaio 2008 a seguito di approvazione comunicata con nota n. prot del 28 dicembre L adempimento di pubblicazione del presente Prospetto di Base non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. 1

2 DESCRIZIONE GENERALE DEL PROGRAMMA The Goldman Sachs Group, Inc. ( Goldman Sachs o l Emittente ), nell ambito dell attività di raccolta, potrà emettere a valere sul Programma, in una o più serie o tranches di emissioni (i Prestiti e, ciascuno, un Prestito ), titoli di debito di valore nominale unitario pari o superiore ad Euro (ovvero al corrispondente controvalore in una delle valute dei Paesi di Riferimento (come di seguito definiti)) (le Obbligazioni e ciascuna una Obbligazione ) aventi le caratteristiche generiche indicate nella Nota Informativa. In particolare, le Obbligazioni sono obbligazioni con opzione call, in quanto ciascun investitore acquista un opzione sul possibile incremento nel valore della performance di un paniere di riferimento (costituito da una o più attività finanziare sottostanti). Tuttavia, gli investitori sono invitati a considerare che, ai sensi del Programma, vi sono alcuni meccanismi che limitano tale partecipazione all incremento di valore del paniere di riferimento: si tratta, come di volta in volta indicato nelle Condizioni Definitive relative al singolo Prestito, dell applicazione di un massimo (cap) alla Cedola Variabile, di un cap di tipo Ratchet (vale a dire un cap il cui valore dipende dal valore della Cedola Variabile corrisposta alla Data di Pagamento della Cedola Variabile immediatamente precedente) e/o della previsione di un limite massimo all ammontare complessivo del tasso d interesse pagabile all investitore durante la vita del Prestito (secondo il meccanismo di rimborso anticipato di tipo TARN ). In occasione di ciascun Prestito, Goldman Sachs predisporrà le condizioni definitive della relativa offerta che descriveranno le caratteristiche specifiche delle Obbligazioni (le Condizioni Definitive ) e che saranno messe a disposizione del pubblico presso la filiale italiana di Goldman Sachs International, Milano, Passaggio Centrale 2 e, se così specificato nelle Condizioni Definitive, pubblicate in forma elettronica sul sito internet indicato nelle stesse Condizioni Definitive e, ove, sul sito internet del Responsabile del Collocamento e/o su quello del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento in prossimità dell inizio del Periodo di Offerta di ciascun Prestito. Il Responsabile del Collocamento di ciascun Prestito e il/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento, di volta in volta incaricati dall Emittente, saranno indicati nelle relative Condizioni Definitive. Le Condizioni Definitive relative a ciascun Prestito saranno di volta in volta trasmesse alla CONSOB. Borsa Italiana S.p.A. ha rilasciato giudizio di ammissibilità relativamente alle Obbligazioni oggetto del Programma con provvedimento n del 20 dicembre L informativa completa su Goldman Sachs Group Inc., in qualità di Emittente, e sulle Obbligazioni può essere ottenuta solo sulla base della consultazione congiunta del Documento di Registrazione (contenente informazioni sull Emittente) incorporato al Prospetto di Base mediante riferimento, della Nota Informativa sugli strumenti finanziari, della Nota di Sintesi (che riassume le caratteristiche dell Emittente e degli strumenti finanziari oggetto di emissione nell ambito del Programma) e di ogni eventuale supplemento nonché delle Condizioni Definitive dell offerta di ciascun Prestito. Si fa inoltre rinvio al Capitolo Fattori di Rischio contenuto nel Documento di Registrazione, nella Nota Informativa e nelle Condizioni Definitive relative a ciascun Prestito per l esame dei fattori di rischio relativi all Emittente ed agli strumenti finanziari offerti, che devono essere presi in considerazione prima di procedere all acquisto delle Obbligazioni. Le Obbligazioni emesse ai sensi del Programma non saranno registrate ai sensi dell United States Securities Act del 1933, come modificato, o ai sensi di alcuna regolamentazione finanziaria in ciascuno degli stati degli Stati Uniti d America. Né la Securities and Exchange Commission né alcuna altra autorità di vigilanza degli Stati Uniti ha approvato o negato l approvazione all offerta delle Obbligazioni o si è pronunciata sull accuratezza o inaccuratezza del Prospetto di Base. Qualunque soggetto sottoposto alla legislazione fiscale statunitense che sia portatore delle Obbligazioni emesse ai sensi del Programma sarà soggetto alle limitazioni previste dalla legislazione fiscale degli Stati Uniti d America, comprese le limitazioni previste nelle Sezioni 165(j) e 1287(a) dell Internal Revenue Code. L offerta delle Obbligazioni sarà effettuata esclusivamente in Italia. L offerta non sarà effettuata, e nessuno strumento finanziario potrà essere venduto, negli Stati Uniti o nei confronti di alcun cittadino americano o soggetto residente negli Stati Uniti o soggetto passivo d imposta negli Stati Uniti ed il presente Prospetto di Base non può essere distribuito negli Stati Uniti. Il Prospetto di Base (ivi incluse le Condizioni Definitive di ciascun Prestito emesso a valere sul Programma) nonché ogni successivo eventuale supplemento sono messi a disposizione del pubblico, ed una copia cartacea di tale documentazione sarà consegnata gratuitamente ai sottoscrittori delle Obbligazioni che ne faranno richiesta, presso la filiale italiana di Goldman Sachs International, Milano, Passaggio Centrale 2 e, ove, presso la sede legale del Responsabile del Collocamento e/o del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento. Inoltre, tale documentazione, se così specificato nelle Condizioni Definitive, sarà altresì messa a disposizione in forma elettronica sul sito internet indicato nelle stesse Condizioni Definitive e, ove, sul sito internet del Responsabile del Collocamento e/o su quello del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento. 2

3 AGGIORNAMENTO DELLE INFORMAZIONI FINANZIARIE RELATIVE ALL EMITTENTE I bilanci assoggettati a revisione contabile dell Emittente per gli esercizi fiscali chiusi il 24 novembre 2006 ed il 25 novembre 2005 sono inclusi nelle Relazioni Annuali dell Emittente su Modulo 10-K depositato presso la SEC (il "Modulo 10-K"). Il 3 luglio 2007, l Emittente ha pubblicato i bilanci non assoggettati a revisione contabile per i periodi di tre e sei mesi chiusi il 25 maggio 2007 e il 26 maggio 2006, depositando il relativo Modulo 10-Q presso la SEC (il Modulo 10-Q per il Secondo Trimestre 2007 ). Il 10 ottobre 2007, l Emittente ha pubblicato i bilanci non assoggettati a revisione contabile per i periodi di tre e nove mesi chiusi il 31 agosto 2007 e il 31 agosto 2006, depositando il relativo Modulo 10-Q presso la SEC (il Modulo 10-Q per il Terzo Trimestre 2007 ). Il 18 dicembre 2007, l Emittente ha comunicato i propri risultati per il trimestre e l esercizio fiscale chiusi il 30 novembre 2007 ed ha depositato un Rapporto su Modulo 8-K presso la SEC (il Modulo 8-K ). I ricavi netti dell Emittente per l esercizio fiscale chiuso il embre 2007 sono pari a $45,99 miliardi, rispetto ai $37,67 miliardi per l esercizio fiscale chiuso il 24 novembre Gli utili netti sono pari a $11,60 miliardi nel 2007, rispetto ai $9,54 miliardi nel Gli utili per azione ordinaria diluita sono pari a $24,73 per il 2007, rispetto ai $19,69 per il Per ulteriori informazioni si veda il Modulo 8-K. I bilanci annuali dell Emittente, assoggettati a revisione contabile, per l esercizio fiscale chiuso il embre 2007 ed ulteriori informazioni sulle attività e sulle prestazioni dell Emittente saranno incluse nelle Relazioni Annuali dell Emittente su Modulo 10-K, che si prevede sarà depositato presso la SEC alla fine di gennaio Il Modulo 10-K, il Modulo 10-Q per il Secondo Trimestre 2007, il Modulo 10-Q per il Terzo Trimestre 2007 ed il Modulo 8-K sono stati anche depositati presso la CONSOB ai sensi del paragrafo 13.3 (iii) del Documento di Registrazione, sono qui incorporati mediante riferimento e sono a disposizione del pubblico sul sito internet della SEC sul sito internet dell Emittente e negli ulteriori luoghi indicati nel Paragrafo 16 (Documenti a disposizione del pubblico) del Documento di Registrazione e nel Capitolo 7.8 (Documenti a disposizione del pubblico) della Nota Informativa e, ove previsto, negli ulteriori luoghi indicati nelle Condizioni Definitive. 3

4 INDICE DESCRIZIONE GENERALE DEL PROGRAMMA... 2 AGGIORNAMENTO DELLE INFORMAZIONI FINANZIARIE RELATIVE ALL EMITTENTE... 3 NOTA DI SINTESI... 9 (A) FATTORI DI RISCHIO PRINCIPALI... 9 (B) INFORMAZIONI ESSENZIALI SULL EMITTENTE (C) INFORMAZIONI ESSENZIALI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE VERRANNO OFFERTI (1) Obbligazioni Con Opzione Call Europea (2) Obbligazioni con Opzione Call Asiatica (3) Obbligazioni con Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto (4) Obbligazioni con opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto (5) Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido (6) Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet (7) Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN FATTORI DI RISCHIO (RINVIO) (A) Fattori di rischio relativi all Emittente (Rinvio) (B) Fattori di rischio relativi agli strumenti finanziari da emettersi a valere sul Programma e relativi all offerta delle Obbligazioni (Rinvio) NOTA INFORMATIVA PERSONE RESPONSABILI Indicazione delle persone responsabili Dichiarazione di responsabilità FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL EMITTENTE FATTORI DI RISCHIO RELATIVI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DA EMETTERSI A VALERE SUL PROGRAMMA

5 2.3 FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL OFFERTA DELLE OBBLIGAZIONI FATTORI DI RISCHIO SPECIFICI RELATIVI ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL EUROPEA FATTORI DI RISCHIO SPECIFICI RELATIVI ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL ASIATICA FATTORI DI RISCHIO SPECIFICI RELATIVI ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL SU DIFFERENZIALI IN CASO DI ANDAMENTO DIFFERENZIALE DIRETTO FATTORI DI RISCHIO SPECIFICI RELATIVI ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL SU DIFFERENZIALI IN CASO DI ANDAMENTO DIFFERENZIALE COMPOSTO FATTORI DI RISCHIO SPECIFICI RELATIVI ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL DI TIPO IBRIDO FATTORI DI RISCHIO SPECIFICI RELATIVI ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL CON CAP E/O FLOOR DI TIPO RATCHET FATTORI DI RISCHIO SPECIFICI RELATIVI ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL E CON RIMBORSO ANTICIPATO DI TIPO TARN BIS. ESEMPLIFICAZIONI DEI RENDIMENTI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL EUROPEA bis.1 Metodo di valutazione delle Obbligazioni con Opzione Call Europea bis.2 Esemplificazione dei rendimenti delle Obbligazioni con Opzione Call Europea Scomposizione del Prezzo di Emissione delle Obbligazioni con Opzione Call Europea TER. ESEMPLIFICAZIONI DEI RENDIMENTI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL ASIATICA ter.1 Metodo di valutazione delle Obbligazioni con Opzione Call Asiatica ter.2 Esemplificazione dei rendimenti delle Obbligazioni con Opzione Call Asiatica Scomposizione del Prezzo di Emissione delle Obbligazioni con Opzione Call Asiatica QUATER. ESEMPLIFICAZIONI DEI RENDIMENTI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL SU DIFFERENZIALI IN CASO DI ANDAMENTO DIFFERENZIALE DIRETTO quater.1 Metodo di valutazione delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto quater.2 Esemplificazione dei rendimenti delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto Scomposizione del Prezzo di Emissione delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto QUINQUIES. ESEMPLIFICAZIONI DEI RENDIMENTI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL SU DIFFERENZIALI IN CASO DI ANDAMENTO DIFFERENZIALE COMPOSTO quinquies.1 Metodo di valutazione delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto

6 2quinquies.2 Esemplificazione dei rendimenti delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto Scomposizione del Prezzo di Emissione delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto SEXIES. ESEMPLIFICAZIONI DEI RENDIMENTI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL DI TIPO IBRIDO sexies.1 Metodo di valutazione delle Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido sexies.2 Esemplificazione dei rendimenti delle Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido Scomposizione del Prezzo di Emissione delle Obbligazioni con Opzione di tipo ibrido SEPTIES. ESEMPLIFICAZIONI DEI RENDIMENTI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL CON CAP E/O FLOOR DI TIPO RATCHET septies.1 Metodo di valutazione delle Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet septies.2 Esemplificazione dei rendimenti delle Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet Scomposizione del Prezzo di Emissione delle Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet OCTIES. ESEMPLIFICAZIONI DEI RENDIMENTI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL CON RIMBORSO ANTICIPATO DI TIPO TARN octies.1 Metodo di valutazione delle Obbligazioni con Opzione Call con rimborso anticipato di tipo TARN octies.2 Esemplificazione dei rendimenti delle Obbligazioni con Opzione Call con rimborso anticipato di tipo TARN Scomposizione del Prezzo di Emissione delle Obbligazioni con Opzione Call con rimborso anticipato di tipo TARN INFORMAZIONI FONDAMENTALI Interessi di persone fisiche e giuridiche partecipanti all emissione/all offerta Ragioni dell offerta e impiego dei proventi INFORMAZIONI RIGUARDANTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DA OFFRIRE / DA AMMETTERE ALLA NEGOZIAZIONE Tipo di strumenti finanziari oggetto dell offerta Legislazione in base alla quale gli strumenti finanziari sono stati creati e foro competente Forma e regime di circolazione degli strumenti finanziari Valuta di emissione degli strumenti finanziari Ranking degli strumenti finanziari Diritti connessi agli strumenti finanziari

7 4.7 Tasso di Interesse Data di Scadenza e modalità di ammortamento Tasso di rendimento effettivo Assemblea degli obbligazionisti Delibere, autorizzazioni, approvazioni Data di Emissione Restrizioni alla libera trasferibilità degli strumenti finanziari Regime fiscale ai sensi delle legislazione italiana CONDIZIONI DELL OFFERTA Statistiche relative all Offerta, calendario atteso e procedura di sottoscrizione Ripartizione ed assegnazione Fissazione del prezzo di emissione Collocamento e sottoscrizione Ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato o mercato equivalente Altri mercati in cui strumenti finanziari della stessa classe sono già ammessi alle negoziazioni Soggetti che si sono assunti il fermo impegno di agire quali intermediari nelle operazioni sul mercato secondario INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI Consulenti legati all emissione Altre informazioni sottoposte a revisione contenute nelle Nota Informativa Pareri di terzi o relazioni di esperti Informazioni provenienti da terzi Rating Condizioni Definitive Aggiornamento del Documento di Registrazione e supplementi al presente Prospetto di Base Documenti a disposizione del pubblico REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO «GOLDMAN SACHS OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL EUROPEA, CALL ASIATICA, CALL SU DIFFERENZIALI IN CASO DI ANDAMENTO DIFFERENZIALE DIRETTO, CALL SU DIFFERENZIALI IN CASO DI ANDAMENTO 7

8 DIFFERENZIALE COMPOSTO, CALL CON CAP E/O FLOOR DI TIPO RATCHET, CALL CON RIMBORSO ANTICIPATO DI TIPO TARN E CALL DI TIPO IBRIDO» PRO-FORMA DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE

9 NOTA DI SINTESI La presente nota di sintesi (la Nota di Sintesi ) deve essere letta come introduzione al documento di registrazione di The Goldman Sachs Group, Inc. (il Documento di Registrazione ), incorporato mediante riferimento, così come pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 18 aprile 2007 a seguito di approvazione comunicata con nota n. prot del 12 aprile 2007 e messo a disposizione del pubblico presso la filiale italiana di Goldman Sachs International, Milano, Passaggio Centrale 2, ed alla nota informativa sugli strumenti finanziari (la Nota Informativa ) (unitamente alle Condizioni Definitive del Prestito e ad ogni eventuale successivo supplemento alla predetta documentazione, unitamente la Nota di Sintesi, il Documento di Registrazione, la Nota Informativa ed ogni supplemento agli stessi, il Prospetto di Base ) predisposti dall Emittente (come di seguito definito) in relazione all emissione ed offerta dei prestiti a valere sul programma di emissione obbligazionarie denominato «Goldman Sachs Obbligazioni con Opzione Call Europea, Call Asiatica, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto, Call con cap e/o floor di tipo Ratchet, Call con rimborso anticipato di tipo TARN e Call di tipo ibrido» (il Programma ). Qualsiasi decisione di investire nelle Obbligazioni deve essere presa tenendo in considerazione il Prospetto di Base nel suo complesso, del quale sono parte integrante anche i documenti incorporati mediante riferimento. A seguito dell attuazione delle disposizioni della Direttiva Prospetto in ciascuno degli Stati Membri dello Spazio Economico Europeo, nessuna responsabilità civile potrà essere attribuita all Emittente e/o al Garante in uno qualsiasi di tali Stati Membri in relazione alla presente Nota di Sintesi, ivi compresa qualsiasi traduzione, salvo risulti fuorviante, imprecisa o contraddittoria quando letta unitamente ad altre parti del Prospetto di Base. Qualora venga intrapresa un azione legale in merito alle informazioni contenute nel Prospetto di Base di fronte ai tribunali di uno degli Stati Membri dello Spazio Economico Europeo in cui viene intentata tale azione, il ricorrente, prima dell inizio del procedimento giudiziario potrebbe dover sostenere i costi della traduzione del Prospetto di Base. I termini e le locuzioni con lettera maiuscola non altrimenti definiti nella presente Nota di Sintesi assumono il medesimo significato con cui sono intesi nel Documento di Registrazione e nella Nota Informativa del Programma. (A) FATTORI DI RISCHIO PRINCIPALI Si indicano di seguito i fattori di rischio principali relativi all Emittente ed alle Obbligazioni che saranno emesse nell ambito del Programma, descritti in dettaglio nel Paragrafo 4 del Documento di Registrazione e nel Capitolo 2 della Nota Informativa. (I) Rischi principali connessi all Emittente: Nel prendere una decisione di investimento, gli investitori sono invitati a valutare gli specifici fattori di rischio relativi all Emittente ad ai settori di attività in cui esso opera come descritti nel capitolo Fattori di rischio del Documento di Registrazione. Goldman Sachs affronta una varietà di rischi, incluso di mercato, di credito, di liquidità, operativo, legale, normativo e regolamentare. (II) Rischi principali connessi alle Obbligazioni oggetto del Programma: Le Obbligazioni che saranno emesse a valere sul Programma «Goldman Sachs Obbligazioni con Opzione Call Europea, Call Asiatica, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto, Call con cap e/o floor di tipo Ratchet, Call con rimborso anticipato di tipo TARN e Call di tipo ibrido» sono investimenti ad alto rischio, la cui implicita complessità ne rende più difficile la valutazione. Conseguentemente, è opportuno che gli investitori sottoscrivano le Obbligazioni solo una volta che abbiano compreso la natura delle Obbligazioni e dei rischi implicati da tale investimento. Si deve tenere in considerazione che, in generale, l investimento nelle Obbligazioni che verranno emesse a valere sul Programma «Goldman Sachs Obbligazioni con Opzione Call Europea, Call Asiatica, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto, Call con cap e/o floor di tipo Ratchet, Call con rimborso anticipato di tipo TARN e Call di tipo ibrido» non è adeguato per alcuni investitori. Una volta presi in considerazione i rischi connessi all investimento nelle Obbligazioni, l investitore, con l ausilio dell intermediario, deve verificare se l investimento nelle Obbligazioni è per lui adeguato o appropriato alla luce della sua posizione finanziaria, dei suoi obiettivi di investimento e della sua specifica esperienza in materia di strumenti finanziari. 9

10 In particolare, le Obbligazioni presentano i seguenti rischi comuni a tutte le tipologie di Obbligazioni da emettersi ai sensi del Programma, come descritti in dettaglio nella Nota Informativa: - Rischio di cambio; - Rischio di rimborso anticipato; - Rischio di indicizzazione e di variazione dei Parametri Sottostanti; - Rischio che i prezzi delle merci possano cambiare in modo imprevedibile, producendo un effetto sul prezzo di mercato delle Obbligazioni collegate a merci o ad indici di merci in modo imprevedibile; - Rischio collegato al possibile meccanismo di rolling dei contratti sottostanti Indici di Merci - Rischio di tasso e di mercato; - Rischio di liquidità; - Rischio Emittente; - Rischio relativo al conflitto di interessi dell Emittente, dell Agente per il Calcolo, del Responsabile del Collocamento (ove ) e/o del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocam ento (ove ); - Rischio connesso al fatto che l'emittente non rimborserà gli investitori qualora debba dedurre imposte dai pagamenti relativi alle Obbligazioni; - Rischio connesso all assenza di rating delle Obbligazioni; - Rischio connesso all assenza di garanzie per le Obbligazioni; - Luogo di convocazione dell Assemblea degli Obbligazionisti; - Assenza di informazioni successive all emissione da parte dell Emittente; - Rischio di chiusura anticipata dell offerta e/o riduzione dell Ammontare Totale del Prestito; - Facoltà di non dare inizio o ritirare l Offerta in caso del verificarsi di circostanze straordinarie prima della data di inizio dell'offerta o dell emissione delle Obbligazioni. Infine, le Obbligazioni presentano i seguenti rischi specifici per ciascuna tipologia di Obbligazioni da em ettersi ai sensi del Programma, come descritti in dettaglio nelle Nota Informativa: (1) Obbligazioni Con Opzione Call Europea : - Rischio connesso alle modalità di determinazione delle Cedole Variabili; - Rischio collegato al fatto che qualsiasi dei Parametri Sottostanti cui le Obbligazioni sono collegate possa essere modificato o diventare indisponibile; (2) Obbligazioni con Opzione Call Asiatica : - Rischio connesso alle modalità di determinazione delle Cedole Variabili; - Rischio collegato al fatto che i pagamenti dovuti ai sensi delle Obbligazioni sarnno collegati all andamento medio dei Parametri Sottostanti; - Rischio collegato al fatto che qualsiasi dei Parametri Sottostanti cui le Obbligazioni sono collegate possa essere modificato o diventare indisponibile; (3) Obbligazioni con Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto : - Rischio connesso alle modalità di determinazione delle Cedole Variabili; - Rischio collegato al fatto che qualsiasi dei Parametri Sottostanti cui le Obbligazioni sono collegate possa essere modificato o diventare indisponibile; (4) Obbligazioni con opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto : - Rischio connesso alle modalità di determinazione delle Cedole Variabili; 10

11 - Rischio collegato al fatto che qualsiasi dei Parametri Sottostanti cui le Obbligazioni sono collegate possa essere modificato o diventare indisponibile; (5) Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido: - Rischio derivante dalla natura ibrida delle Obbligazioni con opzione call di tipo ibrido ; (6) Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet : - Rischio derivante dalla modalità di calcolo del cap e/o del floor relativo alle Obbligazioni nel caso di Obbligazioni con opzione call con cap e/o floor di tipo Ratchet ; (7) Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN : - Rischio di rimborso anticipato di tipo TARN. (B) INFORMAZIONI ESSENZIALI SULL EMITTENTE DESCRIZIONE DELL EMITTENTE L Emittente, The Goldman Sachs Group, Inc. (l Emittente o Goldman Sachs ) è una società costituita ed esistente ai sensi delle leggi dello Stato del Delaware. L Emittente è la società holding del gruppo Goldman Sachs. PRINCIPALI ATTIVITÀ DELL EMITTENTE Goldman Sachs è una banca d affari, società di gestione di strumenti finanziari e investimenti e fornisce in tutto il mondo una ampia gamma di servizi a una clientela ampia e diversificata che comprende società, istituzioni finanziarie, governi e clienti individuali dotati di ampi portafogli di investimento. Le attività di Goldman Sachs si dividono in tre settori: (i) Banca d affari (Investment Banking), (ii) Negoziazione e Investimenti Principali (Trading and principal investment) e (iii) Gestioni Patrimoniali e Servizi collegati a Strumenti Finanziari (Asset Management and Securities Services). Per una descrizione dei prodotti principali relativi ai settori di attività di Goldmand Sachs, si veda il Paragrafo 6.1 del Documento di Registrazione. MEMBRI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il Consiglio di Amministrazione dell Emittente attualmente consta di dodici membri. Tutti gli amministratori vengono eletti annualmente e rimangono in carica un anno sino all assemblea annuale dei soci dell anno successivo. Ciascun amministratore manterrà la propria carica sino all elezione e qualificazione del proprio successore o sino alle dimissioni o alla rimozione anticipata dell amministratore stesso. L indirizzo professionale di tutti i membri del Consiglio di Amministrazione è presso The Goldman Sachs Group, Inc., 85 Broad Street, New York, NY I nomi dei membri del Consiglio di Amministrazione dell Emittente al embre 2007 sono: Lloyd C. Blankfein; John H. Bryan, Gary D. Cohn, Claes Dahlbäck, Stephen Friedman, William W. Gorge, Rajat K. Gupta, James A. Johnson, Lois D. Juliber, Edward M. Liddy, Ruth J. Simmons, Jon Winkelried. Per ulteriori informazioni sul Consiglio di Amministrazione dell Emittente, inclusa la descrizione delle cariche assunte dai componenti del Consiglio di Amministrazione al di fuori di Goldman Sachs, si prega di prendere visione del Paragrafo 9.1 del Documento di Registrazione. FUNZIONARI ESECUTIVI Segue una lista dei nomi e delle cariche per ciascuno dei funzionari esecutivi dell Emittente: - Lloyd C. Blankfein, Presidente e Amministratore Delegato; - Alan M. Cohen, Vice Presidente Esecutivo e Global Head della divisione Compliance; - Gary D. Cohn, Presidente e Co-Direttore Operativo; - Kevin W. Kennedy, Vice Presidente Esecutivo Gestione Capitale Umano; - Gregory K. Palm, Vice Presidente Esecutivo e Consigliere Generale (General Counsel); - Esta E. Stecher, Vice Presidente Esecutivo e Consigliere Generale (General Counsel); 11

12 - David A. Viniar, Vice Presidente Esecutivo e Funzionario Esecutivo Capo; - John S. Weinberg, Vice Presidente; - Jon Winkelried, Presidente e Co-Direttore Operativo. Per ulteriori informazioni sui funzionari esecutivi dell Emittente, si prega di prendere visione del Paragrafo 9.2 del Documento di Registrazione. ORGANI DI VIGILANZA Goldman Sachs non possiede un organo di vigilanza corrispondente al collegio sindacale previsto dal codice civile italiano. Tuttavia, funzioni analoghe a quelle svolte dal collegio sindacale sono svolte dal c.d. comitato di revisione (audit committee), come descritto nel Paragrafo 10.1 del Documento di Registrazione REVISORI LEGALI DEI CONTI PricewaterhouseCoopers LLP (PWC USA), con sede legale al 300 Madison Avenue, New York, New York 10017, U.S.A., socio dell American Institute of Certified Public Accountants e sottoposta a vigilanza quale società contabile indipendente ai sensi delle norme del Public Company Accounting Oversight Board, ha certificato i bilanci consolidati di Goldman Sachs che rappresentano, tra l altro, la sua posizione finanziaria al 25 novembre 2005 ed al 24 novembre 2006 ed i suoi risultati operativi e flussi di cassa per gli esercizi fiscali chiusi rispettivamente al 25 novembre 2005 ed al 24 novembre PWC USA non revisiona le informazioni finanziarie infrannuali dell Emittente. I revisori sono nominati dal comitato di revisione (audit committee) dell Emittente ciascun esercizio sociale per un periodo di un anno. RATING DELL EMITTENTE I rating di credito attribuiti all Emittente costituiscono una valutazione della capacità dell Emittente di assolvere i propri impegni finanziari, ivi compresi quelli relativi alle Obbligazioni. Ne consegue che ogni cambiamento effettivo o atteso dei rating di credito attribuiti all'emittente può influire sul prezzo di mercato delle Obbligazioni. Tuttavia, poiché il rendimento delle Obbligazioni dipende da una serie di fattori e non solo dalla capacità dell'emittente di assolvere i propri impegni finanziari rispetto alle Obbligazioni, un miglioramento dei rating di credito dell'emittente non diminuirà gli altri rischi di investimento relativi alle Obbligazioni. Per un indicazione dei rating assegnati a The Goldman Sachs Group, Inc. si veda il Paragrafo 7.5 della Nota Informativa. CAPITALE SOCIALE Il numero di azioni ordinarie deliberate dell Emittente, al 24 novembre 2006, era pari a Il numero di azioni ordinarie emesse e liberate dell Emittente, ciascuna con un valore nominale di $0,01, al 24 novembre 2006 era pari a Il numero di azioni ordinarie in circolazione dell Emittente al 24 novembre 2006 era pari a La differenza tra il numero delle azioni ordinarie emesse e liberate ( ) dell Emittente ed il num ero di azioni ordinarie in circolazione ( ) rappresenta le azioni proprie detenute dall Emittente (c.d. treasury shares). INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE RELATIVE ALL EMITTENTE I bilanci assoggettati a revisione contabile dell Emittente per gli esercizi fiscali chiusi il 24 novembre 2006 ed il 25 novembre 2005 sono inclusi nelle Relazioni Annuali dell Emittente su Modulo 10-K depositato presso la SEC (il "Modulo 10-K"). Il 3 luglio 2007, l Emittente ha pubblicato i bilanci non assoggettati a revisione contabile per i periodi di tre e sei mesi chiusi il 25 maggio 2007 e il 26 maggio 2006, depositando il relativo Modulo 10-Q presso la SEC (il Modulo 10-Q per il Secondo Trimestre 2007 ). Il 10 ottobre 2007, l Emittente ha pubblicato i bilanci non assoggettati a revisione contabile per i periodi di tre e nove mesi chiusi il 31 agosto 2007 e il 31 agosto 2006, depositando il relativo Modulo 10-Q presso la SEC (il Modulo 10-Q per il Terzo Trimestre 2007 ). Il 18 dicembre 2007, l Emittente ha comunicato i propri risultati per il trimestre e l esercizio fiscale chiusi il embre 2007 ed ha depositato un Rapporto su Modulo 8-K presso la SEC (il Modulo 8-K ). I ricavi netti dell Emittente per 12

13 l esercizio fiscale chiuso il embre 2007 sono pari a $45,99 miliardi, rispetto ai $37,67 miliardi per l esercizio fiscale chiuso il 24 novembre Gli utili netti sono pari a $11,60 miliardi nel 2007, rispetto ai $9,54 miliardi nel Gli utili per azione ordinaria diluita sono pari a $24,73 per il 2007, rispetto ai $19,69 per il Per ulteriori informazioni si veda il Modulo 8-K. I bilanci annuali dell Emittente, assoggettati a revisione contabile, per l esercizio fiscale chiuso il 30 novembre 2007 ed ulteriori informazioni sulle attività e sulle prestazioni dell Emittente saranno incluse nelle Relazioni Annuali dell Emittente su Modulo 10-K, che si prevede sarà depositato presso la SEC alla fine di gennaio Il Modulo 10-K, il Modulo 10-Q per il Secondo Trimestre 2007, il Modulo 10-Q per il Terzo Trimestre 2007 ed il Modulo 8- K sono stati anche depositati presso la CONSOB ai sensi del paragrafo 13.3 (iii) del Documento di Registrazione e sono a disposizione del pubblico sul sito internet della SEC sul sito internet dell Emittente e negli ulteriori luoghi indicati nel Paragrafo 16 (Documenti a disposizione del pubblico) del Documento di Registrazione e nel Capitolo 7.8 (Documenti a disposizione del pubblico) della Nota Informativa e, ove previsto, negli ulteriori luoghi indicati nelle Condizioni Definitive. CAMBIAMENTI SIGNIFICATIVI NELLA POSIZIONE FINANZIARIA E COMMERCIALE DELL EMITTENTE Dal 31 agosto 2007, data degli ultimi dati finanziari non revisionati pubblicati, non sono intervenuti sostanziali cambiamenti nelle prospettive dell Emittente che potrebbero ragionevolmente incidere negativamente nella capacità dell Emittente di adempiere le proprie obbligazioni derivanti dai titoli da questo offerti. INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE PER L EMITTENTE L Emittente non è a conoscenza di tendenze, incertezze, richieste, impegni o fatti che potrebbero ragionevolmente avere ripercussioni significative nelle prospettive dell Emittente o che potrebbero incidere negativamente, almeno per l esercizio in corso, sulla capacità dell Emittente di adempiere le proprie obbligazioni derivanti dai titoli da questo offerti. DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO I seguenti documenti saranno disponibili in forma stampata e gratuitamente, presso gli uffici della filiale italiana di Goldman Sachs International, a Milano, Passaggio Centrale 2, durante le normali ore d ufficio: (i) il Prospetto di Base (incluse le Condizioni Definitive relative ad ogni Prestito ed ogni futuro supplemento) (disponibile in lingua italiana); (ii) l atto costitutivo e lo statuto di The Goldman Sachs Group, Inc. (disponibili nella traduzione in lingua italiana); (iii) la Relazione Annuale su Modulo 10-K relativa all anno fiscale chiuso il 24 novembre 2006 relativa a The Goldman Sachs Group, Inc., contenente, tra le altre cose, i dati finanziari storici a livello consolidato sottoposti a revisione contabile che rappresentano la posizione finanziaria di Goldman Sachs al 24 novembre 2006 ed al 25 novembre 2005, ed i risultati operativi ed i flussi di cassa per ognuno degli anni fiscali chiusi rispettivamente il 24 novembre 2006 ed il 25 novembre 2005 (disponibile in lingua inglese) e (iv) gli altri rapporti depositati dall Emittente presso la SEC ed incorporati mediante riferimento nel Prospetto di Base. Inoltre, se così specificato nelle relative Condizioni Definitive, il Prospetto di Base sarà disponibile sul sito internet indicato nelle stesse Condizioni Definitive e, ove le Obbligazioni di un Prestito siano ammesse a quotazione sul Mercato Telematico delle Obbligazioni (MOT) segmento DomesticMOT, sul sito internet di Borsa Italiana S.p.A. Per la documentazione incorporata mediante riferimento nel Documento di Registrazione, si veda la Sezione Documenti incorporati tramite riferimento del Documento di Registrazione. Per ulteriori informazioni relative ai documenti a disposizione del pubblico si veda il Capitolo 16 (Documenti a disposizione del pubblico) del Documento di Registrazione ed il Paragrafo 7.8 (Documenti a disposizione del pubblico) della Nota Informativa. L Emittente deposita l'informativa finanziaria aggiornata presso la Securities and Exchange Commission (SEC) quale autorità competente per l'emittente e tali documenti sono a disposizione sul sito internet dell Emittente I documenti depositati dall'emittente presso la SEC sono anche disponibili sul sito Internet della SEC all'indirizzo Si invitano i potenziali investitori a leggere la documentazione a disposizione del pubblico al fine di ottenere maggiori informazioni in merito alle condizioni finanziarie ed all'attività del gruppo Goldman Sachs. 13

14 (C) INFORMAZIONI ESSENZIALI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE VERRANNO OFFERTI Tipo di strumenti finanziari oggetto di Offerta I Prestiti oggetto della presente Nota di Sintesi sono rappresentati da obbligazioni ordinarie (le Obbligazioni ) emesse di volta in volta da The Goldman Sachs Group, Inc., nell ambito del programma di emissioni obbligazionarie denominat o «Goldman Sachs Obbligazioni con Opzione Call Europea, Call Asiatica, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto, Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto, Call con cap e/o floor di tipo Ratchet, Call con rimborso anticipato di tipo TARN e Call di tipo ibrido» (il Programma ). Le principali tipologie di Obbligazioni emesse ai sensi del Programma sono riassunte di seguito. (1) Obbligazioni Con Opzione Call Europea Le Obbligazioni con Opzione Call Europea che saranno emesse nell ambito del Programma sono obbligazioni c.d. strutturate, ovvero titoli di debito che dal punto di vista finanziario sono scomponibili in una componente obbligazionaria a tasso fisso ed una componente derivativa collegata ad una o più attività finanziarie sottostanti. In particolare, le Obbligazioni con Opzione Call Europea sono titoli di debito che rimborsano il 100% del loro valore nominale, al lordo di ogni tassa e imposta. Le Obbligazioni con Opzione Call Europea danno, inoltre, diritto al pagamento di una o più Cedole Variabili nonché - se previsto di volta in volta nelle Condizioni Definitive dello specifico Prestito al pagamento di una o più Cedole Rate 1. Cedole Variabili L ammontare delle cedole variabili è determinato in ragione dell andamento puntuale di un Paniere di Riferimento costituito da una o più attività finanziarie sottostanti tra quelle di cui al paragrafo della Nota Informativa (ad esempio, un indice azionario, un titolo azionario, un Paniere di più indici o azioni), secondo una formula indicata nel Regolam ento, come integrato per ciascun Prestito dalle relative Condizioni Definitive. Inoltre, la formula per il calcolo della Cedola Variabile può prevedere un massimo (cap) e/o un margine (spread 2 ). Il minimo (floor) e/o il massimo (cap) applicabili alle Cedole Variabili non saranno mai inferiori a zero. L eventuale rendimento minimo delle Obbligazioni con Opzione Call Europea (ovvero il rendimento delle Obbligazioni con Opzione Call Europea anche laddove tutte le Cedole Variabili siano pari a zero) sarà indicato nelle relative Condizioni Definitive. Si deve peraltro notare che le Condizioni Definitive di ciascun Prestito potrebbero prevedere che la formula per il calcolo delle Cedole Variabili, così come il Parametro Sottostante, il Cap, il Floor, il livello di Partecipazione e lo Spread, varino a diverse Date di Pagamento delle Cedole Variabili, durante la vita delle Obbligazioni con Opzione Call Europea. Inoltre, per quanto riguarda il Cap ed il Floor, questi possono essere di due tipi: fisso o collegato alla partecipazione in un Parametro Sottostante o alla performance di un Parametro Sottostante scelto tra quelli di cui al successivo Paragrafo a seconda che il valore massimo (nel caso del Cap) o il valore minimo (nel caso del Floor) della Cedola Variabile sia determinato sulla base: (i) di un tasso fisso ( Fisso ), o (ii) della partecipazione in un Parametro Sottostante o della performance, espressa in termini percentuali, di un Parametro Sottostante ( Indicizzato ), a seconda dei casi. Cedole Rate L Emittente potrà altresì prevedere secondo la specifica configurazione del Prestito indicata nelle Condizioni Definitive il pagamento di una o più cedole (le Cedole Rate e ciascuna una Cedola Rate e, unitamente alle Cedole Variabili, le Cedole ) a scadenza o a determinate Date di Pagamento delle Cedole Rate il cui importo è calcolato applicando al Valore Nominale (i) un tasso di interesse fisso (il Tasso di Interesse Fisso ) oppure (ii) il valore di un parametro sottostante di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 3 ) o (iii) la partecipazione al valore di un parametro sottostante tra quelli di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 4 ) (i valori di cui ai punti (ii) e (iii), 1 Ove le Condizioni Definitive relative al singolo Prestito prevedano il pagamento di una sola Cedola a scadenza, non sarà attribuita all Emittente la facoltà di rimborso anticipato. 2 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 3 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 4 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 14

15 ciascuno il Valore di Riferimento ), come indicato di volta in volta nelle Condizioni Definitive del Prestito. Il Valore di Riferimento sarà calcolato ad una data determinata di volta in volta nelle relative Condizioni Definitive. (2) Obbligazioni con Opzione Call Asiatica Le Obbligazioni con Opzione Call Asiatica che saranno em esse nell ambito del Programma sono obbligazioni c.d. strutturate, ovvero titoli di debito che dal punto di vista finanziario sono scomponibili in una componente obbligazionaria a tasso fisso ed una componente derivativa collegata ad una o più attività finanziarie sottostanti. In particolare, le Obbligazioni con Opzione Call Asiatica sono titoli di debito che rimborsano il 100% del loro valore nominale, al lordo di ogni tassa e imposta. Le Obbligazioni con Opzione Call Asiatica danno, inoltre, diritto al pagamento di una o più Cedole Variabili nonché - se previsto di volta in volta nelle Condizioni Definitive dello specifico Prestito al pagamento di una o più Cedole Rate 5. Cedole Variabili L ammontare delle cedole variabili è determinato in ragione dell andamento medio di un Paniere di Riferimento costituito da una o più attività finanziarie sottostanti tra quelle di cui al paragrafo della Nota Informativa (ad esempio, un indic e azionario, un titolo azionario, un Paniere di più indici o azioni), secondo una formula indicata nel Regolam ento, come integrato per ciascun Prestito dalle relative Condizioni Definitive. Inoltre, la formula per il calcolo della Cedola Variabile può prevedere un massimo (cap) e/o un margine (spread 6 ). Il minimo (floor) e/o il massimo (cap) applicabili alle Cedole Variabili non saranno mai inferiori a zero. L eventuale rendimento minimo delle Obbligazioni con Opzione Call Asiatica (ovvero il rendimento delle Obbligazioni con Opzione Call Asiatica anche laddove tutte le Cedole Variabili siano pari a zero) sarà indicato nelle relative Condizioni Definitive. Si deve peraltro notare che le Condizioni Definitive di ciascun Prestito potrebbero prevedere che la formula per il calcolo delle Cedole Variabili, così come il Parametro Sottostante, il Cap, il Floor, il livello di Partecipazione e lo Spread, varino a diverse Date di Pagamento delle Cedole Variabili, durante la vita delle Obbligazioni con Opzione Call Asiatica. Inoltre, per quanto riguarda il Cap ed il Floor, questi possono essere di due tipi: fisso o collegato alla partecipazione in un Parametro Sottostante o alla performance di un Parametro Sottostante scelto tra quelli di cui al successivo Paragrafo a seconda che il valore massimo (nel caso del Cap) o il valore minimo (nel caso del Floor) della Cedola Variabile sia di tipo: (i) Fisso, o (ii) Indicizzato, a seconda dei casi. Cedole Rate L Emittente potrà altresì prevedere secondo la specifica configurazione del Prestito indicata nelle Condizioni Definitive il pagamento di una o più Cedole Rate a scadenza o a determinate Date di Pagamento delle Cedole Rate il cui importo è calcolato applicando al Valore Nominale (i) il Tasso di Interesse Fisso oppure (ii) il valore di un parametro sottostante di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 7 ) o (iii) la partecipazione al valore di un parametro sottostante tra quelli di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 8 ) (i valori di cui ai punti (ii) e (iii), ciascuno il Valore di Riferimento ), come indicato di volta in volta nelle Condizioni Definitive del Prestito. Il Valore di Riferimento sarà calcolato ad una data determinata di volta in volta nelle relative Condizioni Definitive. (3) Obbligazioni con Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto Le Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto che saranno em esse nell ambito del Programma sono obbligazioni c.d. strutturate, ovvero titoli di debito che dal punto di vista finanziario sono scomponibili in una componente obbligazionaria a tasso fisso ed una componente derivativa collegata ad una o più attività finanziarie sottostanti. In particolare, le Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto sono titoli di debito che rimborsano il 100% del loro valore nominale, al lordo di ogni tassa e imposta. Le Obbligazioni con Opzione 5 Ove le Condizioni Definitive relative al singolo Prestito prevedano il pagamento di una sola Cedola a scadenza, non sarà attribuita all Emittente la facoltà di rimborso anticipato. 6 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 7 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 8 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 15

16 Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto danno, inoltre, diritto al pagamento di una o più Cedole Variabili nonché - se previsto di volta in volta nelle Condizioni Definitive dello specifico Prestito al pagamento di una o più Cedole Rate 9. Cedole Variabili L ammontare delle cedole variabili è determinato in ragione dell andamento differenziale diretto di due diverse attività finanziarie sottostanti comprese nel Paniere di Riferimento, tra quelle di cui al paragrafo della Nota Informativa, secondo una formula indicata nel Regolamento, come integrato per ciascun Prestito dalle relative Condizioni Definitive. Inoltre, la formula per il calcolo della Cedola Variabile può prevedere un massimo (cap) e/o un margine (spread 10 ). Il minimo (floor) e/o massimo (cap) alle Cedole Variabili non saranno mai inferiori a zero. L eventuale rendimento minimo delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto (ovvero il rendimento delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto anche laddove tutte le Cedole Variabili siano pari a zero) sarà indicato nelle relative Condizioni Definitive. Si deve peraltro notare che le Condizioni Definitive di ciascun Prestito potrebbero prevedere che la formula per il calcolo delle Cedole Variabili, così come il Parametro Sottostante, il Cap, il Floor, il livello di Partecipazione e lo Spread, varino a diverse Date di Pagamento delle Cedole Variabili, durante la vita delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale diretto. Inoltre, per quanto riguarda il Cap ed il Floor, questi possono essere di due tipi: fisso o collegato alla partecipazione in un Parametro Sottostante o alla performance di un Parametro Sottostante scelto tra quelli di cui al successivo Paragrafo a seconda che il valore massimo (nel caso del Cap) o il valore minimo (nel caso del Floor) della Cedola Variabile sia di tipo: (i) Fisso, o (ii) Indicizzato, a seconda dei casi. Cedole Rate L Emittente potrà altresì prevedere secondo la specifica configurazione del Prestito indicata nelle Condizioni Definitive il pagamento di una o più Cedole Rate a scadenza o a determinate Date di Pagamento delle Cedole Rate il cui importo è calcolato applicando al Valore Nominale (i) il Tasso di Interesse Fisso oppure (ii) il valore di un parametro sottostante di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 11 ) o (iii) la partecipazione al valore di un parametro sottostante tra quelli di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 12 ) (i valori di cui ai punti (ii) e (iii), ciascuno il Valore di Riferimento ), come indicato di volta in volta nelle Condizioni Definitive del Prestito. Il Valore di Riferimento sarà calcolato ad una data determinata di volta in volta nelle relative Condizioni Definitive. (4) Obbligazioni con opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto Le Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto che saranno em esse nell ambito del Programma sono obbligazioni c.d. strutturate, ovvero titoli di debito che dal punto di vista finanziario sono scomponibili in una componente obbligazionaria a tasso fisso ed una componente derivativa collegata ad una o più attività finanziarie sottostanti. In particolare, le Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto sono titoli di debito che rimborsano il 100% del loro valore nominale, al lordo di ogni tassa e imposta. Le Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto danno, inoltre, diritto al pagamento di una o più Cedole Variabili nonché - se previsto di volta in volta nelle Condizioni Definitive dello specifico Prestito al pagamento di una o più Cedole Rate 13. Cedole Variabili 9 Ove le Condizioni Definitive relative al singolo Prestito prevedano il pagamento di una sola Cedola a scadenza, non sarà attribuita all Emittente la facoltà di rimborso anticipato. 10 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 11 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 12 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 13 Ove le Condizioni Definitive relative al singolo Prestito prevedano il pagamento di una sola Cedola a scadenza, non sarà attribuita all Emittente la facoltà di rimborso anticipato. 16

17 L ammontare delle cedole variabili è determinato sulla base dell andamento di ciascuna delle due attività finanziarie sottostanti comprese nel Paniere di Riferimento, tra quelle di cui al paragrafo della Nota Informativa, e quindi sull andamento differenziale tra le due performance singole delle due attività finanziarie sottostanti così calcolate, secondo una formula indicata nel Regolamento, come integrato per ciascun Prestito dalle relative Condizioni Definitive. Inoltre, la formula per il calcolo della Cedola Variabile può prevedere un massimo (cap) e/o un margine (spread 14 ). Il minimo (floor) e/o massimo (cap) applicabili alle Cedole Variabili non saranno mai inferiori a zero. L eventuale rendimento minimo delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto (ovvero il rendimento delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto anche laddove tutte le Cedole Variabili siano pari a zero) sarà indicato nelle relative Condizioni Definitive. Si deve peraltro notare che le Condizioni Definitive di ciascun Prestito potrebbero prevedere che la formula per il calcolo delle Cedole Variabili, così come il Parametro Sottostante, il Cap, il Floor, il livello di Partecipazione e lo Spread, varino a diverse Date di Pagamento delle Cedole Variabili, durante la vita delle Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali in caso di andamento differenziale composto. Inoltre, per quanto riguarda il Cap ed il Floor, questi possono essere di due tipi: fisso o collegato alla partecipazione in un Parametro Sottostante o alla performance di un Parametro Sottostante scelto tra quelli di cui al successivo Paragrafo a seconda che il valore massimo (nel caso del Cap) o il valore minimo (nel caso del Floor) della Cedola Variabile sia di tipo: (i) Fisso, o (ii) Indicizzato, a seconda dei casi. Cedole Rate L Emittente potrà altresì prevedere secondo la specifica configurazione del Prestito indicata nelle Condizioni Definitive il pagamento di una o più Cedole Rate a scadenza o a determinate Date di Pagamento delle Cedole Rate il cui importo è calcolato applicando al Valore Nominale (i) il Tasso di Interesse Fisso oppure (ii) il valore di un parametro sottostante di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 15 ) o (iii) la partecipazione al valore di un parametro sottostante tra quelli di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 16 ) (i valori di cui ai punti (ii) e (iii), ciascuno il Valore di Riferimento ), come indicato di volta in volta nelle Condizioni Definitive del Prestito. Il Valore di Riferimento sarà calcolato ad una data determinata di volta in volta nelle relative Condizioni Definitive. (5) Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido Le Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido che saranno emesse nell ambito del Programma sono obbligazioni c.d. strutturate, ovvero titoli di debito che dal punto di vista finanziario sono scomponibili in una componente obbligazionaria a tasso fisso ed una componente derivativa collegata ad una o più attività finanziarie sottostanti. In particolare, le Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido sono titoli di debito che rimborsano il 100% del loro valore nominale, al lordo di ogni tassa e imposta. Le Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido danno, inoltre, diritto al pagamento di una o più Cedole Variabili nonché - se previsto di volta in volta nelle Condizioni Definitive dello specifico Prestito al pagamento di una o più Cedole Rate 17. Cedole Variabili Posto che la formula per il calcolo della Cedola Variabile potrebbe variare a diverse Date di Pagam ento delle Cedole Variabili, durante la vita delle Obbligazioni, le Obbligazioni che possono essere emesse ai sensi del Programma potranno anche avere una struttura che costituisce un ibrido delle quattro principali categorie descritte in precedenza (vale a dire Obbligazioni con Opzione Call Europea, Obbligazioni con Opzione Call Asiatica, Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali, in caso di andamento differenziale diretto o Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali, in caso di andamento differenziale composto ) come di volta in volta indicato nelle Condizioni Definitive relative al singolo Prestito. A titolo di esempio, le Obbligazioni emesse ai sensi di un Prestito possono prevedere che la formula ad una o più Date di Pagamento delle Cedole Variabili sia ricompresa nella tipologia Obbligazioni con Opzione Call Europea, 14 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 15 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 16 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 17 Ove le Condizioni Definitive relative al singolo Prestito prevedano il pagamento di una sola Cedola a scadenza, non sarà attribuita all Emittente la facoltà di rimborso anticipato. 17

18 mentre la formula ad un altra o ad altre Date di Pagamento delle Cedole Variabili sia ricompresa nella tipologia Obbligazioni con Opzione Call Asiatica e così via. Cedole Rate L Emittente potrà altresì prevedere secondo la specifica configurazione del Prestito indicata nelle Condizioni Definitive il pagamento di una o più Cedole Rate a scadenza o a determinate Date di Pagamento delle Cedole Rate il cui importo è calcolato applicando al Valore Nominale (i) il Tasso di Interesse Fisso oppure (ii) il valore di un parametro sottostante di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 18 ) o (iii) la partecipazione al valore di un parametro sottostante tra quelli di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 19 ), (i valori di cui ai punti (ii) e (iii), ciascuno il Valore di Riferimento ), come indicato di volta in volta nelle Condizioni Definitive del Prestito. Il Valore di Riferimento sarà calcolato ad una data determinata di volta in volta nelle relative Condizioni Definitive. (6) Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet Le Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet che saranno emesse nell ambito del Programma sono obbligazioni c.d. strutturate, ovvero titoli di debito che dal punto di vista finanziario sono scomponibili in una componente obbligazionaria a tasso fisso ed una componente derivativa collegata ad una o più attività finanziarie sottostanti. In particolare, le Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet sono titoli di debito che rimborsano il 100% del loro valore nominale, al lordo di ogni tassa e imposta. Le Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet danno, inoltre, diritto al pagamento di una o più Cedole Variabili nonché - se previsto di volta in volta nelle Condizioni Definitive dello specifico Prestito al pagamento di una o più Cedole Rate 20. Cedole Variabili La formula di ciascuna Cedola Variabile relativa alle Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet sarà calcolata secondo una delle metodologie di cui alle cinque principali categorie descritte in precedenza (vale a dire Obbligazioni con Opzione Call Europea, Obbligazioni con Opzione Call Asiatica, Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali, in caso di andamento differenziale diretto, Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali, in caso di andamento differenziale composto o Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido ), come di volta in volta indicato nelle Condizioni Definitive relative al singolo Prestito. La peculiarità delle Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet sta nel fatto che, come specificato di volta in volta nelle Condizioni Definitive relative al singolo Prestito, il Cap e/o il Floor applicabili ad una o più Cedole Variabili pagabili ad una o più Date di Pagamento delle Cedole Variabili saranno pari ad un tasso di interesse fisso (che potrà essere maggiore o uguale a zero) più o meno il tasso di interesse o una percentuale del tasso di interesse della Cedola Variabile pagata nella Data di Pagamento immediatamente precedente, come indicato di volta in volta nelle relative Condizioni Definitive rispetto a ciascuna Data di Pagamento della Cedola Variabile. Si precisa che, in ogni caso, il Ratchet Cap e/o il Ratchet Floor non saranno applicabili alla Data di Pagamento che sia la prima Data di Pagamento delle Cedole relative ad un Prestito. Cedole Rate L Emittente potrà altresì prevedere secondo la specifica configurazione del Prestito indicata nelle Condizioni Definitive il pagamento di una o più Cedole Rate a scadenza o a determinate Date di Pagamento delle Cedole Rate il cui importo è calcolato applicando al Valore Nominale (i) il Tasso di Interesse Fisso oppure (ii) il valore di un parametro sottostante di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 21 ) o (iii) la partecipazione al valore di un parametro sottostante tra quelli di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 22 ) (i valori di cui ai punti (ii) e 18 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 19 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 20 Ove le Condizioni Definitive relative al singolo Prestito prevedano il pagamento di una sola Cedola a scadenza, non sarà attribuita all Emittente la facoltà di rimborso anticipato. 21 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 22 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 18

19 (iii), ciascuno il Valore di Riferimento ), come indicato di volta in volta nelle Condizioni Definitive del Prestito. Il Valore di Riferimento sarà calcolato ad una data determinata di volta in volta nelle relative Condizioni Definitive. (7) Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN Le Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN che saranno emesse nell ambito del Programma sono obbligazioni c.d. strutturate, ovvero titoli di debito che dal punto di vista finanziario sono scomponibili in una componente obbligazionaria a tasso fisso ed una componente derivativa collegata ad una o più attività finanziarie sottostanti. In particolare, le Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN sono titoli di debito che rimborsano il 100% del loro valore nominale, al lordo di ogni tassa e imposta. Le Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN danno, inoltre, diritto al pagamento di una o più Cedole Variabili nonché - se previsto di volta in volta nelle Condizioni Definitive dello specifico Prestito al pagamento di una o più Cedole Rate 23. Cedole Variabili La formula di ciascuna Cedola Variabile delle Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN sarà calcolata secondo una delle metodologie di cui alle sei principali categorie descritte in precedenza (vale a dire Obbligazioni con Opzione Call Europea, Obbligazioni con Opzione Call Asiatica, Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali, in caso di andamento differenziale diretto, Obbligazioni con Opzione Call su Differenziali, in caso di andamento differenziale composto, Obbligazioni con Opzione Call di tipo ibrido o Obbligazioni con Opzione Call con cap e/o floor di tipo Ratchet ), come di volta in volta indicato nelle Condizioni Definitive relative al singolo Prestito. Cedole Rate L Emittente potrà altresì prevedere secondo la specifica configurazione del Prestito indicata nelle Condizioni Definitive il pagamento di una o più Cedole Rate a scadenza o a determinate Date di Pagamento delle Cedole Rate il cui importo è calcolato applicando al Valore Nominale (i) il Tasso di Interesse Fisso oppure (ii) il valore di un parametro sottostante di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 24 ) o (iii) la partecipazione al valore di un parametro sottostante tra quelli di cui al successivo paragrafo (più o meno uno spread 25 ) (i valori di cui ai punti (ii) e (iii), ciascuno il Valore di Riferimento ), come indicato di volta in volta nelle Condizioni Definitive del Prestito. Il Valore di Riferimento sarà calcolato ad una data determinata di volta in volta nelle relative Condizioni Definitive. Rimborso Anticipato di tipo TARN Ove previsto nelle Condizioni Definitive, le Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN potranno essere rimborsate anticipatamente a decorrere da una certa Data di Pagamento, automaticamente, secondo il meccanismo TARN (Target Automatic Redemption Note); l Evento TARN al verificarsi del quale scatterà il rimborso sarà definito nelle Condizioni Definitive del singolo Prestito. Il rimborso anticipato automatico avverrà al verificarsi di un Evento TARN (vale a dire nel caso in cui le Cedole da corrispondere a ciascun Obbligazionista durante la vita del Prestito superino un certo ammontare percentuale rispetto al Valore Nominale delle Obbligazioni con Opzione Call e con rimborso anticipato di tipo TARN ). Le Condizioni Definitive indicheranno la/e Data/e di Rimborso Anticipato, così come l Ammontare di Rimborso Anticipato. Il rimborso anticipato delle Obbligazioni con Opzione Call con rimborso anticipato di tipo TARN sarà effettuato, in un unica soluzione oppure in più soluzioni, almeno al 100% del Valore Nominale delle stesse, senza alcuna deduzione di spese. Si prega di notare che, come specificato di volta in volta nelle Condizioni Definitive, il rimborso anticipato di tipo TARN, potrà coesistere con la facoltà di rimborso anticipato ad opzione dell Emittente e/o dell Obbligazionista, come dettagliatamente descritto al paragrafo 4.8 della Nota Informativa. 23 Ove le Condizioni Definitive relative al singolo Prestito prevedano il pagamento di una sola Cedola a scadenza, non sarà attribuita all Emittente la facoltà di rimborso anticipato. 24 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 25 Lo spread è un tasso d interesse fisso (che può essere maggiore, inferiore o uguale a zero). 19

20 Per ulteriori informazioni sulle tipologie di Obbligazioni che possono essere emesse ai sensi del Programma, si veda il Pragrafo 4.7 della Nota Informativa. Parametri finanziari sottostanti Nelle Condizioni Definitive di ciascun Prestito, l Emittente individuerà i Parametri Sottostanti inclusi nel Paniere di Riferimento, tra quelli indicati al paragrafo della Nota Informativa (ad esempio, un azione, un indice azionario, un paniere di diverse azioni o di diversi indici azionari) al fine di determinarne le Cedole Variabili. Tasso di rendimento effettivo Il tasso di rendimento effettivo a scadenza di ciascun Prestito, calcolato in regime di capitalizzazione composta in prossimità della data di inizio del periodo di offerta e sulla base del prezzo di emissione e dei flussi di cassa conseguiti (interessi e capitale), al lordo ed al netto dell imposta, sarà di volta in volta indicato nelle Condizioni Definitive del singolo Prestito. Durata e godimento delle Obbligazioni Le Obbligazioni emesse di volta in volta ai sensi del Programma saranno rimborsate integralmente al Valore Nominale, in un unica soluzione alla relativa Data di Scadenza, così come indicato nelle rispettive Condizioni Definitive di ciascun Prestito. Rimborso anticipato Ove previsto nelle Condizioni Definitive, le Obbligazioni potranno essere rimborsate anticipatamente a decorrere da una certa Data di Pagamento delle Cedole in avanti, secondo le modalità ivi specificate. Convenzioni di calcolo giorni e frazioni di computo giorni Qualora il giorno di pagamento del capitale e/o degli interessi coincida con un giorno non lavorativo secondo il calendario di volta in volta adottato, si farà riferimento alla convenzione di calcolo giorni ed alla frazione di computo giorni di volta in volta indicati nelle Condizioni Definitive di ciascun Prestito. Valuta di riferimento Ciascun Prestito emesso a valere sul Programma sarà denominato in Euro (EUR) ovvero in una delle valute dei Paesi di Riferimento. Forma e regime di circolazione delle Obbligazioni Le Obbligazioni, rappresentate da titoli al portatore, saranno create ed emesse al di fuori dei confini della Repubblica Italiana, in forma di, e rappresentate inizialmente da, un obbligazione in forma globale temporanea. Le Obbligazioni saranno accentrate presso il sistema di gestione accentrata gestito da Monte Titoli S.p.A. ed ogni operazione relativa alle Obbligazioni e l esercizio dei relativi diritti di proprietà potrà essere realizzato unicamente attraverso gli intermediari autorizzati, italiani o stranieri, aderenti a tale sistema di gestione. Destinatari dell Offerta Le Offerte saranno rivolte in Italia al pubblico indistinto e/o ad operatori qualificati, e/o alle eventuali ulteriori categorie di investitori come indicato in dettaglio al Paragrafo della Nota Informativa. Periodo di Offerta La durata del Periodo di Offerta di ciascun Prestito sarà indicata nelle Condizioni Definitive ad esso relative e potrà essere fissata dall Emittente in modo tale che detto periodo abbia termine prima della rispettiva Data di Godimento ovvero successivamente a quest ultima. Per quanto riguarda le facoltà esercitabili dall Emittente durante il Periodo di Offerta si veda il Paragrafo 5 della Nota Informativa. L Emittente avrà la facoltà in determinate circostanze di non dare inizio all Offerta, di ritirarla, ovvero di chiuderla anticipatamente ovvero di prorogare il Periodo d Offerta secondo quanto indicato in dettaglio al Paragrafo 5 della Nota Informativa. Le suddette decisioni verranno tempestivamente comunicate al pubblico. Collocamento 20

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC Seconda Appendice al Prospetto informativo La presente Seconda Appendice costituisce parte integrante e deve essere letta contestualmente al prospetto informativo, datato 17

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 (2004/72/CE) TUF Regolamento Proposto Articolo 6, paragrafo 3, comma 3, Articolo 115-bis (Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate) Gli

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli