PROGETTO DI RICERCA Bando di gara ISPESL Disability Management: misure preventive, interventi precoci, gestione del caso.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI RICERCA Bando di gara ISPESL 2002. Disability Management: misure preventive, interventi precoci, gestione del caso."

Transcript

1 PROGETTO DI RICERCA Bando di gara ISPESL 2002 Disability Management: misure preventive, interventi precoci, gestione del caso. [B1/MDL/03] Rapporto finale Coordinatore scientifico: Prof. Gualtiero Ricciardi Istituto di Igiene Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma Largo Vito Roma Tel Fax Durata della ricerca: 12 mesi

2 Introduzione La disabilità è un evento che quotidianamente può interessare la vita di ogni persona, ed in particolare quella dei lavoratori. In un dato momento, infatti, un dipendente fa parte di un gruppo di lavoro e successivamente può incorrere in un incidente stradale e subire un trauma cranico, oppure stando a casa può scivolare nella vasca da bagno e procurarsi una frattura, e così via. Recentemente abbiamo assistito ad un incremento notevole dei costi della disabilità e dell assistenza sanitaria dei disabili, e ciò ha comportato diverse questioni sull opportunità di prepensionamento dei lavoratori divenuti disabili. Allo stesso tempo, ci si chiede quale sia il ruolo che le persone, che sono diventate disabili per questioni lavorative o extra-lavorative, possano avere nell ambito del mercato del lavoro e come possano contribuire alla produttività di una Nazione. Il Disability Management (DM) si può definire come una strategia di prevenzione e di rimedio sui luoghi di lavoro che mira a prevenire il verificarsi della disabilità, o, in mancanza di ciò, di intervenire il più presto possibile per ridurre l impatto della disabilità stessa, utilizzando un servizio coordinato, attento ai costi, di riabilitazione qualitativamente elevato che comporta un organizzazione orientata a far continuare a lavorare coloro che sperimentano limitazioni funzionali sul lavoro (Akabas et al., 1992; Boseman, 2001). In altri termini, il DM è un processo attivo di minimizzazione dell impatto di un incidente, disabilità o malattia sulla capacità del lavoratore di eseguire con successo il proprio lavoro. Dal punto di vista del lavoratore, l obiettivo finale del DM è quello di ottenere con successo il mantenimento del lavoro, oppure di ottimizzare il ritorno al lavoro, per le persone che hanno subito una disabilità. Come evidenziato da Curtis e Scott (2004) l inserimento del DM all interno della pianificazione strategica di un azienda assicura la creazione di un ambiente lavorativo che riesce a motivare i lavoratori, e ciò può comportare una significativa riduzione dei costi umani e finanziari della disabilità a breve e lungo termine, sia per il lavoratore che per il datore di lavoro. Complessivamente, i principali obiettivi del DM, così come riportato da Akabas e coll. (1992) possono essere riassunti nei seguenti punti: Migliorare le condizioni competitive dell azienda nell ambito dell economia globale; Avere lavoratori più in salute e più produttivi, riducendo l insorgenza e l impatto della disabilità nell ambito della forza lavoro;

3 Ridurre i costi dell assistenza sanitaria e le provvidenze per la disabilità; Accorciare il tempo di assenza dal lavoro; Considerare gli aspetti etico-morali dando un valore alla disabilità; Ottenere l aderenza con la legislazione in vigore in materia di disabilità. Il processo di DM si articola in quattro momenti. I primi due fanno riferimento a discipline tipiche dell Igiene e della Medicina preventiva, e sono imperniati sul concetto ben espresso da Breslow (1999), secondo il quale, al fine di migliorare l efficienza della prevenzione occorre passare dalla prevenzione delle singole malattie alla promozione della salute, soprattutto in campo lavorativo. Gli altri due momenti essenziali del DM, invece, riflettono maggiormente aspetti dell organizzazione del lavoro e della gestione della disabilità/malattia, attraverso il contatto precoce con l infortunato/disabile ed il case management personalizzato. Come egregiamente evidenziato da Hall (1998), i quattro momenti del DM possono essere sintetizzati come di seguito: 1. Promozione del benessere del lavoratore, da attuare attraverso la promozione di: Attività sociali Sensibilizzazione sui temi legati alla salute Settimane a tema Ricompense per chi non usufruisce di giorni-malattia Stile di vita salubre. 2. Misure preventive, che comprendono: Politica e monitoraggio della salute e della sicurezza Valutazione ergonomica Screening sulla salute Management del rischio Stima del rischio Dati per la valutazione Effetto di retroazione.

4 3. Interventi precoci, da attuare al massimo entro 2 settimane, che massimizza il livello di guarigione combinato con il più rapido ritorno al lavoro. Questo comporta una serie di interventi, fra cui: Contatto con il dipendente nei primi giorni di assenza Ritorno ad un impiego leggero Gradualità nell intensità lavorativa Modifica dell impiego Adattamento delle condizioni lavorative. 4. Gestione del caso (Case Management), che prevede: Identificazione del caso Valutazione e pianificazione Coordinamento ed invio allo specialista Implementazione dei servizi Ri-valutazione a distanza Obiettivi del progetto L obiettivo principale del progetto di ricerca è stato quello di verificare in grandi o piccole-medie imprese come vengano applicati gli strumenti tipici del DM, al fine di garantire il più rapido e soddisfacente ritorno al lavoro dei lavoratori colpiti da disabilità mediante l intervento sull inquadramento organizzativo, le funzioni, le procedure, le competenze professionali, gli strumenti e gli ambienti di lavoro. Materiali e metodi La metodologia dello studio ha previsto l effettuazione di:

5 a) un audit aziendale, utilizzando lo strumento Worksite Disability Management Audit, già validato dai proponenti nell ambito di un progetto di ricerca europeo finanziato dalla UE; b) un indagine conoscitiva sui fabbisogni formativi dei responsabili del sistema di sicurezza e salute del lavoratori sanitari, attraverso uno specifico questionario validato nel già citato progetto RETURN. Relativamente al punto a) è stata seguita la metodologia descritta di seguito. Per rilevare le informazioni utili ai fini di comprendere la gestione della disabilità da parte delle aziende è stato utilizzato un questionario, audit tool (allegato 1), strutturato in cinque parti. La prima parte è stata dedicata alla descrizione dell azienda (dimensioni, tipologia di produzione, localizzazione, figure professionali presenti e con che tipo di mansioni). Il secondo gruppo di quesiti, fa riferimento alla promozione del benessere, cioè si preoccupa di registrare se all interno dell azienda esiste un qualche programma di promozione della salute, come la presenza di spazi ricreativi e campagne di sensibilizzazione (sui temi come fumo di tabacco, alcool, etc.) e come queste vengono eventualmente realizzate. Inoltre viene valutata la presenza di cartellonistica antifumo, controlli alcolemici periodici, strutture sportive sia in sede che convenzionate con l azienda. Ci si è interessati poi, alla presenza di mense o luoghi dove ristorarsi e se in questi vi fosse attenzione nel fornire diete personalizzate nel caso di celiaci, diabetici, ipertesi o altro. La terza parte è andata a raccogliere le informazioni relative alle misure preventive adottate per la sicurezza sul luogo di lavoro, dunque se vi è una persona dedicata, se vi sono valutazioni ergonomiche sistematiche o meno nel ambiente di lavoro, se vengono fatte visite preventive e periodiche ai lavoratori. In aggiunta si è chiesto se vi fosse una valutazione del rischio e se questa venisse poi sintetizzata in un documento ed analizzata. Si è rilevata la presenza o meno di regolamenti, segnali e insegne sulla sicurezza e se questi fossero sanzionati qualora non rispettati. Un altra parte del questionario è stata dedicata agli interventi precoci e in particolare al case management. Si è domandato all azienda se vi fosse una regolamentazione riguardante il rientro precoce di un lavoratore assentatosi per malattia o infortunio. Si è in particolare cercato di descrivere che tipi di azioni fra le seguenti possibilità fossero applicate dall azienda in caso di assenza per malattia di un lavoratore: nessun intervento, attenzione verso un rientro precoce verso una mansione più leggera, rientro con un tutor di supporti, corsi di formazione, altro tipo di mansione. L ultima parte, relativa propriamente al disability management, è stata sottoposta esclusivamente a quelle aziende che applicavano la gestione della disabilità in maniera strutturata. In questa parte del questionario, infatti, è stato chiesto quale figura fosse riconosciuta come disability manager, il tipo

6 di programmi sviluppati e all interno quali figure di assistenza fossero coinvolte su questi programmi (fisioterapisti, medici, assistenti sociali, etc.). È stato quindi chiesto se vi fossero benefit o incentivi per i lavoratori che non si assentano. Infine è stato richiesto se vi fosse una raccolta dei dati relativi alle assenze per malattia, chi se ne occupasse e se questo database fosse poi abitualmente aggiornato e analizzato. L audit tool si conclude con un giudizio da parte delle aziende al fine di migliorare e affinare lo strumento di rilevazione. Per la ricerca sono state utilizzate le seguenti fonti di dati: Registri degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali nei settori produttivi delle aziende prescelte; Documentazione relativa all applicazione della normativa sulla sicurezza e salute dei lavoratori. Eventuali strumenti di audit già realizzati da specifiche aziende. Tutti i dati sono stati immessi in un database relazionale (DbIV) e successivamente analizzati con il pacchetto statistico SPSS (release 12.0 per Windows). Risultati Descrizione del campione Sono state contattate 23 aziende e 20 di queste hanno acconsentito a prendere parto allo studio. Sono emersi i seguenti risultati: i 20 referenti delle aziende intervistati hanno un età media di 43,7 anni (deviazione standard 11,3); di questi il 15% è di sesso femminile; relativamente al titolo di studio, il 65% dei referenti è risultato laureato, il 30% diplomato ed il restante 5% con licenza di scuola media inferiore; inoltre il 35% degli intervistati ha l incarico nell azienda, della gestione del personale, il 25% della sicurezza, il 10% è direttore dell azienda, il restante ha altri tipi di ruoli professionali. Le aziende studiate sono per il 35% multinazionali, per il 65% nazionali; l 80% è di tipo privato; il settore è per il 55% secondario, per il 45% terziario. Le attività principali delle aziende a cui è stato somministrato l audit sono molto eterogenee, essendo stati intervistati responsabili di aziende nei seguenti settori: abbigliamento, alimentare, chimico farmaceutico, metalmeccanico, immobiliare, merceologico e bancario/creditizio.

7 Relativamente alla localizzazione delle aziende coinvolte nella ricerca, l area in cui sono localizzate queste industrie è nella maggior parte dei casi la zona industriale (55%). Inoltre, è interessante notare che il 95% delle aziende coinvolte nella ricerca possiede oltre alla sede in cui è avvenuto lo studio altre sedi anche in Italia o all estero. Per quanto attiene le dimensioni, il 30% delle aziende ha una numero di lavoratori inferiore a 50, il 55% tra 51 e 400. Tra le imprese in studio, 17 hanno oltre il 90% di lavoratori con impegno lavorativo a tempo pieno. La metà delle aziende ha più del 90% di lavoratori con contratti a tempo indeterminato. Il 20% delle aziende articola l orario di lavoro per 24 ore (h24) su turni di 8 ore, mentre il 15% ha un orario a turni di 8 ore non h24 e infine il 45% ha un orario fisso di 8 ore non h24, e la percentuale restante rappresenta altre tipologie e orari di lavoro. Il 90% degli intervistati indica che le figure presenti nelle imprese collaborano e comunicano tra loro. I mezzi e gli strumenti più utilizzati per la comunicazione sono posta elettronica (75%), fattorino (40%), comunicazione orale diretta (90%), bacheche (80%), telefono (85%), intranet (5%), ed altri mezzi (come, ad esempio, video conferenze) (40%). Vi sono rapporti strutturati con medico del lavoro e medico competente (60% e 75% rispettivamente), assicuratori (70%), fornitori (18%), servizi riabilitativi (3%), personale (13%), INPS/INAIL (15%). Promozione del benessere Il 60% delle interviste indica che esistono programmi di promozione della salute e il 55% che tali programmi già sono stati applicati nel recente passato. Il 30% delle aziende indica esplicitamente l ente che sviluppa e gestisce tali programmi: istituti, circoli dipendenti, ASL. Il 6% dichiara di effettuare indagini sistematiche sugli interessi dei dipendenti in tema di salute. Le occasioni di aggregazione sono offerte dall 80% delle imprese sotto forma di attività sportive (55%), culturali (30%), ricreative (70%). Per il restante 20% delle aziende tali occasioni non vengono supportate per motivi economici, di scarso interesse, o perché causa di disordine. Spazi ricreativi sono presenti nel 45% delle aziende. Sono state fatte campagne di sensibilizzazione sulla salute nel 60% delle strutture, e tra queste si registra una frequenza annuale con 1-2 campagne per il 64%, 3-4 per il 18%, oltre 4 per il 18%. Tipicamente i coordinatori di tali campagne sono afferenti agli uffici di comunicazione ed organizzazione o i medici del lavoro.

8 I temi maggiormente affrontati in queste campagne sono relativi al fumo, alcool, vaccini, malattie polmonari e sicurezza sul lavoro. Tali argomenti sono stati presentati con materiale informativo e seminari in aula o apposite locandine. Per il 70% dei responders gli stili di vita salubre sono promossi in ambito aziendale, e ciò avviene principalmente (20%) in materia di alcol e fumo di tabacco. Il 95% delle aziende dichiara di rispettare la norma antifumo, di cui il 15% non indica a chi compete effettuare i controlli ed erogare le sanzioni; sono previste aree fumatori nel 35% delle aziende. L assunzione di bevande alcoliche durante l orario di lavoro è vietata dal 70% delle imprese ma in nessuna viene programmato è un controllo dell alcolemia con cadenza periodica. Strutture sportive interne all azienda o comunque convenzionate con essa sono indicate dal 35% degli intervistati e in tali casi la frequenza di accesso a queste strutture è del 25%. La disponibilità di un servizio mensa è indicato dal 30% delle imprese e nella metà di queste è possibile avere diete personalizzate (iposodiche, per diabetici, per celiaci etc.). Misure Preventive Il 95% degli intervistati indica la presenza di una figura che fornisce indicazioni sulla sicurezza nel luogo di lavoro, di cui l 84% fornisce esplicitamente il ruolo professionale (per il 70 % il responsabile della sicurezza). Le indicazioni sulla sicurezza vengono fornite attraverso le seguenti modalità: con libretti/opuscoli (75%), incontri/seminari (85%), cartelli e segnali (80%), corsi di formazione (85%). L 80% delle aziende dichiara di aver effettuato una valutazione dell ergonomia e il 63% tra questi indica che tale valutazione è stata realizzata da personale interno all azienda. Se si verifica la necessità di effettuare un cambiamento ergonomico, questo viene ottemperato entro 6 mesi (60%), entro un anno (10%), e mai (5%), mentre non risponde il 25% degli intervistati. Al momento dell assunzione è prevista una visita medica in 14 aziende su 20, mentre le visite mediche periodiche sono previste in 19 aziende. La cadenza delle visite periodiche è semestrale per 4 imprese, annuale per 9, e biennale per 6. La valutazione e l analisi dei rischi vengono effettuate nella totalità delle aziende intervistate e chi si occupa di tale aspetto è nel 55% dei casi il Responsabile della Sicurezza e nel 15% dei casi un consulente esterno. Viene redatto un documento su tale valutazione nel 95% delle aziende, e questo documento viene aggiornato nella maggior parte dei casi annualmente (60%).

9 Le procedure di sicurezza sono stabilite prevalentemente dai manager (63%), oppure da uffici esterni (50%), e vengono aggiornate nel 40% dei casi entro un anno, nel 20% oltre un anno e nel 10% secondo le esigenze. Nel 75% delle aziende sono esposti i regolamenti sulla sicurezza. È stato indicato dal 75% delle imprese che i comportamenti fuori norma sono sanzionati. Le modalità con cui avvengono tali sanzioni sono indicati dal 25% con richiami verbali, dal 20% provvedimenti disciplinari, e dal 20% a norma di legge o secondo contratto. Case managment L 85% delle aziende possiede un primo soccorso con una procedura standard la seguire in caso di infortunio sul lavoro. Il monitoraggio dello stato di salute del lavoratore infortunato è presente in 8 imprese e in queste la figura che principalmente esegue tale incarico è il responsabile del personale (25%). Il contatto con l infortunato assente si realizza nel 30% dei casi solo il primo giorno di assenza, nel 40% periodicamente e anche a seconda del rapporto che si ha con il lavoratore e nel 30% non avviene affatto. Il messaggio che si da al lavoratore assente dipende fortemente dal rapporto che questo ha con chi lo chiama: da un formale messaggio a un rapporto molto vicino all amicizia. Il 40% non incoraggia il lavoratore al rientro al lavoro, sopratutto per non far passare tale iniziativa come un atteggiamento di controllo/imposizione. Nell 85% delle aziende non vi è un rientro precoce al lavoro con diversa mansione e non esiste un tale programma per il 70% di esse. I casi che presentano la possibilità di rientrare a lavoro precocemente possono riprendere con una mansione graduale (35%), con un tutor (10%), con un work trial (10%) o con mansione più leggera (35%). Il 60% dei responders afferma che per il lavoratore che non può riprendere la sua mansione originale è previsto un periodo di formazione per acquisire competenze necessarie a svolgere un altro ruolo, mentre per il 20% dei casi questa possibilità viene negata e per il restante 20% non si conoscono precisamente le modalità operative. Il lavoratore assente è generalmente sostituito da personale interno e non viene sostituito nella stragrande maggioranza dei casi (80%). Nell 80% delle imprese non sono previsti dei benefit per promuovere il rientro precoce a lavoro. Non vi è una figura interna all azienda che gestisce il caso d infortunio nell 80% delle interviste. Le aziende che prevedono tale figura la identificano in un consulente esterno.vi è comunque per il 75% dei casi una figura che si occupa delle assenze per malattia prolungate ma solo 1 azienda ha una figura che si occupa dei bisogni terapeutici di tali casi, attraverso il monitoraggio degli interventi fatti sui malati.

10 L idoneità fisica del lavoratore è valutata nel 65% dei casi ed è a cura del medico curante o del lavoro (60%). Le aziende che offrono dei percorsi di diagnosi, terapie e cura sono il 10%. Conclusioni Il progetto di ricerca ha trovato nelle aziende che hanno partecipato una grossa disponibilità in termini di tempo dedicato all indagine e di interesse nell argomento. Appare chiaro che complessivamente le fasi tipiche del DM non vengono applicate dall 85% delle aziende, ed in quelle in cui di fatto sono presenti, ciò accade non in misura strutturata e continuativa. E interessante notare che le uniche aziende in cui i principi del DM vengo ritrovati, del tutto o parzialmente, sono quelle appartenenti a imprese multinazionali. Nella totalità delle aziende il tema della sicurezza dei lavoratori è sentito a tutti i livelli e trova pratiche applicazioni grazie ai dispositivi attuati grazie al D. L.vo 626/94 e successive modificazioni, mentre la promozione della salute sul luogo di lavoro viene svolta in maniera non costante nel tempo e non da tutte le aziende. Le fasi del DM che non trovano una rispondenza nelle aziende che hanno partecipato a tale progetto di ricerca sono gli interventi precoci ed il case management, che vengono visti nella quasi totalità dei casi come elementi innovativi, per i quali le aziende stesse hanno manifestato grande interesse per l eventuale formazione di una figura professionale che dovrebbe implementare il DM nella singola azienda (Case manager).

11 Bibliografia di riferimento 1. Akabas S, Gates L, Galvin D. Disability Management: a complete system to reduce costs, increase productivity, meet employee needs, and ensure legal compliance. American Management Association, Washington Baker E, Israel BA, Schurman S. The Integrated Model: Implications for Worksite Health Promotion and Occupational Health and Safety Practice. Health Education Quarterly 1996; 23 (2): Baker EL, Matte TP. Surveillance of Occupational Illness and Injury. In Halperin W, Baker EL: Public Health Surveillance, Boseman J. Disability management. Application of a nurse based model in a large corporation. AAOHN J 2001;49(4): Breslow L. From disease prevention to health promotion. JAMA 1999; 281: Curtis J, Scott LR. Integrating disability management into strategic plans: creating healthy organizations. AAOHN J 2004;52(7): DGV. La Sicurezza Sociale per coloro che si spostano all interno dell Unione Europea: Guida Pratica. Office for official publications of the European Communities, Luxembourg. ISBN (1995). 8. Feldstein A, Breen V, Dana N. Prevention of work-related disability. Am J Prev Med 1998; 14 (3 Supll): Gründemann RWM, van Vuuren CV. Preventing Absenteeism at the Workplace: European Research Report. European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions, Dublin. Office for official publications of the European Communities, L-2985 Luxembourg. ISBN (1997). 10. Habeck R, Kress M, Sculley S. Surveying the roles of practitioners in disability management. Lansing MI: Michigan State University, Hall R. Disability Management: Best Practices in Early Intervention and Case Management Services. San Diego Stae University, : Banca dati modelli di buona pratica 13. Kalina CM. Strategies in disability management. Corporate disability management programs implemented at the work site. Ann N Y Acad Sci 1999; 888:

12 14. La Torre G, Perna P, Manferdini L, Ricciardi G. Il ritorno al lavoro dopo un assenza prolungata ed il ruolo del Disability Management: il progetto RETURN. Atti 40 Congresso Nazionale S.It.I., Cernobbio, 8-11 settembre La Torre G. Disability management: attualità e prospettive. Atti 40 Congresso Nazionale S.It.I., Cernobbio, 8-11 settembre Olsheski JA, Rosenthal DA, Hamilton M. Disability management and psychosocial rehabilitation: Consideration for integration. Work 2002; 19 (1): Quinn PR. Returning to work after disability. Empl Benefits J 2002; 27 (2): Reed P. Recent ruling on ADA and the value of early intervention. Empl Benefits J 2002; 27 (2): Return to Work for Long Term Absent Employees. (Project Number SERD ). 20. Ricciardi G, La Torre G. Health Promotion and Preventive Measures in Disability Management. Workshop on Disability Management. European Platform for Vocational Rehabilitation, Rome october Saeki S, Takemura J, Matsushima Y, Chisaka H, Hachisuka K. Workplace disability management in postpolio syndrome. J Occup Rehabil 2001; 11 (4): Saeki S. Disability management after stroke: its medical aspects for workplace accomodation. Disabil Rehabil 2000; 22 (13-14): Shephard RJ. Do Work-Site Exercise and Health Programs Work? The Physician and Sportsmedicine Online, February Shrey DE. Worksite disability management model for effective return-to-work planning. Occup Med 2000; 15 (4): Social Protection in Europe 1997: Employment & Social Affairs. European Commission, Office for official publications of the European Communities, Luxembourg. ISBN (1998). 26. Talvi AI, Jarvisalo JO, Knuts LR, Kaitaniemi PR. Life-style related health promotion needs in oil refinery employees. Occup Med 1998; 48(1): Westmorland M, Buys N. Disability management in a sample of Australian self-insured companies. Disabil Rehabil 2002; 24 (14): Williams RM, Westmorland M. Perspectives on workplace disability management: a review of the literature. Work 2002; 19 (1):

13

Progetto DiversaMente

Progetto DiversaMente Progetto DiversaMente Pillole formative su Disabilità e Valore A cura di Clemente Cipresso, Rosa Anna Ferrari, Daniela Fanuzzi Il lavoratore disoccupato, invalido del lavoro con un grado di invalidità

Dettagli

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO La presente Politica rappresenta l impegno della Termisol Termica verso la salute e la sicurezza dei propri lavoratori e di tutte le persone che si trovino ad operare all interno della propria sede e dei

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

Progetto gestito in collaborazione con il Centro Polifunzionale Don Calabria

Progetto gestito in collaborazione con il Centro Polifunzionale Don Calabria Progetto gestito in collaborazione con il Centro Polifunzionale Don Calabria PROCESSO PRODUTTIVO E PROFILI DI RISCHIO GESTIONE IMMOBILIARE Impiegati Tecnici di cantiere GESTIONE FUNERARIO-CIMITERIALE Impiegati

Dettagli

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Indirizzi generali per la valutazione e la gestione del rischio stress lavorativo alla luce dell Accordo Europeo 8.10.2004 Valutazione del rischio da stress

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008 SPISAL negli ambienti di Lavoro Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione negli Ambienti di Lavoro Sede centrale: Valeggio sul Mincio, via

Dettagli

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 1.LAVORO INFANTILE PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI L azienda non intende utilizzare e favorire l utilizzo di lavoro infantile. Se l azienda dovesse venire

Dettagli

Lifestyle in the workplace

Lifestyle in the workplace Healthy Work, Healthy Lifestyle,Healty Business Perugia, 27-28 Aprile 2009 Lifestyle in the workplace Maria Rosaria De Monte, MD Department of Public Health Occupational Medicine, Florence - Italy Small

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Via Baldo Degli Ubaldi, 15 00167 Roma

Via Baldo Degli Ubaldi, 15 00167 Roma C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Residenza MARTINA SPATARO VIA G. SALVEMINI, 64 96017 NOTO (SR) Telefono 329/2762095 0931/836555 Fax E-mail martina.spataro@virgilio.it martina.spa@hotmail.it

Dettagli

RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI

RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI (Elaborazione a cura della dott.ssa Filomena Lo sasso dirigente

Dettagli

Rassegna bibliografica sulla linee guida internazionali nell area della prevenzione delle tossicodipendenze

Rassegna bibliografica sulla linee guida internazionali nell area della prevenzione delle tossicodipendenze Rassegna bibliografica sulla linee guida internazionali nell area della prevenzione delle tossicodipendenze Progetto Inter-regionale : Realizzazione a titolo sperimentale di una Rete Sociale nell Area

Dettagli

Qualità dell ambiente di lavoro per la promozione della salute Alberto Marcacci Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, Svizzera

Qualità dell ambiente di lavoro per la promozione della salute Alberto Marcacci Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, Svizzera Qualità dell ambiente di lavoro per la promozione della salute Alberto Marcacci Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, Svizzera Il lavoro occupa un ruolo centrale nella vita quotidiana e le condizioni

Dettagli

Settori di attività economica

Settori di attività economica ELABORAZIONE DEI DATI QUALITATIVI Chiara Lamuraglia 1. Premessa Al fine di ottenere informazioni di carattere qualitativo che consentissero di interpretare e leggere in modo più approfondito i dati statistici,

Dettagli

Il programma Workplace Health Promotion e la Rete WHP Bergamo

Il programma Workplace Health Promotion e la Rete WHP Bergamo Il programma Workplace Health Promotion e la Rete WHP Bergamo Marco Cremaschini Coordinatore Scientifico della Rete WHP Bergamo ASL Bergamo - Servizio Promozione della Salute mcremaschini@asl.bergamo.it

Dettagli

Ina Sockoll, Ina Kramer, Wolfgang Bödeker

Ina Sockoll, Ina Kramer, Wolfgang Bödeker IGA. Report 13e L EFFICACIA E I BENEFICI ECONOMICI DELLA PREVENZIONE E DELLA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Sintesi delle evidenze scientifiche dal 2000 al 2006 Ina Sockoll, Ina Kramer, Wolfgang

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

AREA Stili di vita e lotta all obesità

AREA Stili di vita e lotta all obesità Bando Oscar della Salute 2012 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO AREA Stili di vita e lotta all obesità Titolo del Ente proponente Riguardiamoci il cuore - III edizione

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE:DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. H al bando di ammissione in data 27 settembre 2011 - II GRUPPO Art. 1 Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2011/2012, presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, Dipartimento

Dettagli

Collana utilities_4 Biblio WHP. Workplace Health Promotion breve bibliografia ragionata

Collana utilities_4 Biblio WHP. Workplace Health Promotion breve bibliografia ragionata Collana utilities_4 Biblio WHP Workplace Health Promotion breve bibliografia ragionata Modelli teorici World Health Organization, Healthy workplaces: a model for action. For employers, workers, policy-makers

Dettagli

SAFETY & SECURITY IN AMBITO BANCARIO EXCELLENCE CONSULTING OUTSOURCING STRATEGIES TRAINING TO CHANGE

SAFETY & SECURITY IN AMBITO BANCARIO EXCELLENCE CONSULTING OUTSOURCING STRATEGIES TRAINING TO CHANGE SAFETY & SECURITY IN AMBITO BANCARIO EXCELLENCE CONSULTING OUTSOURCING STRATEGIES TRAINING TO CHANGE CHI SIAMO RECONSULT nasce dall intraprendenza di 5 soci amministratori provenienti da consolidate esperienze

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: IL PERCORSO DELLA PROGETTAZIONE

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: IL PERCORSO DELLA PROGETTAZIONE SETTIMANA EUROPEA PER LA SICUREZZA 20-24 OTTOBRE 2014 PROMUOVIAMO LA CULTURA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: UN PERCORSO PER CONOSCERE CHI FA PREVENZIONE NEL TERRITORIO NOVARESE

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Lo screening del carcinoma della cervice uterina

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Lo screening del carcinoma della cervice uterina Lo screening del carcinoma della cervice uterina JPH - Year 7, Volume 6, Number 2, Suppl. 2, 2009 Introduzione L esame citologico cervico-vaginale, o test di Papanicolau (pap test), è l unico test di screening

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

Formare e informare i propri lavoratori (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs)

Formare e informare i propri lavoratori (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs) Formare e informare i propri lavoratori (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs) L intera organizzazione dovrebbe essere a conoscenza

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Riesame della Direzione SA8000 del 24.02.2015 METALLINEA SRL

Riesame della Direzione SA8000 del 24.02.2015 METALLINEA SRL Riesame della Direzione SA8000 del 24.02.2015 METALLINEA SRL 1. Partecipanti... 2 2. Responsabilità dell attività di Riesame, definizione di un calendario di date per il Riesame della Direzione e modalità

Dettagli

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Secondo le indicazioni della Commissione consultiva 17/11/2010 Associata ECO-CONSULT S.r.l., fondata nel 1991, opera nel campo dell

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO

ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO Dott.ssa Loredana Guidi 1 LEGGE QUADRO IN MATERIA DI ALCOL E DI PROBLEMI ALCOLCORRELATI N. 125 / 30 MARZO 2001 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Il consiglio dell operatore sanitario

Il consiglio dell operatore sanitario Il consiglio dell operatore sanitario I programmi di prevenzione sono oggi sempre più articolati e vedono il coinvolgimento di un numero sempre più ampio ed eterogeneo di soggetti. In un approccio intersettoriale,

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo 1. PREMESSA L Azienda, dopo aver realizzato iniziative di rilevazione del clima organizzativo nel 2006 su un campione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Boni Roberto

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Boni Roberto F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME E NOME Indirizzo abitazione Comune abitazione CAP abitazione Telefono abitazione Telefono cellulare E-mail

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO SCOPO E OBIETTIVI L obiettivo aziendale di realizzare e mantenere per i dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, sano

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

RE-INTEGRATE Incontro con le aziende ITALIA

RE-INTEGRATE Incontro con le aziende ITALIA RE-INTEGRATE Incontro con le aziende ITALIA Return to Work An Integrated e-learning Environment A Leonardo project: 2007 to 2009 CENTRO POLIFUNZIONALE DON CALABRIA - CRISTINA RIBUL MORO Obiettivo dell

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

ASL NO - NOVARA ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA

ASL NO - NOVARA ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA ASL NO - NOVARA Dipartimento di Prevenzione S.Pre.S.A.L. ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA Novara, 26 Novembre 2010 Dott.ssa Anna Adriana Centonze 1 PREMESSA

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

Le politiche anti-fumo della Regione Piemonte

Le politiche anti-fumo della Regione Piemonte PRAT - Piano Regionale Anti-Tabacco Le politiche anti-fumo della Regione Piemonte Fabrizio Faggiano Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze - OED Piemonte Università del Piemonte Orientale Il tabagismo

Dettagli

PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA

PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA ANNO 2010-2013 Comunità Montana Valle Brembana febbraio 2010 Il punto di partenza: cosa prevenire? Fattori di rischio modificabili per malattie cronico degenerative

Dettagli

Il problema di salute sociale

Il problema di salute sociale La Prevenzione degli Infortuni e la Promozione della Salute nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al fenomeno dell invecchiamento della forza lavoro Valentina Trotta Il problema di salute sociale

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004

Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004 Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004 Sperimentazione di un nuovo modello gestionale della medicina di famiglia che, attraverso il lavoro in equipe e la strategia

Dettagli

Il presente regolamento costituisce atto di politica aziendale in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e stili di vita.

Il presente regolamento costituisce atto di politica aziendale in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e stili di vita. REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI E DI TERZI IN AOUC RISPETTO AL CONSUMO DI ALCOL AI SENSI DELL ART. 15 - LEGGE 125/2001. Adottato il 14/05/14 con provv. DG 285/2014

Dettagli

Italian. Rights and Responsibilities. Una guida per pazienti, badanti e famiglie

Italian. Rights and Responsibilities. Una guida per pazienti, badanti e famiglie Italian Rights and Responsibilities Una guida per pazienti, badanti e famiglie Contenuto L assistenza sanitaria i tuoi diritti e doveri...3 Accesso Hai il diritto di avvalerti dell assistenza sanitaria...3

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

realizzato in collaborazione con

realizzato in collaborazione con Un progetto di: realizzato in collaborazione con Modelli sostenibili per l Age Management e il Welfare Aziendale Indagine di AstraRicerche in collaborazione con Manageritalia Competitività, politiche intergenerazionali

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

CHECKLIST INDICATORI STRESS LAVORO CORRELATO

CHECKLIST INDICATORI STRESS LAVORO CORRELATO Timbro azienda: CHECKLIST INDICATORI STRESS LAVORO CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Pagina FASE - VALUTAZIONE INDICATORI OGGETTIVI STRESS LAVORO CORRELATO Pagina FASE IDENTIFICAZIONE DELLE

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità dei servizi

Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità dei servizi Le cure domiciliari: quali possibili sviluppi tra mutamentii socio demografici, innovazione tecnologica e sostenibilità Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità

Dettagli

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato:

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato: La pianificazione regionale 2005-2009 1) Obiettivi iniziali del progetto In Veneto le attività di prevenzione negli ambienti di lavoro sono state pianificate tenendo conto dello scenario nazionale e regionale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. D al bando di ammissione pubblicato in data 22/10/2014 ART. 1 TIPOLOGIA E istituito per l a.a. 2014/2015, il Master Universitario di II livello abilitante per lo svolgimento delle funzioni di medico

Dettagli

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità salute Art. 32 della Costituzione Italiana: la Repubblica tutela la salute

Dettagli

La politica aziendale per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze nei luoghi di lavoro

La politica aziendale per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze nei luoghi di lavoro SEMINARI TECNICI SCUOLA EDILE BRESCIANA 27 Marzo 2010 La politica aziendale per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze nei luoghi di lavoro Paola Paglierini Laura Benedetti Servizio PSAL POLITICA:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Il sottoscritto Tommaso Saporito nato a Petilia Policastro(KR) il 01 dicembre 1958 residente a Lissone in Via Monte Grappa 33, consapevole

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Programmi aziendali strutturati per la misurazione, il monitoraggio e il miglioramento dello stato di salute e benessere della persona e dell azienda

Programmi aziendali strutturati per la misurazione, il monitoraggio e il miglioramento dello stato di salute e benessere della persona e dell azienda Programmi aziendali strutturati per la misurazione, il monitoraggio e il miglioramento dello stato di salute e benessere della persona e dell azienda Una sana passione imprenditoriale Il progetto Wellsalus

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

Chantelle srl, 20153 Milano Retail

Chantelle srl, 20153 Milano Retail Curriculum Vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAFFAELLA MAZZOCCOLI Indirizzo VIA PASTORELLI 4/E MILANO Telefono Cellulare: 3406677437 E-mail r.mazzoccoli@libero.it Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Codice fiscale Valoti Silvia VLTSLV65H65A794N ESPERIENZA LAVORATIVA 07/2008 - in corso ITALIA LAVORO SPA - VIA MAZZINI 7 - Milano (Milano)

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del : Descrizione di sintesi

Dettagli

COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE

COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE Età media dipendenti 2010 2009 2008 Uomini 45,4 44,7 44,5 Donne 41,3 40,6 40,2 Dirigenti 50,1 49,6 49,3 Dipendenti per categoria e genere [%] 2010 2009 2008 Dirigenti

Dettagli

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT del 2004 riportano che circa 2,6 milioni di persone con

Dettagli

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Analisi fabbisogni su campione di aziende della provincia di Firenze 2007-2008 Firenze,

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013

COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013 COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013 OGGETTO: aggiornamento DVR circa l abuso di alcol e problemi alcol correlati. All attenzione del Dirigente di codesto istituto scolastico

Dettagli

ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO

ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO CENTRO BERGAMASCO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO Documento di Policy 24 novembre 2010 ASL DI BERGAMO: AZIENDA LIBERA DAL FUMO La nostra Policy Perché un ASL libera dal

Dettagli

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE La presente pubblicazione è stata realizzata in collaborazione con Centro Studi Fleet & Mobility e

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE 2012

RELAZIONE ANNUALE 2012 Regione Toscana Azienda UNITA' SANITARIA LOCALE n.6 di LIVORNO Viale Alfieri,36-57128 LIVORNO U.O. FORMAZIONE RELAZIONE ANNUALE 2012 Eventi programmati 292 Eventi realizzati 286 Percentuale realizzati

Dettagli

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO Guglielmo Nicola Bauleo 1, Roberta Anulli 2, Paola Scatolini 1 1 U. F. PISLL - Zona Valtiberina Az. USL 8 di Arezzo 2 U. F. PISLL Zona Aretina,

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

Dgr n. 2031 del 26.07.2005

Dgr n. 2031 del 26.07.2005 giunta regionale 8^ legislatura 2.4 PREVENZIONE DEI TRAUMI DA TRAFFICO 2.4.1 Il contesto regionale (epidemiologico, organizzativo ecc) Gli incidenti stradali nel Veneto: la dimensione epidemiologica. Nella

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato Indice Pagina Il rischio stress lavoro correlato Fase

Dettagli

DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERR

DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERR IL RUOLO DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERRITORIO Dr. Bruno Corda La specializzazione dei sistemi porta alla segmentazione cui segue necessariamente l esigenza di integrazione e coordinamento.

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema di sorveglianza italiano sui fattori di rischio comportamentali per la salute della

Dettagli

Direzione Centrale Pianificazione, Sistemi, Risorse e Organizzazione

Direzione Centrale Pianificazione, Sistemi, Risorse e Organizzazione Direzione Centrale Pianificazione, Sistemi, Risorse e Organizzazione PROCEDURA PER LE ATTIVITÀ DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Revisione 3 del 20.10.2014 INDICE GENERALE 1. Premessa...3 2. Obiettivi...3

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE. Laura Mengoni

LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE. Laura Mengoni LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE Laura Mengoni Roma, 17 Luglio 2012 LA TRANSIZIONE SCUOLA LAVORO Contratto di apprendistato (d.lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Nome vecchio

Dettagli

Lavoratori in età avanzata

Lavoratori in età avanzata Lavoratori in età avanzata Il calo della quota di giovani che accederanno al mondo del lavoro nei prossimi anni sarà accompagnato da un aumento significativo della percentuale di lavoratori più anziani

Dettagli