GESTIRE I RIFIUTI NEI PARCHI NAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIRE I RIFIUTI NEI PARCHI NAZIONALI"

Transcript

1 GESTIRE I RIFIUTI NEI PARCHI NAZIONALI STRATEGIE INNOVATIVE PER LA REALIZZAZIONE DI SISTEMI INTEGRATI PER IL RECUPERO DA BIOMASSA

2

3 GESTIRE I RIFIUTI NEI PARCHI NAZIONALI strategie innovative per la realizzazione di sistemi integrati per il recupero da biomassa

4

5 GESTIRE I RIFIUTI NEI PARCHI NAZIONALI STRATEGIE INNOVATIVE PER LA REALIZZAZIONE DI SISTEMI INTEGRATI PER IL RECUPERO DA BIOMASSA

6 GESTIRE I RIFIUTI NEI PARCHI NAZIONALI strategie innovative per la realizzazione di sistemi integrati per il recupero da biomassa Il progetto europeo LIFE-RELS è stato coordinato dal Dipartimento di scienze e metodi per l ingegneria dell Università di Modena e Reggio Emilia. Partner di progetto per la realizzazione delle diverse azioni previste sono stati: Comune di Reggio Emilia, Servizio cura della città e sostenibilità ambientale. Provincia di Forlì-Cesena, Servizio agricoltura, spazio rurale, flora e fauna e Ufficio progetti europei, in collaborazione con il parco nazionale delle Foreste Casentinesi. Provincia di Cosenza, Settore programmazione e internazionalizzazione, in collaborazione con il parco nazionale della Sila. Il coordinatore e i partner ringraziano la Commissione europea per l opportunità offerta all interno del programma LIFE+ e per il contributo concesso. realizzazione editoriale Edizioni Ambiente srl coordinamento redazionale: Diego Tavazzi progetto grafico: GrafCo3 Milano impaginazione: Roberto Gurdo 2013 Edizioni Ambiente via Natale Battaglia 10, Milano tel , fax Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o qualsiasi supporto senza il permesso scritto dell Editore. ISBN Finito di stampare nel mese di settembre 2013 presso GECA S.p.a., San Giuliano Milanese (Mi) Stampato in Italia Printed in Italy Questo libro è stampato su carta certificata FSC i siti di edizioni ambiente seguici anche su: Facebook.com/EdizioniAmbiente Twitter.com/EdAmbiente Twitter.com/ReteAmbiente

7 sommario premessa 7 Alberto Bellini Project Manager progetto Life+ RELS rels e strategia europea di gestione sostenibile dei rifiuti 9 Walter Ganapini 1. progetto rels: la gestione sostenibile dei rifiuti nei parchi 13 naturali come strumento per l uso razionale delle risorse 2. la conservazione, tutela e valorizzazione dei beni naturali 29 e principali strategie per la protezione della biodiversità in italia ed europa 3. buone pratiche di gestione dei rifiuti nelle aree urbane il progetto rels nei parchi nazionali della sila 69 e delle foreste casentinesi 5. il progetto di un impianto integrato per la valorizzazione 109 energetica delle biomasse da rifiuto 6. il progetto rels, parchi e aree protette: studio dell applicazione 123 dei risultati ottenuti nei comuni dislocati all interno dell area del parco delle foreste casentinesi e nelle zone limitrofe 7. la formazione nell ambito delle attività di gestione dei rifiuti: 145 corso e-learning, corso di giornalismo ambientale e piano di comunicazione scientifica nell ambito del progetto europeo rels 8. in viaggio tra rifiuti e risorse in germania 157

8

9 premessa La gestione dei rifiuti è un tema di grande interesse sociale, economico e ambientale. Infatti, attraversa le azioni quotidiane per gli ambiti residenziali, commerciali e produttivi. La strategia Europa 2020 pone tra le sue priorità l uso efficiente delle risorse: la corretta gestione dei rifiuti e la loro trasformazione in risorsa rappresentano uno strumento fondamentale in questa direzione. Il rispetto e l applicazione dei principi comunitari della gerarchia della gestione dei rifiuti consentono, come avviene da anni in molti stati membri della Comunità europea, di ridurre al minimo il ricorso alle discariche, di risparmiare risorse naturali, di aumentare la competitività di molti settori industriali e, non ultimo, di ridurre l impatto ambientale e le emissioni di gas a effetto serra. Infatti, la realizzazione di una filiera industriale per il recupero di rifiuti consente di realizzare un modello di economia circolare : un modello in cui le risorse economiche per gli investimenti sono ottenute dal risparmio di combustibili fossili e di materie prime, e non dallo sfruttamento delle risorse naturali; un modello economico compatibile con la responsabilità intergenerazionale e con la necessità di ridurre la nostra impronta ecologica per mitigare i cambiamenti climatici. Il progetto Life+ RELS (Innovative chain for energy REcovery from waste in natural parks) intende contribuire in maniera innovativa ed efficace allo sviluppo delle priorità dell Unione europea, nel campo della gestione ecocompatibile dei rifiuti, con particolare attenzione ai parchi naturali. I partner in Italia sono l Università di Modena e Reggio Emilia, il Comune di Reggio Emilia, la Provincia di Forlì-Cesena e la Provincia di Cosenza. Il progetto analizza il caso dei parchi naturali, perché questi sono uno strumento ideale per sensibilizzare sui temi della sostenibilità ambientale e per dimostrare che esistono soluzioni efficienti, a ridotto impatto ambientale, che possono essere installate anche all interno di aree naturalistiche. Di seguito sono riportati diversi contributi dei ricercatori e partner coinvolti nel progetto, che riassumono i risultati e le principali azioni del progetto, che si è sviluppato su due tematiche principali: educazione ambientale e progetto di sistemi integrati per la gestione dei rifiuti. Il messaggio principale è che il recupero di materia è sempre preferibile al recupero di energia, sia dal punto di vista economico sia ambientale. Questo obiettivo si deve perseguire adottando tutti gli strumenti disponibili sia per la raccolta, sia per la fase di selezione e pre-trattamento.

10 8 gestire i rifiuti nei parchi naturali Ringrazio con piacere i colleghi e i direttori del Dismi, Università di Modena e Reggio Emilia, che hanno accompagnato il progetto con le loro attività di ricerca e il loro impegno, tutti i partner, Enìa (ora Iren) e Romagna Acque per il loro supporto al progetto. Un ringraziamento sincero a Ivan Montanari, motore primo del progetto, insieme a Pinuccia Montanari, e a Massimo Milani, che insieme a me hanno coordinato e sviluppato questo percorso complesso, ma importante e significativo. Reggio Emilia, 24 giugno 2013 Alberto Bellini Project Manager progetto Life+ RELS

11 rels e strategia europea di gestione sostenibile dei rifiuti Il cambiamento climatico in atto è frutto delle emissioni provocate dal modo sin qui prevalente di utilizzazione delle risorse del pianeta, senza tener conto della loro esauribilità prima qualitativa che quantitativa, nella logica di una crescita orientata alla massimizzazione del profitto di pochi a scapito dei bisogni primari di molti. I rifiuti, in quanto porzione metabolica dei flussi di energia, materia, informazione che alimentano gli insediamenti umani, sono parte di quelle emissioni e dunque contributo energetico indiretto all incremento di entropia del sistema. Per modificare questa logica, occorre disaccoppiare la qualità di beni prodotti e servizi erogati dalla quantità delle risorse consumate nei processi di produzione e trasformazione, secondo un approccio globale finalizzato all efficienza e alla prevenzione, in base a una precisa scala di azioni a priorità decrescente, mutando stili di produzione, di consumo, di vita. Il primo passo consiste nel ridurre all origine la quantità e la pericolosità dei rifiuti, obiettivo che implica che nel progettare un bene ci si interroghi su quale sarà il suo destino alla fine del primo ciclo d uso e sulle emissioni solide, liquide e gassose che genererà già in fase di produzione. Per massimizzare le opportunità di recupero dei materiali inglobati nel prodotto diventa perciò strategico l ecodesign, dopo l analisi del ciclo di vita del bene che includa il bilancio di massa ed energia delle diverse opzioni progettuali (approccio cradle to cradle). La nuova sfida sistemica è quella della Politica integrata di prodotto (IPP, Integrated product policy), intesa come capacità d inglobare all origine nel prodotto (bene, servizio o territorio) la valenza anche simbolica della sua prestazione ambientalmente favorevole. L impresa che non vive la regolazione ambientale come costo/vincolo o semplice adempimento burocratico sa che passa di qui il proprio successo competitivo, attrezzandosi al riguardo con strategie di ascolto e di coinvolgimento diretto (attraverso i forum o altri canali, compresi i social media) degli stakeholder già in fase di pianificazione strategica. L approccio oggi noto come Rifiuti Zero, fatto proprio dalla Ue, dopo la prevenzione vede nel riuso dei rifiuti domestici e industriali l opzione più favorevole, perché la meno dissipativa del contenuto informativo ed energetico della materia: manutenzione dei beni e il loro riutilizzo diventano l oggetto delle Fabbriche dei materiali, prospettiva sempre più concreta anche in Italia. Premessa per il successo di quest opzione, così come per quella del recupero/riciclaggio, è la differenziazione all origine delle frazioni riciclabili: a livello domestico, generalizzando la raccolta differenziata domiciliare ( porta a porta ) accompagnata dalla diffusione della tariffa puntuale, che a parità

12 10 gestire i rifiuti nei parchi naturali di costi con il servizio incentrato sui grandi contenitori stradali (dove finisce una gran quantità di rifiuti impropri di origine non domestica) ha dimostrato di generare in brevissimo tempo tassi di recupero superiori al 70%. Fondamentale è il ruolo del compostaggio dei rifiuti organici domestici raccolti selettivamente in sacchetti compostabili e biodegradabili, al fine di riportare fertilità naturale nei terreni, soprattutto nell epoca del cambiamento climatico che ne favorisce l aridificazione. In logica di riciclo si colloca poi la pratica della ri-lavorazione di discariche esaurite o in via di esaurimento, che trae origine dall esigenza di mettere in sicurezza/bonificare siti nei quali siano collocati rifiuti a elevata pericolosità: l esito inaspettato di queste iniziative è stato in Germania il conferimento a riciclo industriale di enormi quantitativi di metalli, plastiche, maceri cellulosici e altre sostanze passate indenni lungo decenni di permanenza in discarica. Segnali in tal senso derivano anche dall attuazione della direttiva Rifiuti elettrici ed elettronici; nonostante la compresenza di traffici ecomafiosi verso Cina e paesi in via di sviluppo, si estende il ricorso al loro disassemblaggio per recuperarne terre rare con crescente valenza strategica per l Information Technology. Non sfugge poi alla tendenza conservativa il settore dei detriti di demolizione: decollano anche qui le pratiche di raccolta selettiva di coppi e laterizi in vista del riuso diretto o di recupero delle macerie, previo trattamento di macinazione, vagliatura, additivazione con composti. Il rifiuto urbano residuo (Rur, meno del 30% del Ru prodotto) a valle della raccolta differenziata porta a porta, dopo stabilizzazione aerobica (Tmb, Trattamento beccanico-biologico a freddo) genera una frazione secca (15-20% del Ru iniziale); in logica rifiuti zero, tale flusso può andare a recupero come materiale speciale per l edilizia o per la ricopertura/ripristino di discariche. Sempre in logica europea, esso potrebbe (terza priorità in ordine decrescente) essere destinato al recupero di energia, in quanto Combustibile derivato da rifiuti (Cdr), con potere calorifico inferiore utile (PCIu) di circa kcal/kg, paragonabile a quello della legna da ardere. La normativa comunitaria, al riguardo, ha visto una evoluzione del concetto di recupero energetico dall iniziale definizione come combustione solo della Frazione dei rifiuti a elevato potere calorifico (vista come Best Available Technology Not Entailing Excessive Costs) a quella, negli anni Novanta, di combustione del Cdr all interno di schemi cogenerativi con recupero di energia termica ed elettrica (vista come Best Available Technology). Dal febbraio 2003, due sentenze della Corte di Strasburgo aggiornano la definizione recuperando la ratio iniziale della gerarchia di priorità Ue, in parte offuscata dal lobbismo degli interessi politico-affaristici tradizionalmente legati all incenerimento (opzione di smaltimento più costosa come investimento ed esercizio) definendo come recupero energetico solo l utilizzo del Cdr in impianti industriali esistenti (per esempio cementiere o centrali termoelettriche a carbone/lignite) in sostituzione di combustibili fossili più impattanti ed esauribili. La Corte riprende il Protocollo di Kyoto, negando la definizione di recupero a impianti che generino emissioni climalteranti addizionali a quelle già esistenti (come gli inceneritori, anche in schema cogenerativo, che così vengono cancellati dalla lista positiva degli impianti a recupero annessa alla direttiva settoriale), mentre la attribuisce

13 rels e strategia europea di gestione sostenibile dei rifiuti 11 ai citati casi di alimentazione a combustori esistenti che generano emissioni sostitutive, spesso in senso migliorativo. In Italia la co-combustione di Cdr presso la centrale a carbone di Fusina (Ve) e la cementiera Buzzi-Unicem di Robilante (Cn) ha portato a emissioni verificate dagli organi di controllo come di qualità migliore rispetto a quelle da combustibili convenzionali in uso. Si confermano così i risultati di un ampio studio dell Agenzia danese per l ambiente che alla fine degli anni Novanta mise a confronto sperimentale, ad Arlborg, incenerimento diretto di Cdr e suo uso alternativo in co-combustione nel forno rotativo della cementiera Portland là locata: lo studio determinò che la co-combustione in cementiera si caratterizzava per miglior impatto ambientale, sociale ed economico rispetto all incenerimento in impianto dedicato. Oltre alla combustione diretta, vanno citate tra le opzioni di recupero energetico la gassificazione del Cdr da immettere nelle reti di gas naturale o in impianti termoelettrici a ciclo combinato e la digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti urbani, opzione che non esclude l utilizzo del fango, una volta stabilizzato aerobicamente, come fertilizzante o ammendante. Infine, ultima opzione, la discarica del rifiuto residuo comunque pretrattato: la direttiva Discariche dell Ue la penalizza (ritenendo il gestore di discarica penalmente/civilmente responsabile dei danni fino a trenta anni dalla chiusura) perché genera biogas climalterante e scoraggia prevenzione e riuso/recupero: di qui la necessità di misure disincentivanti, pur spettando alla discarica un ruolo satellitare nella gestione dei rifiuti nei nuovi paesi membri che devono conseguire gli standard Ue. Tra i contesti territoriali più sensibili agli effetti di una scorretta gestione dei rifiuti dobbiamo avere ben presenti le aree protette, luoghi di necessaria tutela, conservazione e riproduzione di quella biodiversità che rappresenta un valore critico per la nostra esistenza sul pianeta. Il progetto RELS ha focalizzato questa peculiarità e ha avviato analisi mirate e progettazione delle migliori soluzioni che la strategia europea e l esperienza tecnologica e gestionale maturata anche a scala nazionale rendono disponibili al fine di migliorare il governo sostenibile di quelle aree. Non dimentichiamo la valenza economica delle aree protette, in primis per il turismo, risorsa cruciale per l Italia: il turismo tenderà a generare una pressione crescente su quegli ambienti, quando dovesse allentarsi la crisi sistemica in atto, finanziaria e ambientale, dando fiato alle attese in tal senso derivanti dall aumento, nel Nord dell Europa e del mondo, dell aspettativa di vita e del tempo libero a disposizione di quelle fasce d età. La pressione, in qualche misura auspicabile, si eserciterà sugli aspetti insediativi, territoriali, sul sistema dei trasporti, sulle acque, sul consumo di beni: la produzione di rifiuti sarà tra le variabili in gioco più importanti che andranno viste in modo sistemico. Per questo dobbiamo sapere governare una serie complessa di azioni e reggere la sfida della sostenibilità, sapendo coniugare il massimo di capacità innovativa anche in tema di rifiuti alle nostre radici culturali, alla tipicità dei nostri prodotti, ai saperi materiali che rischiamo altrimenti di perdere, saldando l ecoefficienza e la riflessione sugli stili di vita. Walter Ganapini

14

15 1. progetto rels: la gestione sostenibile dei rifiuti nei parchi naturali come strumento per l uso razionale delle risorse Alberto Bellini Project Manager progetto Life+ RELS Una corretta gestione dei rifiuti e la loro trasformazione in risorsa rappresentano il principale passo verso un utilizzo efficiente delle risorse naturali. Il rispetto e l applicazione dei principi comunitari della gerarchia della gestione dei rifiuti consentono, come avviene da anni in molti stati membri della Comunità europea, di ridurre al minimo il ricorso alle discariche, di risparmiare risorse naturali, di aumentare la competitività di molti settori industriali e, non ultimo, di ridurre l impatto ambientale e le emissioni di gas a effetto serra. Il progetto Life RELS (Innovative chain for Energy Recovery from waste in natural parks) intende contribuire in maniera innovativa ed efficace allo sviluppo delle priorità dell Unione europea, nel campo della gestione eco-compatibile dei rifiuti, con particolare attenzione alle aree di parco. Il progetto, che si è svolto tra gennaio 2010 e giugno 2013, si è sviluppato attraverso due principali azioni: 1) educazione ambientale; 2) definizione delle tecnologie ottimali per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti, attraverso il confronto quantitativo di diversi scenari. Sul fronte della educazione ambientale, il progetto RELS ha realizzato un corso on line di gestione dei rifiuti che ha visto la partecipazione di oltre mille persone da tutta Italia (http://www.eco-ambiente.unimore.it). Inoltre, ha organizzato diverse conferenze e corsi a livello nazionale, che sono stati occasione di confronto e discussione tra gli esperti e gli amministratori. Sul fronte tecnologico, è stato sviluppato uno strumento numerico (Biomass Management Tool ), che consente di stimare le figure di merito energetiche, ambientali ed economiche ottenute attraverso la combinazione di impianti per il trattamento dei rifiuti al variare delle loro tipologie e quantità. Tale strumento consente di analizzare diversi scenari ottenuti combinando impianti

16 14 gestire i rifiuti nei parchi naturali di smaltimento (discariche e inceneritori); impianti di compostaggio e digestori; impianti di recupero della frazione secca pesante e impianti di gassificazione. I ricercatori dell Università di Modena e Reggio Emilia hanno definito il progetto preliminare di due architetture, ottimizzate per il ciclo integrale di gestione rifiuti nei parchi naturali. La prima prevede l uso di impianti per il recupero energetico (inceneritori) e di impianti di recupero di materia per la frazione secca pesante (figura 1), la seconda l uso combinato di tecnologie di digestione anaerobica, gassificazione, e impianti di recupero di materia per la frazione secca pesante (figura 2). Il confronto tra le due architetture consente di scegliere la migliore in termini di rendimento energetico e in termini di impatto ambientale. L analisi comparativa è stata figura 1 architettura per il ciclo integrato di gestione rifiuti basata su incenerimento* * Esempio di un parco naturale con raccolta differenziata al 38%.

17 1. progetto rels: la gestione sostenibile dei rifiuti nei parchi naturali realizzata su diversi indici, appartenenti a quattro categorie: salute, qualità dell ecosistema, cambiamenti climatici, risorse. A parità di produzione rifiuti e di raccolta differenziata, gli indici riportano un netto miglioramento per la seconda architettura, che consente di raddoppiare il rendimento energetico dal 25 al 50% (per la parte di materiale recuperata) e di ridurre di oltre il 50% gli indici relativi a salute, ecosistema e cambiamenti climatici. Infine, l aumento della percentuale di raccolta differenziata consente di ridurre ulteriormente gli indici relativi a salute, ecosistema e cambiamenti climatici. Un dimostratore di piccola taglia (10 kw elettrici) della seconda architettura è stato realizzato e messo a disposizione dei parchi naturali partner del progetto. figura 2 architettura per il ciclo integrato di gestione rifiuti, basata su recupero energetico, digestione anaerobica e gassificatore* * Esempio di un parco naturale con raccolta differenziata al 38%. 15

18 16 gestire i rifiuti nei parchi naturali 1. introduzione La gestione efficiente dei rifiuti è un elemento essenziale per realizzare un uso efficiente delle risorse (si veda il paragrafo 3). Il recupero energetico è da considerare un intervento residuale, poiché il recupero di materia si traduce in un doppio vantaggio: riduzione dell impronta ecologica per la produzione di manufatti, realizzati con materie prime seconde, e quindi senza impatto sulle materie prime naturali; risparmio energetico: infatti, il costo energetico per la produzione di un manufatto è largamente superiore alla quantità di energia recuperata dal materiale di cui è composto. Tale differenza è ancora maggiore se si realizzano distretti di recupero che trasformano i materiali post-consumo dove questi sono stati conferiti. L analisi dei rapporti sulla gestione dei rifiuti nei diversi stati europei e nelle relative regioni mostra alcuni dati interessanti: ci sono variazioni sostanziali tra gli stati, ma anche tra le regioni di un singolo stato. Le politiche regionali e locali hanno un impatto davvero rilevante sulla gestione dei rifiuti: sulla prevenzione, sulla raccolta differenziata e come dimostratori di modelli efficienti da replicare in altre regioni o nazioni.[1] Dall analisi di 32 paesi europei emerge chiaramente una stretta relazione tra l introduzione della ecotassa per lo smaltimento e i risultati ottenuti in termini di prevenzione, di percentuali di raccolta differenziata e di aumento di materiale avviato a recupero.[1, 2, 3] Questi principi sono stati recentemente confermati dalla relazione del Gruppo di lavoro in materia economico-sociale della Presidenza della repubblica (cfr. sezione 4.7): Se la promozione della raccolta differenziata costituisce il presupposto per la trasformazione del rifiuto in merce dotata di valore economico, si potrebbe prevedere la destinazione di una parte dei ricavi derivanti dalla vendita del materiale differenziato all abbattimento del costo della raccolta dei rifiuti pagato dai cittadini e dalle imprese. Questo provvedimento aumenterebbe gli incentivi a comportamenti virtuosi, favorendo lo sviluppo di una cultura diffusa orientata al riciclo dei rifiuti. D altra parte, si dovrebbe procedere a una liberalizzazione di tutte le fasi della filiera della gestione dei rifiuti, che non devono essere necessariamente svolte in regime di privativa: in pratica, tutte le fasi che si situano a valle delle attività collegate alla raccolta urbana dei rifiuti dovrebbero essere liberalizzate. Inoltre, un impulso all utilizzo dei materiali provenienti dal recupero e riciclaggio dei rifiuti potrebbe derivare dall imposizione alle pubbliche amministrazioni dell obbligo di acquistare prodotti realizzati con materiale riciclato. La redazione dei piani regionale di gestione rifiuti diventa quindi uno strumento per programmare politiche di medio periodo per ottenere alcuni obiettivi: portare le regioni italiane al livello delle regioni più evolute del Nord Europa in termini di quota di materiale avviato a recupero e di produzione di rifiuti pro capite; ridurre la quota di materiale avviato a smaltimento e i relativi impatti ambientali ed economici, in termini di mancato recupero di materia; promuovere l uso efficiente delle risorse, aumentando la quota di materiale recuperato.

19 1. progetto rels: la gestione sostenibile dei rifiuti nei parchi naturali 17 La realizzazione di questi obiettivi richiede adeguati incentivi e disincentivi economici per promuovere la raccolta differenziata di qualità e la prevenzione dei rifiuti. Tutti i rapporti a livello europeo dimostrano che l effetto di queste politiche tributarie è molto rapido ed efficace in termini di riduzione di quota di rifiuti avviata a smaltimento, in accordo con sgli indirizzi più recenti della Comunità europea, che prevede il divieto dell incenerimento dei rifiuti che possono essere riciclati o compostati (cfr. comma 32, risoluzione del parlamento europeo 20 aprile 2012, Revisione del sesto programma d azione in materia di ambiente e la definizione delle priorità per il settimo programma d azione in materia di ambiente. Un ambiente migliore per una vita migliore ). Inoltre, un sistema di smaltimento rifiuti basato su impianti d incenerimento è necessariamente molto rigido, poiché gli impianti lavorano in maniera ottimale solo con una data quantità di rifiuti con prefissato potere calorifico. Ogni variazione di quantità o qualità dei rifiuti raccolti, che non può essere prevedibile a medio termine, determina difficoltà operative agli impianti. La rigidità del sistema degli impianti d incenerimento sta portando a risultati paradossali nei paesi del Nord Europa. In Germania, negli ultimi cinque anni, la percentuale di rifiuti solidi urbani avviata a recupero di materia è scesa dal 65% al 60% circa, per effetto della sovracapacità degli impianti d incenerimento, causata dalla riduzione di materiale disponibile per effetto della crisi economica (si veda il paragrafo 3.3). La Germania è stata costretta a preferire il recupero energetico a quello di materia per la rigidità degli inceneritori, nonostante quest ultimo sia preferibile sia dal punto di vista economico sia ambientale. In Italia si deve programmare una trasformazione del sistema di smaltimento per evitare tali rigidità. Infatti, si prevede che diminuiranno le quantità di materiale prodotto, per effetto della crisi climatica e ambientale, e che diminuiranno le quantità di materiale non recuperabile, per effetto delle pratiche di ecodesign. 2. analisi comparativa delle tecnologie per il ciclo integrato di gestione rifiuti A prescindere dal livello di raccolta differenziata raggiunto, vi sarà sempre una quota di materiale residuo indifferenziato. Nella comunità scientifica sono stati sviluppati diversi studi per confrontare le tecnologie disponibili per il trattamento del materiale residuo indifferenziato. Queste analisi sono state svolte analizzando gli impatti ambientali e i costi indiretti (esternalità). In [4] sono stati confrontati tre architetture (e le loro varianti), basate su: discarica, incenerimento e Tmb (tabella 1). Il confronto, basato su sette indici di impatto ambientale ha portato al risultato riportato nella tabella 2. Gli indici di impatto ambientale sono: cambiamenti climatici, acidificazione, eutrofizzazione, danni respiratori, patologie non cancerogene, patologie cancerogene, ecotossicità. La valorizzazione economica degli impatti complessivi è basata sulla valorizzazione economica dei singoli indici, per i quali è possibile associare una valorizzazione economica per unità di emissione (tabella 3). L impatto ambientale delle soluzioni basate su Tmb è quantificabile con un risparmio equivalente pari a 17 $ per ogni tonnellata di materiale rispetto all incenerimento e a 38 $ per ogni tonnellata di materiale rispetto alla discarica.

20 18 gestire i rifiuti nei parchi naturali 3. l uso efficiente delle risorse 3.1 il consumo di risorse naturali Secondo l European Environment, State and Outlook, Update 2012 in Europa il consumo medio di materie prime, provenienti dalle risorse naturali (metalli, minerali, gomma o legno), è compreso tra 15 e 16 tonn/anno. Ci sono sostanziali differenze tra stato e stato, e, mentre la media di Ue 27 è sostanzialmente invariata tra il 2000 e il 2008/2009, in Italia si è passati da 17 tonn/anno (2000) a 12 ton/anno (2008/2009). In generale, si assiste a una diminuzione per i paesi industrializzati e una crescita per i paesi in via di sviluppo.[5] tabella 1 architetture per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti Discarica LFGTE 80%: Recupero dei gas prodotti (80%) LFGTE 40%: Recupero dei gas prodotti (40%) Inceneritore Tmb Fonte: [4]. WTE: Combustione e recupero energetico MRBT Hi: Elevato recupero dei materiali riciclabili della frazione secca residua, nessun recupero gas discarica MRBT Lo: Elevato recupero dei materiali riciclabili della frazione secca residua, nessun recupero gas discarica tabella 2 valutazioni comparative delle tre architetture in termini di impatto ambientale e sanitario, ipotizzando raccolta differenziata pari al 70% MRBT MRBT LFGTE LFGTE WTE Hi Lo 80% 40% Valorizzazione economica Impatto -13 $ -7 $ -3 $ +25 $ +4 $ ambientale complessivo per unità di peso Fonte: [4]. tabella 3 valorizzazione economica degli impatti dei singoli indici ambientali per unità di emissione [$ / tonn di emissioni] Valorizzazione economica Impatto ambientale Cambiamenti climatici $ 40 Acidificazione $ 290 Eutrofizzazione $ 4 Danni respiratori $ Patologie non cancerogene $ 30 Patologie cancerogene $ Ecotossicità $ Fonte: [4].

21 1. progetto rels: la gestione sostenibile dei rifiuti nei parchi naturali 19 Tuttavia, nelle proiezioni al 2030 si stima che il consumo in termini assoluti di materia prima continuerà ad aumentare. Naturalmente, questo creerà un forte conflitto per l approvvigionamento di risorse, perché i paesi in via di sviluppo stanno raggiungendo e superando l Europa. In termini assoluti, nel periodo , l Europa ha utilizzato otto miliardi di tonnellate di materie prime; nello stesso periodo il consumo di materie prime è aumentato di circa tre miliardi di tonnellate in America Latina, e 16 miliardi di tonnellate nell Est asiatico. In termini percentuali, nel periodo , il consumo di materie prime in Europa è aumentato del 9%, del 100% in America Latina e del 350% nell Est asiatico. Il risultato complessivo in termini di sfruttamento di risorse è il seguente: nel XX secolo l impiego di combustibili fossili è aumentato di 12 volte, e l estrazione di risorse materiali di 34 volte. Tra il 2000 e 2009 la produttività delle risorse (definita come rapporto tra Pil e unità di materia prima) è aumentata in maniera omogenea in tutta Europa e nel mondo, pur con grande dispersione dei valori assoluti. Italia e Germania sono intorno ai valori medi, Paesi Bassi, Regno Unito, Giappone e Svizzera sono largamente sopra la media, mentre gli USA sono al di sotto. L Europa ha mantenuto i livelli più alti di produttività delle risorse (figura 3), tuttavia l accesso delle risorse è diventato, negli anni, una grande preoccupazione economifigura 3 produttività delle risorse nei vari continenti ( ) dollari USA (Ppa cons. 2005) Australia e Oceania America settentrionale Europa Asia America latina Africa 500 Media globale Fonte: Green economies around the world? Implications of resource use for development and the environment (2012).

Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti

Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti "Dove portino ogni giorno il loro carico gli spazzaturai nessuno se lo chiede: fuori della città, certo; ma ogni anno la città s espande, e gli immondezzai devono

Dettagli

LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE

LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE IL SISTEMA BEA DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI RIFIUTO URBANO RESIDUO FRAZIONI DIFFERENZIATE R E C U P E R O E

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita (battaglia vinta contro i sacchetti di plastica non compostabile);

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Potenzialità dei Rifiuti per la riduzione dei gas climalteranti

Potenzialità dei Rifiuti per la riduzione dei gas climalteranti Con il Protocollo di Kyoto, l'ue-15 si è data come obiettivo di ridurre, entro il 2012, le loro emissioni collettive di gas ad effetto serra dell'8% rispetto ai livelli del 1990. Nel dicembre 2008 gli

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Condividere saperi. I corsi di base della Fondazione Serughetti La Porta ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Il linguaggio. La comunicazione che vogliamo sentirci raccontare

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

Le opportunità economiche del riciclo

Le opportunità economiche del riciclo Le opportunità economiche del riciclo Duccio Bianchi Presidente ASM Pavia coordinatore ricerca End Waste della Fondazione Symbola L Italia, leader europeo nell economia del riciclo L Italia è uno dei leader

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE PERCORSO DEL PIANO FASI Elaborazione Schema di Piano e RP Scoping PROCEDURA PIANO Elaborazione Schema di Piano PROCEDURA VAS L Autorità

Dettagli

Fonti rinnovabili: geotermia, biomasse, rifiuti

Fonti rinnovabili: geotermia, biomasse, rifiuti Scheda riassuntiva 11 capitolo 17 Fonti rinnovabili: geotermia, biomasse, rifiuti Il problema energetico In tutto il mondo è in atto uno sforzo per sostituire fonti rinnovabili a quelle non rinnovabili

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

Meno rifiuti a Roma. A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome

Meno rifiuti a Roma. A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome Meno rifiuti a Roma A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome Marco Campagna Rachele Caracciolo Luigi De Roma Francesco Grasselli Chiara Iobbi Gianluca Pica Workshop Safe Roma,

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013 Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Solare 11% Consumi finali di energia da fonti rinnovabili in Italia

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 CIRCA 14% IN MENO I RIFIUTI URBANI SMALTITI IN DISCARICA Presentato il Rapporto ISPRA sui Rifiuti

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare. Duccio Bianchi

WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare. Duccio Bianchi WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare Duccio Bianchi Cosa abbiamo fatto a) Ricostruito il flusso dei prodotti nei rifiuti, sulla base delle banche dati Prodcom e Coeweb

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA SINTESI PROPOSTA DI PIANO Bergamo, 18 Giugno 2008 Prof.L.Bonomo, Dr. F.Brevi, Ing.L.Zoppei

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 La gerarchia dei rifiuti Il principale riferimento normativo in tema di rifiuti è la direttiva comunitaria 2008/98/CE, recentemente recepita nell ordinamento

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo La Direttiva discariche n. 31/1999 ha richiesto agli Stati membri della Comunità europea una riduzione progressiva del quantitativo di rifiuti urbani

Dettagli

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Temi La struttura del mercato energetico La questione ambientale come vincolo al

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO

IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO Massimo Centemero, Werner Zanardi Consorzio Italiano Compostatori e-mail: centemero@compost.it Sommario Esaminando

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità.

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità. Scheda : Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Modena Adozione: 22 luglio 2008 Riguarda il territorio provinciale Referente INU per la scheda: Fatima Alagna. Direttivo INU Emilia Romagna

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 Chiudere il cerchio Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 L infrastruttura della filiera della carta L industria della carta italiana anno 2013 Produzione di 8,5 milioni

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

Provincia di Mantova

Provincia di Mantova Page 1 of 5 Provincia di Mantova home / per enti e imprese / Mantovagricoltura n. 1 aprile maggio 2012 / La produzione di energia rinnovabile: un'opportunità o una minaccia per l'agricoltura? La produzione

Dettagli

Impianti di conversione energetica della biomassa

Impianti di conversione energetica della biomassa Page 1 of 5 n. 248 - Domenica 03 Novembre 2013 Impianti di conversione energetica della biomassa La normativa sul combustibile e sugli impianti In questo numero di ARPATnews dedicato all uso energetico

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Le biomasse rappresentano oltre

Le biomasse rappresentano oltre Il futuro della bioenergia: rischi e prospettive Franco Donatini Le biomasse rappresentano oltre al sole la fonte energetica più anticamente utilizzata dall uomo per sopperire ai suoi bisogni. Il suo utilizzo

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Prevenzione, riduzione, RD e trattamento del RUR in una strategia virtuosa

Prevenzione, riduzione, RD e trattamento del RUR in una strategia virtuosa Prevenzione, riduzione, RD e trattamento del RUR in una strategia virtuosa verso lo zero Enzo Favoino Scuola Agraria del Parco di Monza Osservatorio Verso Rifiuti Zero, Capannori Riferimenti nella politica

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO PRIMO L AMBIENTE Sommario: 1. Introduzione all economia ambientale. - 2. Il ruolo dell ambiente nell attività economica. - 3. Classificazioni delle risorse: non rinnovabili e rinnovabili. - 4.

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi

Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi Economia circolare al 100% Spreco Zero e Rifiuti zero da visioni utopiche e radicali si sono trasformate in

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

Richiesta di interventi a favore della Sostenibilità delle Fonti di Energia Rinnovabile con particolare riferimento al Biogas.

Richiesta di interventi a favore della Sostenibilità delle Fonti di Energia Rinnovabile con particolare riferimento al Biogas. Richiesta di interventi a favore della Sostenibilità delle Fonti di Energia Rinnovabile con particolare riferimento al Biogas. PREMESSE Il ricorso alle Fonti di Energia Rinnovabile è una strada obbligata

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Piano d Ambito nuove strategie per la riduzione ed il recupero dei rifiuti Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Febbraio 2013 1 - Prevenire

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future

La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future Simona Calà Antonio Messia Claudia Potena Debora Renzoni Luca Rizzitelli Abstract Obiettivo di questo lavoro è valutare la possibilità di

Dettagli

Analisi di redditività degli investimenti sul biogas Le prospettive per la produzione di biogas in Italia alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi di redditività degli investimenti sul biogas Le prospettive per la produzione di biogas in Italia alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Università di Bologna Convegno L impatto del sistema di incentivazione sul «mercato» del biogas Analisi di redditività degli investimenti

Dettagli

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Centro Studi e Ricerche sul Nocciolo e Castagno Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Prof. Ing. Danilo Monarca monarca@unitus.it Giornata di Studio INNOVAZIONE

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico. 22 maggio 2015

Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico. 22 maggio 2015 Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico 22 maggio 2015 La Strategia Europea di gestione dei rifiuti Restando valido l assunto che «il miglior rifiuto è quello non

Dettagli

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE torna all Indice Capitolo 2 2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE Ai sensi della normativa europea e nazionale la priorità da perseguire nella gestione dei rifiuti è la prevenzione,

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

I sistemi di trattamento e smaltimento

I sistemi di trattamento e smaltimento SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MATERIALE DI APPROFONDIMENTO I sistemi di trattamento e smaltimento Impianti di selezione 1/2 Gli impianti di selezione si dividono in due tipologie: gli impianti per la

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

1 - IL CONTESTO EUROPEO

1 - IL CONTESTO EUROPEO 1 - IL CONTESTO EUROPEO La produzione dei rifiuti urbani in Europa Secondo le informazioni più aggiornate fornite da Eurostat, integrate con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2013 nell UE

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli Sala Bach 13/10/2011 Sessione C6H6 Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Prof. Aurelio Pietro Stefanelli

Dettagli

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Chapter 04-04 page 1 04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Ci sono essenzialmente cinque diversi processi tra cui scegliere per la produzione di energia utile da qualsiasi

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli