UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI "M. FANNO" CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE STRUMENTI DERIVATI: IL CASO DELLE PMI ITALIANE RELATORE CH.MO PROF. ELENA SAPIENZA LAUREANDO MICHAEL PACCAGNELLA MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2 2

3 A Luana, a mia sorella Melanie e ai miei genitori per avermi sempre sostenuto nel corso di questi anni 3

4 4

5 Indice Capitolo 1 Introduzione 7 o 1.1 La società 7 o 1.2 Obiettivi 8 Capitolo 2 Caratteristiche della Ricerca 9 o 2.1 Soggetti interessati 9 o 2.2 Contatti con le Banche 11 Capitolo 3 Statistiche della Ricerca 13 Capitolo 4 Strumenti derivati proposti 17 o 4.1 Contratti a Termine 17 o 4.2 Opzioni 22 Capitolo 5 Analisi delle proposte 28 o 5.1 Rischio Valutario 28 o 5.2 Rischio di Prezzo su Commodities 30 o 5.3 ETC 33 Capitolo 6 Considerazioni Finali 35 Riferimenti Bibliografici 39 Appendici 40 o Appendice A Casi Teorici Proposti 40 o Appendice B Sintesi delle risposte ricevute dalle Banche 43 o Appendice C Quotazioni Commodities al 21/05/ o Appendice D Quotazioni Principali ETC al 21/05/

6 6

7 Capitolo 1 - Introduzione L obiettivo di questo lavoro è l analisi delle opportunità di hedging sul rischio di cambio e sul rischio di prezzo delle commodities per un impresa italiana di dimensioni medio-piccole. La ricerca è stata effettuata durante il tirocinio svolto presso la società Risk Analysis & Management S.r.l. di Padova La società La Risk Analysis & Management è una società a responsabilità limitata con sede legale a Padova, gestita da due partner (dott. Zillo Giuseppe e dott.ssa Cecchetto Elisabetta). Il core business dell azienda è rappresentato dalle due attività di consulenza finanziaria (advisory) e di gestione del rischio aziendale (hedging). Lo svolgimento delle operazioni relative alle due aree era esplicato utilizzando differenti metodi: L attività di advisory svolta prevedeva la consultazione di pubblicazioni redatte quotidianamente dai due partner e pubblicate nel portale web creato dalla società stessa, accessibile solo dai clienti. I documenti contenevano un analisi dei movimenti dei principali indici relativa alla giornata precedente corredata da consigli su eventuali investimenti, alcuni approfondimenti legati ad avvenimenti economici rilevanti o movimenti straordinari e un riassunto dei valori di mercato delle valute e commodities più rilevanti. Lo scopo di questi documenti era quello di fornire ai clienti delle linee guida fondamentali ma complete per i propri investimenti, cui poteva affiancarsi un attività di consulenza diretta nel caso di impegni particolari o di elevata rilevanza economica. L attività di hedging era basata sull utilizzo del software online creato dalla società stessa. Questo programma offre ad ogni cliente un interfaccia personalizzata in base alle necessità, con la quale è possibile inserire tutti i movimenti collegati ad operazioni che necessitano o possiedono una copertura finanziaria; a seguito dell immissione dei dati il programma calcolava, utilizzando dati aggiornati, alcuni indici fondamentali per conoscere l efficacia della copertura (ad esempio il valore del Cambio Medio Salvaguardato, il Cash Flow attualizzato e convertito in valuta e la percentuale di copertura totale sulle operazioni). 7

8 1.2 - Obiettivi A seguito dell acquisizione di conoscenze relative alla gestione del rischio e all analisi degli strumenti, effettuata affiancando i due partner nelle attività caratteristiche dell azienda, le caratteristiche fondamentali di questa ricerca erano già delineate. Il lavoro di approfondimento non è limitato alla semplice elencazione dei vari strumenti di copertura offerti dal panorama bancario italiano, ma valuta anche l attuabilità effettiva dell attività di hedging da parte di un impresa tipo non avente conoscenze finanziarie approfondite. I prossimi capitoli sono ordinati in maniera tale da ricalcare l ordine effettivo delle operazioni di ricerca, ossia: Contatto con le banche Acquisizione dei dati Analisi degli strumenti proposti Conclusioni 8

9 Capitolo 2 Caratteristiche della Ricerca 2.1 Soggetti interessati Il primo passo effettuato nello stabilire gli obiettivi del lavoro è stato quello di limitare la tipologia dei soggetti interessati alla categoria delle Piccole e Medie Imprese. Come si evince da un recente studio della Confcommercio (Confcommercio, 2009, Le piccole e medie imprese in Italia, 7 Maggio), le PMI costituiscono il 99,9% del totale delle imprese italiane; il 95% di queste inoltre è costituito da realtà con al più 10 dipendenti. Rifacendosi inoltre alla definizione stilata dalla Commissione Europea (European Commission, 2003, Commission Recommendation concerning the definition of micro, small, and medium-sized enterprises, Document C(2003) 1422) a riguardo è possibile stabilire un valore medio di fatturato, pari a 2 milioni di, a cui ci si riferirà nell ambito della valutazione degli strumenti derivati. Tipo Occupati Fatturato Totale di Bilancio (milioni di ) (milioni di ) Media < 250 e 50 o 43 Piccola < 50 e 10 o 10 Micro < 10 e 2 o 2 Tabella 2.1 Classificazione delle PMI A seguito della definizione dei soggetti d indagine il passo successivo ha riguardato la creazione del campione degli Istituti di Credito da contattare. Al fine di rendere più significativi i risultati della ricerca sono state selezionate alcune fra le banche italiane aventi maggiore importanza per quanto riguarda la capitalizzazione (Borsa Italiana, 28 Febbraio 2012) e la diffusione (Lista Principali Banche Italiane, 2012) a livello nazionale. 9

10 Banca delle Marche Banca Popolare dell'emilia Banca Popolare di Milano Banca Popolare di Sondrio Banco Popolare Banca Popolare di Vicenza Banca Sella CA.RI.GE. Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza Credito Bergamasco Credito Emiliano Intesa Sanpaolo Mediobanca Monte dei Paschi di Siena UBI Banca Unicredit Veneto Banca Tabella 2.2 Banche italiane selezionate per la ricerca Nel gruppo di banche italiane selezionato figurano infatti i 12 gruppi più capitalizzati del nostro Paese e, al contempo, tutti gli istituti rientrano fra le prime 25 posizioni della classificazione per numero di agenzie presenti sul territorio. Oltre agli istituti italiani è stato preso contatto con le sedi italiane di alcuni degli istituti internazionali più capitalizzati a livello globale nonché con la maggior presenza in Italia (Il Sole 24 Ore, 2009, PLUS, 22 agosto): Bank of America Bank of China Barclays BNP Paribas Credite Agricole Bank Credite Suisse Deutsche Bank HSBC Bank JP Morgan Morgan Stanley Royal Bank of Scotland Societé Generale Tabella 2.3 Banche internazionali selezionate per la ricerca L ultima decisione ha riguardato la definizione dell oggetto d indagine. E stato interessante notare che, nonostante il perpetuarsi della crisi finanziaria del 2008 e la recente crisi del debito sovrano, le aziende italiane hanno mediamente aumentato l entità degli scambi effettuati con Paesi stranieri (Istat, 2012, Annuario Statistico, Commercio Estero e Attività Internazionali delle Imprese, 19 10

11 Luglio). Inoltre, data l instabilità che da tempo affligge il mercato valutario e i prezzi delle commodities, è evidente il rischio che queste imprese corrono nell effettuare affari con l estero. Per questo motivo è stato deciso di indagare gli strumenti derivati in grado di proteggere le aziende dal rischio valutario e dal rischio di fluttuazioni del prezzo delle materie prime. 2.2 Contatti con le Banche Al fine di verificare la reale disponibilità delle banche nei confronti di un impresa è stata effettuata l indagine in due momenti differenti. Inizialmente gli istituti sono stati contatti specificando le modalità e le finalità della ricerca, ed è stato loro somministrato un primo questionario con lo scopo di valutare le tempistiche di risposta e controllare quanti e quali istituti fossero effettivamente disposti a collaborare. I punti chiave del primo questionario riguardavano: La presenza o meno di un ufficio dedicato agli strumenti derivati L eventuale offerta di servizi dedicati alle PMI I diversi tipi di valute trattati (in particolare Dollaro Statunitense, Sterlina Inglese, Yen, Yuan, Rupia Indiana) Le varie materie prime oggetto di copertura (in particolare oro, rame, acciaio, alluminio e petrolio indice Brent Crude) La disponibilità a rispondere ad secondo questionario più tecnico Il secondo questionario invece è stato somministrato solamente agli istituti che si sono dichiarati disponibili a collaborare ulteriormente fornendo maggiori dettagli. Per questo motivo, la successiva serie di domande richiedeva informazioni più specifiche riguardanti gli strumenti derivati di copertura offerti, suddivisi fra quelli dedicati alle commodities e quelli derivati ai cambi; inoltre è stata proposta una serie di casi teorici (disponibili integralmente nell Appendice A) riguardanti diverse tipologie di aziende operanti con l estero con la finalità di verificare il tipo di strumenti che la banca avrebbe offerto secondo le particolarità della richiesta. Per entrambe le categorie di sottostante sono state proposte le seguenti domande: 11

12 Qual è la quantità di sottostante minima per effettuare coperture con opzioni? Qual è la quantità di sottostante minima per effettuare coperture con contratti a termine? Qual è la durata massima delle strategie di copertura? Il Vostro istituto tratta anche future? Quali sono le valute che vengono trattate con strumenti a termine? Quali sono le valute che vengono trattate con opzioni? Sono necessarie delle linee di affidamento particolari per usufruire delle coperture? La ratio sottostante alle domande era di capire gli strumenti più accessibili per le PMI e i requisiti economici minimi di questi ultimi, in quanto la tipologia di società trattata non ha l esigenza di stipulare contratti di copertura per somme di denaro ingenti, e le difficoltà maggiori nel creare strategie di copertura sorgono proprio per l entità relativamente bassa dei flussi monetari da salvaguardare. I casi teorici proposti sono stati differenziati in maniera tale da coprire il maggior numero possibile di variabili: erano comprese infatti aziende importatrici ed esportatrici di beni, aventi la necessità di effettuare coperture su rischi di cambio nei confronti di numerose valute e sulle oscillazioni di prezzo di alcune fra le più utilizzate materie prime. 12

13 Capitolo 3 Statistiche della Ricerca Prima di valutare le varie proposte offerte dalle banche, è interessante analizzare la disponibilità dei vari istituti a dialogare con il cliente e a fornire informazioni sulla propria offerta. Il primo grafico offre una panoramica sulle risposte ricevute a seguito del primo contatto con ogni istituto: su 29 banche interpellate solo 25 hanno dato una qualche risposta mentre 4 hanno evitato il dialogo, non rispondendo alle inviate e nell impossibilità di uno scambio telefonico (i numeri disponibili infatti erano limitati all assistenza tecnica per i clienti, e gli operatori invitavano a rivolgersi ad una filiale 1 o a contattare i responsabili tramite posta elettronica) Risposta ricevuta Nessuna risposta Grafico 3.1 Istituti Contattati Una situazione in apparenza positiva è in realtà ben diversa dall essere tale se si analizzano in dettaglio le risposte ricevute: dei 25 istituti di cui sopra infatti ben 19 non hanno fornito alcun dettaglio utile alla ricerca ma si sono limitati a rispondere laconicamente che avrebbero fornito successivamente le informazioni cercate, senza però dar seguito a quanto affermato 2. Per quanto ci sia quindi stata una risposta, la situazione di queste banche non era dissimile da quanto accaduto per le richieste scadute nel vuoto. Tuttavia, consapevole che una richiesta diretta d informazioni alle banche da parte di uno studente avrebbe potuto portare a risultati insoddisfacenti, è stato 1 A riguardo è doveroso citare le promesse ricevute in filiale: nonostante la visita a numerose agenzie presenti in zona nessuna di queste possedeva un reale ufficio dedicato ai derivati o comunque ad esigenze superiori al semplice finanziamento per le aziende; la promessa inoltre che i responsabili di altre sedi si sarebbero messi in contatto non si è rivelata tale. Purtroppo, la stessa cosa è successa per gli istituti che dopo una prima risposta via posta elettronica hanno deciso di non rivelare alcun dettaglio. 2 La lista completa delle risposte ricevute da ogni istituto è presente nell Appendice B. 13

14 interessante effettuare un ulteriore tentativo: con l aiuto di un conoscente, proprietario di una microsocietà, sono stati inviati a nome della stessa alcune richieste di informazioni simili a quelle presenti nel primo questionario, ma a distanza di oltre un mese nel tempo. Sfortunatamente, i risultati ottenuti per via indiretta quindi senza recarsi in filiale sono risultati i medesimi. I 10 istituti rimanenti sono stati invece molto più disponibili allo scambio di materiale e aperti alle richieste effettuate; nonostante ciò, solamente 6 di questi hanno poi fornito elementi tali da consentire una valutazione degli strumenti offerti: due delle dieci banche rimaste stipulano contratti derivati solo con clienti istituzionali, una di queste non trattava alcun genere di strumenti derivati mentre l ultima non era in grado di fornire altri dettagli per problematiche di policy per questi ultimi la trasmissione d informazioni era bloccata verso tutti i soggetti non ancora clienti Nessuna risposta Nessun invio di informazioni Scambio di materiale Non trattano derivati Limitati a clienti istituzionali Problematiche di policy Grafico 3.2 Dettaglio risposte dagli istituti di credito In definitiva si assiste già da questo primo approccio ad un panorama abbastanza desolante, almeno dal punto di vista relazionale: la crisi che imperversa sui mercati infatti non dovrebbe influenzare un elemento chiave come il rapporto con il cliente e il sentimento di fiducia reciproca che con esso dovrebbe instaurarsi. La carenza di molte banche in tale ambito è più facilmente riconducibile a un problema strutturale interno, in cui hanno priorità i clienti rispetto a coloro che cercano di stipulare nuovi contratti; ipotizzando che ciò avvenga non solo per un settore relativamente poco utilizzato come le coperture finanziarie ma anche in ambiti diversi come quello dei finanziamenti ci si rende conto del motivo per cui la fiducia nelle banche è stata nel nostro Paese a lungo tempo inferiore rispetto alla media europea. A tal proposito, considerando il tasso di crescita dei depositi bancari come dato indicativo della fiducia, si può osservare il seguente grafico (Carlo Milani, 2012, Ma la Banca non Ricambia la Fiducia, lavoce.info, 20 Luglio): 14

15 Grafico 3.3 Tassi di crescita dei depositi bancari Il trend evidenziato risulta quindi chiaro e valido anche se esteso all intera area Euro, ed è quello di una fiducia che è andata via via diminuendo nel corso dei vari anni, mentre si assiste solamente nell ultimo periodo ad un cambio di tendenza, resosi necessario a causa della volontà di migliorare i dati di bilancio fondamentali da parte delle banche avvicinando nuovi clienti dopo i problemi causati dal trend ribassista dei loro titoli sui mercati finanziari, come evidenziato dai grafici di due fra le banche italiane con la capitalizzazione più elevata. Grafico 3.4 Andamento titolo Impresa Sanpaolo 15

16 Grafico 3.5 Andamento titolo UniCredit 16

17 Capitolo 4 Strumenti derivati proposti Per valutare il grado di adeguatezza degli strumenti derivati offerti per le piccole e medie imprese è necessario valutarne le caratteristiche essenziali come il sottostante minimo richiesto, la durata dello strumento, eventuali requisiti e i flussi di cassa. Queste analisi non sono state effettuate su valori teorici, bensì utilizzano esclusivamente i dati forniti dagli istituti di credito. 4.1 Contratti a Termine Forward Sintetico e Plafond Il Forward sintetico è un comune contratto a termine nel quale due controparti s impegnano a scambiarsi a scadenza, a prezzi prefissati, uno specifico bene. L accordo è composto di due operazioni: lo spot, ossia lo scambio iniziale che avviene di norma due giorni dopo l accordo, e l outright, cioè l operazione a segno invertito che avviene alla fine del periodo stabilito. Questo prodotto è offerto sia nel caso di coperture su rischi valutari sia su contratti relativi alle commodities. Il profilo di rischio per questo prodotto è molto semplice, essendo il contratto privo di elementi di leva, condizioni particolari e barriere di attivazione: ipotizzando il caso in cui un azienda import debba pagare $ e copra interamente la somma con questo strumento, con il cambio EURUSD spot a 1,23 e il prezzo di esercizio 1,15, si ottengono flussi di cassa costanti: , , , , , , , ,00 No coperura Forward , , ,00 Grafico 4.1 Flussi di cassa Forward Sintetico 17

18 Come si può notare dal grafico lo strumento presenta un rischio nullo per il cliente, che avrà la certezza di usufruire del tasso di cambio accordato al momento della stipulazione del contratto; il costo da pagare è l uscita dal mercato per l operazione in questione: l azienda, infatti, non avrà alcun beneficio da eventuali movimenti del cambio a lei favorevoli. In definitiva il Forward Sintetico non presenta rischi per il cliente ad eccezione di un eventuale disallineamento dei flussi monetari rispetto all ammontare di denaro coperto con lo strumento stesso, rischio che tuttavia dovrebbe non essere presente o essere ridotto al minimo mediante l adozione di una solida strategia finanziaria. Il Plafond presenta le stesse caratteristiche del Forward Sintetico, compresa la distribuzione dei flussi derivanti dallo strumento; l unica differenza è rappresentata dalla possibilità di essere utilizzato al bisogno, anche prima della scadenza del contratto, e per quantità di divisa variabili anche inferiori al valore totale coperto. Il grado di libertà offerto rende il prodotto consigliabile ai clienti che hanno la necessità di effettuare pagamenti in valuta di entità modesta e a breve distanza l uno dall altro oppure pagamenti di entità incerta, in modo da ottimizzare il profilo di tesoreria al costo di un prezzo superiore da pagare per lo strumento. Il Plafond infine non è disponibile per effettuare coperture su commodities. Knock-in Forward 3 Il contratto Knock-in Forward viene creato unendo due opzioni aventi lo stesso prezzo di esercizio (acquisto di una Put e vendita di una Call con Knock-in per le aziende esportatrici, acquisto di una Call e vendita di una Put con Knock-in per le aziende importatrici) con lo scopo di ricreare i flussi di cassa di un normale contratto a termine uniti alla presenza di una barriera d attivazione; questa combinazione consente al cliente di potersi avvantaggiare del cambio favorevole fino ad una certa soglia che corrisponde al livello della barriera di attivazione, superato il quale si attiva la barriera della seconda opzione che consente alla banca di effettuare un acquisto di divisa a lei favorevole; la barriera si attiva se in un qualsiasi momento della vita dello strumento il suo livello viene raggiunto dall andamento del tasso di riferimento. Il seguente grafico mostra graficamente il flusso di cassa generato da contratto Knock-in Forward: 3 Questo e i seguenti strumenti classificati come Contratti a termine sono tecnicamente formati dall unione di due opzioni, quindi non assimilabili ad un Forward. La categorizzazione segue tuttavia quella applicata dalle banche, che accomunano questi tipi di contratti anche per i requisiti. 18

19 1,05 1,075 1,1 1,125 1,15 1,175 1,2 1,225 1,25 1,275 1,3 1,325 1,35 1, , , , , , , , , , , ,00 No Copertura Knock-In Forward Grafico 4.2 Flussi di cassa Knock-in Forward I dati considerati in questo esempio riguardano un azienda importatrice che stipula il contratto con un sottostante di $ Il cambio EURUSD spot è 1,25, la barriera è posta a 1,28 e il prezzo di esercizio è fissato a 1,15. Come si può notare, il cliente usufruisce di un cambio fisso favorevole fino al livello del prezzo di esercizio, superato il quale entra nel mercato e beneficia di un tasso di cambio a lui più favorevole rispetto a quello dell opzione. Nel caso in cui venga raggiunto il livello della barriera di attivazione i flussi di cassa tornano ad unificarsi con quelli di un contratto Forward standard, in quanto la banca può attivare la seconda opzione (a lei favorevole) e comprare divisa; è da notare inoltre che la seconda opzione rimane attiva anche se il cambio di mercato scende nuovamente sotto il livello di attivazione, in quanto è sufficiente che quest ultimo venga raggiunto anche una sola volta durante la vita dello strumento. Per le sue caratteristiche questo contratto presenterà un costo superiore al Forward Sintetico, in quanto fornisce una protezione ad ogni livello e permette allo stesso tempo di beneficiare in certi casi di un tasso di cambio favorevole, ma inferiore ad un opzione normale, in quanto quest ultima non possiede una barriera in grado di attivare un opzione che andrà a discapito del cliente. Knock-out Forward Il contratto Knock-out Forward è formato mediante l unione di due opzioni, aventi lo stesso prezzo di esercizio, con barriera di disattivazione posta allo stesso livello (acquisto di una Call e vendita di una Put da parte del cliente importatore, acquisto di una Put e vendita di una Call per il cliente 19

20 1,05 1,08 1,11 1,14 1,17 1,2 1,23 1,26 1,29 1,32 1,35 1,38 esportatore). Pur essendo simili nei nomi questo contratto è molto diverso dal precedente e più simile ad un normale contratto a termine: lo si può notare dai flussi di cassa di un azienda importatrice tipo (sottostante $ , cambio spot EURUSD 1,23, prezzo di esercizio 1,18, livello della barriera 1,10) , , , , , , ,00 No Copertura Knock-Out Forward , , ,00 Grafico 4.3 Flussi di cassa Knock-out Forward In questo caso infatti la presenza contemporanea delle due opzioni, entrambe potenzialmente attive, fa sì che i flussi di cassa siano costanti fino al raggiungimento del livello della barriera di disattivazione: nel caso in cui il tasso spot sia favorevole per il cliente rispetto al prezzo di esercizio la banca esercita la sua opzione put per vendere la valuta a quest ultimo tasso, altrimenti il cliente esercita la sua call per comprare valuta al prezzo di esercizio in questo caso a lui favorevole. Nell eventualità in cui il tasso di cambio raggiunga la barriera di disattivazione durante la vita del contratto, quest ultimo cesserà di esistere; la barriera di disattivazione, infatti, è presente su entrambe le opzioni, e il cliente si ritroverà in questo caso ad operare al tasso di mercato. Questo tipo di strumento è sicuramente più rischioso di altri per pianificare strategie di copertura: da un lato il costo basso dello stesso dovuto al suo rischio intrinseco lo rende più economicamente più interessante, allo stesso tempo tuttavia la possibilità di una disattivazione completa, posta nel punto in cui il tasso di cambio è estremamente sfavorevole per la società, mette quest ultima in una condizione di grande incertezza. In definitiva, risulta uno strumento utilizzabile per effettuare strategie di copertura economiche, ma a cui è sicuramente consigliabile affiancare altri derivati per limitare le potenziali perdite. 20

21 1,05 1,075 1,1 1,125 1,15 1,175 1,2 1,225 1,25 1,275 1,3 1,325 1,35 1,375 Forward 1 a N Il Forward 1 a N è formato, come i contratti precedenti, dall unione della vendita di una Call e l acquisto di una Put per i clienti importatori e da operazioni di senso contrario per i clienti esportatori aventi lo stesso prezzo d esercizio. La particolarità di questo contratto risiede nelle caratteristiche dell opzione venduta alla banca: questa infatti prevede la possibilità di acquistare, o vendere a seconda dei casi, un ammontare di valuta di N volte superiore all ammontare previsto dall opzione posseduta dal cliente caratteristica da cui deriva il nome dello strumento. Nel seguente esempio si considera il caso di un azienda importatrice che stipula il contratto su un ammontare di valuta pari a $ , cambio spot EURUSD a 1,23, prezzo di esercizio fissato a 1,18 e leva 2: , , , , ,00 No Copertura Forward 1 a N , ,00 Grafico 4.4 Flussi di cassa Forward 1 a N Come si nota dal grafico i flussi di cassa sono uguali a quelli del contratto Forward Sintetico fino al raggiungimento del prezzo d esercizio. Nel caso in cui il tasso spot sia sfavorevole il cliente esercita l opzione acquistando denaro al tasso prestabilito, nel caso in cui sia favorevole il cliente subisce l esercizio dell opzione e deve acquistare denaro allo stesso tasso di cui sopra; la presenza della leva tuttavia fa sì che il cliente debba comprare un ammontare superiore (in questo caso doppio) rispetto a quello che avrebbe acquistato nel primo caso, ad un cambio per lui sconveniente se confrontato con quello di mercato. In definitiva si tratta di uno strumento speculativo a causa della 21

22 presenza di leva finanziaria e non dovrebbe essere usato per formare strategie di copertura, se non in casi particolari e previsti dalla strategia. Swap Lo Swap è un contratto nel quale il sottostante di riferimento è costituito da una materia prima la cui quantità minima è determinata seguendo l unità di misura che costituisce il parametro d uso nei mercati. Il prodotto può configurarsi come Rischio Costo o Rischio Ricavo. Nel caso di Rischio Costo il contratto prevede il pagamento da parte del cliente di un prezzo fisso e l incasso di un prezzo variabile, determinato dal mercato. Viceversa, nel caso di Rischio Ricavo il cliente incassa un prezzo fisso stabilito al momento della stipulazione del contratto e paga un prezzo variabile imposto dal mercato. In questo modo il cliente è in grado di fissare in anticipo il prezzo di acquisto o vendita della materia prima, annullando le fluttuazioni del mercato. La differenza rispetto ad un Plain Forward riguarda i flussi di cassa: in questo caso infatti non c è un acquisto diretto della materia prima, ma uno scambio monetario (il cui sottostante è fissato rispetto al prezzo della commodity) fra la banca e il cliente, che viene regolato tramite differenza al termine del contratto. I flussi di cassa netti sono gli stessi rispetto ad un contratto a termine standard. Lo Swap è stato proposto dagli istituti di credito solamente per la protezione dal rischio di variazione del prezzo delle commodities e non per il rischio valutario. 4.2 Opzioni Plain Vanilla, Opzioni Asiatiche e Cap Le opzioni Plain Vanilla (Put o Call) sono degli strumenti molto comuni, in cui il cliente compra la possibilità di esercitare il diritto di vendita nel caso delle Put (o acquisto nel caso delle Call) di una certa quantità di denaro ad una data stabilita. Il cliente è libero di esercitare la propria opzione a seconda che il prezzo d esercizio stabilito nel contratto sia a lui favorevole o meno. Come esempio nel grafico seguente sono presenti i flussi di cassa di una Call acquistata da un azienda importatrice (sottostante $ , EURUSD spot 1,23 e prezzo d esercizio a 1,15): 22

23 , , , , , , ,00 No coperura Call , , , ,00 Grafico 4.5 Flussi di cassa Plain Vanilla Call Nell utilizzare questo strumento il cliente è in grado di proteggersi totalmente da eventuali movimenti a sfavore del tasso obiettivo fino ad un valore da lui stesso prefissato, e allo stesso tempo può partecipare a variazioni vantaggiose potendo operare al tasso di mercato, in quanto l acquisto di denaro è solamente una facoltà ma non un obbligo. L utilizzo di questo derivato consente ad una società di coprire totalmente il rischio di prezzo di un operazione senza perdere eventuali profitti derivanti da variazioni positive del tasso, e può essere consigliabile il suo utilizzo nel caso di condizioni di mercato non caratterizzate da elevata volatilità. Il lato negativo dello strumento è rappresentato dal suo elevato costo relativo, superiore rispetto ad altri strumenti identici ma con barriera o rispetto ad altri strumenti che non consentono di scambiare a condizioni di mercato nel caso in cui ci siano movimenti favorevoli. Il Cap, proposto da un istituto fra quelli intervistati per effettuare coperture sul rischio di prezzo delle commodities, è assimilabile per i suoi flussi di cassa netti ad un opzione Plain Vanilla; la differenza risiede nelle modalità di pagamento: in un opzione normale infatti il cliente ha il diritto di acquistare o vendere denaro per l intero sottostante al tasso previsto, mentre nel caso del Cap il cliente deve comunque operare a prezzo di mercato e riceverà successivamente la differenza netta fra i flussi di cassa calcolati al tasso di mercato e al prezzo d esercizio. 23

24 Un particolare tipo di opzione è rappresentato dalle cosiddette opzioni asiatiche: in questo caso infatti il tasso di mercato non si basa semplicemente sullo spot verificato a scadenza ma viene calcolato effettuando una media di varie misurazioni effettuate in tempi diversi (concordati con l'istituto di credito al momento della firma del contratto) e confrontando questa media con il prezzo di esercizio. Nel caso in cui la media fosse conveniente per il cliente questi ha la possibilità di non esercitare il proprio diritto ed effettuare la compravendita al tasso calcolato. Sia le opzioni Plain Vanilla che le opzioni asiatiche sono stipulabili sia per effettuare coperture sul rischio di cambio sia per effettuare coperture sul rischio di prezzo delle commodities. Collar Il Collar è un contratto formato dall unione di un Cap e di un Floor (contratto quest ultimo che non è stato proposto singolarmente da alcun istituto intervistato), con lo scopo di fissare il prezzo minimo e massimo dello scambio (valutario o di commodities) e operare all interno di questo intervallo a prezzo di mercato. In questo caso l azienda esempio considerata è una società importatrice, con sottostante coperto di $ , EURUSD spot a 1,23, Floor fissato a quota 1,15 e Cap a 1,30: , , , , ,00 No coperura Collar , , ,00 Grafico 4.6 Flussi di cassa Collar 24

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli