Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane."

Transcript

1 No. 2, Ottobre 2007 Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. F. ANTONIOLI E S. SILENZI INDICE 1 Introduzione 4 Le cause delle variazioni del livello marino 5 Variazioni a scala globale 7 Variazioni a scala regionale 13 Le misure attuali e le previsioni sul futuro livello marino 17 Lo stato delle coste 18 La valutazione del rischio da ingressione marina 22 Considerazioni conclusive 24 Bibliografia Quaderno a cura di Forese Wezel con la collaborazione di Carlo Doglioni. Messa in rete a cura di Alessandro Zuccari & Paolo Conti. Sito web della SGI: socgeol. it Gli Autori sono i soli responsabili delle opinioni, osservazioni e idee espresse in questo Quaderno Società Geologica Italiana

2 Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane Fabrizio Antonioli* e Sergio Silenzi** * ENEA, Via Anguillarese 301, Roma (Italy) **Unità Cambiamenti Climatici Globali e Studi Costieri ICRAM, Via Casalotti 300, Roma (Italy) 1. Introduzione Fra gli effetti che il riscaldamento globale in corso avrà sulla società umana, il previsto sollevamento del livello marino ricopre un ruolo di fondamentale importanza potendo modificare l attuale assetto delle coste, dei suoi habitat e, in definitiva, delle attività e delle infrastrutture che contribuiscono al benessere ed alla sussistenza sociale di questo particolare ambiente occupato dall uomo. Per poter prevenire effetti catastrofici, od anche solo mantenere un livello di benessere e di sussistenza adeguati, diviene strategico poter comprendere quali scenari climatici e morfologici aspettano le nostre coste nel futuro. In tal senso ricostruire le diverse componenti che concorreranno a definire il livello del mare in un dato settore costituisce la base per la programmazione e la difesa del territorio dal cambiamento globale atteso: l adattamento al clima del futuro. Com è noto il livello del mare è sempre stato protagonista di oscillazioni di varie entità e velocità nella storia della Terra. Queste variazioni sono dipese sia da cause astronomiche (Antonioli et al., 2004) che dalla tettonica la cui intensità e significato variano regionalmente. Tuttavia, il riscaldamento in atto potrà comportare un accelerazione senza precedenti negli attuali trend di sollevamento (fig. 1). Fig. 1 - Confronto fra la quota del solco di battente e la concentrazione di CO 2 atmosferica del Tirreniano ed attuale lungo la costa del Golfo di Orosei (Sardegna). Quad. SGI 2 (2007): 2

3 Oggi ci troviamo forse al culmine di un lungo periodo interglaciale caldo, che è iniziato circa 9000 anni fa e che ha visto il livello marino sempre sollevarsi, nonostante la radianza solare (W/m 2 ) media sulla superficie terrestre sia diminuita (fig. 2). Seppure sia noto come da circa 4 mila anni lo scioglimento dei ghiacci, e quindi il loro contributo all eustatismo, sia quasi cessato, a causa dei movimenti isostatici le coste italiane hanno continuato e continueranno a subire passivamente movimenti negativi che appaiono come una risalita relativa del mare (fig. 3). Nel prossimo futuro questi movimenti si sommeranno a quelli eustatici dovuti al riscaldamento climatico che sta consistentemente riattivando il progressivo scioglimento delle coltri glaciali. Tutto ciò avrà delle ripercussioni notevoli sulla maggior parte delle aree costiere, in particolar modo nelle zone con coste basse e intorno ai delta dei fiumi. Fig. 2 - Variazioni del livello del mare e dell insolazione del Pleistocene medio, Pleistocene superiore e dell'olocene (tratta da Silenzi et al., 2004). Quad. SGI 2 (2007): 3

4 Fig. 3 - L aspetto della piscina d età Romana (2 ka BP) di Torre Astura (Lazio) misurata da Lambeck et al., Le cause delle variazioni del livello marino Nel corso delle ere geologiche il livello del mare ha sempre subito delle oscillazioni (fig. 4). Tutte queste variazioni possono essere connesse sia a cause geologiche, astronomiche e climatiche che vanno sotto il nome di eustatismo: sono il risultato di variazioni che interessano l intero globo a cui vanno sommate variazioni locali che differiscono, anche sensibilmente, da settore a settore. Fra le cause geologiche globali vi sono i cambiamenti della forma degli oceani, l accelerazione nell espansione delle dorsali oceaniche, il cambiamento nella distribuzione dell'acqua oceanica (variazioni climatiche con formazione o fusione delle coltri glaciali). L eccentricità dell orbita della Terra attorno al sole, l oscillazione dell obliquità dell asse di rotazione terrestre e i suoi moti di precessione sono i fattori dominanti le oscillazioni eustatiche fondamentali. Le variazioni a scala continentale o regionale dipendono principalmente dalle variazioni glacio-idro-isosatiche, dalla tettonica, dalle variazioni nella forza di gravità, dalla subsidenza e, negli ultimi secoli, dalle cause antropiche. A scala locale sono inoltre possibili variazioni di breve periodo (giornaliero, mensile, annuale) prevalentemente correlate a cause meteomarine e meteorologiche (maree, venti predominanti, variazioni di pressione atmosferica). Queste oscillazioni sono tutt'altro che di lieve entità, e possono comportare innalzamenti del livello del mare anche di alcuni decimetri, come nel caso delle acque alte a Venezia. Quad. SGI 2 (2007): 4

5 Fig. 4 Variazioni del livello marino a scala globale durante gli ultimi 550 milioni di anni (in blu: dati Exxon Corporation; riferimenti in Global Warming Art. In rosso: Hallam & Cohen, 1989). 2.1 Variazioni a scala globale Cause geologiche I fenomeni geologici che determinano variazioni nel livello del mare sono principalmente connessi alla tettonica delle placche (quali le emissioni laviche sottomarine e l'espansione o la subduzione dei fondali oceanici): il movimento delle zolle sul pianeta ed i fenomeni associati determinano variazioni della forma e, quindi, della capacità volumetrica, dei bacini oceanici. Per esempio la rapida formazione di nuova litosfera oceanica determina una minore profondità dell oceano; infatti più la litosfera è giovane, più è calda e quindi meno densa, generando per isostasia una minore batimetria e un minore volume oceanico. Questo comporta un innalzamento del livello del mare. Inoltre, vi sono gli effetti che l oscillazione del livello delle acque hanno sulla conformazione delle terre emerse e sommerse (ad esempio subsidenza costiera a scala continentale e regionale, gli aggiustamenti reologici della litosfera, la termo-isostasia, la glacio-isostasia, la sedimento-isostasia, gli accumuli di sedimenti, ecc.). Modificazioni climatiche di lungo periodo Le modificazioni climatiche globali che agiscono sulle decine e le centinaia di migliaia di anni sono essenzialmente innescate dalle variazioni periodiche dei parametri dell'orbita terrestre (Milankovitch, 1938; Hayas et al., 1976; Adem, 1989). Sono, infatti, questi che controllano l'intensità dell'insolazione che giunge sulla superficie del pianeta. Quad. SGI 2 (2007): 5

6 Gli effetti delle modificazioni climatiche sulle variazioni del livello marino riguardano principalmente i cambiamenti tra volumi relativi di acqua e ghiaccio, che avvengono per accrescimento o fusione delle coltri glaciali. Le variazioni del livello marino così indotte possono raggiungere i 140 m in 10 mila anni (fig. 2). Queste oscillazioni vengono anche definite variazioni glacioeustatiche (termine di valore storico proposto per la prima volta da Maclaren nel 1842). Cambiamenti climatici consistenti, come quelli che avvengono nel passaggio da un periodo glaciale ad uno interglaciale, comportano anche variazioni di temperatura, di salinità e di pressione dell'acqua oceanica, con relativi cambiamenti di densità e quindi di volume. I cambiamenti di livello marino indotti da una variazione di temperatura sono generalmente limitati (al massimo qualche metro di differenza tra un periodo glaciale ed un periodo interglaciale), ma possono essere percepibili (qualche decimetro) se un cambiamento climatico si produce in tempi brevi, come sta accadendo in questi ultimi anni a causa del riscaldamento globale in corso. La teoria di Milankovitch ed i processi che regolano i cicli glaciali Come visto, le più importanti modificazioni del clima che determinano variazioni del livello marino sono connesse ai così Fig. 5 - Variazioni di Eccentricità (E), Obliquità (O), Precessione (P) e combinazione dei loro effetti (E+O+P) durante gli ultimi 800 ka BP (da Bradley, 1999, modificata). Nella curva in basso è rappresentata, per la latitudine 65 N, la variazione di insolazione estiva durante gli ultimi 400 ka BP. La sua corrispondenza con la curva EOP dimostra che la variazione dei parametri orbitali influenza la quantità di radiazione solare che raggiunge la superficie terrestre (da Silenzi et al., 2004). detti cicli glaciali. Fu per primo il naturalista scozzese James Croll (Croll, 1875) a suggerire che le fluttuazioni climatiche degli ultimi 2 milioni di anni fossero il risultato dei lentissimi movimenti che la Terra descrive nello spazio e nella rotazione intorno al Sole. La teoria fu rielaborata da Milutin Milankovitch intorno al 1930 (Milankovitch, 1930; Milankovitch, 1941) e successivamente discussa e affinata da numerosi Autori (vedi ad es.: Berger, 1978; Berger, 1988; Berger et al., 1992; Crowley & Kim, 1994; Hays et al., 1976; Imbrie & Imbrie, 1980; Imbrie et al., 1992, 1993; Laskar, 1999; Muller & McDonald, 1997; Santer et al., 1993). Quad. SGI 2 (2007): 6

7 Secondo la teoria di Milankovitch, a causa dell attrazione gravitazionale che i corpi del sistema solare esercitano sul nostro pianeta, l orbita della Terra viene continuamente modificata dai cicli della precessione degli equinozi, dell obliquità dell eclittica e dell eccentricità dell orbita. Sulla base delle leggi astronomiche che descrivono tali variazioni e ipotizzando l atmosfera terrestre ferma, Milankovitch formulò un modello matematico in grado di calcolare la variazione di radiazione solare che ha raggiunto la Terra, alle diverse latitudini, negli ultimi anni, spiegando così l alternarsi nel passato di periodi più caldi e periodi più freddi (fig. 5). La combinazione dei tre cicli astronomici, incidendo principalmente sull insolazione estiva dell Emisfero Boreale, dove si concentrano la maggior parte delle terre emerse, determina il passaggio da fasi glaciali a interglaciali con periodi di circa 100 mila anni. Attualmente la Terra sta attraversando un periodo caldo o interglaciale, l Olocene, noto anche come stadio isotopico 1, che è iniziato circa 10mila anni fa. Questo periodo segue ad una fase glaciale in cui, circa 22 ka BP, il mare si trovava oltre i -130 m sotto il livello attuale. Le prime testimonianze dell alternanza di fasi glaciali ed interglaciali nel mare si è avuta analizzando il rapporto fra gli isotopi stabili dell'ossigeno contenuta nei resti fossili di organismi marini (δ 18 O, che descrive l'abbondanza relativa fra gli isotopi 16 O e 18 O ad esempio in un carbonato, come nel guscio di molluschi e foraminiferi. Tale rapporto isotopico non è casuale, ma è fortemente dipendente dalla temperatura dell'ambiente; Urey, 1948; Emiliani, 1954, 1977; Shackleton, 1974, 1977, 1988; Shackleton & Opdyke, Per l uso del δ 18 O su organismi marini: Wefer & Berger, 1991), in grado di registrare nel proprio guscio lo stato climatico del periodo in cui vivevano. E per questo che tali fasi climatiche, grosso modo corrispondenti ai cicli di Milankovitch, vengono chiamate stadi isotopici e sono indicate con numeri crescenti andando indietro nel tempo (fig. 6). Lo stadio 1 corrisponde all Olocene; analogamente con i numeri dispari vengono indicati i periodi interglaciali del passato, mentre con i numeri pari si individuano le fasi glaciali. Lo stadio 2 (o LGM : Last Glacial Maximum) corrisponde all ultimo periodo glaciale il cui picco più freddo è avvenuto anni fa (22 ka). 2.2 Variazioni a scala regionale Variazioni glacio-idro-isosatiche Come osservato nel paragrafo precedente, le variazioni descritte dai cicli di Milankovitch hanno portato la Terra di anni fa (massimo acme dell ultimo periodo glaciale) ad essere ricoperta da enormi coltri glaciali, spesse anche oltre 4000 metri. Nelle nostre regioni, l estensione dei ghiacci comprendeva una vasta porzione del nord Europa e delle principali catene montuose, quali le Alpi (fig. 7). La formazione o la fusione delle calotte glaciali induce sulla crosta terrestre movimenti verticali come risposta al carico rappresentato dall accrescimento delle coltri o dall alleggerimento dovuto al loro scioglimento. Questi fenomeni agiscono a scala planetaria e, a causa della viscosità del mantello terrestre, perdurano per lungo tempo anche dopo la fine della causa che li ha indotti. Così, per esempio, benché la maggior parte della calotta che ricopriva la Scandinavia durante l'ultimo periodo glaciale sia sparita da oltre 8000 anni, alcune porzioni costiere della Penisola Scandinava continuano ad innalzarsi glacio-isostaticamente alla velocità di quasi 20 mm/anno; una costante subsidenza continua a predominare in una vasta regione contigua a quella della calotta. Essa comprende la maggior parte delle coste del Mediterraneo, Italia inclusa (Lambeck e Johnston, 1995). Quad. SGI 2 (2007): 7

8 Fig. 6 - Le variazioni dei parametri orbitali inducono cambiamenti nella quantità di calore che raggiunge la superficie terrestre (grafico in alto): modellando gli effetti sul clima in termini di variazione del volume dei ghiacci (grafico centrale) si può ottenere l andamento teorico dei cicli glaciali, registrato nel rapporto fra isotopi stabili dell ossigeno (δ 18 O; grafico in basso) degli organismi fossili depositatesi sui fondali oceanici (tratto da Paillard, 1998). Paragonando l andamento dei grafici si deduce come ad un incremento significativo dell insolazione corrisponda una rapida diminuzione del volume dei ghiacciai, passando da un periodo glaciale ad uno interglaciale. La scala dei tempi, espressa in migliaia di anni, mette in risalto la ciclicità climatica glaciale/interglaciale, con periodo di ritorno di circa 100 mila anni. I picchi climatici sono denominati Stadi Isotopici: nella figura, i numeri nei riquadri in basso indicano l alternanza delle fasi glaciali ed interglaciali registrate sulla Terra nell ultimo milione di anni. Si può notare come i numeri dispari (box bianchi) rappresentino le fasi calde-interglaciali, mentre quelli pari indicano le fasi fredde (box neri). Lo Stadio 1 corrisponde all Olocene: è la fase di relativa stabilità climatica che stiamo attualmente vivendo e che è piuttosto recente (ultimi 8/7 ka BP). L Olocene è successivo all ultimo periodo glaciale che ha interessato la Terra: il livello del mare durante lo stadio 2, occorso solo 22 mila anni fa, era a circa -120 m. Lo stadio 3, seppure ha similitudini con un periodo caldo-interglaciale, a causa della combinazione fra i parametri orbitali non corrisponde al ciclo dei 100 mila anni descritto da Milankovitch e non ha visto un riscaldamento ed un livello del mare simile ad un vero periodo interglaciale; per questo è indicato in figura come assimilabile ad un periodo freddo. Lo Stadio 5, generalmente riportato in letteratura come l ultimo interglaciale prima dell attuale, ha visto il livello del mare salire di 6 metri sopra l attuale; anche la temperatura 125 mila anni fa era più elevata di oggi. Questo effetto, che tende ad essere trascurabile verso l'equatore, va sotto il nome di glacioisostasia, ed è stato descritto fra i primi da Farrell e Clarck (1976). La componente idro-isostatica è, invece, connessa alle variazioni del fondale marino dovute all'incremento (o decremento) della colonna d'acqua, a sua volta causato dello scioglimento (accrescimento) dei ghiacci in conseguenza del riscaldamento (raffreddamento) globale. Questo effetto produce un massimo valore di subsidenza all'interno dei bacini oceanici, con un conseguente sollevamento delle zone continentali. Tutte le zone circumpolari sono quindi soggette a forti fenomeni di glacio-isostasia, con sollevamenti fino a 200 metri nel corso degli ultimi anni; alle medie latitudini (Mediterraneo) vengono sommate le componenti glacio e idro mentre alle basse latitudini (Equatore) si riscontrano principalmente i risentimenti crostali dovuti alla idro-isostasia. Quad. SGI 2 (2007): 8

9 L'effetto glacio-idro-isostatico per il Mediterraneo centrale (Lambeck e Johnston, 1995; Lambeck e Bard, 2000), e quindi per la penisola italiana (Lambeck et al., 2004 a), si traduce in un processo di subsidenza con tassi variabili da Nord a Sud, con ordini di grandezza compresi tra 0.2 e 0.8 mm/anno (Lambeck et al. 2004a, Antonioli et al., 2007b) che corrispondono alla sommatoria tra la componente glacio- e quella idro-isostatica. Nel Mediterraneo, infatti, l'effetto principale connesso alla risalita del livello del mare consistite in un abbassamento della superficie del fondale marino avvenuta durante e dopo la deglaciazione (Lambeck et al., 2004 a). Una prova di quanto sta accadendo è data dal rinvenimento e dalla misura di reperti archeologici sommersi quali le piscine di allevamento di pesci costruite dai Romani 2000 anni fà in buona parte delle coste Mediterranee. Tali marker archeologici, misurati in aree tettonicamente stabili e ben correlati con il livello marino (le peschiere erano realizzate in corrispondenza dell intervallo di marea) si trovano attualmente nel Tirreno alla quota di circa m (Lambeck et al., 2004b). Il livello eustatico del mare di 2 ka BP era però solo di circa 12 cm più basso dell attuale: la maggior parte dei movimenti rilevati in questo settore sono quindi isostatici. Appare evidente, perciò, che la conoscenza delle variazioni glacio-idro-isostatiche del passato e di quelle attualmente in corso lungo la penisola italiana, sia fondamentale nel computo delle variazioni relative del livello marino che, a loro volta, dovranno essere rappresentate da curve locali in connessione alle diverse caratteristiche geologiche e reologiche di quel settore. La necessità di considerare la peculiarità di ogni area spiega la difficoltà di avere una singola curva che possa descrivere il fenomeno variazione del livello marino a scala mondiale. Movimenti verticali A scala locale una componente fondamentale nel computo delle variazioni relative del livello marino è fornita dall'entità degli eventuali movimenti tettonici, recenti ed attivi. Se pure non si tratta di variazioni dovute ad oscillazioni climatiche, il loro effetto, nel computo della vulnerabilità delle coste, assume una grande importanza (Pirazzoli, 1991). Negli studi sui movimenti verticali costieri, lungo le coste del Mediterraneo è stato possibile utilizzare marker geologici e biologici attribuiti all'ultimo periodo interglaciale, lo stadio isotopico 5.5 (denominato anche Tirreniano e datato, come acme caldo, circa 125 ka BP), essendo conosciuta la quota eustatica del livello di stazionamento del mare durante tale periodo (pari a 7±1 m sul livello del mare attuale). Una discussione esaustiva sull attribuzione altimetrica del massimo eustatico Tirreniano è in Nisi et al. (2003a). E così possibile quantificare l entità dei movimenti verticali costieri misurando la quota attuale delle forme di deposito e di erosione tirreniane. In altre parole, misurando la differenza fra la quota attuale di affioramento (Z) e quella paleoeustatica (+7 metri), si può quantitativamente definire l'entità media della componente verticale delle dislocazioni degli ultimi 125 ka BP, secondo la relazione (Z 7)/125 (espressa in mm/anno) (Antonioli et al., 2000; Bordoni e Valensise, 1998; Nisi et al., 2003a, Ferranti et al., 2006). Nella figura 8, vengono riportati i movimenti verticali rilevati per le aree costiere italiane. Appare chiaro come estese aree costiere in Toscana, tutta la Sardegna, il Lazio meridionale, nonché porzioni della Sicilia occidentale possono considerarsi sostanzialmente stabili. Il Friuli, il Veneto e L Emilia-Romagna sono invece aree in subsidenza tettonica. Fra i principali settori attualmente in sollevamento vi sono la Calabria e la Sicilia orientale. Per il Quaternario recente una review delle coste italiane è contenuta in Ferranti et al. (2006). Quad. SGI 2 (2007): 10

10 con spostamenti orizzontali dell ordine di circa 4-6 mm), si instaurino movimenti tettonici di sollevamento od abbassamento i cui tassi oscillano fra -1 mm/anno (Amorosi et al., 2004) e +2.4 mm/anno (Doglioni, 1994; Antonioli et al 2003; Carminati et al., 2003; Ferranti et al., 2007; fig. 9). Fig. 9 - Fasce di Balanidi (organismi intertidali) che, (in base alla datazione circa 1.8 ka cal BP in questo caso) testimoniano consistenti sollevamenti nella zona costiera di Scilla. La subsidenza nelle pianure costiere può essere correlata sia a cause naturali (per es. al costipamento dei sedimenti), sia connessa con le attività antropiche (bonifica idraulica, estrazione di fluidi, sfruttamento degli idrocarburi). A titolo di esempio, l'abbassamento del piano campagna della fascia costiera emiliano-romagnola ha fatto registrare tassi di subsidenza che hanno raggiunto i 70 mm/anno (delta del Po; Carminati e Martinelli, 2002), di cui quelli riconducibili ad attività umane, per estrazione di gas ed emungimento di acqua, sono pari a mm/anno (Bonsignore e Vicari, 2000). Cause antropiche L utilizzo delle risorse e del territorio, sotto i suoi molteplici aspetti, sono considerate fra le cause principali delle oscillazioni del livello marino recenti e, soprattutto, future. Infatti, l'espansione termica degli oceani e lo scioglimento dei ghiacciai hanno subito un'accelerazione legata alla massiccia immissione nell'atmosfera di gas serra (fig. 10). Inoltre, Quad. SGI 2 (2007): 12

11 Fig Andamento della CO 2 nell atmosfera a partire dall inizio degli anni 90 (dati NOAA). Nel 1750, periodo preso come riferimento pre-industriale, la concentrazione del gas era pari a circa 270 ppm (parti per milione). alcune attività come il sovra-sfruttamento delle falde idriche, lo sfruttamento di giacimenti metaniferi, l'escavazione di inerti per l'edilizia, le bonifiche idrauliche possono causare abbassamenti del suolo e quindi un aumento relativo del livello del mare e dei fenomeni erosivi. L'azione dell'uomo entra quindi a far parte delle cause determinanti le variazioni del livello del mare, probabilmente con un impatto maggiore rispetto alle dinamiche naturali di almeno un ordine di grandezza (Pirazzoli, 2000). 3. Le misure attuali e le previsioni sul futuro livello marino Come visto, sono molteplici le componenti che concorrono a determinare le variazioni del livello marino, spesso con effetti peculiari di una singola area o regione. Questo determina una grande incertezza nella quantificazione dell'attuale e della futura tendenza del livello degli oceani ed ancor più nel Mediterraneo, dove si sovrappongono le difficoltà connesse a valutare la tendenza di un bacino semichiuso e con dinamiche idrauliche e idrogeologiche peculiari. Tuttavia, la comunità scientifica internazionale è pressoché unanimemente concorde nell affermare che l incremento dei gas serra sta modificando il clima del pianeta in modo tale da innescare una risalita del livello del mare su scala globale. Gli scenari individuati dai modelli per l ultimo decennio sono stati addirittura superati dai fatti: il mare (a livello globale) è risalito con tassi superiori a quanto ci si attendeva qualche anno fa (fig. 11). Se si rivolge lo sguardo a 2000 anni fa, si può ricostruire come il livello relativo del mare in questo lasso di tempo, nelle aree tettonicamente stabili del Mediterraneo centrale, sia risalito di circa 1.3/1.4 metri. Di questo sollevamento solo 12 cm sono dovuti allo scioglimento dei ghiacciai mentre il resto è stato causato dal riaggiustamento glacio-idro-isostatici (Lambeck et al., 2004a). Questi 12 cm si sono però aggiunti solo negli ultimi 100 anni circa, come Quad. SGI 2 (2007): 13

12 Fig Comparazione fra i modelli di previsione futura degli scenari IPCC 2001 (banda grigia), che partono dal 1990, e il trend reale del sollevamento del livello marino (ridisegnata da Rahmstorf et al., 2007). Quest ultimo dato è stato determinato elaborando serie mareografiche (dal 1990, in rosso) e dati da satellite (dal 1993, in blu); tutti i dati sono corretti per la glacio-isostasia. Dalla figura si può vedere come le previsioni IPCC sottostimano abbondantemente ciò che è realmente avvenuto. Seppure tali misure, come ben indicato dagli Autori, non considerano le variazioni decennali a causa della brevità del periodo osservato, i dati satellitari evidenziano un tasso di risalita del mare di +3.3 ±0.4 mm/anno per il periodo probabile conseguenza del progressivo riscaldamento globale. Così, negli ultimi 2 secoli, da quando cioè sono disponibili misure strumentali e, successivamente, i dati da satellite, il livello del mare mostra di aver subito una risalita media complessiva (isostasia ed eustatismo) di circa mm/anno. Scendendo nel dettaglio, la media mondiale dei mareografi (centinaia di stazioni in tutto il mondo alle quali è stata sottratta la componente isostatica) mostra, per gli ultimi 50 anni, un valore di 1.8 mm/anno (Church et al., 2004; dati mareografici sono scaricabili dal sito La media globale del sollevamento del livello degli oceani ottenuto dal satellite Topex Poseidon (meno di 10 anni di registrazioni) mostra un trend di 3 mm/anno (Cazenave e Nerem, 2004); non appare chiaro se tale incremento (rispetto alla media di 1.8 mm/anno dei mareografi) sia dovuto ad un recente accelerazione o sia associato ad una ciclicità decennale. Le previsioni di quanto si alzerà il livello marino nel prossimo futuro (anno 2100) sono basate sulle ricostruzioni paleoclimatiche, sui dati mareografici, sulle variazioni storiche della temperatura media della Terra, sulle masse di ghiaccio potenzialmente in scioglimento e Quad. SGI 2 (2007): 14

13 sull'effetto dell'espansione termica degli oceani connesse al riscaldamento globale. Il recente rapporto dell IPCC del 2007 (IPCC: Intergovernmental Panel on Climate Change, organo tecnico-scientifico del WMO, World Meteorological Organization, e UNEP, United Nations Environment Programme; ha come compiti lo studio dei cambiamenti climatici in atto, lo sviluppo di scenari futuri, la definizione della vulnerabilità dei sistemi naturali e sociali, nonché stabilire le strategie di adattamento e di mitigazione) mette in evidenza come la temperatura media globale è prevista aumentare nel 2100 fra 1.1 e 6.4 C (nel rapporto del IPCC, questo range era compreso fra 1.4 e 5.8 C) secondo i diversi scenari di emissione considerati e, quindi, a seconda dei possibili modelli di sviluppo socio-economico mondiale. Anche il livello globale del mare è previsto sollevarsi, per lo stesso periodo, tra e metri (nel rapporto 2001 la previsione era compresa fra e metri; fig. 12). Fig Le proiezioni del sollevamento del livello marino per i prossimi 100 anni riportate nei rapporti IPCC del 2001 (curve in blu) e del 2007 (box neri). Nel Mediterraneo, la complessa fisiografia e la presenza di condizioni meteorologiche peculiari, nonché il bilancio idrogeologico negativo (dal mare evapora più acqua di quanta ne arriva dai fiumi) potranno contribuire a determinare un sollevamento del livello marino compreso fra il 50% ed il 100% di quello globale (Mikis N. Tsimplis, comunicazione personale). Alle dinamiche sopra esposte vanno aggiunte, come evidenziato in precedenza, le componenti locali. Il Mediterraneo è un area tettonicamente attiva: lungo le coste italiane i movimenti tettonici di sollevamento od abbassamento hanno tassi negativi di 1 mm/anno o positivi fino a 2.4 mm/anno (Amorosi et al., 2004, Antonioli et al 2003, Ferranti et al., 2007). Quad. SGI 2 (2007): 15

14 Data la complessità dei fenomeni climatici, geologici e tettonici che interessano le coste della Terra, utilizzare per il Mediterraneo soltanto le proiezioni elaborate a livello globale, come, per esempio, quelle fornite nelle relazioni dall IPCC, per definire i futuri rischi di inondazioni marine, è estremamente limitante. È necessario, invece, prendere in considerazione una valutazione comprensiva delle regioni interessate che includa i dati paleoclimatici, i movimenti idro-isostatici differenziali, quelli dovuti a subsidenza o sollevamento, e l eventuale accelerazione attesa per il futuro in seguito alle variazioni del clima. In tal senso, il mareografo è uno strumento di grande utilità per la comprensione del sollevamento relativo del mare a livello locale: tutti i movimenti verticali della costa vengono infatti sommati in un unica registrazione (fig. 13). Fig Comparazione fra le registrazioni mareografiche di Palermo (record blu) e Messina (record verde); in rosso sono indicati i valori residuali di Messina rispetto a Palermo. La registrazione di Messina evidenzia il sollevamento della costa prima del catastrofico terremoto del 28 Dicembre del 1908, e la subsidenza cosismica e postsismica occorsa durante e dopo l evento. Purtroppo lungo le coste italiane pochi sono i mareografi funzionanti da oltre 100 anni (Genova, Trieste, Venezia); il resto della rete mareografica nazionale fornisce comunque dati Quad. SGI 2 (2007): 16

15 molto interessanti permettendo la registrazione dei sollevamenti o abbassamenti verticali e, soprattutto, del sollevamento eustatico. Per comprendere quale contributo possono fornire le serie storiche dei più recenti mareografi alla comprensione del sollevamento del livello marino, bisogna osservare che i cicli di carattere non eustatico nel Mediterraneo hanno periodi decennali: per registrare i trend in corso è perciò necessario avere registrazioni di almeno 20 anni. E' così auspicabile la fattiva implementazione della rete nazionale (come in essere), con stazioni che ricoprano estensivamente il territorio italiano. Tali dati, infatti, non possono essere sostituiti dalle misure satellitari che sono relative alle variazioni in mare aperto e non costiere, con queste ultime ben più rilevanti per formulare ipostesi di adattamento. I dati mareografici, inoltre, sono particolarmente affidabili anche in aree attive, come comprovano le correlazioni con i dati di mobilità verticale da osservazioni geologiche (long-term) (Antonioli et al., 2007a). Ovviamente, a sua volta, l interpretazione delle misure mareografiche necessita di essere comparata con i dati geologici, soprattutto quando i movimenti verticali, come nel caso di eventi sismici, hanno periodi di ritorno superiori a quelli di registrazione del dato strumentale. 4. Lo stato delle coste Le ricerche di carattere interdisciplinare degli ultimi anni hanno messo in evidenza come gran parte delle aree costiere del pianeta (quasi l 80% di tutte le spiagge esistenti) stia subendo fenomeni di erosione. Tale fenomeno è sia connesso alla risalita del livello del mare, dovuta allo scioglimento delle coltri glaciali, alla subsidenza, e all espansione termica delle masse oceaniche come conseguenza del cambiamento climatico in atto, sia all uso sconsiderato del territorio costiero operato dall uomo negli ultimi lustri (distruzione dei sistemi dunali, imbrigliamento dei fiumi, costruzione di opere aggettanti, pulizia delle spiagge e pressione turistica eccessiva, ecc.). L effetto antropico può così produrre sull erosione costiera effetti similari, se non addirittura superiori, ai movimenti del mare. Nei prossimi decenni l accelerazione recente del sollevamento del livello marino potrebbe essere ancora più rilevante, con effetti devastanti sui sistemi costieri. Come discusso, il rapporto prodotto dall IPCC nel 2007 individua scenari dove l innalzamento marino del prossimo secolo, per sole cause climatiche, potrà superare il mezzo il metro rispetto al livello attuale. Le conseguenze di questi fenomeni, tutt altro che improbabili, sugli ecosistemi e le popolazioni rivierasche sono facili da immaginare: se un innalzamento delle acque di 1 solo centimetro può comportare l arretramento della linea di riva anche di 1 metro, il sollevamento marino previsto dal report potrebbe potenzialmente sconvolgere l assetto costiero di molti paesi del mondo. Tale rischio, che può essere definito come la Perdita economica, ambientale o sociale attesa in conseguenza della risalita relativa del livello medio del mare (una review sulle diverse definizioni di Rischio applicabili alle coste è contenuta in Silenzi et al., 2003) è la conseguenza dell interazione tra la presenza di elementi antropici e fenomeni di diversa natura: al riscaldamento globale e all'eustatismo, si uniscono la subsidenza, l alterazione dei sistemi naturali litoranei, lo smantellamento degli apparati dunari e la realizzazione di opere aggettanti quali i porti. Per comprendere la rilevanza del problema sul territorio nazionale è utile ricordare che degli oltre 7500 km di litorale italiano, il 47% è rappresentato da coste alte e/o rocciose e il 53% da spiagge; di queste ultime il 42% circa è attualmente in erosione (tab. 1). Molte delle coste oggi non ritenute in erosione, lo sono solo in conseguenza della realizzazione di opere di difesa che, a partire dal 1907, con la Legge per la difesa degli abitati Quad. SGI 2 (2007): 17

16 Tabella 1 - Estensione dei tratti costieri bassi e sabbiosi lungo le regioni italiane. La percentuale sullo intero territorio delle spiagge attualmente in erosione è significativamente alta: oltre il 42%. I dati sono tratti dal Libro sullo Stato dei Litorali Italiani (Augelli et al., 2007) edito dal GNRAC. Un attento quadro sulle recenti tendenze evolutive dei tutti i litorali italiani può essere ricavato dall Atlante delle Spiagge Italiane ed edito dal CNR. L atlante, riporta dati compilati fra il 1981 e il Regione Estensione della costa (km) Coste basse (km) Tratti in erosione (km; %) Liguria (33) Toscana (39) Lazio (54) Campania (42) Calabria (43) Sicilia (39) Sardegna (42) Basilicata (74) Puglia (65) Molise (91) Abruzzo (50) Marche (54) Emilia Romagna (25) Veneto (18) Friuli-Venezia (13) Totale Italia (42) dall erosione marina, hanno alterato gli ambienti e le dinamiche geologiche di molti litorali. Ad esempio la costruzione di porti lungo i litorali sabbiosi ha contribuito ad interrompere i flussi sedimentari lungo costa, magnificando l erosione in alcune aree e comportando l avanzamento di alcuni tratti di litorale a ridosso di tali strutture (fig. 14). 5. La valutazione del rischio da ingressione marina Il protocollo di Kyoto, oltre ad individuare come fondamentale la riduzione delle emissioni di gas serra (mitigazione del cambio climatico) suggerisce ai governi mondiali di intraprendere delle adeguate politiche di adattamento, cioè di ridurre gli impatti attraverso la prevenzione degli effetti negativi dei cambiamenti in atto e futuri. Sulle coste tali indicazioni si traducono nella pianificazione del territorio in relazione al sollevamento del mare (rischi lenti, anni) ed all intensificarsi degli eventi estremi (rischi veloci, 5-15 anni). Seppure il Mediterraneo non sia fra i settori più a rischio per le popolazioni, ha un alta vulnerabilità degli ecosistemi costieri e subisce un accelerata erosione dei litorali. Le coste mediterranee (46000 km) e sopratutto quelle nazionali (7500 km) presentano, in relazione al rischio di allagamento da parte del mare, alcuni fattori negativi rispetto a molte altre aree del mondo: 1) la presenza di limitate escusioni mareali (mediamente cm con l unica eccezione del nord Adriatico dove si superano i 100 cm) ha consentito un pericoloso avvicinamento alla linea di riva del tessuto urbano e di qualsiasi attività antropica; 2) lungo le coste mediterranee è ormai chiaro che gli effetti del sollevamento eustatico sono magnificati dai movimenti isostatici, tettonici e di subsidenza antropica; tale effetto viene ulteriormente amplificato dalla presenza di un certo numero di aree costiere depresse, cioè già oggi sotto il livello del mare. Quad. SGI 2 (2007): 18

17 Fig Il tratto di costa presso Terracina (Lazio meridionale) dove si può osservare l influenza di opere aggettanti sul trasporto solido litoraneo: netta è la differenza della profondità della spiaggia sopra e sotto corrente. Vista verso SE. In controtendenza rispetto al sollevamento globale degli oceani, appare invece mitigante l'attuale tasso eustatico (senza quello isostatico e/o tettonico) di risalita dei mari Italiani (circa 1.05 mm/anno Lambeck et al., 2004b): questo infatti risulta essere minore rispetto a quello globale (1.8 mm/anno, Church et al., 2004). Nella mappa delle aree costiere Italiane potenzialmente a rischio di fig. 15 (Antonioli e Leoni, 2007); vengono riportate in rosso le quote vicine allo zero m slm, in arancione quelle fino a +2m, in giallo fino a +5 m. Tale mappa è basata su un DEM a 20 metri; si può osservare come le zone che presentano le problematiche maggiori, cioè con molti km 2 di superficie intorno a quota zero, si trovano soprattutto nel Nord Adriatico. Sono comunque molti i settori nazionali che mostrano aree con coste basse già oggi a rischio di essere allagate nei prossimi 100 anni sulle coste Tirreniche e Ioniche: in totale circa 4500 km 2. I valori minimi di innalzamento eustatico (riscaldamento superficiale e scioglimento dei ghiacci) ipotizzati in questa mappa per la fine del 21 secolo, e pari a m, provengono dal report UE "Impact assesment" pubblicato il 10 gennaio Le cifre sono arrotondate al secondo decimale. I movimenti attuali (espressi in mm/anno) sono dati dalla somma dei valori isostatici (Lambeck et al., 2004a), più quelli tettonici (Ferranti et al., 2006) e quelli eustatici per l'italia (Lambeck et al., 2004b; pari a 1.02 mm/anno). Per l area del Po e Venezia è stato inserito un valore medio. A questi numeri vanno aggiunti quelli di costipazione del suolo per emungimento di acqua e gas. Le valutazioni ed i numeri che scaturiscono dalla Mappa delle aree costiere a rischio sono da considerarsi come fase preliminare di uno studio che dovrà essere ben più dettagliato, ma sono utili ad evidenziare come Amministrazioni Regionali o Provinciali, prima di prendere in considerazione eventuali ipotesi di adattamento, debbano effettuare indagini di dettaglio non- Quad. SGI 2 (2007): 19

18 ché valutazioni sul comportamento naturale delle coste al variare del livello del mare: questa risposta può essere molto diversa a seconda delle caratteristiche fisiche locali come l ampiezza delle spiagge, la portata solida dei fiumi, la presenza o meno di dune costiere, la presenza ed il verso di correnti marine, la presenza di opere di difesa, gli impatti antropici, ecc. Fig Mappa delle aree a rischio lungo le coste italiane (da Antonioli & Leoni, 2007). I centimetri di sollevamento relativo del mare attesi per il 2100 sono stati calcolati considerando i valori minimi IPCC di sollevamento eustatico e sommandoli con quelli tettonici e isostatici calcolati per le aree in oggetto. Quad. SGI 2 (2007): 20

19 Come evidenziato ne Lo stato dei litorali italiani (Aucelli et al., 2006), edito nel 2006 per i tipi di Studi Costieri dal Gruppo Nazionale per le Ricerche sull Ambiente Costiero, molte delle oltre 30 pianure costiere italiane rappresentano aree ad elevato valore naturalistico e paesaggistico, e sono sedi di attività produttive di rilevanza nazionale. L incremento atteso della frequenza e dell intensità dei fenomeni estremi (alluvioni, mareggiate, ecc.) e l accelerazione della risalita del livello marino e dei fenomeni erosivi comporteranno perdite di territorio, di infrastrutture e di beni economici. Nelle metodologie volte alla gestione di aree esposte a rischio ambientale esistono numerosi approcci metodologici; in tal senso sempre più di frequente vengono utilizzati metodi multidisciplinari che consentono l integrazione di dati scaturiti dall analisi storica ed attuale dello stato del territorio, con l individuazione e la quantificazione della frequenza, dell intensità, della distribuzione spaziale e temporale degli eventi naturali potenzialmente distruttivi. Contemporaneamente, vengono prese in considerazione le interferenze e le sinergie tra questi parametri e le attività dell uomo. Nel tentativo di valutare la vulnerabilità di un litorale, le scienze geologiche hanno un ruolo fondamentale sia per l analisi della geomorfologia e delle caratteristiche sedimentologiche dei litorali, sia per lo studio dei processi evolutivi che, nel corso del tempo, hanno strutturato morfologicamente e stratigraficamente gli attuali assetti. Alcuni degli approcci metodologici per la valutazione della vulnerabilità costiera per gli scenari del 2100 hanno interessato, negli ultimi anni, i settori costieri della Toscana settentrionale (Mar Ligure; Silenzi et al., 2002 e 2003; Nisi et al., 2003b), della pianura Pontina (Lazio, Mar Tirreno; Parlagreco et al., 2007a; fig. 16) e dell area della foce del fiume Sangro (Abruzzo, Mar Adriatico; Parlagreco et al., 2006 e 2007b). Più correlati ai rischi veloci, a titolo esemplificativo di una moltitudine di studi realizzati ed in corso vi sono studi effettuati in Veneto (Fontolan et al., 2001), Emilia Romagna (Simeoni et al., 2003a), Abruzzo (Progetto SICORA), Sicilia e Campania (Progetto Interreg IIIc MESSINA). Nel settore adriatico, studi effettuati lungo la fascia costiera emiliano-romagnola hanno evidenziato come la componente subsidenziale antropogenica magnificherà il computo del sollevamento relativo del livello marino, comportando un effetto sull arretramento della linea di riva: rispetto al 15% di territorio che si trovava sotto il livello del mare già alla fine degli anni 80, nel 2020 le aree depresse potrebbero raggiungere il 48% dell intera fascia costiera (Simeoni et al., 2003b). Attualmente questi approcci metodologici sono in corso di applicazione in siti pilota nell ambito del progetto italiano FISR VECTOR (Vulnerabilità delle Coste e degli ecosistemi marini italiani ai cambiamenti climatici e loro ruolo nei cicli del carbonio mediterraneo; il progetto interessa la Laguna di Grado e Marano in Friuli, i Fiumi Torbido, Amusa, Allaro e Precariti in Calabria, il Fiume Sele in Campania, il Fiume Ombrone in Toscana) e nell abito del progetto europeo Interreg IIIc Beachmed-e MedPlan (Lazio meridionale e Emilia Romagna). Nel progetto Vector, in particolare, verranno carotati sondaggi con l obiettivo di raggiungere il livello cosiddetto Tirreniano per calcolare con precisione i tassi dei movimenti verticali. Quad. SGI 2 (2007): 21

20 Fig Esempio di elaborazione per la valutazione della vulnerabilità costiera: nella carta, in relazione a diversi scenari di previsione del sollevamento del livello marino attesi per il 2100, sono state perimetrate, con colori diversi, le zone che potrebbero venire a trovarsi sotto la quota 0 m (da Parlagreco et al., 2007). La rappresentazione cartografica investiga la pianura costiera fra il Promontorio del Circeo e Terracina visibile nella figura 14. In quest area le opere di emungimento idraulico per la bonifica dei terreni paludosi hanno portato alla costipazione dei depositi costieri recenti, amplificando i futuri effetti del sollevamento marino. 6. Considerazioni conclusive La comunità scientifica internazionale è ormai unanimemente d accordo nel considerare il cambiamento climatico del pianeta non solo in atto, ma come principalmente connesso all alterazione degli equilibri naturali da parte dell uomo. Tale riscaldamento avrà conseguenze anche sul mare, aumentandone il livello e la frequenza degli eventi estremi. Ciò, molto verosimilmente, potrà provocare l accelerazione dei processi erosivi e notevoli danni, in termini economici e di qualità della vita, alle popolazioni rivierasche. La peculiare conformazione geografica rende l Italia, con oltre 7500 km di coste e numerose pianure costiere, particolarmente vulnerabile ai cambiamenti globali. Come suggerito dal Protocollo di Kyoto, è comunque possibile adattare il territorio al clima del futuro. In ambito costiero ciò potrà trarre vantaggio da una pianificazione territoriale in grado di tener conto dei diversi gradi di rischio. Le Scienze della Terra forniranno un contributo fondamentale per la valutazione di quelle Quad. SGI 2 (2007): 22

%$&' - 2 - /. 01' " "##$ ' (")"*+$+*$#,%" '-... "

%$&' - 2 - /. 01'  ##$ ' ()*+$+*$#,% '-... %$&'!"#$#%& ' (")"*+$+*$#,%" '-... " /. 01' "! "##$ - 2 - Indice Introduzione 5 1 Osservazioni paleoclimatiche e concentrazione dei gas serra in atmosfera 6 1.1 Il contributo radiativo antropico ai cambiamenti

Dettagli

Clima, cambiamenti climatici globali e loro impatto sul territorio nazionale

Clima, cambiamenti climatici globali e loro impatto sul territorio nazionale Clima, cambiamenti climatici globali e loro impatto sul territorio nazionale ISBN: 978-88-903028-0-0 Quaderni dell'isac, volume 1 Edito da ISAC-CNR, Via Gobetti 101, 40129 Bologna Curatore: Antonello Provenzale,

Dettagli

CLIMA ED ENERGIA. Capire per agire

CLIMA ED ENERGIA. Capire per agire CLIMA ED ENERGIA Capire per agire CLIMA ED ENERGIA: CAPIRE PER AGIRE Ghiacciai in agonia: impetuoso torrente di fusione alla fronte del Ghiacciaio Ciardoney (Gran Paradiso), settembre 2008 CLIMA ED ENERGIA:

Dettagli

CAMBIAMENTI CLIMATICI ED ENERGIA

CAMBIAMENTI CLIMATICI ED ENERGIA CAPITOLO 1 CAMBIAMENTI CLIMATICI ED ENERGIA Introduzione L 11 dicembre 2011 si è conclusa a Durban la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, cominciata il 28 novembre 2011 e proseguita

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4 Indice 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2............................................................... 4 2. Dove e quanta CO 2 possiamo immagazzinare nel

Dettagli

AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI LA VARIAZIONE DEL CLIMA

AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI LA VARIAZIONE DEL CLIMA Atti Workshop CLIMAGRI- Cambiamenti Climatici e Agricoltura Cagliari, 16-17 gennaio 2003 AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI FRANCO ZINONI, PIERPAOLO DUCE** * ARPA-Servizio Meteorologico, Bologna

Dettagli

6IILA. America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico. Con la collaborazione di CEPAL, FAO, IICA. Con il contributo di

6IILA. America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico. Con la collaborazione di CEPAL, FAO, IICA. Con il contributo di COLLANA DI STUDI LATINOAMERICANI - Economia e Società Istituto Italo- Latino Americano Comisión Económica para América Latina y el Caribe America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico

Dettagli

Le alluvioni e la protezione delle abitazioni

Le alluvioni e la protezione delle abitazioni Marzo 2015 Position paper Le alluvioni e la protezione delle abitazioni Le proposte del settore assicurativo per superare l attuale carenza di polizze Executive summary Nella storia umana le alluvioni

Dettagli

L energia verde che fa male ai fiumi

L energia verde che fa male ai fiumi 1 L energia verde che fa male ai fiumi Qualità dei corsi d acqua e produzione idroelettrica in Italia: un conflitto irrisolto Settembre 2014 CENTRO ITALIANO PER LA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Chi è il CIRF

Dettagli

Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna

Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna EUROPEAN UNION EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna Stato dell arte e linee guida per uno sviluppo sostenibile del settore

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Modulo 1 di 4. Il clima. cambia. I segnali. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

Modulo 1 di 4. Il clima. cambia. I segnali. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .1 Modulo 1 di 4 Il clima cambia I segnali Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 1Il clima cambia: I segnali vediamo i segnali in maniera chiara. Ecco

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Citazione suggerita: Castellari S., Venturini S., Giordano F., Ballarin Denti A., Bigano A., Bindi M., Bosello F., Carrera L.,

Dettagli

PRIM 2007-2010 Programma Regionale Integrato di Mitigazione dei Rischi

PRIM 2007-2010 Programma Regionale Integrato di Mitigazione dei Rischi PRIM 2007-2010 Programma Regionale Integrato di Mitigazione dei Rischi Febbraio 2008 S O M M A R I O 1. METODI, STRUMENTI E LOGICHE DEL PRIM 2007-2010... 2 1.1 Le grandi scelte del PRIM 2007-2010... 2

Dettagli

exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006

exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006 exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006 Vers_22_marzo_ 2006 INDICE Presentazione.......2 1. IL SISTEMA REGIONE...4 1.1 Analisi di contesto... 4 1.1.1 Caratteri strutturali

Dettagli

Programmazione dell attività esplorativa

Programmazione dell attività esplorativa 2.1 Programmazione dell attività esplorativa 2.1.1 Definizione dell attività L esplorazione è la prima fase del ciclo petrolifero e comprende tutte le attività relative alla ricerca degli idrocarburi.

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Relazione sullo stato delle conoscenze in tema di ambiente e salute nelle

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Relazione sullo stato delle conoscenze in tema di ambiente e salute nelle Consiglio Nazionale delle Ricerche Relazione sullo stato delle conoscenze in tema di ambiente e salute nelle aree ad alto rischio in Italia Giugno 2007 Relazione per la VIII Commissione permanente della

Dettagli

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA a cura di Il clima del Friuli Venezia Giulia Il clima viene definito come l'insieme delle condizioni atmosferiche medie (temperatura, umidità, pressione, venti...) e

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

Regione Campania Assessorato al Turismo. Linee guida per lo sviluppo turistico della Regione Campania

Regione Campania Assessorato al Turismo. Linee guida per lo sviluppo turistico della Regione Campania Regione Campania Assessorato al Turismo Linee guida per lo sviluppo turistico della Regione Campania Luglio 2002 INDICE PREMESSA... pag. 3 1. IL MODELLO UTILIZZATO... pag. 4 2. ANALISI... pag. 10 2.1 Inquadramento

Dettagli

per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano

per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano % %Green Economy: per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano Giugno 2013 II Premessa La crescita, secondo le teorie economiche, è frutto dell accumulo del capitale e dell

Dettagli

Eventi naturali CONOSCERE E OSSERVARE IL TERRITORIO. Tutti i laghi senza lacune. Ecosistemi, risorse, patrimonio da preservare

Eventi naturali CONOSCERE E OSSERVARE IL TERRITORIO. Tutti i laghi senza lacune. Ecosistemi, risorse, patrimonio da preservare Eventi naturali CONOSCERE E OSSERVARE IL TERRITORIO Tutti i laghi senza lacune Ecosistemi, risorse, patrimonio da preservare TUTTI I LAGHI SENZA LACUNE Ecosistemi, risorse, patrimonio da preservare Tutti

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014

Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Sommario 1. L Osservatorio Innovazione: struttura, obiettivi, metodologia e alcune definizioni 3 1.1. Metodologia,

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Strategia d azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia Approvata dal CIPE il 2 agosto 2002 con Deliberazione n. 57 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli