Documento Fp Cgil Spending Review

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento Fp Cgil Spending Review"

Transcript

1 Documento Fp Cgil Spending Review PREMESSA GENERALE Martedì 29 maggio il Governo ha chiuso la consultazione pubblica sulla spending review : una attività che ha suscitato forti perplessità ed enormi critiche sia per le sue dubbie caratteristiche democratiche (il richiamo ad una sorta di rapporto diretto con la cittadinanza dal significato estemporaneo e dal sapore marcatamente populista), sia per la sua altrettanto dubbia utilità (la maggior parte delle sollecitazioni, stando alle anticipazioni, si è limitata ad una denucia corale sui costi e gli sprechi della politica ). Il Governo, in coerenza con il ricorso al confuso e contraddittorio strumento plebiscitario e con l ulteriore scelta di affidare a tecnici l intera trattazione del tema spending review, continua, anche attraverso estemporanee ed altrettanto confuse dichiarazioni dei vari Ministri, in una operazione i cui obiettivi ed ambiti dichiarati appaiono in netta contraddizione tra loro, spesso addirittura confliggenti. L obiettivo enunciato dall esecutivo, evitare inefficienze, eliminare sprechi e ottenere risorse da destinare allo sviluppo ed alla crescita è quotidianamente messo in discussione laddove alla spending review vengono accostati i termini riduzione della spesa pubblica e quelli del pareggio di Bilancio. Sviluppo e crescita sono le richieste ormai assordanti che da tutto il Paese si levano verso il Governo Monti, sviluppo e crescita quali effetti di una profonda riorganizzazione degli apparati pubblici tesa ad ampiliare le fasce di inclusioni nel sistema welfare sono le precise rivendicazioni della Funzione Pubblica Cgil e dell intera Confederazione. Ed è quindi, proprio nella premessa di una piattaforma articolata della Fp Cgil sulla revisione della spesa, che va chiarito il nodo, per noi pregiudiziale a qualsivoglia ragionamento condiviso sulle finalità della spending review, sul significato che il Governo attribuisce alle parole sviluppo e crescita, ai suo spazi di intervento, agli investimenti che ne rendono possibile la loro realizzazione. Per la Funzione Pubblica Cgil, che rivendica un ruolo attivo nei processi 1

2 revisionali della spesa pubblica, sviluppo e crescita sono obiettivi generali ed estesi all interno dei quali, però, devono poter trovare collocazione e soddisfazione la crisi dei sistemi di welfare (frutto di scellerate e ripetute politiche di tagli lineari), la crisi del lavoro e dei diritti ad esso annessi, le condizioni materiali e di vita delle lavoratrici e dei lavoratori pubblici e dei servizi da essi assicurati. Il balletto delle cifre, spesso incredibile, altrettanto spesso usato quale diversivo rispetto all immobilismo evidente della politica e dell esecutivo sull aggressione agli sprechi più evidenti, appare avere quale tratto distintivo e progressivo la semplice riduzione della spesa con finalità ripianatorie del debito o, nella migliore delle ipotesi, quale strumento di totale compensazione delle storture dell ultimo intervento sull IVA (che ne prevede un prossimo per il mese di settembre 2012). La Fp Cgil, al contrario, crede sia indispensabile che la doverosa attività di revisione della spesa si orienti prioritariamente su almeno tre grandi direttrici di marcia. La prima deve saper soddisfare, invertendo una rotta decennale, i crescenti bisogni dei cittadini per una maggiore protezione sociale, per un rinnovato sistema di servizi alla persona, per un nuovo avanzamento di un welfare inclusivo, solidale e capace di accompagnare fuori la crisi quelle fasce sociali drammaticamente abbandonate a se stesse per anni. La seconda deve poter ri orientare gli investimenti, a cominciare da quelli strettamente legati al territorio, con l obiettivo di far ripartire le economie cittadine in una stretta sinergia con i sistemi delle autonomie locali, per i quali vanno ripensasti completamente i vincoli di bilancio che un irragionevole patto di stabilità interna impone in maniera acritica. La terza attiene alla necessità, ancora più cogente a fronte di una altrettanto necessaria e profonda riorganizzazione della Pubblica Amministrzione, di reinvestire sul lavoro pubblico, sul rinnovo dei contratti, sul sistema dei diritti (profondamente leso da anni di politiche populiste ed aggressive), sulla formazione professionale, sui processi di mobilità che deriveranno dalle riorganizzazioni, sui salari. E sulla base di questi presupposti che la Fp Cgil offre una sua prima proposta di spending review per l intera gamma di amministrazioni, aziende, enti che compongono il variegato mondo della Pubblica Amministrazione: dal Servizio Sanitario Nazionale al sistema delle Autonomie, dai Ministeri individuati in prima battuta dal Ministro Giarda nalle società in house, il lavoro di revisione della spesa che proponiamo intende realizzare processi di revisione organizzativa che sappiano incidere sui bilanci e sulle capacità di erogazione di prestazioni ai cittadini. 2

3 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE La crisi economica, la spesa sanitaria, la revisione della spesa, i reinvestimenti nella salute. I tagli al welfare quale conseguenza della crisi economica e delle scelte politiche assunte nei libri bianco e verde del Governo Berlusconi rischiano di scardinare le fondamenta del servizio pubblico costringendo i cittadini sempre più verso il privato, aumentando così le diseguaglianze tra chi è in grado di pagare (sempre di meno) e chi no (sempre di più). La cattiva politica degli aumenti dei ticket e i tagli lineari dei servizi e delle prestazioni stanno allontanando i cittadini dalla struttura pubblica facendo emergere un paradosso: vi sono ormai prestazioni meno care nel privato. L analisi della riduzione dei posti letto negli ultimi dieci anni indica in modo chiaro che vengono soppressi principalmente i posti pubblici e che, in circa la metà delle Regioni, le strutture private accreditate e quindi pagate con soldi pubblici li hanno, al contrario, incredibilmente aumentati. Rischia così di prevalere un modello, del quale la regione Lombardia è l antesignana, che fa dell inappropriatezza, ovvero del modello fondato non già sulla programmazione sanitaria ma sulla generica domanda di salute, il suo volontario o involontario asse di riferimento, con l aggravio che spostare dal pubblico al privato il sistema di erogazione delle prestazioni non produce affatto risparmi, riduzioni di spesa pubblica. La giusta chiusura di diversi ospedali pubblici piccoli e pericolosi sia per chi ci lavora, sia per chi vi si reca per farsi curare patologie gravi e complesse non è stata accompagnata dal contemporaneo potenziamento di strutture territoriali, aperte 24 ore su 24, e da una indispensabile riorganizzazione e potenziamento delle cure primarie. E neanche dal rafforzamento dei servizi dsm, sert, cad, consultori, etc. deputati alla prevenzione e cura di segmenti di popolazione particolarmente fragile, più esposta ai rischi di emarginazione. Sono state cancellate le risorse per un piano nazionale di aggiornamento strutturale e tecnologico degli ospedali di medie e grandi dimensioni, costruiti secondo vecchi modelli non più funzionali (basti pensare ai Policlinici a padiglioni). E questa una politica di tagli scellerata e non giustificata dalla spesa sanitaria effettiva nel nostro paese. 8 miliardi di tagli per il biennio (decisi nel luglio 2011 dal Governo Berlusconi) sono previsti nel Bilancio della Stato e costituiscono un impegno rispetto allʹunione Europea e ai mercati. A questo si aggiunge il processo del Governo Monti sulla spending review che nel settore sanità considera rivedibili sopratutto 97 miliardi di spesa sanitaria. Si tratta di una scelta irresponsabile destinata ad avere gravissime ripercussioni sul Patto per la Salute, e a manomettere irreparabilmente il diritto alla salute sancito dalla costituzione. 3

4 Questo allarme, che sta già producendo grandi problemi in molte regioni italiane, è stato lanciato da più parti. In sanità, quindi, il problema non è spendere meno ma spendere meglio. Per fare questo occorre ripartire dalla mission, che affida al pubblico la tutela della salute ed operare sulle distorsioni che si sono fin qui prodotte. La prima distorsione riguarda la deriva politico aziendalistica Va innanzi tutto chiarito che l attuale forma organizzativa ha subito lo stravolgimento della propria mission in nome del totem del pareggio di bilancio, a fronte di risorse sempre minori, che, unito allʹinvadenza inarrestabile e insopportabile della politica partitica, sta minando il servizio pubblico e il suo tessuto professionale. Non può reggere un sistema in cui il manager è confermato se riduce le spese e/o, in alcuni casi, se ha risposto alle richieste improprie della politica partitica, dagli appalti alle nomine professionali, nella gestione aziendale. Carriere, chiusura ed aperture di servizi, esternalizzazioni, consulenze ed incarichi, non possono più essere decisi solo da manager nominati dai partiti. Alcuni esempi sono costituiti dall infernale meccanismo, da abrogare completamente, dellʹarticolo 15 septies del Dlgs 502/92 con il quale si possono chiamare ad personam dirigenti a ricoprire posti che andrebbero messi a concorso, oppure dal funzionamento anomalo dell articolo 18 del contratto nazionale del 2000 con il quale le funzioni primariali vengono prorogate nel tempo e a discrezione. Una situazione ancora più drammatizzata dalla crescente carenza di risorse, più evidente nelle Regioni sottoposte ai Piani di Rientro dove troppo spesso, a causa dei tagli, si riducono drasticamente i servizi in modo arbitrario senza toccare, però, interessi precostituiti (le cosiddette baronie degli enti privati). Riteniamo che l azienda debba essere ripensata come modello organizzativo funzionale a garantire la salute con la partecipazione di tutti i professionisti sanitari e degli stessi cittadini. Per questo proponiamo come primo punto della nostra proposta di revisione della spesa sanitaria ai fini di un reinvestimento sul Sistema sanitario la riforma dell organizzazione azindalista e l introduzione dell Azienda sanitaria della comunità. Nella nuova Azienda sanitaria di comunità meno partiti e più professionalità Ogni scelta aziendale deve essere finalizzata alla tutela della salute: la buona politica, a livello nazionale e regionale, dovrebbe programmare i livelli essenziali delle prestazioni, garantendoli attraverso congrui finanziamenti (almeno pari alla media europea), definire gli indirizzi e scegliere i manager in maniera non arbitraria. Eʹ necessaria una maggiore collegialità e il coinvolgimento dei cittadini e dei Comuni, mantenendo lʹunitarietà della gestione e la responsabilità manageriale. Vanno istituiti organismi agili di consultazione e di verifica delle direzioni generali, 4

5 con un protagonismo attivo dei cittadini. In particolare va istituita lʹassemblea della Salute, composta da rappresentati degli operatori e dei cittadini, che annualmente si riunisce per dare una valutazione sullʹazienda sanitaria, della quale la Regione tiene conto nel giudizio sulla direzione generale. Nella nuova azienda tutti gli attori devono essere parte integrante: direttori, operatori e cittadini, le decisioni aziendali di rilievo clinico devono essere obbligatoriamente valutate da organismi istituzionali rappresentativi delle diverse figure professionali, e non solo dai capi dipartimento nominati dagli stessi direttori generali e la codifica dei requisiti minimi di servizio sono stabiliti da criteri che garantiscano il merito professionale e l esigibilità dei diritti dei cittadini, nella nuova azienda va superata la piaga del precariato e va preteso il rispetto delle norme contrattuali. Nella nuova azienda di comunità che proponiamo il senso di appartenenza degli opertatori significa esclusività del rapporto di lavoro e la sua valorizzazione professionale ed economica, una azienda nella quale è ai dirigenti è fatto divieto di lavorare anche nelle strutture private e dove la formazione ritorni ad essere di qualità e non di sfruttamento, in primo luogo per gli specializzandi; dove la ricerca non sia più emarginata. Un azienda dove tutti i medici convenzionati siano valorizzati nel lavoro integrato distrettuale, e nelle risposte alle urgenze minori, dai codici bianchi ai verdi. Un azienda dove per il sistema di emergenza urgenza va prioritariamente fatta una analisi delle eventuali (certe) diseconomie dei diversi sistemi di estermalizzazioni/convenzioni (esempio CRI, Croci verdi ecc.), con conseguente riappropriazione di funzione indebitamente cedute dai servizi sanitari regionali; una azienda che preveda per i medici del 118 un rapporto di dipendenza per tutti. Unʹazienda dove il criterio inderogabile per gli incarichi sia gestionali che professionali deve essere un percorso trasparente senza arbitrarietà, dalla pubblicizzazione alla valutazione comparata della professionalità, arrivando ad una graduatoria dove vince il più bravo, a partire dagli incarichi di struttura complessa. La visione di questa azienda passa anche dal rilancio della contrattazione, nazionale e locale, partendo dallʹintesa sul lavoro pubblico dellʹ11 maggio 2012 sottoscritta non solo dal Governo e dai sindacati ma anche da Regioni, Provincie e Comuni. La nostra di revisione della spesa sanitaria ai fini di un successivo reinvestimento nel diritto alla salute prevede, oltre alle economie strutturali derivanti da un modello aziendalista comunitario e partecipato, anche : 1. una riorganizzazione logistica delle sedi di salute. Dalle case della Salute ai distretti territoriali di sanità ad altre più attuali forme di accorpamento logistico delle diverse articolazioni delle aziende sanitarie, l esperienza ed il buon senso dice che l unificazione delle diverse attività all interno di strutture uniche produce un risparmio enorme, non solo in termini di canoni di locazione, ma anche di strumentazione, apparati amministrativi, spostamenti, uffici di front office, articolazioni dirigenziali ed organizzative 5

6 2. l azzeramento dei finanziamenti per enti e fondazioni non direttamente connessi all erogazione di prestazioni sanitarie ai cittadini e la reinternalizzazione nei servizi sanitari regionali solo ed esclusivamente per quelli a fortissima incidenza sui livelli essenziali di assistenza e sul diritto alla salute. 3. azzeramento di tutte le consulenze esterne e loro selettivo ripristino solo dopo aver verificato, certificandola, l impossibilità di coprire le relative funzioni con professionalità interne alla sanità pubblica 4. drastica riduzione del parco auto, ad eccezione, ovviamente, dei mezzi di soccorso, e sostituzione dei veicoli con mezzi di bassa e media cilindrata 5. assunzione forzata di un sistema centralizzato di acquisti per strumentazione sanitaria e beni di consumo 6. reinternalizzazione dei servizi informatici e utilizzo delle professionalità interne alla sanità pubblica 7. aggiornamento e verifica immediata degli accreditamenti per le strutture private e poi, ancora, sempre sotto il profilo generale 8. una immediata verifica generale sui criteri di appropriatezza delle prestazioni sanitarie attraverso un pieno coinvolgimento dei medici convenzionati, affidando loro spazi di autonomia ai quali far corrispondere reponsabilità precise. 9. costante verifica sull appropriatezza delle prestazioni erogate, aumentando la capacità di intervento immediato nel caso di eccessi di alcune tipologie di prestazioni 10. intensificazione del processo di razionalizzazione della spesa farmaceutica e ricorso ai farmaci generici 11. lʹehealth (sanità elettronica), strumento per una migliore tutela della salute che avvicina i cittadini ai servizi; 12. una massiccia informatizzazione, con accessibilità estesa anche on line, con la cartella clinica elettronica, fonte di riduzione di costi e di errori; 13. lʹimplementazione della telemedicina che potrebbe ridurre i costi e i disagi per lʹassistenza ai cittadini (a partire da chi soffre di patologie croniche); 14. Il rafforzamento di funzioni oggi esercitate solo marginalmente quale la distribuzione diretta dei farmaci, che consentirebbe di risparmiare sulla spesa farmaceutica in misura maggiore anche della adozione generalizzata, ma non sempre efficace, dei farmaci equivalenti. Infine 15. lʹintegrazione e la collaborazione tra le professioni offre la possibilità non solo di concorrere alla migliore tutela della salute, ma di ottimizzare, valorizzandole, tutte le risorse umane a disposizione. 6

7 SISTEMA DELLE AUTONOMIE LOCALI I tagli ai trasferimenti al sistema delle Autonomie locali, nonché il rispetto dei vincoli posti dal Patto di stabilità interno e dai tetti di spesa sul personale hanno indubbiamente imposto allo stesso sistema unʹazione generalizzata volta ai risparmi di gestione. Tutti gli Enti locali nel corso degli ultimi anni sono stati costretti a fare i conti con una realtà finanziaria che, nella maggior parte dei casi, non lascia particolari margini agli sprechi. Di ciò ne ha risentito sia il mantenimento di servizi essenziali, sia il personale dipendente a cui è stata ridotta anche una quota di salario accessorio. In tale contesto è necessario, se si vuole continuare a garantire lo stesso livello di servizi, operare in due direzioni: 16. agire su una razionalizzazione/semplificazione ottimale del sistema delle società controllate e del sistema delle esternalizzazioni; 17. agire per definire ambiti di adeguatezza funzionale al mantenimento dei servizi rivolti alla cittadinanza Gestione diretta Sul primo fronte è necessaria innanzitutto riportare alla gestione diretta servizi essenziali per le Amministrazioni locali. In moltissimi casi lʹutilizzo di società strumentali e di società controllate è servito ad aggirare i vincoli posti dal blocco del turn over e raramente si è prodotto un risparmio nella gestione degli stessi se si tiene conto di quanto ampia sia la moltiplicazione di Consigli dʹamministrazione e di dirigenti ai vertici di queste società. Lʹassenza di un reale valore aggiunto (considerate anche le ultime evoluzioni normative che hanno imposto alle stesse il rispetto del patto di stabilità interno) dovrebbe in modo automatico produrre una gestione diretta di determinati servizi. A maggior ragione la stessa impostazione bisogna averla per le esternalizzazioni prodotte come escamotage per evitare di incrementare le spese del personale (e che invece hanno prodotto enormi costi per il personale interessato da questi processi). È evidente che un tale approccio debba necessariamente comportare una rivisitazione del sistema di vincoli imposti alle assunzioni (anche attraverso le deroghe che oggi sono previste per determinati servizi). Riordino istituzionale Sul secondo fronte il ragionamento non può che fare i conti con lʹassetto istituzionale che il nostro Paese vuole darsi. Nellʹultimo anno, abbiamo assistito a provvedimenti normativi sullʹamministrazione pubblica, dettati dalla duplice esigenza di fare cassa e di soddisfare lʹanti politica crescente nel paese. Il risultato di questi provvedimenti è stata la totale assenza di un disegno organico, quantomai necessario, che affronti le problematiche legate allʹinefficienza e alla dualità del nostro sistema istituzionale, in cui cʹè sì un decentramento normativo (vedi ad esempio il 7

8 federalismo fiscale), ma, nei fatti, si riscontra tuttora unʹamministrazione fortemente centralizzata. In questo senso è assolutamente auspicabile che venga approvata la Carta delle Autonomie, norma in grado di affrontare nel suo complesso la riorganizzazione dellʹamministrazione pubblica centrale e periferica, coinvolgendo tutti i livelli istituzionali. La complessiva riorganizzazione delle funzioni amministrative deve valorizzare lʹassociazionismo dei piccoli comuni con la nascita delle Unioni dei Comuni, nel rispetto del ruolo istituzionale dellʹente Comune. Lʹassociazione delle funzioni dei Comuni deve supplire alle difficoltà di gestione efficace ed efficiente di determinati ambiti amministrativi e dei servizi alla cittadinanza che si riscontrano in enti troppo piccoli. Determinate funzioni, quali sono quelle prettamente di area vasta, non possono che essere attribuite ad un ente intermedio tra Regioni e Comuni. In un paese come lʹitalia, infatti, caratterizzato da una grande frammentazione comunale, la presenza di un ente di coordinamento può essere un utile strumento per favorire la partecipazione dei cittadini e garantire la presenza di determinati servizi in unʹarea più ampia del comune di residenza, ma circoscritta rispetto alla vastità di un territorio regionale. Le Province devono restare enti di governo cui sono attribuite esclusivamente le funzioni di area vasta e di coordinamento e devono poter godere della necessaria autonomia finanziaria. Più che una riduzione del numero delle Province, in questa fase, si potrebbe ragionare ad ipotesi di associazione delle funzioni principali di Province che abbiano insieme un parametro demografico ed uno di estensione territoriale e di collocazione geografica ottimale. Patto di stabilità: Non è, inoltre, secondaria la necessità di liberare risorse da utilizzare per un rafforzamento del sistema di welfare e di rivedere il patto di stabilità interno per consentire, alle amministrazioni locali, di investire sulla ripresa delle economie dei territori risorse che ora sono inutilmente bloccate presso i tesorieri o presso la Cassa depositi e prestiti. Profili e turn over:il tema della gestione delle risorse umane e della loro valorizzazzione è cruciale nella fase di gravi restrizioni economiche e di bilancio che il Sistema delle autonomie sta affrontando. Da questo punto di vista è necessario riaffermare la rilevanza dei rinnovi contrattuali bloccati da due anni e deve essere superato l insieme di vincoli sovvrapposti creati dalle varie finanziarie. Tali vincoli infatti sommandosi gli uni sugli altri, non consentono agli enti di assumere personale dove sarebbe utile e produttivo intervenire. Emblematica da questo punto è la situazione degli asili nido e delle scuole dell infanzia per le quali si rischia seriamente che i servizi si blocchino o che siano esternalizzati. Gli Enti devono quindi, all interno di compatibilità finanziarie generalie delle normative contrattuali poter agiere loro politiche di gestione delle risorse umani e di assetto dei servizi per i cittadini. 8

9 Mobilità: I grandi processi di riorganizzazione istituzionale che coinvolgeranno le autonomie locali richiederanno la capacità degli enti di gestire grandi processi di formazione e riconversione professionale del personale e se inevitabili anche le mobilità che ne potranno derivare. L interlocuzione con il sindacato e le regole di tale interlocuzione, devono essere riviste a garanzia e tutella dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. Cʹè la necessità di rivedere i meccanismi delle mobilità con la piena partecipazione delle organizzazioni sindacali, così come d altronde la stessa intesa con il Governo, recentemente sottoscritta, già prevede. Gestione del patrimonio: è necessario un intervento interistituzionale per la razionalizzazione degli uffici delle pubbliche amministrazioni. Interventi lasciati allʹautonoma iniziativa dei singoli Enti rischiano di essere effettuati senza che sia individuata una mappa complessiva dei patrimoni e delle esigenze e quindi senza conseguire economie di scala altimenti realizzabili. Appalti: Sull annosa questione della razionalizzazione degli appalti, a partire da esperienze già in corso in sezioni della P.A. eds in alcune regioni, devono essere ridotta drastimente le stazioni appaltanti, mettendo mano anche a regole e sistemi di controllo che siano realmente in grado di evitare meccanismi di corruzione e malaffare che tanto pesano sui costi delle forniture di beni e servizi nelle Amministrazioni. Spetterà al legislatore e successivamente agli enti interessati definire accordi interistituzionali ai vari livelli: 9

10 AMMINISTRAZIONI CENTRALI 1. Premessa 2. Ministero dell Interno 3. Ministero Infrastrutture e Trasporti 4. Ministero dell Istruzione Università e Ricerca 5. Ministero della Giustizia PREMESSA In questi giorni, con l incarico al Prof. Bondi, il Governo si sta sperimentando nello studio di un progetto di spending review su tutta la pubblica amministrazione. All interno del progetto di revisione della spesa, per il comparto delle Amministrazioni Centrali, vengono indicati: il Ministero dell Istruzione Università e Ricerca, Il Ministero Infrastrutture e Trasporti, Il Ministero della Giustizia ed il Ministero dell Interno. Presumibilmente tutte le Amministrazioni saranno coinvolte da processi di riorganizzazione e tagli della spesa e per questo ognuna, autonomamente e quasi sempre senza il coinvolgimento delle OO.SS., sta ragionando su come e dove tagliare. Per parte nostra vogliamo avviare un ragionamento su come si può parlare di spending review nelle Amministrazioni Centrali. Per comodità di analisi, per il momento, abbiamo preso in considerazione gli stessi Ministeri individuati nel documento Giarda, pubblicato sul sito del Governo. In premessa va ricordato che il concetto di spending review non va inteso come taglio alla spesa pubblica ma, al contrario, come revisione della spesa e reinvestimento dei risparmi per una razionalizzazione dell organizzazione che sia in grado di offrire migliori servizi. Dato quindi per condiviso, almeno tra noi, il significato di spending, riteniamo che sono almeno altri due gli elementi senza i quali non sarebbe neanche possibile avviare un ragionamento: il mantenimento dei livelli occupazionali la necessità di non arretrare dal territorio e dai cittadini. L accentramento di competenze e funzioni provocherebbe solo disagi, inefficienza e servizi iniqui. In questo contesto non va mai dimenticato che le Amministrazioni Centrali garantiscono diritti costituzionali che devono essere esigibili in modo omogeneo su tutto il territorio nazionale e da tutti i cittadini. 10

11 Siamo convinti, e non da ora, che la Pubblica Amministrazione vada riformata, riorganizzata e che le risorse pubbliche possano essere spese meglio, siamo convinti anche che ciò non possa essere attuato senza il coinvolgimento ed il confronto vero con chi poi queste riforme dovrà riceverle ed applicarle: i lavoratori e chi li rappresenta. Entrando più nel dettaglio: Esternalizzazioni: vorremmo che finalmente fosse possibile verificare se i servizi esternalizzati, a partire dal campo dell informatica, mostrano coerenza tra costi e risultati. Dai nostri riscontri, pressoché in tutte le Amministrazioni Centrali la gestione informatica, le banche dati e l erogazione dei servizi on line sono appaltati a ditte esterne. Abbiamo ragione di credere che attraverso l utilizzo delle professionalità interne e la reinternalizzazione delle funzioni, non solo si potrebbero effettuare risparmi, ma si potrebbe studiare un sistema informatico utilizzabile da tutte le Amministrazioni, con una rete di collegamento e dialogo che consenta di evitare duplicazioni di lavoro e di spesa. Simile operazione potrebbe essere immaginata per la gestione dei centri di ascolto, servizi spesso affidati a call center privati. Verificare la possibilità dei sistemi open source per risparmiare sui costi delle licenze informatiche. Società in house: le funzioni affidate alle società in house presso i Ministeri potrebbero essere reinternalizzate con il conseguente assorbimento di tutti i lavoratori coinvolti e di un risparmio notevole sui bilanci dello Stato. Razionalizzazione logistica: Pensiamo possibile individuare, lasciando fuori le aree metropolitane per le quali potrebbero essere trovate soluzioni diverse, edifici idonei e comuni per ospitare una o più amministrazioni. In quest ottica, le prime indicazioni, contenute nel documento Giarda, potrebbero trovare parziale condivisione. L accorpamento delle sedi, e non delle specifiche funzioni istituzionali, di alcune Amministrazioni potrebbe consentire razionalizzazione di spesa ed agevolazioni per gli utenti. Sarebbe utile, in questo senso, un analisi delle sedi di proprietà pubblica e di quelle in affitto. Tale razionalizzazione consentirebbe da un lato di risparmiare sulle spese logistiche e dall altro di agevolare l utilizzo di risorse comuni per funzioni comuni (richiamiamo quanto detto sopra sulla rete informatica ). Razionalizzazione del servizio: Riteniamo che il criterio della densità di popolazione che il Governo intenderebbe adottare, non possa essere condiviso. Criteri esclusivamente quantitativi non rispondono ad esigenze e criticità importanti determinate dal clima ambientale, quali la presenza della criminalità organizzata, disagio sociale o tasso di disoccupazione. Questi sono per noi tra i criteri più importanti senza i quali la revisione di spesa prevista dal Governo altro non sarebbe che la prosecuzione della politica dei tagli 11

12 lineari. La razionalizzazione logistica, e quella del servizio con il conseguente risparmio eviterebbe di sguarnire il territorio dalla presenza del servizio pubblico, mantenendolo territorialmente disponibile per i cittadini. Mobilità: Per effetto dei tagli e del blocco delle assunzioni, la stessa corte dei conti, nella relazione del 2012, rileva una marcata diminuzione del personale statale. Ciò nonostante per alcune Amministrazioni si continua a parlare di esuberi e di mobilità. A nostro avviso, le esternazioni sugli esuberi ci sembrano voler supportare ancora una volta solo la logica dei tagli lineari. Riteniamo invece che per garantire il mantenimento dei servizi pubblici sul territorio, con le caratteristiche dei livelli di efficienza richiesti da una moderna società avanzata, si possa aprire ad un confronto sulla necessità di mobilità programmata e negoziata (a livello provinciale e/o metropolitano). Anche in considerazione di quanto espresso nel paragrafo sulla razionalizzazione logistica, non sembrerebbe impossibile ragionare su una diversa distribuzione dei lavoratori che operano presso la stessa sede, ma appartenenti ad amministrazioni diverse, riformulando in modo flessibile il concetto di dotazioni organiche (variabili) ed introducendo l elemento geografico e temporale (sostituendo l istituto del comando). Va da se che questo ragionamento non può prescindere da un confronto negoziale che garantisca l omogeneità e l insieme dei trattamenti economici, un investimento sulla formazione continua e l utilizzo, in prima istanza, della volontarietà. Consulenze: in questi anni l utilizzo dei rapporti di lavoro interinali, l uso delle consulenze e di altre forme di lavoro atipico ha risposto, in parte, ad una necessità reale, causa il blocco delle assunzioni che ne ha provocato la necessità. Si tratta quindi almeno in parte, di lavoro dipendente mascherato. Il costo di questo lavoro mascherato è stato perciò prodotto da scelte politiche sbagliate e miopi. E necessario procedere ad una verifica delle professionalità presenti nella pubblica amministrazione e alla conseguente riduzione del ricorso a forme atipiche di lavoro. E necessario eliminare il blocco delle assunzioni, così da non giustificare la copertura di professionalità mancanti con il ricorso alle consulenze. Risparmi spese di gestione: è necessario intervenire con più attenzione e rigore su tutte le spese variabili quali quelle di rappresentanza, acquisto mobili di arredamento, auto blu ecc. In un momento di crisi economica riteniamo assolutamente opportuno tagliare tutte le spese non necessarie a garantire la sicurezza e l incolumità dei lavoratori. Vanno eliminati tutti i benefit sia per la Dirigenza che per la rappresentanza politica delle Amministrazioni Centrali. Va in fine precisato che nel documento Giarda viene indicato anche l INPS per il quale 12

13 però, a nostro avviso, va fatto un ragionamento a parte, in quanto il nuovo Ente è interessato da un importante riforma determinata dall accorpamento con INPDAP ed Enpals previsto dalla Legge 201. In questo caso i risparmi sono già previsti dalla norma e non è previsto nessun reinvestimento sull Ente stesso. Stiamo lavorando per produrre un documento complessivo su come noi intenderemmo la riorganizzazione dell INPS Di seguito le proposte più dettagliate sull analisi di revisione della spesa per i singoli ministeri MINISTERO DELLʹINTERNO Il documento sulla spending review fornito dal ministero dellʹinterno lascia aperti molti dubbi soprattutto per la genericità dellʹintervento e il minimo risultato di risparmi, 200 milioni di euro, che si prevede nellʹarco di vari anni (9 anni). Se è possibile valutare positivamente il mantenimento sul territorio delle strutture periferiche dellʹamministrazione dellʹinterno, non si può dire altrettanto delle funzioni ad esse assegnate e svolte. Assistiamo, infatti, a un accentramento in capo a un unico organismo, con compiti di coordinamento (presumibilmente nella responsabilità del prefetto) delle diverse funzioni dello Stato sul territorio con un accorpamento non solo logistico ma anche funzionale nella gestione dei servizi comuni. Tale questione pone problematiche in relazione ai servizi erogati dalle altre amministrazioni che si vedranno gestite dal Prefetto dal punto di vista delle risorse finanziarie superando il concetto di autonomia delle amministrazioni. LʹUfficio Territoriale dello Stato, così come proposto, risponde ad una logica di accentramento delle funzioni territoriali delle Amministrazioni pubbliche in una singola sede logistica e funzionale che, aldilà dell esiguo risparmio immediato, rischia di diventare un appesantimento per lʹattività dello Stato nel rapporto con il cittadino andando a perdere quella funzione decentrata, più vicina allʹutenza, che invece riteniamo necessaria per erogare un servizio più efficiente. Anche lʹaffidamento ad unico organo di governo centrale sul territorio non può a nostro avviso garantire quella necessaria capacità autonoma di intervento delle Amministrazioni. Chi stabilirà le attività ispettive degli Uffici provinciali del lavoro? Il Prefetto? Sempre il Prefetto deciderà gli interventi di restauro delle Sopraintendenze in materia di beni culturali, artistici, architettonici? Altra questione che si può sollevare di fronte a una ipotesi del genere è come sarà gestito il personale, tenendo conto del fatto che lʹunificazione dei servizi comuni potrebbe determinare degli esuberi. La previsione dello snellimento di alcune prefetture, oltre a provocare una ricaduta sul personale, sembrerebbe delineare una contrazione dei servizi alla cittadinanza in quanto si focalizza lʹattività delle prefetture più piccole in particolare sullʹordine e la sicurezza pubblica. Non si comprende quale potrà essere lʹattività di questi uffici, quali saranno i servizi che resteranno, a partire in primo luogo dagli sportelli per lʹimmigrazione. 13

14 La nostra proposta, invece, delinea unʹamministrazione più vicina alla cittadinanza con un ruolo maggiormente significativo delle attività con caratteristiche più amministrative e non quasi esclusivamente di ordine pubblico. Lʹindividuazione di spazi condivisi per le sedi delle amministrazioni centrali sul territorio e la creazione di un unico centro di spesa, che rientrano nella nostra proposta, possono essere condivisibili se, su questo ultimo punto, vengano chiarite le procedure di acquisto dei servizi e l autonomia di spesa hanno le singole amministrazioni per le specifiche attività di settore. Proponiamo dunque di: 1) Costituire degli uffici di front office comuni per quelle funzioni più di prossimità verso la cittadinanza che ricevono le istanze dei cittadini tra le amministrazioni, ed una lavorazione delle richieste in back office presso le amministrazioni competenti. Tale ipotesi avrà la necessità di investimenti concreti sul piano tecnologico e di formazione del personale attraverso una vera informatizzazione delle procedure e con la messa in rete degli uffici e lʹampliamento delle possibilità di dialogo telematico tra cittadino e pubbliche amministrazioni. Inoltre adottando questa soluzione si eviterebbero problematiche di gestione del personale e si garantirebbe professionalità nei servizi resi. 2) L accorpamento logistico delle sedi degli uffici delle Stato sul territorio, valutando lʹuso di beni demaniali per risparmiare su fitti e locazioni (ad esempio sede della Prefettura di Roma di via Ostiense, 2 milioni e 900mila euro lʹanno ad un privato mentre sarebbe possibile utilizzare le caserme dismesse di viale Giulio Cesare). In merito allʹaccorpamento degli uffici centrali, sul quale potremmo trovarci disponibili, quanto previsto nel documento risulta estremamente generico, appena accennato senza che venga specificata la qualità dellʹintervento. Si parla di una revisione delle dotazioni organiche con il taglio delle consolidate carenze di organico e si accenna ad una rivalutazione delle piante organiche dei dirigenti con particolare riferimento alle posizioni di prefetto provenienti dalla carriera della polizia di stato. Tale ipotesi non è prevista, invece, per quanto riguarda il personale civile contrattualizzato che continua a vedere le proprie posizioni, in tutte le sedi della ps, occupate da personale della ps utilizzato in modo improprio. Su questa questione, per razionalizzare la spesa, la nostra proposta avanza la soluzione di dare piena applicazione allʹart. 36 della 121/81, la legge di riforma della Polizia di Stato, che prevede lʹimpiego del personale civile dellʹamministrazione dellʹinterno in quelle funzioni amministrative e contabili di supporto alle attività operative della Polizia di Stato. 3) ad oggi sono migliaia gli operatori della Polizia di Stato, in tutto il territorio nazionale, impegnati in attività non di istituto che hanno un costo fisso superiore a quello di lavoratore civile (circa 37 mila euro contro 28mila) a questi costi vanno aggiunti quelli 14

15 degli oneri riflessi, del salario accessorio, dellʹaddestramento e dellʹequipaggiamento. Impegni di risorse, ad oggi, non più sostenibili nella situazione di crisi economica che il Paese sta vivendo. In questa ottica particolare attenzione va riservata alla revisione dei ruoli tecnici della ps, prevista nella riorganizzazione del dipartimento di ps. Infatti, come già visto nel corso dellʹestate scorsa, lʹoperazione potrebbe nascondere lʹeventualità di istituire un ruolo amministrativo della ps che andrebbe a sostituire il personale civile che opera, a titolo di legge, negli uffici di polizia. La problematica rappresentata, oltre a investire questioni di carattere sindacale, riveste anche un funzione politica in quanto la creazione di un ruolo amministrativo della ps creerebbe i presupposti per unʹautogestione e un autogoverno della polizia che porterebbe la polizia di stato a essere un ulteriore corpo separato semimilitare rinnegando i principi democratici che trentʹanni fa ispirarono la riforma della polizia. 4) ad oggi una parte consistente delle spese è costituito dalle locazioni di spazi non strettamente necessari e non più connessi allʹincarico, in particolar modo per quanto riguarda la Polizia di Stato. Si tratta di immobili con superfici superiori alle reale esigenze dellʹorganismo e non utilizzati, quali ad esempio gli spazi collettivi di benessere, alla somministrazione dei quali il Ministero non è più tenuto a seguito della legge 121/81 che ha smilitarizzato il Corpo della Polizia di Stato. 5) altra problematica sulla quale si potrebbe intervenire per razionalizzare e contenere le spesa è quella relativa allʹassistenza sanitaria ospedaliera per gli stranieri indigenti.come rilevato anche dalla Commissione per la finanza pubblica questa funzione diventa un costo per lʹamministrazione in quanto la mancanza di una specifica conoscenza del settore sanitario impedisce una corretta valutazione delle istanze di assistenza. A tale spesa si può ovviare trasferendo questa funzione al SSN e alla Regioni che in materia hanno una competenza più completa e quindi, attraverso il monitoraggio continuo del territorio che già viene effettuato, possono svolgere unʹattività istruttoria più esaustiva ed efficace. 6) altro punto rilevante per realizzare un risparmio effettivo è quello relativo agli organi accertatori degli enti locali. Occorre da parte di quest ultimi una maggiore attenzione alle normative vigenti in materia di attività sanzionatoria e ai procedimenti a essa connessa.infatti in materia di custodia degli autoveicoli sequestrati, impegno finanziario tra i più rilevanti, le spese sono sostenute dal Ministero che non riesce a rivalersi sui trasgressori (anche qui è necessaria una riorganizzazione delle attività di contenzioso che permettano il recupero di risorse che attualmente lʹamministrazione regolarmente perde non presentandosi in giudizio). La norma in vigore (269/2003) prevede che il bene sottoposto a sequestro venga affidato al proprietario per la custodia, liberando così lʹamministrazione dalle spese; gli organi accertatori, invece, continuano ad affidare ai depositi convenzionati gli automezzi e a inviare in ritardo i verbali alle prefetture, determinando così un elevato costo per la custodia a carico del Ministero (a volte anche 10 anni). 15

16 In conclusione, la soluzione della piena applicazione dellʹart. 36 e la verifica attenta delle risorse spese per gli alloggi di servizio (costo altissimo), l intervento nelle funzioni indicate e una diversa organizzazione del lavoro, insieme allʹapplicazione della razionalizzazione dei diversi costi individuati dallʹamministrazione, porterebbero lʹamministrazione a produrre un risparmio certamente superiore a quello previsto nel documento presentato dal Ministro. DIPARTIMENTO VIGILI DEL FUOCO, SOCCORSO PUBBLICO E DIFESA CIVILE Ottimizzazione e riduzione della spesa Il Governo ha già imposto l ennesima drastica riduzione dei flussi di spesa pubblica da conseguire attraverso una riorganizzazione delle attività ai fini di una più efficiente erogazione dei servizi, dell eliminazione degli sprechi e della realizzazione di economie di bilancio. Per ciò che concerne i tagli Ministero dellʹinterno, riteniamo che il Corpo dei Vigili del Fuoco abbia già pesantemente subito la politica del rigore e non possa essere sottoposto a ulteriori tagli che provocherebbe il blocco totale delle attività amministrative, tecniche e operative. Occorre agire, dunque, puntando ad ottimizzare e razionalizzare le scarse risorse attualmente disponibili per continuare a fornire soddisfacenti risposte in tema di soccorso pubblico, protezione civile, sicurezza ed emergenza alla popolazione. Lʹattuale modello organizzativo del Dipartimento è troppo burocratizzato e necessita, dunque, di un intervento diretto sullʹapparato centrale allo scopo di garantire una migliore operatività sul territorio e una maggiore autonomia gestionale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. E necessario uno snellimento dei procedimenti e delle relative funzioni dipartimentali sostenendo, nel contempo, un ampio decentramento funzionale attraverso una forte valorizzazione delle Direzioni Regionali e dei Comandi Provinciali. La rivisitazione della struttura interna del Ministero dovrebbe prevedere una riduzione delle Direzioni Centrali, anche in termini strutturali, per consentire il mantenimento di elevati profili di efficienza ed efficacia grazie ad un processo di riconoscimento delle professionalità direttamente recuperabili dal profilo operativo del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. Il CNVVF è stato incardinato nel Ministero dell Interno dal D.P.R. n. 398 del 7 settembre 2001, con un notevole aumento di posti di funzione e di personale assegnato alle 16

17 dipendenze delle Direzioni e Uffici Centrali per un totale incremento complessivo di 800 unità, di cui 100 con funzioni dirigenziali. Tale dilatazione dell organico non è stata seguita da un corrispondente aumento di risorse, bensì da una sottrazione delle disponibilità economiche dei vari Comandi Provinciali a discapito del servizio di soccorso reso alla popolazione. In definitiva, si presenta l urgenza di ridurre il costo complessivo dell apparato burocratico centrale del Dipartimento dei VVF, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, che ammonta attualmente a 95 milioni di euro. Informatizzazione dei servizi. Un rilevante contenimento dei costi è possibile anche attraverso il perfezionamento dell efficienza della macchina amministrativa, ponendo particolare attenzione alle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie dellʹinformazione e della comunicazione all interno di in un processo di cambiamento dell attività finalizzato ad una maggiore interazione tra i cittadini e la Pubblica Amministrazione. L informatizzazione del Dipartimento e degli uffici territoriali del Corpo Nazionale, inoltre, grazie ad esempio ad una migliore gestione del protocollo informatico, alla digitalizzazione completa dei rapporti di intervento oppure all utilizzo del libretto individuale di formazione, consentirebbe una razionalizzazione non solo del tempo, ma anche delle risorse umane e strumentali. I seguenti interventi, proposti dalla FP CGIL, assicurerebbero un taglio dei costi strutturali con una diminuzione che si aggira intorno al 20%, senza alcuna importante riduzione del servizio prestato dagli Uffici Centrali. Modifiche strutturali uffici dipartimentali: Direzione Centrale della Difesa Civile e delle Politiche di Protezione Civile: 1. soppressione della Direzione Centrale con trasferimento degli uffici per la gestione dei C.A.P.I. alla Direzione Centrale Emergenza e Soccorso Tecnico; 2. La Direzione Centrale Emergenza e Soccorso Tecnico tratterà delle attività, anche di carattere internazionale, afferenti alla Difesa Civile ed alla Protezione Civile; 3. Soppressione della struttura denominata D.C. 75 Ufficio Centrale Ispettivo: 1. Soppressione dell Ufficio con trasferimento delle funzioni allo staff del Capo del Corpo; con la soppressione dei tre Uffici Ispettivi ( Italia settentrionale, centrale e meridionale) le ispezioni saranno demandate ai Direttori Regionali dei VVF. Direzione Centrale per gli Affari Generali: 17

18 1. Soppressione della Direzione Centrale con trasferimento delle competenze alla Direzione Centrale per le Risorse Umane. MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI Le proposte avanzate dall autorità governativa, impattano negativamente soprattutto sul settore motorizzazione prevedendo la costituzione di un Autorità autofinanziata, dimenticando ancora una volta il settore marittimo che attende da anni un riassetto organizzativo, così da consentire la diretta correlazione delle funzioni di regolazione proprie delle Direzioni Generali e delle funzioni di vigilanza specifiche del Comando Generale delle Capitanerie di Porto. Spese di Funzionamento 1. L amministrazione ha in organico figure professionali specifiche del settore informatico, nello specifico: esperto informatico, tecnico informatico, operatore informatico, assistente informatico. L impiego di dipendenti propri dell amministrazione su progetti informatici necessari alla gestione del personale, di banche dati e gestione di archivi, permetterebbe di reinternalizzare le procedure attualmente affidate in out sourcing. 2. Particolare attenzione merita il S.AP. (gestione presenze) in uso presso le sedi centrali e alcune periferie, che ha un altissimo costo di assistenza e supporto e potrebbe essere sostituito da programmi già sviluppati da una equipe di programmatori in ruolo presso l Amministrazione. 3. Razionalizzazione degli help desk, attualmente 2 (telecom e Hp) e ripristino di assistenza mediante personale proprio dell Amministrazione. 4. Adozione di sistemi operativi open source che, oltre all economicità, presentano ulteriori vantaggi in quanto, essendo più leggeri, girano su macchine meno potenti rispetto a quelle richieste dai pacchetti Microsoft, sono meno soggetti agli attacchi di virus e offrono aggiornamenti gratuiti, con interfaccia grafica simile a quelle offerte da Microsoft. 5. non dovrebbero essere possibili emolumenti non direttamente connessi allo svolgimento di un attività lavorativa documentata ufficialmente (indennità, struttura tecnica di missione), la cui durata sia conforme a quanto previsto dalle normative contrattuali. 6. in via prioritaria si deve intervenire in modo radicale sui contratti di consulenza e alla internalizzazione delle attività attualmente gestite da soggetti terzi. Autorita Portuali Le Autorità Portuali, istituite con la legge 84 del 28 gennaio 1994 nei seguenti porti, erano, secondo legge, originariamente 18: sono ora lievitate a 24. La loro espansione non sempre è stata legata a motivi di interesse nazionale come 18

19 nel caso di Manfredonia; si riporta quanto contenuto nella Determinazione della Corte dei Conti n. 87/2009 che richiama l Amministrazione sulla necessità che l Autorità portuale di Manfredonia venga al più presto definita. Appare indubbio che in assenza di personale proprio e di idonei strumenti operativi e gestionali, la gestione commissariale in atto risponde al solo scopo di consentire il godimento dei relativi compensi. 1. Pur riconoscendo alle Autorità Portuali il ruolo di volano dell economia marittima, potrebbero essere rimodulate, razionalizzate, accorpate, ridotte. Capitanerie di Porto Riconfermiamo la necessità di istituzionalizzare le strutture periferiche del settore Marina, specificando che la funzione amministrativa risiede in capo alle Direzioni Generali e che al Comando delle Capitanierie di Porto fa capo solamente la gestione delle strutture periferiche, presso le quali presta servizio personale civile. 1. Una nuova regolamentazione delle attività istituzionali potrebbe rilanciare l attività del Dipartimento del Trasporto marittimo e produrre notevoli risparmi di spesa di funzionamento (stipendi, acquisto materiale informatico, ecc.) che, come risulta da dati della Ragioneria Generale dello Stato per l anno 2005, hanno inciso per il 56,43% sul totale complessivo di spesa fronte dell 1,59 del Dipartimento. Agenzia della Motorizzazione Civile Il settore motorizzazione civile attualmente ha una struttura articolata in tre livelli: 1) Dipartimento dei Trasporti 2) Direzioni Generali territoriali interregionali; 3) Uffici Motorizzazione Civile a livelli provinciale. L attuale organizzazione prevista dall ultimo D.M. ha comportato incrementi di spesa derivanti dall istituzione di un livello intermedio che, di fatto, non ha migliorato l efficienza del servizio offerto all utenza. Premesso quanto sopra, concordiamo nella necessità di riorganizzazione del settore motorizzazione finalizzata al miglioramento del servizio pubblico, mediante: 1. L abolizione delle Direzioni Generali Territoriali, con conseguente rivalutazione degli UMC, funzionalmente correlati al Dipartimento dei trasporti; 2. soppressione delle sedi distaccate facenti capo alla stessa provincia i cui stabili sono di proprietà dei comuni oppure di soggetti privati a cui si paga una locazione e dove i tecnici si recano sistematicamente per effettuare operazioni tecniche spesso in situazioni di precarietà igenica; 3. dismissione dei contratti individuali onerosi con postecom per firma digitale internalizzando il servizio verso la struttura informatica già presente in amministrazione centrale; 4. omogenizzazione e definizione degli standard di qualità dei servizi a livello nazionale; 5. Implementazione dei capitoli di spesa necessari all effettuazione dei controlli volti alla sicurezza stradale presso i centri autorizzati alle revisioni veicoli 19

20 legeri, dei controlli sulle autolinee, delle autoscuole che effettuano corsi per recupero punti patente, studi di consulenza automobilistica autorizzati alle immatricolazione veicoli, controlli su strada a campione dei veicoli pesanti; 6. previsione di un meccanismo per le prestazioni dei funzionari (già esistente vedi legge 870/86) regolato con criteri di trasparenza e legato a standard di qualità definiti a livello centrale. Al contrario di quanto previsto nel documento Giarda sulla nascita di un Agenzia autofinanziata per la gestione della Motorizzazione Civile (così l alto tasso di corruzione già presente nelle motorizzazioni non potrebbe che aumentare), noi riteniamo: 1. possibile la nascita di un Agenzia Nazionale pubblica a finanziamento interamente pubblico sottoposta a vigilanza del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che, accorpando tutte le competenze pubbliche di ACI e motorizzazione Civile, rappresenti l unico interlocutore dell automobilista in quanto unica filiera della vita del veicolo. L Agenzia svolgerebbe tutte le funzioni tecnico operative, con poteri ispettivi e di controllo improntando la propria opera a criteri destinati ad elevare la qualità dei servizi resi ai cittadini (accorpamento di funzioni omogenee) ed a uniformare e coordinare i servizi sul territorio nazionale. Autorità per i Trasporti L Art. 36 del Cresci Italia ha istituito l Autorità per i Trasporti che oltre ad essere soggetto tecnico regolatore degli oneri tariffari, riveste un ruolo di programmazione nello stabilire condizioni minime di qualità dei servizi. In particolare, con riferimento al trasporto pubblico locale, gli standard di servizio si presentano difformi all interno del territorio nazionale; peraltro la definizione di parametri di riferimento acquista rilevanza nel momento in cui vengono ad essere previste ispezioni destinate al monitoraggio sulla qualità offerta all utenza. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha sedi diffuse in modo capillare su tutto il territorio e, mediante il personale ivi presente potrebbe fornire all Autorità per i Trasporti i dati relativi al servizio fornito all utenza dalle aziende di singole aziende di Trasporto. Riteniamo utile ragionare sulla possibilità di effettuare ispezioni/controlli sulla qualità del trasporto pubblico locale (TPL) garantendo così una quantità di dati importantissima ai fini statistici che consentirebbero di assumere decisioni di intervento nel settore del TPL in maniera mirata ed omogenea. MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA Il diritto all istruzione è uno dei diritti fondamentali di cittadinanza, sancito dalla Costituzione e deve poter essere effettivamente esigibile da tutti i cittadini in ogni parte del Paese. Il documento Giarda sulla spending review, costruito prima di tutto nell ottica del risparmio delle Pubbliche amministrazioni, potrebbe avere un effetto negativo 20

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli