Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno"

Transcript

1 Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 Web Services SOAP WSDL UDDI CE-CREAM SRM Griglie computazionali - a.a

2 Introduzione Today, the principal use of the World Wide Web is for interactive access to documents and applications. In almost all cases, such access is by human users, typically working through web browsers, audio players, or other interactive front-end systems. The Web can grow significantly in power and scope if it is extended to support communication between applications, from one program to another. - From the W3C XML Protocol Working Group Charter Griglie computazionali - a.a

3 Web services (1/4) definizione Un web service e un servizio: - disponibile tramite Internet/Intranet - che utilizza un sistema standard di messaging basato su XML - non legato ad un sistema operativo o linguaggio di programmazione Griglie computazionali - a.a

4 Web services (2/4) proprieta aggiuntive - self-describing: descrizione delle caratteristiche offerte tramite una grammatica XML - discoverable: meccanismo di pubblicazione / identificazione di un web service tramite la consultazione di registry dedicati Griglie computazionali - a.a

5 Web services (3/4) architettura service provider implementa e rende disponibile il web service service requestor utilizza il web service tramite delle richieste XML service registry contiene le informazioni su come localizzare web services in base a delle chiavi di ricerca Griglie computazionali - a.a

6 Web services (4/4) protocol stack Griglie computazionali - a.a

7 SOAP (1/4) Simple Object Access Protocol SOAP e un protocollo XML-based per l accesso ai metodi di un oggetto remoto caratteristiche principali - specifica W3C - semplicita di utilizzo - indipendente dal livello di trasporto (HTTP,...) - indipendente dal sistema operativo - indipendente dal linguaggio di programmazione Griglie computazionali - a.a

8 SOAP (2/4) La specifica SOAP definisce tre elementi: - SOAP envelope specification definisce le regole per l incapsulamento dei dati da trasferire, del metodo da invocare, dei parametri e/o valori di ritorno - data encoding rules definisce le regole per la codifica delle strutture dati in un messaggio XML (array, hash table, int, double, float,...) - RPC convention definisce la convenzione per implementare una RPC call: messaging one-way, messaging two-way Griglie computazionali - a.a

9 SOAP (3/4) SOAP message Griglie computazionali - a.a

10 SOAP (4/4) sezioni di un messaggio SOAP envelope specifica la versione utilizzata (SOAP 1.1 / SOAP 1.2) header informazioni application-level (es. firma digitale, numero di account,...) body contiene le informazioni relative al metodo da invocare fault contiene le informazioni inviate dal provider al requestor in caso di errore (es. metodo non esistente, accesso negato,...) Griglie computazionali - a.a

11 SOAP request SOAP response Griglie computazionali - a.a

12 WSDL (1/6) Web Service Description Language WSDL e una specifica che definisce come descrivere i web services tramite una grammatica XML caratteristiche principali - specifica W3C - favorisce l integrazione di servizi Griglie computazionali - a.a

13 WSDL (2/6) La specifica WSDL definisce sei elementi: definitions root element del documento; specifica il nome del web service e i namespaces utilizzati nel documento types descrive i tipi di dati utilizzati tramite la specifica XML-schema messages descrive ciascun messaggio di tipo one-way porttype descrive le operazioni (funzioni) supportate dal web service combinando piu one-way message Griglie computazionali - a.a

14 WSDL (3/6) binding descrive la modalita di trasmissione dei messaggi (SOAP,...) service descrive l indirizzo da utilizzare per invocare il web service (URL) Griglie computazionali - a.a

15 WSDL (4/6) Esempio: HelloService.wsdl definitions message (segue) Griglie computazionali - a.a

16 WSDL (5/6) porttype operation patterns supportati (segue) Griglie computazionali - a.a

17 WSDL (6/6) binding service Griglie computazionali - a.a

18 UDDI (1/7) Universal Description, Discovery and Integration UDDI e una specifica che definisce come pubblicare e ricercare dei web service caratteristiche principali - specifica W3C - tecnologia orientata all e-business - contributo tecnico di Microsoft e IBM Griglie computazionali - a.a

19 UDDI (2/7) La specifica UDDI consiste in tre parti: UDDI data model XML schema per le informazioni contenute nel registro UDDI UDDI API set di metodi per l interrogazione di un registry e per la pubblicazione di un web service UDDI cloud services set di operator sites che forniscono dei registry UDDI e provvedono alla loro sincronizzazione Griglie computazionali - a.a

20 UDDI (3/7) data model Griglie computazionali - a.a

21 UDDI (4/7) businessentity Griglie computazionali - a.a

22 UDDI (5/7) businessservice bindingtemplate tmodel Griglie computazionali - a.a

23 UDDI (6/7) inquiry API Griglie computazionali - a.a

24 UDDI (7/7) publishing API Griglie computazionali - a.a

25 BES Basic Execution Service In ambito OGF (Open Grid Forum) è stata definita la versione 1.0 dell interfaccia per l interazione con le risorse computazionali. Basic Execution Service (BES) definisce le specifiche di un servizio al quale i client possono sottomettere richieste per inizializzare monitorare ed eseguire il management di computational activities. Tale specifica definisce un modello estendibile per le suddette attività, un information model e due porttypes; BES-Management e BES-Factory. Griglie computazionali - a.a

26 BES Basic Execution Service BES-Management definisce le operazioni necessarie per il management del servizio BES stesso. BES-Factory definisce le operazioni di initiating, monitoring, and managing e l accesso alle informazioni relative al servizio Griglie computazionali - a.a

27 BES-OGSA Open Grid Service Architecture Griglie computazionali - a.a

28 CE-CREAM CREAM CREAM (Computing Resource Execution And Management) è un servizio leggero che implementa tutte le operazioni di livello Computing Element (CE). Presenta una WebService-based interface, è implementato come una estensione Java-Axis servlet (sviluppato all interno dell Apache Tomcat container) L obiettivo è garantire l interoperabilità con client scritti in vari tipi di linguaggio e operanti su differenti computer platform. L interfaccia CREAM è definita usando Web Service Description Language (WSDL); ognuno può generare il proprio client CREAM semplicemente. Griglie computazionali - a.a

29 CE-CREAM CREAM IL CE CREAM SUPPORTA Job Submission Support for batch and MPI jobs Support for bulk jobs being integrated Manual and automatic proxy delegation Job Cancellation Job Info with configurable level of verbosity and filtering based on submission time and/or job status Job List Job Suspension and Resume GSI based authentication VOMS based authorization Job Purge for terminated jobs Possibility (for admin) to disable new submissions Griglie computazionali - a.a

30 CE-CREAM CREAM CREAM può essere usato Dal Workload Management System (WMS), tramite il servizio ICE (Interface to CREAM Environment). Da un generico client, ad esempio un software di livello utente che sottomette job direttamente verso il CREAM CE. Tramite C++ command line interface e Java clients. Griglie computazionali - a.a

31 CE-CREAM CREAM Griglie computazionali - a.a

32 CE-CREAM CREAM Griglie computazionali - a.a

33 BES-enable CREAM L interfaccia legacy del CE CREAM non è attualmente BES-compliant. Un prototipo BES/JSDL-enabled CREAM è stato sviluppato nell ambito del progetto OMII-EU project. Il servizio CREAM-BES espone due interfacce WSDL separate, una con la "legacy CREAM interface, e l altra BES/JSDL compliant. Entrambe le interfacce possono essere utilizzate contemporaneamente. Griglie computazionali - a.a

34 BES-enable CREAM Griglie computazionali - a.a

35 BES-CREAM Vs Legacy CREAM Griglie computazionali - a.a

36 SRM Storage Resource Manager Griglie computazionali - a.a

37 SRM Storage Resource Manager Data Transfer Functions Griglie computazionali - a.a

38 SRM WSDL INTERFACE </wsdl:documentation> <wsdl:types> <schema targetnamespace="http://srm.lbl.gov/storageres ourcemanager" xmlns="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <import namespace="http://schemas.xmlsoap.org/soap/enc oding/"/> <simpletype name="tfilestoragetype"> <restriction base="xsd:string"> <enumeration value="volatile"/> <enumeration value="durable"/> <enumeration value="permanent"/> </restriction> </simpletype> <simpletype name="tfiletype"> <restriction base="xsd:string"> <enumeration value="file"/> <enumeration value="directory"/> <enumeration value="link"/> </restriction> </simpletype> <simpletype name="tretentionpolicy"> <restriction base="xsd:string"> <enumeration value="replica"/> <enumeration value="output"/> <enumeration value="custodial"/> </restriction> </simpletype> Griglie computazionali - a.a

39 SRM WSDL INTERFACE <wsdl:message name="srmmkdirrequest"> <wsdl:part name="srmmkdirrequest" type="impl:srmmkdirrequest"/> </wsdl:message> <wsdl:message name="srmmkdirresponse"> <wsdl:part name="srmmkdirresponse" type="impl:srmmkdirresponse"/> </wsdl:message> Griglie computazionali - a.a

40 SRM WSDL INTERFACE <wsdl:operation name="srmmkdir"> <wsdl:input message="impl:srmmkdirrequest" name="srmmkdirrequest"/> <wsdl:output message="impl:srmmkdirresponse" name="srmmkdirresponse"/> </wsdl:operation> <wsdl:operation name="srmrmdir"> <wsdl:input message="impl:srmrmdirrequest" name="srmrmdirrequest"/> <wsdl:output message="impl:srmrmdirresponse" name="srmrmdirresponse"/> </wsdl:operation> Griglie computazionali - a.a

41 Riferimenti Web Services Essentials Distributed Applications with XML-RPC, SOAP, UDDI and WSDL Ethan Cerami, O Reilly, 2002 W3 schools online web tutorials Xmethod services BES-CREAM Griglie computazionali - a.a

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 OGSA, OGSI e WSRF Gli Standard OGF Griglie computazionali - a.a. 2009-10

Dettagli

Approfondimento. Web Services

Approfondimento. Web Services Approfondimento Web Services Esame di Programmazione per il Web Fedele Ladisa INDICE Capitolo 1. Introduzione 1.1 Introduzione ai Web Services 1.2 Architettura dei Web Services 1.3 Stack protocollare di

Dettagli

Web Services Security

Web Services Security Web Services Security Introduzione ai Web Services Davide Marrone Sommario Cosa sono i web services Architettura dei web services XML-RPC SOAP (Simple Object Access Protocol) WSDL (Web Services Description

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Massimiliano Vivian [777775] Massimiliano Vivian 1 Introduzione La comunicazione delle informazioni è l elemento fondamentale per lo sviluppo dei sistemi. SOAP

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Un introduzione ai Web service

Un introduzione ai Web service Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ A Web service is a software system

Dettagli

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata A Web service is a software system

Dettagli

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Web Service SOAP e WSDL Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com SOAP Originariamente: Simple Object Access Protocol E poi evoluto in un Framework per lo scambio di messaggi in XML 2

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 20010-11 Prof. Simon Pietro Romano Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos è un Web Service?

Dettagli

Web Services Servizio Telematico Dogane

Web Services Servizio Telematico Dogane Web Services Servizio Telematico Dogane MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 21 Indice 1 Introduzione... 3 2 Test funzionale dei web services... 6 3 Creazione del client... 10 3.1 Soluzioni Open Source...

Dettagli

Service Oriented Architecture and Web Services

Service Oriented Architecture and Web Services Service Oriented Architecture and Web Services Note per il corso di Ingegneria del Software Università di Camerino Dipartimento di Matematica ed Informatica Andrea Polini 11 gennaio 2007 Queste note sono

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

PARTE 11. Web Services

PARTE 11. Web Services PARTE 11 Web Services Parte 11 Modulo 1: Motivazioni Il miraggio dell informatica moderna Integrazione delle applicazioni Interoperabilità In pratica, ogni meccanismo che consenta a diversi sistemi software

Dettagli

Architetture orientate ai servizi

Architetture orientate ai servizi Architetture orientate ai servizi 1 Web Service Nuovo paradigma di sistema informativo basato su componenti software distribuiti I Web Service sono applicazioni indipendenti, modulari, autodescrittive,

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it 29/05/2010, Area Ricerca CNR, Pisa Web Service Introduzione Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR Istituto di Scienza e Tecnologie della Informazione

Dettagli

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Enterprise Edi.on Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Web Services Web Services: SOAP vs. RESTful 2 diversi.pi di Web Services I Web Services SOAP sono quelli classici Si basano

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Severoni Francesco Facoltà di Scienze Dipartimento di Informatica Università degli Studi - L Aquila 67100 L Aquila, Italia Argomenti Trattati

Dettagli

Piattaforme Software Distribuite. Roberto Beraldi

Piattaforme Software Distribuite. Roberto Beraldi Piattaforme Software Distribuite Roberto Beraldi Programma Applicazioni oggi Cloud computing Python Javascript Php Mobile app(cenni) Esame Progetto individuale Scritto Introduzione Ecosistema applicazioni

Dettagli

Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Scienze MFN

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Scienze MFN Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Scienze MFN Corso di Laurea in Informatica Tesi di Laurea Analisi, progettazione e implementazione di un Infrastruttura di Comunicazione basata su

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi UFFICIO S. I. R. Standard Tecnologici dei Sistemi Informativi Autori: Dott.ssa Domenica Nardelli (P.O.C. Area Applicativa Ufficio SIR) Data di creazione: 03 Ottobre 2005 Ultimo aggiornamento: 03 Ottobre

Dettagli

Classificazione dei Web Services

Classificazione dei Web Services Web Services Programmazione in ambienti distribuiti Anno 2004-2005 Claudio Zunino Classificazione dei Web Services Interattiva il client è umano ed utilizza tipicamente un web browser Sviluppati usando

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica, University of Florence. Sistemi Distribuiti, Prof. Paolo Nesi

Dipartimento di Sistemi e Informatica, University of Florence. Sistemi Distribuiti, Prof. Paolo Nesi 1 Sistemi Distribuiti Corso di Laurea in Ingegneria Prof. Paolo Nesi Parte: 2a Web Services & REST Department of Systems and Informatics University of Florence Via S. Marta 3, 50139, Firenze, Italy tel:

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli

UNIVERISTA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica

UNIVERISTA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica UNIVERISTA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica TESI DI LAUREA SPECIALISTICA CONFRONTO TRA PIATTAFORME OPEN-SOURCE

Dettagli

Programmazione di Web Services

Programmazione di Web Services Luca Cabibbo Architetture Software Programmazione di Web Services Dispensa ASW 860 ottobre 2014 La scelta tra architetture può ben dipendere da quali sono gli svantaggi che il cliente può gestire meglio.

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

Web Services Dogane LINEE GUIDA

Web Services Dogane LINEE GUIDA Web Services Dogane LINEE GUIDA Pagina 1 di 17 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. TEST FUNZIONALI SUI WEB SERVICES... 8 3. SICUREZZA... 14 4. FIRMA... 14 5. TRASFORMAZIONE CERTIFICATO DI FIRMA...

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

UDDI e WSDL: navigare sicuri nel mare dei Web. Col passare del tempo, la rete delle reti

UDDI e WSDL: navigare sicuri nel mare dei Web. Col passare del tempo, la rete delle reti UDDI Col proliferare dei Web service e delle aziende che li forniscono, si sente il bisogno di mettere ordine, per sfruttare pienamente le potenzialità dei servizi disponibili in rete UDDI e WSDL: navigare

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Deployment ed invocazione dinamica di Web Services. Stefano Schivo

Deployment ed invocazione dinamica di Web Services. Stefano Schivo Deployment ed invocazione dinamica di Web Services Stefano Schivo 15 settembre 2004 2 Indice 1 Introduzione 5 1.1 Un primo esempio......................... 5 1.2 Gli standard per i Web Services.................

Dettagli

JOHN KNEILING. Tools, Tecnologie NELL AMBIENTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008

JOHN KNEILING. Tools, Tecnologie NELL AMBIENTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JOHN KNEILING WEB SERVICES E Tools, Tecnologie e Architetture SICUREZZA NELL AMBIENTE ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO

Dettagli

Sistemi Distribuiti Corso di Laurea in Ingegneria

Sistemi Distribuiti Corso di Laurea in Ingegneria Sistemi Distribuiti Corso di Laurea in Ingegneria Prof. Paolo Nesi Parte: 1 -- Introduzione Department of Systems and Informatics University of Florence Via S. Marta 3, 50139, Firenze, Italy tel: +39-055-4796523,

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA Versione 1.0 Qualificazione della Porta di INDICE 1. PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA 3 2. DESCRIZIONE

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Nome Indirizzo: Ingegneria del Software e dei Servizi (S&SE Software & Service Engineering)

Nome Indirizzo: Ingegneria del Software e dei Servizi (S&SE Software & Service Engineering) Nome Indirizzo: Ingegneria del Software e dei Servizi (S&SE Software & Service Engineering) Motivazioni: I sistemi software a supporto dei processi produttivi sono sempre più intrusivi e sempre più estesi

Dettagli

OpenSPCoop: un implementazione della Specifica di Cooperazione Applicativa per la Pubblica Amministrazione Italiana

OpenSPCoop: un implementazione della Specifica di Cooperazione Applicativa per la Pubblica Amministrazione Italiana UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Tesi di Laurea Specialistica OpenSPCoop: un implementazione della Specifica

Dettagli

Sistema Informativo. Funzione ICT in Azienda

Sistema Informativo. Funzione ICT in Azienda Definizione: Sistema Informativo Insieme di persone, macchine, applicazioni software e procedure (anche cartacee) che permettono ad un impresa di disporre delle informazioni necessarie alla realizzazione

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER EAI Architetture, Tecnologie e Best Practices ROMA 26-28 MARZO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Sempre di più viene avvertita l esigenza di framework di sviluppo applicativo che permettano di:

Sempre di più viene avvertita l esigenza di framework di sviluppo applicativo che permettano di: 1. Premessa Il rapido diffondersi delle tecnologie di networking ha stimolato, negli ultimi anni, una accresciuta esigenza di paradigmi adatti allo sviluppo di applicazioni distribuite. Tali paradigmi

Dettagli

Atti della Accademia Peloritana dei Pericolanti Classe II di Scienze Medico-Biologiche Vol. XCIV, Anno Accademico CCLXXIX (2006) (DOI: 10.

Atti della Accademia Peloritana dei Pericolanti Classe II di Scienze Medico-Biologiche Vol. XCIV, Anno Accademico CCLXXIX (2006) (DOI: 10. Atti della Accademia Peloritana dei Pericolanti Classe II di Scienze Medico-Biologiche Vol. XCIV, Anno Accademico CCLXXIX (2006) (DOI: 10.3245/57386) Web Services: un nuovo modello per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

MAX DOLGICER ROMA 17-19 NOVEMBRE 2008 ROMA 20-21 NOVEMBRE 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

MAX DOLGICER ROMA 17-19 NOVEMBRE 2008 ROMA 20-21 NOVEMBRE 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER Architettura, Governance, Standards e Tecnologie Modellare, progettare e implementare applicazioni ROMA 17-19 NOVEMBRE 2008 ROMA 20-21 NOVEMBRE 2008 VISCONTI

Dettagli

Architettura Open Data

Architettura Open Data Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Open City Platform Architettura Open Data OCP e Open Data architecture OCP e Open Service OCP intende favorire

Dettagli

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER SOI (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES ROMA 27-29 MAGGIO 2009 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Distributed Object Computing

Distributed Object Computing Evoluzione Architetturale Distributed omputing entralizzata Monolitica anni 60-70 Reti locali di P anni 80 Reti lient Server anni 80-90 Internet The network is the computer Paolo Falcarin Sistemi Informativi

Dettagli

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it Introduzione ai Web Services Tito Flagella tito@link.it Web Services Beppe, secret 2 Web Services (2) I Web Services sono uno sforzo di standardizzazione teso a rendere interpretabili, in maniera indipendente

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

Web service. A cura di Azzurra Ragone

Web service. A cura di Azzurra Ragone Web service A cura di Azzurra Ragone RPC (Remote Procedure Call) A type of protocol that allows a program on one computer to execute a program on a server computer. Using RPC, a system developer need not

Dettagli

Workload Management Service (1/2)

Workload Management Service (1/2) Introduzione alle griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Informatica III Anno LEZIONE N. 9 WMS (Workload Management Service) (Job Description Language) Matchmaking

Dettagli

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

SOAP e Web Services. SOAP: introduzione

SOAP e Web Services. SOAP: introduzione SOAP e Web Services 1 SOAP: introduzione Attualmente le applicazioni distribuite rappresentano una grossa parte della produzione software. Inoltre lo sviluppo di Internet e delle Intranet rende utile creare

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia Versione 1.1 Nome doc.: INF-1 Specifiche Interfaccia v1.0.doc Edizione: 1.0 Data emissione: 12/1/2007 INDICE Modifiche

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

UN INTRODUZIONE RAGIONATA AL MONDO DEI WEB SERVICE

UN INTRODUZIONE RAGIONATA AL MONDO DEI WEB SERVICE UN INTRODUZIONE RAGIONATA A MONDO DEI EB SERVICE Il paradigma del Service Oriented Computing è visto come una rivoluzione nella comunità informatica e i eb Service una sua realizzazione. a possibilità

Dettagli

UFFICIO S. I. LICA R. S. TA

UFFICIO S. I. LICA R. S. TA REGI ONE BASI UFFICIO S. I. LICA R. S. TA Standard Tecnologici Pagina i di 11 Controllo del documento Identificazione documento Titolo Tipo Identificatore Nome file

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 e Pervasive Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni Pervasive Grids Caratteristiche Problemi

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri.

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri. Il Servizio World Wide Web () Corso di Informatica Generale (Roberto BASILI) Teramo, 20 Gennaio, 2000 Il World Wide Web Storia : obbiettivi : tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri La Storia (1990)

Dettagli

Web Services. [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology, 2008

Web Services. [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology, 2008 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 450 ottobre 2014 La cosa bella degli standard è che ce ne sono così tanti tra cui scegliere. Andrew S. Tanenbaum 1 -Fonti [Papazoglou] Papazoglou, Principles

Dettagli

Service Oriented Architectures e Web Services

Service Oriented Architectures e Web Services Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.17 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Evoluzione

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

Web Content Management and E- Learning

Web Content Management and E- Learning Web Content Management and E- Learning Dott. Fabio Fioravanti fioravanti@sci.unich.it http://www.sci.unich.it/~fioravan Corso di Laurea in Economia e Management Facoltà di Scienze Manageriali UNICH - AA

Dettagli

(Service o Oriented Architecture)

(Service o Oriented Architecture) L Parliamo di SOA (Service o Oriented Architecture) Antonio Pintus, Marco Marongiu 1 Chi siamo Antonio Pintus è laureato in Informatica e studente di Dottorato di Ricerca in Informatica con argomenti relativi

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI

IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI

Dettagli

Università della Calabria

Università della Calabria Università della Calabria Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento DEIS TESI DI LAUREA Sviluppo di un sistema per la configurazione della rete UTRAN tramite un Enterprise

Dettagli

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l.

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l. Seminario Architetture SOA in ambito bancario: Tecnologia ed applicazioni Agenda Cedac Software ed il suo Business SOA e Web Services Realizzazione di un Caso di Studio Nuove tecnologie WS-* Q&A Cedac

Dettagli

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP.

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP. In questo tutorial implementeremo un semplice SOAP web service in PHP che un client Java richiamerà. In questo modo mostreremo l'interoperabilità fra linguaggi diversi che SOAP permette di avere. La struttura

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Living IT Architectures Open Source per la realizzazione del modello XaaS www.spagoworld.org/openevents Engineering Engineering Group: Group: nuovo nuovo approccio approccio per per progetti progetti di

Dettagli

Problemi di schedulazione distribuita su Grid

Problemi di schedulazione distribuita su Grid Problemi di schedulazione distribuita su Grid Ivan Porro Università degli Studi di Genova, DIST, Laboratorio BioLab pivan@unige.it 010-3532789 Si ringrazia per il materiale il Dr. Andrea Clematis dell

Dettagli

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 Introduzione al concetto di GRID Sulla base dell implementazione GLOBUS-EDG-EGRID What is the GRID? What is the

Dettagli

1 st part - Lessons 5 8

1 st part - Lessons 5 8 1 st part - Lessons 5 8 5. Introducing the Service Oriented Architecture 6. Introducing Business Process Management/Modelling 7. The Service Based / Process Centric architecture life cycle 8. Modelling

Dettagli

Sommario. Esempio di Modellazione mediante DASM: Grid OGSA. Grid secondo OGSA. Definizione Grid per OGSA. Stati di un Job e Requisiti DASM

Sommario. Esempio di Modellazione mediante DASM: Grid OGSA. Grid secondo OGSA. Definizione Grid per OGSA. Stati di un Job e Requisiti DASM Sommario Esempio di Modellazione mediante DASM: Grid Definizione Grid per OGSA Funzionalità JEMS Stati di un Job e Requisiti DASM DASM per Grid 1 DASM per Grid 2 OGSA Grid secondo OGSA OGSA = Open Grid

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

WSDL. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1

WSDL. Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1 WSDL Ing. dell Informazione Gestione dei Servizi Telematici Federica Paganelli 1 Cos è WSDL? Web Service Description Language Linguaggio XML per descrivere servizi web (o, meglio, le loro interfacce) Originariamente

Dettagli

WebServices. Distribuire una computazione. Sistemi che usano RPC Sun RPC RPC. Il Web usato dai programmi. Vincenzo Gervasi

WebServices. Distribuire una computazione. Sistemi che usano RPC Sun RPC RPC. Il Web usato dai programmi. Vincenzo Gervasi 1 Distribuire una computazione WebServices Il Web usato dai programmi Vincenzo Gervasi Dipartimento di Informatica Università di Pisa L idea di distribuire una computazione è vecchia quasi quanto l informatica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica I web services come soluzione per làinteroperabilita e làinterazione automatica fra sistemi software Tesi

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 16 Resource Management Systems: PBS, MAUI Il Computing Element Griglie computazionali

Dettagli