LETTURA (=leggere con intelligenza e comprendere con sapienza)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LETTURA (=leggere con intelligenza e comprendere con sapienza)"

Transcript

1 Giovanni 9, 1-41 Guarigione di un cieco nato 1 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita 2 e i suoi discepoli lo interrogarono: «Rabbi, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?». 3 Rispose Gesù: «Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è perché in lui siano manifestate le opere di Dio. 4 Bisogna che noi compiamo le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno; poi viene la notte, quando nessuno può agire. 5 Finché io sono nel mondo, sono la luce del mondo». 6 Detto questo, sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco 7 e gli disse: «Va' a lavarti nella piscina di Siloe», che significa "Inviato". Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. 8 Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: «Non è lui quello che stava seduto a chiedere l'elemosina?». 9 Alcuni dicevano: «È lui»; altri dicevano: «No, ma è uno che gli assomiglia». Ed egli diceva: «Sono io!». 10 Allora gli domandarono: «In che modo ti sono stati aperti gli occhi?». 11 Egli rispose: «L'uomo che si chiama Gesù ha fatto del fango, me lo ha spalmato sugli occhi e mi ha detto: "Va' a Siloe e lavati!". Io sono andato, mi sono lavato e ho acquistato la vista». 12 Gli dissero: «Dov'è costui?». Rispose: «Non lo so». 13 Condussero dai farisei quello che era stato cieco: 14 era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. 15 Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista. Ed egli disse loro: «Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo». 16 Allora alcuni dei farisei dicevano: «Quest'uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato». Altri invece dicevano: «Come può un peccatore compiere segni di questo genere?». E c'era dissenso tra loro. 17 Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu, che cosa dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?». Egli rispose: «È un profeta!». 18 Ma i Giudei non credettero di lui che fosse stato cieco e che avesse acquistato la vista, finché non chiamarono i genitori di colui che aveva ricuperato la vista. 19 E li interrogarono: «È questo il vostro figlio, che voi dite essere nato cieco? Come mai ora ci vede?». 20 I genitori di lui risposero: «Sappiamo che questo è nostro figlio e che è nato cieco; 21 ma come ora ci veda non lo sappiamo, e chi gli abbia aperto gli occhi, noi non lo sappiamo. Chiedetelo a lui: ha l'età, parlerà lui di sé». 22 Questo dissero i suoi genitori, perché avevano paura dei Giudei; infatti i Giudei avevano già stabilito che, se uno lo avesse riconosciuto come il Cristo, venisse espulso dalla sinagoga. 23 Per questo i suoi genitori dissero: «Ha l'età: chiedetelo a lui!». 24 Allora chiamarono di nuovo l'uomo che era stato cieco e gli dissero: «Da' gloria a Dio! 25 Noi sappiamo che quest'uomo è un peccatore». Quello rispose: «Se sia un peccatore, non lo so. Una cosa io so: ero cieco e ora ci vedo». 26 Allora gli dissero: «Che cosa ti ha fatto? Come ti ha aperto gli occhi?». 27 Rispose loro: «Ve l'ho già detto e non avete ascoltato; perché volete udirlo di nuovo? Volete forse diventare anche voi suoi discepoli?». 28

2 Lo insultarono e dissero: «Suo discepolo sei tu! Noi siamo discepoli di Mosè! 29 Noi sappiamo che a Mosè ha parlato Dio; ma costui non sappiamo di dove sia». 30 Rispose loro quell'uomo: «Proprio questo stupisce: che voi non sapete di dove sia, eppure mi ha aperto gli occhi. 31 Sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma che, se uno onora Dio e fa la sua volontà, egli lo ascolta. 33 Da che mondo è mondo, non si è mai sentito dire che uno abbia aperto gli occhi a un cieco nato. Se costui non venisse da Dio, non avrebbe potuto far nulla». 34 Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?». E lo cacciarono fuori. 35 Gesù seppe che l'avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell'uomo?». 36 Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». 37 Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». 38 Ed egli disse: «Credo, Signore!». E si prostrò dinanzi a lui. 39 Gesù allora disse: «È per un giudizio che io sono venuto in questo mondo, perché coloro che non vedono, vedano e quelli che vedono, diventino ciechi». 40 Alcuni dei farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: «Siamo ciechi anche noi?». 41 Gesù rispose loro: «Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: "Noi vediamo", il vostro peccato rimane». ( Bibbia Cei : versione 2008) LETTURA (=leggere con intelligenza e comprendere con sapienza) Giovanni 9, 1-41 Passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo interrogarono: «Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché egli nascesse cieco?». Rispose Gesù: «Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio. Dobbiamo compiere le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno; poi viene la notte, quando nessuno può più operare. Finché sono nel mondo, sono la luce del mondo». Detto questo sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Và a lavarti nella piscina di Sìloe (che significa Inviato)». Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, poiché era un mendicante, dicevano: «Non è egli quello che stava seduto a chiedere l`elemosina?». Alcuni

3 dicevano: «E` lui»; altri dicevano: «No, ma gli assomiglia». Ed egli diceva: «Sono io!». Allora gli chiesero: «Come dunque ti furono aperti gli occhi?». Egli rispose: «Quell`uomo che si chiama Gesù ha fatto del fango, mi ha spalmato gli occhi e mi ha detto: Và a Sìloe e lavati! Io sono andato e, dopo essermi lavato, ho acquistato la vista». Gli dissero: «Dov`è questo tale?». Rispose: «Non lo so». Intanto condussero dai farisei quello che era stato cieco: era infatti sabato il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come avesse acquistato la vista. Ed egli disse loro: «Mi ha posto del fango sopra gli occhi, mi sono lavato e ci vedo». Allora alcuni dei farisei dicevano: «Quest`uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato». Altri dicevano: «Come può un peccatore compiere tali prodigi?». E c`era dissenso tra di loro. Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu che dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?». Egli rispose: «E` un profeta!». Ma i Giudei non vollero credere di lui che era stato cieco e aveva acquistato la vista, finché non chiamarono i genitori di colui che aveva ricuperato la vista. E li interrogarono: «E` questo il vostro figlio, che voi dite esser nato cieco? Come mai ora ci vede?». I genitori risposero: «Sappiamo che questo è il nostro figlio e che è nato cieco; come poi ora ci veda, non lo sappiamo, né sappiamo chi gli ha aperto gli occhi; chiedetelo a lui, ha l`età, parlerà lui di se stesso». Questo dissero i suoi genitori, perché avevano paura dei Giudei; infatti i Giudei avevano già stabilito che, se uno lo avesse riconosciuto come il Cristo, venisse espulso dalla sinagoga. Per questo i suoi genitori dissero: «Ha l`età, chiedetelo a lui!». Allora chiamarono di nuovo l`uomo che era stato cieco e gli dissero: «Dá gloria a Dio! Noi sappiamo che quest`uomo è un peccatore». Quegli rispose: «Se sia un peccatore, non lo so; una cosa so: prima ero cieco e ora ci vedo». Allora gli dissero di nuovo: «Che cosa ti ha fatto? Come ti ha aperto gli occhi?». Rispose loro: «Ve l`ho già detto e non mi avete ascoltato; perché volete udirlo di nuovo? Volete forse diventare anche voi suoi discepoli?». Allora lo insultarono e gli dissero: «Tu sei suo discepolo, noi siamo discepoli di Mosè! Noi sappiamo infatti che a Mosè ha parlato Dio; ma costui non sappiamo di dove sia». Rispose loro quell`uomo: «Proprio questo è strano, che voi non sapete di dove sia, eppure mi ha aperto gli occhi. Ora, noi sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma se uno è timorato di Dio e fa la sua volontà, egli lo ascolta. Da che mondo è mondo, non s`è mai sentito dire che uno abbia aperto gli occhi a un cieco nato. Se costui non fosse da Dio, non avrebbe potuto far nulla». Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e vuoi insegnare a noi?». E lo cacciarono fuori. Gesù seppe che l`avevano cacciato fuori, e incontratolo gli disse: «Tu credi nel Figlio dell`uomo?». Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Tu l`hai visto: colui che parla con te è proprio lui». Ed egli disse: «Io credo, Signore!». E gli si prostrò innanzi. Gesù allora disse: «Io sono venuto in questo mondo per giudicare, perché coloro che non vedono vedano e quelli che vedono diventino ciechi». Alcuni dei farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: «Siamo forse ciechi anche noi?». Gesù rispose loro: «Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: Noi vediamo, il vostro peccato rimane» ( Bibbia Cei : versione1971) Esegesi Dopo l austerità dei capitoli 7 e 8 abbiamo un racconto pieno di movimento e di vita, costruito con una struttura scenica e con dialoghi brillanti. I personaggi del racconto sono a turno pietosi, confusi, forti, prepotenti, deboli; spicca la figura di un cieco dalla nascita coraggioso e intelligente, cui Gesù ridona la vista. Nel racconto, che fu utilizzato nella catechesi battesimale, Gesù viene presentato con i suoi titoli: uomo che si chiama Gesù, un profeta, il Cristo, colui che viene da Dio, il Figlio dell uomo, il Signore in cui credere e i vari personaggi assumono atteggiamenti

4 diversi nei suoi confronti. La gente non prende posizione: la folla è indecisa, i parenti fanno la scelta della paura. I Farisei fanno un cammino di ostilità: prima sono divisi, poi prevalgono i contrari, in seguito negano che sia avvenuto un miracolo, poi assumono un atteggiamento del tutto ostile, infine scomunicano il cieco guarito: Gesù commenta: Il vostro peccato rimane. Il cieco fa un cammino di fede: all inizio ammette di esser cieco, in seguito progressivamente riconosce Gesù come un uomo, un profeta, un inviato da Dio, il Messia, il Signore; la conclusione di Gesù: Quelli che non vedono vedranno. PASSANDO VIDE ( 1 ) L indicazione con cui il racconto si apre non serve di raccordo con quanto precede, ma dice solo che un giorno Gesù si imbatte in un mendicante cieco e prende come sempre l iniziativa: guarisce e conduce alla fede. 5 UN CIECO DALLA NASCITA ( 1 ) Anche gli altri evangelisti raccontano miracoli di guarigioni di ciechi per esteso e in modo sommario. Il miracolo più vicino a Giovanni 1-8 è quello del cieco di Betsaida, narrato in Mc 8, In Giovanni la guarigione di questo cieco è il sesto dei segni fatti da Gesù. CHI HA PECCATO ( 2 ) La domanda dei discepoli riflette il pensiero del tempo. Secondo i rabbini ogni malattia e ogni difetto fisico erano il castigo di qualche peccato o di una vita peccaminosa. PERCHE SI MANIFESTASSERO ( 3 ) Gesù esclude che nel caso presente ci sia di mezzo una qualsiasi connessione tra peccato e infermità, ma non intende escludere che una tale connessione possa esserci in qualche caso. La risposta di Gesù non è un principio generale ( vedi 5, 14 ) ma una interpretazione di questo caso specifico. Nel disegno di Dio questa malattia è ordinata a manifestare le sue opere mediante l intervento di Gesù. L opera che in questo caso si manifesta è il miracolo della guarigione, che è una rivelazione di Gesù, luce del mondo. FINCHE E GIORNO ( 5 ) Gesù e i discepoli devono compiere in fretta le opere volute dal Padre, perché il tempo di vita che resta a Gesù è breve. Bisogna pertanto operare anche di sabato. Lo scopo dell agire di Gesù è di recare la luce spirituale e soprannaturale al mondo, cioè agli uomini; in pari tempo la sua parola è anche un avvertimento al mondo che si lasci illuminare, come è detto più chiaramente in 12, 35. SPUTO PER TERRA ( 5 ) Gesù compie un gesto usuale tra i Giudei del tempo, che attribuivano alla saliva proprietà curative, ma non è detto perché lo fa. Si può supporre che sia per adattarsi alla mentalità popolare o per dimostrare la sua libertà nei confronti del sabato in cui questo gesto era espressamente proibito. Da quanto segue appare comunque lontano ogni senso di magia. NELLA PISCINA DI SILOE ( 5 ) Il cieco non è inviato alla piscina perché questa abbia un potere curativo, ma per una prova di fede. Un comando simile troviamo in 2 Re 5, 10-13, nell episodio di Naaman il Siro. La piscina di Siloe è situata allo sbocco del canale, scavato dal re Ezechia ( 2 Cr 32, 30), che portava l acqua dalla fonte di Ghjion all interno della Città, sud di Gerusalemme. Da questa piscina veniva attinta l acqua per la cerimonia della festa delle Capanne. Giovanni interpreta il nome Siloe come Inviato, in riferimento a Gesù, l Inviato del Padre, che invia il cieco alla fontana dell Inviato. In realtà Siloe ha in significato di mandante, cioè canale che manda l acqua. TORNO CHE CI VEDEVA ( 7 ) Il miracolo è ormai avvenuto. Il cieco vede per la prima volta la luce naturale, ma non solo. DISSERO ( 8 ) La guarigione provoca una profonda impressione. Tanto il miracolo sembra impossibile che alcuni credono che il cieco guarito sia una persona diversa da colui che conoscevano; ma la sua identità viene confermata.

5 ALLORA GLI CHIESERO ( 11 ) Segue una piccola inchiesta su come sia avvenuto il miracolo e su chi lo abbia operato. Il cieco nato sa chi è il suo guaritore ma non sa dove si trova. DAI FARISEI (13 ) Il miracolato viene condotto dall autorità competente per le cause che avevano un aspetto religioso, cioè dai Farisei sinedriti. Qui l aspetto religioso è determinato dalla violazione del sabato. ANCHE I FARISEI ( 16 ) Il racconto mette in grave imbarazzo gli interpellati, perché il prodigio sembra accreditare chi lo ha compiuto. Tra loro nasce un dissenso: per alcuni Gesù non può essere un inviato da Dio, perché viola il sabato, per altri non può essere un peccatore dal momento che compie prodigi. DISSERO DI NUOVO (17 ) Nell imbarazzo i farisei chiedono al mendicante la sua opinione su chi lo ha guarito; questi dichiara apertamente che è un profeta, dal momento che fa prodigi. La risposta non piace agli inquirenti che mettono in dubbio la realtà stessa del miracolo. CHIAMARONO I GENITORI ( 19 ) I Farisei non restano soddisfatti nemmeno dall esito dell interrogatorio fatto ai genitori; questi riconoscono come loro figlio il cieco guarito, ma sulle modalità del miracolo danno una risposta evasiva, per timore dei Giudei, che avevano deciso di espellere dalla sinagoga chiunque avesse confessato che Gesù era il Messia. L usanza di espellere dalla sinagoga era invalsa dopo il ritorno dall esilio ( Esdr 10, 8) e mirava a ricondurre le persone ad una maggiore obbedienza. Secondo alcuni studiosi esistevano tre tipi di scomunica: quella minima, che durava una settimana, il niddui, che durava un mese e il herem, una solenne maledizione che escludeva per sempre dalla Sinagoga; ma forse questa divisione riflette solo un costume tardivo del primo secolo. CHIAMARONO DI NUOVO (24 ) A questo punto il fatto della guarigione miracolosa appare certo, ma i Farisei non si rassegnano e vorrebbero chiudere la faccenda dichiarando Gesù peccatore, con la testimonianza del cieco guarito. Dicendogli dà gloria a Dio, lo invitano a confermare quasi sotto giuramento le loro conclusioni. SE E UN PECCATORE ( 24 ) Il miracolato non accede alla pretesa, non si lascia impaurire dagli insulti e intraprende con i Giudei un dialogo, che diventa una lezione religiosa. Incapaci di ridurlo al silenzio, i Farisei chiudono la conversazione cacciandolo dalla sinagoga. GESU SEPPE ( 35 ) Gesù era scomparso dalla scena e aveva lasciato che il cieco guarito proseguisse il suo cammino di fede. Ora è venuto il momento in cui questa fede può essere pubblicamente professata e Gesù, proprio quando il cieco guarito è cacciato, gli va incontro e per la seconda volta prende l iniziativa. TU CREDI (35 ) E arrivata l ultima tappa del cammino di fede, quella che sarà richiesta anche ai canditati al Battesimo: la fede in Gesù Figlio dell uomo e Signore, uomo e Dio. La professione di fede a questo punto è piena: Io credo, Signore. E gli si prostrò innanzi. VENUTO PER GIUDICARE ( 39 ) Dopo la confessione del miracolato Gesù mette in chiaro il simbolismo del prodigio compito. Dice di essere venuto per una discriminazione. Prima di lui il mondo era nelle tenebre, con lui è venuta la luce della rivelazione e gli uomini devono decidere se vogliono restare nelle tenebre o se desiderano farsi rischiarare dalla luce. Chi si riconosce cieco in un mondo di tenebre, acquista la vista alla luce di Cristo, mentre chi si considera superbamente veggente e si rinserra nella pretesa luce della sua ragione, chiude ancor più gli occhi alla luce di Gesù, rifiuta di essere illuminato e resta nelle tenebre. ALCUNI FARISEI ( 40 ) Il cieco da una parte e i farisei dall altra sono un esempio concreto di questo atteggiamento nei confronti della luce. Il cieco è uno che aveva riconosciuto di non vedere e adesso vede.

6 Ai farisei, che erano stati protagonisti negativi nel processo, Gesù dice che la superba convinzione di vedere, di essere giusti li indurisce nel confronto con la luce, il loro peccato, ora che non accettano la luce, diventa più grave e rimane. MEDITAZIONE (=meditare con attenzione e ascoltare con amore) ILLUMINATI Per la catechesi battesimale di questa Quaresima, oggi è il turno della luce. Guarendo il cieco nato Gesù si rivela come colui che apre i nostri occhi alla vera luce : ci permette cioè di guardare le cose con gli occhi nuovi della fede. (Vangelo ). Illuminati da Cristo, dobbiamo dunque comportarci come figli della luce (2 Lettura ). Questo esige una conversione di mentalità, una capacità di giudicare secondo una nuova scala di valori, che viene da Dio : lui non guarda alle apparenze, ma legge nel cuore. (1 Lettura ) FORMO DEL FANGO «Egli formò del fango con la saliva», e guarí il difetto che esisteva dalla nascita, per mostrare che lui, la cui mano completava ciò che mancava alla natura, era proprio colui la cui mano aveva modellato la creazione al principio. E siccome rifiutavano di crederlo anteriore ad Abramo, egli provò loro con quest`opera che era il Figlio di colui che, con la sua mano, "formò" il primo "Adamo con la terra" (Gen 2,7): in effetti, egli guarí la tara del cieco con i gesti del proprio corpo. Fece ciò a utilità di coloro che cercavano i miracoli per credere: "I Giudei cercano i miracoli" (1Cor 1,22). Non fu la píscina di Siloe che aprí gli occhi del cieco (cf.gv 9,7.11), come non furono le acque del Giordano che purificarono Naaman; è il comando del Signore che compie tutto. Ben piú, non è l`acqua del nostro Battesimo, ma i nomi che si pronunciano su di essa, che ci purificano. "Unse i suoi occhi con il fango" (Gv 9,6), perché i Giudei ripulissero l`accecamento del loro cuore. (Efrem, Diatessaron, 16, 28-32) GUARITI DALLA CECITA DEL CUORE Quando il cieco se ne andò tra la folla e chiese: «Dov`è Siloe?», si vide il fango cosparso sui suoi occhi. Le persone lo interrogarono, egli le informò, ed esse lo seguirono, per vedere se i suoi occhi si fossero aperti. Coloro che vedevano la luce materiale erano guidati da un cieco che vedeva la luce dello spirito, e, nella sua notte, il cieco era guidato da coloro che vedevano esteriormente, ma che erano spiritualmente ciechi. Il cieco lavò il fango dai suoi occhi, e vide se stesso; gli altri lavarono la cecità del loro cuore ed esaminarono se stessi. Nostro Signore apriva segretamente gli occhi di molti altri ciechi. Quel cieco fu una bella e inattesa fortuna per Nostro Signore; per suo tramite, acquistò numerosi ciechi, che egli guarí dalla cecità del cuore.(efrem Diatessaron,16, 28-32)

7 ERA SABATO Egli ha formato il fango durante il sabato (cf. Gv 9,14). Omisero il fatto della guarigione e gli rimproverarono di aver formato del fango. Lo stesso dissero a colui "che era malato da trentotto anni: Chi ti ha detto di portare il tuo lettuccio?" (Gv 5,5.12), e non: Chi ti ha guarito? Qui, analogamente: «Ha fatto del fango durante il sabato». E cosí, anzi per molto meno, non si ingelosirono di lui e non lo rinnegarono, quando guarí un idropico, con una sola parola, in giorno di sabato? (cf. Lc 14,1-6). Cosa gli fece dunque guarendolo? Egli fu purificato e guarito con la sola parola. Quindi, secondo le loro teorie, chiunque parla viola il sabato; ma allora - si dirà - chi ha maggiormente violato il sabato, il nostro Salvatore che guarisce, o coloro che ne parlano con gelosia? (Efrem, Diatessaron, 16, 28-32) LAVORARE FINCHE E GIORNO Lavorate finché dura il giorno, poiché "sopraggiunge la notte nella quale nessuno può piú lavorare" (Gv 9,4). Il giorno, è la vita presente; la notte, è la morte e il tempo dopo la morte. Se non vi è possibilità di lavorare dopo questa vita, come afferma la Verità, perché ciascuno non lavora finché ne ha il tempo, cioè finché vive in questo secolo? Temete, fratelli, questa notte della quale il Salvatore dice: "Sopraggiunge la notte nella quale nessuno può piú lavorare". Coloro che compiono il male non temono questa notte, e per questo motivo, all`uscita da questa vita, essi trovano la notte, cioè la morte eterna. Lavorate finché vivete, ma in questi giorni soprattutto, privandovi di piatti delicati e astenendovi dai vizi in ogni tempo. Infatti coloro che si privano del cibo e non si astengono dal male sono simili al diavolo che non mangia e tuttavia non si allontana dal male. Sappiate infine che voi dovete far passare in cielo, dandolo ai poveri, quello di cui vi private con il digiuno. (Anonimo IX secolo, Hom. 9, 1-5). LA LUCE La luce è carica di un simbolismo di cui bisogna cogliere l anima. Il tema attraversa tutta la rivelazione. Dio inizia l azione creatrice separando le tenebre dalla luce ( Gn 1, 3 ). Al termine della storia, i cieli nuovi e la terra nuova, che egli farà, avranno lui stesso come lucerna ( Ap 21, 5.23 ). Le vicende che si situano tra i due termini assumono la forma di un conflitto in cui tenebre e luce si affrontano. La luce è connaturalmente legata alla vita. Le tenebre al contrario, che sembrano avvolgere tutti gli uomini in un manto funereo, si prestano a raffigurare la morte. La trasposizione sul piano morale va da sé: il peccato è tenebra, la grazia e la fede sono luce. Era notte annota Giovanni ( 13, 30 ) mentre Giuda esce dal cenacolo per consumare il tradimento. L antico rito battesimale comportava un gesto di drammatica plasticità. Il candidato si volgeva prima verso occidente, la regione delle tenebre, e alzando il braccio per un giuramento solenne, esclamava: Io rinunzio a te, o Satana. Poi si volgeva a oriente, la regione della luce, e gridava: Io aderisco a te, o Cristo. (Mariano Magrassi ) CAMMINARE NELLA LUCE Il battesimo è un gesto della bontà di Dio che strappa dalle tenebre e ci trasferisce nel Regno del suo Figlio, perché abbiamo parte alla sorte dei santi nella luce ( Col 1, ). Ma non lascia l uomo passivo: esige da lui una contropartita, una scelta netta e decisiva. Il battesimo è un impegno, Pone il battezzato in una situazione nuova, introduce nella vita divina il cui dinamismo trascina. Pone nel battezzato una natura nuova che non potrà mai più svestire: quella di Dio. Diventa suo figlio e come tale deve vivere. Camminare nella luce è vivere in coerenza con questa nuova situazione con uno sguardo nuovo sulla vita e sul mondo. Un modo nuovo da vivere il rapporto con gli altri: è l amore fraterno, distintivo infallibile dei figli della luce, un orientamento di fondo che fa dell esistenza un cammino verso la luce della gloria. (Mariano Magrassi ) ACCOGLIERE CRISTO LUCE La situazione del cieco nato rappresenta la condizione di tutto il genere umano. La mancanza di luce fa rimanere nelle tenebre del peccato, dell errore e della menzogna, nell opacità di un esistenza senza ideali e grandi desideri, nella tristezza di chi non sa

8 scorgere la novità di vita e di ciò che il Signore può compiere qui e ora. Proprio la nostra indifferenza e povertà suscitano la misericordia di Dio: noi siamo i poveri che lui viene a illuminare e salvare. Presumere di non essere ciechi, ma di vedere, come dicono i farisei, è l errore che ci toglie ogni possibilità di salvezza, di apertura al dono della fede. Anche noi come il cieco nato, dobbiamo farci mendicanti per ottenere l umiltà del cuore e la disponibilità ad accogliere Cristo Gesù. La luce è un simbolo fondamentale della nostra esistenza: chi nasce vede la luce. Quindi essa è sinonimo di vita. Dio che creò il primo mattino, continua la sua opera di salvezza partecipando ai suoi figli la vita che è in Gesù. Il Dio che disse: Rifulga la luce nelle tenebre, rifulse nei nostri occhi, per far risplendere la conoscenza della gloria, che rifulge sul volto di Cristo. Gesù è il sole di giustizia, che è venuto a cercare chi era perduto, a rischiarare coloro che erano nelle tenebre e nell ombra di morte ( Lc 19, 10 ; 1, 79 ). (Riflessioni di Monache Trappiste ) APRIRE GLI OCCHI ALLA LUCE Al termine dell episodio del cieco nato, il cieco vede, mentre quelli che si credono sani non vedono e non capiscono più nulla fino a coprirsi di ridicolo: Se foste ciechi non avreste nessun peccato, ma siccome dite di vedere, il vostro peccato rimane. Il giudizio di Cristo chiaro e molto pesante cade anche su tutti noi quando non abbiamo il coraggio di aprire i nostri occhi, pensando di sapere già tutto, di avere fatto già la scelta giusta, di non aver più nulla da cambiare. E molto facile diventare impermeabili alla parola di Dio, alla sua grazia, a quei doni che ci vengono dalle situazioni in cui viviamo, dalle persone che incontriamo, e persino dagli insegnamenti della Chiesa: troviamo sempre scuse per rifiutare quanto ci viene proposto, cerchiamo di scaricare su altri le nostre stesse colpe, e così non cambia più nulla nella vita. La conversione di cui abbiamo bisogno è sentirci in stato di ricerca, desiderosi di un più e di un meglio, senza accontentarci di quello che già sappiamo: voler conoscere meglio la parola di Dio per metterci in questione e adeguare il vivere al credere. (Giorgio Basadonna ) DALLA CECITA ALLA LUCE Nel miracolo della guarigione del cieco l affermazione centrale è : Io sono la luce del mondo. Di fronte a Gesù luce si disegnano due movimenti opposti : un cieco passa dalle tenebre alla luce, i Giudei che presumevano di vedere sono condannati alle tenebre. Da una parte c è dunque un cammino di fede, dall altra parte c è un indurimento del cuore e quindi una cecità spirituale di fronte al mistero di Gesù. E evidente che luce e cecità assumono qui un valore simbolico ; non si tratta soltanto delle cecità fisica e della luce del sole, ma di luce e cecità spirituali. Dal fatto della guarigione, Gesù conduce i suoi uditori a riflettere su una vicenda interiore e spirituale. Il cieco scopre progressivamente chi è Gesù : dapprima dice che è un uomo chiamato Gesù, poi lo definisce profeta, poi un inviato da Dio e alla fine fa la completa professione di fede : Credo, Signore. I giudei invece compiono un cammino inverso : si irrigidiscono sempre più nella loro opposizione a Gesù, accusando il cieco di bestemmia e coprendolo di ingiurie. Ciò che fa la cecità dei Giudei e la sicurezza e la pretesa di sapere, quasi non avessero bisogno di illuminazione. Nella vicenda del cieco nato è tratteggiata, in filigrana, la storia di ogni cristiano che viene al mondo spiritualmente cieco e nel battesimo viene illuminato dalla luce di Cristo. I Padri della Chiesa, per questo usavano chiamare il battesimo col termine illuminazione. La fede è un dono di Dio, ma è anche una sottomissione libera e un obbedienza voluta e responsabile. La grazia divina non costringe l uomo a dare il suo assenso, bensì potenzia e libera la sua libertà. Anche Gesù fa al cieco guarito una domanda : Credi tu nel Figlio dell uomo? e cioè fa appello alla sua libera scelta. Decidendosi liberamente a favore di Gesù, il cieco comincia a vedere. (A Bonora ) LA RIVELAZIONE CHE SALVA Gesù chiede al cieco guarito : Credi tu nel Figlio dell uomo?. E cioè : credi in colui che ti ha aperto gli occhi? credi che, attraverso di lui, è passata la forza stessa di Dio, che dona la vista ai ciechi? Sei disposto a lasciare che la tua vita sia illuminata e corretta da lui? Va notato che il cieco giunge ad una professione di fede completa solo

9 dopo essere stato cacciato dalla sinagoga. Cacciato dalla sinagoga significa posto in una condizione di solitudine, di emarginazione. Il cieco ha pagato un prezzo elevato per proclamare la sua fedeltà a Gesù e proprio la sua disponibilità a pagare questo prezzo lo ha reso capace di professare la fede. Lo si vede bene dagli altri personaggi che fanno da contorno al brano ma che non sono senza importanza. Accanto al cieco si muovono anzitutto i vicini e quelli che lo avevano visto prima. Questi sono curiosi e si interessano di quello che è avvenuto. Ma non sono disposti a fare altro ; quando andare avanti richiederebbe la disponibilità ad impegnarsi, allora si fermano e l interesse che provavano svanisce. Sono il simbolo, questi vicini, dell uomo che vive superficialmente, che magari può stupirsi e commuoversi, ma solo per un attimo, che non è capace di sostenere l impegno della fede quando questa diventa coinvolgente. I genitori del cieco sono naturalmente interessati da quelli che è avvenuto al loro figlio. Ma quando si accorgono che procedere comporterebbe il rischio della scomunica, si tirano indietro. Sono come questi genitori coloro che si tirano indietro quando credere comincia a costare; non arriveranno mai ad una fede matura: Poi ci sono le autorità giudaiche: Dal punto di vista religioso sarebbero le persone più competenti: hanno le loro certezze, ma non sono aperti alla verità e non accettano un insegnamento da chi non appartiene al loro ceto. (S.Sibroni) LUCE E BATTESIMO Per cogliere la portata battesimale del tema della luce, bisogna riportarci alla notte pasquale. Essa inizia appunto con il rito della luce. Viene acceso il cero pasquale, simbolo del risorto, fiamma viva della gloria del Padre. Per tre volte viene presentato all assemblea dal diacono che proclama : La luce di Cristo. Alla sua fiamma vengono accesi i ceri dei partecipanti. Davanti ad esso con l Exultet, il diacono innalza un inno trionfale a Cristo, luce venuta per illuminare gli uomini, immersi nelle tenebre del peccato e della morte. La luce è per noi legata alla vita e le tenebre si prestano a raffigurare la morte. La trasposizione sul piamo morale va da sé : il peccato è tenebra, la grazia e la fede sono la luce. La luce è la sfera di Dio e di Cristo e vi regna il bene ; le tenebre sono il dominio di Satana e vi regna il male. Il battesimo è il gesto della bontà divina che ci strappa dalle tenebre e ci trasferisce nel Regno del suo Figlio, perché abbiamo parte alla sorte dei santi nella luce. ( Mariano Magrassi ) COMPORTATEVI COME FIGLI DELLA LUCE Eletti da Dio in modo assolutamente gratuito, i battezzati ricevono la consacrazione regale dello Spirito che permea tutto l essere e conferisce l illuminazione della fede Ma l uomo non deve restare passivo Deve essere disposto ad una contropartita, una scelta netta decisiva. Non per nulla, i Padri parlavano di contratto : un atto che impegna ad un tempo Dio e l uomo. Impegna per tutta la vita, determinando una linea di condotta : vivere da figli della luce. Essere luce nel Signore significa anche essere fonte di luce, produrre quei frutti che Paolo identifica in bontà, giustizia e verità. ( 2 lettura ) QUALE PRESENZA In un mondo in cui violenza, conflitto, rivalità e menzogna sembrano avere il sopravvento, la presenza dei cristiani pone una forza di segno contrario che diventa accusa di queste opere di morte. La bontà è vita di amore, accoglienza, disponibilità, perdono ; la giustizia è onestà, rettitudine, apertura alla volontà del Signore ; la verità è adesione al Vangelo e ai suoi criteri, possibilità di essere liberi dalla menzogna del peccato e della sua schiavitù. Le tenebre sono incapaci di produrre, possono soltanto operare, ma la loro opera è sterile. I cristiani sono chiamati a dimostrare che sono figli della luce. La famiglie e la comunità cristiana devono essere luoghi in cui si manifesta la luce, in cui si educa alla fede e ai suoi valori. ( Messalino LDC )

10 PREGHIERA (=pregare la parola ) O Dio, Padre della luce, tu vedi le profondità del nostro cuore, non permettere che ci domini il potere delle tenebre, ma apri i nostri occhi con la grazia del tuo Spirito, perché vediamo Colui che hai mandato ad illuminare il mondo e crediamo in lui solo Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore. ( 4 Quaresima A ) Risplenda, Signore, su di noi il tuo volto e anche le nostre facce saranno luminose. Sei tu la luce, e la luce è la vita; illumina, Signore, ogni uomo, e sia la tua luce lo splendore delle nostre vite. Se uno non crede alla Parola, non crede nemmeno ai morti che risorgono, che hai detto, Signore: anche il miracolo può renderci ciechi! Signore, ti chiediamo la luce del cuore per non negare mai almeno l evidenza delle cose: pur esperti che tu sei sempre un Dio che si vela anche quando ti riveli. ( David Maria Turoldo) Signore dà luce ai miei occhi perché non mi addormenti nella notte, perché il mio avversario non dica: sono più forte di lui. Tu che hai aperto gli occhi al cieco nato, con la tua luce illumina il mio cuore perché io sappia vedere le tue opere e custodisca fedelmente ogni tua parola. (Quando pregate: EDB ) Signore, tu ci chiami nella tua bontà alla conversione per liberarci da ogni smarrimento ed aprirci al mistero della nostra salvezza; e noi, ritrovata con gioia la luce, esultiamo sentendoci rinnovati. Tu che ami l innocenza e la ridoni a noi, lega per sempre a te i nostri cuori e poiché ci hai liberato dalle tenebre dello spirito, non lasciarci allontanare più dalla tua luce. ( Quando pregate EDB ) Dio Padre di Gesù e nostro Padre, noi ti ringraziamo perché la tua luce è giunta fino a noi, uomini creati da te, ma accecati dell odio e dalla ribellione verso di te. Noi ti ringraziamo perché lo splendore di Cristo risorto ha vinto le tenebre che avvolgevano il mondo ed il nostro cuore, e ha spalancato i nostri occhi per contemplare il tuo volto di Padre. Padre della luce, tu che nel Battesimo hai aperto i nostri occhi, non permettere che li chiudiamo di fronte a chi soffre ed è triste. Rendici capaci di comunicare loro la tua fiducia e il tuo amore. Vogliamo essere, o Padre, uomini di luce, portatori della tua fiducia per chi non crede in se stesso, portatori del tuo sorriso per chi cammina triste e rassegnato, portatori della tua amicizia a che è solo e abbandonato. Tu, o Signore, non ci hai abbandonato alla nostra cecità; noi che eravamo immersi nell oscurità abbiamo visto una grande luce, la tua luce, Signore Gesù, ti sei fatto uomo per abitare in mezzo a noi e per essere la nostra luce. Beati noi che abbiamo vinto le tenebre del peccato e camminiamo nella luce! (Ragazzi in preghiera ) Il Signore è il mio pastore non manco di nulla. Ad acque tranquille mi conduce. Se dovessi camminare in una valle oscura non temerei alcun male. Il Signore è mia luce e mia

11 salvezza, di chi avrò timore? Mio padre e mia madre mi hanno abbandonato, ma il Signore mi ha raccolto. Beato chi ha per aiuto il Dio di Giacobbe. Egli è fedele per sempre, rende giustizia agli oppressi. Il Signore ridona la vista ai ciechi. Il Signore rialza chi è caduto. ( Dai salmi 23; 27;146 ) Il Signore Gesù metta le mani sui nostri occhi affinché anche noi cominciamo a scorgere non tutte le cose che si vedono, ma quelle che non si vedono; ci apra quegli occhi che scorgono non il presente ma il futuro; tolga il velo dello sguardo del nostro cuore affinché esso veda Dio in spirito, per mezzo del Signore stesso Gesù Cristo, al quale è la gloria e la potenza per i secoli dei secoli. ( Origene ) Noi stavamo smarrendoci nel buio e lui ci ha dato la luce. Come un padre ci ha chiamato suoi figli. Noi eravamo ciechi nella mente, ci eravamo venduti ad opere umane. Niente altro che morte era la nostra vita. Lui si è accorto di noi e, mosso a pietà, ci ha salvati. Lui ha visto che non avevamo nessuna speranza. Ci ha chiamati quando noi non eravamo niente, e da niente ha voluto farci esistere. (S.Clemente) Signore, perdonami, io, povera umanità dolente, cerco di uscire dalle tenebre, ma le acque del peccato mi hanno sommerso, l abisso della superbia mi ha avvolto, l alga sottile di una sapienza solo umana si è avvinta al mio capo. Tu sei la luce del mondo, salvami, Signore! Sono sceso alle radici del mondo per capire il segreto della vita, ma la terra ha chiuso le sue spranghe ( Gen 2, 7 ), dietro di me per sempre, perché la creazione resiste agli ingiusti ( Sp 16, 24 ). Tu sei la luce del mondo, salvami, Signore. Grazie Signore, perché ti sei chinato sulla nostra umanità. Grazie perché hai fatto risplendere la tua potenza e hai rinnovato la tua creatura. Grazie perché hai tolto dal suo cuore l amarezza di sentirsi un rifiuto del suo popolo. ( Preghiere di Monache Trappiste ) O Gesú, redentore del genere umano, restauratore eterno della luce: concedi a noi tuoi servi che, come siamo stati lavati dal peccato originale per l`immersione del Battesimo - e in ciò consiste il significato di quella piscina che restituí la vista agli occhi dei ciechi- cosí pure siamo da te purificati dalle nostre colpe mediante il secondo battesimo delle lacrime; e possiamo meritare di essere divulgatori delle tue lodi, come quel cieco divenne nunzio della grazia. E come quello fu riempito di fede per confessare te vero Dio, cosí noi pure possiamo essere corroborati dalla testimonianza delle buone opere. Possa tu subito venire incontro pietoso, per la tua smisurata pietà, a noi che t`invochiamo, affinché, per questo sacrificio che ti offriamo, se vivi otteniamo la medicina che salva, se defunti meritiamo di conseguire l`eterno gaudio senza fine. Amen. (Sacramentario Mozarabico, 392 Post Nomina) O Tempio della luce senza ombra e senza macchia intercedi per noi presso il tuo Figlio unigenito, mediatore della nostra riconciliazione con il Padre, perché egli ci illumini della sua luce, perdoni le nostre debolezze, allontani da noi ogni discordia, e conceda alle nostre anime la gioia di amare i fratelli. CONTEMPLAZIONE (=silenziosa accoglienza della parola di Dio) AZIONE (=assunzione di impegni concreti) Divenuti nel battesimo luce e figli della luce, comportiamoci come figli della luce, gettando via le opere delle tenebre e indossando le armi della luce. 4 Domenica di Quaresima: A 18

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

DOMENICA 4^ DI QUARESIMA - 03 aprile 2011. El Greco - Gesù Cristo, guarisce il cieco nato - c. 1567, Gemäldegalerie, Dresden

DOMENICA 4^ DI QUARESIMA - 03 aprile 2011. El Greco - Gesù Cristo, guarisce il cieco nato - c. 1567, Gemäldegalerie, Dresden DOMENICA 4^ DI QUARESIMA - 03 aprile 2011 El Greco - Gesù Cristo, guarisce il cieco nato - c. 1567, Gemäldegalerie, Dresden LECTIO SUL VANGELO PREGHIERA O Dio, Padre della luce, tu vedi le profondità del

Dettagli

La nostra consacrazione battesimale

La nostra consacrazione battesimale La nostra consacrazione battesimale Cammino quaresimale A Secondo Scrutinio 2 Secondi vespri INNO Volgiti a noi, Signore siamo ciechi sulla tua strada aprici gli occhi, dona la luce noi vedremo i tuoi

Dettagli

L INCONTRO L incontro con Gesù illumina la vita e dona occhi nuovi

L INCONTRO L incontro con Gesù illumina la vita e dona occhi nuovi 4 a Domenica di Quaresima - IL CIECO NATO L INCONTRO L incontro con Gesù illumina la vita e dona occhi nuovi Nella stanza si dovrà preparare il Vangelo aperto posto su un leggio o un cuscino e posizionarlo

Dettagli

PRIMA ERO CIECO E ORA CI VEDO (Gv 9, 25)

PRIMA ERO CIECO E ORA CI VEDO (Gv 9, 25) PRIMA ERO CIECO E ORA CI VEDO (Gv 9, 25) CELEBRAZIONE COMUNITARIA NELLA IV SETTIMANA DI QUARESIMA CON IL RITO DELL UNZIONE DEGLI INFERMI Ufficio Liturgico Diocesano Il rito si conclude con la benedizione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Quell'uomo che si chiama Gesù

Quell'uomo che si chiama Gesù Parrocchia di Maerne Schema per gli Esercizi Spirituali parrocchiali 2013 Quell'uomo che si chiama Gesù Secondo Giorno Introduzione La storia della guarigione del cieco ci aiuta ad aprire gli occhi sull

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

GUARDARE CON GLI OCCHI DI DIO (I)

GUARDARE CON GLI OCCHI DI DIO (I) PARROCCHIA S. EUSEBIO - Cagliari INCONTRO DI PREGHIERA DI Lunedì 23 settembre GUARDARE CON GLI OCCHI DI DIO (I) G: Il tema di oggi, Guardare con gli occhi di Dio, è suggerito dal bisogno di individuare

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Diocesi di Brescia. Scuola di Preghiera per giovani. nel tuo nome, figlio. Tu credi nel Figlio dell uomo? (Gv 9, 1-41)

Diocesi di Brescia. Scuola di Preghiera per giovani. nel tuo nome, figlio. Tu credi nel Figlio dell uomo? (Gv 9, 1-41) Diocesi di Brescia Scuola di Preghiera per giovani nel tuo nome, figlio Tu credi nel Figlio dell uomo? (Gv 9, 1-41) Cattedrale 5 marzo 2015 In copertina: Lello Scorzelli, Monumento a Paolo VI (1981-84)

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI Una lacrima per i Defunti evapora, un fiore sulla tomba appassisce, una preghiera, invece, arriva fino al cuore dell Altissimo. (Sant Agostino) 1 L'eterno riposo

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

VA A LAVARTI ALLA PISCINA : GESÙ LUCE DEL MONDO E IL CIECO NATO 1. TESTO

VA A LAVARTI ALLA PISCINA : GESÙ LUCE DEL MONDO E IL CIECO NATO 1. TESTO VA A LAVARTI ALLA PISCINA : GESÙ LUCE DEL MONDO E IL CIECO NATO 1. TESTO Passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo interrogarono: «Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Parrocchia della B.V. del Carmine Udine IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Incontro di riflessione e preghiera VENERDÌ 23 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE DELL INCONTRO Ci troviamo insieme stasera per prepararci

Dettagli

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore?

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? Parrocchia Gesù Crocifisso VAJONT Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? INCONTRO CEB E GRUPPI FAMILIARI Marzo 2012 Presso fam. Via giorno Ore Introduzione Tutti abbiamo una grande sete di amore,

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

Preghiera per la Fede Paolo VI

Preghiera per la Fede Paolo VI Preghiera per la Fede Paolo VI Signore, io credo: io voglio credere in Te. O Signore, fa che la mia fede sia piena, senza riserve, e che essa penetri nel mio pensiero, nel mio modo di giudicare le cose

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Viviamo nell era della

Viviamo nell era della PREGHIERA E CATECHESI Nell attesa della venuta di Gesù, ogni giorno c è un per te Una proposta di preghiera personale per ogni giorno di Avvento Viviamo nell era della comunicazione «continua». Il ne è

Dettagli

Maggio ogni giorno con Maria

Maggio ogni giorno con Maria Maggio ogni giorno con Maria Maria, Maestra di contemplazione: i misteri della luce Il Rosario con San Giovanni Paolo II [BRUNA FREGNI] Proposta ispirata alla lettera apostolica sul Rosario di papa Giovanni

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono:

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono: Sacramento del Il Battesimo è la purificazione dal peccato originale e il dono della Nuova Vita, come amati e prediletti Figli di Dio, appartenenti alla famiglia della Chiesa per mezzo dello Spirito Santo.

Dettagli

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO 18 settembre INTRODUZIONE VESPRI V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.. Alleluia INNO San Giuseppe onoriamo: la sua virtù sublime l'ordine

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

celebrazione di AVVENTO

celebrazione di AVVENTO Per celebrare il tempo d Avvento nei giorni che precedono le quattro domeniche vi proponiamo l attività della CORONA DEI PROFETI. Un occasione per pregare insieme nelle vostre famiglie, nelle vostre comunità,

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

Il Vangelo dell insulto

Il Vangelo dell insulto Gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: "Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni". Mc 3,22 Il Vangelo dell insulto È difficile credere che Gesù non

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli BENEDIZIONE Il celebrante benedice le mamme, che tengono in braccio il loro bambino, quindi i papà e tutti i presenti, dicendo: Dio onnipotente, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla vergine Maria,

Dettagli

Sussidio liturgico - Rito ambrosiano

Sussidio liturgico - Rito ambrosiano Sussidio liturgico - Rito ambrosiano PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA 26 febbraio 2012 Possibili canti per la celebrazione Libro diocesano Lodate Dio Inizio: Dono di grazia, 590; È tempo favorevole, 592; Cristo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Domande e risposte sommarie sulla fede cristiana evangelica 1. Chi ti ha creato? Mi ha creato Dio. 2. Che cosa ha fatto d'altro? Egli ha pure creato ogni altra

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Lo Spirito riempì tutta la casa

Lo Spirito riempì tutta la casa Veglia di preghiera per il Sinodo della famiglia Pentecoste 2015 Lo Spirito riempì tutta la casa Introduzione 1L. Dal Magistero del nostro Arcivescovo La famiglia è la via maestra e la prima, insostituibile

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle.

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle. DIOCESI DI VIGEVANO 2 Introduzione Guida: Fratelli e sorelle. Questa veglia ci mette in sintonia con tutta la Chiesa nel condividere l ascolto della Parola e la preghiera, ed ancor più ci aiuta a riscoprire

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita LE FORME E LE ESPRESSIONI DELLA PREGHIERA NEL TEMPO DELLA CHIESA S. Tommaso d Aquino 8 gennaio 2002 Schema della riflessione tenuta da Nasca Michelangelo INTRODUZIONE Il cristiano che non prega più deve

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

s a b a t o 2 5 a p r i l e III settimana di Pasqua - Proprio

s a b a t o 2 5 a p r i l e III settimana di Pasqua - Proprio Introduzione S. Marco evangelista (festa) s a b a t o 2 5 a p r i l e III settimana di Pasqua - Proprio la preghiera Alleluia! O Dio vieni a salvarmi! Signore vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

4ª Domenica di Pasqua (A) Gesù, Buon Pastore Sono venuto affinché tutti abbiano vita, e vita in abbondanza! Giovanni 10,1-10

4ª Domenica di Pasqua (A) Gesù, Buon Pastore Sono venuto affinché tutti abbiano vita, e vita in abbondanza! Giovanni 10,1-10 Sulla strada di Emmaus a cura dei Carmelitani IV Domenica di Pasqua (Anno A) (13/04/2008) Vangelo: Gv 10,1-10 4ª Domenica di Pasqua (A) Gesù, Buon Pastore Sono venuto affinché tutti abbiano vita, e vita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli