L ANTICRISTO (UN ESPOSTO DAL PUNTO DI VISTA BIBLICO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ANTICRISTO (UN ESPOSTO DAL PUNTO DI VISTA BIBLICO)"

Transcript

1 L ANTICRISTO (UN ESPOSTO DAL PUNTO DI VISTA BIBLICO) PREFAZIONE Mi rendo conto della portata di questo esposto e so anche che porterà con sé delle conseguenze. Ma, vista l'urgenza, non mi rimane altra scelta che scrivere ciò che d ve essere detto, anche se avviene soltanto in stile telegrafico. Poi, chi vuole può cominciare ad investigare ancora di più la Sacra Scrittura. Come sempre gli uni L accetteranno, gli altri lo rigettarono. Vi saranno quelli che si rallegreranno profondamente del fatto che qualcuno abbia trovato il coraggio di attaccare il male alla radice e, possibilmente, di stroncarlo. Altri s indigneranno. Di proposito ho evitato di usare le espressioni delle quali il Dott. Martin Lutero fece uso nei suoi scritti in cui considerava e riconsiderava l Anticristo. Ciò che scrisse riguardo a questo tema combacia pienamente con questo esposto in questo opuscolo e può essere letto nei vecchi scritti come, per esempio, la sua ampia introduzione al libro del profeta Daniele. Essa dimostra come quest uomo di Dio fosse profondamente legato alla Parola che stava traducendo. Sotto questo aspetto, sicuramente non vi è, nella storia della chiesa, nessun uomo paragonabile a lui. In base ad un esperienza personale di salvezza, aveva la certezza di essere giustificato mediante la fede in Cristo, anzi, ancora di più: aveva una relazione ed un rapporto stretto con Dio e la Sua Parola. Come è certo che Iddio, tramite lo scoppio della Riforma, fece una potente breccia nel regno delle tenebre, cosi è certo che Egli lo fa ora al compimento della Sua Chiesa, che emerse alla Riforma, che sperimenta un ravvivamento sempre nuovo e una guida continua. Chi ha studiato la storia della chiesa sa come, in diverse epoche, certe verità bibliche furono messe sul candelabro. Ora debbono essere tutte annunciate in modo equilibrato quale pieno Evangelo, affinché ciò che è in parte possa sfociare in ciò che è perfetto. In qualità di missionario che, dal 1964, ha viaggiato in più di 90 nazioni e predicato in congressi di quasi tutte le denominazioni, ho rispetto per ogni credente e per tutte le religioni. Persone di tutte le razze e di tutte le ideologie hanno preso parte alle mie conferenze. Nell Africa del Sud, quale protestante, ho potuto parlare un giorno perfino in una chiesa cattolica gremitasi di più di mille persone. Siccome ho una profonda compassione per i miei simili, ho dovuto mettere a nudo la più grande impostura che vi sia sulla terra nell'ambito religioso. Ogni persona, in fin dei conti, ha il diritto di venire a conoscenza della verità. Non viviamo più nel tempo in cui soltanto il sindaco, il prete, il dottore e il maestro del paese sapevano leggere, neanche più nell epoca dei quasi mille anni in cui la chiesa pensava a fare si che la Bibbia non cadesse nelle mani del popolo, ma in un tempo in cui tutti possono informarsi su tutto. Perché non dovrebbe essere fatto uno studio profondo tanto necessario anche in merito a questo tema? In questo breve esposto si è potuto accennare e sfiorare soltanto i punti essenziali. Si tratta di ognuno personalmente e della sua destinazione dopo la morte. Anche se molti non vogliono ammetterlo, l'uomo, in realtà, venne creato per vivere, come è certo che la vita continua dopo la morte. Ma ognuno, per se stesso, deve azionare in modo giusto gli scambi, cioè fare la sua giusta scelta, se vuole raggiungere il traguardo. Tra le molte versioni in lingua tedesca della Bibbia a mia disposizione, ho usato per lo più quella del Dott. Hermann Menge. [Per quanto concerne i passi biblici citati nel presente testo, in italiano, è stata usata la traduzione del Dott. Luzzi, tranne nei casi in cui venga chiaramente specificata la 1

2 diversa versione della Bibbia - Ed.] Che questo opuscolo possa tornare a benedizione di tutti i lettori e possa condurre molti dalla via spaziosa, che conduce alla perdizione, a quella stretta che conduce alla vita eterna. Che ognuno possa riconoscere la verità, essere penetrato da essa e, contemporaneamente, essere liberato da ogni errore. Dovremmo affidare la nostra salvezza soltanto a Dio e a nessun uomo. L autore: Ewald Frank Krefeld, luglio 1986 INTRODUZIONE In questo esposto ci riferiamo soprattutto al libro di Daniele e a quello dell'apocalisse. Fino al passato più recente, perfino i dottori della Bibbia, conosciuti a livello internazionale, non sapevano cosa fare del contenuto di questi due libri profetici. Stavano davanti a sempre nuovi quesiti, perché non erano in grado di capire il linguaggio simbolico usato in essi. Ciò che fu messo per iscritto in base ad un ispirazione diretta può essere rivelato e compreso solo tramite una speciale rivelazione proveniente dall'alto. Qui non è lo spirito dell uomo che deve investigare in modo filosofico, ma è lo Spirito di Dio che deve illuminare e rivelare ciò che è nascosto (1. Corinzi 2:10-13). Siccome il tempo per la parte profetica non era ancora giunto, misero semplicemente per iscritto le loro proprie conoscenze di miglior scienza e conoscenza. La profezia biblica non può essere interpretata, ma deve piuttosto essere riconosciuta ed osservata nel suo adempimento. Gli avvenimenti escatologici, cioè dei tempi della fine, vennero programmati in anticipo tramite predestinazione divina. Iddio fece mettere per iscritto in anticipo sia la storia dell umanità sia la storia della salvezza che avrebbe avuto luogo in essa. Ciò che i dottori della Bibbia hanno detto fin ora, come vedremo, non corrisponde alle chiare risposte di Dio prese dalla realizzazione della storia. Chi pensa di sapere qualcosa tenga conto del fatto che ogni conoscenza deve essere collocata nell intera testimonianza della Sacra Scrittura e deve coincidere con Essa. Ciò che viene detto riguardo ad un tema è quindi giusto soltanto quando anche le ultime rispettive domande ricevono una risposta inequivocabile e soddisfacente. Non è perché abbiamo letto più accuratamente la Bibbia, ma siccome è giunto ora il tempo in cui i misteri di Dio debbono essere resi noti, il Signore ha aperto ai Suoi la comprensione per la parte profetica della Scrittura. Senza ombra di dubbio viviamo nell ultimo periodo della storia della salvezza. Lo scopo di questa constatazione non è quello di suscitare panico o un atmosfera apocalittica, ma piuttosto quello di produrre un risveglio e un ritorno alla sobrietà. Ora si tratta di mettere in rilievo la Parola profetica che non deve rimanere arretrata rispetto alla parte evangelistica e a quella dottrinale, cioè dell'insegnamento. Venne ordinato al profeta Daniele: E tu, Daniele, tieni nascoste queste parole, e sigilla il libro sino al tempo della fine; molti lo studieranno con cura, e la conoscenza aumenterà (Daniele 12:4). Il suggello del contenuto tanto importante non doveva rimanere chiuso per sempre, ma solamente fino al tempo della fine. Si parla ripetutamente, sia nell Antico che nel Nuovo Testamento, del tempo della fine, cioè degli ultimi giorni. In Daniele 8:17 e 19 sta scritto: Intendi bene, o figliuol d'uomo! perché questa visione concerne il tempo della fine... Ecco, io ti farò conoscere quello che avverrà nell'ultimo tempo dell'indignazione; poiché si tratta del tempo fissato per la fine. Ciò che fino a poco tempo fa era nascosto e sigillato e che, di conseguenza, non poteva essere 2

3 compreso, è ora rivelato. È certo che tutti, dopo aver letto questo esposto, capiranno meglio il Libro di Daniele e quello dell'apocalisse. Il profeta Daniele non interpretò le visioni in cui certi avvenimenti vennero annunciati in simboli; gli fu mandato l angelo Gabriele e questi gli spiegò ciò che aveva visto. Daniele testimonia di lui: «E mi ammaestrò, mi parlò, e disse: Daniele, io sono venuto ora per darti intendimento. Al principio delle tue supplicazioni, una parola è uscita; e io sono venuto a comunicartela, poiché tu sei grandemente amato. Fa' dunque attenzione alla parola, e intendi la visione!» (Daniele 9:22-23). Come in quel tempo, anche oggi, non si tratta solo di ammaestramento e del giusto intendimento, ma anche della preghiera in cui viene espresso il profondo desiderio del cuore di ricevere chiarezza da Dio. La chiave per questo sta nel 'esortazione: Fa' dunque attenzione alla parola, e intendi la visione! Chi non prende in considerazione la Parola si smarrisce malgrado una presunta rivelazione. Iddio è legato alla Sua Parola, fa tutto secondo la Sua Parola. In Daniele 10:21 leggiamo: Ma io ti voglio far conoscere ciò che è scritto nel Libro della Verità. Non vogliamo e non abbiamo bisogno di più; ma, con piacere, desideriamo venire a conoscenza di ciò che sta scritto in questo Libro della Verità. Anche Giovanni fu visitato da un angelo allorché si trovava sull isola di Patmo. Ciò viene confermato già nel primo versetto del primo capitolo dell'apocalisse: Egli l'ha fatta conoscere mandandola per mezzo del Suo angelo al Suo servitore Giovanni. Dopo aver visto tutte le visioni e tutti gli eventi, egli fa la seguente testimonianza in Apocalisse 22:8-9: «E io, Giovanni, sono quello che udii e vidi queste cose. E quando le ebbi udite e vedute, mi prostrai per adorare ai piedi dell'angelo che mi aveva mostrate queste cose. Ma egli mi disse: Guardati dal farlo; io sono tuo conservo e dei tuoi fratelli, i profeti, e di quelli che serbano le parole di questo libro. Adora Iddio». La riconoscenza e l adorazione spettano a Dio solo, anche nel caso in cui Egli mandi un angelo o un messaggero. Iddio ha dei messaggeri celesti e terreni per mezzo dei quali Egli può parlare ed operare (Ebrei 1:7). Una missione nel quadro della storia della salvezza richiede una diretta chiamata profeticaapostolica. Chi ha soltanto un immaginario senso di missione legherà le persone a sé e ai propri insegnamenti e, con ciò, le porterà al suo seguito. Chi però è mandato da Dio annuncia la pura Parola di Dio e porta le persone ad una relazione personale con Dio. Tali uomini di Dio aprono e preparano la via a Lui e, contemporaneamente, al Suo popolo, togliendo ogni ostacolo spirituale (Isaia 62:10). Cosi, le persone diventano realmente discepoli e, con ciò, seguaci di Gesù Cristo. Questo pensiero ci ricorda la profezia di Malachia 3:1: Ecco, Io vi mando il Mio messaggero; egli preparerà la via davanti a Me. Questa si adempi in Giovanni il Battista che venne mandato quale precursore del Signore (Matteo 11:10). In Apocalisse 22:6 leggiamo: Queste parole sono fedeli e veraci; e il Signore, l Iddio degli spiriti dei profeti, ha mandato il Suo angelo per mostrare ai Suoi servitori le cose che debbono avvenire in breve. Alla fine il Signore stesso dice: Io Gesù ho mandato il Mio angelo per attestarvi queste cose in seno alle chiese (Apocalisse 22:16). Ogni qual volta avvengono eventi di capitale importanza nella storia della salvezza, Iddio manda un angelo, cioè un profeta. Perciocché il Signore Iddio non fa nulla, ch'egli non abbia rivelato il Suo segreto ai profeti, Suoi servitori (Amos 3:7 Diodati). Così, per esempio, la nascita di Giovanni Battista fu annunciata da un angelo (Luca 1:13). I pastori che stavano nei campi a Betleem udirono cantare gli eserciti celesti e, dalla bocca dell'angelo, appresero l'annuncio della nascita del Redentore: Non temete, perché ecco, vi reco il buon annunzio di una grande allegrezza che tutto 3

4 il popolo avrà: Oggi, nella città di Davide, v'è nato un Salvatore, che è Cristo, il Signore (Luca 2:10-11). Anche l apertura dei Sette Suggelli fu annunciata in maniera soprannaturale. CRISTO E L'ANTICRISTO Nella brama di ricevere chiarezza in merito al tanto importante tema sull'anticristo, dobbiamo rivolgerci oggettivamente alla Parola di Dio e illuminare questo misterioso personaggio alla luce della Scrittura. Come già accennato, da molto tempo, esistono in merito svariate opinioni umane. Abbiamo tuttavia diritto ad una risposta infallibile ed incontestabile, e questa ci può essere data soltanto tramite l'infallibile Parola di Dio. Tutte le testimonianze della Sacra Scrittura sono, in sé stesse e in concatenazione le une con le altre, la miglior prova della veracità di Dio. La creazione testimonia del Creatore. Chi Lo nega dovrebbe anche negare l'esistenza del maestoso universo. I redenti sono la prova vivente del Redentore. Ciò che è divino non ha bisogno di essere provato dagli uomini, è realtà attuata, già dimostrata. Ciò si può dire per ogni tema dell'intera Sacra Scrittura. La complessa tematica riguardante l Anticristo appartiene ad una delle più difficili argomentazioni che vi siano nel campo religioso. Al primo posto sta la misteriosa Deità di Gesù Cristo, segue, al secondo, il misterioso personaggio dell Anticristo. Per la maggior parte degli uomini, ambedue sono un quesito, in tutti e due i casi le opinioni si differiscono totalmente. Non vi è sulla terra nessuna cattedra, nessun professore che darebbe in merito delle informazioni che lo impegnassero. La teologia tradizionale, a riguardo, si trova completamente in uno stato deprecabile, contiene semplicemente dichiarazioni che corrispondono all'orientamento della chiesa in questione. Come già citato dal profeta Daniele, il misterioso libro doveva rimanere chiuso e sigillato sino al tempo della fine. In Apocalisse 5:1 veniamo a sapere di un libro sigillato nel Nuovo Testamento. Con ciò la domanda era: Chi è degno d'aprire il libro e di romperne i suggelli? Giovanni, che osservava l'evento, ricevette la risposta: Ecco, il Leone che è della tribù di Giuda, il Rampollo di Davide, ha vinto per aprire il libro e i suoi sette suggelli (Apocalisse 5:5). In questo esposto non possiamo né occuparci dell apertura, né dell'ampio significato dei suggelli e neanche esporre in dettaglio ciò che essi contengono. Vogliamo invece interessarci del nostro tema e del significato dei relativi simboli; ne incontreremo ripetutamente. Nella profezia abbiamo a che fare con dei simboli che racchiudono in se stessi il loro senso vero e proprio, similmente come nelle parabole del Signore. Si parla di bestie, di teste, di corna, di immagine della bestia, di marchio della bestia, del numero della bestia, perfino di una meretrice seduta sulla bestia e così via. Studieremo accuratamente il loro significato con l'aiuto della Sacra Scrittura. Il sistema anticristo è multilaterale e procede parallelamente alla storia della salvezza quasi bimillenaria. La Sacra Scrittura lo dimostra nei differenti contesti. Paolo designa con un certo numero di titoli questo personaggio che è all'opera. Con una previsione profetica, era in grado di dare una chiara descrizione di lui. L'apostolo scrive esortando: Nessuno vi tragga in errore in alcuna maniera; poiché quel giorno non verrà se prima, non sia venuta l'apostasia e non sia stato manifestato l'uomo del peccato, il figliuolo della perdizione, l'avversario, colui che s'innalza sopra tutto quello che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e dicendo ch'egli è Dio... E ora voi sapete quel che lo ritiene ond'egli sia manifestato a suo tempo. Poiché il mistero dell'empietà è già all'opera: soltanto v'è chi ora lo ritiene e lo riterrà finché sia tolto di mezzo. E allora sarà manifestato l'empio, che il Signor Gesù distruggerà col soffio della Sua bocca, e annienterà con l'apparizione della Sua venuta. La venuta 4

5 di quell'empio avrà luogo, per l'azione efficace di Satana, con ogni sorta di opere potenti, di segni e prodigi bugiardi; e con ogni sorta d'inganno d'iniquità... (2. Tessalonicesi 2:3-10). Il seguente raffronto dovrebbe rendere palesi alcune caratteristiche dell Anticristo: Cristo venne nel Nome del Padre (Giovanni 5:1+3a); l imitatore viene nel suo proprio nome (Giovanni 5:43b). Cristo abbassò del tutto Se stesso (Filippesi 2:8); il figliuolo della perdizione s innalza sopra tutto (2. Tess. 2:4). Cristo venne disprezzato ed evitato (Isaia 53:3); l Anticristo si lascia festeggiare ed adorare (Apocalisse 13:8). Cristo è il vero Profeta (Deuteronomio 18:15-18; Atti 3:22-23); l Anticristo è il falso profeta (Apocalisse 16:13 e 20:10). Cristo testimoniò della verità (Giovanni 18:37); l'empio getta a terra la verità (Daniele 8:12). Cristo venne per fare la volontà di Dio (Ebrei 10:7-10); l Anticristo farà la sua propria volontà (Daniele 11:36). Cristo venne per salvare i perduti (Luca 19:10); l Anticristo appare per distruggere il popolo dei santi (Dan. 8:24). Cristo Si sottomise alla legge di Dio (Matteo 5:17); l avversario è l empio (2. Tessalonicesi 2:8; Daniele 7:25a). Cristo venne chiamato Figliuolo di Dio (Luca 1:35); l'anticristo viene chiamato figliuolo della perdizione (2. Tessalonicesi. 2:3). Cristo è il mistero della pietà (1 Timoteo 3:16); l Anticristo è il mistero dell'empietà (2. Tessalonicesi 2:7). Si potrebbe continuare a fare questi paragoni a volontà; questi sono necessari per farci riconoscere questo personaggio. Nel nostro esposto verranno alla luce ancora in modo chiaro i contrasti che, fino ad oggi, non furono riconosciuti che da pochi. Nel libro del profeta Daniele, nelle epistole degli apostoli e nell'apocalisse, incontriamo i diversi appellativi che descrivono sempre lo stesso personaggio, cioè lo stesso sistema nella sua molteplicità. L'ORIGINE È incontestabile che l Anticristo sia un personaggio misterioso. Come è certo che Cristo può essere riconosciuto quale Verace solamente tramite rivelazione dall'alto, cosi è certo che anche l'anticristo si riconosce soltanto mediante illuminazione dall'alto. Come Cristo è la rivelazione di Dio in forma umana, cosi l'anticristo sarà, nel tempo della sua diretta comparsa, la manifestazione personificata di Satana in un uomo. Satana non è certamente un ateo: crede in Dio e trema (Giacomo 2:19). Il suo rappresentante sulla terra segue proprio le sue orme. Visto dal punto di vista esteriore, abbiamo a che fare con un uomo particolarmente pio, che usa perfino dei passi biblici, così come fece Satana allorché tentò Gesù. Tanto Cristo quanto l Anticristo hanno una lontana origine; 5

6 ambedue hanno la loro origine nel cielo. Se seguiamo la traccia, è facilmente riconoscibile che Cristo risale a Dio e l Anticristo a Satana. Cristo rappresenta il Regno di Dio con luce e vita, l'anticristo rappresenta il regno di Satana con tenebre e morte. Ambedue sono presenti sulla terra, ambedue nel contempo in modo velato e manifesto. Come già menzionato, troviamo di tutti e due una precisa descrizione nella Sacra Scrittura. Fin dall inizio del tempo, tanto Cristo quanto l'anticristo furono annunciati e descritti con ombre e simboli. Ambedue rappresentano un regno. Ambedue rivendicano un trono con la differenza che uno È Dio e l altro si fa adorare come se fosse Dio. Luce e tenebre, giorno e notte, vita e morte testimoniano fin dal principio di due esseri e di due sfere del tutto diverse. Vediamo le due linee rappresentate da Caino ed Abele ripetersi fino a Gesù e Giuda e, alla fine, da Cristo e l'anticristo. Cristo ci viene descritto con i diversi appellativi che Lo identificano di volta in volta in relazione con i Suoi molteplici compiti: Figlio di Dio, Figlio dell uomo, Figlio di Davide, Agnello di Dio, Mediatore, Intercessore, Re, Sacerdote, Profeta e cosi via. Anche l Anticristo, come già menzionato, viene designato di volta in volta con dei titoli differenti: il falso profeta, l uomo del peccato, L avversario e così via. A chi è pratico della Sacra Scrittura non riuscirà difficile scoprire che tutte le caratteristiche e tutti gli attributi di Dio si possono riferire a Cristo e quelli di Satana all Anticristo. ANTI = CONTRO La chiave per una giusta comprensione e per scoprire questo personaggio misterioso sta nella parola anti. Come ognuno sa, anti significa contro. L Anticristo è dunque l oppositore, l'avversario di Cristo. L inganno sta nel fatto che questo personaggio si appella a Cristo, però, con tutte le sue dottrine e le sue pratiche, sta in contrasto con Cristo e la Sua Parola. Parla di Cristo, però lega a sé i suoi seguaci che egli stesso designa quali credenti. Questi credono alla sua parola e non nella Parola di Cristo. Il particolare segno di identificazione dell'anticristo consiste nel fatto che egli è il bugiardo e che anche le sue dottrine, che constano di sole bugie, sono in contrasto con Cristo, che è la Verità e le cui dottrine constano di sole verità. L Anticristo sostituisce le dottrine di Cristo con le proprie. La menzogna è riproporre la verità all inverso. Come fece il diavolo già nel giardino di Eden, così anche l Anticristo si serve della Parola di Dio, con astuzia e malizia, per sedurre i fedeli nel modo più pio possibile. Però, da un esame più accurato, ci risulta che assolutamente nulla di tutto ciò che insegna coincide con la Parola di Dio originale. Chi è contro la Parola e agisce in modo contrario ad Essa è contro Cristo, è dunque anti Cristo, perché Cristo è la Parola, il Logos. Già nel Cristianesimo primitivo si sentiva parlare di anticristi. Giovanni ne parla ripetutamente nelle sue epistole. Scrive dell'anticristo riguardo al tempo odierno: Figliuoletti, è l'ultima ora; e come avete udito che l'anticristo deve venire... (1. Giovanni 2:18a). È rimarchevole il fatto che Giovanni parla, da un lato, della venuta dell Anticristo al singolare e che, facendolo, si riferisce agli ultimi giorni, quindi al tempo della fine; dall'altro, però, menziona contemporaneamente parecchi anticristi che apparvero già in quel tempo:... fin da ora sono sorti molti anticristi (1. Giovanni 2:18b). Non si trattava di persone che rigettavano Cristo, ma di uomini che Lo presentavano e Lo interpretavano in contrasto con la Parola. I falsi fratelli, di cui Paolo scrisse, i falsi cristi, di cui Gesù parlò, sono i falsi unti che, già nel principio, si sviarono dalla Parola dei profeti e degli apostoli e che esposero altre opinioni dottrinali. L eloquente oratore menzionato nella Bibbia, Nico, si mise in evidenza in modo particolare. I suoi seguaci erano i Nicolaiti. Si circondò di creduloni e proclamò le proprie opere invece della sola 6

7 fede mediante la quale si è salvati. Il Signore esprime il Suo elogio ai Suoi nella prima lettera per mezzo dell'angelo della chiesa: Ma tu hai questo: che odii le opere dei Nicolaiti... (Apocalisse 2:6). Nella terza lettera alla chiesa questa corrente non biblica, nella quale i laici vennero signoreggiati da un clero nominatosi da se stesso, aveva già preso piede. Perciò l ammonimento: Cosi hai anche tu di quelli che in simil guisa professano la dottrina dei Nicolaiti (Apocalisse 2:15). Come il grano e la zizzania crescono insieme nello stesso campo, cosi i veri e i falsi credenti si trovano sul terreno del Cristianesimo. Ciò iniziò in questo modo: sotto l influenza dello spirito anticristo vennero esposte e credute delle dottrine staccate dalla Verità. Dopo, nel sistema anticristo, ne vennero fatti dei dogmi. La loro coronazione sarà in definitiva nell'anticristo stesso. Paolo, che possedeva un ampia veduta profetica, scrive: Queste cose insegna e ad esse esorta. Se qualcuno insegna una dottrina diversa e non si attiene alle sane parole del Signor nostro Gesù Cristo e alla dottrina che è secondo pietà, esso è gonfio e non sa nulla... (1. Timoteo 6:2b 4a). L apostolo sapeva che la sua proclamazione era di origine divina, perché l'aveva ricevuta tramite una diretta rivelazione di Gesù Cristo (Galati 1:12). Non difende né se stesso né le sue dottrine, ma l'evangelo di Gesù Cristo, il puro Messaggio di salvezza di Dio che reca salvezza. In 2. Timoteo 1:13-14 esorta il suo collaboratore ad attenersi alle sane dottrine: Prendi per modello le sane dottrine, che tu hai ricevuto da me, nella fede e nella carità che è in Cristo Gesù. Custodisci il buon deposito con l'aiuto dello Spirito Santo, che abita in noi (2. Timoteo 1:13-14 Nardoni). Nel corso della storia apparvero molti falsi dottori e profeti come viene reso noto in 2 Pietro 2:1: Ma sorsero anche falsi profeti fra il popolo, come ci saranno anche fra voi falsi dottori che introdurranno di soppiatto eresie di perdizione, e, rinnegando il Signore che li ha riscattati, si trarranno addosso subita rovina. L'appellativo falsi profeti sta anche qui al plurale. Ispirata dallo spirito anticristo si sviluppò una chiesa accanto alla vera Chiesa. Dottori nominatisi da se stessi, falsi profeti e mendaci apostoli predicarono non la dottrina di Cristo, ma conoscenze proprie. Allontanarono dalla Parola di Dio delle persone instabili portandole al loro seguito. Alla fine si uniscono tutte le caratteristiche e proprietà del sistema anticristo sotto un sol capo. Perciò viene chiamato nell'apocalisse falso profeta. Come i veri profeti proclamarono la Parola di Dio che venne a loro quale COSÌ DICE IL SIGNORE, così il falso profeta pretende essere la voce di Dio sulla terra. Le sue dottrine, però, non hanno in realtà nulla in comune con la vera Parola. È il profeta della falsa dottrina e, perciò, viene chiamato falso profeta. Chi annuncia ciò che è in contrasto con i veri profeti è egli stesso un falso profeta. Un falso dottore è colui che insegna in modo diverso dai veri dottori stabiliti da Dio nel Cristianesimo primitivo. Si può facilmente constatare tramite un paragone che, oggi, viene predicato un altro Gesù e che viene presentato un altro Evangelo che nel Cristianesimo primitivo (2. Corinzi 11:4). Ciò che è sbagliato viene presentato come se fosse giusto, e ciò che è giusto come se fosse sbagliato. Senza che le persone ne siano consapevoli, innumerevoli dottrine erronee vennero introdotte nel corso dei secoli; queste non hanno più nulla in comune con le dottrine e le pratiche dei primi Cristiani. Ma chi, ancora oggi, investiga accuratamente la Scrittura per appurare la giustezza delle dottrine esposte? Paolo disse: Io so che dopo la mia partenza s'introdurranno in mezzo a voi dei lupi rapaci, che non risparmieranno il gregge, ed anche in mezzo a voi sorgeranno degli uomini, che insegneranno delle dottrine perverse, per trascinar dietro di loro i discepoli (Atti 20:29-30 Nardoni). Parole untuose vengono incorniciate da cerimoniali ben studiati. Le masse inconsapevoli vengono impressionate e pensano che Cristo abbia introdotto questo modo di fare. Vedono l'apparenza pia e mansueta, come quella di un agnello, e non intuiscono la contraffazione fatale, 7

8 perché non conoscono la Parola. Gesù disse: Le Mie pecore ascoltano la Mia voce (Giovanni 10:27). La Sua voce è e rimane in eterno la Sua Parola. Come già detto, un falso profeta viene riconosciuto dal fatto che non predica la Parola dei veri profeti, un falso apostolo dal fatto che non annuncia le dottrine bibliche degli apostoli (Apocalisse 2:2), l Anticristo dal fatto che insegna in modo errato riguardo a Cristo e che non pensa per nulla al mondo di fare ciò che Cristo comando. Egli si dichiara verbalmente per Cristo, però è profondamente impigliato nella superstizione e in altre cose, compresa l'invocazione dei defunti, la quale è spiritismo. Quanto serie sono però le seguenti parole: Ma quand'anche noi, quand'anche un angelo dal cielo vi annunziasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunziato, sia egli anatema (Galati 1:8). Chi immagina l Anticristo come un dittatore mondiale o un tiranno politico resterà sorpreso. Paolo, riferendosi a lui, scrive che Satana opererà per mezzo di lui ogni sorta di opere potenti, di segni e di prodigi bugiardi; e ogni sorta d'inganno d'iniquità... (2. Tessalonicesi 2:9-10). Quest uomo non ha nessun segno o miracolo biblico da mettere in mostra come avvenne, invece, per mezzo della potenza di Dio, nel ministero di Gesù Cristo e in quello degli apostoli. Al contrario, è un maestro delle macchinazioni. Ciò che nessuno è mai riuscito a fare, a lui riesce tramite politica religiosa. Sono segni bugiardi che stanno in contrasto con la Verità. Sa eludere con bugie ed inganni e sedurre tutti coloro che credono al suo mendace vangelo nel modo più pio possibile; riesce a parlare con la stessa disinvoltura sia con i leaders politici che con quelli religiosi. Possiede il migliore gruppo di consiglieri del mondo, è l'uomo meglio informato e tutti vengono a lui da tutte le parti del mondo. Tutti gli uomini di tutte le correnti politiche, anche se opposte tra loro, ricorrono al suo ruolo di mediatore. È la più alta autorità che vi sia sulla terra e, come pretende, anche la più alta istanza giuridica. Giammai l'anticristo sperimenterà l esaudimento di una preghiera, giammai, per mezzo di lui, uno zoppo camminerà, un cieco ricupererà la vista o un sordo udirà, come avvenne invece tramite Cristo. Ciononostante tutto il mondo l'acclamerà e gli renderà omaggio,...quelli che periscono perché non hanno aperto il cuore all'amore della Verità per essere salvati. E perciò Iddio manda loro efficacia d'errore onde credano alla menzogna; affinché tutti quelli che non hanno creduto alla Verità, ma si sono compiaciuti nell'iniquità, siano giudicati (2. Tessalonicesi 2:10-12). Pensiamoci: l Anticristo è un Cristiano soltanto di nome, ma, in fondo, è contro Cristo. Parla del Regno di Dio, ma, invece, costruisce il suo proprio regno, in cui esercita il suo dominio. LA SUA PROVENIENZA Per comprendere meglio la tattica e la natura dell Anticristo, dobbiamo occuparci in primo luogo di Satana. Ciò sembra suonare strano, ma mostreremo i paralleli tra lui e l'anticristo. In Ezechiele 28:12-15 sta scritto: Tu mettevi il suggello alla perfezione, eri pieno di saviezza, di una bellezza perfetta; eri in Eden il giardino di Dio; eri coperto d'ogni sorta di pietre preziose: rubini, topazi, diamanti, crisoliti, onici, diaspri, zaffiri, carbonchi, smeraldi, oro, tamburi e flauti erano al tuo servizio, preparati il giorno che fosti creato. Eri un cherubino dalle ali distese, un protettore. Io ti avevo stabilito, tu stavi sul monte santo di Dio, camminavi in mezzo a pietre di fuoco. Tu fosti perfetto nelle tue vie dal giorno che fosti creato, perché non si trovò in te la perversità. Qui la parola viene indirizzata a Lucifero che Iddio aveva creato quale principe degli angeli. Quale creatura di Dio, era perfetto, ma, come noi stessi, era dotato di libero arbitrio. Purtroppo l usò per ribellarsi a Dio e per innalzarsi. La stessa cosa viene detta anche del suo rappresentante che 8

9 s innalza sopra ogni cosa. Siccome Satana non è onnisciente, non poteva prevedere quale conseguenza il suo agire avrebbe portato con sé. Cosi è anche con l'anticristo che deve assumere il suo ruolo. La sua fine gli è nascosta; sa molto, ma non sa tutto. Come ci venne detto, Satana si trovava nel giardino di Eden. Più tardi, dopo la sua caduta, s impossessò del serpente nelle cui vesti indusse i primi uomini a disubbidire, quindi a trasgredire la Parola di Dio. Mediante le parole: È vero che Dio ha detto?, seminò in loro del dubbio sulla Parola di Dio. Il suo rappresentante sulla terra fa la stessa cosa. Così, fin dal principio, l intera umanità cadde sotto l influenza del male che consiste sempre nel mettere in forse la Parola di Dio. Cominciò con l incredulità alla quale seguirono la disubbidienza e, alla fine, la trasgressione. Così si arrivò al peccato originale in cui noi tutti fummo trascinati. Ognuno di noi ha mancato e si è reso colpevole, cioè anche noi avremmo agito e reagito come Adamo ed Eva fecero. Satana, innalzandosi, non soltanto precipitò giù, ma portò anche la distruzione sopra l intera umanità. Però, già subito dopo il peccato originale, il Signore diede l annuncio della venuta del Redentore, allorché parlò del Seme che sarebbe venuto tramite la donna per schiacciare il capo al serpente (Genesi 3:15). Per questa ragione Gesù chiamò sempre Maria donna e mai madre. Era la Semenza di Dio in cui la Parola promessa divenne realtà (Luca 8:11); la buona semenza sono d altra parte i figliuoli e le figliuole del Regno (Matteo 13:38). Provengono dalla Semenza divina e, con ciò, formano la progenie di Dio (1. Pietro 2:9; Atti -17:29). Nel libro del profeta Isaia troviamo la caduta di Satana cosi descritta: «Come mai sei caduto dal cielo, o astro mattutino, figliuol dell'aurora? Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le nazioni? Tu dicevi in cuor tuo: Io salirò in cielo, eleverò il mio trono al disopra delle stelle di Dio; io mi assiderò sul monte dell'assemblea, nella parte estrema del settentrione; salirò sulle sommità delle nubi, sarò simile all'altissimo» (Isaia 14:12-14). Nulla è cambiato fino ad oggi per quanto riguarda le sue intenzioni. Già fin dai giorni del giardino di Eden cercò di esercitare il suo dominio sugli uomini per realizzare il suo piano. In quel tempo tenne in suo potere il re di Tiro; ciò è un esempio della pretensione umana e diabolica di esercitare il potere sulla terra. Iddio gli parlò tramite il Suo profeta: Il tuo cuore s'è fatto altero, e tu dici: Io sono un dio! Io sto assiso sopra un trono di Dio nel cuore dei mari! mentre sei un uomo e non un Dio, quantunque tu ti faccia un cuore simile al cuore d'un Dio (Ezechiele 28:2). È veramente strano che un uomo possa credere di essere come Dio. Ma non è l uomo, è Satana in lui che viene chiamato l iddio e dominatore di questo mondo (2. Corinzi 4:4). Satana pretese perfino dal nostro Signore che Egli Si prostrasse davanti a lui e l'adorasse. In compenso Gli offerse tutti i regni del mondo (Matteo 4:8-10). Colui che lo rappresenta qui sulla terra deve portare le stesse caratteristiche; ricchezze ed onori non debbono mancare. Deve credere di essere al posto di Dio, imitando Cristo; possiede però le caratteristiche di Satana che voleva essere simile a Dio. Accetta le ricchezze che gli vengono offerte. Poi sta scritto:...con la tua saviezza e con la tua intelligenza ti sei procurato ricchezza, hai ammassato oro e argento nei tuoi tesori; con la tua gran saviezza e col tuo commercio hai accresciuto le tue ricchezze, e a motivo delle tue ricchezze il tuo cuore s'è fatto altero". (Ezechiele 28:4-5). Anche questa evidente caratteristica terrestre è un segno d'identificazione di Satana e, di conseguenza, anche del suo rappresentante che egli signoreggia. Fino ad oggi, non è cambiato ancora nulla in merito. Chi non ha ancora mai sentito parlare del luogo in cui sono depositati quelle ricchezze inestimabili, quell oro, quell'argento, quelle pietre preziose e cosi via? Per l'abbondanza del tuo commercio, tutto in te s'è riempito di violenza, e tu hai peccato; perciò Io ti caccio come un profano dal monte di Dio... (Ezechiele 28:16). Da quando il diavolo esercita il 9

10 commercio? In questa descrizione la parola viene rivolta alternativamente a Satana e al dominatore terrestre in cui si personifica. Satana è un essere spirituale ed ha bisogno di un corpo fisico in suo potere per poter esercitare il suo dominio. Dobbiamo tenere in memoria la descrizione tutt'intera di Satana e delle sue differenti caratteristiche perché si incontrano ripetutamente quando si parla del suo rappresentante sulla terra. Inoltre è molto importante il fatto che Satana apparve quale angelo di luce; anche tutti i suoi rappresentanti, fino all'ultimo, nel quale si incarnerà, vengono manifestati nello stesso modo. L'apostolo Paolo intuì questo e scrisse: Poiché cotesti tali sono dei falsi apostoli, degli operai fraudolenti, che si travestono da apostoli di Cristo. E non c'è da meravigliarsene, perché anche Satana si traveste da angelo di luce. Non è dunque gran che se anche i suoi ministri si travestono da ministri di giustizia; la fine loro sarà secondo le loro opere (2. Corinzi 11:13-15). RIVELAZIONE DEL MISTERO Come già menzionato prima, il profeta Daniele previde in simboli gli avvenimenti essenziali del tempo della fine. Testimoniò davanti al re: Ma v'è nel cielo un Dio che rivela i segreti, ed Egli ha fatto conoscere al re Nebucadnetsar quello che avverrà negli ultimi giorni (Daniele 2:28). Come in quel tempo, anche adesso il popolo di Dio è quello meglio informato di tutti. Ciò che il Signore disse in Matteo 23:34 vale ancora oggi: Perciò, ecco Io vi mando dei profeti e dei savi e degli scribi. Mentre i politici non hanno altra risorsa che delle supposizioni, i credenti riconoscono i segni dei tempi in base alla Parola di Dio intendono che viviamo ora in un periodo di tempo profetico. Possono inquadrare in modo giusto ciò che i profeti e gli apostoli videro in visioni e misero per iscritto tramite l'ispirazione dello Spirito. La Parola di Dio venne sempre ai profeti, mai ai teologi. Però ogni vero profeta ed apostolo riconoscerà come Daniele: E quanto a me, questo segreto m'è stato rivelato, non per una sapienza ch'io possegga superiore a quella di tutti gli altri viventi... (Daniele 2:30). Nella sua preghiera Daniele benedisse il Signore e disse: Egli... dà la sapienza ai savi, e la scienza a quelli che hanno intelletto, Egli rivela le cose profonde e occulte, e la luce dimora con Lui (Daniele 2:21-22). In primo luogo il profeta Daniele vide la statua cosi come era stata prima mostrata in un sogno al re Nebucadnetsar. La descrive come segue: Questa statua, ch'era immensa e d'uno splendore straordinario... La testa di questa statua era d'oro fino; il suo petto e le sue braccia erano d'argento; il suo ventre e le sue cosce, di rame; le sue gambe, di ferro; i suoi piedi, in parte di ferro e in parte d'argilla (Daniele 2:31-33). È ovvio che questa statua rappresentava una persona, perché vengono nominati la testa, il petto, le braccia, il ventre, le sue cosce, le gambe ed i piedi. Contemporaneamente vengono simboleggiati per mezzo di essa i quattro successivi imperi mondiali. Dal versetto 37 al versetto 45 interpreta il significato dei quattro grandi imperi mondiali che sono storicamente documentabili: l impero Babilonese, rappresentato dalla testa di oro fino, ebbe il dominio mondiale dal 606 al 538 a.c.; il regno dei Medio-Persiani viene simboleggiato dal petto e dalle braccia di argento e dominò dal 538 al 330 a.c.; l impero mondiale Greco rappresentato dal ventre e dalle cosce di rame, sotto Alessandro Magno, prese il dominio nell anno 330 a.c. e durò fino al 30 a.c.; da quel momento fu l impero mondiale Romano a prendere il dominio e questo sussisterà fino alla fine. Lo stesso profeta vide i quattro venti del cielo scatenarsi sul mare grande dal quale salirono quattro grandi bestie. La prima era simile ad un leone, la seconda, ad un orso, la terza, ad un 10

11 leopardo. La quarta bestia non viene descritta dettagliatamente, ma semplicemente come segue: Dopo questo, io guardavo, nelle visioni notturne, ed ecco una quarta bestia spaventevole, terribile e straordinariamente forte; aveva dei denti grandi, di ferro; divorava e sbranava, e calpestava il resto coi piedi; era diversa da tutte le bestie che l'avevano preceduta, e aveva dieci corna (Daniele 7:7). Le quattro bestie che salirono dalla massa dei popoli di questo mondo simboleggiano i quattro imperi, ma anche il dominatore regnante di volta in volta in essi. Non vogliamo occuparci dettagliatamente dei tre primi imperi, ma piuttosto ottenere dei chiarimenti in merito alla quarta bestia che è per noi di grande importanza (Daniele 7:19). Daniele ricevette la seguente informazione: La quarta bestia è un quarto regno sulla terra, che differirà da tutti i regni, divorerà tutta la terra, la calpesterà e la frantumerà (Daniele 7:23). La quarta bestia, l impero mondiale romano, secondo la profezia biblica, divora tutta la terra e la frantuma. È il COSÌ DICE IL SIGNORE nella Sua Parola. Anche Giovanni vide salire dal mare dei popoli la stessa bestia con le dieci corna. Inoltre aveva sette teste e, sulle sette teste, nomi di bestemmia. Sulle sue corna c erano dieci diademi (Apocalisse 13:1). Ciò corrisponde di nuovo con ciò che sta scritto in Daniele 7: Le dieci corna sono dieci re che sorgeranno da questo regno (Daniele 7:24). Troviamo di nuovo le tre prime bestie, ossia potenze mondiali che Daniele vide, anche in Apocalisse 13:2; qui esse sono integrate in questa quarta bestia: E la bestia ch'io vidi era simile a un leopardo, e i suoi piedi erano come di orso, e la sua bocca come bocca di leone. Poi sta scritto che Satana stesso mette a disposizione dell'ultimo regno terreno il proprio trono e la propria potenza: E il dragone le diede la propria potenza e il proprio trono e grande potestà. E io vidi una delle sue teste come ferita a morte; e la sua piaga mortale fu sanata (Apocalisse 13:2-3). Scopriamo in Apocalisse 12:9 chi è il dragone che dà a questo regno mondiale la sua potenza e il suo trono:...il gran dragone, il serpente antico, che è chiamato Diavolo e Satana... L'ultimo regno mondiale sarà sotto la diretta influenza di Satana e, come constateremo senza indugio, da esso sorgerà l Anticristo. LA PRESUNZIONE Il profeta Daniele previde anche il punto culminante dell esercizio del potere di Satana mediante l Anticristo. Nel capitolo 7 gli fu mostrata la bestia con le dieci corna dalla quale sorgerà l'anticristo. Riferisce: Io esaminavo quelle corna, ed ecco che un altro piccolo corno spuntò tra quelle...; ed ecco che quel corno aveva degli occhi simili a occhi d'uomo, e una bocca che proferiva grandi cose (Daniele 7:8). Dall ultimo regno sorgerà un personaggio, un uomo, la cui parola verrà accettata da tutti i capi religiosi e politici. A questo contesto appartiene ciò che sta scritto in Apocalisse 13:5: E le fu data una bocca che proferiva parole arroganti e bestemmie e le fu data potestà di agire per quarantadue mesi. Questi sono esattamente i tre anni e mezzo della grande tribolazione che irromperà ancora sul popolo d Israele. Daniele riferisce nel capitolo 9, al versetto 27, che questo dominatore stabilirà un patto durante una settimana d anni. Ciò significa il riconoscimento d Israele tramite l allacciare di relazioni diplomatiche. Come una settimana ha sette giorni, cosi una settimana d anni comprende sette anni. In mezzo alla settimana d'anni farà cessare il sacrificio e l'offerta; sull'ala del tempio porrà l'abominio della desolazione e ciò sarà sino alla fine, fino al termine segnato sul devastatore 11

12 (Daniele 9:27 CEI). Ciò avverrà proprio alla fine, subito prima dell inizio del Regno millennario di pace di Dio. In quale misura questo corno s innalza e chi è colui che si nasconde dietro a questa potenza risulta chiaramente da Daniele 8:10: S'ingrandi, fino a giungere all'esercito del cielo; fece cadere in terra parte di quell'esercito e delle stelle, e le calpestò. Incontriamo un avvenimento simile in Apocalisse 12 dove Satana, sotto forma di dragone, gettò sulla terra la terza parte delle stelle del cielo. In questo riconosciamo che si tratta, anche qui, dell'avversario di Dio che voleva essere simile a Dio e che venne gettato giù. L Anticristo, il superuomo di Satana, secondo 2. Tessalonicesi 2:4, s'innalza sopra tutto quello che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e dicendo ch'egli è Dio. Nella Sacra Scrittura, i veri Cristiani, ossia i credenti in Cristo, vengono designati quale tempio di Dio. Però, come il tempio in quel tempo era diventato una spelonca di ladroni, cosi il Cristianesimo abbandonò Iddio e, quindi, apostatò. L'Anticristo si è seduto in mezzo a questo Cristianesimo apostata che, in realtà, avrebbe dovuto essere la dimora di Dio. Si fa adorare quale Dio, pretende perfino di essere infallibile e si fa rivolgere la parola con un appellativo che spetta soltanto a Dio, il nostro Padre santo che è nel cielo (Matteo 23:9). Come annunciato in Daniele 7:25, pronunzierà insulti contro il Dio Altissimo e opprimerà il popolo santo: penserà di modificare le feste e la legge del popolo santo e questo gli sarà dato in potere per tre anni e mezzo (LDC ABU). Questo passo biblico rende chiaramente palese il fatto che il tempo di tribolazione stabilito esattamente in tre anni e mezzo si riferisce soltanto ai Giudei. In questo contesto si parla del mutamento delle feste e della legge ; queste cose non obbligano la Chiesa del Nuovo Testamento. Si tratta dunque dei Giudei, perciò l'angelo disse a Daniele: E ora sono venuto a farti comprendere ciò che avverrà al tuo popolo negli ultimi giorni (Daniele 10:14). In Daniele 11:32 ci viene detto come l'anticristo riesce ad attirare la gente a sé: E per via di lusinghe corromperà quelli che agiscono empiamente contro il patto. L Anticristo non è un dittatore politico che mette il mondo contro di sé, ma, al contrario, come già detto, è l autorità riconosciuta da tutte le correnti politiche e religiose nel mondo intero. La sua potenza sarà grande, ma non sarà potenza sua (ricordiamoci che il dragone gli diede la sua potenza ed il suo trono); egli farà prodigiose ruine, prospererà nelle sue imprese, e distruggerà i potenti e il popolo dei santi. A motivo della sua astuzia farà prosperare la frode nelle sue mani; s'inorgoglirà in cuor suo, e in piena pace distruggerà molta gente (Daniele 8:24-25). Il presidente degli Stati Uniti e il segretario generale dell URSS hanno soltanto un influenza limitata. Ma quest uomo possiede il potere globale: svolge un attività religiosa e, nel contempo, fa politica su scala mondiale. L Anticristo, durante il tempo del suo regime di terrore, avrà la natura di una bestia e perfino bestemmierà contro Iddio; ciò sta scritto in Apocalisse 13:6: Ed essa aprì la bocca per bestemmiare contro Dio, per bestemmiare il Suo Nome e il Suo tabernacolo e quelli che abitano nel cielo (Apocalisse 13:6). In quel tempo, la schiera dei redenti avrà già preso dimora nel cielo. In Giovanni 14:2-4 il Signore promise ai Suoi: Nella casa del Padre Mio ci sono molte dimore; se no, ve l'avrei detto; Io vo a prepararvi un luogo; e quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò, e vi accoglierò presso di Me, affinché dove sono Io, siate anche voi. Tutti coloro che aspettano Cristo saranno rapiti prima del grande e terribile giorno d ira di Dio (1. Tessalonicesi 5:9), cosi come Paolo descrive anche in 1. Tessalonicesi 4:13 17). Mentre avrà luogo sulla terra la grande tribolazione, i redenti si troveranno nella gloria. Giovanni vide la schiera dei vincitori sul mare di vetro: E vidi come un mare di vetro e di fuoco e quelli che 12

13 avevano ottenuto vittoria sulla bestia e sulla sua immagine e sul numero del suo nome, i quali stavano in piè sul mare di vetro avendo delle arpe di Dio (Apocalisse 15:2). La schiera dei vincitori sarà composta da persone che avranno ottenuto vittoria sull immagine della bestia e sul numero del suo nome. Tratteremo anche questo. CARATTERISTICHE PARTICOLARI Il profeta Daniele ci descrive altre caratteristiche in merito a quest'uomo che viene anche chiamato re, caratteristiche che non possiamo fare a meno di vedere e di udire. Alla fine il suo palazzo reale sorpasserà tutte le altre case reali. In Daniele 11:36 vengono espressi i seguenti pensieri: Questo re adunque farà ciò che gli piacerà, e s'innalzerà, e si magnificherà sopra ogni dio; e proferirà cose strane contro all'iddio degl iddii; e prospererà... (Diodati). Incontriamo ripetutamente la propria sopravvalutazione di quest uomo. Sta anche scritto nel versetto 37: Ed egli non si curerà... né d'amor di donne, né di dio alcuno; perciocché egli si magnificherà sopra ogni cosa (Diodati). Iddio fece mettere per iscritto le caratteristiche in modo così chiaro che anche le persone semplici debbono comprendere queste cose. Il Signore stabili il matrimonio, quest uomo lo rigetta; con ciò si oppone all ordine divino. Daniele scrive, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, che non si curerà d'amor di donne. Paolo, con sguardo profetico, tocca questo tema nella lettera indirizzata al suo collaboratore Timoteo. Parla di dottrine che provengono da demoni e da spiriti seduttori e, subito dopo, giunge al dunque mediante queste parole: I quali vieteranno il matrimonio e ordineranno l'astensione da cibi... (1 Timoteo 4:3). Che sia ancora una volta accentuato che è il Signore, Egli stesso, che disse: Non è bene che l uomo sia solo (Genesi 2:18). La concezione della dottrina del celibato sembra secondo pietà; ma, nella Parola infallibile di Dio, viene smascherata quale dottrina erronea e demoniaca. Ricordiamoci: Anti-Parola = Anti-Cristo. Paolo scrive alla chiesa di Corinto: Non abbiamo noi il diritto di condurre attorno con noi una moglie, sorella in fede, siccome fanno anche gli altri apostoli e i fratelli del Signore? (1. Corinzi 9:5). Ci viene detto qui che anche i fratelli del Signore avevano una moglie. Nei quattro Vangeli vengono ripetutamente menzionati; in Matteo 13:55 vengono perfino citati i loro nomi. Ciò confuta chiaramente la vecchia leggenda secondo la quale Maria non avrebbe avuto altri figli, leggenda inventata a sostegno del culto reso a Maria. Secondo Atti 1:14 anche la madre di Gesù, Maria, ed i Suoi fratelli si trovavano tra le 120 persone adunate nell alto solaio. In merito al capo di questo sistema ci viene ancora detto: Ma onorerà l'iddio delle fortezze nel suo luogo di culto; onorerà con oro, con argento, con pietre preziose e con oggetti di valore un dio che i suoi padri non conobbero (Daniele 11:38). L espressione in parole onorerà l'iddio delle fortezze parla delle attività belliche dietro alle quali sta questa potenza religiosa. La storia testimonia delle crociate, delle guerre di religione, delle devastazioni e delle rovine causate nel Nome di Dio e sotto il simbolo della croce. Per rendere il contesto ancora più chiaro, l'accenno all'oro, all argento e alle pietre preziose non manca. In realtà l Iddio che egli stesso si è fabbricato è un dio che i suoi padri non avevano onorato. L Iddio di Abrahamo, di Isacco e di Giacobbe è un altro Dio. LA MERETRICE SEDUTA SULLA BESTIA Ora incontriamo un simbolo del tutto nuovo che appartiene anche all'intera costellazione anticristo composta sia dal potere politico terrestre che da quello religioso spirituale. Non è a caso che Dio scelse questi simboli; Egli non avrebbe potuto esprimere il senso in modo ancora più 13

14 comprensibile. In Apocalisse 17 viene descritto l'ultimo regno mondiale nella sua fase finale. La parte principale in questo viene sostenuta dalla grande meretrice che cavalca la bestia, cioè che esercita il dominio sopra il potere mondiale, ossia lo sfrutta per i suoi fini. Giovanni udì una voce che gli disse: Vieni; io ti mostrerò il giudizio della gran meretrice, che siede su molte acque e con la quale hanno fornicato i re della terra; e gli abitanti della terra sono stati inebriati del vino della sua fornicazione" (Apocalisse 17:1-2). Consideriamo che questo è un giudizi espresso da Dio. Per gli uomini la cosa ha un'apparenza totalmente diversa. I potenti della terra si contendono il suo favore e gli abitanti della terra hanno perso il loro razionale giudizio. Giovanni continua: "Ed egli, nello Spirito, mi trasportò in un deserto; e io vidi una donna che sedeva sopra una bestia di colore scarlatto piena di nomi di bestemmia e avente sette teste e dieci corna (Apocalisse 17:3). Per capire il senso dobbiamo occuparci in modo un po più dettagliato della parola donna e scoprire perché la Scrittura, in questo contesto, parla di una meretrice. Nel Vecchio Testamento Iddio designò ripetutamente Israele quale Sua moglie, la Sua Chiesa in cui Egli mise la Semenza della Sua Parola. Dopo Egli rimprovera la sua infedeltà e la biasima per la sua fornicazione spirituale in relazione con l idolatria. Si allontanò dalla Parola e, con ciò, da Egli stesso, ricevette in sé delle semenze estranee e cosi commise fornicazione spirituale: "Contendete con vostra madre, contendete! poich'essa non è Mia moglie, né Io sono Suo Marito! Allontani dalla sua faccia le sue prostituzioni, e i suoi adulteri di fra le su mammelle... E non avrò pietà dei suoi figliuoli, perché sono figliuoli di prostituzione; giacché la madre loro s'è prostituita; colei che li ha concepiti ha fatto cose vergognose... (Osea 2:2, 4-5). Il Signore disse al profeta Geremia: Hai tu veduto quello che la infedele Israele ha fatto? È andata sopra ogni alto monte e sotto ogni albero verdeggiante, e quivi s'è prostituita" (Geremia 3:6). L'apostasia da Dio e dalla Sua Parola conduce dal culto a Dio al culto agli idoli, cioè all'idolatria. Cosi nasce una generazione di figliuoli bastardi che, nel contempo, vengono chiamati figliuoli di prostituta: "Le loro azioni non permettono loro di tornare al loro Dio; poiché lo spirito di prostituzione è in loro, e non conoscono l'eterno... Hanno agito perfidamente contro l'eterno, poiché hanno generato dei figliuoli bastardi" (Osea 5:4 e 7). Ma il Signore aveva già mostrato al profeta Osea anche lo stato della Chiesa del Nuovo Testamento datole mediante la grazia e la redenzione. L'annuncio è il seguente: E ti fidanzerò con Me per sempre, ti fidanzerò con Me nella giustizia, e nel diritto, nella benevolenza e nell'amore, ti fidanzerò con Me nella fedeltà e tu conoscerai il Signore (Osea 2:18-19 Nardoni). Mediante la Sua incarnazione, il Suo diventare uomo, Iddio stabilì un rapporto di amore con la Sua Chiesa. Quale Signore divenne Redentore e diede ai Suoi, tramite la Sua morte sulla croce, riconciliazione e perdono, una volta per sempre. Nel Suo amore e nella Sua misericordia, Egli restituì loro la giustizia di Dio e cosi trasportò collettivamente, nella posizione di Sposa, i chiamati fuori, i Suoi diletti. I redenti formano la Chiesa-Sposa ; Egli è il loro Sposo. Quando Giovanni il Battista, mandato da Dio, apparve, disse: Colui che ha la Sposa è lo Sposo; ma l'amico dello Sposo, che è presente e L'ascolta, si rallegra grandemente alla voce dello Sposo (Giovanni 3:29). La legge ed i profeti durarono fino a Giovanni; da quel tempo venne predicato il Regno di Dio (Luca 16:16). Giovanni Battista fu il primo a parlare della Sposa e dello Sposo. È in questa posizione di Sposa che si trova la Chiesa del Signore, l'ecclesia, durante il tempo del Nuovo Patto. In Matteo 25 Gesù parlò di Sé stesso quale Sposo e delle vergini avvedute, pure e ripiene dello Spirito Santo che, al Suo ritorno, entreranno con Lui nella sala delle nozze dell Agnello. La schiera compiuta nella gloria che ci viene mostrata in Apocalisse 19:7 esclama: Rallegriamoci e giubiliamo e diamo a Lui la gloria, poiché sono giunte le nozze dell'agnello, e la Sua Sposa Si è preparata. 14

15 Come vi è una vera Sposa che, come allora Maria nel suo stato di verginità, ricevette la Parola della promessa per quell ora, cosi vi è anche una meretrice apostatata da Dio che ha ricevuto delle semenze estranee. In Apocalisse 17 questa istituzione apostata ci viene chiaramente descritta e designata quale grande meretrice. Per comprendere ancora meglio, la si deve paragonare alla donna descritta in Apocalisse 12, la quale simboleggia la vera Chiesa. Non si può mancare di vedere lo stridente contrasto tra queste due immagini profetiche. La donna in Apocalisse 12 è rivestita dal sole. Ciò indica Cristo, il Sole della Giustizia, ed anche lo stato di grazia accordato ai Suoi durante il tempo del Nuovo Patto. La luna rappresenta il Vecchio Testamento con le promesse date in Esso. Questo è il fondamento del Nuovo Testamento. Come la luna, nelle cose naturali, riceve la sua luce dal sole, così, nelle cose spirituali, il Vecchio Testamento viene illuminato tramite la sua realizzazione, dunque mediante il Nuovo. Il Nuovo Testamento contiene l'adempimento di tutte le promesse del Vecchio Testamento. La Chiesa neotestamentaria è fondata sul fondamento del Vecchio Testamento. Gesù e gli apostoli si riferirono unicamente al Vecchio Testamento; il Nuovo, in quel tempo, non era stato scritto affatto. Tutto ciò che avvenne ed avviene nel Nuovo Testamento in merito alla storia della salvezza può essere incontestabilmente provato dal Vecchio. Perciò il Vecchio e il Nuovo Testamento formano un insieme. Nel Vecchio Testamento, Iddio annunciò la salvezza; nel Nuovo, Egli la donò. La corona di dodici stelle che porta la donna simboleggia il fatto che la vera Chiesa è coronata con la dottrina dei dodici apostoli. Nell immagine di Apocalisse 12, la donna era incinta e gridava nelle doglie tormentose del parto; ciò significa che, dal seno della chiesa, la quale riceve la Semenza della Parola, deve nascere la schiera dei vincitori. Gli eletti escono fuori dalla moltitudine dei chiamati. E il dragone si fermò davanti alla donna che stava per partorire, affin di divorarne il figliuolo, quando l'avrebbe partorito (Apocalisse 12:4). È strano dirlo, ma il dragone ha anche sette teste e dieci corna, esattamente come la bestia sulla quale era seduta la meretrice di Apocalisse 17. Il regno di Satana é quello dell'anticristo. Satana é riuscito ad edificare il suo regno qui sulla terra realizzando ciò che si era prefisso tramite il suo rappresentante. Malgrado gli eletti non passeranno attraverso i grandi giudizi d'ira apocalittici, non sarà loro risparmiata l'oppressione di un breve periodo di prova. Ciò viene espresso qui dal fatto che il dragone infuriato si ferma davanti alla donna e, tramite questa potenza che si trova sulla terra, opprime la Chiesa. Appena l'unione del potere politico e di quello religioso sarà realizzata, verrà esercitata pressione dal potere religioso per mezzo di quello politico. Tutti quelli che non si sottometteranno al sistema di stato che dominerà in quel tempo e che avrà il sistema religioso regnante dietro a se, ne subiranno le conseguenze. Ora vogliamo occuparci di nuovo della grande meretrice seduta sulla bestia avente sette teste e dieci corna. La donna, la meretrice seduta sopra la bestia é la potenza religiosa mondiale che è apostatata da Dio, la quale, come ci viene mostrato mediante questa immagine, si serve del governo mondiale politico. Era vestita di porpora e di scarlatto, adorna d oro, di pietre preziose e di perle (Apocalisse 17:4). Ciò non ha bisogno di alcun altra spiegazione. Vi é solo una istituzione così sulla terra. Aveva in mano un calice d'oro pieno di abominazioni e delle immondizie della sua fornicazione (Apocalisse 17:4b). Malgrado la sua bellissima apparenza, il calice d'oro nella sua mano era pieno di abominazioni e di immondizie. La meretrice di Apocalisse 17 è anche madre. Il versetto 5 ci da delle informazioni in merito:...e 15

16 sulla fronte aveva scritto un nome: Mistero, Babilonia la grande, la madre delle meretrici e delle abominazioni della terra. Nell ultima fase non e più soltanto Babilonia, ma Babilonia la grande ed ha molte figlie che sono uscite dal suo seno. Come la madre apostato da Dio e Gli divenne infedele, cosi anche le sue figlie le denominazioni hanno abbandonato la Parola di Dio originale e, con ciò, Dio stesso; si sono cosi impigliate in propri insegnamenti, in proprie dottrine e in credo formulati da loro stesse. Hanno preso in eredita dalla loro madre delle tradizioni non bibliche, commettono come lei fornicazione spirituale e, di conseguenza, vengono da Dio designate quali meretrici. Ciò che Giovanni rapporta nel versetto 6 è scandalizzante: E vidi la donna ebbra del sangue dei santi e del sangue dei martiri di Gesù. E quando l'ebbi veduta, mi meravigliai di gran meraviglia. La storia della chiesa dà differenti informazioni sul numero dei martiri. La più alta valutazione, per quanto l autore del presente opuscolo ne sappia, è di circa 68 milioni. Solo Iddio conosce il numero reale di quelli che sono stati messi a morte per la loro fede. Non è dunque sorprendente che Giovanni si meravigliò quando vide che quella donna era ebbra del sangue dei santi e dei martiri di Gesù. Ciò sembrerà inimmaginabile per coloro che sono ignoranti in materia, ma i veri credenti in Cristo sono stati perseguitati dal sistema anticristo fin dai tempi più remoti. Alla fine di Apocalisse 18 sta scritto:...perché tutte le nazioni sono state sedotte dalle tue malie, e in lei è stato trovato il sangue dei profeti e dei santi e di tutti quelli che sono stati uccisi sopra la terra (Apocalisse 18:23-24). La storia della Chiesa è profondamente immersa nel sangue dei martiri. Soltanto durante il Concilio Vaticano II, che durò dal 1962 al 1965, si misero d accordo sul fatto di non, far rimanere più per altro tempo la maledizione sui Giudei i quali erano stati bollati quali assassini di Cristo. In virtù di questo anatema, i Giudei, durante tutti i secoli, sono stati perseguitati, espropriati ed uccisi dai papi! Lo stesso avvenne con tutti quelli che erano d'altra fede. Ma chi parla ancora oggi del massacro in Irlanda? Chi conosce ancora i retroscena dell'inquisizione spagnola della notte di San Bartolomeo in Francia? Chi sa ciò che avvenne degli Ugonotti o dei, Mennoniti? Chi ha mai sentito parlare dell espropriazione e dell espulsione dei Valdesi? Cosa ne fu di tutti gli anatemi che furono pronunciati sopra tutti quelli che erano d'altra fede, particolarmente al Concilio di Trento? Non sono mai stati revocati. Non è stato cambiato nulla riguardo all'obiettivo e alla natura di questa istituzione, soltanto la sua strategia è diversa. Tutti gli altri credenti di altra fede, cioè i credenti biblici, non vengono ancora oggi considerati quali eretici, settari e cosi via? In Apocalisse 17, dal versetto 7, l'insieme di questa costellazione misteriosa ci viene descritta ancora una volta in maniera molto dettagliata. L'angelo chiese a Giovanni: Perché ti meravigli? Io ti dirò il mistero della donna e della bestia che la porta, la quale ha le sette teste e le dieci corna. Questi ricevette la seguente spiegazione: La bestia che hai veduta era, e non è, e deve salire dall'abisso e andare in perdizione (Apocalisse 17:8). Questa potenza non proviene dall'alto, ma dal basso. Il suo capo e quelli che lo seguono vanno alla perdizione come Giuda. Mediante la caduta dell impero Romano, Roma perse per un tempo il suo dominio sul mondo; però, alla fine, lo consoliderà tramite l influenza religiosa in misura inimmaginabile. Che il versetto seguente possa togliere gli ultimi dubbi a chi ancora ne ha: Qui sta la mente che ha sapienza. Le sette teste sono sette monti sui quali la donna siede. Dal contesto viene chiaramente dimostrato di quale città si tratta, la quale venne edificata sopra sette colli. Chi ha letto con attenzione dovrebbe anche essere in grado di afferrare, in modo giusto, la descrizione della donna che ha la sua sede nella cosiddetta città eterna. Però, come ci dice la Parola di Dio, per riconoscere queste cose, sono necessarie sia la sapienza divina che una giusta comprensione. 16

17 Le sette teste, tuttavia, non hanno un solo significato: simboleggiano oltre a ciò sette re, dei quali cinque erano già stati quando Giovanni ebbe la visione; il sesto era presente nel suo tempo, e il settimo appartiene al tempo della fine. Inoltre, queste teste simboleggiano i conduttori all interno dell'impero mondiale romano ristabilito. E la bestia che era, e non é più, é anch'essa un ottavo re, ed é dei sette, e se ne va in perdizione (Apocalisse 17:11 Diodati). Ciò è per noi di grande interesse. Si parla qui di un ottavo re che viene anche designato quale bestia. Chi partecipa ad una visita del Vaticano, viene a sapere, in primo luogo, che il Vaticano é uno Stato autonomo che ha tutto ciò che un qualsiasi governo terreno possiede. Comprendiamo così che l ottavo re, geograficamente parlando, appartiene ai sette e, malgrado ciò, esiste come Stato indipendente quale Città del Vaticano. È uno Stato nel mezzo di uno Stato; ciò non può essere reso più chiaro che così. Affinché la profezia biblica si adempisse, Benito Mussolini, nel 1929, tramite la stipulazione ( ) dei Patti Lateranensi, assicur ò al papa il diritto di indipendenza e di sovranità su un territorio dentro la città di Roma, la Città del Vaticano. Il 20 luglio 1933 seguì il Concordato tra il Reich e la Chiesa tra Hitler e Pio XI. In questo modo questi due uomini cattolici, Mussolini e Hitler, ebbero la potente chiesa dietro a loro. In rapporto con questo fu data a Giovanni la seguente spiegazione: Le acque che hai vedute e sulle quali siede la meretrice, sono popoli e moltitudini e nazioni e lingue (Apocalisse 17:15). Ciò concerne l'europa, dove vi era già, in quel tempo, una massa di popoli e lingue. Il versetto 18 non ha bisogno di altra spiegazione: E la donna che hai veduta é la grande città che impera sui re della terra. Chi potrebbe negare che tutte le personalità autorevoli che desiderano fare carriera, in modo particolare i politici, vanno a Roma? Se non ci fosse là il Vaticano, nessuno di loro attribuirebbe una qualunque importanza a questa città. Mentre invece i commenti di audienze accordate a persone di ogni sistema appartengono ai grandi titoli e ai resoconti dei mass media. Tramite i canali diplomatici ha acquistato un'illimitata influenza; questa gli è diventata possibile in ogni nazione della terra. Vi è soltanto una potenza sulla terra che esercita dominio sui re e sui capi di Stato, sulle democrazie e sulle dittature, sia in modo nascosto che aperto. Vi è soltanto una superpotenza che abbraccia il mondo intero. L'EUROPA DELL'EST E DELL'OVEST La costellazione è di grande importanza nella fase finale. Lo sviluppo mondiale, sia nel campo politico che in quello economico, costringe gli Stati deboli ad unirsi a quelli forti. Sette nazioni dell Ovest prenderanno un ruolo di guida ed è ciò che viene simboleggiato tramite le sette teste. Alla fine la forza di guida proverrà dalla Comunità Economica Europea, dalla CEE (nota anche come Mercato Comune Europeo, MEC). La base per questo è stata posta nel marzo del 1957 mediante la firma del Trattato di Roma. La realizzazione del Trattato di Roma è l'adempimento della profezia biblica. Tre politici parteciparono in modo determinante a questa sua realizzazione: Robert Schuman, Francia; Alcide De Gasperi, Italia; e Konrad Adenauer, Germania. Tutti e tre erano democratici cristiani e cattolici pervasi dall'internazionalismo cattolico romano. La rinascita dell impero Romano avviene in modo concreto e con grande successo. Il presidente della Francia, Charles de Gaulle, che è già entrato nella storia, aveva la visione di un Europa tutt'intera unita che si estende fino agli Urali. Caso strano, durante il congresso del 17

18 partito, nell'aprile del 1986 a Berlino Est, Michail Gorbaciov espresse la stessa idea. Dobbiamo considerare il rapido sviluppo dal punto di vista profetico-biblico e metterlo nel giusto posto. Tutto avverrà cosi come venne predetto. Se Konrad Adenauer avesse accettato l offerta contenuta nella nota di Stalin del 10 marzo 1952, non sarebbe stata tracciata alcuna frontiera tra l'est e l'ovest, dividendo un Paese e l Europa. Però la decisione doveva essere presa in questo modo, altrimenti sarebbe mancata alla CEE (Comunità Economica Europea) la sua locomotiva. Stalin propose la riunificazione della Germania divisa del dopoguerra; l'unica condizione era che questa diventasse neutrale. Adenauer poteva immaginare quale sarebbe stato il risultato delle elezioni che sarebbero seguite visto che la popolazione della Repubblica Democratica Tedesca era protestante; perciò declinò la proposta. L Austria, invece, accettò la proposta di diventare neutrale e, sicuramente, non se n'è mai pentita. Mentre le sette teste sono una parte essenziale del sistema che domina alla fine, le dieci corna si manifesteranno soltanto per l'ultimo periodo degli eventi profetici. E le dieci corna, che tu hai vedute, sono dieci re, i quali non hanno ancora preso il regno; ma prenderanno podestà, come re, in uno stesso momento con la bestia. Costoro hanno un medesimo consiglio; e daranno la loro potenza e podestà alla bestia... Poiché Iddio ha messo in cuor loro di eseguire il Suo disegno e di avere un medesimo pensiero e di dare il loro regno alla bestia finché le parole di Dio siano adempite (Apocalisse 17:12-13 e 17 Diodati). Si parla qui di un tempo determinato in cui inizia l'esercizio del potere e anche di un determinato momento in cui esso termina. Dall intera descrizione risulta che le dieci corna simboleggiano l Europa dell Est, a differenza delle sette teste che si devono rintracciare nell Europa dell Ovest. Nella fase finale, i Paesi dell Est, sotto la guida della Russia, si uniranno forzatamente all Europa unita. Già oggi possiamo osservare un avvicinamento progressivo. L intreccio economico dell Est e dell Ovest non lascerà nessun'altra scelta al blocco dell Est che quella di accettare. Anche la preoccupazione per la pace e la sicurezza porta tutti allo stesso tavolo di trattative. I piedi della statua in Daniele 2 erano composti in parte di ferro e in parte d argilla, dunque di due materie del tutto diverse; il ferro era mescolato con l argilla senza però che si amalgamassero l uno con l altra (Daniele 2:43). Queste due materie, ferro ed argilla, non possono costituire insieme un'amalgama solida. Cosi sarà anche con l Europa dell Est e dell Ovest. I Paesi dell Europa dell Est capiranno le intenzioni della chiesa romana e le tollereranno fino ad un certo punto. Perciò si sottometteranno all'esercizio del suo potere soltanto finché la profezia biblica si sarà adempiuta; poi si alzeranno per colpire ed annientare la meretrice, come sta scritto in Apocalisse 17:16: "E le dieci corna che tu hai vedute nella bestia, sono quelli che odieranno la meretrice, e la renderanno deserta e nuda; e mangeranno le sue carni, e bruceranno lei col fuoco (Diodati). Sarà un colpo subitaneo, perché sta scritto: Guai, guai, immensa città, Babilonia, possente città; in un'ora sola è giunta la tua condanna (Apocalisse 18:10 CEI). Affinché ognuno riconosca a prima vista di chi si tratta, la descrizione viene ripetuta nella Parola di Dio, soltanto alcuni versetti dopo: Guai, guai, immensa città, tutta ammantata di bisso, di porpora e di scarlatto, adorna d'oro, di pietre preziose e di perle! In un'ora sola è andata dispersa sì grande ricchezza! (Apocalisse 18:16-17 CEI). Davanti agli occhi di Giovanni, un angelo dimostrò, in modo figurativo, come questa metropoli mondiale avrebbe trovato la sua fine: Poi un potente angelo sollevò una pietra grossa come una grande macina, e la gettò nel mare dicendo: Cosi sarà con impeto precipitata Babilonia, la gran città, e non sarà più ritrovata (Apocalisse 18:21). 18

19 Già nel Vecchio Testamento troviamo una descrizione di questa città. Tutti hanno sentito parlare della costruzione della torre di Babele. Bab-el significa Porta di Dio. Il nome originario di Babel divenne Babilonia, cioè la confusione che s'innalza fino al cielo. Il profeta Geremia vide la sua caduta già come un fatto compiuto: Babilonia era nelle mani dell'eterno una coppa d'oro che inebriava tutta la terra; le nazioni hanno bevuto del suo vino, perciò le nazioni sono divenute deliranti (Geremia 51:7). Le false dottrine hanno un effetto a livello spirituale simile a quello che si ha a livello fisico dopo aver bevuto qualcosa di forte: si perde l orientamento e non si sa più ciò che si fa, ciò che si crede o ciò che si dice. Questo è lo stato religioso della Cristianità odierna. Tutti hanno bevuto dal calice di Babilonia e ognuno vi mescola qualcosa di suo. Geremia scrive ancora: A un tratto Babilonia è caduta, è frantumata. Mandate su di lei alti lamenti, prendete del balsamo per il suo dolore; forse guarirà! Come vediamo dal versetto seguente, vi è guarigione soltanto per quelli che escono da Babilonia, ma non per Babilonia stessa: Noi abbiamo voluto guarire Babilonia, ma essa non è guarita; abbandonatela, e andiamocene ognuno al nostro paese; poiché la sua punizione arriva sino al cielo, s'innalza fino alle nuvole (Geremia 51:9). Anche in Apocalisse 16:19 ci viene descritto il giudizio di questa città: E la grande città fu divisa in tre parti, e le città delle nazioni caddero; e Dio Si ricordò di Babilonia la grande per darle il calice del vino del furore dell ira sua. Considerando questa donna fornicatrice, abbiamo constatato che teneva in mano un calice pieno di dottrine non bibliche ed abominevoli, dal quale, secondo Apocalisse 18:3, ha bevuto l'intera umanità. Ma, al giudizio, le sarà dato il calice del vino del furore dell ira di Dio. Rallegrati d'essa, o cielo, e voi santi, ed apostoli e profeti, rallegratevi poiché Dio, giudicandola, vi ha reso giustizia (Apocalisse 18:20). Questa istituzione, che esercita il suo dominio religioso sui re della terra in collegamento con il potere economico e politico, verrà distrutta prima dell instaurazione del Regno di Dio. In Apocalisse 18:2 sta scritto che l'angelo gridò con voce potente: Caduta, caduta è Babilonia la grande, ed è divenuta albergo di demoni e ricetto d'ogni spirito immondo e ricetto d'ogni uccello immondo e abominevole. Poiché tutte le nazioni hanno bevuto del vino dell ira della sua fornicazione, e i re della terra hanno fornicato con lei, e i mercanti della terra si sono arricchiti con la sua sfrenata lussuria (Apocalisse 18:2-3). Si rimane sbalorditi nel vedere in quale modo lo Spirito Santo abbia ispirato i profeti e gli apostoli e rivelato loro, già molto tempo in anticipo, lo svolgersi di queste cose. Nel versetto 5 sta scritto che "i suoi peccati si sono accumulati fino al cielo". "Quanto ella ha glorificato se stessa ed ha lussureggiato, tanto datele di tormento e di cordoglio. Poiché ella dice in cuor suo: Io seggo regina e non sono vedova e non vedrò mai cordoglio, perciò in uno stesso giorno verranno le sue piaghe, mortalità e cordoglio e fame, e sarà consumata dal fuoco; poiché potente è il Signore Iddio che l'ha giudicata" (Apocalisse 18:7-8). Iddio, l Onnipotente, aveva pronunciato già in anticipo il giudizio su di lei. Come strumento per questo scopo si servirà delle dieci corna che, con una bomba, porranno una fine subitanea alla città. Possiamo essere certi che l ora viene in cui questo annuncio si realizzerà, perché Iddio dice ciò che pensa, e pensa ciò che dice. Perciò, tutti quelli che vogliono sfuggire alla perdizione, debbono ubbidire a ciò che disse la voce dal cielo: "Uscite da essa, o popolo Mio, affinché non siate partecipi dei suoi peccati e non abbiate parte alle sue piaghe" (Apocalisse 18:4). Dobbiamo considerare la Russia quale esecutrice del giudizio di Dio. Non si potevano scegliere simboli migliori che la falce ed il martello. Verranno sferrati tre attacchi; gli ultimi due sono biblicamente documentabili. Il primo sarà contro gli USA (Stati Uniti d America), il secondo contro il 19

20 Vaticano ed il terzo contro Israele. Dal punto di vista strategico-militare l attacco contro gli USA sarà necessario. Siccome gli USA parteggiano per Israele, saranno perciò messi per un momento fuori combattimento, supponendo che non possano entrare in azione allorché le potenze nemiche piomberanno addosso ad Israele. La Russia si unirà a tutti i popoli arabi, sarà loro capo e sferrerà un attacco contro Israele. I lettori della Bibbia conoscono questo avvenimento come la grande battaglia di Harmaghedon. "...e con loro Persiani, Etiopi e gente di Put (Libia), tutti con scudi ed elmi. Gomer e tutte le sue schiere, la casa di Togarma dell'estremità del settentrione e tutte le sue schiere, dei popoli numerosi saranno con te. Mettiti in ordine, preparati, tu con tutte le tue moltitudini che s'adunano attorno a te, e sii tu per essi colui al quale si ubbidisce. Dopo molti giorni tu riceverai l'ordine; negli ultimi anni verrai contro il paese sottratto alla spada, contro la nazione raccolta di fra molti popoli sui monti d'israele, che sono stati per tanto tempo deserti; ma, tratta fuori di fra i popoli, essa abiterà tutta quanta al sicuro. Tu salirai, verrai come un uragano; sarai come una nuvola che sta per coprire il paese, tu con tutte le tue schiere e coi popoli numerosi che sono con te" (Ezechiele 38:5-9). Sarà allora che Dio interverrà e, con un solo attacco, porrà termine a tutto: "E verrò in giudizio contro di lui, con la peste e col sangue; e farò piovere torrenti di pioggia e di grandine, e fuoco e zolfo su lui, sulle sue schiere e sui popoli numerosi che saranno con lui. Così Mi magnificherò e Mi santificherò e Mi farò conoscere agli occhi di molte nazioni, ed esse sapranno che Io sono l'eterno" (Ezechiele 38:22-23). In Zaccaria 14:12 leggiamo: "E questa sarà la piaga con la quale l'eterno colpirà tutti i popoli che avranno mosso guerra a Gerusalemme: la loro carne si consumerà mentre stanno in piedi, gli occhi si struggeranno loro nelle orbite, la loro lingua si consumerà nella loro bocca". Questa battaglia decisiva cade nel periodo dei giudizi apocalittici. Ha luogo quando il sesto angelo versa la sua coppa (Apocalisse 16:12-16). Si adempiranno allora le seguenti parole: "E al tempo di questi re, l'iddio del cielo farà sorgere un Regno che non sarà mai distrutto..." (Daniele 2:44). Allorché gli avvenimenti escatologici inizieranno, si adempirà ciò che sta scritto: "Perché con pienezza e rapidità il Signore compirà la Sua Parola sopra la terra" (Romani 9:28 CEI). LA BESTIA CON LE DUE CORNA Apocalisse 13 ci parla ancora di una seconda bestia. Giovanni scrive in merito: "Poi vidi un'altra bestia che saliva dalla terra, ed aveva due corna come quelle d'un agnello, ma parlava come un dragone" (Apocalisse 13:11). Questa bestia non esce fuori dal mare dei popoli, bensì dalla terra, dunque non dagli Stati dell Impero Romano, come vedremo, ma dal continente nordamericano, dove, in quel tempo, non vi erano alcune masse di popoli. Questa seconda bestia assomigliava esteriormente ad un agnello, parlava però come il dragone. Ciò simboleggia, quale seconda potenza, gli Stati Uniti d'america nella fase finale accanto all'"europa unita" descritta poco prima. La bestia aveva due corna, e ciò rappresenta il potere politico e quello religioso. L'uno sbocca nell'onu (Organizzazione delle Nazioni Unite), l'altro nel CEC, ossia nel Consiglio Ecumenico delle Chiese (detto anche Consiglio Mondiale delle Chiese). Gli USA, fondati su dei principi protestanti, diventarono una grande potenza. In primo luogo molti fuggirono là davanti alla persecuzione della chiesa cattolica romana. Soltanto dopo cominciò l immigrazione generale. Delle persone che sfuggirono alla mortale cattura, trovarono rifugio nel nuovo continente. I padri fondatori degli Stati Uniti erano degli uomini credenti, timorati di Dio, che diedero alla nazione questa parola guida: One Nation Under God Una nazione sotto Dio e In 20

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2 (Da Revisionare) Apocalisse 12:7 E ci fu una battaglia nel cielo: Michele e i suoi angeli combatterono contro il dragone. Il dragone e i suoi angeli combatterono, 8 ma non vinsero, e per loro non ci fu

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE Parrocchia Maria Ss. Assunta - LIBRO DELL APOCALISSE L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE (cc 4-11) 1 Schema di Ap. 1-16 1 16 1. Prologo (cap. 1): Introduzione: intento: rivelazione contenuto:

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

UTILI AL SERVIZIO DEL SIGNORE di Pino Tarantino

UTILI AL SERVIZIO DEL SIGNORE di Pino Tarantino UTILI AL SERVIZIO DEL SIGNORE di Pino Tarantino 2Timoteo 2:21 "Se dunque uno si conserva puro da quelle cose, sarà un vaso nobile, santificato, utile al servizio del padrone, preparato per ogni opera buona".

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Le Dottrine della Bibbia - Dio

Le Dottrine della Bibbia - Dio Le Dottrine della Bibbia - Dio La natura della dottrina La parola «dottrina» significa letteralmente «insegnamento» o «istruzione» Le dottrine della Bibbia sono «le verità fondamentali della Bibbia ordinate

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Differenze tra la chiesa cattolica e la chiesa evangelica

Differenze tra la chiesa cattolica e la chiesa evangelica Mercoledì, 6 maggio 2009 Differenze tra la chiesa cattolica e la chiesa evangelica Oggi vedremo le differenze tra cattolici ed evangelici. Intanto partiamo dai fondamenti comuni. I punti fondamentali della

Dettagli

Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9

Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9 Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9 Sermone 25 Testo: Ebrei 11:4 Data predicato: 3 novembre 2013 Titolo: La fede di Abele *Per favore, aiutate Mirko e Simona. Grazie! Per capire in che modo, ecco il link

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO 18 settembre INTRODUZIONE VESPRI V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.. Alleluia INNO San Giuseppe onoriamo: la sua virtù sublime l'ordine

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Non sto dicendo che se chiediamo perdono siamo liberi di peccare, se un credente la pensa così, io dubito fortemente che sia credente: 1Giovanni 3:6

Non sto dicendo che se chiediamo perdono siamo liberi di peccare, se un credente la pensa così, io dubito fortemente che sia credente: 1Giovanni 3:6 Senso di colpa Come vedete dal titolo di questa predicazione è il senso di colpa e nella foto ho voluto mettere una cornice stile comiche dei primi film di Charlie Chaplin, quando i film non avevano ancora

Dettagli

LE GRANDI VERITA DELLA BIBBIA!

LE GRANDI VERITA DELLA BIBBIA! 1 LE GRANDI VERITA DELLA BIBBIA! (Studio 1 ) Dopo aver constatato nella parte precedente, come la Bibbia sia la Parola di Dio,continuiamo il nostro studio mettendo in risalto quanto segue: Le Sacre Scritture,

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

: È lo stato di chi è libero, l essere libero, ossia la condizione che permette a. www.tuttolevangelo.com

: È lo stato di chi è libero, l essere libero, ossia la condizione che permette a. www.tuttolevangelo.com LA LIBERTÀ CRISTIANA di Pasquale Puopolo Pagina 1 di 5 : È lo stato di chi è libero, l essere libero, ossia la condizione che permette a un individuo di agire senza impedimenti, ovvero di scegliere se

Dettagli

ECCO COME «NASCONO» LE FALSE DOTTRINE

ECCO COME «NASCONO» LE FALSE DOTTRINE ECCO COME «NASCONO» LE FALSE DOTTRINE Ti sei mai chiesto come nasce una falsa dottrina? Ti sei mai chiesto cosa è che produce una falsa dottrina? Ti sei mai chiesto qual è la formula teologica che porta

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia

La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia da uno scritto di Claudia Guiati "Noi non siamo infatti come quei molti che falsificano la parola di Dio; ma parliamo mossi da sincerità, da parte di Dio,

Dettagli

Chiesa Cristiana Evangelica Il Libro della Vita CORSO FTM1 www.illibrodellavita.it APOCALISSE

Chiesa Cristiana Evangelica Il Libro della Vita CORSO FTM1 www.illibrodellavita.it APOCALISSE INTRODUZIONE: APOCALISSE Si tratta di un nuovo genere letterario nel panorama del Nt. L apocalisse è un genere ebraico, che si occupa della fine dei tempi e di offrire una visione particolare della storia

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Presa di posizione La concezione di Battesimo e Suggello nella Chiesa Neo-Apostolica

Presa di posizione La concezione di Battesimo e Suggello nella Chiesa Neo-Apostolica Presa di posizione La concezione di Battesimo e Suggello nella Chiesa Neo-Apostolica Chiesa Neo-Apostolica pagina 1 di 5 1 Il Santo Battesimo con acqua (testo basilare) 1.1 Il sacramento del Santo Battesimo

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI Una lacrima per i Defunti evapora, un fiore sulla tomba appassisce, una preghiera, invece, arriva fino al cuore dell Altissimo. (Sant Agostino) 1 L'eterno riposo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Filippesi 4:10,14-19 Investire bene

Filippesi 4:10,14-19 Investire bene Filippesi 4:10,14-19 Investire bene filename:50-0410a.doc di Marco defelice, www.aiutobiblico.org Intro: l importanza di investire bene Come stai investendo la tua vita? Ci sono certe verità che anche

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LA PREGHIERA DEL CRISTIANO

LA PREGHIERA DEL CRISTIANO LA PREGHIERA DEL CRISTIANO La preghiera è la prova sicura della fede in Dio e nella sua parola. Essendo essa un colloquio dell anima con Dio come il figlio al Padre, Dio ha stabilito determinate condizioni

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

La decima e le offerte di digiuno

La decima e le offerte di digiuno La decima e le offerte di digiuno Placeholder «P ortate tutte le decime alla casa del tesoro e mettetemi alla prova in questo, dice l Eterno degli eserciti; e vedrete s io non v apro le cateratte del cielo

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Maggio ogni giorno con Maria

Maggio ogni giorno con Maria Maggio ogni giorno con Maria Maria, Maestra di contemplazione: i misteri della luce Il Rosario con San Giovanni Paolo II [BRUNA FREGNI] Proposta ispirata alla lettera apostolica sul Rosario di papa Giovanni

Dettagli

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009 Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense Anno accademico 2008/2009 Elaborato in occasione del corso di francescanesimo: L anima francescana.

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

Lo studio della Bibbia è benefico

Lo studio della Bibbia è benefico Lo studio della Bibbia è benefico Tanti anni fa, un capitano ancorò la sua nave nel porto di un'esotica isola del Pacifico Meridionale. A veva sentito dire che gli indigeni, un tempo cannibali, ora accoglievano

Dettagli

I SANTI SEGNI. ASSUNTO: Tutti i SEGNI rimandano a Dio e raggiungono la loro pienezza nel SEGNO PIU GRANDE: l EUCARISTIA.

I SANTI SEGNI. ASSUNTO: Tutti i SEGNI rimandano a Dio e raggiungono la loro pienezza nel SEGNO PIU GRANDE: l EUCARISTIA. I SANTI SEGNI ASSUNTO: Tutti i SEGNI rimandano a Dio e raggiungono la loro pienezza nel SEGNO PIU GRANDE: l EUCARISTIA. In questo mondo, noi non vediamo Dio, in maniera diretta ed immediata ( = senza mediazioni),

Dettagli

12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana. 47a Giornata mondiale per le comunicazioni sociali

12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana. 47a Giornata mondiale per le comunicazioni sociali sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana Ascensione del Signore / c 47a Giornata mondiale per le comunicazioni

Dettagli

Liturgie matrimoniali

Liturgie matrimoniali Liturgie matrimoniali Le Chiese battiste (e i suoi pastori!) hanno sempre rivendicato libertà nelle forme di liturgia da utilizzare non solo nel culto domenicale, ma anche nei culti speciali. La diversità

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Definizione delle due discendenze adamitiche (Cfr. Lorenzo Ventrudo, Genesi, opera in pubblicazione; stralcio)

Definizione delle due discendenze adamitiche (Cfr. Lorenzo Ventrudo, Genesi, opera in pubblicazione; stralcio) Definizione delle due discendenze adamitiche (Cfr. Lorenzo Ventrudo, Genesi, opera in pubblicazione; stralcio) Dopo quanto esposto, proponiamo la seguente definizione diversificata delle due discendenze

Dettagli

SAN TOMMASO DEI BATIUTI

SAN TOMMASO DEI BATIUTI rr;;;:.-~ J/(::il. 10 ~m. "'~"'. TO O H "NT U. CAPPELLANIA OSPEDALE SAN TOMMASO DEI BATIUTI PORTOGRUARO 19 Settelnbre Benedizione Cappella 2014 San Giovanni Paolo II BENEDIZIONE DELL'ACQUA E ASPERSIONE

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

GALATI 4: 4-5 (1-7) Natale

GALATI 4: 4-5 (1-7) Natale Natale GALATI 4: 4-5 (1-7) 1.- Noi siamo abituati a circondare l evento della nascita di Gesù con quella che chiamiamo la poesia del Natale una poesia che tra origine dai racconti di Luca e di Matteo,

Dettagli

L arma più potente del diavolo è la condanna provocata dalla voce dentro di noi, e le voci esterne che governano questo mondo fatto di apparenza.

L arma più potente del diavolo è la condanna provocata dalla voce dentro di noi, e le voci esterne che governano questo mondo fatto di apparenza. L arma più potente del diavolo è la condanna provocata dalla voce dentro di noi, e le voci esterne che governano questo mondo fatto di apparenza. Dai giorni di Adamo ed Eva nel giardino dell'eden, Adamo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore?

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? Parrocchia Gesù Crocifisso VAJONT Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? INCONTRO CEB E GRUPPI FAMILIARI Marzo 2012 Presso fam. Via giorno Ore Introduzione Tutti abbiamo una grande sete di amore,

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

CHE COS E LA CHIESA DI CRISTO

CHE COS E LA CHIESA DI CRISTO CHE COS E LA CHIESA DI CRISTO E doveroso fare una premessa, affinché si comprenda bene cosa significhi il termine chiesa di Cristo, perché questa parola, nel linguaggio comune, identifica un edifico in

Dettagli