Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini. 2^ serata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini. 2^ serata"

Transcript

1 Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini 2^ serata Ieri sera abbiamo sentito cosa è successo al momento della liberazione dall Egitto. Quell evento doveva essere celebrato ogni anno in memoria della liberazione. La sera del giovedì santo (inizio cella giornata di venerdì) si dice che Gesù abbia ripetuto il rito della cena pasquale ma, se leggiamo il vangelo secondo Giovanni al cap. 13 non troviamo alcun riferimento al rito ebraico ad eccezione del fatto che Giuda Iscariota abbia intinto il pane nella zuppiera con Gesù.. Il resto del rito (erbe amare, le vesti indossate in modo particolare, il bastone in mano, la salsa che ricordava la creta d Egitto, la condivisione dei calici) non viene citato. Gv 13, Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine. 2 Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, 3 Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, 4 si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. 5 Poi versò dell'acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugamano di cui si era cinto. 6 Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: "Signore, tu lavi i piedi a me?". 7 Rispose Gesù: "Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo". 8 Gli disse Pietro: "Tu non mi laverai i piedi in eterno!". Gli rispose Gesù: "Se non ti laverò, non avrai parte con me". 9 Gli disse Simon Pietro: "Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!". 10 Soggiunse Gesù: "Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti". 11 Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: "Non tutti siete puri". 12 Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: "Capite quello che ho fatto per voi? 13 Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. 14 Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. 15 Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi. 16 In verità, in verità io vi dico: un servo non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato. 17 Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica. 18 Ve lo dico fin d'ora, prima che accada, perché, quando sarà avvenuto, crediate che Io Sono. 20 In verità, in verità io vi dico: chi accoglie colui che io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato". 21 Dette queste cose, Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: "In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà". 22 I discepoli si guardavano l'un l'altro, non sapendo bene di chi parlasse. 23 Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. 24 Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. 25 Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: "Signore, chi è?". 26 Rispose Gesù: "È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò". E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariota. 27 Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: "Quello che vuoi fare, fallo presto". 28 Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; 29 alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: "Compra quello che ci occorre per la festa", oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. 30 Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte. In Gv 13,1 si nota la frase prima della festa di Pasqua e questa frase è stata interpretata dagli esegeti, anche alla luce delle scoperte avvenute negli anni 40 a seguito del ritrovamento dei rotoli di

2 Qumran, sede di un antica comunità pseudomonastica, attribuendo a Giovanni l intenzione di anticipare la cena pasquale in modo che il sacrificio sulla croce di Gesù coincida con il sacrificio degli agnelli al tempio. Questo per permettere agli interlocutori di fede ebraica di identificare Gesù con l agnello immolato, attribuendo così al sangue di Gesù il potere salvifico del sangue dell agnello. Gesù diventa la via della salvezza, il perdono dei peccati come il capro espiatorio liberava il villaggio dal peccato. Ricordiamoci che alla sera del giovedì Gesù è ancora vivo e quindi nessuno poteva ipotizzare così a breve la sua morte e tanto meno la resurrezione, per cui la Pasqua cristiana deve essere stata concepita in un secondo momento, quando i vangeli hanno preso forma. L idea di fondo di Giovanni è quella di far coincidere le due cose per dimostrare che Gesù è lo strumento della salvezza. Secondo la tradizione evangelica Gesù muore alle tre del pomeriggio del venerdì e non all imbrunire del giovedì (inizio del venerdì). Per aiutarci a collegare i due diversi momenti Giovanni pone l istituzione dell eucaristia durante l ultima cena, a indicare che l ultima cena non è l anticipazione della Pasqua, ma è già la Pasqua. Il sacrificio dell agnello si realizza in quel momento e si prolunga fino alla resurrezione, o meglio, fino alla discesa dello Spirito Santo. Secondo i tempi degli uomini questi due eventi si distinguono, ma nel tempo di Dio sono un unico grande mistero. In effetti, il tempo di Pasqua si conclude con la Pentecoste. Perché Giovanni fa tutte queste cose? Per aiutarci a capire come si realizzano le parole che abbiamo ascoltato nella lettura che abbiamo appena fatto di un brano del cap. 12 del vangelo secondo Giovanni quando Gesù dice: Ora l anima mia è turbata; e che devo dire? Padre, salvami da quest ora? Ma per questo sono giunto in quest ora! Padre glorifica il tuo nome. (Gv 12, 26-28). E come glorificherà il suo nome in Gesù il Padre? Giovanni ce lo dice sempre nello stesso brano che abbiamo ascoltato: E giunta l ora che sia glorificato il Figlio dell uomo. In verità vi dico: se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna. (Gv 12, 23-25). Segue Gv 12, 26: Se uno di voi mi vuol servire mi segua, e dove sarò io, là sarà anche il mio servo. Questo è l orizzonte dentro il quale dobbiamo leggere quel primo brano cap. 13 del vangelo secondo Giovanni che è la così detta lavanda dei piedi. Gesù sapeva che tutto il suo cammino verso la Pasqua era volto a giungere a quell ora, che non è un tempo solo cronologico, ma è un tempo di salvezza. L ora nel vangelo di Giovanni è il momento della redenzione e della salvezza, per cui questo vangelo è anche detto il vangelo dell ora. Tutta la creazione fino a quel momento ha continuato a gemere le doglie del parto, come dice san Paolo, in attesa di quell ora, in attesa che l agnello pasquale venisse sacrificato per rendere la vita a chi l aveva persa a causa del peccato. La Pasqua è l ora, ed è un ora difficile perché passa attraverso il sacrificio Pasqua come passaggio, non del mar rosso come nell Esodo, ma passaggio da questo mondo al Padre, ossia da noi stessi alla pienezza del rapporto con Dio (Gv 13,1), che non deve essere confuso con la morte ma con il raggiungimento della piena realizzazione della nostra vita, lo scopo ultimo della creazione. Sapendo che era giunta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, dopo aver amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine. (Gv 13,1). E un modo molto concreto per dirci che non potremo mai comprendere tutto ciò che Dio ha fatto, fa, e farà per noi alla luce di un pensiero

3 filosofico o accostandoci al vangelo in modo dottrinale; lo comprenderemo solo entrando nella logica che spinge Dio ad amare i suoi fino alla fine. Ma di che tipo di amore stiamo parlando? Il verbo greco che viene utilizzato nel testo è il verbo agapao, da cui il sostantivo agape, che è una parola greca che noi a volte usiamo. Il verbo agapao, tra l altro un verbo poco usato al tempo di Gesù, indica l affabilità con cui ci si pone nei confronti di una persona che di suo non ha nessun motivo per farsi voler bene; quindi l amore di Dio non è un amore qualsiasi, ma è quell amore capace di voler bene anche a chi non ci offre alcun motivo per essere amato, potremmo dire anche a che è cattivo perché non fa nulla per meritare il nostro amore, la nostra agape. Dio ci ama anche se non lo meritiamo. L amore di Dio è un amore di affabilità che non ha paragoni in termini umani. In proposito san Paolo nella lettera ai romani dirà che, è difficile trovare delle persone che siano disponibili a fare qualche cosa per gli altri, al massimo si trova qualcuno disponibile ad amare una persona per bene, ma, continua san Paolo, mentre noi eravamo ancora peccatori Cristo è morto per noi. Avendo amato i suoi che erano nel mondo li amò fino alla fine. L amore non può avere dei confini: non c è mai un amore sotto condizione, perché l amore è senza limiti: o si ama fino alle estreme conseguenze o l amore rischia di non essere un vero amore. Gesù sapeva che stava per tornare al Padre e l unico modo per poter compiere la sua missione era quello di amare i suoi fino alla fine. Nel racconto dell ultima cena Giovanni inserisce l episodio dell annunzio del tradimento di Giuda Iscariota (Gv 13, 21-30) ad indicare la premeditazione nel cuore di Giuda. Proviamo a capire meglio cosa succede nell ultima cena. Gesù sapeva che il Padre aveva posto tutto nelle sue mani, e questo significa che in lui, in quel momento, era presente la sorte del mondo per tutta l eternità. In Cristo si ricapitola, dice san Paolo, tutto l universo e tutta la creazione, quindi anche noi siamo nelle sue mani altrimenti non potremmo far parte della creazione. Gesù è nato da Dio, e nel linguaggio biblico essere nati da Dio significa essere Dio stesso, avere in sé la divinità. Cristo Gesù, pur essendo di natura divina e sapendo che era giunto al momento cruciale della sua missione, compie un gesto che per un ebreo del tempo sarebbe molto significativo: si alza da tavola, inconcepibile nella cultura del tempo, secondo la quale, durante il pasto, il padrone di casa non si alza perché tocca agli schiavi servire i commensali. Dopo essersi alzato da tavola si toglie le vesti e si cinge la vita con l asciugatoio, che era un piccolo pezzo di tela che non copriva praticamente nulla. Colui che sa di avere tutto nelle mani si alza, depone le vesti, assumendo l abbigliamento tipico dei servi che si muovevano per casa in vesti corte (praticamente nudo), e quindi assumendo egli stesso la condizione di servo. Questo ci viene ricordato dalla lettera ai Filippesi ( Fil 2, 6-7) quando San Paolo dice che Cristo Gesù, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio ma spogliò se stesso assumendo la condizione di servo. I teologi interpretano questo spogliarsi di Gesù non tanto come un togliersi i vestiti, quanto come uno svuotarsi delle proprie prerogative divine ponendosi ultimo tra gli ultimi nella condizione di colui che tutto deve a che gli sta davanti e che nulla ha da fare chenosis. E chi sta davanti a Gesù in quel momento è il Padre a cui Gesù sta tornando. Gesù si spoglia davanti a Dio.

4 Una spogliazione così profonda evidenzia la verità ultima su Gesù: il vero Gesù non quello seduto sul trono mentre domina l universo ma è quello spogliato di tutto che non ha neppure la dignità di uno schiavo perché è nudo. Inoltre compie le mansioni abitualmente affidate agli schiavi: versa l acqua nel catino, lava i piedi dei commensali (i discepoli) e li asciuga togliendosi l unico indumento che indossa, perde persino la dignità dello schiavo e, nudo di fronte a tutti, lava i piedi ai discepoli. I discepoli rappresentano l Umanità, ed ecco quindi che Gesù diventa il servo di tutti. Questa è una logica che sta al di fuori di ogni logica, sia filosofica sia scientifica. Gesù stravolge completamente l idea che possiamo avere di lui in quanto signore dell universo, ma stravolge anche l idea cha abbiamo di noi perché ci dice che il compimento della sua missione non è compimento di potere ma è servizio, servizio totale. Cristo torna al Padre sotto la figura del servo dopo aver detto lui stesso io non sono venuto nel mondo per essere servito ma per servire, dopo essersi messo a nostra disposizione come colui che serve. Pietro non capisce; lui, ebreo tra gli ebrei, ritiene scandaloso farsi lavare i piedi da quello considera il suo maestro, perché questo sovverte i normali rapporti umani e lo mette in condizione di non capire cosa stia succedendo. Da ebreo comprende i gesti ma non riesce ad attribuire loro il giusto significato. A volte vorremmo che il Signore fosse grande e potente anche nei nostri confronti, ci lavi pure i piedi ma non ci chieda di fare altrettanto (venga in nostro aiuto quando ne abbiamo bisogno, per esempio nella malattia, ma non ci chieda di cambiare vita). Ma Gesù si muove in una dimensione diversa da quella a cui siamo abituati, le sue vie non sono le nostre vie. Signore tu lavi i piedi a me? chiede Pietro, e Gesù gli risponde: Quello che io faccio tu ora non lo capisci ma lo capirai dopo. (Gv 13, 6-7) Con questa frase ci chiede di fidarci di lui, quando non capiamo perché succedono cose dolorose, quando la malattia ci aggredisce, quando i nostri ideali risultano perdenti, quando le cose vanno male. Capiremo dopo, ma quando? Dopo la resurrezione certo, ma soprattutto quando avremo imparato a ragionare secondo la logica della lavanda dei piedi, secondo la logica di Gesù. Se non ti laverò non prenderai parte alla mia vita. (Gv 13,8). Se il cristiano non si lascia lavare i piedi da Gesù non potrà entrare in comunione con lui, non potrà mettersi alla sua sequela, perché solo lasciandoci servire da Gesù possiamo imparare a servire; la sua vita sarà sempre mancante di qualcosa. Pietro capisce e dice Gesù: Signore, non solo i piedi ma anche le mani e il capo. (Gv 13,9). Questa affermazione può essere attribuita all irruenza di Pietro, ma in realtà sottintende una profonda relazione di Pietro con Gesù. Quando Pietro comprende che quella è la sola via della salvezza abbandona ogni remora di carattere formale, tutti i problemi di legge e accetta, anche se forse in quel momento non capisce fino in fondo, che è ciò che capita al cristiano quando si trova di fronte a Gesù: il cristiano non è colui che capisce tutto ma è colui che accetta di essere amato da Gesù per poter essere salvato.

5 Se, come Pietro, ci trovassimo in mezzo al mare in tempesta e vedessimo Gesù che cammina sulle acque per venirci a salvare, non ci butteremmo anche noi in acqua per corrergli incontro, anche a rischio di sprofondare nell acqua? Il rischio che si corre è l intellettualismo, una fede fatta di idee e pensieri che ci arricchiscono culturalmente ma che non ci cambiano la vita. Senza l amore la fede sparisce. Diceva sant Agostino Credo per amare, ma amo per credere. Queste due cose sono inscindibili. E Gesù continua: chi ha fatto il bagno non ha bisogno di lavarsi se non i piedi; è già tutto mondo e voi siete mondi, ma non tutti. (Gv 13,10). Lo dice rivolto ai discepoli, che hanno vissuto accanto a lui negli anni della predicazione. Questo periodo di rodaggio, vissuto tra le difficoltà e senza cogliere sostanzialmente nulla della natura di Gesù li ha purificati anche senza che loro se ne rendessero conto. Chi crede di essere sempre allo stesso punto ma ha avuto la perseveranza di convivere con Gesù anche senza ottenere risultati apparenti, si purifica lungo il cammino. Gesù ha lavorato in lui nel silenzio. Al termine della lavanda dei piedi Gesù ritorna il maestro: si riveste, si siede a tavola e assume il suo ruolo, come nel discorso della montagna prima del quale Gesù si siede e incomincia ad insegnare. Dopo aver condotto i discepoli lungo un cammino esperienziale, inizia a fare catechesi, al contrario di come generalmente si procede nella chiesa, nella quale la catechesi precede l esperienza diretta, non tenendo conto che la parola di Dio si comprende solo alla luce dell esperienza. Gesù ritorna il maestro e dice ai discepoli: sapete quello che vi ho fatto? Voi mi chiamate maestro e Signore e dite bene perché lo sono. È questa una delle rare volte in cui Gesù si definisce maestro, quasi un rafforzamento delle cose che sta per aggiungere: se dunque io che sono il maestro ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavarli gli uni agli altri. Questa è la logica conseguenza dell aver preso parte alla lavanda dei piedi: chi ha fatto l esperienza dell amore di Gesù non può più rimanere indifferente al servizio verso gli altri: dobbiamo metterci a servizio sull esempio del maestro, dobbiamo anche noi diventare attori di salvezza. Spesso si usa questo brano per invitare i cristiani ad andare verso i poveri, ma Gesù sta parlando agli apostoli, ossia alla chiesa, quindi l invito rivolto alla chiesa è quello, innanzi tutto, di porsi al servizio reciproco al suo interno, perché possa diventare segno nel mondo dell amore di Dio e quindi condurre l umanità a fare esperienza di amore venendo in contatto con essa. Da questo riconosceranno che siete miei discepoli, se vi amerete gli uni e gli altri. Nell ultima cena il Signore ci chiede di lavarci i piedi reciprocamente, perchè la comunione viene costruita nel servizio. Ma il servizio può essere vissuto in termini umani e allora costruisce potere, oppure può essere vissuto nello stile di Gesù e allora costruisce comunione. La differenza è molto sottile e spesso difficile da percepire perché, pur con tutti i buoni propositi siamo pur sempre condizionati dai nostri limiti umani. La cartina di tornasole per comprendere la sincerità del servizio sta nell osservare quanta comunione crea il servizio, se ne crea. Se il servizio non crea comunione significa che non abbiamo assunto la condizione del servo, non ci siamo alzati da tavola, non ci siamo tolti i vestiti e non ci siamo cinti con l asciugamano, in breve non abbiamo fatto quello che ha fatto Gesù nell ultima cena, perché l essenziale non sta nel gesto ma nello spirito con cui si compie il gesto. Possiamo anche lavare i piedi ai fratelli senza creare alcuna forma di comunione. La lettera agli ebrei dice più volte che Cristo ci ha dato l esempio: perché come ho fatto io facciate anche voi. (Gv 13,15). Il giovedì santo ci offre l occasione di riflettere si questo aspetto. Quando il sacerdote recita nella consacrazione fate questo in memoria in me non dobbiamo solo pensare al

6 fatto di ripetere all infinito la messa, ma dobbiamo anche e soprattutto pensare al gesto della lavanda dei piedi: mettetevi al servizio degli altri come io mi sono messo al vostro servizio. Questa è la sostanza della messa. La conversione della Pasqua non ci deve portare a essere più santi, ma più servi perché solo diventando più servi possiamo diventare più santi. Gesù era servo, non santo, e l unica strada verso la santità passa attraverso il servizio. Vi ho dato infatti l esempio perché come ho fatto io facciate anche voi perché un servo non è più grande del suo padrone, né un apostolo è più grande di chi lo ha mandato. Sapendo questo cose siamo beati se le mettiamo in pratica. Mangiare il corpo del Signore ci dà la possibilità di diventare come lui, di fare come lui, di vivere questa logica, fino alla fine, perché questa è la logica del chicco di grano che dà frutto solo se muore a sé stesso. Il chicco che non muore non porta alcun frutto. L alternativa è la scelta di Giuda, che ha mangiato il boccone intinto con Gesù ma che si è lasciato possedere dal diavolo. Gv 13, Noi possiamo prendere il boccone di Cristo, mangiare l agnello pasquale che ci sostiene nel fare tutto quello che abbiamo visto o possiamo prendere il boccone del diavolo e allora finiamo come Giuda, che, dopo aver preso il boccone uscì e, dice il testo, era notte. La visione di Giovanni dell ultima cena è diversa da quella degli altri vangeli, perché non solo descrive il fatto, ma ne approfondisce il significato e ne amplia la portata nei nostri confronti. Sono parola su cui riflettere perché sono di una forza straordinaria. Il versetto Gv 13,1 potrebbe essere letto così: Grazie Signore perché, sapendo che era giunta la tua ora di passare da questo mondo al Padre, dopo averci amato ci hai amati fino alla fine.

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore?

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? Parrocchia Gesù Crocifisso VAJONT Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? INCONTRO CEB E GRUPPI FAMILIARI Marzo 2012 Presso fam. Via giorno Ore Introduzione Tutti abbiamo una grande sete di amore,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA IN CENA DOMINI) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA IN CENA DOMINI) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA IN CENA DOMINI) ======================================================

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

EUCARISTIA. VOLTO DI CRISTO. VOLTO DEL DISCEPOLO. VOLTO DELLA CHIESA. ADORAZIONE EUCARISTICA DEL GIOVEDI SANTO 2015

EUCARISTIA. VOLTO DI CRISTO. VOLTO DEL DISCEPOLO. VOLTO DELLA CHIESA. ADORAZIONE EUCARISTICA DEL GIOVEDI SANTO 2015 EUCARISTIA. VOLTO DI CRISTO. VOLTO DEL DISCEPOLO. VOLTO DELLA CHIESA. ADORAZIONE EUCARISTICA DEL GIOVEDI SANTO 2015 INTRODUZIONE: Questa adorazione si presenta come una Via Crucis in cui vengono ripresi

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini. 3^ serata

Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini. 3^ serata Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini 3^ serata Siamo alla seconda lettura della messa in coena domini e per questo utilizzeremo la prima lettera di San Paolo ai Corinzi. Ne leggeremo durante

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2 (Da Revisionare) Apocalisse 12:7 E ci fu una battaglia nel cielo: Michele e i suoi angeli combatterono contro il dragone. Il dragone e i suoi angeli combatterono, 8 ma non vinsero, e per loro non ci fu

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE. Lectio e meditatio

Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE. Lectio e meditatio Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE Lectio e meditatio Lc 22,19-27 Il Signore Gesù poi prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI 7 GIUGNO 2015 BASILICA CATTEDRALE CASSANO ALLO IONIO Dove vuoi che andiamo a preparare la cena di Pasqua? Andate in città! Dove vuoi che andiamo a preparare perché tu

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Meditazioni sulle letture Messa in Cena Domini

Meditazioni sulle letture Messa in Cena Domini Meditazioni sulle letture Messa in Cena Domini 1^ SERATA Nella Messa della sera del giovedì santo si celebra l istituzione dell Eucaristia. Stranamente però, mentre il Natale si celebra una sola volta

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

SOLENNITA DEI SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO

SOLENNITA DEI SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO SOLENNITA DEI SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO Chi ha visto me, ha visto il padre (Giovanni, 14, 9). Ma anche: chi ha visto come Gesù agisce, ha visto come agisce il Padre. Gesù come noi ricordiamo nella Solennità

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Lectio di fra Luca Fallica

Lectio di fra Luca Fallica Lectio di fra Luca Fallica Il percorso che farete quest'anno è sul Vangelo di Giovanni. Allora per questo momento introduttivo ho pensato, più che fare una lectio sul testo, su un brano, di presentare

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli BENEDIZIONE Il celebrante benedice le mamme, che tengono in braccio il loro bambino, quindi i papà e tutti i presenti, dicendo: Dio onnipotente, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla vergine Maria,

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

Preghiera per la Fede Paolo VI

Preghiera per la Fede Paolo VI Preghiera per la Fede Paolo VI Signore, io credo: io voglio credere in Te. O Signore, fa che la mia fede sia piena, senza riserve, e che essa penetri nel mio pensiero, nel mio modo di giudicare le cose

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Ritiro di Sacrofano della Comunità diaconale della diocesi di Roma 20 21 22 aprile 2012 4 ^parte don Nicola Filippi

Ritiro di Sacrofano della Comunità diaconale della diocesi di Roma 20 21 22 aprile 2012 4 ^parte don Nicola Filippi Ritiro di Sacrofano della Comunità diaconale della diocesi di Roma 20 21 22 aprile 2012 4 ^parte don Nicola Filippi Ubi cáritas est vera, Deus ibi est. Abbiamo meditato le tre strofe dell Ubi Caritas che

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Giovanni 6, 41-59. Il pane che io vi darò è la mia carne per la vita del mondo

Giovanni 6, 41-59. Il pane che io vi darò è la mia carne per la vita del mondo 19 marzo 2001 Giovanni 6, 41-59 Il pane che io vi darò è la mia carne per la vita del mondo 41 42 43 44 45 La carne e il sangue di Gesù, il suo corpo totalmente donato ai fratelli, rende visibile quel

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

GESÙ SALVATORE PANE DI VITA Parrocchia S. Girolamo Arcoveggio, 29 maggio 2006

GESÙ SALVATORE PANE DI VITA Parrocchia S. Girolamo Arcoveggio, 29 maggio 2006 GESÙ SALVATORE PANE DI VITA Parrocchia S. Girolamo Arcoveggio, 29 maggio 2006 Il tema che avete scelto per la vostra celebrazione della Decennale vi porta al centro stesso della nostra fede: Gesù Salvatore

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO

2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO SCHEDA 5 (per operatori) Nota introduttiva 2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO Questa scheda può essere una lectio sulla pagine delle nozze di Cana, completata dalla Lettera ai fidanzati di Giordano

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Oleggio, 12/02/2012. Letture: Levitico 13, 1-2.45-46 Salmo 32 (31) 1 Corinzi 10, 31; 2, 1-11 Vangelo: Marco 1, 39-45

Oleggio, 12/02/2012. Letture: Levitico 13, 1-2.45-46 Salmo 32 (31) 1 Corinzi 10, 31; 2, 1-11 Vangelo: Marco 1, 39-45 1 Oleggio, 12/02/2012 VI Domenica del Tempo Ordinario. Anno B Letture: Levitico 13, 1-2.45-46 Salmo 32 (31) 1 Corinzi 10, 31; 2, 1-11 Vangelo: Marco 1, 39-45 Lo voglio, sii purificato! Ti ringraziamo,

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

OMELIA S. Messa in Coena Domini 5 aprile 2012

OMELIA S. Messa in Coena Domini 5 aprile 2012 OMELIA S. Messa in Coena Domini 5 aprile 2012 Fratelli e sorelle carissimi, amati confratelli nel sacerdozio, con questa liturgia solenne e suggestiva diamo inizio al triduo pasquale, i tre giorni più

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Polistena, Mercoledì delle Ceneri 2014 DON PINO

Polistena, Mercoledì delle Ceneri 2014 DON PINO 1 Sorelle e Fratelli carissimi, il tempo di Quaresima è una grande occasione che Dio ci dona in ogni anno liturgico: Tempo forte, di grazia e di salvezza, tempo che ci guida a Pasqua, per una visione più

Dettagli

"La libertà e l'amore"

La libertà e l'amore "La libertà e l'amore" Per il lavoro, la riflessione e la preghiera LA SCRITTURA: Gal 5,13-14; Fil 2; Gal 2,20; Gv 15; Rm 7,15; LA LETTERATURA Da Il Piccolo Principe scritto da Antoine de Saint-Exupéry

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

LA PREGHIERA. In realtà l argomento va ben oltre ad una semplice supplica o ringraziamento.

LA PREGHIERA. In realtà l argomento va ben oltre ad una semplice supplica o ringraziamento. LA PREGHIERA Alla domanda : CHE COSA E LA PREGHIERA? quasi sicuramente il cristiano abbozzerebbe in modo grossolano, una risposta, ricavata dagli anni di fede, dagli insegnamenti pastorali, dagli studi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Introduzione Ci ritroviamo insieme questa sera per celebrare la Cena del Signore, al termine del cammino quaresimale. Il clima pasquale fa da

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. È un cam m ino di preghiera m olto presente nella tradizione della Chiesa: essa aiuta i credenti a far m em oria della passione del Salvatore per rendere presente il suo am ore salvifico nella loro vita

Dettagli

Come ho fatto io, fate anche voi

Come ho fatto io, fate anche voi Benedici il Signore, anima mia, quanto è in me benedica il suo santo nome. Benedici il Signore, anima mia, non dimenticare tanti suoi benefici. Egli perdona tutte le tue colpe, guarisce tutte le tue malattie;

Dettagli

Maggio ogni giorno con Maria

Maggio ogni giorno con Maria Maggio ogni giorno con Maria Maria, Maestra di contemplazione: i misteri della luce Il Rosario con San Giovanni Paolo II [BRUNA FREGNI] Proposta ispirata alla lettera apostolica sul Rosario di papa Giovanni

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Viviamo nell era della

Viviamo nell era della PREGHIERA E CATECHESI Nell attesa della venuta di Gesù, ogni giorno c è un per te Una proposta di preghiera personale per ogni giorno di Avvento Viviamo nell era della comunicazione «continua». Il ne è

Dettagli

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono:

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono: Sacramento del Il Battesimo è la purificazione dal peccato originale e il dono della Nuova Vita, come amati e prediletti Figli di Dio, appartenenti alla famiglia della Chiesa per mezzo dello Spirito Santo.

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli