Il cuore non dimentica mai. di Ilaria Carioti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il cuore non dimentica mai. di Ilaria Carioti"

Transcript

1

2 IL ROMANZO Erika si risveglia dal coma dopo un incidente, ma non ricorda più gli ultimi cinque anni della sua vita compresi il matrimonio con un uomo che ora le appare estraneo e la morte del padre. Dopo un anno di vita trascorso a cercare di rimettere insieme pezzi di un puzzle che non conosce e che le sembra essere avvolto da un mistero, Erika decide di ricominciare dal passato. Ritorna nel borgo toscano che ha ancora il sapore della sua infanzia dove riabbraccia i suoi vecchi amici: Luisa, l amica di sempre, e soprattutto Cristiano, il suo mitico compagno d avventure, al quale scopre di sentirsi legata da un sentimento sincero e profondo. Nel frattempo immagini confuse si accavallano nella sua mente ogni notte, sempre più nitide. L inquietudine diventa ossessione finché Erika comincia a portare alla luce un terribile segreto, custodito nel periodo buio della sua memoria. L AUTRICE Ilaria Carioti è nata a Nettuno, in provincia di Roma. Sposata, ha lavorato per anni come ragioniera, senza mai dimenticare le sue passioni da creativa: il disegno, la pittura e la scrittura. Negli ultimi anni, quest ultima ha prevalso. Prima di Il cuore non dimentica mai, ha auto-pubblicato altri due romanzi.

3 Il cuore non dimentica mai di Ilaria Carioti

4 2014 Libromania S.r.l. Via Giovanni da Verrazzano 15, Novara (NO) ISBN Prima edizione ebook ottobre 2014 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo volume può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma o con alcun mezzo elettronico, meccanico, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell Editore. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web L Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione. Progetto grafico di copertina e realizzazione digitale NetPhilo S.r.l. Qualsiasi riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale e indipendente dalla volontà dell autore.

5 Il cuore non dimentica mai

6 Capitolo I Erika aprì gli occhi. Davanti a lei il volto incredulo e commosso di sua madre. La osservò per un momento, senza comprendere bene dove si trovasse e cosa stesse accadendo. Poi, lentamente, il suo sguardo cominciò a vagare. L ambiente intorno a lei era asettico, la luce forte e accecante. I rumori ancora frastornanti. La voce di Clara, sua madre, sembrava provenire da molto lontano. Per un attimo chiuse le palpebre, poi le aprì nuovamente. Clara, con il volto rigato dalle lacrime, continuava a ripetere il suo nome. La vide premere un pulsante, accanto al letto. Poco dopo arrivò uno donna vestita di bianco che la guardò con aria stupita. Le si avvicinò, la osservò attentamente, poi disse alla donna, con una voce che sembrava provenire dall interno di un tubo d acciaio: Vado a chiamare un medico! e se ne andò di corsa. Pian piano, Erika riuscì a prendere coscienza dell ambiente che la circondava. Era evidentemente una camera di ospedale e lei doveva aver dormito parecchio. Sua madre continuava a carezzarle la mano e a guardarla con gli occhi pieni di gioia e lacrime. Piccola mia, bambina mia, temevo che non sarebbe mai arrivato questo momento! Lei la guardò e le strinse la mano, poi le chiese: E papà? La donna sgranò gli occhi. Il medico, appena arrivato, cominciò a trafficare con i macchinari

7 attaccati alla ragazza, poi prese a occuparsi di lei. Le analizzò gli occhi, le prese il polso. Clara, con voce finissima, gli disse: Ha chiesto di suo padre! L uomo si voltò un istante verso la donna con espressione turbata, poi le chiese di lasciarlo solo con la paziente. Dopo diversi minuti, finalmente, il dottore uscì dalla stanza e si recò verso Clara, che era nel corridoio, in trepidante attesa. Si ricorda bene di lei, di suo padre e della sua vita fino a, credo, qualche anno fa, ma nulla riguardo alla morte di lui, né sa di essere sposata. Sembra aver perso la memoria recente. La donna si mise le mani nei capelli. Anche se poteva già ritenersi soddisfatta di averla vista riaprire gli occhi contro ogni speranza, questa notizia la turbò profondamente. Crede che sia una situazione transitoria? L uomo alzò le spalle. E chi può dirlo? Soltanto il tempo potrà darci delle risposte... ora l importante è non forzarla troppo, lasciamola riprendersi in tutta tranquillità. La donna aveva la mente confusa, piena di domande alle quali sperava di trovar risposte dal dottor Franchi, che aveva preso a cuore la situazione di sua figlia, dal primo momento. Dottore, lei sa dirmi fino a quale periodo di vita giungono i suoi ricordi? Io ho provato a farle delle domande. Le ho chiesto quale fosse il suo ricordo più recente e mi ha parlato del vostro ristorante; di lei, di suo marito e di sua sorella Karina. Mi ha raccontato di ricordare quest ultima, con gli occhi colmi di felicità, annunciarvi l imminente arrivo del suo secondogenito... La donna non riuscì a nascondere un certo stupore. Ma l episodio a cui si riferisce mia figlia è avvenuto circa cinque anni fa, ora Mattia ha poco più di quattro anni! Non ne ho la certezza, ho potuto parlarle per poco tempo, però credo che lei ricordi la sua vita fino a quell epoca. La donna sembrava spaesata. Muoveva gli occhi da una parte all altra, cercando di razionalizzare la situazione che stava vivendo. Santo cielo! Sono successe così tante cose dopo quel periodo! Rivolse quindi il suo sguardo verso il medico e gli chiese, quasi intimorita:

8 Allora ancora non conosceva nemmeno l uomo che poi sarebbe divenuto suo marito! Dunque, secondo lei, non ricorderà nemmeno il suo volto? L uomo alzò le spalle di nuovo. Le ripeto che in questo momento è difficile darle risposte certe. È probabile che non lo riconosca, signora... però potremo saperlo con certezza soltanto quando lo avrà di fronte. Le consiglio di avvisarlo al più presto e, nel frattempo, di lasciare sua figlia un po sola, affinché si riprenda adeguatamente, prima di metterla davanti a situazioni difficili. La donna portò sconfortata la mano alla fronte. Sapeva che sarebbe toccato a lei metterla al corrente della morte del padre e farle rivivere una seconda volta quel terribile dramma. Poi però cercò di farsi coraggio e pensò tra sé: Non ci aspetterà un periodo facile, però affronterò tutto con grinta! Mia figlia, contro ogni pronostico, si è risvegliata! E questa è davvero l unica cosa che conta!

9 Capitolo II Clara, appena rimasta sola, aveva chiamato immediatamente Giuseppe, il marito di Erika. Gli aveva dato l incredibile notizia del risveglio di sua moglie, provocando in lui una reazione giustamente euforica. Non ci posso credere, Clara! I medici non si erano sbilanciati e non sembravano per nulla ottimisti! Temevo di averla persa per sempre! Però sapevo quanto fosse forte, ed ero davvero fiducioso di vederla tornare tra noi! Giuseppe, quindi, fece una breve pausa, poi chiese a Clara: E come sta? È lucida? La donna esitò qualche istante, poi replicò: Fisicamente sembra stare abbastanza bene... però, pare abbia qualche problema con la memoria... Pertanto, non sapendo come spiegargli la situazione per telefono, proseguì: Forse è meglio che ne parliamo di persona, appena arriverai in clinica! Clara, sono fuori Roma, però mi libererò immediatamente e presto sarò lì da te! Una volta terminata la telefonata, la donna andò alla finestra del corridoio a riflettere. Aveva bisogno di pensare un po da sola per radunare le idee. Anche se era ancora prematuro avanzare ipotesi sul futuro di sua figlia, provò a ipotizzare cosa sarebbe accaduto nel caso non avesse riconosciuto Giuseppe. Cosa sarebbe stato giusto raccontarle sul suo matrimonio e sulla morte del padre? Rimase parecchi minuti assorta nei suoi pensieri. Voleva essere pronta a ogni eventualità per poter decidere sul comportamento più consono da assumere. In fondo lei voleva soltanto il meglio per Erika, e ora, nel poco

10 tempo a disposizione, doveva prendere una decisione importante. Giuseppe arrivò dopo qualche ora. Clara lo vide giungere trafelato. A passo svelto l uomo raggiunse la donna e le chiese immediatamente di sua moglie. Allora, Clara! Come sta Erika? Non ho fatto altro che pensare alle poche parole che mi hai detto per telefono! Parlavi di perdita della memoria... ma è una situazione transitoria dovuta al coma? Cosa ha detto il dottor Franchi? Voglio sapere immediatamente tutto! Clara provò a saziare la sete di notizie del genero. Purtroppo il dottor Franchi non mi ha saputo dare notizie precise! Dice che per ora non si possono avere certezze! Comunque, allo stato attuale, Erika ha soltanto ricordi che risalgono fino a circa cinque anni fa... non ricorda nemmeno della morte di suo padre e non immagini quanto sia preoccupata di doverle far rivivere quella tragica perdita un altra volta! L uomo ascoltò le parole della suocera con attenzione, e rimase in silenzio qualche secondo per comprenderne il significato. Il suo sguardo era impietrito, i nervi del suo volto in forte tensione. Cominciò a sfregarsi il mento con fare nervoso, la fronte e le sopracciglia erano aggrottate. A un certo punto, appena razionalizzato, l uomo portò rapidamente il suo sguardo deciso su Clara. La donna rabbrividì. Suo genero era un uomo molto arguto e quella espressione aveva per lei un significato ben chiaro. Dunque, Clara, da quello che mi stai dicendo, con ogni probabilità, non si ricorderà nemmeno di me! L uomo continuò a osservare attentamente la suocera, poi aggiunse: Cinque anni fa noi non ci conoscevamo! Clara lo fissò dritto negli occhi soltanto un istante, poi, evidentemente in forte imbarazzo, spostò lo sguardo verso il basso. Da come stanno le cose... sembrerebbe proprio così! Poi aggiunse: Però soltanto i fatti potranno dimostrarlo! Soltanto quando l avrai di fronte potrai capire se veramente ti riconosce oppure no! Giuseppe andò verso la finestra, dove rimase per qualche istante a guardare fuori con aria assorta. Poi, si voltò di nuovo verso sua suocera e, con fare deciso, affermò: Bene! È arrivato il momento di scoprire la verità. Dai, andiamo da lei.

11 Clara entrò per prima nella camera di sua figlia. Le si avvicinò lentamente, per paura di disturbarla. Erika aveva gli occhi chiusi, però, appena sentì il rumore dei passi, li aprì e rivolse il suo sguardo, ancora smarrito, verso la madre. Clara le prese le mani tra le sue e le parlò con dolcezza. Erika, bambina mia, come ti senti? La ragazza si passò la mano sulla fronte. Sono ancora frastornata! Ho mal di testa e tanta stanchezza... Sua madre cercò di darle conforto. Vedrai che il tuo stato migliorerà rapidamente e presto potrai uscire da qui e tornare alla tua vita! Erika guardò verso il vuoto, poi rispose a sua madre. La mia vita... non mi è ben chiaro quale sia! Ho ricordi vaghi... e sembrano tanto lontani! A tal punto Giuseppe comparve dietro le spalle di Clara. Erika lo guardò stralunata. E lui chi è? Giuseppe prese una sedia e andò a sedersi vicino a sua moglie; dunque fissò Clara, invitandola, con lo sguardo, a rendere spiegazioni alla figlia. Clara sospirò e si fece coraggio ad affrontare quella difficile situazione. Erika, piccola mia, immagino che ti senta confusa in questo momento ed è normale. Il dottor Franchi ha detto di averti parlato e mi ha spiegato che, con ogni probabilità, devi aver perso la memoria recente. I tuoi ricordi sembrano risalire a parecchi anni fa! Magari le cose presto cambieranno... e tutto tornerà come una volta. Non dobbiamo aver fretta, il tuo risveglio è già un miracolo! Erika si strofinò il viso, disturbata dalle parole di sua madre. Poi provò a ragionare, anche se in quel momento non era per nulla facile mettere insieme delle idee. Mamma, tutto questo discorso cosa vuol dire? Quindi rivolse il suo sguardo verso Giuseppe. Io ti ho chiesto chi è quest uomo... poi proseguì, avendo acquisito la giusta consapevolezza. Vuoi dire che lo conosco, vero? Che dovrei ricordare il suo volto? La donna, in evidente difficoltà, aprì la bocca nel tentativo di dare le dovute spiegazioni a sua figlia.

12 Giuseppe però le toccò una spalla e la fulminò con lo sguardo. Clara chiuse la bocca, comprendendo che suo genero avesse intenzione di rivelare alla moglie la propria identità. L uomo prese la mano di Erika e, con dolcezza, iniziò a parlarle. Erika, amore mio, sono tuo marito... L uomo rimase un istante in silenzio, per dare il tempo a Erika di metabolizzare, prima di proseguire. Capisco perfettamente come ti senti, amore mio! Non devi sforzarti di ricordare... le cose verranno da sé, vedrai! Io ti sarò sempre vicino. Poi spostò una frazione di secondo il suo sguardo verso Clara, e proseguì: Ti giuro che presto torneremo ad essere felici! Clara e Giuseppe, su invito di un infermiera, avevano lasciato la stanza di Erika. Erano in corridoio. Giuseppe guardava fuori e Clara era seduta su una panchina, con lo sguardo rivolto verso il basso. Giuseppe, a un tratto, si rivolse alla donna. Devo parlare immediatamente con il Dottor Franchi! Clara lo guardò preoccupata perché conosceva il carattere di Giuseppe e sapeva che quando si metteva in testa una cosa era difficile fargli cambiare idea. Ma hanno detto che ora è impegnato.... L uomo non la fece terminare. Sai quanto me ne importa dei suo impegni! Sto pagando fior di quattrini per far stare qui Erika e per far sì che venga trattata con il dovuto riguardo e ora non starò ad aspettare che quel medico da quattro soldi si faccia i suoi comodi, prima di darmi l onore di ricevermi! Dunque si allontanò rapidamente lungo il corridoio e, appena vide un infermiera, la bloccò. Ascolti, dica immediatamente al Dottor Franchi che Giuseppe Marico ha urgenza di parlargli! l uomo guardò intensamente la donna, provocandole imbarazzo. Mi raccomando! Gli dica il mio nome e che ho molta fretta! Poi la lasciò andare. Dopo qualche minuto comparve il medico. Mi dica, signor Marico! L uomo si alzò di scatto dalla panchina dove si era appena seduto e,

13 guardando il dottore negli occhi, gli chiese: Io voglio notizie certe sulla situazione di mia moglie! Voglio sapere che possibilità ci sono che le torni la memoria... Il medico lo guardò preoccupato, percependo che l uomo che aveva di fronte, non era rassegnato ad accettare spiegazioni vacue. Signor Marico, come ho già detto a sua suocera, è difficile dare informazioni certe in questo momento. Poi però proseguì. Anche se devo ammettere che, dai referti che ho esaminato, non ho molte speranze che la situazione cambi. Tutto, poi, dipenderà da sua moglie; in questi casi, ripeto, è inopportuno sbilanciarsi. Il medico, dunque, poggiò una mano sulla spalla di Giuseppe. Per ora non posso dirle di più, però sa bene che sarò sempre a sua completa disposizione per ogni chiarimento e se vorrà, in futuro, mi occuperò di sua moglie personalmente, per seguirla nel modo più adeguato! Giuseppe annuì. Grazie, dottore! Sicuramente terrò conto della sua disponibilità! Quando il medico se ne fu andato, Giuseppe tornò di nuovo a guardare fuori dalla finestra, nel tentativo di riordinare le idee, in base alle ultime informazioni ricevute. Finalmente, dopo qualche minuto, si voltò verso Clara, che stava aspettando, impaziente di sentire cosa suo genero avesse intenzione di fare. Clara, credo sia inutile dirti che, vista la situazione, non è il caso di dare preoccupazioni a tua figlia! Ora lei ha bisogno soltanto di serenità! Poi si avvicinò alla donna e le pose le mani sulle sue braccia. Clara, tu sai quanto io ami tua figlia! Ne sei sempre stata consapevole e so di poter contare su di te, come in passato! Ti giuro che la renderò felice! Sai bene che le aspetta una vita piena di agi e di lusso... ma credo sia inutile starti a ricordare certe cose, so che hai sempre tifato per me e che hai dato soltanto consigli sensati a Erika! Dunque, questo preambolo, solo per essere sicuro che saprai come comportarti... anche sulla morte di suo padre! Giuseppe, non c è bisogno che mi dica certe cose! Sono sua madre e so benissimo cosa è meglio per lei! So bene che ora è del tutto inutile darle dispiaceri! Poi però un espressione perplessa apparve sul volto della donna. Devo però ammettere che sono preoccupata per cosa potrebbe accadere se un giorno le tornasse la memoria! So che mi odierebbe a morte per non

14 averle raccontato tutta la verità! Giuseppe cercò di dissipare ogni perplessità nella mente di Clara. Dirle adesso ogni cosa la farebbe stare solo molto male, del tutto inutilmente! Tu hai dimostrato sempre di volere solo il bene di Erika, proprio come me! Dunque non hai scelta, Clara! Se vuoi che lei finalmente sia felice, devi fidarti di me! Forse la perdita della sua memoria è stato il volere del destino! Noi due, insieme, costruiremo la nostra nuova vita, dove sarà dato spazio soltanto a gioia e amore, te lo prometto Clara! La donna annuì. Che il signore benedica le tue parole.

15 Capitolo III Erika era seduta sul comodo divano in vimini di una meravigliosa terrazza in un attico romano. Era a casa di amici di Giuseppe. Intorno a lei gente chic che rideva e schiamazzava. Le loro voci, le loro risa rimbombavano frastornanti nella sua testa. Guardava quelle persone divertirsi al ritmo di sciocche battute. Complimentarsi tra loro per gioielli ostentati con orgoglio. Bocche gonfie e carnose, seni prorompenti esibiti con superbia. Effimerità, frivolezza, voglia di apparire a tutti i costi. Erika guardava quelle persone, quel mondo, come uno spettatore esterno. Non si sentiva parte di loro e non capiva cosa ci facesse in quel posto. Finora, dopo il suo risveglio avvenuto circa un anno prima, aveva sempre rifiutato di partecipare ai festini degli amici di Giuseppe e lui, per molto tempo, aveva dovuto accettare la sua scelta. All inizio gli aveva confidato di non sentirsi a suo agio in mezzo alla gente. La testa ancora le doleva e i rumori le procuravano fastidio. Poi, purtroppo, un altro evento terribile si era abbattuto su di lei. Clara, già cardiopatica, i mesi successivi al risveglio della figlia aveva cominciato ad aggravarsi e una mattina era stata ritrovata morta nel suo letto da una signora che andava ad aiutarla nelle faccende domestiche. Per Erika fu un altro duro colpo. La donna era uno dei pochi legami con il passato. Era la sua unica certezza, non aveva altre persone veramente vicine su cui poter contare. Sua sorella Karina, di circa dieci anni più grande, si era sposata quindici anni prima e si era trasferita con il marito a Milano. Si vedevano raramente e parlavano ancor meno. La differenza d età si faceva sentire parecchio. La sua vita sociale, dunque, fino a qualche giorno prima, era stata

16 pressoché nulla. Aveva sempre evitato accuratamente ogni contatto con l esterno. Preferiva sprofondare nel suo dolore in completa solitudine. Ultimamente però Giuseppe si era fatto più insistente. Erano trascorsi ormai diversi mesi dal decesso di Clara e l uomo voleva che sua moglie tornasse a vivere. Lei, vista la perseveranza del marito, si era sentita costretta ad assecondarlo. Però le cose non erano migliorate affatto dentro di sé, anzi, il disagio, cominciando a frequentare quelli che dovevano essere i suoi amici, era aumentato. Si sentiva tra loro come un pesce fuor d acqua. Giuseppe le aveva presentato molte persone, che si erano mostrate gentili e ben disposte nei suoi confronti. Alcune di loro, a detta di suo marito, erano vecchie conoscenze. Gente che già frequentava prima dell incidente, ma per lei erano tutti perfetti sconosciuti. Con nessuno di loro sentiva di poter condividere qualcosa di profondo, a nessuno di loro le veniva spontaneo fare domande su quel passato buio che la tormentava. C era Lidia, una cara amica di Giuseppe, che le aveva confidato di avere avuto con lei un ottimo rapporto nel periodo che non ricordava. Sembrava carina con lei, cortese e attenta ma in realtà sentiva che fosse come tutti gli altri, superficiale e ipocrita. Se ne accorgeva da come si comportava con le loro amiche comuni. Quando le erano di fronte era premurosa e gentile ma, appena voltavano le spalle, ne aveva una per tutte. Questo atteggiamento era un po comune a tutta quella gente. Erika li guardava con disdegno mentre si facevano un mucchio di finti complimenti, dicendo cose che non pensavano e parlando tra loro del nulla assoluto. Quella sera era più triste e stanca del solito. Si sentiva terribilmente sola. Sola nella confusione di parole inutili, dette tanto per dire, da persone lontane da lei anni luce. A un certo punto, incapace di continuare a sostenere quei dialoghi insensati, si allontanò verso la balconata, che dava su di una piazza storica di Roma. Guardò verso il basso e una lacrima le rigò il viso. Possibile che lei facesse parte di quel mondo? Possibile che in passato avesse reputato interessanti quei discorsi? No, non poteva essere così! Però non c era persona a cui poter confidare le sue perplessità e a cui fare domande. Con suo marito non riusciva ad aprirsi assolutamente. Lui non le faceva

17 mancare nulla e cercava di esaudire ogni suo desiderio, lei però non riusciva comunque a lasciarsi andare. C era qualcosa che la frenava e che le impediva di parlare liberamente con lui, delle sue paure e dei suoi dubbi. L incapacità di provare un sentimento forte per Giuseppe le tormentava l anima dal suo risveglio. Era dell idea che, se era arrivata a sposarlo, doveva averlo amato, però, pur provando con tutte le sue forze, non era ancora riuscita a far riaffiorare quel sentimento. Continuava a farsi mille domande a proposito. Perché non riusciva ad amarlo? Perché non sentiva il trasporto che avrebbe dovuto verso di lui? Perché continuava a provare disagio in sua presenza? Non riusciva a darsi pace. Pensava che determinate emozioni dovessero venirle dal cuore e non dalla memoria. Anche se non ricordava la vita trascorsa accanto al suo uomo, perché non riusciva a innamorarsene un altra volta? L unica persona alla quale si era sentita di far domande era sua madre, ma anche da lei non aveva mai ricevuto risposte esaustive e ogni volta che era tornata su quel discorso, aveva costatato la sofferenza negli occhi della donna. Quando seppe della sua morte, dopo l iniziale dolore per la perdita dell affetto a lei più caro, aveva cominciato a star male anche perché si dava la colpa dell aggravamento della donna. Era arrivata alla conclusione che soffrisse troppo nel vederla continuamente in uno stato di agitazione; che i suoi sfoghi, le sue domande relative al passato, la sua spasmodica sete di sapere, provocassero forti dispiaceri alla sua povera mamma, già in sofferenza cardiaca. Si tormentava chiedendosi come avesse potuto essere tanto egoista! Sua madre aveva bisogno di vederla tranquilla e serena e, invece, lei non aveva fatto altro che dimostrarle la sua insofferenza. In fondo, Clara, come poteva aiutarla veramente? Poteva raccontarle qualche episodio della sua vita, e si rendeva conto che la donna avesse provato a farlo, ma non poteva farle rinascere sentimenti apparentemente scomparsi. Non poteva darle risposte sul suo legame con Giuseppe, perché, probabilmente, non ne sapeva granché! La sua vita di coppia, come giusto che fosse, era stata vissuta soltanto da lei e dal suo amato e nessuno al mondo avrebbe potuto darle le risposte che cercava. Mille volte si era rimproverata per quello che aveva preteso da sua madre,

18 da come l avesse torchiata con la sua sete di sapere. Ora, però, dopo essersi flagellata mentalmente per mesi, prima alla ricerca spasmodica della memoria persa, poi per i sensi di colpa per aver preteso di raggiungere il suo obiettivo tartassando sua madre, finalmente si era rassegnata. Aveva realizzato che, se non voleva impazzire, doveva darsi tempo. Pian piano forse avrebbe ritrovato la sua serenità e magari la memoria. Aveva dunque accettato di non provare quello che avrebbe dovuto nei confronti di Giuseppe, nella speranza che un giorno le cose potessero cambiare; in fondo sentiva di non poter fare altro. Mentre era inabissata nei suoi tormenti, una voce, proveniente da molto vicino, la fece tornare alla realtà. Erika, tutto ok? La donna si asciugò furtivamente il viso e si voltò verso Lidia. Sì, grazie! Lidia le poggiò una mano sulla spalla. Sai che se hai bisogno di aiuto, puoi rivolgerti a me! Io capisco perfettamente la tua condizione. Quest ultimo anno deve essere stato molto duro per te! Ma vedrai, presto comincerai a star meglio! Già l aver accettato di rientrare in società è stato un grosso passo avanti! Sono convinta che ti farà bene tornare a rapportarti agli altri, svagarti con gli amici! Erika accennò un sorriso accondiscendente anche se non era per nulla d accordo con Lidia. Stare in quell ambiente frivolo, in mezzo a quel fastidioso vociare, non le giovava affatto, ma ovviamente queste erano considerazioni da tenere per sé. Lidia diede un sorso al suo drink, poggiò il calice sul davanzale e si diede una spinta per sollevarsi da terra e sedersi sulla balaustra, incrociando in modo sensuale le gambe per non far intravedere la biancheria intima, sotto la minigonna vertiginosa. La donna prese a far dondolare le gambe tornite, impegnando la sua attenzione nell osservare la volta celeste. Lo sguardo di Erika si pose sulle scarpe rosso fiammante dell amica, intonate al colore del suo rossetto. La trovava una donna molto intelligente ed elegante. Parlava con un tono di voce deciso e suadente, e anche i contenuti erano più interessanti di quelli di molte altre presenti. Però, anche se con lei si

19 poteva discorrere di argomenti meno banali di quelli maggiormente in voga in quelle serate, Erika non riusciva a fidarsi comunque. Il suo sguardo non la convinceva, il suo modo accattivante di parlare le pareva subdolo e artificioso. Anche se le riservava mille attenzioni, aveva la sensazione che avesse un secondo fine e aveva anche il sospetto di sapere quale fosse. Accattivarsi le attenzioni di Giuseppe. In fondo un po tutti gli giravano attorno e ognuno di loro lo faceva, da quello che lei stessa aveva potuto appurare, per un tornaconto personale. Giuseppe era incredibilmente ricco e probabilmente anche generoso con quella gente che lo faceva sentire come un re. Erika era acuta e perspicace e aveva visto strani movimenti nei bagni e nei salotti. E aveva anche notato dei comportamenti singolari in quelle donnine tanto allegre e disinibite. Era evidente che tra loro girasse roba euforizzante! Ma in fondo, non c era poi da stupirsene. Si sapeva quali fossero i gusti dell alta società. L unica cosa che non capiva è perché lei si trovasse in mezzo a quella gente! La rincuorava soltanto che suo marito dimostrasse particolare cura nel tenerla fuori da quegli strani giri. Indubbiamente doveva conoscere i suoi principi già in passato, per avere tanto riserbo anche adesso. Meglio così! Sarebbe stata dura scoprire che quei gusti un tempo erano stati anche i suoi! Ormai vedere le stelle a Roma è pura utopia! Erika sobbalzò. Ancora una volta Lidia l aveva riportata nel mondo reale. Dunque le rispose osservando a sua volta il cielo oscuro. Ci sono troppe luci in città per poter contemplare il firmamento! Quelle parole fecero tornare nella mente della ragazza dei vecchi ricordi, ormai molto lontani. Da bambina frequentava con la sua famiglia un paesino immerso nelle vallate toscane. Un vero angolo di paradiso e ricordava che in quel posto incontaminato restava per ore a osservare il cielo notturno, estasiata dalla luminosità della moltitudine di stelle. Aveva la sensazione di poterle quasi toccare con le mani, per quanto fossero vicine. Presto Lidia tornò a distrarla. Allora, tesoro, Giuseppe mi ha raccontato che hai dei progetti per il futuro... Erika provò per l ennesima volta fastidio nel costatare quanto fosse intimo il suo legame con l uomo. Sapere che le sue cose fossero di dominio di quella gatta morta la turbava enormemente. Sì, è così! Ho bisogno di tenermi impegnata e ho pensato di acquistare un casale da ristrutturare... ma immagino Giuseppe ti abbia raccontato...

20 Sì, mi ha detto che vorresti creare una struttura ricettiva, fuori Roma! Dunque sei stufa di vivere in città? Già! E poi lui presto partirà per Milano e non ha senso che io resti nella capitale. Effettivamente Giuseppe le aveva rivelato che presto avrebbe dovuto allontanarsi per un po da Roma. Finora, dal suo risveglio, aveva posticipato tutti gli impegni lavorativi fuori dalla loro regione. Però ora non poteva più rimandare. Doveva andare assolutamente a seguire dei cantieri a Milano che necessitavano della sua presenza. Questa nuova circostanza aveva dato il coraggio a Erika di fare quella richiesta audace a suo marito. Lei era giovane, aveva poco più di trent anni e il bisogno di fare qualcosa che l appagasse, qualcosa che le facesse tornare la voglia di vivere. Aveva riflettuto molto su come impegnare la sua vita, e ultimamente aveva maturato l idea che la cosa migliore fosse lasciare per un po Roma. Voleva allontanarsi da quella gente che non le piaceva, che la faceva sentire a disagio e dalla prigione dorata che era il suo ampio ed elegante appartamento in centro, per trasferirsi in un posto dove poter ritrovare uno stretto legame con la natura e, magari, con sé stessa. Aveva pensato di far acquistare a Giuseppe una qualche proprietà di campagna, da ristrutturare e, possibilmente, da poter adibire a struttura ricettiva. Sperava così di uscire da quel tunnel in cui si sentiva di essere piombata. Pensava che dedicarsi anima e corpo a un progetto ambizioso potesse aiutarla a superare i mille problemi che affollavano la sua testa. Giuseppe, che in un primo momento si era mostrato restio ad accontentarla, poi sembrava essersi rassegnato a prendere in considerazione quella proposta. Le aveva promesso che, qualora lei avesse trovato un affare interessante, avrebbe potuto valutarlo e magari esaudire il suo desiderio. Erika, dunque, negli ultimi giorni si era dedicata anima e corpo alla ricerca spasmodica di un progetto convincente. Lidia la colpì con una proposta inaspettata. Se vorrai io potrei esserti di aiuto! Potrei venire a trovarti spesso, per non farti sentire sola e magari darti qualche consiglio! Ti ringrazio infinitamente, Lidia, ma preferisco cavarmela da sola! È una

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il pensiero di Enzo Bianchi conosciamo più cose fuori di

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

E-Book Va tutto bene così com è!

E-Book Va tutto bene così com è! E-Book Va tutto bene così com è! di Eleonora Brugger Va tutto bene così com è! Da molti anni ormai sono impegnata nell ambito della dottrina cosmica dove ho avuto la possibilità di intravedere e scoprire

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli