Clic, invia. Poi non gli viene in mente nessun altro impiego sensato del tempo a disposizione fino alla consegna dei CD a parte far visita a Sharon.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Clic, invia. Poi non gli viene in mente nessun altro impiego sensato del tempo a disposizione fino alla consegna dei CD a parte far visita a Sharon."

Transcript

1

2

3 Tel Aviv, 4 novembre Quella mattina, Hagen andrà a trovare Ariel Sharon. Cos altro dovrebbe fare? L incontro con Pini Silberman, il suo informatore, è previsto nel tardo pomeriggio, il giornale ha fatto il bonifico di venticinquemila dollari, Hagen è già passato anche in banca. I soldi adesso sono al sicuro nella cassaforte della stanza d albergo e lui ha davanti una giornata che in qualche modo deve riempire. Per un oretta è rimasto seduto al sole a Kikar Dizengoff a fissare il proprio hotel, un ex cinema bianco in stile Bauhaus, pieno di vecchi manifesti di film, sedili e proiettori. Il caporedattore della rivista on line, tenuto buono finora con l articolo sulla Siria, vuole sapere cosa diavolo è andato a fare in Israele quando, a due passi, è in corso una meravigliosa guerra civile! Vuole motivazioni plausibili, e Hagen di certo non può dirgli la verità, ovvero che sta lavorando per la concorrenza e che ha pure sviluppato una certa fobia per le zone di guerra. Qualcosa però si deve inventare, allora controlla le notizie dell ultima ora. I soldati israeliani hanno fermato un gruppo di attivisti internazionali che volevano spezzare il blocco navale intorno a Gaza. Come l anno prima, ma senza morti, irrilevante. Cos altro? Un tribunale israeliano ha condannato un neonazista a cinque anni di reclusione. Un neonazista in Israele? Prosegue la lettura. Il tizio e la sua banda avrebbero disegnato croci celtiche sulle sinagoghe e picchiato israeliani arabi, neri e omosessuali. E, ciliegina sulla torta: l imputato è ebreo. Un neonazista ebreo immigrato dalla Russia. Già meglio. A quanto pare, è riemerso il «pianeta russo», ovvero la più grande comunità dello Stato d Israele: un milione e mezzo d immigrati provenienti dall Unione Sovietica, e molti

4 4 con seri problemi d integrazione! Cui si aggiunge il piccolo particolare che molti di questi giovani russi sono razzisti convinti. Le loro conoscenze di storia sono pari a zero, ignorano cosa sia una svastica, sanno solo che con quel simbolo riescono a sconvolgere la buona società ebraica, da cui si sentono esclusi. In realtà, però, costituiscono un problema da non prendere sotto gamba. Un problema di cui dovrebbe occuparsi lo Stato, se non fosse troppo impegnato a insabbiare i propri passi falsi. Nessun israeliano vuole porsi la domanda di che senso abbia uno Stato ebraico se nemmeno lì si è al sicuro dagli antisemiti. Hagen prosegue la lettura. Netanyahu guarda con ottimismo all AIEA, l Agenzia Internazionale per l Energia Atomica. Per la precisione, spera che gli fornisca la giustificazione per un attacco militare alle centrali iraniane, visto che il premier è sicuro che: la bomba arriverà entro sei mesi! Certo, pensa Hagen. Se lo dici tu. Hagen butta giù una bozza con la notizia e conclude con un commento: Qualunque cosa ci si possa aspettare dal programma nucleare iraniano (e non può essere nulla di buono), un analoga considerazione merita l intenzione di Netanyahu di bombardare le centrali iraniane. Non perché un popolo minacciato in maniera così diretta non abbia il diritto di difendersi. Ma perché Netanyahu sta utilizzando il solito, sporco trucchetto che usa ogni volta che vede minacciato il proprio potere. L anno prossimo ci sono le elezioni, e quand è che si vota per gli integralisti? Quando la paura dei nemici sale al punto da far dimenticare i problemi del Paese, il malcontento e l ingiustizia sociale. Così Netanyahu non si lascia sfuggire neanche un occasione per incutere insicurezza e terrore nei propri connazionali. Fomenta la paura della guerra quanto quella della pace, perché sa che la maggioranza voterà per lui fin tanto che crederà alle sue previsioni di scenari belligeranti e monocolori. E il mondo percepisce l immagine di un Israele che scivola sempre di più verso destra. Lo stesso Netanyahu, tuttavia, è troppo opportunista per schierarsi in maniera coerente a destra. Se restasse al potere, potrebbe addirittura fare una coalizione con la sinistra.

5 Clic, invia. Poi non gli viene in mente nessun altro impiego sensato del tempo a disposizione fino alla consegna dei CD a parte far visita a Sharon. «Ciao Ariel.» Nessuna risposta. Ovvio. Lo sguardo di Sharon è perso nel vuoto. Proiettato in un tempo al di là di ogni compromesso di comodo, quello che un tempo era l uomo più potente d Israele non è capace nemmeno di rendersi conto dello stato in cui è ridotto e, se anche dovesse percepire qualcosa, di certo se la terrebbe per sé. Il paziente ha la bocca cucita. Non potrebbe essere altrimenti. Hagen si avvicina al corpo pesante. Si china su di lui, ne coglie i respiri leggermente affannati, il petto che si alza e si abbassa a un ritmo costante. Stupefacente. Che futuro avranno immaginato questi occhi ora spenti, prima che il loro proprietario perdesse conoscenza? Nel suo letto d ospedale, il vecchio sembra rilassato e stabile, come sollevato da ogni responsabilità e colpa. La coperta tirata sopra il petto, le braccia libere, il sinistro leggermente piegato. C è qualcosa nella posizione della bocca, nel modo in cui serra le labbra, che fa pensare che stia sul punto di dire qualcosa, di rivelare al mondo quali sarebbero state le sue prossime mosse, se n è parlato così tanto. «Penso che dovremmo abbandonare una volta per tutte la politica di colonizzazione... perché di fatto si tratta di colonizzazione, anche se è un termine che non vi piace. Tre milioni e mezzo di palestinesi vivono sotto il nostro dominio: è una cosa terribile, non si può andare avanti così per sempre. Volete davvero continuare a occupare Jenin, Nablus, Ramallah e Betlemme? Per sempre? Be, secondo me è sbagliato.» 2003, davanti al Parlamento. Volti esterrefatti, un Netanyahu mortificato che non sapeva dove guardare, mentre il suo premier annunciava una svolta storica. Quello era stato il giorno in cui Sharon aveva detto la verità al popolo israeliano. Aveva messo in chiaro che non si poteva dominare su un altro popolo all infinito occupando la sua terra. Che era meglio accontentarsi di quello che si aveva piuttosto che inseguire l irraggiungibile. A quella verità dovevano seguire i fatti, per cui 5

6 6 una parte d Israele lo avrebbe amato ancora di più, l altra lo avrebbe odiato in maniera ancor più profonda. Avevano scelto un guerriero, ma poi il guerriero si era trasformato in uno stratega di pace, le cui idee avevano seguito e successo, perché non erano appesantite da una romantica utopia di riconciliazione. «Una pace con cui comincia il ridicolo balletto israeliano a Ramallah, cosa che io proprio non volevo», avrebbe detto in seguito Dov Weissglass, il più fedele alleato di Sharon. Gli era stato vicino come forse nessun altro, ma nessuno poteva dire cosa stesse passando davvero per la testa al vecchio statista. Solo che stava lavorando come un bulldozer alla realizzazione della sua ultima, grande visione, qualunque essa fosse. Fino a quella sera del 4 gennaio In cui il suo cervello era morto. Hagen osserva i liquidi delle flebo gocciolare piano piano all interno del suo corpo. Si domanda anche lui cosa ci si potrebbe aspettare ancora dal vecchio generale, ma Sharon tace. Morte cerebrale, questa la diagnosi. Forse non totale. Quindi, se uno glielo chiede in ginocchio, potrebbe muovere un alluce? No, l uomo in questo letto non è capace neanche di questo. Sembra fatto di cera. Un pupazzo. Ironia della sorte, è proprio di cera. Nella tua vita sei stato tutto, pensa Hagen, fuorché cereo e immobile, è questa immagine che desideri lasciare di te? Quella di una statua di cera? Un pannello esplicativo dà alcune informazioni sull opera: Noam Braslavsky, l artista creatore della statua, voleva rappresentare un padre perduto che non verrà mai pianto abbastanza. Un simbolo dello choc e dell immobilità che avevano colpito un intera nazione, una nazione che ha ancora gli occhi aperti ma non vede nulla perché non vuole vedere. Eppure, dinnanzi a quest opera, Israele è tutt altro che immobile. Si litiga troppo, qui. La galleria, per esempio... accoglie moltissimi visitatori. La statua del premier in coma ovviamente attira moltissima attenzione, e meno male che Sharon era un argomento tabu. «Allora lo odiavo», dice una donna accanto a Hagen al suo accompagnatore. «Voleva distruggere tutto. Tutto quello in cui

7 avevamo creduto fino a quel momento. Ma desso provo solo un gran dispiacere.» Due soldati, poco più in là: «Che fine di merda, no?» «Sì, un attimo prima sei un eroe, quello dopo...» «Sen èandato troppo presto.» Un uomo alla sua bambina, ma in realtà più a se stesso: «Fin troppo presto». Poi lei alza gli occhi, lo guarda, e lui fa: «Sai, Rachel, qui giace la nostra coscienza... La coscienza di un intera nazione». No, non lo sa, come potrebbe? Sa solo che questo tizio disteso nel letto la inquieta e preferirebbe di gran lunga un gelato. Hagen guarda l orologio. Le tre e mezzo. L appuntamento è alle cinque. Lascia la galleria, torna in hotel in taxi, si piazza al sole con l i- Pad e completa il commento scritto al mattino con un ulteriore passaggio: La mancanza d identità di Netanyahu diventa ancora più lampante se messo a confronto con Ariel Sharon, l ultimo grande premier d Israele. Sharon non è sceso a patti con nessuno, fuorché con se stesso. Aveva capito che per cambiare il mondo bisogna cambiare se stessi. Netanyahu vuole che il mondo cambi affinché lui possa restare uguale. Spedisce anche questo. Il commento già lo conosce. Notevole, Tom. Eccezionale! Adesso però potresti riformularlo con parole comprensibili anche per l ultimo degli idioti? Lui deve... Deve per forza tornare sotto i riflettori con la storia di Silberman! Su quei CD deve esserci qualcosa! Spegne l ipad e s incammina verso l Hilton. Björklund, il suo fotografo, lo aspetta nella sua stanza, è lì che avrà luogo lo scambio. «Ma dove sei stato?» «A fare una visitina a un vecchio amico.» «Hai i soldi?» Hagen tira fuori la busta rigonfia dalla giacca, la sventola e poi la rimette via. «Silberman?» «No, non verrà qui. Il buon Pini ha cambiato i piani all ultimo momento. Adesso vuole vederci nel parcheggio sotterraneo.» 7

8 8 «Ma è ridicolo!» «Diglielo tu.» «Chi si crede di essere? Jason Bourne?» Soltanto nei film le persone s incontrano nei parcheggi sotterranei. Björklund alza le spalle. «Piano -2, ha detto, dietro la cassa. Lì dovrebbe esserci un angolino che...» «Mmh... sento puzza di fregatura.» «Calmati. Tra dieci minuti sarà tutto finito.» «Ma io sono la calma fatta persona. Per me potevamo incontrarci anche nel deserto del Negev, basta che ci dia qualcosa di valido.» Scendono. L ascensore come una stanza degli specchi. Hagen che si specchia in Hagen che si specchia in un altro Hagen. Ovunque ti giri, trovi te stesso, non c è scampo. «E a te com è andata?» «Dai, direi giornata proficua.» Björklund e il suo team hanno raccolto una trentina d interviste da cui si deduce che la gente ha una paura matta di Netanyahu. L unico dubbio è se temere più il proprio premier o Ahmadinejad. Capisco, pensa Hagen. Scende in ascensore con Björklund. Davanti a loro il parcheggio sotterraneo. Vuoto. S inoltrano tra le file di macchine, coi passi che rimbombano tra le spoglie pareti di cemento, e raggiungono il famoso angolino. Le indicazioni del tossico erano giuste. Lungo il muro, una serie di porte chiuse col divieto d accesso. Silberman si è andato a cercare il punto meno battuto del parcheggio. Aspettano. Pochi minuti dopo, dalla rampa di accesso riecheggia un rombo. Un motore tirato al massimo, sta arrivando qualcuno. Il rombo si trasforma nell assordante rumore di una quattro cilindri, poi una Yamaha FZ8 gira intorno al pilastro più vicino e frena con uno stridio di gomme. Il guidatore si toglie il casco integrale. Soltanto un occhiata, e Hagen ha già capito. Pini Silberman ha bisogno di roba. Da morire. Ha le pupille dilatate, si morde le labbra. Scende dalla sella, si

9 muove a scatti, come se fosse percorso da scosse elettriche. «Dove sono i soldi?» «Pini Silberman?» «E chi sennò?» Hagen tira fuori il laptop dalla borsa a tracolla. Lo accende e lo appoggia per terra. «Bene, allora lei dovrebbe avere qualcosa per noi.» Silberman tossisce. Davvero un brutto aspetto: barba incolta, capelli schiacciati e stopposi, occhi che guizzano da una parte all altra, febbricitanti e scuri sul volto pallido, segnato dalle droghe. Indica Björklund e gli tremano le labbra. «Ma tu avevi promesso che...» «Pini, Tom è un tipo a posto», lo tranquillizza lo svedese. «Ha i soldi. Venticinquemila, come hai detto tu.» «No, come hai detto tu! Io ne volevo il doppio!» «Eravamo d accordo, no?» «Fammeli vedere.» «Dopo che mi avrai dato i CD», interviene Hagen. Silberman si gratta la testa, si massaggia le mani, si tira il lobo di un orecchio. Starnutisce. «Che c è?» chiede Björklund. «Non lo so.» «L altra volta al bar mi eri sembrato più tranquillo.» «Sì, tranquillo, tranquillissimo.» L altro allarga le braccia, fa una specie d inchino. «Ehi, guarda che io sono tranquillo, capito? Voglio solo vedere i soldi. Come ci eravamo detti.» «Dopo che ci avrai dato i CD», ripete Hagen. «La mia parola per la tua?» «Certo.» «Allora tu per primo.» «No, tu. Sei tu che vuoi vendere qualcosa a noi, ricordi?» Silberman si dondola da un piede all altro, si guarda intorno. A Hagen sembra di essere dentro un thriller di terza categoria. A questo punto tanto voleva incontrarsi su un cazzo di ponte. Di notte, con la pioggia. Finalmente il tossico tira fuori dalla giacca di pelle due buste, gliele porge, e poi, quando Hagen sta per afferrarle, le ritira subito indietro. «Prima i soldi.» «Ma cosa credi?» sbotta Björklund. «Che ti vogliamo fregare? Dai, Pini, dacci questi maledetti CD!» «Kirsten, lascia perdere», interviene Hagen scuotendo la testa. «Questo non ha nulla.» Fa finta di richiudere il laptop. 9

10 10 «Okay.» Silberman ride. «Lascia perdere.» «Okay, okay.» Si mette a urlare: «Ho detto okay!». Gli porge di nuovo le buste. Hagen fa passare qualche secondo. Poi, lentamente, prende i CD dalle mani di Silberman e li passa a Björklund. Il fotografo si mette in ginocchio, con calma, tira fuori il primo CD e lo infila nel computer. «Giusto per capirci: vogliamo solo essere sicuri che tu non ci stia dando un CD masterizzato di Lady Gaga!» dice quindi, in tono conciliatorio. Silberman alza le mani e sorride come un idiota. «Sono a posto, amico.» «Meglio così.» «Be, e i miei soldi? Anch io voglio essere sicuro!» «Qui ci sono una marea di dati», dice Björklund. «Sembrano autentici.» «Ma certo!» Silberman alza gli occhi al cielo. «Sono autentici!» Hagen tira fuori la busta coi soldi senza perdere di vista il ragazzo, estrae un pochino le banconote e gliele sventola davanti. «Contento?» Silberman digrigna i denti. «Bene. Se entro domani sera arrivo alla conclusione che la tua roba vale qualcosa, ti do i soldi. Altrimenti i tuoi CD te li infilo dritti dritti su per il culo. Sono stato chiaro?» «Chiarissimo.» Björklund prende la seconda busta, tira fuori il CD, aspetta che esca l altro e infila il secondo. Sibermann inizia a fare una specie di balletto convulso. «Amico, basta che dai un occhiata!» Allunga un dito tremante. «Si capisce dalla prima . Una bomba! Con questa roba li avrete in pugno! Li metterete KO!» Parole senza senso. Li avremo in pugno... ma chi? Hagen però non resiste. Si gira e guarda lo schermo. Perciò si accorge del casco volante quando in pratica lo ha già in pieno viso. Ha il riflesso di scansarsi. Il casco gli sfiora una tempia, gli sbatte contro una spalla e gli fa perdere l equilibrio. «Ehi, ma sei impazzito...»

11 Silberman attacca di nuovo, il viso contorto in una smorfia. Prende la rincorsa e parte col braccio teso. Cerca di colpirlo ancora col casco, che però finisce contro le luci del soffitto, spaccandole in mille pezzi. Stavolta Hagen è più veloce e si copre il viso con le braccia. Evita per un pelo che il casco lo centri in faccia mentre ricade a terra. Fa un passo indietro e... E cade su Björklund, che stava per rialzarsi. La testa di Hagen cozza violentemente contro l asfalto. Fuochi d artificio. Silberman si china. Cerca qualcosa mentre i due sono a terra. Hagen torna in sé. Tira un paio di calci violenti ai gomiti e ai fianchi del ragazzo. Un urlo di dolore. Il casco cade per terra, rotola via come una testa mozzata. Hagen carica ancora, mentre Björklund tenta di mettersi a quattro zampe, ma Silberman lo ributta a terra con un calcio alle costole. «Stronzo!» ansima lui. Prova di nuovo a tirarsi su e, quando ci riesce, Silberman è già a cavallo della sua FZ8 tastandosi la giacca. Hagen si scaglia contro di lui, lo afferra per una spalla, lo tira. Il tossico fa di tutto per non cadere, cerca di raggiungere il pedale di accensione. «Che pezzo di merda!» ansima ancora Björklund. Poco la moto emette un verso, le mani di Hagen scivolano via dalla giacca di pelle. La Yamaha parte. «Bastardo! Fermati!» Hagen corre dietro alla moto, ma non ha speranza contro il motore da 779 cc che si sta portando via Silberman. «Fermati! Ho detto fermati! Torna indietro!» Insensato, ridicolo. Cosa strilla a fare? Come se il bastardo all improvviso potesse avere un illuminazione e cambiare idea. A Silberman importano solo i soldi. Hagen capitola; il fiato corto, le mani sulle ginocchia, il rombo del motore già fuori dall edificio. «Ma che cazzo è successo?» Björklund compare al suo fianco con una mano sulle costole. «Dov è la busta?» «Cosa?» L altro lo guarda con compassione. «Tesoruccio mio, ecco cos è successo.» Hagen è pietrificato. Molla Björklund, corre di nuovo verso l angolo nascosto, cerca per terra come un indemoniato. Nessuna 11

12 12 traccia di buste. Solo i segni delle gomme della Yamaha di Silberman e il suo computer. «Merda!» Torna indietro di corsa, va verso l uscita, incapace di concepire un solo pensiero coerente, tanto è arrabbiato. Ma cosa crede, quel tossico di merda? Hanno il suo nome, l indirizzo... ma un tossico è un tossico, la logica va a farsi friggere. Tanto prima o poi ti riacchiappiamo, pensa. Silberman accelera. La Yamaha sfreccia su Rahov Ha Yarkon, supera a destra il parcheggio scoperto dell Hilton, dietro cui s intravede il mare. Silberman vede l imponente edificio dell hotel rimpicciolirsi nello specchietto. E qualcos altro. Una moto che lo insegue. Merda! Sapeva che non lo avrebbero lasciato in pace, ma così, subito subito, no! Dopo un anno di sorveglianza in cui non hanno ottenuto nessun risultato? Ancora gli stanno alle calcagna? È una follia, sicuramente si sta sbagliando, è l astinenza a renderlo isterico. Di certo quello è solo un motociclista che sta andando da qualche parte, come lui. Accelera ancora. Raggiunta la Marina, svolta in Sderot Ben Gurion con una manovra suicida, l altra moto sempre dietro. Continuano a correre incuranti dei limiti di velocità, adesso Silberman è proprio una scheggia. Vola sull asfalto. Ma non semina il suo inseguitore. Se potesse, in questo momento si prenderebbe a schiaffi per come si è comportato in quel parcheggio. Ma doveva prendere i soldi, no? Altrimenti come poteva essere sicuro che il giorno dopo lo avrebbero pagato? Sono dubbi legittimi, sa benissimo che quei CD non contengono nessuno scoop per degli europei. Forse per gli israeliani, ma di certo non per un tedesco. Di sicuro niente che possa valere venticinquemila dollari. Hai sbagliato tutto, si dice. Che idiota! Già l idea d incontrarsi in un parcheggio sotterraneo... in un posto video-sorvegliato, cazzo! Quelli hanno il tuo nome, il tuo numero di cellulare, si presenteranno alla tua porta e ti faranno secco! E poi?

13 Ha sputtanato tutto. Questa cosa lo sta mandando fuori di testa. Venticinquemila dollari e non se li può nemmeno godere. Be, però in fondo ha la busta, che spunta dalla giacca di pelle, e ha i soldi, ora deve solo ingegnarsi per liberarsi della moto che gli sta ancora dietro. Il problema è che, se la rapida occhiata nello specchietto retrovisore non lo inganna, quella è una BMW HP4, ovvero una moto da corsa estremamente leggera e maneggevole. Seminarla, soprattutto se il guidatore ci sa fare, è quasi impossibile. Allora Silberman salta sul marciapiede, terrorizzando i passanti che all ultimo momento riescono a mettersi in salvo in un negozietto di frutta e verdura, scivola su Rehov Dizengoff, torna su Sderot Ben Gurion, schizza come una pallina da flipper tra macchine e motorini, che lo insultano a colpi di clacson. Sfila accanto a tutti gli stadi possibili del rinnovamento e della decadenza dell architettura di Tel Aviv, viuzze e chioschi che scorrono via come quadri impressionisti. Ecco, Rehov Reines, scatta il rosso, chissenefrega, uno scarto improvviso, deve creare confusione, è questione di secondi, poi di nuovo campo libero fino all incrocio di Shlomo HaMalech, meno macchine, via veloce. E all improvviso l altra moto è scomparsa. Silberman non crede ai suoi occhi. Davvero quel pezzo di merda ha mollato? Ma forse si sbagliava, era solo un tipo qualsiasi cui piace correre in moto. Un pazzo come un altro. «Sìììììì!» esplode. «Ce l ho fatta!» Ma continua a guardare nello specchietto retrovisore. Niente, auto che parcheggiano, in un attimo già lontane, siepi e platani, ciclisti. A parte... Qualcosa che supera le biciclette a tutta velocità. Merda. Eccola, l altra moto, più vicina di prima. Passa sulla corsia centrale, fa un rapidissimo slalom tra i pedoni, avanza rombando. Silberman sospira. Accelera. Un vero suicidio guidare in quel modo nel bel mezzo del traffico dell ora di punta, ma ha forse altra scelta? Non riesce a scollare gli occhi dallo specchietto retrovisore e, quando li rialza per guardare avanti, la strada è scomparsa, c è soltanto un muro. 13

14 14 Carote, cetrioli, melanzane. Colorate e giganti. Silberman cerca di sterzare. Da una parte una grata, dall altra un caffè all aperto. Nessuna chance. Prova a frenare. Ma lo scontro è inevitabile, Silberman schizza giù dalla sella. La Yamaha finisce dritta contro un camion di verdure, con le ruote che continuano a girare mentre lui continua a volare. Il corpo si avvita su se stesso e poi atterra sul cofano di una Mercedes Cabriolet con un botto pazzesco, come una lavatrice buttata giù dal decimo piano. Il parabrezza frantumato in una ragnatela di crepe. La Mercedes si ferma. La donna alla guida inizia a strillare, poi un altro botto, la macchina dietro che tampona la Cabrio, spingendola in avanti. Tutti si fermano. Si avvicinano. Impietriti. L attenzione catturata da una scena assurda, sembra un film, perché piovono soldi. Cento banconote da cinque dollari che svolazzano come foglie in autunno, fluttuano nella brezza della sera che accarezza Sderot Ben Gurion, si avvitano e si sparpagliano intorno al corpo privo di conoscenza, nemmeno una vi si posa sopra. Shana accosta la sua BMW vicino al caffè all aperto, una frenata brusca, poi salta giù. Corre verso la Cabrio. Vede il corpo e i soldi, fa due più due. E così ti è esploso il portafoglio, pensa. Perché i soldi sono di Silberman, ovvio. O meglio sono soldi che aveva con sé. Da quanto ce li avesse e se fossero veramente suoi è un altro paio di maniche. Prima della visita al parcheggio sotterraneo, erano di qualcun altro, su questo Shana potrebbe scommetterci. Si china verso la sagoma accartocciata sul parabrezza, sullo sfondo la donna della Cabrio sempre più fuori di sé, e constata che Silberman ha finito di patire. Lo sguardo rivolto verso il cielo lascia ben pochi dubbi, così come il fatto che, oltre al sangue, sul parabrezza si vedono grosse chiazze di materia grigia. Shana si toglie il casco e inizia a raccogliere le banconote. Un uomo robusto si fa largo tra la folla di spettatori e si precipita verso di lei. «Ma che le viene in mente?» tuona. «Cosa diavolo sta facendo?»

15 «Il mio lavoro.» «Maèimpazzita?» La scansa, cerca di allontanarla dalla macchina. «Quest uomo ha bisogno di aiuto!» «No, delle pompe funebri.» «Se permette, di cos ha bisogno lo decido io. Sono un medico. E adesso la smetta immediatamente di rubargli i soldi, altrimenti...» Shana tira fuori il distintivo, glielo sbatte quasi in faccia, poi gli indica la donna bianca come un cadavere che sta per afflosciarsi come un budino. «Vuole dare una mano? Allora aiuti lei!» «Ma quindi lei chi diavolo sarebbe?» «Lo Stato.» Il grassone increspa la fronte, si avvicina alla Cabrio e dà un occhiata a ciò che resta di Silberman. Si avvicina ancora, gli tasta il polso. «Sì, èmorto.» «Ma va?» Shana lo molla lì, torna alla motocicletta e chiama Perlman, il suo superiore. Per un attimo, lui resta in silenzio, poi dice: «Una cosa un po meno melodrammatica proprio non si poteva fare, vero Shana?» «Cioè?» «Be, insomma... è morto.» «Non è colpa mia se è finito contro un camion di verdure.» «Certo, il direttore ne resterà estasiato.» Credi di essere divertente? pensa Shana. Un mio sorvegliato entra in un parcheggio sotterraneo e dieci minuti dopo ne esce sparato senza casco, come se fosse inseguito dai cavalieri dell Apocalisse: io cosa faccio, non gli sto dietro? Il fatto che mi abbia scoperta non è stato un bene, lo ammetto, ma era inevitabile. Perché poi è impazzito in quel modo? «Ma lo hai provocato?» «Non potevo certo permettere che mi sfuggisse.» «Limitati a rispondere alla domanda.» «Ma insomma, che razza di domanda è?» esplode Shana. «L ho semplicemente inseguito!» «Sto solo cercando di evitarti delle grane, se ancora non l hai capito.» Cosa quanto mai necessaria, Shana lo sa. Sono giorni che non hanno più l autorizzazione a sorvegliare Silberman. E l incidente scatenerà un putiferio di polemiche. «Be, diciamo di sì, forse si è sentito provocato», ammette. «Ma io dovevo stargli dietro.» «Dovevamo sorvegliarlo, non dargli la caccia.» 15

16 16 «Fantastico.» Perlman tace. Sirene della polizia in avvicinamento. Pulsazioni di luce blu. «Deve per forza aver ricevuto quei soldi nel parcheggio», insiste Shana. «Sono almeno ventimila dollari. Cosa potrebbe avere da vendere Pini Silberman di così prezioso? Chi e per cosa potrebbero avergli dato una somma simile, se non per...» «Allora provalo.» «Ci puoi scommettere.» Anche perché è la nostra unica possibilità di uscire indenni da questa faccenda, pensa. Se adesso troviamo le prove che quel tossico aveva la coda di paglia e che nel parcheggio è successo qualcosa di losco, non gliene fregherà più niente a nessuno se avessimo o no l autorizzazione. Altrimenti temo che non mi faranno più sorvegliare nemmeno il busto di Ben Gurion all aeroporto. «Bene.» Perlman sospira. «Vai all Hilton. Chiedi i video. Quelli del parcheggio sotterraneo, ma anche gli altri. L autorizzazione te la faccio avere poi, in caso dovessero fare storie in albergo. Le paroline magiche le conosci.» Sì, Shana le conosce. Periculum in mora. Il che significa, in questo caso, che lo Stato e gli interessi dei suoi cittadini sono soggetti a una minaccia immediata. Shana non avrà bisogno di nessuna autorizzazione. CONTINUA IN LIBRERIA Titolo originale Breaking News ISBN Traduzione di Roberta Zuppet, Lucia Ferrantini, Francesca Sassi First published in the German language as Breaking News by Frank Schätzing # 2014 Verlag Kiepenheuer & Witsch GmbH & Co. KG, Köln / Germany # 2014 Casa Editrice Nord s.u.r.l. Gruppo editoriale Mauri Spagnol

17

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

FALSE 5 NOTIZIE LA STORIA CHE HANNO CAMBIATO. breaking news. Mini e-book ispirato al nuovo romanzo di frank schätzing

FALSE 5 NOTIZIE LA STORIA CHE HANNO CAMBIATO. breaking news. Mini e-book ispirato al nuovo romanzo di frank schätzing 5 NOTIZIE FALSE CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA Mini e-book ispirato al nuovo romanzo di frank schätzing breaking news Perché una notizia bomba ha il potere di cambiare il mondo 1 DONAZIONE DI COSTANTINO

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 16 Data. 05.11.2007 Ora 18.34 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag. ARGOMENTI E PAGINE Presentazione di Leo pag. 1 La TASTIERA pag. 2 Le LETTERE sulla tastiera pag. 3 I NUMERI sulla tastiera pag. 4 Il TASTIERINO NUMERICO pag. 5 La BARRA SPAZIATRICE pag. 6 I tasti che cancellano

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

IL POLO DELLA DISCORDIA

IL POLO DELLA DISCORDIA IL POLO DELLA DISCORDIA Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 Cliente. Buongiorno. Sono venuto a ritirare i biglietti per il «Viaggio Avventura» al Polo Nord. Agente di viaggio. (Silenzio imbarazzato.)

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Anna e Alex alle prese con i falsari

Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato: insieme, ne hanno viste delle belle. Sono proprio due

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

La dura realtà del guadagno online.

La dura realtà del guadagno online. La dura realtà del guadagno online. www.come-fare-soldi-online.info guadagnare con Internet Introduzione base sul guadagno Online 1 Distribuito da: da: Alessandro Cuoghi come-fare-soldi-online.info.info

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

È una pagina web a cui chiunque può iscriversi e condividere informazioni con altre persone, di solito amici e familiari.

È una pagina web a cui chiunque può iscriversi e condividere informazioni con altre persone, di solito amici e familiari. di Pier Francesco Piccolomini Facebook l hai sentito nominare di sicuro. Quasi non si parla d altro. C è chi lo odia, chi lo ama, chi lo usa per svago, chi per lavoro. Ma esattamente, questo Facebook,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Georges Simenon: Il grande Bob

Georges Simenon: Il grande Bob 1 Georges Simenon IL GRANDE BOB Traduzione di Elena Cantini Mondadori, 1962 2 Capitolo 1 3 4 Baeu Dimanche 5 Justin 6 7 Beau Dimanche a 8 Al Beau Dimanche 9 sete preoccupante proclamando che aveva una

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Visioni Andrea Zorzi NARADA La fine dei giorni copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Andrea Zorzi NARADA La fine dei

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA?

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? Mi fa pensare all'oscurità, perchè l'ombra è oscura, nera e paurosa. Penso ad un bambino che non ha paura della sua ombra perchè è la sua. Mi fa venire in

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli