Colpa e Pena? La teologia di fronte alla questione criminale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Colpa e Pena? La teologia di fronte alla questione criminale"

Transcript

1 Colpa e Pena? La teologia di fronte alla questione criminale Il soprascritto titolo è lo stesso che il Dipartimento di Scienze Religiose dell'università Cattolica del Sacro Cuore ha dato al Convegno da esso promosso nei giorni aprile Qui pubblichiamo le Comunicazioni prodotte in quella sede da Mons. Giorgio Caniato, Ispettore Generale dei Cappellani dell Amministrazione Penitenziaria. LA COSCIENZA CRISTIANA DI FRONTE ALLA REALTÀ DEL CARCERE Mons. Giorgio Caniato Non sono un teologo e quando ho iniziato il mio ministero sacerdotale nel 1955 come cappellano nel carcere di San Vittore di Milano e poi nel 1959 anche nel carcere minorile Beccaria, sulla pena avevo la conoscenza data dal buon senso comune e dalla teologia, e del carcere avevo la concezione comune a tutti i buoni cristiani: i detenuti erano dei cattivi, erano tra i più grossi peccatori da convertire. Vivendo ed operando all interno del carcere ove la pena è incarnata, vissuta e subita da uomini e donne in carne ed ossa, mi sono domandato che significato avesse il mio essere prete in mezzo a loro. Il punto di partenza della mia riflessione è stato quindi la ricerca del significato, della finalità, della modalità e della operatività di me cappellano del carcere cioè prete nel carcere: il significato del mio sacerdozio. Tutte le mie riflessioni sono state stimolate, create, verificate nella quotidiana, partecipata e sofferta presenza nel carcere tra gli uomini e le donne detenute e gli uomini e le donne che detengono. Mi sono poi sforzato di lasciarle illuminare dalla Parola di Dio, dal Magistero della Chiesa e dal dialogo con i confratelli cappellani delle carceri anche stranieri, con le suore e i laici operanti nel settore. Premetto che questa mia è solo una comunicazione e quindi il mio pensiero è espresso in modo succinto, quasi per titoli degli argomenti. SIGNIFICATO DELLA PRESENZA DEL CAPPELLANO IN CARCERE La Chiesa manda il sacerdote nelle carceri per evangelizzare, perché in carcere ci sono gli uomini, detenuti e detentori, e Cristo vuole salvi tutti gli uomini. Quindi il cappellano deve: annunciare la Parola donare i Sacramenti testimoniare con la vita, con le azioni, con le scelte e con i metodi coerenti, la propria fede. Da ciò nasce l esigenza, vista la realtà del carcere e del mondo della giustizia di chiederci se dal punto di vista del Vangelo sia accettabile la realtà del penale, o se li Chiesa debba da essa dissociarsi. Per poter fare una lettura evangelica di questa realtà ho avvertito la necessità di capire, prima di tutto, che cosa è in se stessa questa realtà. Ecco allora i due momenti: a) analisi della realtà del penale b) lettura evangelica di questa realtà. Faccio una premessa perché il mio pensiero e la mia terminologia siano meglio compresi: il carcere non è una realtà a sé stante, ma è una parte della complessa realtà dell Amministrazione della Giustizia nello Stato, che io chiamo Mondo o realtà del penale. 1

2 Il carcere rientra nella gestione del potere giudiziario dello Stato, è legato quindi in modo strettissimo non solo al potere giudiziario, ma a tutto il potere: legislativo ed esecutivo; alla vita sociale, politica, culturale, economica e di costume della nazione. a) ANALISI DELLA REALTÀ DEL PENALE La realtà del penale, per me, è composta da: 1) uomini 2) strutture 3) fatti che devo analizzare separatamente perché gli uomini, le strutture, in cui essi vivono, e i fatti che formano la realtà del penale, non concorrono al bene di alcuni uomini e cioè i detenuti, ma sono loro contro. 1) Uomini Gli uomini che fanno parte della realtà del penale sono i detenuti, cioè coloro che violano la legge dello Stato, e i detentori, che vanno dagli Agenti di Polizia Penitenziaria a tutti i cittadini dello Stato. Poiché il tema del Convegno riguarda la pena e la mia deve essere solo una comunicazione, soprassiedo l analisi profonda sugli uomini e passo ad analizzare le strutture. 2) Strutture La prima struttura che analizzo è il carcere. Il carcere è usato come forma preventiva o cautelare e come forma di pena. Teoricamente il carcere in se stesso è una struttura di detenzione imposta, quindi una struttura repressiva, violenta: toglie o limita moltissimo proprio come suo elemento essenziale, la libertà fisica ed a volte psichica dell uomo. È uno strumento contro la libertà dell uomo, attuato in modo repressivo quindi di sua natura violento. È quindi uno strumento in se stesso antiumano. Questa valutazione non vuole avere altro scopo che di far prendere coscienza di che cosa sia il carcere in se stesso, per non pretendere da esso quello che non può dare. Se poi si conoscesse cos è il carcere in concreto, tutto quanto ho detto in linea teorica si realizza pienamente. Anzi, la realtà è peggiore perché è attuata da uomini imperfetti, che possono abbrutire di più uno strumento già cattivo in se stesso. Il carcere fa parte poi del potere giudiziario che è in se stesso, di sua natura, come attualmente concepito e attuato, repressivo e quindi violento. La violenza dello Stato è una violenza regolata da norme e dovrebbe essere violenza al minimo e quindi il meno possibile lesiva della persona: comunque rimane violenza. Il potere giudiziario di sua natura e in tutte le sue componenti non può non essere repressivo. Alla violenza del reato corrisponde la violenza dello Stato nell amministrazione della giustizia. Quale sarà la violenza del penale in uno Stato autoritario? Allora proprio nell analisi diciamo filosofica e teologica della pena non si può non tener conto e non valutare l eventualità di come in concreto si può realizzare nello Stato l amministrazione della pena. Perché lo Stato usa questo strumento di violenza che distrugge l uomo e lo usa per punire e castigare? Perché noi uomini pensiamo che lo Stato abbia il potere di punire in quanto lo pensiamo, anche sotto l influsso del pensiero filosofico, come l assoluto: comanda, tutto controlla, tutto da lui dipende; il cittadino è al suo servizio, è come se fosse il tutto. Da questo considerarsi come l assoluto deriva che lo Stato gestisce il potere giudiziario con questa visione di se stesso. La terminologia usata nell amministrazione dalla giustizia, e cioè il nome stesso di giustizia; e poi: indagare 2

3 giudicare condannare castigare pena per sempre perdonare sembra dedotta dal linguaggio religioso: l uomo pecca, viola la legge di Dio, e Dio indaga, giudica, condanna, punisce con una pena, per sempre e poi, se vuole, perdona. È qui più che in altre branche del potere che lo Stato, ed in specifico il potere giudiziario, si sente (Dio) l assoluto. Gli uomini che gestiscono questo potere, in teoria ed in pratica identificano la loro autorità e le loro funzioni come quelle di Dio. È da questo concetto di Stato e di amministrazione della giustizia che deriva il termine pena, la sua funzione e la sua qualità. Dopo il giudizio, che è considerato definitivo come quello di Dio, la condanna: cioè il riconoscimento della colpevolezza giuridica e quindi la punizione, il castigo, cioè la pena. E la pena è il castigo che deve essere pari al reato. In altre parole pena retributiva, la quale è in sé sempre afflittiva e vendicativa; pena che dovendo essere pari al reato, naturalmente può essere ergastolo e pena di morte. In sintesi: è dalla concezione di Stato inteso come l assoluto, come il padrone, che deriva il potere di punire: pena intesa solo come retributiva, ma che è sempre castigo, repressione, violenza, come ad esempio il carcere. Tralascio l analisi del terzo elemento della realtà del penale, cioè i fatti, perché mi condurrebbe, forse, fuori tema. Analizzate queste realtà del penale, passo al secondo punto e cioè: b) LETTURA EVANGELICA DELLA REALTÀ DEL PENALE 1) Uomini. Una lettura velocissima. Gli uomini che hanno commesso dei reati sono sempre uomini; non sono né delinquenti, né ultimi. Gesù Cristo non fu chiamato dai suoi né delinquente né ultimo, eppure fu incarcerato, processato, condannato da due tribunali. Inoltre ricordo che Gesù, il Cristo, realizza la sua missione messianica salvatrice liberando i prigionieri. 2) Strutture - Carcere Ho affermato, nella prima parte, che il carcere, sia teoricamente che concretamente, e una struttura antiumana: quindi a maggior ragione è anticristiano e non è battezzabile. Idealmente parlando: se una società si realizzasse secondo i valori evangelici ed i cittadini vivessero secondo questi valori, la risposta ai reati non sarebbe necessariamente in forma punitiva, né detentiva e tanto meno carceraria. - Stato Non esiste concettualmente lo Stato cristiano. I cristiani, però, nel gestire il loro essere raggruppati in società, devono rispettare, sia nella progettazione che nella realizzazione, i valori cristiani. Ad esempio, nel documento Dopo Loreto i Vescovi italiani, parlando appunto di giustizia, al n. 39 dicono: La comunità ecclesiale è chiamata ad operare nell unità, nella verità e nell amore, perché l esercizio della giustizia sia rispettoso dell uomo e sia fondato sullo spirito del diritto. Ora ci sono tanti valori che la Dottrina della Chiesa esige che siano rispettati dai cristiani nella società: la centralità dell uomo che è persona e quindi sempre soggetto di diritti e di doveri; il rispetto e la difesa totale della vita e della dignità dell uomo; 3

4 la libertà vera e totale dell uomo; la ricerca del bene comune; il potere considerato come servizio e non come dominio; il principio della non-violenza: neanche la guerra difensiva è lecita se vi è di mezzo la bomba atomica; i principi della solidarietà, sussidiarietà, responsabilità; tanto per citarne alcuni. Ora lo Stato, velocemente indicato nella prima parte, non sembra rispettare, anche concettualmente e non solo praticamente, in modo serio, questi principi. Per me lo Stato Vero sono i cittadini della stessa nazione, il gruppo umano che si riconosce nazione, ed è il soggetto ed il solo soggetto dell autorità civile. Naturalmente neanche questi cittadini, che sono il soggetto dell autorità, possono considerarsi l assoluto; il gruppo è un insieme di uomini uguali, nessuno è superiore o inferiore agli altri, per nessun motivo. Gli uomini di questo gruppo si danno delle regole di base per la convivenza (la costituzione) e scelgono gli strumenti adatti per realizzarla Questi strumenti li chiamano Stato Apparato che è formato dai poteri: esecutivo, legislativo, giudiziario, le leggi, gli organismi amministrativi, etc.; questi sono solo gli strumenti attraverso i quali lo Stato Vero tende a realizzare, nel bene comune, il vivere e lo sviluppo di ogni singolo cittadino. Compito ed espressione precipua e direi unica come costitutiva dello Stato nei due sensi espressi, non è quella di dominare, di imporre un dominio, di sentirsi come l assoluto, ma di amministrare, con lealtà, serietà e responsabilità un servizio: e questo servizio è quello di regolare i rapporti tra le singole persone tra loro, e le persone e la comunità, in modo tale che si realizzi il bene comune, dando veramente a ciascuno la possibilità di soddisfare i propri bisogni, di sviluppare e realizzare la propria personalità in una convivenza rispettosa dell uomo e fondata sullo spirito del diritto e del dovere. In questa concezione di Stato, l amministrazione della giustizia e del mondo del penale si realizza nell impedire le azioni negative e contrarie al bene comune e quelle lesive delle singole persone, con i mezzi idonei. Impedire vuol dire: prevenire i reati bloccare far ricostruire. Prevenire i reati: cioè creare le condizioni per cui i cittadini non siano posti nella necessità di dover rompere i rapporti tra di loro, violando le leggi. Lo Stato (quello Vero e l Apparato) devono innanzi tutto dare la possibilità a tutti ed a ciascuno di soddisfare i bisogni fondamentali e inalienabili; deve vivere e favorire una cultura di veri valori, etc. Se lo Stato non dà questo, come può permettersi poi di reprimere e punire? Bloccare: cioè lo Stato deve fermare chi tentasse di rompere o rompesse i rapporti tra i cittadini, violando la legge, danneggiando così la comunità o le singole persone. Questo bloccare è in se steso un azione di repressione, sempre, ed a volte potrebbe essere violenta, come è violenza l azione di chi commette il reato, di chi cioè rompe i rapporti. Ma questa azione di repressione, che può essere violenta anche fisicamente al momento dell atto, è vista e considerata non come repressione e violenza, ma come difesa e legittima: tu mi stai uccidendo, io mi difendo e ti blocco, e non ti uccido. È certo una azione di forza, ma non è l azione di chi crede d avere il potere di schiacciare, eliminare, punire. Non si applica il principio della legittima difesa aggredendo, comminando pene. Questo bloccare, in pratica si traduce al massimo nel detenere anche nel carcere preventivo o cautelare. Far ricostruire: cioè lo Stato deve far riaggiustare i rapporti rotti violando la legge, da chi li ha rotti e farne riparare i danni. Attualmente lo Stato dice: Tu hai sbagliato, paghi; tu sei il colpevole, ed io ti punisco e ti metto in castigo; sei cattivo, e ti do uno schiaffo. Invece lo Stato 4

5 deve dire solo: Tu hai rotto l ordine, e tu riaggiusti; hai prodotto danni, e li ripari; hai distrutto, ricostruisci. L amministrazione della giustizia, che parte dall indagine e arriva al processo, non si conclude con una pena da comminare, pena proporzionata al reato, ma con una ordinanza, un decreto di ricostruzione dell ordine distrutto, di riparazione del danno fatto, e così non si chiama più azione penale; la parola pena non è più usabile: scompare la pena del carcere, la pena dell ergastolo, la pena di morte. Concependo lo Stato (il Vero e l Apparato) come regolatore di rapporti gli si toglie la capacità, il potere di punire, di condannare, di comminare pene, e gli si riconosce quella di impedire, come ho indicato. Il carcere dovrebbe essere usato solo e veramente come strumento di legittima difesa, difesa da quei cittadini che non accettassero di ricostruire e continuassero a rompere i rapporti con gli altri violando la legge. Con questo modo di concepire la giustizia, il giudizio del giudice riguarderebbe veramente solo gli atti compiuti e non le persone in se stesse ( non giudicate del Vangelo): si usa dire punire il reato e non le persone. Lo Stato non può erigersi a giudice delle persone, non solo perché il suo compito è di regolare i rapporti tra le persone e valutare gli atti in rapporto alla legge e alla responsabilità giuridica, ma anche perché non può valutare e conoscere la vera e profonda responsabilità e colpevolezza delle persone. Inoltre, gli uomini che compongono lo Stato, dai cittadini agli amministratori anche della giustizia, possono sbagliare, sbagliano di fatto e a volte in malafede. L amministrazione della giustizia, che obbliga alla ricostruzione invece della punizione e con strumenti che distruggono come il carcere, è logica ed accettata senza scatenare il senso della ribellione, che è invece prodotto dalla punizione e dalla vendetta; stimola il senso della giustizia; fa capire che il reato non paga perché costringe a rimettere al posto le cose disfatte e a riparare i danni, a risarcire realmente le vittime del reato; non toglie né attutisce il senso di colpa che accompagna certamente i crimini più gravi, come invece fanno il castigo e la sofferenza del carcere; costringe di fatto l uomo (anche contro voglia) ad agire in positivo, ad agire bene, se non vuole avere conseguenze spiacevoli. Se lo Stato, poi, non ha come funzione quella di condannare e punire, non ha neanche quella di perdonare. Lo Stato infatti non può non volere che l ordine rotto non venga riaggiustato, che il danno prodotto non venga riparato, che l offesa non venga risarcita. Nell ambito giuridico, i termini pena e perdono non hanno senso, così come misericordia e pentimento non entrano nel rapporto giuridico. Il termine perdono richiama quello di offesa. Comunque sia, anche con la concezione dello Stato come l Assoluto, nella commissione di un reato, lo Stato non è offeso. Violando una legge, il cittadino non offende lo Stato. Può essere offesa una persona: Dio, l uomo, ma non lo Stato perché non è persona. Di certo non è offeso lo Stato Apparato. Forse è offeso lo Stato Vero, cioè i cittadini componenti il gruppo, quando il reato è contro il bene comune. Ma l insieme di persone non è persona, se non in senso giuridico e quindi non è offeso e il perdono è atto della persona offesa. Inoltre il perdono dato non toglie l obbligo morale e a maggior ragione giuridico della riparazione. Ricordiamo inoltre che Dio può perdonare o meglio riesce a far accettare il dono del Suo perdono, che è permanente, solo dall uomo che sinceramente si pente. Nell ambito giuridico lo Stato non può valutare la realtà e la sincerità del pentimento, né gli interessa. La Chiesa perdona l offesa fatta a Dio, il peccato, perché Gesù in questo l ha delegata. L uomo, poi, se è cristiano può e deve perdonare, anche se il colpevole non è pentito. Ma lo Stato non può imporre ai cittadini il perdono né il pentimento, né può dare il perdono perché il suo è un rapporto giuridico; ed inoltre, secondo la concezione di Stato illustrata, non potendo condannare non può neanche perdonare. 5

6 In questa mia comunicazione non ho riportato né mi sono esplicitamente riferito alla Bibbia ed al Vangelo in modo particolare, non perché non mi abbiano guidato nella riflessione, ma per motivo di spazio e tempo. Non posso però, concludendo, non rifarmi ancora al n. 39 del documento della CEI Dopo Loreto, che, come ho già riferito, stimola la comunità cristiana a rivedere con la luce del Vangelo la concezione dello Stato (comma 1). Continua poi dicendo che: la comunità cristiana deve riflettere sulla giustizia e sulla revisione delle pene. Afferma poi che non ci può essere vero diritto, e cioè a ciascuno il suo, se alla base della convivenza tra gli uomini non c è l amore, cioè quel valore evangelico che è l unico veramente valido per realizzare i rapporti tra gli uomini come singoli e come comunità: questo è il principio della Solidarietà. Con questi concetti mi sembra che i Vescovi dicano allo Stato che il suo diritto non può contenere violenza, vendetta, castigo, distruzione dell uomo, come avviene purtroppo nel modo attuale di amministrare la giustizia. Il documento episcopale parla poi di giustizia aperta a speranza: se la pena è retributiva, immutabile, distruttiva, dove va la speranza? Certo non può essere distrutta la Speranza cristiana basata sulla Fede, ma quella umana, sì. E allora il comportamento dello Stato che toglie all uomo la speranza, è antiumano e quindi anticristiano. A Loreto la comunità cristiana chiese ufficialmente allo Stato italiano di abolire l ergastolo. Concludendo: mi sembra che quanto esposto in questo mio tentativo di lettura evangelica delle strutture ed in particolare della pena, sia in linea col documento della CEI. Inoltre, queste mie riflessioni non sono e non possono essere prese come indicazioni pratiche o ricette da applicare: sono un tentativo per ripensare le idee ed i valori che sono alla base del Diritto Penale. 6

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE Significato dei termini DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l ingegno umano è riuscito,

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Conferenza Episcopale Italiana Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l annuncio e la catechesi ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Lettera alle comunità, ai presbiteri e ai catechisti

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia)

Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia) Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia) Il recente volume Carcere: uno spazio per la persona (Roma, Las), a cura

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Cristo, tu ci sei necessario! La responsabilità dei battezzati nell annuncio di Gesù Cristo

Cristo, tu ci sei necessario! La responsabilità dei battezzati nell annuncio di Gesù Cristo DIOCESI DI ROMA Convegno pastorale 2013 Cristo, tu ci sei necessario! La responsabilità dei battezzati nell annuncio di Gesù Cristo Relazione del Cardinale Vicario Basilica di San Giovanni in Laterano,

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione Arcidiocesi di Salerno Campagna Acerno CONVEGNO PASTORALE DIOCESANO 16-17-18 giugno 2015 Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione STRUMENTO DI LAVORO alla

Dettagli

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE Documento preparatorio Città del Vaticano 2013 I Il Sinodo: famiglia ed evangelizzazione

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO

SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO DIOCESI DI ROMA CONVEGNO DIOCESANO 2009 SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO APPARTENENZA ECCLESIALE E CORRESPONSABILITÀ PASTORALE RELAZIONI DI SINTESI 1 SINTESI DELLE RELAZIONI

Dettagli

Se non vi convertirete, perirete tutti allo stesso modo

Se non vi convertirete, perirete tutti allo stesso modo CONFERENZA EPISCOPALE CALABRA Se non vi convertirete, perirete tutti allo stesso modo (Lc 13,5) Annunciare il Vangelo della vita nella nostra terra per un futuro di giustizia e carità a. 2007 2 CONFERENZA

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI 1. Il rinnovamento della catechesi, pubblicato nel 1970 sotto la spinta del Concilio Vaticano II, ha segnato decisamente,

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA"

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA MADRE DELL'EUCARISTIA MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA" Via delle Benedettine, 91-00135 ROMA Tel. 063380587; 063387275 Fax 063387254 Internet: http://www.madredelleucaristia.it E-mail: mov.imp.test@madredelleucaristia.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE ANNO 2013 Il nuovo logo del Centro per la mediazione è stato elaborato da Bottega Grafica, progetto educativo dell Istituto Penale per i Minorenni di Treviso,

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE. Uno studio di Fiammetta Guerra. 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte

INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE. Uno studio di Fiammetta Guerra. 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE Uno studio di Fiammetta Guerra 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte La questione riguardante il possibile effetto deterrente della pena di

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Mat.5:17: «Abolire» la Legge

Mat.5:17: «Abolire» la Legge Mat.5:17: «Abolire» la Legge (IL PRESENTE ARTICOLO È TRATTO E SVILUPPATO DAL LIBRO DI QUINTAVALLE ARGENTINO, ELEMENTI ESSENZIALI DELLA FEDE GIUDEO CRISTIANA, CAP. 9: CHE COS È LA TORAH) http://www.messiev.altervista.org/elementiessenziali.pdf

Dettagli

Ad gentes 1 www.olir.it

Ad gentes 1 www.olir.it DECRETO Ad gentes SULL ATTIVITÀ MISSIONARIA DELLA CHIESA PROEMIO 1. Inviata per mandato divino alle genti per essere «sacramento universale di salvezza» la Chiesa, rispondendo a un tempo alle esigenze

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA LETTERA AI ROMANI

LA LETTERA AI ROMANI ANNO PASTORALE 2004 2005 LA LETTERA AI ROMANI GIUSTIFICATI PER GRAZIA SALVATI PER FEDE COMMENTO E ATTUALIZZAZIONE A CURA DI DON SERGIO CARRARINI INTRODUZIONE Nel nostro impegno annuale di approfondimento

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA Varsavia, 16.V.2005 Traduzione in italiano a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La donna, custode dell essere umano

La donna, custode dell essere umano La donna, custode dell essere umano Breve Introduzione alla Lettera apostolica Mulieris dignitatem Joseph Card. Ratzinger L Osservatore Romano 1 ottobre 1988 Chi vuol leggere e capire nel senso giusto

Dettagli