I guerrieri SCV. di Kal-El Bogdanove

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I guerrieri SCV. di Kal-El Bogdanove"

Transcript

1 I guerrieri SCV di Kal-El Bogdanove 1

2 La nuca di Bill "Pearly" Bousquette gli prudeva, come faceva ormai a intermittenza fin dalla prima settimana di servizio durante il precedente conflitto. Bill era cresciuto su Choss, un inutile pezzo di roccia che i libri definivano con disprezzo "Lunartica", a causa del clima tipico dei deserti a elevate altitudini. Lì aveva passato la gioventù, lavorando a progetti di eleganti città incastonate in crude pareti rocciose dove uomini più facoltosi di lui portavano famiglie e amanti a godersi il lusso di un sole costante e privo di umidità, l'ideale per curare il loro "mal di nave" e il "pallore da crociera" e per illudersi che i miliardi di crediti spesi avessero un senso. Una vita passata all'aria aperta su Choss aveva fatto sì che il suo collo fosse sempre abbronzato e asciutto, anche quando era costretto a lavorare a ritmi improponibili e le altre parti del corpo non esposte al vento e al sole annegavano in un fiume di sudore. Durante i lunghi anni di servizio era stato costretto a trascorrere metà del tempo dentro una specie di grossa lattina infilata all'interno di un'altra lattina ancora più grossa, ben lontano dal dolce contatto con l'aria e la luce. L'imbracatura dell'articolatore all'interno del veicolo da costruzione spaziale T-280 faceva sudare il collo di Pearly, e senza il sole e il vento ad asciugarlo a fine giornata gli veniva sempre un prurito insopportabile. Questa sgradevole sensazione peggiorava ulteriormente quando era nervoso, esattamente come in quel preciso istante, mentre guardava i suoi uomini riuniti attorno allo schermo alle prese con ogni tipo di lamentela. "Lascia perdere i materiali. Per tutti i dannati santi protoss, come pretendono che costruiamo una cosa del genere? Un ponte mobile di duecentocinquanta metri in grado di reggere il peso di due carri d'assedio, ma abbastanza leggero da poter essere trasportato da una nave da sbarco con tanto di equipaggiamento offensivo completo. Ma siamo matti?" L'uomo che stava parlando era Vigo "Tuna" Czark. In precedenza Czark era stato un addetto manovratore di gru per le flotte pescherecce di Turaxis II, ruolo che si era ormai rassegnato ad assumere anche qui, tra le gelide paratie di una nave stellare. Chewitel "Choosey" Wsoro, un brillante personaggio vecchio stile e saggiamente "requisito" dalle grinfie del Consorzio Minerario Confederato, scosse la testa con disappunto. "Per come 2

3 la vedo io, amico mio, sono molto più preoccupato del fatto che Raynor voglia farci partecipare a missioni che richiedano di guidare due di questi bestioni l'uno affianco all'altro in solo un quarto di chilometro." Pearly lasciò che i suoi SCV si sfogassero un po', mentre li studiava e rifletteva sul problema. Gli uomini attorno a lui non erano pivelli, la faccia del più giovane del gruppo era già ricoperta dai primi peli grigi tipici della mezza età. Quando aveva iniziato a mettere insieme quell'unità strampalata, Raynor aveva provato ad affiancare a Pearly degli uomini più freschi, mandandogli le menti migliori dell'università Centrale di Umoja, o almeno tutte quelle che il Dominio, gli Umojani e i Combine non avevano già reclutato. In teoria erano tutti dei geni, ma in pratica nessuno aveva mai costruito nulla di più complesso di un modellino. Come se non bastasse, la maggior parte di loro era così alle prime armi che avrebbe senza dubbio abbandonato il proprio posto al primo segno di pericolo, e la squadra non era certo stata progettata per quello. I Randagi di Raynor erano dei ribelli che cercavano di combattere il Dominio con un centesimo delle risorse. Erano costantemente a corto di uomini, di armi e di tempo, ma in qualche modo Jim Raynor riusciva sempre a condurli verso più vittorie che sconfitte. In un contesto come quello, Raynor aveva bisogno di un gruppo di piloti di SCV che fosse in grado di resistere allo stress, di concentrarsi sulle sfide ingegneristiche più impossibili anche sotto il fuoco nemico e di prendere le armi e difendere il lavoro svolto, se necessario. Per guidare questo gruppo di folli, Raynor aveva richiesto Pearly perché l'aveva visto riparare un Hellion mentre una pioggia di proiettili colpiva il dorso del suo T-280. Quando Pearly aveva detto che tutti gli uomini assegnati alla sua unità erano inadatti al lavoro, Raynor si era dimostrato paziente, aveva aiutato Pearly a licenziarli tutti ed erano ripartiti da zero. Il reclutamento. Ciò di cui Pearly aveva bisogno era una squadra di abili artigiani, esperti e duri come il dolce standard n 10 delle vecchie razioni di guerra. Aveva bisogno di gente che sapesse fare il proprio lavoro dall'inizio alla fine. Aveva bisogno di 3

4 trenta copie di se stesso e si era mosso per trovarle. Aveva battuto cantieri navali, siti di costruzione e un considerevole numero di bar in tutto il settore, alla ricerca di ogni possibile figura, dall'ingegnere di alto livello come lui all'idraulico autodidatta così bravo da essere in grado di far fluire i liquami al contrario durante una calda giornata estiva. Erano tutti ben oltre l'età media dei marine e almeno due su tre erano già stati su Pho- Rekh e Aiur durante il precedente conflitto. Il popolare detto dei marine "Sii gentile con un SCV, potrebbe essere tuo padre!" rimase una presa in giro della loro età solo fin quando li videro con i propri occhi costruire un centro di comando e sei bunker sotto l'incessante fuoco di due Banshee, mentre gli altri Randagi se ne stavano nascosti al sicuro. Fu in quel momento che scomparve definitivamente l'idea che gli SCV fossero solo un branco di vecchietti decrepiti incapaci. La verità era che potevano costruire una fortezza di neve nel bel mezzo di un pomeriggio d'agosto all'inferno sotto il fuoco del diavolo in persona. Forse era per questo che sentirli lamentarsi come una mandria di mogli di pescatori di Pridewater si stava rivelando un'esperienza molto fastidiosa per il collo di Pearly: sapeva che se quegli uomini si stavano lamentando, un motivo c'era. Era così ormai da martedì mattina, quando il primo saldatore Steiglitz aveva ricevuto la lettera. Come la maggior parte degli SCV, Steiglitz aveva una famiglia e una casa, tre figli e una moglie paziente, e la lettera gli era stata inviata per informarlo della morte del figlio maggiore. Fuori servizio, il ragazzo aveva deciso di unirsi alla milizia di difesa del suo pianeta ed era stato ucciso dal "fuoco amico" durante uno scontro spaziale con gli zerg. Martedì pomeriggio avevano trovato Steiglitz intento a ridurre un Raven nuovo di zecca in mezza dozzina di costosissimi rottami, prima che Choosey e un esperto in fibre sintetiche di nome Patel lo separassero dalla sua attrezzatura da saldatura. 4

5 Pearly aveva visto molti giovani soldati lamentarsi di tutto, dalle razioni agli alloggi, quando il massimo a cui un SCV poteva aspirare erano scarti di seconda scelta e qualche cuscino stropicciato. Purtroppo, da quando quella lettera era arrivata le loro micce erano diventate pericolosamente corte. Pearly pensò a sua moglie e ai suoi figli, ormai entrambi adulti: uno gestiva il Canyon Plaza sul loro pianeta, mentre l'altro progettava propulsori d'avanguardia su Umoja. Non erano meno vulnerabili di quanto fosse stato il ragazzo di Steiglitz e, quando pensava a loro, l'unica immagine che riusciva a visualizzare erano le loro tre figure, sole in un campo privo di ripari, circondate da nemici. Il tempo e la distanza che li separavano da lui non facevano altro che peggiorare il suo stato d'ansia, e da quando era giunta quella lettera il peso da sopportare era diventato enorme. Mise da parte quel sentimento e si schiarì la voce. "Va bene, ascoltatemi. Se avessi voluto sentirmi dire non si può, avrei chiesto aiuto a un politico del Dominio. Ne riparleremo alle 16:00. Voglio che le tre squadre mi facciano avere una lista dei materiali disponibili per quell'ora. Se vi avanza del tempo, usatelo come vi pare. Trascorretelo a pregare o a giocare a pinnacolo, non m'interessa." Pearly esaminò gli uomini, sfiniti e logori come una pagina riletta troppe volte. "Mi sa che a un paio di voi converrebbe andare in palestra." Qualche SCV si mise a ridere e si diede un colpetto sulla pancia. "Me compreso." Altri si unirono alle risate. "Potete andare." Pearly li osservò mentre ognuno andava per la propria strada e si toccò la nuca con il telecomando della console remota. Aveva il comando ed era compito suo occuparsi dei problemi. Merda. *** Rory Swann appoggiò la tazza con un grandioso e possente tonfo. Rory faceva quasi tutto in maniera grandiosa e rumorosa, una qualità che era sempre piaciuta molto a 5

6 Pearly, forse anche perché lui al contrario era introverso e sempre l'ultimo a sacrificarsi per rompere il silenzio. Rory era il capo ingegnere della nave. Qualche anno prima gli SCV si erano uniti alla squadra di ingegneria per rappezzare l'hyperion dopo uno scontro particolarmente violento. Pearly aveva conosciuto i migliori amici della sua vita mentre si trovava con i gomiti infilati tra ingranaggi e grasso lubrificante, e Rory era tra quelli. I due uomini, anche se di temperamento diametralmente opposto, si erano trovati subito a proprio agio. Pearly dava il merito al fatto che fossero entrambi dello stesso grado ed esperienza, ma i loro compiti non s'incrociavano mai. Possiamo lamentarci a vicenda l'uno dell'altro senza che la cosa interferisca sul nostro lavoro e senza creare scompiglio. Ovviamente questo spiegava anche il motivo per cui Rory considerava Jim Raynor una "fottuta testa calda" e perché passava venti minuti a lamentarsi con Pearly ogni volta che tornava da una bollente conversazione con il comandante. Oggi potrebbe essere diverso, pensò Pearly mentre Rory si vantava per la millesima volta dei suoi meriti per il progetto del veicolo d'assalto Diamondback. A causa dei loro continui bisticci, Raynor e Swann avevano instaurato un legame indissolubile, e dal momento che Pearly stava cercando in tutti i modi di convincere Raynor a far qualcosa che era sicuro che non avrebbe accettato di fare, sapeva che Rory era l'uomo giusto a cui chiedere consiglio. Swann stava finendo di raccontare una lunga storiella da pescatori. "...diavolo, credo proprio che non mi lasceranno mai più neanche atterrare su quella luna." Pearly ridacchiò, nonostante avesse ascoltato quella storia almeno mezza dozzina di volte, e pensò a come esporre il suo problema. "Ascolta, Swann..." "Che succede, amico?" 6

7 Pearly sorseggiò una birra e continuò. "Sei sposato?" Swann sorrise. "Più di una volta. Perché? Qualche donzella sta cercando un buon marito monobraccio?" Pearly prese una manciata di pretzel e raccontò la storia di Steiglitz, notando le smorfie che oscurarono il viso di Swann quando giunse alla parte dello smantellamento del Raven, per poi arrivare finalmente al nocciolo della questione. "Il fatto è che loro non batterebbero mai la fiacca, non perderebbero mai tempo inutilmente. Qualcosa li sta irritando. S'innervosiscono senza motivo, sono meno lucidi del solito. È come un malfunzionamento della subroutine secondaria: magari non te ne accorgi subito, ma con un'attenta analisi potresti scoprire che la CPU è sovraccaricata. Hanno bisogno di vedere le loro famiglie Rory, anche solo per poche ore. Si stanno... scaricando." Rory aprì e richiuse le tenaglie del suo braccio bionico. "Uhm. Già. Era inevitabile. Diavolo... per la maggior parte dei ragazzi di questa nave è la prima guerra. I giovani combattono per principio o vendetta, a volte per divertimento. Questo non è certo il mio caso, e nemmeno il tuo." Pearly grugnì. "Sei un maledetto bugiardo. Tu lo fai ancora per divertimento." Swann ridacchiò. "Già, be', forse io. Ma non i tuoi uomini. Loro sono qui per i loro cari. Dovresti parlare con Raynor." "E dirgli cosa?" "Dirgli quello che hai detto a me. Diavolo, siete entrambi dei bifolchi taciturni provenienti da qualche buco puzzolente o roba simile. Dovresti saperlo meglio di tutti: il miglior modo per parlare con un cowboy è essere diretti. Digli esattamente quello che ti serve." 7

8 "Odio chiedere." "Non glielo stai chiedendo. Glielo stai dicendo. Raynor non è un idiota. Riuscirà a, be'... a comprendere la saggezza dietro alla tua richiesta. Ricorda, ogni Randagio condannato a combattere in questo immenso casino cosmico ha una cosa in comune con tutti gli altri. Basta guardare te, Raynor o chiunque altro per vedere un tipico uomo ormai stufo di dare tutto se stesso per un branco di tiranni che non spenderebbero dieci fottuti crediti per salvare la sua vita o quella di qualcun altro. Inizia con questo e poi costruisci il discorso. Esattamente come quando assembli un Hellion." Pearly sospirò. "Sei un ottimista." Rory sghignazzò. "E tu sei un eccentrico bastardo. Picchieresti a mani nude uno zelota senza battere ciglio, ma se qualcuno cerca di cavarti dieci parole consecutive dalla bocca diventi viola dalla vergogna." Swann allungò il braccio oltre il bancone del bar e si riempì il bicchiere. "La risposta sarà sempre no, se non ti sforzi mai di chiedere. La prima cosa che devi fare è aprire la bocca. Fatti un'altra birra con me e poi vai subito da lui." *** "Non si può." Raynor lo disse con il tipico atteggiamento che spingeva i giovani soldati a mettersi sull'attenti. Nel caso di Pearly, lo spinse soltanto a grattarsi la nuca. "La nostra posizione è troppo delicata. Servono una certa quantità di risorse per mantenere questo uccellino in aria. La maggior parte dei ragazzi è occupata a trasformare quelle risorse in munizioni scariche. La tua unità è dodici volte più efficiente di qualsiasi altra squadra in un intero anno di missioni." 8

9 "Sette volte rispetto a un reparto equivalente del Dominio, con un terzo dei fondi disponibili," disse Pearly. "Conosco le statistiche, Jim." "Quindi mi stai dando ragione." Raynor tirò fuori un coltello ricurvo e staccò una grossa fetta di mela shiloh presa da una ciotola in un angolo della sua scrivania. "Non possiamo fare a meno di voi." Offrì a Pearly un pezzo di mela conficcato sulla punta del coltello. Pearly rifiutò gentilmente e fece un profondo respiro. Raynor continuò. "Ci troviamo nel bel mezzo di una ribellione su vasta scala. L'unico modo per mantenere il controllo è rendere i tipi di Moebius felici." Raynor morsicò la mela, masticò e ingoiò. "Avere il comando è un compito delicato e saper sfruttare bene le proprie risorse è fondamentale. Avresti mai pensato di trovarti in una situazione simile?" Pearly ci pensò. "Credo che al massimo avrei pensato di costruire villaggi turistici per i ricconi, dedicandomi al mio ranch nel tempo libero e ingrassare, con un branco di nipotini aggrappati alle gambe." "L'universo ha il senso dell'umorismo, vero?" Raynor scosse la testa. "Mi dispiace, Pearly. Ci troviamo in un momento cruciale di questa guerra. Non si può fare, non ora." Una volta Pearly era caduto nell'imboscata di tre progenidi mentre stava riparando un carro d'assedio sul campo di battaglia, riuscendo però a ucciderli tutti con nient'altro che il suo saldatore e una grossa chiave inglese. Per quale motivo questa cosa gli sembrava così difficile? 9

10 Raynor spezzò il silenzio. "Comunque, mi fa piacere che tu sia qui, stavo per chiamarti per il briefing quotidiano." "Credevo dovessimo occuparci di quel progettino per i carri." Raynor sorrise. "Questo ha la precedenza. Non fare quella faccia preoccupata..." Raynor inserì un circuito di memoria nella console tattica e il modello telemetrico di una piccola luna prese forma. "Sarà una passeggiata." *** "È una toccata e fuga," spiegò Pearly agli uomini che ascoltavano il briefing della missione. "Con la protezione dei marine?" chiese Czark. "Il comandante non l'ha detto e io non l'ho chiesto. È una ribellione, non una lezione di danza. Abbiamo già poco spazio di manovra, non c'è motivo di togliere abili uomini dalla prima linea soltanto perché si siedano da qualche parte a bere caffè e a guardarci trivellare. E poi è un'operazione lampo. Entriamo e ce la filiamo con la merce." "E la merce sarebbe?" chiese Choosey con le braccia conserte e le sopracciglia inarcate. "Quelle sonde che il caporale Griffud ha lanciato sei settimane fa hanno continuato a trasmettere senza interruzione: hanno rilevato un giacimento minerario di valore su questa luna. Brass è stato avvisato alle 5 esatte. Siamo già in viaggio e saremo pronti allo sbarco domani mattina." "Di che valore stiamo parlando?" chiese Czark. Pearly premette un pulsante sulla console e osservò le informazioni apparire davanti ai volti dei suoi uomini. 10

11 "Porca vacca," disse Choosey. "Sempre che le informazioni ricavate dalle spie di Griffud siano accurate," aggiunse Czark. Liam Griffud (un professore di geologia esplorativa cacciato da un progetto di ricerca alla UCU), si spostò indietro i capelli dalla faccia pallida e congiunse le lunghe dita sottili. "Sono accurate," disse con un piccolo sorriso, denso come la resina. "Allora perché nessuno ha mai cercato di prendersi una bella fetta di questa golosa torta?" chiese Choosey. "Quel sasso si chiama Gurdlac. L'atmosfera supporta la vita, ma a malapena. Fa abbastanza caldo da rendere la vita difficile anche a uno come me. Le ultime informazioni dicono che il Dominio ha selezionato la luna come possibile candidata alla terraformazione per usarla come campo per rifugiati, ma la cosa non è mai iniziata. Nessun progetto in vista, nessuna ispezione programmata. Solo un grosso sasso rovente che nessuno si degnerebbe di guardare due volte, a parte noi." Pearly alzò le spalle. "Dobbiamo solo andare e fare le nostre solite cose. L'unica fregatura è che i Randagi saranno impegnati a tirare qualche calcio in culo altrove, mentre noi lavoreremo. Ci assicureranno lo sbarco e l'estrazione, ma durante la missione saremo soli." "E dov'è la novità?" si lagnò Czark, scatenando una risata generale. "D'accordo, sergente. Dirò alla squadra TAC A di preparare i M.U.L.E." "Farò una lista dell'equipaggiamento minimo necessario e la consegnerò ai responsabili di volo," disse Choosey. "Un'ultima cosa..." Pearly esitò. "So che ultimamente abbiamo dovuto lavorare sodo, anche andando ben oltre quello che il nostro contratto prevedeva, senza alcuna pausa. 11

12 So anche che valete più di chiunque altro. Ma volevo farvi sapere che... me ne sto occupando. Potete andare." Gli uomini uscirono dalla stanza con fare dubbioso, mentre alcuni annuirono amichevolmente. Choosey si fermò e disse a mezza voce, "Non preoccuparti, capo. Se la cosa è umanamente fattibile, sono sicuro che ce la farai." Choosey gli diede una pacca sulla spalla e corse a unirsi agli altri. Pearly sospirò mentre si allontanavano. Magari fosse così semplice. *** Lo sbarco dalla nave fece rivoltare la colazione nello stomaco di Pearly, esattamente come succedeva ogni volta. Fu un vero sollievo per lui rimettere di nuovo i piedi a terra, anche se in realtà il suo T-280 lo separava ancora di un buon metro e mezzo dal suolo vero e proprio. Pearly si stiracchiò, assaporando la familiare sensazione provocata dall'articolatore. La versione standard includeva un'imbragatura modellata e fissata al corpo dell'operatore. Era in grado di captare i minimi movimenti dell'utilizzatore e di riprodurli fedelmente sull'scv. Il modulo di trasmissione sensoriale era in grado di generare una risposta tattile proporzionale alla forza utilizzata, dando quindi all'operatore un'approssimazione più che realistica della sensazione che egli avrebbe provato se le enormi braccia meccaniche fossero state parte integrante del proprio corpo. Una vita prima, Pearly aveva ottenuto un contratto di lavoro da due soldi con un irascibile ed egoista puttaniere, proveniente da un lurido villaggio sconosciuto, il cui nome era Redell Quinton. Erano diventati buoni amici andando a caccia d'imperfezioni nei peggiori moduli di retroazione del settore. Con il passare del tempo, avevano iniziato a passare le nottate a discutere sui moduli di alto livello che avrebbero voluto 12

13 brevettare, se avessero avuto i soldi. Fu durante una di queste discussioni, sotto gli effetti psichedelici della bevanda conosciuta come "Macchiafegato di Red" (ancora oggi il più pesante liquore artigianale che Pearly abbia mai ingurgitato), che Pearly iniziò ad abbozzare i primi disegni del suo euristico articolatore biometrico. Anni dopo, visto il peso degli SCV a sua disposizione, si era finalmente risoluto a costruirlo e installarlo su ogni impianto sotto il suo controllo. Il dispositivo era in grado di registrare gli impulsi nervosi dell'utente e adattarsi gradualmente per migliorarne le prestazioni. In questo modo, più tempo i suoi uomini passavano dentro i loro SCV, meglio la macchina rispondeva ai comandi. La prima conseguenza fu che gli uomini iniziarono ad affezionarsi alle proprie macchine. Pearly, che aveva un'anima da cowboy, pensava sempre ai cavalli che i contadini di Choss tenevano a portata di mano, qualora capitasse una delle frequenti carenze di combustibile... pensava al cavaliere sulla sella che imparava a conoscere meglio la sua cavalcatura preferita. Per Pearly era la stessa cosa. Aveva rinforzato la propria unità con dei pezzi di neoacciaio di scarto, potenziato i motori e ricalibrato interamente i circuiti interni. Ora, di nuovo al sicuro sulla terraferma, Pearly sgranchì le gambe dell'unità facendo dei grossi passi, accese per un attimo i motori e controllò tutti gli indicatori. Poi, soddisfatto del perfetto funzionamento di tutti i sistemi, si girò e controllò il monitor tattico alla sua sinistra. I segni vitali regolari di tutti i suoi SCV pulsavano in modo rassicurante dietro di lui, una griglia efficiente di luci rosse lampeggianti. Pearly osservò il paesaggio di Gurdlac. Un'infinita pianura increspata di tanto in tanto da qualche canale verso est. Un imponente muraglione di pietra si ergeva da un altopiano verso ovest, costellato da crepacci e canyon che si estendevano senza fine verso nord e sud. La luna era al tempo stesso magnifica e desolata in un modo che conosceva bene, un modo che solo i deserti sapevano manifestare. Una giornata piacevole. Tutto ciò rendeva il lavoro più difficile. 13

14 "Tenete ben abbassati quei visori, ragazzi. So che l'aria fresca manca a tutti, ma questo posto vi prosciugherà ogni goccia d'acqua dal corpo, e sappiamo tutti che non ne abbiamo molta da buttare. Tenete i controlli ambientali a livello alto, in modo da non sudare troppo." Come se fosse facile. Questi maledetti cosi sono equipaggiati con condizionatori d'aria da supermercato. Quando torneremo, incaricherò una squadra TAC di migliorarli, pensò per la centesima volta. Costruirono velocemente il centro di comando. Non a tempo di record (Pearly teneva traccia dei loro record di velocità, nella speranza che questo li spronasse a migliorarsi ogni volta), ma sempre decisamente più rapidi della media delle squadre del Dominio. Stivarono velocemente le provviste e per ora di pranzo erano già pronti a iniziare le prime fasi di estrazione sul punto di scavo iniziale. *** Erano da poco passate le 16:00 quando caddero nella trappola degli zerg con un sonoro "CRAC!" Il rumore fu simile a quello prodotto da una trappola di ghisa attivata dalla zampa di un cinghiale selvatico nelle radure attorno a Quijadas, dove Pearly era solito andare a caccia da ragazzo. Uno dei M.U.L.E. aveva rotto una testa rotante intorno alle 14:30 e Pearly stava aiutando Czark e la squadra A a effettuare una riparazione veloce. I M.U.L.E. servivano ad aumentare il rendimento di ogni processo di estrazione. Erano in grado di trasportare carichi che avrebbero messo in ginocchio qualsiasi SCV. Ma non avevano cervello né istinto, quindi Pearly aveva addestrato i suoi uomini a lavorare in sintonia con loro, per correggerne la telemetria priva di fantasia e guidarne le potenti trivelle nei luoghi dov'erano più utili. 14

15 Come se non bastasse, quei dannati cosi assorbivano una quantità enorme di energia e, quando ne erano a corto, toccava a un paio di bravi SCV rifornirli. Mentre Pearly stava sudando nel montare la nuova attrezzatura sull'unità, un prurito premonitore gli si fece strada sulla nuca. Borbottò e spostò lo sguardo da quello che stava facendo. Sul lato opposto del sito di scavo, mentre stava inserendo una lama a fusione nella dura parete rocciosa, il sottoufficiale Wolfe all'improvviso sparì in un profondo crepaccio che si era aperto sotto i suoi piedi. Lo squarcio serpeggiò velocemente lungo tutto il sito come la cucitura debole di un tessuto logoro. Una delle luci rosse alla sinistra di Pearly si spense. Wolfe era morto. La mente di Pearly iniziò a correre. Una falla tettonica? No. Troppo regolare. Ha circondato perfettamente il campo. Non può essere di origine naturale! Poi i primi zergling balzarono fuori dalla fessura e conficcarono i loro artigli nell'abitacolo di Cortez (un metallurgista proveniente dalle fabbriche di veicoli di lusso di Moria). Pearly guardò più vicino e notò che la fenditura era colma... di carapaci brulicanti di zerg. Merda! Dobbiamo riunirci, ripiegare sul centro di comando e... Ma lo squarcio si stava estendendo, circondando l'intera area. Se andiamo verso il centro di comando per recuperare l'equipaggiamento ci circonderanno. Pearly analizzò il territorio. Choosey era il più vicino alla sempre più piccola via di fuga che c'era tra loro e i canyon. Bisognava prendere una decisione rapida. "SCV! Ripiegate sulla posizione del tenente Wsoro e correte verso i canyon! Falciate qualunque cosa vi si pari davanti!" 15

16 Pearly mise in azione l'articolatore. Gli zergling si stavano già lanciando contro gli uomini ai bordi. Nel pieno rispetto del loro addestramento, gli SCV si spostarono a coppie, muovendosi tatticamente, senza mostrare panico, affettando e schiacciando zergling il più velocemente possibile e dirigendosi a tutta velocità verso l'unica via d'uscita, sempre più stretta. Se Pearly ne avesse avuto il tempo, avrebbe certamente provato orgoglio per loro. Ma di tempo non ce n'era. L'orda di zergling che fuoriusciva dai maledetti crepacci sembrava non avere fine ed era ormai solo una questione di tempo prima che gli SCV ne fossero sopraffatti. Pearly vide uno zergling saltare sopra l'unità di Dean Mozian (un esperto di balistica, strappato dalla schiavitù e dalle grinfie di una piccola fabbrica sfruttatrice di Cirion) e iniziare a scavare sui lati del suo visore anteriore. Pearly diede uno strattone al suo articolatore e colpì con il braccio lo zergling, afferrandone la testa con la grossa tenaglia di cui disponeva. Strinse il pugno il più forte possibile e sentì il cranio dell'insetto esplodergli tra le mani grazie al modulo di trasmissione sensoriale. Sobbalzò quando uno zergling si lanciò sul dorso della sua unità. Istintivamente si girò verso Czark, il quale calpestò il torace di un altro zergling che sfrecciava in mezzo a loro e levò in alto il suo saldatore. Un lamento sibilante risuonò debolmente nel comunicatore quando Czark portò al massimo la potenza della fiamma e fuse l'insetto sulla schiena di Pearly con un lampo di luce bianca. Quattro altre luci si spensero, proprio come aveva fatto quella di Wolfe. La mente di Pearly ripeteva i loro nomi a tempo con il passo pesante del suo veicolo. Stomp! Addams, idraulico della Grande Cintura. STOMP! Kobayashi, fisico delle particelle proveniente da una flotta di ricerca errante. Si stavano avvicinando all'apertura ormai, con i due M.U.L.E. nelle retrovie per assorbire la maggior quantità di danni possibili. 16

17 STOMP! LeFleur, progettista d'interfacce recuperato dall'ipercade. STOMP! Nguyen, architetto strutturale, lavorava ancora per i ChariCorps con l'incarico di inviare dati su equipaggiamenti di livello militare a compagnie di minore entità. La maggior parte degli uomini aveva già superato l'apertura. Pearly si guardò indietro: Czark e gli altri ritardatari stavano sputando plasma contro un'immensa marea marroncina di zerg. E adesso? Anche in campo aperto, ci annienterebbero in pochi secondi! Pearly afferrò con forza Blake (specialista di reti, in pensione dopo vent'anni trascorsi alla UNN) e lo scagliò oltre il passaggio. La marea era ormai su di loro! Dobbiamo chiudere il passaggio o siamo fottuti! Una barriera di metaplastica basterebbe a rallentarli, a recuperare del tem... Pearly vide Wenders (consulente sulle demolizioni di Halcyon) travolto da un'ondata di zergling e un'altra luce si spense. Vide Czark, con la sua unità girata all'indietro, che lo fissava con il tipico sguardo di chi stava pensando esattamente la stessa cosa. No, non esattamente, perché... Czark azionò la sua lama a fusione e si mosse verso un grosso pacco di esplosivi legato all'unità di Wenders. In lontananza, Czark incrociò lo sguardo di Pearly, che fece appena in tempo a sussurrare un timido, inutile... "No..." L'intero sito si trasformò in una nube di fuoco vorticante. L'esplosione scaraventò il veicolo di Pearly contro altri due SCV. Per un momento rimase lì, scuotendo la testa e cercando di resistere all'insopportabile fischio che gli rimbombava nella testa. 17

18 Pearly si rimise in piedi. Czark aveva fatto guadagnare loro del tempo, ma era questione di un minuto al massimo. Dovevano muoversi... "A nord-ovest, verso il fottuto canyon più stretto in cui riuscite a infilarvi! Le coordinate sono sui vostri display! Muoversi!" *** La notte era ormai scesa quando Pearly si decise a dare alla sua compagnia l'ordine di fermarsi. Erano riusciti a superare il passaggio prima che gli zerg avessero il tempo di raggrupparsi, e con gli SCV fuori portata gli insetti avevano abbandonato l'inseguimento. Pearly sapeva che l'assenza di vento aveva impedito che l'odore del grasso degli ingranaggi si diffondesse, rendendo difficile rintracciarli, ma anche se fossero stati ancora alle loro calcagna, la stanchezza ormai li avrebbe costretti comunque a fare una pausa. Tra i profondi e ventosi cunicoli che costellavano l'altopiano, avevano scoperto un enorme canyon protetto da pareti a gradini. C'erano soltanto due vie d'uscita, entrambe estremamente strette. Sarà difficile trovare un posto migliore, pensò Pearly, e diede l'ordine. Gli uomini si fermarono. Pearly aprì un canale di comunicazione con Griffud. "Liam. Mi serve una panoramica tridimensionale dettagliata di questi canyon il più in fretta possibile." "Ricevuto, capo." La risposta di Griffud fu seguita da alcuni deboli suoni, segno che si era già messo al lavoro. Pearly annuì e si rivolse alle altre truppe. "D'accordo, mettetevi in riga." 18

19 Lo fecero, faticosamente ma senza lamentarsi. "Abbiamo perso molti amici oggi, e siamo tutti provati da questa lunga marcia. Ma ho bisogno che facciate un altro piccolo sforzo, prima di mettervi a riposare." "Cosa diavolo è successo, Pearly?!?" Era Eddie Rimes, un capitano di trasporto di Tyrador. "Era una trappola," disse seccamente Choosey. "Riconosco una trappola quando ne vedo una. Ne abbiamo organizzate parecchie contro quei cani del Dominio, mi pare di ricordare. Siamo stati mandati qui a trivellare una fottuta tana infestata." Rimes intervenne. "Ma come potevano saperlo? Come potevano sapere che saremmo andati proprio in quel punto?!?" "Non lo sapevano." Era Dave Warner, che aveva passato tre anni a elaborare strategie ingegneristiche antibiologiche per i reparti speciali di ricerca. "La trappola non era per noi. La trappola non era per nessuno in particolare. O forse sarebbe meglio dire che la trappola era per chiunque non fosse dotato di un carapace. Non sono una novità nei reparti speciali: le chiamiamo 'imboscate alla zerg'. In poche parole, gli zerg vanno alla ricerca di un ricco deposito di risorse e, invece di estrarlo, vi si nascondono sotto, riempiendo la caverna di biostrato e ibernandosi nell'attesa. Come una rana in uno stagno." "Stronzate! Le rane non saltano fuori dal terreno per farti a pezzi!" Pearly ne aveva abbastanza. Saltò su una roccia nelle vicinanze e urlò, "D'accordo, finitela!" 19

20 Gli uomini si zittirono. Pearly sospirò. "Sarò molto chiaro. Abbiamo un problema. All'inizio dovevamo soltanto ripulire questo posto, mentre ora le nostre scorte di cibo e acqua se ne stanno al centro di una trappola mortale. Siamo fuori portata dall'hyperion e non è previsto che ritorni prima di due settimane. Ciò che è rimasto..." Rimase in silenzio e lasciò che Griffud finisse il suo pensiero. "Non è neanche lontanamente abbastanza." "Quindi... mi servono idee." Il silenzio si fece assordante. Non era mai accaduto prima, che Pearly facesse una richiesta del genere senza essere sommerso da una ventina di proposte diverse. Ora avevano bisogno di qualcosa di più di un piano, di più di una guida. Avevano bisogno di un'ispirazione. Ripensò alle parole di Swann. Ispirazione da un uomo che non sopporta l'idea di dover pronunciare più di dieci parole di fila. Dannazione. Dannazione! Poi Pearly pensò a Lynn-Ann e ai due ragazzi. Si concentrò con tutte le sue forze. La prima cosa da fare è aprire la bocca. "OK," disse, ancora non del tutto certo di cosa avrebbe detto dopo. "OK, ascoltate..." E lo stavano facendo. "Per come la vedo io... questo... questo è un problema d'ingegneria come tanti altri. Si tratta di dover trasportare materiali pericolosi, di dover gestire delle risorse. È..." 20

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Visioni Andrea Zorzi NARADA La fine dei giorni copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Andrea Zorzi NARADA La fine dei

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

VIAGGIO ALLA SCOPERTA. della Malattia di Crohn e della Colite Ulcerosa. Leggi le avventure di Ricky e Susy. Scopri come affrontarle e dominarle!

VIAGGIO ALLA SCOPERTA. della Malattia di Crohn e della Colite Ulcerosa. Leggi le avventure di Ricky e Susy. Scopri come affrontarle e dominarle! VIAGGIO ALLA SCOPERTA della Malattia di Crohn e della Colite Ulcerosa. Scopri come affrontarle e dominarle! Impara cose importanti. Trova gli alleati per il tuo viaggio! Scopri le armi in tuo possesso.

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Indicazioni: Questa è la mia cartella. Ho tantissime cose nella mia cartella: ci sono delle matite, dei pennarelli, una gomma, la colla, ecc.

Indicazioni: Questa è la mia cartella. Ho tantissime cose nella mia cartella: ci sono delle matite, dei pennarelli, una gomma, la colla, ecc. Unità II La scuola Contenuti - Oggetti scolastici - Utilizzo degli oggetti scolastici - Classe - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. L Orsoroberto va a scuola L Orsoroberto ha sei anni e va a scuola.

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa.

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa. Che tipo di terreno sei tu? di Linda Edwards Voglio dare una mano! Anche io! Anche io! Posso, per favore? Evangelici.net Kids Corner Gesù I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

La gobba del cammello (Kipling) Nel principio degli anni, quando il mondo era ancora. nuovo nuovo, e gli animali cominciavano appena a lavorar

La gobba del cammello (Kipling) Nel principio degli anni, quando il mondo era ancora. nuovo nuovo, e gli animali cominciavano appena a lavorar Esercizio descritto nel libro SCACCO ALLA BALBUZIE IN SETTE MOSSE Mario D Ambrosio Leggi il brano che segue a voce alta. Mentre leggi le parole, scrivile nello spazio sotto ognuna di esse come nell esempio

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa.

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa. Nella quarta parte di questi quattro articoli, andrò a rispondere alla domanda che mi viene posta più frequentemente: Come fanno i Professionisti ad ottenere tutte quelle rivoluzioni? In realtà la vera

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

E LE CANDELE A COSA SERVONO?

E LE CANDELE A COSA SERVONO? Con un phon Spingendo le eliche con la mano Con un ventilatore Soffiando Girando il perno Con il vento Spingendo i personaggi cl. cl. 3 e e Goldoni ins. ins. E.De Biasi Tolgo le eliche, tengo il perno

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli