GE.NE.SI. Report e Statistiche Manuale Utente. Manuale utente. - Reportistica e Analisi Statistica Genesi - (mediante l utilizzo di Hi-Report)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GE.NE.SI. Report e Statistiche Manuale Utente. Manuale utente. - Reportistica e Analisi Statistica Genesi - (mediante l utilizzo di Hi-Report)"

Transcript

1 Manuale utente - Reportistica e Analisi Statistica Genesi - (mediante l utilizzo di Hi-Report) Pagina 1 di 82

2 Indice dei Contenuti 1 INTRODUZIONE 3 2 LA COMPONENTE GE.NE.SI. PER REPORT E STATISTICHE MODELLO INFORMATIVO ARCHITETTURA FUNZIONALE Area Amministrazione Area Fruizione ARCHITETTURA TECNOLOGICA 13 3 MENU DELL APPLICAZIONE 14 4 VISUALIZZAZIONE DEI PROSPETTI PROSPETTO DI REPORTING PROSPETTO MULTIDIMENSIONALE PROSPETTO TEMPORALE 22 5 AMMINISTRAZIONE GESTIONE UTENTI GESTIONE GRUPPI GESTIONE PROFILI MODIFICA PASSWORD RIGENERA PASSWORD DETTAGLIO PROFILI GESTIONE RUOLI PARAMETRI APPLICATIVI 32 6 METADATI GESTIONE PARAMETRI GESTIONE DOMINIO GESTIONE DIMENSIONI GESTIONE VARIABILI Variabile dimensione Variabile dominio Variabile elementare Variabile calcolata GESTIONE FLUSSI GESTIONE PROSPETTI 59 7 GESTIONE FLUSSI ACQUISIZIONE E CARICAMENTO ASSOCIAZIONE PROSPETTO CARICAMENTO MANUALE FLUSSI 72 8 ELABORAZIONI ELABORAZIONE FLUSSI ELABORAZIONE VARIABILE 76 9 APPENDICE FLUSSO DI CARICAMENTO DOMINIO FLUSSO DI CARICAMENTO DIMENSIONE FLUSSO DI CARICAMENTO VARIABILE 81 Pagina 2 di 82

3 1 Introduzione Il progetto Ge.Ne.Si. - Gestione Integrata dei servizi Sociali e Sociosanitari - è un progetto di E Government volto alla realizzazione integrata, efficiente ed omogenea dei servizi sociali e socio sanitari, per gli enti aderenti della Regione Toscana (Comuni, Province, ASL, Volontariato etc.), attraverso una definizione organica delle modalità con cui le informazioni vengono acquisite da varie fonti, gestite ed utilizzate. Il presente manuale ha lo scopo di presentare le funzionalità specifiche della componente GENESI Report e Statistiche utilizzata per effettuare analisi statistiche sui dati trasferiti sul SAI (Server Applicativo Interprovinciale) sia da fonti esterne (ISTAT, archivi di Regione Toscana,...) che mediante cooperazione applicativa dalle altre componenti GENESI. Per la realizzazione di questa componente, Italdata si è avvalsa dell utilizzo di un suo prodotto di analisi e reporting: Hi-Report, che è stato integrato nel sistema GENESI e modificato graficamente per offrire all utente finale un interfaccia omogenea e comune a tutte la applicazioni del sistema. Le funzionalità di base di questa applicazione presentano quindi la stessa interfaccia utente delle altre componenti GENESI: Autenticazione e Amministrazione, Backoffice Enti, Questionari e Backoffice Terzo Settore, e per questo sono state descritte in un manuale utente separato chiamato GENESI Generalità : la lettura di tale manuale è da considerarsi propedeutica al presente manuale, ed i suoi contenuti integrativi dello stesso. Le funzionalità specifiche delle altre componenti GENESI verranno poi spiegate e approfondite nei manuali utente realizzati per ciascuna di esse. Pagina 3 di 82

4 2 La componente GE.NE.SI. per Report e Statistiche Al centro dell architettura di Hi-Report c è un Datawarehouse che, alimentato dai dati prelevati da sistemi che forniscono dati statistici, definisce l ambiente informativo necessario all analisi statistica ed al reporting. Nel sistema si possono distinguere quattro macrocomponenti fondamentali: - Un Modulo di Amministrazione che consente attraverso una applicazione WEB di gestire i Metadati, i parametri dell applicazione, e le funzioni di gestione operativa del Sistema. - Un Modulo di Acquisizione dei dati che consente di gestire l acquisizione dei dati dall esterno, secondo la periodicità definita e di depositarli nel DWH. - Un Modulo di Sintesi e derivazione (Calcolo) che si occupa di preparare le informazioni derivate ed i dati di sintesi utili all esposizione delle stesse. - Un Modulo di Analisi e Reporting che consente la fruizione dei reports da parte degli utenti finali. Figura 1: Architettura di Hi-Report I Metadati costituiscono lo strumento di governo del sistema, in quanto consentono di poter definire tutti i parametri di controllo del processo dall acquisizione dei dati alla loro elaborazione e rappresentazione. Gli archivi gestionali sono le fonti esterne di origine delle informazione (componenti di backoffice, sistemi informativi di INPS, ISTAT, ). Il modello per l analisi dei dati è molto semplice: da una parte vede la definizione dei dati - Misure - che si vogliono analizzare e dall altra vede le Dimensioni sulle quali si vuole fare la misurazione. I dati da misurare vengono descritti nel sistema come Variabili, e ad ogni Variabile possono essere associate una o più dimensioni. Pagina 4 di 82

5 Nell esempio seguente la Variabile Popolazione viene misurata con la Dimensione Tempo (es. popolazione residente nell anno 2004) e con altre corrispondenti a caratteristiche dei cittadini che compongono la popolazione: Età, Sesso, Stato_Civile e Comune di residenza del cittadino. Figura 2: Esempio di schema a stella Uno schema tipo quello rappresentato deve essere definito per tutte le misure individuate. Le Dimensioni di analisi possono essere definite con diversi livelli di analisi e sintesi. In pratica vengono gestite nell ambito di una struttura gerarchica (dal massimo dettaglio, alla massima sintesi), definita attraverso livelli di sintesi. L informazione deve essere sempre trattata al massimo livello di dettaglio, il sistema si farà carico di calcolare le sintesi derivate. Nell esempio precedente, supponendo di limitare la distribuzione dei comuni sul territorio regionale toscano, la Dimensione Comune viene gestita attraverso una gerarchia tipo quella di seguito rappresentata. Tutti i comuni (Regione) Provincia di Lucca Provincia di Massa Carrara Provincia di Pisa Comune di Altopascio Comune di Comune di Massa Comune di Comune di Cascina Comune di Comune di Lucca Comune di Carrara Comune di Pisa Figura 3: Gerarchia della dimensione Comune Pagina 5 di 82

6 2.1 Modello informativo Il modello che sta alla base della componente di Hi-Report risponde ad una logica di trattamento dell informazione riassumibile in tre macrofasi: Figura 4: Logica di trattamento delle informazioni Acquisizione: L acquisizione dell informazione nel sistema avviene attraverso modalità diverse, accomunate da uno stesso schema logico di riferimento. Quella preferibile è la modalità di acquisizione definita dal sistema stesso che utilizza strutture e regole descritte in un ambiente di metadati. La definizione precisa di regole per l acquisizione delle informazione consente il controllo formale dell informazione e dei processi stessi che seguono questa fase. Altra modalità di acquisizione delle informazioni è quella che utilizza un interfaccia web per l inserimento manuale dei dati, che verranno immagazzinati direttamente nel database. Se in fase di acquisizione di un flusso di dati si verificassero delle condizioni tali da portare allo scarto di alcuni di questi dati, il risultato sarebbe lo scarto dell intero flusso. Un azione di questo tipo viene documentata in un apposito file di log creato automaticamente dal sistema. Se i controlli formali sui dati non rilevano errori, l informazione è depositata nel DWH e da questo punto in poi è disponibile per tutte le elaborazioni successive. Trasformazione: L informazione acquisita nella precedente fase in genere non è usufruibile dall utente finale; per cui si rende necessario una manipolazione della stessa fino ad arrivare a nuove informazioni. I processi di calcolo di queste nuove informazioni sono pilotate da regole, patrimonio dell ambiente dei metadati e quindi facilmente descrivibili da un amministratore del sistema. Pagina 6 di 82

7 Se in fase di trasformazione vengono riscontrate delle situazioni di anomalia di calcolo che non consentono la generazione della grandezza derivata, verrà segnalato l evento in un apposito file di log. Le informazioni derivate da questa fase diventano esse stesse patrimonio del DWH. Presentazione: Le informazioni elementari e quelle derivate nella precedente fase vengono portate su un ambiente di Reporting. Le modalità di rappresentazione sono definite da regole specifiche residenti nell ambiente dei metadati. Per ogni prospetto sarà disponibile una funzionalità in grado di visualizzare le informazioni riassuntive di come il prospetto stesso è stato ottenuto. Ad esempio, per ogni variabile che compare nel prospetto sarà indicato il flusso dal quale è stata ottenuta (fonte, data dell ultimo aggiornamento, ) se questa è una variabile elementare, l'algoritmo di calcolo utilizzato nel caso di variabili composte. 2.2 Architettura funzionale La componente di Hi-Report, come illustrato in figura, prevede due aree funzionali: Area Amministrazione Area Fruizione Figura 5: Architettura funzionale Nei paragrafi successivi verranno analizzate in dettaglio le due aree funzionali. Pagina 7 di 82

8 2.2.1 Area Amministrazione L area amministrazione consente la preparazione dei modelli di analisi in cui vengono definiti tutti i metadati necessari alla logica di analisi e report che si implementa, quindi definizione di variabili, di regole, di struttura dei prospetti, etc. I Metadati costituiscono lo strumento per interpretare e gestire i dati ed il loro processo (Acquisizione, Trasformazione, Presentazione). Vengono gestiti direttamente con le funzioni di Amministrazione della componentente di Hi-Report, da uno o più utenti adibiti alla preparazione e successiva evoluzione del Sistema. La sua struttura è completamente trasparente all Utente finale fruitore del report. Attraverso i Metadati si definiscono le variabili, le regole per acquisirle e trasformarle, i prospetti per presentare i dati, le regole di presentazione e così via. I metadati si dividono in diverse categorie, ognuna delle quali ha una propria specifica gestione: Figura 6: Diagramma E-R della rappresentazione dei metadati Entità Dominio: utilizzata per la definizione dei domini dei dati Entità Dimensione: utilizzata per la definizione delle dimensioni di analisi Entità Flussi: include la gestione dei flussi per l acquisizione dei dati dall esterno; Entità Prospetti: utilizzata per la gestione dei reports Pagina 8 di 82

9 Fanno parte dei metadati anche le Regole che sono collegate alle entità precedenti e si suddividono in : Regole di acquisizione: che definiscono le modalità di acquisizione dei dati attraverso le Entità Flussi Regole di trasformazione: che definiscono le modalità di calcolo per ottenere una nuova variabile a partire da una o più variabili definite Regole di presentazione: che sono legate alla definizione dei prospetti e quindi dei reports che si vogliono generare. Nell ambito dei Metadati vanno inseriti anche tutti i parametri che consentono la gestione del sistema e si suddividono in: Parametri per la gestione e fruizione del sistema Parametri per l ambiente dei Metadati Il Data Dictionary consente la definizione e gestione di tutte le variabili previste nella componente Hi-Report. Il sistema gestisce cinque tipologie di variabili: Variabili elementari: Sono le Variabili che si introducono nel Sistema in quanto rappresentano le misure che si vuole sottoporre ad analisi, o comunque variabili che sono utilizzate per comporre altre variabili (esempio numero di servizi erogati). Variabili derivate (o calcolate): Sono variabili definite per essere oggetto di analisi, sono derivate da elementari o da altre calcolate attraverso regole di trasformazione (esempio percentuale di scostamento dei servizi erogati nel mese rispetto a quelli erogati nel mese precedente). Variabili dimensione: variabili che definiscono le dimensioni da applicare alle variabili elementari ed a quelle calcolate nell esposizione dei prospetti; sono legate ad Entità Dimensione (esempio ente che eroga il servizio al cittadino). Variabili dominio: variabili che indicano il dominio di appartenenza delle variabili elementari e calcolate; sono associate ad entità dominio precedentemente definite (esempio servizio erogato al cittadino). Variabili attributo: variabili che sono attributi delle variabili dimensione o dominio e servono a riportare nei prospetti informazioni da visualizzare, anche se non oggetto di calcoli ed analisi (esempio denominazione servizio a catalogo). Le Entità Dominio vengono utilizzate per rappresentare quelle entità gestionali tipiche dei sistemi informativi e che vengono riportate nel sistema analitico per descrivere meglio le relazioni tra variabili e tra variabili e dimensioni, oltre che per essere utilizzate per la generazione di reports. Tipiche Entità Dominio sono il Cittadino, una entità Servizio, etc.. Ad ognuna di queste entità possono essere associati attributi che corrispondono a misure da analizzare o dimensioni di analisi. Le entità dominio possono essere collegate tra loro, e tale relazione viene espressa attraverso i collegamenti tra le Variabili che le rappresentano. Le Entità Dominio vengono caricate con appositi flussi. Pagina 9 di 82

10 Le Entità Dimensione vengono utilizzate per gestire i valori che possono assumere le varie dimensioni che si vogliono inserire nel sistema. La dimensione è gestita attraverso una gerarchia a più livelli (esempio la dimensione Territorio potrebbe essere gestita attraverso la gerarchia Nazione/Regione/Provincia/Comune. Tale struttura consentirà di fare analisi a livello di comune, oppure provincia, regione e tutta la nazione). Le dimensioni possono essere associate attraverso la Variabile che la rappresenta a Variabili Elementari o Derivate ed a Entità Domini. Le Entità Flussi descrivono i Flussi per l acquisizione dei dati dall esterno. Hi-Report gestisce tre tipologie di flussi: dimensione: è un flusso per mezzo del quale può essere caricata una variabile dimensione con tutti gli attributi per essa definita. dominio: è un flusso per mezzo del quale può essere caricata una variabile dominio con tutti gli attributi ed il valore delle altre variabili dominio o dimensione che lo caratterizzano. elementare: è un flusso per mezzo del quale è possibile caricare una o più variabili elementari. All atto dell inserimento di un flusso viene proposta inizialmente una maschera nella quale devono essere definiti i dati generali del flusso, quali la tipologia e la periodicità di acquisizione. Le Regole di Trasformazione sono le Regole che consentono di derivare nuove variabili a partire da Variabili elementari o derivate di partenza. Tali regole vengono indicate nel sistema al momento della definizione di una Variabile Derivata. La Regola viene scritta attraverso un metalinguaggio guidato fatto da formule che usano gli operatori algebrici (+, -, +, /, parentesi) e funzioni specifiche già predefinite. Il Prospetto è la modalità di esposizione dei dati. E possibile definire tre tipi di prospetto: Prospetto per reporting dati analitici: Il Prospetto è formato da una serie di oggetti che meglio rappresentano le informazioni da esporre. Un oggetto standard è una tabella dei dati che li ripresenta come uno sheet con righe e colonne. Nelle colonne vanno definite le variabili da esporre e che possono essere Varaibili Elementari, Derivate o Variabili Attributo. Nelle righe vengono riportate le Dimensioni che possono essere Variabili di Dimensione o di Dominio, scelte tra quelle legate alla Variabili da esporre. L ordine con cui vengono definite le Dimensioni sarà quello di esposizione nel report. Nel definire il prospetto per ogni dimensione vengono calcolati i livelli superiori ed esposti come totali. Al prospetto possono poi essere aggiunti altri oggetti quali grafici (uno o più), e per ognuno di essi va definita le serie di valori interessata. Prospetto per analisi multidimensionale: Consente di realizzare un report basato su due o più dimensioni, predisposto per l analisi con la tecnica drill-down. Nella definizione di tale prospetto si selezionano le dimensioni: è possibile selezionare una Variabile di Dimensione per le colonne ed una o più per le righe. Si procede quindi con la selezione dei dati (esclusivamente Variabili elementari o Derivate) da considerare e questi se più di uno devono avere tra le loro dimensioni tutte quelle indicate precedentemente. L ordine con cui vengono definite le Dimensioni sarà quello con cui verrà predisposto il drilldown. Pagina 10 di 82

11 Prospetto per analisi temporale: Consente di realizzare un report per la visualizzazione dell andamento di una grandezza nel tempo. Nella definizione di tale prospetto si selezionano le variabili da visualizzare sulle righe; sulle colonne saranno presenti i periodi temporali scelti come riferimento Area Fruizione L area di fruizione della componente REPORT rappresenta l insieme di funzioni atte alla rappresentazione dei dati acquisiti. In tale area, partendo dalla struttura di prospetto definita nella area di amministrazione e trattando i dati acquisiti dai flussi e già caricati sul sistema, si rappresentano le informazioni oggetto della analisi statistica in formato tabellare con possibile corredo di grafici. In dipendenza della tipologia di report selezionato è inoltre possibile avere una presentazione dei dati in formato di report mono-dimensionale o multi-dimensionale, con utilizzo, in quest ultimo caso, di drill-down sui dati per una più chiara e semplice visualizzazione dei contenuti. Il processo necessario alla definizione di un report da rilasciare ad un utente applicativo è di seguito descritto: : Utente Amministratore SISTEMA : Utente Operatore 1: definisce prospetto 2: assegna prospetto a menu funzionale 3: associa menu a profilo utente 4: acquisizione dati 5: richiesta fruizione report 6: predisposizione dati prospetto 7: invio report Figura 7: Definizione e fruizione di report Pagina 11 di 82

12 1. l utente amministratore gestore dei metadati definisce il prospetto, ovvero il formato di rappresentazione dei dati nelle modalità precedentemente descritte per l area di amministrazione 2. l utente amministratore provvede alla creazione di un nuovo menu funzionale, lo lega ad una categoria di menu e quindi gli assegna il prospetto precedentemente definito 3. il menu viene incluso in un profilo funzionale associato, o da associare, ad un utente applicativo direttamente o indirettamente tramite l associazione al ruolo oppure al gruppo di appartenenza. 4. il sistema acquisisce i dati ove non lo avesse già fatto in una fase precedente 5. l utente al quale è assegnato il profilo applicativo comprensivo del menu funzionale al quale è stato associato il prospetto, accede al sistema e richiede la visualizzazione dei dati definiti per il prospetto inserendo eventuali criteri per il filtro delle informazioni da proporre. Per la richiesta l utente utilizza la voce di menu precedentemente definita. 6. il sistema predispone gli oggetti di rappresentazione dei dati utilizzando le regole di formato definite per il prospetto 7. il sistema invia all utente il report. Questi analizza le informazioni, richiedendo rapprentazioni di maggiore o minore dettaglio qualora il prospetto sia strutturato secondo un modello multi-dimensionale. Pagina 12 di 82

13 2.3 Architettura tecnologica Hi-Report è una applicazione totalmente realizzata in tecnologia J2EE e funzionante tramite strumenti open source. Presentation JSP Servlet HTM Servlet Engine: Tomcat Application Apache JCommon JFree Report Cewofl JBoss Session Bean Message-Driven Bean JMS Castor JDBC J2EE Data MySQL XML Figura 8: Architettura tecnologica L architettura dell applicazione e quella classica a tre livelli: Presentation: realizzata tramite pagine JSP/HTML e servlet java. Application: realizzata tramite entreprise java bean, in particolare Session Bean per l accesso al DBMS e Message Driver Bean con utilizzo di code JMS per la elaborazione dei flussi di dati in modalità asincrono. Data: realizzata tramite DBMS MySQL, e file XML memorizzati sul file system. Hi-Report poggia su JBoss sia per la gestione degli Enterprise Java Bean che delle pagine JSP servlet tramite il servlet engine Tomcat incluso. Il DBMS è invece realizzato con MySQL. Hi-Report inoltre si interfaccia con quattro framework open source forniti di licenza GPL: Apache JCommon: per la gestione dell upload dei file JFree Report e Cewofl: per la costruzione di grafici Castor: per il trattamento dei file XML Pagina 13 di 82

14 3 Menu dell applicazione Di seguito sono elencate tutte le funzionalità del sistema riportate nell ordine in cui appaiono nel menu dell applicazione. Come già premesso, ogni utente può accedere solo ad un certo sottoinsieme di esse, a seconda delle proprie necessità. Il menu dell applicazione varia dinamicamente a seconda dell utente collegato ed a seconda delle voci di menu create ad hoc dagli utenti con il profilo autorizzato. Esistono 4 voci di menu che sono fisse nell applicazione e generalmente sono assegnate ad utenti con profilo di amministratore o di analista statistico (colui che può utilizzare Hi-Report per generare ed elaborare nuovi prospetti e report): Amministrazione, Metadati, Gestione Flussi, Elaborazioni. Questi menu di amministrazione sono descritti al capitolo 5. MENU Amministrazione Metadati Gestione Flussi Elaborazioni <classe di report/prospetto> FUNZIONALITA Gestione Utente Gestione Gruppi Gestione Profili Modifica Password Rigenera password Dettaglio Profili Gestione Ruoli Parametri Applicativi Gestione Parametri Gestione Domini Gestione Dimensioni Gestione Variabili Gestione Flussi Gestione Prospetti Acquisizione e Caricamento Associazione Prospetto Caricamento Manuale Flussi Elaborazione Flussi Elaborazione Variabili Report/Prospetto 1 Report/Prospetto 2 Report/Prospetto 3 Report/Prospetto 4 Figura 9: Menu dell applicazione Una volta selezionata la voce di menu di interesse, un menu a tendina mostra il sottomenu ad esso associato da cui è possibile selezionare la singola funzionalità. Selezionando una funzionalità viene visualizzata la prima pagina ad essa associata. Pagina 14 di 82

15 4 Visualizzazione dei prospetti La visualizzazione dei prospetti da parte degli utenti fruitori del sistema avviene mediante una navigazione piuttosto intuitiva che varia leggermente a seconda del tipo di prospetto. La prima cosa da fare è la scelta del prospetto da lanciare tra quelli presenti nei menu definiti nell applicazione e visibili per l utente collegato. Scelta del prospetto Figura 10: Scelta del prospetto da menu Segue poi una pagina per l impostazione dei filtri da applicare al prospetto. Tale dettaglio verrà approfondito nei paragrafi successivi perché presenta differenze a seconda del tipo di prospetto considerato. Pagina 15 di 82

16 4.1 Prospetto di reporting Prima di lanciare il prospetto viene richiesto (se previsto in fase di creazione del prospetto a livello di metadati) di impostare dei filtri necessari a restringere l insieme dei dati da analizzare. Titolo del prospetto Descrizione del prospetto Impostazione dei filtri sui dati da analizzare Lancio del prospetto Figura 11: Impostazione parametri del prospetto di reporting Fatto ciò è possibile lanciare l esecuzione del prospetto. Quello che si presenta all utente fruitore è una situazione simile a quella riportata nella figura seguente, ove le righe sono costituite dalle dimensioni di analisi impostate e sulle colonne compaiono tutte le variabili (elementari o derivate) che sono state scelte per il prospetto (vedi paragrafo 6.6). Al termine della tabella vengono poste eventuali note al prospetto, utili soprattutto per fornire indicazioni sulla provenienza (fonte) dei dati utilizzati per la costruzione del prospetto stesso. Pagina 16 di 82

17 Figura 12: Dettaglio di una pagina Di seguito, se previsti, vengono visualizzati dei grafici (uno o più), che vengono realizzati sulle stesse informazioni presentate precedentemente in forma tabellare. Figura 13: Grafici associati al prospetto di reporting Pagina 17 di 82

18 Riportiamo di seguito il significato di alcuni pulsanti che compaiono nella figura 12. Esportazione del prospetto in formato PDF. Esportazione del prospetto in formato Excel. Stampa del prospetto. Visualizzazione dei dettagli del prospetto (vedi figura 14) Pubblicazione di un prospetto in formato html, come report statico da utilizzare in altre applicazioni oppure in Hi-Report per la definizione di dossier statistici statici. Vedi figura 15. Queste sono le informazioni di dettaglio che possono visualizzarsi per un determinato prospetto: Figura 14: Dettaglio prospetto Per ogni prospetto sarà possibile visualizzare le informazioni riassuntive di come il prospetto stesso è stato ottenuto; ad esempio, per ogni variabile che compare nel prospetto sarà Pagina 18 di 82

19 indicato il flusso dal quale è stata ottenuta (fonte, data dell ultimo aggiornamento, ) se questa è una variabile elementare, l'algoritmo di calcolo utilizzato nel caso di variabili derivate. Figura 15: Pubblicazione di un prospetto Nella figura precedente è visualizzata la pagina attraverso la quale gli utenti preposti possono salvare i risultati dell esecuzione del prospetto in un file html statico riutilizzabile in altre applicazioni (ad esempio, pubblicazione in un portale) oppure per la visualizzazione mediante Hi-Report di report statici ad altri utenti con profilo differente (che possono solo consultare e non sono abilitati ad eseguire analisi). Il prospetto può essere pubblicato con caratteristiche differenti rispetto a quelle con cui è stato creato inizialmente. E possibile quindi assegnargli un nuovo titolo, una nuova descrizione, delle note, ed assegnargli il nome del file fisico con cui salvarlo. Pagina 19 di 82

20 4.2 Prospetto multidimensionale L impostazione dei filtri sul prospetto multidimensionale avviene in maniera simile a quella descritta per i prospetti di reporting; in più viene richiesto di scegliere quali tra le dimensioni di analisi impostate a livello di metadati per il prospetto si vogliono porre sulle righe (in azzurro) e quali sulle colonne (in verde) del prospetto. Figura 16: Impostazione parametri del prospetto multidimensionale A questo punto si può lanciare l esecuzione del prospetto. Quello che si ottiene è una situazione come quella illustrata in figura seguente, in cui a partire da una rappresentazione di sintesi, è possibile navigare nel dettaglio delle informazioni (quelle accanto alle quali compare un simbolo +). Pagina 20 di 82

21 Figura 17: Prospetto multidimensionale (1) Figura 18: Prospetto multidimensionale (2) Pagina 21 di 82

22 4.3 Prospetto temporale Anche per questo tipo di prospetto devono essere impostati dei filtri, se previsti, in particolare il periodo temporale entro il quale eseguire l analisi richiesta. Figura 19: Impostazione parametri del prospetto temporale A questo punto è possibile lanciare l esecuzione del prospetto e quello che si ottiene è una situazione come quella riportata in figura seguente. Pagina 22 di 82

23 Figura 20: Prospetto temporale Pagina 23 di 82

24 5 Amministrazione Questo menu è visibile solo dagli amministratori applicativi e permette di accedere alle funzionalità necessarie per amministrare e configurare l applicazione. Figura 21: Menu amministrazione Le singole funzionalità verranno descritte in dettaglio nei paragrafi seguenti. Pagina 24 di 82

25 5.1 Gestione Utenti La prima pagina della gestione utenti mostra tutti gli utenti censiti nel sistema. Per ognuno di essi viene visualizzato il cognome, il nome e lo username di accesso. Figura 22: Gestione Utenti Selezionando un utente viene visualizzata la seguente pagina con le informazioni di dettaglio. Pagina 25 di 82

26 Figura 23: Dettaglio utente applicativo I campi evidenziati in rosso devono essere inseriti obbligatoriamente. Nella parte inferiore della pagina sono visualizzati tutti i gruppi censiti nel sistema e sono contrassegnati da un check quelli a cui l utente appartiene. Per modificare le informazioni è sufficiente cambiare i campi e poi selezionare il tasto Modifica. Non è possibile modificare lo username dell utente, essendo questa un informazione univoca. Per effettuare questa operazione sarebbe necessario eliminare l utente e crearne uno nuovo. Il tasto Cancella consente, quando permesso, di eliminare un utente. Quando si vuole inserire un nuovo utente, oltre a fornire al sistema le informazioni anagrafiche e ad assegnargli uno username univoco, si può associare un ruolo e uno o più gruppi. Tale associazione, oltre che a suddividere gli utenti secondo determinati criteri, permette la definizione in maniera più semplice dei permessi che verranno loro concessi nell applicazione; infatti l utente eredita tutti i permessi che sono associati al ruolo cui è stato assegnato e ai gruppi a cui appartiene. Ad esempio se un utente è assegnato al ruolo di amministratore, poiché gli amministratori hanno accesso all area utenti, questi potrà effettuare tutte le operazioni sugli utenti a meno che si specifichino diversi permessi per il nuovo utente. Al nuovo utente creato è assegnata come password la stringa password. Pagina 26 di 82

27 5.2 Gestione Gruppi E compito dell amministratore di sistema censire i gruppi di utenti che utilizzano l applicazione. Figura 24: Gestione gruppi Selezionando un gruppo dall elenco, viene visualizzata la pagina seguente che riporta tutti gli utenti associati al gruppo selezionato. Gli utenti con il check sono quelli che appartengono al gruppo. Nell esempio riportato solo l utente admin appartiene al gruppo Gruppo 1. Per inserire un nuovo gruppo è necessario specificare un nome gruppo univoco. Figura 25: Gruppi e utenti Pagina 27 di 82

28 Non è possibile modificare il nome di un gruppo, essendo questa un informazione univoca. Per effettuare questa operazione è necessario eliminare il gruppo e crearne uno nuovo. 5.3 Gestione Profili Tale funzionalità è alla base del funzionamento dell applicazione Hi-Report. Essa infatti permette di specificare le funzionalità alle quali può accedere ogni utente del sistema e il tipo di operazioni che esso può effettuare. La prima pagina mostra l elenco di tutte le funzionalità previste per l applicazione. Figura 26: Elenco funzionalità in Gestione Profili Selezionando una funzionalità, viene mostrata la pagina che riporta i permessi per ciascun gruppo, ruolo, utente. Pagina 28 di 82

InfoWeb - Manuale d utilizzo

InfoWeb - Manuale d utilizzo InfoWeb - Manuale d utilizzo Tipologia Titolo Versione Identificativo Data stampa Manuale utente Edizione 1.2 01-ManualeInfoWeb.Ita.doc 05/12/2007 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 ACCESSO A INFOWEB... 6

Dettagli

RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE. Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE

RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE. Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE SGR-ILA: SISTEMA DI GESTIONE DELLA RILEVAZIONE Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE Introduzione... 3 Sistema di autenticazione... 4 OPERATORI...

Dettagli

DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende)

DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende) DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende) MANUALE UTENTE Pagina 1 SOMMARIO 1. ACCESSO AL SISTEMA... 3 1.1 PRIMO ACCESSO... 3 1.2 ACCESSO SUCCESSIVO... 5 1.3 PASSWORD DIMENTICATA... 6 2. HOMEPAGE...

Dettagli

TFR On Line PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5

TFR On Line PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5 PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5 AVVIO RAPIDO...7 SELEZIONE DEL DIPENDENTE...8 LEGGIMI...8 MANUALE...8 GUIDA INVIO FILE...9 CERCA DIPENDENTE...9 INSERIMENTO DEI DATI DI SERVIZIO...11 ELABORAZIONE

Dettagli

Sommario. 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3. 1.1. Il Gestionale Web... 3. 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3

Sommario. 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3. 1.1. Il Gestionale Web... 3. 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3 Sommario 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3 1.1. Il Gestionale Web... 3 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3 1.3 Funzionalità dell interfaccia Web... 4 1.3.1 Creazione guidata dela fattura in formato

Dettagli

Statistiche Release 4.0

Statistiche Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Statistiche Release 4.0 - COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

sistemapiemonte Osservatorio Regionale per l'infanzia e l'adolescenza Manuale d'uso sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Osservatorio Regionale per l'infanzia e l'adolescenza Manuale d'uso sistemapiemonte.it sistemapiemonte Osservatorio Regionale per l'infanzia e l'adolescenza Manuale d'uso sistemapiemonte.it INDICE 1. INTRODUZIONE 3 1.1 CARATTERISTICHE GENERALI 3 1.2 OBIETTIVI 3 2. ACCESSO 4 3. ANALISI MULTIDIMENSIONALE

Dettagli

Servizio Telematico Paghe

Servizio Telematico Paghe Servizio Telematico Paghe GUIDA ALL USO DELLE PAGINE DI AMMINISTRAZIONE DEL SERVIZIO PAGHE.NET Software prodotto da Nuova Informatica srl 1 SOMMARIO SOMMARIO...2 INTRODUZIONE...3 FLUSSO DELLE INFORMAZIONI...3

Dettagli

InfoWeb - Manuale d utilizzo per utente DIPENDENTE

InfoWeb - Manuale d utilizzo per utente DIPENDENTE InfoWeb - Manuale d utilizzo per utente DIPENDENTE Tipologia Titolo Versione Identificativo Data stampa Manuale utente InfoWeb Manuale operativo Edizione 1.2 Manuale_Gestione_INFOWEB_DIPEN DENTE.doc 12/03/2009

Dettagli

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 1. Menù generale Inseriti i dati di configurazione in maniera completa, il sistema presenta una schermata d approccio all applicazione

Dettagli

Manuale Amministratore

Manuale Amministratore Manuale Amministratore Indice 1. Amministratore di Sistema...3 2. Accesso...3 3. Gestione Azienda...4 3.1. Gestione Azienda / Dati...4 3.2. Gestione Azienda /Operatori...4 3.2.1. Censimento Operatore...5

Dettagli

TaleteWeb. Funzionalità Trasversali e configurazioni generali. 1 rev. 0-280814

TaleteWeb. Funzionalità Trasversali e configurazioni generali. 1 rev. 0-280814 TaleteWeb Funzionalità trasversali e configurazioni generali 1 rev. 0-280814 Indice Per accedere ad un applicazione... 3 La home page di un applicazione... 4 Come gestire gli elementi di una maschera...

Dettagli

Sistema di autopubblicazione di siti Web

Sistema di autopubblicazione di siti Web Sistema di autopubblicazione di siti Web Manuale d'uso Versione: SW 2.0 Manuale 2.0 Gennaio 2007 CEDCAMERA tutti i diritti sono riservati CEDCAMERA - Manuale d'uso 1 1 Introduzione Benvenuti nel sistema

Dettagli

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros Configurator è uno strumento facile ed intuitivo nel suo utilizzo, che vi permetterà di realizzare in breve tempo il dimensionamento di canne fumarie e renderà

Dettagli

PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione

PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione Portale Numero Verde Vivisol pag. 1 di 31 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. SCHERMATA PRINCIPALE...4 3. REPERIBILITÀ...5 4. RICERCA

Dettagli

MANUALE OPERATORE E VISITATORE BANCA DATI SPRAR

MANUALE OPERATORE E VISITATORE BANCA DATI SPRAR Pag. 1 di 95 OPERATORE E VISITATORE BANCA DATI Istituito ai sensi dell art. 32 della legge 189/02 e affidato dal Ministero dell Interno all ANCI mediante convenzione Pag. 2 di 95 SOMMARIO 1Introduzione...4

Dettagli

1 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 2 PREMESSA...4 3 ARCHITETTURA DELLA APPLICAZIONE...5 4 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...8 5 LA INBOX...9

1 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 2 PREMESSA...4 3 ARCHITETTURA DELLA APPLICAZIONE...5 4 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...8 5 LA INBOX...9 Manuale Utente CRM 1 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 2 PREMESSA...4 3 ARCHITETTURA DELLA APPLICAZIONE...5 3.1 Applicazione... 5 3.2 Gruppo... 5 3.3 Utente... 7 4 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...8 4.1 Apertura dell

Dettagli

TFR On Line PREMESSA

TFR On Line PREMESSA PREMESSA Argo TFR on Line è un applicazione, finalizzata alla gestione del trattamento di fine rapporto, progettata e realizzata per operare sul WEB utilizzando la rete INTERNET pubblica ed il BROWSER

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo Edilnet Web Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

PORTALE TERRITORIALE FATTURAZIONE ELETTRONICA MANUALE UTENTE

PORTALE TERRITORIALE FATTURAZIONE ELETTRONICA MANUALE UTENTE Pag. 1 di 14 PORTALE FATTURE Pag. 2 di 14 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Accesso al sistema... 3 3. Fattura passiva... 3 3.1 FATTURE IN ENTRATA RICEVUTE 3 4. Fattura attiva a PA... 7 4.1 INSERIMENTO MANUALE

Dettagli

Monitor Orientamento. Manuale Utente

Monitor Orientamento. Manuale Utente Monitor Orientamento Manuale Utente 1 Indice 1 Accesso al portale... 3 2 Trattamento dei dati personali... 4 3 Home Page... 5 4 Monitor... 5 4.1 Raggruppamento e ordinamento dati... 6 4.2 Esportazione...

Dettagli

1 Tesoreria Statale - Articolo 18 Sistema informatico gestione dati -Manuale Utente v.1.0

1 Tesoreria Statale - Articolo 18 Sistema informatico gestione dati -Manuale Utente v.1.0 Manuale Utente 1 PREMESSA In forza di quanto disposto dall art.18, comma 1, del decreto legge 1 luglio 2009, n.78, convertito con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n.102 è stato emanato il decreto

Dettagli

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO 5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO In questo capitolo tratteremo: a) dello scarico della pratica, b) della predisposizione della distinta di accompagnamento e c) di tutte

Dettagli

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Ispettorato Generale di Finanza MANUALE UTENTE P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl Versione 1.0 INDICE

Dettagli

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE... Manuale Operatore Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...6 4.1. Saldi...6 4.1.1. Riepilogo saldi...6

Dettagli

Mobility Manager 2.7 USER MANUAL. Guida. Pag. 1/11. SISTeMA s.r.l. www.sistemaits.com

Mobility Manager 2.7 USER MANUAL. Guida. Pag. 1/11. SISTeMA s.r.l. www.sistemaits.com Mobility Manager 2.7 Guida Pag. 1/11 1 Introduzione... 3 2 Guida... 4 2.1 Accedere e cambiare la password... 4 2.2 Per il mobility manager... 5 2.2.1 Configurare l indagine... 5 2.2.2 Funzionalità Mappa...

Dettagli

INDAGINE SULLA STRUTTURA E PRODUZIONI DELLE AZIENDE AGRICOLE-2013. Manuale d uso. Versione 1 23 ottobre 2013 INDICE

INDAGINE SULLA STRUTTURA E PRODUZIONI DELLE AZIENDE AGRICOLE-2013. Manuale d uso. Versione 1 23 ottobre 2013 INDICE INDAGINE SULLA STRUTTURA E PRODUZIONI DELLE AZIENDE AGRICOLE-2013 SGR-SPA: SISTEMA DI GESTIONE DELLA RILEVAZIONE Manuale d uso. Versione 1 23 ottobre 2013 INDICE Introduzione... 3 Sistema di autenticazione...

Dettagli

Sistema Gestione Turni. Istruzioni Operative per il Gestore

Sistema Gestione Turni. Istruzioni Operative per il Gestore Sistema Gestione Turni Istruzioni Operative per il Gestore Antares 3000 S.r.l.s. - Sistema Gestione Turni Istruzioni Operative per il Gestore Pagina 1 Sommario Premessa... 3 Presentazione iniziale... 4

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

L UFFICIO WEB. Modulo online per la gestione del personale. Manuale di utilizzo. Versione 1.0.75.0. Pagina 1 di 33

L UFFICIO WEB. Modulo online per la gestione del personale. Manuale di utilizzo. Versione 1.0.75.0. Pagina 1 di 33 L UFFICIO WEB Modulo online per la gestione del personale Manuale di utilizzo Versione 1.0.75.0 Pagina 1 di 33 1. INTRODUZIONE L applicazione Ufficio Web permette una gestione semplificata e automatizzata

Dettagli

Manuale Utente. RADAR Osservatorio Lazio MANUALE UTENTE

Manuale Utente. RADAR Osservatorio Lazio MANUALE UTENTE Manuale Utente RADAR Osservatorio Lazio LAIT LAZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA S.P.A. Sede legale: Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7-00145 Roma Sede operativa: Via Adelaide Bono Cairoli, 68 00145 Roma Tel: 06/51689800

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 1 di 38 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 2 di 38 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA...

Dettagli

Piattaforma di scambio delle Garanzie di Origine Estere

Piattaforma di scambio delle Garanzie di Origine Estere Manuale d utilizzo 1 di 31 Indice dei Contenuti 1 Introduzione... 4 1 Accesso al portale Garanzie di Origine GO estere... 4 2 Primo accesso al portale GO estere (Scelta del profilo)... 4 2.1 Profilo Impresa

Dettagli

CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING

CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING 1 INTRODUZIONE In questa sezione parleremo della Creazione delle Campagne e di tutti gli aspetti che ne derivano. Il CRM presenta un sistema che permette la distinzione

Dettagli

Report e Analisi dei dati.

Report e Analisi dei dati. Report e Analisi dei dati. Introduzione al Sistema IBM Cognos Lo scopo di questa guida è quello di far capire con esempi semplici ed esaustivi, cosa si può ottenere con il sistema IBM Cognos, presentando

Dettagli

1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

SITI-Reports. Progetto SITI. Manuale Utente. SITI-Reports. ABACO S.r.l.

SITI-Reports. Progetto SITI. Manuale Utente. SITI-Reports. ABACO S.r.l. Progetto SITI Manuale Utente SITI-Reports ABACO S.r.l. ABACO S.r.l. C.so Umberto, 43 46100 Mantova (Italy) Tel +39 376 222181 Fax +39 376 222182 www.abacogroup.eu e-mail : info@abacogroup.eu 02/03/2010

Dettagli

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente Sommario 1. INTRODUZIONE...3 2. DESCRIZIONE FUNZIONALITÀ...3 2.1. LOGIN...3 2.2. SCHEDA ARCHIVIO...3 2.3. GESTIONE ARCHIVI...4 2.3.1 Creazione nuovo

Dettagli

SISM Sistema Informativo Salute Mentale

SISM Sistema Informativo Salute Mentale SISM Sistema Informativo Salute Mentale Manuale per la registrazione al sistema Versione 1.0 12/01/2012 NSIS_SSW.MSW_PREVSAN_SISM_MTR_Registrazione.doc Pagina 1 di 25 Scheda informativa del documento Versione

Dettagli

SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE...

SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE... Sommario SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE... 4 INTRODUZIONE ALLE FUNZIONALITÀ DEL PROGRAMMA INTRAWEB... 4 STRUTTURA DEL MANUALE... 4 INSTALLAZIONE INRAWEB VER. 11.0.0.0... 5 1 GESTIONE INTRAWEB VER 11.0.0.0...

Dettagli

ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015)

ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015) ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015) 1 INDICE 1. Materiale informativo e assistenza... 3 2. Accesso al Registro delle Lezioni di Esse3...

Dettagli

ControlloCosti. Manuale d istruzioni. Controllo Costi Manuale d istruzioni

ControlloCosti. Manuale d istruzioni. Controllo Costi Manuale d istruzioni ControlloCosti Manuale d istruzioni Manuale d istruzioni Informazioni generali ed accesso al sistema ControlloCosti si presenta agli utenti come un applicativo web ed è raggiungibile digitando l indirizzo

Dettagli

Progetto: ARPA Fonte Dati. ARPA Fonte Dati. Regione Toscana. Manuale Amministratore

Progetto: ARPA Fonte Dati. ARPA Fonte Dati. Regione Toscana. Manuale Amministratore ARPA Fonte Dati Regione Toscana 1 Redatto da L. Folchi (TAI) Rivisto da Approvato da Versione 1.1 Data emissione 09/10/13 Stato FINAL 2 Versione Data Descrizione 1,0 06/08/13 Versione Iniziale 1.1 09/10/2013

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS...

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... Manuale Utente (Gestione Formazione) Versione 2.0.2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... 4 2.1. Pagina Iniziale... 6 3. CARICAMENTO ORE FORMAZIONE GENERALE... 9 3.1. RECUPERO MODELLO

Dettagli

Valutazione del personale

Valutazione del personale VELA Valutazione del personale Pubblicazione: 17/09/2007 Pagine: 1/22 Indice 1. Descrizione generale interfaccia...3 2. Accesso al programma...5 3. Funzionalità...7 3.1 Anagrafiche Impostazione Percentuale

Dettagli

MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013. AWI Assistenza Web Integrata (Service Desk On Line)

MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013. AWI Assistenza Web Integrata (Service Desk On Line) Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013 (Service Desk On Line) RTI : HP Enterprise Services

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli

Manuale Utente. Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013. Compilazione del Business Plan ridotto. Versione A

Manuale Utente. Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013. Compilazione del Business Plan ridotto. Versione A Manuale Utente Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Compilazione del Business Plan ridotto Versione A Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 1 Storia del documento... 4 2 Introduzione... 5 2.1 Scopo

Dettagli

Flusso informativo per il monitoraggio dei consumi di medicinali in ambito ospedaliero

Flusso informativo per il monitoraggio dei consumi di medicinali in ambito ospedaliero Flusso informativo per il monitoraggio dei consumi di medicinali in ambito ospedaliero Gestione Accoglienza Flussi Versione 1.0 05/06/2009 SISN_SSW MSW_FARUM_OSP_MTR_GAF.doc Pagina 1 di 12 Storia del documento

Dettagli

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12)

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12) Manuale utente per l ordine online del materiale pubblicitario e modulistica, biglietti da visita e timbri Versione 1.0 del 18/6/12 Login Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede

Dettagli

Regione Piemonte Portale Rilevazioni Crediti EELL Manuale Utente

Regione Piemonte Portale Rilevazioni Crediti EELL Manuale Utente Pag. 1 di 15 VERS V01 REDAZIONE VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA A. Marchisio C. Pernumian 29/12/2014 M. Molino 27/02/2015 M. Molino

Dettagli

Corso di Archivistica

Corso di Archivistica Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le tabelle Lezione 6 Creare un data base Introduzione La presente è la prima di una serie di lezioni finalizzate alla creazione

Dettagli

S.I.S.I.P. Sistema Informativo Scuole Infanzia Paritarie. B. Fontanella, Progettinrete 02/10/2014

S.I.S.I.P. Sistema Informativo Scuole Infanzia Paritarie. B. Fontanella, Progettinrete 02/10/2014 S.I.S.I.P. Sistema Informativo Scuole Infanzia Paritarie B. Fontanella, Progettinrete 02/10/2014 Powered by Progettinrete, Firenze GENERALITA S.I.S.I.P (Sistema Informativo Scuole Infanzia Paritarie) nasce

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 22 luglio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Manuale Utente CONSERVAZIONE A NORMA Caricamento Singolo & Massivo electronic Document Keeper

Manuale Utente CONSERVAZIONE A NORMA Caricamento Singolo & Massivo electronic Document Keeper Manuale Utente CONSERVAZIONE A NORMA Caricamento Singolo & Massivo electronic Document Keeper Versione 1.1 Agosto 2015 1 Sommario 1 Premessa... 3 1.1 Conservazione delle Fatture per la Pubblica Amministrazione...

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida alle funzioni del modulo Redattore 1 di 157 Corte Dei Conti Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 5 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base...

Dettagli

Applicazione Web Measurement Gas Allocation System Release 3.2

Applicazione Web Measurement Gas Allocation System Release 3.2 Manuale Utente Applicazione Web Measurement Gas Allocation System Release 3.2 Utenti Esercenti l attività di vendita Pag. 1 di 24 INDICE 1 GENERALITÀ... 3 2 IL PROFILO DI ACCESSO DEGLI ESERCENTI L ATTIVITÀ

Dettagli

MANUALE UTENTE. TeamPortal Liste Distribuzioni 20120100

MANUALE UTENTE. TeamPortal Liste Distribuzioni 20120100 MANUALE UTENTE 20120100 INDICE Introduzione... 3 1 - Messaggi... 4 1.1 Creazione / Modifca Email... 6 1.2 Creazione / Modifca Sms... 8 2 -Liste... 10 3 Gruppi Liste... 15 4 Tipi Messaggi... 17 5 Amministrazione...

Dettagli

Programma Client MUT vers. 2.2.5. 28 Maggio 2014

Programma Client MUT vers. 2.2.5. 28 Maggio 2014 Programma Client MUT vers. 2.2.5 28 Maggio 2014 Principali modifiche rispetto alla versione precedente e Riepilogo funzionalità Nella nuova versione 2.2.5 del Client MUT sono state migliorate alcune funzioni

Dettagli

WebMail: Manuale per l'utente

WebMail: Manuale per l'utente WebMail: Manuale per l'utente Indice generale Introduzione...4 Login alla webmail...5 Leggere e gestire i messaggi di posta...6 Scrivere un messaggio di posta...16 Altre funzioni...22 Rubrica...22 Impostazioni...32

Dettagli

Manuale utente ECS Web

Manuale utente ECS Web Manuale utente ECS Web Informazioni sul documento: Tipo documento: Redazione: Manuale utente Team Power S.r.l ECS-Manuale_utente.doc Pagina 1 di 60 INDICE 1. Avvio dell applicazione... 3 2. Autenticazione...

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni farmaceutiche effettuate in Distribuzione Diretta o per conto

Flusso informativo delle prestazioni farmaceutiche effettuate in Distribuzione Diretta o per conto Flusso informativo delle prestazioni farmaceutiche effettuate in Distribuzione Diretta o per conto Manuale per la registrazione al sistema Versione 2.2 14/03/2012 SISN_SSW_MSW_FARUM_DIR_MTR_REG.doc Pagina

Dettagli

Pagina 2 di 14. Indice

Pagina 2 di 14. Indice Manuale d uso per la raccolta: Sicurezza e continuità del servizio di distribuzione gas (comma 28.17 dell'allegato A alla deliberazione 574/2013/R/gas) Pagina 1 di 14 Indice 1. Accesso alla raccolta...

Dettagli

Guida Utente Rev. 1.01

Guida Utente Rev. 1.01 GateCop - Software Gestione Palestra Guida Utente Rev. 1.01 Installazione e utilizzo applicazione GateCop su PC: avviare il file di installazione Gatecop.Installer.msi. Seguire le istruzioni proposte dalla

Dettagli

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Manuale Operativo Istruzioni per l utilizzo del Software di controllo uniemens aggregato per l invio mensile unificato delle denunce retributive individuali (EMENS) e delle denunce contributive aziendali

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

Progetto INCOME. Manuale Utente Operatore Installazione

Progetto INCOME. Manuale Utente Operatore Installazione VERSIONI Manuale Utente Operatore Installazione Tosca-Mobile VERS. Motivo Modifiche Data Approvazione Approvatore 1.0 Prima emissione 02/12/11 1/21 Sommario SOMMARIO... 2 INTRODUZIONE... 3 1.1. CONTENUTI

Dettagli

Introduzione...3 Accesso al sistema...3 Interrogazione Base Dati...4 Come ottenere i dati...5 Filtri...6 Raggruppamenti...

Introduzione...3 Accesso al sistema...3 Interrogazione Base Dati...4 Come ottenere i dati...5 Filtri...6 Raggruppamenti... Introduzione...3 Accesso al sistema...3 Interrogazione Base Dati...4 Come ottenere i dati...5 Filtri...6 Raggruppamenti...7 Criteri di ordinamento...7 Applicare le impostazioni richieste...8 Esportare

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

Comunicazione Medico Competente

Comunicazione Medico Competente Comunicazione Medico Competente Manuale utente Versione documento v.2.1 In vigore dal 22/12/2014 Numero totale di pagine 52 Indice Manuale Utente 1 Introduzione... 4 2 Registrazione utente al portale...

Dettagli

Dispense Corso Access

Dispense Corso Access Dispense Corso Access Introduzione La dispensa più che affrontare Access, dal punto di vista teorico, propone l implementazione di una completa applicazione Access, mettendo in risalto i punti critici

Dettagli

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Il programma Gestione Negozi permette la gestione del materiale presso i clienti Benetton tramite le sue funzionalità di gestione anagrafica

Dettagli

Sistema Informativo di Teleraccolta EMITTENTI

Sistema Informativo di Teleraccolta EMITTENTI Sistema Informativo di EMITTENTI aventi l Italia come Stato membro di origine i cui valori mobiliari sono ammessi alla negoziazione in un altro Stato membro dell Unione Europea Art. 116 bis, comma 1, del

Dettagli

ASSOWEB. Manuale Operatore

ASSOWEB. Manuale Operatore ASSOWEB Manuale Operatore Sistemi Internet per la gestione delle Associazioni dei Donatori di Sangue integrata con il sistema informativo del Servizio Trasfusionale L utilizzo delle più moderne tecnologie

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Guida all amministrazione del servizio MINIMANU.IT.DMPS1400 002 Posta Elettronica Certificata Manuale di amministrazione del servizio PEC di Telecom Italia Trust Technologies

Dettagli

MANUALE UTENTE. Portale Web Scambio Sul Posto GSE SCAMBIO SUL POSTO. stato documento draft approvato consegnato

MANUALE UTENTE. Portale Web Scambio Sul Posto GSE SCAMBIO SUL POSTO. stato documento draft approvato consegnato MANUALE UTENTE Portale Web Scambio Sul Posto GSE SCAMBIO SUL POSTO stato documento draft approvato consegnato Riferimento Versione 1.7 Creato 21/12/2009 INDICE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.1 Ambito di

Dettagli

Servizi telematici on-line per aziende ed intermediari

Servizi telematici on-line per aziende ed intermediari Servizi telematici on-line per aziende ed intermediari Comunicazione nominativi degli RLS Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Manuale Utente Versione documento v.2.1 In vigore dal 29/07/2014

Dettagli

RID - SSP MPE- CO-FER - FTV

RID - SSP MPE- CO-FER - FTV MANUALE UTENTE Portale Web Distributori GSE RID - SSP MPE- CO-FER - FTV Stato documento Draft Approvato Consegnato Riferimento RID-MAN-UTE-001 Versione 3 Creato 07/03/2010 INDICE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...

Dettagli

Progetto Monitoraggio

Progetto Monitoraggio MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA Progetto Monitoraggio Sistema Gestione Progetti Query (SGPQ) Manuale Utente Report Operativi Contenuti 1. Premessa...

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE GUIDA D USO PER LA REGISTRAZIONE E L ACCESSO Ver 1.7 del 11/03/2010 Pag. 1 INDICE DEI CONTENUTI ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE... 1 GUIDA D USO PER LA REGISTRAZIONE E L

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

Nuvola It Data Space

Nuvola It Data Space MANUALE UTENTE INDICE 1. Descrizione servizio... 3 1.1. Informazioni sul servizio di Telecom Italia... 3 1.2. Ruoli e Autenticazione per il servizio di Telecom Italia... 3 1.3. Strumenti... 5 1.4. Documentazione...

Dettagli

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014)

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) Sommario: 1) Attivazione del prodotto; 2) Configurazione; 3) Contribuente; 4) Gestione operazioni rilevanti ai

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo delle funzionalità di Acquisizione On-Line Domande di Rimborso Retribuzione per Donazione Sangue

Manuale d uso per l utilizzo delle funzionalità di Acquisizione On-Line Domande di Rimborso Retribuzione per Donazione Sangue INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale Manuale d uso per l utilizzo delle funzionalità di Acquisizione On-Line Domande di Rimborso Retribuzione per Donazione Sangue (19 Settembre 2011) (Donazione_sangue_Manuale_Utente(Vers_1_0).doc)

Dettagli

Qualità E innovazione per la riabilitazione in studio e a distanza POTENZIAMENTO E RIABILITAZIONE ONLINE

Qualità E innovazione per la riabilitazione in studio e a distanza POTENZIAMENTO E RIABILITAZIONE ONLINE POTENZIAMENTO E RIABILITAZIONE ONLINE Il percorso ideale per la riabilitazione dei bambini con difficoltà e disturbi di apprendimento Guida pratica Qualità E innovazione per la riabilitazione in studio

Dettagli

Manuale per la compilazione dei Questionari di rilevazione Monitor440 Modalità On-line e Off-Line

Manuale per la compilazione dei Questionari di rilevazione Monitor440 Modalità On-line e Off-Line Manuale per la compilazione dei Questionari di rilevazione Monitor440 Modalità On-line e Off-Line INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini,

Dettagli

Sistema Notifiche Penali

Sistema Notifiche Penali Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati Sistema Notifiche Penali Istruzioni Per accedere al Sistema Notifiche

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015]

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Premessa... 2 Fase di Login... 2 Menù principale... 2 Anagrafica clienti...

Dettagli

Applicativo: Oggetto: Data di rilascio: 01/06/2011

Applicativo: Oggetto: Data di rilascio: 01/06/2011 Applicativo: Oggetto: Manuale Utente WEBPORTAL Data di rilascio: 01/06/2011 NOVITA Clienti e Documenti Nella sezione Visualizza Clienti è stato affinato il filtro di ricerca con un ulteriore flag per filtrare

Dettagli

ALBO FORNITORI MEDIASET

ALBO FORNITORI MEDIASET e-procurement TMP-018_11 MEDIASET ALBO FORNITORI MEDIASET Manuale_BUYER_vOnline.doc Pagina 1 di 46 e-procurement TMP-018_11 Sommario MEDIASET... 1 ALBO FORNITORI MEDIASET... 1 INTRODUZIONE... 4 STRUTTURA

Dettagli

Posta Elettronica Certificata Manuale di amministrazione semplificata del servizio PEC di TI Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argoment nti 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche

Dettagli

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi Modulo Gestione Protocollo Manuale Utente Manuale Utente del modulo Gestione Protocollo Pag. 1 di 186 SPIGA...1 Modulo Gestione Protocollo...1

Dettagli

ENCI- ENTE NAZIONALE DELLA CINOFILIA ITALIANA

ENCI- ENTE NAZIONALE DELLA CINOFILIA ITALIANA ENCI- ENTE NAZIONALE DELLA CINOFILIA ITALIANA MANUALE UTENTE SOCIO ALLEVATORE VERSIONE 1.0 DEL 01/12/2010 Indice 1 Introduzione... 4 1.1 PREMESSA... 4 1.2 SCOPO... 4 1.3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 1.4

Dettagli

Al fine di pubblicare le informazioni di un condominio sul WEB è necessario che l amministratore proceda con le seguenti fasi:

Al fine di pubblicare le informazioni di un condominio sul WEB è necessario che l amministratore proceda con le seguenti fasi: CONDOMINI SUL WEB Cosa si intende per condomini sul Web? Dalla versione 1.45 del programma Metodo Condomini l amministratore ha la possibilità di rendere fruibili via WEB ai condòmini (proprietari e conduttori)

Dettagli

SERVIZIO CONTRATTI PUBBLICI PROGRAMMAZIONE

SERVIZIO CONTRATTI PUBBLICI PROGRAMMAZIONE In collaborazione con: Regioni e Province autonome, Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, ITACA SERVIZIO CONTRATTI PUBBLICI PROGRAMMAZIONE AliProg4 Programmazione Servizio web per la creazione

Dettagli

Monitoraggio della rete d assistenza Fase1 Anagrafica ASL Comuni - Assistibili

Monitoraggio della rete d assistenza Fase1 Anagrafica ASL Comuni - Assistibili Monitoraggio della rete d assistenza Fase1 Anagrafica ASL Comuni - Assistibili Versione 1.1 30 Novembre 2004 Manuale_Utente_MRA.doc Pagina 1 di 97 Versione 1.1 Indice 1. Introduzione... 5 1.1 Definizioni...

Dettagli