REGOLAMENTO DI GARA Edizione 1.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DI GARA Edizione 1.0"

Transcript

1 REGOLAMENTO DI GARA Edizione 1.0 Premessa Lo scopo del C.D.C. Italia è quello di creare una competizione secondo i criteri di ballo che accomunano tutti i ballerini delle discipline caraibiche, così come queste discipline sono praticate da chi ama e ha passione per questi balli, e non per il semplice gusto di competere. Una competizione che rispecchi chiaramente quello che viene praticato in pista da ballo. Una competizione in cui venga data la possibilità di mettere in mostra non soltanto la bravura nell esecuzione di un passo, ma anche e soprattutto la libera interpretazione musicale del competitore. L iscrizione è libera, ovvero non vi sono limitazioni territoriali. L abbigliamento è libero, nel limite della comune decenza. Il ballo è libero, ovvero senza vincoli di esecuzione nè programmi obbligatori. Il presente regolamento disciplina tutte le competizioni organizzate da ora in avanti con la denominazione C.D.C. Italia Comitato Danze Caraibiche. La competizione è suddivisa in CLASSI e CATEGORIE, come specificato ai punti 2 e 3 del presente regolamento, per poter mettere a confronto competitori con la medesima esperienza nel ballo e frequenza di corsi specifici. L obiettivo di questa competizione è quello di vedere nel quadrato di gara la stessa passione, lo stesso trasporto, lo stesso amore che si vede nella pista da ballo e non la competizione fine a se stessa. Il fine di questa competizione è quello di creare un momento di aggregazione, una competizione sana nel rispetto reciproco tra competitori. Lo scopo ultimo è quello di portare i competitori a voler partecipare non per voler dare prova di essere migliori degli altri, ma per avere l occasione di trasmettere la forte passione ed il grande amore per questa disciplina. Gli stessi sentimenti che li portano a fare sacrifici, allenarsi duramente e studiare per raggiungere i propri obiettivi.

2 Indice Generale 1. Lo Staff di Gara Il Responsabile Organizzativo Il Direttore di Gara Il Giudice di Gara Ballo e Tempo Lo Scrutinatore Il Selezionatore Musicale 3 2. Le Categorie Assegnazione Categoria per i Balli di coppia Assegnazione Categoria per la Rueda de Casino Assegnazione Categoria per i Gruppi Spettacolo 6 3. Le Classi Classi per i Balli di coppia Attribuzione Classe a Balli di coppia Classi per la Rueda de Casino Classi per i Gruppi Spettacolo I balli di gara Balli di coppia Balli in Formazione Rueda de Casino e Gruppi Spettacolo Svolgimento della competizione Balli di Coppia Balli in Formazione Rueda de Casino e Gruppi Spettacolo I competitori L abbigliamento La Classe e la Categoria di appartenenza Richieste di chiarimento Partecipazione con più partner 22 Allegati N.B. : QUANTO NON INDICATO NEL PRESENTE REGOLAMENTO SARA DECISO AL MOMENTO DAL RESPONSABILE ORGANIZZATIVO. EGLI POTRA RICHIEDERE IL PARERE, NON VINCOLANTE, DEL DIRETTORE DI GARA E/O DEI GIUDICI, OVVERO VALUTARE DI AMMETTERE LA DECISIONE A VOTO DI MAGGIORANZA DEI GIUDICI. Pag. 1 a

3 1. Lo Staff di Gara. I responsabili dell organizzazione della gara designano lo Staff di Gara che è l insieme di tutte quelle figure che rivestono ruoli e mansioni indispensabili allo svolgimento della competizione. Oltre a quelle elencate di seguito nei punti da 1.1 a 1.5, abbiamo anche: ACCOGLIENZA: si occupa di verificare l iscrizione dei competitori, consegnare i numeri di gara e dare informazioni sul programma; HOSTESS: si occupa di consegnare e ritirare le schede dei Giudici; PRESENTATORE: verifica la presenza dei Giudici sul perimetro di gara, annuncia Disciplina, Classe, Categoria e numeri dei competitori ammessi alla batteria da svolgere e a quella successiva, verifica la completezza della batteria, da segnale di inizio e di fine al DJ, collabora attivamente con il DJ nella gestione della gara; DJ: si occupa di verificare l esatta esecuzione musicale in base alla scelta effettuata dal Selezionatore Musicale Il Responsabile Organizzativo. Si occupa dell organizzazione dell evento, coordina la raccolta delle iscrizioni, le relazioni tra Direttore di Gara, Giudici e Scrutinatore, esamina la selezione musicale. Unitamente ai maestri delle scuole partecipanti ed interpellando, in caso di necessità, i competitori stessi, verifica la correttezza di tutti i dati rilasciati soprattutto in relazione all appartenenza alla corretta Categoria e Classe di riferimento Il Direttore di Gara. È obbligatoria la presenza di almeno un Direttore di Gara il quale è responsabile dell intera competizione. Coordina i Giudici indicando loro le linee guida per la formulazione del giudizio. Può escludere dalla gara i competitori che abbiano comportamenti irrispettosi e pericolosi, non vestano in modo adeguato e, in generale, per qualunque motivo che sia di disturbo al corretto svolgimento della competizione. In caso di competitori non iscritti nella giusta Categoria o Classe di appartenenza (vedi paragrafi 3 e 4), dopo aver convocato e chiesto spiegazioni ai Maestri referenti ovvero a coloro che materialmente hanno effettuato l iscrizione, procede, quando possibile, allo spostamento nella giusta Classe o Categoria ovvero all esclusione dei competitori in questione, Pag. 2 a

4 ove ciò non sia possibile. La mancata accettazione del provvedimento determina l esclusione dalla gara. Può inoltre chiedere spiegazioni, in qualunque momento, ai Giudici di Gara in merito alle scelte di voto, può prendere decisioni immediate a fronte di situazioni imprevedibili o non previste dal presente Regolamento. Qualora lo ritenga opportuno esamina la selezione musicale e, se necessario, propone diversa alternanza, sostituzione o esclusione di un brano selezionato Il Giudice di Gara Ballo e Tempo. È nominato dal Direttore di Gara ed è tenuto a seguire tutte le sue indicazioni ed eventualmente, su richiesta, a fornirgli spiegazioni sulle proprie scelte. É tenuto inoltre a segnalare al Direttore di Gara eventuali scorrettezze, compresa l errata attribuzione di Classe e di Categoria da parte dei competitori. Si divide in due categorie: Giudice di Ballo e Giudice del Tempo. Il primo ha il compito di assegnare i voti ai competitori, sulla base del proprio libero giudizio, si muove liberamente all esterno del perimetro di gara. Il secondo ha il compito di segnalare eventuali coppie che non rispettino i tempi ammessi, sulla base del proprio libero giudizio, può stazionare in un luogo sopraelevato (palco, pedana, etc ) rispetto al perimetro di gara Lo scrutinatore. Si occupa di verificare il database delle iscrizioni e l esatto inserimento dei competitori. Stampa le schede che vengono consegnate dalle Hostess ai Giudici. Elabora i voti dei Giudici per redigere risultati e classifiche, sia definitivi che parziali. Segnala eventuali anomalie o incongruenze di giudizio. Si avvale di strumenti informatici, ma solo dopo che gli stessi siano stati approvati dal Responsabile Organizzativo. Designa gli assistenti, uno dei quali all occorrenza può sostituirlo. È tenuto al riserbo sui risultati Il Selezionatore Musicale. Può essere più di uno. Si occupa di scegliere musiche adatte alla Classe e alla Categoria per cui saranno usate evitando brani musicali contaminati da altri generi fino a travisarne la natura. I brani saranno consegnati al Responsabile Organizzativo per essere sottoposti ad ascolto ed approvazione, coadiuvato, se lo ritenga opportuno, dal Direttore di Gara, il quale potrà chiedere di ascoltare tutti i brani e proporre al Responsabile Organizzativo la sostituzione di uno o più di essi. In caso di controversia si procede a votazione per maggioranza. I voti previsti sono tre, uno del Responsabile Organizzativo, uno del Direttore di Gara e uno dato dalla maggioranza più uno dei Giudici che dovranno giudicare Pag. 3 a

5 la batteria di gara. Si coordina con il Dj ed il Presentatore per verificare l esattezza della scaletta e la rispondenza dei brani. Solo per le Classi B, A e MASTER potrà selezionare uno o più brani con una componente non SALSA ovvero nel caso della SALSA CUBANA potrà scegliere un brano con una parte RUMBA, SON, AFRO e/o RAGGAETON, mentre nel caso della SALSA IN LINEA potrà scegliere uno o più brani con una parte CHA CHA CHA. Per le sole Classi B, A e MASTER, qualora lo ritenga opportuno, previa approvazione del Responsabile Organizzativo e del Direttore di Gara, potrà utilizzare due o più brani musicali mixati, mantenendo battute musicali e/o verso della clave, o proporre due o più brani con diverso tema, la somma dei giudizi in questo caso, determinerà il risultato finale. 2. Le Categorie. Le Categorie hanno lo scopo di omogeneizzare, per ogni gara, l età dei competitori. In casi particolari, il Responsabile Organizzativo e/o il Direttore di Gara, possono decidere l accorpamento di più Categorie per determinati balli. Per i Balli di coppia, Gruppi Spettacolo e Rueda de Casino sono definite le seguenti Categorie di ballo: Juveniles: fino a 10 anni (compresi) ovvero dal compimento del quinto anno di età; Junior: da 11 a 14 anni (compresi) ovvero dal compimento dell undicesimo anno di età; Youth: da 15 a 17 anni (compresi) ovvero dal compimento del quindicesimo anno di età; Adulti: da 18 a 39 anni (compresi) ovvero dal compimento del diciottesimo anno di età; Senior: da 40 a 50 anni (compresi) ovvero dal compimento del quarantesimo anno di età; Super Senior: da 51 anni ed oltre (compresi) ovvero dal compimento del cinquantunesimo anno di età. L organizzazione si riserva la possibilità di accorpare le categorie sopra elencate, in base alle esigenze della gara, come di seguito meglio specificato: Under 15: fino a 14 anni (compresi) ovvero dal compimento del quinto anno di età; Pag. 4 a

6 Youth: da 15 a 17 anni (compresi) ovvero dal compimento del quindicesimo anno di età; Adulti: da 18 a 39 anni (compresi) ovvero dal compimento del diciottesimo anno di età; Over 39: da 39 ed oltre ovvero dal compimento del trentanovesimo anno di età; 2.1. Assegnazione Categoria per i Balli di coppia. L assegnazione della Categoria di appartenenza dei competitori avviene in base al millesimo di nascita di entrambi i componenti della coppia ovvero tenendo conto del giorno e del mese in caso di controversia. Se un componente la coppia non ha un'età compresa nella Categoria dell altro, si farà riferimento sempre e in ogni caso a quella più svantaggiosa (per età dei competitori e numero di iscrizioni la Categoria in assoluto più svantaggiosa è quella degli Adulti). Nel caso in cui vi siano due o più Categorie di differenza sarà scelta una Categoria intermedia di svantaggio tenendo sempre presente che un Adulto o superiore non può gareggiare in Youth o inferiore. Esempi: Adulti + Senior = Adulti; Senior + S. Senior = Senior; Junior + Youth = Youth; Adulti + S. Senior = Senior; Youth + S. Senior = Adulti; Junior + Adulti = Adulti (anziché Youth) Quanto sopra non esclude la possibilità che una coppia in cui entrambe i competitori siano appartenenti ad una ben delineata Categoria possa partecipare fino a 2 Categorie di svantaggio. Ad esempio una coppia Juveniles potrà partecipare sia alla propria Categoria quanto alla Categoria Junior o Youth. Allo stesso modo, ma per il criterio inverso, una coppia S. Senior potrà partecipare sia alla propria Categoria quanto alla Categoria Senior o Adulti Assegnazione Categoria per la Rueda de Casino. L assegnazione della Categoria avviene in base al millesimo di nascita degli elementi del gruppo ovvero tenendo conto del giorno e del mese di nascita in caso di controversia. All interno di una Rueda è consentita, al massimo, una Pag. 5 a

7 coppia (un cavaliere ed una dama) di Categoria di vantaggio o due ballerini/e dello stesso sesso, di Categoria di vantaggio. Fanno eccezione i seguenti casi: a) non sono ammessi all interno della Rueda ballerini/e sia di Categoria che di Classe di vantaggio (o uno o l altro); b) i ballerini di Categoria di vantaggio non dovranno mai coincidere con la figura del cantante; c) non è consentito ad un Adulto/Senior/SuperSenior di iscriversi in una Rueda Juveniles/Junior/Youth ; 2.3. Assegnazione Categoria per i Gruppi Spettacolo. L assegnazione della Categoria avviene in base al millesimo di nascita di tutti gli elementi che compongono il gruppo ovvero tenendo conto del giorno e del mese in caso di controversia. Le formazioni in cui oltre il 25% dei propri componenti appartiene ad una Categoria più vantaggiosa saranno cambiate d ufficio di Categoria. 3. Le Classi. Le Classi hanno lo scopo di suddividere i competitori per esperienza e qualità. In casi particolari, il Responsabile Organizzativo, può decidere l accorpamento di più Classi per determinati balli. Questo provvedimento può anche essere proposto dal Direttore di Gara. In questo caso si procede a votazione con maggioranza specificando che i voti sono tre, uno del Responsabile Organizzativo, uno del Direttore di Gara e uno dato dalla maggioranza più uno dei Giudici che dovranno giudicare le due Classi in questione. Per i Balli di Coppia sono definite cinque Classi. Per le Ruede de Casino e per i Gruppi Spettacoli sono definite tre Classi Classi per i Balli di coppia. Per i Balli di Coppia sono definite cinque Classi. Pag. 6 a

8 Classe D Riservata esclusivamente a tutte le coppie in cui entrambi i componenti ballino da meno di 12 mesi solari dalla prima frequenza e/o iscrizione ad almeno un corso di ballo nelle discipline caraibiche ovvero che abbiamo frequentato meno di 11 mesi un corso con frequenza mono settimanale. La frequenza e/o l iscrizione ad almeno un corso di ballo nelle discipline caraibiche va intesa come presenza nel mese solare anche ad una sola lezione. Si precisa che vanno inclusi nel conteggio tutti i mesi a partire dalla prima presenza e/o iscrizione, anche quelli in cui il/la ballerino/a abbia interrotto la frequenza e/o l iscrizione anche per un solo mese se compreso tra due mesi di frequenza e/o iscrizione. Ad esempio il/la ballerino/a che frequenta e/o si iscriva ad almeno un corso di ballo nelle discipline caraibiche nel mese di Ottobre, non frequenti neanche una lezione nè si iscriva nel mese di Novembre e ritorni a frequentare e/o ad iscriversi nel mese di Dicembre sarà considerato come se avesse seguito 3 mesi di corso anche se senza soluzione di continuità. Non vanno conteggiate le interruzioni per un periodo maggiore ad un mese solare. Ad esempio il/la ballerino/a che frequenta e/o si iscrive ad almeno un corso di ballo nel mese di Giugno, prosegua nel mese di Luglio anche con una sola presenza mensile ma non frequenti nè si iscriva nel mese di Agosto e Settembre ritornando a frequentare e/o ad iscriversi nel mese di Ottobre sarà considerato in questo periodo come interruzione di frequenza del corso per 2 mesi. Tale interruzione non si applica in nessun caso al conteggio dei mesi solari per il quale fa fede la data della prima frequenza e/o iscrizione ad almeno un corso di ballo nelle discipline caraibiche. Non sono ammessi in questa Categoria i ballerini o anche un solo componente la coppia che, pur rientrando nelle specifiche citate, abbiano praticato ballo o danza di qualsiasi genere come ad esempio latini, standard, danza moderna o classica, hip hop, etc... La non osservanza di quanto sopra comporterà passaggio di Classe o esclusione della coppia per mancata accettazione del provvedimento o impossibilità di applicazione dello stesso. Classe C Classe di merito obbligatoria per quei competitori proveniente dalla Classe D che si siano classificati nella finale di una competizione Regionale, Interregionale e/o Nazionale, facoltativa per tutte le coppie con esperienza inferiore a quella prevista. Obbligatoria per tutte le coppie in cui almeno uno dei componenti abbia iniziato a ballare da oltre 12 mesi solari dalla prima frequenza e/o iscrizione ad almeno un corso di ballo nelle discipline caraibiche ovvero che abbiano frequentato oltre 11 mesi di corso. Pag. 7 a

9 Classe B Classe di merito obbligatoria per quei competitori proveniente dalla Classe C che si siano classificati nella finale di una competizione Regionale, Interregionale e/o Nazionale, facoltativa per tutte le coppie con esperienza inferiore a quella prevista. Obbligatoria per tutte le coppie in cui almeno uno dei componenti abbia iniziato a ballare da oltre 24 mesi solari dalla prima frequenza e/o iscrizione ad almeno un corso di ballo nelle discipline caraibiche ovvero che abbiamo frequentato oltre 22 mesi di corso. Classe A Facoltativa per tutte le coppie con esperienza inferiore a quella prevista. Obbligatoria per tutte quelle coppie in cui, nell anno precedente o prima, almeno uno dei due componenti: abbia partecipato nella classe B di competizioni Regionali, di qualsiasi Federazione e/o Ente di Promozione Sportiva riconosciuto classificandosi nei primi tre posti; abbia partecipato nella classe B di competizioni Interregionali e/o Nazionali di qualsiasi Federazione e/o Ente di Promozione Sportiva riconosciuto classificandosi nei primi sei posti; abbia già partecipato in classe A di qualsiasi Federazione e/o Ente di Promozione Sportiva riconosciuto; abbia partecipato in Classi Speciali, Master, Internazionali o di livello superiore, di qualsiasi Federazione e/o Ente di Promozione Sportiva riconosciuto Italiano o estero; siano assistenti o tirocinanti di corsi avanzati NON in possesso di un diploma di maestro e che non svolgono attività didattica propria, cioè che non si trovano a dirigere e condurre in prima persona alcun corso di ballo. Classe MASTER Facoltativa per tutte le coppie con esperienza inferiore a quella prevista. Obbligatoria per tutte quelle coppie in cui, nell anno precedente o prima, almeno uno dei due componenti: abbia partecipato nella classe A di competizioni Regionali, di qualsiasi Federazione e/o Ente di Promozione Sportiva riconosciuto classificandosi nei primi tre posti; abbia partecipato nella classe A di competizioni Interregionali e/o Nazionali di qualsiasi Federazione e/o Ente di Promozione Sportiva riconosciuto classificandosi nei primi sei posti; Pag. 8 a

10 abbia già partecipato in classi speciali di qualsiasi Federazione e/o Ente di Promozione Sportiva riconosciuto; abbia partecipato in Classi Speciali, Internazionali o di livello superiore, di qualsiasi Federazione e/o Ente di Promozione Sportiva riconosciuto Italiano o estero, classificandosi tra i primi 6; abbia conseguito la qualifica di Maestro con qualsiasi livello. sia effettivamente riconosciuto come maestro in quanto svolge, o ha svolto in passato, un attività didattica, non come semplice assistente ma come istruttore, dirigendo e conducendo in prima persona un corso di ballo caraibico. IMPORTANTE: Per la Classe MASTER non è prevista la suddivisione in categorie Attribuzione Classe a Balli di coppia. Per l attribuzione della classe nei balli di coppia valgono le seguenti regole: una coppia, col consenso di entrambe i componenti, o un singolo componente con diversa ballerina, può essere iscritto fino a 2 classi superiori a quella di appartenenza; una coppia non può essere iscritta in una Classe inferiore rispetto a quella di appartenenza ed è responsabilità del Maestro referente, come della coppia iscritta, controllare di essere stati iscritti nella Classe di riferimento corretta. Violare questa regola può comportare il passaggio obbligato nella Classe idonea ovvero l esclusione dalla gara; la classe di appartenenza è una sola per tutti i balli per i quali è richiesta l iscrizione, fatta eccezione per quei competitori appartenenti alla classe B (avanzati) della Salsa Cubana che frequentano corsi di Salsa in Linea di qualunque stile da meno di 8 mesi, ai quali è consentito di iscriversi nella classe C ; il passaggio di Categoria a seguito del raggiungimento d età avviene, in tutti i casi, conservando la Classe di appartenenza fatta eccezione per coloro che si trovano a passare dalla Categoria Youth Classe A alla Categoria Adulti i quali acquisiscono il diritto di essere iscritti in Classe B. Resta comunque facoltà del competitore richiedere di essere iscritto ugualmente nella Classe A; Pag. 9 a

11 3.3. Classi per la Rueda de Casino. Classe Amatori Riservata a tutte quelle formazioni in cui tutti i componenti rientrino nelle specifiche previste per le Classi D e/o C. Classe Atleti Facoltativa per tutte le formazioni con esperienza inferiore a quella prevista (Classe Amatori). Obbligatoria per tutte quelle formazioni in cui tutti i componenti rientrino nelle specifiche previste per le Classi B ed A. È ammessa senza limiti la presenza di ballerini di Classe inferiore. Classe MASTER Facoltativa per tutte le formazioni con esperienza inferiore a quella prevista (Classe Amatori e Classe Atleti). Obbligatoria per tutte quelle formazioni in cui tutti i componenti rientrino nelle specifiche previste per la Classe MASTER. All interno di una Rueda è consentita, al massimo, una coppia (un cavaliere ed una dama) di Classe di vantaggio o due ballerini/e dello stesso sesso di Classe di vantaggio. Fanno eccezione i seguenti casi: a) non sono ammessi all interno della Rueda ballerini/e sia di Classe che di Categoria di vantaggio (o uno o l altro); b) i ballerini di Classe di vantaggio non dovranno mai coincidere con la figura del cantante Classi per i Gruppi Spettacolo. Classe Amatori Riservata a tutte quelle formazioni in cui tutti i componenti rientrino nelle specifiche previste per le Classi D e/o C. Sono ammesse formazioni in cui meno del 25% dei propri componenti appartiene ad una Classe più vantaggiosa. Pag. 10 a

12 Classe Atleti Facoltativa per tutte le formazioni con esperienza inferiore a quella prevista (Classe Esibizione). Obbligatoria per tutte quelle formazioni in cui tutti i componenti rientrino nelle specifiche previste per la Classe B e/o A. È ammessa senza limiti la presenza di ballerini di Classe inferiore. Classe MASTER Facoltativa per tutte le formazioni con esperienza inferiore a quella prevista (Classe Amatori e Classe Atleti). Obbligatoria per tutte quelle formazioni in cui tutti i componenti rientrino nelle specifiche previste per la Classe MASTER. 4. I balli di gara. I balli di gara si suddividono in due importanti Categorie di seguito distinte: 1) Balli di Coppia; 2) Balli in Formazione Balli di coppia. Sono effettuati da due competitori di diverso sesso, la parte ballata in coppia deve essere superiore al 50% della durata del brano. Si intende in coppia qualsiasi stile che crei connessione tra i ballerini quindi sia la SALSA quanto, ad esempio, la RUMBA, genere Jambo e Guaguanco, il SON e ogni variante di ballo che metta in relazione i ballerini quindi creando una sintonia e sincronia. La durata del brano sarà compresa tra i 2 minuti e i 4 minuti. Salsa Cubana: E consentito ballare solo sui tempi uno e due in tutte le sue forme. Per i competitori di Classe MASTER, A e B è permesso, solo in caso di variazioni di stile di ballo, cambiare il tempo musicale ma, in caso di ritorno sullo stile precedente, sarà obbligatorio rientrare sul tempo musicale in precedenza osservato. Esempio 1: se la coppia inizia ballando SALSA sul tempo due e effettua una variazione di stile passando alla RUMBA potrà utilizzare indifferentemente il tempo musicale uno o cinque, sarà considerato virtuosismo. Se i ballerini varieranno sui tempi musicali due o sei sarà considerato FUORI TEMPO. Pag. 11 a

13 Quando si riprenderà a ballare SALSA si dovrà rispettare il tempo due prima utilizzato, rientrare su tempo diverso sarà considerato FUORI TEMPO. Esempio 2: se una coppia inizia ballando SALSA sul tempo uno e effettua una variazione di stile passando alla RUMBA potrà utilizzare indifferentemente il tempo musicale uno o cinque, sarà considerato virtuosismo. Se i ballerini varieranno sui tempi musicali due o sei sarà considerato FUORI TEMPO. Quando si riprenderà a ballare SALSA si dovrà rispettare il tempo uno precedentemente utilizzato, rientrare su tempo diverso sarà considerato FUORI TEMPO. Se il ballerino intenderà effettuare una ulteriore variazione di stile e ballare SON TRADIZIONALE potrà ballare, solo in questo caso, sul tempo musicale due o sei rispettando i canoni del SON TRADIZIONALE. Esempio 3: quanto sopra vale anche in caso si inizi con SON TRADIZIONALE pertanto sul tempo due, si passi alla RUMBA quindi tempi uno o cinque e si finisca con la SALSA utilizzando i tempi uno o due. Salsa in Linea: È consentito ballare sui tempi uno, due ed entrambe le accezioni di break al due ovvero: a) Cavaliere sinistro avanti al tempo due dama destro dietro al tempo due; b) Cavaliere destro dietro al tempo due dama sinistro avanti al tempo due. Per i competitori di Classe B, A ed S è permesso, solo in caso di variazioni di stile di ballo, non di stili di SALSA, ad esempio dalla SALSA al CHA CHA CHA, cambiare il tempo musicale ma, in caso di ritorno sullo stile precedente, sarà obbligatorio rientrare sul tempo musicale in precedenza osservato. Esempio 1: se la coppia inizia ballando SALSA sul tempo musicale due e intende effettuare una variazione di stile e passare al CHA CHA CHA dovrà mantenere il tempo musicale due e non sarà considerato un FUORI TEMPO ma un virtuosismo. Se i ballerini varieranno ballando CHA CHA CHA sul tempo musicale uno o cinque sarà considerato un FUORI TEMPO. Se il ballerino riprenderà a ballare SALSA dovrà rientrare sul tempo musicale due precedentemente utilizzato, qualora rientrasse sul tempo musicale uno sarà considerato un FUORI TEMPO. Esempio 2: se una coppia inizia ballando SALSA sul tempo musicale uno e intende effettuare una variazione di stile e passare al CHA CHA CHA dovrà utilizzare il tempo musicale due e non sarà considerato un FUORI TEMPO ma un virtuosismo. Se i ballerini varieranno ballando CHA CHA CHA sul tempo Pag. 12 a

14 musicale uno o cinque sarà considerato un FUORI TEMPO. Se il ballerino riprenderà a ballare SALSA dovrà rientrare sul tempo musicale uno precedentemente utilizzato, qualora rientrasse sul tempo musicale cinque sarà considerato un FUORI TEMPO. Il ballerino non potrà effettuare una ulteriore variazione di stile e ballare sul tempo musicale due. Merengue: È consentito ballare solo sul tempo uno. Bachata: È consentito ballare indifferentemente solo sui tempi uno, due, cinque e sei purché entrambe i ballerini nel ballo in coppia mantengano la sincronia nel tempo ovvero l alternanza di 1 battuta ovvero di ½ frase musicale che comunemente viene definito ballo speculare. Per i sopraccitati balli valgono le seguenti regole: a) Ove è consentito ballare su più tempi, il tempo scelto va mantenuto dall inizio alla fine del ballo, ad eccezione della Bachata in cui, a causa del frequente squadrare della musica e delle variazioni del figurato, è consentito il cambio di tempo solo dall uno al cinque e viceversa, oppure dal due al sei e viceversa, mantenendo la sincronia nel tempo quindi l alternanza di 1 battuta ovvero di ½ frase musicale; b) nella sola Bachata sono consentite variazione di tempo per l esecuzione di particolari figure in cui uno o entrambe i ballerini cambiano il tempo musicale purché il cambiamento rispetti l alternanza di 1 battuta ovvero ½ frase musicale che comunemente viene definito ballo speculare ; c) non sono consentite figure di ballo latino-americano (samba cha cha rumba pasodoble - jive); d) non sono consentite figure acrobatiche fatta eccezione per la SALSA IN LINEA per le sole coppie che ballano sul tempo musicale uno in quanto saranno considerate componenti proprie del Los Angeles Style in cui sono ammesse figure dove i ballerini staccano uno o entrambi i piedi dal pavimento ma la durata di queste non dovrà superare le 4 battute ovvero 2 frasi musicali. Qualora l esecuzione di tali figure arrecasse disturbo, intralcio o qualsiasi altro tipo di impedimento ad altri competitori la coppia subirà una forte penalizzazione o l esclusione in caso di contatto che arrechi danno fisico. e) non sono assolutamente consentite coreografie preparate. I balli sopra elencati appartengono alla tradizione popolare o sono derivazioni di essi, Pag. 13 a

15 ed i competitori sono tenuti a seguirne il reale significato. In modo particolare deve manifestarsi palesemente l improvvisazione in quanto dovrà essere valutato il reale livello del competitore tanto nell esecuzione di figure e pasitos quanto nell interpretazione musicale. Non è quindi ammesso eseguire e ripetere una o più sequenze di figure o di passi, ovvero una coreografia, in quanto sarebbe valutata in questo caso la bravura del coreografo e non quella del ballerino. f) non è consentito eseguire una coreografia di passi identica per entrambe i ballerini per due motivi, il primo è che uno dei ballerini dovrebbe cambiare il tempo musicale e l altro perché, come specificato alla precedente lettera d si perderebbe la componente essenziale dell improvvisazione. g) interpretazione libera e spontaneità sono componenti essenziali del ballo, qualora un Giudice, sia di ballo che del tempo, il Direttore di Gara o qualunque altro membro autorizzato e non, segnali che un competitore non rispetta questi canoni eseguendo una coreografia, il competitore potrà essere escluso dalla gara. Per monitorare, controllare e comprovare quanto sopra potranno essere utilizzati supporti elettronici quali video/fotocamere o di supporti tecnologici di qualunque genere Balli in formazione Rueda de Casino e Gruppi Spettacolo. I balli in formazione si dividono in due: Rueda de Casino - minimo 4 coppie senza limite massimo; Gruppi Spettacolo - minimo 3 ballerini senza limite massimo. Rueda de Casino: Dovrà essere composta da un numero minimo di 4 coppie, ovvero 8 ballerini senza limite massimo. I ballerini di sesso maschile e quelli di sesso femminile deve essere pari. È concessa una tolleranza pari al 25% delle coppie. Ad esempio per una Rueda di 4 coppie è ammesso che vi sia una ed una sola coppia composta da ballerini dello stesso sesso (uomo-uomo oppure donnadonna) mantenendo immutata l alternanza cavaliere/dama nel ballo. Tale eccezione è ripetibile ogni quattro coppie quindi 1 fino a 4 coppie, 2 fino a 8 coppie, 3 fino a 12 coppie e così proseguendo. È consentito ballare solo sul tempo uno o due mantenendo il tempo, nelle parti ballate in stile SALSA, per tutta la durata della Rueda. Per l esecuzione di PASSI che prevedono cambio di stile (Rumba, Afro, Cha Cha Cha, Mambo, Cumbia etc etc) è possibile cambiare tempo purché sia effettuato in modo palese, voluto e sincronizzato, simultaneo o progressivo, si rispettino i criteri di conseguenza o alternanza tra coppie o componenti dello stesso sesso. Pag. 14 a

16 Per l esecuzione di PASSAGGI che prevedano il cambio di tempo (alternanza di tempo tra le coppie non conseguenti, formazioni diverse da quella circolare, scomposizioni, linee, diagonali etc etc) questo può essere effettuato solo se è eseguito da non meno di metà dei componenti dello stesso sesso o di metà delle coppie ovvero in qualunque caso sia palese che il passaggio è voluto e non casuale quindi come conseguenza di un errore. Tutte le esecuzioni dovranno rispettare la classica forma circolare della Rueda per almeno il 50% della durata della gara. In caso di cambio di composizione, la durata non potrà essere superiore alle 16 battute ovvero 8 frasi musicali. In ogni caso in cui si effettui un cambio di tempo, sia esso per cambio di PASSI che per PASSAGGI prestabiliti, quando la Rueda ritorna in assetto circolare in coppia per riprendere a ballare SALSA si dovrà ritornare sul tempo musicale scelto prima della suddetta variazione, ovvero sul tempo uno o due. È obbligatoria l alternanza tra esecuzione di figure in coppia in cui si mantenga la classica forma circolare con PASSAGGI che prevendano variazioni di forma. Non sono ammessi assoli di una o più coppie o di uno solo o più componenti. Non sono considerati assoli i PASSAGGI in cui tutte le coppie o tutti i componenti la Rueda, a rotazione anche non sequenziale, eseguano figure o variazioni differenti tra loro rispettando il tempo massimo di 4 battute musicali ovvero 2 frasi. Ogni passaggio della Rueda dovrà essere chiamato dal cantante in anticipo rispetto alla sua esecuzione di almeno 1 battuta musicale ovvero di ½ frase musicale, rientrando nei canoni che la caratterizzano come Rueda a braccio. Non sono ammesse figure, cambi di PASSI o PASSAGGI superiori alle 16 battute ovvero 8 frasi musicali oltre le quali l esecuzione sarà considerata Rueda Coreografata quindi rientrante nella Categoria dei Gruppi Spettacolo. La mancata osservanza anche di una sola o più di una delle specifiche riportate sopra comporterà l esclusione dalla gara ovvero il passaggio della stessa nella Categoria Gruppo Spettacolo nell ultimo caso elencato. Gruppo Spettacolo: Si distingue nelle discipline della Rueda Show Dance, del Caribe Show Dance e del Folklore Afro-Cubano. Dovrà essere composto da un minimo di 4 ballerini di diverso sesso o da un minimo di 3 ballerini dello stesso sesso. Il brano musicale non può superare la durata di 4 minuti, sono consentiti brani musicali o brani mixati anche se non di chiara estrazione latina. In caso di mixaggio di differenti basi musicali è consentito ballare su qualsiasi tempo, pur non mantenendolo per tutta la durata della coreografia. Pag. 15 a

17 È consentito ballare qualsiasi stile purché almeno il 50% dell esecuzione sia composta da uno o più stili di derivazione latina siano essi salsa, bachata, rumba, afro, reggaeton, merengue, cumbia etc etc o più di essi alternati. La Coreografia deve essere eseguita da tutti i componenti, anche alternandosi, per almeno il 75%, anche non consecutivo, della durata del brano ovvero non sono consentiti assoli superiori al 25% della durata del brano. Non ci sono schemi di esecuzione, i ballerini possono eseguire una coreografia, in formazione libera, in coppia, mista, in formazione di Rueda o varie. Sono consentite prese ed acrobazie. Tema della coreografia e genere musicale non devono violare le norme della comune decenza, arrecare danno o oltraggio. Il Responsabile Organizzativo e/o il Direttore di Gara potrà, a suo insindacabile giudizio, spostare di Classe il Gruppo Spettacolo competitore nel caso in cui si riscontrasse che non sia stata assegnata la giusta Classe di appartenenza. La decisione può avvenire su segnalazione di uno o più Giudici, siano essi del ballo che del tempo, da uno dei maestri accreditati o da qualsiasi spettatore che possa incontrovertibilmente provare quanto dichiarato. - Caribe Show Dance Formata da gruppi non necessariamente composti da coppie, ma da almeno tre elementi. Prevede l esecuzione di una coreografia preparata senza una particolare forma di ballo predefinita. Sono consentite variazioni ritmiche da non confondere con il fuori tempo. - Rueda Show Dance Formata da coppie prevede l esecuzione di una coreografia preparata su di un brano musicale scelto dal gruppo che si esibisce. La coreografia dovrà avere una sostanziale forma di rueda per almeno ¾ della durata di esecuzione. - Folklore Afro-Cubano Prevede l esecuzione di tutti i suoi ritmi e forme danzanti sia dell afro che della rumba. La coreografia dovrà contenere obbligatoriamente il 100% di musica e tecnica di ballo tradizione di afro o di rumba. È ammesso uso e consultazione di supporti elettronici quali video/fotocamere o di supporti tecnologici di qualunque genere. La mancata osservanza di quanto sopra comporterà l esclusione dalla gara. 5. Svolgimento della competizione. La competizione si compone di varie gare divise per ballo, categoria e classe. Pag. 16 a

18 5.1. Balli di coppia. Ognuna delle gare può avere diverse fasi ognuna delle quali può essere divisa in batterie composte al massimo da 10 coppie. A discrezione del Direttore di Gara è ammesso disputare una Finale a 7 e non oltre 7 coppie e sono ammesse, in tutte le altre fasi, batterie con un massimo di 12 coppie. Le fasi di ogni singola gara sono così suddivise in base al numero degli iscritti: Finale: massimo 6 coppie batteria unica; Semifinale: da 7 a 20 coppie minimo 2 batterie ¼ di finale: da 20 a 30 coppie minimo 3 batterie 1/8 di finale: da 31 a 40 coppie minimo 4 batterie 1/16 di finale: da 41 a 50 coppie minimo 5 batterie Per gare con numero di coppie superiore alle 50, a discrezione del Direttore di Gara, sono ammesse batterie di ammissione con un numero di coppie che va da un minimo di 15 ad un massimo di20. In questo caso i giudici selezioneranno, per ogni batteria, 5 coppie da non ammettere alle eliminatorie. Le eliminatorie La fase eliminatoria sarà svolta solo nel caso in cui il numero di iscritti sia superiore a 7.Prevede per tanto tutte quelle fasi, precedenti la Finale, compresa la Semifinale. Durante le eliminatorie ogni Giudice seleziona il numero di coppie indicato dal Direttore di Gara previa consultazione con lo Scrutinatore. Accedono al turno successivo, sulla base del numero di preferenze ricevute, tante coppie quante ne sono state indicate per quella eliminatoria. Tutte le coppie con lo stesso numero di preferenze vengono trattate nello stesso modo e accedono al turno successivo il numero di coppie che, a parità di preferenze, è più vicino alla selezione successiva. Per effetto del pari merito, quindi, è possibile che le coppie che hanno diritto ad accedere alla fase successiva sia inferiore o superiore al numero da selezionare. Per quanto concerne la suddivisione in batterie, scelte casualmente, ogni giudice esprimerà il proprio giudizio indipendentemente dalla batteria d appartenenza, considerando l'insieme delle coppie afferenti a quella fase eliminatoria come un unico gruppo omogeneo. La semifinale (l ultima eliminatoria) di ogni gara dovrà riguardare le migliori 12 coppie iscritte. Tutte le coppie sono trattate con lo stesso criterio senza considerare i voti ricevuti nelle fasi eliminatorie precedenti. Pag. 17 a

19 La finale L'accesso alla finale è, di norma, riservato alle 6 coppie che hanno ricevuto il maggior numero di preferenze durante l ultima eliminatoria (la semifinale). Qualora ci sia una sola coppia a pari merito con la sesta, verrà disputata una finale a 7. Se il numero di coppie a pari merito con la sesta è superiore a 1, verrà disputato uno spareggio tra tutte le coppie con punteggio inferiore o uguale alla sesta. In questa fase ogni giudice dovrà scegliere una ed una sola Rueda da far accedere alla finale. Durante le finali ogni giudice dovrà stilare una propria classifica di merito attribuendo il voto numero 1 ai competitori migliori, 2 ai secondi migliori e così via di seguito per tutti i competitori in finale. I giudici non possono dare 2 o più voti uguali. Il metodo utilizzato per le varie fasi e per redigere la classifica finale di ogni gara è il metodo skating Balli in Formazione Rueda de Casino e Gruppi Spettacolo. Lo svolgimento della competizione per quanto concerne i Balli in Formazione è differente per Rueda de Casino e Gruppo Spettacolo, seguendo differenti metodi di giudizio. Di seguito spiegheremo le varie fasi in cui è suddivisa la gara sia per la Rueda de Casino che per i Gruppi Spettacolo, le modalità di selezione e di accesso alla Finale per le Ruede e tutte le varie metodologie, gli standard ed i criteri delle varie tipologie di giudizio ove richiesto. Rueda de Casino: Le fasi della gara per le Ruede seguono lo schema delle coppie. Se il numero delle Ruede iscritte è superiore a 5 saranno organizzate in batterie composte da un massimo di 4 Ruede. A discrezione del Direttore di Gara sono ammesse batterie con un massimo di 5 Ruede. La durata del brano sarà compresa tra i 2 minuti e i 3 minuti e 30 secondi. Le fasi di ogni singola gara sono così suddivise in base al numero delle Ruede: Finale: massimo 4 Ruede batteria unica; Semifinale: da 5 a 8 Ruede minimo 2 batterie ¼ di finale: da 9 a 12 Ruede minimo 3 batterie 1/8 di finale da 13 a 16 Ruede minimo 4 batterie Per gare con numero di Ruede superiore alle 12, a discrezione del Direttore di Gara, sono ammesse batterie di ammissione con un numero di Ruede che va da un minimo di 4 ad un massimo di 6.In questo caso i giudici selezioneranno, per ogni batteria, 1 Rueda da non ammettere alle eliminatorie. Pag. 18 a

20 Metodo di giudizio per Rueda de Casino. Durante le eliminatorie ogni Giudice seleziona il numero di Ruede indicato dal Direttore di Gara previa consultazione con lo Scrutinatore. Accedono al turno successivo, sulla base del numero di preferenze ricevute, tante Ruede quante ne sono state indicate per quella eliminatoria. Tutte le Ruede con lo stesso numero di preferenze vengono trattate nello stesso modo e accedono al turno successivo il numero di Ruede che, a parità di preferenze, è più vicino alla selezione successiva. Per effetto del pari merito, è quindi possibile che le Ruede che hanno diritto ad accedere alla fase successiva sia inferiore o superiore al numero da selezionare. Per quanto concerne la suddivisione in batterie, scelte casualmente, ogni giudice esprimerà il proprio giudizio indipendentemente dalla batteria d appartenenza, considerando l'insieme delle Ruede afferenti a quella fase eliminatoria come un unico gruppo omogeneo. La semifinale (l ultima eliminatoria) di ogni gara dovrà riguardare le migliori quattro Ruede iscritte. Tutte le Ruede sono trattate con lo stesso criterio senza considerare i voti ricevuti nelle fasi eliminatorie precedenti. L'accesso alla finale è riservato alle 4 Ruede che hanno ricevuto il maggior numero di preferenze durante l ultima eliminatoria (la semifinale). Qualora ci sia una o più Ruede a pari merito con la quarta, verrà disputato uno spareggio tra tutte le Ruede con punteggio uguale alla quarta. In questa fase ogni giudice dovrà scegliere una ed una sola Rueda da far accedere alla finale. Durante le finali ogni giudice dovrà stilare una propria classifica di merito attribuendo il voto numero 1 alla Rueda migliore, 2 alla seconda migliore e così via di seguito per tutte le Ruede in finale. Nei criteri di giudizio della Rueda va tenuto conto della complessità della parte figurata in coppia, della difficolta di esecuzione dei PASSI, che prevedono un cambio di stile di ballo (Rumba, Afro, Cha Cha Cha, Mambo, Cumbia etc etc), dell articolazione dei PASSAGGI eseguiti, che prevedano il cambio di tempo (alternanza di tempo tra le coppie non conseguenti, formazioni diverse da quella circolare, scomposizioni, linee, diagonali etc etc), quanto dei momenti statici ovvero quelli in cui non si eseguono figurazioni in coppia, PASSI ne PASSAGGI. I giudici non possono dare 2 o più voti uguali. Il metodo utilizzato per le varie fasi e per redigere la classifica finale di ogni gara è il metodo skating. Pag. 19 a

REGOLAMENTO TECNICO. DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP

REGOLAMENTO TECNICO. DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP REGOLAMENTO TECNICO DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP 1 SEZIONE 1 1. ANNO DI ATTIVITA 1.1 L anno di attività è il periodo in cui vengono svolte tutte le attività di carattere Propedeutico, Formativo,

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 -- selezioni nazionali per il Sziget Festival 2015 di Budapest (HU) e per l Home Festival 2015 di Treviso -- La selezione denominata SZIGET

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014

UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014 CONCORSO FOTOGRAFICO NAZIONALE UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014 Progetto Donna & Artigianato REGOLAMENTO ART. 1 OBIETTIVO DEL CONCORSO La Commissione Pari Opportunità della Regione Abruzzo, in collaborazione

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO QUICK GUIDE ESAMI DI STATO Le operazioni da eseguire sono semplici e lineari, ma è opportuno ricordarne la corretta sequenza nella quale vanno eseguite. Flusso delle operazioni da eseguire: 1. Inserimento

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

DOMENICA PROGRAMMA GARA: KARATE (SU 6/7 TATAMI) Stili divisi tra SHOTOKAN/SHOTOKAI ed INTERSTILE (SHITO,WADO,GOJU, SANKUKAY, ecc.).

DOMENICA PROGRAMMA GARA: KARATE (SU 6/7 TATAMI) Stili divisi tra SHOTOKAN/SHOTOKAI ed INTERSTILE (SHITO,WADO,GOJU, SANKUKAY, ecc.). A.s.d. KEN TO ZAZEN LIMBIATE ORGANIZZA: DOMENICA 21 DICEMBRE 2014 15 trofeo FESTA DI NATALE JITAKYOEI F.E.S.I.K. Settore Karate Categ. RAGAZZI-CADETTI-JUNIOR-SPECIAL CATEGORY La gara è aperta a tutti gli

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE I TERMINI DEL PRESENTE BANDO. PARTECIPANDO, LEI PRESTA IL CONSENSO A ESSERE VINCOLATO AI TERMINI E ALLE CONDIZIONI DESCRITTE

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO 2012 2013 CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO SOGGETTO PROMOTORE Società R.T.I. SpA, con sede legale a Roma, Largo del Nazareno 8 e con sede amministrativa in Cologno Monzese (MI) viale Europa

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli