REPORT DELLE ATTIVITÀ E DELLE SPECIALIZZAZIONI TECNOLOGICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORT DELLE ATTIVITÀ E DELLE SPECIALIZZAZIONI TECNOLOGICHE"

Transcript

1 TECNOPOLO S.p.A. Società per il Polo Tecnologico Industriale Romano TECNOPOLO TIBURTINO REPORT DELLE ATTIVITÀ E DELLE SPECIALIZZAZIONI TECNOLOGICHE Dati, informazioni, profili e competenze delle imprese localizzate nel Tecnopolo Tiburtino ANNO 2014

2 INDICE Principali risultati...5 Introduzione...7 Sezione I Dati occupazionali, economici, andamentali e di settore I.1 Occupazione...8 I.2 Fatturato, investimenti ed export...10 I.3 Aree di mercato prevalenti e tipologia di clienti...11 I.4 Collaborazioni e reti di impresa...12 Sezione II Individuazione dell offerta tecnologica II.1 Tipologia di innovazione...14 II.2 Stadio di sviluppo ed applicazioni...14 Sezione III Propensione all innovazione tecnologica III.1 Aspetti e condizioni per favorire l innovazione tecnologica...16 III.2 Fonti e modalità di finanziamento...16 III.3 Accordi e partnership...17 III.4 Brevetti e Marchi...18 Il Report presenta i principali risultati dell indagine effettuata sulle imprese del Tecnopolo Tiburtino, tra i mesi di giugno e ottobre del Il testo è stato elaborato e curato dal personale di Tecnopolo S.p.A.. I dati, acquisiti per singola impresa ed elaborati in forma aggregata, sono stati raccolti per finalità di analisi economica e per presentare al mondo istituzionale e imprenditoriale la realtà del Tecnopolo Tiburtino, le principali competenze e le specializzazioni tecnologiche delle imprese localizzate al suo interno. Si ringraziano a questo proposito tutte le aziende che hanno partecipato alla rilevazione, fornendo con impegno e disponibilità le informazioni e i dati richiesti. Appendice A Nota metodologica...19 Appendice B Tavole statistiche e grafici...20 Appendice C Questionario...33 Appendice D Catalogo dell offerta tecnologica

3 PRINCIPALI RISULTATI Settorializzazione: i dati raccolti registrano una larga parte di imprese (45,71%) attive nel settore dell ICT, confermando la vocazione settoriale del Tecnopolo Tiburtino. I Servizi alle imprese (da intendersi anche essi di matrice ICT, quali principalmente consulenza informatica, soluzioni software) costituiscono una seconda ampia fetta, pari al 38,57%. L Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico risultano il terzo settore più diffuso (30%). Seguono l Aerospazio (18,57%), la Meccanica e Impiantistica (11,43%), l Ambiente e Risparmio Energetico (10%), il Multimedia (8,57%), l Incubazione di Impresa (4,29%). Occupazione: i dati rilevati mostrano un risultato piuttosto positivo sia in termini di generale andamento (da stabile a forte aumento per oltre l 80% delle imprese), che sul piano dell adozione di forme contrattuali stabili (per oltre il 60% delle imprese), di occupazione giovanile (per circa il 50% delle imprese) e qualificata (incidenza di laureati per oltre il 60%). Fatturato: anche l andamento generale del fatturato registra un dato positivo. Oltre il 60% delle imprese intervistate dichiara un andamento nell ultimo triennio da stabile ad in forte aumento. Il target produttivo prevalente è rappresentato dalla micro piccola impresa (per oltre il 57%) con un valore della produzione che oscilla da 0,25 a 2,5 milioni di euro. E presente inoltre una componente aziendale di medie grandi dimensioni (18%) con valori della produzione superiori a 7,5 milioni di euro. Investimenti: il dato positivo in termini di fatturato si riflette sugli investimenti. Si registra, infatti, per oltre il 78% delle aziende intervistate, un andamento generale nell ultimo triennio da stabile a forte aumento in termini di investimenti effettuati. Export: i dati rilevati registrano la scarsa/bassa propensione da parte delle aziende intervistate verso i mercati esteri. Solo il 10% circa delle aziende dichiara una significativa incidenza (dal 30% al 50%) dell export sul proprio fatturato. Aree di mercato prevalenti: i dati sull export (scarsa/bassa propensione) si riflettono sulla localizzazione di mercato prevalente delle aziende del Tecnopolo Tiburtino, focalizzata principalmente su area nazionale (per il 75%), con particolare riferimento al proprio territorio di appartenenza (Regione, Provincia, per il 36%). Solo una quarto delle aziende (18, pari al 25%) dichiarano attività in Europa e nel resto del mondo. Tipologia di clienti: costituita prevalentemente da altre imprese (54%) e da Pubblica Amministrazione (26%). Seguono multinazionali (15%) e clientela retail (6%). Collaborazioni tra imprese localizzate all interno del Tecnopolo Tiburtino: il dato riscontra 14 imprese su 70 (20%) dichiaranti avere in corso un rapporto di collaborazione progettuale con un altra impresa localizzata all interno del Tecnopolo Tiburtino. Tipologia di innovazione: l innovazione di prodotto (incrementale e radicale) risulta la forma di innovazione più diffusa tra le aziende intervistate (45,71%). Il relativo stadio è in larga parte riferito a prodotti già 5

4 in fase di commercializzazione (44,29%), in ambito applicativo prevalente dell ICT (31,43%). Ostacoli all innovazione: oltre il 57% delle imprese intervistate dichiara l insufficienza di risorse finanziarie quale primo ostacolo all innovazione, dato confermato dal credito bancario quale primo strumento di supporto ricercato. La difficoltà a penetrare il mercato risulta il secondo maggiore ostacolo, con il 38,57%; seguono la mancanza di canali adeguati (22,86%), la difficoltà nell individuazione di efficaci partner tecnologici (15,71%) e nel reperimento di personale qualificato (14,29%). Strumenti di supporto all innovazione: il credito bancario risulta ancora essere il primo strumento di supporto all innovazione richiesto dalle aziende (28 su 70, pari al 40%, lo dichiarano). Aspetti e condizioni per favorire l innovazione tecnologica: Il 36% delle imprese (25 su 70) dichiara l attività di ricerca e sviluppo svolta all interno della propria azienda quale condizione essenziale per favorire i processi di innovazione tecnologica. Seguono la collaborazione con università/istituti di ricerca (21%), con le altre imprese (18%), il reperimento e l ottenimento di finanziamenti (13%), in ultimo la sottoscrizione di accordi con altri partner tecnologici (12%). Fonti di finanziamento per l innovazione: l autofinanziamento risulta la fonte primaria per l innovazione (44%). Seguono i contributi pubblici (21%) ed il credito bancario (19%). Scarsi o nulli gli aumenti di capitale e l apporto di capitale di rischio da parte di venture capital e/o business angel. Accordi e partnership per la ricerca e l innovazione: il 50% delle imprese localizzate nel Tecnopolo Tiburtino (35 su 70) dichiara di aver sottoscritto accordi di collaborazione principalmente con partner universitari e organismi di ricerca. Misura di politica pubblica più efficace per sostenere l innovazione: oltre il 47% delle aziende (33 su 70) indica il credito d imposta quale misura di politica pubblica ritenuta più efficace per migliorare la propria propensione all innovazione, seguita dagli sgravi fiscali su nuove assunzioni di personale qualificato da dedicare alla ricerca (25%) e dalla possibile partecipazione a bandi regionali e nazionali (25%). Brevetti e Marchi: al momento dell indagine risultano depositati da 14 aziende su 70 (20%), 25 brevetti di cui 5 nel settore dell ICT, 5 nell Aerospazio, 5 nell Ambiente e Risparmio energetico, 4 nei Servizi, 4 nell Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico, 2 nelle Biotecnologie. 6

5 INTRODUZIONE L obiettivo principale del Report è quello di presentare la realtà del Tecnopolo Tiburtino, evidenziando i principali risultati raggiunti, le competenze e le specializzazioni tecnologiche delle imprese localizzate al suo interno. Le informazioni e i dati contenuti sono stati raccolti attraverso un apposito questionario trasmesso alle imprese tra giugno e ottobre 2014 e successivamente analizzati ed elaborati. L indagine ha coinvolto complessivamente 90 aziende (tra le quali 9 start up ospitate nell incubatore ITech di Bic Lazio), di cui 70 hanno fornito il proprio contributo (con un tasso di risposta del 77,7%). I settori prevalenti risultano essere ICT, Servizi, Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico, Aerospazio, Multimedia, Meccanica e Impiantistica, Ambiente e Risparmio energetico, Incubazione di Impresa. Il Report risulta così suddiviso: Sezione I: Dati occupazionali, economici, andamentali e di settore Sezione II: Individuazione dell offerta tecnologica Sezione III: Propensione all innovazione tecnologica Le tre sezioni sono corredate da quattro appendici contenenti: A - Nota metodologica B - Tavole statistiche e grafici C - Questionario D - Catalogo dell offerta tecnologica 7

6 SEZIONE I DATI OCCUPAZIONALI, ECONOMICI, ANDAMENTALI E DI SETTORE Vengono analizzati su base aggregata i principali dati riguardanti le imprese, individuando per ogni dato rilevato la relativa performance di settore. In particolare: l occupazione, il fatturato, gli investimenti, l export, le aree di mercato prevalenti e le collaborazioni tra imprese. Ciò al fine di pervenire ad un censimento delle aziende prese in esame ed individuarne l attuale stato andamentale, la capacità produttiva, lo stato di benessere o di sofferenza. Settore di appartenenza della aziende localizzate al Tecnopolo Tiburtino Risposta (multipla) Conteggio Risultato ICT, Elettronica e Telecomunicazioni 32 45,71% Servizi alle imprese 27 38,57% Innovazione, Ricerca e Trasferimento tecnologico 21 30,00% Aerospazio 13 18,57% Meccanica e Impiantistica 8 11,43% Ambiente e Risparmio Energetico 7 10,00% Multimedia (Comunicazione, Grafica, Editoria) 6 8,57% Incubazione d impresa 3 4,29% Settorializzazione Per quanto attiene ai settori produttivi, i dati raccolti registrano una larga parte di imprese (45,71%) attive nel settore dell ICT, confermando la vocazione settoriale del Tecnopolo Tiburtino. I Servizi alle imprese (da intendersi anche essi di matrice ICT, quali principalmente consulenza informatica, soluzioni software) costituiscono una seconda ampia fetta, pari al 38,57%. L innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico risulta il terzo settore più diffuso (30%). Seguono l Aerospazio (18,57%), la Meccanica e Impiantistica (11,43%), l Ambiente e Risparmio Energetico (10%), il Multimedia (8,57%), l Incubazione di Impresa (4,29%). I.1 OCCUPAZIONE Le 70 aziende oggetto di analisi registrano un occupazione complessiva di circa addetti. La prevalenza è costituita da micro piccole imprese (circa l 80%, con una media di addetti occupati da 5 a 10 unità). Sono inoltre presenti, benchè in numero limitato, aziende di dimensioni medio grandi in termini di unità impiegate e fatturato. Numero dipendenti e collaboratori (complessivo) Conteggio Risultato Numero aziende 70 Totale addetti Tipologia contrattuale La forma contrattuale a tempo indeterminato risulta, nel complesso, prevalente tra le aziende intervistate. Difatti, 44 aziende su 70, pari al 62,86%, dichiarano di avere contrattualizzato a tempo indeterminato almeno ed oltre il 50% dell intera forza lavoro in organico. Occupati a tempo indeterminato Oltre il 50% del totale 37 52,86% Almeno il 50% del totale 7 10,00% Meno del 50% del totale 26 37,14% 8

7 Settore di appartenenza di aziende Settore che dihanno appartenenza contrattualizzato della aziende a tempo localizzate indeterminato al Tecnopolo almeno o oltre Tiburtino il 50% dell intera forza lavoro in organico ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Servizi 12 17,1 % Aerospazio 7 10% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 5 7,1% Meccanica e Impiantistica 4 5,7 % Occupazione giovanile 37 aziende su 70 (pari al 52,86%) dichiarano di aver assunto, per oltre il 50% dell intera forza lavoro in organico, giovani di età compresa tra i 24 ed i 35 anni. Percentuale dipendenti a tempo indeterminato di età compresa tra i 24 ed i 35 anni Da 0% a 25% circa del totale 16 22,86% Da 25% a 50% circa del totale 17 24,29% Da 50% a 75% circa del totale 23 32,86% Da 75% a 100% circa del totale 10 14,29% 100% del totale 4 5,70% Settore di appartenenza di aziende che hanno contrattualizzato a tempo indeterminato, Settore per dioltre appartenenza il 50% dell intera della aziende forza lavoro localizzate in organico, al Tecnopolo personale Tiburtino giovanile di età compresa tra i 24 ed i 35 anni ICT, Elettronica e Telecomunicazioni 11 30% Servizi 8 21% Aerospazio 8 22% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 5 14% Meccanica e Impiantistica 2 5% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 2 5% Ambiente e Risparmio Energetico 1 3% Titolo di studio 36 aziende su 70 (pari al 51.43%), dichiarano di disporre, per oltre il 50% dell intera forza lavoro in organico, di personale in possesso di titolo di studio universitario. Percentuale dipendenti in possesso di titolo di studio universitario Meno del 50% del totale 18 25,71% Almeno il 50% del totale 6 8,57% Oltre il 50% del totale 36 51,43% Nessuna risposta 10 14,29% Settore di appartenenza di aziende che dispongono, Settore per dioltre appartenenza il 50% dell intera della aziende forza lavoro localizzate in organico, al Tecnopolo Tiburtino di personale in possesso di laurea ICT, Elettronica e Telecomunicazioni 11 30% Servizi 8 22% Aerospazio 6 17% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 5 14% Meccanica e Impiantistica 3 8% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 2 6% Ambiente e Risparmio Energetico 1 3% Incidenza genere femminile 18 aziende sul totale di 70, pari al 25,71%, dichiarano di avere personale di genere femminile in organico per oltre il 50% dell intera forza lavoro. Incidenza del genere femminile in azienda Da 0% a 25% circa del totale 34 48,57% Da 25% a 50% circa del totale 18 25,71% Da 50% a 75% circa del totale 14 20,00% Da 75% a 100% circa del totale 4 5,72% Settore di appartenenza di aziende che dispongono Settoredi dipersonale appartenenza di genere dellafemminile aziende localizzate per oltre il 50% al Tecnopolo Tiburtino dell intera forza lavoro in organico Servizi 10 55% Innovazione, Ricerca e T rasferimento Tecnologico 4 22% ICT 3 17% Aerospazio 1 6% 9

8 Andamento occupazionale ultimo triennio L andamento occupazionale complessivo registrato nell ultimo triennio riporta dati piuttosto positivi. 57 aziende su 70 presenti nel Tecnopolo Tiburtino, pari al 81,43%, dichiarano un andamento occupazionale da stabile ad in forte aumento. Le restanti 13 aziende, pari al 18,57%, rientrano in un subtotale negativo, riportando una diminuzione dell occupazione da moderata a forte. Andamento ultimo triennio (Occupazione) Stabile 30 42,86% Aumento moderato (da 3% a 10%) 20 28,57% Forte aumento (superiore al 10%) 7 10,00% Subtotale 1 (positivo) 57 81,43% Forte diminuzione (superiore al 10%) 6 8,57% Diminuzione moderata (da 3% a 10%) 7 10,00% Subtotale 2 (negativo) 13 18,57% Settore di appartenenza di aziende aventi fatturato ultimo esercizio da 5 a 7,5 milioni di euro ICT, Elettronica e Telecomunicazioni 6 34% Aerospazio 4 22% Multimedia 4 22% Altri settori 4 22% Andamento del fatturato ultimo triennio L andamento generale dell ultimo triennio in termini di fatturato registra un dato positivo. 43 aziende su 70, pari al 61,43%, dichiarano nell ultimo triennio un andamento positivo, da stabile ad aumento moderato, fino a forte aumento, in termini di fatturato. Il restante 38,57%, pari a 27 aziende su 70, rientra in un subtotale negativo, riportando una diminuzione del fatturato da moderata a forte. Andamento ultimo triennio (Fatturato) I.2 FATTURATO, INVESTIMENTI, EXPORT Fatturato Si conferma il target insediativo prevalente rappresentato dalla micro piccola impresa. 37 aziende su 70, pari al 52,86%, registrano un fatturato medio nell ultimo esercizio (2013) compreso tra 0,25 ed 1,5 milioni di euro. Fatturato ultimo esercizio Da 0,25 a 0, ,00% Da 0,5 a 1, ,86% Da 1,5 a 2,5 3 4,29% Da 2,5 a ,14% Da 5 a 7,5 5 7,14% Oltre 7, ,57% È presente inoltre una componente di aziende di media grande dimensione, in termini di valore della produzione, costituita da 18 aziende (25,71% del totale) con un fatturato medio 2013 che oscilla dai 5 ai 7,5 milioni di euro. Stabile 15 21,43% Aumento moderato (da 3% a 10%) 19 27,14% Forte aumento (superiore al 10%) 9 12,86% Subtotale 1 (positivo) 43 61,43% Diminuzione moderata (da 3% a 10%) 13 18,57% Forte diminuzione (superiore al 10%) 14 20,00% Subtotale 2 (negativo) 27 38,57% Andamento degli investimenti ultimo triennio Anche il dato complessivo sugli investimenti supporta il dato positivo rilevato sul fatturato. Del totale delle 70 aziende presenti nel Tecnopolo Tiburtino, 55, pari al 78,57 %, dichiarano un andamento positivo nell ultimo triennio in termini di investimenti effettuati: da stabile ad aumento moderato, fino a forte aumento. Il restante 21,43%, pari a 15 aziende, rientra in un subtotale negativo, riportando una diminuzione degli investimenti effettuati da moderata a forte. 10

9 Andamento ultimo triennio (Investimenti) Stabile 31 44,29% Aumento moderato (da 3% a 10%) 14 20,00% Forte aumento (superiore al 10%) 10 14,28% Subtotale 1 (positivo) 55 78,57% Forte diminuzione (superiore al 10%) 6 8,57% Diminuzione moderata (da 3% a 10%) 9 12,86% Subtotale 2 (negativo) 15 21,43% Settore di appartenenza di aziende che dichiarano un andamento degli investimenti nell ultimo triennio da stabile ad in forte aumento ICT 15 27% Servizi 13 23% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 10 18,5% Aerospazio 6 11,5% Altri settori 11 20% Incidenza Export su totale fatturato 0% 40 57,15% Da 0% a 10% 18 25,71% Da 10% a 30% 4 5,71% Da 30% a 50% 6 8,57% Oltre 50% 2 2,86% Settore di appartenenza di aziende che dichiarano un incidenza dell export sul proprio fatturato dal 30% al 50% ICT 2 25% Servizi 2 25% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 2 25% Aerospazio 1 12,5% Multimedia 1 12,5% Settore di appartenenza di aziende che dichiarano un andamento degli investimenti nell ultimo triennio in diminuzione da moderata a forte ICT 4 27% Servizi 4 27% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 3 20% Altri settori 4 26% Export Il dato sull export attesta la scarsa propensione ai mercati esteri da parte delle aziende localizzate nel Tecnopolo Tiburtino. Solo 8 aziende su 70, pari all 11,43%, dichiarano una incidenza dell export sul proprio fatturato dal 30% al 50% (6 aziende), fino ad oltre il 50% (2 aziende). Delle restanti 62 aziende, pari all 88,57%, 40 dichiarano l incidenza dello 0% sul proprio fatturato derivante da export. Per le altre 22, solo 4 registrano una incidenza dal 10% al 30%. I.3 AREE DI MERCATO PREVALENTI E TIPOLOGIA DI CLIENTI Localizzazione delle aree di mercato prevalenti Il dato sull export (bassa propensione ai mercati esteri) si riflette sulla localizzazione di mercato prevalente delle aziende del Tecnopolo Tiburtino, focalizzata principalmente su area nazionale (53 aziende su 70, pari al 75%), con particolare riferimento al proprio territorio di appartenenza (Regione, Provincia - 25 aziende su 70, pari al 36%). Solo un quarto delle aziende (18, pari al 25%) dichiara attività in Europa e nel resto del mondo. Localizzazione aree di mercato prevalenti Provincia 8 11% Regione 17 25% Resto d'italia 27 39% Europa 12 16% Mondo 6 9% 11

10 Tipologia dei clienti Le altre imprese costituiscono la grande maggioranza dei clienti (per 38 aziende su 70 rappresentano il 54%). Rilevante anche la Pubblica Amministrazione (per 18 aziende, pari al 26%). Le multinazionali costituiscono il 15% (per 10 aziende su 70). Solo un 5% costituito da clientela Retail. Tipologia di clienti Imprese 38 54% Pubblica Amministrazione 18 26% Multinazionali 10 15% Clientela Retail 4 5% I.4 COLLABORAZIONI TRA IMPRESE Collaborazioni tra imprese localizzate all interno del Tecnopolo Tiburtino Il dato riscontra che 14 imprese su 70 (20%) hanno in corso un rapporto di collaborazione progettuale con un altra impresa localizzata all interno del Tecnopolo Tiburtino Collaborazioni/progetti in corso con altre imprese Sì 14 20% No 56 80% Settore di appartenenza di aziende che dichiarano di avere in corso collaborazioni con altre aziende del Tecnopolo Tiburtino Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 4 29% ICT 3 21% Aerospazio 2 14% Altri settori 5 36% Condivisione spazi di lavoro Il dato evidenzia che 29 aziende su 70, pari al 41,43 % del totale, condividono i propri spazi/ospitano altre imprese. La condivisione di spazi e servizi risulta quindi un elemento importante al fine di ottimizzare la produzione e ridurre i costi operativi. L azienda condivide i propri spazi lavorativi con team di lavoro di altre imprese oppure ospita nei propri locali altre imprese Sì 29 41,43% No 41 58,57% Costituzione reti di impresa Lo strumento della rete di impresa risulta ancora non diffuso: soltanto 13 imprese su 70, pari al 18,57%, dichiarano di farne parte. Viene inoltre confermata la scarsa propensione all internazionalizzazione in ragione della totale assenza partecipativa alle reti di impresa da parte di aziende estere. L'azienda appartiene ad una rete d'impresa Sì 13 18,57% No 57 81,43% Specificare i componenti della rete di impresa Altre aziende del Tecnopolo 5 7,14% Altre aziende nazionali 8 11,43% Altre aziende estere 0 0,00% Settore di appartenenza di aziende che dichiarano di appartenere ad una rete di imprese ICT 4 31% Servizi 3 23% Aerospazio 2 15% Ambiente e Risparmio Energetico 2 15% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 2 15% 12

11 Variazioni societarie Solo 14 aziende su 70, pari al 20% del totale, sono state interessate nell ultimo triennio da variazioni societarie (di cui 12 per ricapitalizzazione da attuali o nuovi soci, 2 per partecipazione al capitale da parte di fondi di investimento). Variazione struttura societaria nell ultimo triennio Sì 14 20,00% No 56 80,00% Specificare la variazione intervenuta Ricapitalizzazione da attuali soci 6 8,57% Ricapitalizzazione da nuovi soci 6 8,57% Partecipazione da fondi d'investimento 2 2,86% 13

12 SEZIONE II INDIVIDUAZIONE DELL OFFERTA TECNOLOGICA Vengono esaminate la tipologia e le caratteristiche principali delle innovazioni tecnologiche prodotte dalle imprese nell ultimo triennio, l individuazione dell attuale stadio di sviluppo, le relative applicazioni, i principali ostacoli incontrati e gli strumenti necessari all estensione e diffusione dei risultati raggiunti. L obiettivo è disporre di informazioni operative relative a prodotti, processi e servizi tecnologico/innovativi proposti dalle aziende insediate, al fine di promuovere al meglio l offerta tecnologica aziendale ed individuare i settori più interessati all innovazione tecnologica che caratterizzano l area del Tecnopolo Tiburtino. II.1 TIPOLOGIA DI INNOVAZIONE PRODOTTA Il 45,71% delle imprese si dichiara impegnato nello sviluppo di una innovazione di prodotto incrementale, cioè finalizzata al miglioramento di una tecnologia esistente. Segue con il 44,29% lo sviluppo di prodotto radicale, inteso come nuova tecnologia o combinazioni di tecnologie esistenti per nuove applicazioni. Il 31,43% riguarda una innovazione di servizio. Il 30% una innovazione di processo incrementale. Tipologia di innovazione tecnologica prodotta nell ultimo triennio Di prodotto (incrementale) 32 45,71% Di prodotto (radicale) 31 44,29% Di servizio 22 31,43% Di processo (incrementale) 21 30,00% Organizzativa 16 22,86% Di marketing 10 14,29% Di processo (radicale) 7 10,00% Nessuna innovazione 6 8,57% Un numero minore di aziende ha puntato sull innovazione del sistema organizzativo (22,86%), di marketing (14,29%) e di processo radicale (10%). Tipologia di prodotti e servizi L indagine evidenzia, in particolare, la realizzazione di tecnologie applicate a sistemi di rilevazione, monitoraggio ambientale e satellitare, kit diagnostici (in campo biochimico e biomedico), sistemi di telemedicina, software di gestione, applicazioni e piattaforme per servizi mobili. Dal lato delle innovazioni sul sistema organizzativo e di servizi al cliente, esse hanno principalmente riguardato i seguenti ambiti: valutazione degli asset intangibili, gestione delle presenze interne, gestione dei fornitori, e-learning, software amministrativi e di controllo di gestione. II.2 STADIO DI SVILUPPO ED APPLICAZIONI Stadio di sviluppo Lo stadio di sviluppo delle innovazioni tecnologiche prodotte risulta in larga parte riferito a prodotti già in fase di commercializzazione (44,29%), dichiarato da 31 aziende su 70. Segue la fase prototipale (18,57%) per 13 aziende, e la realizzazione di dimostratori (11,43%) per 8 aziende. Il residuo 25,71% delle aziende intervistate dichiara nessuna risposta. Stadio di sviluppo dell innovazione tecnologica prodotta Prodotto in fase di commercializzazione 31 44,29% Prototipo 13 18,57% Dimostratore 8 11,43% Nessuna risposta 18 25,71% 14

13 Ambiti di applicazione L ICT si conferma il settore prevalente (22 aziende dichiaranti, pari al 31,43%), segue la Meccanica ed Elettronica (18 aziende, pari al 25,71%) e l Aerospazio (12 aziende, pari al 17,14%). Si rileva, inoltre, una propensione al biotech ed energia (12,86%), ai materiali ed all agroalimentare (7,14%). Applicazione dell innovazione tecnologica prodotta ICT 22 31,43% Meccanica Elettronica 18 25,71% Aerospazio 12 17,14% Energia 9 12,86% Biotecnologia - Biomedica Scienza della vita 9 12,86% Materiali 5 7,14% Grafica 5 7,14% Design 2 2,86% Agroalimentare 2 2,86% Altro 21 30,00% Ostacoli alla realizzazione dell innovazione tecnologica Oltre il 57% delle imprese intervistate dichiara l insufficienza delle risorse finanziarie quale primo ostacolo alla realizzazione dell innovazione tecnologica. La difficoltà a penetrare il mercato risulta il secondo maggiore ostacolo, con il 38,57%, anche per mancanza di canali adeguati (22, 86%) e per problematiche legate a costi troppo elevati (18.57%), all individuazione di efficaci partner tecnologici (15,71%) ed al reperimento di personale qualificato (14,29%). Ostacoli alla realizzazione dell innovazione tecnologica prodotta Risorse finanziarie insufficienti 40 57,14% Difficoltà di penetrazione nel mercato 27 38,57% Mancanza di canali adeguati 16 22,86% Costi troppo elevati 13 18,57% Difficoltà nell individuare adeguati partner tecnologici 11 15,71% Difficoltà nel reperire personale qualificato 10 14,29% Difficoltà di relazione con università, centri di ricerca, strutture scientifiche 1 1,43% Fonti e competenze L insufficienza di risorse finanziarie, quale primo ostacolo, e la difficoltà nell individuazione di partner tecnologici, si traducono per il 42,86% delle imprese intervistate nell utilizzo delle sole competenze interne quale principale fonte per la produzione dell innovazione. Modalità di realizzazione dell innovazione prodotta Solo con competenze interne 30 42,86% Tramite accordi con altri partner tecnologici 23 32,86% Nessuna risposta 17 24,28% Strumenti di supporto Per il 40% delle imprese intervistate (28 aziende su 70), il credito bancario risulta ancora essere il primo strumento di supporto alla innovazione, benchè sia evidente la difficoltà di accesso al credito, in particolare per l impresa di piccole dimensioni. Le agevolazioni fiscali e la presenza di fondi per il capitale di rischio (anche in ragione delle recenti misure introdotte per le start up innovative e di specifici interventi messi in campo da alcune istituzioni bancarie in materia di finanziamento agevolato a favore delle nuove imprese) sono ritenuti per circa la metà dalle aziende intervistate importanti strumenti di supporto all innovazione. Strumenti di supporto necessari per sviluppare l innovazione tecnologica prodotta Credito bancario 28 40,00% Agevolazioni fiscali 18 25,71% Fondi per il capitale di rischio 17 24,29% Nessuna risposta 7 10,00% 15

14 SEZIONE III PROPENSIONE ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Si esamina l attitudine e la propensione delle imprese intervistate all innovazione tecnologica, in particolare: 1 - aspetti e condizioni che hanno favorito l innovazione tecnologica; 2 - provenienza dei finanziamenti, nel caso di innovazione prodotta per il tramite del reperimento di contributi finanziari; 3 - modalità di finanziamento dell innovazione tecnologica; 4 - eventuale ottenimento e tipologia di finanziamenti pubblici (regionali, nazionali, europei); 5 - esistenza di eventuali accordi e/o partnership in ricerca e innovazione ed indicazione delle organizzazioni con cui sono stati conclusi; 6 - eventuale partecipazione ad iniziative di spin off di ricerca; 7 - indicazione degli strumenti utili a favorire la promozione dell innovazione tecnologica, dei principali canali informativi utilizzati e delle misure di politica pubblica ritenute più efficaci. III.1 ASPETTI E CONDIZIONI PER FAVORIRE L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il 36% delle imprese (25 su 70) dichiara l attività di ricerca e sviluppo svolta all interno della propria azienda quale condizione essenziale per favorire i processi di innovazione tecnologica. Seguono la collaborazione con università/istituti di ricerca (21%), con le altre imprese (18,5%), il reperimento e l ottenimento di finanziamenti (13%), in ultimo la sottoscrizione di accordi con altri partner tecnologici (11,5%). Aspetti/condizioni che hanno favorito i processi di innovazione tecnologica interna Ricerca e sviluppo svolte all interno dell impresa 25 36% Collaborazioni con università/istituti scientifici 15 21% Collaborazioni con altre imprese 13 18,5% Reperimento/Ottenimento di finanziamenti 9 13% Accordi strategici con partner tecnologici 8 11,5% III.2 FONTI E MODALITÀ DI FINANZIAMENTO A conferma ulteriore di quanto rilevato nella precedente sezione rispetto alle difficoltà di ottenimento di risorse finanziarie, il 44% delle aziende intervistate (pari a 31 aziende su 70) ha dichiarato l autofinanziamento quale strumento più utilizzato nell ultimo triennio per favorire l innovazione. Seguono i contributi pubblici (21%) ed il credito bancario (19%). Scarsi o nulli gli aumenti di capitale (da parte di soci o terzi) e l apporto di capitale di rischio da parte di venture capital e business angel. 16

15 Modalità di finanziamento più utilizzata per l innovazione tecnologica dell ultimo triennio Autofinanziamento 31 44% Contributi pubblici 15 21% Credito bancario 13 19% Aumento di capitale da parte degli attuali soci 5 7% Nessuna 3 4% Aumento di capitale da parte di nuovi soci 2 23% Apporto di capitale di rischio da parte di venture capital e business angels 1 1% Fonte di finanziamento pubblico Oltre il 44% delle imprese intervistate (31 su 70) dichiara di aver ottenuto nell ultimo triennio finanziamenti pubblici per l innovazione. Di queste, la maggioranza (51%) non precisa la fonte. Il 23% ne dichiara la provenienza regionale, il 13% nazionale ed un ulteriore 13% europea. Ottenimento nell ultimo triennio di finanziamenti pubblici per l innovazione tecnologica Sì 31 44,28% No 24 34,29% Nessuna risposta 15 21,43% Fonte di finanziamento pubblico Fondi regionali 7 23% Fondi nazionali 4 13% Fondi europei 4 13% Non visualizzato 16 51% III.3 ACCORDI E PARTNERSHIP Accordi sottoscritti nell ultimo triennio La metà esatta delle aziende (35 su 70) che hanno partecipato all indagine afferma di aver concluso nell ultimo triennio accordi di collaborazione con altre imprese per la realizzazione di attività di R&S. Tali accordi sono stati sottoscritti principalmente con Università (12 su 35) e Centri di ricerca privati (8) e pubblici (6). Avvio nell ultimo triennio di accordi /partnership strategici in ricerca e innovazione Sì 35 50,00% No 35 50,00% Tipologie di accordi /partnership avviati Università 12 17,14% Centro di ricerca privato 8 11,43% Centro di ricerca pubblico 6 8,57% Provenienza del partner Delle 35 aziende dichiaranti la sottoscrizione nell ultimo triennio di accordi di collaborazione per la realizzazione di attività di R&S, 16 (22,86%) affermano la provenienza nazionale del partner, 9 (12,86%) la provenienza regionale, solo 2 (2,86%) la provenienza estera. Provenienza del partner Nazionale 16 22,86% Regionale 9 12,86% Estera 2 2,86% Nessuna risposta 8 11,43% Tipologia di rapporto La formula di rapporto più diffusa risulta il contratto di collaborazione (23 su 35). Solo 4 le consulenze, nessun contratto di rete. 8 non dichiarano la tipologia dell accordo. Tipologia rapporto Accordo di collaborazione 23 32,86% Consulenza 4 5,71% Contratto di rete 0 0,00% Nessuna risposta 8 11,43% 17

16 Partecipazione a spin off di ricerca Solo 11 aziende su 70 (pari al 15,71%) dichiarano di partecipare a spin off di ricerca con organizzazioni e strutture universitarie. Delle 11 individuate, 8 hanno indicato gli interlocutori universitari con i quali sono stati conclusi gli accordi di spin off (Università La Sapienza, Università Tor Vergata, CNR). Partecipazione a spin off di ricerca No 59 84,29% Sì 11 15,71% Organizzazioni coinvolte Università La Sapienza Tor Vergata 7 87,5% CNR 1 12,5% Misura di politica pubblica più efficace per migliorare la propensione all innovazione Oltre il 47% delle aziende (33 aziende su 70) indica il credito d imposta quale misura di politica pubblica ritenuta più efficace per migliorare la propria propensione all innovazione, seguita dagli sgravi fiscali su nuove assunzioni di personale qualificato da dedicare alla ricerca (25,71%) e dalla possibile partecipazione a bandi regionali e nazionali (25,71%). Misura di politica pubblica ritenuta più efficace per migliorare la propria propensione all innovazione Credito di imposta per ricerca e sviluppo 33 47,15% Sgravi fiscali su nuove assunzioni di personale di ricerca 18 25,71% Bandi regionali/nazionali per la ricerca 18 25,71% Banda larga 1 1,43% Settori di applicazione degli spin off avviati Aerospazio 2 25% Ambiente 2 25% Nanotech 1 12,50% Multimedia 1 12,50% Microelettronica 1 12,50% Biomedicale 1 12,50% III.4 BREVETTI E MARCHI Al momento dell indagine risultano depositati 25 Brevetti, di cui 5 nel settore dell ICT, 5 nell Aerospazio, 5 nell Ambiente e Risparmio Energetico, 4 nei Servizi, 4 nell Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico, 2 nelle Biotecnologie. 14 le aziende coinvolte su 70 (20%), di cui 4 incubate presso l Incubatore ITech di BIC Lazio. Brevetti e Marchi Settori Numero Aziende brevetti coinvolte ICT 5 3 Aerospazio 5 2 Ambiente e Risparmio energetico 5 3 Servizi 4 3 Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico 4 2 Biotecnologie 2 1 Totale

17 APPENDICE A NOTA METODOLOGICA La rilevazione è stata svolta tra i mesi di giugno e ottobre 2014, sulla base dei dati forniti dalle aziende intervistate ed acquisiti nel periodo precedente mediante l invito alla compilazione on line di un questionario appositamente predisposto. La partecipazione all indagine ha coinvolto 70 imprese su un totale di 90 presenti nel Tecnopolo Tiburtino, con un tasso di partecipazione pari al 77,7%. Ad ogni azienda è stata fornita, in fase di avvio, un apposita credenziale di accesso al sistema per la compilazione on line del questionario, disponibile mediante accesso al sito di Tecnopolo, preceduta da una comunicazione di avvio del progetto e successivo contatto telefonico. L impegno richiesto per la compilazione del questionario è stato costantemente monitorato mediante riscontro di risultato progressivo rilevabile dal software utilizzato per la strutturazione del questionario. Il questionario (cfr. appendice C) è composto di una parte generale, costituita dalle principali informazioni anagrafiche e strutturali delle imprese, insieme ai dati andamentali dell ultimo triennio riferiti ad occupazione, investimenti, fatturato, export, capacità produttiva, oltre che di due ulteriori sezioni specifiche riferite rispettivamente all offerta tecnologica e alla propensione all innovazione da parte delle medesime imprese. I dati raccolti sono stati sottoposti ad un controllo di qualità, corrispondenza e veridicità, non rientrando nell analisi aggregata dati ritenuti non compatibili, non veritieri e non attendibili. I dati riscontrati post analisi ritenuti non compatibili ed anomali sono stati evidenziati e sottoposti all attenzione dei rilevatori, i quali hanno proceduto a ricontattare l azienda per gli opportuni chiarimenti. Solo al buon esito della verifica i dati in questione sono stati ritenuti acquisibili dal data base. Per la determinazione dei dati forniti secondo risposta multipla, i risultati appartenenti alle principali categorie, precedentemente riscontrati su un campione dimensionale di 70 imprese, sono stati successivamente riparametrati sulla base dei complessivi numerici rilevati. 19

18 APPENDICE B TAVOLE STATISTICHE E GRAFICI Parametro dati a risposta multipla Risultato per settore di attività Occupazione tempo indeterminato Campione Complessivo Risultato % 100% 62.86% ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Servizi % Aerospazio % Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % Meccanica e Impiantistica 5 3 7% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 4 2 5% Ambiente e Risparmio Energetico 2 1 2% Incubazione d'impresa 1 1 2% % Occupazione giovanile Campione Complessivo Risultato % 100% 52.86% ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Servizi % Aerospazio % Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % Meccanica e Impiantistica 3 2 5% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 3 2 5% Ambiente e Risparmio Energetico 2 1 3% Incubazione d'impresa 0-0% % Incidenza genere femminile Campione Complessivo Risultato % 100% 25.71% Servizi % Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Aerospazio 1 1 6% % 20

19 Andamento occupazionale da stabile a moderato - forte aumento Campione Complessivo Risultato % 100% 81.43% Aerospazio % Ambiente e Risparmio Energetico 7 3 5% ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Incubazione d'impresa 3 1 2% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % Meccanica e Impiantistica 8 4 7% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 6 2 4% Servizi % % Andamento occupazionale da moderata a forte diminuzione Campione Complessivo Risultato % 100% 18.57% Aerospazio % Ambiente e Risparmio Energetico 7-0% ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Incubazione d'impresa 3-0% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % Meccanica e Impiantistica 8-0% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 6-0% Servizi % % Occupazione laureati Campione Complessivo Risultato % 100% 51.43% ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Servizi % Aerospazio % Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % Meccanica e Impiantistica 5 3 8% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 4 2 6% Ambiente e Risparmio Energetico 2 1 3% Incubazione d'impresa 1-0% % 21

20 Fatturato da 5 a 7,5 milioni di euro Campione Complessivo Risultato % 100% 25.71% Aerospazio % Ambiente e Risparmio Energetico 1 0 0% ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Incubazione d'impresa 0 0 0% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % Meccanica e Impiantistica 2 1 6% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 2 1 6% Servizi % % Fatturato da 0,25 a 1,5 milioni di euro Campione Complessivo Risultato % 100% 52.9% Aerospazio 4 2 5% Ambiente e Risparmio Energetico 6 3 8% ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Incubazione d'impresa 3 2 5% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % Meccanica e Impiantistica 5 3 8% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 2 1 3% Servizi % % Andamento investimenti da stabile a moderato - forte aumento Campione Complessivo Risultato % 100% 78.57% Aerospazio % Ambiente e Risparmio Energetico 7 3 5% ICT, Elettronica e Telecomunicazioni % Incubazione d'impresa 3 1 2% Innovazione, Ricerca e Trasferimento Tecnologico % Meccanica e Impiantistica 8 4 7% Multimedia, TV, Comunicazione, Grafica, Editoria 6 3 5% Servizi % % 22

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli