Un esercizio d esame. Flavio De Paoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un esercizio d esame. Flavio De Paoli"

Transcript

1 Un esercizio d esame e note sulla gestione dei dati Flavio De Paoli

2 Il testo (Appello 22 ottobre 2001) Una stazione di servizio dispone di n distributori di benzina. I clienti si presentano a uno dei distributori e chiedono una certa quantità di benzina. Se il distributore è in grado di soddisfare la richiesta, il cliente viene servito; altrimenti, rinuncia. A intervalli arbitrari, un autocisterna rifornisce i distributori; il rifornimento può avvenire solo se i distributori sono liberi, e durante il rifornimento i clienti non possono accedere a nessun distributore. I distributori sono inizialmente pieni, e ogni rifornimento li riempie di nuovo.

3 Il testo (Appello 22 ottobre 2001) Si chiede di modellare il sistema utilizzando LTSA e di scrivere il corrispondente programma Java con thread e monitor. Per LTSA: limitare a due il numero dei distributori; definire la capacità dei distributori come una costante di valore 5; limitare a tre il numero dei clienti; definire i possibili valori delle richieste dei clienti come range Q = Per Java: il numero dei clienti e il numero dei distributori devono essere parametri del programma; la capacità dei distributori e il valore massimo delle richieste da parte dei clienti vanno dichiarati come costanti.

4 Affrontare il problema 1) Capire il problema Individuare le entità Individuare gli aspetti di concorrenza 2) Costruire il modello Definire i processi Comporre i processi Proprietà? 3) Dal modello all implementazione Java

5 Capire il problema Esaminando il testo si possono individuare tre entità: i clienti i distributori l'autobotte Esaminiamo il problema posto per individuare dove c'e' concorrenza

6 Il problema: la concorrenza I clienti attivi (saranno processi in Java) accedono ai distributori che sono le risorse condivise: qui serve la mutua esclusione I distributori passivi (saranno monitor) poiche' i clienti scelgono a priori, non occorre una gestione integrata servono tanti monitor quanti sono i distributori (quindi basta definire un processo ed istanziarlo n volte) L'autobotte - attiva Il testo dice: "il rifornimento può avvenire solo se i distributori sono liberi, e durante il rifornimento i clienti non possono accedere a nessun distributore". Questa e' la condizione di eventuale sospensione dei clienti all'interno del monitor (il distributore e' libero, ma inaccessibile per rifornimento).

7 Il modello Costanti e intervalli const Clienti = 3 // numero max clienti const CapienzaMax = 3 // capienza max del distributore range Capienza = 0..CapienzaMax // capienza del distributore range NumDistributori = 1..2 // numero e identificatori dei distributori range Richiesta = 1..2 // carburante richiesto dai clienti

8 Il modello: CLIENTE Un cliente sceglie un distributore d ed effettua una richiesta r CLIENTE = ( dist[d:numdistributori].chiedi[r:richiesta] -> C[d][r] ), se c'e' benzina sufficiente "carica", altrimenti "rinunzia" C[d:NumDistributori][r:Richiesta] = ( dist[d].carica -> CLIENTE dist[d].rinunzia -> CLIENTE ). (la composizione con il distributore determina l'azione possibile)

9 Il modello: AUTOBOTTE Supponiamo che tutti i distributori vengano riempiti con un'unica operazione di "rifornimento" AUTOBOTTE = ( rifornimento -> AUTOBOTTE ). (L'azione verra' abilitata solo quando non ci sono clienti che stanno usando uno o piu' distributori)

10 Il modello: DISTRIBUTORE Per modellare un distributore basta una etichetta che rappresenti la benzina presente la mutua esclusione viene modellata dalla sequenza delle azioni. DISTRIBUTORE = DISTRIBUTORE[CapienzaMax], DISTRIBUTORE[disponibile:Capienza] = ( chiedi[r:richiesta] -> SERVIZIO[disponibile][r] rifornimento -> DISTRIBUTORE[CapienzaMax] ), un distributore può accettare o la richiesta di un cliente, o la richiesta dell'autobotte

11 Il modello: DISTRIBUTORE attivando un sottoprocesso per servire un cliente si esclude la possibilita' del rifornimento, come richiesto dal testo. SERVIZIO[disponibile:Capienza][r:Richiesta] = ( when ( r <= disponibile ) carica -> DISTRIBUTORE[disponibile-r] when ( disponibile < r ) rinunzia -> DISTRIBUTORE[disponibile] ). NOTA: il rifornimento e' stato modellato con una sola operazione, se fosse stato modellato con piu' operazioni si sarebbe potuto creare un nuovo sottoprocesso come per SERVIZIO.

12 Il modello: il sistema CMP = ( cliente[1..clienti]:cliente {cliente[1..clienti]:: dist[d:numdistributori]:distributore AUTOBOTTE ) / { rifornimento / { cliente[1..clienti].dist[d:numdistributori].rifornime nto. Le operazioni "rifornimento" vengono unificate per modellare il fatto che solo l'autobotte puo' invocare l'azione, altrimenti anche i clienti potrebbero farlo

13 L implementazione Il sistema implementa come classi i processi del modello e le istanzia in modo opportuno Aspetti rilevanti Clienti accedono al distributore: basta la mutua esclusione -> synchronized Autobotte accede al distributore: bisogna fermare tutti i clienti -> wait & notify

14 Accesso ai dati condivisi Nel nostro contesto sono rilevanti i dati condivisi 2 situazioni standard Cliente1 Cliente2 Cliente1 Cliente2 Attesa fuori dal monitor acquisisci Attesa nel monitor Monitor Monitor rilascia

15 Il main public class Soluzione0110 { public static void main (String[] args) { int numclienti = 0; // numero clienti (parametro) int numdistributori = 0; // numero distributori (parametro) // NOTA: se viene chiesto di parametrizzare un sistema, si devono // passare gli argomenti al main, come fatto in questa soluzione. if (args.length < 2) { System.out.println("Usage: java Soluzione0110 numdistributori numclienti"); return; numdistributori = Integer.parseInt(args[0]); numclienti = Integer.parseInt(args[1]); System.out.println("Starting App");

16 Il main // creazione distributori Distributore[] dist = new Distributore[numDistributori]; for ( int i=0 ; i < dist.length ; i++ ) { dist[i] = new Distributore("dist" + (i+1)); // creazione dei clienti for ( int i=1 ; i <= numclienti ; i++ ) { new Cliente ("cliente" + i, dist).start(); // coerentemente al modello creo una cisterna new Autobotte(dist).start();

17 Il Cliente public class Cliente extends Thread { static final int max = 3; // max richiesta per cliente Distributore[] dist; public Cliente (String nome, Distributore[] dist) { super(nome); this.dist = dist; public void run () {

18 if ( dist[qualed].carica(quanto) ) Il Cliente public void run () { int qualed, quanto; //distributore scelto e richiesta while (true) { qualed = (int) (Math.random() * dist.length); quanto = (int) (Math.random() * max + 1);

19 L Autobotte class Autobotte extends Thread { Distributore[] dist; public Autobotte (Distributore[] d) { this.dist = d; public void run () { while (true) { try { Thread.sleep((int) (Math.random()*3000)); catch (InterruptedException e) { // richiedo i distributori for(int i=0; i<dist.length; i++) { dist[i].acquisisci(); // li rifornisco for(int i=0; i<dist.length; i++) { dist[i].rifornimento(); // li rilascio for(int i=0; i<dist.length; i++) { dist[i].rilascia();

20 Il Distributore class Distributore { public final String nome; final int pieno = 7; int capacita = pieno; boolean libero = true; public Distributore (String nome) { this.nome = nome; public synchronized boolean carica (int richiesta) { while (!libero) // se c'e' rifornimento aspetto try {wait(); catch (InterruptedException e) { if ( capacita < richiesta ) { return false; else { capacita -= richiesta; return true;

21 Il Distributore (cont.) public synchronized void acquisisci () { // non ho bisogno di test: se entro vuol dire che non ci sono clienti // domanda: perche'? libero = false; public synchronized void rifornimento () { System.out.println("Rifornimento " + nome); capacita = pieno; public synchronized void rilascia () { // sveglio eventuali clienti in attesa libero = true; notifyall(); // domanda: si potrebbe usare solo notify()? Problemi di deadlock o starvation?

Java threads (2) Programmazione Concorrente

Java threads (2) Programmazione Concorrente Java threads (2) emanuele lattanzi isti information science and technology institute 1/28 Programmazione Concorrente Utilizzo corretto dei thread in Java emanuele lattanzi isti information science and

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1)

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

Programmazione concorrente in Java

Programmazione concorrente in Java Programmazione concorrente in Java Multithreading in Java Ogni thread e un oggetto, creato come istanza della classe java.lang.thread La classe Thread contiene tutti i metodi per gestire i threads L utente

Dettagli

Gestione dei thread in Java LSO 2008

Gestione dei thread in Java LSO 2008 Gestione dei thread in Java LSO 2008 Cos è un Thread? Si può avere la necessità di suddividere un programma in sottoattività separate da eseguire indipendentemente l una dall altra Queste sottoattività

Dettagli

progam ponteasensounicoalaternato ; type dir = ( nord, sud );

progam ponteasensounicoalaternato ; type dir = ( nord, sud ); Esercizio di Sincronizzazione Tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato Un ponte contiene una sola csia di traffico consentendo così l'accesso a macchine provenienti da una sola direzione per volta,

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione Ottava Esercitazione introduzione ai thread java mutua esclusione Agenda Esempio 1 Concorrenza in Java: creazione ed attivazione di thread concorrenti. Esercizio 2 da svolgere Concorrenza in Java: sincronizzazione

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

PRINCIPI DI SISTEMI OPERATIVI

PRINCIPI DI SISTEMI OPERATIVI PRINCIPI DI SISTEMI OPERATIVI ESERCIZIO del 28 NOVEMBRE 2003 Un distributore di benzina ha a disposizione P pompe e una cisterna da L litri. Le automobili arrivano al distributore e richiedono un certo

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate valide

Dettagli

COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002. Soluzione degli Esercizi

COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002. Soluzione degli Esercizi COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002 degli Esercizi ESERCIZIO 1. Si consideri il seguente frammento di codice in linguaggio Java: int i=0, j=0; int[][] a=b; boolean trovato=false;

Dettagli

Esercizi sugli Oggetti Monitor

Esercizi sugli Oggetti Monitor Esercizi sugli Oggetti Monitor Esercitazione di Laboratorio di Programmazione di Rete A Daniele Sgandurra Università di Pisa 29/10/2008 Wait e Notify Ogni oggetto in Java ha un lock implicito. Il lock

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il primo

Dettagli

Terza Esercitazione. Unix - Esercizio 1. Unix System Call Exec Java Introduzione Thread

Terza Esercitazione. Unix - Esercizio 1. Unix System Call Exec Java Introduzione Thread Terza Esercitazione Unix System Call Exec Java Introduzione Thread Stefano Monti smonti@deis.unibo.it Unix - Esercizio 1 Scrivere un programma C con la seguente interfaccia:./compilaedesegui

Dettagli

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading in Java Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading La programmazione concorrente consente di eseguire più processi o thread nello stesso momento. Nel secondo caso si parla

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Programmazione Concorrente in Java

Programmazione Concorrente in Java Programmazione Concorrente in Java Lorenzo Bettini Dip. Sistemi e Informatica, Univ. Firenze http://www.dsi.unifi.it/~bettini Ottobre 2005 Gestione dei Processi Un processo è un programma in esecuzione.

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il

Dettagli

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio QUEUE : considerazioni QUEUE : considerazioni Si è realizzata una struttura dati complessa utilizzandone una primitiva, l array. Il pregio di tale implementazione è il basso costo computazionale, mentre

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Esercizi della lezione 5 di Java

Esercizi della lezione 5 di Java Esercizi della lezione 5 di Java Esercizio 5 Create il tipo di dato Counter dell Esercizio 1 come sottoclasse del tipo di dato SimpleCounter. Esercizio 1 Create un tipo di dato Counter che abbia: un valore

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Definizione di classi con array di oggetti

Definizione di classi con array di oggetti Definizione di classi con array di oggetti 1. (Esame scritto del 18/9/2002, Esercizio 6.) La banca dati di un agenzia assicurativa per auto è caratterizzata da un insieme di polizze di assicurazioni per

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Thread Java

Laboratorio di Sistemi Thread Java Premessa Fare più di una cosa contemporaneamente per noi è una cosa piuttosto comune. La vita quotidiana è piena di esempi che ci possono chiarire il significato dell'avverbio contemporaneamente. Ad esempio

Dettagli

Chat. Si ha un server in ascolto sulla porta 4444. Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata.

Chat. Si ha un server in ascolto sulla porta 4444. Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata. Chat Si ha un server in ascolto sulla porta 4444 Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata. Nome: Il client deve rispondere con lo user name A questo punto

Dettagli

Esercizi sul Monitor in Java

Esercizi sul Monitor in Java Esercizi sul Monitor in Java 1 I filosofi a cena (E. Dijkstra, 1965) 5 filosofi sono seduti attorno a un tavolo circolare; ogni filosofo ha un piatto di spaghetti tanto scivolosi che necessitano di 2 forchette

Dettagli

Sincronizzazione con Java

Sincronizzazione con Java Sincronizzazione con Java Corse critiche e sincronizzazione Java implementa un meccanismo simile al monitor per garantire la sincronizzazione fra thread Ogni oggetto ha un lock associato ad esso Nelle

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry, o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione Programmazione ad Oggetti: JAVA Esercitazione Docente Ing. Mariateresa Celardo mariateresa.celardo@uniroma2.it Scrivere la classe Motorino che ha i seguenti attributi colore: una stringa indicante il colore

Dettagli

T 1. Per un processo con più thread di controllo, lo stato di avanzamento della computazione di ogni thread è dato da:

T 1. Per un processo con più thread di controllo, lo stato di avanzamento della computazione di ogni thread è dato da: Un thread (o processo leggero) è una attività, descritta da una sequenza di istruzioni, che esegue all'interno del contesto di esecuzione di un programma. Un thread procede nella sua esecuzione per portare

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it 18 marzo 2011 Problema basato su 10.5 del libro di testo La CINA (Compagnia Italiana per il Noleggio di Automobili) dispone di

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 2 (svolta) Socket Java con connessione Luca Foschini Anno accademico 2009/2010 Esercitazione 2 1 Architettura

Dettagli

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRGDWDJUDP

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRGDWDJUDP (VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRGDWDJUDP D /LQH&OLHQWH6HUYHU Sviluppare un applicazione C/S in cui: i inviano al server pacchetti (vuoti) che vengono interpretati dal server come richiesta

Dettagli

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002.

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002. INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002 Esercizio 4) import fiji.io.simplereader; class Programma{ public static

Dettagli

Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads. Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com

Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads. Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com 1 Flusso (thread) di esecuzione In un programma sequenziale esiste un solo

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

Compute engine generici in RMI

Compute engine generici in RMI Compute engine generici in RMI Esempio: Calcolo del prodotto scalare Un unico server offre il servizio di calcolo del prodotto scalare tra vettori di interi Un client richiede al server il calcolo del

Dettagli

Con il pulsante Start si introducono palline che rimbalzano in un area di disegno fino a che non è terminato il loro ciclo di vita (1000 movimenti).

Con il pulsante Start si introducono palline che rimbalzano in un area di disegno fino a che non è terminato il loro ciclo di vita (1000 movimenti). Rimbalzi. import java.awt.*; import java.awt.event.*; import java.applet.applet; public class Bounce extends Applet implements ActionListener { private Canvas canvas; private Button b1; private Button

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Novembre 2011 1 Contenuti q Somma di una sequenza di numeri interi

Dettagli

Prova di Laboratorio di Programmazione

Prova di Laboratorio di Programmazione Prova di Laboratorio di Programmazione 6 febbraio 015 ATTENZIONE: Non è possibile usare le classi del package prog.io del libro di testo. Oltre ai metodi richiesti in ciascuna classe, è opportuno implementare

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1 + Programmazione concorrente in Java 1 + Introduzione al multithreading 2 La scomposizione in oggetti consente di separare un programma in sottosezioni indipendenti. Oggetto = metodi + attributi finalizzati

Dettagli

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 6 Corso di Tecniche di programmazione Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione. La cena dei filosofi. Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN. 14 maggio 2012

DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione. La cena dei filosofi. Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN. 14 maggio 2012 DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 La cena dei filosofi Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 14 maggio 2012 Il problema dei filosofi a cena Il problema dei filosofi a cena Il problema:

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "Ciao"; protected int n; public General() { n = 1; public

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Monitor e variabili condizione in Java)

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Monitor e variabili condizione in Java) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO Sincronizzazione in Java (Monitor e variabili condizione in Java) Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli

Dettagli

Esercizi sulla definizione di classi (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni

Esercizi sulla definizione di classi (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni Esercizi sulla definizione di classi (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni Esercizio 1 Nella classe definita di seguito indicare quali sono le variabili di istanza, quali sono le variabili

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

La concorrenza in Java package java.util.concurrent Antonio Furone

La concorrenza in Java package java.util.concurrent Antonio Furone La concorrenza in Java package java.util.concurrent Antonio Furone Coda Bloccante La classe LinkedTransferQueue è stata esplicitamente disegnata per dare supporto a problemi di tipo produttore/consumatore.

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI

GESTIONE DEI PROCESSI Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in Java Concetto

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Java Remote Method Invocation -- RMI G. Prencipe prencipe@di.unipi.it RMI RMI è una tecnologia JAVA che permette a una JVM di comunicare con un altra JVM per farle eseguire metodi È possibile che oggetti

Dettagli

Thread in Java CAPITOLO 18. 18.1 Richiami di gestione di processi

Thread in Java CAPITOLO 18. 18.1 Richiami di gestione di processi CAPITOLO 18 Thread in Java Usualmente l esecuzione di un programma è sostenuta da un processo. Nella terminologia Java i processi sono denominati thread. Un thread è dunque costituito da un flusso di esecuzione

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Programmazione Object Oriented in Java

Dettagli

Definizione di thread Proprietà dei thread in Java Gestione delle priorità nei programmi multithreaded Gruppi di thread Accesso a variabili condivise

Definizione di thread Proprietà dei thread in Java Gestione delle priorità nei programmi multithreaded Gruppi di thread Accesso a variabili condivise CEFRIEL Centro per la Formazione e la Ricerca in Ingegneria dell Informazione Politecnico di Milano Java Multithreading Programmazione concorrente in Java Docente: Diego Peroni peroni@cefriel.it Indice

Dettagli

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; }

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; } Java è un linguaggio di programmazione c indipendente dalla piattaforma, ovvero un linguaggio di programmazione che permette di compilare i programmi una volta sola e di installarli su computer che usano

Dettagli

Il costrutto monitor

Il costrutto monitor Il Monitor 1 Monitor Definizione del monitor Esempi d uso Realizzazione del costrutto monitor Realizzazione di politiche di gestione delle risorse Chiamate innestate a procedure del monitor Realizzazione

Dettagli

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking e Multithreading Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking si riferisce all abilità di un computer di eseguire processi (jobs) multipli in maniera concorrente si ricorda che

Dettagli

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School Area Sviluppo Web Autore: Alessio Bernardo Revisione: 1 Data: 23/05/13 Titolo: Sviluppo piattaforma e-learning e sviluppo siti web File: Documentazione tecnica Sito:

Dettagli

Laboratorio di Programmazione di Rete Corso A

Laboratorio di Programmazione di Rete Corso A Laboratorio di Programmazione di Rete Corso A Anno Accademico 2005-2006 Docente: Laura Ricci Assistente: Paolo Mori INFORMAZIONI UTILI Orario del Corso: Lunedì 9.00-11.00 Laboratorio Gruppo A 11.00-13.00

Dettagli

Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita

Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita Il Problema Produttore/Consumatore in Ambiente Distribuito* *a cura del Prof. L. Nigro, Università della Calabria Java RMI (Remote Method Invocation)

Dettagli

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind()

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind() Organizzazione della lezione Lezione 18 Remote Method Invocation - 6 Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita (2003-2004) Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno

Dettagli

Esempi di esercizi d esame

Esempi di esercizi d esame Esempi di esercizi d esame Fondamenti di Informatica L-B 1 Cellulare Testo esercizio: 1.Specifiche Si richiede di realizzare una classe che implementa il funzionamento di un telefono cellulare Tale classe

Dettagli

Multithreading in Java

Multithreading in Java Multithreading in Java Un programma sequenziale (single thread) class ABC {. public void main(..) {.. begin body end 2 Un programmamultithreaded Main Thread start start start Thread A Thread B Thread C

Dettagli

Lezione 15 Programmazione multithreaded

Lezione 15 Programmazione multithreaded Lezione 15 Programmazione multithreaded Tutti i sistemi operativi, al giorno d'oggi, permettono di svolgere più operazioni simultaneamente. In questo momento, ad esempio, sto usando un word processor per

Dettagli

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca)

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 13 settembre 2011

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 13 settembre 2011 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 13 settembre 2011 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP (VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP D (FKR&OLHQWH6HUYHU Sviluppare un applicazione C/S in cui: il server attende una connessione da parte del client (su MDYDQHW6HUYHU6RFNHW), usa la

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 La gestione dei thread in Java

Dettagli

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1 Prossime lezioni Dai TDA agli oggetti Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 18 19 gennaio

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 30 maggio 2014 Introduzione Un programma diviso in sezioni distinte Un approccio alla

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa E08 Soluzione Esercizi F. Gasparetti, C. Limongelli Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Soluzione Esercizi

Dettagli

Cifratura simmetrica

Cifratura simmetrica Cifratura Cifratura simmetrica Alice canale insicuro Bob 2 Cifratura simmetrica m Algoritmo di decifratura m Alice canale insicuro Algoritmo di cifratura Bob 3 Cifrari simmetrici chiave privata k chiave

Dettagli

Architettura Client-Server

Architettura Client-Server Architettura Client-Server 1. il client manda una richiesta al server 2. il server (in attesa) riceve la richiesta 3. il server esegue il servizio richiesto (generando un thread concorrente) 4. il server

Dettagli

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità:

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità: 7 Esercitazione (svolta): due possibilità: Java RMI: callback Molte applicazioni richiedono un meccanismo publish/subscribe I partecipanti (client) necessitano di notifiche da parte del coordinatore (server)

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Java Relazioni Associazioni 1 Associazione Uno a Zero-Uno Un esempio Un autovettura ha al più un proprietario 0..1 Dato il verso di navigazione specificato è necessario avere una

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione

Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Esercizi Sincronizzazione Sistemi Operativi - Claudio Palazzi 14 Semafori (1) Semafori: variabili intere contano

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni server

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni server Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture /: applicazioni 1 La logica dei Abbiamo visto che un applicazione si connette e comunica con un applicazione mediante

Dettagli

Esercizi e soluzioni

Esercizi e soluzioni Esercizi e soluzioni Esercizi e soluzioni Esercizi modulo 1 Esercizio 1.a) HelloWorld Digitare, salvare, compilare ed eseguire il programma HelloWorld. Consigliamo al lettore di eseguire questo esercizio

Dettagli

Progetto di Laboratorio per il corso di Programmazione in Rete e Laboratorio

Progetto di Laboratorio per il corso di Programmazione in Rete e Laboratorio Progetto di Laboratorio per il corso di Programmazione in Rete e Laboratorio Anno Accademico 2002/2003 Matteo Baldoni Aggiornato a: May 8, 2003 Abstract Queste pagine descrivono il laboratorio per il corso

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

La velocità di una carovana

La velocità di una carovana Programmazione A.A. 2002-03 I linguaggio Java ( Lezione X, Parte I ) Il primo programma Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Tipi di Dato Ricorsivi

Tipi di Dato Ricorsivi Tipi di Dato Ricorsivi Luca Abeni September 2, 2015 1 Tipi di Dato Vari linguaggi di programmazione permettono all utente di definire nuovi tipi di dato definendo per ogni nuovo tipo l insieme dei suoi

Dettagli

Gestione di errori e situazioni eccezionali. Gestione delle eccezioni. Gestione tradizionale di errori e situazioni eccezionali (2)

Gestione di errori e situazioni eccezionali. Gestione delle eccezioni. Gestione tradizionale di errori e situazioni eccezionali (2) Gestione di errori e situazioni eccezionali Gestione delle eccezioni Una procedura (utente o di libreria) deve poter segnalare l impossibilità di produrre un risultato significativo o la propria terminazione

Dettagli

Programmazione 1 A.A. 2015/2016

Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Cognome e Nome Matricola (se disponibile) Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Parziale del 4 Novembre 2015 Compito n 1 Esercizio 1 (4 punti) Convertire da base 16 a base 2 il numero FA1 Convertire da base

Dettagli

Servers Activatable. Massimo Merro Programmazione di Rete 166 / 193

Servers Activatable. Massimo Merro Programmazione di Rete 166 / 193 Servers Activatable Nelle lezioni precedenti abbiamo detto che una referenza remota ad un server di tipo UnicastRemoteObject rimane valida finchè il server è in esecuzione. Quando il server termina, o

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli