La concorrenza in Java package java.util.concurrent Antonio Furone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La concorrenza in Java package java.util.concurrent Antonio Furone"

Transcript

1 La concorrenza in Java package java.util.concurrent Antonio Furone Coda Bloccante La classe LinkedTransferQueue è stata esplicitamente disegnata per dare supporto a problemi di tipo produttore/consumatore. Il trasferimento di elementi tra produttore e consumatore può avvenire anche con la modalità bloccante, nella quale il produttore rimane in attesa durante il trasferimento di nuovo elemento nella coda (put) fino a quando il consumatore non ha effettivamente consumato il precedente elemento. Di seguito viene riportato l esempio di un Produttore che inserisce n elementi in una coda con modalità bloccante (metodo transfer) e un ulteriore elemento in modalità non bloccante (metodo trytransfer), quindi eseguito solo se il passaggio al consumatore può avvenire immediatamente o entro un timeout specificato. package it.af; import java.util.concurrent.linkedtransferqueue; import java.util.concurrent.transferqueue; import java.util.logging.logger; public class LinkedTransferQueueSample { private static final Logger LOGGER = Logger.getLogger(LinkedTransferQueueSample.class.getName()); private static final int NUM_ELEMENTS = 5; // classe Producer public static class Producer implements Runnable { TransferQueue<String> queue = null; public Producer(TransferQueue<String> transfer) { this.queue = transfer; for (int i = 0; i < NUM_ELEMENTS; i++) { LOGGER.info("Thread" + Thread.currentThread().getId()+" Prodotto: Elemento " + i); queue.transfer("elemento " + i); LOGGER.info("Exception:" +e.getmessage()); Thread.sleep(100); LOGGER.info("Ignore exception:" +e.getmessage()); LOGGER.info("Thread" + Thread.currentThread().getId()+" Modalita' non bloccata "); queue.trytransfer("non bloccato"); LOGGER.info("Thread" + Thread.currentThread().getId()+" Trasferito elemento con modalita' non bloccata!");

2 // classe Consumer public static class Consumer implements Runnable { TransferQueue<String> queue = null; public Consumer(TransferQueue<String> transfer) { this.queue = transfer; for (int ind = 0; ind < NUM_ELEMENTS+1; ind++) { String element = queue.take(); LOGGER.info("Thread"+ Thread.currentThread().getId()+" Consumato: "+ element); LOGGER.info("Exception:" +e.getmessage()); // main public static void main(string[] args) throws InterruptedException { TransferQueue<String> queue =new LinkedTransferQueue<String>(); Producer aproducer =new Producer(queue); Thread treadproducer =new Thread(aProducer); treadproducer.start(); try { Thread.sleep(1_000); // attesa 1 sec LOGGER.info("Exception:" + e.getmessage()); Consumer aconsumer = new Consumer(queue); Thread treadconsumer = new Thread(aConsumer); treadconsumer.start(); Sincronizzazione di Task La classe Phaser (fasatore) è stata introdotta per consentire la realizzazione di complessi algoritmi paralleli che richiedono, ai thread coinvolti, di sincronizzarsi in diversi punti. La registrazione dei partecipanti (tipicamente Thread) al Phaser, avviene dinamicamente attraverso i metodi register() e bulkregister(int). Simmetricamente, i partecipanti possono rimuovere la propria registrazione in qualsiasi momento utilizzando, ad esempio, il metodo arriveandderegister(), mentre il metodo arriveandawaitadvance() segnala l arrivo (completamento di una fase) al Phaser da parte di un partecipante e l attesa dell arrivo degli altri partecipanti per eventualmente procedere. Ogni istanza del Phaser ha associato un numero di fase (intero) che viene incrementato ogni qualvolta tutti i soggetti interessati hanno comunicato il loro arrivo al fasatore. La sincronizzazione, come è facile intuire, prevede due fasi: arrivo e attesa. L arrivo viene notificato dai partecipanti attraverso i metodi arrive() e arriveandderegister(), i quali restituisco il numero di fase attiva. Nel momento in cui arriva l ultimo dei partecipanti alla fase, viene eseguito il metodo overridable onadvace(int,int), nel quale è possibile innestare una qualche azione di preavanzamento. L attesa da parte dei task viene implementata attraverso il metodo

3 awaitadvance(int), il quale termina quando il Phaser avanza e dove il parametro passato è l identificativo della fase (quello restituito ad esempio dal metodo arrive()). Un Phaser può entrare anche in uno stato di terminazione (il metodo isterminated() restituisce true) e quando ciò avviene, tutti i metodi di sincronizzazione terminano sbloccando eventuali thread in attesa e segnalando questo evento attraverso la restituzione di valori negativi. Di seguito viene riportato un esempio di utilizzo della classe Phaser con un gruppo di Thread che si sincronizzano su tre fasi e una classe (Monitor) che consente di monitorare lo stato del Phaser. package it.af; import java.util.concurrent.phaser; import java.util.concurrent.threadlocalrandom; import java.util.logging.logger; public class PhaserSample { private static final Logger LOGGER = Logger.getLogger(PhaserSample.class.getName()); private static final int NUM_THREADS = 10; private static String getcurrentthreadid() { String threadid = Thread.currentThread().getId() + ""; if (Thread.currentThread().getId() < 10) {threadid = "0" + threadid; return threadid; private static void dump(phaser aphaser, String txt) { LOGGER.info(txt+"\t"+" Thread :" + getcurrentthreadid()+" Fase: " + aphaser.getphase() + " reg.:"+ aphaser.getregisteredparties() + " arrivati:"+aphaser.getarrivedparties() + " non arrivati:"+aphaser.getunarrivedparties()); // classe Monitor static class Monitor implements Runnable { private final Phaser aphaser; public Monitor(Phaser givenphaser) { aphaser = givenphaser; while ( (aphaser!= null) &&(!aphaser.isterminated()) ) { PhaserSample.dump(aPhaser,"Monitor Start..."); Thread.sleep(80); LOGGER.info("Ignore exception:" + e.getmessage()); LOGGER.info("...Monitor Shutdown"); // MonitorPhaser static class Task implements Runnable { private final Phaser aphaser; public Task(Phaser givenphaser) { aphaser = givenphaser; aphaser.register();

4 // run execphase("fase A"); execphase("fase B"); execphase("fase C"); int newarrivalphase =aphaser.arriveandderegister(); dump(aphaser,"task Deregister. returned:"+ newarrivalphase); private void execphase(string phasename) { boolean last = false; dosomework(); String txt = phasename+" completata!"; if (aphaser.getunarrivedparties() == 1) { txt =" Ultimo thread arrivato!"; last = true; dump(aphaser, phasename + txt); int arrivalphase = aphaser.arrive(); dump(aphaser,phasename + " Await to advance..."); aphaser.awaitadvance(arrivalphase); dump(aphaser,phasename + " Advance next phase."); if (last) LOGGER.info(" "); // execnextphase private void dosomework() { // end Task LOGGER.info("Working...\t"+" Thread :" + getcurrentthreadid()); Thread.sleep( ThreadLocalRandom.current().nextInt(10,400)); LOGGER.info("Exception:" + e.getmessage()); public static void main(string[] args) { Phaser phaser = new Phaser(); Monitor amonitorphaser =new Monitor(phaser); new Thread(aMonitorPhaser).start(); for (int i = 0; i < NUM_THREADS; i++) { Task atask = new Task(phaser); new Thread(aTask).start(); Fork Join Il framework fork join è probabilmente il più interessante introdotto nel package della concorrenza con Java SE 7. Le classi core di tale framework sono la ForkJoinPool e ForkJoinTask. In particolare, gli oggetti di tipo ForkJoinTask vengono eseguiti appena sottoposti ad un oggetto di tipo ForkJoinPool. Le modalità attraverso le quali un oggetto ForkJoinTask può essere sottoposto

5 ad un ForkJoinPool, sono le seguenti: asincrona (attraverso il metodo execute), bloccante (metodo invoke) e con l'ottenimento di un oggetto "future" a sua volta da sottomettere (metodo submit). Una volta avviato, l oggetto ForkJoinTask tipicamente avvia un insieme di attività asincrone utilizzando il metodo fork() (e quindi join()). Di seguito viene riportato un esempio di utilizzo di tale framework per l implementazione dell algoritmo di ordinamento QuickSort. Nel caso specifico, viene utilizzata la subclass RecursiveAction della ForkJoinTask e nel metodo compute invocati iterativamente gli step di sort sui due subsets di dati individuati da partition. package it.af; import java.util.arraylist; import java.util.list; import java.util.concurrent.forkjoinpool; import java.util.concurrent.recursiveaction; import java.util.logging.logger; public class QuickSort<T extends Comparable<T>> extends RecursiveAction { private static final long serialversionuid = 1L; private static final Logger LOGGER = Logger.getLogger(PhaserSample.class.getName()); private List<T> data; private int lindex; private int uindex; private long taskid; public QuickSort(List<T> data) { this.data = data; this.lindex = 0; this.uindex = data.size() - 1; this.taskid = System.nanoTime(); outputstat("new (first) "); protected QuickSort(List<T> data,int lindex,int uindex,long taskid) { this.lindex = lindex; this.uindex = uindex; this.data = data; this.taskid = taskid; outputstat("new "); private void outputstat(string operation) { String threadid = Thread.currentThread().getId()+""; if (Thread.currentThread().getId() < 10) { threadid = "0"+threadId; LOGGER.info( " task id:"+this.taskid+ " thread:"+threadid+" op:"+operation); private int partition(int pivotindex) { T pivotvalue = data.get(pivotindex); // middle element swap(pivotindex, uindex); int storeindex = lindex; for (int i=lindex; i < uindex; i++) { if (data.get(i).compareto(pivotvalue) < 0) { swap(i, storeindex); storeindex++; swap(storeindex, uindex);

6 return storeindex; private void swap(int i, int j) { if (i!= j) { T ivalue = data.get(i); data.set(i, data.get(j)); data.set(j, ivalue); protected void compute() { if (lindex < uindex) { outputstat("start..."); int pivotindex = lindex + ((uindex - lindex) / 2); pivotindex = partition(pivotindex); invokeall( new QuickSort<>(data, lindex,pivotindex-1, System.nanoTime()), new QuickSort<>(data, pivotindex+1,uindex, System.nanoTime())); outputstat("... End"); public static void main(string[] args) { int MAX_SIZE = 50; List<Integer> sourcedata = new ArrayList<>(MAX_SIZE); for (int i=0; i<max_size; i++) { int randomvalue = (int) (Math.random() * 100_000); sourcedata.add(randomvalue); LOGGER.info("in="+sourceData); QuickSort<Integer> quicksort =new QuickSort<>(sourceData); // Pool di 6 threads ForkJoinPool pool = new ForkJoinPool(6); pool.invoke(quicksort); LOGGER.info("out="+sourceData);

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

Java threads (2) Programmazione Concorrente

Java threads (2) Programmazione Concorrente Java threads (2) emanuele lattanzi isti information science and technology institute 1/28 Programmazione Concorrente Utilizzo corretto dei thread in Java emanuele lattanzi isti information science and

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI

GESTIONE DEI PROCESSI Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in Java Concetto

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Programmazione concorrente in Java

Programmazione concorrente in Java Programmazione concorrente in Java Multithreading in Java Ogni thread e un oggetto, creato come istanza della classe java.lang.thread La classe Thread contiene tutti i metodi per gestire i threads L utente

Dettagli

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading in Java Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading La programmazione concorrente consente di eseguire più processi o thread nello stesso momento. Nel secondo caso si parla

Dettagli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli Un esercizio d esame e note sulla gestione dei dati Flavio De Paoli Il testo (Appello 22 ottobre 2001) Una stazione di servizio dispone di n distributori di benzina. I clienti si presentano a uno dei distributori

Dettagli

Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita

Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita Il Problema Produttore/Consumatore in Ambiente Distribuito* *a cura del Prof. L. Nigro, Università della Calabria Java RMI (Remote Method Invocation)

Dettagli

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione Ottava Esercitazione introduzione ai thread java mutua esclusione Agenda Esempio 1 Concorrenza in Java: creazione ed attivazione di thread concorrenti. Esercizio 2 da svolgere Concorrenza in Java: sincronizzazione

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1)

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Esercizi sul Monitor in Java

Esercizi sul Monitor in Java Esercizi sul Monitor in Java 1 I filosofi a cena (E. Dijkstra, 1965) 5 filosofi sono seduti attorno a un tavolo circolare; ogni filosofo ha un piatto di spaghetti tanto scivolosi che necessitano di 2 forchette

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Monitor e variabili condizione in Java)

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Monitor e variabili condizione in Java) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO Sincronizzazione in Java (Monitor e variabili condizione in Java) Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli

Dettagli

Programmazione Concorrente in Java

Programmazione Concorrente in Java Programmazione Concorrente in Java Lorenzo Bettini Dip. Sistemi e Informatica, Univ. Firenze http://www.dsi.unifi.it/~bettini Ottobre 2005 Gestione dei Processi Un processo è un programma in esecuzione.

Dettagli

Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads. Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com

Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads. Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com 1 Flusso (thread) di esecuzione In un programma sequenziale esiste un solo

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Con il pulsante Start si introducono palline che rimbalzano in un area di disegno fino a che non è terminato il loro ciclo di vita (1000 movimenti).

Con il pulsante Start si introducono palline che rimbalzano in un area di disegno fino a che non è terminato il loro ciclo di vita (1000 movimenti). Rimbalzi. import java.awt.*; import java.awt.event.*; import java.applet.applet; public class Bounce extends Applet implements ActionListener { private Canvas canvas; private Button b1; private Button

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking e Multithreading Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking si riferisce all abilità di un computer di eseguire processi (jobs) multipli in maniera concorrente si ricorda che

Dettagli

Gestione dei thread in Java LSO 2008

Gestione dei thread in Java LSO 2008 Gestione dei thread in Java LSO 2008 Cos è un Thread? Si può avere la necessità di suddividere un programma in sottoattività separate da eseguire indipendentemente l una dall altra Queste sottoattività

Dettagli

Lezione n.2 LPR - Informatica Applicata Thread Pooling, Callable Gestione Indirizzi IP

Lezione n.2 LPR - Informatica Applicata Thread Pooling, Callable Gestione Indirizzi IP Lezione n.2 LPR - Informatica Applicata Thread Pooling, Callable Gestione 01/03/2010 THREAD POOL EXECUTOR import java.util.concurrent.*; public class ThreadPoolExecutor implements ExecutorService {public

Dettagli

Compute engine generici in RMI

Compute engine generici in RMI Compute engine generici in RMI Esempio: Calcolo del prodotto scalare Un unico server offre il servizio di calcolo del prodotto scalare tra vettori di interi Un client richiede al server il calcolo del

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

Thread e Task. L20_MultiThread 2

Thread e Task. L20_MultiThread 2 I Thread in Java Thread e Task Multitasking: capacità dei sistemi operativi di eseguire più programmi contemporaneamente. Ciascun programma ha il proprio insieme di variabili, costanti, ecc. Multithreading

Dettagli

TFA 42 Sistemi e Reti di Calcolatori per la Didattica

TFA 42 Sistemi e Reti di Calcolatori per la Didattica Università degli Studi di Pisa 42 Sistemi e Reti di Calcolatori per la Didattica 29/03/2013 Laura Ricci Laura Ricci 1 DNS: DOMAIN NAME SYSTEM Persone: molti identificativi: o # CF, nome, # passaporto Host

Dettagli

progam ponteasensounicoalaternato ; type dir = ( nord, sud );

progam ponteasensounicoalaternato ; type dir = ( nord, sud ); Esercizio di Sincronizzazione Tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato Un ponte contiene una sola csia di traffico consentendo così l'accesso a macchine provenienti da una sola direzione per volta,

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità:

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità: 7 Esercitazione (svolta): due possibilità: Java RMI: callback Molte applicazioni richiedono un meccanismo publish/subscribe I partecipanti (client) necessitano di notifiche da parte del coordinatore (server)

Dettagli

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio QUEUE : considerazioni QUEUE : considerazioni Si è realizzata una struttura dati complessa utilizzandone una primitiva, l array. Il pregio di tale implementazione è il basso costo computazionale, mentre

Dettagli

Chat. Si ha un server in ascolto sulla porta 4444. Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata.

Chat. Si ha un server in ascolto sulla porta 4444. Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata. Chat Si ha un server in ascolto sulla porta 4444 Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata. Nome: Il client deve rispondere con lo user name A questo punto

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "Ciao"; protected int n; public General() { n = 1; public

Dettagli

Thread. Thread. Creazione di nuovi processi. Applicazioni reali. La creazione di un nuovo processo costa I tempi di context switch sono elevati

Thread. Thread. Creazione di nuovi processi. Applicazioni reali. La creazione di un nuovo processo costa I tempi di context switch sono elevati Thread Thread Motivazioni Modelli Multithread Pthread, Threads in Win32, Thread in Java Problematiche relative ai Thread Thread Windows XP Thread Linux Applicazioni reali Creazione di nuovi processi Browser

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Multithreading in Java

Multithreading in Java Multithreading in Java Un programma sequenziale (single thread) class ABC {. public void main(..) {.. begin body end 2 Un programmamultithreaded Main Thread start start start Thread A Thread B Thread C

Dettagli

Corso di Programmazione Concorrente. Java Thread. Valter Crescenzi http://crescenzi.dia.uniroma3.it

Corso di Programmazione Concorrente. Java Thread. Valter Crescenzi http://crescenzi.dia.uniroma3.it Corso di Programmazione Concorrente Java Thread Valter Crescenzi http://crescenzi.dia.uniroma3.it Sommario Java Thread e supporto alla PC della piattaforma Java Creazione di Thread con java.lang.thread

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 La gestione dei thread in Java

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Thread Java

Laboratorio di Sistemi Thread Java Premessa Fare più di una cosa contemporaneamente per noi è una cosa piuttosto comune. La vita quotidiana è piena di esempi che ci possono chiarire il significato dell'avverbio contemporaneamente. Ad esempio

Dettagli

Laboratorio di Programmazione di Rete Corso A

Laboratorio di Programmazione di Rete Corso A Laboratorio di Programmazione di Rete Corso A Anno Accademico 2005-2006 Docente: Laura Ricci Assistente: Paolo Mori INFORMAZIONI UTILI Orario del Corso: Lunedì 9.00-11.00 Laboratorio Gruppo A 11.00-13.00

Dettagli

Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo.

Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo. Prototype 28 4. Prototype (GoF pag. 117) 4.1. Descrizione 4.2. Esempio Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo.

Dettagli

Lezione n.2b. Threads: Callable & Future. 6/10/2008 Vincenzo Gervasi

Lezione n.2b. Threads: Callable & Future. 6/10/2008 Vincenzo Gervasi Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica Lezione n.2b LPR-A-09 Threads: Callable & Future 6/10/2008 Vincenzo Gervasi Lezione U 2b: Callable & Future Vincenzo Gervasi 1 CALLABLE E FUTURE

Dettagli

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE Massimiliano Redolfi Lezione 7: la fortezza Perché un sistema sia robusto ogni suo componente deve essere robusto. Una semplice metodo public class Main { public static

Dettagli

Definizione di thread Proprietà dei thread in Java Gestione delle priorità nei programmi multithreaded Gruppi di thread Accesso a variabili condivise

Definizione di thread Proprietà dei thread in Java Gestione delle priorità nei programmi multithreaded Gruppi di thread Accesso a variabili condivise CEFRIEL Centro per la Formazione e la Ricerca in Ingegneria dell Informazione Politecnico di Milano Java Multithreading Programmazione concorrente in Java Docente: Diego Peroni peroni@cefriel.it Indice

Dettagli

Sincronizzazione con Java

Sincronizzazione con Java Sincronizzazione con Java Corse critiche e sincronizzazione Java implementa un meccanismo simile al monitor per garantire la sincronizzazione fra thread Ogni oggetto ha un lock associato ad esso Nelle

Dettagli

Gruppi di Thread. Java threads (3) Gruppi di thread e Timer. Operating Systems. Operating Systems. Java threads 3. Java threads 3

Gruppi di Thread. Java threads (3) Gruppi di thread e Timer. Operating Systems. Operating Systems. Java threads 3. Java threads 3 Java threads (3) Gruppi di thread e Timer emanuele lattanzi isti information science and technology institute 1/12 Gruppi di Thread emanuele lattanzi isti information science and technology institute 2/12

Dettagli

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1 + Programmazione concorrente in Java 1 + Introduzione al multithreading 2 La scomposizione in oggetti consente di separare un programma in sottosezioni indipendenti. Oggetto = metodi + attributi finalizzati

Dettagli

Esercizi della lezione 5 di Java

Esercizi della lezione 5 di Java Esercizi della lezione 5 di Java Esercizio 5 Create il tipo di dato Counter dell Esercizio 1 come sottoclasse del tipo di dato SimpleCounter. Esercizio 1 Create un tipo di dato Counter che abbia: un valore

Dettagli

Architettura Client-Server

Architettura Client-Server Architettura Client-Server 1. il client manda una richiesta al server 2. il server (in attesa) riceve la richiesta 3. il server esegue il servizio richiesto (generando un thread concorrente) 4. il server

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Il costrutto monitor

Il costrutto monitor Il Monitor 1 Monitor Definizione del monitor Esempi d uso Realizzazione del costrutto monitor Realizzazione di politiche di gestione delle risorse Chiamate innestate a procedure del monitor Realizzazione

Dettagli

PROCESSI ESEMPIO THREAD. RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: i Thread CORSO DI. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

PROCESSI ESEMPIO THREAD. RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: i Thread CORSO DI. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: i Thread Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione con Ing. Enrico

Dettagli

Thread in Java CAPITOLO 18. 18.1 Richiami di gestione di processi

Thread in Java CAPITOLO 18. 18.1 Richiami di gestione di processi CAPITOLO 18 Thread in Java Usualmente l esecuzione di un programma è sostenuta da un processo. Nella terminologia Java i processi sono denominati thread. Un thread è dunque costituito da un flusso di esecuzione

Dettagli

Organizzazione della lezione. 15. Java Remote Method Invocation (3) Lo schema del Factory Design Pattern - 1. Factory design pattern

Organizzazione della lezione. 15. Java Remote Method Invocation (3) Lo schema del Factory Design Pattern - 1. Factory design pattern Organizzazione della lezione 15. Java Remote Method Invocation (3) Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno Il design pattern

Dettagli

T 1. Per un processo con più thread di controllo, lo stato di avanzamento della computazione di ogni thread è dato da:

T 1. Per un processo con più thread di controllo, lo stato di avanzamento della computazione di ogni thread è dato da: Un thread (o processo leggero) è una attività, descritta da una sequenza di istruzioni, che esegue all'interno del contesto di esecuzione di un programma. Un thread procede nella sua esecuzione per portare

Dettagli

Gestione di errori e situazioni eccezionali. Gestione delle eccezioni. Gestione tradizionale di errori e situazioni eccezionali (2)

Gestione di errori e situazioni eccezionali. Gestione delle eccezioni. Gestione tradizionale di errori e situazioni eccezionali (2) Gestione di errori e situazioni eccezionali Gestione delle eccezioni Una procedura (utente o di libreria) deve poter segnalare l impossibilità di produrre un risultato significativo o la propria terminazione

Dettagli

Scope e visibilità per classi

Scope e visibilità per classi Scope e visibilità per classi Packages Classi interne nelle loro diverse forme Interne / statiche / locali Utilizzo congiunto con interfacce Implementazione di iteratori Gestione di eventi Packages Package:

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 10 Strutture collegate - 2 A. Miola Febbraio 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ Strutture collegate - 2 1 Contenuti!Strutture

Dettagli

Programmazione concorrente e threads

Programmazione concorrente e threads Programmazione concorrente e threads Programmazione concorrente Un programma concorrente è un programma nel quale diverse computazioni possono essere eseguite allo stesso tempo Alcuni sistemi sono implicitamente

Dettagli

Lezione n.12. L applicazione RestoNet Materiale didattico distribuito a lezione

Lezione n.12. L applicazione RestoNet Materiale didattico distribuito a lezione Lezione n.12 JXTA: L applicazione RestoNet Materiale didattico distribuito a lezione 1 MATERIALE DIDATTICO Codice dell esempio sulla pagina web del corso API JXTA Java 2.3.7: http://platform.jxta.org/nonav/java/api/

Dettagli

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 6 Corso di Tecniche di programmazione Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Main System Monitor Keyboard

Main System Monitor Keyboard Composite 57 8. Composite (Gof pag. 163) 8.1. Descrizione Consente la costruzione di gerarchie di oggetti composti. Gli oggetti composti possono essere conformati da oggetti singoli, oppure da altri oggetti

Dettagli

Programmazione a oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012

Programmazione a oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Programmazione a oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Sommario Variabili statiche Ereditarietà multipla Le interfacce Binding Esercizi Esercizio ContoCorrente Creare una classe ContoCorrente

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Threads e Concorrenza in Java Swing

Threads e Concorrenza in Java Swing SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica Corso di Laurea in Ingegneria dei Sistemi Informatici

Dettagli

Cifratura simmetrica

Cifratura simmetrica Cifratura Cifratura simmetrica Alice canale insicuro Bob 2 Cifratura simmetrica m Algoritmo di decifratura m Alice canale insicuro Algoritmo di cifratura Bob 3 Cifrari simmetrici chiave privata k chiave

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il primo

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 30 maggio 2014 Introduzione Un programma diviso in sezioni distinte Un approccio alla

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Grafica: Thread versione 1.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

Programmazione distribuita

Programmazione distribuita Programmazione distribuita 1 Architettura client-server È il modo classico di progettare applicazioni distribuite su rete Server offre un servizio "centralizzato" attende che altri (client) lo contattino

Dettagli

UnicastRemoteObject. Massimo Merro Programmazione di Rete 103 / 124

UnicastRemoteObject. Massimo Merro Programmazione di Rete 103 / 124 UnicastRemoteObject Java RMI fornisce diverse classi base per definire server remoti: UnicastRemoteObject < RemoteServer < RemoteObject dove A < B significa che A è una sottoclasse di B. UnicastRemotObject

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Appello dell 8 Febbraio 2005 Esercizio 1 (ASD) 1. Dire quale delle seguenti affermazioni è vera giustificando la risposta. (a) lg

Dettagli

Esercizi sugli Oggetti Monitor

Esercizi sugli Oggetti Monitor Esercizi sugli Oggetti Monitor Esercitazione di Laboratorio di Programmazione di Rete A Daniele Sgandurra Università di Pisa 29/10/2008 Wait e Notify Ogni oggetto in Java ha un lock implicito. Il lock

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo Università di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Prof. Giuseppe De Giacomo & Monica Scannapieco Anno Accademico 2003/04 LA FASE DI PROGETTO E

Dettagli

Comunicazione tra processi con sockets TCP

Comunicazione tra processi con sockets TCP Comunicazione tra processi con sockets TCP Su una macchina, un processo può aprire una server ocket, ovvero una porta di ascolto, per consentire a processi in esecuzione su altre macchine (o, al limite

Dettagli

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002.

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002. INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002 Esercizio 4) import fiji.io.simplereader; class Programma{ public static

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari

Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari Algoritmi e Strutture Dati Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari 1 Argomenti della lezione Tipi di dato astratto Strutture dati elementari Liste o Implementazione di liste in Java Stack Code

Dettagli

Il linguaggio C# Eventi ed eccezioni

Il linguaggio C# Eventi ed eccezioni Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it

Dettagli

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni server

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni server Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture /: applicazioni 1 La logica dei Abbiamo visto che un applicazione si connette e comunica con un applicazione mediante

Dettagli

Esempi di esercizi d esame

Esempi di esercizi d esame Esempi di esercizi d esame Fondamenti di Informatica L-B 1 Cellulare Testo esercizio: 1.Specifiche Si richiede di realizzare una classe che implementa il funzionamento di un telefono cellulare Tale classe

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Tecniche di Programmazione: C# versione 1.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Realizzazione di una classe con un associazione

Realizzazione di una classe con un associazione Realizzazione di una classe con un associazione Nel realizzare una classe che è coinvolta in un associazione, ci dobbiamo chiedere se la classe ha responsabilità sull associazione. Diciamo che una classe

Dettagli

Controllo degli accessi

Controllo degli accessi Il linguaggio Java Il controllo degli accessi alle classi ed ai membri di una classe Controllo degli accessi Accesso alle classi Accesso alle classi package package miopackage; public public class class

Dettagli

Gestione delle Eccezioni

Gestione delle Eccezioni Gestione delle Eccezioni Condizioni di Errore Una condizione di errore in un programma può avere molte cause Errori di programmazione Divisione per zero, cast non permesso, accesso oltre i limiti di un

Dettagli

Astrazioni sul controllo. Iteratori

Astrazioni sul controllo. Iteratori Astrazioni sul controllo Iteratori Nuove iterazioni Definendo un nuovo tipo come collezione di oggetti (p. es., set) si vorrebbe disporre anche di un operazione che consenta cicli (iterazioni) Es.: gli

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Programmazione Object Oriented in Java

Dettagli

Progetto di Laboratorio per il corso di Programmazione in Rete e Laboratorio

Progetto di Laboratorio per il corso di Programmazione in Rete e Laboratorio Progetto di Laboratorio per il corso di Programmazione in Rete e Laboratorio Anno Accademico 2002/2003 Matteo Baldoni Aggiornato a: May 8, 2003 Abstract Queste pagine descrivono il laboratorio per il corso

Dettagli

SOMMARIO Coda (queue): QUEUE. QUEUE : specifica QUEUE

SOMMARIO Coda (queue): QUEUE. QUEUE : specifica QUEUE SOMMARIO Coda (queue): Specifica: interfaccia. Implementazione: Strutture indicizzate (array): Array di dimensione variabile. Array circolari. Strutture collegate (nodi). Prestazioni. Strutture Software

Dettagli

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Java Remote Method Invocation -- RMI G. Prencipe prencipe@di.unipi.it RMI RMI è una tecnologia JAVA che permette a una JVM di comunicare con un altra JVM per farle eseguire metodi È possibile che oggetti

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 2 (svolta) Socket Java con connessione Luca Foschini Anno accademico 2009/2010 Esercitazione 2 1 Architettura

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 12 ADT: Lista, Pila, Coda A. Miola Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ ADT: Lista, Pila, Coda 1 Contenuti!Tipo

Dettagli

Thread e Concorrenza in Java Swing

Thread e Concorrenza in Java Swing Thread e Concorrenza in Java Swing Esercitazioni di Progettazione del Software A.A. 2013 2014 Alessandro Russo Sapienza Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

Dettagli