Corso di Sistemi Operativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Sistemi Operativi"

Transcript

1 Corso di Sistemi Operativi Sincronizzazione tra processi a.a. 2012/2013 Francesco Fontanella

2 Modello concorrente In un sistema operativo coesistono un gran numero di attività che vengono eseguite più o meno contemporaneamente È necessario un modello adeguato che renda possibile la coesistenza delle diverse attività Questo modello prende il nome di modello concorrente e si basa sul concetto (astratto) di processo a.a. 2012/2013 2

3 Finite progress assumption Il modello concorrente si basa sulla seguente assunzione (Finite progress assumption): a tutti i processi pronti è garantito di poter progredire in un tempo finito NOTA la velocità dei diversi processi non è nota a.a. 2012/2013 3

4 Concorrenza Negli S.O. riguarda la gestione di processi multipli: Multiprogramming più processi su un solo processore (parallelismo apparente) Multiprocessing Più processi su una macchina con processori multipli (parallelismo reale) Distributed processing più processi su un insieme di computer distribuiti e indipendenti (parallelismo reale) a.a. 2012/2013 4

5 Concorrenza Due programmi sono in esecuzione concorrente se vengono eseguiti in parallelo (con parallelismo reale o apparente) I principali problemi associati alla concorrenza sono: Comunicazione (IPC) Sincronizzazione a.a. 2012/2013 5

6 Concorrenza: esempi Applicazioni multiple la multiprogrammazione è stata inventata affinchè più processi indipendenti condividano il processore Applicazioni strutturate su processi estensione del principio di progettazione modulare; alcune applicazioni possono essere progettate come un insieme di processi o thread concorrenti Struttura del sistema operativo molte funzioni del sistema operativo possono essere implementate come un insieme di processi o thread a.a. 2012/2013 6

7 Multiprogramming vs Multiprocessing Multiprogramming (singolo processore fisico): processi multipli sono "alternati nel tempo" per dare l'impressione di avere un multiprocessore (interleaved execution) ad ogni istante, uno solo processo è in esecuzione Multiprocessing (due o più processori fisici) più processi vengono eseguiti simultaneamente su processori diversi (overlapped execution) a.a. 2012/2013 7

8 Programmazione concorrente: problemi L'accesso concorrente a risorse condivise può provocare incosistenza dei dati. Per preservare la consistenza sono necessari meccanismi che assicurino l'esecuzione ordinata dei processi cooperanti. a.a. 2012/2013 8

9 Concorrenza: esempio Si consideri il codice seguente: Codice C void modifica(int valore) { totale = totale + valore Codice assembly.text modifica: lw $t0, totale add $t0, $t0, $a0 sw $t0, totale jr $ra Supponiamo che: Esista un processo P1 che esegue modifica(+10) Esista un processo P2 che esegue modifica(-10) P1 e P2 siano in esecuzione concorrente totale sia una variabile condivisa tra i due processi, con valore iniziale 100 Alla fine, totale dovrebbe essere uguale a 100. Giusto? a.a. 2012/2013

10 Scenario 1: multiprogramming (corretto) P1 lw $t0, totale totale=100, $t0=100, $a0=10 P1 add $t0, $t0, $a0 totale=100, $t0=110, $a0=10 P1 sw $t0, totale totale=110, $t0=110, $a0=10 S.O. interrupt S.O. salvataggio P1 S.O. ripristino P2 totale=110, $t0=?, $a0= 10 P2 lw $t0, totale totale=110, $t0=110, $a0= 10 P2 add $t0, $t0, $a0 totale=110, $t0=100, $a0= 10 P2 sw $t0, totale totale=100, $t0=100, $a0= 10 a.a. 2012/2013

11 Scenario 2: multiprogramming (errato) P1 lw $t0, totale totale=100, $t0=100, $a0=10 S.O. interrupt S.O. salvataggio P1 S.O. ripristino P2 totale=100, $t0=?, $a0= 10 P2 lw $t0, totale totale=100, $t0=100, $a0= 10 P2 add $t0, $t0, $a0 totale=100, $t0=90, $a0= 10 P2 sw $t0, totale totale= 90, $t0=90, $a0= 10 S.O. interrupt S.O. salvataggio P2 S.O. ripristino P1 totale=90, $t0=100, $a0=10 P1 add $t0, $t0, $a0 totale= 90, $t0=110, $a0=10 P2 sw $t0, totale totale=110, $t0=110, $a0=10 a.a. 2012/2013

12 Scenario 3: multiprocessing (errato) I due processi vengono eseguiti simultaneamente da due processori distinti Processo P1 lw $t0, totale add $t0, $t0, $a0 sw $t0, totale Processo P2 lw $t0, totale add $t0, $t0, $a0 sw $t0, totale Nota i due processi hanno insiemi di registri distinti l'accesso alla memoria su totale non può essere simultaneo a.a. 2012/2013

13 Concorrenza: osservazioni Non vi è sostanziale differenza tra i problemi relativi a multiprogramming e multiprocessing Si assume la presenza di un "processore ideale" per ogni processo I problemi derivano dal fatto che: non è possibile predire gli istanti temporali in cui vengono eseguite le istruzioni (finite proggress assumption) i due processi accedono ad una o più risorse condivise a.a. 2012/2013

14 Sezione critica (Race condition) Un insieme di processi concorrenti presenta una sezione critica (race condition) se il risultato finale dipende dalla temporizzazione con cui i processi vengono eseguiti Nella programmazione concorrente divente quindi di fondamentale importanza individuare ed eliminare eventuali sezioni critiche a.a. 2012/2013

15 Sezione critica (Race condition) la correttezza di un programma concorrente non dipende (solo) dall'esattezza dei passi svolti da ogni singola componente del programma, ma anche dalle interazioni tra le varie possibili istanze Il debuging delle applicazioni concorrenti è molto difficile: Gli effetti negativi delle condizioni critiche potrebbero presentarsi in pochissimi casi, e pertanto sono difficili da individuare in fase di debug a.a. 2012/2013

16 Sezione Critica:Produttore/Consumatore Problema del produttore consumatore: I due processi condividono: un buffer, e una variabile contatore (incrementata dal consumatore e decrementata dal produttore) Produttore while (true) { while (count == BUFFER_SIZE) ; // do nothing buffer [in] = nextproduced; in = (in + 1) % BUFFER_SIZE; count++; while (true) { while (count == 0) ; // do nothing nextconsumed = buffer[out]; out = (out + 1) % BUFFER_SIZE; count--; Consumatore /* consume the item in nextconsumed a.a. 2012/

17 Programma con sezione critica do { in section critical section out section remainder section (not critical) while (true); a.a. 2012/

18 Proprietà di un programma Una proprietà di un programma concorrente è un attributo che rimane vero per ogni possibile esecuzione del programma stesso. Due tipi di proprietà: Safety: Il programma non esegue nessuna azione erronea ("nothing bad happens") Liveness: Il programma raggiunge sempre lo stato finale atteso ("something good eventually happens") a.a. 2012/2013

19 Proprietà dei programmi sequenziali Nei programmi sequenziali: le proprietà di safety esprimono la correttezza dello stato finale (il risultato è quello atteso) la principale proprietà di liveness è la terminazione a.a. 2012/2013

20 Programmi concorrenti: Safety I processi non devono "interferire" fra di loro nell'accesso alle risorse condivise ( non vale per i processi che cooperano tramite comunicazione) Può essere garantita per mezzo dei meccanismi di sincronizzazione. a.a. 2012/2013

21 Programmi concorrenti: liveness I meccanismi di sincronizzazione non devono prevenire l'avanzamento del programma Bisogna evitare di: Sospendere tutti i processi in attesa di eventi che possono essere generati da processi a loro volta sospesi (deadlock) un processo debba "attendere indefinitamente" prima di poter accedere ad una risorsa condivisa a.a. 2012/2013

22 Mutua esclusione (safety) l'accesso ad una risorsa è detto mutualmente esclusivo se, ad ogni istante, al più un processo può accedere a quella risorsa Esempi: due processi che accedono conteporaneamente ad una stampante due processi che comunicano per mezzo di un buffer condiviso a.a. 2012/2013

23 Deadlock (stallo) (liveness) la mutua esclusione può causare il blocco permanente dei processi Esempio: siano P 1 e P 2 due processi che devono accedere a R 1 e R 2 contemporaneamente, prima di poter terminare il programma supponiamo che il S.O. assegni R 1 a P 1, e R 2 a P 2 i due processi sono bloccati in attesa circolare P 1 e P 2 sono detti in deadlock a.a. 2012/2013

24 Starvation (inedia) (liveness) Esiste anche la possibilità che un processo non possa accedere ad un risorsa perché "sempre occupata" Esempio sia R una risorsa siano P 1, P 2, P 3 tre processi che accedono periodicamente a R supponiamo che P 1 e P 2 si alternino nell'uso della risorsa P 3 non può accedere alla risorsa, perché utilizzata in modo esclusivo da P 1 e P 2 P 3 è detto in starvation a.a. 2012/2013

25 Azioni atomiche Le azioni atomiche vengono compiute in modo indivisibile (o tutto o niente). La loro implementazione dipende dal tipo di parallelismo: Se è reale l'azione atomica non deve interferire con quelle di altri processi Se è apparente il context switch può avvenire solo prima o dopo l'azione a.a. 2012/2013

26 Azioni atomiche - Esempi Le singole istruzioni del linguaggio macchina sono atomiche Esempio: sw $a0, ($t0) parallelismo apparente: L'hardware delle CPU garantisce che gli interrupt vengano eseguiti prima o dopo un'istruzione, mai "durante" Parallelismo reale: se più istruzioni cercano di accedere conteporaneamente alla stessa cella di memoria (quella puntata da $t0), l'hardware del bus (arbitraggio) serializza l'accesso a.a. 2012/2013

27 Azioni atomiche - Controesempi In generale, sequenze di istruzioni in linguaggio macchina non sono azioni atomiche Esempio: lw $t0, ($a0) add $t0, $t0, $a1 sw $t0, ($a0) Attenzione: le singole istruzioni in linguaggio macchina sono atomiche le singole istruzioni in assembly possono non essere atomiche esistono le pseudoistruzioni! a.a. 2012/2013

28 Azioni atomiche in C In C l'atomiticità dipende da: processore compilatore Esempi a=0; /* int a */ questo statement è atomico; la variabile a viene definita come un intero di lunghezza "nativa" e inizializzata a 0 a=0; /* long long a */ questo statement non è atomico, in quanto si tratta di porre a zero una variabile a 64 bit; questo può richiedere più istruzioni a++; anche questo statement in generale non è atomico, ma dipende dalle istruzioni disponibili in linguaggio macchina a.a. 2012/2013

29 Azioni atomiche E nei compiti di concorrenza? Assumiamo che in ogni istante, vi possa essere al massimo un accesso alla memoria alla volta Questo significa che operazioni tipo: aggiornamento di una variabile incremento di una variabile valutazione di espressioni etc. non sono atomiche Operazioni tipo: assegnamento di un valore costante ad una variabile sono atomiche a.a. 2012/2013

30 Sezione critica: requisiti Esistono diverse soluzioni al problema della sezione critica Ogni possibile soluzione deve soddisfare tre requisiti fondamentali: Mutua esclusione Progresso Attesa limitata a.a. 2012/

31 Mutua esclusione il processo P è nella sua sezione critica nessun altro processo può essere eseguito nella sua sezione critica a.a. 2012/

32 Progresso nessun processo è nella sua sezione critica e più processi richiedono l'accesso alla sezione critica la scelta del prossimo processo che accederà alla sezione critica spetta ai processi in attesa e non può essere rinviata indefinitamente a.a. 2012/

33 Attesa limitata un processo P richiede l'accesso alla sua sezione critica, esiste un limite al numero di volte che si consente agli altri processi di accedere alla loro sezioni critiche, senza soddisfare la richiesta di P a.a. 2012/

34 Sezioni critiche: Possibili approcci Approcci software Le sezioni critiche sono gestite dai processi (o meglio dal programmatore) che accedono in maniera concorrente ad qualche risorsa problemi Possibili errori! costoso in termini di esecuzione (busy waiting) Approcci hardware utilizza istruzioni speciali del linguaggio macchina efficienti problemi Hardware dependent: poca portabilità a.a. 2012/2013

35 Sezioni critiche: Possibili approcci Altri approcci si basano sul supporto del S.O. o anche del linguaggio stesso La mutua esclusione è garantita appunto dal S.O. o dal linguaggio (e.g. Java) Esempi Semafori Monitor Message passing a.a. 2012/2013

36 La soluzione di Peterson È una soluzione SOFTWARE Poniamo di avere 2 processi Prevede la condivisione di due variabili: int turn; boolean flag[2]; La prima variabile indica quale processo può entrare nella sezione critica Il vettore flag indica se l'i-esimo processo è pronto ad entrare nella sua sezione critica a.a. 2012/

37 Accesso alla sezione critica per il P i do { flag[i] = true; turn = j; while (flag[j] && turn == j) ; Busy waiting critical section flag[i] = false; remainder section while (true); NOTA La soluzione di Peterson rispetta i tre requisiti di: mutua esclusione progresso attesa limitata a.a. 2012/

38 Sincronizzazione hardware Molti sistemi forniscono dei sistemi hardware per l'esecuzione di sezione critiche. Sistemi monoprocessore: Disabilitazione degli interrupts durante la modifica delle variabili condivise. Sistemi multiprocessore: La disabilitazione degli interrupt è troppo inefficiente; Vengono implementate particolari istruzioni dette atomiche: queste singole istruzioni non sono soggette ad interrrupt. a.a. 2012/

39 Sezione critica per mezzo di lock remainder section acquire lock critical section release lock remainder section a.a. 2012/

40 L'istruzione TESTandSET boolean TestAndSet (boolean *target) { boolean rv = *target; *target = true; return rv; a.a. 2012/

41 Realizzazione hardware di TESTandSET L'istruzione TESTandSET viene realizzata per mezzo di una specifica istruzione del processore: TSL Register, Lock Quest'istruzione realizza una duplice azione: Carica il contenuto della variabile Lock in Register Scrive nella variabile Lock un valore non nullo Queste due operazioni sono garantite come indivisibili dal hardware Questa indivisibilità è garantita chiudendo il bus di accesso alla memoria a.a. 2012/

42 Uso di TESTandSET remainder section while ( TestAndSet (&lock )) ; // do nothing critical section lock = false; remainder section NOTA non soddisfa il requisito dell'attesa limitata a.a. 2012/

43 L'istruzione SWAP void swap (boolean *a, boolean *b) { boolean temp = *a; *a = *b; *b = temp: a.a. 2012/

44 Realizzazione hardware di SWAP L'istruzione SWAP è realizzata per mezzo dell'istruzione del processore: XCHG Register, lock Quest'istruzione scambia il contenuto del registro e della variabile lock in maniera atomica (bus bloccato). Tutte le CPU INTEL a partire dalla x86 implementano ques'istruzione per fornire sincronizzazione hardware a.a. 2012/

45 Mutua esclusione con swap remainder section key = true; while ( key == true) swap (&lock, &key ); critical section lock = false; remainder section NOTA non soddisfa il requisito dell'attesa limitata a.a. 2012/

46 Attesa limitata e mutua esclusione do { waiting[i] = true; key = true; while (waiting[i] && key) key = TestAndSet(&lock); waiting[i] = false; critical section j = (i + 1) % n; while ((j!= i) &&!waiting[j]) j = (j + 1) % n; if (j == i) lock = false; else waiting[j] = false; remainder section while (true); a.a. 2012/

47 INTEL: Il prefisso LOCK L'instruction set delle CPU INTEL più moderne, prevedono l'utilizzazione del prefisso LOCK che rende atomiche le istruzioni che lo seguono. Può essere usato con tutte le istruzioni di accesso alla memoria Il suo effetto è quello di inviare un lock signal al bus di memoria ES: lock sw $a0, ($t0) a.a. 2012/

48 Semafori a.a. 2012/

49 Semafori Sono un paradigma di sincronizzazione Viene implementato per mezzo di segnali che due o più processi possono scambiarsi al fine di cooperare Un processo può essere bloccato in un specifico punto finché non riceve un segnale da un altro processo a.a. 2012/

50 Semafori E' un tipo di dato astratto. Può essere visto come una variabile intera. Sono definite due operazioni signal(): è invocata per inviare un segnale, che indica il verificarsi di un evento o il rilascio di una risorsa wait() : è invocata per attendere il segnale (ovvero, per attendere un evento o il rilascio di una risorsa) a.a. 2012/

51 Semafori Ad un semaforo S si può accedere solo tramite operazioni atomiche wait(s): esegue due azioni: attende che il valore del semaforo sia positivo Ne decrementa il valore signal(s): incrementa il valore del semaforo S a.a. 2012/

52 Definizione di semaforo class Semaphore { private int val; Semaphore(int init) { val = init; void wait() { while (val<=0) ; // no op. val ; NOTA Questa a fianco è una definizione Che definisce la semantica delle operazioni wait e signal L' atomicità di queste operazioni può essere garantita con l'istruzione xchg void signal() { val++; a.a. 2012/

53 Semafori binari e contatore Semafori binari: possono assumere due soli valori e garantiscono la mutua esclusione (sono detti lock mutex). Semafori contatore: possono assumere valori > 1. sono usati per condividere una risorsa presente in un numero massimo di esemplari. a.a. 2012/

54 Semafori e mutua esclusione I semafori possono essere utilizzati per la mutua esclusione tra N diversi processi: Semaphore mutex = 1; // initialized to 1 do { mutex.wait(); critical section mutex.signal(); remainder section while (true); a.a. 2012/

55 Semafori per la condivisione di risorse Uso dei semafori; Semaphore s=x; do { s.wait(); critical Section Se x vale 1 si ottiene la mutua esclusione Se x > 1 si ottiene l'accesso controllato ad una risorsa presente in quantità x s.signal(); // remainder section while (true); a.a. 2012/

56 Semafori per la sincronizzazione Poniamo di avere due processi concorrenti P1 e P2, che eseguono rispettivamente le istruzioni S1 e S2: vogliamo che venga eseguita prima S1 e poi S2. Soluzione i processi possono condividere un semaforo sync: S1; P1 sync.signal(); sync.wait(); S2; P2 DOMANDA: a quanto deve essere inizializzato il valore della variabile sync? a.a. 2012/

57 Implementazione dei semafori La precedente definizione di semaforo prevedeva la cosiddetta attesa attiva (busy waiting): wait (S) { while S <= 0 ; // no-op S--; Impegna la CPU a vuoto! a.a. 2012/

58 Soluzione al problema del busy waiting La chiamata wait() provoca il blocco del processo P che l'ha invocata, se il semaforo S è non positivo: (P è rimosso dalla coda dei processi pronti è inserito nella lista dei processi in attesa di S Il processo P viene riattivato dopo l'esecuzione di una chiamata signal(). A tale scopo è necessario aggiungere alla classe Semaphore vista in precedenza una lista dei processi in attesa: Class Semaphore { int val; struct task_struct *list; semaphore; Può essere una coda FIFO a.a. 2012/

59 La nuova classe Semaphore class Semaphore { private int val; private struct task_struct *p_list; Semaphore(int init) { val = init; void wait(); void signal(); a.a. 2012/

60 Semafori senza busy waiting Semaphore::wait() { val ; if (val < 0) { add me to S >p_list; block(); Rimuove il chiamante dalla lista dei processi pronti Semaphore::signal() { val++; if (val <= 0) { remove the process P from S >list; wakeup(p); NOTA block() e wakeup() sono chiamate di sistema Reinserisce il chiamante nella lista dei processi pronti a.a. 2012/

61 Semafori senza busy waiting L'implementazione deve garantire che le operazioni signal() e wait()non siano eseguite conteporaneamente sullo stesso semaforo. Dal punto di vista pratico: I sistemi senza busy waiting sono convenienti solo se sono previste sezioni critiche molto lunghe (> di qualche sec) In tutti gli altri casi il busy waiting non crea problemi. a.a. 2012/

62 Situazioni di stallo Poniamo di avere due semafori S e Q condivisi dai processi P 0 e P 1 : P 0 P 1 wait (S); wait (Q); wait (Q); wait (S); signal (S); signal (Q); signal (Q); signal (S); Questa situazione è detta stallo (deadlock): Due o più processi sono in attesa di un evento che può essere provocato solo da uno dei processi in attesa a.a. 2012/

63 Attesa indefinita Una situazione fortemente connessa alle situazioni di stallo e quella dell'attesa indefinita (starvation): Un processo viene inserito in una coda d'attesa di un semaforo e mai rimosso Questa situazione si potrebbe presentare, ad esempio, nel caso in cui la coda di un semaforo sia di tipo LIFO a.a. 2012/

64 Inversione di Priorità Si verifica quando processi ad elevata priorità devono accedere a dati utilizzati anche da processi a priorità più bassa. Poniamo di avere 3 processi L,M e H, con priorità L<M<H: H richiede l'accesso alla risorsa R bloccata da L M diventa eseguibile (ready) con prelazione su L Risultato: M influenza il tempo di attesa di H, anche se ha priorità minore! Domanda: quale potrebbe una possibile soluzione a questo problema? a.a. 2012/

65 Esempio di mutua esclusione Poniamo di avere un parcheggio che può accogliere al più MAX auto. Le auto in arrivo: se c'è ancora posto entrano e ne occupano uno. se il parcheggio è pieno l'auto vanno via PROGRAMMA Scrivere un programma in C, che utilizzando la libreria pthread, regoli gli accessi al parcheggio. Ogni auto è rappresentata da un thread distinto. Mentre il parcheggio è rappresentato da una variabile condivisa. Se un thread trova posto aggiorna lo stato del parcheggio, altrimenti termina. Le auto (threads) parcheggiano per un tempo casuale e poi vanno via (il thread termina). a.a. 2012/

66 Esempio di mutua esclusione Poniamo di avere un parcheggio che può accogliere al più MAX auto. Le auto in arrivo: se c'è ancora posto entrano e ne occupano uno. se il parcheggio è pieno l'auto vanno via PROGRAMMA Scrivere un programma in C, che utilizzando la libreria pthread, regoli gli accessi al parcheggio. Ogni auto è rappresentata da un thread distinto. Mentre il parcheggio è rappresentato da una variabile condivisa. Se un thread trova posto aggiorna lo stato del parcheggio, altrimenti termina. Le auto (threads) parcheggiano per un tempo casuale e poi vanno via (il thread termina). a.a. 2012/

67 Mutua esclusione in Pthread La libreria pthread consente la mutua esclusione (MUtual EXclusion, MUTEX) fra due o più thread. È definito il tipo pthread_mutex_t È un semaforo binario Un mutex ha due possibili stati: Locked Unlocked Un solo thread può bloccare (lock) un mutex Se un altro thread tenta di bloccare un mutex viene sospeso finche quel mutex non viene rilasciato (unlocked) a.a. 2012/

68 Pthread mutex: funzioni int pthread_mutex_init(pthread_mutex_t *m, const pthread_mutexattr_t *m_attr) Inizializza il mutex puntato da m con gli attributi specificati da m_attr. Se m_attr vale NULL allora si usano quelli di default int pthread_mutex_lock(pthread_mutex_t *m) Blocca il mutex puntato da m Se m è già bloccato da un altro thread allora il thread chiamante viene sospeso a.a. 2012/

69 Pthread mutex: funzioni int pthread_mutex_trylock(pthread_mutex_t *mutex) Come la precedente tranne che il thread non viene sospeso se il mutex è già bloccato int pthread_mutex_unlock(pthread_mutex_t *m) Sblocca il mutex puntato da m Si assume che il mutex sia effettivamente bloccato e appartenga al chiamante a.a. 2012/

70 Pthread mutex: possibili problemi Cosa succede se un thread esegue pthread_mutex_lock(&m)... pthread_mutex_lock(&m) Cosa succede se un thread diverso da quello che lo possiede esegue pthread_mutex_unlock(&m) a.a. 2012/

71 Tipi di mutex normal: Non vengono effettuati controlli Le situazioni precedenti provocano problemi Error checking: Le situazioni precedenti vengono gestite restituendo degli errori al processo chiamante a.a. 2012/

72 Il thread auto pthread_mutex_t M; int in=0; void *thread_auto(void *arg) /*codice auto*/ { int id, t; id=*((int *)arg); srand((int)pthread_self()); Sezione critica pthread_mutex_lock(&m); if (in < CAPIENZA) // entrata { in++; printf("auto n %d parcheggiata ci sono %d auto nel parcheggio\n", id, in); pthread_mutex_unlock(&m); else { // Non ha trovato posto: termina pthread_mutex_unlock(&m); pthread_exit(); t = rand() % MAX_TIME; //durata parcheggio sleep(t); Continua.. a.a. 2012/

73 Il thread auto Sezione critica pthread_mutex_lock(&m); in ; printf("auto %d uscita ci sono %d auto nel parcheggio\n", id, in); pthread_mutex_unlock(&m); return t; a.a. 2012/

74 Il main main (int argc, char *argv[]) { pthread_t T[MAX]; pthread_mutex_init (&M, NULL); int i; for (i=0; i<max; i++) /* Creazione thread */ pthread_create (&T[i], NULL, thread_auto, (void *)&i); for (i=0; i < MAX; i++) { pthread_join(t[i], (void *)&A[i]); if (A[i]> 0) printf("il figlio %d e` rimasto in sosta %d secondi\n", i, A[i]); else printf("il figlio %d non e` entrato \n", i); return 0; a.a. 2012/

75 Semafori: Esempi Gestione di un pool di risorse equivalenti Produttore/consumatore Lettori/scrittori Cinque filosofi a.a. 2012/

76 Semafori: pool di risorse equivalenti Si può operare su una qualsiasi risorsa del pool purché libera. Necessità di un gestore che memorizzi lo stato delle risorse. Per operare su una delle risorse è necessario chiederne l allocazione al gestore. Il gestore assegna una risorsa libera (se esiste). È possibile operare sulla risorsa assegnata senza preoccuparsi della mutua esclusione. Al termine dell'operazione la risorsa deve essere restituita al gestore. a.a. 2012/

77 pool di risorse equivalenti: Soluzione 1 La struct risorsa: #define NUM_RISORSE 10 struct struct_risorsa { semaphore mutex = 1; /*semaforo di mutua esclusione*/ int risorse = N; /* #risorse disponibili. */ boolean libera[n]; /*indicatori di risorsa libera*/ ; void init(struct_risorsa) { int i; /*inizializzazione*/ for(i=0; i < N; i++) libera[i]=true; a.a. 2012/

78 int richiesta(struct_risorsa &r) { int i=0; wait(r.mutex); while(r.risorse == 0) signal(r.mutex); wait(r.mutex); while(!r.libera[i++]) ; r.libera[i]=false; signal(r.mutex); Busy waiting DOMANDA Funziona? Se SÌ, perche? return i; void rilascio(struct_risorsa &r, int i) { wait(r.mutex); r.libera[i] = true; r.n++; signal(r.mutex); a.a. 2012/

79 pool di risorse equivalenti: Soluzione 2 La struct risorsa: #define NUM_RISORSE 10 struct struct_risorsa { semaphore mutex = 1; /*semaforo di mutua esclusione*/ semaphore risorse = N; /*semaforo risorsa. */ boolean libera[n]; /*indicatori di risorsa libera*/ ; void init(struct_risorsa) { int i; /*inizializzazione*/ for(i=0; i < N; i++) libera[i]=true; a.a. 2012/

80 int richiesta(struct_risorsa &r) { int i=0; wait(r.risorse); wait(r.mutex); NO busy waiting while(!r.libera[i++]) ; r.libera[i]=false; signal(r.mutex); return i; void rilascio(struct_risorsa &r, int i) { wait(r.mutex); r.libero[i] = true; signal(r.mutex); signal(r.risorse); a.a. 2012/

81 Problema Produttore/Consumatore Due processi: Produttore: inserisce item in un buffer (circolare) Consumatore: estrae item Buffer circolare out in in out a.a. 2012/

82 void producer(item buffer[], int &in, int out) item tmp; while (true) { /* si produce un item*/.. DOMANDA Quali sono le sezione critiche? /* si aspetta che ci sia posto nel buffer */ while (( (in + 1) % BUFFER_SIZE ) == out) ; buffer[in] = item; in = (in + 1) % BUFFER SIZE; a.a. 2012/

83 void consumer(item buffer[], int in, int &out) { item tmp while (true) { while (in == out) ; // la coda è vuota: attesa // si estrae l'item tmp = buffer[out]; out = (out + 1) % BUFFER SIZE; DOMANDA Quali sono le sezione critiche? /* si consuma l'item*/.. a.a. 2012/

84 Produttore/Consumatore con semafori Possiamo usare un semaforo in mutua esclusione. Come? Cosa deve garantire il semaforo? Quali sono le variabili alle quali bisogna garantire l'accesso esclusivo? a.a. 2012/

85 semaphore mutex; void producer(item buffer[], int &in, int out) { Semaforo binario item tmp; while (true) { /* si produce un item*/.. /* si aspetta che ci sia posto nel buffer */ wait(mutex); while (( (in + 1) % BUFFER_SIZE ) == out){ signal(mutex); wait(mutex); buffer[in] = item; wait(mutex); in = (in + 1) % BUFFER SIZE; signal(mutex); a.a. 2012/

86 semaphore mutex; void consumer(item buffer[], int in, int &out) { item tmp while (true) { wait(mutex); while (in == out) // la coda è vuota: attesa signal(mutex); wait(mutex); // si estrae l'item tmp = buffer[out]; wait(mutex); out = (out + 1) % BUFFER SIZE; signal(mutex); /* si consuma l'item*/.. a.a. 2012/

87 Produttore/Consumatore con semafori Problema della soluzione precedente: Attesa busy waiting Possiamo eliminare l'attesa busy waiting con dei semafori? Quali sono le condizioni di busy waiting: Buffer vuoto Buffer pieno a.a. 2012/

88 Produttore/Consumatore con semafori Tutto il codice può essere semplificato utilizzando tre diversi semafori: empty (inizializzato a BUFFER_SIZE) full (inizializzato a 0) mutex (inizializzato a 1) while (true) { wait(empty); Produttore while (true) { wait(full); Consumatore // add an item // remove an item... wait(mutex); count++; signal(mutex) signal(full). wait(mutex) count ; signal(mutex) signal(empty) a.a. 2012/

89 Problema dei lettori e scrittori Descrizione un database è condiviso tra un certo numero di processi esistono due tipi di processi Lettori:accedono al database in lettura Scrittori: accedono al database per aggiornarne il contenuto Proprietà L'accesso degli scrittori deve avvenire in mutua esclusione; nessun altro lettore o scrittore può accedere al database se nessuno scrittore sta accedendo al database, un numero arbitrario di lettori può accedere al database in lettura a.a. 2012/

90 Problemi dei lettori e scrittori: soluzioni Quali sono le strutture dati necessarie? Di quante variabili e semafori abbiamo bisogno? Come deve essere fatto il processo scrittore? Di cosa deve tenere conto? Come deve essere fatto il processo lettore? a.a. 2012/

91 Lettori e Scrittori con Semafori Sono necessarie le seguenti strutture dati: semaphore mutex = 1, wrt = 1; int readcount = 0; Lettore do { wait(wrt); // writing... signal(wrt); while (true) Scrittore do { wait(mutex) ; readcount++ ; if (readcount == 1) wait(wrt) ; signal(mutex) // reading... wait (mutex) ; readcount ; if (readcount == 0) signal(wrt) ; signal(mutex) ; while (true); a.a. 2012/

92 Lettori e Scrittori con Semafori: Problemi La soluzione precedente presenta un problema di starvation, possibile sia per i lettori che per gli scrittori Come è possibile risolvere questo problema? Come deve essere modificato il codice? In quali parti? Di cosa bisogna tenere conto? a.a. 2012/

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Classificazione Processi interagenti processi interagenti/indipendenti due processi sono indipendenti se l esecuzione di ognuno non è in alcun

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Pipe Cos'è un pipe? E' un canale di comunicazione che unisce due processi Caratteristiche: La più vecchia

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi II Semestre - Marzo/Giugno 2008 Matricole congr. 0 mod 3 File & Directory #include #include stat,fstat e lstat int stat (const char *pathname, struct stat *buf); int fstat (int

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE Problema: "calcolare il Massimo Comun Divisore (M.C.D.) di due numeri naturali, A e B, secondo l'algoritmo cosiddetto delle sottrazioni successive". L'algoritmo "delle

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 9 Maggio 2012 Allocazione dinamica della memoria Memoria dinamica È possibile creare

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3 RICORSIVITA 1. Cos è la ricorsività? La ricorsività è un metodo di soluzione dei problemi che consiste nell esprimere la soluzione relativa al caso n in funzione della soluzione relativa al caso n-1. La

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Problem solving avanzato

Problem solving avanzato Problem solving avanzato Formulazione del problema Struttura dati e algoritmo Il programma 2 26 Politecnico di Torino 1 Dati in input (1/4) Sono dati due file di testo, contenenti le informazioni sulle

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni:

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: FUNZIONI La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: double sqrt(double) double pow (double, double) della libreria matematica, che abbiamo già usato anche senza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona La ricorsione Politecnico di Milano Sede di Cremona Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Definizioni ricorsive Sono comuni

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Si disegni lo schema di un flip-flop master-slave S-R sensibile ai fronti di salita e

Dettagli

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili Indirizzo di una funzione 2 Puntatori a funzioni Ver. 2.4 Si può chiamare una funzione utilizzando l indirizzo di memoria dal quale inizia il codice eseguibile della funzione stessa L indirizzo di memoria

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Anno Accademico 2012-2013 Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Sebastiano Pizzutilo Strutturazione del Sistema Operativo

Dettagli

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO PD32 Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO Domanda #5 14/09/2000 Si dispone di un PD32 per effettuare il collaudo di un circuito integrato combinatorio con 5 ingressi e una uscita,

Dettagli