P2P - Monitor e Logger Globale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P2P - Monitor e Logger Globale"

Transcript

1 P2P - Monitor e Logger Globale Documento di presentazione per la tesina di Sistemi Distribuiti Dario Mazza, Paolo Pino, Pierluigi Sottile

2 Indice 1 Consegna 2 2 Logging Locale 2 3 Monitoring Locale 2 4 Ordinamento dei Messaggi 3 5 Logger e Monitor Globale 4 6 Transazioni 4 7 Replicazione 5 8 Deploy e Configurazione dell Applicazione 7 1

3 1 Consegna L obiettivo della tesina è di realizzare un servizio di Logging e un servizio di Monitor Globale che riceverà i dati provenienti dai peer realizzati nel primo step. I messaggi all interno dei componenti globali devono essere ordinati prima di essere scritti in dei file XML. I messaggi inviati ai componenti globali devono essere generati da un sistema di logging e monitoring locale ai peer. Deve essere replicato il contenuto di una delle tre code del peer utilizzando un sistema transazionale. Tutte le comunicazioni devono essere implementate utilizzando i Web Service di Java Enterprise Edition e l Application Server Glassfish. 2 Logging Locale Il sistema di logging locale si basa sull utility log4j dell Apache Software Foundation. Questa utility fornisce metodi per la creazione di logger e l associazione di appender specifici al sistema di logging. Il logging locale è diviso in due parti: la prima è composta da un serie di logger mappati sulle classi che li utilizzano e serve per lo sviluppo ed il debugging dell applicazione. Questa prima parte produce due file contenenti gli stessi dati: middleware p2p.out, scritto in formato humanreadable, e middleware p2p.log, formattato in XML in base al DTD di log4j. La seconda parte del logging è composta da un filtro sui logger della prima parte e serve per catturare i dati da inviare al componente globale. Questa seconda parte produce un file, middleware local.log, formattato in XML. I log che vengono inviati al logger globale sono solo quelli di livello INFO e devono essere del tipo MiddlewareLogEvent. Estendendo il layout XML (classe XMLLayout contenuta nelle API log4j) è stata personalizzata la formattazione del file ed è stata inserita una chiamata al Web Service GlobalLogger per eseguire il push dell evento di log. La classe MiddlewareLogEvent contiene l identificativo univoco del componente (ossia del peer), il timestamp locale dell evento, una stringa contenente la descrizione dell evento e il Vector Clock necessario all ordinamento degli eventi all interno del componente globale. L identificativo del componente viene generato applicando la funzione di hash MD5 alla stringa Component:peer ip:peer port. Interfaccia XMLSerializable e JAXB Tutte le classi, come MiddlewareLogEvent, che devono essere serializzate in XML implementano l interfaccia XmlSerializable (che estende java.io.serializable) che prevede il metodo public String toxmlstring(). Quest ultimo metodo viene utilizzato dai layout per ottenere la rappresentazione XML dell oggetto. La rappresentazione XML viene ottenuta tramite l uso di JAXB (Java Architecture for XML Binding). Per definire la struttura dell oggetto complesso XML vengono utilizzate @XmlElement. Per eseguire il marshalling si utilizza l oggetto Marshaller di JAXB. Utilizzare JAXB per la serializzazione XML ha diversi vantaggi: in primo luogo semplifica lo sviluppo dei metodi di serializzazione ed inoltre si tratta di un elemento di Java EE ed è utilizzato da JAX-WS (Java API for XML Web Service) per generare il WSDL dei Web Service. 3 Monitoring Locale Il monitoring locale si appoggia al sistema log4j per la scrittura dello stato e del contenuto delle code su file XML. Il sistema di monitoring è composto da quattro logger: middleware.p2p.monitor.wfqueue sul quale viene scritto il contenuto della coda di Workflow middleware.p2p.monitor.tdqueue sul quale viene scritto il contenuto della coda di Task Descriptor middleware.p2p.monitor.wfqueue status sul quale viene scritto lo stato della coda di Workflow middleware.p2p.monitor.tdqueue status sul quale viene scritto lo stato della coda di Task Descriptor 2

4 Agli appender su file delle API di log4j (contenuti nella classe org.apache.log4j.fileappender) viene applicato un filtro MonitorFilter che permette di applicare il layout MiddlewareMonitorLayout ad un logger con un determinato nome. Il layout si occupa di formattare i file XML in maniera appropriata e di inviare l evento al Web Service GlobalMonitor per effettuare il push. I file generati dal monitoring locale sono: middleware wfqueue content.log, middleware wfqueue status.log, middleware tqueue content.log, middleware tqueue status.log che contengono, rispettivamente,rispettivamente, il contenuto e lo stato della coda di Workflow ed il contenuto e lo stato della coda di TaskDescriptor. Gli oggetti che sono scritti nei logger del sistema di monitoring sono del tipo MiddlewareMonitorEvent e contengono il tipo della coda da cui è generato l evento di monitor, l identificativo del componente, il Vector Clock necessario all ordinamento degli eventi nel monitor globale, il timestamp locale dell evento, il numero totale di elementi inseriti nella coda, la dimensione corrente della coda e la serializzazione XML del contenuto della coda. Quest ultimo campo non viene serializzato da JAXB grazie all Estrazione dello stato e concorrenza Nel primo step del Progetto la concorrenza sulle code nei peer era stata gestita tramite la classe java.util.concurrent.linkedblockingdequeue che garantisce l atomicità e la concorrenza nelle operazioni di enqueue e dequeue. La necessità di estrarre lo stato della coda all interno della sezione critica che modifica lo stato ha imposto il cambiamento del sistema di gestione della concorrenza. La concorrenza sulle code è gestita applicando il problema di Produttori e Consumatori e utilizzando le classi java.util.concurrent.locks.lock (utilizzati allo stesso modo dei pthread mutex) e java.util.concurrent.locks.condition (utilizzati come i pthread cond). I metodi enqueue e dequeue sono stati modificati per ricevere un parametro supplementare di tipo MiddlewareMonitorEvent che sarà valorizzato in sezione critica con i dati sullo stato. 4 Ordinamento dei Messaggi Prima di analizzare i componenti globali (Monitor, Logger e Replica Manager) verrà illustrato il sistema di ordinamento dei messaggi basati sui Vector Clock e su un meccanismo di Gap Detection. Il sistema verrà illustrato in forma generica in quanto è stato utilizzato in modo sostanzialmente identico in tutti i componenti globali. Gli attori del sistema sono due EJB (Enterprise Java Beans): Service : EJB Stateless su cui viene mappato il Web Service QueueManager: EJB Statefull Singleton che viene utilizzato per gestire l ordinamento Il Web Service espone come WebMethod un metodo push per inserire nel sistema di ordinamento un nuovo elemento e un metodo resetclock che server per resettare il clock relativo ad un determinato componente. Questi metodi sono soltanto un punto di accesso per i metodi omonimi esposti dall interfaccia locale del QueueManager. Il QueueManager mantiene un Vector Clock utilizzato per ordinare i messaggi e una coda in cui vengono inseriti gli elementi che non sono consegnabili immediatamente. Il metodo push controlla se il messaggio è delivarable (consegnabile) e in tal caso chiama immediatamente il metodo privato deliver e controlla nella coda di messaggi se ci sono messaggio sbloccati dalla consegna del messaggio corrente e li consegna. Se il messaggio non è consegnabile immediatamente (immediate delivery impossibile) viene inserito nella coda di attesa. Un messaggio viene considerato delivarable se soddisfa una delle seguenti condizioni: 1. V C Q < V C m NOT Gap P rox 2. V C Q = V C m P rox 3

5 dove V C Q e V C m sono i vector clock rispettivamente del QueueManager e del messaggio, Gap è vero se tra V C Q e V C m vi sono dei gap e P rox è vero se V C Q e V C m sono marcati come prossimi. Il metodo deliver esegue le operazioni specifiche del componente legate alla consegna ma prima aggiorna il vector clock del QueueManager in modo che V C Q [k] = max(v C Q [k], V C m [k]), k NS, dove k è l identificavo di un peer e NS è l insieme dei peer conosciuti dal componente. Confronti tra Vector Clock L ordinamento dei messaggi su Vector Clock si basa su tre metodi di confronto tra i Vector Clock: compareto: implementa il confronto diretto tra due Vector Clock detectgap: controlla se vi sono gap tra i due Vector Clock detectproximity: controlla se due Vector Clock sono prossimi Il confronto diretto tra i Vector Clock si basa sulla seguente definizione: V C 1 < V C 2 V C 1 [k] V C 2 [k]], k k : V C 1 [k ] < V C 2 [k ] Il gap detection conta le distanze tra i componenti del Vector Clock e ritorna Vero se le distanze positive sono presenti in più di una componente. Due Vector Clock sono considerati prossimi se vi è una distanza positiva solo su una componente e questa distanza è pari ad uno. 5 Logger e Monitor Globale Il Logger Globale sfrutta il meccanismo di ordinamento dei messaggi utilizzando il bean GlobalLogger per il Web Service e il bean EventQueueManager per gestire la coda. Il metodo deliver stampa gli eventi consegnati su un file middleware global log.log formattato in XML e contenuto nella seguente directory $GLASSFISH HOME/domains/$DOMAIN NAME/logs. Il Monitor Globale sfrutta il meccanismo di ordinamento dei messaggi utilizzando il bean GlobalMonitor per il Web Service e il bean MonitorQueueManager per gestire la coda. Per il monitor il paradigma per l ordinamento viene leggermente modificato inserendo, all interno del MonitorQueueManager, delle code separate per ogni tipo di coda del peer. Il metodo deliver stampa gli eventi consegnati su un file, differente per ogni coda, middleware $QUEUE TYPE status.log formattato in XML e contenuto nella seguente directory $GLASSFISH HOME/domains/$DOMAIN NAME/logs. 6 Transazioni Nel sistema delle transazioni si identificano tre attori: il Client, Transaction Coordinator e Transaction Partecipant. Il flusso di esecuzione della transazione inizia con il client che inizia la transazione e riceve un identificativo univoco della transazione dal Coordinator; il client esegue tutte le operazioni sui partecipant allegando alle richieste l identificativo della transazione (i partecipant eseguono il join alla transazione contattando il coordinator). Completate tutte le operazioni, il client richiede la chiusura della transazione ed il coordinator inizia l algoritmo 2PC (Two Phase Commit) e dopo le due fasi ritorna il risultato al client: tale risultato può essere Commit o Abort. Nell implementazione presentata il Web Service che interpreta il ruolo del Transaction Coordinator è mappato sul bean TransactionCoordinator che al suo interno contiene i riferimenti alle interfacce locali degli EJB TransactionRepository (Singleton Stateful) e TransactionLogger (Stateless). Ogni peer ha il suo Transaction Coordinator locale che chiama quando deve utilizzare il sistema di transazioni. Il TransactionLogger permette di scrivere su un log lo stato di avanzamento di una transazione; il log viene scritto su file con il nome della transazione all interno della directory logs/transaction/$ruolo (dove $RUOLO indica se si tratta di un coordinator o di un partecipant) contenuta nella root del domain Glassfish. Il file di log viene utilizzato nel caso di crash del coordinator per riprendere le operazioni che stava eseguendo. 4

6 TransactionRepository L Enterprise Java Bean TransactionRepository è un Singleton che contiene una mappa che associa ad ogni Transaction Id un oggetto Transaction. Inoltre il TransactionRepository legge i timeout e l identificativo del coordinatore dal file di configurazione e permette di generare un nuovo Transaction Id assemblato come $COORDID $PROGNUM (dove $PROGNUM è un numero progressivo). Il TransactionRepository è segnato con l quindi viene caricato all avvio del Application Server Glassfish e nel costruttore viene letto il log file di tutte le transazioni e se si trovano in uno stato di Prepared o di Global Abort manda il segnale di Abort a tutti i partecipant mentre se si trovano in uno stati di Global Commit manda il segnale di Commit. 2PC Nel metodo closetransaction del coordinator viene implementato il protocollo 2PC. Il coordinator ottiene dal repository tutti i partecipant che hanno fatto join alla transazione e chiama in maniera asincrona il metodo cancommit su ognuno di loro. Una volta effettuate le chiamate, inizia la fase di raccolta dei voti: per ogni partecipant si attende un tempo pari a voting single timeout. Prima di controllare per la richiesta successiva si controlla che il tempo passato dall inizio della fase di raccolta dei voti sia minore di voting total timeout-voting delta. In caso siano violati i timeout si procede con il global abort. Se tutti i voti sono concordi sul READY si procede chiamando in maniera asincrona il docommit su tutti i partecipant altrimenti si chiama il doabort. Effettuate tutte le chiamate asincrone si attende l arrivo di tutti gli ack: si attende un tempo pari a completition single timeout e se scade il timemout si procede alla ritrasmissione ( il massimo numero di ritrasmissioni è indicato dal valore di completition max retry. Tutti i valori dei timeout sono letti dal TransactionRepository all avvio e vengono ottenuti attraverso il metodo getalltimeout(). 7 Replicazione È stato deciso di replicare lo stato della coda di TaskDescriptor utilizzando una modalità attiva di replicazione. Ogni peer ha il suo Replica Manager locale che può essere interrogato come Web Service per ottenere i dati sulle repliche possedute dal peer. La logica per ottenere e pubblicare delle repliche è contenuta all interno dell oggetto ReplicaFrontend istanziato nella classe CORE. All avvio del Worker si chiede al Frontend di trovare una replica della coda (getreplica) e se ne trova una coda non vuota si caricheranno i TaskDescriptor nella coda sincronizzata. Ogni volta che viene modificato lo stato della coda viene chiesto al Frontend di salvare in remoto la coda (storereplica). Replica Manager Il Replica Manager (RM) è implementato da un Web Service mappato su l EJB Stateless ReplicaManager ed utilizza il metodo di ordinamento dei messaggi illustrato in precedenza appoggiandosi al queue manager ReplicaQueueManager (EJB Stateful Singleton). Per implementare il 2PC il Replica Manager deve conservare traccia dello stato della transazione attraverso le varie chiamate (operazione-cancommit-docommit/doabort). A tale scopo si appoggia ad un EJB Singleton ReplicaTransactionCache che contiene una mappa che associa ad un transaction id un oggetto di tipo ReplicaCacheEntry. Quest ultimo oggetto contiene le seguenti informazioni: action : tipo enum che identifica se si tratta di un get o di una store component: identificativo del componente a cui è associata la replica content: stringa contenente la replica se si tratta di una store altrimenti la rappresentazione su stringa del boolean di ritorno del metodo getreplica tempfile: oggetto File contenente il riferimento al file temporaneo generato nel processo di store della replica, rimane sempre null durante il get. La cache è condivisa con l EJB che implementa la coda per l ordinamento. Quest ultima viene riempita attraverso i metodi del web service ReplicaManager con degli oggetti di tipo ReplicaRequest. I dati contenuti nell oggetto ReplicaRequest sono i seguenti: 5

7 vclock: vector clock della richiesta e necessario all ordinamento componentid : identificativo del componente a cui è associata la richiesta coordwsdl : URL del WSDL del transaction coordinator a cui fare il join replica : replica di cui fare la store, in caso di get vale null transid: identificativo della transazione all interno del quale è stata effettuata la richiesta responseaddr: indirizzo sul quale inviare la risposta della richiesta get: vale true se si tratta di una get, false se si tratta di una store. push: vale true se si tratta di una store, false se si tratta di una get. Il metodo deliver del Queue Manager decide in base all operazione indicata nell oggetto ReplicaRequest se eseguire il metodo privato storereplica del Queue Manager oppure il metodo privato getreplica del Queue Manager; raccolto il risultato dell invocazione di questi metodi li invia tramite socket all indirizzo indicato nell oggetto ReplicaRequest. Il metodo getreplica del Queue Manager effettua il join al coordinatore di transazione indicato e poi legge il file relativo alla replica ossia il file con nome $COMP ID.rpl nella cartella logs/replicastore all interno della root del domain dell Application Server Glassfish. Una volta letto il file il contenuto viene memorizzato all interno della cache sotto forma di ReplicaCacheEntry. Il metodo storereplica del Queue Manager effettua il join al coordinatore di transazione indicato e inserisce i dati sulla replica da memorizzare in un oggetto ReplicaCacheEntry che viene inserito nella cache. L EJB ReplicaManager è responsabile del protocollo 2PC dal lato del partecipant. Il metodo cancommit(), chiamato dal coordinator per ottenere il voto del partecipant, agisce in modo diverso a seconda che si tratti di una store o di una get. Se si tratta di una store viene scritto il contenuto del campo content della ReplicaCacheEntry all interno di un file temporaneo creato nella cartella temp all interno della replicastore (directory all interno del quale vengono registrate le repliche); il file temporaneo viene memorizzato nella entry all interno della cache. Se si tratta di una get non viene eseguita nessuna azione particolare (non ci sono dati da rendere permanenti). Il metodo docommit rende permanenti le modifiche della transazione. Nel caso di una store il file temporaneo contenuto nella entry della cache viene spostato nella directory replicastore e rinominato con l identificativo del componente a cui è associata la replica e gli viene assegnata l estensione.rpl; finite queste operazioni viene cancellata la entry dalla cache (le operazioni non sono più annullabili). Se si tratta di una get si cancella solamente la entry nella cache (non ci sono dati da rendere permanenti). Il metodo doabort cancella le entry nella cache e nel caso di store viene cancellato anche il file temporaneo generato dal metodo cancommit. Ricezione dei Response Il ReplicaFrontend permette all applicazione POJO di usufruire del sistema di replicazione mascherando la complessità del sistema distribuito. Le risposte provenienti dai Replica Manager arrivano al frontend attraverso delle socket aperte su un indirizzo passato al Web Service come parametro. Un thread implementato dalla classe ReplicaResponseHandler si occupa di creare la ServerSocket cercando una porta libera a partire da quella indicata nel file di configurazione. Questo thread rimane in ascolto in attesa delle risposte dei Replica Manager e inserisce tali risposte in una lista passatagli tramite costruttore; una volta raccolte tutte le risposte il thread termina. Il metodo getreplica inizia la transazione, avvia il thread per raccogliere le risposte e inizia ad eseguire le richieste di getreplica a tutti i Replica Manager conosciuti dal servizio di discovery (in questa implementazione il vicinato viene caricato dal file discovery peers.xml). Fatte tutte le richieste, il metodo fa join sul thread di ricezione delle risposte: quando tutte le risposte sono state raccolte, si chiama il metodo closetransaction del coordinator e si attende la response della transazione. 6

8 Il metodo storereplica è chiamato molte volte e durante l esecuzione dell applicazione POJO al contrario del getreplica che viene chiamato una volta sola in fase di caricamento dell applicazione. Per evitare che le chiamate alla storereplica peggiorino le performance dell applicativo, il frontend lancia un thread ReplicaStorerThread che esegue le operazioni di store della replica senza bloccare l esecuzione. Il thread avvia la transazione, avvia il thread per collezionare le risposte e invia le richieste di store a tutti gli RM conosciuti dal servizio di discovery. Finite le chiamate, effettua il join sul thread per collezionare le risposte e, quando riprende, effettua la closetransaction attendendo l esito della transazione. 8 Deploy e Configurazione dell Applicazione Il lavoro svolto è stato diviso in tre applicazioni Enterprise: MiddlewareGlobalLoggerApp: EJB per il Logger Globale contenente gli MiddlewareGlobalMonitorApp: contenente gli EJB per il Monitor Globale MiddlewareReplicationApp: contenente gli EJB per i Replica Manager e i Transaction Coordinator. L applicazione del primo step è contenuta nel progetto ProgettoMiddleware. Nella cartella dist/ si trovano i file EAR (Enterprise Archive) per le applicazioni e saranno inseriti, tramite l Administration Console di Glassfish, all interno dei domini appropriati. Oltre ai file EAR, vi è il file JAR dell applicazione POJO. I file di configurazione per l applicazione POJO sono : middleware config.xml: contenente i dati per configurare l applicazione. discovery peer.xml: contenente i dati sui peer conosciuti dal servizio di discovery. peer config.xml: contenente i dati per configurare il peer. I file di configurazione per l applicazione per la Replicazione sono: coordinator config.xml: contenente le configurazioni per il coordinatore delle transazioni replica manager config.xml: contenente i dati per configurare il Replica Manager. I file di configurazione dell applicazione POJO devono trovarsi nel path di esecuzione mentre i file di configurazione delle applicazioni Enterprise si devono trovare nella cartella config/ situata all interno della directory domains/domain name dell Application Server Glassfish. Segue una veloce descrizione del contenuto dei file XML di configurazione. middleware config.xml Il root tag <middleware> deve contenere i seguenti Child Node: <architecture>: indica il tipo di architettura del sistema, e.g. P2P <transport>: indica il protocollo da utilizzare per le comunicazioni, e.g. TCP <file transfer policy>: indica la politica di trasferimento dei File, e.g. PUSH <global logger wsdl>: contiene l URL dove trovare il file WSDL di descrizione del servizio di Logging globale, e.g. GlobalLogger?wsdl <global monitor wsdl>: contiene l URL dove trovare il file WSDL di descrizione del servizio di Monitor globale, e.g. GlobalMonitor?wsdl <local coordinator wsdl>: contiene l URL dove trovare il file WSDL di descrizione del servizio Coordinatore locale responsabile per le transazioni, e.g. TransactionCoordinatorService/ TransactionCoordinator?wsdl <replica response port>: indica da quale porta iniziare la scansione atta a trovare una porta libera per ricevere i response dal servizio di replica, e.g

9 discovery peer.xml Il root tag <discovery> deve contenere un numero N di elementi <peer> ognuno dei quali deve avere i seguenti Child Node: <ip>: indica l IP del peer conosciuto dal Discovery, e.g <port>: indica la porta sul cui contattare il peer, e.g <rm wsdl>: contiene l URL dove trovare il file WSDL di descrizione del Replica Manager del peer, e.g. ReplicaManager?wsdl peer config.xml Il root tag <peer config> deve contenere i seguenti Child Node : <ip> : Indirizzo IP del peer corrente, e.g <port>: Porta su cui contattare il peer corrente, e.g coordinator config.xml Il root tag <coordinator> deve avere l attributo id contenente un valore univoco che identifichi il coordinator (e.g. hash dell IP oppure random hash). Il tag <coordinator> deve contenere un elemento <timeouts> composto da elementi <timeout> con un attributo name rappresentante il nome del timeout e come contenuto il valore del timeout. I timeout da dichiarare sono i seguenti: voting single: timeout sulla singola richiesta di voto, e.g voting total: durata del timeout globale della fase di voto della transazione, e.b voting delta: delta associato all inizio di una nuova richiesta di voto, e.g completition single: timeout sulla singola richiesta di completamento, e.g completition max retry: numero massimo di ritrasmissioni in caso di timeout nella fase di completamento, e.g. 3 replica manager config.xml Il root tag <replica manager> deve contenere un singolo elemento, <wsdl url>, contenente l URL del Replica Manager da configurare. 8

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e non contiene il certificato di autenticazione: è necessario

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

EMC Documentum xcp for Business Process Management

EMC Documentum xcp for Business Process Management Analisi dettagliata Abstract Oggi le aziende devono affrontare una sfida comune: ottimizzare i processi di business e la loro efficienza operativa. Per vincere questa sfida, EMC Documentum xcelerated Composition

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014 SIMATIC WinCC Runtime Professional V13 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 03/2014 - Architetture Novità

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli