Programmazione Java (Applicazioni e Applet )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programmazione Java (Applicazioni e Applet )"

Transcript

1 Programmazione Java (Applicazioni e Applet ) Prof. Flavio Cerini Dopo aver installato il JDK 1.4.1_01 e inserito il percorso della cartella \bin nel PATH si possono provare i seguenti programmi funzionanti. Creare una cartella di nome java. All interno della cartella scrivere con un editor ( Notepad opp Editplus) i programmi sottoelencati ( file.java) Dal prompt del DOS si compila il file java. es C:\java> javac file.java ; si ottiene così un bytecode (file.class) Dal prompt del DOS si interpreta il file.class; es. C:\java\java file.class Il nome del file deve essere uguale a quello della classe 1) public class CiaoMondo public static void main(string[] args) System.out.println("Ciao Mondo!!!"); 2) class primo public static void main(string[] args) System.out.println("Ciao come va il primo programma Java?"); 3) Applet import java.applet.*; public class appletciao extends Applet public void paint(graphics g) g.drawstring("ciao da Applet!!!",20,20); <TITLE> Pagina con Applet Ciao</TITLE>!--Invece di APPLET si può usare OBJECT e si possono evitare le virgolette -- <APPLET CODE ="appletciao.class" WIDTH = 200 HEIGHT = 100!--CODEBASE = "http://nome_server/cartella_contenente_applet" -- >!--Aggiungere quanto commentato nella riga precedente nel caso l'applet sia su di un Server remoto--!--ovviamente la Cartella_Contenente_Applet deve essere nella cartella del Server es. Htdocs -- Autore Flavio Cerini 1

2 4) //importo la classe Graphics import java.awt.graphics; public class linea extends java.applet.applet public void paint(graphics g) //disegno la linea g.drawline(60,100,130,200); <TITLE> Pagina con Applet Linea</TITLE> <APPLET CODE ="linea.class" WIDTH = 300 HEIGHT = 300!--CODEBASE = "http://nome_server/cartella_contenente_applet" -- >!--Aggiungere quanto commentato nella riga precedente nel caso l'applet sia su di un Server remoto-- 5) import java.awt.graphics; public class triangolo extends java.applet.applet public void paint(graphics g) //disegno la linea g.drawline(60,100,130,200); g.drawline(130,200,200,100); g.drawline(200,100,60,100); <TITLE> Pagina con Applet Triangolo </TITLE> <APPLET CODE ="triangolo.class" WIDTH = 300 HEIGHT = 300!--CODEBASE = "http://nome_server/cartella_contenente_applet" -- >!--Aggiungere quanto commentato nella riga precedente nel caso l'applet sia su di un Server remoto-- Autore Flavio Cerini 2

3 6) import java.awt.graphics; public class rettangoli extends java.applet.applet public void paint(graphics g) g.drawrect(30,30,80,80); g.fillrect(140,30,80,80); g.drawroundrect(30,140,80,80,10,10); g.fillroundrect(140,140,80,80,30,30); <TITLE> Pagina con Applet Rettangoli </TITLE> <APPLET CODE ="rettangoli.class" WIDTH = 300 HEIGHT = 300!--CODEBASE = "http://nome_server/cartella_contenente_applet" -- >!--Aggiungere quanto commentato nella riga precedente nel caso l'applet sia su di un Server remoto-- 7) //importo la classe Graphics public class font extends java.applet.applet public void paint(graphics g) Font f=new Font("TimesRoman",Font.BOLD,26); g.setfont(f); g.drawstring("ecco la mia stringa",100,100); <TITLE> Font </TITLE> <APPLET CODE ="font.class" WIDTH = 400 HEIGHT = 200!--CODEBASE = "http://nome_server/cartella_contenente_applet" -- >!--Aggiungere quanto commentato nella riga precedente nel caso l'applet sia su di un Server remoto-- Autore Flavio Cerini 3

4 8) public class colore extends java.applet.applet public void paint(graphics g) setbackground(new Color(150,150,140)); //g.setcolor(color.white); //g.drawstring("scritta in bianco su sfondo grigio",60,60); g.setcolor(color.yellow); g.drawstring("scritta in giallo su sfondo grigio",60,60) <TITLE> COLORE </TITLE> <APPLET CODE ="colore.class" WIDTH = 300 HEIGHT = 200> 9) import java.applet.*; public class bottone extends Applet // creo il bottone con la sua etichetta Button b=new Button("Il mio primo bottone"); public void init() //aggiuno al pannello il bottone prima creato add(b); <TITLE> BOTTONE </TITLE> <APPLET CODE ="bottone.class" WIDTH = 400 HEIGHT = 200> Autore Flavio Cerini 4

5 10) import java.applet.*; public class textfield extends Applet // creo un campo di testo di lunghezza 40 caratteri TextField t = new TextField("Inizializzazione",40); String s = new String(); public void init() //aggiuno il TextField al pannello dell'applet add(t); <TITLE> Applet Textfield </TITLE> <APPLET CODE ="textfield.class" WIDTH = 400 HEIGHT = 200> 11) import java.applet.*; public class textarea extends Applet // creo una Textarea di 4 righe e 20 colonne TextArea prima = new TextArea("Contenuto dell'area 1",4, 20); // creo una Textarea di 5 righe e 30 colonne TextArea seconda = new TextArea("Contenuto dell'area 2",5, 30); String s = new String(); public void init() //le aggiungo al pannello dell'applet add(prima); add(seconda); Autore Flavio Cerini 5

6 <TITLE> Applet TextArea </TITLE> <APPLET CODE ="textarea.class" WIDTH = 400 HEIGHT = 200> 12) import java.applet.*; public class checkbox extends Applet Label l = new Label("Che lingue conosci?"); Checkbox c1 = new Checkbox("Inglese"); Checkbox c2 = new Checkbox("Francese"); Checkbox c3 = new Checkbox("Tedesco"); public void init() //aggiuno al pannello dell'applet add(l); add(c1); add(c2); add(c3); <TITLE> Applet Checkbox</TITLE> <APPLET CODE ="checkbox.class" WIDTH = 400 HEIGHT = 200> Autore Flavio Cerini 6

7 13) import java.applet.*; public class liste_sc extends Applet String[] sport = "Calcio", "Ginnastica", "Corsa", "Tennis","Nuoto","Basket","Pallavolo","Sci"; String[] preferiti = "Sport", "Documentari", "Serial", "Musica", "Informazione","Varietà", "Film"; // Visualizza quattro voci, permette la selezione multipla List l = new List(4, true); Choice c = new Choice(); Label l1= new Label("Che sport pratichi?"); Label l2= new Label("Che programmi TV preferisci?"); public void init() //Inserisco le voci nel componente List for (int i = 0; i<8; i++) l.additem(sport[i]); //Inserisco le voci del componente Choice for (int i=0 ;i<7 ;i++ ) c.additem(preferiti[i]); add(l1); add(l); add(l2); add(c); <TITLE> Applet Liste a scorrimento</title> <APPLET CODE ="liste_sc.class" WIDTH = 400 HEIGHT = 200> Autore Flavio Cerini 7

8 14) //importo la classe Graphics import java.applet.*; public class bottoni extends Applet public void init() int i=0; // decido il tipo di Layout setlayout(new BorderLayout()); //Uso le costanti North, South, East e West per sistemare i bottoni add("north", new Button ("Bottone num. "+i++)); add("south", new Button ("Bottone num. "+i++)); add("east", new Button ("Bottone num. "+i++)); add("west", new Button ("Bottone num. "+i++)); add("center", new Button ("Bottone num. "+i++)); <TITLE> Applet Bottoni</TITLE> <APPLET CODE ="bottoni.class" WIDTH = 400 HEIGHT = import java.applet.*; public class bottoni extends Applet public void init() int i=0; // decido il tipo di Layout setlayout(new FlowLayout()); //Uso le costanti North, South, East e West per sistemare i bottoni add(new Button ("Bottone num. "+i++)); add(new Button ("Bottone num. "+i++)); add(new Button ("Bottone num. "+i++)); add(new Button ("Bottone num. "+i++)); add(new Button ("Bottone num. "+i++)); Autore Flavio Cerini 8

9 <TITLE> Applet Bottoni</TITLE> <APPLET CODE ="bottoni.class" WIDTH = 400 HEIGHT = 200> 16) Programma che legge un file ( sorgente.txt) e lo copia in un altro file ( destinazione.txt ) import java.io.*; public class readfile public static void main(string[] args) throws IOException File input = new File("sorgente.txt"); File output = new File("destinazione.txt"); //apre stream di input e di output FileReader in = new FileReader(input); //stream in input FileWriter out = new FileWriter(output); //stream di output int carattere; //legge il carattere uno alla volta e lo scrive sull'altro stream while ((carattere = in.read())!= -1) out.write(carattere); in.close(); out.close(); 17) import java.io.*; public class streamfile public static void main(string[] args) throws IOException File input = new File("sorgente.txt"); File output = new File("destinazione.txt"); //apre stream di input e di output FileInputStream in = new FileInputStream(input); //stream in input FileOutputStream out = new FileOutputStream(output); //stream di output int carattere; //legge il carattere uno alla volta e lo scrive sull'altro stream while ((carattere = in.read())!= -1) out.write(carattere); in.close(); out.close(); Autore Flavio Cerini 9

10 18) Programma che legge da tastiera e scrive sul monitor import java.io.*; public class read_tast public static void main(string[] arg) throws Exception InputStreamReader Ireader; BufferedReader buffer; String inputline; Ireader=new InputStreamReader(System.in); buffer =new BufferedReader(Ireader); inputline=buffer.readline(); System.out.println(inputLine); 19) Programma che visualizza il risultato di vari operatori class operatori public static void main(string[ ] args) int y = 16; int Y = 8; float a = 4.3f; float c = 1.5f; short x = 12; System.out.println("x=" + x +", y=" + y); System.out.println("x+y=" + (x +y)); System.out.println("x-y=" + (x -y)); System.out.println("x/y=" + (x/y)); System.out.println("x%y=" + (x%y)); System.out.println("a=" + a +", c=" + c); System.out.println("valore di a/c=" + (a/c)); System.out.println("y =" + y +", Y =" + Y); System.out.println("La condizione y>y risulta =" + (y>y)); Autore Flavio Cerini 10

11 20) Programma che mette in evidenza le caratteristiche OOP del linguaggio Java class valore private int varist=0; valore() System.out.println("Sono nel costruttore della classe valore"); public void incrementa() varist++; public void stampa() System.out.println("Il valore della variabile di istanza: " +varist); public class test public static void main(string[ ] args) valore miooggetto=new valore(); miooggetto.incrementa(); miooggetto.stampa(); miooggetto.incrementa(); miooggetto.stampa(); 21) public class sommatoria private int somma=0; sommatoria aggiungi(int elemento) somma+=elemento; return this; void stampa() System.out.println(this.somma); public static void main(string[] args) sommatoria s = new sommatoria(); s.aggiungi(2).aggiungi(6).aggiungi(4).stampa(); Autore Flavio Cerini 11

12 22) Programma Java ad oggetti. Viene definita una classe Automobile e due sottoclassi: Utilitaria e AutoDaCorsa /* Programma Java con classe automobile e due sottoclassi autodacorsa ed utilitaria. Le sottoclassi ereditano automaticamente le variabili di istanza e i metodi della superclasseche ereditano dalla principale variabili e metodi. Si può notare che il metodo setvelocità è invocabile dagli oggetti ferrari e cinquecento ovviamente con valori distinti. Il metodo temperaturaalta delle due classi (utilitaria e autodacorsa) deve essere diverso. Per ottenere il diverso comportamento è stato riscritto il metodo nella definizione delle due sottoclassi. La Segnatura del metodo ( tipo di ritorno e la lista dei parametri compreso tipo e ordine ) è rimasta inalterata, è variato solo il comportamento. La tecnica che consente di modificare il comportamento di un metodo rispetto alla classe base si chiama OVERRIDING ed è uno dei meccanismi più potenti della programmazione ad oggetti (OOP). Diverso è il concetto per il metodo gettenutastrada che viene chiamato anche con diversi parametri. La riscrittura di un metodo della classe base in una clase derivata modificando la segnatura del metodo stesso si chiama OVERLOADING.*/ class automobile // Classe auto generica int velocita=0; // variabili di istanza float tenutastrada=0f; int temperaturamax=100; void setvelocita(int velocita) //metodo imposta velocità this.velocita=velocita; int getvelocita() //metodo velocità System.out.println(this.velocita); return this.velocita; void gettenutastrada() //metodo tenutastrada System.out.println("metodo gettenutastrada di automobile"); void temperaturaalta(int temperatura) //metodo temperatura System.out.println("attenzione temperatura alta"); class autodacorsa extends automobile // Classe auto da corsa ( extends fa ereditare ) void temperaturaalta(int temperatura) // metodo temperatura System.out.println("Controllo strumentazione"); System.out.println("Fermata ai box"); void gettenutastrada() // metodo tenutastrada float coeff_asfalto = 0.001f; this.tenutastrada=coeff_asfalto*this.velocita; System.out.println(this.tenutaStrada); Autore Flavio Cerini 12

13 class utilitaria extends automobile // Classe utilitaria (extends fa ereditare ) void temperaturaalta(int temperatura) // metodo temperatura System.out.println("Ferma alla prima sosta"); System.out.println("Controllo temperatura acqua radiatore"); void gettenutastrada(int mantostradale) // metodo tenutastrada float coeff_terra = 0.034f; float coeff_asfalto=0.03f; if (mantostradale ==0) this.tenutastrada=coeff_asfalto*this.velocita; else this.tenutastrada=coeff_terra*this.velocita; System.out.println(this.tenutaStrada); public class auto // classe auto che contiene il metodo main public static void main(string[ ] args) autodacorsa ferrari= new autodacorsa(); utilitaria cinquecento = new utilitaria(); ferrari.setvelocita(200); cinquecento.setvelocita(100); ferrari.gettenutastrada(); cinquecento.gettenutastrada(1); ferrari.getvelocita(); cinquecento.getvelocita(); ferrari.temperaturaalta(123); cinquecento.temperaturaalta(119); 23) Stesso programma precedente con evidenziata caratteristica del Polimorfismo /* Programma Java con classe automobile e due sottoclassi autodacorsa ed utilitaria. Le sottoclassi ereditano automaticamente le variabili di istanza e i metodi della superclasseche ereditano dalla principale variabili e metodi.*/ Autore Flavio Cerini 13

14 class automobile // Classe auto generica int velocita=0; // variabili di istanza float tenutastrada=0f; int temperaturamax=100; void setvelocita(int velocita) //metodo imposta velocità this.velocita=velocita; int getvelocita() //metodo velocità System.out.println(this.velocita); return this.velocita; void gettenutastrada() //metodo tenutastrada System.out.println("metodo gettenutastrada di automobile"); void temperaturaalta(int temperatura) //metodo temperatura System.out.println("attenzione temperatura alta"); class autodacorsa extends automobile // Classe auto da corsa ( extends fa ereditare ) void temperaturaalta(int temperatura) // metodo temperatura System.out.println("Controllo strumentazione"); System.out.println("Fermata ai box"); void gettenutastrada() // metodo tenutastrada float coeff_asfalto = 0.001f; this.tenutastrada=coeff_asfalto*this.velocita; System.out.println(this.tenutaStrada); class utilitaria extends automobile // Classe utilitaria (extends fa ereditare ) void temperaturaalta(int temperatura) // metodo temperatura System.out.println("Ferma alla prima sosta"); System.out.println("Controllo temperatura acqua radiatore"); Autore Flavio Cerini 14

15 void gettenutastrada(int mantostradale) // metodo tenutastrada float coeff_terra = 0.034f; float coeff_asfalto=0.03f; if (mantostradale ==0) this.tenutastrada=coeff_asfalto*this.velocita; else this.tenutastrada=coeff_terra*this.velocita; System.out.println(this.tenutaStrada); public class auto_pol // classe auto che contiene il metodo main public static void main(string[] args) polimorfismo ) //Math.random() restituisce un double tra 0 e 1.0 automobile autovettura; // definisco autovettura appartenente alla classe automobile if((math.random()) > 0.50 ) // autovettura diventa una auto da corsa ( Passaggio fondamentale per il autovettura = new autodacorsa(); System.out.println(" Auto da corsa "); else // autovettura diventa una utilitaria autovettura = new utilitaria(); System.out.println(" Utilitaria "); // richiamo ora il metodo sull'oggetto non sapendo a che classe appartenga // notare che il risultato è giusto! autovettura.temperaturaalta(126); // notare che la scelta viene fatta a Run Time 24) Stesso programma con vettore di oggetti /* Programma Java con classe automobile e due sottoclassi autodacorsa ed utilitaria. Le sottoclassi ereditano automaticamente le variabili di istanza e i metodi della superclasseche ereditano dalla principale variabili e metodi.*/ Autore Flavio Cerini 15

16 class automobile // Classe auto generica int velocita=0; // variabili di istanza float tenutastrada=0f; int temperaturamax=100; void setvelocita(int velocita) //metodo imposta velocità this.velocita=velocita; int getvelocita() //metodo velocità System.out.println(this.velocita); return this.velocita; void gettenutastrada() //metodo tenutastrada System.out.println("metodo gettenutastrada di automobile"); void temperaturaalta(int temperatura) //metodo temperatura System.out.println("attenzione temperatura alta"); class autodacorsa extends automobile // Classe auto da corsa ( extends fa ereditare ) void temperaturaalta(int temperatura) // metodo temperatura System.out.println("Controllo strumentazione"); System.out.println("Fermata ai box"); void gettenutastrada() // metodo tenutastrada float coeff_asfalto = 0.001f; this.tenutastrada=coeff_asfalto*this.velocita; System.out.println(this.tenutaStrada); class utilitaria extends automobile // Classe utilitaria (extends fa ereditare ) void temperaturaalta(int temperatura) // metodo temperatura System.out.println("Ferma alla prima sosta"); System.out.println("Controllo temperatura acqua radiatore"); Autore Flavio Cerini 16

17 void gettenutastrada(int mantostradale) // metodo tenutastrada float coeff_terra = 0.034f; float coeff_asfalto=0.03f; if (mantostradale ==0) this.tenutastrada=coeff_asfalto*this.velocita; else this.tenutastrada=coeff_terra*this.velocita; System.out.println(this.tenutaStrada); public class vettauto // classe auto che contiene il metodo main public static void main(string[ ] args) else //Math.random() restituisce un double tra 0 e 1.0 //dichiaro il vettore di oggetti automobile automobile[ ] vetture = new automobile[5]; // costruzione del vettore di oggetti eterogenei for(int i=0;i<5;i++) if(math.random()>0.5) vetture[i] = new autodacorsa(); vetture[i] =new utilitaria(); //Invocazione dei metodi sugli oggetti del vettore for(int i=0; i<5; i++) vetture[i].temperaturaalta(200); Autore Flavio Cerini 17

I Canvas. import java.awt.*; import javax.swing.*; public class Graf{ public Graf () { JFrame f = new JFrame("Finestra"); // crea frame invisibile

I Canvas. import java.awt.*; import javax.swing.*; public class Graf{ public Graf () { JFrame f = new JFrame(Finestra); // crea frame invisibile I Canvas Tra i vari contenitori Java il Canvas (area di disegno o tela) è una semplice superficie di disegno particolarmente utile per visualizzare immagini o per effettuare altre operazioni grafiche.

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE JAVA JAVA

INTRODUZIONE INTRODUZIONE JAVA JAVA INTRODUZIONE INTRODUZIONE Lo sviluppo di applicazioni complesse porta a costruire moduli software sempre più potenti e versatili, che possano essere riutilizzati in numerosi progetti I linguaggi ad oggetti

Dettagli

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone Il linguaggio Java Nato nel maggio 95 (James Gosling & al.) Orientato ad oggetti, basato sulle classi, concorrente Fortemente tipato: distinzione chiara tra errori statici ed errori dinamici Ad alto livello:

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

Gestione delle Eccezioni

Gestione delle Eccezioni Gestione delle Eccezioni Condizioni di Errore Una condizione di errore in un programma può avere molte cause Errori di programmazione Divisione per zero, cast non permesso, accesso oltre i limiti di un

Dettagli

Geom. Giofrè Vincenzo Pasquale Il manuale per la facoltà di ingegneria

Geom. Giofrè Vincenzo Pasquale Il manuale per la facoltà di ingegneria Geom. Giofrè Vincenzo Pasquale Il manuale per la facoltà di ingegneria Copyright 1992 2006 SystemGVP Presentazione Il linguaggio Java nasce nel 1995 dai programmatori della Sun Microsystem. La sua popolarità

Dettagli

Con il pulsante Start si introducono palline che rimbalzano in un area di disegno fino a che non è terminato il loro ciclo di vita (1000 movimenti).

Con il pulsante Start si introducono palline che rimbalzano in un area di disegno fino a che non è terminato il loro ciclo di vita (1000 movimenti). Rimbalzi. import java.awt.*; import java.awt.event.*; import java.applet.applet; public class Bounce extends Applet implements ActionListener { private Canvas canvas; private Button b1; private Button

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet

TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Applet. Contenuti secondo modulo. Linguaggi di Programmazione II. Dove e come trovarmi. Introduzione. Sito Web

Applet. Contenuti secondo modulo. Linguaggi di Programmazione II. Dove e come trovarmi. Introduzione. Sito Web Anno Accademico 2003/04 Docente modulo 2: Contenuti secondo modulo Applet e grafica (cap. 4) Gestione di eventi (cap.9) Interfacce utente grafiche (cap. 11) Ereditarietà (cap. 10) Vettori e array (cap.

Dettagli

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; }

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; } Java è un linguaggio di programmazione c indipendente dalla piattaforma, ovvero un linguaggio di programmazione che permette di compilare i programmi una volta sola e di installarli su computer che usano

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

APPLICAZIONI & APPLET

APPLICAZIONI & APPLET APPLICAZIONI & APPLET Java è un ottimo linguaggio per costruire applicazioni anche non per Internet anche non grafiche ma si è diffuso storicamente, e trae forza, dal concetto di applet come piccola (?)

Dettagli

L interfaccia grafica con Java

L interfaccia grafica con Java L interfaccia grafica con Java 1/24 L interfaccia utente serve per la comunicazione tra utente e programma Distinguiamo le interfacce tra quelle a caratteri e quelle grafiche Le GUI (Graphical user interface)

Dettagli

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Java:Struttura di Programma Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Altre Attenzioni da riservare Java è Case Sensitive: La variabile «a» e la variabile «A» sono diverse Java ha alcune regole di scrittura: I nomi delle

Dettagli

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP (VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP D (FKR&OLHQWH6HUYHU Sviluppare un applicazione C/S in cui: il server attende una connessione da parte del client (su MDYDQHW6HUYHU6RFNHW), usa la

Dettagli

Input e Output in Java

Input e Output in Java Input e Output in Java Stream Redirecting Scomposizione dell input Uso di file Set di caratteri 1 Inserimento dati e test Riconsideriamo la versione iniziale della classe DataSet usata per illustrare le

Dettagli

Restrizioni per la sicurezza

Restrizioni per la sicurezza Applets Applet = programma Java che può essere invocato all interno di un file.html ed eseguito da un browser web, es. C:\Files> explorer MioFile.html un appletviewer, es. C:\Files> appletviewer MioFile.html

Dettagli

Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali

Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali Input e Output Secondo i canoni dei linguaggi di programmazione "procedurali" il concetto di input e output è strettamente legato al tipo di dispositivo esterno

Dettagli

Uno stream o flusso di dati o canale è un percorso di comunicazione tra la sorgente di una certa informazione e la sua destinazione.

Uno stream o flusso di dati o canale è un percorso di comunicazione tra la sorgente di una certa informazione e la sua destinazione. pag.112 9. Input e output Nell informatica classica il concetto di input e output era strettamente legato all uso dei dispositivi esterni di memorizzazione (dischi, nastri) e quindi al concetto di file,

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java

Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java Flussi logici (stream) di output Operazione di scrittura a monitor con uso di stream (flusso logico) di output RAM System.out.println

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE 1 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Write once, write everywhere è il motto dei progettisti del linguaggio java. Infatti questo linguaggio è il risultato dell esigenza di programmare per quello che si può chiamare

Dettagli

Programmare in Java. Olga Scotti

Programmare in Java. Olga Scotti Programmare in Java Olga Scotti Linguaggi di programmazione linguaggio macchina assembler linguaggi ad alto livello Linguaggi ad alto livello istruzioni comprensibili linguaggio simile a quello naturale

Dettagli

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario.

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione per

Dettagli

Cifratura simmetrica

Cifratura simmetrica Cifratura Cifratura simmetrica Alice canale insicuro Bob 2 Cifratura simmetrica m Algoritmo di decifratura m Alice canale insicuro Algoritmo di cifratura Bob 3 Cifrari simmetrici chiave privata k chiave

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Operazioni di input/output Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Input /Output introduzione Per ottenere delle informazioni un programma apre un flusso (Stream)

Dettagli

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 30 maggio 2014 Introduzione Un programma diviso in sezioni distinte Un approccio alla

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Giovedì 16-04-2015 1 Confronto architetture C/S e

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 3-04-2014 1 Reti per la distribuzione

Dettagli

! Programmazione strutturata. ! OO: TDA, scambio messaggi, eredità, polimorfismo, OO in Java. ! Rassegna API. ! Documentazione Javadoc delle API

! Programmazione strutturata. ! OO: TDA, scambio messaggi, eredità, polimorfismo, OO in Java. ! Rassegna API. ! Documentazione Javadoc delle API Riassunto Applet (e altro dell AWT ) Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 22 19 maggio

Dettagli

Linguaggio Java. Testo adottato: S. Mizzaro, Introduzione alla programmazione con il linguaggio Java.

Linguaggio Java. Testo adottato: S. Mizzaro, Introduzione alla programmazione con il linguaggio Java. Linguaggio Java Testo adottato: S. Mizzaro, Introduzione alla programmazione con il linguaggio Java. Altri testi consigliati: G. Pighizzini, M. Ferrari, Dai fondamenti agli oggetti Addison Wesley, 2005.

Dettagli

Input/Output in Java

Input/Output in Java Corso Java Input/Output in Java Docente: Dott. Marco Bianchi Slide realizzate da Ing. A.Bei, Dott. M.Bianchi, Dott. F.Lombardi Input/Output in Java Per effettuare operazioni di I/O in Java è possibile

Dettagli

Outline. Programmazione ad oggetti in Java. La programmazione ad oggetti Classi e istanze Associazioni fra classi Incapsulamento Costruttori

Outline. Programmazione ad oggetti in Java. La programmazione ad oggetti Classi e istanze Associazioni fra classi Incapsulamento Costruttori Programmazione ad oggetti in Java Daniela Micucci Outline La programmazione ad oggetti Classi e istanze Associazioni fra classi Incapsulamento Costruttori 2 Programmazione ad oggetti in Java 1 OOP Java

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 2 (svolta) Socket Java con connessione Luca Foschini Anno accademico 2009/2010 Esercitazione 2 1 Architettura

Dettagli

introduzione alla programmazione in Java classi, oggetti ed altro

introduzione alla programmazione in Java classi, oggetti ed altro introduzione alla programmazione in Java classi, oggetti ed altro nomi file ed estensioni file.java: sorgenti Java creati con editor javac.exe: compilatore Java es.: per compilare il sorgente in pippo.java

Dettagli

Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II

Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II PROF. G. BONGIOVANNI 0) INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO JAVA PER PROGRAMMATORI C++...2 0.1) Caratteristiche principali... 2 0.1.1)

Dettagli

Scrivere un programma in Java

Scrivere un programma in Java Programmare in JAVA Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA uff. 0577 234850 - interno: 7102 Stanza 119 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Java: Compilatore e Interprete

Java: Compilatore e Interprete Java: Compilatore e Interprete Java Virtual Machine Il bytecode non è Linguaggio Macchina. Per diventarlo, deve subire un ulteriore trasformazione che viene operata dall interprete Java in modalità JIT

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Da JavaScript a Java

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Da JavaScript a Java Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Da JavaScript a Java Versione 3.4.05 Per la prima lezione in aula e la prima esercitazione in laboratorio 1 Da JavaScript a Java

Dettagli

Java Applet. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010

Java Applet. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Java Applet 1 Application VS Applet Una

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Java Interfaccia Grafica

Java Interfaccia Grafica Java Interfaccia Grafica Testi di consultazione: a) core Java 1.1 (Volume I Fundamentals) Cay S. Horstmann, Gary Cornell, Prentice Hall, 1997. b) Java 1.2 Unleashed, Jamie Jaworski, Sams Publishing, 1998.

Dettagli

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRGDWDJUDP

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRGDWDJUDP (VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRGDWDJUDP D /LQH&OLHQWH6HUYHU Sviluppare un applicazione C/S in cui: i inviano al server pacchetti (vuoti) che vengono interpretati dal server come richiesta

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Programmazione Object Oriented in Java

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB.

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Java Applet Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1 Installare Java Il programma può essere scaricato dal seguente indirizzo: http://www.java.com/it/download/windows_ie.jsp?locale=it&host=www.java.com Per installare la JDK è necessario: 1. scaricare il

Dettagli

Definizione di classi con array di oggetti

Definizione di classi con array di oggetti Definizione di classi con array di oggetti 1. (Esame scritto del 18/9/2002, Esercizio 6.) La banca dati di un agenzia assicurativa per auto è caratterizzata da un insieme di polizze di assicurazioni per

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Introduzione. Java. Streams. Streams

Introduzione. Java. Streams. Streams Java il sistema di I/O G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Introduzione La gestione del sistema di I/O è una parte fondamentale di qualsiasi linguaggio di programmazione In questa lezione approfondiremo la

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Informatica. Terzo anno Prof. A. Longheu

Informatica. Terzo anno Prof. A. Longheu Informatica Terzo anno Prof. A. Longheu INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO JAVA Originariamente, il progetto che avrebbe portato al linguaggio Java era noto come progetto Green Nome del progetto Sun con l obiettivo

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

Architettura Client-Server

Architettura Client-Server Architettura Client-Server 1. il client manda una richiesta al server 2. il server (in attesa) riceve la richiesta 3. il server esegue il servizio richiesto (generando un thread concorrente) 4. il server

Dettagli

Il linguaggio di programmazione JAVA

Il linguaggio di programmazione JAVA Introduzione a JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Gestione delle eccezioni Individuazione e ripristino parseint Individuazione e ripristino Individuazione e ripristino parseint

Gestione delle eccezioni Individuazione e ripristino parseint Individuazione e ripristino Individuazione e ripristino parseint parseint parseint showinputdialog JOptionPanenull null throw BankAccount IllegalArgumentException amount public class BankAccount { public void withdraw(double amount) { if (balance < amount) { // Parametro

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti DAIS Univ. Ca' Foscari Venezia Programmazione ad oggetti Samuel Rota Bulò Informazioni generali Docente: Samuel Rota Bulò @email: srotabul@dais.unive.it Homepage: http://www.dais.unive.it/~srotabul/ ooprogramming2012.html

Dettagli

RMI: metodi equals e hashcode

RMI: metodi equals e hashcode RMI: metodi equals e hashcode Per verificare se due oggetti remoti contengono gli stessi dati, la chiamata indirizzata al metodo equals() avrebbe bisogno di contattare i server dove si trovano gli oggetti

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Applicazioni web. Parte 5 Socket

Applicazioni web. Parte 5 Socket Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Applicazioni web Parte 5 Michele Tomaiuolo tomamic@ce.unipr.it Protocolli Internet I computer

Dettagli

Programmazione Java: Interfacce grafiche (GUI)

Programmazione Java: Interfacce grafiche (GUI) Programmazione Java: Interfacce grafiche (GUI) romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp ( 1 ) (GUI) Interfacce grafiche Rendere facili le cose semplici e possibili le cose difficili

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori. java.net.url

Corso di Reti di Calcolatori. java.net.url Corso di Reti di Calcolatori UNICAL Facoltà di Ingegneria a.a. 2002/2003 Esercitazione sul networking in Java (2 a parte) paolo.trunfio@deis.unical.it 1 java.net.url URL (String spec) crea un oggetto URL

Dettagli

Gestione delle eccezioni in Java

Gestione delle eccezioni in Java Gestione delle eccezioni in Java - Introduzione al concetto di eccezioni E possibile definire un eccezione come un situazione imprevista che il flusso di un applicazione può incontrare. È possibile gestire

Dettagli

Introduzione alla programmazione in Java

Introduzione alla programmazione in Java Introduzione alla programmazione in Java 1 Programmare ad oggetti La programmazione come attività di creazione di modelli. I concetti di classe, oggetto e scambio di messaggi. Un primo esempio di programma

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI

GESTIONE DEI PROCESSI Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in Java Concetto

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

La velocità di una carovana

La velocità di una carovana Programmazione A.A. 2002-03 I linguaggio Java ( Lezione X, Parte I ) Il primo programma Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail

Dettagli

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione Programmazione ad Oggetti: JAVA Esercitazione Docente Ing. Mariateresa Celardo mariateresa.celardo@uniroma2.it Scrivere la classe Motorino che ha i seguenti attributi colore: una stringa indicante il colore

Dettagli

ARRAY BIDIMENSIONALI float [][] mx = new float[3][4]; (float []) [] mx = new float[3][4];

ARRAY BIDIMENSIONALI float [][] mx = new float[3][4]; (float []) [] mx = new float[3][4]; ARRAY BIDIMENSIONALI Si possono definire array di qualunque tipo di dato, quindi anche di altre array float [][] mx = new float[3][4]; ovvero.. (float []) [] mx = new float[3][4]; La loro motivazione (storica)

Dettagli

maggio 2004 Stefano Sanna - gerda@crs4.it

maggio 2004 Stefano Sanna - gerda@crs4.it java.awt awt.* Abstract Window Toolkit maggio 2004 Agenda Java e interfacce grafiche Caratteristiche di AWT Design e implementazione di interfacce grafiche Panoramica dei componenti disponibili Primitive

Dettagli

Le motivazioni, che guidarono lo sviluppo di Java, erano quelle di creare un linguaggio semplice e familiare. Esso è

Le motivazioni, che guidarono lo sviluppo di Java, erano quelle di creare un linguaggio semplice e familiare. Esso è JAVA Introduzione Java è un linguaggio di alto livello e orientato agli oggetti, creato dalla Sun Microsystem nel 1995. Le motivazioni, che guidarono lo sviluppo di Java, erano quelle di creare un linguaggio

Dettagli

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca)

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA: CARATTERISTICHE

IL LINGUAGGIO JAVA: CARATTERISTICHE CHE COS È JAVA È un linguaggio (e relativo ambiente di programmazione) definito dalla Sun Microsystems per permettere lo sviluppo di applicazioni sicure, performanti e robuste su piattaforme multiple,

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

Esercizi di preparazione alla Seconda Parte

Esercizi di preparazione alla Seconda Parte Esercizi di preparazione alla Seconda Parte Nel compito gli esercizi sulla seconda parte sono del tipo degli esercizi da A a H. Gli altri esercizi sono di ausilio alla comprensione di alcuni argomenti

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Informatica. Fondamenti della Programmazione in Java. Leonardo Vanneschi

Informatica. Fondamenti della Programmazione in Java. Leonardo Vanneschi Informatica Fondamenti della Programmazione in Java Leonardo Vanneschi 1 1. Fondamenti Il primo programma in Java Il programma che stampa a video una sequenza di caratteri (o stringa): class Esempio {

Dettagli

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse Prova Finale a.a. 2011/2012 Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse 1 Java 6 Standard Edition Linguaggio Java (... (javac, Tool di sviluppo Librerie per l'interfaccia grafica Librerie di base Macchina

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Il Package di Input Output

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Il Package di Input Output Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Il Package di Input Output Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli Un esercizio d esame e note sulla gestione dei dati Flavio De Paoli Il testo (Appello 22 ottobre 2001) Una stazione di servizio dispone di n distributori di benzina. I clienti si presentano a uno dei distributori

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

LPR 2005/ 2006 Lezione n.9. Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi

LPR 2005/ 2006 Lezione n.9. Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi LPR 2005/ 2006 Lezione n.9 Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi JAVA 2D PROGRAMMING Schermo : Matrice rettangolare composta

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo Università di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Prof. Giuseppe De Giacomo & Monica Scannapieco Anno Accademico 2003/04 LA FASE DI PROGETTO E

Dettagli

Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che

Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che Capitolo 3. Pesci e Animali Domestici Le Classi di Java Translated by Francesco Orciuoli Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che rappresentano gli oggetti del mondo reale. Sebbene le persone

Dettagli

Tipi astratti di dato e loro realizzazione in Java

Tipi astratti di dato e loro realizzazione in Java Unità 13 Tipi astratti di dato e loro realizzazione in Java Sommario Tipo astratto di dato Specifica di tipi astratti Astrazione di valori e astrazione di entità Realizzazione di tipi astratti in Java

Dettagli

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School Area Sviluppo Web Autore: Alessio Bernardo Revisione: 1 Data: 23/05/13 Titolo: Sviluppo piattaforma e-learning e sviluppo siti web File: Documentazione tecnica Sito:

Dettagli

ESERCITAZIONI SU Java

ESERCITAZIONI SU Java ESERCITAZIONI SU Java PER IL CORSO DI SISTEMI PER L ELABORAZIONE DELL INFORMAZIONE Claudia Picardi Dipartimento di Informatica - C.so Svizzera 185-10149 - Torino Tel. 0116706818 - e-mail: picardi@di.unito.it

Dettagli

Linguaggio Java. Testi consigliati: Linguaggio Java: Semplicità:

Linguaggio Java. Testi consigliati: Linguaggio Java: Semplicità: Testi consigliati: Claudio De Sio Cesari: Manuale di Java 8, Programmazione orientata agli oggetti con Java Standard Edition 8, Hoepli Editore, 2014. Luigi Comi: Java 8 Pocket, Guida compatta alle basi

Dettagli

Programmazione concorrente in Java

Programmazione concorrente in Java Programmazione concorrente in Java Multithreading in Java Ogni thread e un oggetto, creato come istanza della classe java.lang.thread La classe Thread contiene tutti i metodi per gestire i threads L utente

Dettagli

Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo.

Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo. Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo. public abstract class FiguraPiana2{ private double base; public FiguraPiana2(double

Dettagli