Introduzione alla Progettazione per Componenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alla Progettazione per Componenti"

Transcript

1 Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica II

2 Introduzione alla Programmazione per Componenti Obiettivo del Corso Introdurre e Preparare allo Sviluppo di Progetti Software Reali Presupposti al corso sono: Familiarità con almeno un linguaggio di Programmazione (Il riferimento è il linguaggio C) Familiarità con il concetto di Struttura Dati e di Allocazione/Occupazione della Memoria Familiarità con il concetto di Funzione (Importante) Capacità di implementare semplici algoritmi e di racchiuderli all interno di funzioni riutilizzabili A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

3 Il Progetto Software Reale Un Progetto Software Reale Rispetto ad un semplice esercizio di programmazione un Progetto Software Reale ha Dimensioni Significativamente Superiori. Queste dimensioni comportano : Più Funzioni da implementare, Più Codice di Programmazione Più Giorni per lo Sviluppo, Più Persone coinvolte Più Tecnologie per soddisfare esigenze diverse che cooperano tra di loro nello stesso Sistema Informatico A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

4 Il Progetto Software Reale Più Funzioni da implementare, Più Codice di Programmazione E necessarrio scomporre i problemi più complessi, cercando di affrontarne una parte per volta Le funzionalità di un Sistema Informatico devono essere organizzate in categorie e raccolte in gruppi Coesione Termine, importantissimo, utilizzato per indicare che un insieme di funzionalità stanno bene insieme Componente (Definizione Generale) Un insieme di funzioni, quanto più possibile coese. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

5 Il Progetto Software Reale Più Giorni per lo Sviluppo, Più Persone coinvolte Non è facile ricordare quel che si è fatto a distanza di tempo Non è facile capire ciò che è stato fatto da altri Non è facile coordinare adeguatamente lo sforzo di più persone In presenza di queste limitazioni si commettono molti errori Versione Il codice aumenta progressivamente nel tempo, e vengono generate versioni successive contenenti un numero crescente di funzionalità Condivisione di Codice Si usano strumenti e specifiche modalità di lavoro per rendere più semplice la Condivisione del Codice tra gli sviluppatori di un Progetto Modello di Sviluppo Insieme di passi che scelgo di seguire per coordinare lo sviluppo del codice A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

6 Il Progetto Software Reale Più Tecnologie per soddisfare esigenze diverse Porzioni differenti dello stesso Sistema Informatico possono essere scritte in linguaggi differenti Il Sistema può utilizzare strumenti di natura differente (accessori, stampanti, schermi, casse...). Architettura Applicativa Struttura di una Applicazione che deve integrare tra di loro componenti scritti in linguaggi differenti o destinati all interazione con specifiche categorie di strumenti. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

7 Il Componente Software Il Componente Software Componente (Definizione Generale) Un insieme di funzioni, quanto più possibile coese. La coesione è un concetto difficile da misurare in generale. Le caratteristiche desiderate di un insieme coeso di funzioni sono: Riusabilità : una volta che il componente è stato realizzato, può essere usato in più situazioni, per rispondere alle stesse esigenze Chiusura : il componente DEVE essere riutilizzabile senza che ci sia bisogno di ritoccare il codice Comprensibilità : il nome di un componente è rappresentativo delle funzionalità che offre; le funzioni presenti nel componente non devono indurre a confusione Ricercabilità : di fronte ad un vasto insieme di componenti riutilizzabili, deve essere semplice trovare quello giusto al momento giusto (diretta conseguenza della Comprensibilità) A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

8 Il Componente Software Il Componente Software deve essere : Progettato : deve essere chiaro quale insieme di funzionalità il componente rappresenta. Sviluppato Validato : la validazione è il processo con il quale valuto un componente e ne verifico il funzionamento, il che implica l esecuzione di Test e la correzione di eventuali errori di codifica Riutilizzabile : deve possibile utilizzare il componente in un numero differente di circostanze senza che ci sia bisogno di rifare tutto ogni volta Documentato : deve facile accedere alle informazioni relative al componente, in modo da favorirne il riutilizzo A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

9 Il Componente Software Un Esempio : i componenti in Elettronica Una Azienda di MicroElettronica produce memorie per processori. Ogni unità di memoria deve fornire una serie di connettori fisici sui quali si implementano queste importanti funzionalità: Allocazione e Deallocazione della memoria Lettura Scrittura L Azienda ha un obiettivo: consentire un uso flessibile di memorie diverse da parte dei consumatori A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

10 Il Componente Software L Azienda di MicroElettronica introduce il concetto di interfaccia elettronica per le sue memorie, rendendo uniforme la comunicazione Più in generale: L esempio delle memorie è solo uno dei tanti esempi di Interfacciamento Digitale. Si pensi alle Porte USB (è possibile connettere dispositivi molto differenti). O ai connettori per i monitor (è possibile connettere monitor con caratteristiche e risoluzioni diverse allo stesso PC). A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

11 Il Componente Software Nel nostro esempio, la Memoria è un Componente La Memory Inc. progetterà dei Modelli di Memoria ( quello da 256 Mb, quello da 512 Mb...). Per ogni modello, verranno messe in commercio diverse unità Quando parliamo di Componenti Software vogliamo delle unità software con proprietà simili, in modo tale che: I programmi si costruiscano connettendo fra loro i Componenti Software sulle loro Interfacce Interfacce che devono essere quanto più generiche possibile (come per le porte USB), per semplificare i meccanismi di connessione Ogni componente viene prodotto (o meglio istanzianziato, allocato...) in molte unità sulla base della descrizione fornita dal suo Modello. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

12 Il Componente Software Modularità, Gerarchia e Strutturazione dei Componenti Tutti i componenti Software hanno una Interfaccia, che deve essere nota per poter sfruttare il componente. Non è invece necessario conoscere i dettagli dell implementazione del componente stesso. Funzione Una Funzione è un Componente Software che implementa un singolo algoritmo. Al variare dei parametri, fornisce in modo deterministico risultati differenti. L Interfaccia è la firma della funzione. Libreria Una Libreria è un Componente Software composto di solito da un insieme molto ampio di funzioni e strutture dati. Le librerie sono di solito meno coese di altri Componenti Software. L Interfaccia è l insieme delle firme delle funzioni. Pacchetto Un Pacchetto è un Componente Software composito che raccoglie al suo interno altri Componenti Software. L Interfaccia è data dalla descrizione delle interfacce di tutti i componenti software appartenenti al pacchetto. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

13 La Programmazione Ad Oggetti La Programmazione ad Oggetti La Programmazione ad Oggetti introduce un nuovo tipo di Componente Software, l Oggetto. Un Oggetto è: Una struttura dati a cui possono essere associate delle particolari funzioni dette Metodi I Metodi hanno accesso diretto agli Attributi, per cui una chiamata ad un Metodi fornisce un risultato che cambia al cambiare del valore degli Attributi. Inoltre gli Oggetti rendono pratici alcuni concetti precedentemente visti: Un Oggetto deve essere progettato, ovvero devono essere definiti gli Attributi ed i Metodo di cui è composto. Il progetto di un Oggetto è detto Classe Data una Classe, è possibile instanziare tutti gli Oggetti che si desiderano. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

14 La Programmazione Ad Oggetti La Programmazione ad Oggetti nei Linguaggi di Programmazione Esistono, tipicamente, due approcci buoni alla Sviluppo Software. L approccio basato sul Funzioni e Librerie L approccio basato sul Oggetti e Pacchetti (che struttura i componenti in modo ) Questi due approcci vengono solitamente banalizzati come Programmazione Non ad Oggetti e Programmazione ad Oggetti, ma sono due validi approcci da considerare più o meno buoni a seconda delle circostanze. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

15 La Programmazione Ad Oggetti E inolte opinione comune associare alcuni Linguaggi di Programmazione alla Programmazione Non ad Oggetti ed altri alla Programmazione ad Oggetti. Questo corso si basa su un presupposto importantissimo: Nessun Linguaggio di Programmazione E (o Non E ) ad Oggetti I Linguaggio di Programmazione offrono più o meno strumenti Questo rende un linguaggio più o meno adatto allo sviluppo di una tipologia di componenti Ogni linguaggio però consente lo sviluppo di componenti di ogni tipo, con eventuali difficoltà Per Programmare Senza gli Oggetti bisogna comunqe imparare a fare buone Librerie Per Programmare Ad Oggetti bisogna comunqe imparare a fare buoni Oggetti e a comporli adeguatamente in Pacchetti A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

16 La Programmazione Ad Oggetti I Linguaggi C e C++ Il linguaggio C++ è il linguaggio che aggiunge al C svariati strumenti utili alla Programmazione ad Oggetti. Opinioni diffuse sui Linguaggi C e C++ Il C è difficile. Il C++ è difficilissimo. La verità: sono due linguaggi con strumenti meno semplici da usare rispetto ad altri, percui è richiesta maggiore competenza. Il C non è ad oggetti. Il C++ è un casino, perché fa tutto. La verità: Il C++ ha strumenti molto più adatti per la programmazione ad oggetti, ma non perfetti, e bisogna saperli usare. Il Codice scritto in C++ è veloce. Il codice scritto in C è velocissimo. La verità: il linguaggio contribuisce solo in parte ai tempi di esecuzione, perché il contributo maggiore è dato dalla corretta scelta degli algoritmi. La scelta corretta di un algoritmo diventa più difficile quando il linguaggio è più difficile da usare. Il C++ è storicamente un linguaggio molto importante per i contributi che ha fornito nell identificare strumenti adeguati alla programmazione ad oggetti. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

17 La Programmazione Ad Oggetti Il linguaggio Java Nasce durante gli anni 90, con l intento di : superare i limiti del C++ favorire lo sviluppo di software per il Web Tre importanti caratteristiche: Portabilità Robustezza Orientato agli Oggetti Il Linguaggio Java è il linguaggio che ha dato i maggiori contributi alla teoria della Programmazione ad Oggetti e della Programmazione per Componenti software. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

18 La Programmazione Ad Oggetti Java e Portabilità : la Java Virtual Machine Come per il linguaggio C, il codice Java viene compilato. Il risultato del processo di compilazione è un insieme di file.class I.class non sono scritti in linguaggio macchina La Java Virtual Machine Lanciando una Macchina Virtuale Java si può interpretare i.class. La Macchina Virtuale Java è un programma. E possibile eseguire i.class su qualsiasi sistema operativo per il quale esista una Macchina Virtuale Java. Per questi motivi Java è anche detto linguaggio interpretato. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

19 La Programmazione Ad Oggetti Java e Robustezza : la Java Virtual Machine Nell epoca di massimo sviluppo del linguaggio C++, era noto che la difficoltà maggiore degli sviluppatori stava nella gestione della memoria (allocazione e deallocazione) Sbagliare in questo compito comporta due grossi rischi: Segmentation Fault (Facile da riscontrare, non da risolvere) Saturazione della Memoria (Molto più difficile da rilevare) Per far fronte a questi due problemi, Java offre due importanti meccanismi: Il primo problema è risolto con l introduzione delle Eccezioni a Runtime. Il secondo problema è risolto attraverso il Garbage Collector A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

20 La Programmazione Ad Oggetti Java e Robustezza : le Eccezioni Runtime Gestione delle Eccezioni La Gestione delle Eccezioni è un importante meccanismo comune a molti linguaggi ad oggetti, caratteristico tra gli altri del linguaggio Java. La Gestione delle Eccezioni consente di regolamentare il comportamento del Software quando si verificano comportamenti eccezionali. Le Eccezioni Runtime (RunTimeException) sono un particolare tipo di eccezione, trattata in modo privilegiato rispetto alle altre. Con le Eccezioni Runtime Java gestisce tutte quelle situazioni comuni del linguaggio che solitamente si tradurrebbero in un segmentation fault. Il vantaggio di usare la Gestione delle Eccezioni per trattare queste situazioni sta nelle informazioni che la Java Virtual Machine fornisce in output quando questi problemi si verificano. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

21 La Programmazione Ad Oggetti Java e Robustezza : il Garbage Collector Per far fronte al secondo problema, Java introduce il Garbage Collector: Responsabile dell allocazione della memoria Mantiene una mappa di tutti i puntatori alle aree di memoria utilizzate. Dealloca automaticamente le aree di memoria non più utilizzate. Di fatto: il programmatore non alloca, non dealloca e i puntatori nemmeno li vede. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

Riferimenti ed Oggetti

Riferimenti ed Oggetti Riferimenti e oggetti Riferimenti ed Oggetti In non si possono definire variabili di tipo oggetto ma solo di tipo riferimento a oggetto. I riferimenti sono assimilabili ai tipi base. Allocazione statica

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Perché un software gestionale?

Perché un software gestionale? Gestionale per stabilimenti balneari Perché un software gestionale? Organizzazione efficiente, aumento della produttività, risparmio di tempo. Basato sulle più avanzate tecnologie del web, può essere installato

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning.

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. Per collegare un iphone con connettore Lightning ad SPH-DA100 AppRadio e

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Fig. 1 - L apparato radio CNR2000

Fig. 1 - L apparato radio CNR2000 EO ESCLUSIVA L articolo descrive la strategia seguita nella progettazione e realizzazione della funzionalità di Frequency Hopping per un apparato radio preesistente: la radio tattica CNR2000, di produzione

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Compilazione con WinEdt

Compilazione con WinEdt Luciano Battaia Sommario Guida rapida ed elementare ai diversi modi di compilazione di un file L A TEX, usando WinEdt, con alcune indicazioni di base sui formati immagine supportati. Gli output standard

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX ADATTATO PER QUALSIASI APPLICAZIONE DISPOSITIVI PORTATILI DI PEPPERL+FUCHS SICUREZZA INTRINSECA I lettori

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

IL TUO CLIENTE È SEMPRE PIÙ VICINO. internet & trading. 70125 BARI V.le Borsellino e Falcone, 17 Tel. 080 5015538 Fax 080 5019726 info@initweb.

IL TUO CLIENTE È SEMPRE PIÙ VICINO. internet & trading. 70125 BARI V.le Borsellino e Falcone, 17 Tel. 080 5015538 Fax 080 5019726 info@initweb. IL TUO CLIENTE È SEMPRE PIÙ VICINO W W W. W E B C L I E N T. I T 0 2. P R I M A N O T A : I N F O & O P E R A T I V I T À 0 4. P R I M A N O T A : L E S T A M P E 0 5. F A T T U R A Z I O N E : I N F O

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Unico. Completo. Compatibile. highlights unico CELOS di DMG MORI dall idea al prodotto finito. Le APP CELOS consentono all utente di gestire, documentare e

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

Gestione Gas Metano. Inoltre sono state implementate funzioni come la gestione dei clienti idonei e la domiciliazione bancaria delle bollette.

Gestione Gas Metano. Inoltre sono state implementate funzioni come la gestione dei clienti idonei e la domiciliazione bancaria delle bollette. Gestione Gas Metano Introduzione Il bisogno di rispondere in maniera più efficace ed efficiente alle esigenze degli utenti, al continuo cambiamento delle normative e all incessante rinnovamento tecnologico

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees Attività 9 La città fangosa Minimal Spanning Trees Sommario la nostra società ha molti collegamenti in rete: la rete telefonica, la rete energetica, la rete stradale. Per una rete in particolare, ci sono

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli