Introduzione alla Progettazione per Componenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alla Progettazione per Componenti"

Transcript

1 Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica II

2 Introduzione alla Programmazione per Componenti Obiettivo del Corso Introdurre e Preparare allo Sviluppo di Progetti Software Reali Presupposti al corso sono: Familiarità con almeno un linguaggio di Programmazione (Il riferimento è il linguaggio C) Familiarità con il concetto di Struttura Dati e di Allocazione/Occupazione della Memoria Familiarità con il concetto di Funzione (Importante) Capacità di implementare semplici algoritmi e di racchiuderli all interno di funzioni riutilizzabili A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

3 Il Progetto Software Reale Un Progetto Software Reale Rispetto ad un semplice esercizio di programmazione un Progetto Software Reale ha Dimensioni Significativamente Superiori. Queste dimensioni comportano : Più Funzioni da implementare, Più Codice di Programmazione Più Giorni per lo Sviluppo, Più Persone coinvolte Più Tecnologie per soddisfare esigenze diverse che cooperano tra di loro nello stesso Sistema Informatico A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

4 Il Progetto Software Reale Più Funzioni da implementare, Più Codice di Programmazione E necessarrio scomporre i problemi più complessi, cercando di affrontarne una parte per volta Le funzionalità di un Sistema Informatico devono essere organizzate in categorie e raccolte in gruppi Coesione Termine, importantissimo, utilizzato per indicare che un insieme di funzionalità stanno bene insieme Componente (Definizione Generale) Un insieme di funzioni, quanto più possibile coese. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

5 Il Progetto Software Reale Più Giorni per lo Sviluppo, Più Persone coinvolte Non è facile ricordare quel che si è fatto a distanza di tempo Non è facile capire ciò che è stato fatto da altri Non è facile coordinare adeguatamente lo sforzo di più persone In presenza di queste limitazioni si commettono molti errori Versione Il codice aumenta progressivamente nel tempo, e vengono generate versioni successive contenenti un numero crescente di funzionalità Condivisione di Codice Si usano strumenti e specifiche modalità di lavoro per rendere più semplice la Condivisione del Codice tra gli sviluppatori di un Progetto Modello di Sviluppo Insieme di passi che scelgo di seguire per coordinare lo sviluppo del codice A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

6 Il Progetto Software Reale Più Tecnologie per soddisfare esigenze diverse Porzioni differenti dello stesso Sistema Informatico possono essere scritte in linguaggi differenti Il Sistema può utilizzare strumenti di natura differente (accessori, stampanti, schermi, casse...). Architettura Applicativa Struttura di una Applicazione che deve integrare tra di loro componenti scritti in linguaggi differenti o destinati all interazione con specifiche categorie di strumenti. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

7 Il Componente Software Il Componente Software Componente (Definizione Generale) Un insieme di funzioni, quanto più possibile coese. La coesione è un concetto difficile da misurare in generale. Le caratteristiche desiderate di un insieme coeso di funzioni sono: Riusabilità : una volta che il componente è stato realizzato, può essere usato in più situazioni, per rispondere alle stesse esigenze Chiusura : il componente DEVE essere riutilizzabile senza che ci sia bisogno di ritoccare il codice Comprensibilità : il nome di un componente è rappresentativo delle funzionalità che offre; le funzioni presenti nel componente non devono indurre a confusione Ricercabilità : di fronte ad un vasto insieme di componenti riutilizzabili, deve essere semplice trovare quello giusto al momento giusto (diretta conseguenza della Comprensibilità) A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

8 Il Componente Software Il Componente Software deve essere : Progettato : deve essere chiaro quale insieme di funzionalità il componente rappresenta. Sviluppato Validato : la validazione è il processo con il quale valuto un componente e ne verifico il funzionamento, il che implica l esecuzione di Test e la correzione di eventuali errori di codifica Riutilizzabile : deve possibile utilizzare il componente in un numero differente di circostanze senza che ci sia bisogno di rifare tutto ogni volta Documentato : deve facile accedere alle informazioni relative al componente, in modo da favorirne il riutilizzo A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

9 Il Componente Software Un Esempio : i componenti in Elettronica Una Azienda di MicroElettronica produce memorie per processori. Ogni unità di memoria deve fornire una serie di connettori fisici sui quali si implementano queste importanti funzionalità: Allocazione e Deallocazione della memoria Lettura Scrittura L Azienda ha un obiettivo: consentire un uso flessibile di memorie diverse da parte dei consumatori A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

10 Il Componente Software L Azienda di MicroElettronica introduce il concetto di interfaccia elettronica per le sue memorie, rendendo uniforme la comunicazione Più in generale: L esempio delle memorie è solo uno dei tanti esempi di Interfacciamento Digitale. Si pensi alle Porte USB (è possibile connettere dispositivi molto differenti). O ai connettori per i monitor (è possibile connettere monitor con caratteristiche e risoluzioni diverse allo stesso PC). A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

11 Il Componente Software Nel nostro esempio, la Memoria è un Componente La Memory Inc. progetterà dei Modelli di Memoria ( quello da 256 Mb, quello da 512 Mb...). Per ogni modello, verranno messe in commercio diverse unità Quando parliamo di Componenti Software vogliamo delle unità software con proprietà simili, in modo tale che: I programmi si costruiscano connettendo fra loro i Componenti Software sulle loro Interfacce Interfacce che devono essere quanto più generiche possibile (come per le porte USB), per semplificare i meccanismi di connessione Ogni componente viene prodotto (o meglio istanzianziato, allocato...) in molte unità sulla base della descrizione fornita dal suo Modello. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

12 Il Componente Software Modularità, Gerarchia e Strutturazione dei Componenti Tutti i componenti Software hanno una Interfaccia, che deve essere nota per poter sfruttare il componente. Non è invece necessario conoscere i dettagli dell implementazione del componente stesso. Funzione Una Funzione è un Componente Software che implementa un singolo algoritmo. Al variare dei parametri, fornisce in modo deterministico risultati differenti. L Interfaccia è la firma della funzione. Libreria Una Libreria è un Componente Software composto di solito da un insieme molto ampio di funzioni e strutture dati. Le librerie sono di solito meno coese di altri Componenti Software. L Interfaccia è l insieme delle firme delle funzioni. Pacchetto Un Pacchetto è un Componente Software composito che raccoglie al suo interno altri Componenti Software. L Interfaccia è data dalla descrizione delle interfacce di tutti i componenti software appartenenti al pacchetto. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

13 La Programmazione Ad Oggetti La Programmazione ad Oggetti La Programmazione ad Oggetti introduce un nuovo tipo di Componente Software, l Oggetto. Un Oggetto è: Una struttura dati a cui possono essere associate delle particolari funzioni dette Metodi I Metodi hanno accesso diretto agli Attributi, per cui una chiamata ad un Metodi fornisce un risultato che cambia al cambiare del valore degli Attributi. Inoltre gli Oggetti rendono pratici alcuni concetti precedentemente visti: Un Oggetto deve essere progettato, ovvero devono essere definiti gli Attributi ed i Metodo di cui è composto. Il progetto di un Oggetto è detto Classe Data una Classe, è possibile instanziare tutti gli Oggetti che si desiderano. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

14 La Programmazione Ad Oggetti La Programmazione ad Oggetti nei Linguaggi di Programmazione Esistono, tipicamente, due approcci buoni alla Sviluppo Software. L approccio basato sul Funzioni e Librerie L approccio basato sul Oggetti e Pacchetti (che struttura i componenti in modo ) Questi due approcci vengono solitamente banalizzati come Programmazione Non ad Oggetti e Programmazione ad Oggetti, ma sono due validi approcci da considerare più o meno buoni a seconda delle circostanze. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

15 La Programmazione Ad Oggetti E inolte opinione comune associare alcuni Linguaggi di Programmazione alla Programmazione Non ad Oggetti ed altri alla Programmazione ad Oggetti. Questo corso si basa su un presupposto importantissimo: Nessun Linguaggio di Programmazione E (o Non E ) ad Oggetti I Linguaggio di Programmazione offrono più o meno strumenti Questo rende un linguaggio più o meno adatto allo sviluppo di una tipologia di componenti Ogni linguaggio però consente lo sviluppo di componenti di ogni tipo, con eventuali difficoltà Per Programmare Senza gli Oggetti bisogna comunqe imparare a fare buone Librerie Per Programmare Ad Oggetti bisogna comunqe imparare a fare buoni Oggetti e a comporli adeguatamente in Pacchetti A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

16 La Programmazione Ad Oggetti I Linguaggi C e C++ Il linguaggio C++ è il linguaggio che aggiunge al C svariati strumenti utili alla Programmazione ad Oggetti. Opinioni diffuse sui Linguaggi C e C++ Il C è difficile. Il C++ è difficilissimo. La verità: sono due linguaggi con strumenti meno semplici da usare rispetto ad altri, percui è richiesta maggiore competenza. Il C non è ad oggetti. Il C++ è un casino, perché fa tutto. La verità: Il C++ ha strumenti molto più adatti per la programmazione ad oggetti, ma non perfetti, e bisogna saperli usare. Il Codice scritto in C++ è veloce. Il codice scritto in C è velocissimo. La verità: il linguaggio contribuisce solo in parte ai tempi di esecuzione, perché il contributo maggiore è dato dalla corretta scelta degli algoritmi. La scelta corretta di un algoritmo diventa più difficile quando il linguaggio è più difficile da usare. Il C++ è storicamente un linguaggio molto importante per i contributi che ha fornito nell identificare strumenti adeguati alla programmazione ad oggetti. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

17 La Programmazione Ad Oggetti Il linguaggio Java Nasce durante gli anni 90, con l intento di : superare i limiti del C++ favorire lo sviluppo di software per il Web Tre importanti caratteristiche: Portabilità Robustezza Orientato agli Oggetti Il Linguaggio Java è il linguaggio che ha dato i maggiori contributi alla teoria della Programmazione ad Oggetti e della Programmazione per Componenti software. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

18 La Programmazione Ad Oggetti Java e Portabilità : la Java Virtual Machine Come per il linguaggio C, il codice Java viene compilato. Il risultato del processo di compilazione è un insieme di file.class I.class non sono scritti in linguaggio macchina La Java Virtual Machine Lanciando una Macchina Virtuale Java si può interpretare i.class. La Macchina Virtuale Java è un programma. E possibile eseguire i.class su qualsiasi sistema operativo per il quale esista una Macchina Virtuale Java. Per questi motivi Java è anche detto linguaggio interpretato. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

19 La Programmazione Ad Oggetti Java e Robustezza : la Java Virtual Machine Nell epoca di massimo sviluppo del linguaggio C++, era noto che la difficoltà maggiore degli sviluppatori stava nella gestione della memoria (allocazione e deallocazione) Sbagliare in questo compito comporta due grossi rischi: Segmentation Fault (Facile da riscontrare, non da risolvere) Saturazione della Memoria (Molto più difficile da rilevare) Per far fronte a questi due problemi, Java offre due importanti meccanismi: Il primo problema è risolto con l introduzione delle Eccezioni a Runtime. Il secondo problema è risolto attraverso il Garbage Collector A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

20 La Programmazione Ad Oggetti Java e Robustezza : le Eccezioni Runtime Gestione delle Eccezioni La Gestione delle Eccezioni è un importante meccanismo comune a molti linguaggi ad oggetti, caratteristico tra gli altri del linguaggio Java. La Gestione delle Eccezioni consente di regolamentare il comportamento del Software quando si verificano comportamenti eccezionali. Le Eccezioni Runtime (RunTimeException) sono un particolare tipo di eccezione, trattata in modo privilegiato rispetto alle altre. Con le Eccezioni Runtime Java gestisce tutte quelle situazioni comuni del linguaggio che solitamente si tradurrebbero in un segmentation fault. Il vantaggio di usare la Gestione delle Eccezioni per trattare queste situazioni sta nelle informazioni che la Java Virtual Machine fornisce in output quando questi problemi si verificano. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

21 La Programmazione Ad Oggetti Java e Robustezza : il Garbage Collector Per far fronte al secondo problema, Java introduce il Garbage Collector: Responsabile dell allocazione della memoria Mantiene una mappa di tutti i puntatori alle aree di memoria utilizzate. Dealloca automaticamente le aree di memoria non più utilizzate. Di fatto: il programmatore non alloca, non dealloca e i puntatori nemmeno li vede. A. Martinelli Introduzione 6 ottobre / 21

Introduzione al linguaggio Java

Introduzione al linguaggio Java Introduzione al linguaggio Java Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 28 Settembre 2011 Introduzione al linguaggio Java Generalità del Linguaggio Java e Portabilità Java e Robustezza Java

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Marzo 2014 Il Ciclo Lungo Il Versioning e la Condivisione di Codice Organizzazione dei Pacchetti La Modellazione

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

Java? Sì, grazie. Scopo del corso

Java? Sì, grazie. Scopo del corso Modulo di Java? Sì, grazie Il linguaggio di Internet? Portabilità su qualunque piattaforma (non solo calcolatori): It works everywhere Supporto e disponibilità di strumenti, librerie e documentazione garantiti

Dettagli

Approccio stratificato

Approccio stratificato Approccio stratificato Il sistema operativo è suddiviso in strati (livelli), ciascuno costruito sopra quelli inferiori. Il livello più basso (strato 0) è l hardware, il più alto (strato N) è l interfaccia

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

DD 1050i. Terminale di pesatura Serie Diade. Touch screen, mille dati con un dito.

DD 1050i. Terminale di pesatura Serie Diade. Touch screen, mille dati con un dito. DD 1050i Terminale di pesatura Serie Diade Touch screen, mille dati con un dito. Terminale di pesatura Serie Diade DD 1050i DIADE in matematica indica la combinazione di due elementi per raggiungere l

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Riferimenti ed Oggetti

Riferimenti ed Oggetti Riferimenti e oggetti Riferimenti ed Oggetti In non si possono definire variabili di tipo oggetto ma solo di tipo riferimento a oggetto. I riferimenti sono assimilabili ai tipi base. Allocazione statica

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T1 B2 Significato e proprietà della OOP 1 Prerequisiti Concetto ed elementi della comunicazione Allocazione e deallocazione della memoria Compilazione di un programma Spazio

Dettagli

Il.NET Framework. By Dario Maggiari. L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente:

Il.NET Framework. By Dario Maggiari. L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente: Il.NET Framework By Dario Maggiari L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente: Il cuore del.net Framework è costituito dal CLR (Common Language Runtime) che, secondo

Dettagli

Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi. Introduzione

Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi. Introduzione Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi Introduzione Funzionamento di un SO La Struttura di un SO Sistemi Operativi con Struttura Monolitica Progettazione a Livelli di un SO 4.2 1 Introduzione (cont.)

Dettagli

Architettura di un sistema operativo

Architettura di un sistema operativo Architettura di un sistema operativo Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Struttura di un S.O. Sistemi monolitici Sistemi a struttura semplice Sistemi a livelli Virtual Machine Sistemi

Dettagli

Programmazione ad Oggetti. Java Parte I

Programmazione ad Oggetti. Java Parte I Programmazione ad Oggetti Java Parte I Overview Caratteristiche generali 1 Caratteristiche generali Un moderno linguaggio orientato agli oggetti Pensato per lo sviluppo di applicazioni che devono essere

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Il sistema operativo TinyOS

Il sistema operativo TinyOS tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo candidato Giovanni Chierchia Matr. 534 / 804 ::. Obiettivi del lavoro di tesi Studio del sistema operativo TinyOS Studio

Dettagli

Architetture software. Virtualizzazione

Architetture software. Virtualizzazione Sistemi Distribuiti Architetture software 1 Virtualizzazione 2 1 Virtualizzazione (motivazioni) Sullo stesso elaboratore possono essere eseguiti indipendentemente d t e simultaneamente t sistemi i operativi

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Applicazione: Percorso formativo a supporto della dematerializzazione

Applicazione: Percorso formativo a supporto della dematerializzazione Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione documentale Applicazione: Percorso formativo a supporto della dematerializzazione Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI Cristian Randieri Per far fronte alle esigenze di sviluppatori che intendono gestire applicazioni professionali per la domotica e la home building automation sfruttando

Dettagli

Strutture dei Sistemi Operativi

Strutture dei Sistemi Operativi Strutture dei Sistemi Operativi Componenti di sistema Servizi del sistema operativo Chiamate di sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progetto e implementazione di sistemi

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Strutture dei sistemi operativi

Strutture dei sistemi operativi Contenuti della lezione di oggi Strutture dei sistemi operativi Descrizione dei servizi messi a disposizione dell utente dal SO Utente generico Programmatore Esame delle possibili strutture di un SO Monolitica

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0

Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0 Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0 Per rispondere ad aspettative in costante evoluzione e soddisfare la crescente domanda di dispositivi mobili, intelligenti e connessi al cloud, Zebra Technologies ha

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 02 Settembre 2008 06:30 - Ultimo aggiornamento Martedì 10 Maggio 2011 17:15

Scritto da Administrator Martedì 02 Settembre 2008 06:30 - Ultimo aggiornamento Martedì 10 Maggio 2011 17:15 Entrare in un pc è una espressione un po generica...può infatti significare più cose: - Disporre di risorse, quali files o stampanti, condivise, rese fruibili liberamente o tramite password con i ripettivi

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

Programmazione in ambiente

Programmazione in ambiente Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Programmazione in ambiente Android Laura Montanini - laura.montanini@univpm.it Corso di Tecnologie per le TLC 2013-2014

Dettagli

Il Sistema Operativo. Di cosa parleremo? Come si esegue un programma. La nozione di processo. Il sistema operativo

Il Sistema Operativo. Di cosa parleremo? Come si esegue un programma. La nozione di processo. Il sistema operativo Il Sistema Operativo Di cosa parleremo? Come si esegue un programma. La nozione di processo. Il sistema operativo ... ma Cos'è un S.O.? un PROGRAMMA!... ma Cos'è un programma? PROGRAMMA: 1. algoritmo sequenza

Dettagli

Touch screen, mille dati con un dito

Touch screen, mille dati con un dito DD 1050 Terminale di pesatura Serie Diade Touch screen, mille dati con un dito Strumenti e Tecnologie per Pesare Terminale di pesatura Serie Diade DD 1050 DIADE in matematica indica la combinazione di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Informatiche

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Informatiche PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE Monte ore annuo 99 Libro di Testo Barbero, Vaschetto - Corso di Informatica - terzo anno Ed. Pearson SETTEMBRE OTTOBRE Modulo 0 : CODIFICA INFORMAZIONI Rappresentazione

Dettagli

Elementi del calcolatore: CPU

Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Hard Disk Antefatto Sistema Operativo Come il computer appare Il calcolatore

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi

2. Strutture dei Sistemi Operativi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Architettura dei sistemi di database

Architettura dei sistemi di database 2 Architettura dei sistemi di database 1 Introduzione Come si potrà ben capire, l architettura perfetta non esiste, così come non è sensato credere che esista una sola architettura in grado di risolvere

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Gestione della memoria. Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione

Gestione della memoria. Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione Gestione della memoria Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione Modello di paginazione Il numero di pagina serve come indice per la tabella delle pagine. Questa contiene l indirizzo di base

Dettagli

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Corso App modulo Android Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Strumentazione: PC + smartphone Android + cavo micro USB per connessione Framework Phonegap SDK di Android JDK (Java) Eclipse (opzionale)

Dettagli

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro Introduzione alle tecnologie informatiche Strumenti mentali per il futuro Panoramica Affronteremo i seguenti argomenti. I vari tipi di computer e il loro uso Il funzionamento dei computer Il futuro delle

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

La Gestione delle risorse Renato Agati

La Gestione delle risorse Renato Agati Renato Agati delle risorse La Gestione Schedulazione dei processi Gestione delle periferiche File system Schedulazione dei processi Mono programmazione Multi programmazione Gestione delle periferiche File

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

INFORMATICA FINALITA COMPETENZE

INFORMATICA FINALITA COMPETENZE INFORMATICA DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: I G A.S.: 2013-2014 FINALITA L insegnamento di INFORMATICA nel primo biennio si propone di: sostenere efavorire il processo di astrazione stimolando la capacità

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 16/10/2009. Prof. Raffaele Nicolussi

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 16/10/2009. Prof. Raffaele Nicolussi Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 16/10/2009 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via B. Castiglione 59-00142 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Processi Laboratorio Software 2008-2009 Introduzione I calcolatori svolgono operazioni simultaneamente Esempio Compilazione di un programma Invio di un file ad una stampante Visualizzazione di una pagina

Dettagli

Linguaggi 2 e laboratorio

Linguaggi 2 e laboratorio Linguaggi 2 e laboratorio Docente: Leonardo Badia Contatti: leonardo.badia@gmail.com Pagina web del corso: www.unife.it/scienze/informatica/ insegnamenti/linguaggi-2-laboratorio Argomenti del corso: Java

Dettagli

Sistemi di acquisizione dati

Sistemi di acquisizione dati Sistemi di acquisizione dati - 1 Sistemi di acquisizione dati 1 - Configurazioni tipiche Generalità L impiego di tecniche numeriche per la rappresentazione dei segnali consente la successiva elaborazione

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

!"#$%&&'()#*%+%+!"#$"',,'()#*%+ -")%*&'&'+'$.)+-$$%&&) !"#$%&&'(%)'*+%",#-%"#.'%&'#/0)-+#12"+3,)4+56#7+#.')8'9

!#$%&&'()#*%+%+!#$',,'()#*%+ -)%*&'&'+'$.)+-$$%&&) !#$%&&'(%)'*+%,#-%#.'%&'#/0)-+#12+3,)4+56#7+#.')8'9 !"#$%&&'()#*%+%+!"#$"',,'()#*%+ -")%*&'&'+'$.)+-$$%&&)!"#$%&&'(%)'*+%",#-%"#.'%&'#/0)-+#12"+3,)4+56#7+#.')8'9 Slide 1 Paradigmi di Programmazione! Un linguaggio supporta uno stile di programmazione se

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (A-K) Ing. Agnese Pinto 1 di 21 Informazioni utili Ing. Agnese Pinto: Contatti: Laboratorio di Sistemi Informativi (SisInfLab)

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Logic Lab soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE un progetto italiano www.axelsw.it Logic Lab La garanzia e l economia degli standard più diffusi sul mercato LogicLab è un ambiente di sviluppo

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa)

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa) Struttura astratta della memoria Memoria centrale il solo dispositivo di memoria al quale la CPU puo accedere direttamente Memoria secondaria (di massa) Estensione della memoria centrale che fornisce grande

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI

RETI E SISTEMI INFORMATIVI RETI E SISTEMI INFORMATIVI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Ingegneria del Software Progettazione

Ingegneria del Software Progettazione Ingegneria del Software Progettazione Obiettivi. Approfondire la fase di progettazione dettagliata che precede la fase di realizzazione e codifica. Definire il concetto di qualità del software. Presentare

Dettagli

013600 Sistema di supervisione WINMAG

013600 Sistema di supervisione WINMAG 013600 Sistema di supervisione WINMAG L importanza della visualizzazione Nei più moderni impianti di supervisione la parola d ordine è visualizzare con precisione e nel minor tempo possibile gli eveni

Dettagli

Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0

Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0 Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0 Per rispondere ad aspettative in costante evoluzione e soddisfare la crescente domanda di dispositivi mobili, intelligenti e connessi al cloud, Zebra Technologies ha

Dettagli

MAXPRO VMS SISTEMA DI GESTIONE VIDEO. La soluzione completa per l integrazione dei sistemi di sicurezza

MAXPRO VMS SISTEMA DI GESTIONE VIDEO. La soluzione completa per l integrazione dei sistemi di sicurezza MAXPRO VMS SISTEMA DI GESTIONE VIDEO La soluzione completa per l integrazione dei sistemi di sicurezza - Honeywell convoglia le sue vaste competenze e la sua esperienza nel campo dei sistemi di sicurezza

Dettagli

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI SCAMBIO DI MESSAGGI Sia che si guardi al microkernel, sia a SMP, sia ai sistemi distribuiti, Quando i processi interagiscono fra loro, devono soddisfare due requisiti fondamentali:

Dettagli

ECCO A VOI colormunki

ECCO A VOI colormunki TM ECCO A VOI colormunki colormunki photo è il nuovo modo per portare le vostre foto dallo schermo alla stampa creato da x-rite. ColorMunki è la soluzione completa di controllo colore, dotata di un potente

Dettagli

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57 I Indice generale Prefazione viii 1 Il calcolatore: astrazioni e tecnologia 1 1.1 Introduzione 1 Tipi di calcolatore e loro caratteristiche 2 Cosa si può imparare da questo libro 5 1.2 Cosa c è dietro

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Algoritmo per il rilevamento di targhe

Algoritmo per il rilevamento di targhe Algoritmo per il rilevamento di targhe 19 maggio 2008 Nell affrontare il problema del riconoscimento delle targhe sono stati sviluppati due algoritmi che basano la loro ricerca su criteri differenti. Lo

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

INFORMATICA. Corso di Laurea in Scienze dell'educazione

INFORMATICA. Corso di Laurea in Scienze dell'educazione INFORMATICA Corso di Laurea in Scienze dell'educazione Introduzione all Informatica Docente: Mario Alviano Studio: Dipartimento di Matematica Cubo 30B 2 Piano Ricevimento: giovedì 18:30 19:30 (avvisare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO. Opzione Scienze Applicate

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO. Opzione Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO Opzione Scienze Applicate Anno scolastico 2015-2016 Programmazione di Informatica pag. 2 / 8 INFORMATICA - PRIMO BIENNIO OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DELL

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Novità di VMware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011

Novità di VMware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Rete Indice Introduzione.... 3 Monitoraggio e risoluzione dei problemi

Dettagli

APPENDICE A Servlet e Java Server Page

APPENDICE A Servlet e Java Server Page APPENDICE A Servlet e Java Server Page A.1 Cosa è una Servlet e come funziona Una servlet è un particolare tipo di applicazione Java, in grado di essere eseguita all'interno di un web server e di estenderne

Dettagli

Sommario della lezione

Sommario della lezione Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 2 LEZIONE STRUTTURE DEI SISTEMI OPERATIVI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Software di progettazione e configurazione RSLogix 5000

Software di progettazione e configurazione RSLogix 5000 Software di progettazione e configurazione RSLogix 5000 Novità della versione 20 Miglioramenti della versione 20 L ultima versione del software RSLogix 5000 offre un sistema integrato di controllo ad alte

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli