PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA REZZATO DEMOCRATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA REZZATO DEMOCRATICA"

Transcript

1 PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA REZZATO DEMOCRATICA Passione, competenza, onestà CHI SIAMO Rezzato Democratica è una lista civica presente dal 1995 sul territorio, attiva grazie al contributo di molte persone che mettono a disposizione la loro passione, le loro competenze, la loro onestà. Siamo convinti che l Amministrazione locale sia in trincea, la prima istituzione a cui si rivolge il cittadino anche per bisogni per i quali non sempre ci sono tutte le risorse ed i mezzi che si vorrebbe avere. L esperienza maturata in questi anni ci dice che una risposta bisogna sempre darla, attraverso una buona e onesta amministrazione attenta ai bisogni concreti di ciascuno. Per un paese in cui è bello vivere, che mette le persone al centro. Per un paese di diritti, in cui è garantito a tutti il diritto di conoscere, di partecipare, di decidere, di incontrarsi con sicurezza. Per un paese che guarda con ottimismo al futuro, in cui l'opportunità di avere un lavoro dignitoso e di fare impresa vadano insieme alla tutela dell'ambiente e della salute di tutti.

2

3 Per un paese che ha memoria, che crede nell'importanza dell'educazione e della formazione, della conoscenza del territorio e della comunità, per trasmettere il rispetto delle tradizioni culturali e storiche. Per un paese solidale, con servizi di qualità anche per chi è meno garantito, perché un paese a misura dei più deboli è un paese su misura per tutti. Per un paese virtuoso, che considera il proprio territorio e l ambiente in cui viviamo beni preziosi da tutelare, vivere, valorizzare e passare in eredità ai nostri figli e nipoti. Rezzato Democratica è aperta a tutti coloro che credono in questo. Da sempre lavora con trasparenza, ascolta ciò che ciascuno ha da dire, perché crede nell'opinione di tutti. E' una realtà sempre presente e attiva nella vita del paese e non solo in occasione delle elezioni. Rezzato Democratica ha amministrato il nostro paese in questi anni difficili, con concretezza e competenza. Rezzato Democratica è però sempre capace di rinnovarsi, con nuove idee, nuove persone, nuove energie, consapevole che le sfide a cui rispondere cambiano in continuazione e la buona amministrazione è quella che parte da radici solide, ma ha il coraggio di percorrere strade nuove. Davide Giacomini Per un progetto che continua e si rinnova.. Page 3 of 35

4 I PUNTI DEL NOSTRO PROGRAMMA Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito, altrimenti muore Giorgio La Pira Siamo convinti che oggi più che mai il mettersi in gioco per amministrare un paese una città richieda oggi una certa dose di incoscienza e di coraggio, crediamo sia il tempo, oggi più che mai, di avere il coraggio e la forza di promettere solo le cose concrete che si è in grado di realizzare e poi realizzarle. Il programma di Rezzato Democratica pone le sue basi sull esperienza e la conoscenza di vent anni di buona amministrazione a fianco dei cittadini del nostro bel paese, ma ha anche il coraggio di guardare lontano, di proporre nuovi approcci al welfare, una grande attenzione alla mobilità e alla qualità dell ambiente che ci circonda. Mette al primo posta la persona, le sue esigenze, pone l attenzione sul bisogno di lavoro e sul futuro dei nostri giovani, progetta un futuro sostenibile. Ci richiamiamo ai principi fondamentali della Costituzione: l uguaglianza, il lavoro, le pari opportunità, la libertà, la solidarietà, la pari dignità e giustizia sociale, i pari diritti ed i pari doveri. Non promettiamo grandi opere, ma ci impegniamo in prima persona, come si suol dire ci mettiamo la faccia, per valorizzare e migliorare le strutture ed i servizi già esistenti che rendono il nostro comune un paese in cui è bello vivere. Un programma concreto e verificabile perché è facile prendere degli impegni prima e poi dire, ci si rivede tra cinque anni, contando sui vuoti di memoria che tutti noi spesso abbiamo. Se i cittadini rezzatesi ci ridaranno la fiducia dataci negli anni scorsi ci impegniamo ad incontrarli almeno una volta l anno per fare il punto del nostro lavoro, per verificare con loro il lavoro fatto. Vogliamo un paese nel quale ognuno abbia la possibilità di vivere la miglior vita per sé, un paese che sia anche comunità forte, un paese in cui ognuno lavora per renderlo più bello e più giusto. Da soli (forse) si va più veloce, insieme si va più lontano. Page 4 of 35

5 IL TERRITORIO, L'AMBIENTE E IL PAESE IN CUI VOGLIAMO VIVERE Il territorio è una risorsa limitata e non rinnovabile, va perciò trattato con particolare attenzione. Il suolo agricolo è da considerare un bene comune, come l'aria che respiriamo e l'acqua che beviamo. Il paesaggio, sia esso urbano e agricolo, va riscoperto e percepito nella sua natura di patrimonio pubblico, in quanto ambito necessario all'esercizio di diritti di cittadinanza fondamentali come la salute, la mobilità, la socialità. Il nostro territorio porta inoltre i segni della nostra storia ed è una parte fondamentale dell identità di una comunità. Per questo REZZATO DEMOCRATICA vuole dare priorità al territorio, introducendo il principio del Consumo netto di suolo zero, che non significa congelare l infrastruttura urbana, ma consentire la riqualificazione e la rigenerazione urbana di edifici e spazi esistenti, purché questo avvenga a saldo zero. L obiettivo del consumo netto di suolo zero si trasforma così in motore di una nuova stagione di trasformazione urbana, fondata sulla riqualificazione dell esistente e sul ridisegno del territorio. L obiettivo finale è cercare di dividere lo sviluppo urbano dal consumo della risorsa suolo. Proprio perché abbiamo a cuore il nostro territorio, vogliamo prendercene cura con competenza e collaborando con gli Enti a noi vicini (i Comuni confinanti prima di tutti) e con quelli sovraordinati (Regione e, finché ci sarà, Provincia), ma mettendo sempre in chiaro che non accettiamo decisioni calate dall'alto. Altro elemento strettamente connesso al territorio è la sua fruibilità attraverso un sistema di mobilità dolce, formato da una rete di piste ciclopedonali capace di diventare elemento strutturale di un progetto complessivo della viabilità. La mobilità deve essere concepita in primo luogo per assecondare le esigenze delle categorie più vulnerabili: bambini, anziani, disabili, passeggini. Perché sappiamo che un paese a misura dei più deboli è un paese a misura di tutti. Prioritario sarà abbandonare la logica degli interventi per frammenti che conduce a realizzare brevi tratti infrastrutturali non connessi tra di loro. Se c è stato un tempo in cui il concetto di ambiente era inteso come spazi verdi alberi, parchi, giardini e poco più, questo tempo è passato. Oggi affrontare i temi ambientali è soprattutto sapere che modello di sviluppo vogliamo e che tipo di paese abbiamo in mente. La cura e il miglioramento dell'ambiente devono perciò diventare un argomento trasversale, che riguarda tutti i settori e le scelte comunali. Piccole scelte e grandi obiettivi da porsi a medio e lungo termine vanno tenuti insieme, perché ormai sappiamo che occuparsi dell'ambiente non può voler dire solo occuparsi della salute nostra e dei nostri figli, della qualità della vita, ma anche costruire le basi Page 5 of 35

6 per un vero sviluppo sostenibile. Solo uno sviluppo sostenibile può garantire la possibilità di crescita per le nostre aziende e quindi il lavoro. Scelte di sviluppo sostenibile per avere un paese vivibile, che consuma poca energia e inquina di meno, che risparmia denaro, che consente a tutti di muoversi in sicurezza e libertà, che abbia spazi di incontro e socializzazione. Abbiamo bisogno di prenderci cura del nostro patrimonio di strade, edifici, scuole, marciapiedi, lampioni, attrezzature sportive. Il nostro patrimonio, costruito negli anni con il sacrificio di tutti i rezzatesi, va mantenuto funzionale e migliorato, per restare sempre al passo con le esigenze dei cittadini, di questo i lavori pubblici devono occuparsi con assoluta priorità. Sappiamo che i tempi delle grandi opere sono finiti ed ogni euro va utilizzato con grande attenzione in ciò che più serve e perciò faremo sempre una attenta analisi dei bisogni reali. Questi sono i principi che ci guidano e che ci portano a prendere gli impegni che seguono. Urbanistica e territorio Un paese più bello dove vivere e lavorare 1. Consumo netto di suolo zero e tutela delle aree agricole e collinari. Eventuali risposte puntuali ad esigenze delle attività produttive potranno essere previste solo a fronte del recupero di aree dismesse o al ripristino della destinazione agricola o a verde di porzioni di territorio edificate o edificabili. 2. Saranno attuate le regole già approvate nel PGT e nel Regolamento edilizio sostenibile che favoriscono il risparmio energetico, la riduzione dei consumi d'acqua, la bioedilizia (ad esempio già ora le nuove costruzioni a Rezzato devono essere come minimo in classe energetica B). Queste previsioni saranno da tenere aggiornate al progresso tecnico, verificandone l'applicazione e puntando sempre ad una qualità maggiore. 3. Sarà incentivato il recupero dell esistente in particolare favorendo i centri storici. Il primo modo per favorire la ristrutturazione è il consumo netto di suolo zero, orientando il mercato al recupero degli edifici esistenti, continuando la strada, già intrapresa, della riduzione degli oneri di urbanizzazione. 4. Studieremo la possibilità di creare gruppi di acquisto, sul modello dei Gruppi Acquisto Fotovoltaico creati con successo negli scorsi anni, per aiutare i cittadini ad acquistare a prezzi ridotti materiali e servizi legati alle ristrutturazioni ambientalmente sostenibili. 5. Sarà incentivato il ricollocamento di attività produttive non più compatibili con il contesto, come centri storici o zone di riconosciuto valore paesaggistico. Alcune attività produttive, se trasferite, riqualificherebbero valorizzando aree strategiche del paese: questo è il tipico esempio del criterio consumo netto di suolo zero che intendiamo attuare. 6. Sarà migliorata la percezione dei centri storici attraverso un Piano del colore che regolamenti l aspetto cromatico e materico delle facciate degli edifici. Avere centro storici più belli vuole dire renderli più attrattivi, quindi favorirne il ripopolamento e la vitalità, con benefici anche sul commercio di vicinato. Page 6 of 35

7 7. Sarà esercitata una politica di controllo e programmazione dei lavori nel Comparto 1 per rendere da subito vivibile questo nuovo quartiere, anche attraverso iniziative spontanee, in modo da mitigare l effetto cantiere che durerà alcuni anni. La decisione di costruire questo quartiere è di molti anni fa e non è più possibile tornare indietro, ma è importante che qui si insedino famiglie che si sentano accolte nella comunità e che questa zona diventi parte viva del paese da subito e non periferia della città. Per questo sarà importante favorire anche qui l'insediamento di servizi pubblici, utilizzando in particolare le aree di proprietà comunale. 8. Saranno trovati nuovi spazi ed occasioni per l'housing sociale, utilizzando edifici esistenti ed aree già edificabili e contemporaneamente sfavorire gli immobili sfitti, per aiutare tutti a trovare una casa a prezzi sostenibili ed evitare che i figli dei rezzatesi debbano essere costretti ad allontanarsi. 9. Saranno sviluppati strumenti per favorire la rimozione e lo smaltimento dell amianto a costi ridotti (es. convenzioni per avere prezzi scontati). Un territorio in sicurezza E necessario preparare un piano complessivo di interventi per la sicurezza idrogeologica ed evitare così il rischio di allagamenti, in particolare per il Rino Musia al confine con Botticino e per il Rino di Virle. Per Virle, oltre alla briglia selettiva già costruita negli anni passati, è stato recentemente fatto uno studio per quantificare quanta acqua si possa aspettare venga al massimo e così potere dimensionare le opere necessarie. Sarà quindi possibile costruire una vasca di laminazione a monte del paese, che contenga l'acqua in eccesso in caso di forti piogge. Il progetto complessivo sarà da attuare per stralci e potrà portare ad eliminare il rischio di allagamenti e quindi togliere i vincoli che gravano in particolare sul centro di Virle in base al Piano di Assetto Idrogeologico (PAI). Proseguirà contemporaneamente l'opera di pulizia e manutenzione dei corsi d acqua, con la preziosa collaborazione del gruppo di protezione civile e dei volontari. Mobilità Spostamenti a misura di persona 1. Sarà favorita la mobilità dolce, ossia quella di ciclisti e pedoni, dando priorità all estensione, alla messa in sicurezza ed alla connessione della rete di piste ciclopedonali sviluppando un vero e proprio piano della mobilità ciclistica. Alcuni dei tratti su cui è importante intervenire sono sicuramente: la pista esistente di via De Gasperi da rendere più sicura e completare nell'ultimo tratto della via nel territorio di Virle; via Valverde dove trovare una soluzione per mettere in sicurezza bici e pedoni; il collegamento dalla zona di Treponti (sistemare il bordo della ex statale fino al territorio di Mazzano e insistere per realizzare il ponte cicplopedonale tra via Lithos e via Naviglio previsto dal PGT). 2. Sarà posizionata una segnaletica dedicata ai ciclisti, per indicare i percorsi e favorirne così l uso. 3. Sarà favorita la mobilità ciclistica anche attraverso punti di sosta per biciclette nei luoghi pubblici principali (parchi, fermate pullman, ecc.) e attraverso un bando per finanziare la posa di rastrelliere anche da parte di pubblici esercizi ed attività commerciali. Page 7 of 35

8 4. Dialogheremo con gli enti competenti per fare uno studio di fattibilità ed un progetto per l'estensione della metropolitana fino a Rezzato, con modalità che non impattino negativamente sul traffico locale, come ad esempio l'allungamento oltre il nostro paese o l'integrazione con la linea ferroviaria. 5. In attesa di verificare l'estensione della metropolitana sarà necessario favorire il collegamento tra il nostro paese e la fermata di Buffalora. Sarà creato un collegamento ciclabile tra Rezzato ed il capolinea della metropolitana in via Serenissima, secondo gli accordi già stabiliti con il Comune di Brescia su sollecito della nostra Amministrazione. 6. Sarà riqualificata piazza Vantini con inserimento di un arredo urbano funzionale al luogo, dopo avere fatto un piano complessivo dei parcheggi nel centro storico di Rezzato. Vogliamo rendere la piazza ed il centro più vivi, in modo da essere punto di incontro ed attrazione, con benefici anche per gli esercizi commerciali della zona. 7. Si proseguirà negli interventi per l'eliminazione delle barriere architettoniche. Il tavolo di lavoro Diversidachi ha fatto un importante lavoro di censimento dei punti in cui è necessario intervenire, che sarà utilizzato per programmare i lavori. 8. Sarà valutata la pedonalizzazione del tratto di strada antistante alcune scuole, negli orari di ingresso/uscita, per migliorare la sicurezza dei nostri bambini. 9. Sarà ancora di più sollecitato il corpo di Polizia Municipale a sanzionare l inciviltà dei cittadini automobilisti che non rispettano l utente debole (es. parcheggi su piste ciclabili, nelle aree di sosta destinate ai disabili o marciapiedi, ecc.). 10. E' importante favorire da un lato, la deviazione del flusso veicolare di attraversamento verso la tangenziale anziché congestionare l ex-statale (ad esempio coordinando meglio la cartellonistica stradale, con divieti per i mezzi pesanti) e dall'altro verso la ex Statale anziché sull'asse via Leonardo/via IV Novembre/via Scalabrini/via Almici (ad esempio con azioni di moderazione del traffico traffic calming in via Scalabrini, anche per risolvere i problemi di circolazione in questa zona). 11. Saranno fatti interventi per rallentare le auto su via Gardesana (alcuni lavori di riqualificazione della via già sono previsti e inizieranno entro l estate) e per mettere in sicurezza l'incrocio così detto del Put dei Och. 12. Sarà proseguito il censimento della mobilità ciclistica iniziato lo scorso anno grazie ai volontari e sarà rafforzata la collaborazione con la Federazione Amici della Bicicletta-FIAB. E' importante verificare con numeri alla mano se gli interventi fatti funzionano o meno, così che al termine dei cinque anni di amministrazione si saprà di preciso di quanto è aumentato il numero di ciclisti nel nostro paese. 13. Sarà instaurato un dialogo più stretto con il Comune di Brescia, Brescia Trasporti e la futura Agenzia del Trasporto Pubblico Locale per ottimizzare i collegamenti degli autobus e favorire l integrazione tariffaria. 14. Si continuerà nel coinvolgimento del mondo dell associazionismo nella riqualificazione di percorsi naturalistici sulle nostre colline ed in campagna. 15. Si riprenderà l idea del Pedibus, che può aiutare i bambini e ragazzi ad andare a scuola a piedi in sicurezza. L Italia è infatti una delle nazioni europee con la minore percentuale di bambini che va a scuola non accompagnato in auto dai genitori: crediamo che aiutare le famiglie in questo campo sia un progresso sociale ed educativo per tutti. Page 8 of 35

9 Cave Tutelare e valorizzare il nostro territorio. 1. Saranno attuate politiche che disincentivino la concessione di nuove autorizzazioni a cave di sabbia e ghiaia, attraverso il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini e del mondo dell associazionismo. Purtroppo la competenza di autorizzazione è della Regione e della Provincia, che spesso in passato hanno ignorato la voce del Comune, ma continueremo a dire la nostra in modo forte e chiaro. 2. Nelle cave di monte, è necessario puntare alla riduzione delle polveri e dei rumori, oltre che ad un effettivo recupero graduale delle aree utilizzate. La vicinanza alle case di Virle è infatti fonte di disagi, che vanno ridotti per consentire una convivenza serena con queste attività. 3. Saranno fatti controlli periodici sulle attività di cava, sia di pianura che di monte, per garantire che siano rispettate tutte le norme e le prescrizioni. Questa è l'unica competenza diretta del Comune in materia di cave e intendiamo esercitarla in modo rigoroso ed equo. 4. Si punterà a recuperare le cave di monte valorizzando gli aspetti naturalistici e la fruizione pubblica, in particolare delle famiglie e per arrampicata, anche in collaborazione con il Parco delle Colline. Sarà completato il recupero dell area della Corna Rossa, già iniziato con i lavori per la messa in sicurezza della parete, rendendola utilizzabile per i rocciatori, ma anche come area di svago o picnic e utilizzabile per eventi musicali o culturali. Sarà completato anche il recupero della ex cava del Monte Fieno. Come già previsto dal PGT, si punterà a rendere pubblica l'area della suggestiva ex cava Burgazzi nella zona della Sessa per farla diventare fruibile e per evitare qualsiasi rischio di edificazione futura o di altri progetti non compatibili. 5. Ci attiveremo per il recupero delle area delle cave cessate di sabbia (ATEg25) e le discariche di inerti esistenti, con finalità naturalistiche o di fruizione leggera (sul modello del parco delle cave). E importante che queste aree, che sono state sfruttate intensamente, tornino ad una condizione di prevalente naturalità e siano restituite ai cittadini, senza l insediamento di ulteriori attività impattanti. Per questo insisteremo con i proprietari e con la Provincia, che è l'autorità competente. Lavori pubblici Luoghi e spazi pubblici di qualità per i bisogni dei cittadini. Funzionalità, risparmio energetico, lungimiranza. 1. L illuminazione merita un paragrafo interamente dedicato ad essa, che segue più avanti. 2. Punteremo alla manutenzione puntuale, anche minuta, di strade, edifici, ecc. perché così facendo si tengono in buono stato, spendendo di meno complessivamente. I piccoli interventi sono meno visibili, ma sono essenziali da fare. Sappiamo infatti che questi non sono i tempi delle grandi opere, è invece Page 9 of 35

10 importante mantenere bene ed in efficienza ciò che abbiamo costruito negli anni, migliorandolo. Anche questo è un segno di civiltà e rispetto verso tutti i cittadini. 3. Le zone di transito utilizzate da pedoni e ciclisti e ad oggi non provviste di spazi ciclopedonali, saranno completate. 4. Sarà fatto un piano complessivo per ottimizzare l'uso di immobili e spazi comunali (Rezzoletta, case via Lamarmora, ex centro sociale, ex colonia elioterapica, scuole ), coinvolgendo cittadini ed associazioni anche tramite un bando esplorativo. E' importante rispondere alle esigenze esistenti (ad esempio spazi per la banda comunale e la relativa accademia musicale, housing sociale, residenze protette per anziani e disabili) nel modo migliore e con costi sostenibili. Eventuali spazi non necessari potranno essere venduti o affittati per ricavare fondi da utilizzare per migliorare gli edifici pubblici rimanenti. 5. Per reimpiegare, riqualificare e riutilizzare di edifici di proprietà comunale, sarà ricercata una parte di fondi attraverso la partecipazione a bandi. 6. Si punterà sull'aggiornamento continuo dei funzionari e tecnici degli uffici preposti al controllo e gestione del territorio, anche per l acquisizione di fondi economici pubblici. 7. Sarà smaltito l amianto ancora presente sugli edifici comunali (ad esempio cinema CTM). 8. I cittadini saranno coinvolti nelle scelte più importanti ed informati puntualmente sui lavori in corso, sia con assemblee, sia con l'utilizzo del sito internet. 9. Si investirà per migliorare l'efficienza energetica degli edifici comunali, per ridurne l'impatto ambientale ed anche i costi. 10. Sarà attuato il progetto di riqualificazione di Virle, con la sistemazione dell'area verde con parcheggio a fianco della scuola Goini già approvato (i lavori cominceranno a giugno) e la realizzazione dei relativi collegamenti verso via Lamarmora e via Goini. Sarà fatta una riqualificazione della piazzetta della farmacia. 11. Sarà ampliato il cimitero di Rezzato, trattasi di un opera indispensabile e ormai non più rimandabile. 12. Sarà realizzato il progetto di ristrutturazione della scuola Alberti già approvato, integrando soluzioni strutturali e di risparmio energetico. Questo intervento sarà realizzabile in tempi brevi se il Governo nazionale sbloccherà i fondi per l'edilizia scolastica ora bloccati dal patto di stabilità. 13. In questi anni la manutenzione degli edifici scolastici è stata una priorità, con particolare attenzione nell adeguamento continuo alle nuove norme di sicurezza ed antisismiche, perché crediamo che i nostri figli vadano tutelati. Continueremo in questo importante lavoro, per tenere i nostri edifici scolastici di buona qualità. 14. Pur sapendo che le fognature sono ormai di competenza dell AATO e non del Comune, continueremo ad insistere con questo Ente perché sia completata la rete fognaria del nostro paese, in particolare nella zona del Santuario, di via Bronzetti e delle altre zone non servite. 15. Sappiamo che l unità pastorale di Rezzato e Virle sta lavorando ad un progetto per un oratorio che sarà a servizio di tutta la comunità, per il valore sociale ed educativo che questa realtà ha, collaboreremo per facilitare ed agevolare la realizzazione dell opera, favorendo utili sinergie. 16. Le piccole manutenzioni e i piccoli miglioramenti sono importanti come le grandi opere. Per questo organizzeremo gli uffici tecnici in modo che vi sia un canale specifico dedicato ai piccoli interventi che vengono quotidianamente rilevati o Page 10 of 35

11 segnalati dai cittadini. Tutte le opere, grandi o piccole, devono avere una visione di lungo periodo e di sostenilità economica e ambientale. Illuminazione pubblica Rinnoveremo l'illuminazione pubblica, ora caratterizzata da impianti vecchi e inadeguati, con un progetto complessivo di ammodernamento, partendo dal censimento già effettuato in questi anni, per avere un paese che spreca di meno, più sicuro, vivibile e bello. In particolare: - verranno illuminati meglio i punti più scuri ed appartati (parchi ed alcune vie), per aumentare la sicurezza di tutti; - porremo particolare attenzione all illuminazione dei passaggi pedonali e delle piste ciclabili, perché sicurezza è anche poter attraversare una strada senza avere paura di essere investiti; - utilizzeremo tecnologie innovative (come ad esempio le lampade a LED che garantiscono minori consumi e i segnalatori di prossimità in alcune zone) per risparmiare energia elettrica, alleggerendo la bolletta del Comune, inquinando di meno e risparmiando sulla manutenzione nei prossimi anni. Gli sviluppi tecnologici più recenti consentono di installare i così detti lampioni intelligenti che oltre a luci a led permettono di installare ripetitori wi-fi e telecamere di sicurezza. Adotteremo, valutando il rapporto costi/benefici, le migliori tecnologie possibili. Abbiamo già iniziato a dialogare con altri comuni sul tema dell illuminazione pubblica e cercheremo di arrivare a progetti condivisi: insieme i comuni possono arrivare alle migliori soluzioni spendendo meno. Qualità dell'ambiente Respiriamo aria nuova. Premesso che sulla qualità dell aria è importante che vi siano azioni concordate sovra-comunali per le quali insisteremo con gli enti preposti, è comunque necessario che anche dall interno dell azione amministrativa arrivino scelte di indirizzo e azioni volte alla diminuzione delle emissioni. 1. Per quanto riguarda l'inquinamento da traffico, interverremo come già esposto nel paragrafo dedicato alla mobilità. 2. Vigileremo con attenzione sul rispetto degli accordi stipulati con Italcementi che obbligano l'azienda a ridurre le proprie emissioni del 75% circa. 3. Favoriremo l'installazione di pannelli fotovoltaici e solari termici sia con gli interventi già indicati nel paragrafo dedicato all'urbanistica ed al territorio, che continuando ad esplorare la strada dei gruppi di acquisto che in questi anni ha dato grandi risultati positivi, pur essendo in questo momento cambiato radicalmente il contesto degli incentivi statali. 4. Daremo supporto alle iniziative di produzione di energia pulita da piccole centrali idroelettriche, come quella già in costruzione lungo il Naviglio. 5. Imposteremo rapporti di collaborazione con le aziende rezzatesi affinché siano intraprese azioni di miglioramento continuo eco-sostenibili per la riduzione degli impatti ambientali dei processi produttivi tramite, ad esempio, riduzione Page 11 of 35

12 emissioni, riduzione consumi energetici per unità prodotta, utilizzo mezzi aziendali ecologici, riduzioni e riciclo rifiuti, ecc. Per fare ciò è necessario farsi promotori di iniziative concordate con le associazioni territoriali per implementare iniziative formative e individuare eventuali bandi di finanziamento orientati a questo scopo. 6. Pianteremo alberi, in particolare lungo le strade di maggior traffico, come è recentemente stato fatto ad esempio in via Amendola, perché oltre che a rendere il luogo più accogliente, funzionano da filtro per le polveri e l'inquinamento originato dal traffico. 7. Dopo aver raggiunto e superato il 70% di raccolta differenziata con l introduzione del porta a porta, nuove sfide ci attendono sulla strada verso rifiuti zero. Punteremo ad iniziative per migliorare la qualità dei rifiuti differenziati e favorirne il riciclaggio, per ridurre la quantità complessiva dei rifiuti prodotti. Ottimizzeremo il servizio, per ridurre i costi a carico di cittadini ed imprese (da quest'anno avremo una riduzione dei costi di circa il 10%, dal 2015 una riduzione di circa il 20-30%). 8. Introdurremo la possibilità, per chi dimostri di non avere lo spazio necessario, di sostituire il bidone RUR grigio da 120 litri con contenitori di minori dimensioni. 9. Continueremo ad operare per ridurre i rifiuti alla fonte, con iniziative quali quella dell isola del riuso recentemente avviata che consente di recuperare beni ancora utilizzabili; sensibilizzando e promuovendo l utilizzo dei pannolini lavabili anche all asilo nido comunale, ecc. 10. Aderiremo all'associazione dei Comuni virtuosi, sia per imparare cose già fatte da altri verso la sostenibilità, sia per condividere le nostre azioni, già ora spesso all'avanguardia. 11. Continueremo ad impegnarci per costruire una cultura ambientale, consapevoli che la bellezza dell ambiente in cui viviamo è anche aiuto alle relazioni sociali. Tocca anche a noi far maturare la convinzione che dobbiamo vivere in sobrietà ed armonia con il territorio che ci circonda, nella consapevolezza che le risorse della terra sono limitate; tocca a noi garantire alle future generazioni la possibilità di crescere in un ambiente vivibile. Parchi, boschi e verde pubblico Un paese da vivere naturalmente insieme 1. Proseguiremo nel migliorare i parchi principali del paese con interventi mirati e differenziati, per renderli utilizzabili da diverse fasce di popolazione, con ad esempio giochi per bambini, ma anche spazi per sport libero, tavoli anche per le attività ludiche di adulti ed anziani (ad esempio giochi di carte o scacchi). Crediamo che questi spazi siano fondamentali luoghi di incontro e socializzazione, soprattutto per le persone che non hanno un giardino. 2. Faremo un programma complessivo di manutenzione del verde pubblico, che ottimizzi gli interventi nel tempo, per agire in anticipo senza aspettare segnalazioni e disagi e ridurre i costi. 3. Porremo particolare attenzione anche alla progettazione del verde pubblico, utilizzando specie arboree che richiedano poca manutenzione e poca acqua: ciò consente di avere un verde pubblico sostenibile sia economicamente sia ambientalmente. Faremo un censimento degli alberi presenti, in alcuni casi piante inadatte per forma o dimensione creano problemi e disagi, comportando Page 12 of 35

13 di conseguenza interventi manutentivi frequenti con i costi relativi. In questi casi può essere ottimale la sostituzione delle piante con specie più adatte, che consentano di avere un paese verde, ma senza disagi e costi inopportuni. 4. Completeremo l'intitolazione dei parchi già iniziata. 5. Intensificheremo i controlli della polizia locale nei parchi. 6. Individueremo cittadini ed associazioni che possano prendersi cura di spazi verdi comunali, così come valuteremo l'utilizzo di sponsor per abbattere i costi di manutenzione del verde pubblico. Per migliorare la manutenzione dei parchi e la pulizia del paese, utilizzeremo anche lavoratori socialmente utili (LSU). 7. Completeremo l'assegnazione dei nuovi orti comunali in via Naviglio, insegnando la coltivazione biologica degli orti e coinvolgeremo anche le scuole su questi temi, in quanto siamo certi possano essere d aiuto nell educazione ad una corretta alimentazione. 8. Le colline sono un bene prezioso: continueremo nel progetto della loro conoscenza, valorizzazione, pulizia e riqualificazione dei boschi con la già buona e preziosa collaborazione con le associazioni che da anni si occupano di questo territorio e l esperienza del parco delle colline, cercando anche nuove forme di valorizzazione del parco stesso. Per le diverse associazioni che lavorano sulle nostre colline, valuteremo l'acquisto di eventuali necessarie attrezzature comuni da mettere a loro disposizione. 9. Nell'ambito della valutazione complessiva del patrimonio comunale, per ottimizzarne l'utilizzo (come illustrato nel paragrafo dedicata ai lavori pubblici), particolare attenzione sarà data agli edifici all'interno del parco delle colline, compresa l'area dell'ex poligono di tiro per la quale completeremo le procedure per il passaggio dal demanio militare, attuale proprietario, al Comune. 10. Valorizzeremo il Parco di Bacco, un vero e proprio monumento con caratteristiche uniche, cercando anche sponsor e finanziamenti per la sua sistemazione e per renderlo più vissuto. 11. Introdurremo nuove aree riservate ai cani, con annessa fontanella dell acqua e implementeremo il progetto Cittadini a 6 zampe per l educazione rispetto al possesso e alla convivenza con animali domestici. I SERVIZI ALLA PERSONA Da sempre l attenzione alla persona, ai suoi bisogni, è al centro dell azione amministrativa di Rezzato Democratica. In questi anni Rezzato Democratica ha costruito in collaborazione con i comuni limitrofi, con le associazioni di volontariato sociale, la scuola e tante altre realtà, una rete di servizi che, per qualità e quantità, rappresenta da tempo un eccellenza, una risorsa e una certezza per le cittadine ed i cittadini di Rezzato. Il settore dei servizi alla persona è un settore cardine del benessere (individuale e collettivo), sia in termini di prevenzione, sia in termini di riduzione e aiuto per il disagio, in qualunque forma esso si presenti. Da tempo le linee di politica sociale attuate dal Comune di Rezzato si sono orientate al definitivo superamento del modello che risponde all emergenza, attraverso il lavoro di prevenzione in un ottica di soluzione dei problemi. Page 13 of 35

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64.

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64. 1 PROPOSTA PROGETTUALE.. CORSO di RISPARMIO ENERGETICO PREMESSA Il presente progetto rappresenta una proposta formativa il cui obiettivo è sensibilizzare i bambini verso una nuova consapevolezza di rispetto

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Gianluigi Trento I Piedibus di Bassano SSL-ERATE ESPERIENZE E PERCORSI DI SOSTENIBILITA URBANA Bassano del Grappa 29/04/2014 Che cosa è un Piedibus

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

SEMPLICE MENTE ENERGIA

SEMPLICE MENTE ENERGIA SEMPLICE MENTE ENERGIA NOI SIAMO ENERGIA L affermazione siamo fatti di energia è ormai diventata assunto scientifico. Ed al di là di quanto affermato da scienziati e filosofi, conosciamo molto bene, per

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

COMMISSIONE RI.U.SO.

COMMISSIONE RI.U.SO. COMMISSIONE RI.U.SO. RI.U.SO. Un progetto per l Italia (fonte: CNAPP) Seminario: INNOVAZIONE E FUTURO DELLA PROFESSIONE Vicenza Teatro S. Marco 28 febbraio 2014 RI.U.SO. Rigenerazione Urbana Sostenibile

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il «Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il benessere dei nostri figli. Tutte le donne e gli uomini che lavorano

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it 31 marzo 2014 P.L.U.S. Piano Locale Urbano di Sviluppo POR FESR Lazio 2007-2013 OBIETTIVO Rigenerare il contesto sociale, ambientale ed economico dei centri urbani PROGRAMMA COFINANZIATO DAI FONDI STRUTTURALI

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

C I T T A D I B I E L L A MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE

C I T T A D I B I E L L A MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE C I T T A D I B I E L L A MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI BIELLA E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE

TERRITORIO E AMBIENTE SPORT Gli interventi più significativi del 2000 sono la costruzione della pista di skateboard nell area del centro sociale anziani Graziosi in Via Sigonio, la manutenzione dell impianto sportivo di Fossoli

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015

Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015 Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015 All incontro hanno preso parte circa 10 persone. Si è trattato di alcuni liberi cittadini e di persone

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà CHI SIAMO SudgestAid è una Società consortile italiana, senza scopo di lucro, partecipata da Agenzie pubbliche, impegnata nel

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada;

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada; Percorso educativo Scuola Primaria BERSANI a.s. 2010-2011 Il VII Circolo Didattico di Forlì, di cui fa parte la scuola primaria Bersani, da almeno 5 anni lavora sulla tematica della mobilità sostenibile,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Titolo del progetto: IN.DI.A Inclusion and Dialogue through Action Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Sedi di attuazione del progetto : Bhubaneshwar, Stato di Orissa, India.

Dettagli