Rassegna Stampa. Martedì 22 aprile 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Martedì 22 aprile 2014"

Transcript

1 Rassegna Stampa Martedì 22 aprile 2014 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende Milano Via Mameli, 11 Tel Fax

2 Rassegna del 22 aprile 2014 ASL BRESCIA Corriere Della Sera (bs) 1, 2, LA RINASCITA DEI MICRO-OSPEDALI S.gh. 1 Corriere Della Sera (bs) 3 «PIÙ ASSISTENZA E MENO SPESE CON MEDICI DI BASE E TERRITORIO» Silvia Ghilardi 5 Corriere Della Sera (bs) 3 C'È L'APPOGGIO DEI SINDACI: «MA CON PIÙ SPERIMENTAZIONE» S.gh. 7 SANITÀ LOMBARDIA Corriere Della Sera (bs) 3 MARCO VOTTA E DANILO GARIBOLDI: «UN FUTURO PER QUELLE STRUTTURE» 8 Bresciaoggi 21 MAI PIÙ SLOT MACHINE IN PAESE SCACCO MATTO ALLA LUDOPATIA 9

3 Sanità Le ricadute bresciane della riforma varata dalla Regione Lombardia. Scarcella: offerta diversificata La rinascita dei micro-ospedali Vicini al territorio e ai malati cronici. Già candidati Leno e Orzinuovi La Regione ha varato una riali, e già due strutture svolgere le nuove funzioni: «Così l'offerta assistenziale nuova formula sanitaria, i bresciane a Leno e Orzi- assistenza ai malati cronici, è sempre più varia», dice Presidi ospedalieri territo- nuovi si candidano a prossimità al territorio. Carmelo Scarcella (Asl). La sanità che cambia Ospedali per i malati cronici Brescia svela i suoi piani Da Orzinuovi e Leno le prime richieste di fondi in Regione Dall'ospedale al territorio: è il nuovo corso della sanità lombarda che vuole razionalizzare, ma anche interpretare l'esigenza dei pazienti che cambia (pochi centri ad alta specializzazione per acuti e una rete di "prote - zione" per i malati cronici). E la riorganizzazione delle rete ospedaliera che ne deriva ha il suo punto di partenza nell'istituzione dei Pot, i presidi ospedalieri territoriali. Si tratta di "case" della cronicità, punti di riferimento per il malato cronico. Deliberata da Regione Lombardia lo scorso marzo, questa nuova formula punta sulla prossimità, sulla presa in carico del paziente e sulla continuità delle cure. Nei Pot i malati complessi, cioè spesso anziani sui quali incidono più patologie che possono andare dal diabete all'ipertensione, dallo scompenso cardiaco alla bronchite, solo per fare qualche esempio, saranno seguiti lungo tutto il percorso di cura. Una dinamica che farà risparmiare non solo risorse al sistema sanitario ma anche tempo ai cittadini che non saranno più costretti a migrare da un ospedale all'altro alla ricerca di specialisti ed esami. Le «case» della cronicità non mancheranno nemmeno a Brescia. Le prime nasceranno a Leno e Orzinuovi, attraverso la riqualificazione dei presidi ospedalieri (attualmente in capo alle aziende di Mellino mellini di Chiari e di Desenzano). Un modo per portarli a nuova vita destinandoli ad attività e servizi dedicati a bassi livelli assistenziali(gli alti livelli di assistenza rimarranno di prerogativa dei grandi centri ospedalieri). Le aziende ospedaliere di Desenzano (Leno) e la Mellino Mellini di Chiari (Orzinuovi) hanno già inoltrato richiesta di diventare presidi ospedalieri territoriali a Regione Lombardia che nelle scorse settimane ha emesso un bando che stanzia fondi per finanziare la nascita dei Pot. «Abbiamo chiesto a tutte le Asl della Lombardia di presentare una progettualità di almeno un Pot sul territorio nell'ottica appunto di rivitalizzare quei piccoli ospedali che spiega Fabio Rizzi, presidente della IH commissione Salute e politiche sociali di Regione Lombardia danno prestazioni poco utili alla cittadinanza e con casistiche troppo basse per garantire la sicurezza clinica». Spazio quindi a visite ambulatoriali, day hospital, trattamenti per post acuti e lunga degenza «Tutte attività continua Rizzi che favoriranno il cittadino che non dovrà più andare lontano per delle prestazioni che potrà fare sotto casa e che sgraveranno il pronto soccorso degli ospedali dei troppi codici bianchi e verdi». E in tutto questo che ruolo ha il medico di medicina generale?, «n medico di medicina generale è il gestore dei Pot. I medici di base potranno usufruire di queste strutture dotate di attrezzature migliori e con la presenza di specialisti per offrire un servizio ancora più mirato». Nel caso di Orzinuovi e Leno si tratterebbe quindi di ricon- ASL BRESCIA Pag. 1

4 vertire le strutture ospedaliere già esistenti sul territorio. Entrambi questi piccoli ospedali già da tempo si sono avviati nella direzione che ora Regione Lombardia ha tracciato. A Orzinuovi (dove è anche operativo da tempo uno dei primi hospice pubblici italiani) nel 2007 era stato inaugurato un country ho - spital sperimentale (una decina di posti letto gestiti con personale dell'azienda ospedaliera ma con pazienti in carico ai medici di base) e negli anni ha cercato di rispondere sempre più alle esigenze della cronicità (da qualche tempo è anche attiva un'unità per la dialisi). Discorso simile per Leno che ha messo in atto una programmazione legata alla riabilitazione, alla lungo degenze e servizi dedicato all'area anziani. I giochi, con un buon margine di certezza, potrebbero già dirsi fatti. Difficile infatti che la Regione neghi l'approvazione - e il finanziamento - dei due progetti. Le ragioni sono presto dette: per prima cosa entrambi i presidi di Leno e Orzinuovi hanno già sperimentato in parte la modalità di gestione tipica dei Pot e quindi, agli occhi della Direzione Generale Salute di Regione Lombardia, potrebbero essere più «titolati» di altri per il percorso di riconversione, la seconda riguarda l'enorme dimensione del bacino degli assistiti dell'asl di Brescia che da solo copre il 10 per cento di quello lombardo. S.Gh. La scheda La riforma La Regione Lombardia sta mettendo a punto una riforma sanitaria che prevede pochi centri di eccellenza e per gli acuti e una rete territoriale in grado di farsi carico delle esigenze della persone affette da malattie croniche. IPot Con il termine Pot si identificano i Presidi ospedalieri territoriali, piccoli ospedali che, invece di essere chiusi per favorire strutture più grandi, possono essere riconvertiti a favore di reparti in grado di accogliere malati cronici, curati con l'interazione tra medici di base e personale della struttura ospedaliera I soldi Per la riconversione dei presidi, la Regione ha messo a disposizione una serie di finanziamenti. A farne richiesta, perora, gli ospedali di Leno e Orzinuovi. La sperimentazione Dal 2007 nella Bassa già attivo un country hospital con 10 posti affidati ai medici di base ASL BRESCIA Pag. 2

5 Gli ultra ottantacinquenni 2,75% % Grandi anziani 4,7% Nuova vita Gli ospedali di Orzinuovi e di Leno, piccoli presidi che nel corso degli anni hanno perso la loro vocazione di ospedali per pazienti acuti puntando sui malati cronici ASL BRESCIA Pag. 3

6 Malattie croniche (dati 2012) N soggetti Cardiovasculopatie % forme isolate 45,4% Prevalenza/ 1000 abit. 196,7 Var. media annua 1,4% Diabete ,7% 54,0 3,7% Dislipidemie Neoplasie " ,0% 33,3% 45,9 42,0 6,2% 2,1% Broncopneumopatie ,6% 28,3-0,7% Malattie endocrine ,3% 24,6 6,0% E/G/Duodenopatie ,6% 22,4 10,2% Neuropatie Epato-enteropatie ,6% 46,3% 18,5 14,1 1,6% 3,3% M. psichiatriche gravi ,8% 9,8 2,7% Malattie autoimmuni ,0% 9,4 11,1% Malattie rare ,1% 8,1 13,7% Insufficienza renale ,3% 5,1 4,1% HIV/AIDS ,9% 2,8 3,1% Trapianti ,3% 1,5 11,3% totale persone con 3/ ,7 patologia cronica 1,7% senza patologia cronica ,3-0.6%. di cui nessun contatto ,4 é 0,3% Totale assistiti I Dal 2003 al 2012 i pazienti cronici sono passati da 251,8 a 291,7 ogni abitanti In termini assoluti si è passati da a assistiti ASL BRESCIA Pag. 4

7 L'intervista Parla il direttore generale dell'asi di Brescia. In provincia cronici aumentati del 3% l'anno «Più assistenza e meno spese con medici di base e territorio» Scarcella: «Ora con i Pot aumenteremo l'offerta» I bresciani, dicono le statistiche, «guadagnano» 3 mesi di sopravvivenza ad ogni anno di vita che passa. Un dato certo positivo che però è accompagnato da un aumento del numero di persone che portano con sé più malattie croniche. Nel periodo la prevalenza degli assistiti senza patologia cronica è diminuita mentre gli assistiti presi in carico dall'asl di Brescia per almeno una patologia cronica sono passati da 251,8 per mille abitanti nel 2003 a 291,7 per mille abitanti nel In termini assoluti l'aumento è stato pari al 3,1 per cento annuo (da a assistiti). È aumentato anche il numero di persone con più patologie (mediamente 1,66 patologie nel 2012 e 1,50 nel 2003). La sfera della cronicità all'interno dell'asi di Brescia equivale nel 2014 al 30 per cento della popolazione assistita (che supera il milione di persone) e al 70 per cento delle risorse economiche messe in campo per l'assistenza alla salute dei cittadini. Con l'introduzione dei Pot verrà innalzato il livello del sistema organizzativo in favore della cronicità ma l'asl di Brescia ha già fatto molto in tal senso. «Le risposte alla cronicità a livello territoriale sono state tante spiega Carmelo Scarcella, direttore dell'azienda sanitaria locale di Brescia. Penso per esempio all'oltre 80 per cento dei 720 medici di medicina generale dell'asl che operano attraverso il governo clinico che ha permesso negli anni, grazie al continuo monitoraggio dei pazienti, di migliorare i livelli di assistenza con una riduzione delle spese farmaceutiche e dei ricoveri». «Sul tema della cronicità continua c'è poi stata l'esperienza unica in Lombardia degli Sdar, il servizio distrettuale di assistenza residenziale, che ha coinvolto proprio i presidi di Orzinuovi e di Leno oltre alla casa di cura Villa Gemma di Gardone Riviera dove alcuni pazienti ospitati in queste strutture erano seguiti direttamente dal medico di medicina generale. Da non dimenticare poi i Pdta, i percorsi diagnostici terapeutici assistenziali. Nell'insieme tutte le misure adottate dall'asl nei confronti della cronicità sono state delle modalità di avvicinamento ai Pot». «Quello dei presidi ospedalieri territoriali prosegue Scarcella è uno strumento che si aggiunge alla rete già ricca di servizi e che vedrà il medico di medicina generale quale principale interlocutore senza dimenticare i pediatri e i medici di continuità as - sistenziale. La presenza sul territorio di queste realtà di prossimità è un'ulteriore passo avanti nella direzione di favorire una graduazione di intervento che permette di dare risposte più appropriate alla cronicità». I dati sono infatti chiari: la futura sfida per Brescia, come per il resto del paese, si chiama cronicità. Nelle patologie croniche monitorate nella popolazione negli ultimi anni dall'asl di Brescia (cardiovasculopatie, diabete, neoplasie, malattie endocrine, dislipidemie, insufficienza renale ecc..) vi è stato un aumento in termini assoluti e di prevalenza. I rilevanti cambiamenti riscontrati possono essere spiegati sia con l'evoluzione del quadro anagrafico-epidemiologico locale sia con la maggiore sensibilità e capacità di riconoscere patologie croniche in precedenza misconosciute. «Per quanto riguarda le domande di riconversione in Pot inoltrate a Regione Lombardia per i presidi di Orzinuovi e Leno e che l'asl ha condiviso mi pare realistico poter dire che verranno accettate anche alla luce delle attività pregresse svolte in queste strutture. Al momento non ci sono state altre domande da parte di aziende ospedaliere del territorio ma non escludo che in futuro ce ne possano essere altre». E per quanto riguarda la più grande azienda ospedaliera della provincia di Brescia, il Civile?. «Questa azienda non ha piccoli presidi da riconvertire, quelli di Montichiari e Gardone Vt sono presidi che non credo necessitino di una riconversione in Pot». Silvia Ghilardi L'analisi Dare soluzioni Le risposte alla cronicità in questi anni sono state tante ASL BRESCIA Pag. 5

8 Monitoraggio Il governo clinico ci ha permesso di ridurre i costi per farmaci e ricoveri 3 sanitaria locale E S C UÈÈÈA Riconversioni Sul tavolo della Regione ci sono due domande e credo che saranno accolte Direttore generale Carmelo Scarcella guida l'asl di Brescia ASL BRESCIA Pag. 6

9 Il territorio Le obiezioni di Giraudini presidente della conferenza Asl C'è l'appoggio dei sindaci: «Ma con più sperimentazione» I sindaci dei comuni di Leno e Orzinuovi plaudono alla riconversione dei rispettivi presidi. «È una novità positiva che darà consistenza a una tradizione ospedaliera del nostro territorio che è frutto anche della collaborazione tra amministrazione comunale e dirigenza dell'ospedale» sottolinea Andrea Ratti, primo cittadino di Orzinuovi. Sulla stessa lunghezza d'onda anche il sindaco di Leno, Pietro Bisinella: «Pieno consenso a questa iniziativa che prosegue nella direzione della programmazione già attuata a livello distrettuale su riabilitazione, area anziani e lungo degenza. La mia unica perplessità rimane il progetto calato dall'alto di realizzare nella stessa struttura una comunità di 40 persone per il decentramento degli ex ospedali psichiatrici giudiziari». L'entusiasmo dei primi cittadini che andranno ad ospitare sul proprio comune i presidi ospedalieri territoriali è però frenato dai dubbi sollevati all'interno della conferenza dei sindaci dell'asl. «n problema grosso è quanto questa operazione vada ad incidere sulle tasche dei cittadini perché anche se la Regione ha stanziato dei finanziamenti non è ancora chiaro quale sarà la percentuale che il comune dovrà mettere» commenta Gianmaria Giraudini, presidente della conferenza dei sindaci dell'asl di Brescia se pur pienamente d'accordo con il progetto che favorisce l'assistenza alla cronicità. «Secondo me prosegue Giraudini che è anche primo cittadino di Villa Carcina sarebbe utile prima fare una sperimentazione per un anno per verificare se i Pot hanno senso e se soprattutto funzionano; così sarebbe più facile convincere anche i comuni a spendere denaro pubblico per finanziare un progetto che va incontro alla cittadinanza». S.Gh. Orzinuovi Andrea Ratti Leno Pietro Bisinella 99 Collaborazione Il progetto va nel solco di un rapporto tra 93 Convivenza Mi chiedo però come ciò si concili con il progetto Comune e ospedale sull'ex Opg ** /~ -gà «Piùiisfdstt'nza e molo spc* = ss 1 *"-', l'oli im'did iti ISLM'e territorio"! agyng 1 '' "-'- iam I.i i mj!j,lmlii.india ItCTrtJ:') """!l - : ASL BRESCIA Pag. 7

10 I direttori delle aziende ospedaliere Marco Votta e Danilo Gariboldi: «Un futuro per quelle strutture» «La lettera di intenti in cui ci rendiamo disponibile a convertire il nostro presidio di Leno in un Presidio ospedaliero territoriale è già in Regione ora non ci resta che attendere. Se ci verrà dato l'ok sarà una grande conquista per l'offerta alla cittadinanza e daremo una connotazione definitiva al quel presidio» spiega Marco Votta, direttore generale dell'azienda ospedaliera di Desenzano che punta così a riqualificare una struttura che ha progressivamente perso smalto a favore del vicino Manerbio e che è stata pure indicata come struttura nella quale ospitare 40 persone provenienti dall'ospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione delle Stiviere destinato alla chiusura. Anche per Danilo Gariboldi, direttore dell'azienda Mellino Mellini di Chiari ha accolto con Desenzano Marco Votta Chiari Danilo Gariboldi entusiasmo l'opportunità offerta dal Pirellone soprattutto visto che Orzinuovi era già stato trasformato in country hospital. «Il presidio di Orzinuovi è già stato impostato da tempo per rispondere alle esigenze della cronicità: abbiamo anche aggiunto la parte di ecografie e tecnologie radiologiche, abbiamo trasformato dei posti di medicina in subacuti, ospitiamo tre medici di base e un pediatra e è stata fatta l'esperienza di 5 posti letto per situazioni borderline di pazienti che richiedono qualche giorno di gestione diretta senza dimenticare l'area del diabete e dell'osteoporosi». La scadenza per inoltrare la domanda di conversione in Pot era l'u aprile, entro l'estate Regione Lombardia dovrebbe dare una risposta, (s.gh.) RIPRODUZIONERISERVATA SANITÀ LOMBARDIA Pag. 8

11 TRAVAGLIATO. Un Comune «deslottizzato» è il traguardo fissato dalla Giunta nel medio termine Mai più slot machine in paese Scacco matto alla ludopatia Con un'interpretazione restrittiva della norma regionale il Comune vieta l'arrivo di nuovi videopoker E i bar «obiettori» saranno premiati Un paese «deslottizzato», ovvero senza videopoker, slot machine ed altri totem elettronici per il gioco d'azzardo. Un sogno? Forse, mail Comune di Travagliato ci crede. Specie ora che la Regione Lombardia ha messo a disposizione strumenti normativi incisivi. Ed è proprio facendo leva sulla legge anti-ludopatia (la schiavitù patologica dal gioco d'azzardo) che ramministrazione civica ha introdotto il divieto di installare nuovi apparecchiature «mangiasoldi» in paese. Tutto, o quasi, a prova di ricorsi. GIÀ, PERCHÈ il monitoraggio delle aree «protette»fissatedalla normativa regionale ha consentito di stabilire che a Travagliato non esistono segmenti «free». Nel senso che se si rispettano rigorosamente i limiti di sicurezzafra videopoker ed enclave sensibili come scuole, luoghi di culto ed oratori, le zone franche del gioco d'azzardo si intersecano e incrociano coprendo l'intero territorio urbano. «Mettere al bando le nuove slot machine è solo il primo passo di un progetto ad ampio respiro - precisa l'assessore al Commercio, Christian Bertozzi -: il nostro paese non è purtroppo immune da un'emergenza sociale di dimensioni nazionali ma, a differenza di altri Comuni, abbiamo deciso di non farfintadi nulla e di affrontare in modo drastico il problema». ANCHE A TRAVAGLIATO il vizio del gioco ha spesso gettato nella disperazione intere famiglie. «Le ludopatie non risparmiano nessuna fascia sociale e spesso colpiscono insospettabili, ma è su anziani, disoccupati e giovani, fatalmente più vulnerabili, che il fenomeno diventa devastante in termini economici e psicosociali - continual'assessore -. Per capire la portata dell'allarme basta pensare che in Italiaicittadinihannoadisposizione più slot machines che posti letto in ospedale». Il Comune ha avviato nelfrattempoil censimento delle macchinette già operative. «Un controllo che ci consentirà di rilevare eventuali irregolarità ma anche di studiare forme per convincere gli esercenti a rinunciare a slot machine e videopoker», annuncia Bertozzi. Lo strumento potrebbe essere quello di incentivi o sconti sui tributi comunali ai locali che mettono al bando il gioco d'azzardo, ma la Giunta sta pensando anche ad altre forme dimorai suasion. «Mai come in questo caso, del resto - afferma Bertozzi - la battaglia è soprattutto culturale. Per questo lanceremo una campagna di sensibilizzazione nella comunità rivolgendo un'attenzione particolare a famiglie, anziani e scuole. Il fronte delle ludopatie è del resto ampio e non comprende solo le slot machine, ma anche le scommesse on line ed altri giochi d'azzardo gestiti dallo Stato. Come Comune non lesineremo risorse, ma è chiaro che anche gli altri livelli istituzionali, come avvenuto per esempio con la normativa regionale, devono contribuire, altrimenti la battaglia sarà persa in partenza».» N.S. W La campagna contro la schiavitù dal gioco d'azzardo coinvolgerà presto l'intera comunità CHRISTIAN BERTOZZI ASSESSORE AL COMMERCIO SANITÀ LOMBARDIA Pag. 9

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/04/2013 al 16/10/2013 Testo Cercato : ludopatia Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Pagina 1 di 5 Flussi Economici HelpDesk Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Ente: 200 905 SARDEGNA - AZIENDA OSPEDALIRO

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO V Linee guida per progetti di sperimentazione inerenti Modalità organizzative per

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2009 Azienda : 801 28.01.14 14:17 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2012 Azienda : 106 27.11.14 14:34 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

Rassegna Stampa. Martedì 08 aprile 2014

Rassegna Stampa. Martedì 08 aprile 2014 Rassegna Stampa Martedì 08 aprile 2014 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 08 aprile

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SINTESI PER LA STAMPA Intervento del Prof. Emilio Mortilla Presidente Ageing Society-Osservatorio

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Presentazione delle Linee Guida del Progetto di Legge del Partito Democratico. Gruppo consiliare

Presentazione delle Linee Guida del Progetto di Legge del Partito Democratico. Gruppo consiliare Presentazione delle Linee Guida del Progetto di Legge del Partito Democratico Gruppo consiliare Indice della presentazione I Princìpi che guidano la Riforma La fotografia del sistema attuale Cosa non va

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Sanità, via libera al decreto Balduzzi: discussione aperta sulla Rc medica-(guida al Diritto)

Sanità, via libera al decreto Balduzzi: discussione aperta sulla Rc medica-(guida al Diritto) Sanità, via libera al decreto Balduzzi: discussione aperta sulla Rc medica-(guida al Diritto) Via libera del Consiglio dei ministri al decreto Sanità messo a punto dal ministro della Salute Renato Balduzzi.

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Estratto rassegna 18 Aprile 2014. Disagio mentale.non più <>, a Palermo Psichiatria arriva al. Policlinico.

Estratto rassegna 18 Aprile 2014. Disagio mentale.non più <<Isola>>, a Palermo Psichiatria arriva al. Policlinico. Estratto rassegna 18 Aprile 2014 GdS Disagio mentale.non più , a Palermo Psichiatria arriva al Policlinico. I OSteri Chiesa dello Spasimo e mercati storici *o. Oggi alle 17, alla Sala Magna dello

Dettagli

La sostenibilità economica

La sostenibilità economica La sostenibilità economica Il contenimento dei costi come sfida per l efficienza Il crescere dei bisogni legato all invecchiamento della popolazione, con la conseguente crescita in complessità e volumi

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

La Rete Territoriale

La Rete Territoriale ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE La Rete Territoriale Giuseppe Sechi, DG Sanità Cagliari 11 Novembre 2015 La Dimensione

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi le politiche CONFRONTI 3/2011 163 Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi Migliorando le condizioni di vita e spostandosi più in là le frontiere della medicina, da

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 23 febbraio

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014 Pagina 1 di 5 rassegna stampa Data 12 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Codogno Dopo il rifiuto di Rossi, non si placa la polemica Casale Sant Angelo Lodigiano L Asl dice addio a Villa Cortese: gli uffici

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014 6 Bollettino Ufficiale D.g.r. 30 gennaio 2014 - n. X/1314 Approvazione del Programma 2014 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini.

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini. C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 068 DEL 21 LUGLIO 2015 OGGETTO: MOZIONE SU GIOCO D AZZARDO L anno duemilaquindici il giorno ventuno del mese di luglio alle ore

Dettagli

Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese L Ospedale Pacini nella nuova rete ospedaliera e territoriale della riorganizzazione del

Dettagli

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA)

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Assessorato politiche per la salute Situazione terremoto 31 maggio 2012 ore 17 Provincia di Modena Ospedale di Mirandola OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Evacuato dopo la prima scossa del 20 maggio.

Dettagli

Rassegna Stampa. Domenica 17 febbraio 2013

Rassegna Stampa. Domenica 17 febbraio 2013 Rassegna Stampa Domenica 17 febbraio 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 17 febbraio

Dettagli

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute IL SERVIZIO SANITARIO Una grande istituzione al servizio della tua salute I VALORI E I PUNTI DI FORZA DEL SSN La storia della sanità pubblica si intreccia saldamente con le fondamenta costituzionali del

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Oggetto: Proposte Fimmg Lazio per fronteggiare la Pandemia Influenzale.

Oggetto: Proposte Fimmg Lazio per fronteggiare la Pandemia Influenzale. Il Segretario Generale Regionale del Lazio Roma,31.8.09 Pagina 1 di 6 Prot. PLB 839/09 Alla cortese attenzione del Commissario Ad acta per la Sanità Della Regione Lazio Presidente Piero Marrazzo Via Cristoforo

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio

Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Ultima revisione giugno 2011 1 Indice Premessa Gruppi omogenei di Malattie Rare Caratteristiche della rete Istituto per le MR (IMR e

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul BURP ai sensi dell art. 6, lettera H della legge regionale n. 13 del 12.4.1994.

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul BURP ai sensi dell art. 6, lettera H della legge regionale n. 13 del 12.4.1994. 438 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 12-1-2006 Via La Sorte (lato nord-ovest): da via Piemonte a Viale Gramsci (lato ovest): da via La Sorte a via Cantore; Via Cantore (lato sud-est):

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito 9 ORGANI DI DIREZIONE La A.S.L. Napoli 1 Centro presenta un organizzazione aziendale particolarmente complessa: il Direttore Generale è l organo di vertice a cui sono attribuiti i poteri di gestione, di

Dettagli

1) Servizi di Emergenza Territoriale

1) Servizi di Emergenza Territoriale Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario (DGRV 1411/2011) 1) Servizi di Emergenza Territoriale Interventi di soccorso sanitario Attribuzione dell onere: A carico del

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA La riforma sanitaria e socio-sanitaria Per iniziare a parlare di riforma sanitaria, socio-sanitaria e sociale nel nostro territorio dobbiamo

Dettagli

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare Rassegna Stampa Preliminare Co n stampa Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B 25124 Brescia Tel. 030 22 61 05 Fax 030 24 20 472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it www.intermedianews.tv

Dettagli

Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012

Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012 Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012 L approccio ai problemi sanitari di un territorio, malattie croniche in primis, richiede oggi una nuova

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2565 Seduta del 31/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2565 Seduta del 31/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2565 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Dr. Alberto Carrera Responsabile Sistema Informativo Aziendale ASL1 Imperiese Dr. Roberto

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU23 05/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2014, n. 24-7560 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 2012 e 2013 per gli interventi finalizzati

Dettagli

Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati. La Camera, La Camera, premesso che: premesso che:

Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati. La Camera, La Camera, premesso che: premesso che: Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati al comma 3 dell articolo 1 della presente legge è previsto: i pazienti terminali o in condizioni di morte prevista come imminente hanno diritto a essere assistiti

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Angelo Bianchetti Come si finanzia l ospedale Remunerazione attività tariffate: Attività di degenza (ricovero e DH) per acuti remunerate

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket Risorse 2012: I fondi destinati al finanziamento del Ssr sono 17 miliardi e 450 milioni di euro circa, di cui 8,6 miliardi per l'assistenza distrettuale,

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Liste di attesa e spesa privata: i cittadini pagano le inefficienze di un SSN sempre meno accessibile. Necessaria politica nazionale per l accesso ai servizi. Presentato

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Padova, 5 maggio 2012 L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Prof. Ferdinando Romano The World Health Report 2008

Dettagli

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Cerismas 27/05/09 - Il balanced scorecard nelle aziende sanitarie, 5 anni dopo... Paolo Tedeschi, Ricercatore in economia e gestione

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso Pagina 1 di 6 rassegna stampa 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Un trattamento del paziente attento e dignitoso Tre reparti formati da persone di qualità Codogno Medici di talento, premio ganelli a laura

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP).

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). (Lazio, BUR 8 agosto 2013, n. 64) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MONCHIERO, BINETTI, D AGOSTINO, GIGLI, MATARRESE, OLIARO, RABINO, ROSSI, VITELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MONCHIERO, BINETTI, D AGOSTINO, GIGLI, MATARRESE, OLIARO, RABINO, ROSSI, VITELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1780 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MONCHIERO, BINETTI, D AGOSTINO, GIGLI, MATARRESE, OLIARO, RABINO, ROSSI, VITELLI Disposizioni

Dettagli

Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali

Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali Ovidio Brignoli, MMG, Brescia (Vice-Presidente SIMG - Società Italiana di Medicina Generale) Cosa dovrebbe

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Medicina d attesa Medicina d opportunità Medicina d Iniziativa Campagne di sensibilizzazione e di prevenzione Dr. Maurizio Pozzi Modelli Generali delle Cure Primarie

Dettagli