IO NON CI STO - Informazione e prevenzione sulle nuove e vecchie dipendenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IO NON CI STO - Informazione e prevenzione sulle nuove e vecchie dipendenze"

Transcript

1 ASS. INMEDIA ONLUS IO NON CI STO - Informazione e prevenzione sulle nuove e vecchie dipendenze Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel

2 L ASSOCIAZIONE INMEDIA ONLUS L associazione INMEDIA ONLUS, che non persegue fini lucrativi, ha molteplici scopi tutti volti a perseguire finalità di solidarietà sociale e di arrecare benefici a persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche e familiari. Migliorare la qualità della vita del cittadino, dare ogni sostengo a popolazioni, famiglie ed individui in disagio sociale e/o sofferenti. L associazione si propone di prestare una particolare attenzione ai bambini e agli adolescenti bisognosi di aiuto. L Associazione, nel primo rispetto delle regole e dei principi di uno stato sociale, promuove ogni azione affinché venga attuata: a) l erogazione di servizi socio-assistenziali e socio-culturali; b) la cultura e la promozione del volontariato in tutte le sue manifestazioni; c) l approfondimento della conoscenza reciproca fra i popoli per affermare e rafforzare i valori della convivenza civile e della solidarietà umana; d) la conoscenza, la protezione, la salvaguardia e la tutela degli ambienti naturali e del patrimonio storico, artistico e culturale in generale ed in particolare della Sicilia; e) la promozione e lo sviluppo di una cultura di Pace e dei Diritti Umani; f) la diffusione dell Istituto dell adozione a distanza di bambini o ragazzi di paesi in guerra o in via di sviluppo per renderli domani degli adulti indipendenti capaci di aiutare se stessi ed il loro paese; h) la diffusione dei valori etici, della legalità ed in particolare dell amore di patria, l impegno per la stessa, il senso di appartenenza, il rispetto delle istituzioni; i) la promozione di forme di collegamento ed informazione tra realtà locali, nazionali ed internazionali; l) la promozione e lo sviluppo dei rapporti e delle soluzioni con il mondo dei diversamente abili; m) lo svolgimento di opere di sensibilizzazione sulle problematiche connesse alla disabilità, il tutto al fine di definire una nuova cultura di uguaglianza nella diversità; n) la diffusione di ogni tipo di cultura, compresa la cultura di impresa, affinché si conoscano, analizzano e sfruttino meglio le risorse del territorio utili anche alla realizzazione degli scopi cui l Associazione si prefigge di raggiungere. L Associazione intende inoltre promuovere tutte quelle azioni volte a dirimere ogni tipo di controversie che possano sorgere nelle famiglie, diffondendo e praticando l attività della mediazione relazionale e familiare. Circa tale ultimo scopo, in particolare, l Associazione, dedicando molta attenzione alla famiglia, nucleo vitale di ogni società, intende: Promuovere la mediazione familiare quale forma di intervento per migliorare le modalità di relazione tra i vari componenti della famiglia soprattutto nella fase disgregativa; Prodigarsi per risolvere tutte le questioni connesse alla cura, all educazione della prole e alla partecipazione di entrambi i genitori alla vita dei figli; tentare, ove possibile, la riconciliazione della coppia per una vittoria della famiglia; Valorizzare le risorse umane della famiglia perché possano sempre essere, in modo costruttivo, protagoniste anche nella società;

3 Tutelare il diritto del minore a conservare significativi rapporti con entrambe le figure genitoriali, in osservanza del principio della bi-genitorialità espressamente sancito dalla legge 54/2006, attraverso forme di sostegno legale e psicologico. L associazione In Media ONLUS è un centro di mediazione e di risorse per la famiglia. Dal momento della sua istituzione, l associazione nella sue sedi offre percorsi e consulenze che possano aiutare e sostenere la famiglia nei vari momenti del bisogno. I percorsi offerti sono: - Consulenza pedagogica e sostegno alla genitorialità - Consulenza psicologica - Psicoterapia - Consulenza legale - Consulenza fiscale IN MEDIA ONLUS è anche un centro di ricerca e formazione di Mediazione Familiare e ADR, convenzionato con A. R. C. O. M. E., Organismo di conciliazione accreditato dal Ministero della Giustizia con PDG dell e del e con l Università di Messina (Dipartimento di Diritto Privato). Collabora con l Associazione Mediamente di Firenze e i suoi mediatori sono iscritti AIMEF. INMEDIA ONLUS si occupa inoltre di gestione e sviluppo di progetti nel sociale e di sensibilizzare l opinione pubblica con convegni e manifestazioni. Premessa Molti adolescenti sono attratti da comportamenti spericolati che soddisfano il loro desiderio di vivere sensazioni nuove ed eccitanti: questo fenomeno è noto come sensation seeking 1 (caccia di sensazioni forti). Spesso tali condotte sono sostenute da un atteggiamento di ottimismo ingiustificato, basato sulla credenza di essere immuni dal pericolo, e dall egocentrismo caratteristico dell adolescenza. Il legame con il gruppo dei pari, inoltre, fornisce il teatro ideale per la messa in atto di comportamenti trasgressivi, attraverso i quali il/la ragazzo/a dimostra di essere uno capace e si sente accettato. Essere in gruppo, inoltre, permette di abbassare significativamente la rappresentazione del rischio, cioè di attribuire meno rilievo ai pericoli insiti in una situazione di sfida. Conseguentemente non è raro che un adolescente cada nell uso di sostanze. Molti si avvicinano all uso di sostanze per curiosità, per sentirsi meglio, per rilassarsi, per ridurre lo stress, per divertirsi, per avere una esperienza da condividere con i coetanei, per sentirsi grandi. Per questo motivo, per un adolescente è difficile pensare che tale esperienza possa diventare un problema o che questo possa condurre ad una dipendenza. Molto spesso ciò è circoscritto a periodi particolari della loro vita o ad eventi stressanti, individuali o familiari. Studi in questo settore hanno dimostrato che i ragazzi iniziano a fare uso di sostanze in età giovanissima (14-15 anni) e che si inizia di solito dalle

4 cosiddette sostanze legali come il tabacco, l alcool ed inalanti, per arrivare alla marijuana, solitamente la prima ad essere provata. 2 Altro comportamento a rischio nell adolescenza è l assunzione di alcol. I risultati di un indagine condotta nel 2006 evidenziano come sia un abitudine acquisita precocemente e abbastanza diffusa tra gli studenti. I giovani usano spesso l'alcol come una sostanza che dà piacere e che aiuta a trascorrere una serata con gli altri eliminando le inibizioni e le resistenze psicologiche alla propria espressione fisica e verbale. I giovani, d'altra parte, riconoscono che l'alcol ha, per gli effetti descritti, le proprietà di una droga. 1 Zuckerman, M., Sensation Seeking: Beyond the Optimal Level of Arousal, Lawrence Erlbaum Associates, Hillsdale, New Jersey, Roche-Olivar R. (a cura di), La condotta prosociale, Bulzoni, Roma, Fino all'età di 20 anni circa, nel corpo umano non sono ancora presenti gli enzimi destinati alla metabolizzazione dell'alcol. Le bevande alcoliche, quindi, per i giovani risultano molto più nocive rispetto ad un adulto, perché l'etanolo non può essere scomposto in sostanze più tollerabili. Di fronte ad un insuccesso scolastico, ad una lite familiare, per fare qualcosa di diverso in gruppo, per assomigliare agli adulti o per mille altri motivi, molti giovani ricorrono alle bevande alcoliche. Essi acquisiscono così delle abitudini che possono portarli prima o poi a sviluppare una dipendenza alcolica o una dipendenza mista (alcol, fumo, psicofarmaci, droghe) ancora più pericolosa. 3 All uso di alcool è strettamente legato l'abuso di energy drinks da parte degli adolescenti. Il problema sta nella soglia limite di caffeina che un adolescente dovrebbe assumere. Secondo gli esperti, la dose giornaliera di caffeina ritenuta accettabile per un adulto in buone condizioni di salute è di 400 mg, valore che scende a 100 mg per gli adolescenti. Quindi "gli energy drink non sono consigliabili per gli adolescenti, perché il consumo di una sola lattina copre spesso quasi tutta la dose giornaliera accettabile di caffeina e a volte, addirittura, la supera. Vale lo stesso discorso per lo zucchero, di cui queste bevande sono molto ricche". E spesso il consumo non si limita affatto a una sola lattina, specialmente se assunto in compagnia e durante una serata in discoteca e diventa ancora più nocivo se associato agli alcolici, come spesso avviene. Inoltre, negli ultimi anni, con l arrivo di internet e di nuove tecnologie dell elettronica, della telefonia e dell informatica, si sono diffuse anche nuove forme di dipendenza non legate all assunzione di droghe legali, come alcol e tabacco, o illegali come sostanze stupefacenti; ma legate a comportamenti, come giocare d azzardo o utilizzare strumenti come cellulari e computer per parecchie ore al giorno senza alcun controllo.

5 Le dipendenze da prodotti tecnologici condividono con quelle da sostanze stupefacenti alcune caratteristiche quali la dominanza : l attività domina i pensieri e assume un valore primario tra tutti gli interessi del soggetto; alterazioni dell umore: nell uso dello strumento si prova un aumento d eccitazione o una maggiore rilassatezza; la tolleranza: per ottenere l effetto desiderato occorre aumentare il tempo di uso dello strumento; sintomi d astinenza: si manifesta un malessere psichico e/o fisico quando s interrompe o si riduce l utilizzo degli strumenti. la dipendenza : si creano spesso conflitti, tensioni e liti tra chi utilizza gli strumenti e le persone a lui vicine, ma la persona che ne fa uso è in conflitto anche con se stessa. la ricaduta: la tendenza a ricominciare l attività dopo averla interrotta. Per molti adolescenti anche il gioco d azzardo, nelle sue varie facce, sta diventando un modo relativamente economico e accessibile di sballarsi. Infatti, se i giochi d azzardo online sono vietati ai minorenni, è facile aggirare i divieti, ad esempio usando codice fiscale e carta di credito dei genitori o degli amici più grandi. Tra lotterie istantanee e slot machine, videopoker e scommesse sportive, Win for life, Gratta e vinci e Superenalotto la febbre delle scommesse sta contagiando i giovanissimi: dati emersi da uno studio condotto su 40 mila studenti dall Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa(Ifc-Cnr), tra il 2008 ed il 2009, rilevano che è passata dal 40 al 47% la percentuale di 15-19enni che hanno giocato d azzardo almeno una volta nel corso dell anno. Infatti anche i Gratta e vinci, sono da considerare in tutto e per tutto appartenenti alla categoria dei giochi d azzardo. Vietati ai minori, sì, ma vista la facilità di reperimento, soprattutto nelle edicole, nelle tabaccherie, nei bar e nei distributori automatici, da una parte vi sono numerose possibilità di acquisto dei tagliandi, dall altro i controlli sono inesistenti. Il progetto IO non ci sto! mira a prevenire le condotte rischiose degli adolescenti, senza però fermare il loro bisogno di novità, di curiosità e di sperimentare cose sconosciute. Piuttosto si vuole evitare che l evoluzione cognitiva ed emotiva dell adolescente possa deviare verso comportamenti pericolosi, magari veicolati da un disagio non affrontato (in famiglia o a scuola, con il proprio corpo, con compagni, etc.). La prevenzione rappresenta l approccio essenziale al problema, è un compito difficile quanto indispensabile e gli adulti significativi, in particolare genitori ed insegnanti, rappresentano i destinatari secondari che dovrebbero cercare di valutare insieme ed in anticipo le fasi a rischio per intervenire precocemente. E necessario che gli adulti siano sensibili ad ogni manifestazione fisica ed emotiva e che sappiano prestare ascolto al linguaggio fisico emotivo degli adolescenti. Nel progetto verranno dunque previsti:

6 - incontri informativi su cosa sono le sostanze, come agiscono, cosa provocano, quali sono le conseguenze dell uso o dell abuso, che possono far conoscere all adolescente tutto quello che c è da sapere su questo argomento; - programmi di prevenzione che coinvolgono i ragazzi, i genitori e gli insegnanti. La metodologia utilizzata sarà basata sull apprendimento reciproco attivo, mirerà a sviluppare le abilità personali degli studenti attraverso discussioni in classe, discussioni di gruppo, interviste, ricerche, dibattiti, attività di scrittura, giochi di ruolo, realizzazione di manifesti e prodotti finali ( video, spot) inerenti le tematiche trattate. Si organizzeranno incontri- testimonianza con altri giovani e verrà adottato un approccio volto alla costante attenzione dei bisogni e degli stimoli forniti dai ragazzi per poi modellare su questi le attività e i dibattiti con stile partecipativo. Dati generali del progetto Area territoriale interessata Il presente progetto riguarderà la popolazione scolastica delle scuole secondarie di primo grado di Messina. Tipologia dei destinatari finali Si procederà coinvolgendo la popolazione scolastica al fine di attuare un programma di prevenzione globale. Verranno previsti interventi più specifici sulla base dei bisogni degli alunni ed incontri informativi e preventivi con insegnanti e genitori. Fasi del progetto Nella prospettiva di una prevenzione secondaria, riguardante l educazione dell uso responsabile di sostanze (secondo la classificazione di Drucker,1995), in questo progetto non si parlerà di educazione contro le droghe, ma di educazione sulle droghe. Il progetto si suddivide in tre fasi ( iniziale, intermedia e di implementazione) ed ogni fase si svolgerà nel periodo temporale di 4 mesi. Sarà presente per tutto il periodo un equipe professionale (costituita da educatore, psicologo, assistente sociale ed animatore ) che seguirà e condurrà le attività proposte. Fase (Iniziale)1. Primo quadrimestre - Presentazione del progetto al corpo docente

7 - Somministrazione agli studenti di questionari anonimi, appositamente strutturati, finalizzati alla conoscenza degli stili di vita dei ragazzi e di test per valutare l uso di alcool, tabacco e droghe ( Test Assist) - Raccolta dei dati emersi dai questionari e analisi dei bisogni riscontrati - Raccolta informazioni sulle condotte comportamentali e lo stile di vita dei giovani coinvolti. - Analisi della comunità locale e delle relazioni tra i soggetti interessati. - Individuazione di ipotesi comuni di individuazione del disagio. Fase (Intermedia) 2. Secondo quadrimestre - Presentazione della metodologia adottata, la Peer education, ai ragazzi della classi terze, individuazione e selezione dei peer educators. - Selezione e formazione del gruppo di lavoro dei peer educators - Realizzazione di attività interattive per aumentare la capacità di lavorare in gruppo e fornire competenze a livello di riconoscimento, legittimazione, partecipazione, comunicazione, appartenenza, potere d azione, desiderio di assumersi responsabilità nella promozione della salute a scuola. - Formazione sul tema di pertinenza del progetto attraverso l utilizzo di tecniche a carattere esperienziale: giochi cooperativi, giochi di ruolo, psicodramma, circle time, brainstorming. - Ideazione e progettazione da parte dei peer educators di proposte per la creazione di percorsi di prevenzione sulla base dell esperienza di formazione, delle competenze in essa maturate, utilizzando strumenti di comunicazione che ritengono più adatti ai destinatari loro pari. - Monitoraggio della fase di implementazione da parte dell equipe. Fase (Implementazione) 3. - Realizzazione ( implementazione) delle iniziative progettate all interno del gruppo di lavoro. - In questa fase attuativa i peer educators realizzeranno un blog o un video, distribuiranno volantini da loro ideati, organizzeranno dei laboratori di animazione ed un ciclo di incontri rivolti ai pari ed al territorio. - Valutazione finale dell esperienza fatta all interno del gruppo di lavoro dei peer educator e del gruppo target. Produzione di una relazione. Verrà prevista anche una Fase Permanente per tutto il periodo del progetto in cui si svolgeranno le seguenti attività: - Realizzazione di incontri tematici rivolti agli insegnanti ed ai familiari condotti da un equipe di esperti composta da educatore, psicologo, assistente sociale e consulente legale - Consulenze specifiche dell equipe di esperti - Testimonianze di giovani ex alcolisti ed ex tossicodipendenti.

8 3. Integrazione degli obiettivi del progetto con le politiche del territorio Affinché il programma di prevenzione possa essere efficace deve essere adattato alle condizioni locali e, se necessaria, si dovrà prevedere un ampia cooperazione intersettoriale e interterritoriale. Questo progetto, organizzato e realizzato dai giovani stessi, può contribuire a informare e a prevenire il fenomeno. I ragazzi coinvolti nel progetto potranno infatti sensibilizzare i coetanei del proprio Quartiere proponendo ciò che hanno realizzato (volantini, blog, video) presso le strutture del territorio ( parrocchia, centro di aggregazione giovanile). 4. Collegamenti ( di coordinamento, prosecuzione, integrazione) con altri progetti e iniziative Il presente progetto potrebbe essere inserito nel progetto POF (Piano Offerta Formativa) dell Istituto. Si auspica che il progetto crei dei collegamenti con i Servizi presenti sul territorio, le forze dell Ordine e con altre iniziative progettuali che possano garantire una continuità rispetto alla prevenzione di stili di vita dannosi, affinché il progetto funga da promotore di un messaggio che continui ad essere presente nella realtà territoriale di riferimento. 5. Obiettivi intermedi e finali Gli obiettivi intermedi sono: - Informare i ragazzi sugli effetti dell uso di alcool e dell abuso degli energy drink - Promuovere stili di vita salutari che responsabilizzino i ragazzi nella tutela della propria salute - Rendere consapevoli i partecipanti del progetto dei rischi legati all uso di tabacco e delle smart drugs - Creare un gruppo di lavoro ( peer educator) che trasmetta le nozioni e le informazioni apprese ai coetanei dell Istituto e del Quartiere - Creare occasioni di incontro e di confronto tra i giovani coinvolti e gli adulti significativi ( insegnanti, genitori) - Rendere i giovani protagonisti delle attività progettuali. - Stimolare i ragazzi al coinvolgimento della comunità territoriale di appartenenza. Gli obiettivi finali dell intervento sono: - diminuire il consumo regolare o eccessivo di alcool e di Energy drink - ridurre il numero di giovani che fuma regolarmente tabacco ed evitare il più possibile contatti con le smurt drugs - evitare l uso inappropriato di internet per accedere ai giochi d azzardo online - ridimensionare l uso delle nuove tecnologie - Agevolare la comunicazione efficace tra adulti significativi e ragazzi. - Creare una campagna di prevenzione che coinvolga il territorio e che prosegua a progetto ultimato.

9 b. Costi del Progetto I costi del progetto sono concordare con l istituto scolastico in proporzione ai tempi organizzativi del progetto. Nello specifico: Tenendo conto che, per il pagamento delle risorse umane, la normativa vigente prevede espressamente la possibilità di erogare ai propri associati somme a titolo di rimborso spese, secondo i requisiti dalla stessa previsti. Riguardo al materiale e ai costi di realizzazione nonché alle spese generali si è avuto come punto di riferimento il prezzo medio di mercato. d.metodologie per il raggiungimento degli obiettivi e sistema di valutazione del progetto La metodologia adottata per il raggiungimento degli obiettivi sarà la Peer education, tipologia d intervento innovativa particolarmente utilizzato nell ambito della promozione della salute e più in generale nella prevenzione dei comportamenti a rischio. La Peer Education rappresenta un metodo alternativo estremamente efficace, in quanto sviluppa e rafforza le competenze cognitive e relazionali, e, nello stesso tempo, raggiunge l obiettivo della prevenzione ottenendo sorprendenti risultati di trasformazione dei contesti sia individuali che collettivi. Il potere dell Educazione fra Pari è stato confermato da varie ricerche che hanno avuto come obiettivo la verifica della capacità preventiva di tale approccio educativo che, ponendo l accento sul feed-back reciproco, motiva i partecipanti ad abbandonare concezioni sbagliate, stereotipiche e cercare soluzioni migliori (Pearlman, 2002; Ross, 2002; Simonelli et al., 2002). La Peer Education agisce sul senso di responsabilità individuale e di gruppo. Inoltre, sviluppa l elemento principale dei gruppi, senza il quale nessun gruppo può esistere e funzionare: l intelligenza emotiva (Goleman, 1995), cioè la capacità di comprendere i sentimenti, i desideri e le paure proprie e altrui, la capacità di ascoltare l altro e di reggere le differenze. Tali iniziative di prevenzione e

10 promozione della salute mirano a promuovere lo sviluppo di una coscienza critica, il che conferisce alla peer education una dimensione politica, comunitaria (Freire). 1. Indicatori di processo: 2. Le variabili e gli indicatori utili alla valutazione del processo sono: il grado di partecipazione attiva percepito, gli atteggiamenti del gruppo target nei confronti dell intervento, i benefici personali che i partecipanti ritengono di avere acquisito, il grado di soddisfazione. il riconoscimento della validità del programma e le conoscenze acquisite sulle sostanze stupefacenti come è stato vissuto il tempo dedicato al programma. 3. Indicatori di risultato Le variabili e gli indicatori utili alla valutazione del risultato sono: raggiungimento dei risultati attesi ed eventuali differenza tra risultati attesi ed osservati; risultati più significativi rilevati dal gruppo di valutazione effettuando anche una comparazione con progetti similari realizzati; riconducibilità dei risultati ottenuti all intervento effettuato; cause degli eventuali risultati negativi; suggerimenti che si possono trarre per realizzare altri programmi di prevenzione. 4. Strumenti e sistemi di rilevazione per ciascun indicatore Valutazione indicatori di processo: i dati quantitativi si otterranno tramite la realizzazione di questionari ad hoc e la somministrazione a tutti i soggetti coinvolti ex-ante, intermedia e post.la valutazione qualitativa verrà effettuata tramite l osservazione e la compilazione di un rapporto riguardo l effettiva esecuzione dell intervento, il numero e la durata di ogni sessione formativa, il grado di tutti gli attori coinvolti. Il questionario di «Indagine sulla popolazione studentesca» contiene diversi indicatori inerenti l uso di tabacco, alcool, farmaci e droghe illegali, la conoscenza di tali sostanze,gli atteggiamenti verso di esse, l abuso e i comportamenti asociali. Valutazione indicatori di risultato: griglie di osservazione che gli esperti compileranno al termine di ogni modulo di attività, checklist e relazioni da compilare e redigere da parte di tutto il personale coinvolto ogni quadrimestre. 1. Modalità di realizzazione del progetto 1. Per la realizzazione del progetto verrà attuato una Convenzione tra l Istituto comprensivo di Villafranca Tirrena e l associazione INMEDIA ONLUS di Villafranca Tirrena. 2. Modalità e forme diffusione dei risultati convegni, locandine.

11 I ragazzi realizzeranno volantini informativi da distribuire nel quartiere di appartenenza, creeranno dei video ed organizzeranno un ciclo di incontri che coinvolgeranno il territorio.

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 C.so Lombardia, 187 10151 Torino

ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 C.so Lombardia, 187 10151 Torino ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 67 A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino DIPARTIMENTO DIPENDENZE 1 ( 011. 4395400 fax 011.4395432 e-mail sert.segrlomb@aslto2.it Area Prevenzione

Dettagli

4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS

4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO

Dettagli

PERSONAGGI ED INTERPRETI

PERSONAGGI ED INTERPRETI PERSONAGGI ED INTERPRETI REFERENTE DEL PROGETTO Responsabile Daniela Nocentini Unione Comuni Montani del Casentino Responsabile dei Servizi Sociali Via Roma, n. 203 52014 POPPI Tel. 0575 507258 Fax 0575

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGA Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto GIPRO_1_ 2015 2. Titolo del progetto "Essere educatore. Ruolo e strategie psico-educative per chi inter-agisce

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

VIETATO NON VIETATO. Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio Ghezzi

VIETATO NON VIETATO. Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio Ghezzi 1 VIETATO NON VIETATO Indagine nazionale sull accesso dei minori ad alcol, fumo, videogiochi non adatti ai minori, giochi con vincita in denaro, pornografia Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio

Dettagli

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

GLOSSARIO. Studiare sicurezza

GLOSSARIO. Studiare sicurezza 59 Studiare sicurezza In che modo le Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati relative alla scuola primaria e a quella secondaria di primo grado possono aiutare a formulare percorsi di

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

(D.A. n 300 del 20 febbraio 2012 Delibera Aziendale n. n 332 del 30 Marzo 2012)

(D.A. n 300 del 20 febbraio 2012 Delibera Aziendale n. n 332 del 30 Marzo 2012) Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 DIREZIONE GENERALE AVVISO PUBBLICO PER INDIVIDUAZIONE DI ASSOCIAZIONE PARTNER COLLABORATRICE DI PROGETTO Piano Aziendale di Prevenzione

Dettagli

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Adolescenti, dipendenza da internet, gioco e possibili strategie preventive di scuola e famiglia Carlo Cenedese SerDAzienda ULSS 7 Regione

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA La partecipazione ad attività extrascolastiche strutturate (organizzazioni sportive, culturali, politiche, di volontariato, giovanili),

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 -

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - PROPOSTA RISERVATA AGLI ADERENTI AL CRAEM Un tuffo nella terra sarda (S. Teresa di Gallura OT) dall 1 al 19 luglio o dal 18 al 31 luglio dai 12 ai

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA. COORDINATORE DI PROGETTO: Prof.ssa A. De Maria

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA. COORDINATORE DI PROGETTO: Prof.ssa A. De Maria C.F. 80006100434 - codice meccanografico MCSD01000D e-mail segreteria@istartemacerata.it www.istitutoartemacerata.it PROGETTI P.O.F. 2011/2012 TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA COORDINATORE

Dettagli

"Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo

Educhiamo(ci) alla sostenibilità Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo "Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo Nell anno scolastico 2011-12 appena concluso, gli studenti di numerose scuole di Roma e del Lazio

Dettagli

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Dipartimento Dipendenze Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Perché un intervento preventivo dell uso ed abuso di sostanze nella classe prima media? Le ricerche dimostrano che si sta

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario CORSO DI GUIDA SICURA AUTO E MOTO (BBCF_4_2012)... 1 29-10-2012 SCHEDA di presentazione progetti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne PROGETTO A scuola di parità per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne Finanziato da: Premessa. Il Progetto A scuola di parità si rivolge ai bambini, alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze

Dettagli

ALLEGATO 15. Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA

ALLEGATO 15. Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA ALLEGATO 15 Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA 1. Premessa Il DSA, Disturbo Specifico dell Apprendimento, è un disturbo

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO Sintesi dei risultati L indagine sul gioco d azzardo, commissionata dall Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza, restituisce

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE 17 SSD Epidemiologia ed Educazione Sanitaria Alimentazione e attività Fisica - SASA (Scuola alimentazione sport aria aperta) Questo intervento è proposto alle scuole

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Quattro ruote per socializzare. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Disabili

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Quattro ruote per socializzare. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Disabili ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011 Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011 Capofila: Provincia di Arezzo Partner: Oxfam Italia, Migrantes, ARCI, Pronto Donna, TSD, Comune di Arezzo, Zona Valdarno, Cooperativa

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 INDICE Introduzione.3 1. Il settore sociale 3 2. Il settore dello spettacolo.5 3. Il settore della sicurezza..6 4.

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A 1 R E G I O N E C A L A B R I A a cura di: Dott. Bernardo S. Grande Responsabile LVD supervisione e coordinamento Dott.ssa Tiziana Bevacqua Psicologa LVD dati e testo Dott.ssa

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

Peer Education al Balbo. Donne: Violenza Zero

Peer Education al Balbo. Donne: Violenza Zero Peer Education al Balbo Donne: Violenza Zero LA PEER EDUCATION: COS E? La Peer Education (EDUCAZIONE TRA PARI) è un progetto educativo teso a riconoscere e promuovere un ruolo attivo degli adolescenti

Dettagli

Progetto Rete Sicurascuola Promozione di un clima scolastico positivo

Progetto Rete Sicurascuola Promozione di un clima scolastico positivo ATTIVITÀ PER L INTEGRAZIONE E IL MIGLIORAMENTO DELLE ATTIVITÀ PERSONALI Progetto Rete Sicurascuola Promozione di un clima scolastico positivo DOCENTE RESPONSABILE PROGETTO: Cerisola Emanuela e Fantoni

Dettagli

Solo un gioco? Full Immersion

Solo un gioco? Full Immersion Solo un gioco? Il campione I dati so stati raccolti fra gennaio e maggio 2014 in 7 istituti superiori della provincia di Monza e Brianza, in 23 classi del terzo e quarto an. So stati intervistati più di

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA INTRODUZIONE COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA 1.1. ORGANIZZAZIONE E FASI DEL PROGETTO Giovane Cittadinanza (GC) è un progetto finanziato dal fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto CEM_10_ 2015 2. Titolo del progetto Guida Sicura 3. Riferimenti del compilatore Nome Roberta Cognome Gottardi

Dettagli

Ognuna di queste pratiche è stata scelta in quanto possibile fonte d ispirazione di progetti di prevenzione da svolgere all interno del proprio Ente.

Ognuna di queste pratiche è stata scelta in quanto possibile fonte d ispirazione di progetti di prevenzione da svolgere all interno del proprio Ente. I link che seguono rimandano a tre buone prassi nell ambito della prevenzione. Le esperienze sono state scelte da contesti diversi rispetto ai centri di formazione professionale di cui abbiamo ampia testimonianza

Dettagli

Il progetto regionale sostanze legali

Il progetto regionale sostanze legali Lavori preparatori alla II Conferenza regionale sulla salute mentale Il Sistema Dipendenze patologiche si presenta Il progetto regionale sostanze legali Maurizio Laezza Bologna,27 febbraio 2007 Fumo di

Dettagli

UNA RICERCA ESPLORATIVA

UNA RICERCA ESPLORATIVA UNA RICERCA ESPLORATIVA ISTRUZIONE E CAPITALE SOCIALE Prof. Adriana Fazio Anno scolastico 2009/2010 1 Istruzione e capitale sociale Capitale sociale è una rete di relazioni caratterizzate da fiducia e

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave della popolazione residente nel Comune di Arezzo

REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave della popolazione residente nel Comune di Arezzo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Ser.T. zona Aretina Via Fonte Veneziana, 7 00 Arezzo Direttore - Dr. Paolo E. Dimauro REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave

Dettagli

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Progetto Bambino oggi, cittadino domani

Progetto Bambino oggi, cittadino domani Istituto Comprensivo Pescara 3 Progetto Bambino oggi, cittadino domani Progetto per l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione in un percorso curricolare verticale anno scolastico 2014/2015 Presentazione

Dettagli

--------------------------------------------------- Pez Infanzia ---------------------------------------------------

--------------------------------------------------- Pez Infanzia --------------------------------------------------- ANAGRAFICA Struttura: SETTORE SOCIO-CULTURALE E SCOLASTICO Indirizzo: PIAZZA DEL MUNICIPIO, 5 CAP: 50064 Comune ufficio: Responsabile progetto: Incisa in Val d'arno ELISABETTA BARGILLI Codice Fiscale:

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PROGETTO. Siamo in Gioco Per Natura

PROGETTO. Siamo in Gioco Per Natura PROGETTO Siamo in Gioco Per Natura Associazione Giovani Cisl Dati relativi all Ente proponente Denominazione : Associazione Giovani CISL Sede Legale: Viale Europa 58 is.68-98124 Messina Legale Rappresentante

Dettagli

FATTI FURBO Progetto di prevenzione delle dipendenze nella società dei consumi

FATTI FURBO Progetto di prevenzione delle dipendenze nella società dei consumi COMUNI DI CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO PROVINCIA DI LECCE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE CASARANO ASL LECCE D.S.S. 9 CASARANO Tel.: 0833 502428-0833 514227 Fax: 0833 514227

Dettagli

Alcol e velocità. Ipotesi progettuale sulle problematiche correlate all alcol, relative alla guida dei ciclomotori e dei veicoli IN PRIMO PIANO

Alcol e velocità. Ipotesi progettuale sulle problematiche correlate all alcol, relative alla guida dei ciclomotori e dei veicoli IN PRIMO PIANO R D 30 N PRMO PANO D STEFANO RAFANELL potesi progettuale sulle problematiche correlate all alcol, relative alla guida dei ciclomotori e dei veicoli D a qualche anno a questa parte il consumo di alcol da

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E

T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E COMUNE DI PAVIA Assessorato Istruzione e Politiche Giovanili T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E Premessa L Assessorato Istruzione e Politiche

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO RELAZIONE INCONTRI 28 APRILE 2015 11 MAGGIO 2015 PREMESSA La salute, nel suo significato di benessere

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida a cura di Renato Pocaterra, Responsabile scientifico di Fondazione IARD Sonia Colombo, Ricercatore di Fondazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli