I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE"

Transcript

1 I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE di Andrea Missori aggiornamento: febbraio 2013 This work is licensed under the Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. To view a copy of this license, visit

2 INDICE 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1.a Le premesse legislative 1.b Le novità normative: il codice dei contratti 2 L'AFFIDAMENTO DI LAVORI PUBBLICI 2.a - Il ruolo del contratto nei lavori pubblici 2.b La scelta della procedura 2.c La programmazione 2.d La progettazione 2.e - I documenti a complemento del progetto esecutivo 2.f - La qualificazione delle imprese 2.g - I sistemi di realizzazione delle opere pubbliche 2.h - Le procedure di scelta del contraente 2.i - I criteri di aggiudicazione 2.l Le procedure speciali: l appalto al contraente generale 3 L AFFIDAMENTO DI SERVIZI 3.a L affidamento degli incarichi 3.b I concorsi di progettazione 4 LE PRINCIPALI FIGURE DEL PROCESSO 4.a Il responsabile di procedimento 4.b Il progettista 4.c Il direttore dei lavori 4.d Il collaudatore dispensa IUAV - andrea missori febbraio

3 1. IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1.a Le premesse legislative Lo studio delle norme procedurali 1 nel campo delle opere pubbliche 2 deve tenere conto di un sistema normativo molto complesso e articolato che si è progressivamente formato nel corso degli anni. La prima legge sugli appalti dopo l unità d'italia risale al e negli anni seguenti si sono aggiunti un gran numero di leggi e decreti spesso mal coordinati tra loro che hanno creato un generale stato di confusione interpretativa e agevolato i1 nascere di azioni illegali e speculative. La presenza dell Italia nell Unione Europea e quindi l adeguamento alle norme del diritto comunitario, ha ulteriormente aumentato i problemi e il coordinamento tra normativa nazionale e normativa comunitaria si è spesso risolto in aperte contraddizioni. La legge quadro sui lavori pubblici, legge 109/94 4, conosciuta anche come legge Merloni, è nata proprio dall esigenza di mettere ordine e chiarezza nella complessa e disorganica normativa sulle opere pubbliche. Oggetto di sospensioni e di successive integrazioni, ha subito importanti modifiche nel corso degli anni: le cosidette Merloni bis e Merloni-ter 5. Successivamente anche la legge 166/02, nota come Collegato infrastrutture alla legge finanziaria dello stesso anno, ha introdotto ulteriori importanti modifiche al testo originario tanto da venire comunemente chiamata Merloni-quater. Legge e regolamento hanno costituito, per un certo tempo, una sorta di legislazione quadro in materia di opere pubbliche e quindi un chiaro riferimento per tutto il settore delle costruzioni. Ad esso hanno fatto inoltre riferimento altre leggi di riforma del settore come il dm 145/00 che introduce il nuovo capitolato generale d appalto, il dpr 34/00 sul nuovo sistema di qualificazione delle imprese e altre normative di carattere tecnico specifiche dei diversi ambiti collegati al vasto settore delle opere pubbliche. 1 Le norme che regolano i rapporti tra i diversi operatori del processo edilizio e ne fissano i reciproci obblighi e le rispettive competenze. 2 Le opere pubbliche sono i beni materiali realizzati direttamente o fatti realizzare da un ente pubblico a fini di pubblico interesse e si distinguono dai lavori pubblici che sono invece le attività disposte o fatte disporre da un ente pubblico per realizzare le suddette opere. 3 Legge 20 marzo 1865, n "legge sulle opere pubbliche". 4 Legge 11 febbraio 1994, n. 109 legge quadro in materia di lavori pubblici. 5 La prima modifica con la legge 216/95 (Merloni-bis) e una seconda con la legge 415/98 (Merloni-ter). dispensa IUAV - andrea missori febbraio

4 Il campo di applicazione della legge era assai vasto: non si limitava infatti a regolamentare le procedure per l affidamento degli appalti, come hanno fatto in passato le altre leggi sul settore, ma apportava cambiamenti strutturali all intero processo costruttivo, in tema di rapporti tra gli operatori e di contenuti della loro attività. La legge inoltre poneva il progetto al centro del processo, come strumento di informazione delle varie fasi operative e punto di riferimento imprescindibile per l esecuzione dell opera. Il progetto stesso diviene così oggetto di produzione e ne vengono descritte puntualmente le caratteristiche e i ruoli dei soggetti che a vario titolo vi partecipano o ne sono interessati. 1.b - La nuova normativa: il Codice dei Contratti Nella continua attività di semplificazione e snellimento delle procedure al fine di abbattere ogni possibile ostacolo alla concorrenza e alla libera circolazione, l Unione Europea nel 2004 ha emanato due direttive che riuniscono e, per alcuni aspetti unificano, le procedure per l aggiudicazione degli appalti nei tre settori chiave: dei lavori, dei servizi e delle forniture 6. Con il dlgs 163/2006 Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi, forniture vengono recepite nel nostro ordinamento le direttive europee, ma è stata anche l occasione per il legislatore italiano di una completa revisione dell intero quadro normativo sui lavori pubblici. Il nuovo decreto diviene quindi il nuovo testo unico per il settore delle costruzioni e come tale rappresenta una sorta di summa legislativa di tutte le norme precedenti a cominciare dalla vecchia legge quadro (legge 109/1994 e s.m.i) che viene pertanto abrogata anche se molti dei suoi contenuti vengono ripresi dal nuovo decreto. Con l entrata in vigore del nuovo regolamento d attuazione, il dpr 207/2010 7, il quadro normativo si è finalmente completato. Il nuovo regolamento apporta delle novità in alcune procedure e ruoli degli operatori e da attuazione a quelle norme del Codice che erano rimaste sospese. Abroga inoltre, sostituendosi ad esse, le precedenti normative in materia di appalti (dpr 554/1999, 6 La direttiva 2004/18/Ce relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi e la direttiva 2004/17/Ce dedicata ai settori esclusi (acqua, energia, trasporti, servizi postali). 7 Il Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207 è entrato in vigore il 9 giugno 2011 e cioè 180 gg dopo la sua pubblicazione. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

5 vecchio regolamento d attuazione, dpr 34/2000 sulla qualificazione delle imprese e gran parte del dm 145/2000 sul capitolato generale). Il Codice dei Contratti e il suo Regolamento, sebbene siano in continua evoluzione 8, costituiscono oggi il riferimento procedurale per quanto riguarda qualsiasi tipo di contratto pubblico di lavori, di servizi e forniture. 8 Dal 2006 alla data della presente pubblicazioni vi sono state più di quaranta modifiche e integrazioni legislative. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

6 2. L AFFIDAMENTO DI LAVORI PUBBLICI 2.a - Il ruolo del contratto nei lavori pubblici Il tema dei modelli procedurali per il settore pubblico nasce principalmente da una duplice esigenza: la necessità da parte della pubblica amministrazione di acquistare beni e servizi per il proprio funzionamento (avere uffici, tenerli puliti, avere strumenti per lavorare, ecc.), e il compito istituzionale di adempiere alle funzioni che le sono proprie e quindi soddisfare l interesse collettivo nei diversi settori di competenza (scolastico, trasporti, edilizia residenziale pubblica, ecc.). Quando emerge una di queste esigenze la pubblica amministrazione si rivolge all esterno nella maggior parte dei casi, e cioè opera nel mercato spendendo denaro pubblico. Il contratto è lo strumento che permette di regolare i rapporti tra domanda e offerta all interno del mercato e le pubbliche amministrazioni ne hanno a disposizione due principali tipi: il contratto d appalto e il contratto di concessione 9. I contratti di appalti pubblici si possono distinguere in tre differenti categorie: di lavori, di servizi e di forniture; nel seguito si tratterà esclusivamente degli appalti pubblici di lavori e di servizi, in quanto gli uni direttamente connessi alla realizzazione di opere pubbliche, gli altri alla loro progettazione. Il Codice Civile all'articolo 1655 definisce molto chiaramente cosa è un appalto: "L'appalto è il contratto con il quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in denaro". Questo vale sia per gli appalti privati che per quelli pubblici, con la differenza che per questi ultimi la legge prevede forme e modi affinché l interesse della collettività venga tutelato e per tale motivo le leggi a riguardo ne specificano l oggetto di applicazione. In altre parole si può definire l appalto: una forma di contratto tipico con cui si realizza l'incontro tra "domanda" (soggetto appaltante) e "offerta" (impresa 10, appaltatore) nel mercato delle costruzioni. La peculiarità di questo incontro è data dal fatto che 9 Per la distinzione tra appalto e concessione vedi paragrafo 2.g. 10 Usiamo il termine impresa nel significato di generico operatore economico per identificare sia società, sia cooperative, sia associazioni, sia liberi professionisti (secondo il concetto di impresa espresso nel diritto comunitario). dispensa IUAV - andrea missori febbraio

7 l'amministrazione pubblica con il contratto d'appalto non acquista un prodotto finito, bensì la capacità di qualcuno (impresa) di realizzare il prodotto o svolgere un servizio. Per tale motivo la normativa stabilisce precise regole riguardanti non solo le procedure di affidamento (il come si appalta), ma anche i documenti da porre a base dell affidamento (il cosa si appalta) e i criteri di valutazione per la scelta dell'impresa (a chi si appalta). Questo vale sia per appalti di lavori sia per appalti di servizi, tra i due esiste infatti una differenza solamente per quanto attiene all oggetto del contratto: l esecuzione di lavori nel primo caso, la prestazione di un servizio nel secondo. Servizi e lavori vengono comunque sempre più intrecciati fra di loro e a livello comunitario gli appalti pubblici di lavori vengono distinti in tre tipi, secondo l oggetto del contratto: a) appalti del primo tipo, aventi per oggetto la sola esecuzione dei lavori; b) appalti del secondo tipo, aventi per oggetto sia la progettazione che l esecuzione dei lavori; c) appalti del terzo tipo, aventi per oggetto la realizzazione con qualsiasi mezzo di un opera. Il nuovo Codice dei contratti recepisce anche nel nostro ordinamento questa distinzione individuando procedure in cui viene chiesto all impresa esecutrice, oltre naturalmente la costruzione dell opera, anche parte della sua progettazione. Nella normativa italiana viene anche recepito l appalto del terzo tipo all interno della procedura dell appalto al contraente generale 11. Questa figura, esistente già da molto tempo nei paesi anglosassoni con il nome di main contractor, è stata tuttavia recentemente introdotta anche nel nostro ordinamento 12 come strumento atto a facilitare la realizzazione delle grandi opere previste dalla legge stessa ed è applicabile solo per quei lavori di carattere strategico e di interesse nazionale rientranti in specifici elenchi ministeriali Cfr. paragrafo 2.l. 12 Legge 443/2001 detta legge obiettivo. 13 Per la realizzazione delle grandi opere si può ricorrere alla figura del contraente generale mediante appalto oppure di un concessionario tramite concessione di costruzione e gestione. Le opere di interesse nazionale e di rilevanza strategica sono state più volte modificate e integrate rispetto ai primi programmi, sono comprese tra queste la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina, il Mose di Venezia, linee ferroviarie, corridoi autostradali e stradali, linee metropolitane, acquedotti, ecc. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

8 L APPALTO NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA CODICE CIVILE, art. 1655: L appalto è il contratto con il quale una parte assume, con organizzazione di mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un opera o di un servizio verso un corrispettivo in denaro Dlgs 163/2006, art. 3 (definizioni): Gli appalti pubblici sono i contratti a titolo oneroso, stipulati per iscritto tra una stazione appaltante o un ente aggiudicatore e uno o più operatori economici, aventi per oggetto l esecuzione di lavori, la fornitura di prodotti, la prestazione di servizi Gli «appalti pubblici di lavori» sono appalti pubblici aventi per oggetto l esecuzione o, congiuntamente, la progettazione esecutiva e l esecuzione, ovvero, previa acquisizione in sede di offerta del progetto definitivo, la progettazione esecutiva e l esecuzione, [ ] oppure, [ ], l esecuzione, con qualsiasi mezzo, di un opera rispondente alle esigenze specificate dalla stazione appaltante o dall Ente aggiudicatore, sulla base del progetto preliminare o definitivo posto a base di gara. Gli «appalti pubblici di servizi» sono appalti pubblici diversi dagli appalti pubblici di lavori o di forniture, aventi per oggetto la prestazione dei servizi di cui all'allegato II. [Allegato II, Cat Servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria, anche integrata; servizi attinenti all'urbanistica e alla paesaggistica; servizi affini di consulenza scientifica e tecnica; servizi di sperimentazione tecnica e analisi.] Gli «appalti pubblici di forniture» sono appalti pubblici diversi dagli appalti pubblici di lavori o di servizi, aventi per oggetto l acquisto, la locazione finanziaria, la locazione o l acquisto a riscatto, con senza opzione per l acquisto, di prodotti. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

9 2.b La scelta della procedura La scelta del modello procedurale deve essere attuata di volta in volta in funzione delle caratteristiche dell'opera da realizzare e degli obiettivi di politica edilizia che si intendono raggiungere. L'opera da realizzare presenta infatti diversi elementi condizionanti: il costo, i tempi e le caratteristiche costruttive. Se ad esempio si deve costruire un complesso di opere per un valore di cinque milioni di euro, non è indifferente se questo si realizza in un unico lotto oppure in cinque lotti da un milione ciascuno. A seconda che si segua la prima o la seconda strada si avrà un diverso impatto sulle strutture produttive. Stabilire che la realizzazione di un intervento debba avvenire in 12 oppure in 24 mesi significa fare una scelta su quali realtà imprenditoriali favorire. Ancora più ovvio è riconoscere il valore condizionante delle caratteristiche dell opera: ricorrere a lavorazioni speciali ad alto contenuto tecnologico, significa molto spesso operare una selezione delle imprese in base alle loro capacità tecniche e alla loro dimensione. Analogo discorso vale per il livello di definizione degli elaborati progettuali posti a base della procedura di affidamento. Al diminuire della definizione del progetto fornito dal committente, ferma restando l imprescindibilità del progetto esecutivo per iniziare i lavori, l impegno progettuale a carico delle imprese costruttrici aumenta di conseguenza e risulta spesso inevitabile per imprese di piccole e medie dimensioni il ricorso a una progettazione esterna all impresa; al contrario, quelle più attrezzate, spesso dispongono di una struttura tecnica interna in grado di affrontare la progettazione esecutiva 14. E quindi evidente come la scelta del modello procedurale e delle caratteristiche con cui viene definito rappresentano un importante strumento con cui la pubblica amministrazione può indirizzare e promuovere lo sviluppo del comparto produttivo. 2.c La programmazione Il processo edilizio è un processo produttivo caratterizzato da ampi margini di libertà operativa. Il percorso possibile per realizzare un'opera non è infatti mai univoco, ma può seguire strade differenti in relazione al tipo d'intervento, alle competenze e alle risorse disponibili per la sua progettazione ed esecuzione. Per questo motivo i documenti che dispensa IUAV - andrea missori febbraio

10 sono a base del contratto d'appalto assumono un'importanza fondamentale nel definire il rapporto fra committente e impresa e nel prefigurare la qualità dell'opera che si intende realizzare. La legge pone particolare attenzione alle fasi della programmazione e della progettazione definendo un percorso articolato di procedure che partendo dalla individuazione delle esigenze, conduce alla redazione di un progetto cantierabile e completo delle previsioni di gestione dell opera nel tempo. La programmazione rappresenta la fase iniziale del processo costruttivo e la legge la suddivide in una sequenza ordinata di adempimenti a cui le amministrazioni sono chiamate secondo precise scadenze temporali. Il primo stadio della programmazione è costituito dalla redazione di studi in cui vengono individuati i bisogni, le esigenze e i relativi interventi idonei al loro soddisfacimento. Vi Sulla base di questi preliminari studi vengono effettuati gli studi di fattibilità in cui sono indicate le caratteristiche funzionali, tecniche, gestionali ed economico-finanziarie dell'intervento stesso, corredate dall'analisi dello stato di fatto per quanto riguarda le eventuali componenti storico-artistiche, architettoniche, paesaggistiche e di sostenibilità ambientale, socio-economiche, amministrative e tecniche. Secondo l importanza e la complessità dell opera vengono eventualmente approfondite le caratteristiche funzionali, tecniche, gestionali, economico-finanziarie dei lavori da realizzare, si analizzano possibili alternative rispetto alla soluzione individuata, e si verificano le possibilità di partenariato pubblico-privato effettuando valutazioni più specifiche sulla sostenibilità e tutela ambientale, sulla compatibilità paesaggistica, in modo da valutare l effettiva convenienza dell'investimento da effettuare. Programma triennale ed elenco annuale: Tutti gli interventi d importo superiore ai 100 mila euro vengono quindi inseriti nel programma triennale, primo vero strumento di programmazione sistematica delle opere pubbliche. Il programma triennale forma una graduatoria dei lavori da compiersi dando comunque priorità a specifiche categorie (manutenzione, recupero del patrimonio esistente, completamento dei lavori già iniziati, i progetti esecutivi approvati, gli 14 La presenza di una struttura tecnica all interno dell impresa può determinare un valore aggiunto in termini di competitività in fase di gara e garantire un assistenza progettuale durante i lavori (progettazione dispensa IUAV - andrea missori febbraio

11 interventi per i quali ricorre la possibilità di finanziamento con capitale privato maggioritario). Nel programma per ogni singolo intervento viene definito l importo presunto suddiviso per annualità e la relativa copertura finanziaria con indicazione di eventuali apporti di capitale privato o derivanti da cessioni di immobili pubblici. Il programma è inoltre corredato dell elenco annuale, uno strumento operativo che individua tra gli interventi previsti nel triennio quelli che possono essere avviati nel corso dell anno. La legge definisce i requisiti necessari per includere gli interventi nell elenco annuale in base al loro importo; così, per opere di importo inferiore a 1 milione di euro, è sufficiente la presenza di uno studio di fattibilità approvato, mentre per importi superiori è necessaria la redazione di un progetto preliminare. Nell elenco viene definito per ogni intervento il responsabile di procedimento, il costo riferito all anno di riferimento e quello totale, nonché indicazioni riguardo ai tempi stimati per la realizzazione. La fase della programmazione, per come viene riformata dalla legge, costituisce una delle più importanti novità per il settore dei lavori pubblici. L obiettivo è quello di garantire una maggiore efficacia e una maggiore efficienza delle azioni decisionali della pubblica amministrazione (anche attraverso il supporto di studi e analisi preliminari), oltre a una maggiore responsabilizzazione dei dirigenti competenti 15 in ordine alla garanzia di realizzazione degli interventi nel rispetto delle risorse finanziarie e dei tempi stimati. 2.d - La progettazione Alla base di qualsiasi sistema di affidamento dei lavori per la realizzazione di un opera pubblica deve necessariamente esistere un progetto. Con tale termine non si intende solamente la parte costituita dagli elaborati grafici, ma tutta la documentazione utile a descrivere nei diversi aspetti formali, tecnici ed economici l opera da realizzare. La legge individua diversi livelli di progettazione che dalla fase programmatoria a quella esecutiva si arricchiscono progressivamente di contenuti e di definizione fino a descrivere compiutamente l opera nei suoi aspetti di dettaglio. operativa o costruttiva). 15 Il programma triennale e l elenco annuale sono presentati dal responsabile di struttura, mentre per ogni intervento viene nominato un funzionario tecnico appartenente all amministrazione che viene definito responsabile di procedimento. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

12 I principali livelli individuati dalla legge sono tre: progetto preliminare, progetto definitivo e progetto esecutivo, che corrispondono ai tre momenti del processo: a) programmazione dei lavori; b) ottenimento delle necessarie autorizzazioni e approvazioni; c) consegna dei lavori all impresa costruttrice. Oltre ai tre livelli ufficiali di cui la legge specifica compiutamente il contenuto, esistono però ulteriori livelli di descrizione dell opera che, a tutti gli effetti, sono da considerare attività di progettazione. All avvio della programmazione e quindi prima dell elaborazione del progetto preliminare, vi sono due momenti in cui si svolge un attività progettuale: nella redazione degli studi di fattibilità, specie quando sono posti a base di gara e in cui è previsto un contenuto molto articolato e approfondito e per la cui redazione l amministrazione può rivolgersi anche all esterno, oppure nella redazione del documento preliminare alla progettazione da parte del responsabile del procedimento, in cui vengono riportati gli indirizzi da seguire nei successivi livelli di progettazione e i diversi gradi di approfondimento di ciascun livello. Tale documento ha pertanto lo scopo di definire gli obiettivi da raggiungere e le strategie da impiegare sulla base delle risorse disponibili. Vengono inoltre definiti i vincoli normativi relativi al contesto e i tempi necessari allo svolgimento dei progetti. Inoltre, dopo il progetto esecutivo, esiste in alcuni casi la necessità da parte dell impresa esecutrice di approfondire e integrare la progettazione in modo da raccordare le specifiche dell esecutivo con le tecnologie e il saper fare dell impresa. Questa, anche se non esplicitamente definita dalla legge, ma solo supposta, viene chiamata progettazione operativa (o costruttiva) e consente la cantierizzazione del progetto. Accade poi che certe opere nel corso dell esecuzione abbiano avuto varianti parziali o integrazioni rispetto alla progettazione esecutiva di partenza tale da avere, a fine lavori, una documentazione progettuale composta da più progetti di variante di difficile lettura rispetto alla situazione reale del costruito. Questo impone la redazione dei cosiddetti as built spesso da parte delle stesse imprese costruttrici. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

13 Il progetto preliminare Questo progetto ha un impostazione esigenziale-prestazionale e pertanto la sua redazione è subordinata all individuazione dei bisogni collettivi da soddisfare e delle relative funzioni che dovrà svolgere l intervento. In questo stadio di progettazione occorre tener conto dei vincoli ambientali, tecnici ed economici, della fattibilità tecnico-economica e della valutazione di costi-benefici. Gli schemi grafici devono già contenere le indicazioni tali da individuare le caratteristiche spaziali, tipologiche, funzionali e tecnologiche delle opere da realizzare. Il progetto preliminare costituisce inoltre il documento informatore dei successivi livelli di progettazione dovendo indicare gli indirizzi che devono essere seguiti nei successivi livelli e i diversi gradi di approfondimento delle verifiche e delle rilevazioni in funzione delle caratteristiche e della specificità dell opera. Ci sono due specifici casi in cui il progetto preliminare può essere posto a base di gara: a) nella procedura per l affidamento di una concessione di lavori pubblici; b) nel cosiddetto appalto concorso (art. 53 co. 2 lett. c) del Codice). PROGETTO PRELIMINARE definisce: le caratteristiche qualitative e funzionali dei lavori, il quadro delle esigenze da soddisfare e delle specifiche prestazioni da fornire documenti: a) relazione illustrativa; b) relazione tecnica; c) studio di prefattibilità ambientale; d) studi e indagini storiche, archeologiche, ambientali, topografiche, geologiche, idrogeologiche, idrauliche, ecc; e) planimetria generale ed elaborati grafici; f) prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza; g) calcolo sommario della spesa; h) quadro economico di progetto; i) piano particellare o rilievo di massima degli immobili Se a base di gara di una gara d appalto o per l affidamento di una concessione di lavori pubblici, inoltre: - indagini geologiche; geotecniche; idrologiche, archeologiche; - capitolato speciale descrittivo e prestazionale; - piano economico-finanziario di massima (per la concessione). dispensa IUAV - andrea missori febbraio

14 Il progetto definitivo Redatto sulla base delle indicazioni del progetto preliminare, consiste in una relazione descrittiva degli elementi di progetto corredata da disegni generali, indagini e calcoli preliminari sulle caratteristiche dell opera, delle strutture e degli impianti, analisi delle quantità e dei costi previsti, il tutto per individuare compiutamente i lavori da realizzare al fine del rilascio delle necessarie autorizzazioni amministrative. Questo livello di definizione è quindi strumentale alla fase autorizzativa e di approvazione da parte dei diversi uffici che svolgono funzione di controllo sull attività edilizia e sull igiene e sicurezza delle opere. Può essere posto a base di gara per un cosiddetto appalto di progettazione e costruzione (art. 53 co. 2 lett. b) del Codice) e in questo caso spetta all impresa oltre all esecuzione dei lavori anche la redazione del progetto esecutivo. PROGETTO DEFINITIVO definisce: compiutamente i lavori da realizzare e contiene tutti gli elementi necessari ai fini del rilascio delle prescritte autorizzazioni e approvazioni. documenti: a) relazione generale; b) relazioni tecniche e specialistiche; c) rilievi planoaltimetrici e studio inserimento urbanistico; d) elaborati grafici; e) studio di impatto ambientale ove previsto dalle vigenti normative ovvero studio di fattibilità ambientale; f) calcoli preliminari delle strutture e degli impianti; g) disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici; h) censimento e progetto di risoluzione delle interferenze; i) piano particellare di esproprio; j) elenco dei prezzi unitari ed eventuali analisi; k) computo metrico estimativo; l) aggiornamento delle prime indicazioni per la redazione dei Piani di sicurezza; m) quadro economico. Se a base di gara d appalto: - In luogo del disciplinare (lett. g) un capitolato speciale d appalto, uno schema di contratto e il Piano di sicurezza e coordinamento. Inoltre l indicazione dei tempi e delle modalità di controllo del progetto esecutivo da parte del Responsabile di Procedimento. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

15 Il progetto esecutivo Costituisce il momento di ingegnerizzazione del progetto. E composto dall'insieme di relazioni, calcoli, elaborati grafici e capitolati, tali da descrivere compiutamente l opera da realizzare. La descrizione dei lavori deve essere a un livello di dettaglio tale da consentire che ogni elemento sia identificabile in forma, tipologia, qualità, dimensione e prezzo. A integrazione del progetto esecutivo è inoltre sempre previsto un piano di manutenzione dell'opera e delle sue parti che preveda le modalità operative al fine di preservare nel tempo la qualità e il valore della costruzione. L esecutivo è anche il livello di definizione sulla base del quale devono essere consegnati i lavori all impresa indipendentemente dalla procedura di affidamento prescelta e costituisce il progetto a base di gara per appalti del primo tipo. PROGETTO ESECUTIVO definisce: in ogni dettaglio i lavori da realizzare e il relativo costo previsto e deve essere sviluppato a un livello di definizione tale da consentire che ogni elemento architettonico, strutturale e impiantistico sia identificabile in forma, tipologia, qualità, dimensione e prezzo. documenti: a) relazione generale; b) relazioni specialistiche; c) elaborati grafici comprensivi anche di quelli delle strutture, degli impianti e di ripristino ambientale; d) calcoli esecutivi delle strutture e degli impianti; e) piano di manutenzione dell opera e delle sue parti; f) piano di sicurezza e coordinamento; g) computo metrico estimativo e quadro economico; h) cronoprogramma; i) elenco dei prezzi unitari ed eventuale analisi; j) quadro dell incidenza percentuale della quantità di manodopera per le diverse categorie di cui si compone l opera o il lavoro; k) schema di contratto e capitolato speciale d appalto; l) piano particellare d esproprio. A base di gara negli appalti di primo tipo. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

16 Il nuovo Regolamento introduce una più puntuale regolamentazione della verifica del progetto da parte di strutture interne o esterne alla stazione appaltante ma, comunque, accreditate. La verifica accerta la completezza della progettazione, l'appaltabilità della soluzione progettuale prescelta, la minimizzazione dei rischi di introduzione di varianti e di contenzioso. La verifica, che deve essere effettuata su tutti i livelli di definizione dei progetti, accerta: a) la completezza della progettazione; b) la coerenza e completezza del quadro economico in tutti i suoi aspetti; c) l appaltabilità della soluzione progettuale prescelta; d) i presupposti per la durabilità dell'opera nel tempo; e) la minimizzazione dei rischi di introduzione di varianti e di contenzioso; f) la possibilità di ultimazione dell'opera entro i termini previsti; g) la sicurezza delle maestranze e degli utilizzatori; h) l adeguatezza dei prezzi unitari utilizzati; i) la manutenibilità delle opere, ove richiesto. I soggetti abilitati ad effettuare la verifica e i requisiti richiesti dipendono dall importo dei lavori previsti dal progetto. La verifica su progetti per importi superiori ai 20 milioni di euro è riservata a specifici organismi di controllo appositamente accreditati. Per importi inferiori a tale soglia la verifica può essere effettuata dagli uffici tecnici delle stazioni appaltanti, oppure anche liberi professionisti, società di professionisti e società di ingegneria certificate ISO 9001, mentre per importi inferiori a un milione di euro, questi ultimi soggetti sono dispensati da questa certificazione. La procedura di verifica si conclude con la validazione del progetto che viene posto a base di gara da parte del Responsabile di Procedimento e che costituisce l atto formale che riporta gli esiti delle verifiche effettuate. 2.e I documenti a complemento del progetto esecutivo Fra i documenti che sono parte integrante del progetto esecutivo ne vengono descritti in seguito alcuni che più di altri servono a descrive compiutamente l opera e a indicare le modalità per realizzarla: I capitolati d appalto (generale e speciale); dispensa IUAV - andrea missori febbraio

17 L elenco prezzi e l analisi prezzi; Il computo metrico (computo metrico estimativo); Il piano della sicurezza; Il piano di manutenzione. I capitolati d'appalto I capitolati vengono distinti in "generali" e "speciali" 16. La differenza sostanziale tra i due è che mentre i primi hanno portata generale e si applicano indistintamente a un determinato genere di contratto, i secondi riguardano specificamente le condizioni tecniche e amministrative che si riferiscono allo specifico intervento. L attuale capitolato generale d'appalto dei lavori pubblici è stato approvato con dm 145/00 e costituisce il riferimento per tutte le amministrazioni che vogliono realizzare opere pubbliche. Il capitolato generale fissa le condizioni e le clausole contrattuali per l'esecuzione delle opere e regolamenta i rapporti che si instaurano tra amministrazione appaltante e appaltatore 17. Nella pratica il capitolato generale non costituisce un documento da allegare al contratto, ma si considera come facente parte del contratto se espressamente richiamato con apposite clausole. Il capitolato speciale è parte integrante dei documenti di progetto e pertanto la redazione compete al progettista che definisce quantità e qualità delle opere che devono essere realizzate, con particolare attenzione alle caratteristiche dei materiali impiegati e alle modalità di esecuzione dei lavori. A seconda del tipo di descrizione utilizzato e dell'approccio teorico sotteso, si distinguono differenti tipi di capitolato speciale: CAPITOLATO SPECIALE PRESTAZIONALE Questo tipo di capitolato segue un impostazione derivante dalla teoria delle prestazioni che ha cominciato a diffondersi in Italia dalla fine degli anni 60 arrivando ad assumere rilevanza istituzionale nel 1976 in occasione della ricostituzione della commissione 16 Rd 827 del 23 maggio 1924 "Regolamento per l'amministrazione del patrimonio e per la contabilità generale dello Stato". 17 Definisce le condizioni che devono prevedersi in un contratto d'appalto quali: i diritti e i doveri delle due parti, le modalità di consegna e di avanzamento dei lavori, le modalità di pagamento, i comportamenti in caso di liti e controversie, l indicazione riguardante eventuali varianti, tempi di ultimazione dei lavori e penali. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

18 edilizia dell Uni che adottò l impostazione esigenziale-prestazionale nella definizione della nuova normativa tecnica riferita all edilizia 18. Un capitolato prestazionale si limita a fissare le specifiche di prestazione (descrizioni operative sul comportamento in opera) che i componenti del sistema tecnologico devono fornire per rispondere ai requisiti espressi. Secondo questa impostazione, materiali, elementi tecnici e unità tecnologiche sono valutati non per la loro maggiore o minore coincidenza con un'ipotetica soluzione ottimale, ma in funzione della loro capacità a fornire prestazioni adeguate alle esigenze dell'utenza. La legge adotta pienamente l approccio esigenziale-prestazionale e tutte le fasi del processo, dalla programmazione alla gestione dell opera, sono informate a questi criteri. Tuttavia la legge prevede un solo caso in cui il capitolato prestazionale può essere parte integrante del progetto, e cioè quando il progetto preliminare viene messo a base di una gara come accade per la concessione e l appalto concorso. In questi casi infatti le successive progettazioni sono affidate all impresa e il capitolato prestazionale, unito al progetto preliminare, serve come indirizzo per la redazione dei successivi progetti esplicitando le prestazioni che è necessario ottenere. CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO-OGGETTUALE In questo capitolato i materiali e le tecniche esecutive sono individuati univocamente e dettagliatamente per tipo, caratteristiche, dimensione e modalità esecutive senza che venga demandata all'impresa alcuna scelta se non della marca dei prodotti da utilizzare. Questo tipo di capitolato trova applicazione soprattutto nella fase di progettazione esecutiva in cui risulta determinante l individuazione puntuale degli elementi del progetto. Secondo la legge quadro questo capitolato si compone di due parti: l una contenente la descrizione delle lavorazioni e l altra la specificazione delle prescrizioni tecniche; a) nella prima parte vi sono tutti gli elementi necessari per una completa definizione tecnica ed economica dell oggetto dell'appalto; 18 Vedi: M. Costantini, A. Norsa, Prospettive di politica tecnica in edilizia. Produzione e qualità, F. Angeli, Milano, dispensa IUAV - andrea missori febbraio

19 b) nella seconda parte si trovano le modalità di esecuzione e le norme di misurazione di ogni lavorazione, i requisiti di accettazione di materiali e componenti, nonché, ove necessario, l'ordine da tenersi nello svolgimento di specifiche lavorazioni. Un capitolato esclusivamente oggettuale trova poi indispensabile applicazione anche in interventi di recupero e di restauro conservativo di edifici d'interesse storico. L elenco prezzi e l analisi dei prezzi L elenco prezzi è il documento di riferimento per la definizione e quantificazione economica di qualsiasi intervento. In esso sono compiutamente descritte tutte le opere da compiersi per la realizzazione del progetto e i relativi prezzi unitari. Si accompagna in genere all analisi prezzi che ne giustifica i prezzi unitari. Nell analisi dei prezzi ogni categoria del precedente elenco viene analizzata e scomposta nei prezzi unitari che la compongono. Questo documento si compone di due parti: la prima è un elenco dei costi elementari previsti nel progetto (es: operaio specializzato, mattone pieno, cemento, ecc.), la seconda è invece la vera e propria analisi, in cui ogni categoria di opere si scompone nelle voci elementari di: - manodopera; - materiali; - noli e trasporti; - oneri per la sicurezza; - spese generali; - utile d impresa. Questo documento permette un controllo diretto sui prezzi unitari previsti e se redatto correttamente, consente di evitare in sede di gara d appalto offerte in aumento o forti anomalie nei ribassi. Il computo metrico e il computo metrico estimativo Il computo metrico è il documento che definisce con esattezza le quantità per ciascuna categoria di materiali e di opere indicandone la somma delle parti e la misurazione complessiva. Ogni categoria ha la sua unità di misura e un proprio criterio di misurazione che viene specificato nel capitolato speciale di riferimento. Così per esempio i muri, a dispensa IUAV - andrea missori febbraio

20 seconda del loro spessore, potranno essere misurati al metro quadro oppure al metro cubo. L ordine di elencazione delle categorie segue in genere l ordine di costruzione dell edificio, cominciando dalle prime opere come gli scavi e la movimentazione del terreno e finendo alle opere di finitura dell edificio. Il computo metrico estimativo è invece un elaborato riassuntivo che funge da preventivo particolareggiato del costo dell opera. In esso sono indicate in sunto le voci per ciascuna categoria di opere 19, la loro quantificazione complessiva, il loro prezzo unitario desunto dall elenco prezzi e il costo complessivo. In genere per opere di modesta entità si utilizza unicamente questo elaborato descrivendo maggiormente gli articoli. Il piano della sicurezza La progettazione della sicurezza all interno dei cantieri ha acquistato negli ultimi anni un importanza sempre maggiore, divenendo parte integrante del contratto d appalto. Compito del progettista della sicurezza definito coordinatore per la progettazione è di redigere il piano di sicurezza e coordinamento e di predisporre il fascicolo dell opera. Da distinguersi dal coordinatore per l esecuzione che invece interviene solo nella fase costruttiva dell opera. Il piano di sicurezza è lo strumento con il quale viene predisposto il necessario coordinamento delle lavorazioni all interno del cantiere, specie quando sono presenti più imprese, al fine di poter prevenire gli infortuni e tutelare la salute dei lavoratori. Deve contenere inoltre l individuazione, l analisi e la valutazione dei rischi e le procedure atte a garantire il rispetto delle norme di sicurezza. I piani contengono le prescrizioni operative atte a garantire il rispetto delle norme per la prevenzione degli infortuni, la tutela della salute dei lavoratori e tutte le informazioni relative alla gestione del cantiere. Deve inoltre essere effettuata una stima dei costi per dare attuazione alle prescrizioni contenute nel piano. I costi della sicurezza devono essere quantificati in fase di gara in quanto non sono oggetto di ribasso. Il fascicolo dell opera è invece il documento che deve essere redatto al fine di assicurare l attività di manutenzione dell opera in condizioni di sicurezza. Deve quindi 19 La descrizione completa delle categorie di opere (articoli) si trova nell elenco prezzi. dispensa IUAV - andrea missori febbraio

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO RELATORE : ING. PAOLO MOLAIONI ING. PIETRO FRATINI 1) LE ORIGINI DELLA VERIFICA DEL

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI INDICE SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006, N. 163, RECANTE CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI

REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI del Dott. Ing. Andrea Di Stazio La fase di verifica e validazione del progetto costituisce

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture BANDI-TIPO per l affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari Documento di Consultazione

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA CAPITOLO 1 LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA SOMMARIO: 1. L attività contrattuale della pubblica amministrazione. 2. Le opere e i lavori pubblici. 3. I sistemi di realizzazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11)

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11) Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA Poiché risulta che alla gara possono partecipare anche imprese in possesso di attestazione SOA per la sola costruzione indicando i progettisti si chiede quale

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

I LAVORI PUBBLICI DOPO L ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO REGOLAMENTO E LE NOVITA INTRODOTTE ATTRAVERSO IL DECRETO SVILUPPO E SALVA ITALIA

I LAVORI PUBBLICI DOPO L ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO REGOLAMENTO E LE NOVITA INTRODOTTE ATTRAVERSO IL DECRETO SVILUPPO E SALVA ITALIA I LAVORI PUBBLICI DOPO L ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO REGOLAMENTO E LE NOVITA INTRODOTTE ATTRAVERSO IL DECRETO SVILUPPO E SALVA ITALIA ROMA 17 DICEMBRE 2011 Sommario 1. Come cambia l'attività strumentale

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Appunti del corso di TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Parte I Il Quadro Normativo e Legislativo

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11)

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11) DECRETO LEGISLATIVO 12 aprile 2006, n. 163 CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11) PARTE I TITOLO

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Revisione ed aggiornamento della determinazione del 7 luglio 2010, n. 5 Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2004/17/CE e 2004/18/CE

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2004/17/CE e 2004/18/CE RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 100 del 2 maggio 2006) Autorità per la vigilanza

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

FOCUS REGOLAMENTO D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207

FOCUS REGOLAMENTO D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 FOCUS La normativa precedente a confronto con il nuovo regolamento attuativo del codice dei contratti pubblici Tabella di comparazione Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Bando di gara (Direttiva 2004/18/CE)

Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Bando di gara (Direttiva 2004/18/CE) Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, 2985 Luxembourg, Lussemburgo Fax: +352 29 29 42 670 Posta elettronica: ojs@publications.europa.eu

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

RISPOSTA Il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione in ordine alla natura dell agenzia di recapito.

RISPOSTA Il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione in ordine alla natura dell agenzia di recapito. Tra le modalità di presentazione è prevista anche mediante agenzia di recapito: deve essere autorizzata o possiamo mandare anche un semplice pony di agenzie di recapito private? Il disciplinare di gara

Dettagli

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE PROCEDURA NEGOZIATA ART. 33 L.P. 26/1993 PROCEDURE IN ECONOMIA ART. 52 L.P. 26/1993 COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO PROCEDURE NEGOZIATE: CRITERI PER LA

Dettagli

LA FINANZA DI PROGETTO Avv. Daniele Spinelli

LA FINANZA DI PROGETTO Avv. Daniele Spinelli LA FINANZA DI PROGETTO Avv. Daniele Spinelli 1 - LA FINANZA DI PROGETTO NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA L istituto della finanza di progetto è stato introdotto nel nostro ordinamento dalla L. n. 415/1998 (Merloni

Dettagli