Studio delle Slot di Accoppiamento in Guida d Onda ed in Microstriscia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio delle Slot di Accoppiamento in Guida d Onda ed in Microstriscia"

Transcript

1 UNIVERSIT DEGLI STUDI DI CGLIRI COLT DI INGEGNERI DIPRTIENTO DI INGEGNERI ELETTRIC ED ELETTRONIC Studio delle Slot di ccoppieto i Guid d Od ed i icrostrisci DOTT. G. dre CSUL TESI DI DOTTORTO DI RICERC IN INGEGNERI ELETTRONIC ED INORTIC XVI CICLO

2 SORIO SORIO I quest tesi soo stte esite lcue delle probletiche reltive gli ccoppieti edite slot, che soo utiliti tipicete ell lietioe degli rry, sio essi i guid d od o icrostrisci ultistrto. E stt presett u tecic dirett per l lisi di rry plri di slot i guid d od, pplicbile si d rry risoti e si d rry d od viggite: è stt studit l rete di e orig per u rry plre ed è illustrto u etodo diretto per l lisi i freque dell rry. Soo ostrti si i risultti otteuti co tle etodo su vri tipi di rry plri, si il cofroto co u softwre coercile. I seguito, è stto presetto u etodo per otteere l ipede di u slot di ccoppieto i u struttur icrostrisci doppio substrto dielettrico. Per tle scopo si è sfruttt l logi fr struttur icrostrip e guid preti getiche: si è crtterit l struttur icrostrip doppio substrto edite l lisi di due guide preti getiche ccoppite trite slot. Il odello descritto, lito edite il etodo dei oeti, è stto iiilete vlidto edite il softwre HSS; i seguito i risultti otteuti soo stti cofrotti co il softwre Eseble. Ifie è stto descritto il circuito equivlete di u slot di ccoppieto fr due icrostrisce, dl qule è stt otteut l ipede dell slot di ccoppieto, e soo stti presetti lcui risultti per tle ipede.

3 RINGRIENTI RINGRIENTI Dedico queste righe tutte le persoe che ho cotribuito redere igliori questi i.. U rigrieto prticolre co tutto il io cuore v ll i rg Jose, se l qule tutto questo srebbe stto olto più difficile, per esseri stt sepre tto vici, ddoi tt sereità, e perché ei oeti di ggiore difficoltà h sputo essere u iuto idispesbile. U grie di cuore i iei geitori che ho sepre ostrto per quello che fccio u grde fiduci, icorggidoi sepre d dre vti per l i strd. Nell bito lvortivo devo ii tutto rigrire il Prof. Giuseppe rell per l iuto, l guid e i cosigli esseili estesi oltre il dottorto di ricerc, per il suo costte ppoggio e l su grde dispoibilità; u prticolre rigrieto ll Ig. Giorgio otisci, che oltre d essere u grde ico, i è stto sepre vicio co i suoi preiosi cosigli, che o si soo liitti l solo bito lvortivo, e co l su costte prese. U grde rigrieto i iei ici e colleghi Luis e Crlo che o soo stti direttete coivolti el io lvoro, che co l loro stess prese i ho iutto. Rigrio, ioltre, tutto il persole del Diprtieto di Igegeri Elettric ed Elettroic dell Uiversità di Cgliri, i prticolre l Sig.r Plli per l su dispoibilità e getile. Ifie, o ultii, u grie tutti i iei ici, che i soo stti sepre vicii qudo ho vuto bisogo di loro. GRIE!

4 INDICE INTRODUIONE.. ibliogrfi dell Itroduioe..5 CPITOLO : ccoppieto trite fori...6. Teori di ethe pertur ell prete trvers di u guid d od....3 pertur ell prete superiore di u guid d od odello di Colli... ibliogrfi del Cpitolo 8 CPITOLO : Slot i guid d od..9. Itroduioe Slot logitudile rdite i u guid d od rettgolre. 3.3 odello di u slot rdite i u rry odello di u slot di ccoppieto i u guid d od Clcolo dell rispost i freque di u rry plre di slot i guid d od odello di Elliott per rry di slot risoti i guid d od odello di Hdllh per rry lieri di slot risoti i guid d od odello esteso Risultti ibliogrfi del Cpitolo...6

5 CPITOLO 3: Slot i strutture icrostrisci Itroduioe Strutture per icroode i tecologi plre Struttur dei dispositivi icrostrisci Propgioe elle strutture icrostrisci Requisiti di tee e circuiti Crtteristiche e struttur delle tee i icrostrisci Tipi di lietioe Il etodo dei oeti o Descriioe del etodo dei oeti orulioe dell equioe itegrle del cpo getico IE per u pertur Espsioe dei cpi i terii del poteile vettore Equioi i cso di due o più perture i csct Equioi per perture i preti spesse Clcolo dell fuioe di Gree i guid oogee Cosiderioi geerli sul etodo dei oeti Guid preti getiche Rppresetioe spettrle dell fuioe di Gree per u guid preti getiche pplicioe del etodo dei oeti per lo studio di due guide preti getiche ccoppite trite slot Risultti odello circuitle per u slot di ccoppieto fr due guide preti getiche Risultti per l ipede di u slot di ccoppieto fr due strutture icrostrisci 7 ibliogrfi del Cpitolo 3.9 Coclusioi 3

6 INTRODUIONE INTRODUIONE Nell società ttule le tee icroode rivestoo u grde iport, i quto il uero di pplicioi che e richiedoo l uso è i cotiuo ueto: couicioi spili, telecouicioi, pplicioi stellitri, sistei rdr soo solo lcue di queste. Le tee icroode più diffuse soo quelle riflettore, che preseto u otevole efficie ed u elevt lrghe di bd, che ho il grosso liite dell igobro o trscurbile. Co l richiest di prestioi sepre più spite, si è pssti d tee d u solo riflettore prbolico lietto el fuoco sistei di tee più coplesse, doppi curvtur, di tipo offset, co subriflettore, co superfici rifletteti dipedeti dll polriioe, ecc. I ltertiv lle tee riflettore, si utilio coueete gli llieeti rry di tee, costituiti d u siste di tee disposte ello spio ed liette i odo coerete trite u opportu rete di lietioe. L disposiioe degli eleeti rditi ello spio può essere l più svrit, di solito si dispogoo le tee i u pio secodo reticoli regolri rettgolri o esgoli. Gli uici eleeti rditi che ho u utilio prtico per le pplicioi icroode soo gli eleeti stpti e le fessure slot i guid d od. Le tee stpte soo costituite, ell for più seplice, d uo strto coduttore stpto sopr u substrto dielettrico bsse perdite, che su volt poggi su u coduttore di ss; sul coduttore superiore soo stpti si gli eleeti rditi dipoli, eleeti circolri o rettgolri, elli, si l rete di lietioe. Tli strutture soo relite co processi fotolitogrfici e co teciche di fotoicisioe siili quelle utilite per i circuiti seicoduttore. Queste teciche di fbbricioe perettoo si u seplice produioe i serie e si u otevole riduioe di diesioi, peso e costi rispetto i sistei i guid d od. Il bsso costo di reliioe è legto che l grdo di precisioe richiesto ell reliioe dei circuiti icrostrisci dell ordie del cetiio

7 INTRODUIONE di icro o eo, ecessrio per icisioi su etrbe le fcce che è eo spito rispetto lle tecologie dei circuiti itegrti. Seplicità di reliioe, diesioi e peso liitti, fcilità di produioe i serie, seplicità ell iserire copoeti discreti soo solo lcui dei vtggi propri di questo tipo di dispositivi, che e ho fcilitto il loro sepre più vsto ipiego e che giustifico il sepre ggiore iteresse dedicto l loro sviluppo. Tli sistei preseto, ovviete, che degli svtggi, dovuti esseilete ll liitt pote che possoo trsportre, ll prese di ccoppieti prssiti e di perdite custe d u rete di lietioe pert e dl dielettrico che e cofio l utilio ll prte bss dello spettro delle icroode []. Le tee stpte doppio substrto dielettrico, o più i geerle più substrti dielettrici, cosetoo di otteere u sigifictivo iglioreto elle prestioi rispetto quelle sigolo substrto. I tli strutture l te stpt e l icrostrip di lietioe soo relite su due substrti diversi, che ho però il groud ple i coue, e l ccoppieto fr le due strutture si ottiee trite u piccol pertur slot el pio di ss. I tl odo le due fuioi di irrdiioe e di trsissioe guidt vegoo copletete seprte ed è così possibile ottiire etrbe le fuioi. Si può quidi utilire u substrto sottile, co elevt costte dielettric, per l lietioe, ed u substrto spesso, co bss costte dielettric per il ptch. Lo svtggio più grve di questo tipo di tee è dovuto ll loro difficoltà progettule e costruttiv, ed ioltre sro ch'esse soggette i liiti coui tutti i dispositivi icrostrisci perdite, pote trsportt, ecc. Le slot i guid d od trovo pplicioe priciplete coe strutture rditi ell reliioe di rry di tee. Iftti gli rry di slot preseto u elevt robuste dl puto di vist eccico, soo di spessore olto ridotto dell ordie di u lughe d od rispetto d esepio lle tee riflettore, ed essedo strutture pie e fcilete dispiegbili, risulto prticolrete dtti ll reliioe di sistei rdr per pplicioi si spili SR che terrestri e rie. Tli rry preseto ioltre u elevt efficie rispetto lle tee riflettore ed quelle stpte, ed u buo pure di fscio, soprttutto se gli eleeti rditi soo costituiti d slot

8 INTRODUIONE logitudili. Iftti, le slot logitudili coueete uste ho u lrghe dell ordie di u decio dell lughe d od, e pertto l copoete crosspolre dell distribuioe di pertur è olto più piccol dell copoete copolre, co rpporto prossio quello fr lrghe dell slot e lughe d od []. Il livello coplessivo dell copoete cross-polre è ulteriorete bbssto dl ftto che le copoeti cross-polri delle vrie slot di u rry o soo i fse i direioe orle ll rry stesso. Coe detto i precede, i liiti dei dispositivi icrostrisci perdite, pote trsportt, ecc. e cofio l utilio ll prte bss dello spettro delle icroode ed ipediscoo pertto questi ultii di sostituire del tutto i sistei i guid d od, i prticolre lle frequee sopr l bd X. l di sopr di tli frequee, iftti, le tee slot, sebbee bbio costi di fbbricioe olto superiori, vegoo decisete preferite dto che preseto u efficie sostilete pri quell di pertur e soo sostilete prive di perdite. Il più grde svtggio degli rry di slot è dto dll bd reltivete strett rispetto d esepio lle tee riflettore, e ciò è dovuto l ftto che tli rry soo rry risoti. Ioltre tli rry preseto u elevt rigidità d ipiego, i quto il ptter che si vuole irrdire dipede dll posiioe e dlle crtteristiche delle slot, e pertto, u volt che l rry è stto relito, o è possibile odificre il ptter. U iportte proble reltivo gli rry di slot cosiste el progetto dell rete di lietioe, per il qule si rede ecessri, tr l ltro, u ccurt crtteriioe del circuito di ccoppieto che h il copito di forire pote lle guide i cui soo tglite le slot rditi. Pertto soo di prticolre iteresse, oltre lle slot logitudili ipiegte esseilete coe eleeti rditi, le slot iclite, ipiegte soprttutto coe slot di ccoppieto, e che cosetoo di odulre scegliedo opportuete l golo di icliioe l pote trsferit d ogi guid rdite. Si può cocludere quest breve descriioe dello stto dell rte otdo che l ccurt crtteriioe dell rete di lietioe è uo dei puti chive per otteere llieeti icroode d elevte prestioi. 3

9 INTRODUIONE Quest tesi vuole ivestigre lcue delle probletiche reltive gli ccoppieti edite slot, che soo utiliti tipicete ell lietioe degli rry i guid d od e che crtterio le reltivete uove strutture icrostrisci ultistrto, sepre più utilite per l reliioe di rry stpti. Nel cpitolo è presett l teori reltiv gli ccoppieti trite pertur i geerle, e viee descritto il odello teorico che descrive l ccoppieto trite fori i strutture guidti odello di ethe [3]. Tle odello preset lcui problei, e ecessit di opportue correioi. E duque presetto il odello di Colli, che odific opportuete quello di ethe per evitre i problei cui questo v icotro. I seguito si è foclit l tteioe soprttutto su quelle probletiche poco o per iete trttte i lettertur, quli d esepio lo studio delle slot di lietioe per gli rry plri i guid d od Cpitolo e l lisi delle slot di lietioe utilite elle strutture icrostrisci doppio substrto Cpitolo 3. Nel cpitolo vegoo descritte le slot i guid d od i geerle [4], ed i seguito viee dt prticolre rilev ll rete di lietioe per gli rry di slot i guid d od. Ifie viee studit l rete di e orig per u rry plre ed è illustrto u etodo diretto per l lisi i freque di tli rry. Soo ostrti si i risultti otteuti co tle etodo su vri tipi di rry plri, si il cofroto co u softwre coercile. Nel cpitolo 3 vegoo descritte le strutture i icrostrisci i geerle, ed i prticolre è descritt l struttur doppio substrto co ccoppieto edite pertur. I seguito è presetto il odello guid preti getiche per lo studio delle icrostrisce. Tle odello è poi pplicto d u struttur co due icrostrip ccoppite edite slot el pio di ss coue i due substrti. Il odello descritto, lito edite il etodo dei oeti [5], è stto iiilete vlidto edite il softwre HSS; i seguito i risultti otteuti soo stti cofrotti co il softwre Eseble. Ifie è stto descritto il circuito equivlete di u slot di ccoppieto fr due icrostrisce che ci h peresso di otteere l ipede dell slot di ccoppieto dell struttur, e soo stti presetti lcui risultti per tle ipede. 4

10 INTRODUIONE ibliogrfi dell Itroduioe [] J. R. Jes d P. S. Hll Hdbook of icrostrip tes, vol., published by Peter Peregrius Ltd., Lodo, UK, 989. [] T.V. Khc e C.T. Crso: Ipedce properties of logitudil slot te i the brod fce of rectgulr wveguide, IEEE Trs. tes Propgt., P-, 973, pp [3] R.E. Colli, ield Theory of Guided Wves, IEEE Press, N.Y., 99. [4] R.S. Elliott : te theory d desig, Pretice-Hll, N.Y., 98. [5] T. Itoh : Nuericl techiques for icrowve & illietre-wve pssive structures, Joh Wiley & Sos, Ic.,

11 CPITOLO ccoppieto Trite ori CPITOLO CCOPPIENTO TRITE ORI Suppoio di vere u foro di for quluque i u setto etllico ll itero di u guid d od ig... Possio trttre tle foro edite il Teore di Equivle [], che ffer che è possibile sostituire l foro delle correti equivleti poste sull superficie del foro e cosiderre il foro etllito. Pertto si può etllire il foro pur di ettere opportue correti getiche, opposte sui due lti, i corrispode del foro. Il vlore di queste correti dipede dl cpo elettrico presete el foro. Se il foro è grde rispetto ll lughe d od, il cpo el foro può essere pprossito col cpo che ci srebbe i corrispode del foro i sse del setto etllico, ossi il cpo è dovuto d u od i sse del pio coduttore pprossiioe di Kirchoff. Tuttvi per fori di ccoppieto i strutture guidti ciò o vviee i, i quto tutt l struttur guidte h diesioi prgobili ll lughe d od, e di cosegue il foro è olto piccolo l più prgobili ll lughe d od. igur.: foro i u setto etllico ll itero di u guid d od. Nel cso i cui il foro si di diesioi olto piccole rispetto ll lughe d od, è possibile legre l correte sul foro l cpo elettrico di cortocircuito, 6

12 ccoppieto Trite ori CPITOLO ossi l cpo presete ell seioe del foro, qudo il foro è copletete etllito. Tle pprossiioe è evideteete oppost quell di Kirchoff. Nel cso i cui leo u delle diesioi del foro divet prgobile ll lughe d od, essu delle pprossiioi precedeti può essere utilit. Dto che l correte presete el foro produce u cpo elettrogetico si ll destr che ll siistr del foro stesso, per otteere l correte sul foro srà sufficiete clcolre il cpo sul foro e iporre poi l cotiuità del cpo getico il cpo elettrico è utoticete cotiuo. Si dovrà quidi risolvere u equioe itegrle ell correte getic presete el foro.. Teori di ethe Se il foro è piccolo rispetto ll lughe d od, ed i esso è presete u cert distribuioe di correte, si può clcolre il cpo cosiderdo l posto del foro u dipolo getico, ossi cosiderdo il cpo sul foro costte. Iftti, o ci iteress il vlore di puto per puto, l itegrle di sul foro, i ltri terii è coe dire che sul foro h sepre l stess direioe; quello che ci iteress è l risultte delle correti getiche sul foro, e tle risultte, dto che il foro è piccolo, è i prtic u uico dipolo getico eleetre posto sul foro stesso vedi ig... igur.: dipolo getico risultte equivlete ll correte getic sull pertur. Cosiderre solo coe correte sul foro o esurisce il odello, poiché ell distribuioe di correte potrebbero esserci dei terii, che grdi, co risultte ull e quidi che o cotribuiscoo d. Questo è d esepio il cso di u ello di correti getiche posto el foro, che h risultte ull e 7

13 CPITOLO ccoppieto Trite ori quidi o cotribuisce l oeto, che potrebbe vere u effetto che ggiore di quello prodotto d. L correte d ello può essere rppresett coe u dipolo elettrico ortogole l foro, utilido il dule del Teore di pere. Pertto l distribuioe di correte getic el foro può essere sostituit d u dipolo getico sul pio del foro,, che rppreset l risultte delle correti getiche sul foro, e d u dipolo elettrico ortogole l foro, P, che tiee coto di evetuli correti risultte ull preseti el foro vedi ig..3. L tecic illustrt, prede il oe di Teori di ethe. P igur.3: dipoli getico ed elettrico equivleti ll correte sul foro. Ovviete le correti e P sro proporioli rispettivete l cpo elettrico E orle l pio del foro ed l cpo getico H prllelo l pio del foro sul foro. Per cpire ituitivete coe u piccol pertur poss essere rppresett edite u dipolo ifiitesio elettrico o getico, si cosideri l ig..4, che ostr il cpo elettrico orle i prossiità di u prete di coduttore il cpo elettrico tgeile è ullo i prossiità del coduttore e sul coduttore stesso [], [3]. Se el coduttore viee prticto u piccolo foro, le liee di cpo del cpo elettrico ttrversero il foro stesso vedi ig..4 b. Nell ig..4 c soo ostrte le liee di cpo elettrico prodotte d due correti di polriioe elettriche ifiitesie, P e, orli ll prete coduttrice se pertur. Dll soigli fr le due situioi b e c è ituitivo dedurre che u pertur eccitt d u correte elettric orle d ess può essere rppresett d due correti elettriche di polriioe ifiitesie dirette i verso opposto e orli ll prete coduttrice cosidert se foro. 8

14 ccoppieto Trite ori CPITOLO L itesità di quest correte di polriioe è proporiole l cpo elettrico orle, per cui si h: P ε δ i e α eeδ δ y y. ^ P e E b c ^ P H d e f igur.4: Sviluppo delle correti di polriioe elettric e getic i u pertur su u prete di coduttore. Cpo elettrico orle su u prete di coduttore. b Liee del cpo elettrico ttoro d u pertur su u prete di coduttore. c Liee del cpo elettrico ttoro due correti elettriche di polriioe orli d u prete di coduttore. d Liee del cpo getico ttoro d u prete di coduttore. b Liee del cpo getico ttoro d u pertur su u prete di coduttore. c Liee del cpo getico ttoro due correti getiche di polriioe prllele d u prete di coduttore. dove l costte di proporiolità α è defiit polribilità elettric dell pertur, ed, y, soo le coordite del cetro dell pertur. U discorso logo si può fre el cso di pertur i prese di cpo getico. I ig..4 e soo ostrte le liee di cpo del cpo getico 9

15 CPITOLO ccoppieto Trite ori tgeile i prossiità di u piccolo foro il cpo getico orle è ullo sull prete di coduttore. Poiché queste liee di cpo soo siili quelle prodotte d due correti getiche di polriioe poste prllelete ll prete coduttrice vedi ig..4 f, l pertur può essere sostituit d due correti getiche di polriioe ifiitesie P dirette i verso opposto e prllele ll prete coduttrice. Nel cso di foro sietrico P deve essere prllelo d H t e quidi: P α H δ δ y y δ i t t. dove l costte di proporiolità α è defiit polribilità getic dell pertur, ed, y, soo le coordite del cetro dell pertur. Le polribilità elettric e getic soo delle costti che dipedoo dll for e dlle diesioi dell pertur, e soo stte otteute per perture di vrie fore [3], [4], [5]. I Tbell. soo riportti i vlori delle polriioi per perture circolri e rettgolri, che soo le fore più coueete uste. or dell pertur α e α oro rettgolre oro circolre r 3 3 πd l 6 4r 3 3 πd l 6 Tbell.: Polribilità elettric e getic. Le correti di polriioe elettric, P e, e getic, P, possoo essere collegte rispettivete lle sorgeti di cpo elettrico J, e getico. Dlle equioi di well si h:

16 ccoppieto Trite ori CPITOLO E jωµ H H D ρ jωε E J.3 Essedo poi: D ε E P µ e H P.4 Si h duque: E jωµ H H jωε E jωµ P jω P e J.5 e, dto che i tli equioi h lo stesso ruolo di ωµ P, e J di jω P e, possio defiire le correti equivleti coe: j J jω P e jωµ P.6 Note duque le sorgeti dlle.6, è possibile clcolre i cpi d esse prodotti edite le espressioi stdrd per otteere i cpi geerti d u sorgete, ossi edite il teore di reciprocità. Per cui vreo: ± E ± H c c V V E H JdV dv.7

17 CPITOLO ccoppieto Trite ori dove ± E è l pie del cpo elettrico che viggi rispettivete i direioe o - per il odo -esio prodotto dll sorgete J, ± H è l pie del cpo getico che viggi rispettivete i direioe o - per il odo -esio prodotto dll sorgete, e c e h i ds. L teori ppe espost è pprossit dlle ssuioi ftte ell vlutioe dell polribilità, forisce i geerle risultti rgioevoli per perture che sio piccole rispetto ll lughe d od e poste loto di bordi e dgli goli dell guid. E iportte sottoliere che i dipoli equivleti dti dlle. e. irrdio i prese dell prete di coduttore, e pertto bisog teere coto di questo el clcolre i cpi trsessi ttrverso l pertur. I cpi ieditete siistr del pio coduttore i igresso l foro soo ioltre iflueti dll prese dell pertur, e si è teuto coto di questo effetto poedo i dipoli equivleti siistr del pio coduttore che soo esttete opposti quelli preseti i uscit, destr del pio stesso. I questo odo, l cotiuità dei cpi tgeti ttrverso l pertur è coservt. I etrbi i csi, si può teere coto dell prese del pio coduttore chiuso, ossi se il foro edite il teore delle igii che ffer che è possibile eliire il pio, ptto di rddoppire l itesità dei dipoli. Per chirire eglio coe pplicre l teori di ethe, soo riportti due esepi di perture poste rispettivete ell prete trsvers e ell prete superiore di u guid d od. S. pertur ell prete trsvers di u guid d od. Cosiderio u pertur circolre di diesioi piccole rispetto ll lughe d od, post l cetro di u prete trsvers i u guid d od vedi ig..5. Suppoio che ell guid si propghi solo il odo fodetle TE, e che tle odo icid ell prete trsvers proveedo d <. Si h llor che, se l pertur o ci fosse ig..5 b, i cpi stiori ell regioe < vrebbero l espressioe:

18 ccoppieto Trite ori CPITOLO igur.5: pplicioe dell Teori di ethe d u picolo foro ell prete trsvers di u guid d od. Geoetri dell pertur circolre ell prete trsvers. b Cpi i sse del foro. c Cpi i prese del foro. d Cpi qudo il foro viee sostituito di dipoli d esso equivleti. e Cpi irrditi di dipoli equivleti per < l prete è stt sostituit utilido il teore delle igii. f Cpi irrditi di dipoli equivleti per > l prete è stt sostituit utilido il teore delle igii. 3

19 CPITOLO ccoppieto Trite ori E H y e jβ e e jβ π si jβ π e si jβ.8 dove β e soo l costte di propgioe e l ipede crtteristic del odo TE. Dlle. e. è possibile deterire le correti equivleti di polriioe elettric e getic di cpi i guid espressi elle.8: P P e b ε α eeδ δ y δ i b α H δ δ y δ i α b δ δ y δ i.9 dto che E per u odo TE, ed essedo l correte equivlete di polriioe elettric proporiole ll copoete del cpo elettrico orle l foro ossi proprio d E. Si oti che il foro è supposto posiioto i / ; y /, ossi l cetro dell prete trsvers, per cui elle.8 si h b π che si foro. Se il foro fosse posto ell geeric posiioe, y, si vrebbe u fttore si π /. Poichè l correte di polriioe getic P è equivlete d u desità di correte getic.6, si h duque: jωµ α b ωµ j P δ δ y δ i. I cpi diffusi dll pertur vedi ig..5 d soo cosiderti i cpi prodotti dlle correti equivleti P e -P poste sui due lti dell prete coduttrice. Coe ostrto i ig..5, si è teuto coto del pio coduttore edite il ricorso l teore delle igii, che cosete di riuovere il pio stesso, purchè si rddoppi l itesità del dipolo. Sostituedo l. elle.7, si ottegoo i coefficieti delle ode trsess e rifless dll pertur: 4

20 ccoppieto Trite ori CPITOLO c c V V h h jωµ P jωµ P 4 jωµ α dv b 4 jωµ α dv b 4 jβα b 4 jβα b. essedo h siπ / / i e b / per < ossi siistr del foro può essere scritto coe: c. Pertto il cpo totle i guid E H y jβ jβ [ e e ] π si π si jβ jβ [ e e ]. D tli cpi è possibile otteere le espressioi del coefficiete di riflessioe e di quello trsissioe: Γ T 4 jβα b 4 jβα b.3 essedo η / β. Si oti che ell precedete si h Γ >, e tle risultto k fisicete irrelibile per u rete pssiv è dovuto lle pprossiioi utilite ell teori di ethe. Tle teori iftti o soddisf il teore di Poytig, ossi o coserv le potee. I olti csi questo proble può essere risolto costruedo u opportuo odello dell struttur e vlutdoe i pretri di risultti dell teori di ethe: d esepio, el siste ppe studito, per il odo fodetle ell lie di trsissioe equivlete, l prete col foro equivle d u ette igiri pur i prllelo tle ette è igiri i quto o ci soo perdite. 5

21 CPITOLO ccoppieto Trite ori I tle circuito vedi ig..6 il coefficiete di riflessioe i vle: Γ j j j.4 Dto che il foro è piccolo, l ette d esso ssocit dovrà essere prossi d u cortocircuito >>, per cui: Γ j j.5 cor u volt risult che Γ h odulo ggiore di, e ciò è dovuto llo sviluppo i serie, che o grtisce u risultto corretto. Se cofrotio i risultti otteuti per l lie di trsissioe equivlete.5 co quelli otteuti dll pplicioe dell teori di ethe.3, osservio che soo etrbe pprossiioi l ordie rispetto d α, di u forul corrett. Y Y j ig..6: Circuito equivlete di u pertur ell prete trsvers di u guid d od. Cofrotdo le due espressioi otteute per Γ, si può otteere il vlore dell suscett, e quidi ricvre u coefficiete di riflessioe corretto prtire dl risultto o pprossito ell L.T. equivlete: 6

22 ccoppieto Trite ori CPITOLO b βα.6.3 pertur ell prete superiore di u guid d od. Co l teori di ethe è possibile lire che il cso di due guide d od prllele ccoppite edite u foro prticto ell prete logitudile coue d etrbe le guide vedi ig..7. Suppoio che il foro o si llieto co l sse delle guide, che bbi rispetto tle sse u certo offset. Si suppoe che u odo TE icid d < ell guid iferiore guid, e si clcolero i cpi ell guid superiore. Il cpo elettrogetico icidete può scriversi coe: E H H y V V jπv ωµ π si b π si b π cos b.7 che soo le espressioi dei cpi i u guid rettgolre per il odo fodetle TE. Dto che ci iteresso i cpi el foro, le.7 dro clcolte per / ; i tle puto si h: π si π cos foro foro π cos π si.8 I cpi geertori cosetoo di deterire il vlore del dipolo elettrico, legto d E y, e il vlore del dipolo getico, le cui copoeti e sro legte rispettivete d H ed H, co espressioi siili quelle viste i precede per il cso dell pertur ell prete trsvers di u guid d od. Si vro 7

23 CPITOLO ccoppieto Trite ori duque tre sorgeti vedi ig..7, i quto coviee cosiderre seprtete le due copoeti del dipolo getico. E y - H H ig..7: pertur ell prete logitudile di due guide d od. Per quto rigurd il dipolo elettrico, coe si è visto precedeteete, l pie dei cpi è proporiole ll itegrle del prodotto dell correte elettric per il cpo elettrico trverso. vreo quidi: π π jωεα ev cos cos b b.9 dove il terie tr pretesi qudre è dovuto ll correte elettric clcolt el foro, etre l ultio fttore è reltivo l cpo elettrico trverso clcolto el foro. Chirete, el clcolo di dovreo vere l for del cpo progressivo, e o di quello riflesso che couque è lo stesso, e occorre cbire sego l fttore espoeile che o copre, per cui: Per il dipolo getico trverso si h ivece: h dv V π j α cos ωµ b π cos b. 8

24 ccoppieto Trite ori CPITOLO Si oti che ell ultio terie o copre l tesioe, i quto ci serve solo il vlore dell prte trsvers del cpo getico. Dto che per il cpo getico le ode progressiv e rifless soo sfste di 8, risult: Duque u dipolo getico trverso diffode cpi opposti elle due guide, etre il dipolo getico logitudile ed il dipolo elettrico trverso diffodoo cpi uguli. Per il dipolo getico logitudile, ifie: j V j 3 j si si ωµ π π π π α ωµ b ωµ b. che i questo cso, coe per il dipolo elettrico, otteio: 3 3 U volt deteriti i tre oeti di dipolo uguli i due csi e opposti ell ltro, possio ullre u delle due ode, scegliedo opportuete i pretri del dispositivo. Si ot iftti che: TOT TOT per cui è sufficiete scegliere: 3 per otteere od progressiv ull. I questo odo è possibile seprre il cpo progressivo d quello riflesso, e di cosegue si possoo isurre i due cotributi seprtete. Si oti che, per otteere quest codiioe, occorre che: 9

25 CPITOLO ccoppieto Trite ori 3 T T T 3 π cos π cos π si. dove T, T e T 3 soo costti che dipedoo solo di pretri dell struttur. Reliio quidi u ccoppitore direiole qudo: π π T cos T3 si T cos π.3 espressioe che dipede dl rggio del foro e dll freque. L ccoppitore direiole può essere defiito coe u struttur i grdo di ccoppire due guide, teedo coto però dell direioe di propgioe dell od ell guid priciple. Questo tipo di ccoppitore prede il oe di ccoppitore di ethe..4 odello di Colli Vedio or coe è possibile correggere l errore sull coservioe dell pote ell Teori di ethe. Si è visto che i tle odello per l ccoppieto trite pertur o si h coservioe dell pote. Osservio che, per i dipoli elettrico e getico, le correti equivleti vlgoo, rispettivete: J jω P e jωµ P jωεα E e g jωµ α H gt.4 dove si soo idicte co J ed le correti prodotte ell guid superiore rispettivete dl cpo elettrico orle ll pertur E g e d quello

26 ccoppieto Trite ori CPITOLO getico tgete ll pertur H. Etrbe le correti soo sfste di 9 gt rispetto l cpo che le h geerte, per cui l pote ssocit lle sorgeti dovrebbe essere ull, il che sigificherebbe che o si h propgioe di pote ell struttur. Dto che si deve vere propgioe di pote, u pri correioe ll teori di ethe cosiste el riuscire d otteere delle copoeti di correte che o sio esttete sfste di 9 rispetto i cpi sorgeti. L teori di ethe è vlid el cso i cui le due guide sio uguli, e le relioi trovte rigurdo solo il cpo geertore, ossi il cpo ll itero dell pri guid. I questo odo, l pie dei dipoli o dipede d ciò che si h oltre il foro: che se l guid è olto piccol, grde o ddirittur dt dllo spio libero, quest teori itroduce sepre dipoli uguli. I geerle, si ottiee qulche iforioe ggiutiv sui cpi ell guid superiore solo se le due strutture soo idetiche, i quto si può stbilire, cooscedo l guid di lietioe, coe è ftt l struttur oltre il foro. Per teer coto di questo, occorre cosiderre che i cpi ell secod struttur coe sorgeti per J ed. I questo odo, co l usilio dei cpi di reioe dei dipoli vedi ig..8: E r ed E r, è possibile geerlire l for J t jωεα E E E.5 e g jωµ α H r gt H r rt H rt E r E y E r ig..8: Cpi di reioe ell prete logitudile di due guide d od.

27 CPITOLO ccoppieto Trite ori L.5 o è ltro che u siste liere elle piee dei dipoli, coteute che i E r, E r, H r ed H r. Quest scelt cosete che di otteere l coservioe dell eergi: iftti elle.5 copioo il cpo sotto l pertur E E ed il cpo sopr di ess E. Clcoldo l pote g r che dll guid iferiore etr el foro, risult: P Re * { E J H } * r Liitdoci ll sol prte elettric i clcoli sull prte getic soo del tutto loghi, si h: P Re ωεα e Re * * { E J } Re{ E E jωεα E E E } g r { j E } * g E r j E g E r Er e g r r.6 Il prio terie tr pretesi grffe è ullo, i quto si richiede l prte rele di u qutità igiri pur. Ioltre, si osservi che: J J logete, l pote ell secod guid è pri à: P Re * { E J H } * e l sol copoete elettric vle: P Re ωεα e Re * * { E J } Re{ E jωεα E E E } r { j E } * r j Er E g Er e g r r

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli