1) Tabacco. Trend fumo attuale di tabacco a aa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Tabacco. Trend fumo attuale di tabacco a 15-16 aa"

Transcript

1 Comportamenti rispetto a fumo, alcol, droghe e gioco d azzardo fra gli adolescenti dell Alto Friuli Risultati di un indagine svolta nel 2011 dal Dipartimento delle Dipendenze Gianni Canzian, psichiatra, responsabile del Dipartimento delle Dipendenze dell A.S.S. n 3 Alto Friuli Dal 1999 il Dipartimento delle Dipendenze dell ASS n 3 Alto Friuli svolge con cadenza triennale (1999, 2002, 2005, 2008, 2011) un indagine (con questionari anonimi) sull uso di tabacco, alcol e droghe illegali fra gli adolescenti dell Alto Friuli, coinvolgendo tutte le classi seconde e quarte di tutte le scuole medie superiori di Gemona, Tolmezzo e Tarvisio. Nel 2011 sono stati raccolti 1000 questionari validi: 525 maschi e 475 ragazze, 527 studenti delle classi 2 e 473 studenti delle classi 4, 354 studenti dei licei e 646 studenti di scuole tecnico-professionali. Nell anno in corso, anche a seguito dell allarme sulla crescente diffusione del gioco d azzardo (legata alla recente liberalizzazione delle slot-machine, ormai diffusissime, e del gioco on-line) la rilevazione esplora, per la prima volta, anche le abitudini al gioco d azzardo fra i giovani ed i loro familiari. 1) Tabacco Sulla base di precedenti rilevazioni, fino al 2002 il numero di fumatori fra gli studenti appariva in crescita. Dal 2002 invece le rilevazioni indicano una progressiva inversione del trend di crescita, con un netto aumento (dal 48% nel 2002 al 55% nel 2005, 61% nel 2008 e 64% nel 2011) del numero di soggetti che dichiara di non aver mai fumato, né abitualmente, né in modo occasionale (tabella 1). Tab. 1 - Fumo di tabacco nelle medie superiori Non ho mai fumato 48% 55% 61% 64% 22% 17% 18% 15% Fumo abitualmente (tutti i giorni) 26% 25% 19% 20% Fumavo in passato, ma ora non fumo 4% 3% 2% 2% Questo dato riguarda soprattutto i ragazzi più giovani (15-16 anni), dove la percentuale di non fumatori dal 2002 al 2011 sale progressivamente dal 58 al 77%, e quella dei fumatori abituali (almeno una sigaretta tutti i giorni) scende dal 17% al 9%. Una buona notizia emerge anche dalle ragazze. Mentre dal 2002 al 2008 la riduzione del fumo riguardava soprattutto i maschi, dal 2088 al 2011 la riduzione (grafico 1) ha coinvolto significativamente anche le ragazze (a anni fumano ancora più dei maschi, ma la differenza è oggi molto minore. Grafico 1: fumo attuale (abituale e occasionale) a anni (linea tratteggiata superiore ragazze, linea continua campione totale, linea tratteggiata inferiore ragazzi) 45% 40% 40% 37% 38% 25% 29% 28% 23% 29% 22% 26% 24% 20% 20% 15% 10% Trend fumo attuale di tabacco a aa 5% 0%

2 Un ulteriore dato confortante è l inversione del precedente trend di progressivo anticipo dell età di inizio: se dal 2002 al 2005 il numero di fumatori che dichiarava di aver iniziato prima dei 14 anni era salito dal 23% al, nel 2008 è sceso al 24% e nel 2011 è ulteriormente sceso al 19%. La causa che più probabilmente ha favorito questa così marcata riduzione dei fumatori fra gli studenti più giovani può trovarsi nella realizzazione (nel 2004) della normativa che vieta il fumo in quelle situazioni conviviali (bar, pubs, pizzerie, altri luoghi di ritrovo giovanile) che favoriscono l arruolamento di nuovi fumatori. Secondo molti studi un ulteriore riduzione si potrebbe ottenere applicando in tutte le scuole il divieto di fumo anche agli spazi aperti (i cortili utilizzati negli intervalli, anch essi luogo di proselitismo al fumo). Da sottolineare il crescente apprezzamento, persino fra i fumatori, delle norme anti-fumo (89% nel 2005, 94% nel 2011). Come già evidenziato nelle precedenti ricerche, si conferma (tabella 2) lo strettissimo rapporto fra fumo di sigarette, uso di alcol e uso di altre droghe. Fra chi non ha mai provato a fumare la quasi totalità non ha mai sperimentato droghe illegali, né abusi alcolici se non occasionali. Al contrario, fra gli adolescenti che già fumano quotidianamente l abuso di altre sostanze è frequente. Si può quindi ribadire che il rapporto fra fumo di tabacco e uso di alcol e droghe illegali è talmente stretto da poter dire che, almeno in adolescenza, chi non fuma è sostanzialmente immune dall uso di altre droghe lecite o illecite. L uso di droghe, legali o illegali, è infatti spesso frutto anche di una generica predisposizione di fondo all uso di sostanze psicotrope. Tabella 2: Abitudini al fumo e abuso di alcol e droghe Fra i non fumatori Fra i fumatori occasionali Fra i fumatori abituali Abusi alcolici frequenti (una o più volte al mese) 9% 22% 41% Uso frequente di cannabis 1% 10% 32% Uso totale (anche occasionale) di cannabis 5% 31% 55% 2) Alcol I dati che emergono dalla ricerca, confrontati con quelli emersi nelle precedenti analoghe rilevazioni svolte nel 2002, 2005 e 2008, indicano una sostanziale stabilità nell ultimo triennio, che fa seguito alla progressiva e significativa precedente riduzione (dal 2002 al 2008) della percentuale di studenti che riferisce di abusare frequentemente di alcolici (tab.3). In realtà persiste la progressiva riduzione fra gli studenti più giovani (dal 21% del 2002 al 13% del 2011) mentre pur con ampie oscillazioni non vi sono nette differenze fra gli studenti delle classi quarte. Anche l età della prima ubriachezza si è progressivamente alzata (in precedenza collocata fra i 14 e i 15 anni, ora appare collocarsi prevalentemente fra i 15 e i 16 anni). Il problema dell abuso di alcol fra gli adolescenti resta certamente grave, come molti episodi, anche nella cronaca locale, confermano. I dati emersi suggeriscono comunque che il dilagare dell abuso sia almeno in parte un impressione mediatica, cui contribuiscono sia una positiva maggior attenzione al fenomeno, sia l aumento dei controlli sulla guida, sia forse l emergere, fra chi abusa, di comportamenti socialmente più problematici, e quindi causa di allarme sociale. Tab 3 - Abusi frequenti (almeno uno al mese) Maschi Femmine Seconde Quarte Totale Dati % 11% 21% 22% 21% Dati % 12% 16% 23% 19% Dati % 11% 14% 18% 16% Dati % 11% 13% 23% 17% I dati complessivi sul semplice consumo sono sostanzialmente stabili rispetto alle precedenti rilevazioni. L uso è raramente quotidiano, e in genere confinato al fine settimana. Prevale (come prevedibile) nei maschi (che riferiscono di bere alcolici almeno una volta alla settimana nel 43% dei casi, contro il 20% nelle ragazze) e nelle classi quarte (almeno una volta alla settimana nel 38% dei casi, contro il 26% nelle classi seconde). Da segnalare una significativa riduzione del consumo quasi quotidiano (3 o più volte la settimana) nei maschi (dal 12,8% del 2005 e 2008 all 8,1% nel 2011). Questo dato, come sopra rilevato, presumibilmente non indica tanto una vera diminuzione dei consumi, ma un progressivo passaggio dai consumi mediterranei (uso quotidiano ma in genere non marcato) a quelli nord-europei (uso limitato a feste o week-end, ma con quantità, e rischi, maggiori). Rispetto alle bevande preferite fra le ragazze si rileva una diminuzione dei cosiddetti alcopops (bacardi breezer, campari mix, ecc) con un parallelo aumento del consumo di aperitivi (oggi molto di moda e fortemente, ed eccessivamente, pubblicizzati). Desta invece qualche preoccupazione il progressivo crescere (41% nel 2005, 43% nel 2008 e 47% nel 2011) della percentuale, fra gli abusatori frequenti, di chi ritiene che bere troppo sia un comportamento normale e non problematico, ed quindi è scarsamente critico sui propri consumi. Questo dato suggerisce una progressiva normalizzazione culturale del bere eccessivo giovanile, anch essa di stampo nord-europeo, paesi dove, nonostante leggi molto più severe rispetto ai minori, il numero di giovani abusatori, o binge-drinkers, è molto superiore a quello italiano.

3 3) Droghe illegali ed inalanti La prime tabelle offrono un quadro riassuntivo del consumo di droghe dichiarato dal campione, suddiviso per sesso. Ne emerge (con l eccezione della cannabis, comunque in diminuzione) un quadro di bassa penetrazione (tab 4) dell uso di droghe fra gli adolescenti dell Alto Friuli, ma soprattutto una marcata riduzione dei dati rispetto a quelli del 2008, che erano a loro volta già fortemente diminuiti rispetto a quelli del 2005 (tab 5). Tab. 4 - Uso di droghe illegali e inalanti per sesso Cannabis Ecstasy LSD Cocaina Eroina Inalanti Uso life-time (ameno una volta nella vita) Uso attuale frequente (diverse volte/spesso negli ultimi mesi) Tab. 5 Trend uso droghe 2002/2011 (classi II e IV ) Uso life-time (anche una sola volta nella vita) Uso attuale frequente (diverse volte/spesso negli ultimi mesi) Maschi (n=525) 22,3% 0,8% 1,5% 0,8% 0,4% 3,8% Femmine (n=475) 15,8% 0,2% 1,3% 0,8% 0% 2,1% Totale campione (n=1000) 19,2% 0,5% 1,4% 0,8% 0,2% 3,0% Maschi (n=525) 4,4% 0% 0,2% 0% 0% 1,0% Femmine (n=475) 3,8% 0,2% 0% 0% 0% 0% Totale campione (n=1000) 4,1% 0,1% 0,1% 0% 0% 0,5% Cannabis Inalanti Ecstasy Cocaina LSD Eroina II IV II IV II IV II IV II IV II IV % 36% 14% 12% 1,7% 4,1% 1,9% 3,6% 2,6% 2,1% 0,9% 1,3% % 43% 12% 10% 1,0% 2,3% 2,9% 2,7% 1,6% 1,4% 0,5% 1,1% % 7% 7% 1,0% 0,4% 2,1% 2,5% 0,8% 1,3% 1,0% 0,4% % 27% 3% 3% 0,6% 0,4% 0,9% 0,6% 1,3% 1,5% 0,4% 0% % 13% 1,3% 1,1% 0,3% 1,3% 0% 0,4% 0% 0,2% 0% 0% % 14% 1,5% 0,5% 0,2% 0,4% 0,4% 0,5% 0% 0,2% 0% 0% % 8% 1,6% 0,4% 0% 0% 0% 1,0% 0% 0% 0% 0,2% % 5% 0,4% 0,6% 0,2% 0% 0% 0% 0,2% 0% 0% 0% Resta assai limitato (ed in ulteriore diminuzione rispetto alle precedenti rilevazioni), soprattutto se confrontato con l allarme mediatico degli ultimi anni e con i dati delle scuole di altre aree italiane, l uso di droghe illegali diverse dalla cannabis (sporadico l uso occasionale, praticamente nullo l uso frequente). Ovviamente è più significativa la frequenza di uso di cannabis, ma anche questo dato dal 2005 al 2011 è in netta progressiva diminuzione. Scende dal 33 al 19% l uso occasionale, e addirittura dal 12% al 4,1% l uso attuale e frequente. Nell insieme dal 2005 ad oggi la riduzione dei consumi appare clamorosa, in particolare nei ragazzi più giovani (classi 2 ), tanto che potrebbe farci riflettere sulla correttezza del dato. Escludendo errori statistici (il campione è sufficientemente grande, 1000 studenti, ed omogeneo con le precedenti rilevazioni) si potrebbe ipotizzare una maggior ritrosia nel dichiarare, pur se in forma anonima, l uso di sostanze illegali. Potrebbe aver in tal senso influito, ad esempio, l impatto degli arresti di studenti effettuati negli ultimi anni per uso di cannabis. Va però rilevato che lo stesso trend di riduzione si osserva anche per il fumo tabacco, per il quale non vi sono motivi per nasconderne l uso. Inoltre anche i dati ufficiali sui consumi in Italia e in Europa negli ultimi anni sono concordi nell indicare una positiva generalizzata diminuzione dell uso di droghe illecite. Sembra quindi che, pur tenendo conto dei limiti di questo tipo di indagini, i dati emersi dalla ricerca indichino un positivo cambiamento nei comportamenti di abuso di sostanze illecite negli adolescenti, in particolare fra quelli più giovani. 4) Gioco d azzardo Per la prima volta con questa rilevazione si è scelto di aprire una finestra anche sul problema del gioco d azzardo (con gioco d azzardo normalmente si intende qualsiasi gioco dove la posta sia in denaro e dove la vincita dipenda in buona parte, o del tutto, dal caso e non dall abilità del giocatore). La scelta di inserire questa nuova serie di domande nasce dalla recente e progressiva diffusione del giuoco d azzardo a seguito delle nuove normative che hanno liberalizzato, se non incentivato, la diffusione di slot-machine e del gioco on-line. Queste nuove possibilità, largamente pubblicizzate su tutti i media, si stanno traducendo in una nuova emergenza sociale in progressiva crescita, e, anche se formalmente vietate ai minori, sono facilmente fruibili anche da giovani e giovanissimi. Va sottolineato che nella maggior parte dei casi chi gioca d azzardo mantiene un sufficiente controllo su questa abitudine (peraltro antichissima e ben conosciuta in tutte le antiche civiltà). Una quota di giocatori però presto o tardi perde il controllo e il

4 gioco da abitudine diviene distruttiva dipendenza (viene allora definito Gioco d Azzardo Patologico, o G.A.P. ). Questa eventualità oggi si è fatta più frequente, sia per l ampia recente diffusione e promozione di queste attività, sia perché slot-machine e gioco on-line comportano più facilmente abuso e dipendenza rispetto ai giochi d azzardo in precedenza diffusi (totocalcio, lotto, gratta e vinci, ecc.). Per motivi legati alla neurobiologia delle emozioni il rischio di dipendenza è infatti tanto maggiore quanto più breve il tempo che passa dalla giocata alla vincita (pochissimi secondi per i giochi di nuova introduzione). Il rischio sociale di questi giochi è quindi molto elevato. Alla domanda ti è mai capitato di giocare d azzardo? rispende di sì il 67% degli intervistati, con prevalenza dei maschi sulle femmine (74% contro 60%) e, in misura minore, delle quarte sulle seconde (71% contro 64%). Considerando però solo chi riferisce di giocare d azzardo con frequenza, la percentuale scende al 7%, con una nettissima prevalenza dei maschi sulle femmine (11% contro 2,5%) e una sostanziale sovrapposizione fra classi seconde e classi quarte. L abitudine (occasionale o frequente) al gioco, come peraltro avviene per tutte le varie sostanze d abuso, è prevalente negli istituti tecnico-professionali (72% contro 59% nei licei), così come in chi ha ripetuto alcuni anni scolastici rispetto a chi è in regola con gli studi (77% contro 65%). Fra i giochi d azzardo più diffusi, prevale ancora nettamente il cosiddetto gratta e vinci nelle sue diverse versioni. Più di metà degli intervistati riferisce di averlo comprato almeno una volta negli ultimi 12 mesi, e uno studente su dieci afferma di acquistarli con frequenza. Seguono le varie versioni del lotto (lotto, superenalotto, ecc.) e le nuove slot-machine, utilizzati negli ultimi 12 mesi rispettivamente da un quarto e da un quinto degli intervistati (per entrambi solo uno su venti afferma di farlo con frequenza). Un numero minore (13% dei soggetti) dichiara di giocare on-line, ma di questi ben la metà (6,5%) dichiara di farlo con frequenza. Meno frequenti il totocalcio e i giochi per soldi alle carte o ai dadi. Per quasi tutti i giochi la percentuale di chi dichiara di giocare con frequenza è nettamente maggiore fra i maschi. Vista l assenza di precedenti rilevazioni, non abbiamo dati rispetto al trend, peraltro certamente in crescita per i giochi di più recente introduzione (slot-machine e giochi on-line). Da notare che visti i limiti di età (18 anni) previsti dalla legge per il gioco d azzardo (anche per i gratta e vinci ), le percentuali dovrebbero essere teoricamente quasi nulle. Il fatto che più di metà degli intervistati abbia giocato al gratta e vinci è illuminante sul livello dei controlli. In questo senso probabilmente le nuove sale giochi che stanno spuntando numerose sono probabilmente più controllate delle slot-machine situate in bar o edicole, locali in cui chiunque può entrare e dove spesso il gerente non ha il controllo di chi si avvicina alle slot. Più difficili e facilmente aggirabili i controlli sui giochi on line. Alla domanda qual è l ammontare massimo di soldi che hai giocato in un solo giorno? tre quinti degli intervistati (59%) dichiarano cifre minime (1-2 euro), un terzo () cifre più significative ma sempre modeste (da 3 a 10 euro), il 5% dichiara fra 10 e 100 euro e l 1% più di 100 euro. Poco elevato, più o meno uno su venti, il numero di chi dichiara che qualche suo familiare ha avuto problemi di gioco d azzardo patologico (5,2 %, senza differenze fra i sessi). Il dato non è comunque irrilevante, perché se estrapolato all intera popolazione porterebbe a ipotizzare almeno 1000 giocatori d azzardo problematici nel solo Alto Friuli. Utilizzando alcune delle domande del South Oaks Gambling Screen (un test di 12 domande per diagnosticare la presenza di gioco d azzardo patologico), troviamo che circa il 6,1% di tutti i giocatori (anche occasionali) teme che il giuoco sia o possa diventare un problema, quasi il 20% riferisce di tornare a giocare per recuperare i soldi persi, il 12,3% riferisce di aver giocato più soldi di quanto avrebbe voluto. Considerando solo i giocatori frequenti punteggi nettamente maggiori emergono in chi gioca spesso alle slot-machine, a conferma del già citato maggior potere di queste di dare abuso e dipendenza da gioco. Questo conferma la pericolosità di questa nuova offerta di gioco, e dovrebbe indurre ad una riflessione critica sui rischi (in effetti nell ultimo anno quasi tutti coloro che vengono segnalati ai servizi per gravi problemi di gioco sono giocatori di slot-machine) Incrociando il gioco d azzardo con l abuso di altre sostanze, troviamo un rapporto stretto e statisticamente significativo con l uso eccessivo di alcol (sia con la frequenza d uso che con la presenza di episodi di ebbrezza). Meno significativa è invece la correlazione con il fumo di tabacco e di cannabis. In effetti fra gli adulti molti giocatori d azzardo hanno caratteristiche di personalità simili a quelle degli alcol-dipendenti (talvolta anzi le due patologie sono concomitanti), ed anche i trattamenti sono in parte simili. 5) Internet Una parte del questionario è stata dedicata a rilevare il tempo che i giovani passano davanti ad uno schermo (attivamente, su internet, o passivamente, davanti alla televisione), e a cogliere se e quanto l uso di internet possa scivolare verso una forma di dipendenza comportamentale (assorbendo più tempo e più sonno del voluto). Poiché queste domande sono state poste per la prima volta, anche qui non vi possono essere raffronti con precedenti rilevazioni. Rispetto ad internet, vediamo come la quasi totalità (l 87%) ne fa uso, e per una parte non piccola della giornata: mediamente un ora al giorno, tempo peraltro superato da quasi metà - 44% - del campione (con una leggera prevalenza dei maschi).

5 Rispetto alla televisione, la media delle ore dedicate si aggira intorno a due, senza differenze significative fra i due sessi. La tabella successiva (tab.7) evidenzia quanto l uso di internet possa farsi pervasivo, assorbendo più tempo di quanto si vorrebbe, rendendo emotivamente difficile scollegarsi, e riducendo le ore fisiologiche di sonno con conseguente stanchezza il giorno dopo (recenti studi sottolineano come la carenza di sonno in adolescenza abbia effetti negativi sullo sviluppo neurobiologico del cervello). Tabella 7 - Uso eccessivo di internet No, mai Raramente Talvolta Spesso Ti capita di pensare che internet ti stia rubando troppo tempo? 14% 34% 25% 28% Ti capita direstare collegato più tempo di quanto in realtà vorresti? 25% 26% 31% 18% Ti capita di restare collegato fino a tardi e di essere stanco il giorno dopo? 55% 26% 13% 7% In conclusione I dati emersi da quest ultima rilevazione sono nell insieme rassicuranti rispetto al fumo di tabacco e all uso di droghe illegali (entrambi in progressiva riduzione), mentre sull uso di alcol vi sono luci ed ombre. Rispetto al gioco d azzardo la mancanza di precedenti rilevazioni non permette confronti; si evidenzia comunque la presenza di gioco d azzardo anche in una popolazione cui legalmente questo sarebbe vietato, la correlazione fra gioco d azzardo e uso-abuso di alcolici, e la pericolosità dei nuovi giochi (slotmachine) che da poco hanno invaso il mercato e sono ormai parte integrante del paesaggio dei locali del territorio.

Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli

Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli Adolescenti ed uso di droghe (legali ed illegali) nell ASS3 Alto Friuli Risultati di un indagine svolta nel 2005 dal Dipartimento delle Dipendenze Come già nel 1999 e nel 2002, nel 2005 il Dipartimento

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi PARTE 11 APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi 11.1 Opinione pubblica sull uso di sostanze psicoattive legali e sul gioco d azzardo 11.1.1 Disapprovazione dell uso di altre sostanze psicoattive

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

E ancora un gioco? Report della ricerca

E ancora un gioco? Report della ricerca CONCORSO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2010/2011 E ancora un gioco? Report della ricerca Dott.ssa Elisa Casini Psicologa Ricercatrice Centro Documentazione Ser.T. Arezzo Ce.Do.S.T.Ar. Dipartimento

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

4.1!Il!gioco!d azzardo!tra!gli!studenti!italiani!

4.1!Il!gioco!d azzardo!tra!gli!studenti!italiani! Autori:SabrinaMolinaro,LucaBastiani,ClaudiaLuppi,ValeriaSiciliano,MarcoScalese,RobertaPotente Raccolta e analisi dati: Loredana Fortunato, Cristina Doveri, Gabriele Trivellini, Marco Scalese, Valeria Siciliano

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

I loro clienti si dedicano maggiormente alle slot e ai gratta&vinci, come mostrato nel grafico sottostante:

I loro clienti si dedicano maggiormente alle slot e ai gratta&vinci, come mostrato nel grafico sottostante: REPORT GIOCO D AZZARDO Come MOVIMENTO NO SLOT in questi mesi abbiamo somministrato ai gestori dei locali, bar, tabacchi e sale slot un questionario per cercare di capire il fenomeno dell azzardo nella

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

L epidemiologia delle dipendenze in Italia

L epidemiologia delle dipendenze in Italia L epidemiologia delle dipendenze in Italia LE DIMENSIONI DEL FENOMENO Generazione In- Dipendente L epidemiologia delle dipendenze in Italia Tutti i dati statistico-epidemiologici sullo stato delle tossicodipendenze

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs)

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari, Istituto

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

COCAINA 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA. Premessa

COCAINA 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA. Premessa 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA Agusto Consoli, Teresio Minetti Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4, Torino Premessa Il rendersi conto che il consumo di cocaina possa diventare problematico

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

La popolazione svizzera si considera in buona salute

La popolazione svizzera si considera in buona salute Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 12.09.2008, 9:15 14 Salute N. 0352-0809-10 Indagine sulla salute in Svizzera 2007 La popolazione svizzera

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009

Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009 Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009 contrastare il fenomeno del GAP è veramente faticoso.. Sembra essere

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI SASSARI e pertinenze (OLBIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia Sabrina Molinaro, PhD Dir. Sez. Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari Istituto di Fisiologia

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org Percezione del danno, comportamenti protettivi, significati: fenomenologia del consumo di sostanze psicoattive tra i soggetti con età inferiore a anni Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute

Dettagli

CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE TRA I GIOVANI DAGLI 11 AI 15 ANNI

CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE TRA I GIOVANI DAGLI 11 AI 15 ANNI Repubblica e Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del Medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 3.7 CONSUMO DI ALCOL DEFINIZIONE Consumo di bevande alcoliche tra

Dettagli

ITIS A.Volta Frosinone

ITIS A.Volta Frosinone ITIS A.Volta Frosinone LE DIPENDENZE DA GIOCO Accanto alle tradizionali forme di dipendenza da sostanze (droghe e alcol) è oggi in costante aumento il fenomeno delle nuove dipendenze o new addictions.

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO Ricerca Commissionata da Lottomatica Group spa Claudio Barbaranelli Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario per la Ricerca

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Ser.T. A.S.L. TO 4 Settimo Torinese Istituti Superiori 8 Marzo Galileo Ferraris Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Questionario Maschio Femmina Età. 1) Nel tuo gruppo di amici quali sono i criteri per

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003 Questo numero e' stato realizzato da: Servizio Statistica del Comune di Ferrara - Dirigente Lauretta Angelini Collaboratori: Stefania Agostini, Caterina Malucelli, Micaela Pora, Claudia Roversi, Michele

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS CONEGLIANO, 19 OTTOBRE 2012 E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS Bolzonello Igor & Massimo Santinello -Il progetto P.A.A.S.S. è la conseguenza

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE CONFERENZA STAMPA DEL 12 NOVEMBRE 2014 PRESENTAZIONE DEI PRIMI RISULTATI DELLA RICERCA A cura di Paolo Molinari e Anna Zenarolla, IRES FVG Impresa Sociale

Dettagli

RASSEGNA STAMPA DATI GIOCO D AZZARDO A ROMA. A cura di. Agenzia Comunicatio

RASSEGNA STAMPA DATI GIOCO D AZZARDO A ROMA. A cura di. Agenzia Comunicatio RASSEGNA STAMPA DATI GIOCO D AZZARDO A ROMA A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA GIOCO D'AZZARDO: CEIS DON PICCHI, "18% GIOVANI ROMANI VITTIME GIOCHI ON LINE, COLPITI SEMPRE PIÙ I DISOCCUPATI

Dettagli

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI ANNO 2010 EUROPA ITALIA ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI Bere a rischio pari al 15% della polazione ovvero a 55 milioni di persone compresi i Binge drinkers, 23 milioni

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

RAGAZZI IN GIOCO PROGETTO LUDOPATIE IN COLLABORAZIONE CON

RAGAZZI IN GIOCO PROGETTO LUDOPATIE IN COLLABORAZIONE CON IN COLLABORAZIONE CON Aprile 2014 CAMPIONE Fasce di età 25,0% 25,0% 25,0% Totale Italia 35-39 anni 20,2% 40-44 anni 26,3% 45-49 anni 34,6% Oltre 49 anni 18,9% 25,0% TOTALE 100,0% Sesso Totale Italia Maschio

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Dal 26 Ottobre al 13 Dicembre è stato realizzato in alcune classi terze dell Istituto il

Dettagli

eccessi e dipendenze: vizi, fumo, alcool e droghe

eccessi e dipendenze: vizi, fumo, alcool e droghe eccessi e dipendenze: vizi, fumo, alcool e droghe Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo di compilazione (es. per primo questionario

Dettagli

Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986

Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986 Lausanne, März 2015 Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986 Riassunto dettagliato del rapport di ricerca no 75 Simon Marmet Aurélie Archimi Béat Windlin

Dettagli

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO Lorenzo Spizzichino Roma, 5 Novembre 2009 OBIETTIVI: 1.FOTOGRAFARE LA SITUAZIONE NEL LUOGO DI LAVORO Quanti sono i dipendenti fumatori? quanti i non

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 Nome ROSAMARIA CONTI Funzione strumentale/referente progetto LIBERI DA LIBERI PER Ore stanziate dal Fondo d Istituto

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA ANNI 50 60: GLI INIZI DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE Anni 50 non diffuse Elite Anni 60 diffusione

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

Mozione: Progetto pluriennale di educazione contro le dipendenze

Mozione: Progetto pluriennale di educazione contro le dipendenze Mozione: Progetto pluriennale di educazione contro le dipendenze I sottoscritti consiglieri del Partito Democratico: Argentina Severini Flavio Cardinali Simone Pugnaloni Paola Andreoni Considerato l ultimo

Dettagli

6. I consumi eccedentari 22

6. I consumi eccedentari 22 Gli italiani e l alcool Consumi, Tendenze e Atteggiamenti in Italia Sesta Indagine Doxa - Osservatorio Permanente Giovani e alcool Gennaio 2011 1 Indice Pag. 1. Premessa 3 2. Consumatori e non consumatori

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

I GIOVANI NON DEMORDONO E CERCANO DI RESISTERE E ADATTARSI

I GIOVANI NON DEMORDONO E CERCANO DI RESISTERE E ADATTARSI Rapporto GIOVANI E LAVORO La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di realizzare

Dettagli

Il gioco d azzardo e FISCALITA

Il gioco d azzardo e FISCALITA Il gioco d azzardo e FISCALITA 11 aprile 2013 di Matteo Iori CoNaGGA e Associazione Onlus «Centro Sociale Papa Giovanni XXIII» 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 14,3 Fatturato dei giochi d azzardo negli ultimi

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

La campagna Free Your Mind

La campagna Free Your Mind La campagna Free Your Mind Free Your Mind Cosa prevede la campagna: La realizzazione di una pagina web per giovani (www.free-your-mind.it) La distribuzione di gadgets (T-shirts, buttons, moschettoni porta

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

01 La dipendenza: aspetti generali 2

01 La dipendenza: aspetti generali 2 VI Sommario Parte prima Che cos è la dipendenza Non tutte le dipendenze sono uguali: si può dipendere da una sostanza, da una persona, da un comportamento. Il risultato, comunque, è sempre lo stesso: l

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

Studio sul consumo di alcol tra i giovani dai 16 ai 34 anni

Studio sul consumo di alcol tra i giovani dai 16 ai 34 anni Dipartimento federale delle finanze DFF Regìa federale degli alcool RFA RCP Studio sul consumo di alcol tra i giovani dai 16 ai 34 anni Sintesi del rapporto finale Basato su: istituto LINK, Comportements

Dettagli

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO IN PILLOLE La percentuale di fumatori nelle imprese considerate è del 25%. Scende al 18% se si considerano solo i dirigenti e gli impiegati a livello amministrativo; raggiunge

Dettagli