RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VI"

Transcript

1 Prof. Giuseppe F. Rossi Homepage: UNIVERSIA' DEGLI SUDI DI PAVIA A.A. 2009/10 - II Semestre REI DI CALCOLAORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VI Struttura del capitolo Il problema dell'accesso multiplo ad un canale condiviso opologie dei canali Classificazioni e studio dei protocolli d'accesso Capitolo VI 1-2/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

2 Il problema dell'accesso multiplo In generale Problema dell'accesso ad una risorsa condivisa da parte di più "utenti" Nel contesto specifico di interesse in questo Corso Problema dell'accesso al sistema canale di trasmissione da parte di N nodi, cioé il problema della regolamentazione delle trasmissioni su canali ad accesso multiplo ale problema è presente sicuramente ogni volta che si utilizza un canale che istante per istante prevede al massimo solo 1 comunicazione attiva (quindi anche con canali punto-a-punto half duplex) Ipotesi I canali di trasmissione in questione offrono (a livello fisico) un servizio di comunicazione di tipo broadcast, cioé sono sistemi di tipo BMA (Broadcast Multiple Access) Il problema dell'accesso multiplo a un canale di trasmissione Il problema 2 o più nodi trasmettono in intervalli di tempo sovrapposti interferendo tra loro Occorre un'insieme di regole che governa l'accesso al canale di trasmissione: tali regole prendono il nome di protocollo d'accesso al canale (si faccia attenzione a non fare confusione con i protocolli di comunicazione) Nelle architetture di comunicazione a strati i protocolli d'accesso sono funzionalità definite e implementate (quando servono) nel livello 2 (Data Link Control) I protocolli d'accesso ad un canale vengono classificati in varie famiglie, tema che verrà affrontato nelle prossime slide DLC DLC DLC DLC Physical Canale Punto-a-Punto Half-Duplex DLC Physical Physical Physical Physical Canale ad accesso multiplo Capitolo VI 3-4/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

3 opologie dei canali ad accesso multiplo Una classificazione opologia "a bus" (bus topology) con controllo centralizzato opologia "a bus" (bus topology) con controllo distribuito Controllore Bus Bus opologie dei canali ad accesso multiplo Una classificazione opologia "a ring" (ring topology) con controllo centralizzato opologia "a ring" (ring topology) con controllo distribuito Controllore If x x If If x If x If x x If If x If x Capitolo VI 5-6/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

4 Classificazione dei "protocolli di accesso multiplo" Criterio della modalità di accesso al canale Protocolli con accesso controllato al canale Protocolli d'accesso multiplo con assegnamento deterministico prefissato del canale Protocolli d'accesso multiplo con assegnamento su domanda del canale Protocolli con accesso casuale al canale Protocolli d'accesso multiplo con assegnamento casuale del canale Criterio del numero di punti di controllo dell'accesso al canale Controllo centralizzato: 1 sola entità/nodo controlla l'accesso al canale Controllo distribuito: la funzione di controllo dell'accesso é distribuita tra i vari nodi Classificazione dei "protocolli di accesso multiplo" Elementi di confronto Sia dato un un canale di trasmissione condiviso avente capacità C Definizione di efficienza media (E) di un protocollo d'accesso al canale hroughput (bps) Rapporto tra il traffico medio smaltito (hroughput medio del sistema canale di trasmissione) in un intervallo di tempo di osservazione e la capacità C C Cp Definizione di capacità (Cp) di un protocollo d'accesso al canale Max hroughput 45 Zona dei hroughput possibili raffico Offerto (bps) hroughput E = C C = hroughput p 1 Max Capitolo VI 7-8/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

5 Classificazione dei "protocolli di accesso multiplo" Elementi di confronto Altri elementi di confronto dei protocolli d'accesso sono i seguenti Caratteristica Ritardo - raffico offerto Equità di trattamento delle stazioni (fairness) Adattabilità alle variazioni del traffico offerto Capacità di fornire priorità diverse ai vari traffici Stabilità di funzionamento Complessità di realizzazione e gestione... Assegnamento prefissato del canale Protocolli che suddividono staticamente un canale in tanti sottocanali nel dominio del tempo, della frequenza e del codice DMA (ime Division Multiple Access) FDMA (Frequency Division Multiple Access) CDMA (Code Division Multiple Access) Ogni nodo possiede in modo esclusivo un sottocanale indipendentemente dal fatto che vi sia traffico da trasmettere o meno I vari sottocanali possono avere capacità diverse Capitolo VI 9-10/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

6 Assegnamento prefissato del canale DMA (ime Division Multiple Access) Suddivide l'asse dei tempi in finestre temporali di durata ciascuna assegnata ad un nodo E' necessario prevedere un tempo di guardia G che impatta sull'efficienza E Necessità di sincronizzazione tra nodo sorgente e ricevente Ogni nodo deve trasmettere al ritmo del canale indiviso E = +G = 1 1+ G rasmissione di S1 rasmissione di S2 rasmissione di S3 G G..... t Assegnamento prefissato del canale FDMA (Frequency Division Multiple Access) Suddivide l'asse delle frequenze in canali, ognuno assegnato ad una stazione per uso continuo nel tempo E' necessario prevedere una banda di guardia al fine di evitare interferenze tra i canali Rischio di intermodulazioni Sistema realizzato tramite apparecchiature analogiche rasmissione di S1 rasmissione di S2 rasmissione di S Banda di Banda di f1 guardia f2 guardia f3 f Capitolo VI 11-12/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

7 Assegnamento prefissato del canale CDMA (Code Division Multiple Access) La trasmissione di una stazione viene 'miscelata' con una sequenza di bit (chipping sequence) pseudocasuale avente bit-rate multiplo del segnale da trasmettere Si utilizzano sequenze che minimizzano le interferenze tra i segnali Assegnamento su domanda del canale Obiettivo Minimizzare lo spreco di banda (per esempio evitare di assegnare il canale ai nodi che non devono trasmettere) Proprietà fondamentale dei protocolli con assegnamento su domanda Esiste uno scambio di segnalazione tra i nodi per coordinare gli istanti di accesso al canale I protocolli d'accesso di questo tipo vengono talvolta (genericamente) detti di tipo polling Regola I nodi ricevono un messaggio particolare, detto messaggio di polling, che rappresenta l'autorizzazione alla trasmissione Il messaggio di polling viene inviato ad un nodo alla volta e solo se il canale é libero, quindi non sono possibili accessi quasi-contemporanei Capitolo VI 13-14/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

8 Assegnamento su domanda del canale In questa tecnica esiste un elemento fondamentale da definire Quando un nodo termina la sua trasmissione, come comunica agli altri il fatto che il canale é libero? (cioè come effettua il "passaggio del controllo") Nei protocolli d'accesso di tipo polling il "passaggio del controllo" avviene attraverso uno scambio di segnalazione tra i nodi e tale passaggio può svolgersi secondo 2 schemi (illustrati in dettaglio nelle prossime slide) Roll-call polling Applicabile solo nel caso di protocolli d'accesso con controllo centralizzato Hub polling Applicabile sia nel caso di protocolli d'accesso con controllo centralizzato che distribuito Assegnamento su domanda del canale Roll-call polling Un controllore centrale (nodo del canale) assegna a turno agli altri nodi l'autorizzazione alla trasmissione, riprendendosi ogni volta il controllo L'ordine di scansione può essere fisso e predeterminato (spesso si interroga a rotazione) o variato dinamicamente passaggio del controllo Controllore A B Questo schema, che intrinsecamente prevede un controllo centralizzato, viene usato su canali con topologia a bus Esempi di impiego: nei protocolli SDLC o HDLC su canali multipunto Schema di principio del "passaggio del controllo" tra le stazioni nel caso di utilizzo della strategia Roll-call polling (il Controllore governa l'utilizzo del canale interrogando a turno tutte le altre stazioni) C D Capitolo VI 15-16/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

9 Assegnamento su domanda del canale Utilizzo della tecnica Roll-call polling con SDLC su canali multipunto (es. connessione geografica multipunto permanente) Esempio di scambio di frame tra stazione Primaria e Secondaria (Addr=03) Frame RR: la Primaria chiede alla Secondaria (03) se quest'ultima ha qualcosa da trasmetterle Secondaria (01) SDLC Physical Primaria SDLC Physical Control FCS Control FCS Frame RR: la Secondaria (03) risponde alla Primaria dicendo che non ha nulla da trasmettergli e che può passare ad interrogare la prossima Secondaria (01) Diram. Secondaria (02) SDLC Physical Secondaria (03) SDLC Physical Assegnamento su domanda del canale Hub polling Il controllo (autorizzazione alla trasmissione) viene passato di volta in volta da un nodo al successivo A A Questo schema conduce naturalmente ad un controllo di tipo distribuito anche se talvolta potrebbe esistere un controllore B B Si applica sia nel caso di canali con topologia a bus che con topologia ad anello Controllore Queste tecniche prendono anche il nome di schemi oken passing C C D D Capitolo VI 17-18/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

10 Assegnamento su domanda del canale Gli schemi Hub polling (o oken passing) sono utilizzati nelle Reti Locali (LAN) e prevedono l'uso di un messaggio speciale detto token (= "autorizzazione alla trasmissione") Nei sistemi reali si identificano 2 schemi oken passing, in funzione della topologia del canale ad accesso multiplo Schema oken passing ring Usato sui canali con topologia ad anello La "prossima stazione" é determinata dalle connessioni fisiche dei x e Schema oken passing bus Usato sui canali con topologia a bus La "prossima stazione" é determinata tramite indirizzamento esplicito fatto dalla stazione precedente (il token viene inviato all'indirizzo della prossima stazione) Assegnamento su domanda del canale In presenza di questa tipologia di protocolli d'accesso può essere interessante calcolare il tempo di ciclo tc Definizione di tempo di ciclo (tc) Intervallo di tempo che separa due successive autorizzazioni all'accesso al canale per un dato nodo Capitolo VI 19-20/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

11 Assegnamento casuale del canale I protocolli ad accesso casuale (detti anche "a contesa") sono caratterizzati dall'assenza di segnalazione per coordinare le trasmissioni tra i nodi Possono essere visti come la forma più estrema di controllo distribuito (o come la mancanza di controllo) Principio Un nodo trasmette quando vuole (cioé quando ne ha necessità) Ogni specifico protocollo d'accesso appartenente a questa famiglia poi può correggere questa regola generale aggiungendo una serie di vincoli Le tecniche ad accesso casuale prevedono un particolare evento: le collisioni Collisione = sovrapposizione (parziale o totale) degli intervalli di trasmissione di 2 o più messaggi provenienti dai nodi connessi al canale Assegnamento casuale del canale Cosa deve essere specificato in un protocollo ad accesso casuale? CAP (Channel Access Protocol): regole per la trasmissione di un nuovo messaggio CRA (Collision Resolution Algorithm): regole per la gestione dell'evento collisione (per esempio la ritrasmissione dei messaggi persi nel corso delle collisioni,... ) ecniche Aloha Pure Aloha Slotted Aloha ecniche CSMA (Carrier Sense Multiple Access) Un importante variante: CSMA/CD (Carrier Sense Multiple Access / Collision Detection) Capitolo VI 21-22/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

12 Assegnamento casuale del canale: Pure Aloha Pure Aloha (P-Aloha) é una tecnica sviluppata agli inizi degli anni '70 presso l'università delle Hawaii CAP Una stazione trasmette in qualunque istante quando ne ha la necessità CRA Non appena é terminata una trasmissione che ha subìto una collisione, si aspetta un tempo scelto casualmente (per ridurre la probabilità di una successiva collisione) e quindi si procede alla ritrasmissione La procedura di diagnosi delle collisioni può essere fatta in vari modi Uso di un protocollo di cumunicazione confermato a livello 2 In presenza di canali (wired) con topologia a bus, le stazioni, mentre trasmettono, si "autoascoltano", rilevando così un'eventuale collisione Assegnamento casuale del canale: Pure Aloha Esempio di funzionamento del protocollo P-Aloha Staz. A Staz. B Staz. C trasmissione trasmissione Intervallo casuale Intervallo casuale ritrasmissione trasmissione ritrasmissione Intervallo casuale Intervallo casuale ritrasmissione Canale Coll. Coll. OK OK Capitolo VI 23-24/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

13 Assegnamento casuale del canale: Slotted Aloha Slotted Aloha (S-Aloha) é una variante del P-Aloha nella quale l'asse dei tempi viene suddiviso in slot temporali di dimensione fissa m CAP Una stazione trasmette un messaggio all'istante di inizio del prossimo slot temporale CRA Non appena é terminata una trasmissione che ha subìto una collisione, si aspetta un numero di slot di tempo tempo scelto casualmente prima di ritrasmettere (per ridurre la probabilità di una successiva collisione) Questo schema richiede una sincronizzazione tra le stazioni (il clock con gli istanti di inizio slot può essere generato da una delle stazioni del canale) OK OK Coll m - m 0 m 2m 3m 4m 5m 6m.... Assegnamento casuale del canale: tecniche Aloha Anche intuitivamente si comprende che le tecniche P-Aloha e S-Aloha presentano caratteristiche prestazionali legate al traffico da trasmettere sul canale (nuove trasmissioni + ritrasmissioni in conseguenza di collisioni) Qui sotto si riportano (senza dimostrazione, per esigenze di semplicità) i risultati dell'analisi teorica effettuata attraverso l'utilizzo di modelli stocastici. Ipotesi: Numero infinito di nodi connessi sul canale, i quali inviano frame di dimensione costante Il numero di tentativi di trasmissione sul canale (nuove trasmissioni + ritrasmissioni) per tempo di trasmissione di un messaggio ha una distribuzione poissoniana con media G Capitolo VI 25-26/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

14 Assegnamento casuale del canale: tecniche CSMA Diversamente dalle tecniche Aloha, le tecniche CSMA prevedono che una stazione, prima di trasmettere, verifichi se il canale é libero CAP Una stazione che deve inviare un messaggio prima ascolta il canale e, se libero, inizia la trasmissione, altrimenti attende che si liberi CRA Dopo una collisione il tentativo viene ripetuto dopo un ritardo casuale come Aloha A causa del tempo di ritardo τ sul canale (= ritardo di propagazione tra le stazioni più lontane), le collisioni sono comunque un evento possibile, esistendo un intervallo di vulnerabilità di 2τ Stazione A rasmissione Stazione Z τ = tempo di ritardo sul canale = ritardo di propagazione tra le stazioni più lontane (A e Z) t - τ t Intervallo di vulnerabilità t + τ Assegnamento casuale del canale: tecniche CSMA Alcune possibili varianti del CAP: cosa fa una stazione quando ad un certo istante ha una frame da trasmettere, ma il canale é occupato? (nel caso sia libero, essa trasmette immediatamente) Schema 1-Persistent (aggressivo) Se il canale occupato attende che si liberi Quando il canale è libero, trasmette immediatamente (trasmette con probabilità 1) Schema Non-Persistent (poco aggressivo) Se il canale occupato non esegue un controllo continuo per verificare quando si libera, bensì rimanda il test sullo stato del canale di un intervallo di tempo pseudocasuale Se al test successivo il canale sarà ancora occupato, allora si rinvierà nuovamente il controllo di un ulteriore intervallo pseudocasuale (in genere di durata maggiore) Capitolo VI 27-28/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

15 Assegnamento casuale del canale: tecniche CSMA Un importante protocollo della famiglia CSMA: CSMA/CD Diversamente da CSMA 'puro', quando si scopre una collisione la trasmissione viene interrotta L'interruzione della trasmissione non avviene immediatamente al fine di propagare tale collisione a tutto il canale (invio del jamming signal) Questa tecnica verrà approfondita nel corso dello studio della Rete Locale Ethernet Capitolo VI 29-30/29 Copyright Ing. G. F. Rossi,

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Analisi di Protocolli

Analisi di Protocolli Analisi di Protocolli Elenco di protocolli d accesso I principali protocolli di accesso si possono dividere in:. protocolli deterministici (accesso ordinato);. protocolli ad accesso casuale (o a contesa).

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet Sistemi LAN Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Principali Standard per LAN

Dettagli

5 - Reti locali parte A

5 - Reti locali parte A Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 5 - Reti locali parte A 1 Reti

Dettagli

LIVELLO DATA LINK (DI LINEA)

LIVELLO DATA LINK (DI LINEA) LIVELLO DATA LINK (DI LINEA) 1 TRASMISSIONE 2 FRAMING 3 CONTROLLO DEGLI ERRORI 4 CONTROLLO DI FLUSSO 1 Asincrona 2 Sincrona 1 Orientata al byte 2 Orientata al bit 1 Codici correttori 2 Codici Rivelatori

Dettagli

Esercizi settimana 4

Esercizi settimana 4 Esercizi settimana 4 Introduzione Lezione 10 Lo scopo della prima parte della lezione e' di confrontare l'efficienza dei protocolli di comunicazione dall'aloha, al CSMA, al CSMA/CD mettendo in evidenza

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1. Network Organization pag. 1 2. NETWORK ORGANIZATION pag. 2

Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1. Network Organization pag. 1 2. NETWORK ORGANIZATION pag. 2 RETI DI TELECOMUNICAZIONI INDICE CAPIITOLO 1 Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1 Presentazione del corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 2 Argomenti trattati nel corso di Reti di

Dettagli

Dr. Greco Polito Silvana. LAN: Local Area Network

Dr. Greco Polito Silvana. LAN: Local Area Network LAN: Local Area Network Reti di accesso e di trasporto Topologie diverse nelle reti di accesso: ANELLO, BUS, STELLA Come viene regolata la condivisione delle risorse di accesso tra le varie stazioni???

Dettagli

5 - Reti Locali parte B

5 - Reti Locali parte B Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. Fabio Martignon 5 - Reti Locali parte B 1

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Reti di calcolatori. Sottolivello MAC. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Sottolivello MAC R5.1

Reti di calcolatori. Sottolivello MAC. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Sottolivello MAC R5.1 Reti di calcolatori Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia R5.1 : Medium Access Control I protocolli per decidere quale è la prossima stazione a trasmettere su un canale broadcast (detto

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione. ad un canale comune. M.L. Merani. Tecniche di accesso

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione. ad un canale comune. M.L. Merani. Tecniche di accesso Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di ngegneria dell nformazione ad un canale comune M.L. Merani 1 Classificazione i delle Strategie t di Accesso Problema: GESTRE LA CONDVSONE

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo II

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo II Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE

FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2014/15 - II Semestre FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Lucidi delle Lezioni - Capitolo VII Struttura

Dettagli

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo ITIS G. Fauser Classe 4^ BI Materia: Sistemi Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo Numero ore di lezione settimanali: 4 Testi adottati: - Materiale didattico

Dettagli

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC);

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC); Standard Lan Introduzione Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in:. strato MAC (Medium Access Control);. strato LLC (Logical Link Control). Le funzioni del livello 2 sono:. delimitazione

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Reti locali Ethernet I lucidi presentati al

Dettagli

WIRELESSEXPERIENCE. Townet series 200-xx-xx e 300-xx-xx. TDMA e nuovo protocollo wireless NV2 Enrico Grassi CTO Townet Srl

WIRELESSEXPERIENCE. Townet series 200-xx-xx e 300-xx-xx. TDMA e nuovo protocollo wireless NV2 Enrico Grassi CTO Townet Srl WIRELESSEXPERIENCE Townet series 200-xx-xx e 300-xx-xx TDMA e nuovo protocollo wireless NV2 Enrico Grassi CTO Townet Srl 1 NV2 E' un protocollo proprietario wireless sviluppato da MikroTik Basato su TDMA

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

il progetto ieee 802

il progetto ieee 802 il progetto ieee 802 architettura generale g. di battista nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi, ma non

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria Tesina di Metodi formali nell ingegneria del software Autori: Piacentini Vanda - Rocco Germano Anno accademico 2006/2007 MODELLAZIONE DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet

Evoluzione della rete Ethernet Evoluzione della rete Ethernet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Corso di Didattica e Laboratorio di Reti di Calcolatori Progettazione per obiettivi

Corso di Didattica e Laboratorio di Reti di Calcolatori Progettazione per obiettivi Corso di Didattica e Laboratorio di Reti di Calcolatori Progettazione per obiettivi Prof.ssa Sophia Danesino Tirocinante Marco Bracco Tirocinante Maria Grazia Maffucci Tirocinante Flaviano Monge Classe

Dettagli

Capitolo 8 Strato di Collegamento- Accesso Multiplo e Reti in Area Locale

Capitolo 8 Strato di Collegamento- Accesso Multiplo e Reti in Area Locale Capitolo 8 Strato di Collegamento- Accesso Multiplo e Reti in Area Locale 1 Sommario del Capitolo Servizi offerti dallo Strato di Collegamento o Rivelazione di errore e controllo di errore (ARQ) o Indirizzamento

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Le Reti di Computer 2 Introduzione Una rete è un complesso insieme di sistemi di elaborazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo I

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo I Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2007/08 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet Prof. R. R. Cusani Ethernet

Dettagli

Reti e Internetworking

Reti e Internetworking Titpi di rete - tecnologia trasmissiva Reti e Internetworking Riferimento A. Tanenbaum "Computer Networks" Prentice-Hall, 3a Ed. Elaboratori Rete una rete broadcast Titpi di rete tecnologia trasmissiva

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le FAST ETHERNET Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive compatibilità con le installazioni preesistenti appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio Reti di calcolatori Lezione del 27 maggio TPC/IP ed i livelli 1 e 2 TCP/IP architettura di rete focalizzata sull internetworking Mancano i primi 2 livelli Connessione ad Internet: due scenari tipici Connessione

Dettagli

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Ethernet e 802.X 1 Problemi delle wireless LAN Interferenza e caduta di potenza del segnale Alta probabilità che il frame

Dettagli

Fondamenti di Internet, parte 2

Fondamenti di Internet, parte 2 Fondamenti di Internet, parte 2 Reti in area locale, v2.0 Nicola BLEFARI MELAZZI Dipartimento di Ingegneria Elettronica Università degli Studi di Roma Tor Vergata Via del Politecnico, 1, 00133 Roma (Italia)

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Linee Commutate. Comunicazione telefonica:

Linee Commutate. Comunicazione telefonica: Linee Commutate Comunicazione telefonica: Un utente compone il numero del destinatario (richiesta di connessione) Il centralino (umano od elettronico), verifica se il numero desiderato esiste e se è libero,

Dettagli

Parte II. Reti di calcolatori

Parte II. Reti di calcolatori Parte II Reti di calcolatori 29 Capitolo 4 Topologie di rete Finora abbiamo considerato il problema della trasmissione di inormazione tra due utenti. Nel caso reale dovranno essere messi in collegamento

Dettagli

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Davide Quaglia Local Area Network (LAN) Apparecchiature indipendenti Canale ad alta capacita ma condiviso da piu stazioni Basso tasso di errore nel caso di

Dettagli

Reti di Telecomunicazione

Reti di Telecomunicazione Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Telecomunicazione Prof. Fabio Martignon Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3)

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Il livello 2, Data-Link, è suddiviso in due sottolivelli: - il sottolivello MAC (Media Access Control) - il sottolivello LLC (Logical

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.3 Interconnessione Prof. Filippini 2! Limitazioni LAN su grandi aree:! Propagazione! Disturbi! Protocolli di Accesso Multiplo! Occorrono

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

I bus di campo nell automazione industriale

I bus di campo nell automazione industriale I bus di campo nell automazione industriale Fabio Giorgi Introduzione Aspetti di comunicazione nell automazione industriale Esempio di cella di lavorazione Passaggio dal controllo centralizzato al controllo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Elaborazione e trasmissione delle informazioni Le Reti di Calcolatori Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Reti di Telecomunicazione

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Domande tipo per il test di Reti L-A by GuaPoZ @spiff1281 website. V= vero; F= falso;? = boh;

Domande tipo per il test di Reti L-A by GuaPoZ @spiff1281 website. V= vero; F= falso;? = boh; Domande tipo per il test di Reti L-A by GuaPoZ @spiff1281 website. V= vero; F= falso;? = boh; N.B: le risposte sono state rivedute e corrette, il che non toglie che ci possano essere errori madornali...

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Master Universitario di I Livello in Informatica per la P.A. e l'e-government

Master Universitario di I Livello in Informatica per la P.A. e l'e-government Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria - A.A. 2003/04 Master Universitario di I Livello

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica RETI DI COMPUTER (lucidi) Prof. De Maio Carmen cdemaio@unisa.it Introduzione I primi tempi dell'informatica furono caratterizzati da centri di calcolo con grossi computer centrali

Dettagli

Capitolo 5: Le reti locali

Capitolo 5: Le reti locali Fabio Martignon: ppunti del corso di Reti di Calcolatori 1 Capitolo 5: Le reti locali Le reti locali (Local rea Networks-LN) sono reti di telecomunicazione tra entità paritetiche pensate ed ottimizzate

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Concetti di base. Le Reti di Computer. A. S. 2008-2009 Tiso Emanuele

Concetti di base. Le Reti di Computer. A. S. 2008-2009 Tiso Emanuele Concetti di base Le Reti di Computer A. S. 2008-2009 Tiso Emanuele 1. La telematica L uomo ha sempre sentito la necessità di comunicare L umanità ha inventato la scrittura per poter trasmettere informazioni

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Sistema distribuito. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Sistema distribuito. Un sistema distribuito. Finalità di un sistema distribuito

Sistema distribuito. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Sistema distribuito. Un sistema distribuito. Finalità di un sistema distribuito Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Strutture dei Sistemi Distribuiti Sistema distribuito Un sistema distribuito è un insieme di unità d elaborazione che non condividono la memoria o un clock Ogni unità

Dettagli

Capitolo 5 - Protocolli di linea (parte II)

Capitolo 5 - Protocolli di linea (parte II) Appunti di Reti di Telecomunicazioni Capitolo 5 - Protocolli di linea (parte II) Introduzione ai protocolli di accesso multiplo...1 Generalità sui protocolli di accesso multiplo...5 Topologia delle reti

Dettagli

ALOHA e CSMA/CD. Modello

ALOHA e CSMA/CD. Modello ALOHA e CSMA/CD L ALOHA è una tecnica di accesso a canale condiviso. Il principio di funzionamento è estremamente semplice: quando una stazione presente sul canale deve trasmettere una frame lo fa senza

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata I semestre 03/04 Tecnologie delle Reti Locali Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Reti Locali Reti che coprono un area geografica limitata un ufficio,

Dettagli

Energy-Efficient Protocols for Wireless Sensor Networks

Energy-Efficient Protocols for Wireless Sensor Networks Facoltà Di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica Energy-Efficient Protocols for Wireless Sensor Networks Anno Accademico : 2008-2009

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Capitolo 5: Le reti locali

Capitolo 5: Le reti locali ntonio Capone: ppunti del corso di reti di telecomunicazione 1 Capitolo 5: Le reti locali Le reti locali (Local rea Networks-LN) sono reti di telecomunicazione tra entità paritetiche pensate e ottimizzate

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Eliminazione del cablaggio Riduzione costi infrastrutturali Reti temporanee Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella)

Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella) Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella) Topologia delle reti locali Le strutture delle reti sono numerose ma tutte riconducibili a tre tipiche configurazioni fondamentali che sono. a) Rete

Dettagli

APPARATI DI INTERNETWORKING

APPARATI DI INTERNETWORKING APPARATI DI INTERNETWORKING Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia REPEATERS Apparato attivo che collega 2 o più mezzi di trasmissione

Dettagli

Reti in Area Locale (LAN)

Reti in Area Locale (LAN) Reti in Area Locale (LAN) A.A. 200-200 Docente: Vincenzo Eramo Reti in area locale (LAN) Scopo Interconnettere apparecchiature di calcolo (personal computers, workstations, stampanti) Caratteristiche di

Dettagli