Indice generale. Indice terza parte. Indice prima parte. Indice seconda parte. Indice quarta parte. Allegato. 9 Lettera del presidente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice generale. Indice terza parte. Indice prima parte. Indice seconda parte. Indice quarta parte. Allegato. 9 Lettera del presidente"

Transcript

1 Rapporto annuale 2011

2

3 Indice generale 6 Indice prima parte 9 Lettera del presidente 22 Indice terza parte Allegato 11 Organi della Banca 25 Informazioni riguardanti i settori di attività ed il personale 27 Criteri contabili e di valutazione 12 Indice seconda parte 30 Informazioni sul bilancio 38 Informazioni sulle operazioni fuori bilancio 15 Conto annuale 2011 Relazione del Consiglio di amministrazione 41 Informazioni sul conto economico 18 Bilancio 20 Conto economico 42 Indice quarta parte 46 Relazione dell Ufficio di revisione 48 Indirizzi rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano 3

4 «Una filantropia basata sullo scambio, questa è la nostra ambizione. Una filantropia che s insegna, si costruisce e diventa una sfida comune». Ognuno di noi partecipa alla costruzione di un futuro per i nostri figli. Grazie alle nostre radici familiari abbiamo l immenso privilegio di aver ereditato una tradizione filantropica unica basata sulla solidarietà, sulla responsabilità sociale e sul progresso nel campo delle conoscenze. Propiziando l emergere di nuovi talenti e immaginando soluzioni inedite alle sfide attuali, le Fondazioni Edmond de Rothschild operano giorno dopo giorno per innovare e attuare progetti di lungo respiro nel settore dell educazione, affrontando varie tematiche: Arte e Cultura, Imprenditoria Sociale, Dialogo Interculturale, Salute e Ricerca. Con la loro presenza e i loro progetti, le Fondazioni danno vita a una dinamica rete multiculturale: Ginevra, Parigi, New York, Londra, Gerusalemme, Barcellona, Bombay, Città del Capo Esse s impegnano nella promozione di iniziative locali, accompagnandone la gestione e condividendo questa esperienza a livello internazionale. Applicando una metodologia imprenditoriale all universo filantropico, cerchiamo di contribuire alla professionalizzazione del settore sociale. Convinti che il pluralismo inerente a ogni società e il rispetto delle molteplici identità dei suoi membri siano valori essenziali, operiamo per il loro riconoscimento. Una filantropia basata sullo scambio, questa è la nostra ambizione. Una filantropia che s insegna, si costruisce e diventa una sfida comune, ispirata dalla condivisione delle differenze e da una fiducia infinita nell essere umano. Ariane e Benjamin de Rothschild

5

6 Alcuni esempi di azioni sostenute: L Odéon Théâtre de l Europe Théâtre de la Colline La Fabrique du Macadam Le Café Culturel Programma d intervento artistico in ambito scolastico a Saint-Ouen Belle Arti di Parigi Ribermúsica Ecole Boulle Learning Through Art Program Museum Guggenheim New York Prix Ariane de Rothschild Les Grands Ateliers de France Pregny 2001 Dialogue Productions Editions Artulis Collection Edmond de Rothschild Musée du Louvre Cercle Cressent Musée du Louvre Fundación Jakober Jordi Savall et Montserrat Figueras Indice prima parte Orchestre de Paris Ateliers du Funambule 9 Lettera del presidente 11 Organi della Banca 6 rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano

7 Arte e Cultura Da molto tempo, le Fondazioni Edmond de Rothschild incoraggiano la diffusione dell arte e della cultura. Poiché la costruzione di questo eccezionale edificio filantropico ha beneficiato del contributo di tutte le generazioni precedenti, il nostro mecenatismo attuale non può che continuare a onorare questo impegno. La missione principale delle Fondazioni consiste nell educazione e nell intermediazione culturale. Il nostro ruolo è aprire le porte e favorire occasioni di condivisione tra zone residenziali e quartieri poveri, tra prestigiosi collegi e associazioni di quartiere, tra affermate compagnie teatrali e talenti dilettanti, tra grandi musei e artisti emergenti opportunità che con noi diventano possibili.

8 L Odéon, Teatro dell Europa Questi laboratori di sensibilizzazione teatrale permettono a bambini, ragazzi e adulti di trovare la loro strada e di acquisire fiducia in sé stessi, mediante attività che spaziano dalla scrittura drammaturgica alla pratica teatrale e dalla lettura ad alta voce all interazione con attori professionisti. 2 Museo Guggenheim New York «Learning Through Art Program», un progetto di scoperta dell arte per i bambini dei quartieri poveri che si svolge in dieci scuole pubbliche di New York. Esso permette loro di avere un nuovo approccio alle materie tradizionali e di ritrovare il gusto d imparare. 3 Prix Ariane de Rothschild Prendendo a carico la formazione del miglior diplomato di una prestigiosa scuola di belle arti, questo concorso evidenzia l impegno delle Fondazioni nell educazione e nella promozione dei giovani artisti europei. 4 Fondazione Ribermusica Nel cuore di un quartiere così popolare e multiculturale come quello della Ribera di Barcellona, questa fondazione favorisce il Dialogo interculturale e permette a bambini e adolescenti di scoprire la musica attraverso la pratica di uno strumento. 5 Jordi Savall e Montserrat Figueras Concertisti e pedagoghi eruditi, riesumano capolavori rimasti a lungo nell ombra; la loro opera, sensibile e intelligente, è un invito costante alla scoperta e alla condivisione. 6 Belle Arti di Parigi Questo programma educativo prevede l inserimento professionale per studenti diplomati in questa prestigiosa scuola, trasformando l intervento artistico in ambito scolastico in una vera e propria azione sociale.

9 Lettera del presidente E così i banchieri sarebbero i cattivi, responsabili di tutto. Del rallentamento economico dei Paesi sviluppati - come se lo straordinario sviluppo delle nuove potenze che contano miliardi di persone, nonché surplus commerciali e fondi sovrani, non avesse stravolto in appena trent anni la divisione internazionale del lavoro dei due secoli precedenti. Della povertà che dilaga nei Paesi ricchi - come se nei mercati emergenti i lavoratori non avessero ricostituito un Internazionale al rovescio, dove i proletari di tutto il mondo invece di unirsi si fanno la guerra. Del fallimento degli Stati - come se le cicale occidentali non si fossero cullate nel deficit dello stato assistenziale. Della rapacità dei mercati finanziari, che pretendono dai loro debitori il ritorno al rigore - come se il denaro prestato dalle banche non fosse quello dei risparmiatori che bisogna tutelare a qualunque costo. Dell implosione dei prodotti sofisticati e ritenuti speculativi - come se fosse possibile trasformare risparmi liquidi e sicuri in finanziamenti rischiosi e a lungo termine senza giocare a fare gli alchimisti, e come se le crescenti imposizioni dei regolatori non costringessero gli intermediari a trovare soluzioni creative affinché imprese e privati riescano a finanziare i loro progetti. Beninteso, non si tratta di dire che il sistema bancario mondiale, in particolare quello statunitense, non sia andato fuori rotta. Ma il caso dei subprime americani è il risultato di una complicità collettiva tra attori pubblici e privati. Sarebbe ingiusto, e pericoloso per il nostro futuro, incolpare solo le banche, mentre ahimè si spezza il delicato equilibrio mondiale degli ultimi venticinque anni per cui alcuni lavorano e risparmiano mentre altri consumano e prendono in prestito. Del resto, sarebbe ridicolo mettere tutte le banche sullo stesso piano. Molti dei grandi istituti di credito sono stati travolti da questa grave crisi: il loro management è stato spesso licenziato, i loro azionisti si sono impoveriti, ma i correntisti ne sono usciti indenni, grazie ai sistemi di tutela collettiva messi in atto dalle banche centrali e dagli Stati. In che cosa si distingue la nostra banca? Innanzitutto, è un istituto efficiente ed a misura d uomo che si è specializzato nella gestione patrimoniale, ed è dunque più facilmente gestibile rispetto ai grandi gruppi diversificati. La scelta della gestione per conto terzi come core business ci consente di evitare il conflitto di interessi, fenomeno spesso presente in molti gruppi, divisi fra i profitti ricercati dalla banca d affari o per la proprietà e le performance dei conti terzi. Le nostre attività di banca d affari, al contrario, sono strettamente legate al modello di gestione patrimoniale. Inoltre, la solidità di bilancio è per noi una religione: in un mondo in cui il pericolo si nasconde ovunque, non possiamo certo sperare di evitare le ripercussioni degli choc esterni, ma rifiutiamo a priori le attività di trading per conto proprio e i comportamenti a rischio. Infine, e soprattutto, nella nostra attività non investiamo solo i capitali, ma anche il nome della nostra famiglia, un nome rispettato da oltre 250 anni. Ecco perché il nostro gruppo opera con un orizzonte di lungo periodo, a cui sono improntate la nostra strategia, la fidelizzazione dei team e la relazione con i clienti. Sono convinto che la stabilità dei team rappresenti un atto di rispetto per la clientela. La strategia di stop and go imposta ai collaboratori di alcune grandi banche implica la pratica di vendita di prodotti vantaggiosi per il banker e allettanti per il cliente, che non ritroverà però lo stesso interlocutore una volta compiuto il danno. Allo stesso modo, il nostro gruppo attua già da oltre dieci anni le formule previste oggi dalle direttive europee per incentivare i team a perseguire una performance sostenibile attraverso la compartecipazione al capitale. Nel 1999, ad esempio, la nostra sede francese ha assegnato stock option a tutto il personale. Grazie alla stabilità dei team, i nostri clienti hanno potuto attraversare i momenti di crisi con gli stessi interlocutori, che non li hanno mai lasciati soli. Al contrario, un gruppo come il nostro ha potuto resistere piuttosto bene alla tempesta dei mercati, pur vedendo intaccate le performance sia per l azionista che per il cliente. rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano 9

10 La lezione principale che si può trarre da questa terribile crisi è che un abuso commesso nell immediato comporta gravi rischi non solo per ogni impresa e nazione, ma anche per tutto il mondo. Oggi è di moda far pagare i ricchi ma, anziché depredarli, sarebbe meglio incoraggiarli a investire nel lungo termine. E quale modo migliore di promuovere comportamenti virtuosi che favorire il capitalismo familiare? Il capitalismo familiare potrà sopravvivere per secoli solo accettando di cambiare al mutare della realtà esterna. Si tratta di un evoluzione prudente e graduale che, con il sostegno attivo e prezioso di mia moglie, ho deciso di realizzare nelle nostre banche. Mi è sembrato necessario che le diverse società del nostro gruppo, che negli ultimi quindici anni si sono incredibilmente sviluppate, internazionalizzate e diversificate, perseguissero la crescita in modo più coordinato e con una governance più forte dell azionariato. Questi cambiamenti mirano a migliorare costantemente l eccellenza dei nostri servizi e ad offrire ai nostri clienti una sempre maggiore sicurezza. Nulla, in questo nuovo approccio che pone l accento sulle strutture del gruppo, deve offuscare gli elementi alla base della qualità delle nostre banche e della forza del capitalismo familiare: reattività, iniziativa e vicinanza all investitore. Secondo una formula ormai consolidata, bisogna cambiare affinché nulla cambi. Barone Benjamin de Rothschild 10 rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano

11 Organi della Banca Consiglio di amministrazione Presidente Benjamin de Rothschild Vicepresidente E. Trevor Salathé Segretario Giorgio Foppa Luc Baatard Stéphane Bloch-Saloz Walter Blum Gentilomo Manuel Dami Claude Messulam Leonardo Poggi Comitato del Consiglio di amministrazione Presidente Claude Messulam Luc Baatard Walter Blum Gentilomo Leonardo Poggi E. Trevor Salathé Collegio di direzione Presidente Luca Venturini * Direttore Vicepresidente Pasquale Ubertini ** Direttore Rolf Marthaler Condirettore Nicola Paris Condirettore Corrado Valsangiacomo Condirettore Membri di direzione Condirettori Roberto Castiglioni Gualtiero Cimasoni Reto Collenberg Franco Costa Marco Jelmini Claudio Mosconi Daniele Poggi Ufficio di revisione PricewaterhouseCoopers S.A. Ginevra Ispettorato interno François Maendly Banque Privée Edmond de Rothschild S.A., Ginevra Tiziano Tunesi Banca Privata Edmond de Rothschild Lugano S.A. Lugano * dal ** presidente ad interim dal al Membri Stefano Bazzani Alberto Bianchi Gianmaria Bobbià Fabrizio Colombini Filomena Franzi Stefano Ghirlanda Alberto Masa Marcello Pincardini Giorgio Rezzonico Matteo Scacchi rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano 11

12 Alcuni esempi di azioni sostenute: Program Scale Up Rothschild-Antropia (ESSEC) Ariane de Rothschild Fellowship Pavillon Plantamour La Libellule Peace Parks Foundation UnLtd India Acumen Fund Joves Navegants As trame Association Môm artre Indice seconda parte Conto annuale Relazione del Consiglio di amministrazione 18 Bilancio 20 Conto economico 12 rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano

13 Imprenditoria Sociale Le tensioni economiche e i bisogni sociali crescono sempre di più. Gli interventi pubblici e la generosità filantropica non sono in grado di fronteggiarli da soli. Sia in India che negli Stati Uniti o in Francia, le Fondazioni Edmond de Rothschild sostengono gli imprenditori sociali, offrendo loro un accompagnamento di carattere finanziario, educativo e umano. L obiettivo è di mettere a loro disposizione gli strumenti strategici e il rigore necessario per ampliare il loro impatto e consolidare la loro struttura finanziaria. In particolare, ci interessiamo a iniziative che associano, mediante la loro originalità e la loro tecnologia, un utilizzo ottimale delle risorse naturali per il miglioramento delle condizioni di vita di popolazioni in situazione precaria. Combinando i nostri vari progetti, cerchiamo di creare delle sinergie e di sviluppare una rete internazionale d imprenditori sociali. In questo modo contribuiamo a professionalizzare un settore che, in questo momento, è in pieno sviluppo a livello mondiale.

14 Scale Up, partenariato con l ESSEC Con un accompagnamento strategico e finanziario nel potenziamento della dimensione economica e nella raccolta di fondi, il programma ScaleUp permette di consolidare e sviluppare le aziende con un forte impatto sociale. 2 Benjamin de Rothschild Ambassadors Program in Israele Programma di borse di studio innovativo, che riunisce una comunità di studenti impegnati sia in vie accademiche improntate all eccellenza, sia in azioni con forte impatto sociale. 3 Ariane de Rothschild Fellowship Creando una rete di imprenditori sociali ebrei e musulmani, l Ariane de Rothschild Fellowship utilizza l Imprenditoria sociale come strumento di Dialogo interculturale. 4 UnLtd India Con prestiti importanti e con il loro sostegno umano, le Fondazioni Edmond de Rothschild permettono a imprenditori sociali in fase di sviluppo di creare le referenze creditizie necessarie per accedere ai mercati bancari classici a media scadenza. 5 La Fondazione As trame La Fondazione svizzera As trame porta un sostegno psicosociale specializzato e non medicalizzato a qualsiasi persona colpita da una rottura del legame familiare, in seguito a un lutto, a un divorzio o a una malattia. Le Fondazioni Edmond de Rothschild l accompagnano nella sua perennità finanziaria, tenendo conto del suo impatto sociale. 6 Acumen Fund Un fondo d investimento basato sulla ricerca del profitto sociale, che finanzia imprenditori sociali di paesi in via di sviluppo (Kenya, India, Pakistan). Esso offre un programma di formazione molto sviluppato, un opportunità unica per i suoi partecipanti d integrarsi in una rete d imprenditori che hanno in comune la stessa volontà di cambiare il mondo e di massimizzare il loro impatto sociale.

15 Relazione del Consiglio di amministrazione Relazione d esercizio Le speranze di superare la crisi economica e sociale che attanaglia l Occidente da cinque anni sono state deluse anche nel La delusione è risultata tanto più forte per la manifesta incapacità della Politica di affrontare le sfide odierne con scelte coraggiose ed efficaci. L anno era cominciato con la sensazione che il peggio potesse essere alle spalle. La crescita economica mondiale dava segnali positivi, mentre l ennesimo vertice dei capi di governo europei creava strumenti di sostegno finanziario duraturo ai paesi in crisi. Purtroppo il terremoto giapponese a inizio marzo provocava gravissimi lutti e danni e, a causa della stretta integrazione delle diverse economie mondiali, era all origine di un calo di produzione a livello planetario. Sulla sponda sud del mediterraneo l aumento dei prezzi dei cereali (conseguenza della speculazione sui mercati delle materie prime) suscitava la protesta popolare, fino al rovesciamento di regimi apparentemente solidi in Tunisia ed Egitto. In Libia l evoluzione era più cruenta e sfociava in una vera e propria guerra civile, con successivo intervento di alcuni paesi occidentali. L aumento del prezzo del petrolio che ne seguiva rappresentava un ulteriore ostacolo alla ripresa. Durante l estate, su questo quadro già deteriorato, si innestavano altre tensioni. Negli USA la manifesta incapacità delle parti politiche di trovare un accordo sul controllo del deficit pubblico faceva balenare la prospettiva di una possibile insolvenza tecnica del governo federale. Contemporaneamente il protrarsi della crisi finanziaria in Grecia e l inefficacia delle misure di risanamento portavano ad un improvviso crollo della fiducia nei paesi finanziariamente deboli dell Unione Europea, in particolare Spagna e Italia. Sui mercati finanziari si diffondeva il panico; la stessa esistenza dell Euro appariva messa in discussione. Ne seguiva un affannosa ricerca di investimenti sicuri, con repentini apprezzamenti dell oro e di valute giudicate al riparo dalla crisi, in primo luogo il Franco Svizzero. La situazione europea si stabilizzava un poco solo verso la fine dell anno, grazie all intervento della BCE e a pesanti (e tuttora non completamente definite) misure di risanamento fiscale decise dall Unione Europea, pur con l opposizione della Gran Bretagna e di alcuni paesi minori. Restano in ogni caso molti interrogativi aperti sulla capacità dell Unione di superare l attuale crisi trasformandosi in una entità di tipo federale. rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano 15

16 Conto economico Pur in presenza di un difficile contesto economico globale, il nostro istituto ha prodotto un utile operativo pari a CHF L utile netto si è attestato a CHF In rapporto ai fondi propri l utile netto 2011 rappresenta un rendimento del 9%. Il totale dei ricavi dell attività ordinaria, al netto degli oneri per interessi e commissioni, ammonta a CHF contro CHF dell esercizio precedente, con una diminuzione del 8%. Il margine su interessi è aumentato del 7% mentre il risultato ottenuto dalle operazioni in commissione e da prestazioni di servizio (-9%) si è assottigliato in sintonia con l evoluzione dei mercati, come pure è diminuito il risultato da operazioni di negoziazione (-13%) e l aggregato che congloba gli altri risultati secondari (-3%). L andamento dei costi d esercizio (-8%) rimane sempre sotto stretto controllo: la diminuzione delle spese di organico (-11%) è conforme alle fluttuazioni del personale, mentre vi è un leggero aumento delle spese generali (+2%). Bilancio Il totale di bilancio risulta pari a CHF , ed è aumentato del 16% rispetto al 31 dicembre Gli attivi sono costituiti per il 66% da fondi liquidi e da crediti presso banche (2010: 63%), per il 6% da prestiti alla clientela (2010: 4%), per il 25% da investimenti finanziari (2010: 29%), per il 2% da partecipazioni e immobili (2010: 3%) e per l 1% da conti transitori e altri attivi (invariato). I passivi sono costituiti per lo 0.5% da debiti presso banche (2010: 0.3%), per il 70% da fondi della clientela (2010: 65%), per il 2% da conti transitori e altri passivi (invariato), per il 7% da rettifiche di valore e accantonamenti (2010: 9%) e per il 21% da fondi propri (2010: 24%). Dal punto di vista della coesione e dell equilibrio strutturale non si registra quindi alcun cambiamento degno di nota. Ripartizione dell utile Riteniamo che l entità delle risorse finanziarie disponibili e in particolare dei mezzi propri, largamente eccedenti in rapporto ai requisiti di legge, ci consenta di proporre il seguente dividendo. Invitiamo perciò gli azionisti ad approvare la seguente proposta di ripartizione dell utile: CHF % dividendo ordinario lordo riporto a nuovo totale disponibile rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano

17 Organi della Banca Quest anno in concomitanza con l Assemblea generale, il Barone Benjamin de Rothschild ha espresso il desiderio di rinunciare al suo mandato d amministratore e di Presidente della Banca per potersi maggiormente dedicare alle attività della nostra Capogruppo, Edmond de Rothschild Holding, come pure a quelle della nostra Casa madre, Banque Privée Edmond de Rothschild SA, Ginevra e a quelle del Sottogruppo francese. Anche il signor Claude Messulam, Presidente del Comitato Esecutivo della nostra Casa madre, dopo 21 anni in cui ha diretto con successo la Banque Privée Edmond de Rothschild, ha comunicato il suo desiderio di ridurre il suo impegno in ambito operativo e ha deciso di rinunciare al suo mandato d amministratore della nostra Banca. Il signor Claude Messulam farà parte del Consiglio di Amministrazione della Banque Privée Edmond de Rothschild SA, Ginevra e di quello della Edmond de Rothschild Holding, nei quali la sua esperienza e il suo rigore saranno preziosi. Il Consiglio di Amministrazione desidera ringraziarlo per il suo impegno quale amministratore in seno al nostro istituto. Rinuncia ugualmente al suo mandato di amministratore il signor Stéphane Bloch-Saloz. Il Consiglio lo ringrazia per la qualità della sua partecipazione ai suoi lavori durante questi ultimi 11 esercizi. Il signor Manuel Leuthold, membro del Comitato Esecutivo e Vice Direttore generale della nostra Casa madre, verrà proposto all Assemblea generale come nuovo amministratore della nostra Banca. Il signor Leuthold ha svolto una brillante carriera in un importante istituto della piazza di Ginevra, dove ha assunto importanti funzioni direttive, in particolare in qualità di membro della Direzione generale svizzera, in seno alla divisione Wealth Management & Swiss Bank. La nostra Banca è felice di accoglierlo. Sempre in concomitanza con l Assemblea generale giunge a scadenza il mandato dei signori E. Trevor Salathé, Giorgio Foppa, Walter Blum Gentilomo, Manuel Dami e Leonardo Poggi: ne proponiamo il rinnovo per un ulteriore periodo statutario. Inoltre, dal 1. maggio 2011 il signor Luca Venturini ricopre la funzione di Presidente del Collegio di direzione, carica ricoperta ad interim fino a questa data dal signor Pasquale Ubertini Vicepresidente del Collegio di direzione. Il signor Roger Misrahi, Membro del Collegio di direzione, dal mese di giugno 2011 è al beneficio della pensione. Desideriamo esprimergli tutti i nostri più cordiali auguri per una meritata quiescenza ed un futuro sereno in buona salute. Si propone inoltre di riconfermare il mandato annuale della PricewaterhouseCoopers SA, Ginevra, nella funzione di Ufficio di revisione. Rivolgiamo infine un caloroso ringraziamento alla clientela per la fiducia e la fedeltà con cui dimostra di apprezzare il nostro lavoro ed esprimiamo una nota di encomio all indirizzo della direzione e del personale per la capacità e la diligenza con cui svolgono le loro incombenze al servizio dei clienti e della Banca. rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano 17

18 Bilancio Variazioni Variazioni CHF CHF CHF % Attivi Liquidità Crediti risultanti da titoli del mercato monetario Crediti nei confronti di banche Crediti nei confronti della clientela Crediti ipotecari Investimenti finanziari Partecipazioni Immobilizzi Ratei e risconti Altri attivi Totale dei crediti nei confronti di società del gruppo e di titolari di partecipazioni qualificate rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano

19 Bilancio Variazioni Variazioni CHF CHF CHF % Passivi Impegni risultanti da titoli del mercato monetario Impegni nei confronti di banche Impegni nei confronti della clientela a titolo di risparmio e investimento Altri impegni nei confronti della clientela Ratei e risconti Altri passivi Rettifiche di valore e accantonamenti Riserve per rischi bancari generali Capitale azionario Riserva legale generale Altre riserve Utile riportato Utile d esercizio Totale degli impegni nei confronti di società del gruppo e di titolari di partecipazioni qualificate Variazioni Variazioni CHF CHF CHF % Operazioni fuori bilancio Impegni eventuali Impegni irrevocabili Strumenti finanziari derivati Volumi contrattuali Valore di rimpiazzo positivo Valore di rimpiazzo negativo Operazioni fiduciarie rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano 19

20 Conto economico Variazioni Variazioni CHF CHF CHF % Ricavi e costi dell attività ordinaria Risultato da operazioni su interessi Proventi per interessi e sconti Proventi per interessi e dividendi sugli investimenti finanziari Oneri per interessi Risultato da operazioni in commissione e da prestazioni di servizio Proventi per commissioni su operazioni di credito Proventi per commissioni su operazioni di negoziazione titoli e d investimento Proventi per commissioni su altre prestazioni di servizio Oneri per commissioni Risultato da operazioni di negoziazione Altri risultati ordinari Risultato da alienazioni di investimenti finanziari Proventi da partecipazioni Risultato da immobili Altri proventi ordinari Altri oneri ordinari Costi d esercizio Spese per il personale Altre spese Utile lordo rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano

21 Conto economico Variazioni Variazioni CHF CHF CHF % Utile d esercizio Utile lordo Rettifiche di valore, accantonamenti e perdite Ricavi straordinari Imposte Variazioni Variazioni CHF CHF CHF % Ripartizione dell utile Utile d esercizio Utile riportato Utile a disposizione Attribuzione ad altre riserve Dividendo Utile residuo riportato rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano 21

22 Alcuni esempi di azioni sostenute: Tanenbaum Center for Interreligious Understanding Ariane de Rothschild Fellowship Common Cents Fondation OPEJ Baron Edmond de Rothschild La Stanza dei Nomi a Yad Vashem Centro Mosaïca per la cooperazione religiosa Gerusalemme Università di Cambridge Three Faiths Forum Café Culturel Indice terza parte Allegato 25 Informazioni riguardanti i settori di attività ed il personale 27 Criteri contabili e di valutazione Informazioni sul bilancio Informazioni sulle operazioni fuori bilancio Informazioni sul conto economico 22 rapporto annuale banca privata Edmond de Rothschild lugano

23 Dialogo Interculturale Troppo spesso, la nostra quotidianità è invasa da pregiudizi di ogni sorta, che generano condanne semplicistiche alle differenze culturali o religiose. Conflitti geopolitici e tensioni sociali non fanno che aggravare questi atteggiamenti di chiusura. Apertura, condivisione delle conoscenze e rimessa in questione di preconcetti sono oggi una necessità, ma anche una fonte di arricchimento personale e collettivo. È essenziale rimanere nel concreto e mirare ad un impatto tangibile; i modelli d intervento delle Fondazioni Edmond de Rothschild si basano su un approccio pragmatico e durevole. I programmi interculturali che sosteniamo si occupano in particolare di problematiche economiche, familiari, culturali e sociali condivise da varie comunità. In questo modo, cercando di superare le incomprensioni ed i preconcetti, sosteniamo pienamente l espansione di mosaici culturali.

Chiusura semestrale 2014

Chiusura semestrale 2014 Chiusura semestrale 2014 Chiusura al 30.6.2014. L essenziale in breve Utile semestrale CHF 39,56 mio. + 50,7 % Utile lordo CHF 44,60 mio. + 25,3 % Somma di bilancio CHF 15,80 mia. + 5,0 % Crediti ipotecari

Dettagli

banca privata Edmond de Rothschild LUGANO Albrecht Dürer (Nuremberg, 1471 1528) Leonessa (dettaglio), 1521

banca privata Edmond de Rothschild LUGANO Albrecht Dürer (Nuremberg, 1471 1528) Leonessa (dettaglio), 1521 Rapporto annuale 2010 2 banca privata Edmond de Rothschild LUGANO Albrecht Dürer (Nuremberg, 1471 1528) Leonessa (dettaglio), 1521 La collezione del Barone Edmond de Rothschild è indubbiamente la perla

Dettagli

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013)

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla liquidità delle banche (Ordinanza sulla liquidità, OLiq) 952.06 del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 2, 10 capoverso

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Statuto di Swiss Life Holding SA

Statuto di Swiss Life Holding SA Statuto di Swiss Life Holding SA (Traduzione dal testo originale in lingua tedesca) I. Ragione sociale, scopo e sede 1. Ragione sociale, forma giuridica Sotto la ditta Swiss Life Holding AG (Swiss Life

Dettagli

come già di vostra conoscenza, le Camere federali hanno approvato il nuovo diritto contabile.

come già di vostra conoscenza, le Camere federali hanno approvato il nuovo diritto contabile. Ai nostri stimati clienti Lugano, settembre 2012 Gentile signore, egregi signori come già di vostra conoscenza, le Camere federali hanno approvato il nuovo diritto contabile. Lo scopo delle modifiche è

Dettagli

Ascom Pensionskasse (APK) Breve relazione 2005

Ascom Pensionskasse (APK) Breve relazione 2005 Ascom Pensionskasse (APK) Breve relazione 2005 Rapporto sull esercizio 2005 Nello scorso esercizio i mercati dei titoli hanno segnato un evoluzione estremamente positiva. Gli incrementi di valore nell

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale Edizione gennaio 2015 2 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza

Dettagli

Attivi. Totale attivi 11'237'612 11'128'060 109'552. Passivi. Totale passivi 11'237'612 11'128'060 109'552. Operazioni fuori bilancio

Attivi. Totale attivi 11'237'612 11'128'060 109'552. Passivi. Totale passivi 11'237'612 11'128'060 109'552. Operazioni fuori bilancio Bilancio al 30 giugno 2015 Conti di gruppo 30.06.2015 31.12.2014 Variazione Attivi Liquidità 1'198'970 948'681 250'289 Crediti nei confronti di banche 257'802 443'253-185'451 Crediti nei confronti della

Dettagli

A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca (art. 37a cpv. 6 della Legge sulle banche [LBCR; RS 952.0])

A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca (art. 37a cpv. 6 della Legge sulle banche [LBCR; RS 952.0]) Le domande più frequenti (FAQ) Garanzie dei depositi Applicazione delle disposizioni legali e normative (Aggiornato al 27 luglio 2012) A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Helsana. Rapporto finanziario 2005. idee sane

Helsana. Rapporto finanziario 2005. idee sane Helsana Rapporto finanziario 2005 idee sane Sommario Conto annuale consolidato Gruppo Helsana Conto economico consolidato 2 Bilancio consolidato al 31 dicembre 3 Conto consolidato dei flussi dei mezzi

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza commerciale e da partecipazioni dichiarate come sostanza commerciale

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza commerciale e da partecipazioni dichiarate come sostanza commerciale Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle contribuzioni AFC Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Imposta federale diretta Berna,

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 23 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Bruno Pfister Il 23 è stato un anno positivo per Swiss Life. Tutte le nostre unità di affari

Dettagli

2013 Rapporto semestrale

2013 Rapporto semestrale Rapporto semestrale 2013 2 Rapporto sull andamento degli affari Investimento nel futuro La banca privata Notenstein poggia su basi solide e punta negli anni a venire a una crescita sostenuta nei settori

Dettagli

Conto d esercizio 2010. Assicurazione vita collettiva.

Conto d esercizio 2010. Assicurazione vita collettiva. Conto d esercizio 2010. Assicurazione vita collettiva. 2010 Semplice. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia.ch Trasparenti per convinzione, vincenti per lungimiranza. sul modello dell assicurazione

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: ATM Spa Capitale sociale: 696.800,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: Via Leonardo da Vinci 13 PIOMBINO LI sì

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005 RAPPORTO ANNUALE L anno 2005 è stato per il consiglio di fondazione all insegna di discussioni di principio e della pianificazione

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 389.264.707,50 VERSATO - RISERVE 3.188,7 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE. CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

il fondo immobiliare della Svizzera Italiana

il fondo immobiliare della Svizzera Italiana il fondo immobiliare della Svizzera Italiana Un fondo ben progettato Il prestigio di un investimento nell ambito di edifici residenziali del Cantone Ticino e dei Grigioni. La sicurezza di una società

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014. Risultati finanziari 2013

Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014. Risultati finanziari 2013 Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014 Risultati finanziari 2013 Presentazione dei risultati finanziari 2013 Rispetto al 2012 la Banca dello Stato del Cantone Ticino registra una buona progressione dell utile

Dettagli

LUMI INDUSTRIES S.R.L.

LUMI INDUSTRIES S.R.L. LUMI INDUSTRIES S.R.L. Sede in RONCADE (TV) - VIA SILE 41 Codice Fiscale 04684500269 - Rea TV TV - 370113 P.I.: 04684500269 Capitale Sociale Euro 116 i.v. Forma giuridica: SRL Bilancio al 31-12-2014 Gli

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Macroarea di Ingegneria ----------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Allianz Suisse Casella postale 8010 Zurigo www.allianz-suisse.ch Info finanza 01 YDPPR267I e previdenza Edizione 01 / Marzo 2013 ECCEDENZE LPP Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Senza

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

Fondazione Banca del Monte di Lombardia BILANCIO AL 31/12/2001 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 2001 2000

Fondazione Banca del Monte di Lombardia BILANCIO AL 31/12/2001 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 2001 2000 Fondazione Banca del Monte di Lombardia BILANCIO AL 31/12/2001 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 2001 2000 1. Immobilizzazioni materiali e immateriali 9.530.604.922 322.287.437 a) beni immobili di cui: beni immobili

Dettagli

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale Rapporto dell UFAP sul rilevamento dei dati e sulla pubblicazione dei conti d esercizio 2005 della previdenza professionale delle imprese svizzere di assicurazione sulla vita 1. Primo conto d esercizio

Dettagli

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 Nota integrativa al bilancio al 31/12/2012 Premessa Il bilancio dell'esercizio

Dettagli

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS Sede in VIA ANTOLINA, 273 SAVIGNANO SUL RUBICONE Codice Fiscale 01465520409 - Numero Rea 197375 197375 P.I.: 01465520409 Capitale Sociale Euro 12377.12 Forma giuridica:

Dettagli

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA Indice I. Ragione sociale, forma giuridica, scopo e sede... 3 II. Capitale

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2014. dopo aver dato lettura del Piano Programmatico Pluriennale 2014-2016,

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2014. dopo aver dato lettura del Piano Programmatico Pluriennale 2014-2016, DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2014. Egregi Signori, dopo aver dato lettura del Piano Programmatico Pluriennale 2014-2016, approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 15 ottobre e prima di

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2001

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2001 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 3 SETTEMBRE 21 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 21 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 3 settembre 21... pag. 3

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254)

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) INDICE TITOLO I NORME GENERALI CAPO I Principi e finalità Articolo 1 (Ambito

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

ascom Breve bilancio della Ascom Pensionskasse (APK)

ascom Breve bilancio della Ascom Pensionskasse (APK) ascom Breve bilancio della Ascom Pensionskasse (APK) Esercizio 2002 Rapporto sull esercizio 2002 Il 2002 è stato caratterizzato da una continua flessione delle quotazioni nelle borse valori. Dopo un promettente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

FONDAZIONE CRESCI@MO

FONDAZIONE CRESCI@MO FONDAZIONE CRESCI@MO Sede in 41123 MODENA (MO) VIA CRISTOFORO GALAVERNA 8 Codice Fiscale 03466300369 - Numero Rea MO 390164 P.I.: 03466300369 Capitale Sociale Euro 50.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO Allegato A/4 Allegato n. 4/4 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO 1. Definizione e funzione del bilancio consolidato del gruppo amministrazione pubblica Il

Dettagli

Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale

Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione dicembre 2009) La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Regolamento

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2001

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2001 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 21 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 21 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 21... pag. 3 Prima parte:

Dettagli

Nota 14 Patrimonio netto

Nota 14 Patrimonio netto Nota 14 Patrimonio netto E così composto: (migliaia di euro) 31.12.2008 31.12.2007 Capitale emesso 10.673.804 10.673.793 meno Azioni proprie (14.450) (700) Capitale 10.659.354 10.673.093 Riserva da sovrapprezzo

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI. Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006

FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI. Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006 FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006 POLIS FONDI SGR.p.A. POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE

Dettagli

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2006 (segue): NOTA INTEGRATIVA

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2006 (segue): NOTA INTEGRATIVA FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS Decr. G. R. Lombardia n. 49873 del 19 maggio 2000 Sede legale: Como - via Parini n. 16 Codice fiscale n. 95062550132 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2006 (segue):

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Manuale di contabilità per i Patriziati

Manuale di contabilità per i Patriziati Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle istituzioni Sezione degli enti locali Manuale di contabilità per i Patriziati Linee guida Gennaio 2015 Impressum Editore Dipartimento delle istituzioni, Sezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Principio dei tre pilastri

Principio dei tre pilastri Dipartimento federale dell interno/ Ufficio federale delle assicurazioni sociali Incontro con i media del 26 maggio 2003 (Ile Saint-Pierre) - Documentazione Garanzia ed evoluzione della previdenza professionale

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

Ipoteche residenziali BSI

Ipoteche residenziali BSI Ipoteche residenziali BSI soluzioni flessibili e vantaggiose in esclusiva per i nostri clienti 3 BSI, IL PARTNER AFFIDABILE Da oltre un secolo BSI si dedica con impegno e passione nel proporre ai propri

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

COMPITI. Serie zero 2011

COMPITI. Serie zero 2011 COMPITI Serie zero 2011 Indicazioni: Si assuma sempre che l impresa che sta chiudendo i conti sia di media dimensione e che pertanto si debbano considerare tutte le raccomandazioni Swiss GAAP FER e non

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo Temi in preparazione alla maturità GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo di riccardo VAnDA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 materia: EConomIA D AzIEnDA (Classe

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015

Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015 Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015 SCENARIO DI RIFERIMENTO La crescita, a livello globale, continua a rallentare e tutte le principali istituzioni economiche mondiali stanno

Dettagli

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA INTEGRATIVA

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA INTEGRATIVA FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS Decr. G. R. Lombardia n. 49873 del 19 maggio 2000 Como - via Raimondi n. 1 Codice fiscale n. 95062550132 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA

Dettagli

Helvetia Svizzera. Conto d esercizio 2014. Assicurazione vita collettiva. La Sua Assicurazione svizzera.

Helvetia Svizzera. Conto d esercizio 2014. Assicurazione vita collettiva. La Sua Assicurazione svizzera. Helvetia Svizzera Conto d esercizio 2014 Assicurazione vita collettiva. La Sua Assicurazione svizzera. 2014: sono necessarie riforme e trasparenza! Care lettrici e cari lettori, è incontestabile: il nostro

Dettagli

una (potenziale) realtà

una (potenziale) realtà Analisi IL DISTRETTO TICINESE DI SERVIZI FINANZIARI una (potenziale) realtà René Chopard Centro di Studi Bancari 75 Non potevamo mancare al consueto appuntamento di settembre con dati, statistiche e società

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.418.332,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.037,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2010

NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2010 ONLUS NOTA INTEGRATIVA al bilancio chiuso al 31/12/2010 Associazione AGIRE onlus Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze sede legale in Roma via Tevere 20 sede operativa in Roma Via Aniene 26A

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014)

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014) Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione gennaio 2014) 2 Regolamento d investimento Indice 1. Basi 3 2. Gestione del patrimonio 3 3. Obiettivi

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010 Società soggetta a direzione e coordinamento di BANCA POPOLARE ETICA S.C. Sede in VIA NAZARIO SAURO N. 15-35100 PADOVA (PD) Capitale sociale Euro 150.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2010 Reg. Imp. 04464490285

Dettagli

International Consulting & Asset Management

International Consulting & Asset Management International Consulting & Asset Management CHI SIAMO ICAM Group, International Consulting & Asset Management SA, è nata nel Luglio 2004, dall idea e dall unione di un gruppo di professionisti giá attivi

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 Gestione Multiservice Società consortile a responsabilità limitata Sede in Via Gallarate 58-20151 Milano (MI) Capitale sociale Euro 412.900,00 i.v. Codice fiscale e Reg. Imp. 08362130158 Rea 1220124 Relazione

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

Ipoteche. Finanziamenti su misura

Ipoteche. Finanziamenti su misura Ipoteche Finanziamenti su misura Verso l acquisto di una casa di proprietà? Il sogno di una casa tutta propria ha inizio con la ricerca di un immobile adeguato. Un analisi accurata delle vostre esigenze

Dettagli