Le Azioni. Economia degli Intermediari Finanziari A.A maggio 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Azioni. Economia degli Intermediari Finanziari A.A. 2008-2009. 19 maggio 2009"

Transcript

1 Le Azioni Economia degli Intermediari Finanziari A.A maggio 2009

2 Agenda 1. Caratteristiche dello strumento 2. Tipologie di azioni 3. Valutazione delle azioni 4. Mercato azionario A.A Economia degli intermediari finanziari 2

3 Caratteristiche dello strumento (1) Le azioni sono strumenti finanziari che rappresentano quote di partecipazione al capitale sociale di S.p.A e S.A.p.A. Obiettivo: reperimento di risorse finanziarie sottoforma di capitale di rischio: La restituzione del capitale avviene solo al momento dello scioglimento della società, nella misura in cui esiste uno scarto positivo tra valore di liquidazione delle attività e delle passività che devono essere rimborsate La remunerazione periodica, come vedremo, è per sua natura incerta. Quindi l investimento in azioni è naturalmente più rischioso di quello in obbligazioni o titoli di Stato Ogni azione rappresenta un uguale frazione del capitale sociale. Tutte le azioni hanno lo stesso valore nominale, e i poteri che attribuiscono sono stabiliti dalla legge e dallo statuto societario A.A Economia degli intermediari finanziari 3

4 Caratteristiche dello strumento (2) I diritti attribuiti al socio possono essere divisi in 3 classi AMMINISTRATIVI Consentono la partecipazione dell azionista alla gestione della società, tramite l intervento ed il voto in assemblea PATRIMONIALI Riguardano la partecipazione dell azionista al risultato economico realizzato dall impresa MISTI Prevedono sia una componente patrimoniale che una componente amministrativa n.b. questi diritti sono diversamente presenti nelle categorie di azioni esistenti A.A Economia degli intermediari finanziari 4

5 Agenda 1. Caratteristiche dello strumento 2. Tipologie di azioni 3. Valutazione delle azioni 4. Mercato azionario A.A Economia degli intermediari finanziari 5

6 Le azioni ordinarie (1) Attribuiscono ai sottoscrittori pieni DIRITTI AMMINISTRATIVI: diritto di partecipazione alle assemblee (ordinaria e straordinaria) diritto di voto (in misura proporzionale alla partecipazione) diritto di impugnativa di delibere assembleari contrarie alla legge o allo statuto (per soci assenti, dissenzienti e astenuti) diritto di denuncia al collegio sindacale dei fatti censurabili diritto di consultazione dei libri dei soci, delle adunanze e delle deliberazioni assembleari diritto di chiedere la convocazione dell assemblea se a farne domanda è un numero di soci che rappresenta almeno il 10% del capitale sociale (oppure una percentuale inferiore, se così previsto dallo statuto) A.A Economia degli intermediari finanziari 6

7 Le azioni ordinarie (2) Attribuiscono poi alcuni DIRITTI PATRIMONIALI: diritto al dividendo la parte degli utili aziendali attribuita ai soci. È una remunerazione condizionata: All andamento della gestione, in grado di produrre una differenza positiva tra ricavi e costi All esistenza di un utile residuo dopo il soddisfacimento di altri obblighi previsti da legge o statuto (es. ricostituzione riserva legale) Alla delibera assembleare di distribuzione dell utile diritto al rimborso del capitale al momento dello scioglimento (per volontà dei soci, per disposizione statutaria o per sentenza del tribunale in seguito al fallimento) Una volta liquidati i beni e soddisfatti i creditori, l eventuale residuo viene distribuito tra gli azionisti, secondo un ordine di priorità che vede quelli ordinari come ultimi A.A Economia degli intermediari finanziari 7

8 Le azioni ordinarie (3) L ammontare del DIVIDENDO dipende: dall utile complessivamente prodotto dalla società dalla quota di utile destinato alla distribuzione dalla modalità con cui l utile viene assegnato alle diverse azioni Quindi può essere molto variabile In genere sia per incoraggiare l investimento in azioni, sia per evitare di dare segnali destabilizzanti al mercato, le società quotate tendono a mantenere il dividendo costante. Infatti: una riduzione significativa può essere interpretata come incapacità dell impresa di continuare a pagare gli stessi dividendi garantiti in passato un aumento significativo può essere interpretato come riduzione delle possibilità di investimento dell impresa pregiudizio alla capacità di profitto futura A.A Economia degli intermediari finanziari 8

9 Le azioni ordinarie (4) Ed infine attribuiscono DIRITTI MISTI: diritto di recesso per soci assenti, dissenzienti o astenutisi in deliberazioni che hanno modificato i contenuti dell atto costitutivo della società (es. modificazione oggetto o forma sociale, trasferimento sede all estero). La loro partecipazione può essere liquidata a condizioni eque: in base al valore del P.N. per le società non quotate media aritmetica dei prezzi di chiusura degli ultimi 6 mesi per società quotate su mercati regolamentati diritto di opzione possibilità di sottoscrivere azioni di nuova emissione in caso di aumenti di capitale a pagamento in misura proporzionale alla partecipazione al capitale sociale diritto di assegnazione possibilità di sottoscrivere nuove azioni in caso di aumenti di capitale gratuiti A.A Economia degli intermediari finanziari 9

10 Le azioni privilegiate Ai sensi dell art c.c. le S.p.A. possono emettere categorie speciali di azioni, privilegiate nella ripartizione degli utili e nel rimborso del capitale Tali azioni sono caratterizzate da: un privilegio patrimoniale: diritto ad una determinata quota dell utile, definita dall atto costitutivo, pagata prima che siano remunerate le azioni ordinarie. In alcuni casi è prevista la cumulabilità dei dividendi: gli azionisti privilegiati possono recuperare entro un dato numero di esercizi utili non percepiti in esercizi precedenti una limitazione dei diritti amministrativi: ad es. del diritto di voto. La riforma del diritto societario consente la creazione di azioni senza diritto di voto, o con diritto di voto limitato ad alcuni temi o subordinato al verificarsi di particolari condizioni A.A Economia degli intermediari finanziari 10

11 Le azioni di risparmio Istituite dalla legge 216/74, possono essere emesse solo da società quotate in mercati regolamentati italiani o dell UE Sono caratterizzate da: l esclusione dei diritti amministrativi la valorizzazione dei diritti patrimoniali, secondo modalità previste dall atto costitutivo (così modificato dal TUF d.lgs.58/98) n.b. la 216/74 in realtà prevedeva una serie di disposizioni sui diritti patrimoniali: dividendo almeno pari al 5% del valore nominale, cumulabile per 2 esercizi remunerazione maggiorata del 2% rispetto alle azioni ordinarie precedenza nel rimborso fino alla concorrenza del valore nominale A.A Economia degli intermediari finanziari 11

12 Le azioni privilegiate e di risparmio L emissione di queste azioni è motivata dal voler attirare anche i piccoli risparmiatori interessati, non tanto a partecipare alla gestione della società, ma a conseguire un soddisfacente rendimento La remunerazione di queste azioni, pur essendo condizionata alla presenza di un utile, è infatti meno incerta di quella delle azioni ordinarie, perché non dipende da una delibera in tal senso dell assemblea ordinaria L emissione di azioni privilegiate e di risparmio è sottoposta al limite dimensionale del 50% del capitale sociale. Perché? la compressione dei diritti amministrativi implicherebbe l ottenimento del controllo della società anche con partecipazioni ridotte A.A Economia degli intermediari finanziari 12

13 Altre categorie di azioni Azioni a favore dei prestatori di lavoro emesse a seguito di assegnazione straordinaria degli utili ai dipendenti Azioni di godimento rilasciate in caso di riduzione del c.s. ai soci le cui azioni siano state rimborsate al valore nominale (senza diritto di voto e postergate nel riparto di utile e capitale) La riforma del diritto societario ha poi introdotto: Azioni correlate fornite di diritti patrimoniali correlati ai risultati dell attività di un determinato settore Azioni riscattabili per cui lo statuto prevede la possibilità di riscatto al verificarsi di determinati eventi Strumenti finanziari partecipativi disciplinati dallo statuto, non sono azioni ma possono essere forniti di diritti patrimoniali o amministrativi (ad es. su specifici argomenti) A.A Economia degli intermediari finanziari 13

14 Agenda 1. Caratteristiche dello strumento 2. Tipologie di azioni 3. Valutazione delle azioni 4. Mercato azionario A.A Economia degli intermediari finanziari 14

15 La valutazione delle azioni: metodi DCF (1) Le azioni possono generare flussi di cassa con Considerando un periodo di detenzione annuale, il prezzo al quale un investitore è disposto ad acquistare l azione sarà pari al valore attuale dei flussi di cassa futuri P 0 = Div ( 1+ k ) ( 1+ ) e k e dove: P 0 è il prezzo al tempo t=0 Div 1 è il dividendo corrisposto al termine del primo anno P 1 è il prezzo di vendita presunto al termine del primo anno K e è il rendimento richiesto in base al rischio sopportato 1 + A.A Economia degli intermediari finanziari 15 P 1 dividendi capital gain

16 La valutazione delle azioni: metodi DCF (2) Estendendo ad un generico periodo di detenzione di n anni: P = D + D K e 1+ ke Dn 1+ k ( ) ( ) 2 ( ) n 1+ k ( ) n Se il periodo di detenzione è molto lungo (ed n molto lontano) posso trascurare il valore attuale di P n ed utilizzare il modello di valutazione generalizzato dei dividendi + e + 1+ P n k e P 0 = = + t 1 D t ( 1 k ) e t per applicare questo modello dovrei essere in grado di prevedere l ammontare di tutti i flussi di dividendi futuri!! A.A Economia degli intermediari finanziari 16

17 La valutazione delle azioni: metodi DCF (3) L unica possibilità è adottare delle ipotesi semplificatrici sull andamento futuro dei dividendi Il modello di Gordon si basa su due ipotesi fondamentali: i dividendi crescono ad un tasso costante g il tasso di crescita dei dividendi è inferiore al rendimento richiesto k e In tal caso il valore dell azione sarà: È il dividendo corrisposto più recentemente P 0 D ( ) 0 1+ g D = ( k g) ( k g) = 1 e e A.A Economia degli intermediari finanziari 17

18 La valutazione delle azioni: metodi DCF (4) Il tasso di crescita g può essere supposto pari al tasso di crescita dell economia nazionale in cui l impresa opera; l ipotesi di crescita perpetua e costante è ovviamente molto forte e verosimile solo per imprese stabili e mature; per le altre è possibile utilizzare modelli più complessi a due o tre stadi g HIGH GROWTH STABLE GROWTH g HIGH GROWTH DECLINING GROWTH STABLE GROWTH Modello a 2 stadi t Modello a 3 stadi A.A Economia degli intermediari finanziari 18

19 La valutazione delle azioni: i multipli (1) I modelli basati sull attualizzazione dei dividendi sono i più corretti da un punto di vista teorico, ma richiedono una grande mole di informazioni e ipotesi spesso poco verosimili Essendo piuttosto difficile effettuare tali previsioni, la decisione di acquistare o meno un titolo può basarsi anche su strumenti alternativi i MULTIPLI Il valore delle azioni viene stimato in base al rapporto esistente tra prezzo di mercato e specifiche variabili aziendali (utili, cash flow, etc.) in un gruppo di imprese simili (comparables) A.A Economia degli intermediari finanziari 19

20 La valutazione delle azioni: i multipli (2) I multipli sono indicatori di sintesi, utili a semplificare il processo decisionale dell investitore. Sono quozienti che mettono in rapporto il prezzo di mercato del titolo con dati di bilancio della società. Presentano peraltro diversi limiti: confrontano una grandezza in movimento, il prezzo, con un dato di bilancio che rivela una situazione già superata (a meno che non siano basati su dati prospettici) non hanno grande significatività considerati singolarmente, ma sono utili per confrontare la società oggetto di valutazione e, ad esempio, il settore in cui opera. Il disallineamento tra il multiplo calcolato per la società e quello calcolato per il settore può far concludere che il titolo è sotto o sopravvalutato dal mercato (e quindi è consigliabile, rispettivamente, acquistarlo o venderlo) è spesso difficile selezionare campioni di comparables abbastanza ampi A.A Economia degli intermediari finanziari 20

21 La valutazione delle azioni: il P/E (1) 1. Il Price/Earning (o Prezzo/Utile) È il rapporto tra prezzo del titolo e l utile per azione (Earning per Share: utile complessivo sul numero di azioni emesse) il prezzo di un azione sarà determinato come prodotto del suo utile per azione ed il multiplo del settore d appartenenza Ovviamente non può essere calcolato per imprese che hanno subito una perdita nell ultimo esercizio In teoria, data l ipotesi di aspettative costanti sulla situazione della società: un P/E dell impresa più basso rispetto a quello di settore può indicare che il titolo dell impresa è sottovalutato un P/E dell impresa più alto rispetto a quello di settore può indicare che il titolo è invece sopravvalutato A.A Economia degli intermediari finanziari 21

22 La valutazione delle azioni: il P/E (1) Dal modello di Gordon: Div P = Div = k E r g E = utili K = pay out ratio sostituendo P = k r E g P E = r k g dalla seguente espressione traspare solo il rapporto positivo tra prezzi e dividendi distribuiti in realtà occorre considerare che la crescita futura dipende dall autofinanziamento g = ROE 1 ( k) Hp. ROE costante no ricorso al debito P E = r k ROE ( 1 k) questa formulazione rende più evidente il rapporto tra prezzo e pay out ratio A.A Economia degli intermediari finanziari 22

23 La valutazione delle azioni: il P/CF 2. Il Price/Cash Flow È il rapporto tra prezzo del titolo e il cash flow per azione (calcolato come rapporto tra somma di utile e ammortamenti ed il numero totale delle azioni) Non può essere calcolato per imprese con cash flow negativo. Presenta il vantaggio di depurare il risultato aziendale da eventuali politiche di bilancio realizzate attraverso gli ammortamenti migliora quindi la comparabilità del multiplo tra società di settori diversi rispetto al P/E: sono infatti confrontabili azioni di settori diversi, con strutture di bilancio differenti es. società di software e società edilizia A.A Economia degli intermediari finanziari 23

24 La valutazione delle azioni: il P/BV 3. Il Price/Book Value È il rapporto tra valore di mercato e valore contabile dell azione (calcolato come rapporto tra valore del patrimonio netto complessivo, capitale sociale + riserve, ed il numero totale delle azioni) Può essere utilizzato anche per società che hanno cash flow negativo un P/BV>1, cioè P>BV, indica che il mercato ritiene che l impresa valga più di quanto espresso dai valori contabili (c.s. e riserve) un P/BV<1, e quindi P<BV, indica invece che il valore contabile dell azione è ritenuto dal mercato sovrastimato è un segnale di warning (quanto più il P/BV si avvicina al valore 1 tanto più la quotazione rispecchia i valori patrimoniali) A.A Economia degli intermediari finanziari 24

25 Valutazione del diritto d opzione (1) ratio del diritto di opzione: componente amministrativa: consentire al socio di mantenere invariata la propria partecipazione anche a seguito dell aumento di capitale componente patrimoniale: evitare che i soci subiscano un danno economico in occasione del collocamento di nuove azioni, emesse ad un prezzo generalmente inferiore al valore di mercato (per favorirne la sottoscrizione) Valore Prezzo < < nominale d emissione Prezzo di mercato Il diritto di opzione può essere esercitato dal socio o anche venduto a terzi Esistono casi in cui il diritto di opzione può essere limitato: se l interesse della società lo richiede o le azioni sono offerte a dipendenti, o sono emesse per conferimenti in natura A.A Economia degli intermediari finanziari 25

26 Valutazione del diritto di opzione (2) La decisione di esercitare il diritto di opzione o di venderlo sul mercato secondario dipende da 2 elementi: dal valore soggettivo del diritto per l azionista è una componente difficilmente quantificabile, che dipende da una serie di parametri tra cui la partecipazione dell azionista al capitale della società. Ad es. se è l azionista di maggioranza e il mancato esercizio dell opzione rischia di comprometterne la posizione dal prezzo di vendita del diritto di opzione sul mercato secondario il diritto d opzione ha un valore poiché consente di sottoscrivere azioni al prezzo d emissione, più basso del prezzo corrente sul mercato. Tale valore può essere stimato A.A Economia degli intermediari finanziari 26

27 Valutazione del diritto di opzione (3) Il diritto d opzione può essere immaginato come una cedola incorporata nel titolo azionario Distinguiamo due prezzi per il titolo azionario: azione azione dir. opzione = + dir. opzione Prezzo Cum Prezzo Ex valore dell opzione Prima che il diritto venga esercitato il prezzo di mercato del titolo comprende il valore dell opzione Una volta che il diritto è stato esercitato il prezzo dell azione non incorpora più il valore del diritto A.A Economia degli intermediari finanziari 27

28 Valutazione del diritto di opzione (4) Quindi il valore del diritto di opzione sarà: Valore dell azione con il diritto d opzione (prezzo cum) Valore della azione dopo che il diritto è stato esercitato (prezzo ex) Prezzo Cum prezzo di mercato dell azione vecchia, incorporante il diritto di opzione Prezzo Cum = Pr mercato Prezzo Ex prezzo di azioni vecchie e nuove a seguito dell operazione di aumento del capitale sociale e dell esercizio del diritto di opzione. Sul mercato si formerà un unico prezzo, come media ponderata del valore di azioni vecchie e nuove A.A Economia degli intermediari finanziari 28

29 Valutazione del diritto di opzione (5) Regola: deve esserci indifferenza tra acquisto del titolo ex (dopo l aumento) e la sottoscrizione dell azione al prezzo d emissione, unita all acquisto del diritto d opzione Quindi deve esserci identità tra CAPITALE EX ANTE (prezzo cum comprensivo del diritto di opzione per il numero totale delle azioni vecchie + il prezzo di emissione delle nuove azioni per numero delle nuove azioni) e CAPITALE EX POST, dopo l esercizio dell opzione (valorizzato al prezzo ex, ma calcolato su un numero di azioni comprensivo di azioni vecchie e nuove) (Pr Cum*n.V + Pe*n.N)= Pr Ex* (n.v+ n.n) Pr Ex= (Pr Cum*n.V + Pe*n.N)/(n.V+n.N) Hp semplificatrice: l emissione di nuove azioni non comporta costi per la società A.A Economia degli intermediari finanziari 29

30 Esempio (1) La società Alfa delibera un aumento di capitale a pagamento con rapporto di offerta 1:2 (un azione nuova ogni due azioni vecchie ) al prezzo di emissione di 120. Il prezzo di mercato corrente è di 150. Pr Cum=150 ; Pe=120 ; n.n.=1; n.v.=2 Pr Ex = ( PrCum n.v. + Pe n.n. ) ( n.v. + n.n. ) = ( ) 3 = 140 Valore diritto d opzione = Pr Cum Pr Ex = = 10 Ogni 2 azioni possedute, il socio che non intenda sottoscrivere le nuove azioni, potrà vendere i diritti d opzione ricavando 20 che, sommate al valore delle azioni in portafoglio, pari a 280, mantengono inalterata la sua ricchezza prima dell operazione (300 ) A.A Economia degli intermediari finanziari 30

31 Valutazione del diritto di assegnazione In caso di aumenti di capitale gratuiti Si segue lo stesso approccio, considerando però che non esiste la componente del prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni Pr Cum*n.V + Pe*n.N= Pr Ex* (n.v+ n.n) Pr Cum*n.V = Pr Ex* (n.v+ n.n) Valore dir. assegnazione = Pr Cum - Pr Ex Si vogliono destinare ai soci risorse già presenti in azienda A differenza del diritto di opzione, che si prescrive in 30 gg, il diritto di assegnazione è imprescrittibile A.A Economia degli intermediari finanziari 31

32 Esempio (2) La società Beta decide di distribuire ai soci nuove azioni, con rapporto di offerta di 2:5. L ultimo prezzo di mercato del titolo Beta è 8.10 per azione Calcolare il valore del diritto di assegnazione Pr Cum*n.V = Pr Ex* (n.v+ n.n) = Pr Ex (5 + 2) = 7 Pr Ex Pr Ex = 5.78 ValDirittoAssegnazione = ,78 = 2.32 A.A Economia degli intermediari finanziari 32

33 Agenda 1. Caratteristiche dello strumento 2. Tipologie di azioni 3. Valutazione delle azioni 4. Mercato azionario A.A Economia degli intermediari finanziari 33

34 I mercati azionari italiani Borsa Italiana spa gestisce (al 31/12/2008 erano quotate 336 società): MTA Mercato Telematico Azionario, diviso in diversi segmenti: Standard Blue chip STAR MTA international MTF Expandi mercato in cui sono quotate le società di piccola dimensione (small cap) 39 società al 31/12/2008 MAC (Mercato Alternativo del Capitale): sistema multilaterale di negoziazione dedicato alle PMI 4 società al 31/12/2008 A.A Economia degli intermediari finanziari 34

35 MTA: requisiti per la quotazione Standard (101 società al 31/12/08): Capitalizzazione minima: 40 milioni di euro Flottante: almeno pari al 25% Pubblicazione e deposito degli ultimi tre bilanci Revisione contabile dell ultimo bilancio, su cui sia stato espresso parere positivo Redditività ed autonomia gestionale Blue chip (75 società al 31/12/08): + Capitalizzazione minima: 1 miliardo di euro STAR (76 società al 31/12/08 ): + Alta trasparenza ed alta vocazione comunicativa + Alta liquidità (35% minimo di flottante e presenza di uno specialist) + Corporate governance allineata agli standard internazionali MTA International (36 società al 31/12/2008): titoli quotati liquidi area Euro MTF (5 società al 31/12/2008) fondi chiusi e investment companies A.A Economia degli intermediari finanziari 35

36 MTA: fasi di negoziazione e prezzi (1) Asta di apertura Pre-asta: vengono immesse le PDN, con possibilità di cancellarle o modificarle in qualunque momento. Al termine viene determinato il prezzo teorico d asta (semplificando è il prezzo al quale è possibile scambiare la maggiore quantità di titoli) Validazione del prezzo: non è più possibile inserire o modificare le PDN. Il prezzo è validato se non supera del 10% il prezzo di riferimento del giorno precedente media ponderata dei prezzi relativi all ultimo 10% di scambi Apertura:vengono concluse le operazioni eseguibili al prezzo d asta. I contratti (anche parzialmente) ineseguiti sono trasferiti alla fase di negoziazione continua A.A Economia degli intermediari finanziari 36

37 MTA: fasi di negoziazione e prezzi (2) Negoziazione continua: il sistema conclude i contratti abbinando PDN compatibili. Le PDN sono ordinate secondo due criteri di priorità: in base al prezzo (decrescente se in acquisto, crescente se in vendita) e, a parità di prezzo, in base all orario di inserimento. Nel corso della giornata il prezzo varia continuamente Asta di chiusura: organizzata come quella di apertura (Preasta Validazione Chiusura). Il prezzo di controllo è rappresentato dal prezzo d asta d apertura Il prezzo ufficiale è la media ponderata di tutti i prezzi della giornata L andamento di tutte le azioni italiane quotate sul MTA (più alcune azioni straniere molto liquide è riflesso dall indice MIBTEL); lo S&P/MIB è calcolato solo su 40 titoli ad elevata capitalizzazione e liquidità A.A Economia degli intermediari finanziari 37

38 I nuovi indici di Borsa A.A Economia degli intermediari finanziari 38

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

Le azioni e gli altri titoli di capitale

Le azioni e gli altri titoli di capitale Le azioni e gli altri titoli di capitale azioni Caratteristiche tecniche Categorie giuridiche ed economiche I titoli azionari L azione è un strumento finanziario che rappresenta una frazione del capitale

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

Valutazione delle obbligazioni e delle. dott. Matteo Rossi

Valutazione delle obbligazioni e delle. dott. Matteo Rossi Valutazione delle obbligazioni e delle azioni dott. Matteo Rossi Argomenti trattati Valutazione di un obbligazione Come vengono negoziate le azioni Come valutare le azioni Tasso di capitalizzazione Prezzo

Dettagli

I titoli azionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli azionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli azionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Definizione I titoli azionari rappresentano quote di partecipazione nella società, sottoscrivendo i quali l investitore acquisisce lo status di socio dell

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

Albez edutainment production. Approfondimento spa. IV Classe ITC

Albez edutainment production. Approfondimento spa. IV Classe ITC Albez edutainment production Approfondimento spa IV Classe ITC In questo modulo: Le riserve di utili Aspetti fiscali dei dividendi Gli acconti su dividendi Coperture di perdite Aumenti e diminuzioni di

Dettagli

Prodotti di base: le azioni

Prodotti di base: le azioni Rimini, 17 18 maggio 2007 ITF, Italian Trading Forum I temi dell intervento: Cosa sono le azioni Il rendimento delle azioni Come si determina il prezzo dell azione L orizzonte temporale dell investimento

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Perché un prezzo di emissione maggiore del valore nominale? Come determinare il prezzo di emissione? Funzione del sovrapprezzo 2 Funzione

Dettagli

Azioni e analisi fondamentale Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo

Azioni e analisi fondamentale Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo Economia del mercato mobiliare e finanziamenti di aziende Azioni e analisi fondamentale Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo I titoli azionari Definizione Gli strumenti di capitale: le

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 4 - SPA

ESERCITAZIONE N. 4 - SPA ESERCITAZIONE N. 4 VARIAZIONI CAPITALE SOCIALE Pagina 1 di 11 TIPOLOGIE DI AUMENTI DEL CAPITALE SOCIALE L aumento del Capitale Sociale può essere: - SENZA VARIAZIONE del P.N. (Virtuale o Gratuito) - CON

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio Titoli azionari I modelli DDM (Dividend Discount Model) Calcolo del rendimento ex-post di un titolo azionario; Modelli basati sulla profittabilità dell impresa; Modello dei flussi di cassa; Gli indici

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

Aumenti di capitale a pagamento

Aumenti di capitale a pagamento Aumenti di capitale a pagamento Durante la vita di una spa il capitale sociale, per diversi motivi e previa modifica dell atto costitutivo, può subire variazioni sia in aumento che in diminuzione. Gli

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 La valutazione delle azioni Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 1 La natura dell investimento in titoli azionari INVESTIMENTO IN AZIONI CAPITALE DI RISCHIO NELL ASPETTO SOGGETTIVO: STATUS

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4 Teoria della Finanza Aziendale La valutazione dei titoli rischiosi : le azioni 4 1-2 Argomenti Rendimenti richiesti Prezzi delle azioni e EPS Cash Flows e valore economico d impresa 1-3 Domande chiave

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI Società Cooperativa - Sede in Modena, Via San Carlo 8/20 Registro delle imprese di Modena e cod. fisc. n. 01153230360 Cap. soc. al 31 dicembre 2010 Euro 761.130.807 Relazione illustrativa del Consiglio

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

Le azioni e le obbligazioni

Le azioni e le obbligazioni Nome e Cognome... Classe... Data... autore MARIA RITA CATTANI materia Diritto commerciale destinazione Classe 4 a ITC SCELTA MULTIPLA Scegli la risposta corretta tra quelle che ti vengono proposte. 1.

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE Approfondimenti connessi alla predisposizione delle modifiche statutarie necessarie in seguito alla riforma del Codice, introdotta dal D.Lgs. 17/1/2003

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2. DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.00% EMISSIONE N. 27/2015 CODICE lsln IT0005108672 Il presente documento

Dettagli

Corporate. Governance

Corporate. Governance Corporate Governance Relazione di Corporate Governance 2 Relazione illustrativa del consiglio di amministrazione redatta ai sensi dell art. 2441, Commi 5 e 6 delcodice civile Signori Azionisti, siete stati

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

mod. 9 SEG BANCA CARIGE

mod. 9 SEG BANCA CARIGE Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede straordinaria convocata per il giorno 13 febbraio 2012 in merito all eliminazione dell indicazione del valore nominale delle azioni della

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria,

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Modifica dell art. 33 dello Statuto sociale, al

Dettagli

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INTERMEDIARI E IMPRESA-UNA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO: IL «MINI BOND» MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI NUNZIA MELACCIO Commissione Banche e Intermediari

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO Banca Popolare del Lazio 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 Le presenti

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 2. 2.1 METODOLOGIA Il metodo di selezione delle aziende adottato per Executive Compensation è basato su un modello di campionamento strutturato in funzione di alcune caratteristiche proprie dell azienda.

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di una S.p.A.

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di una S.p.A. Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4 UNITÀ F La gestione fi nanziaria e il mercato dei capitali ESERCIZIO Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Gennaio 2003 FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO MEDIOBANCA 2003-2005 INDICIZZATO ALL ANDAMENTO DELL INDICE MIB30 (Cod. ISIN IT0003417075) L investimento nel titolo oggetto della presente offerta è caratterizzato

Dettagli

Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica

Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno 1 - Annullamento delle azioni proprie in portafoglio,

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE INVESTIMENTI IN TITOLI 1 GLI INVESTIMENTI IN TITOLI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO FINANZIARIO 1. Operazioni di prestito attivo 2. Investimenti in immobilizzazioni non caratteristiche

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Comunicazione della Società : significa quanto descritto nell articolo 3.2.

Comunicazione della Società : significa quanto descritto nell articolo 3.2. REGOLAMENTO DEI SPONSOR WARRANT SPACE S.P.A. 1 DEFINIZIONI 1.1 Nel presente Regolamento i seguenti termini hanno il significato qui attribuito. I termini definiti al singolare si intendono definiti anche

Dettagli

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 2. 2.1 METODOLOGIA Il metodo di selezione delle aziende adottato per Executive Compensation è basato su un modello di campionamento strutturato in funzione di alcune caratteristiche proprie dell azienda.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte Collocamento delle Azioni Tercas 21 e domande risposte Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto informativo Il 21.08.2006 ha inizio il collocamento del 15% delle Azioni Tercas. 21 e domande

Dettagli

Che effetto avrebbe la cancellazione di 20 unità in vendita a 10.10 prima dell effettuazione dell asta?

Che effetto avrebbe la cancellazione di 20 unità in vendita a 10.10 prima dell effettuazione dell asta? ECONOMIA E TECNICA DEI MERCATI FINANZIARI 2010/2011 Dott. Marco Fumagalli / Dott. Antonio Taverna 1 Con riguardo alle possibili forme di organizzazione di un mercato secondario, si illustrino le principali

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC

Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC Lidia Sorrentino OBIETTIVI Verificare la conoscenza delle principali problematiche

Dettagli

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi. Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.it RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

ITALCEMENTI S.p.A. ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO. 7 aprile 2014, alle ore 17,30 Bergamo, Via Madonna della Neve n.

ITALCEMENTI S.p.A. ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO. 7 aprile 2014, alle ore 17,30 Bergamo, Via Madonna della Neve n. ITALCEMENTI S.p.A. Sede in Bergamo, Via G. Camozzi n. 124 Capitale sociale di Euro 282.548.942,00 interamente versato Direzione e Coordinamento Italmobiliare S.p.A. Sito internet: www.italcementi.it ASSEMBLEA

Dettagli

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI 4 appello del 1 Ottobre 2014 Tempo max: 2h N O T E Si ricorda che durante la prova scritta non sono consultabili appunti o

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Guida dell azionista privato

Guida dell azionista privato Guida dell azionista privato 1 Il Gruppo Pirelli Pirelli è un gruppo con una grande tradizione industriale, fra i leader a livello mondiale in tutti i segmenti in cui opera. La nostra forza competitiva

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

Attività dello Specialista

Attività dello Specialista Attività dello Specialista Massimo Turcato Responsabile Equity Capital Markets e Advisory Banca Akros Palermo, 15 novembre 2007 MISSIONE E PRINCIPI COSTITUTIVI DEL MAC Missione Principi costitutivi 1 Forte

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop.

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Sede legale ed amministrativa: 39042 Bressanone, via Croce 7 Home-page: www.raiffeisen.it/eisacktal, Indirizzo e-mail: RK_Eisacktal@rolmail.net Tel. +39 0472

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

INFORMATIVA SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI --------------------------------------------

INFORMATIVA SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI -------------------------------------------- INFORMATIVA SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI Come previsto dalle disposizioni transitorie contenute nella Delibera Consob n. 15915 del 3 maggio 2007 si dà diffusione della relazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SUL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI DELLA SOCIETÀ

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SUL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI DELLA SOCIETÀ RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SUL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI DELLA SOCIETÀ predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 3 dell Allegato 3A del Regolamento adottato con Delibera

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE Dott. Lorenzo Batacchi Banca popolare dell Emilia Romagna lorenzo.batacchi@bper.it METODI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE I più utilizzati nella pratica: Metodo finanziario: DCF,

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Comunicato Stampa Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Il Consiglio di Amministrazione approva l'emissione di un prestito obbligazionario di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Nota 14 Patrimonio netto

Nota 14 Patrimonio netto Nota 14 Patrimonio netto E così composto: (migliaia di euro) 31.12.2008 31.12.2007 Capitale emesso 10.673.804 10.673.793 meno Azioni proprie (14.450) (700) Capitale 10.659.354 10.673.093 Riserva da sovrapprezzo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio di deposito a custodia e amministrazione di titoli e strumenti finanziari

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Corso di Corporate e Investment Banking

Corso di Corporate e Investment Banking Anno Accademico 2010/2011 Corso di Corporate e Investment Banking Appello del 21 settembre 2011 Il tempo a disposizione è di 120 minuti. Scrivere subito su ogni pagina nome, cognome e numero di matricola.

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

AZIONI SVILUPPO. infografica by 1

AZIONI SVILUPPO. infografica by 1 AZIONI SVILUPPO Ottobre 2007 infografica by 1 IL MOTIVO DELLE AZIONI SVILUPPO infografica by 2 IL MOTIVO 1 2 Dove siamo? Sistema Italia Tessuto industriale ricco di imprese a BMC (Bassa e Media Capitalizzazione,

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli