di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management"

Transcript

1 STRATEGIA OCEANO BLU: VENDERE VALORE NON HA CONCORRENZA di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management

2 La Teoria dei Vincoli fornisce un punto di vista diverso per formulare offerte così mirate da risultare irrifiutabili per il mercato. La Teoria dei Vincoli è un modello di gestione d impresa innovativo che ha visto le prime applicazioni negli anni ottanta negli Stati Uniti ed oggi, ormai maturo, conta un discreto numero di applicazioni di successo anche in Italia. Il concetto fondamentale intorno a cui ruota l intero modello di marketing proposto è il valore che un azienda può generare per il proprio cliente. Che cosa significa dunque valore e come lo si può misurare? Escludendo le aziende che si rivolgono direttamente all utente finale, alle quali si dedica il 90% delle rubriche di marketing, per tutte le altre portare valore ad un azienda significa portare un elemento che possa essere trasformato in throughput. Se il throughput è valore per il nostro cliente, allora la nostra offerta sarà irrifiutabile quando è chiaro l impatto che ha su di esso, o in termini di aumentate vendite o in termini di riduzione di inventory. VALORE È A) Qualcosa che aumenta le vendite In questo caso dobbiamo metterci nei panni del nostro cliente e focalizzare l attenzione su quello che a sua volta sarà un cliente per lui: quale valore è percepito dal cliente del nostro cliente? Come possiamo aiutare il nostro cliente a realizzarlo? Ecco lo spirito di una partnership, la consapevolezza di appartenere ad una catena in cui l obiettivo è unico e condiviso da tutti gli anelli: la soddisfazione dell utente finale. B) Qualcosa che riduce l inventory In questo caso dobbiamo concentrarci sul processo produttivo del nostro cliente, che nella trasformazione di input in output deve risultare essere il più efficace possibile, limitando dispersioni di tempo e denaro. Il punto è identificare il contributo che possiamo dare al nostro cliente in termini di facilitazioni lungo il flusso di produzione. Dobbiamo conoscere il flusso produttivo, vedere la causa di fondo di tutti i sintomi che si avvertono nelle interdipendenze dei diversi processi aziendali e trovare il punto in cui il nostro contributo può essere decisivo per risolvere il problema. In entrambi i casi, insomma, lo sforzo che ci è richiesto è di abbandonare il nostro punto di vista di fornitori del cliente X e metterci nei suoi panni, per capire come aiutarlo a migliorare le prestazioni nei confronti del suo cliente. Perché fare tanto lavoro? Il cliente generalmente viene da noi con una richiesta e il nostro ruolo è di rispondere soddisfacendo le sue aspettative. Ma siamo sicuri delle aspettative del cliente? È sempre chiaro che cosa vuole il cliente? Riusciamo sempre a soddisfare o addirittura superare le sue aspettative? Se la risposta è no allora vale la pena proseguire nella lettura. Vincere la concorrenza Parlavamo di sintomi negativi e di causa comune che li genera tutti. Spesso accade che il cliente avverta i sintomi ed il disagio lo porti a ricercare una soluzione secondo la percezione che egli ha del problema. Non sempre però questa percezione è corretta, o perlomeno lo è soltanto parzialmente, perché il fatto di essere immersi in una situazione non aiuta a distinguere gli elementi fondamentali dagli altri. È proprio una questione di prospettiva. È la prospettiva che manca nelle situazioni in cui siamo molto coinvolti, in cui tutto si appiattisce su uno stesso livello così confuso da non permetterci di vedere chiaro. Quando poi i diversi livelli si mostrano nella propria profondità, allora tutto si chiarisce. Ecco cosa accade al nostro cliente impegnato a generare, a sua volta, valore per il proprio cliente. E se fossimo noi coloro che riescono a mostrargli la prospettiva? Certo questo sarebbe valore. In questa situazione il concetto stesso di concorrenza perde importanza. Perché il cliente dovrebbe perdere tempo nella ricerca di un altro fornitore quando ha trovato un partner? Pagina 2 di 10

3 Perché potrebbe esserci qualcuno che realizza prodotti migliori dei nostri. Questo è assolutamente vero, ma nella maggior parte dei casi (come sempre ci sono eccezioni, naturalmente) e soprattutto a questo livello del rapporto con il cliente non è più il prodotto che conta. E poi i concorrenti non sono presenti nel momento in cui presentiamo la nostra offerta irrifiutabile, e sappiamo che saper cogliere l attimo è fondamentale in qualsiasi trattativa di vendita. Per farlo dobbiamo condurre per mano il cliente nel percorso che inizia con il suo totale distacco e termina con la condivisione totale della soluzione al proprio problema. L arte del venditore in trattativa, di cui la letteratura è sazia, consiste nel saper coinvolgere passo dopo passo l interlocutore sciogliendo tutti i livelli di resistenza che potrebbe mostrare, raggiungendo accordo sul problema che lo affligge, sul fatto di esser parte dello stesso problema, sulla proposta di una soluzione da costruire insieme. Naturalmente anche il venditore più esperto fallirebbe senza la conoscenza a priori del percorso da seguire. Ecco perché l area marketing deve supportarlo con uno studio approfondito della situazione del mercato e della strategia da adottare in fase di trattativa finale. Il marketing: strategia Oceano Blu Il marketing studia il mercato, i suoi problemi e le sue tendenze. Sino ad oggi nella piccola e media impresa il marketing si è concentrato sull analisi di mercati esistenti, navigando in un oceano rosso. Nel libro Strategia Oceano Blu, Chan Kim e Renée Mauborgne, definiti dal Sunday Times di Londra «due dei più brillanti pensatori economici», presentano una divisione del mercato in due segmenti: il mercato conosciuto, che chiameremo Oceano Rosso; e il mercato sconosciuto, che chiameremo Oceano Blu. Un azienda potrà decidere di navigare in un Oceano Rosso e allora l obiettivo del marketing sarà massimizzare la domanda attraverso i criteri di competitività noti (benchmark di prodotto, guerra dei prezzi, commodity, ). Oppure un azienda potrà decidere di comprendere le effettive esigenze della clientela (domanda) e offrire nuove soluzioni (Oceano blu). In questo caso l obiettivo del marketing sarà neutralizzare la concorrenza offrendo agli acquirenti un prodotto sostitutivo e più interessante, cogliere la domanda come opportunità di crescita redditizia e creare, sulla base delle analisi degli oceani rossi, nuovi oceani blu. E inutile sottolineare che l approccio della Teoria dei Vincoli (per approfondire, leggi i dossier sul tema pubblicati nel corso del 2006), appartiene al mondo della strategia oceano blu, fondata sul concetto di innovazione di valore. L innovazione di valore è più di una semplice innovazione: rappresenta una strategia che abbraccia l intero sistema delle attività di una azienda. L innovazione di valore richiede alle aziende di orientare l intero sistema per arrivare ad un aumento significativo del valore creato, per gli acquirenti e per se stessi. In questo senso va ben oltre l innovazione tecnologica o un approccio commerciale pionieristico; e invita a riflettere non sulle modalità per battere la concorrenza, bensì su quelle per renderla irrilevante, guardando soprattutto ai non-clienti e creando nuovi spazi mercato incontaminati. Con questo approccio mentale è possibile superare i confini tradizionali del proprio settore di riferimento per esplorare nuovi territori e nuove modalità con cui costruire la propria proposta valore. Oceano blu: il caso Cirque du Soleil Cirque du Soleil è una delle maggiori realtà culturali esportate dal Canada. Fin quando, nel 1984, un gruppo di artisti di strada creò questo circo, le sue produzioni sono state viste da quasi quaranta milioni di persone in novanta città di tutto il mondo. In meno di vent anni, C.d.S ha raggiunto un fatturato che il leader mondiale nel settore dei circhi, Ringling Bros, ha ottenuto in più di un secolo. Pagina 3 di 10

4 Ciò che rende ancor più straordinaria una crescita così rapida è che essa non si sia verificata in un settore attraente, ma piuttosto in un settore di crisi, per il quale le analisi strategiche tradizionali indicavano un potenziale di crescita limitato. Il potere negoziale dei fornitori (in questo caso gli artisti che si esibiscono) era considerevole. Lo stesso valeva per il potere d acquisto. Le altre forme di intrattenimento dai vari tipi di esibizione dal vivo nelle città agli eventi sportivi alla home entertainment dominavano sempre più la scena. Più che un pomeriggio al circo itinerante, i bambini chiedevano a gran voce una Playstation. In parte anche per queste motivazioni, il settore soffriva un calo costante di pubblico e, quindi, un calo del fatturato e dei profitti. Le associazioni animaliste testimoniavano anche un malcontento crescente rispetto all uso degli animali nei circhi. Ringling Bros rappresentava lo standard e i circhi concorrenti, ben più piccoli, si limitavano essenzialmente a inseguire questa società in versione ridotta. Dal punto di vista della strategia basata sulla concorrenza, quindi, il settore circense appariva tutt altro che attraente. Un altro aspetto avvincente del successo di C.d.S. è il fatto che esso non abbia sfondato togliendo i clienti a un settore già in calo come quello circense, storicamente rivolto ai bambini. C.d.S non ha fatto concorrenza a Ringling Bros. Piuttosto esso ha creato uno spazio di mercato incontestato, arrivando a neutralizzare la concorrenza. Ha richiamato un segmento di clientela assolutamente nuovo: adulti e professionisti, pronti a pagare un prezzo molto più alto dei circhi tradizionali per godersi uno spettacolo senza precedenti. Una delle prime produzioni del gruppo aveva un titolo significativo: «Noi reinventiamo il circo». C.d.S è arrivato al successo perché ha capito che, per far fortuna, le aziende dovranno smettere di farsi concorrenza. L unico modo per battere la concorrenza è smettere di cercare di battere la concorrenza. OCEANO ROSSO Mercato per il quale manager e mercato si sono focalizzati nel corso degli ultimi 25 anni; Comprende tutti i settori attualmente esistenti; Continua lotta tra competitori per aggiudicarsi una maggiore porzione di domanda all interno dello stesso settore; Assenza di pensiero innovativo volto alla creazione di nuovi settori, aree produttive; La concorrenza globale tende ad innalzare notevolmente l offerta e a ridurre i margini di profitto delle aziende; Approccio strategico tradizionale basato sulla sconfitta della concorrenza; Ogni attività per la differenziazione dei prodotti porta a crescite dei costi elevate (scarsa flessibilità); La maggior parte delle aziende opera oggi in un Oceano Rosso dove i margini continuano a ridursi così come la possibilità di un futuro migliore. OCEANO BLU Caratterizzato dalla presenza di nuove idee; Creazione sviluppata attraverso «mosse strategiche», definite come un insieme di azioni e decisioni manageriali legale all offerta di nuovi prodotti/servizi per la creazione di nuovi mercati; Non si utilizza il benchmark come mezzo strategico ma si utilizza una diversa logica strategica «innovazione di valore». Pagina 4 di 10

5 INNOVAZIONE DI VALORE L innovazione di valore è più di una semplice innovazione: rappresenta una strategia che abbraccia l intero sistema delle attività di una azienda. L innovazione di valore richiede alle aziende di orientare l intero sistema per arrivare ad un aumento significativo del valore creato, per gli acquirenti e per se stessi. In questo senso va ben oltre l innovazione tecnologica o un approccio commerciale pionieristico, invitando a riflettere non sulle modalità per battere la concorrenza, bensì su quelle per renderla irrilevante, guardando soprattutto ai non-clienti e creando nuovi spazi mercato incontaminati. Con questo approccio mentale è possibile superare i confini tradizionali del proprio settore di riferimento per esplorare nuovi territori e nuove modalità con cui costruire la propria proposta valore. L innovazione di valore porta ad identificare un oceano blu, uno spazio di mercato incontrastato diverso dal conosciuto oceano rosso pieno di squali che si fanno concorrenza. È questa l essenza della strategia di marketing sviluppata da Chan Kim e Renèe Mauborgne, e presentata nel best seller «Strategia Oceano Blu». Studiando 150 casi di sviluppo negli ultimi 100 anni in 30 paesi, Kim e Mauborne hanno dimostrato come il successo dipenda dalla capacità delle aziende di neutralizzare la concorrenza, non battendola, bensì identificando il proprio oceano blu. In un oceano rosso le aziende si chiedono come il consumatore faccia la propria scelta tra competitor dello stesso settore. Chi cerca un oceano blu, al contrario, capisce che i consumatori vanno oltre le aziende stesse per fare la propria scelta. Come visto nell ultima puntata, questa e la storia di Cirque Du Soleil, che in meno di vent anni ha raggiunto un fatturato che il leader mondiale nel settore dei circhi, Ringling Bros, ha ottenuto in più di un secolo. L elemento eclatante del caso in questione è il contesto di crisi in cui la crescita di Cirque Du Soleil si è verificata. L azienda non ha fatto concorrenza a Ringling Bros, piuttosto ha creato uno spazio di mercato incontestato: adulti e professionisti, pronti a pagare un prezzo molto più alto dei circhi tradizionali per godersi uno spettacolo senza precedenti. Una delle prime produzioni del gruppo aveva un titolo significativo: «Noi reinventiamo il circo». Tante aziende devono il proprio successo all identificazione di un oceano blu: The Body Shop, IKEA, Starbucks, Dell, ebay, Bloomberg, Casella Wines, Southwest Airlines, e tanti altri. Come hanno fatto? DAR VITA AD UN OCEANO BLU Per poter dar vita ad un oceano blu non è sufficiente avere a disposizione dirigenti con un buon senso critico, con capacità di ricercare collaboratori rivoluzionari e in grado di imparare dagli errori. Queste sono solo alcune caratteristiche di base, ma la domanda che dobbiamo porci è: «Come si può uscire dall oceano rosso della competizione?» Strategia Oceano Blu propone un set di strumenti e framework analitici, che possono aiutare l azienda a riflettere e ad attuare in modo sistematico la strategia. Cercheremo di presentarli ripercorrendo il caso di Cinque Du Soleil (Tavola 1). Gli strumenti fondamentali sono tre: 1. Quadro Strategico; 2. Framework delle 4 azioni; 3. Schema per eliminare, ridurre, aumentare, creare. Il Quadro Strategico è un framework diagnostico e operativo allo stesso tempo teso alla creazione di oceani blu efficaci. Pagina 5 di 10

6 Tavola 1: Il caso Cirque du Soleil L obiettivo è fotografare la realtà del mercato conosciuto individuando: cosa offrono i clienti sul mercato; come reagisce la concorrenza; quali sono le aree di investimento della concorrenza. Lungo un ascissa orizzontale riporta tutti i fattori ritenuti fondamentali per la promozione del prodotto in oggetto. L asse verticale rappresenta il livello di offerta percepito dagli acquirenti relativamente ai fattori competitivi dell asse orizzontale. Un punteggio alto indica che l azienda offre di più agli acquirenti e quindi investe di più su quel fattore. Nel caso del prezzo un punteggio più alto indica un prezzo superiore. Il grafico che ne esce si chiama curva del valore, e rappresenta la performance aziendale relativamente ai fattori competitivi del suo settore. Osservando il quadro strategico possiamo notare che Ringling Bros e i circhi locali implementano due strategie molto vicine tra di loro, facendo leva sugli stessi fattori competitivi tradizionali (disposti lungo l ascissa: prezzo, star internazionali, numeri con animali, posti prenotati, uso di più piste, umorismo e divertimento, suspence e pericolo). La loro curva del valore è infatti molto simile, la sola differenza riscontrabile è legata alla minor offerta di fattori competitivi che i circhi locali, a causa delle loro dimensioni e dei loro budget limitati, non sono in grado di sostenere. In questo caso Ringling Bros ed i circhi locali si trovano in una situazione di competizione, basata sull investimento in fattori competitivi tradizionali Osservando invece la curva di Cirque du Soleil possiamo notare come essa sia diversa dalle due sopra menzionate. È evidente, infatti, un allontanamento dalla logica tradizionale, l introduzione di nuovi fattori competitivi (tendone unico, un tema, ambiente raffinato, più produzioni, musiche e danze artistiche) e un basso interesse verso fattori competitivi tradizionali. Pagina 6 di 10

7 Ecco che questa curva porta al raggiungimento di un oceano blu, eliminando il focus sulla concorrenza e orientando il sistema verso nuovi clienti. L obiettivo è ridefinire gli elementi del potere d acquisto tracciando una nuova curva del valore. Come fare? Il secondo strumento è il Framework delle 4 azioni mirato a comprendere come differenziare senza investimenti troppo onerosi. Tavola 2: Il caso Cirque du Soleil - Formalizzazione delle attività Eliminare Star internazionali; Numeri con animali; Aumentare Umorismo e divertimento; Suspence e pericolo Posti prenotati; Uso di più piste Creare Un tema; Ambiente raffinato; Ridurre Un solo tendone Più produzioni; Musiche e danze artistiche Quattro domande guidano il percorso logico (Tavola 2): 1. Eliminazione: tra i fattori che l industria dà per scontati, quali andrebbero eliminati? 2. Riduzione: quali fattori andrebbero ridotti ben al di sotto dello standard di settore? 3. Creazione: quali fattori mai offerti dal settore, dovrebbero essere creati? 4. Aumento: quali fattori andrebbero aumentati ben al di sopra dello standard di settore? La domanda n. 1 focalizza l attenzione sull eliminazione dei fattori oggetto di concorrenza nel settore in cui opera l azienda: comprendere il valore che attualmente il cliente attribuisce al prodotto/servizio e non il valore che esso poteva ricoprire nel periodo di lancio. La domanda n. 2 focalizza l attenzione sulla comprensione delle risorse aziendali investite per la progettazione di prodotti/servizi ponendo alcune domande: siamo sicuri che al cliente serva un prodotto molto complesso e innovativo o abbiamo investito molto nella fase di progettazione solamente per crescere il nostro livello competitivo aumentando così esponenzialmente i costi di produzione? Queste prime domande aiutano le aziende nelle operazioni di riduzione dei costi rispetto ai concorrenti (ridurre i costi di competitività). Le domande n. 3 e n. 4 aiutando le aziende nel comprendere come aumentare il valore per gli acquirenti creando nuova domanda. Chiaramente queste domande non trovano semplice risposta, serve l intuizione tipica dell imprenditore. Tuttavia si può pensare di sistematizzare anche questo processo, con l aiuto degli strumenti logici della Teoria dei Vincoli. I Thinking Processes Tools sviluppati da Goldratt, forniscono una guida rigorosa nell identificazione e la realizzazione di idee brillanti ed innovative mettendo in discussione i modelli mentali che sono alla base di tutte le situazioni. Un cambio di prospettiva, infatti, è la risposta alle domande 3 e 4. Pagina 7 di 10

8 IL CASO CIRQUE DU SOLEIL Creazione/Aumento tendone unico; unico tema; ambiente raffinato; più produzioni musiche e danze artistiche Eliminazione/riduzione star internazionali; numeri con animali; posti prenotati; uso di più piste. L ultimo strumento è lo Schema per eliminare, ridurre, aumentare, creare, che riporta in modo formalizzato le azioni da intraprendere per eliminare, ridurre, aumentare e creare sulla base delle 4 domande proposte dal framework delle 4 azioni. La formalizzazione dello schema dà alle aziende quattro vantaggi immediati: le spinge a perseguire simultaneamente il doppio obiettivo della differenziazione e del contenimento dei costi, per rompere il trade off tra costo e valore; evidenzia immediatamente le aziende che pongono il focus unicamente sull aumento e sulla creazione, arrivando ad aumentare la struttura dei costi e, spesso, a eccedere nell ingegnerizzazione di prodotti e servizi; è di facile comprensione per i manager di qualunque livello, e li motiva a lasciarsi coinvolgere pesantemente nella sua applicazione; poiché lo schema è un'attività complessa da completare, spinge le aziende ad esaminare molto attentamente tutti i fattori competitivi del settore, portandole a scoprire la vasta gamma di presupposti impliciti su cui si basano inconsciamente nel fare concorrenza. Questi elementi diventano obiettivi da raggiungere per dar vita all oceano blu. L albero dei Prerequisiti definisce piani strategici per il raggiungimento di obiettivi complessi. In questo caso è lo strumento che completa la realizzazione della strategia. LEGGERE LA CURVA DEL VALORE 1) Oceano blu Ci sono tre caratteristiche che identificano una buona strategia. Cinque Du Soleil ha creato una curva del valore eccezionale aprendo un oceano blu. La sua curva del valore ha un focus molto chiaro: non disperdere sforzi occupandosi di tutti i fattori competitivi. La forma è divergente rispetto a quella degli altri, non tanto per il classico benchmarking dei concorrenti, tanto più per l analisi delle alternative. Inoltre è possibile identificare l attività in modo chiaro con una tagline semplice: un tema, un ambiente raffinato in cui la musica e le danze hanno un ruolo fondamentale. Ecco quindi le tre qualità fondamentali che una curva del valore mostra quando si è in presenza di una strategia Oceano Blu: focus, divergenza, e una tagline del profilo strategico chiara. La curva di Cirque Du Soleil introduce fattori assolutamente nuovi nel settore dei circhi, fattori mutuati da un settore alternativo nel campo dell intrattenimento dal vivo, cioè il teatro. Pagina 8 di 10

9 Il quadro strategico mostra sia i fattori tradizionali da cui ha deciso di scostarsi, sia i fattori inediti che lo hanno portato alla creazione di un nuovo spazio di mercato. In questo modo le aziende possono leggere i segni del futuro nel presente. La curva del valore contiene molte indicazioni strategiche che sta all azienda imparare ad elaborare. La prima domanda a cui risponde è se il business è destinato o meno al successo: una struttura dei costi elevata e un modello di business complesso indica che non siamo sulla strada giusta. 2) Azienda intrappolata in oceano rosso Quando la curva di valore dell azienda converge con quella dei concorrenti l azienda è intrappolata nella concorrenza. La sua strategia tende a cercare di battere i concorrenti sulla base del prezzo o della qualità. Ciò la porta a crescere lentamente a patto di non trovarsi in un settore che sta crescendo lentamente, in tal caso la crescita è legata alla fortuna. 3) Offerte eccessive non portano ricavi La domanda da porsi è: «a quota di mercato e la redditività dell azienda riflettono gli investimenti?» Se la risposta è No, il quadro strategico segnala che l azienda sta erogando un offerta eccessiva rispetto a quegli elementi che creano un valore incrementale per gli acquirenti. Per arrivare all innovazione di valore l azienda deve decidere quali fattori eliminare e quali ridurre per delineare una nuova curva di valore. 4) Strategia incoerente Quando la curva del valore presenta un andamento sinusoidale (alto basso periodico) segnala la mancanza di una strategia coerente, probabilmente basata su sottostrategie indipendenti. Questa situazione spesso riflette una struttura organizzativa basata su divisioni o unità funzionali. 5) Contraddizioni strategiche Un esempio può essere quello di un'azienda che investe molto per realizzare un sito facile da utilizzare ma non riesce a rimediare alla sua lentezza. In questo caso l azienda offre un livello alto rispetto a un determinato fattore competitivo mentre ne ignora altri su cui esso è basato. 6) Aziende autoreferenziali Usare linguaggi chiari e comprensibili dalla clientela invece di termini tecnici e spesso incomprensibili ci guida nel capire come l azienda si muove nel mercato, se all interno o all esterno. L azienda che si muove all interno è guidata dalla domanda mentre quella che si muove all esterno è guidata dall operatività. Pagina 9 di 10

10 GLOSSARIO Throughput E la differenza tra il denaro generato attraverso le vendite di un prodotto ed il denaro speso per l acquisto di materie prime direttamente legate alla commessa di quello stesso prodotto, chiamato Inventory. In altre parole il throughput è il valore monetario che un azienda riesce a realizzare svolgendo la propria attività, ovvero la misura dell obiettivo aziendale stesso. Benchmark Il benchmark è un indicatore di scostamento. I benchmark si riferiscono alle varie unità organizzative di una impresa e riguardano prodotti, servizi, processi etc. Nel linguaggio corrente, benchmark possono essere anche le aziende di riferimento (partner) tra quelle analizzate nel corso di un progetto di benchmarking.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: PMI Il mensile della piccola e media impresa, Ipsoa Editore Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 10 di 10

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi?

Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi? Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi? Report paper by Novaxia Corporate Programme Team In un periodo di svolta dopo quello che abbiamo vissuto e che

Dettagli

BLUE OCEAN STRATEGY. Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin

BLUE OCEAN STRATEGY. Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin BLUE OCEAN STRATEGY Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin L innovazione di valore APPROCCIO STRUTTURALISTA I cambiamenti a livello di sistema sono indotti

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1. http://www.sinedi.

ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1. http://www.sinedi. http://www.sinedi.com ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1 L innovazione dei modelli di Business può essere guidata dalla

Dettagli

GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI

GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI UN TAMBURO IN PRODUZIONE GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Organizzazione della produzione L approccio alla gestione della produzione della TOC (Theory of Constraints)

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Camp for Company. Business Model Generation. La strategia

Camp for Company. Business Model Generation. La strategia Camp for Company Business Model Generation La strategia aprile 2013 Mario Farias 1 Non c è un unico modello di business I modelli sono frutto di un attento esame strategico dell ambiente in cui si vuole

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: DEL CONTESTO COMPETITIVO

LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: DEL CONTESTO COMPETITIVO LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: ANALISI DEL MERCATO E DEL CONTESTO COMPETITIVO Prof. Paolo Gubitta Obiettivi dell incontro L incontro si propone di rispondere a queste domande: come si fa a dire

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO. Sara Antico Sara Banci Annalisa De Vitis Nadia Di Pace

GRUPPO DI LAVORO. Sara Antico Sara Banci Annalisa De Vitis Nadia Di Pace GRUPPO DI LAVORO Sara Antico Sara Banci Annalisa De Vitis Nadia Di Pace MATERIALE CONSULTATO W.Cham Kim e Renée Mauborgne, Strategia Oceano Blu. Vincere senza competere P. Kotler e F. Trias de Bes, Il

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

SCG 01 Appunti slides

SCG 01 Appunti slides SCG 01 Appunti slides il successo o l insuccesso del CdG è conseguenza dell adeguatezza o meno al grado di complessità dei problemi di governo d impresa 4 Le carenze nel controllo di gestione. 2 domande:

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Strategie d Impresa R.M. Grant L analisi strategica per le decisioni aziendali Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

www.mauriziovinci.it

www.mauriziovinci.it www.mauriziovinci.it Il mercato impone decisioni rapide ed efficaci, obiettivi chiari e sostenibili, strategie ben strutturate che non lasciano spazio all improvvisazione. Studio di consulenza integrata

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Come leggere un bando

Come leggere un bando Come leggere un bando Prof. Dario A.Colombo Organizzazione dei servizi sociali Progettare il sociale B Materiali tratti da CiesseVi - Milano dalla Formazione per volontari a cura di G. Sordelli 1. Come

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management ASCOLTARE LA VOCE DEL PROCESSO di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management LA VARIABILITÀ ESISTE La comprensione della variabilità da cui sono affetti i processi costitutivi di un sistema

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Business Model Canvas

Business Model Canvas Business Model Canvas I N C O N T R O C O N G L I S T U D E N T I D I I I S R E M O N D I N I S U I M P R E N D I T O R I A L I T A E S T A R T - U P D I M P R E S A 2 3 F E B B R A I O 2 0 1 6 B A S S

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi Illustrare con esattezza la vostra vision e gli obiettivi dell iniziativa, può sembrare ovvio.in realtà molti

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CREAZIONE E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CONOSCENZA ESPLICITA ED IMPLICITA La conoscenza rappresenta quello che in management

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE CONFINDUSTRIA MACERATA SEZIONE TERZIARIO INNOVATIVO SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE Percorsi e tecniche per ridefinire i modelli manageriali delle nostre imprese. Ridurre i costi preservando agilità

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE

ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE PROF.SSA EMANUELA DE CARLO E STEFANIA BARTOLINI A.A. 2013-2014 Libera Università di Lingue e comunicazione IULM Introduzione Il corso di economia delle aziende turistiche

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

La gestione dei reclami

La gestione dei reclami La gestione dei reclami - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via Madonna della Neve, 2/1 24021 Albino (BG)

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence il tuo cruscotto commerciale Business Intelligence OUTSOURCED CHE COSA È? NE HAI BISOGNO? TI FA VENDERE DI PIù? SVILUPPO DELLE VENDITE A+ elabora soluzioni marketing tese allo sviluppo delle vendite. Sappiamo

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento.

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Mario Solerio Partner D.O.C. marketing Di cosa parleremo Cosa intendiamo con cambiamento e le relative dinamiche Come comportarsi nei percorsi di cambiamento

Dettagli

Marketing strategico per le PMI Alcune riflessioni ed esempi

Marketing strategico per le PMI Alcune riflessioni ed esempi Marketing strategico per le PMI Alcune riflessioni ed esempi Claudio Pitilino Bologna, 17 settembre 2013 www.apricot.it c.pitilino@apricot.it Prima decisione: focalizzazione Su che cosa mi focalizzo, su

Dettagli

LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana. Giovedì 26 novembre 2015

LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana. Giovedì 26 novembre 2015 LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana Giovedì 26 novembre 2015 9:45 Polo Tecnologico e startup innovative Nico Cerri 10:00 Dall

Dettagli

Q&Oconsulting s.r.l. Chi siamo Gli ambiti di intervento La struttura divisionale Alcune referenze 2013 > www.qeoconsulting.com

Q&Oconsulting s.r.l. Chi siamo Gli ambiti di intervento La struttura divisionale Alcune referenze 2013 > www.qeoconsulting.com 2013 > Q&Oconsulting s.r.l. Chi siamo Gli ambiti di intervento La struttura divisionale Alcune referenze www.qeoconsulting.com La nostra vision Dal 1996 operiamo nella Consulenza di Direzione Il comportamento

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Introduzione al Marketing

Introduzione al Marketing Introduzione al Marketing Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Cos è il Marketing Il marketing consiste nel realizzare la soddisfazione dei clienti conseguendone un profitto per l

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo GLI INVESTIMENTI COLONNE PORTANTI DELLA CREAZIONE DI VALORE di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo La redditività degli investimenti è sì un obiettivo, ma anche e soprattutto

Dettagli

LA NATURA E LE FONTI DEL VANTAGGIO COMPETITIVO. CAPITOLO SETTIMO Grant R. L analisi strategica per le decisioni aziendali, Il Mulino, Bologna, 1999 1

LA NATURA E LE FONTI DEL VANTAGGIO COMPETITIVO. CAPITOLO SETTIMO Grant R. L analisi strategica per le decisioni aziendali, Il Mulino, Bologna, 1999 1 LA NATURA E LE FONTI DEL VANTAGGIO COMPETITIVO CAPITOLO SETTIMO Grant R. L analisi strategica per le decisioni aziendali, Il Mulino, Bologna, 1999 1 IL VANTAGGIO COMPETITIVO E la capacità dell impresa

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli