1. Introduzione. 2. Principi di Etica professionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Introduzione. 2. Principi di Etica professionale"

Transcript

1 Codice di Condotta Contenuti 1. Introduzione 2. Principi di etica professionale 3. Rapporti esterni 4. Rapporti interni a. Documenti e registrazioni contabili b. Conflitti di interesse c. Beni e risorse aziendali d. Compravendita titoli e quote 5. Politica delle Risorse Umane 6. Prodotti e servizi 7. Mercato e concorrenza 8. Trasparenza e riservatezza delle informazioni 9. Comunicazione ed Applicazione del CdC 10. Appendice - Documenti collegati ( Pol. Ambientale, Pol. della Qualità)

2 1. Introduzione Carlsberg Italia (C.I.), nel rispetto dei valori di Carlsberg A/S, intende adottare i principi fondamentali di etica professionale ed attuarli nei confronti dei propri collaboratori e della Società civile. Carlsberg intende assumersi il dovere di condurre le proprie attività in modo responsabile, a vantaggio di azionisti, collaboratori, clienti, consumatori e dell intera comunità sociale. Questo significa perseguire la conduzione delle nostre attività responsabilmente, nel rispetto di tutte le norme etiche, legali e commerciali, con particolare riferimento a quelle maggiormente rilevanti per il nostro settore di attività. Questo Codice di Condotta (CdC) ha come oggetto l etica professionale ed ha lo scopo di definire un modello di comportamento che individualmente e come gruppo dobbiamo seguire nello svolgimento della nostra attività lavorativa quotidiana. Pertanto, deve rappresentare il costante punto di riferimento per consentire a tutti di svolgere le attività quotidiane correttamente e rigorosamente. Il Codice di Condotta non sostituisce le diverse procedure e regolamenti in essere nella nostra Società, che affrontano con maggior dettaglio alcuni degli argomenti qui richiamati, ma costituisce lo schema fondamentale al quale ogni procedura, istruzione o regolamentazione deve conformarsi. Il management delle entità controllate da C.I. è tenuto a rispettare integralmente le indicazioni contenute in questo Codice. C.I., inoltre, si propone di sensibilizzare tutti i propri interlocutori fornitori, licenziatari, distributori etc. alla massima considerazione dei principi di condotta qui definiti. Il contenuto di questo documento non può comprendere ogni ipotetica situazione nella quale ci potremmo trovare durante lo svolgimento della nostra attività: dobbiamo quindi fare sempre uso della nostra capacità di giudizio e del nostro senso di responsabilità nell applicarne i principi in modo rigoroso ed adeguato alla situazione. In caso ci trovassimo in situazioni che suscitano perplessità circa il rispetto delle Leggi o del CdC, è nostro dovere evitare di procedere e richiedere i necessari chiarimenti alla Direzione Risorse Umane o alla Direzione Affari Legali. 2. Principi di Etica professionale Carlsberg attribuisce la massima importanza ad una condotta etica negli affari. Nel pieno rispetto delle convinzioni personali e della libertà di opinione, la Società individua in alcuni principi fondamentali di comportamento il cuore di tale condotta etica, per la quale tutti i collaboratori di Carlsberg dovranno essere riconosciuti dai propri interlocutori a tutti i livelli

3 Rispetto delle Leggi Ciascun collaboratore è tenuto al rispetto integrale di leggi e norme che regolano la propria attività professionale ed in generale l attività di Carlsberg. Nessuna motivazione aziendale può giustificare l adozione consapevole di un comportamento che viola leggi, norme e regolamenti vigenti. Correttezza ed onestà Ciascun collaboratore è tenuto alla massima correttezza nei confronti dei propri interlocutori e si deve impegnare a corrispondere alle aspettative di onestà attraverso un comportamento coerente, veritiero ed affidabile. Imparzialità Ciascun collaboratore dovrà affrontare tutte le situazioni professionali con il massimo equilibrio, orientando le proprie decisioni sulla base dei fatti, delle evidenze oggettive e delle informazioni verificate, senza assumere posizioni pregiudiziali nei confronti di nessun interlocutore. Riservatezza Ai collaboratori di Carlsberg è richiesta la discrezione necessaria per rispettare la reputazione, la privacy e l immagine della Società stessa e di tutti i colleghi. Le informazioni dovranno essere utilizzate sulla base del principio della necessità di sapere e dovrà esserne verificata la veridicità e completezza prima della diffusione. Tutela degli interessi della Società E preciso dovere di tutti i collaboratori di Carlsberg a qualunque livello tutelare gli interessi della Società in ogni circostanza, indipendentemente dalle proprie convinzioni personali. Tale tutela si deve manifestare nell assunzione di responsabilità e nell intraprendere ogni opportuna iniziativa necessaria per salvaguardare gli interessi di Carlsberg in modo tempestivo ed efficace 3. Rapporti esterni In relazione ai rapporti con interlocutori esterni effettivamente o potenzialmente in relazione d affari con la Società ed ai rapporti con rappresentanti della Pubblica Amministrazione ed enti pubblici in genere, i collaboratori di C.I. dovranno tenere un comportamento improntato alla massima integrità e correttezza, al fine di evitare qualunque circostanza riconducibile a operazioni non regolari o interesse personale. a. Inviti e regali. Un dipendente può accettare occasionalmente inviti a pranzi, cene o manifestazioni di routine da parte di clienti o fornitori di beni e/o servizi o da chiunque desideri entrare in relazione d affari con C.I. I dipendenti C.I. possono accettare occasionalmente regali ed omaggi solo se di valore simbolico e comunque non superiore a 100, anche in occasione di ricorrenze ed anniversari

4 Non possono in nessun caso essere accettati pagamenti in denaro, qualunque sia la forma e l importo. I regali eccedenti quanto sopra, così come i pagamenti (inclusi i viaggi e/o intrattenimenti proposti da fornitori sulla base di campagne commerciali), vanno immediatamente rifiutati o restituiti al mittente, informando dell accaduto la Direzione Affari Legali. Corrispondentemente, nessuna donazione in denaro o omaggio di valore elevato dovranno essere effettuati a dipendenti, collaboratori o rappresentanti di enti pubblici, clienti e fornitori, come pure ad organizzazioni terze nelle quali tali soggetti abbiano interessi a qualunque titolo. Nessuna porzione di prezzo di acquisto di prodotti di C.I. potrà essere restituita ad un cliente in nessuna forma salvo i casi espressamente previsti dalle procedure di C.I. ed in osservanza della vigente normativa. b. Pagamenti. I pagamenti di beni e servizi acquisiti da C.I. debbono essere effettuati esclusivamente a destinatari o designati nel Paese in cui tali destinatari risiedono o mantengono una organizzazione commerciale tramite la quale I beni sono stati venduti o i servizi forniti, salvo i casi espressamente previsti. c. Contributi ed attività politica. I dipendenti debbono partecipare ad eventuali attività politiche al di fuori dell orario di lavoro, a proprie spese ed agendo esclusivamente a titolo individuale. Dovrà sempre essere manifestamente chiaro che il dipendente non esprime il punto di vista di C.I., ma il proprio. Non sono ammessi contributi a partiti politici, esponenti politici o soggetti che ricoprono cariche istituzionali, organizzazioni controllate da partiti politici o comunque ad essi collegate stabilmente. Queste limitazioni non intendono impedire a C.I. eventuali donazioni dall effettuare donazioni ad enti senza scopo di lucro (ONLUS) per finalità umanitarie, sociali, sportive etc., autorizzabili esclusivamente dall Amministratore Delegato di C.I. anche per le Società controllate. 4. Rapporti interni Le attività ed i processi interni di CI devono continuamente assicurare un utilizzo responsabile delle risorse della Società, nell esclusivo interesse della Società stessa. a. Registrazioni contabili. I libri e le registrazioni contabili riguardanti l attività di C.I. e delle Società controllate sono redatti e conservati in conformità alle norme applicabili, alle prassi ed ai principi contabili generalmente accettati e comunque conformi alle specifiche normative vigenti per l Italia. Nei libri contabili ed in tutti i libri obbligatori di C.I. e delle Società controllate non sono riportate registrazioni false o intenzionalmente imprecise, né vengono fatte dichiarazioni false o ingannevoli ai revisori contabili interni od esterni in merito alla contabilità e alla posizione finanziaria di C.I. Tutte le transazioni amministrative vendite, acquisti, pagamenti, investimenti e disinvestimenti devono essere accompagnate da adeguata documentazione con sufficiente

5 dettaglio, devono essere registrate nell appropriato conto e nel periodo previsto per la registrazione. Nessun pagamento, a nessun titolo, deve essere effettuato senza relative ricevuta. L osservanza dei principi contabili adottati da C.I. e delle procedure di controllo interno è richiesta in tutte le transazioni amministrative: tutti i collaboratori di C.I. che sono coinvolti in transazioni amministrative condividono la responsabilità di assicurare il rispetto di questi principi. b. Conflitti di interesse. Un conflitto di interesse si viene a creare nel momento in cui un dipendente di C.I. o di una controllata, oppure un suo familiare entrano in rapporto di affari con una azienda la cui attività potrebbe essere in contrasto con i doveri e le responsabilità del dipendente di C.I. Un conflitto di interesse si verifica anche quando un dipendente ha la possibilità di sfruttare, nel proprio interesse personale o di un amico o parente, la propria posizione all interno di Carlsberg. Carlsberg si aspetta che i dipendenti agiscano con assoluta correttezza, quando si occupano degli affari della stessa. Tutte le decisioni debbono essere prese ad esclusivo vantaggio di Carlsberg ed i dipendenti devono prestare estrema attenzione alle situazioni di potenziale o apparente conflitto tra i propri interessi e legami personali e quelli della Società. Lo scopo delle seguenti norme è di assicurare che nessun conflitto esista fra l attività svolta da un dipendente di C.I. in quanto dipendente ed una sua attività d affari privata esterna a C.I. C.I. mantiene un registro degli interessi economici dei propri dipendenti. L istituzione di questo Registro avviene in conformità con le direttive e la normativa Italiana vigente in materia che prevedono il controllo e la registrazione, da parte di un legale rappresentante della società (o del datore di lavoro), delle situazioni di possibile conflitto tra le attività personali dei propri dipendenti e quelle della Società stessa. Il registro inoltre rende noti fatti specifici che potrebbero aiutare i collaboratori e C.I. a determinare la sussistenza di un conflitto di interesse, così che la Società possa gestire, ridurre o eliminare tale conflitto. Cosa deve essere registrato: i. Qualsiasi relazione di affari fra un dipendente di C.I. e un dipendente (di qualsiasi livello o mansione) di una società che è o potrebbe essere in affari a qualunque titolo - con C.I. o sue dirette concorrenti. Quali relazioni devono essere prese in considerazione: i. Parentela ed affinità con persone coinvolte in affari che potrebbero essere collegati a C.I. ii. Qualsiasi relazione che potrebbe compromettere la capacità del dipendente di C.I. di prendere decisioni in modo obiettivo e nell interesse esclusivo della Società. Quando deve avvenire la notifica: i. Tutti i collaboratori devono essere informati della necessità di registrare i loro interessi economici in possibile conflitto con quelli di C.I. durante il loro periodo di inserimento in

6 azienda e procedere con la notifica di conseguenza, e comunque entro la scadenza del periodo di prova. ii. Gli impiegati sono responsabili di comunicare immediatamente ogni cambiamento relativo agli interessi di cui sopra. Chi deve mantenere il registro: i. La Direzione Risorse Umane deve mantenere il registro e fare in modo che tutti siano a conoscenza della loro responsabilità nel dichiarare i loro interessi. ii. Gli eventuali conflitti accertati verranno affrontati con il collaboratore interessato, garantendo la totale riservatezza Quando si verifica un conflitto di interessi: i. Nel caso in cui un dipendente o un suo familiare occupi un ruolo direttivo, o risulti impiegato, partner o agente in una qualsiasi area di business al di fuori di C.I. che possa condizionare o essere condizionata dalle attività di C.I. ii. Nel caso in cui un dipendente o il coniuge o un componente il nucleo familiare ristretto, possieda più del 5% delle azioni con diritto di voto, oppure possa controllare interessi di qualunque tipo di business che possa essere in conflitto con gli interessi di C.I. iii. Nel caso in cui un dipendente o un suo familiare abbia un qualsiasi interesse (es. diritti legati a un marchio oppure a una formula, magari ricevuti in eredità) in una qualsiasi area di business o specializzazione che possa interferire con l attività di C.I. iv. Nel caso in cui un dipendente o amministratore di Società del gruppo C.I. risulti direttamente od indirettamente anche tra i clienti o i fornitori di C.I., ivi compresi i rapporti di locazione, consulenza, intermediazione o simili In ogni caso, i collaboratori dovranno comunicare preventivamente a C.I. l intenzione di assumere un impiego, un incarico professionale o societario esterni a C.I. Il consenso di C.I. sarà subordinato al fatto che tale impiego o incarico non interferisca con le responsabilità che il dipendente ha assunto nei confronti della Società e quindi non crei situazioni di conflitto di interesse. c. Beni, risorse e informazioni di proprietà di C.I. Nessun collaboratore di C.I., direttamente o per mezzo di terzi, potrà utilizzare beni o risorse di CI, né informazioni interne e/o riservate a C.I. per propri interessi personali o per realizzare profitti economici per se stesso o per qualunque soggetto diverso da C.I. Le risorse informatiche di Carlsberg, incluso il sistema di posta elettronica, non devono essere utilizzate per fini non aziendali. I dipendenti potranno utilizzare occasionalmente il sistema a scopo personale, ma tale impiego deve essere ridotto al minimo. In nessun caso il sistema di posta elettronica, gli archivi elettronici, le infrastrutture di telecomunicazione ed ogni altra risorsa informatica di Carlsberg dovranno essere usati per lo svolgimento di attività illegali, né per comunicare o detenere materiale offensivo, osceno o di natura politica. Carlsberg rispetta le leggi e le norme sul copyright ed osserva i termini e le condizioni dei contratti di licenza ai quali ha aderito. In particolare, i dipendenti non devono copiare, rivendere o trasferire il software e la relativa documentazione illustrativa se non autorizzati da un contratto di licenza software

7 E vietato installare sui computer dell azienda qualunque software, anche legittimamente acquisito, senza il preventivo consenso e l assistenza della funzione Sistemi Informativi (IT). d. Compravendita titoli e quote di Società terze Posto che l insider trading è un comportamento vietato dalla legge, è contrario ai principi di Carlsberg che i propri dipendenti traggano profitto da informazioni non ancora rese pubbliche relative a Carlsberg o a qualunque Società con cui Carlsberg abbia rapporti d affari. Fino a quando non siano state rese pubbliche, le informazioni sostanziali riguardanti l attività di Carlsberg, inclusi i progetti, i risultati positivi i negativi, e le decisioni degli amministratori sono considerate informazioni interne e quindi riservate. Le informazioni interne sono sostanziali se sono ragionevolmente in grado di influenzare la decisione di una persona di acquistare, vendere o conservare le azioni o le quote di una Società. Un dipendente in possesso a motivo del proprio ruolo di informazioni interne che potrebbero ripercuotersi sul prezzo delle azioni di Carlsberg non potrà comprare o vendere azioni di Carlsberg, né consigliare queste attività ad altri. Il divieto di cui sopra a carico dei dipendenti Carlsberg di acquistare, vendere o consigliare titoli azionari vale anche per le Società con cui Carlsberg ha rapporti d affari, qualora il dipendente possieda informazioni riservate che potrebbero influenzare in modo sostanziale il prezzo delle azioni di tale Società. 5. Politica delle Risorse Umane Carlsberg aspira ad avere collaboratori dinamici, dotati di talento, appassionati al loro lavoro ed all azienda. In particolare Carlsberg vuole avere collaboratori che siano Attenti al mercato e concentrati sul cliente e sul consumatore Onesti, ambiziosi, responsabili ed innovativi In grado di migliorare continuamente a. Pari opportunità Carlsberg adotta una politica di gestione dei collaboratori che eviti qualunque discriminazione sul luogo di lavoro basata su razza, sesso, orientamento sessuale, lingua, religione, orientamento politico, nazionalità ed età. In ogni unità operativa debbono essere utilizzate procedure che assicurino che assunzioni e promozioni avvengano esclusivamente sulla base delle capacità e delle qualifiche professionali degli individui e non sulla base di caratteristiche personali non attinenti alla sfera professionale. Nessuna assunzione o promozione potrà avvenire senza l approvazione della funzione Risorse Umane. b. Salute e sicurezza Ai dipendenti di Carlsberg devono essere assicurate idonee condizioni di sicurezza attiva e passiva. I rischi di incidenti, lesioni e danni alla salute devono essere sempre prevenuti ed eliminati ovunque possibile. Verifiche periodiche delle condizioni di sicurezza e salubrità degli ambienti di lavoro debbono essere condotte regolarmente e debbono essere adottate tempestivamente le eventuali azioni correttive. Inoltre, il personale addetto alla vigilanza dovrà

8 attenersi alle istruzioni ricevute ed adottare sempre un comportamento corretto e rispettoso verso tutti. c. Diritti di rappresentanza Carlsberg rispetta il diritto fondamentale dei dipendenti di esprimere propri rappresentanti, aderire alle organizzazioni di rappresentanza costituite e negoziare su base collettiva nelle materie previste dalla normativa vigente. Tutti i responsabili delle unità operative della Società sono tenuti al rispetto di questo principio e dell integrale applicazione delle norme sulla rappresentanza sindacale. d. Informazioni personali Le informazioni che riguardano i dipendenti di Carlsberg e delle Società controllate devono essere raccolte e trattate nel pieno rispetto delle norme sulla privacy applicabili. Le informazioni sui dipendenti non devono essere comunicate a terzi, se non per valide e legittime ragioni. e. Condizioni di impiego Politica retributiva Fatte salve le norme contrattuali in materia, Carlsberg applicherà una politica retributiva finalizzata ad allineare le retribuzioni dei dipendenti alle condizioni medie di mercato in relazione alla professionalità, alla posizione ed alla prestazione Sviluppo del personale Carlsberg intende investire continuamente per lo sviluppo dei propri collaboratori attraverso opportunità di acquisire nuove conoscenze, capacità e competenze nella misura in cui questo contribuisce anche alla crescita ed al miglioramento dei risultati della Società Termine dell impiego Nei processi di dismissione significativa di personale, Carlsberg si impegna ad adottare soluzioni concordate che tengano conto delle prassi adottate nel settore in cui la Società opera. 6. Prodotti e servizi a. Clienti, fornitori, concorrenti Carlsberg rispetta gli impegni contrattualmente assunti con i propri clienti e fornitori. Dichiarazioni, comunicazioni, informazioni e certificazioni fornite a clienti e fornitori devono essere veritiere e corrette. Carlsberg non denigra i prodotti, servizi o dipendenti dei propri concorrenti o fornitori. Qualora Carlsberg compia dei paragoni tra propri prodotti o servizi e quelli dei concorrenti, tali raffronti saranno improntati alla massima correttezza. b. Omaggi e campioni gratuiti Carlsberg commercializza i propri prodotti e servizi sulla base delle prestazioni, della qualità e del prezzo degli stessi. Carlsberg proibisce qualunque utilizzo di metodi scorretti atti ad influenzare i propri clienti o potenziali clienti, quali regali o intrattenimenti inusuali in

9 termini di valore o frequenza. I regali aziendali Carlsberg devono sempre essere tali da rappresentare una dimostrazione di cortesia ragionevole e consueta negli affari. I regali ed intrattenimenti aziendali, come sopra definiti, devono essere decisi esclusivamente dalla direzione di Carlsberg e delle controllate. c. Sponsorizzazioni. I contratti di sponsorizzazione possono essere perfezionati esclusivamente se previsti nel budget annuale e se approvati dalla Direzione competente. Le attività oggetto della sponsorizzazione devono essere congruenti con l immagine e l attività del gruppo C.I. d. Ambiente e Qualità Carlsberg è impegnata a fornire prodotti di assoluta eccellenza qualitativa, operando nel pieno rispetto dell ambiente. Questo impegno è stato esplicitato in un documento di Politica Ambientale ed in un documento di Politica della Qualità, i cui contenuti impegnano tutti i collaboratori di Carlsberg. Questi documenti sono riportati in Appendice al presente Codice e ne costituiscono parte integrante. 7. Mercato e concorrenza Carlsberg si attiene allo scrupoloso rispetto delle norme sulla concorrenza ed antitrust. E pertanto proibito qualunque comportamento anticoncorrenziale ai sensi delle vigenti norme sulla concorrenza ed antitrust quali, a titolo esemplificativo: colloqui, comunicazioni, accordi o intese con un concorrente in merito a prezzi, politiche di determinazione dei prezzi, sconti, promozioni, termini e condizioni di vendita, acquisti, mercati territoriali, costi di produzione, distribuzione etc. I colloqui con i concorrenti sono consentiti solo nelle associazioni di categoria e gli argomenti di discussione non dovranno mai entrare in questioni che violino le norme sulla concorrenza e/o antitrust. La Direzione Affari Legali e Societari è a disposizione di tutti i dipendenti per fornire gli ulteriori chiarimenti necessari, qualora occorresse una indicazione più approfondita in relazione a specifici casi. 8. Trasparenza e riservatezza delle informazioni Ai fini del presente Codice, il termine informazioni riservate si riferisce ad informazioni tecniche, commerciali, finanziarie, organizzative o di altro genere appartenenti a Carlsberg (incluse le informazioni che Carlsberg abbia ricevuto da terzi con l obbligo di mantenerle riservate). Ciò sia che si tratti di informazioni scritte, orali o sotto forma di dati informatici, o qualunque altro genere di informazioni che per il loro contenuto o per la loro natura non sono destinate ad essere portate a conoscenza di terzi estranei alla Società. Non sono informazioni riservate tutte quelle che sono contenute in documenti distribuiti al pubblico (quali ad esempio brochure e depliant commerciali o tecnici) o destinate ad essere depositate presso pubblici registri (come i dati contenuti nei bilanci) o ad essere pubblicate su mezzi di informazione (come le informazioni contenute nelle note per la stampa redatte dalla Società)

10 Le informazioni riservate devono essere utilizzate esclusivamente per fini aziendali. Ogni dipendente deve trattare tutte le informazioni riservate con la massima attenzione ed il massimo riserbo, al fine di evitarne l indebita diffusione. Nel trattare queste informazioni è necessario agire con diligenza e buon senso, prestando particolare attenzione alle situazioni in cui dette informazioni potrebbero essere involontariamente rivelate. 9. Comunicazione ed applicazione del Codice di Condotta Il Codice di Condotta si applica a tutto il gruppo C.I. e specificamente a tutte le Società controllate. Ciascun collaboratore nell ambito del gruppo C.I., ivi incluso le Società controllate, ha la responsabilità di riferire tutte le circostanze ed i comportamenti che in modo effettivo o potenziale costituiscano una violazione del presente Codice, e di mettere in atto ove possibile le azioni correttive necessarie per prevenire il ripetersi di tali violazioni. In ogni caso, le violazioni al CdC dovranno essere comunicate alla Direzione Risorse Umane o alternativamente alla Direzione Affari Legali. Queste ultime valuteranno le circostanze, effettueranno le necessarie verifiche, e determineranno l adozione dei provvedimenti del caso. Le segnalazioni di violazione del Cdc verranno trattate in forma assolutamente anonima, ma possono essere considerate soltanto se di provenienza certa. I contenuti del presente CdC vengono resi noti a tutti i collaboratori del gruppo C.I. mediante consegna personale e pubblicazione sulla rete informatica aziendale. Le prescrizioni contenute nel presente CdC hanno la natura di norme disciplinari aziendali, anche ai sensi dei vigenti Contratti Collettivi, e debbono pertanto essere osservate da tutti i dipendenti di C.I. Entro il 31 Gennaio di ogni anno e con riferimento all anno precedente, tutti i Dirigenti di C.I. e delle Società controllate dovranno confermare di avere rispettato e preteso il rispetto dai propri sottoposti di quanto prescritto dal presente CdC, mediante la sottoscrizione di una dichiarazione di adempimento. La redazione, l invio, la raccolta e la conservazione di tali dichiarazioni è responsabilità della Direzione Risorse Umane. C.I. si riserva di effettuare verifiche e controlli in merito al rispetto delle norme contenute nel CdC, riportando I risultati alla Direzione generale del gruppo. 10. Appendice Politica Ambientale Politica della Qualità Aggiornamento: Dicembre

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 A tutti i dipendenti e collaboratori Oggetto: diffusione del Codice

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo Codice Etico e di Condotta Aziendale Noi ci impegnamo La Missione di Bombardier La nostra missione è essere leader mondiali nella produzione di aerei e treni. Ci impegniamo a fornire ai nostri clienti

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Contenuti Introduzione 3 I valori del gruppo Value Partners 4 Le linee guida della nostra condotta verso gli stakeholder 5 Verso

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO #DAI UN BACIO SOGGETTO PROMOTORE Società R.T.I. SpA, con sede legale a Roma, Largo del Nazareno 8 e con sede amministrativa in Cologno Monzese (MI) viale Europa

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Termini di servizio di Comunicherete

Termini di servizio di Comunicherete Termini di servizio di Comunicherete I Servizi sono forniti da 10Q Srls con sede in Roma, Viale Marx n. 198 ed Ancitel Spa, con sede in Roma, Via Arco di Travertino n. 11. L utilizzo o l accesso ai Servizi

Dettagli

Linee guida di condotta aziendale

Linee guida di condotta aziendale Linee guida di condotta aziendale INTEGRITÀ RISPETTO FIDUCIA RICERCA DELL ECCELLENZA CLIENTI DIPENDENTI PARTNER COMMERCIALI FORNITORI AZIONISTI COMMUNITÀ AMBIENTE SOMMARIO Linee guida di condotta aziendale

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Autodesk Inc. United States 111 McInnis Parkway San Rafael CA 94903 www.autodesk.com Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Le licenze del software Autodesk sono in genere non trasferibili,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione CONDIZIONI D'USO 1. Accesso al sito L'accesso al sito www.stilema-ecm.it è soggetto alla normativa vigente, con riferimento al diritto d'autore ed alle condizioni di seguito indicate quali patti contrattuali.

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli