Lo straordinario progresso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione elettronica sono

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo straordinario progresso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione elettronica sono"

Transcript

1 Modulo 1 CONCETTI DI BASE DELLE TECNOLOGIE ICT 1.5) IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Il computer al lavoro Mondo elettronico Sei alla diapositiva 146 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO La società dell informazione Lo straordinario progresso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione elettronica sono alla base di un radicale mutamento t della dll nostra società, itànon a caso denominata società dell'informazione. Ormai gli strumenti informatici fanno parte della nostra vita quotidiana. Il loro ruolo iniziale di strumenti specializzati, gestiti da specialisti, si è profondamente trasformato a seguito della nascita e della diffusione del personal computer impiegato in contesti differenti sia a casa che sul lavoro. La società dell'informazione si basa quindi sulla produzione di servizi immateriali anziché di beni tradizionali. Da qui nasce anche la contrapposizione tra Nuova Economia (fondata sullo sfruttamento del patrimonio di conoscenza astratta e virtuale, quale quelle che si possono acquisire tramite internet) ed Economia tradizionale (che si basa invece sul tradizionale patrimonio materiale). Sei alla diapositiva 147 1

2 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO SAPERE QUANDO È UTILE Le attuali aree di impiego del computer sono fortemente differenziate, grazie all'estrema versatilità che lo caratterizza e che lo rende adatto a una notevole gamma di applicazioni. La sua notevole velocità di elaborazione lo rende più efficace di una persona quando diventano determinanti fattori quali: rapidità nell eseguire i lavori precisione capacità di esecuzione di lavori ripetitivi capacità di gestione di grandi quantità di dati capacità di integrazione di dati di tipo diverso capacità di archiviazione per lunghi periodi di tempo. Sei alla diapositiva 148 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO SAPERE QUANDO È UTILE In quanto macchina che dipende dall uomo per la sua programmazione, il computer, ha una serie di limiti: mancanza di intelligenza autonoma mancanza di creatività difficoltà ad affrontare temi nuovi difficoltà nei lavori non ripetitivi difficoltà a gestire dati non strutturati possibilità di guasti. Bisogna quindi tenere conto che ci sono settori e attività dove il computer non può sostituire l uomo: produzione creativa; progettazione; attività decisionali; sono tutte attività che possono essere supportate ma non sostituite dal computer! Sei alla diapositiva 149 2

3 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO SAPERE QUANDO È UTILE Il computer trova anche applicazioni nelle quali operare in modo autonomo senza intervento umano: automazione delle linee di produzione gestione e integrazione degli strumenti di laboratorio controllo di accessi gestione di apparecchiature monitoraggio ambientale monitoraggio di situazioni critiche. Il computer inoltre offre un significativo contributo ai disabili con strumenti quali: stampa dei caratteri braille tastiera braille collegate al personal computer lettori di monitor tramite impulsi sui polpastrelli comandi vocali e riconoscimento vocale. Sei alla diapositiva 150 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO SAPERE QUANDO È UTILE La nuova società presenta nuovi tipi di vulnerabilità. Ad esempio nel passaggio al nuovo millennio i si è temuto per l impatto del millenium bug, detto Y2K o problema dell anno Sono stati necessari ingenti investimenti per adeguare un gran numero di programmi di base e applicativi all anno a otto cifre anziché sei. Analogamente, grandi investimenti sono stati necessari per il passaggiodallalira lira, che non prevede cifre decimali, all euro. I nuovi sistemi informatici e telematici sono soggetti inoltre alle azioni fraudolente dei nuovi pirati informatici, gli hacker, in grado di paralizzare i sistemi informatici e telematici o di usarli per compiere crimini. Sei alla diapositiva 151 3

4 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO APPLICAZIONI DI UFFICIO Una delle aree attualmente in fase di grande sviluppo, è quella dell Office Automation (Automazione d'ufficio) che è caratterizzata dall'uso di strumenti e software appositamente t studiati tiper fornire un supporto all esecuzione di compiti ripetitivi e per rendere più efficienti e rapide le comunicazioni. Fanno parte di questa area strumenti per: l elaborazione di testi la creazione e gestione di banche dati l'utilizzo dei fogli di calcolo elettronici, per svolgere elaborazioni su tabelle di dati la creazione e l'erogazione di presentazioni di tipo multimediale le elaborazioni grafiche la gestione della posta elettronica Il desktop publishing Il desktop publishing, in particolare, permette di realizzare pubblicazioni di bassa tiratura ed elevata qualità, integrando testi, immagini, disegni, con evidenti vantaggi sia nei costi che nella velocità di pubblicazione. Sei alla diapositiva 152 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO in Azienda Nella gestione aziendale rivestono un ruolo importante: i sistemi EIS (Executive Information System) che forniscono alla direzione un quadro sintetico sull andamento globale dell azienda; i sistemi DSS (Decision Support System) che forniscono informazioni utili per prendere decisioni. Le applicazioni gestionali riguardano aree applicative quali: l amministrazione la contabilità clienti e fornitori la gestione del personale la fatturazione la razionalizzazione i nella gestione dl del magazzino la gestione dei lavori la gestione degli ordini e delle consegne. I principali vantaggi dell automatizzazione in azienda sono la riduzione di costi e la tempestività di esecuzione. Sei alla diapositiva 153 4

5 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO in Fabbrica In fabbrica il computer è utilizzato in molte delle fasi del processo produttivo: nella progettazione, con l utilizzo di programmi CAD (Computer Aided Design) nel controllo delle linee di produzione, con i programmi CAM (Computer Aided Manifacturing) nella fase produttiva con l'impiego di robot nella gestione delle scorte del magazzino nel calcolo e nella simulazione, in fase di progettazione e di test finale. I principali vantaggi dell automatizzazione in fabbrica sono: la riduzione di costi e dei tempi di podu produzioneo la qualità dei prodotti la gestione della produzione su commessa la precisione della produzione Sei alla diapositiva 154 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO in Banca In Banca il computer svolge un ruolo importante nell erogazione dei servizi. Per accedere ai servizi bancari, ci si può rivolgere agli sportelli tradizionali, a quelli con funzioni self service, ai servizi a domicilio dell home banking o ai servizi telefonici. Strumenti importanti per l identificazione dell utente, nelle applicazioni selfservice, sono la tessera a banda magnetica, tipo Bancomat e la smart card (carta a microchip). Quest ultimo tipo di carta sta assumendo un ruolo sempre più importante poiché il microchip è difficilmente falsificabile ed è in grado di memorizzare una maggiore quantità di dati. L utilizzo del computer permette la gestione del conto corrente, delle transazioni e consente di effettuare trasferimenti di fondi in formato elettronico. La gestione computerizzata, con accesso in selfservice ai servizi, garantisce l efficienza del servizio richiesto, il funzionamento di tale servizio 24 ore al giorno per 365 giorni l anno, la rapidità nell effettuazione delle operazioni e assicura esattezza e precisione. Sei alla diapositiva 155 5

6 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO in Banca Nei servizi bancari utilizzati dall utente una particolare attenzione riguarda la sicurezza. Difatti una tipica transazione presso un terminale selfservice prevede: il riconoscimento dell utente tramite tessera, che riporta il suo codice di identificazione; la digitazione del numero personale (PIN), che garantisce l'utilizzo della tessere da parte del suo titolare; l'inserimento dei dati della transazione; il collegamento al sistema it informativo della dll banca dell utente, t in grado di erogare il servizio; la verifica dell operazione; l'eventuale aggiornamento dei dati sulla tessera. Sei alla diapositiva 156 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO nelle Assicurazioni Nelle Assicurazioni il computer può essere utilmente impiegato per: gestire i contratti calcolare i premi delle polizze gestire le tariffe bonus malus e le varie categorie di sconto gestire le scadenze dei contratti e dei pagamenti liquidare i danni. Inoltre, l archivio dei sinistri, gestito in modo elettronico, può costituire un valido strumento per individuare eventuali truffe. Sei alla diapositiva 157 6

7 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO al Supermercato Al Supermercato, la gestione automatica delle casse è facilitata dall utilizzo dei codici a barre, presenti sulle confezioni dei prodotti. L operazione può essere completata con il pagamento tramite Bancomat o carta di credito. L impiego del codice a barre riduce il tempo di attesa alle casse e permette di produrre scontrini di facile lettura con indicato il nome dei prodotti acquistati ed i relativi costi. Il grande vantaggio è che l etichettatura tt t di dei prodotti viene completamente lt t eliminata i e diventa semplice la gestione automatica del magazzino con evidente riduzione dei costi di gestione. Sei alla diapositiva 158 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO in Aeroporto In Aeroporto i sistemi informatici vengono utilizzati per la prenotazione dei voli e per l acquisto dei biglietti di viaggio. Consentono inoltre di effettuare: le operazioni di check in con il riscontro delle prenotazioni la stampa delle carte di imbarco la verifica dei passeggeri la gestione delle liste di attesa le operazioni per la sicurezza il controllo del traffico aereo. Sei alla diapositiva 159 7

8 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO in Albergo In Albergo il computer viene impiegato per: la gestione degli ospiti la gestione amministrativa le prenotazioni la gestione di servizi ausiliari quali la sveglia l avviso di comunicazioni la gestione automatica degli impianti Sei alla diapositiva 160 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Pubblica Amministrazione Da diverso tempo Pubblica Amministrazione sta erogando i propri servizi attraverso una serie di strumenti che includono: lo sportello tradizionale presidiato da un impiegato lo sportello self service la rete Internet i risponditori telefonici vocali. Rispetto allo sportello tradizionale, lo sportello self service velocizza il rilascio di certificati, l accettazione di domande, fornisce informazioni sui servizi e semplifica il pagamento di tasse e contributi. L attivazione di questi servizi può essere effettuata tramite un documento di riconoscimento elettronico come la carta di identità elettronica registrata su una smart card. La carta elettronica può essere di tipo polifunzionale, utilizzabile cioè per più applicazioni, compresi eventuali sistemi di pagamento elettronici. Sei alla diapositiva 161 8

9 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO in Biblioteca In Biblioteca, il computer consente di gestire in modo automatico numerose attività tra cui: la catalogazione la gestione dei prestiti e delle prenotazioni delle opere non disponibili, la gestione dei prestiti tra biblioteche. Sei alla diapositiva 162 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Servizi ambulatoriali L uso del computer snellisce la gestione dei Servizi Ambulatoriali nelle prenotazioni e nelle prestazioni, nella compilazione di cartelle cliniche e nella telemedicina. I laboratori gestiscono con il computer gli strumenti di analisi e di diagnosi. L impiego del computer migliora l efficienza del servizio medico, garantisce la qualità delle analisi, permette la gestione della storia clinica del paziente, offre possibilità di assistenza a domicilio e di teleconsulti. Sei alla diapositiva 163 9

10 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Istruzione Nell ambito dell Istruzione il computer facilita l apprendimento autodidattico, offre sistemidiautovalutazione, consente l istruzione a distanza, laprogettazioneassistita assistita e la simulazione. Per lo sviluppo di corsi elettronici vengono impiegati software specializzati, denominati CBT (Computer Based Training). A livello specialistico e di studi, il computer apporta un aiuto sostanziale alla scienza nel calcolo e nella ricerca e permette di accedere a una grande quantità di informazioni di tipo bibliografico. Con l utilizzo del computer, alla qualità didattica si affiancano l abbreviazione nei tempi di apprendimento e un impostazione personalizzata dello studio, funzionale al livello di partenza e alle conoscenze dello studente. Sei alla diapositiva 164 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Istruzione Occorre però tener presente alcuni svantaggi: dialogo non completo tra docente e allievo limitazione delle risposte nella autovalutazione mancanza di rapporto personale tra docente e allievo. Nella formazione, un ruolo fondamentale viene svolto dal Libro Elettronico, che può essere su CD ROM o DVD o via Internet. I vantaggi del libro elettronico sono: la possibilità di utilizzare la multimedialità la possibilità di interattività con il lettore i bassi costi sia di produzione che di distribuzione la facilità di conservazione. Gli svantaggi sono sostanzialmente legati alla necessità di utilizzare uno strumento informatico per la lettura. Per gli editori esiste inoltre il pericolo della violazione dei diritti d autore con la produzione illegale di copie. Sei alla diapositiva

11 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO a Casa Anche in casa il computer ha trovato un proprio ruolo: come supporto allo studio per i giochi per l ascolto di musica e la visione di filmati per gestire la corrispondenza e il bilancio familiare come segreteria telefonica e fax. Con il diffondersi dei servizi Internet il computer viene inoltre utilizzato per la posta elettronica, per ricercare informazioni in rete, per partecipare a gruppi di discussione a distanza e per fare prenotazioni o acquisti da casa. Sei alla diapositiva 166 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO a Casa Telelavoro Un altra area di applicazione è il telelavoro, ossia l attività lavorativa svolta direttamentedallapropria dalla abitazione. Inquestocasoilcomputer computer fornisce unadeguato supporto e garantisce le comunicazioni con l'azienda. I vantaggi legati a tale soluzione sono: flessibilità di orario, in quanto il lavoratore può pianificare in proprio la propria attività; eliminazione dei tempi di trasferimento tra la casa e l ufficio. Gli svantaggi sono legati alla riduzione dei contatti personali e alla minore partecipazione al lavoro di gruppo. Sei alla diapositiva

12 Modulo 1 CONCETTI DI BASE DELLE TECNOLOGIE ICT 1.5) IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Il computer al lavoro Mondo elettronico Sei alla diapositiva 168 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Lezione Mondo elettronico POSTA ELETTRONICA La posta elettronica è probabilmente il fattore che ha maggiormente contribuito alla diffusione dell'utilizzo di Internet da parte di un notevole numero di persone che prima non se ne servivano affatto o non erano neanche al corrente della sua esistenza. COME FUNZIONA LA POSTA ELETTRONICA? Ad ogni utente viene fornita dal Provider una personale casella di posta elettronica (mail box), dalla quale è possibile inviare/ricevere dei messaggi. Alla casella corrisponde un indirizzo, espresso in questo modo: dove il (dall'inglese at, cioè presso) comunemente detto chiocciola, separa il nome dell'utente (utente) dall'identificativo del provider (dominio), infine è indicato l'identificativo del paese (it), l'italia nella fattispecie. Sei alla diapositiva

13 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Lezione Mondo elettronico POSTA ELETTRONICA Grazie alla posta elettronica è possibile inviare rapidamente messaggi ad un utente t di Internet, t ovunque egli si trovi. Inoltre, ad ogni messaggio è possibile allegare qualsiasi file: un documento, un'immagine, un programma, ecc.. È questo il motivo per il quale la posta elettronica è il servizio offerto da Internet più adoperato ed è ormai uno strumento di comunicazione indispensabile per milioni di persone. Sei alla diapositiva 170 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Lezione Mondo elettronico POSTA ELETTRONICA L uso della Posta Elettronica presuppone l osservanza di alcune regole nel rispetto degli utenti destinatari che vanno sotto il nome di Netiquette. La Netiquette è un insieme di regole comportamentali da rispettare nella comunicazione Internet, una sorta di galateo della rete, coordina e regolamenta tutte le forme di comunicazione in rete ed anche quindi la posta elettronica. Le norme di questo codice di comportamento sono fondamentali per una giusta, valida ed efficace utilizzazione di Internet. Sei alla diapositiva

14 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Lezione Mondo elettronico MAILING LIST Le mailing list si potrebbero definire gruppi di discussione su argomenti ben specifici e determinati, coordinati da un Server apposito. Un certo numero di persone sono iscritte alla Mailing List Giornalmente un determinato numero di iscritti decide di mandare un messaggio alla lista I messaggi ricevuti vengono smistati dal listserver ad ogni utente iscritto, per cui il messaggio che ciascuno ha mandato viene ricevuto da tutti gli altri iscritti Talvolta i messaggi sono preventivamente sottoposti ad esame da un moderatore, allora si parla di lista moderata, altre volte sono smistati in modo del tutto casuale, automatico ed allora si parla di lista non moderata. Sei alla diapositiva 172 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Lezione Mondo elettronico NEWSGROUP Altro servizio offerto da Internet è costituito dai "newsgroup" o "gruppi di discussione", ai quale tutti possono accedere: è sufficiente disporre di un software specifico (newsreader), che può essere anche lo stesso browser. I NEWSGROUP SONO SPAZI NEI QUALI ESPRIMERE LA PROPRIA OPINIONE E CONOSCERE QUELLA DEGLI ALTRI La differenza fra una Mailing list ed un Newsgroup è che nella prima tutti i messaggi si ricevono nella propria mail-box, mentre nella seconda occorre consultare appositamente l elenco dei messaggi inviati iati al gruppo. Potremmo idealmente paragonare un Newsgroup ad una sorta di grande bacheca elettronico-virtuale. I newsgroup rappresentano anche un modello al quale si ispirano le forme di collaborazione in rete che possono nascere all'interno di un'azienda. Sei alla diapositiva

15 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Lezione Mondo elettronico CHAT LINE Una forma di comunicazione sempre maggiormente diffusa è costituita dalle chat-line line, le quali permettono di comunicare in tempo reale con altri utenti della rete. A differenza di quanto avviene nella posta elettronica e nei newsgroup in una chat-line la comunicazione non avviene in differita ma in tempo reale, in quanto ciò che si scrive viene immediatamente visualizzato sullo schermo degli altri utenti e viceversa. Tramite le chat si può comunicare con una sola persona oppure scegliere di partecipare ad una conversazione tra più persone. Il vantaggio che offrono è dato dall'opportunità di parlare anche per ore con una persona che si trova all'altro capo del mondo al costo di una telefonata urbana! Sei alla diapositiva 174 UD 1.5: IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Lezione Mondo elettronico F T P Uno strumento molto utile per lo scambio di informazioni e di dati è il trasferimento di file. Questa forma di comunicazione consente di copiare qualsiasi file da un computer ad un altro, purché entrambi siano collegati ad Internet! Lo scambio di dati è regolamentato dal protocollo FTP, ossia il File Transfer Protocol. I visitatori possono consultare il contenuto dell'archivio, scegliere ciò che li interessa ed effettuare il prelievo ed il download del file in questione sul proprio hard disk. In genere è consentito anche l operazione contraria, ossia l upload che consiste nell invio di file dal proprio computer a quello dell'ospite (Host). Sei alla diapositiva

16 Modulo 1 CONCETTI DI BASE DELLE TECNOLOGIE ICT 1.6) SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Ergonomia Salute Precauzioni Ambiente Sei alla diapositiva 176 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia ERGONOMIA L'ergonomia è l'insieme degli studi e delle analisi sull'organizzazione razionale del lavoro in funzione delle possibilità psico-fisiche dell'uomo. Il suo scopo è quello di stabilire le soluzioni in grado di tutelare la salute del lavoratore, nell'interazione tra l uomo, le macchine e l'ambiente, e di conseguenza accrescere l'efficienza e la sicurezza sul posto di lavoro. Dal punto di vista legislativo il decreto legge 626 del 19/09/1994 si occupa della protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti dal lavoro ai videoterminali. L allegato VII della stessa legge fissa le prescrizioni minime per attrezzature ed ambiente nelle situazioni di lavoro che prevedono l uso del computer. Sei alla diapositiva

17 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia (attrezzature) ERGONOMIA: d.l. 626/94 all. VII (attrezzature) Le attrezzature in genere non devono essere fonte di rischi per il lavoratore: SCHERMO i caratteri devono essere chiari i e ben definiti; iti l immagine sullo schermo deve essere stabile senza sfarfallii; lo schermo deve avere le regolazioni riguardanti luminosità e contrasto e deve essere orientabile ed inclinabile TASTIERA deve essere inclinabile e distaccata dallo schermo; lo spazio davanti alla tastiera deve essere sufficiente per consentire l appoggio di braccia e mani; deve essere di colore opaco per evitare riflessi e i simboli devono essere contrastati in modo da essere leggibili; PIANO DI LAVORO deve essere di dimensioni sufficienti e consentire una buona disposizione di schermo, tastiera e materiali accessori; SEDILE DI LAVORO deve essere stabile e consentire una certa libertà di movimento; deve avere la regolazione sia dell altezza che dello schienale. Sei alla diapositiva 178 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia (ambiente) ERGONOMIA: d.l. 626/94 all. VII (ambiente) SPAZIO il posto di lavoro deve essere ben dimensionato in modo che ci sia spazio sufficiente per permetter cambiamenti di posizione; ILLUMINAZIONE deve essere sufficiente e creare un adeguato contrasto tra schermo e ambiente; devono essere evitati abbagliamenti e riflessi sullo schermo; RIFLESSI E ABBAGLIAMENTI fonti luminosi come finestre, aperture, pareti trasparenti ecc., non devono produrre riflessi e abbagliamenti; RUMORE stabiliti; CALORE il rumore emesso dalle attrezzature del posto di lavoro non deve superare i limiti le attrezzature del posto di lavoro non devono produrre eccessivo calore; Sei alla diapositiva

18 Modulo 1 CONCETTI DI BASE DELLE TECNOLOGIE ICT 1.6) SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Ergonomia Salute Precauzioni Ambiente Sei alla diapositiva 180 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia COMPUTER E SALUTE I computer costituiscono un rischio per la salute per le dannose conseguenze che possono determinare a livello della vista, dell'apparato muscolare e scheletrico, del sistema nervoso. Le problematiche ed i rischi legati al lavoro davanti al terminale costituiscono l'oggetto dell'intero articolo 54 sempre della legge 626/94 in materia di protezione dei lavoratori. Sei alla diapositiva

19 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia COMPUTER E SALUTE Trascorrere svariate ore di tempo davanti al monitor può causare disturbi dell'apparato visivo i e dare luogo a diverse patologie: disturbi della vista; sindrome da fatica visiva; mal di testa o emicranie. Tali disturbi hanno come cause principali: le cattive condizioni di illuminazione; lo sforzo ottico prolungato; eventuali difetti della vista già preesistenti. La presenza di fattori circostanti sfavorevoli, come il fumo della sigaretta, può influire ed accentuare questi disturbi. Sei alla diapositiva 182 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia COMPUTER E SALUTE Trascorrere un lasso di tempo prolungato davanti al computer richiede l'assunzione di una posizione statica e spesso la necessità di compiere movimenti ripetitivi. La notevole concentrazione, che di solito è richiesta per questo tipo di lavoro, determina l'accentuazione della rigidità delle posture assunte dal lavoratore. Da tutto ciò possono derivare disturbi di varia natura ed entità alle parti del corpo che restano maggiormente esposte (collo, spalle, colonna vertebrale, schiena) ed a quelle soggette a movimenti ripetitivi (braccia e mani). Sei alla diapositiva

20 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia COMPUTER E SALUTE Da un uso prolungato del computer possono derivare varie reazioni del sistema nervoso, che vanno dal normale affaticamento mentale, determinato dalla concentrazione prolungata, a vere e proprie crisi nervose, causate dal tipo di lavoro, particolarmente ripetitivo, o dallo stress di una difficoltosa interazione con la macchina. Il "surmenage" mentale può causare: mal di testa; irritabilità; insonnia; ansia; depressione. In tal senso, i principi ergonomici sono delle vere e proprie misure preventive e possono contribuire a limitare, o perfino a rimuovere, i disagi correlati ad un uso prolungato del computer. Sei alla diapositiva 184 Modulo 1 CONCETTI DI BASE DELLE TECNOLOGIE ICT 1.6) SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Ergonomia Salute Precauzioni Ambiente Sei alla diapositiva

21 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia PREVENZIONE ED USO CORRETTO La prima cosa da fare per prevenire i fastidi appena visti è organizzare in modo ottimale la propria postazione di lavoro cercando di rispettare alcune regole: l altezza del monitor deve essere leggermente inferiore rispetto agli occhi; il monitor e la tastiera devono essere a distanza ravvicinata; il piano di lavoro deve consentire di poggiare l avambraccio; tenere la schiena dritta; munirsi di una sedia con schienale alto e con regolazione di altezza e inclinazione. Sei alla diapositiva 186 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia PREVENZIONE ED USO CORRETTO Uno dei principali presupposti per lavorare in condizioni ambientali adeguate è una corretta illuminazione. L'illuminazione è corretta se: la luce naturale può essere schermata; la luce è orientata omogeneamente ed inoltre le fonti artificiali sono schermate; non ci sono riverberi o bagliori di nessun tipo (diretti o riflessi); lo schermo si trova a 90 gradi rispetto alla finestra; le pareti sono di tonalità chiara. Sei alla diapositiva

22 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia PREVENZIONE ED USO CORRETTO È importante che le precauzioni riguardanti posizione e illuminazione siano accompagnate da alcuni atteggiamenti che possono essere riassunti in poche regole: fare pause frequenti, almeno 15 minuti ogni due ore; alzarsi di tanto in tanto, e fare esercizi di distensione e di stiramento dei muscoli maggiormente coinvolti (braccia, collo, schiena); distendere la vista distogliendo gli occhi dagli oggetti vicini e concentrandosi su quelli lontani (per esempio fuori dalla finestra). Sei alla diapositiva 188 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia PRECAUZIONI Tutti i costruttori di apparecchiature sono obbligati a rispettare alcuni standard che riguardano sicurezza e meccanica, ma anche l utente deve fare la sua parte adottando alcune precauzioni per ridurre rischi di incendi, lesioni fisiche e danni alle stesse apparecchiature: usare cavi, prese e prolunghe a norma; assicurarsi che i fili elettrici siano collegati in modo sicuro e siano sempre asciutti e protetti; evitare di sovraccaricare la linea, e quindi evitare l'uso di prese multiple; non lasciare cavi esposti in zone di passaggio di persone; non coprire le fessure e le aperture per la ventilazione evitando così fenomeni di surriscaldamento. Sei alla diapositiva

23 Modulo 1 CONCETTI DI BASE DELLE TECNOLOGIE ICT 1.6) SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Ergonomia Salute Precauzioni Ambiente Sei alla diapositiva 190 UD 1.6: SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE Lezione Ergonomia AMBIENTE Occorre porre attenzione anche all impatto che le apparecchiature tecnologiche e i materiali di consumo hanno sull ambiente ricordandosi che: in alcuni casi toner e cartucce di stampanti possono essere ricaricate; la carta può essere riciclata; dare preferenza ai documenti in formato elettronico fa risparmiare carta; spesso è più efficiente inviare documenti (soprattutto se lunghi) su memorie come floppy e cd-rom o per posta elettronica; configurando il monitor in modo da spegnersi quando non serve favorisce il risparmio energetico. Sei alla diapositiva

24 Modulo 1 CONCETTI DI BASE DELLE TECNOLOGIE ICT 1.7) SICUREZZA Sicurezza dei dati Virus Sei alla diapositiva 192 UD 1.7: SICUREZZA Lezione Sicurezza dei dati CONSISTENZA DEI DATI L'espressione sicurezza nei sistemi informatici fa riferimento alle tecniche per accertarsi che i dati memorizzati in un computer siano protetti da: perdite accidentali dovute a cause esterne (guasti, incendi, interventi dannosi) lettura e modifica da terzi non direttamente interessati. Occorre pertanto garantire la consistenza dei dati memorizzati da un sistema di elaborazione, sia nel caso di computer personali che nel caso di computer aziendali, dove per consistenza si intende che i dati devono essere significativi ed essere effettivamente utilizzabili nelle applicazioni. Sei alla diapositiva

25 UD 1.7: SICUREZZA Lezione Sicurezza dei dati PROFILO UTENTE Una delle principali tecniche usata per la protezione dei dati è l associazione di un profilo ad ogni utente che deve accedere a dei dati. Il profilo utente è composto da identificativo (userid o username) e parola d ordine (pasword). Il primo rappresenta il nome dell utente che in genere è pubblico, la seconda invece rappresenta una parola chiave, in genere scelta dall utente, che è privata e riservata e per tale motivo dovrebbe essere non banale e cambiata frequentemente. Al profilo utente vengono associati i diritti di accesso, cioè i permessi ed i divieti relativi alle attività svolte dall utente. Sei alla diapositiva 194 UD 1.7: SICUREZZA Lezione Sicurezza dei dati PASSWORD Per essere attendibile una password dovrebbe rispettare i seguenti requisiti: Essere tenuta segreta e sostituita spesso (più o meno ogni tre mesi) Non essere troppo scontata, ossia non facilmente intuibile da parte di chi ci conosce (come ad esempio il proprio nome o quello di un familiare, la propria data di nascita, ecc.) Essere composta da un insieme di caratteri alfanumerici sconnessi (almeno sei), che non hanno senso logico Sei alla diapositiva

1.5 Il computer nella vita di ogni giorno

1.5 Il computer nella vita di ogni giorno 1.5 Il computer nella vita di ogni giorno 1.5.1 Il computer al lavoro -1- L'avvento dei sistemi informatici ha determinato radicali cambiamenti in tutti gli ambiti del mondo del lavoro. Il primo di questi

Dettagli

IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Il computer è entrato nella vita di ogni giorno, non solo nel lavoro ma anche nelle case con varie

IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Il computer è entrato nella vita di ogni giorno, non solo nel lavoro ma anche nelle case con varie IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO Il computer è entrato nella vita di ogni giorno, non solo nel lavoro ma anche nelle case con varie applicazioni. I vantaggi sono molteplici, ad esempio il computer

Dettagli

Computer e società. Sono sempre più frequenti le situazioni in cui si può avere a che fare con i sistemi informatici; ecco alcuni esempi:

Computer e società. Sono sempre più frequenti le situazioni in cui si può avere a che fare con i sistemi informatici; ecco alcuni esempi: L informatica nella vita di tutti i giorni Computer e società La società attuale è pesantemente legata all'informatica. Spesso, mentre facciamo la spesa al supermercato, quando preleviamo soldi in banca,

Dettagli

Modulo 1. Sommario. Sicurezza, diritto d'autore, aspetti giuridici. Importanza dei dati. Sicurezza. Password. Identificazione dell utente

Modulo 1. Sommario. Sicurezza, diritto d'autore, aspetti giuridici. Importanza dei dati. Sicurezza. Password. Identificazione dell utente Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Sicurezza, diritto d'autore, aspetti giuridici Concetti di base Hardware Dispositivi di memoria Software Reti informatiche Il computer nella vita di

Dettagli

Applicazioni dell informatica e sicurezza dei dati. Il computer nella vita di ogni giorno

Applicazioni dell informatica e sicurezza dei dati. Il computer nella vita di ogni giorno Applicazioni dell informatica e sicurezza dei dati Il computer nella vita di ogni giorno Usi tipici di un computer Il computer è ormai diventato uno strumento indispensabile; esso è presente quasi ovunque

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Corso ECDL Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Modulo 1 Pc e società 1 Per ottenere un qualsiasi documento da una pubblica amministrazione si impiega,oggi, un terzo del tempo necessario

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 05 Il computer nella vita di ogni giorno In questa lezione impareremo: come viene usato il computer negli ambiti lavorativi a conoscere il significato

Dettagli

Il computer nella vita di ogni giorno

Il computer nella vita di ogni giorno Il computer nella vita di ogni giorno Il computer nella casa può avere diversi utilizzi: per lo studio come supporto per giochi (i videogames) per l'ascolto di musica (con la stessa qualità dei CD musicali)

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli

8. Quali delle seguenti affermazioni sono corrette? Il computer è: Preciso Veloce Intelligente Creativo

8. Quali delle seguenti affermazioni sono corrette? Il computer è: Preciso Veloce Intelligente Creativo Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte, mentre ci sono più risposte corrette per le domande con il simbolo 1. Quale tra le seguenti non è una periferica

Dettagli

MODULO 1. Testo 1.01. 1. Quale tra le seguenti non è una periferica di input? % Scanner % Digitalizzatore vocale % Sintetizzatore vocale % Mouse

MODULO 1. Testo 1.01. 1. Quale tra le seguenti non è una periferica di input? % Scanner % Digitalizzatore vocale % Sintetizzatore vocale % Mouse 1 MODULO 1 Testo 1.01 1. Quale tra le seguenti non è una periferica di input? % Scanner % Digitalizzatore vocale % Sintetizzatore vocale % Mouse 2. L unità di input è: % Un dispositivo hardware per immettere

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte, mentre ci sono più risposte corrette per le domande con

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN MODULO 1 Testo 1.03 1. In una istruzione, un operando è: % Il dato su cui operare % L indirizzo di memoria di un dato su cui operare % Il tipo di operazione da eseguire % Il risultato di una istruzione

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA. Norme di accesso:

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA. Norme di accesso: REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA Norme di accesso: 1) L accesso al laboratorio di informatica è subordinato all accettazione del presente regolamento; 2) L accesso è riservato ai

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

Identità e autenticazione

Identità e autenticazione Identità e autenticazione Autenticazione con nome utente e password Nel campo della sicurezza informatica, si definisce autenticazione il processo tramite il quale un computer, un software o un utente,

Dettagli

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici Direzione Generale Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 03/12/2012 Circolare n. 135 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Le reti informatiche

Le reti informatiche Le reti informatiche In informatica una rete di calcolatori è un sistema che permette lo scambio o condivisione di dati e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Vantaggi della connessione

Dettagli

Allegato delibera G.C. n. 52 del 29.5.2014

Allegato delibera G.C. n. 52 del 29.5.2014 BIBLIOTECA COMUNALE DI BUDONI Allegato delibera G.C. n. 52 del 29.5.2014 Informazioni e regole per l'utilizzo dei servizi multimediali e di Internet Art.1 Principi generali a) Il presente disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET TRAMITE POSTAZIONI FISSE NELLA BIBLIOTECA DI CANEVA.

REGOLAMENTO DI CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET TRAMITE POSTAZIONI FISSE NELLA BIBLIOTECA DI CANEVA. REGOLAMENTO DI CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET TRAMITE POSTAZIONI FISSE NELLA BIBLIOTECA DI CANEVA. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale nr. 46 2014 Pagina 1 di 9 Indice 1. OBIETTIVI DEL

Dettagli

COMUNE DI SPECCHIA. PROVI NCI A DI LECCE www.comune.specchia.lecce.it CAPSDA (CENTRO DI ACCESSO AI PUBBLICI SERVIZI DIGITALI AVANZATI)

COMUNE DI SPECCHIA. PROVI NCI A DI LECCE www.comune.specchia.lecce.it CAPSDA (CENTRO DI ACCESSO AI PUBBLICI SERVIZI DIGITALI AVANZATI) COMUNE DI SPECCHIA PROVI NCI A DI LECCE www.comune.specchia.lecce.it CAPSDA (CENTRO DI ACCESSO AI PUBBLICI SERVIZI DIGITALI AVANZATI) 1 COMUNE DI SPECCHIA PROVI NCI A DI LECCE www.comune.specchia.lecce.it

Dettagli

REGOLAMENTO PREMESSA

REGOLAMENTO PREMESSA REGOLAMENTO PREMESSA Il Laboratorio Informatico di Architettura è una risorsa preziosa per gli studenti, per tale ragione è opportuno che ognuno lo utilizzi con coscienza e responsabilità. Ogni danneggiamento

Dettagli

TITOLO I PRINCIPI GENERALI

TITOLO I PRINCIPI GENERALI COMUNE DI ADRO - BIBLIOTECA DI ADRO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE MULTIMEDIALI E DI INTERNET DA PARTE DEI CITTADINI ISCRITTI ALLA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007 DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007 Premessa Gentile Signora/Egregio Signor., L utilizzo delle

Dettagli

COMUNE DI RUDA BIBLIOTECA COMUNALE L. CHIOZZA

COMUNE DI RUDA BIBLIOTECA COMUNALE L. CHIOZZA REGOLAMENTO PER L ACCESSO INTERNET IN BIBLIOTECA (punto dialogo) Allegato alla delibera C.C. N. 31 del 24.6.2008 1. La biblioteca offre ai propri iscritti l accesso ad internet come ulteriore strumento

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.7) Rielaborazione dal WEB: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.7) Rielaborazione dal WEB: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.7) Rielaborazione dal WEB: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio La sicurezza dei sistemi informatici Tutti i dispositivi di un p.c.

Dettagli

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte 1. Quale delle seguenti affermazioni è corretta? Nella trasmissione a commutazione di pacchetto: Sulla stessa linea

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica

Modulo 1 Test di verifica Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CD-ROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Quali tra le seguenti non sono memorie di massa?

Dettagli

Informatica di base: software

Informatica di base: software by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Software Il software è l'insieme dei programmi che permettono

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO INDICE DEI CONTENUTI: Regolamento del servizio internet della biblioteca Modulo per la richiesta di accesso alla rete internet Modulo di autorizzazione

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica

Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica Allegato K-4 Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica Art.1 Premessa L istituto promuove la piena e completa fruizione dei laboratori informatici da parte degli studenti e dei docenti. Tale utilizzo

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI INTERNET IN BIBLIOTECA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 4 settembre 2006 Pagina 1 di 6 1. Obiettivi

Dettagli

Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti

Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti Approvato con Delibera di Giunta N. 19 del 29/06/2010 Parte I Aspetti generali e comportamentali... 2 Art.

Dettagli

VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma

VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma Decreto Legislativo 626/94 Titolo VI D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Regolamento relativo all'accesso e all'uso della Rete Informatica del Comune di AZZANO SAN PAOLO

Regolamento relativo all'accesso e all'uso della Rete Informatica del Comune di AZZANO SAN PAOLO Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.80 Fax 035/530073 C.F./IVA n. 00681530168 e-mail: servizio.urp@comune.azzano.bg.it SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE Regolamento

Dettagli

COMUNE DI COSEANO Provincia di Udine

COMUNE DI COSEANO Provincia di Udine COMUNE DI COSEANO Provincia di Udine Nr. 223774 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI INTERNET IN BIBLIOTECA Approvato con deliberazione di C.C. n. 22 del 14/07/2008 1. Obiettivi del servizio 1.1 Il comune di

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Bosisio Parini Via A. Appiani, 10-23842 BOSISIO PARINI (LC) Tel.: 031 865644 Fax: 031 865440 e-mail: lcic81000x@istruzione.it

Dettagli

DISCIPLINARE sull'accesso a Internet e utilizzo delle postazioni del Centro CAPSDA

DISCIPLINARE sull'accesso a Internet e utilizzo delle postazioni del Centro CAPSDA CENTRO CAPSDA (CENTRI DI ACCESSO A SERVIZI DIGITALI AVANZATI) DISCIPLINARE sull'accesso a Internet e utilizzo delle postazioni del Centro CAPSDA 1 di 6 Il progetto CAPSDA ed il Centro CAPSDA Il progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER UN USO CORRETTO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE

REGOLAMENTO PER UN USO CORRETTO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE REGOLAMENTO PER UN USO CORRETTO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE Fonti normative: - D.P.R. n. 275 del 25 febbraio 1999 - L. 675 del 31 dicembre 1996 relativa alla privacy - C.M. 152/2001 ; 114/2002

Dettagli

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 1 Regolamento sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 2 Premessa: Il presente regolamento deve essere un punto di

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA (Provincia di Siracusa)

COMUNE DI FLORIDIA (Provincia di Siracusa) COMUNE DI FLORIDIA (Provincia di Siracusa) SERVIZIO INFORMATICO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE RISORSE DI RETE INFORMATICA 1 INDICE PREMESSA Art. 1 - DEFINIZIONI...3 Art. 2 FUNZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONINO CAPONNETTO Via Socrate, 11 90147 PALERMO 091-533124 Fax 091-6914389 - c.f.: 97164800829 cod. Min.: PAIC847003 email: paic847003@istruzione.it

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

Malware Definizione e funzione

Malware Definizione e funzione Malware Definizione e funzione Cos è un Malware Il termine Malware è l'abbreviazione di "malicious software", software dannoso. Malware è un qualsiasi tipo di software indesiderato che viene installato

Dettagli

MODULO 1. Testo 1.02. 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale

MODULO 1. Testo 1.02. 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale MODULO 1 Testo 1.02 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale 2. Come possono essere classificati in modo corretto i componenti fisici e

Dettagli

REGOLAMENTO. di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali. I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc

REGOLAMENTO. di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali. I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc REGOLAMENTO di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede Liceo Artistico via

Dettagli

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 Sommario MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 UD 1.1 Algoritmo, 3 L algoritmo, 4 Diagramma di flusso, 4 Progettare algoritmi non numerici, 5 Progettare algoritmi numerici, 5

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT

Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT Tipi di Personal Computer Mainframe Network Computer (Server) Personal Desktop/Portatili digital Assistant (PDA) 2/45 Confronto fra PC Classe Mainframe Server

Dettagli

BIBLIOTECA COMUNALE ANTONIO TOLOMEI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI INFORMATICI

BIBLIOTECA COMUNALE ANTONIO TOLOMEI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI INFORMATICI BIBLIOTECA COMUNALE ANTONIO TOLOMEI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI INFORMATICI approvato con delibera di consiglio comunale n. 21 del 27/05/2013 Sommario SOMMARIO... 1 TITOLO 1 SALA MULTIMEDIALE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI E DEGLI APPARATI DI TELEFONIA

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI E DEGLI APPARATI DI TELEFONIA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI E DEGLI APPARATI DI TELEFONIA Oggetto: Informativa e autorizzazione all utilizzo della strumentazione elettronica; informazioni ed istruzioni

Dettagli

COMUNE DI GUSSAGO Via Peracchia, 3 25064 Gussago BS Tel 0302522919 Fax 0302520911 Email uffurp@gussago.com

COMUNE DI GUSSAGO Via Peracchia, 3 25064 Gussago BS Tel 0302522919 Fax 0302520911 Email uffurp@gussago.com COMUNE DI GUSSAGO Via Peracchia, 3 25064 Gussago BS Tel 0302522919 Fax 0302520911 Email uffurp@gussago.com Gussago, Disciplinare tecnico ad uso interno per l utilizzo degli strumenti informatici e in materia

Dettagli

Regolamento per l accesso ai servizi Internet Comunali (Deliberazione di Consiglio Comunale n. 143 del 12.12.2002)

Regolamento per l accesso ai servizi Internet Comunali (Deliberazione di Consiglio Comunale n. 143 del 12.12.2002) COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) Regolamento per l accesso ai servizi Internet Comunali (Deliberazione di Consiglio Comunale n. 143 del 12.12.2002) ART. 1. Obiettivi del servizio 1.1 Il Comune di

Dettagli

Vademecum per la sicurezza dei dati personali dell Università di Catania

Vademecum per la sicurezza dei dati personali dell Università di Catania UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Vademecum per la sicurezza dei dati personali dell Università di Catania D.Lgs. 196/2003 - Codice della Privacy Introduzione La privacy e l applicazione del D.Lgs. 196/2003

Dettagli

COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) Regolamento per l accesso ai servizi Internet Comunali

COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) Regolamento per l accesso ai servizi Internet Comunali COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) Regolamento per l accesso ai servizi Internet Comunali ART. 1. Obiettivi del servizio 1.1 Il Comune di Lugo istituisce postazioni pubbliche di accesso ad Internet.

Dettagli

I N D I C E. E.1.1. Accesso al personale dell'istituto nelle ore extrascolastiche...8

I N D I C E. E.1.1. Accesso al personale dell'istituto nelle ore extrascolastiche...8 IL DIRIGENTE SCOLASTICO PROF. VITO CARLOMAGNO I N D I C E PREMESSA... 3 A. STRATEGIE PER GARANTIRE LA SICUREZZA... 4 B. DISPOSIZIONI PER I DOCENTI... 5 C. DISPOSIZIONI PER GLI ALUNNI... 6 D. DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Ergonomia e computer. Il piano di lavoro e l'hardware

Ergonomia e computer. Il piano di lavoro e l'hardware Ergonomia e computer Nell'uso quotidiano del computer si tende a trascurare l'ergonomia della postazione. Per aiutare a prevenire gli effetti di sbagliate abitudini di postura, indichiamo alcuni semplici

Dettagli

COMUNE DI MONCHIO DELLE CORTI

COMUNE DI MONCHIO DELLE CORTI COMUNE DI MONCHIO DELLE CORTI Provincia di Parma Regolamento di gestione del Servizio Internet presso la sala informatica della Scuola del Comune di Monchio delle Corti approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Città di Somma Lombardo

Città di Somma Lombardo Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DI INTERNET PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE. (Approvato con deliberazione del Consiglio comunale della Città di Somma Lombardo n.95 del 20/12/2006

Dettagli

Norme operative per l attivazione e l utilizzo del servizio di posta elettronica per gli enti pubblici (mail VOLI)

Norme operative per l attivazione e l utilizzo del servizio di posta elettronica per gli enti pubblici (mail VOLI) Norme operative per l attivazione e l utilizzo del servizio di posta elettronica per gli enti pubblici (mail VOLI) 1 Definizione del servizio Il servizio in oggetto è erogato nell ambito del programma

Dettagli

Val Cavallina Servizi S.r.l.

Val Cavallina Servizi S.r.l. 1 _ Criteri per l attivazione e l utilizzo del servizio di posta elettronica VCS-Mail fornito da Val Cavallina Servizi s.r.l. Definizione del servizio Il servizio in oggetto è erogato da Val Cavallina

Dettagli

MODALITÀ PER L ACCESSO AL SERVIZIO INTERNET IN BIBLIOTECA

MODALITÀ PER L ACCESSO AL SERVIZIO INTERNET IN BIBLIOTECA MODALITÀ PER L ACCESSO AL SERVIZIO INTERNET IN BIBLIOTECA 1. Obiettivi del servizio La biblioteca riconosce l'utilità dell'informazione fornita da mezzi telematici per il soddisfacimento delle esigenze

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER UTILIZZO INTERNET DA PARTE DEGLI UTENTI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER UTILIZZO INTERNET DA PARTE DEGLI UTENTI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER UTILIZZO INTERNET DA PARTE DEGLI UTENTI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto e principi generali Il presente regolamento

Dettagli

Comune di Borgosatollo Provincia di Brescia

Comune di Borgosatollo Provincia di Brescia Comune di Borgosatollo Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE MULTIMEDIALI E DI INTERNET DA PARTE DELL UTENZA DELLA BIBLIOTECA COMUNALE approvato con deliberazione G.C. n. 111 del

Dettagli

Regolamento per l uso accettabile e sicuro della rete a Scuola

Regolamento per l uso accettabile e sicuro della rete a Scuola Regolamento per l uso accettabile e sicuro della rete a Scuola Il presente documento è stato redatto per consentire un uso sicuro della rete all interno della scuola. Nella compilazione del documento si

Dettagli

SIA Area Sistemi Informativi Aziendali

SIA Area Sistemi Informativi Aziendali SIA Area Sistemi Informativi Aziendali PROGETTAZIONE E SVILUPPO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E DI UTILIZZO DEI DATI Ottobre 2014 (Ver.2.0) 1 Sommario 1.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INFORMATICA (biennio)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INFORMATICA (biennio) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INFORMATICA (biennio) Docente: DI SIMONE PINA Disciplina: INFORMATICA (biennio) Classi PRIME SEZ. A-B-C-D a.s : 2013 14 OBIETTIVI DIDATTICI FINALI Coincidono con l acquisizione

Dettagli

CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A.

CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A. CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 25 luglio 2012 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. DEFINIZIONI... 3 2. I SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI NORME GENERALI...

Dettagli

1) Reti di calcolatori. Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di

1) Reti di calcolatori. Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di 1) Reti di calcolatori 2) Internet 3) Sicurezza LAN 1) Reti di calcolatori Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di rete (cavi UTP) o con tecnologia

Dettagli

Cenni preliminari sugli account amministratore e account limitato.

Cenni preliminari sugli account amministratore e account limitato. Enrica Biscaro Tiziana Gianoglio TESINA DI INFORMATICA Cenni preliminari sugli account amministratore e account limitato. Per un funzionale utilizzo del nostro computer è preferibile usare la funzione

Dettagli

Internet. Cos è Il Web La posta elettronica. www.vincenzocalabro.it 1

Internet. Cos è Il Web La posta elettronica. www.vincenzocalabro.it 1 Internet Cos è Il Web La posta elettronica www.vincenzocalabro.it 1 Cos è E una RETE di RETI, pubblica. Non è una rete di calcolatori. I computer che si collegano ad Internet, devono prima essere collegati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET della Biblioteca Comunale Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. 53 del 30/11/2006 REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET della biblioteca comunale INDICE

Dettagli

DISCIPLINANTE IL FUNZIONAMENTO

DISCIPLINANTE IL FUNZIONAMENTO COMUNE DI UGENTO PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO INTERNET approvato con delibera di CC n. 43 del 14.10.2004 Art. 1 OBIETTIVI DEL SERVIZIO 1.1 La biblioteca di

Dettagli

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Direttore Generale: Dr. A. Pellicanò LINEE GUIDA SULL USO DEI Videoterminali Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

1.5 Il computer nella vita di ogni giorno

1.5 Il computer nella vita di ogni giorno 1.5 Il computer nella vita di ogni giorno 1.5.1 Il computer al lavoro 1.5.1.1 Sapere quali sono le situazioni in cui un computer può essere più adatto di una persona a svolgere un compito, e quali no.

Dettagli

Difenditi dai Malware

Difenditi dai Malware con la collaborazione di Difenditi dai Malware Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Difenditi dai Malware

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Art. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Tabella 1 - Connettività internet Connettività Apparecchiature di comunicazione Provider

Tabella 1 - Connettività internet Connettività Apparecchiature di comunicazione Provider ALLGATO 3 Tabella 1 - Connettività internet Connettività Apparecchiature di comunicazione Provider Adsl router Telecom Tabella 2 - Descrizione Personal Computer 1 Identificativo del Tipo PC Sistema operativo

Dettagli

Regolamento del servizio Internet delle biblioteche aderenti al Sistema bibliotecario SeBiCo. Approvato con delibera C.C. n. 48 del 26.04.

Regolamento del servizio Internet delle biblioteche aderenti al Sistema bibliotecario SeBiCo. Approvato con delibera C.C. n. 48 del 26.04. Regolamento del servizio Internet delle biblioteche aderenti al Sistema bibliotecario SeBiCo Approvato con delibera C.C. n. 48 del 26.04.2010 In vigore dal 01.06. 2010 Art 1. Obiettivi del servizio 1.1

Dettagli

aver compilato l apposito modulo di iscrizione dopo aver preso visione del presente Regolamento. L iscrizione ha validità annuale.

aver compilato l apposito modulo di iscrizione dopo aver preso visione del presente Regolamento. L iscrizione ha validità annuale. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 DEL 06.04.2006 Regolamento per il SERVIZIO MULTIMEDIALE della Biblioteca di Palosco Art.1 - Obiettivi del servizio 1. La Biblioteca di Palosco riconosce

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Comune di Cigole Regolamento generale e norme di accesso alla Biblioteca

Comune di Cigole Regolamento generale e norme di accesso alla Biblioteca Comune di Cigole Regolamento generale e norme di accesso alla Biblioteca 1. SEDE La Biblioteca del Comune di Cigole è sita in Via Castello, 5 Telefono 030 9959 862 e-mail: biblioteca@comune.cigole.brescia.it

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE MULTIMEDIALI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DEL BAILO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE MULTIMEDIALI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DEL BAILO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE MULTIMEDIALI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DEL BAILO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 25 DEL 26 LUGLIO 2001 pag. 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE

Dettagli

Regolamento per l'utilizzo di Internet in biblioteca

Regolamento per l'utilizzo di Internet in biblioteca Biblioteca comunale Silvio Brocchetti di Rudiano Regolamento per l'utilizzo di Internet in biblioteca Premessa Il presente Regolamento costituisce parte integrante del Regolamento della biblioteca comunale

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Corso ECDL Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Modulo 1 Le reti informatiche 1 Le parole della rete I termini legati all utilizzo delle reti sono molti: diventa sempre più importante comprenderne

Dettagli

(APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 23 DEL 21.07.2010) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI MORGANO

(APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 23 DEL 21.07.2010) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI MORGANO (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 23 DEL 21.07.2010) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI MORGANO 1. Obiettivi del servizio 1.1 La Biblioteca comunale di Morgano riconosce l'utilità dell'informazione

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Sicurezza, protezione, aspetti legali

CORSO EDA Informatica di base. Sicurezza, protezione, aspetti legali CORSO EDA Informatica di base Sicurezza, protezione, aspetti legali Rischi informatici Le principali fonti di rischio di perdita/danneggiamento dati informatici sono: - rischi legati all ambiente: rappresentano

Dettagli

Punto Pubblico di Accesso P3@

Punto Pubblico di Accesso P3@ Provincia di Padova Regione del Veneto Regolamento Comunale per l uso del Punto Pubblico di Accesso P3@ Intervento finanziato dalla Regione del Veneto, nell ambito del programma Operativo regionale (POR)

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO D USO DELLA CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET DA POSTAZIONI MOBILI CON TECNOLOGIA WIRELESS FIDELITY (WIFI).

DISCIPLINARE TECNICO D USO DELLA CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET DA POSTAZIONI MOBILI CON TECNOLOGIA WIRELESS FIDELITY (WIFI). ALLEGATO ALLA DELIBERA G.M. 12/2012 DISCIPLINARE TECNICO D USO DELLA CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET DA POSTAZIONI MOBILI CON TECNOLOGIA WIRELESS FIDELITY (WIFI). Premessa e riferimenti normativi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE

ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE AREA DELLE COMPETENZE INFORMATICHE (Ore 96) U.F.C. n. 1 CONCETTI TEORICI DI BASE DELLA TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE Far acquisire conoscenze sulle componenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SALORNO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SALORNO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SALORNO PREMESSA Il presente documento è stato redatto tenendo conto delle norme IFLA/UNESCO per le biblioteche pubbliche. Di cui si ritiene utile

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI CASSINA RIZZARDI

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI CASSINA RIZZARDI REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI CASSINA RIZZARDI INDICE DEI CONTENUTI: Regolamento del servizio internet della biblioteca Modulo di iscrizione al servizio internet Modulo di autorizzazione per

Dettagli