Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Aggiornamento ad ottobre 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Aggiornamento ad ottobre 2005"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Aggiornamento ad ottobre 2005

2 Nella presente relazione vengono apportati gli aggiornamenti alla Dichiarazione ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi al mese di ottobre 2005 per i seguenti capitoli: 4 La Pianificazione Rete Natura Infrastrutture del Parco Centri visitatori e Musei Malghe attive 31 8 Il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi: inquadramento generale Punti di attrazione turistica di tipo storico architettonico culturale e di tradizioni popolari 45 9 Le attività del Parco Opere pubbliche Politica Ambientale del Parco e Sistema di Gestione ambientale e per la Qualità La Politica Ambientale Obiettivi e traguardi 70 ALL. 2 Legislazione ambientale vigente 77 ALL. 3 Elenco ricerche condotte dal Parco La Pianificazione 4.5 Rete Natura 2000 Con Decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio del 25 marzo 2005 alla Zona di protezione speciale (ZPS) Dolomiti Feltrine e Bellunesi è stato attribuito il codice IT :Infrastrutture del Parco 6.2 Centri visitatori e Musei Valle Imperina Centro visitatori Uomini di Valle Imperina Loc. Le Miniere I Rivamonte Agordino (Belluno) Telefono Ingresso: 1 Euro Sin dall istituzione l Ente Parco ha lavorato per il recupero del patrimonio edilizio delle ex-miniere di Valle Imperina, nell Agordino. In collaborazione con la Comunità Montana Agordina, il Comune di Rivamonte e la Regione del Veneto, utilizzando fondi comunitari del progetto Interreg, è stato allestito un ostello negli edifici dell ex Cral ed è in corso il recupero degli antichi forni fusori. La centralina idroelettrica è stata invece trasformata in Centro Visitatori, dedicato alla fatica dell uomo nelle miniere e al loro impatto ambientale sull area circostante. Una parte del Centro è invece dedicata ai seggiolai agordini e al mito dell Om Salvarech. 6.4 Malghe attive Malga Casera dei Boschi Indirizzo: Via Casera dei Boschi Pedavena Tel.: C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 2

3 8. Il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi: inquadramento generale 8.6 Punti di attrazione turistica di tipo storico architettonico culturale e di tradizioni popolari Il turismo nel Parco: situazione attuale e prospettive future Nell area del Parco permangono molte delle carenze strutturali ed imprenditoriali relative alle imprese turistiche, già rilevate nella precedente relazione ambientale. In questi anni però, grazie anche al progetto Carta qualità, si segnala un incremento del numero di strutture ricettive diffuse, come i Bed & Breakfast ed un forte impegno di alcuni operatori al miglioramento qualitativo dell ospitalità. Le aziende ed i prodotti che hanno ottenuto il logo del Parco sono oggi oltre un centinaio. I margini di miglioramento sono dunque ancora molto ampi e vanno inquadrati in un contesto nazionale di grande attenzione dei turisti nei confronti dei Parchi e delle aree protette. Nel 2001 sono infatti state registrate, nei Parchi italiani, 155 milioni di presenze, pari a circa il 14,4% del totale dei turisti, con un giro d affari compreso tra gli 8,5 e i 9,3 miliardi di euro. Il dato di maggior rilievo per il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi è che, nonostante le evidenziate carenze infrastrutturali, questa area protetta è risultata una delle più visitate in Italia. Secondo il terzo Rapporto sul Turismo nei Parchi, realizzato dall Osservatorio Nazionale sul turismo nelle aree protette, gli alberghi ed esercizi complementari dei Comuni del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi ospitano, annualmente, oltre di turisti, dato che inserisce il Parco al quinto posto tra i Parchi nazionali italiani intermini di numero di visitatori. Di tutto rispetto è anche il numero di presenze derivanti dal turismo escursionistico, stimate in oltre , su un totale nazionale di quasi 54 milioni. Le potenzialità turistiche del Parco e le attuali carenze nell ospitalità sono testimoniate anche dal numero di presenze ufficiali per posto letto, che nelle dolomiti Bellunesi è il più alto tra tutti i Parchi Nazionali italiani, con 191. Questo dato non va interpretato come una alta capacità di utilizzazione dei posti letto, quanto piuttosto come una carenza di ricettività in rapporto ai flussi turistici attuali e ancor più a quelli potenziali. Dopo quasi 10 anni di promozione e comunicazione delle valenze ambientali di questo Parco, i flussi turistici hanno cominciato a scoprire le Dolomiti Bellunesi, la sfida ora è quella di garantire ai visitatori un livello qualitativo della ricettività all altezza della qualità ambientale di questi luoghi. Lo strumento della Carta Qualità del parco (il logo attribuito alle attività che garantiscano vocazione e caratterizzazione ambientale coerente con il sistema del parco) risulta in costante diffusione, e sta rispettando il trand di incremento registrato negli anni passati. Ad oggi le aziende ed i prodotti che hanno ottenuto il logo del Parco sono in tutto Le attività del Parco 9.1 Opere pubbliche Interventi sulle malghe Malga Casere dei Boschi Malga Casere dei Boschi fotovoltaico Malga Pramper e viabilità Malga Pramper fitodepurazione Malga Monsampian Malga Monsampian fotovoltaico Pendana di Brendol Malga Brendol fotovoltaico Pista di accesso alle Malghe Erera e Campotorondo Pista di accesso alla Malga Vette Grandi Malga Alvis A B C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 3

4 Malga Alvis fotovoltaico Malga Vette Grandi Malga Erera Malga Campotorondo Malga Campotorondo fotovoltaico Malga Pian dei Fioc Bivacco casera Le Prese Bivacco casera Le Prese fotovoltaico Bivacco Casera Vescovà Bivacco casera Vette Piccole Bivacco casera Vette Piccole fotovoltaico Bivacco casera Tavernazzo Bivacco casera Le Mandre fotovoltaico Interventi sui rifugi Ristrutturazione Rifugio Dal Piaz Opera di presa e turbina Rifugio Bianchet Ristrutturazione Rifugio Casera Ere Adeguamento Rifugio Boz Opera di presa, turbina e acquedotto Rifugio Pian de Fontana Acquedotto Le Vette Vasca antincendio Casera Ere Interventi per l ospitalità Centro culturale Chiesa di Agre Valorizzazione sito archeologico di Agre Edificio Col de Mich Col de Mich parcheggio Col de Mich fotovoltaico Centro visitatori Valle Imperina Area ricettiva di Val Brenton Area ricettiva di Pian Falcina Edificio ex forni fusori Valle Imperina Edificio ex Cral Valle Imperina Area ricettiva di Candaten Area faunistica di Salet Centro visitatori di Pedavena Sede Ente Parco Sede Ente Parco fotovoltaico Punto informazioni di Serravella Museo sull economia agro-silvo-zootecnica a La Valle Agordina Foresteria Agre Foresteria Agre deposito interrato Foresteria al Frassen Rifugio forestale Le Mandre Area ricettiva Pian d Avena Casel de Vignui Punto informazioni di Cellarda Pista sci nordico Casera dei Boschi Parcheggio Casera dei Boschi Piazzale Croce d Aune Centro visitatori di Belluno Centro di educazione ambientale La Santina Fagarei fotovoltaico Nusieda alta fotovoltaico A B C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 4

5 Interventi sul territorio Sentiero San Mauro-Monte Grave Sentiero natura Val di S. Martino Sentiero tematico La Via degli Ospizi Sentiero Col dei Cavai Sentiero natura Val di Canzoi Sentiero La Soffia Sentiero tematico I cadini del Brenton Sentiero natura Val Falcina Sentiero Val dei Ross Sentiero Pian de Fontana Caiada Sentiero tematico Chiesette pedemontane Sentiero tematico La montagna dimenticata Sentiero tematico Antiche cave di pietra Itinerari turistici Monte Pizzocco Sentiero La via dei Capitaniati Percorso ciclopedonale Candaten Vale de Piero Sentiero tematico Covoli in Val di Lamen Sentiero val Rui Fret Strade forestali di Caiada Percorso torrente Ardo Riqualificazione giardino sede Ente Parco A Stato di attuazione B Nuovo intervento Intervento ultimato Intervento in corso A B 10. Politica ambientale del Parco e Sistema di Gestione ambientale per la Qualità 10.1 La Politica Ambientale La Politica Ambientale del Parco nazionale Dolomiti Bellunesi è stata aggiornata per rispettare quanto prescritto dalla nuova norma UNI EN ISO La nuova versione è riportata nell allegato A. C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 5

6 12. Obiettivi e traguardi Il prospetto aggiornato dei traguardi per l anno 2006 è riportato di seguito. IMPATTI INDICATORE STATO ATTUALE Valore DMV l/s/kmq Valore indice IFF OBIETTIVI AMBIENTALI Valore DMV (indagine Ridefinizione ed applicazione ARPAV-Autorità di Bacino DMV e miglioramento Indice del Piave ) Funzionalità Fluviale Norme di polizia forestale Regione Veneto Individuazione cartografica dei grandi alberi Valorizzazione del patrimonio forestale e dei grandi alberi TRAGUARDI AMBIENTALI (SCADENZA) Definizione ed attuazione protocolli con Autorità di Bacino, ARPAV e Provincia (2004) Approvazione Progetto Speciale Selvicoltura (2004) Georeferenziazione dei grandi alberi nel SIT (2005) STATO DI ATTUAZIONE CRITICITA In corso I contatti con i soggetti non sono avvenuti per assenza Organi istituzionali dell Ente Non realizzato Assenza degli Organi istituzionali dell Ente In corso Diverso assestamento finanziario dell Ente NUOVA SCADENZA Conservazione habitat, fauna e flora Conservazione habitat Ettari falciati e pascolati 10 ettari sfalciati 97,5 % % UBA potenziali caricate UBA potenziali caricate Assenza di malattia N casi di rogna sarcoptica conclamata Numero di tavole implementate nel SIT 5 tavole di Piano digitalizzate Carta del rischio pirologico completata Attuazione del Progetto Aumento superfici prative Speciale Riqualificazione prati e manutenute del 5 % (2004) pascoli, gestione delle malghe Attuazione Progetto Speciale Fauna, habitat faunistici e controllo zoosanitario Ottimizzazione della gestione territoriale con digitalizzazione e georeferenziazione delle informazioni Realizzazione Piano Anti Incendi Boschivi N. 1 Corsi di formazione CTA e personale Parco Test ELISA sul 20% dei camosci rinvenuti Digitalizzazione di 10 Tavole di Piano (2004) Elaborazione ed approvazione del Piano Anti Incendi Boschivi (2005) Terminato --- Terminato Terminato Non realizzato Assenza degli Organi istituzionali dell Ente Diverso assestamento finanziario dell Ente

7 IMPATTI INDICATORE STATO ATTUALE Valorizzazione del patrimonio edilizio Promozione socioeconomica Sensibilizzazione ambientale Abbandono RSU Consumi energetici Pubblicazione linee guida N progetti ultimati N di iniziative attivate N aziende che aderiscono alla carta qualità N Iniziative realizzate Numero di campagne realizzate Percentuale di strutture dotate di contenitori Numero di impianti realizzati OBIETTIVI AMBIENTALI Progetto avviato Attuazione Progetto Speciale Testo recupero edilizia Val Tutela e salvaguardia del del Mis pubblicato patrimonio edilizio Progetti esecutivi Agre e Frassen N. 3 pubblicazioni promozionali su Carta qualità N. 50 aziende aderenti n. 2 iniziative per lo sviluppo della mobilità su rotaia (Treno dei fiori) N. 10 iniziative ed eventi realizzati all anno Attuazione Piano Triennale Opere Pubbliche Promozione certificazione ISO 9000/14001 nelle aziende locali (area PPES) Promozione delle aziende attraverso Carta Qualità Mobilità sostenibile per la fruizione turistica: treno+bus Accrescere la qualità della fruizione turistica 80 % Raccolta differenziata RSU N. 18 impianti realizzati Uso energie rinnovabili TRAGUARDI AMBIENTALI (SCADENZA) Definizione delle linee guida per il recupero del patrimonio edilizio (2004) STATO DI ATTUAZIONE CRITICITA NUOVA SCADENZA In corso 2006 Conclusione di n. 2 progetti (2005) Terminato --- Attivazione di una iniziativa di promozione e divulgazione della certificazione (2004) Aumento delle aziende aderenti al circuito carta qualità a 60 (2004) Iniziative per l ncremento del trasporto multimodale: n. 2 (2004) Divulgazione e comunicazione ambientale nei confronti di turisti e residenti : 15 eventi/pubblicazioni (2004) Installazione di contenitori per la raccolta differenziata nel 100 % delle strutture del Parco (2004) Completamento progetto Parco Fossil Free con altri n. 5 impianti (2006) Terminato (Agemas) --- Terminato --- Non realizzato Assenza degli Organi istituzionali dell Ente 2006 Terminato --- Terminato --- Terminato --- C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 7

8 All. 3 - Studi e Ricerche condotti dal Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi CODICE TITOLO RICERCATORE ANNO A1 Uccelli e mammiferi del Parco e delle aree immediatamente M. Cassol 1995 limitrofe A2 Indagine preliminare sui popolamenti a Coleotteri Geoadefagi R. Pizzolotto 1996 dell area di studio La Vareta A3 Sperimentazione di metodologie di monitoraggio della V. Mazzarone, 1996 popolazione di cervo (Cervus elaphus) e capriolo (Capreolus capreolus) S. Nicoloso, P. Pedone, M. Ramanzin (Coord.) (Dream Italia) A4 Fagiano di monte e coturnice in alcune Aree del P.N.D.B. P. De Franceschi, M. Catello, R Luise A5 Sperimentazione di metodologie di monitoraggio della P.G. Meneguz, M. Ramanzin, 1996 popolazione del muflone e del camoscio (Coord.) A6 Coleotteri, invertebrati stato delle conoscenze R. Pizzolotto 1996 A7 Indagine sulla distribuzione ed ecologia delle zecche (Ixodes AA.VV. con coordinam ricinus) nel P.N.D.B. di G. Perini e D. Grazioli A8 Ricerca bibliografica sui popolamenti animali degli ambienti Aquaprogram s.r.l acquatici nel P.N.D.B. e nella provincia bellunese A9 Indagine sulle popolazioni di capriolo, cervo, muflone e M. Ramanzin, V. Mazzarone, 1997 camoscio nel Parco P.G. Meneguz (Coordin.) A10 Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio Aquaprogram s.r.l del P.N.D.B. (a cura di E. Marconato) A11 Gallo cedrone, fagiano di monte e coturnice in alcune aree del P. De Franceschi, 1997 P.N.D.B. M. Catello, R. Luise A12 Anfibi e rettili del P.N.D.B. (Amphibia, Reptilla, Italia nordorientale: L. Lapini 1997 Belluno) A13 Indagine sulla presenza della lince nel territorio del Parco M. Catello, S. Mayr, 1997 (supervisione di B. Ragni) A14 Indagine sulla microteriofauna del P.N.D.B. R. Luise, P. Paolucci 1997 A15 Campionamento microfaune acquatiche L. D Alberto 1997 (mag ott 1997) Annotazioni geologiche A16 Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua compresi nel Aquaprogram s.r.l P.N.D.B. (approfondimento) (a cura di E. Marconato) A16 bis Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua compresi nel Aquaprogram s.r.l P.N.D.B. ( a cura di E. Marconato) A17 La fauna acquatica delle sorgenti del P.N.D.B. Prima parte: Vet S. Sambugar, S. Ruffo 1997 Feltrine, Pizzocco, Brendol A18 Studio e censimento dei Lepidotteri diurni del P.N.D.B. E. Negrisolo, F. Calore 1997 A19 Conservazione del Re di Quaglie (Crex Crex) nel P.N.D.B. U. Gallo Orsi, M. Cassol 1998 A20 Censimenti estivo autunnali di fagiano di monte e coturnice in M. Catello 1999 alcune aree del P.N.D.B. A21 Fagiano di monte, coturnice, gallo cedrone e francolino di P.F. De Franceschi, R. Luise 1998 monte in alcune aree del Parco M. Catello, G. Tocchetto A22 Completamento indagine sui Lepidotteri E. Negrisiolo, F. Calore 1999 A23 La fauna acquatica delle sorgenti del P.N.D.B. Seconda parte: S. Sambugar (SAR), 1999 Monti del Sole, Schiara, Pelf, Pramper, Moschesin S. Ruffo A24 Ottimizzazione del monitoraggio faunistico del P.N.D.B. M. Ramanzin 1999 A25 Ottimizzazione del monitoraggio faunistico M. Ramanzin 2000 del P.N.D.B. Relazione scientifica finale 2000 A26 Attività di ricerca sui Tetraonidi effettuata nel 2000 G. Tocchetto 2000 A27 Censimenti al fagiano di monte e alla coturnice nel Parco M. Carlin 2000 A28 Il Re di Quaglie (Crex Crex) nella provincia di M. Cassol 2000 Belluno: nuovi dati distributivi A29 Popolamenti ittici nei corsi d acqua compresi Aquaprogram s.r.l nel territorio del P.N.D.B. (1999) A30 Fagiano di monte, coturnice, gallo cedrone e P.F. De Franceschi, 2000 francolino di monte in alcune aree del Parco G. De Franceschi A31 Il ruolo dei Parchi Nazionali nella conservazione dell avifauna M. Fraissenet 2000 A32 Monitoraggio delle popolazioni di cervo, capriolo e muflone del PNDB M. Anese 2001

9 A33 Studio di fattibilità per la reitroduzione dello A. Mustoni (a cura di) 2000 stanbecco delle Alpi (Capra ibex) sulle Pale di San Martino, su Dolomiti Bellubesi e sui comprensori montuosi limitrofi A34 Galliformi alpini in alcune aree campione del PNDB P. De Franceschi - G. De Franceschi 2001 (relazione tecnica ) A35 Censimenti estivo-autunnali di fagiano di monte e M. Catello 1999 coturnice in alcune aree del PNDB A36 Sviluppo di un sistema nazionale delle ZPS sulla LIPU 2002 base della rete delle IBA A37 Attività di ricerca e risultati all interno professionale G. Tocchetto 1999 riguardante il censimento del Francolino di Monte (Bonasia bonasia) nel PNDB A38 Indagine sui popolamenti ittici di alcuni corsi Aquaprogram srl 2001 d acqua del territorio del PNDB A39 Galliformi alpini in alcune aree campione del PNDB P. De Franceschi, 2002 A40 A41 Comportamento spaziale, movimenti stagionali e dispersione del Cervo nel comprensorio del Parco Naturale Paneveggio Pale di S. Martino Coordinamento del monitoraggio delle popolazioni di cervo, capriolo, camoscio e muflone nel PNDB relazione finale 2002 G. De Franceschi Università di Siena Dipartimento scienze amb. Prof. S. Lovari 2002 M. Ramanzin 2002 A42 Lepidotteri Notturni (Liste sistematiche, database) Timossi 2003 A43 Galliformi alpini in alcune aree campione del Paolo e Giacomo 2003 P.N.D.B. Relazione Annuale 03 Di Franceschi A44 Situazione storica e conoscenze attuali sull Aquila reale Aquila crysaetos nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Giuseppe Tormen 2003 A45 A46 Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua del territorio del PNDB Comportamento spaziale, movimenti stagionali e dispersione del Cervo nel comprensorio del Parco Naturale Paneveggio - Pale di S. Martino Aquaprogram 2002 Università di Siena Dipartimento scienze amb. Prof. S. Lovari A47 Interregg III AQUILALP L Aquila reale nelle Alpi Orientali G. Tormen Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A48 Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua del territorio Aquaprogram 2003 del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A49 Ibridazione marmorata Lucarda 2005 A50 Lepidotteri eteroceri del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi G. Timossi 2004 A51 Galliformi alpini del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi P. Flavio 2004 G. De Franceschi A52 L aquila reale nelle Alpi Orientali. Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Relazione finale G. Tormen A53 Monitoraggio delle popolazioni di cervo, capriolo, camoscio e muflone del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Relazione finale PNDB Dipartimento di Scienze Zootecniche di Padova C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 9

10 B1 Censimento e mappatura dei macromiceti del Parco F. Padovan 1995 B2 Sistema informatizzato per l archiviazione dei dati J. Nascimbene 1995 vegetazionali B3 Attività di archiviazione dei dati floristici Coop. Alpifeltrine 1995 (dati originali C. Lasen) B4 a) Realtà agro zootecnica nei comuni del Parco e situazione I. Andrighetto, 1996 della fauna ungulata e dei tetraonidi (relazione intermedia). M. Ramanzin, L. Benvenuti I. Andrighetto, L. Benvenuti b) Le caratteristiche del sistema foraggiero zootecnico nei comm. Ramanzin, A. Fumagalli afferenti al P.N.D.B. (relazione finale). Le caratteristiche del sistema foraggiero zootecnico nei comuni afferenti al P.N.D.B. e allegati tecnici V. azzarone, S. Nicoloso, P. Pedone B5 Ricerca lichenologica del P.N.D.B. (1996) J. Nascimbene 1996 B6 Carta vegetazionale dell area del Parco A. Pignatti 1996 B7 Ricerca lichenologica del P.N.D.B. J. Nascimbene 1997 B8 Censimento e mappatura dei macromiceti del P.N.D.B. F. Padovan 1997 B9 Indagine agro zootecnica L. Benvenuti, G. Cozzi 1998 B10 Indagine agronomica e zootecnica del G. Cozzi, I. Benvenuti 1999 complesso malghivo Pramper e Pramperet B11 Ricerca micologica: censimento e mappatura F.Padovan 1998 dei macromiceti del P.N.D.B. B12 Studio preliminare per la razionalizzazione dell alpeggio ovino E. Pastore 1999 malga Pian dei Foc (Monte Serva BL, ) B13 Dinamismo della vegetazione al limite superiore del bosco nel R. Gerdol, L. Bragazza, 1999 P.N.D.B. V. Boz, B. Pastori B14 Censimento delle aree prative comprese nel territorio del Corpo Forestale 2000 P.N.D.B. B15 Indagine agronomica e zootecnica del complesso malghivo PramG. Cozzi, I. Benvenuti 2000 e Pramperet 2000 B16 Studio per la razionalizzazione dell alpeggio ovino a malga dei Emilio Pastore 2001 fioch B17 Valorizzazione di specialità locali dell agricoltura minore I.P.S.I.A. A.Della Lucia 2001 Feltre B18 Antropizzazione di un territorio: la biodiversità coltivata N. Breda B. De luca 2002 B19 Pianificazione e mappatura degli interventi di sfalcio e di contenimento del bosco.-stato di fatto delle aree prative- M. Cassol 2002 B20 Effetti prodotti dal cambiamento climatico globale sulla vegetazione extraselvatica nel PNDB R. Gerdol, V. Boz, L. Bragazza, C. Lasen, M. Tommaselli B21 Le caratteristiche del sistema foraggero- zootecnico nei comuni 1996 afferenti al PNDB B22 Piano per la prevenzione e la lotta agli incendi boschivi O. Andrich, C. Frescura 2002 B23 Atti del Convegno-Seravella AA.VV B24 Le Unità Ambientali del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi AA.VV B25 L agricoltura nella rete ecologica nazionale INEA 2003 B26 Relazione sullo stato dell ambiente, proposte di obiettivi, strategambienteitalia 2003 linee di azione per l agenda 21 del PNDB B27 Studio di popolamenti algali presenti nelle acque correnti del M. Cantonato 2005 territorio del PNDB B28 Monitoraggio delle comunità algali del lago La Stua ( PNDB). Risultati 2004 E. Pinazza C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 10

11 C1 Sentiero delle Buse. Itinerario geologico geomorfologico L. Toffolet, D. Giordano 1998 attraverso le Buse delle Vette C2 Geomorfologia Valle del Mis G.B. Pellegrini 1998 C3 Attività speleologica 2000 S. Gava 2000 C4 Studio idrogeologico della sorgente dell acquedotto di malga E. Coleselli 1999 Pramper C5 Relazione attività speleologiche nel territorio del PNDB Fed. Speleologica Veneta, 1996 Gruppo speleologico CAI Feltre, Gruppo speleologico Valdobbiadenese C6 Relazione attività speleologiche nel territorio del PNDB Fed. Speleologica Veneta, 1997 Gruppo speleologico CAI Feltre, Gruppo speleologico Valdobbiadenese C7 Relazione attività speleologiche nel territorio del PNDB Gruppi speleologici 2001 Valdobbiadenese, CAI Feltre, CAI Padova, SOLVE Belluno C8 Rilevamento pedologico dell area delle Vette Feltrine ARPAV 2001 C9 Piano del Parco. Analisi geologica L. Toffolet 1996 C10 Relazione sulla campagna di misure eseguite nel Università di Padova 2001 gruppo dello Schiara (4 8 settembre 2001) Facoltà di ingegneria C11 Studio deformativo della Gusela del Vescovà Dipartimento di 2002 mediante tecniche geo-topografiche integrate Architettura, Urbanistica e Rilevamento-Univ. Padova C12 Relazione attività speleologica PNDB anno 2002 Federaz.Speleologica Veneta 2002 C13 1 convegno nazionale sulla speleologia in area dolomitica Speleodolomiti 2003 C14 Relazione attività speleologiche nel territorio del PNDB nel corso dell anno 2003 Federaz. Speleologica Veneta 2003 D1 Ricerche paletnologiche riparo Tomass Valle di Lamen L. Fasani, Univ. di Milano 1998 D2 Terre abbandonate e terre rappresentate: le trasformazioni del Evelin Vardanega 2003 paesaggio montano nell area di Sovramonte (BL) E1 Analisi del traffico nella Valle del Mis e in Val Canzoi Dolomiti Bus 1997 E2 Turismo ed attività ricreative nel P.N.D.B. T. Tempesta, M. Thiene 1999 E3 Indagine sullo stato di fatto dei Rifugi nel Parco Ente Parco 1999 E4 Escursione interdisciplinare di Scienze Naturali: il P.N.D.B. M. Casale 1995 E5 Grado di interesse e conoscenza di operatori e residenti ASCOM, IULM 2000 nell area dolomitica verso il P.N.D.B. E6 Avvicendamento generazionale nelle attività commerciali del ASCOM, IULM 2000 Feltrino E 7 Turismo ed attività ricreative nel PNDB T.Tempesta M.Tiene 1999 E 8 Progetto Economia del Parco Ascom 2000 E 9 L educazione ambientale nei parchi europei F.Meloni 2001 E 10 Un nuovo prodotto turistico: il Parco Naturale I. Fant 1997/99 E11 Per una mobilità turistica sostenibile. Mobility Okoinstitut Sudtirol/Alto 2001 management nel Parco Adige E12 PNDB-Analisi dell immagine stampa EtnoLAB, N. Martino 2003 E13 La qualità del turismo nei parchi. Cts, Min. Ambiente 2003 C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 11

12 F1 Censimento sorgenti nel P.N.D.B. L. D Alberto 1996 F2 Analisi delle acque delle sorgenti nel P.N.D.B. A.R.P.A.V. Sez. chimico 1998 ambientale, Sez. medico biotossic. F3 Controllo della contaminazione radioattiva in campioni di A.R.P.A.V. Sez. Fisica 1998 funghi prelevati dal Gruppo Micologico Bresadola nel P.N.D.B. Amb. F4 Segnalazione di siti degradati Corpo Forestale 2000 F5 Idrologia del complesso carsico dei Piani Eterni Gruppo speleologico Valdobbiadene, 2001 Feltre, Padovano, Gruppo Solve CAI BL F6 Misure di inquinanti atmosferici presso il Parco Nazionale Ambienteitalia 2004 Dolomiti Bellunesi F7 Il progetto Accelerates in Italia: cambiamenti globali, uso del suolo e biodiversità in provincia di Belluno C. Giupponi 2005 CODICE CATEGORIE LEGENDA A B C D E F Fauna Flora, vegetazione, aspetti agronomici e selvicolturali Geologia Storia, archeologia, architettura Gestione territoriale, aspetti giuridici, turismo, trasporti Qualità ambientale Feltre 07 novembre 2005 IL DIRETTORE Dott. V. N. Martino C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 12

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

Azione 2. Database BP parchi LIFE08-ENV IT/000388 1

Azione 2. Database BP parchi LIFE08-ENV IT/000388 1 Azione 2 Database BP parchi LIFE08-ENV IT/000388 1 Fossil Free Parco nazionale dolomiti Bellunesi n.d. i principi del progetto sono in continua applicazione Ente parco e gestori strutture presenti Parco

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI

PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, art. 10 PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI pag. 1 PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 Premessa: il presente Piano della Performance

Dettagli

PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007

PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 Parco PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 PREMESSA Nel corso del 2006 il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi si è attivato svolgendo un intensa azione di comunicazione e sensibilizzazione dell opinione pubblica

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE 2008

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE 2008 LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE 2008 Le indicazioni del presente documento, dopo l eventuale approvazione da parte dei competenti organi dell Ente Parco, saranno integrate e verificate

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI PIANO DI GESTIONE 2005

PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI PIANO DI GESTIONE 2005 PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI PIANO DI GESTIONE 2005 http://www.dolomitipark.it presid Premessa Sono passati pochi mesi dall inizio delle nuove attività dell Ente Parco. E ovvio che ci si dovesse

Dettagli

RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Monitoraggio della biodiversità animale in ambiente alpino Monitoraggio Biodiversità Obiettivi 1. Descrivere

Dettagli

Porretta Terme 29 settembre 2007. Valter Bonan Federparchi ECOAPENNINO. La montagna un ritorno al futuro

Porretta Terme 29 settembre 2007. Valter Bonan Federparchi ECOAPENNINO. La montagna un ritorno al futuro Valter Bonan Federparchi Porretta Terme 29 settembre 2007 La montagna un ritorno al futuro ECOAPENNINO Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Montagne in movimento Ritorno al futuro

Dettagli

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC INDICE DEL DOCUMENTO Percorso formativo Sezionale TAM e CSC pag. 2 Base Culturale Comune pag. 2 Moduli tecnici pag. 3 Percorso

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE, PROPOSTE DI OBIETTIVI, STRATEGIE, E LINEE DI AZIONE PER L AGENDA 21 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI

RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE, PROPOSTE DI OBIETTIVI, STRATEGIE, E LINEE DI AZIONE PER L AGENDA 21 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE, PROPOSTE DI OBIETTIVI, STRATEGIE, E LINEE DI AZIONE PER L AGENDA 21 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Ottobre 2003 INDICE 1. INTRODUZIONE................... 5

Dettagli

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Il turismo e le aree protettein Italia. Verso gli Stati generali Fabriano 8-9 ottobre 2014 Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Giuseppe Dodaro Realizzazione di un approfondimento

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

N. 29/2005 del Reg. Delibere

N. 29/2005 del Reg. Delibere N. 29/2005 del Reg. Delibere VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DELL ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Seduta Ordinaria Oggetto: Approvazione della convenzione fra Parco Nazionale Dolomiti

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

DOCUMENTO DI VAS RAPPORTO AMBIENTALE

DOCUMENTO DI VAS RAPPORTO AMBIENTALE DOCUMENTO DI VAS RAPPORTO AMBIENTALE relativo al PIANO DI GESTIONE TERRITORIALE DEL PARCO NATURALE MONT AVIC (l.r. 10 agosto 2004, n. 16 art. 10) Procedura di VAS Documento 3/5 0 PIANO DI GESTIONE TERRITORIALE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE, PROPOSTE DI OBIETTIVI, STRATEGIE, E LINEE DI AZIONE PER L AGENDA 21 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI

RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE, PROPOSTE DI OBIETTIVI, STRATEGIE, E LINEE DI AZIONE PER L AGENDA 21 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE, PROPOSTE DI OBIETTIVI, STRATEGIE, E LINEE DI AZIONE PER L AGENDA 21 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI SINTESI Ottobre 2003 1 1. INTRODUZIONE 1.1 Sviluppo sostenibile,

Dettagli

Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro 1-32032 FELTRE (BL) C.F. 91005860258 - P.IVA 00846670255

Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro 1-32032 FELTRE (BL) C.F. 91005860258 - P.IVA 00846670255 Parco Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro 1-32032 FELTRE (BL) C.F. 91005860258 - P.IVA 00846670255 ATTUAZIONE PIANO DI GESTIONE 2006 PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 INDICE PREMESSA

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

VOLONTARIATO AL PARCO NATURALE ALPI MARITTIME

VOLONTARIATO AL PARCO NATURALE ALPI MARITTIME VOLONTARIATO AL PARCO NATURALE ALPI MARITTIME Un numero sempre maggiore di cittadini, per lo più donne e giovani, sono impegnati quotidianamente nella salvaguardia della flora e della fauna, attivi ogni

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Altopascio 21.01.2011 PIANO PLURIENNALE ECONOMICO-SOCIALE della R.N.P. LAGO DI SIBOLLA

Altopascio 21.01.2011 PIANO PLURIENNALE ECONOMICO-SOCIALE della R.N.P. LAGO DI SIBOLLA Riserva Naturale Provinciale Lago di Sibolla Altopascio 21.01.2011 CHE COSA E IL PPSE? l. n. 394/ 91 legge quadro sulle aree protette ha la finalità di promuovere e sostenere iniziative atte a favorire

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

A Scuola nel Parco. Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A.S. 2006-2007 e 2007-2008 DISCIPLINARE TECNICO

A Scuola nel Parco. Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A.S. 2006-2007 e 2007-2008 DISCIPLINARE TECNICO A Scuola nel Parco Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A.S. 2006-2007 e 2007-2008 DISCIPLINARE TECNICO Il Parco Quello delle Dolomiti Bellunesi è l unico Parco Nazionale del Veneto.

Dettagli

Progetti UN MONDO SOMMERSO NEL PARCO

Progetti UN MONDO SOMMERSO NEL PARCO Progetti UN MONDO SOMMERSO NEL PARCO Il Parco Valle Lambro, secondo la classificazione ufficiale, è un parco fluviale. L acqua, nei suoi diversi ambienti e collocazioni, è il filo conduttore dei progetti

Dettagli

CURRICULUM. Titoli di studio

CURRICULUM. Titoli di studio CURRICULUM ANDREA GENNAI Nato a Pisa il 12/07/1970 Codice Fiscale GNN NDR 70L12 G702K Residente a Pratovecchio (52015 AR) e-mail: andrea.gennai@parcoforestecasentinesi.it Titoli di studio - Maturità scientifica

Dettagli

Le opere di captazione, riportate nella tavola 6 (Utilizzazioni idriche) sono suddivise nelle seguenti categorie:

Le opere di captazione, riportate nella tavola 6 (Utilizzazioni idriche) sono suddivise nelle seguenti categorie: L elenco delle opere di captazione idrica è stato svolto ad integrazione del lavoro di censimento dei punti sorgente nel territorio del Parco, commissionato dall Ente al Dott. Lucio d Alberto, all interno

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del Premio La Città per

Dettagli

SCHEDA PROGETTO Misura 313 Incentivazione delle attività turistiche Azione 2 Accoglienza Contesto di riferimento

SCHEDA PROGETTO Misura 313 Incentivazione delle attività turistiche Azione 2 Accoglienza Contesto di riferimento SCHEDA PROGETTO Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 - Asse 4 LEADER Programma di Sviluppo Locale PRE.D.I.R.E. Prealpi e Dolomiti per l Innovazione e il Rilancio dell Economia Misura 313

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

PROGRAMMI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO SCOLASTICO 2014 2015 SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

PROGRAMMI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO SCOLASTICO 2014 2015 SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACCOMUNALE BRUGHIERA BRIANTEA Via D. Aureggi, 25 20823 Lentate sul Seveso (MB) Tel. 0362.569116 info@parcobrughiera.it - edambientale@parcobrughiera.it PROGRAMMI DI EDUCAZIONE

Dettagli

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici Settore Segreteria Generale Segretario Generale: Giulio Nardi e-mail: giulio.nardi@provincia.siena.it Telefono: 0577 241360 Fax: 0577 241321 Orario di ricevimento: su appuntamento Settore Servizi Amministrativi

Dettagli

Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Anno Scolastico 2004-2005 Per Scuole dell Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 e 2 grado 1 A scuola nel Parco Educazione ambientale nel Parco

Dettagli

LINEE GUIDA E STANDARD PER LA SEGNALETICA DELLA RETE DEI SENTIERI DEL PARCO

LINEE GUIDA E STANDARD PER LA SEGNALETICA DELLA RETE DEI SENTIERI DEL PARCO LINEE GUIDA E STANDARD PER LA SEGNALETICA DELLA RETE DEI SENTIERI DEL PARCO A cura dell OSSERVATORIO DELLA BIODIVERSITA Con la collaborazione di CLUB ALPINO ITALIANO e FEDERAZIONE ITALIANA ESCURSIONISMO

Dettagli

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE L analisi delle diverse indagini conoscitive effettuate e riportate dai diversi esperti nel Piano di Assetto

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "Antonio Della Lucia" Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Antonio Della Lucia Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc. ISTITUTO TECNICO Settore tecnologico ad indirizzo AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

TUTELA AMBIENTE MONTANO. Noi e il CAI

TUTELA AMBIENTE MONTANO. Noi e il CAI TUTELA AMBIENTE MONTANO Noi e il CAI TEMI TRATTATI Posizione del CAI Cosa possiamo fare noi TAM http://www.cai-tam.it/ Posizione e impegno Tema importante per la montagna protezione dell'ecosistema montano

Dettagli

Progetto LIFE + Environmental COoperation model for Cluster www.ecocluster.it Eco-Cluster Cerreto: Turismo eno-gastromico sostenibile 4 gennaio 2013

Progetto LIFE + Environmental COoperation model for Cluster www.ecocluster.it Eco-Cluster Cerreto: Turismo eno-gastromico sostenibile 4 gennaio 2013 Progetto LIFE + Environmental COoperation model for Cluster www.ecocluster.it Eco-Cluster Cerreto: Turismo eno-gastromico sostenibile 4 gennaio 2013 INDICE Il progetto ECOCLUSTER Cos è un cluster Il Cluster

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

- Con L.R. 11 del 15/05/2006 è stata istituita la Riserva Naturale Regionale Palude la Vela, ricadente nel territorio comunale di Taranto.

- Con L.R. 11 del 15/05/2006 è stata istituita la Riserva Naturale Regionale Palude la Vela, ricadente nel territorio comunale di Taranto. FORUM ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI INCONTRO DEL 23.07.2008 LA VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI : PIANO DI GESTIONE DEL SIC-ZPS AREE DELLE GRAVINE RELAZIONE - La Regione Puglia con L.R. 24/07/1997 n. 19 recante:

Dettagli

Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato

Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato SISTEMA PROVINCIALE DELLE AREE PROTETTE ANPIL ALTO CARIGIOLA E MONTE DELLE SCALETTE RISERVA NATURALE ACQUERINO CANTAGALLO ANPIL DEL MONTEFERRATO

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

PROGETTO Bi.O.S. - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno

PROGETTO Bi.O.S. - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno Casa dello Sport - 17 ottobre 2015 Partner: Collaboratore: Con il contributo

Dettagli

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo:

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo: PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO PILOTA DI RICONVERSIONE COLTURALE, CON FINALITÁ ECOLOGICHE E PAESAGGISTICHE, DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE DEI COMUNI DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI

Dettagli

Il nuovo Piano d area del Parco naturale della Valle del Ticino

Il nuovo Piano d area del Parco naturale della Valle del Ticino Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Ente di gestione del Parco naturale della Valle del Ticino Il nuovo Piano d area del Parco naturale della Valle del Ticino Il Parco naturale della Valle

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DEI SISTEMI NATURALI

LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DEI SISTEMI NATURALI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DEI SISTEMI NATURALI Allegato 1 ORGANIZZAZIONE GENERALE: Ai sensi del vigente ordinamento, le attività formative che dovranno essere acquisite dagli studenti sono distinte

Dettagli

scopri l altro piano di Asiago

scopri l altro piano di Asiago scopri l altro piano di Asiago ASIAGO TREKKING L ALTRO PIANO DI ASIAGO Una vastissima rete di sentieri e mulattiere finalmente alla portata di tutti. Una rete di rifugi organizzati per scoprire l anima

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto

Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto Declinare la biodiversità nel sistema agenziale: l esperienza di ARPA Veneto Roma, 26 novembre 2010 Auditorium ISPRA- Roma Sandro Boato ARPA Veneto La biodiversità nel Veneto LA DIVERSITA DEL PAESAGGIO

Dettagli

Progetto VETTA. Valorizzazione delle esperienze e dei prodotti turistici transfrontalieri delle medie ed alte quote. Le opportunità non hanno confini

Progetto VETTA. Valorizzazione delle esperienze e dei prodotti turistici transfrontalieri delle medie ed alte quote. Le opportunità non hanno confini Progetto VETTA Valorizzazione delle esperienze e dei prodotti turistici transfrontalieri delle medie ed alte quote Le opportunità non hanno confini Obbiettivo generale e linee d azione Valorizzare e rendere

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FRANCESCHINA JESSICA VIA SANTELLONE 7, CAP 23032 BORMIO (SONDRIO) Telefono 349-3984744 Fax E-mail

Dettagli

Elena Farnè, architetto IntercityLab

Elena Farnè, architetto IntercityLab 5 Aprile 2011 / RIMINI PAESAGGIO E RISORSE / dal progetto di recupero Dell ex-cava In.Cal.System proposte per la valle del Marecchia Elena Farnè, architetto IntercityLab PROGETTO INCAL / richieste d incarico

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI TEMPO PREVISTO REALIZZAZIONE OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO STATO DI ATTUAZIONE TRAGUARDI

ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI TEMPO PREVISTO REALIZZAZIONE OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO STATO DI ATTUAZIONE TRAGUARDI SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PROGRAMMA AMBIENTALE 2007 La Politica Ambientale promulgata dalla Direzione stabilisce quali siano gli indirizzi e i settori nei quali l Organizzazione si impegna a migliorare

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Bernasconi Dott. Agronomo Giancarlo Via Astico n. 51\D, Varese 21100 Italy. bernie59@hotmail.it

Bernasconi Dott. Agronomo Giancarlo Via Astico n. 51\D, Varese 21100 Italy. bernie59@hotmail.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Bernasconi Dott. Agronomo Giancarlo Via Astico n. 51\D, Varese 21100 Italy Telefono Cell: 3495208599 Fax E-mail bernie59@hotmail.it

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

AGOSTO 2015 COL MAZAROL

AGOSTO 2015 COL MAZAROL AGOSTO 2015 COL MAZAROL Tra paesaggi unici, cibo sano, turismo sostenibile e natura incontaminata, tante escursioni, eventi, giornate in buona compagnia nelle Dolomiti Bellunesi, perché l'estate più speciale

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

PROGETTO CLIMAPARKS LE ATTIVITÀ DEL PARCO NATURALE REGIONALE DELLE PREALPI GIULIE. Le aree protette affrontano la sfida dei cambiamenti climatici

PROGETTO CLIMAPARKS LE ATTIVITÀ DEL PARCO NATURALE REGIONALE DELLE PREALPI GIULIE. Le aree protette affrontano la sfida dei cambiamenti climatici PROGETTO CLIMAPARKS LE ATTIVITÀ DEL PARCO NATURALE REGIONALE DELLE PREALPI GIULIE Le aree protette affrontano la sfida dei cambiamenti climatici Venzone, 24 novembre 2011 WP 2 - MONITORAGGIO E ANALISI

Dettagli

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità di Mantova - Assessorato Ambiente FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA Appendice al Piano d'azione Le Priorità Agenda 21 Mantova - via Roma 39 46100 MANTOVA - @mail:agenda21lmantova@domino.comune.mantova.it

Dettagli

rispetta il presente per avere un

rispetta il presente per avere un rispetta il presente per avere un domani STUDIO MASTER ECOLOGY CONSULTING crede che una qualsiasi organizzazione, pubblica e privata, possa trarre proficui vantaggi dalla impostazione interna di risorse,

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA RETE

PRESENTAZIONE DELLA RETE Progetto LIFE11/NAT/IT/000187 TEN Trentino Ecological Network IL PROGETTO LIFE+TEN E LE RETI DI RISERVE: la rete ecologica del Trentino in azione Rete di Riserve Alpi Ledrensi : azioni e programmi Paolo

Dettagli

PROGRAMMA FINANZIARIO COMPLESSIVO DELLA RETE DI RISERVE ALPI LEDRENSI

PROGRAMMA FINANZIARIO COMPLESSIVO DELLA RETE DI RISERVE ALPI LEDRENSI Allegato alla delibera del Consiglio n. 20 dd. 27.08.2015 Il Segretario F:to dott. Paulo Nino Copat Allegato A2) PROGRAMMA FINANZIARIO COMPLESSIVO DELLA RETE DI RISERVE ALPI LEDRENSI Fondi cash alla RR

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 -

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 - ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 - Per informazioni e prenotazioni: http:///iscriversi.html Email: info@friultrekandtrout.com - Cellulare: 3453597254 PER POTER PARTECIPARE ALLE SINGOLE ATTIVITÀ

Dettagli

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc.

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc. Relazione a Regolamento Regionale: degli standard qualitativi e delle dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case e appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Cambiamenti climatici e buone pratiche nelle Alpi

Cambiamenti climatici e buone pratiche nelle Alpi Cambiamenti climatici e buone pratiche nelle Alpi PRIMA CONFERENZA DEL PROGETTO CLIMAPARKS Le aree protette affrontano la sfida dei cambiamenti climatici Venzone, 24 novembre 2011 Come si reagisce al cambiamento

Dettagli

Comune di Belluno. Assessorato alle politiche ambientali PARCHI NEL PARCO:

Comune di Belluno. Assessorato alle politiche ambientali PARCHI NEL PARCO: Comune di Belluno Assessorato alle politiche ambientali PARCHI NEL PARCO: Parchi e sentieri urbani nel capoluogo del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Direzione area sviluppo e programmazione Servizio

Dettagli

88 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 52 - Giovedì 24 dicembre 2015

88 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 52 - Giovedì 24 dicembre 2015 88 Bollettino Ufficiale D.g.r. 17 dicembre 2015 - n. X/4598 Criteri per la predisposizione dei piani delle riserve e loro varianti e per la definizione della documentazione minima a corredo delle proposte

Dettagli

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO.

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. Allegato parte integrante Allegato A) Criteri di Coerenza CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. In relazione alle finalità indicate nel Progetto Strategico di Sviluppo e nel

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE RIVOLTI A DONNE E FINALIZZATI A FORMARE OPERATRICI DI BED & BREAKFAST E IMPRENDITRICI NEL SETTORE DELL ARTIGIANATO ARTISTICO

CORSI DI FORMAZIONE RIVOLTI A DONNE E FINALIZZATI A FORMARE OPERATRICI DI BED & BREAKFAST E IMPRENDITRICI NEL SETTORE DELL ARTIGIANATO ARTISTICO ALLEGATO 1 Schede analitiche dei singoli interventi comprensive delle eventuali indicazioni e orientamenti generali e delle prescrizioni dell Autorità di gestione regionale (punto 1.c), art.13 del Bando)

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera INTERREG IV Italia - Austria

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera INTERREG IV Italia - Austria Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera INTERREG IV Italia - Austria Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera I territori eleggibili sono le zone

Dettagli

Forum intercomunale aperto 22 aprile 2005

Forum intercomunale aperto 22 aprile 2005 Forum intercomunale aperto 22 aprile 2005 Grosio Grosotto Vervio Tovo S. Agata Mazzo di Valtellina Relatori: Comunità Montana: Assessore Lorena Moretti Comune di Grosio: Vicesindaco Umberto Bozzini Ambiente

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Studio di fattibilità per una gestione sostenibile dell acqua nei centri sportivi invernali in Alto Adige

Studio di fattibilità per una gestione sostenibile dell acqua nei centri sportivi invernali in Alto Adige Studio di fattibilità per una gestione sostenibile dell acqua nei centri sportivi invernali in Alto Adige Sintesi della relazione finale Panoramica del progetto Conoscenze acquisite Lista di controllo

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE STUDIO TECNICO dott. agr. Maurizio Leoni CONSULENZA AGRONOMICA E AMBIENTALE

CURRICULUM PROFESSIONALE STUDIO TECNICO dott. agr. Maurizio Leoni CONSULENZA AGRONOMICA E AMBIENTALE CURRICULUM PROFESSIONALE STUDIO TECNICO dott. agr. Maurizio Leoni CONSULENZA AGRONOMICA E AMBIENTALE Nato a Forlì (FO) il 21 aprile 1953 Studio: via Donatori del Sangue 20 - Villorba (TV) 0422/423000 Residenza:

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

A. AMBITO DI ATTIVITA' FORESTALE

A. AMBITO DI ATTIVITA' FORESTALE IL PROGRAMMA AMBIENTALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI La Politica Ambientale promulgata dalla Direzione stabilisce quali siano gli indirizzi e i settori nei quali l Organizzazione si impegna a

Dettagli