Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Aggiornamento ad ottobre 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Aggiornamento ad ottobre 2005"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Aggiornamento ad ottobre 2005

2 Nella presente relazione vengono apportati gli aggiornamenti alla Dichiarazione ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi al mese di ottobre 2005 per i seguenti capitoli: 4 La Pianificazione Rete Natura Infrastrutture del Parco Centri visitatori e Musei Malghe attive 31 8 Il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi: inquadramento generale Punti di attrazione turistica di tipo storico architettonico culturale e di tradizioni popolari 45 9 Le attività del Parco Opere pubbliche Politica Ambientale del Parco e Sistema di Gestione ambientale e per la Qualità La Politica Ambientale Obiettivi e traguardi 70 ALL. 2 Legislazione ambientale vigente 77 ALL. 3 Elenco ricerche condotte dal Parco La Pianificazione 4.5 Rete Natura 2000 Con Decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio del 25 marzo 2005 alla Zona di protezione speciale (ZPS) Dolomiti Feltrine e Bellunesi è stato attribuito il codice IT :Infrastrutture del Parco 6.2 Centri visitatori e Musei Valle Imperina Centro visitatori Uomini di Valle Imperina Loc. Le Miniere I Rivamonte Agordino (Belluno) Telefono Ingresso: 1 Euro Sin dall istituzione l Ente Parco ha lavorato per il recupero del patrimonio edilizio delle ex-miniere di Valle Imperina, nell Agordino. In collaborazione con la Comunità Montana Agordina, il Comune di Rivamonte e la Regione del Veneto, utilizzando fondi comunitari del progetto Interreg, è stato allestito un ostello negli edifici dell ex Cral ed è in corso il recupero degli antichi forni fusori. La centralina idroelettrica è stata invece trasformata in Centro Visitatori, dedicato alla fatica dell uomo nelle miniere e al loro impatto ambientale sull area circostante. Una parte del Centro è invece dedicata ai seggiolai agordini e al mito dell Om Salvarech. 6.4 Malghe attive Malga Casera dei Boschi Indirizzo: Via Casera dei Boschi Pedavena Tel.: C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 2

3 8. Il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi: inquadramento generale 8.6 Punti di attrazione turistica di tipo storico architettonico culturale e di tradizioni popolari Il turismo nel Parco: situazione attuale e prospettive future Nell area del Parco permangono molte delle carenze strutturali ed imprenditoriali relative alle imprese turistiche, già rilevate nella precedente relazione ambientale. In questi anni però, grazie anche al progetto Carta qualità, si segnala un incremento del numero di strutture ricettive diffuse, come i Bed & Breakfast ed un forte impegno di alcuni operatori al miglioramento qualitativo dell ospitalità. Le aziende ed i prodotti che hanno ottenuto il logo del Parco sono oggi oltre un centinaio. I margini di miglioramento sono dunque ancora molto ampi e vanno inquadrati in un contesto nazionale di grande attenzione dei turisti nei confronti dei Parchi e delle aree protette. Nel 2001 sono infatti state registrate, nei Parchi italiani, 155 milioni di presenze, pari a circa il 14,4% del totale dei turisti, con un giro d affari compreso tra gli 8,5 e i 9,3 miliardi di euro. Il dato di maggior rilievo per il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi è che, nonostante le evidenziate carenze infrastrutturali, questa area protetta è risultata una delle più visitate in Italia. Secondo il terzo Rapporto sul Turismo nei Parchi, realizzato dall Osservatorio Nazionale sul turismo nelle aree protette, gli alberghi ed esercizi complementari dei Comuni del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi ospitano, annualmente, oltre di turisti, dato che inserisce il Parco al quinto posto tra i Parchi nazionali italiani intermini di numero di visitatori. Di tutto rispetto è anche il numero di presenze derivanti dal turismo escursionistico, stimate in oltre , su un totale nazionale di quasi 54 milioni. Le potenzialità turistiche del Parco e le attuali carenze nell ospitalità sono testimoniate anche dal numero di presenze ufficiali per posto letto, che nelle dolomiti Bellunesi è il più alto tra tutti i Parchi Nazionali italiani, con 191. Questo dato non va interpretato come una alta capacità di utilizzazione dei posti letto, quanto piuttosto come una carenza di ricettività in rapporto ai flussi turistici attuali e ancor più a quelli potenziali. Dopo quasi 10 anni di promozione e comunicazione delle valenze ambientali di questo Parco, i flussi turistici hanno cominciato a scoprire le Dolomiti Bellunesi, la sfida ora è quella di garantire ai visitatori un livello qualitativo della ricettività all altezza della qualità ambientale di questi luoghi. Lo strumento della Carta Qualità del parco (il logo attribuito alle attività che garantiscano vocazione e caratterizzazione ambientale coerente con il sistema del parco) risulta in costante diffusione, e sta rispettando il trand di incremento registrato negli anni passati. Ad oggi le aziende ed i prodotti che hanno ottenuto il logo del Parco sono in tutto Le attività del Parco 9.1 Opere pubbliche Interventi sulle malghe Malga Casere dei Boschi Malga Casere dei Boschi fotovoltaico Malga Pramper e viabilità Malga Pramper fitodepurazione Malga Monsampian Malga Monsampian fotovoltaico Pendana di Brendol Malga Brendol fotovoltaico Pista di accesso alle Malghe Erera e Campotorondo Pista di accesso alla Malga Vette Grandi Malga Alvis A B C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 3

4 Malga Alvis fotovoltaico Malga Vette Grandi Malga Erera Malga Campotorondo Malga Campotorondo fotovoltaico Malga Pian dei Fioc Bivacco casera Le Prese Bivacco casera Le Prese fotovoltaico Bivacco Casera Vescovà Bivacco casera Vette Piccole Bivacco casera Vette Piccole fotovoltaico Bivacco casera Tavernazzo Bivacco casera Le Mandre fotovoltaico Interventi sui rifugi Ristrutturazione Rifugio Dal Piaz Opera di presa e turbina Rifugio Bianchet Ristrutturazione Rifugio Casera Ere Adeguamento Rifugio Boz Opera di presa, turbina e acquedotto Rifugio Pian de Fontana Acquedotto Le Vette Vasca antincendio Casera Ere Interventi per l ospitalità Centro culturale Chiesa di Agre Valorizzazione sito archeologico di Agre Edificio Col de Mich Col de Mich parcheggio Col de Mich fotovoltaico Centro visitatori Valle Imperina Area ricettiva di Val Brenton Area ricettiva di Pian Falcina Edificio ex forni fusori Valle Imperina Edificio ex Cral Valle Imperina Area ricettiva di Candaten Area faunistica di Salet Centro visitatori di Pedavena Sede Ente Parco Sede Ente Parco fotovoltaico Punto informazioni di Serravella Museo sull economia agro-silvo-zootecnica a La Valle Agordina Foresteria Agre Foresteria Agre deposito interrato Foresteria al Frassen Rifugio forestale Le Mandre Area ricettiva Pian d Avena Casel de Vignui Punto informazioni di Cellarda Pista sci nordico Casera dei Boschi Parcheggio Casera dei Boschi Piazzale Croce d Aune Centro visitatori di Belluno Centro di educazione ambientale La Santina Fagarei fotovoltaico Nusieda alta fotovoltaico A B C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 4

5 Interventi sul territorio Sentiero San Mauro-Monte Grave Sentiero natura Val di S. Martino Sentiero tematico La Via degli Ospizi Sentiero Col dei Cavai Sentiero natura Val di Canzoi Sentiero La Soffia Sentiero tematico I cadini del Brenton Sentiero natura Val Falcina Sentiero Val dei Ross Sentiero Pian de Fontana Caiada Sentiero tematico Chiesette pedemontane Sentiero tematico La montagna dimenticata Sentiero tematico Antiche cave di pietra Itinerari turistici Monte Pizzocco Sentiero La via dei Capitaniati Percorso ciclopedonale Candaten Vale de Piero Sentiero tematico Covoli in Val di Lamen Sentiero val Rui Fret Strade forestali di Caiada Percorso torrente Ardo Riqualificazione giardino sede Ente Parco A Stato di attuazione B Nuovo intervento Intervento ultimato Intervento in corso A B 10. Politica ambientale del Parco e Sistema di Gestione ambientale per la Qualità 10.1 La Politica Ambientale La Politica Ambientale del Parco nazionale Dolomiti Bellunesi è stata aggiornata per rispettare quanto prescritto dalla nuova norma UNI EN ISO La nuova versione è riportata nell allegato A. C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 5

6 12. Obiettivi e traguardi Il prospetto aggiornato dei traguardi per l anno 2006 è riportato di seguito. IMPATTI INDICATORE STATO ATTUALE Valore DMV l/s/kmq Valore indice IFF OBIETTIVI AMBIENTALI Valore DMV (indagine Ridefinizione ed applicazione ARPAV-Autorità di Bacino DMV e miglioramento Indice del Piave ) Funzionalità Fluviale Norme di polizia forestale Regione Veneto Individuazione cartografica dei grandi alberi Valorizzazione del patrimonio forestale e dei grandi alberi TRAGUARDI AMBIENTALI (SCADENZA) Definizione ed attuazione protocolli con Autorità di Bacino, ARPAV e Provincia (2004) Approvazione Progetto Speciale Selvicoltura (2004) Georeferenziazione dei grandi alberi nel SIT (2005) STATO DI ATTUAZIONE CRITICITA In corso I contatti con i soggetti non sono avvenuti per assenza Organi istituzionali dell Ente Non realizzato Assenza degli Organi istituzionali dell Ente In corso Diverso assestamento finanziario dell Ente NUOVA SCADENZA Conservazione habitat, fauna e flora Conservazione habitat Ettari falciati e pascolati 10 ettari sfalciati 97,5 % % UBA potenziali caricate UBA potenziali caricate Assenza di malattia N casi di rogna sarcoptica conclamata Numero di tavole implementate nel SIT 5 tavole di Piano digitalizzate Carta del rischio pirologico completata Attuazione del Progetto Aumento superfici prative Speciale Riqualificazione prati e manutenute del 5 % (2004) pascoli, gestione delle malghe Attuazione Progetto Speciale Fauna, habitat faunistici e controllo zoosanitario Ottimizzazione della gestione territoriale con digitalizzazione e georeferenziazione delle informazioni Realizzazione Piano Anti Incendi Boschivi N. 1 Corsi di formazione CTA e personale Parco Test ELISA sul 20% dei camosci rinvenuti Digitalizzazione di 10 Tavole di Piano (2004) Elaborazione ed approvazione del Piano Anti Incendi Boschivi (2005) Terminato --- Terminato Terminato Non realizzato Assenza degli Organi istituzionali dell Ente Diverso assestamento finanziario dell Ente

7 IMPATTI INDICATORE STATO ATTUALE Valorizzazione del patrimonio edilizio Promozione socioeconomica Sensibilizzazione ambientale Abbandono RSU Consumi energetici Pubblicazione linee guida N progetti ultimati N di iniziative attivate N aziende che aderiscono alla carta qualità N Iniziative realizzate Numero di campagne realizzate Percentuale di strutture dotate di contenitori Numero di impianti realizzati OBIETTIVI AMBIENTALI Progetto avviato Attuazione Progetto Speciale Testo recupero edilizia Val Tutela e salvaguardia del del Mis pubblicato patrimonio edilizio Progetti esecutivi Agre e Frassen N. 3 pubblicazioni promozionali su Carta qualità N. 50 aziende aderenti n. 2 iniziative per lo sviluppo della mobilità su rotaia (Treno dei fiori) N. 10 iniziative ed eventi realizzati all anno Attuazione Piano Triennale Opere Pubbliche Promozione certificazione ISO 9000/14001 nelle aziende locali (area PPES) Promozione delle aziende attraverso Carta Qualità Mobilità sostenibile per la fruizione turistica: treno+bus Accrescere la qualità della fruizione turistica 80 % Raccolta differenziata RSU N. 18 impianti realizzati Uso energie rinnovabili TRAGUARDI AMBIENTALI (SCADENZA) Definizione delle linee guida per il recupero del patrimonio edilizio (2004) STATO DI ATTUAZIONE CRITICITA NUOVA SCADENZA In corso 2006 Conclusione di n. 2 progetti (2005) Terminato --- Attivazione di una iniziativa di promozione e divulgazione della certificazione (2004) Aumento delle aziende aderenti al circuito carta qualità a 60 (2004) Iniziative per l ncremento del trasporto multimodale: n. 2 (2004) Divulgazione e comunicazione ambientale nei confronti di turisti e residenti : 15 eventi/pubblicazioni (2004) Installazione di contenitori per la raccolta differenziata nel 100 % delle strutture del Parco (2004) Completamento progetto Parco Fossil Free con altri n. 5 impianti (2006) Terminato (Agemas) --- Terminato --- Non realizzato Assenza degli Organi istituzionali dell Ente 2006 Terminato --- Terminato --- Terminato --- C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 7

8 All. 3 - Studi e Ricerche condotti dal Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi CODICE TITOLO RICERCATORE ANNO A1 Uccelli e mammiferi del Parco e delle aree immediatamente M. Cassol 1995 limitrofe A2 Indagine preliminare sui popolamenti a Coleotteri Geoadefagi R. Pizzolotto 1996 dell area di studio La Vareta A3 Sperimentazione di metodologie di monitoraggio della V. Mazzarone, 1996 popolazione di cervo (Cervus elaphus) e capriolo (Capreolus capreolus) S. Nicoloso, P. Pedone, M. Ramanzin (Coord.) (Dream Italia) A4 Fagiano di monte e coturnice in alcune Aree del P.N.D.B. P. De Franceschi, M. Catello, R Luise A5 Sperimentazione di metodologie di monitoraggio della P.G. Meneguz, M. Ramanzin, 1996 popolazione del muflone e del camoscio (Coord.) A6 Coleotteri, invertebrati stato delle conoscenze R. Pizzolotto 1996 A7 Indagine sulla distribuzione ed ecologia delle zecche (Ixodes AA.VV. con coordinam ricinus) nel P.N.D.B. di G. Perini e D. Grazioli A8 Ricerca bibliografica sui popolamenti animali degli ambienti Aquaprogram s.r.l acquatici nel P.N.D.B. e nella provincia bellunese A9 Indagine sulle popolazioni di capriolo, cervo, muflone e M. Ramanzin, V. Mazzarone, 1997 camoscio nel Parco P.G. Meneguz (Coordin.) A10 Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio Aquaprogram s.r.l del P.N.D.B. (a cura di E. Marconato) A11 Gallo cedrone, fagiano di monte e coturnice in alcune aree del P. De Franceschi, 1997 P.N.D.B. M. Catello, R. Luise A12 Anfibi e rettili del P.N.D.B. (Amphibia, Reptilla, Italia nordorientale: L. Lapini 1997 Belluno) A13 Indagine sulla presenza della lince nel territorio del Parco M. Catello, S. Mayr, 1997 (supervisione di B. Ragni) A14 Indagine sulla microteriofauna del P.N.D.B. R. Luise, P. Paolucci 1997 A15 Campionamento microfaune acquatiche L. D Alberto 1997 (mag ott 1997) Annotazioni geologiche A16 Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua compresi nel Aquaprogram s.r.l P.N.D.B. (approfondimento) (a cura di E. Marconato) A16 bis Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua compresi nel Aquaprogram s.r.l P.N.D.B. ( a cura di E. Marconato) A17 La fauna acquatica delle sorgenti del P.N.D.B. Prima parte: Vet S. Sambugar, S. Ruffo 1997 Feltrine, Pizzocco, Brendol A18 Studio e censimento dei Lepidotteri diurni del P.N.D.B. E. Negrisolo, F. Calore 1997 A19 Conservazione del Re di Quaglie (Crex Crex) nel P.N.D.B. U. Gallo Orsi, M. Cassol 1998 A20 Censimenti estivo autunnali di fagiano di monte e coturnice in M. Catello 1999 alcune aree del P.N.D.B. A21 Fagiano di monte, coturnice, gallo cedrone e francolino di P.F. De Franceschi, R. Luise 1998 monte in alcune aree del Parco M. Catello, G. Tocchetto A22 Completamento indagine sui Lepidotteri E. Negrisiolo, F. Calore 1999 A23 La fauna acquatica delle sorgenti del P.N.D.B. Seconda parte: S. Sambugar (SAR), 1999 Monti del Sole, Schiara, Pelf, Pramper, Moschesin S. Ruffo A24 Ottimizzazione del monitoraggio faunistico del P.N.D.B. M. Ramanzin 1999 A25 Ottimizzazione del monitoraggio faunistico M. Ramanzin 2000 del P.N.D.B. Relazione scientifica finale 2000 A26 Attività di ricerca sui Tetraonidi effettuata nel 2000 G. Tocchetto 2000 A27 Censimenti al fagiano di monte e alla coturnice nel Parco M. Carlin 2000 A28 Il Re di Quaglie (Crex Crex) nella provincia di M. Cassol 2000 Belluno: nuovi dati distributivi A29 Popolamenti ittici nei corsi d acqua compresi Aquaprogram s.r.l nel territorio del P.N.D.B. (1999) A30 Fagiano di monte, coturnice, gallo cedrone e P.F. De Franceschi, 2000 francolino di monte in alcune aree del Parco G. De Franceschi A31 Il ruolo dei Parchi Nazionali nella conservazione dell avifauna M. Fraissenet 2000 A32 Monitoraggio delle popolazioni di cervo, capriolo e muflone del PNDB M. Anese 2001

9 A33 Studio di fattibilità per la reitroduzione dello A. Mustoni (a cura di) 2000 stanbecco delle Alpi (Capra ibex) sulle Pale di San Martino, su Dolomiti Bellubesi e sui comprensori montuosi limitrofi A34 Galliformi alpini in alcune aree campione del PNDB P. De Franceschi - G. De Franceschi 2001 (relazione tecnica ) A35 Censimenti estivo-autunnali di fagiano di monte e M. Catello 1999 coturnice in alcune aree del PNDB A36 Sviluppo di un sistema nazionale delle ZPS sulla LIPU 2002 base della rete delle IBA A37 Attività di ricerca e risultati all interno professionale G. Tocchetto 1999 riguardante il censimento del Francolino di Monte (Bonasia bonasia) nel PNDB A38 Indagine sui popolamenti ittici di alcuni corsi Aquaprogram srl 2001 d acqua del territorio del PNDB A39 Galliformi alpini in alcune aree campione del PNDB P. De Franceschi, 2002 A40 A41 Comportamento spaziale, movimenti stagionali e dispersione del Cervo nel comprensorio del Parco Naturale Paneveggio Pale di S. Martino Coordinamento del monitoraggio delle popolazioni di cervo, capriolo, camoscio e muflone nel PNDB relazione finale 2002 G. De Franceschi Università di Siena Dipartimento scienze amb. Prof. S. Lovari 2002 M. Ramanzin 2002 A42 Lepidotteri Notturni (Liste sistematiche, database) Timossi 2003 A43 Galliformi alpini in alcune aree campione del Paolo e Giacomo 2003 P.N.D.B. Relazione Annuale 03 Di Franceschi A44 Situazione storica e conoscenze attuali sull Aquila reale Aquila crysaetos nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Giuseppe Tormen 2003 A45 A46 Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua del territorio del PNDB Comportamento spaziale, movimenti stagionali e dispersione del Cervo nel comprensorio del Parco Naturale Paneveggio - Pale di S. Martino Aquaprogram 2002 Università di Siena Dipartimento scienze amb. Prof. S. Lovari A47 Interregg III AQUILALP L Aquila reale nelle Alpi Orientali G. Tormen Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A48 Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua del territorio Aquaprogram 2003 del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A49 Ibridazione marmorata Lucarda 2005 A50 Lepidotteri eteroceri del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi G. Timossi 2004 A51 Galliformi alpini del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi P. Flavio 2004 G. De Franceschi A52 L aquila reale nelle Alpi Orientali. Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Relazione finale G. Tormen A53 Monitoraggio delle popolazioni di cervo, capriolo, camoscio e muflone del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Relazione finale PNDB Dipartimento di Scienze Zootecniche di Padova C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 9

10 B1 Censimento e mappatura dei macromiceti del Parco F. Padovan 1995 B2 Sistema informatizzato per l archiviazione dei dati J. Nascimbene 1995 vegetazionali B3 Attività di archiviazione dei dati floristici Coop. Alpifeltrine 1995 (dati originali C. Lasen) B4 a) Realtà agro zootecnica nei comuni del Parco e situazione I. Andrighetto, 1996 della fauna ungulata e dei tetraonidi (relazione intermedia). M. Ramanzin, L. Benvenuti I. Andrighetto, L. Benvenuti b) Le caratteristiche del sistema foraggiero zootecnico nei comm. Ramanzin, A. Fumagalli afferenti al P.N.D.B. (relazione finale). Le caratteristiche del sistema foraggiero zootecnico nei comuni afferenti al P.N.D.B. e allegati tecnici V. azzarone, S. Nicoloso, P. Pedone B5 Ricerca lichenologica del P.N.D.B. (1996) J. Nascimbene 1996 B6 Carta vegetazionale dell area del Parco A. Pignatti 1996 B7 Ricerca lichenologica del P.N.D.B. J. Nascimbene 1997 B8 Censimento e mappatura dei macromiceti del P.N.D.B. F. Padovan 1997 B9 Indagine agro zootecnica L. Benvenuti, G. Cozzi 1998 B10 Indagine agronomica e zootecnica del G. Cozzi, I. Benvenuti 1999 complesso malghivo Pramper e Pramperet B11 Ricerca micologica: censimento e mappatura F.Padovan 1998 dei macromiceti del P.N.D.B. B12 Studio preliminare per la razionalizzazione dell alpeggio ovino E. Pastore 1999 malga Pian dei Foc (Monte Serva BL, ) B13 Dinamismo della vegetazione al limite superiore del bosco nel R. Gerdol, L. Bragazza, 1999 P.N.D.B. V. Boz, B. Pastori B14 Censimento delle aree prative comprese nel territorio del Corpo Forestale 2000 P.N.D.B. B15 Indagine agronomica e zootecnica del complesso malghivo PramG. Cozzi, I. Benvenuti 2000 e Pramperet 2000 B16 Studio per la razionalizzazione dell alpeggio ovino a malga dei Emilio Pastore 2001 fioch B17 Valorizzazione di specialità locali dell agricoltura minore I.P.S.I.A. A.Della Lucia 2001 Feltre B18 Antropizzazione di un territorio: la biodiversità coltivata N. Breda B. De luca 2002 B19 Pianificazione e mappatura degli interventi di sfalcio e di contenimento del bosco.-stato di fatto delle aree prative- M. Cassol 2002 B20 Effetti prodotti dal cambiamento climatico globale sulla vegetazione extraselvatica nel PNDB R. Gerdol, V. Boz, L. Bragazza, C. Lasen, M. Tommaselli B21 Le caratteristiche del sistema foraggero- zootecnico nei comuni 1996 afferenti al PNDB B22 Piano per la prevenzione e la lotta agli incendi boschivi O. Andrich, C. Frescura 2002 B23 Atti del Convegno-Seravella AA.VV B24 Le Unità Ambientali del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi AA.VV B25 L agricoltura nella rete ecologica nazionale INEA 2003 B26 Relazione sullo stato dell ambiente, proposte di obiettivi, strategambienteitalia 2003 linee di azione per l agenda 21 del PNDB B27 Studio di popolamenti algali presenti nelle acque correnti del M. Cantonato 2005 territorio del PNDB B28 Monitoraggio delle comunità algali del lago La Stua ( PNDB). Risultati 2004 E. Pinazza C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 10

11 C1 Sentiero delle Buse. Itinerario geologico geomorfologico L. Toffolet, D. Giordano 1998 attraverso le Buse delle Vette C2 Geomorfologia Valle del Mis G.B. Pellegrini 1998 C3 Attività speleologica 2000 S. Gava 2000 C4 Studio idrogeologico della sorgente dell acquedotto di malga E. Coleselli 1999 Pramper C5 Relazione attività speleologiche nel territorio del PNDB Fed. Speleologica Veneta, 1996 Gruppo speleologico CAI Feltre, Gruppo speleologico Valdobbiadenese C6 Relazione attività speleologiche nel territorio del PNDB Fed. Speleologica Veneta, 1997 Gruppo speleologico CAI Feltre, Gruppo speleologico Valdobbiadenese C7 Relazione attività speleologiche nel territorio del PNDB Gruppi speleologici 2001 Valdobbiadenese, CAI Feltre, CAI Padova, SOLVE Belluno C8 Rilevamento pedologico dell area delle Vette Feltrine ARPAV 2001 C9 Piano del Parco. Analisi geologica L. Toffolet 1996 C10 Relazione sulla campagna di misure eseguite nel Università di Padova 2001 gruppo dello Schiara (4 8 settembre 2001) Facoltà di ingegneria C11 Studio deformativo della Gusela del Vescovà Dipartimento di 2002 mediante tecniche geo-topografiche integrate Architettura, Urbanistica e Rilevamento-Univ. Padova C12 Relazione attività speleologica PNDB anno 2002 Federaz.Speleologica Veneta 2002 C13 1 convegno nazionale sulla speleologia in area dolomitica Speleodolomiti 2003 C14 Relazione attività speleologiche nel territorio del PNDB nel corso dell anno 2003 Federaz. Speleologica Veneta 2003 D1 Ricerche paletnologiche riparo Tomass Valle di Lamen L. Fasani, Univ. di Milano 1998 D2 Terre abbandonate e terre rappresentate: le trasformazioni del Evelin Vardanega 2003 paesaggio montano nell area di Sovramonte (BL) E1 Analisi del traffico nella Valle del Mis e in Val Canzoi Dolomiti Bus 1997 E2 Turismo ed attività ricreative nel P.N.D.B. T. Tempesta, M. Thiene 1999 E3 Indagine sullo stato di fatto dei Rifugi nel Parco Ente Parco 1999 E4 Escursione interdisciplinare di Scienze Naturali: il P.N.D.B. M. Casale 1995 E5 Grado di interesse e conoscenza di operatori e residenti ASCOM, IULM 2000 nell area dolomitica verso il P.N.D.B. E6 Avvicendamento generazionale nelle attività commerciali del ASCOM, IULM 2000 Feltrino E 7 Turismo ed attività ricreative nel PNDB T.Tempesta M.Tiene 1999 E 8 Progetto Economia del Parco Ascom 2000 E 9 L educazione ambientale nei parchi europei F.Meloni 2001 E 10 Un nuovo prodotto turistico: il Parco Naturale I. Fant 1997/99 E11 Per una mobilità turistica sostenibile. Mobility Okoinstitut Sudtirol/Alto 2001 management nel Parco Adige E12 PNDB-Analisi dell immagine stampa EtnoLAB, N. Martino 2003 E13 La qualità del turismo nei parchi. Cts, Min. Ambiente 2003 C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 11

12 F1 Censimento sorgenti nel P.N.D.B. L. D Alberto 1996 F2 Analisi delle acque delle sorgenti nel P.N.D.B. A.R.P.A.V. Sez. chimico 1998 ambientale, Sez. medico biotossic. F3 Controllo della contaminazione radioattiva in campioni di A.R.P.A.V. Sez. Fisica 1998 funghi prelevati dal Gruppo Micologico Bresadola nel P.N.D.B. Amb. F4 Segnalazione di siti degradati Corpo Forestale 2000 F5 Idrologia del complesso carsico dei Piani Eterni Gruppo speleologico Valdobbiadene, 2001 Feltre, Padovano, Gruppo Solve CAI BL F6 Misure di inquinanti atmosferici presso il Parco Nazionale Ambienteitalia 2004 Dolomiti Bellunesi F7 Il progetto Accelerates in Italia: cambiamenti globali, uso del suolo e biodiversità in provincia di Belluno C. Giupponi 2005 CODICE CATEGORIE LEGENDA A B C D E F Fauna Flora, vegetazione, aspetti agronomici e selvicolturali Geologia Storia, archeologia, architettura Gestione territoriale, aspetti giuridici, turismo, trasporti Qualità ambientale Feltre 07 novembre 2005 IL DIRETTORE Dott. V. N. Martino C:\Documents and Settings\enrico.vettorazzo\Desktop\Dichiarazione Ambientale - aggiornamento 2005.doc 12

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Un PASSO verso la sostenibilità. Alberto Pacher Assessore ai Lavori Pubblici, Ambiente e Trasporti della Provincia autonoma di Trento

Un PASSO verso la sostenibilità. Alberto Pacher Assessore ai Lavori Pubblici, Ambiente e Trasporti della Provincia autonoma di Trento 2 Un ASSO verso la sostenibilità. Il primo Atto di indirizzo sullo sviluppo sostenibile è stato adottato dalla Giunta provinciale il 28 giugno 2000 per definire i caratteri specifici dello sviluppo sostenibile

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017 Allegato B Assessorato Bilancio e Finanze Direzione Risorse finanziarie Settore Bilancio BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI - Ripartizione in Unità Previsionali di Base STATO DI PREVISIONE DELL

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria REGIONE LIGURIA Dipartimento Pianificazione Territoriale Giovanni Diviacco e Piero Ferrari La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria Genova, Marzo 2009 SETTORE VALUTAZIONE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10 LEGGE REGIONALE 29 giugno 1998, n. 10 «Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano in attuazione della legge 97/1994». (B.U. 29 giugno 1998, n. 26, 1º suppl. ord.)

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA (art. 4 legge regionale n. 15/2007 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PARTE A DOCUMENTO STRATEGICO 1 AGENZIA TERRITORIALE PER IL TURISMO : Redazione a cura di: dott.ssa Lia Guinta

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli